Marketing Industriale e Direzione d Impresa La negoziazione organizzativa. Ing. Marco Greco Tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing Industriale e Direzione d Impresa La negoziazione organizzativa. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299."

Transcript

1 Marketing Industriale e Direzione d Impresa La negoziazione organizzativa Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

2 Herbert Simon (15 giugno febbraio 2001) 2

3 Esempio 1 Framing Effect "Un famoso gruppo automobilistico è stato oggetto di recente di numerose difficoltà economiche, che, sembra, porteranno alla chiusura di tre stabilimenti e al licenziamento di 6000 dipendenti. Il responsabile produzione sta considerando diverse alternative per evitare la crisi e ha prospettato due piani: - piano A: salvataggio sicuro di 1 dei 3 stabilimenti e di 2000 posti di lavoro; - piano B: 1/3 di probabilità di salvare tutti e 3 gli stabilimenti e tutti i 6000 posti di lavoro, ma 2/3 di probabilità che non venga salvato nessuno stabilimento e nessun posto di lavoro" 3

4 Esempio 1 Framing Effect Un famoso gruppo automobilistico è stato oggetto di recente di numerose difficoltà economiche, che, sembra, porteranno alla chiusura di tre stabilimenti e al licenziamento di 6000 dipendenti. Il responsabile produzione sta considerando diverse alternative per evitare la crisi e ha prospettato due piani: - piano C: perdita sicura di 2 di 3 stabilimenti e di 4000 posti di lavoro; - piano D: 2/3 di probabilità di perdere tutti e 3 gli stabilimenti e tutti i 6000 posti di lavoro, ma 1/3 di probabilità che non vada perduto nessuno stabilimento e nessun posto di lavoro". 4

5 Esempio 1 Framing Effect Tversky & Kahneman (1981)

6 Framing effect Il modo in cui un dato problema, o una data opzione, vengono presentati, o il contesto nel quale operiamo, ci portano a prendere decisioni inefficienti Differenza di frame tra le controparti 6

7 Escalation dell impegno Se i risultati di una decisione importante si rivelano fallimentari, siamo indotti, piuttosto che a revisionare obiettivamente o abbandonare la decisione, ad impegnarci con un quantitativo ancora maggiore di risorse Grande rilievo ai costi affondati Trappola della competitività 7

8 Esempio 2 Ricerca locale Es. nel 2009 in Italia 1/100k abitanti omicidi vs 5.9/100k abitanti suicidi 8

9 Disponibilità o Ricerca locale Le decisioni su un dato problema sono basate, più che su un attenta ricerca delle informazioni più appropriate al riguardo, sulle informazioni di cui già disponiamo o su quelle che più vi si avvicinano Maggiore conservatività nella messa a punto delle relazioni negoziali Minore creatività nell elaborazione di opzioni negoziali alternative 9

10 Ancoraggio Le decisioni su un dato problema sono sviluppate attraverso successivi aggiustamenti di un valore di partenza (àncora) che viene scelto, in maniera inconsapevole, come base per la decisione Ancoraggio quantitativo valori precedentemente introdotti Ancoraggio storico decisioni precedenti 10

11 Rappresentatività Lo stereotipo La prima impressione Joshua Bell 11

12 Svalutazione delle alternative parzialmente descritte La scelta di una data opzione è influenzata maggiormente dal suo grado di strutturazione, piuttosto che dalla sua efficienza Scarsa attenzione verso le opzioni negoziali scarsamente strutturate 12

13 Illusione del controllo - Overconfidence La scelta di una data opzione è influenzata dal fatto che sovrastimiamo le nostre capacità di gestire la situazione e di modificare in corso d opera l esito di tale opzione, qualora si rivelasse inefficiente Gestione inadeguata dei rischi intrinseci della negoziazione Escalation dell ansia 13

14 Il calcolo dell esito unico, Confirming Evidence, Inferenza dell Impossibilità Individuazione di una soluzione che ci soddisfa pienamente, da cui non ci smuoviamo più. Si tende a fare attenzione esclusivamente alle informazioni che rafforzano e confermano la propria posizione, ignorando quelle che remano contro. Vengono evidenziati tutti i contro delle alternative non preferite 14

15 Bias motivazionali e negoziato Minaccia alla sicurezza salvaguardare la sicurezza Disconoscimento del ruolo salvaguardare il proprio ruolo sociale Perdere la faccia salvaguardare la propria identità Sopravanzare la controparte sottomettere l altro 15

16 De-biasing 1. Conoscere l esistenza dei bias 2. Adottare contromisure Tecniche di sviluppo della creatività Strategie di razionalizzazione 16

17 Il processo negoziale Preparazione* *80-20 Rule Apertura Overbidding, Commitment, Boulwarism Conduzione Accordo 17

18 Preparazione del negoziato Chi non dedica almeno un po del proprio tempo a considerare con attenzione il proprio interlocutore, il suo punto di vista, i suoi obiettivi, il suo modo di comportarsi, affronta il processo di negoziazione da una posizione di debolezza, non di forza! Cassino, 08/10/

19 Preparazione del negoziato Individuare la propria BATNA Migliorare la propria BATNA Determinare la BATNA della controparte Analizzare le variabili della negoziazione Creazione di rapporti efficaci con la controparte 19

20 A che serve la BATNA? Migliore è la BATNA, migliore è l accordo a cui si può aspirare. Per questo, una tecnica negoziale frequente è quella di fingere di avere un alternativa migliore. 20

21 A che serve la BATNA? 21

22 Preparazione: calcolo della BATNA Individuare una lista di azioni che possono essere messe in pratica se l accordo non viene raggiunto Potenziare alcune delle idee migliori e convertirle in alternative pratiche Selezionare l alternativa che sembra la migliore Fisher et al, (1981) 22

23 L utilizzo degli alberi decisionali Evidenziare alternative e la rispettiva probabilità Sintetizzare le diverse opzioni attraverso il valore atteso 23

24 La ditta Freddolona fornisce un impianto di refrigerazione alla Gelatosa, piccola azienda produttrice di gelati semiartigianali. Dopo poche settimane l impianto si guasta; gli addetti della Gelatosa, non adeguatamente addestrati, non si accorgono dei segnali di allarme e tutti i gelati si squagliano. La Gelatosa chiede un risarcimento alla Freddolosa, la quale gira la pratica alla VitaFelice, la sua compagnia di assicurazione, da cui è coperta per danni fino a Supponiamo ancora che prima del giudizio del tribunale, le parti si incontrino per un ultimo tentativo di accordo in sede extragiudiziale. Nel caso si andasse in tribunale, la probabilità che venga riconosciuto il diritto al risarcimento della Gelatosa risulta pari a 0,8, con 5 livelli possibili di rimborso pari a , , , , , tutti con probabilità 0,2. Si consideri inoltre che, in quest ultimo caso, la VitaFelice farà causa alla Freddolona per far valere in tribunale il fatto che la copertura assicurativa arrivava sino a In tal caso, la probabilità di vincere della VitaFelice sarà pari a 0,4. Infine, si consideri che le spese legali, per ciascun procedimento, sono pari a per ciascuna delle parti in causa. Si supponga che tutti i decisori siano neutrali rispetto al rischio. 24

25 Gelatosa 25

26 VitaFelice 26

27 ZOPA

28 Freddolona 28

29 ZOPA

30 Un possibile schema per la preparazione 1. Elenca per iscritto le tue esigenze, desideri e obiettivi specifici. Assegna loro una priorità o raggruppali secondo la loro importanza 2. Traduci gli obiettivi specifici in posizioni che porterai al tavolo delle trattative 3. Elenca le esigenze e i desideri dell altra parte, assegnando loro una priorità 4. Fai brainstorming per individuare possibili risultati della trattativa 5. Per ogni alternativa individuata, determinare: livello di praticità, ostacoli, vantaggi, effetto su di voi, effetto sull altra parte, effetti indiretti. 30

31 Un possibile schema per la preparazione Raccogli: a) Informazioni necessarie b) Fatti che sostengono la tua posizione o che potrebbero essere messi in discussione c) Caratteristiche della tua posizione d) Punti deboli della posizione e) Programma dei tempi: in quanto tempo vorresti chiudere la trattativa, quali fattori esterni possono influenzare i tempi? f) Individua il luogo ottimale dove vorresti negoziare g) Se ospiterai la trattativa, fai un elenco delle cose da preparare per mettere a proprio agio, o meno, le controparti h) Scegliere la modalità di comunicazione più idonea (scritta, telefonica, faccia a faccia) elencando pro e contro di ognuna 31

32 La negoziazione per iscritto PRO: Più facile evitare fraintendimenti quando le parole vengono scelte con attenzione Utile quando la comunicazione potrebbe essere difficile a livello emotivo Una proposta scritta permette di avere il tempo per rivedere i dettagli, controllare i dati, chiedere consiglio ad altri Può contenere piani alternativi o un elenco di argomentazioni senza che ci siano interruzioni o distrazioni 32

33 La negoziazione per iscritto CONTRO: La risposta perde di spontaneità, difficile ottenere un accordo basato sulla «foga del momento» Le negoziazioni scritte procedono con lentezza, controproducente se il tempo è un fattore cruciale Una proposta scritta richiede una lunga preparazione 33

34 La negoziazione telefonica Le negoziazioni telefoniche coinvolgono un livello più personale di quanto faccia la comunicazione scritta Peculiarità Segnali non verbali minimi Segnali paraverbali (uso della voce) massimizzati Possibilità di tenere a portata di mano e consultare appunti Più facile dire «no» Chi chiama ha il controllo sul flusso delle informazioni (a meno che la chiamata non fosse concordata in anticipo) In genere durano meno degli incontri de-visu: rischio di non avere il quadro completo 34

35 La negoziazione faccia a faccia Il luogo: Ospitare gli altri Possibile accedere a propri documenti e registri Controllo sull atmosfera Possibile programmare pause e allontanamenti Vantaggio psicologico nel giocare in casa Risparmio di tempo e denaro per spostamento Essere ospitati Meno distrazioni, possibilità di concentrarvi sulla trattativa Potete «scalare l autorità», se necessario Chi ospita in genere apre la trattativa (vantaggio/svantaggio della prima mossa) 35

36 Training Win Win Manager

37 Win Win Manager L unico Business Game di Negoziazione p2p Due edizioni nazionali ecoingame Oltre visitatori complessivi Cinque edizioni per il Master in Ingegneria dell Impresa 37

38 Competizione Data Evento 22/10 Training Win Win Manager 22/10 Registrazione sul sito e avvio delle trattative nel primo scenario 5/11 Avvio trattative secondo scenario 17/11 Fine delle trattative 38

39 Win Win Manager Punteggio & Feedback Background Consegna Negoziazione 39

40 Registrazione Inserisci i tuoi dati personali ATTENZIONE Assicurati di inserire il codice di gruppo che ti è stato assegnato cassino2013 Scegli un nickname ANONIMO 40

41 Testo dello scenario 1/2 Login in Clicca su Richiedi scenario : C è almeno un altro giocatore disponibile per giocare al tuo stesso livello Non c è, al momento, alcun giocatore disponibile per giocare allo stesso livello. 41

42 42

43 Testo dello scenario 2/2 Lo scenario contiene Informazioni qualitative Informazioni quantitative Informazioni sul tuo ruolo Informazioni sul ruolo della controparte Calcola la tua BATNA, prepara la tua strategia e vai alla trattativa 43

44 Trattativa 44

45 Negoziazione Simula una discussione in tempo reale (non uno scambio di ) Non fare riferimento a fatti esterni che non sono specificati nello storico Agisci come agirebbe il personaggio di cui interpreti il ruolo Non è necessario entrare eccessivamente nei dettagli Non uscire dal tuo ruolo 45

46 Firma il contratto Quando raggiungi un accordo con la controparte clicca su Consegna esito 46

47 Firma il contratto Se non sei sicuro di una voce, clicca HELP Non usare la virgola! 10,5 : SBAGLIATO! 10.5 : OK! : vuol dire dieci!! 47

48 Firma il contratto I dati consegnati dagli avversari devono essere identici Se non corrispondono, re-inseriscili (confrontati con l avversario nella zona trattativa prima) In ogni caso, se non corrispondono sarai informato via mail Puoi esprimere la tua soddisfazione sull esito dell accordo e sul comportamento della controparte Puoi inviare alla tua controparte un feedback sul suo modo di negoziare 48

49 Firma il contratto Cosa succede se non raggiungo l'accordo? Barra la casellina "Non abbiamo raggiunto un accordo" e clicca su "Dichiaro l'accordo non raggiunto". Non dimenticare di compilare i campi che rimangono editabili, specie quello della reputazione. A te e al tuo avversario verrà assegnato un punteggio in funzione di quanto il non accordo impatti in modo negativo sui vostri interessi. L'accordo che ho sottoscritto prevede delle variabili che non possono essere inserite nel form. Se durante la negoziazione sono state introdotte delle variabili non considerate nel form, esse non avranno alcun valore al fine del calcolo del tuo punteggio o di quello avversario. 49

50 Punteggio e Feedback Quando il contratto viene firmato, il sistema genera automaticamente: Il punteggio Il feedback 50

51 Algoritmo del punteggio Batna dell avversario ZOPA Batna Punteggio 51

52 Il feedback Focus on: Aree di miglioramento Errori Struttura del codice: If (condizione) stampa (frase & immagine) 52

53 Gli scenari Scenario 1: Due società di dimensioni diverse intendono fondersi, conseguendo delle importanti plusvalenze. Come saranno spartite tra i soci? Quale marchio, sede, e amministratore verrà scelto? Scenario 2: Compravendita di un immobile 53

54 Scenario 1 Percentuale a Mr Black: vale a dire la percentuale di controllo che spetterà a Mr Black sulla società risultato della fusione. Se ad esempio essa ammonta al 50% nella casella va scritto solo 50. Percentuale a Mr. White: sarà il complemento a cento della percentuale a Mr Black (automatico). Conguaglio a Mr Black: è la cifra di denaro che viene consegnata a Mr Black da Mr White. Viceversa il conguaglio a Mr. White. Amministratore delegato e nome della società: occorrerà scegliere se mantenere uno dei due preesistenti o prenderne un terzo. Se ad esempio si vuole scegliere l'amministratore delegato in carica alla Kappa, occorrerà selezionare l'opzione "Kappa". Sede amministrativa: sarà possibile scegliere di mantenere operativa solo una delle due sedi amministrative, oppure entrambe. 54

55 Il negoziato integrativo

56 Tipi di approccio Approccio posizionale Approccio collaborativo Posizionale Lose - Lose Collaborativo Win Win Win - Lose Integrativo Distributivo 56

57 Tipi di Accordo Compromesso semplice Es. Dividiamo la torta a metà Mutua Concessione Es. A te più torta, a me più fragole Compensazione Es. A me più torta, ma ti faccio giocare con il mio computer Novazione Es. riportiamo la torta e facciamoci dare dei bigné Sforzo Creativo Dupont, (1986), citato in Mariani (2004), p.8357

58 Utilità 2 Uno sguardo all esito Novazione N C1 A C2 Frontiera Pareto - Efficiente B Linea dei compromessi semplici Utilità 1 58 Mariani, (2004)

59 Il negoziato posizionale: quale approccio? Morbido Siamo amici L obiettivo è l accordo Fare concessioni per mantenere un buon rapporto Essere morbidi con le persone e con il problema Mi fido degli altri Cambia la tua posizione facilmente Fai offerte Accetta perdite dal tuo lato pur di raggiungere l accordo Insisti sull importanza dell accordo Duro Siamo avversari L obiettivo è la vittoria Chiedere concessioni come requisito per mantenere un buon rapporto Essere duri con le persone e con il problema Non mi fido degli altri Difendi la tua posizione Fai minacce Le perdite della controparte sono un requisito per raggiungere l accordo Insisti sull importanza della tua posizione 59

60 Morbido vs Duro Morbido Duro Morbido Compromesso Vince Duro Duro Vince Duro Nessun accordo 60

61 La scuola di Harvard 1. Separare le persone dai problemi 2. Focus sugli interessi, non sulle posizioni 3. Creare opzioni 4. Stabilire criteri Fisher, Ury, Patton (1991) Getting to Yes 61

62 Separare le persone dai problemi I negoziatori, prima di tutto, sono persone Emozioni, valori, background, punti di vista Ogni negoziatore è interessato a due cose: L esito della trattativa La relazione con la controparte 62

63 Separare le persone dai problemi: la percezione Percezione La realtà oggettiva è solo un argomento in più che ognuno utilizza per avvalorare la realtà immaginata. 1. Mettiti nei panni della controparte 2. Non dedurre le sue intenzioni dalle tue paure Es. Rinegoziazione acconto 3. Non attaccare gli altri per un tuo problema Es. Guasti continui e ditta di manutenzione 65

64 Separare le persone dai problemi: la percezione 4. Discuti sulle percezioni di entrambi 5. Cerca un occasione per rendere le percezioni altrui inconsistenti Sadat, dopo la guerra del Kippur, visita Gerusalemme e tiene un discorso allo Knesset Gerusalemme,

65 Separare le persone dai problemi: la percezione 4. Fai partecipare la controparte alla progettazione della soluzione 26/10/2004, lo Knesset approva il piano di Sharon per un ritiro unilaterale dalla Striscia di Gaza e dal West Bank Erekat, ministro palestinese, commenta «Abbiamo visto i parlamentari israeliani discutere sul nostro futuro, sul futuro dei nostri figli e di noi palestinesi, con un problema: noi eravamo assenti» 12/09/2005, ritiro ultimato dopo 38 anni di occupazione Festeggiamenti e strumentalizzazioni radicali: successo della guerriglia di Hamas, che vince le elezioni nel 2006 Nuove azioni di rappresagli di Israele dopo rapimento di un soldato 5. Permetti alla controparte di salvare la faccia 67

66 Separare le persone dai problemi: Emozione: l emozione 1. Riconosci le emozioni, tue e degli altri 2. Esplicita le emozioni 3. Permetti agli altri di sfogarsi (anche contro di voi) 4. Non reagire: solo una persona arrabbiata per volta 5. Utilizza gesti simbolici 68

67 Separare le persone dai problemi Comunicazione: 1. Ascolta attivamente e comprendi quello che viene detto: re-phrasing Ho capito bene? Dal tuo punto di vista quindi 2. Parla per essere compreso 3. Parla di te, non degli altri Ci siamo sentiti trascurati vs Ci avete tradito Non hai capito vs Mi sono spiegato male 4. Scegli bene cosa dire 69

68 Separare le persone dai problemi Meglio prevenire che curare: 1. Costruisci un rapporto con la controparte 2. Affronta il problema non le persone 70

69 Focus sugli interessi non sulle posizioni Dietro posizioni opposte ci sono interessi conciliabili ed interessi inconciliabili Identifica gli interessi: Chiedi Perché? e Perché no? Camp David,

70 Focus sugli interessi non sulle posizioni Gli interessi più importanti sono i bisogni umani di base Maslow, (1954) 72

71 Focus sugli interessi non sulle posizioni Guarda avanti, non indietro Duro col problema, non con la persona. 73

72 Creare opzioni La prima risposta non è (quasi) mai la migliore, né l unica L arte di creare soluzioni: Separare la fase di generazione di idee da quella di scelta 74

73 Creare opzioni Tenta di approcciare al problema dal punto di vista di esperti diversi Es. Università: scientifico, pedagogico, sociologico, finanziario Inventa proposte di accordo di forza diversa Fraziona il problema Accordi parziali, contingenti, con meno persone 75

74 Creare opzioni Identifica gli interessi comuni Gli interessi diversi non sono necessariamente incompatibili!!! Contingency contracts 76

75 Creare opzioni Chiedi cosa preferisce la tua controparte. Diverso di cosa è accettabile per la controparte Rendi la decisione della tua controparte semplice: Non possono mancare elementi importanti per la controparte 77

Antonio Iovanella. Direzione d Impresa, A.A. 2013-2014

Antonio Iovanella. Direzione d Impresa, A.A. 2013-2014 Antonio Iovanella Direzione d Impresa, A.A. 2013-2014 Negoziazione Tecnica Arte Raiffa (1982) The Art and Science of Negotiation 2 } Un processo per cui una parte percepisce che i propri interessi sono

Dettagli

Tutorial Win Win Manager, v. Master in Ingegneria dell Impresa

Tutorial Win Win Manager, v. Master in Ingegneria dell Impresa Rispettiamo i nostri avversari, ma non li temiamo. Sappiamo di avere ragione, ma non crediamo che gli altri ne abbiano meno. Vogliamo vincere, ma non vogliamo che gli altri perdano. Vogliamo apprendere,

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 NEGOZIAZIONE Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 La negoziazione È una modalità per risolvere divergenze di interessi, attuabile quando ciascuna delle parti possiede, ed è disposta a cedere qualche

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 30 settembre 1 ottobre Tecniche di Negoziazione LE FASI DELLA NEGOZIAZIONE E LE ARMI DELLA PERSUASIONE Sergio Zucchetti 1 Fasi nella Negoziazione

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

Dopo la sessione presenziale

Dopo la sessione presenziale Dopo la sessione presenziale Consigli per riunirti con il tuo capo La settimana successiva alla sessione presenziale, avrai come obiettivo quello di riunirti con il tuo capo per esporgli le riflessioni

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

A CURA DELLA COMMISSIONE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DISCORSO INTRODUTTIVO DEL MEDIATORE/CONCILIATORE

A CURA DELLA COMMISSIONE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DISCORSO INTRODUTTIVO DEL MEDIATORE/CONCILIATORE A CURA DELLA COMMISSIONE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DISCORSO INTRODUTTIVO DEL MEDIATORE/CONCILIATORE PRESENTAZIONE Mi presento sono il Dr/Avv., sono stato nominato dall Organismo di per svolgere

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI COMUNICATIVI

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI COMUNICATIVI Associazione IBVA Centro Italiano per Tutti 02/49.52.46.00 italianopertutti@ibva.it www.ibva.it QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI COMUNICATIVI 1. Dati generali Sesso: M F Età: meno di 20 a. 20-25

Dettagli

I servizi PREMIUM di TrovaCasa.net

I servizi PREMIUM di TrovaCasa.net I servizi PREMIUM di TrovaCasa.net Basta poco per farsi notare Ottieni di più dalla tua registrazione a Trovacasa.net! I servizi PREMIUM sono pensati per i nostri clienti più esigenti e per i professionisti

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE Gabriele Prati COS È UN CONFLITTO? E una percezione di divergenza di interessi o obiettivi AMBITI DEI CONFLITTI Persona Gruppo Organizzazione Società Conflitti intraunità

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Sviluppo professionale

Sviluppo professionale Sviluppo professionale 2013 CHI SIAMO Solutions Academy è la divisione formazione e consulenza di ADR Center Costituita nel 1998, ADR Center è la prima società italiana specializzata nella prevenzione

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

www.spreamedia.it PICCOLI ANNUNCI

www.spreamedia.it PICCOLI ANNUNCI www.spreamedia.it PICCOLI ANNUNCI Abbiamo realizzato un servizio fatto apposta per te. Un sito web semplice e veloce per acquistare e fare da solo la tua pubblicità. Risparmi tempo e denaro. Ecco qui di

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Questionario finale Scuola secondaria AMBITO TECNOLOGICO AMBITO PERSONALE AMBITO COLLETTIVO AMBITO ETICO

Questionario finale Scuola secondaria AMBITO TECNOLOGICO AMBITO PERSONALE AMBITO COLLETTIVO AMBITO ETICO Questionario finale Scuola secondaria AMBITO TECNOLOGICO AMBITO PERSONALE AMBITO COLLETTIVO AMBITO ETICO AMBITO TECNOLOGICO Hai notato che ultimamente il tuo computer funziona sempre più lentamente. Alcune

Dettagli

Manuale di istruzioni

Manuale di istruzioni Manuale di istruzioni GESTIRE IL MERCATO ONLINE Pagina La Pagina Centrale...1 L Area di Lavoro...1 Inserimento dei vostri prodotti...2 Trovare offerte e richieste...3 Fare e ricevere proposte...4 Accettare

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte Pagine di soluzioni Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte 1 1. Introduzione Negli ultimi anni si è molto parlato della crisi economica che si è abbattuta sul mondo aziendale,

Dettagli

DI FORMAZIONE INTENSIVA CON RILASCIO DI ATTESTATO FINALE

DI FORMAZIONE INTENSIVA CON RILASCIO DI ATTESTATO FINALE 44 ORE DI FORMAZIONE INTENSIVA CON RILASCIO DI ATTESTATO FINALE Corso di Specializzazione per `çååáäá~íçêá=çá=åçåíêçîéêëáé pçåáéí~êáéi=_~åå~êáé=é=çá= fåíéêãéçá~òáçåé=cáå~åòá~êá~ regolata ai sensi del D.

Dettagli

Conflitti: riconoscimento e gestione

Conflitti: riconoscimento e gestione Conflitti: riconoscimento e gestione Capitolo 8 Conflitto Disaccordo, tensione o altre difficoltà tra due o più parti Livello individuale/di gruppo Causa: percezione ostacolo ad obiettivi/interessi propri

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

GUIDA ALL USO. COme pagare OnLIne e vivere tranquilli.

GUIDA ALL USO. COme pagare OnLIne e vivere tranquilli. GUIDA ALL USO. Come pagare online e vivere tranquilli. Indice PayPal, il tuo conto online...pag.3 Ti sei appena registrato? Completa l attivazione del conto in 3 passi...pag.4 1. Conferma il tuo indirizzo

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Accorgimenti per negoziare con efficacia

Accorgimenti per negoziare con efficacia Accorgimenti per negoziare con efficacia Enrica Poltronieri Novembre 2009 NEGOZIAZIONE = PROCESSO INTERATTIVO IN CUI DUE ATTORI PORTATORI DI INTERESSI DIVERSI PERVENGONO, ATTRAVERSO UN AZIONE CONGIUNTA,

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Seminario sulle storie orali

Seminario sulle storie orali Seminario sulle storie orali Questa lezione e le risorse di apprendimento ad essa associate possono essere usate per la preparazione di un seminario di tre o quattro ore su come preparare, registrare,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La#Comunicazione#efficace# Corso#Avanzato# Modulo#base##2#

La#Comunicazione#efficace# Corso#Avanzato# Modulo#base##2# La#Comunicazione#efficace# Corso#Avanzato# Modulo#base##2# Torino,#23#se;embre#2015# h;p://comunicazionesmatca.weebly.com/# Agenda# # Presentazione,#obieHvi#e#qualità#del#servizio# D1# La#comunicazione#interpersonale#

Dettagli

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi''

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi'' J.AThePowerOfSponsorship Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org ''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

COME CREARE TEST IN AUTOCORREZIONE CON QUESTBASE

COME CREARE TEST IN AUTOCORREZIONE CON QUESTBASE COME CREARE TEST IN AUTOCORREZIONE CON QUESTBASE A. OPERAZIONI PRELIMINARI Guida redatta da Attilio Galimberti 1. Collegati a Internet e vai all indirizzo www.questbase.com Clicca sul pulsante Iscriviti

Dettagli

Introduzione alle tecniche di negoziazione

Introduzione alle tecniche di negoziazione Introduzione alle tecniche di negoziazione Consigli pratici per vincere partite a Monopoli e leggere le notizie di politica internazionale Augusto Coppola Innovation Lab I contenuti di questa presentazione

Dettagli

La nostra rete sociale nel club di Werbeturbo.net

La nostra rete sociale nel club di Werbeturbo.net La nostra rete sociale nel club di Werbeturbo.net Incontro membri online Scrivere commenti e rispondere. Aprire gruppi o aderire. Con l'incontro membri online hai la possibilità di collegarti e condividerti

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TIPOLOGIE DI NEGOZIAZIONE. A cura del Centro Nazionale di Formazione

TIPOLOGIE DI NEGOZIAZIONE. A cura del Centro Nazionale di Formazione TIPOLOGIE DI NEGOZIAZIONE TIPOLOGIE DI NEGOZIAZIONE due sono le tipologie individuate Negoziazione ripartitiva o distributiva Negoziazione generativa o integrativa TIPOLOGIE DI NEGOZIAZIONE Negoziazione

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Il Marketing e la Comunicazione sono strumenti indispensabili anche alla tua attività Grazie al corso scoprirai

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

TECNICHE E GIOCHI DI ANIMAZIONE n 3 Di Mazzocco Giuliano

TECNICHE E GIOCHI DI ANIMAZIONE n 3 Di Mazzocco Giuliano TECNICHE E GIOCHI DI ANIMAZIONE n 3 Di Mazzocco Giuliano 11 PRESENTAZIONE FALSA (variazione del gioco falso d autore del libro di: Legumi Marco, Formattivo, ed. Paoline 2004) DURATA : 60 minuti MATERIALE:

Dettagli

Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi

Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi 1. Come funzionano i motori di ricerca Una panoramica generale sul funzionamento dei motori di ricerca risultati). 2. Come le persone

Dettagli

ecafé TM EMAIL CENTER

ecafé TM EMAIL CENTER ecafé TM EMAIL CENTER Manuel de l'utilisateur 1/17 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. PRIMO UTILIZZO: AGGIUNTA DELL ACCOUNT E-MAIL PRINCIPALE...4 3. INVIO / RICEZIONE DI E-MAIL...7 4. RECUPERO RAPIDO DEI CONTATTI

Dettagli

TABBY PLAYS ISTRUZIONI

TABBY PLAYS ISTRUZIONI TABBY PLAYS ISTRUZIONI INDEX REQUISITI TECNICI... 2 REGISTRAZIONE... 2 LA TUA STANZA... 3 STATUS... 3 LA CITTA... 4 SOCIAL NETWORK... 4 INTERAZIONI... 6 SFIDE... 6 NEGOZI... 7 ATTI DI BULLISMO... 7 LA

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Come costruire una landing page che funziona

Come costruire una landing page che funziona Come costruire una landing page che funziona Indice pag. 3 pag. 7 Introduzione: cos è una landing page Il glossario delle landing page pag. 10 Come costruire una landing page che funziona pag. 22 Conclusione

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT CHE COS È IL MARKETING BRANCA DELL ECONOMIA CHE UNISCE PRODUTTORI CONSUMATORI PER UNO SCAMBIO RECIPROCAMENTE VANTAGGIOSO E IL MARKETING MIX

Dettagli

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa.

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. 1. Il confine tra dilettanti e professionisti Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. Le ricerche di mercato,

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Copyright www.quantomanca.com

Copyright www.quantomanca.com Dove sto andando? Partenza: Il......... alle ore... Oggi sto partendo da... ed andreamo a... Si trova a... e sono molto contento/a di andare li! Incolla una foto della partenza. 1 con chi parto? Sto partendo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE CAMPIONATO ITALIANO MONOPOLY BEST WESTERN ANTARES HOTEL CONCORDE VIALE MONZA, 132 MILANO 25-26 APRILE 2015 1 REGOLAMENTO CAMPIONATO DI MONOPOLY SCOPO DEL GIOCO Essere il giocatore

Dettagli

Istruzioni per il monitoraggio del processo

Istruzioni per il monitoraggio del processo Istruzioni per il monitoraggio del processo 1. L importanza del monitoraggio di processo Il monitoraggio del processo di attuazione delle attività è una componente essenziale della valutazione, fondamentale

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

CON LE OPZIONI BINARIE IN MODO SEMPLICE

CON LE OPZIONI BINARIE IN MODO SEMPLICE COME GUADAGNARE CON LE OPZIONI BINARIE IN MODO SEMPLICE Semplice manuale per fare trading con le opzioni binarie realizzato dagli autori del sito faresoldidacasa.com Indice Introduzione 2 Come fare trading

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi e sviluppare senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Avete una

Dettagli

L evoluzione dei processi al vostro servizio: richiesta di rimborso on-line con caricamento completo dei documenti sul Portale Web

L evoluzione dei processi al vostro servizio: richiesta di rimborso on-line con caricamento completo dei documenti sul Portale Web L evoluzione dei processi al vostro servizio: richiesta di rimborso on-line con caricamento completo dei documenti sul Portale Web 1 Premessa A partire dal 01/06/2012 gli Assistiti dovranno inviare esclusivamente

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

Istruzioni per accedere al Corso sulla Legge 81, edizione 2013 - Versione 2 ASL11-26/03/2013

Istruzioni per accedere al Corso sulla Legge 81, edizione 2013 - Versione 2 ASL11-26/03/2013 Istruzioni per accedere al Corso sulla Legge 81, edizione 2013 - Versione 2 ASL11-26/03/2013 1. Vai alla pagina iniziale della piattaforma erogativa del FORMAS. Il link diretto alla piattaforma è: http://fad.formas.toscana.it/

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Logo creato da Giancarlo Zucconelli UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO. Tandem@CLA. Tandem@CLA DIARIO D APPRENDIMENTO*

Logo creato da Giancarlo Zucconelli UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO. Tandem@CLA. Tandem@CLA DIARIO D APPRENDIMENTO* Logo creato da Giancarlo Zucconelli UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO Tandem@CLA Tandem@CLA DIARIO D APPRENDIMENTO* A.A. Semestre Nome Cognome Nome e Cognome del Partner di

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

GUADAGNO LIST BUILDING Come Costruire un Impero Virtuale di Clienti Continui per Realizzare Vendite e Profitti Automatici!

GUADAGNO LIST BUILDING Come Costruire un Impero Virtuale di Clienti Continui per Realizzare Vendite e Profitti Automatici! GUADAGNO LIST BUILDING Come Costruire un Impero Virtuale di Clienti Continui per Realizzare Vendite e Profitti Automatici! Modulo 4 Termini Legali Sono stati fatti tutti i tentativi possibili per verificare

Dettagli

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Il vantaggio di negoziare Indice Introduzione: Saper negoziare: indispensabile per avere successo nel dinamico mondo degli affari Perchè Negotiate.it?

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi con senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Secondo la ricerca,

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Di cosa parleremo. Neurone. Regioni del cervello. CERVELLO e del suo funzionamento LINGUAGGIO COMUNICAZIONE EFFICACE

Di cosa parleremo. Neurone. Regioni del cervello. CERVELLO e del suo funzionamento LINGUAGGIO COMUNICAZIONE EFFICACE Di cosa parleremo CERVELLO e del suo funzionamento LINGUAGGIO COMUNICAZIONE EFFICACE PNL (Programmazione Neuro Linguistica) NEGOZIAZIONE STRATEGICA PERSUASIONE Neurone Regioni del cervello sinapsi neurotrasmettitori

Dettagli

Gestione Automatizzata delle RDL

Gestione Automatizzata delle RDL Gestione Automatizzata delle RDL Tabella Revisioni [Version] STEFANO SPADARO [Manuale per il Tecnico] Manuale per il Tecnico per l apprendimento e l utilizzo del sito web per effettuare la compilazione

Dettagli

Introduzione ai Metaprogrammi

Introduzione ai Metaprogrammi Introduzione ai Metaprogrammi Piernicola De Maria www.effettoleva.com I Metaprogrammi sono... Processi mentali consolidati Percorsi di minore resistenza Basati sul contesto A consapevolezza ritardata Spesso

Dettagli

Africana. Componenti di gioco. 1 tabellone con la mappa dell Africa. 2 libri. 30 carte avventura. (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone)

Africana. Componenti di gioco. 1 tabellone con la mappa dell Africa. 2 libri. 30 carte avventura. (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone) Africana Componenti di gioco 1 tabellone con la mappa dell Africa 2 libri 30 carte avventura (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone) 34 carte spedizione (con sul dorso A, B e C) 10 carte assistenti

Dettagli

corso comunicazione efficace 24 Giugno 2013

corso comunicazione efficace 24 Giugno 2013 corso comunicazione efficace 24 Giugno 2013 AGENDA la strategia del venditore (del 17/6) La comunicazione Le barriere e i rimedi Le slide di questo corso puoi scaricarle nel sito: www.wearelab.com www.brunobruni.it

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli