Rappresentazioni mediali della famiglia italiana: analisi di alcuni spot televisivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rappresentazioni mediali della famiglia italiana: analisi di alcuni spot televisivi"

Transcript

1 PATRIZIA DI MASCIO Rappresentazioni mediali della famiglia italiana: analisi di alcuni spot televisivi [Paper elaborato sulla base della mia tesi di laurea La famiglia e i media (Università degli Studi di Teramo Corso di laurea in Scienze della Comunicazione), relatore: Prof. Angela Maria Zocchi 5 luglio 2005] 1. Introduzione La pubblicità come discorso sociale La famiglia negli spot televisivi Metodologia Il settore merceologico dei prodotti reclamizzati La morfologia del nucleo familiare Pubblicità e mutamento sociale Composizione del nucleo familiare e presenza dei figli La famiglia: aspetti relazionali e organizzativi I ruoli familiari L esperienza della maternità e della paternità E i nonni? Conclusioni Appendice Riferimenti bibliografici

2 1. Introduzione Quale immagine di famiglia è proposta e diffusa dalla pubblicità televisiva? Quali valori vengono maggiormente esaltati? In questo paper si cercherà di rispondere a questi interrogativi attraverso l analisi di alcuni spot televisivi, considerando, nello stesso tempo, la prospettiva della media education. 2. La pubblicità come discorso sociale La scelta di considerare la pubblicità come oggetto d indagine è stata dettata dalla consapevolezza che essa, oltre ad essere un discorso apertamente persuasivo, è anche un discorso sociale. In altri termini, la comunicazione pubblicitaria può essere intesa come rappresentazione mediale di fenomeni sociali e, come tale, può essere usata come un osservatorio utile per comprendere i processi culturali che si attivano nella nostra società (Giaccardi 1996: 13-14). Di fatto, come afferma Berman, la pubblicità fa molto più che persuaderci a consumare beni e servizi: essa ci dice chi siamo (Berman 1990: 11) e, nonostante i più critici continuino a vederla come un mero persuasore occulto 1, non si può certo negare che è una realtà che fa parte delle nostre esperienze comuni. 3. La famiglia negli spot televisivi 3.1 Metodologia Negli ultimi decenni, la famiglia è stata interessata da profondi mutamenti strutturali e relazionali (Donati, Scabini 1984; Donati, De Nicola 1989; Donati 2001). Ciò premesso, l obiettivo di questo paper è di verificare il grado di corrispondenza tra le rappresentazioni della famiglia prodotte e diffuse dalla pubblicità televisiva e la situazione reale. L analisi si basa sull esame di sedici spot televisivi che sono stati selezionati seguendo due criteri: 1 Un feroce attacco alle capacità persuasive e manipolative della pubblicità è, ad esempio, quello di Vance Packard (1969). In particolare, la pubblicità interverrebbe sull inconscio degli individui appagando, almeno apparentemente, otto fondamentali bisogni: sicurezza emotiva; stima e considerazione; esigenze dell ego; impulsi creativi; speculazioni sull affetto; senso di potenza; legami familiari; bisogno di immortalità. Questi bisogni esprimono la debolezza dei consumatori, intorno alla quale si può sviluppare l azione strategica dei messaggi audiovisivi e della pubblicità. Tale visione, però, prevede la presenza di un pubblico passivo ed omogeneo e sopravvaluta il potere dei media mentre, come hanno dimostrato numerosi studi, il pubblico è composto da soggetti eterogenei in grado di negoziare il senso dei messaggi che sono loro rivolti (per una rassegna sul tema si rinvia a Losito 2002). Pertanto, la pubblicità deve essere intesa non tanto come menzogna e neppure come rappresentazione fedele della realtà, ma come rappresentazione mediale di fenomeni sociali che può essere usata dai soggetti come risorsa per orientarsi nelle proprie interazioni quotidiane (Giaccardi 1996: 49-50). 2

3 1. sono stati considerati solo gli spot trasmessi durante l ora di pranzo e l ora di cena in quanto rappresentano due particolari momenti della giornata in cui, solitamente, si guarda la televisione in compagnia dei propri familiari (Istat 2002: 12); 2. tra questi sono stati isolati quelli che hanno come protagonista la famiglia. Si è proceduto, poi, all elaborazione di una scheda d analisi (Appendice - Tab. 1) in cui sono state prese in esame le seguenti variabili : a) il settore merceologico del prodotto reclamizzato; b) il tipo di famiglia e la composizione del nucleo familiare rappresentato; c) la presenza dei figli, indicandone il numero e in maniera approssimativa l età (bambini, adolescenti, adulti); d) le azioni svolte dalla madre/moglie/fidanzata del padre; e) le azioni svolte dal padre/marito/fidanzato della madre; f) la presenza o meno di anziani; g) le valutazioni circa l esperienza della maternità/paternità. 3.2 Il settore merceologico dei prodotti reclamizzati La famiglia è la protagonista di numerosi spot pubblicitari, soprattutto relativi ad alcune aree merceologiche. L immagine della famiglia, infatti, è utilizzata in particolar modo per reclamizzare prodotti alimentari, seguono i medicinali da banco, gli elettrodomestici, i prodotti per l igiene della casa, per l igiene personale ed infine le automobili (Appendice Tab. 1). 3.3 La morfologia del nucleo familiare Come si è accennato in precedenza, la composizione del nucleo familiare ha subito numerosi cambiamenti: non solo il numero dei suoi componenti si è progressivamente ridotto, ma alla famiglia nucleare coniugale, si sono affiancate altre realtà, tanto che non si può più parlare di famiglia, bensì di famiglie (Zanatta 1997: 9). Tale tendenza, peraltro, è confermata da recenti indagini statistiche che hanno registrato un incremento delle famiglie monogenitore, ricostituite ed allargate (Istat 1998: 29-30; 49-50). Le cause di tale fenomeno sono molteplici; tra queste, l introduzione del divorzio e la sua successiva diffusione hanno avuto sicuramente un ruolo determinante 2. Il che, però, non significa che la famiglia è scomparsa, ma semplicemente che ci sono delle trasformazioni sociali in atto che non possono e non devono essere trascurate. In tal senso, anche la comunicazione pubblicitaria ha dimostrato la volontà di dare visibilità alle famiglie che hanno una struttura non convenzionale. Come si vedrà meglio tra breve, a fronte dei numerosi messaggi 2 Un classico sul tema del divorzio è Barbagli

4 pubblicitari in cui si propone l immagine della famiglia, non mancano riferimenti, in alcuni casi chiari ed espliciti, in altri più velati ed ambigui, anche ad altri tipi di famiglia Pubblicità e mutamento sociale Nella maggior parte degli spot analizzati sono rappresentate delle famiglie nucleari e l anello nuziale, simbolo dell unione coniugale socialmente accettata, è messo sempre bene in evidenza. Tale scelta è abbastanza prevedibile se si considera che, trattandosi di messaggi rivolti alla famiglia, si preferisce ottenere il massimo consenso da parte di chi ascolta (Abruzzese 2002: 34). Qui di seguito sono riportati alcuni esempi: Fig. 1 - Ace Igiene casa. Fig. 2 - Piccolini Barilla. Fig. 3 - Candy Mix and Wash. Tuttavia, agli spot che enfatizzano la famiglia coniugale se ne affiancano alcuni che tentano di rappresentare il mutamento sociale. In alcuni casi, i riferimenti sono estremamente chiari. Ad esempio, nello spot dei Sughi pronti Knorr, sebbene l ambientazione sia simile a quella delle altre rèclame, come si vede nella figura 4, la frase pronunciata dal piccolo protagonista: Ma tu mi vuoi bene?...anche se non sei il mio papà? rivela in modo netto che quella che viene rappresentata, non è una famiglia. Fig. 4 - Sughi pronti Knorr. 4

5 Allo stesso modo, nello spot delle Croccarelle Santa Lucia, la voce fuori campo informa lo spettatore che la protagonista, una giovane donna già madre di un figlio, ha invitato a pranzo il suo nuovo compagno, che la vuole sposare, e il rispettivo figlio, che la vuole conoscere (Fig. 5). Fig. 5 - Croccarelle Santa Lucia, Galbani. Anche in questa circostanza non c è possibilità di errore, si fa chiaramente riferimento ad una famiglia non convenzionale. In altri casi, però, non ci sono indicazioni sufficienti per capire se ad essere rappresentata è una famiglia o meno. Ad esempio, nello spot della Volkswagen Touran, la protagonista comunica al suo compagno di aspettare un bambino. Non è chiaro, però, se i due giovani sono sposati: lo spettatore è libero di trarre da solo le proprie conclusioni e di decidere se ad essere rappresentata è una famiglia piuttosto che una famiglia di fatto (Figure 6, 7). Fig. 6 - Volkswagen Touran. Fig. 7 - Idem. 5

6 3.3.2 Composizione del nucleo familiare e presenza dei figli Una delle maggiori preoccupazioni della società contemporanea è sicuramente il calo demografico. Il nostro Paese, in particolare, ha raggiunto un tasso di fecondità tra i più bassi al mondo (Saraceno 1988: 154). In questo caso, la comunicazione pubblicitaria sembra riflettere la situazione reale poiché, nella maggior parte degli spot analizzati, si registra la presenza di uno o due figli per nucleo familiare (Figure 8, 9), anche se non mancano riferimenti a famiglie più numerose come nel caso degli spot del Pane Bianco del Mulino Bianco e di Ace Igiene casa (Figure 10, 11). Fig. 8 Momendol. Fig. 9 - Danette, Danone. Fig Ace Igiene casa. Fig Pane bianco, Mulino Bianco. Se da un lato, però, la famiglia italiana diventa sempre più magra, dall altro essa è sempre più lunga (Scabini 2001: 60-63). Nel corso degli ultimi anni, infatti, si è accentuata la tendenza da parte dei figli adulti di prolungare la loro permanenza nella famiglia d origine (Istat 1998: 70). 6

7 Ciò nonostante, la comunicazione pubblicitaria continua a rappresentare nuclei famigliari in cui i figli sono quasi sempre piccoli e solo in qualche caso adolescenti, come nello spot del deodorante Infasil (Fig. 12). Fig Infasil deodorante. 3.4 La famiglia: aspetti relazionali ed organizzativi La famiglia non è cambiata solo nella struttura. Ad esempio, la pressione verso nuove divisioni dei ruoli, l emancipazione femminile, la quasi totale scomparsa della coresidenza intergenerazionale, hanno comportato una ridefinizione delle relazioni familiari. Iniziando dalla divisione del lavoro in base al genere, è doveroso sottolineare che la progressiva emancipazione della donna e il suo ingresso nel mondo del lavoro, hanno profondamente modificato il rapporto tra i coniugi (Giddens: 1995: ), per cui, oltre alla coppia, basata su una rigida divisione tra ruolo strumentale e ruolo espressivo, inizia ad emergere un significativo numero di coppie egualitarie, caratterizzate da un modello di responsabilità condivisa tra marito e moglie (Scabini 2001: 63). Anche il rapporto genitori/figli è diventato più simmetrico e democratico, ciò nonostante si delineano nuove difficoltà (Giddens 1999: 91-99). Ad esempio, in seguito all aumento dei divorzi e all incremento delle famiglie ricostituite ed allargate, sono sorte nuove problematiche legate alle difficoltà che i genitori non affidatari e i genitori acquisiti, incontrano nel relazionarsi con i figli (Barbagli 1990: ; Zanatta 1997: 85-92). 7

8 3.4.1 I ruoli familiari Nonostante la collaborazione tra i coniugi sia ormai un fenomeno socialmente diffuso, la comunicazione pubblicitaria continua ad essere incentrata sulla rappresentazione del lavoro che la donna svolge per la famiglia (Bertani, Mazzoleni 2003: ) come, ad esempio, la preparazione del pranzo, la pulizia della casa e la cura dei figli (Figure 13, 14, 15). Fig Croccarelle Santa Lucia. Fig Ace Igiene casa. Fig Merenda Neslé. La cooperazione maschile nella gestione del mènage familiare è marginale se non addirittura assente. Lo spot della lavatrice Candy Mix and Wash è uno dei pochi che propone un ribaltamento radicale dei ruoli tradizionali, anche se, come si evince dalla breve sequenza riportata qui di seguito, si ha l impressione che si tratti dell interpretazione di ciò che le donne vorrebbero fare, piuttosto che di un avvenimento concretamente realizzabile (Figure 16, 17, 18, 19, 20, 21). Fig. 16 Candy Mix and Wash. Fig. 17 Idem. Fig Idem. Fig. 19 Idem. Fig. 20 Idem. Fig. 21 Idem. 8

9 Lo spot di Philadelphia Kraft, invece, è più realistico: la preparazione della cena, a differenza degli altri messaggi pubblicitari analizzati, è affidata al marito e non alla moglie (Fig. 22). Infatti, l immagine dell uomo che cucina è ancora poco utilizzata dalla comunicazione pubblicitaria e, nei casi in cui viene presentata, appare solitamente come un attività ludica da svolgere insieme ai figli e non come un gesto quotidiano da svolgere per i figli e per la famiglia (Fig. 23). Fig. 22 Philadelphia, Kraft. Fig. 23 Danette, Danone. Di fatto, dall analisi degli spot esaminati, emerge una figura maschile sostanzialmente estranea a quelli che sono gli oneri familiari. Per l uomo, la casa continua ad essere un luogo in cui rilassarsi e riposarsi dopo lo svolgimento dell attività lavorativa e, sebbene non manchino i riferimenti alla famiglia a doppia carriera in cui la cooperazione tra i coniugi dovrebbe essere maggiore, il carico del lavoro domestico continua a gravare sulla moglie/madre. Ad esempio, in ben due spot che reclamizzano medicinali, lo spot di Supradyn, un integratore di sali minerali, e di Momendol, un antinfiammatorio, le protagoniste sono due madri lavoratrici affaticate dai numerosi impegni familiari e lavorativi che rischiano di compromettere anche la loro salute fisica (Figure 24, 25, 26, 27). Fig. 24 Supradyn. Fig. 25 Idem. 9

10 Fig. 26 Momendol. Fig. 27 Idem L esperienza della maternità e della paternità Riguardo all esperienza della maternità e della paternità, tutti gli spot analizzati ne forniscono una visione positiva e desiderabile, anche se nella vita reale le difficoltà che caratterizzano questo tipo di esperienza sono numerose. In proposito, lo spot del Videotelefono Telecom, affronta un problema, verosimilmente comune a molte famiglie, lo stare lontani da casa e quindi dai propri figli, per motivi di lavoro (Figure 28, 29, 30). Fig. 28 Telecom. Fig. 29 Idem. Fig. 30 Idem. Riguardo al rapporto genitori e figli, si mette in risalto soprattutto la componente ludica, trascurando i possibili conflitti generazionali che inevitabilmente si creano, soprattutto quando i figli sono in età adolescenziale (Figure 31, 32, 33). Fig. 31 Croissanteria, Bauli. Fig. 32 Momendol. Fig. 33 Supradyn. 10

11 Anche nei casi in cui la famiglia ha una struttura non convenzionale, il rapporto tra i genitori acquisiti e i figli risulta essere disteso ed armonioso (Figure 34, 35). Fig. 34 Croccarelle Santa Lucia, Galbani. Fig. 35 Sughi pronti, Knorr E i nonni? Se in precedenza si è fatto riferimento al problema del calo demografico, non si può certo trascurare il fenomeno del progressivo invecchiamento della popolazione (Ginsborg 1998: 135) al quale se ne aggiunge un altro: il venir meno della coabitazione tra le generazioni. Di fatto, negli spot presi in esame, non compaiono quasi mai persone anziane; solo nello spot di Ace Igiene casa, si è registrata la presenza di una nonna (Fig. 36). Fig. 36 Ace Igiene casa. Tuttavia, anche se la famiglia estesa è ormai una realtà marginale, non si può ignorare il ruolo fondamentale svolto, ancora oggi, dai nonni in numerose famiglie. La loro collaborazione nella vita domestica e nella cura dei nipoti diventa una fonte di aiuto preziosa soprattutto per le giovani coppie e per le famiglie a doppia carriera. In proposito, alcuni studiosi hanno parlato di famiglia estesa modificata, ossia, non più basata sulla coabitazione ma sullo scambio frequente di beni e servizi (Scabini 2001: 61). In ultima analisi, però, la comunicazione pubblicitaria non dà sufficiente valore all importanza che gli anziani hanno all interno della famiglia e al fatto che si dovrebbe pensare ad essi come ad una risorsa (Zocchi Del Trecco 1993: 7-8). 11

12 4. Conclusioni In conclusione, a fronte dei numerosi cambiamenti che hanno interessato la famiglia nel corso degli ultimi anni, la comunicazione pubblicitaria appare ancora legata all immagine della famiglia. Nella maggior parte degli spot analizzati, la famiglia rappresentata è soprattutto quella nucleare coniugale. Ciò nonostante, ci sono alcuni tentativi di riprodurre, o meglio, di interpretare il mutamento sociale contribuendo, probabilmente, a renderlo più accettabile. In particolare, gli spot dei Sughi pronti Knorr e delle Croccarelle Santa Lucia Galbani, propongono un modello non convenzionale di famiglia. Certo è che non vi è piena corrispondenza tra la realtà e le rappresentazioni della famiglia prodotte e diffuse dalla pubblicità televisiva. In proposito, però, è opportuno ribadire che le esigenze commerciali impongono di individuare quel minimo comun denominatore che consente di massimizzare il consenso del pubblico (Alberoni 1964: 339). In tal senso si potrebbe giustificare anche la scelta da parte della comunicazione pubblicitaria di continuare ad affidare alla donna la gestione del mènage domestico, infatti, i riferimenti alla collaborazione maschile nelle attività domestiche sono minimi oppure non verosimili, come nel caso dello spot della lavatrice Candy Mix and Wash. Riguardo al rapporto tra genitori e figli, si valorizza soprattutto la componente ludica, è assente qualsiasi riferimento ai possibili conflitti generazionali che spesso caratterizzano tale relazione, del resto i figli sono quasi sempre piccoli e quindi estranei a questo tipo di problematiche. Anche nei casi in cui la famiglia ha una struttura non convenzionale, il rapporto tra genitori acquisiti e figli appare ricco di sentimenti positivi. Infine, riguardo alla presenza degli anziani, l importanza del ruolo svolto dai nonni è pressoché ignorata. La comunicazione pubblicitaria, quindi, se per alcuni aspetti presenta una scarsa aderenza alla realtà, per altri cerca di rappresentare il cambiamento sociale. Del resto, la pubblicità appare come uno straordinario racconto che ha per tema le nostre stesse esperienze (Casetti cit. in Giaccardi 1996: 15). Ciò premesso, nella prospettiva della media education, il linguaggio dei media, compreso quello della pubblicità, potrebbe interagire con quello dell insegnamento scolastico (Morcellini 2003: 161), stimolando la riflessione critica su espressioni concrete del mutamento socioculturale. 12

13 5. Appendice Tab. 1 Spot sulla famiglia. Spot Ace Prodotto pubblicizzato Ace Igiene Casa: prodotti per la pulizia e la disinfezione della casa Tipo di famiglia rappresentata Composizione del nucleo familiare Figli Presenza di figli, età e numero Sì, tre bambini, due maschi ed una femmina Moglie/madre/fidanzata del padre: azioni rappresentate Deve fare il bagnetto al figlio più piccolo perciò pulisce il bagno Marito/padre/fidanzato della madre: azioni rappresentate Lava il cane nella vasca insieme ai figli più grandi Presenza di anziani Si, la nonna Esperienza della maternità/paternità (valutazioni) Positiva Barilla Piccolini Barilla: pasta Figlia Sì, una bambina Porta la pasta in tavola È seduto a tavola per pranzare No Positiva Bauli Croissanteria Bauli: alimento per la colazione 4 nuclei familiari: a) moglie e marito; b) madre, e figli; c) madre incinta e figlio; d) madre incinta e figlia a) No; b) sì, due bambini, un maschio ed una femmina; c) sì, un bambino ed uno in arrivo; d) sì, una bambina ed uno in arrivo a) È a letto; b) gioca con i figli sul letto; c) tiene in braccio il figlio; d) accompagna la figlia a scuola a) Porta la colazione a letto alla moglie; b) mentre si fa la barba gioca con il figlio No Positiva Candy Lavatrice Mix and Wash: elettrodomestico Moglie Marito No Rientra a casa E a casa e si occupa del bucato No - Danone Danette: alimento per dessert Figli Sì, due adolescenti, un maschio ed una femmina Rientra a casa Prepara un dessert con i figli No Positiva Galbani Croccarelle Santa Lucia: alimento, crocchette di formaggio Non convenzionale e figlio Fidanzato della madre e figlio Sì, due adolescenti: uno della madre, un maschio; uno del fidanzato della madre, un maschio Prepara il pranzo Compra un mazzo di fiori e lo regala alla sua nuova compagna No Positiva Infasil Infasil deodorante: prodotto per l igiene personale Figli Sì, due adolescenti, un maschio ed una femmina Parla delle caratteristiche del deodorante con la figlia Si occupa del trasloco No Positiva Knorr Sughi pronti: alimento, sugo precotto Non convenzionale Figlio Fidanzato della madre Sì, un bambino Si siede a tavola per pranzare Pranza e parla con il bambino No Positiva Kraft Philadelphia: alimento, formaggio spalmabile Figlio Sì, un bambino Mette il figlio a letto Vuole preparare la cena per la moglie No Positiva ma anche faticosa Momendol Momendol: medicinale specifico per il mal di schiena Figlio Sì, un bambino Lavora, si occupa della casa, gioca con il figlio Gioca con il figlio No Positiva 13

14 Tab. 1 - Spot sulla famiglia segue. Spot Mulino Bianco Prodotto pubblicizzato Pane Bianco: alimento, pane sottovuoto Tipo di famiglia rappresentata Composizione del nucleo familiare (nominato) Figli Presenza di figli, età e numero Sì, tre bambini Moglie/madre/fidanzata del padre: azioni rappresentate Pranza a casa con i figli Marito/padre/fidanzato della madre: azioni rappresentate Non viene rappresentato, ma solo nominato Presenza di anziani No Esperienza della maternità/paternità (valutazioni) Positiva Mulino Bianco Fette biscottate: alimento per la colazione Moglie Marito No Legge una rivista mentre fa colazione Esce per andare a lavoro No - Nestlé Merenda Nestlé: alimento per neonati Figlio Sì, un bambino Dà la pappa al suo bambino - No Positiva Supradyn Supradyn: integratore di sali minerali Figli Sì, due bambini, un maschio ed una femmina Si reca in ufficio, fa la spesa e gioca con i figli Gioca con i figli No Positiva Telecom Videotelefono: elettrodomestico Figlio Sì, un bambino È a casa con il figlio Lavora su una piattaforma No Positiva Volkswagen Volksvagen Touran: automobile utilitaria - Ragazza Ragazzo Non ci sono elementi per capire se sono sposati Sì, in arrivo Esce da un palazzo dove ha effettuato una visita ginecologica Aspetta in macchina No Desiderabile (esperienza della paternità) Legenda: (-) significa elemento assente oppure non deducibile dalla trama narrativa. 14

15 6. Riferimenti bibliografici ABRUZZESE A. (2002) La famiglia in vetrina, in AA. VV., La famiglia nell arte. Storia e immagini nell Italia del XX secolo, De Luca Editori d Arte, Roma, pp ALBERONI F. (1964) Consumi e società, il Mulino, Bologna. BARBAGLI M. (1990) Provando e riprovando. Matrimonio, famiglia e divorzio in Italia e in altri paesi occidentali, il Mulino, Bologna. BERMAN R. (1990) Pubblicità e cambiamento sociale, Franco Angeli, Milano. BERTANI B.- MAZZOLENI C. (2003) La donna tra vita familiare e vita professionale: la gestione del doppio ruolo, in «Studi di Sociologia», XLI, 2, pp DONATI P. (2001) Manuale di sociologia della famiglia, Laterza, Roma-Bari. DONATI P.- DI NICOLA P. (1989) Lineamenti di sociologia della famiglia, La Nuova Italia Scientifica, Roma. DONATI P.- SCABINI E. (a cura di) (1984) Le trasformazioni della famiglia italiana, Vita e Pensiero, Milano. GIACCARDI C. (1996) I luoghi del quotidiano, Franco Angeli, Milano. GIDDENS A. (1995) La trasformazione dell intimità, il Mulino, Bologna. (1999) La terza via, il Saggiatore, Milano. GINSBORG P. (1998) L Italia del tempo presente. Famiglia, società civile, Stato, Einaudi, Torino. ISTAT (1998) Indagine multiscopo sulle famiglie, Istat, Roma. (2002) Indagine multiscpo sulle famiglie. I cittadini e il tempo libero, Istat, Roma. LOSITO G. (2002) Il potere del pubblico: la fruizione dei mezzi di comunicazione di massa, Carocci, Roma MORCELLINI M. (2003) Lezione di comunicazione, Ellissi, Napoli. PACKARD V. (1969) I persuasori occulti, il Saggiatore, Milano. SARACENO C. (1988) Sociologia della famiglia, il Mulino, Bologna. 15

16 SCABINI E. (2001) Dalla famiglia lunga alla lunga famiglia estesa. Il dilemma della famiglia giovane, in «Psicologia», 163, pp ZANATTA A. (1997) Le nuove famiglie, il Mulino, Bologna. ZOCCHI DEL TRECCO A. M. (1993) L anziano. Oltre la marginalità protetta, Vita e Pensiero, Milano. 16

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli