Centro Telematico Polifunzionale Ambientale nel Comune di Castelsilano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Telematico Polifunzionale Ambientale nel Comune di Castelsilano"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL AMBIENTE REGIONE CALABRIA Provincia di Crotone Centro Telematico Polifunzionale Ambientale nel Comune di Castelsilano Opuscolo Informativo PROVINCIA DI CROTONE Programma interregionale Appennino Parco d Europa

2

3 Sommario Il Programma APE Pag. 04 Il Centro Telamatico Polifunzionale Ambientale Pag. 05 Servizi offerti Pag. 06 Call e Contact Center Pag. 06 Servizi inbound Pag. 07 Servizi outbound Pag. 07 Le risorse: Pag. 08 Operatrice call center Pag. 08 Operatore informatico Pag. 09 Il Sistema informativo del CTPA di Castelsilano Pag. 10 Servizi interattivi: E -commerce Pag. 16 FAD ed E-learning Pag. 17 3

4 Il programma APE Il Programma (A.P.E). Appennino Parco d Europa, è un programma interregionale del Ministero dell Ambiente avviato d intesa con le Regioni interessate, l U.P.I., L U.N.C.E.M. e la Federparchi. A.P.E. si configura come un intervento di infrastrutturazione ambientale diffusa su tutti gli ambiti territoriali dell Appennino, nei quali sono stati realizzati una serie di interventi, opere ed azioni finalizzati alla conservazione e alla valorizzazione delle risorse ambientali. Sono stati quindi realizzati una serie di programmi specifici volti alla tutela e valorizzazione degli ambiti definiti con una metodologia integrata di progettazione, esecuzione e gestione delle opere e delle attività, impostata sulla base di una stretta relazione partecipativa da parte di tutti i soggetti pubblici e privati presenti nelle aree di intervento. La completezza e l efficacia di questo tipo di processo potrà però essere raggiunta solo con la creazione di una serie di attività fortemente radicate nelle vocazioni e nel consenso locale, in grado di generare azioni di conservazione e valorizzazione del patrimonio ambientale, capaci di assicurare opportunità di lavoro stabili, non assistenziali e continuative. L efficacia del progetto d azione APE ha presupposto così la individuazione e realizzazione di progetti pilota attraverso i quali sperimentare la logica di intervento integrato di risorse e soggetti impegnati, pubblici e privati, al fine di determinare consenso e riconoscimento sociale nei territori di riferimento; da qui si è passati poi al progetto complessivo con l obiettivo ultimo la conservazione e valorizzazione dell Appennino un unica rete di infrastrutture innovative ed ecosostenibili. In questo modello di programma di sviluppo, la Regione Calabria ha proposto un progetto pilota per APE - denominato L Appennino Calabrese: dal monachesimo al latifondo agrario. Una rete di monasteri, borghi e castelli per antichi e moderni viandanti inserito nella linea di intervento specifica per la valorizzazione delle aree antropizzate funzionale al recupero dei sistemi insediativi storici, all adeguamento dei servizi per i residenti, alla realizzazione di strutture per la fruizione e la tutela del patrimonio locale naturale e storico-culturale. In particolare l iniziativa ha visto l individuazione di una via originale, autonoma e unitaria, che partendo dalla conoscenza e dalla valorizzazione delle eccellenze storico-culturali, largamente diffuse sul territorio montano, all interno dell ambito più generale della rete ecologica regionale, è arrivata a proporre un modello di sviluppo replicabile per altre realtà sia territoriali che sociali, in grado di coniugare la tutela della natura, con il bisogno di riscoperta della cultura e con lo sviluppo socio economico delle comunità locali. In tale ambito, la Provincia di Crotone, dopo una attenta fase di concertazione, coordinamento e di selezione progettuale, ha proposto e realizzato negli anni fra il 2002 ed il 2008 il il Progetto integrato di sviluppo dell Appenino Crotonese, composto da 11 sottoprogetti, ciascuno dotato di autonomia funzionale. APE è finanziato attraverso il fondo di cui alla delibera C.I.P.E. n 84 del 04/08/2000 (Legge n. 488/1999. Misura Rete Ecologica P.O.R. Calabria Programma interregionale Appennino Parco d Europa Il Presidente Dr. Sergio Iritale

5 Il centro telematico polifunzionale ambientale (castelsilano) La realizzazione del CTPA si inserisce nella Misura 3 del Progetto (APE) Appennino Parco d Europa, rientrando tra gli 11 progetti finanziati e promossi dall Amministrazione provinciale di Crotone funzionali al processo di innovazione e sviluppo del territorio. Tale misura prevede lo lo Sviluppo dei servizi territoriali nelle aree montane, compreso lo sviluppo di reti informatiche di connessione tra i centri di servizio pubblici esistenti, in funzione della possibilità di rapido accesso a tali servizi da parte delle popolazioni residenti. Con la realizzazione del CTPA si è inteso individuare una via di sviluppo originale, volta alla conoscenza ed alla valorizzazione e promozione delle eccellenze ambientali presenti sul territorio dell alto crotonese e più in generale per tutto il territorio provinciale. A livello locale, la nascita di nuovi sistemi di attività e la valorizzazione dei sistemi esistenti è strettamente connessa ad alcune opportunità, quali: la valorizzazione e la promozione degli elementi di originalità e identità locale, che si esprime in una crescente domanda di beni e servizi che mostrano uno specifico radicamento territoriale; la progressiva diffusione di processi di sviluppo dal basso e di ispessimenti di reti di relazioni locali; la necessità di potenziare la dotazione infrastrutturale. Mediante la realizzazione del progetto si è provveduto: alla costruzione di un sistema informativo attraverso l insieme dei servizi e delle attività necessarie, che vede il Portale Web come strumento informativo e di costruzione dei contenuti digitali, nonché come erogatore di servizi on-line. alla realizzazione di un call-center attrezzato, per attività sia in entrata (inbound) che in uscita (outbound) Per i contenuti digitali, questi sono riparti in quattro macroaree: Istituzioni Storia e Cultura Territorio ed Ambiente Imprese e loro prodotti/servizi La valorizzazione e la promozione degli elementi di originalità e identità locale può dar luogo allo sviluppo di nuovi sistemi produttivi, con un impatto significativo sulla occupazione. Nel breve-medio periodo, si ritiene che una strategia rivolta a perseguire tali obiettivi possa accrescere considerevolmente l efficienza dei servizi di rete, introdurre importanti elementi di concorrenza e garantire livelli di servizio più elevati. La strategia consiste nel perseguire azioni mirate di promozione di nuove attività locali nel campo del turismo naturalistico e di valorizzazione dei prodotti agricoli e artigianali, che utilizzino come esplicito vantaggio competitivo la qualità delle risorse, risultando da effetto catalizzante per il decollo di un offerta integrata del territorio provinciale crotonese. L Assessore all Ambiente Carmine Claudio Liotti 5

6 I servizi offerti ll progetto del CTPA si è inserito pienamente nella logica di sviluppo del territorio a partire dal territorio, sperimentando l erogazione di 5 nuovi servizi, quali: Servizi di call center Sito internet E-commerce E-learning FAD Dalla fase di sperimentazione si sono ricavate le risorse umane e fisiche ovvero le competenze tecniche quanto le strutture informatiche per garantire l erogazione efficace e continuativa nel tempo di servizi su tutto il territorio di riferimento. Call e contact center La volontà di creare valore aggiunto per le aziende nasce dalla saturazione della fonte di profitto individuata nella sola produzione. Le aziende prima quelle di grande livello, hanno preso consapevolezza del fatto che la competitività sul mercato sia sostenibile solo in termini di investimenti sull immagine aziendale, di promozione di beni e servizi offerti; tutto ciò si definisce valore aggiunto se realizza però l obiettivo primario: raggiungere il cliente, interessarlo, soddisfarlo nel tempo.il leiv motiv oggi delle aziende è quindi: creare valore aggiunto dalla relazione col cliente; che sia interna all azienda oppure affidata in outsourcing, la struttura di call center risponde oggi all esigenza delle aziende di rendere più che mai efficiente ed efficace il contatto col cliente sia nella gestione della vendita che nella assistenza; estesa a tutti i livelli, tutti gli organismi che si pongono l obiettivo di definire un immagine di se, valorizzarla e promuoverla, devono disporre di un sistema di contatto diretto col cliente. L iniziativa del Centro Telematico risponde perfettamente a questa logica: disporre di un luogo materiale e virtuale insieme, oltre che delle risorse umane, che siano di riferimento sul territorio per l accesso alle informazioni sul sistema produttivo locale e sui servizi turistici; fornendo servizi on line agli abitanti dei comuni interessati al progetto; promuovendo un ampia attività di e-marketing ed e-commerce per le aziende locali e le iniziative turistiche e culturali del territorio. 6

7 Servizi Il call center attraverso l uso professionale del telefono consente di ottimizzare il rapporto costi/efficacia realizzando in modo flessibile vantaggi competitivi nelle relazioni coi clienti, professionisti, imprenditori. La struttura del CTPA dispone delle risorse necessarie per realizzare tutte le tradizionali attività di telefonia in entrata (inbound) e in uscita (outbound); nei primi confluiscono la gestione di numeri verde, del centralino e/o di segreteria, di informazione ed assistenza ovvero di tutte le attività che prevedono l acquisizione di una richiesta più o meno specifica di informazioni, indicazioni, risoluzione di problemi; nella seconda tipologia tutti i servizi inerenti alla vendita di prodotti, all attivazione di servizi, alla promozione di beni. Il CTPA dunque garantisce i seguenti servizi: SERVIZI INBOUND SERVIZI OUTBOUND Informazioni generali e turistiche sul territorio; Promozione e vendita di prodotti enogastronomici, agroalimentare e artigianali Manifestazioni varie - rete di interesse storico-artistico eventi sportivi e culturali - convegni - mostre Informazioni sui servizi di accoglienza, turistici, culturali ed archeologici offerti dalle strutture Promozione di servizi ed iniziative turistiche e culturali. pubbliche, private e del terzo settore. Ricettività alberghiera (Alberghi - Hotel - Locande - Affittacamere - Ostelli - Agriturismi e altre strutture extralberghiere) Informazioni sulla viabilità, trasporti pubblici e privati. 7

8 Le risorse L attività del Centro Telematico Polifunzionale, in sinergia col portale, contribuisce a realizzare dunque quella complessa azione di tutela e sviluppo del territorio a partire dal potenziamento e dalla promozione dell esistente; esso poggia sulla istallazione e la fruizione di un sistema hardware ed informatico ed insieme sulla disponibilità di risorse competenti e preparate nella gestione delle attività di call center e di implementazione di sistemi informatici.le operatrici telefoniche, in possesso della capacità di gestire il processo telefonico sia in entrata che in uscita, e gli operatori informatici, dotati delle competenze specifiche per l utilizzo degli strumenti di Information e Communication Technology, rappresentano insieme le figure professionali in grado di realizzare i seguenti servizi: l accesso alle informazioni sul territorio di riferimento (territorio provinciale con particolare riguardo all area delle Comunità montane), sul sistema produttivo locale e sulle informazioni turistiche con supporto telefonico e informatico. Operatrice call center Essa risulta oggi una tra le figure professionali maggiormente richieste nell ambito della gestione dei servizi di assistenza e vendita telefonica. La diffusione dei call center e dei più evoluti contact center nell ottica strategica delle aziende di creare valore dalla relazione col cliente, ha generato nel contempo l esigenza di disporre delle risorse capaci di trasferire e potenziare l immagine dell azienda. All interno di società il cui core business è la gestione di call center per conto terzi oppure di imprese che effettuano assistenza telefonica e vendita anche a distanza, la disponibilità di personale specializzato, tanto nella gestione della comunicazione e delle tecniche di negoziazione telefonica quanto nell uso dei principali strumenti informatici, diventa fondamentale in termini di profitto, competitività, ritorno di immagine. Tale figura professionale, dunque, conosce la struttura dei Call Center, il loro funzionamento, gli strumenti utilizzati e le diverse tipologie di funzioni ed ha adeguate competenze tecnico-operative per potervi operare. Ha buone capacità comunicative e di ascolto, conoscendo le tecniche di telemarketing, di comunicazione telefonica e i principi fondamentali per la customer satisfaction. 8

9 Sa come gestire correttamente la telefonata, come affrontare le lamentele e superare le obiezioni, manifestando l attitudine alla risoluzione dei problemi, l orientamento alla relazione con il cliente, la predisposizione al lavoro in gruppo, la capacità di gestire lo stress. Operatore informatico La gestione di tutti i processi produttivi è oggi affidata alla disponibilità di tecnologie avanzate che rendano gli standard di efficienza sempre più elevati e qualitativamente migliori; diventa pertanto fondamentale disporre di personale qualificato, dotato delle conoscenze quanto delle competenze atte alla implementazione dei più avanzati strumenti informatici. All interno di una struttura di call center nello specifico, tale figura professionale possiede le conoscenze informatiche specifiche nella gestione di call center ed è capace di utilizzare gli strumenti informatici di base, quali: Pacchetti di office automantion Reti di networking e comunicazione Software di call center Professionalità di rilievo dunque fondamentale per: Analisi delle attrezzature e la verifica delle configurazioni Installazione del sistema Manutenzione del sistema. 9

10 Il Sistema informativo del CTPA di Castelsilano L apertura del portale associata all attività del call center ha determinato la nascita di un sistema informativo e di divulgazione complesso capace di coordinare le azioni di informazione relative al territorio, la fornitura di servizi ed attività di commercializzazione dei prodotti tipici ed artigianali, unitamente allo sviluppo culturale e ambientale del territorio. Da vetrina virtuale sulle ricchezze e bellezze della provincia crotonese, il portale diventa, cliccando sull indirizzo crotone.it l accesso concreto al territorio in termini di attività, servizi offerti, prodotti e siti d interesse. 10

11 Lo scopo principale del portale è di offrire all utente un singolo punto di accesso per diverse sorgenti di informazione, a prescindere da dove queste informazioni risiedano. Gli strumenti e le tecnologie di accesso sono tanti, ad esempio: web browser, telefonini, palmari, offrendo, allo steso tempo, caratteristiche di sicurezza, scalabilità e performance. Il sito internet è articolato in diverse macrosezioni: Istituzioni Storia e Cultura Territorio ed Ambiente Imprese e loro prodotti/servizi Ognuna suddivisa poi all interno in altrettante microsezioni rispetto alla natura dei contenuti, in modo da facilitare la individuazione e dunque la fruibilità delle informazioni. Nella prima sezione istituzioni, dunque, si trova l elenco dei comuni della provincia e tutte le informazioni utili per ciascuno di essi; 11

12 Cliccando su ogni area comunale, si accede alla presentazione dei 27 comuni della provincia di Crotone, con descrizione della loro storia d origine, la geografia, l economia, itinerari servizi ed informazioni di rilevanza generale. Nella sezione Storia e Cultura è possibile rivivere la Storia, la cultura dei siti di maggiore interesse del territorio crotonese, ricostruendo gli Itinerari storico-culturali e quant altro legato ai costumi, agli usi e alle tradizioni. La sezione contiene visite virtuali di musei - strutture pubbliche e private di particolare pregio o interesse. L Arca di G. Girimonte - Castelsilano Giovanni Girimonte Il palcoscenico visivo d ogni giorno Autoritratto - olio su tela, 50x70 12

13 Nell area dedicata a Territorio ed Ambiente, oltre ad una cartografia completa che comprende: Mappa dei Comuni, la Carta dei Sentieri, la Carta delle Aree SIC Crotone e quelle del Geoparco, della vegetazione e del fitoclima, è possibile accedere all elenco completo, con mappe ed immagini, della provincia di Crotone (aree Protette, ZPS, SIC, Rete Ecologica, Geositi, Rete sentieristica provinciale, ecc) In particolare sono presenti: Area Marina Protetta di Isola Capo Rizzuto, che contiene anche degli itinerari turistici sottomarini I monti della Sila, col Parco Nazionale Geoparco Ipogeo Alto Crotonese Siti Natura 2000 Fauna e Flora 13

14 Una sezione che merita un accenno particolare per il pregio degli obiettivi che si prefigge e realizza, quella dedicata alle iniziative di Educazione ambientale promosse sul territorio. Realizzate tutte con il sostegno economico del ministero dell ambiente, esse rappresentano l impegno concreto istituzionale e privato alla diffusione sul territorio della cultura dello sviluppo sostenibile e del rispetto dell ambiente a partire dall informazione, dalla formazione ed dall educazione ambientale. Simboli della volontà di concretizzare l impegno manifestato a livello nazionale, sono nati i Laboratori Territoriali (LT) per l informazione e l educazione ambientale, i Centri di Esperienza (o Centri di Educazione Ambientale) (CEA) come il Centro di esperienza Ambientale Villa Daino a Castelsilano ed i Centri di coordinamento regionale, punti di riferimento per tutti i soggetti che operano sul proprio territorio nell impegno comune di diffondere il concetto della realizzabilità dello sviluppo sostenibile e della tutela ambientale. 14

15 Operatori dei Servizi di Turismo Ambientale CENTRO TELEMATICO POLIFUNZIONALE AMBIENTALE RURAL SOCIAL SERVICE La Rural Social Service opera da tanti anni nella Provincia di Crotone, con l obbiettivo di rafforzarne l identità territoriale e promuoverne l immagine in Calabria e nel mondo attraverso l elaborazione di strategie di marketing territoriale e commercializzazione di una offerta turistica strettamente legata a quelle che sono le risorse agro-ambientali e naturalistiche. Rural Social Service organizza soggiorni ed escursioni sul territorio rivolte a turisti, scuole ed in particolare a soggetti diversamente abili. COOPERATIVA NEOPHRON La Neophron, nata con la finalità di gestire il CEA del Marchesato, da molti anni realizza attività di educazione ambientale, campi estivi, escursioni, trekking fluviale e pesca sportiva nei fiumi della Sila. Gli operatori della Neophron sono guide riconosciute dall Associazione Nazionale Guide Ambientali Escursionistiche. LINEA VERDE SCARL Linea Verde, nell ambito della gestione del CEA Villa Daino, realizza pacchetti didattici per scolaresche ed escursioni nel Geoparco Ipogeo Alto Crotonese e nel Parco Nazionale della Sila. Opera nel campo del sociale attraverso l accompagnamento di soggetti diversamente abili su percorsi naturalisti attrezzati. ASSOCIAZIONE SANTI E BRIGANTI Santi e Briganti è un associazione certificata ENGEA, che realizza escursioni e traversate a cavallo nel territorio della Sila. Gestisce il Museo del Brigantaggio ed il Circolo Ippico Hipposila, opera nella valorizzazione del territorio attraverso la progettazione e realizzazione di percorsi naturalistici con l Ippovia dei Briganti. 15

16 Servizi interattivi: E -commerce. Nato dalla consapevolezza della reale importanza e valenza strategica delle specificità locali quali volani dello sviluppo economico e sociale, il marketing territoriale si definisce come l insieme delle attività, e degli strumenti che naturalmente ne permettono la concreta realizzazione, finalizzati oltre che alla sola promozione, alla pianificata e programmata azione di generare sviluppo nel rispetto delle peculiarità ambientali del territorio.l analisi accurata delle dinamiche territoriali del crotonese e delle reti di relazione tra enti e istituzioni, soggetti pubblici e privati operanti sul territorio, ha permesso di definire una serie di azioni specifiche di intervento; una fra tutte predisporre i più avanzati mezzi tecnologici per connettere il mondo delle imprese con il turismo e valorizzare l offerta territoriale.nella sezione, Imprese e loro prodotti/servizi, in particolare del portale sono raccolti e integrati dati ed informazioni di carattere generale e particolare di quelle imprese che operano con prodotti e servizi atti allo sviluppo e al potenziamento dell offerta turistico naturalistica del territorio provinciale crotonesesono disponibili informazioni su singole aziende relativamente alle caratteristiche del prodotto/ servizio offerto, all ubicazione, alla persona da contattare.la tecnologia informatica e telematica si è però dimostrata uno strumento di fondamentale importanza realizzando all interno del portale anche la possibilità del commercio on - line; nella sezione dedicata proprio all e-commerce è consentito l accesso virtuale ad un punto vendita e l acquisto di qualsiasi prodotto e servizio; Il portale del CTPA rappresenta ad oggi la vetrina dei prodotti tipici crotonese, l insieme di negozi virtuali per la vendita di prodotti artigianali locali, facenti parte di varie categorie merceologiche, in cui entrare virtualmente, osservare gli articoli e acquistarli. 16

17 La piattaforma di e-learning L innovazione è un tema di urgente importanza oggi, specie rispetto al tema della conoscenza e della formazione se essa è indirizzata a potenziare le competenze degli individui per realizzare maggiori obiettivi tecnici, sociali ed economici. Se però l innovazione passa attraverso la conoscenza e gli investimenti nella formazione, la formazione si potenzia a sua volta attraverso la disponibilità dei più avanzati mezzi informatici e telematici. La globalizzazione, le nuove tecnologie e gli sviluppi demografici costituiscono una sfida enorme; una delle risposte a questo problema è l accesso all apprendimento lungo tutto l arco della vita. (Ján Figel Membro della Commissione Europea, Istruzione, Formazione, cultura e multilinguismo) Le condizioni fisiche ed i tempi che scandiscono la vita lavorativa e condizionano il tempo libero, non permettono però di dedicare il tempo utile all aggiornamento, all approfondimento al potenziamento delle proprie competenze; da qui l esigenza di generare metodologie diverse, più efficaci ed immediate che accorcino le distanze, comprimano gli spazi, riducano i tempi. La FAD ovvero formazione a distanza nasce dunque a partire da questa esigenza; svincolare la didattica dalla presenza fisica in un ristretto comune spazio fisico; l impiego delle tecnologie informatiche e telematiche ha avviato la FAD di terza generazione più comunemente detta E-learning. Rispetto all ottica di generare sviluppo a partire dal presente, unendo il valore di ciò che appartiene al proprio territorio all avanguardia dei mezzi tecnologici, il portale si dota di una specifica sezione dedicata all e-learning. La componente internet e/o web assieme alla specifica piattaforma LMS Learning Management System permettono la realizzazione di percorsi di formazione indipendenti da vincoli di presenza fisica o di orario specifico. Ad oggi sono implementati due moduli formativi ed esattamente: Introduzione alle reti. La piattaforma per il commercio elettronico Ai corsi già implementati possono aggiungersi qualsiasi tipo di modulo formativo a distanza e, quelli di tipo ambientale, i più inerenti alle esigenze del centro. 17

18 Programma A.P.E. Appennino Parco d Europa Progetto Integrato di Sviluppo dell Appennino Crotonese, delibera C.I.P.E. N 84 del 04/08/2000 (Legge 488/1999) Misura 1.10 Rete Ecologica P.O.R Calabria Pubblicazione a cura dei Centri della rete InFEA della Provincia di Crotone Laboratorio di Educazione Ambientale della Provincia di Crotone Centro Educazione Ambientale del Marchesato Centro Esperienza Ambientale Villa Daino Testi: D.ssa Stefania Bozzo Fotografie e disegni: Impaginazione ed elaborazione grafica: ALTERECO Società Cooperativa Comunicazione sociale e aziendale 18

19

20 PROVINCIA DI CROTONE Castelsilano Progetto realizzato col sostegno finanziario del POR CALABRIA 2000/2006 Programma interregionale Appennino Parco d Europa

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

PARCHI DI MARE E D APPENNINO

PARCHI DI MARE E D APPENNINO PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO APE APPENNINO PARCO D EUROPA APPENNINO SETTENTRIONALE (REGIONI LIGURIA, EMILIA ROMAGNA, TOSCANA) PARCHI DI MARE E D APPENNINO AGENDE TERRITORIALI COORDINATE PER LA RETE DEI

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL BARIGADU

UNIONE DEI COMUNI DEL BARIGADU UNIONE DEI COMUNI DEL BARIGADU Ardauli Bidonì Busachi Fordongianus Neoneli Nughedu Santa Vittoria Samugheo - Sorradile Ula Tirso Località Giolantine (09082) Busachi (Or) - Tel. 0783.60123 Fax 0783.60323

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

CITTA DI REGGIO DI CALABRIA

CITTA DI REGGIO DI CALABRIA CITTA DI REGGIO DI CALABRIA SETTORE CULTURA, IMMAGINE E TURISMO Avviso pubblico rivolto agli operatori del settore turistico - ricettivo dei comuni compresi nel territorio denominato " Le Terre della Fata

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI

COMUNITA MONTANA ALBURNI COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 313 Incentivazione di attività turistiche - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - FORNITURA E STAMPA DI MATERIALE PROMOZIONALE

Dettagli

IL TURISMO NELLA PROGRAMMAZIONE 2007/2013

IL TURISMO NELLA PROGRAMMAZIONE 2007/2013 IL TURISMO NELLA PROGRAMMAZIONE 2007/2013 1. Premesse Anche se nell attuale periodo di programmazione 2000/2006 il turismo ha trovato spazio nei Programmi Regionali, soprattutto nell ambito della programmazione

Dettagli

Multicanalità e voce per il turismo

Multicanalità e voce per il turismo editoria multimediale per il turismo Multicanalità e voce per il turismo Luigi Marafante responsabile marketing luigi.marafante@itineranet.it Obiettivi Produrre informazioni per illustrare al meglio l

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo GIORNATE BANDIERA ARANCIONE 2011 Progetto di Sviluppo Sostenibile: economia, Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo identità, integrazione. Il QTR/P individua i Territori

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000.

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/104 del 23.12.2011 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE COMPETITIVITA REGIONALE ED OCCUPAZIONE FERS 2007/2013 Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Nuovo servizio di Call Center

Nuovo servizio di Call Center 2009 ced infosystem S.a.s Nuovo servizio di Call Center Nuovo servizio di Call Center Vi Propone: Il Nuovo servizio di Call Center La nostra società presente nel territorio siciliano dal 1994 si è proposta

Dettagli

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 PAGINA 19 Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 Informiamo le aziende che la Camera di Commercio di Cuneo, in collaborazione con

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Allegato B alla deliberazione consiliare n. 43 del 28 luglio 2010 Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Premessa: La montagna friulana

Dettagli

Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema

Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema Organi dello Stato: dalla stampa di una Pubblicazione annuale alla nascita del Portale Multimediale Integrato Maurizio Quattrociocchi

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

la Società Chi è Tecnoservice

la Società Chi è Tecnoservice brochure 09/04/2009 11.16 Pagina 1 brochure 09/04/2009 11.16 Pagina 2 la Società Chi è Tecnoservice Nata dall incontro di esperienze decennali in diversi campi dell informatica e della comunicazione TsInformatica

Dettagli

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PO Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Formulario Progetti Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Programme de coopération transfrontalière Italie-France Maritime

Dettagli

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

che con legge 6 dicembre 1991, n 394, è stato istituito il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga; P R E M E S S O

che con legge 6 dicembre 1991, n 394, è stato istituito il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga; P R E M E S S O Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Protocollo d'intesa tra la regione Lazio, la provincia di Rieti, il comune di Amatrice, il comune di Accumoli, l'ente parco, per la realizzazione di un

Dettagli

Odyssea Etna: itinerari mare-terra PROGETTO. Progetto Odyssea-Etna:itinerari mare-terra per la valorizzazione dei BB.CC. attraverso l uso ITC

Odyssea Etna: itinerari mare-terra PROGETTO. Progetto Odyssea-Etna:itinerari mare-terra per la valorizzazione dei BB.CC. attraverso l uso ITC PROGETTO Progetto Odyssea-Etna:itinerari mare-terra per la valorizzazione dei BB.CC. attraverso l uso ITC Rev. Marzo 2014 1 Premessa Formano oggetto del progetto la fornitura ed i servizi per la esecuzione,

Dettagli

Settembre 2013. Grazie alla realizzazione del DMS, il GAL, la Regione, gli stakeholders e gli addetti del settore

Settembre 2013. Grazie alla realizzazione del DMS, il GAL, la Regione, gli stakeholders e gli addetti del settore Proposta Progettuale da candidare su: ASSE 4 Attuazione dell approccio LEADER MISURA 4.1 IMPLEMENTAZIONE DELLE STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE SOTTOMISURA 4.1.3 AZIONI A SOSTEGNO DELLA QUALITA DELLA VITA

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

web solutions Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato così facile! web booking engine

web solutions Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato così facile! web booking engine web booking engine web solutions aggiornamento tariffe nei portali monitoraggio concorrenza servizio editoriale Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

UNO STRUMENTO DI MARKETING MULTILINGUE

UNO STRUMENTO DI MARKETING MULTILINGUE PARTNERSHIP INTERNAZIONALE 1 STRATEGIA SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE 3 2 MARKETING COMUNICAZIONE NEW LINE SERVICE CALL CENTER MULTILINGUE UBICATO IN MOLDOVA UNO STRUMENTO DI MARKETING MULTILINGUE Grazie

Dettagli

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi PROFILO D IMPRESA BENVENUTI IN EBS INFORMATICA L AZIENDA 01 L AZIENDA IL FUTURO DIPENDE DAL NOSTRO PRESENTE Ebs Informatica è nata da una consolidata esperienza del suo fondatore nell ambito della consulenza

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 Segreteria /Direzione Generale Giunta Contratti- Assistenza Giuridica/Amministrativa ai Comuni MAR.TE. PIANO DI MARKETING TERRITORIALE ANNO 2013 Reggio Calabria, MAGGIO

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO finanziato nell ambito dell ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ALBA GAMMA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 01196940629

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA CHI SIAMO Call World, business unit di GGF GROUP, è un contact center multicanale specializzato in servizi in outsourcing multilingua,, H24, 7*7, di direct marketing, Customer Care ed Indagini di Mercato.

Dettagli

PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA. Report

PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA. Report PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA Report Agenda I presupposti del progetto Approccio metodologico Analisi di benchmarking di casi di studio di interesse Censimento

Dettagli

Chi siamo Asernet dal 1995 è il partner ideale per gli enti pubblici innovativi e le aziende di successo per l innovazione tecnologica e la comunicazione istituzionale. Un team di professionisti esperti

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

soluzioni Sviluppo Progetti Informatici Server Based Computing

soluzioni Sviluppo Progetti Informatici Server Based Computing azienda Projest nasce nel 1999 per iniziativa di un gruppo di professionisti con esperienza decennale quali responsabili di funzioni operative in aziende medio-grandi e con solide competenze nell approccio

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI Facoltà di Lettere e Fisolofia Corso di Laurea in Archeologia A.A. 2012/2013 Dott.ssa Annamaria Bria www.mat.unical.it/bria Informazioni Generali Docente: Bria Annamaria

Dettagli

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO Facoltà di Architettura e società Laurea triennale in Urbanistica A.A. 2013/2014

Dettagli

Agriturismo biologico

Agriturismo biologico E Turismo sostenibile Secondo una indagine di Coldiretti-SWG, nel 2011, l 8% degli italiani ha scelto una vacanza improntata al relax nella natura, a stretto contatto con aziende agricole che producono

Dettagli

La Scuola di formazione professionale Artedata

La Scuola di formazione professionale Artedata La Scuola di formazione professionale Artedata Indice argomenti Presentazione della società Mosaik - Artedata Il business artedata I settori in cui opera la società La formazione artedata Il modello di

Dettagli

Passeggiate tematiche: spunti originali per proporre il territorio

Passeggiate tematiche: spunti originali per proporre il territorio Agricoltura & territorio: dalle risorse locali opportunità di crescita per il turismo rurale Passeggiate tematiche: spunti originali per proporre il territorio Passeggiate tematiche, spunti originali????

Dettagli

Presentazione delle attività di progetto Lamezia Terme 27 marzo

Presentazione delle attività di progetto Lamezia Terme 27 marzo Presentazione delle attività di progetto Lamezia Terme 27 marzo Il progetto Il progetto MiglioraPA. La Customer Satisfaction per la qualità dei servizi pubblici è una iniziativa promossa dal Dipartimento

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

Tel. +39 06 9291 7722 Fax +39 178 222 0615. info@lotoservizi.it www.lotoservizi.it. LOTO Servizi S.r.l.

Tel. +39 06 9291 7722 Fax +39 178 222 0615. info@lotoservizi.it www.lotoservizi.it. LOTO Servizi S.r.l. LOTO Servizi nasce dall'idea di mettere a disposizione delle aziende un partner efficace e competitivo che possa contribuire al miglioramento del loro businnes. Attraverso la ventennale esperienza dei

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE

STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE STUDIOPRELIMINAREDELPROGETTO DISVILUPPOTURISTICOETERRITORIALE FIEMMEACCESSIBILE FiemmeAccessibile 1 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo INDICE pag. 1.PREMESSA 3 2.ILTURISMOACCESSIBILE

Dettagli

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato SISTEMA PROVINCIALE DELLE AREE PROTETTE ANPIL ALTO CARIGIOLA E MONTE DELLE SCALETTE RISERVA NATURALE ACQUERINO CANTAGALLO ANPIL DEL MONTEFERRATO

Dettagli

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services Customer Services Agenda 2 Il contesto competitivo La strategia del Customer Services Call Center Protezione Civile Il telelavoro Il servizio 186 Il contesto competitivo Il mercato dei Contact Center ha

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - OPERATORE CALL CENTER

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE L analisi delle diverse indagini conoscitive effettuate e riportate dai diversi esperti nel Piano di Assetto

Dettagli

La soluzione web per Georeferenziare

La soluzione web per Georeferenziare La soluzione web per Georeferenziare contenuti e flussi di lavoro Georeferenzia qualsiasi contenuto Ideale per ogni tipo di workflow Semplifica gli iter aziendali Potenzialità ed applicazioni illimitate

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 5.1 TURISMO SOSTENIBILE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO AMBIENTALE E CULTURALE. Rete Ecologica Regionale

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 5.1 TURISMO SOSTENIBILE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO AMBIENTALE E CULTURALE. Rete Ecologica Regionale POR SARDEGNA 2000-2006 PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 5.1 TURISMO SOSTENIBILE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO AMBIENTALE E CULTURALE Rete Ecologica Regionale Elementi per la Predisposizione dei Progetti

Dettagli

17.30 Ass. Sidonia Ruggeri Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione. 17.40 Ass. Balducci Giovanni Assessore al Turismo Servizi Demografici

17.30 Ass. Sidonia Ruggeri Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione. 17.40 Ass. Balducci Giovanni Assessore al Turismo Servizi Demografici 17.30 Ass. Sidonia Ruggeri Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione 17.40 Ass. Balducci Giovanni Assessore al Turismo Servizi Demografici 17.50 - Ass. Costantini Angelo Ass. Politiche del Lavoro -

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

STRUTTURA EDITORIALE STRUMENTI PROMOZIONALI

STRUTTURA EDITORIALE STRUMENTI PROMOZIONALI STRUTTURA EDITORIALE STRUMENTI PROMOZIONALI Manuale d immagine per la promozione dei territori secondo i criteri di comunicazione del progetto Cammini d Europa 1 Manuale d immagine per la promozione dei

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

Noi pensiamo al mondo dei nostri clienti e lo raffiguriamo come essi non l hanno visto mai

Noi pensiamo al mondo dei nostri clienti e lo raffiguriamo come essi non l hanno visto mai Soluzioni per l analisi e la rappresentazione del territorio Noi pensiamo al mondo dei nostri clienti e lo raffiguriamo come essi non l hanno visto mai L iniziativa imprenditoriale Geo4Map nasce come spin-off

Dettagli

Il ruolo delle tecnologie in ambito turistico montano

Il ruolo delle tecnologie in ambito turistico montano TECNOLOGIE E MONTAGNA CASTELLO DI VOGOGNA 17 OTTOBRE 2015 Il ruolo delle tecnologie in ambito turistico montano Stefania Cerutti ICT E MONTAGNA LO SVILUPPO TECNOLOGICO DELLA MONTAGNA: UN APPROCCIO INTEGRATO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Corso di Formazione 2010 per operatori regionali tutela ambiente montano Torino 19 giugno 2010 Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Argomenti della presentazione

Dettagli