Rappresentazioni mediali della famiglia italiana: analisi di alcuni spot televisivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rappresentazioni mediali della famiglia italiana: analisi di alcuni spot televisivi"

Transcript

1 PATRIZIA DI MASCIO Rappresentazioni mediali della famiglia italiana: analisi di alcuni spot televisivi [Paper elaborato sulla base della mia tesi di laurea La famiglia e i media (Università degli Studi di Teramo Corso di laurea in Scienze della Comunicazione), relatore: Prof. Angela Maria Zocchi 5 luglio 2005] 1. Introduzione La pubblicità come discorso sociale La famiglia negli spot televisivi Metodologia Il settore merceologico dei prodotti reclamizzati La morfologia del nucleo familiare Pubblicità e mutamento sociale Composizione del nucleo familiare e presenza dei figli La famiglia: aspetti relazionali e organizzativi I ruoli familiari L esperienza della maternità e della paternità E i nonni? Conclusioni Appendice Riferimenti bibliografici

2 1. Introduzione Quale immagine di famiglia è proposta e diffusa dalla pubblicità televisiva? Quali valori vengono maggiormente esaltati? In questo paper si cercherà di rispondere a questi interrogativi attraverso l analisi di alcuni spot televisivi, considerando, nello stesso tempo, la prospettiva della media education. 2. La pubblicità come discorso sociale La scelta di considerare la pubblicità come oggetto d indagine è stata dettata dalla consapevolezza che essa, oltre ad essere un discorso apertamente persuasivo, è anche un discorso sociale. In altri termini, la comunicazione pubblicitaria può essere intesa come rappresentazione mediale di fenomeni sociali e, come tale, può essere usata come un osservatorio utile per comprendere i processi culturali che si attivano nella nostra società (Giaccardi 1996: 13-14). Di fatto, come afferma Berman, la pubblicità fa molto più che persuaderci a consumare beni e servizi: essa ci dice chi siamo (Berman 1990: 11) e, nonostante i più critici continuino a vederla come un mero persuasore occulto 1, non si può certo negare che è una realtà che fa parte delle nostre esperienze comuni. 3. La famiglia negli spot televisivi 3.1 Metodologia Negli ultimi decenni, la famiglia è stata interessata da profondi mutamenti strutturali e relazionali (Donati, Scabini 1984; Donati, De Nicola 1989; Donati 2001). Ciò premesso, l obiettivo di questo paper è di verificare il grado di corrispondenza tra le rappresentazioni della famiglia prodotte e diffuse dalla pubblicità televisiva e la situazione reale. L analisi si basa sull esame di sedici spot televisivi che sono stati selezionati seguendo due criteri: 1 Un feroce attacco alle capacità persuasive e manipolative della pubblicità è, ad esempio, quello di Vance Packard (1969). In particolare, la pubblicità interverrebbe sull inconscio degli individui appagando, almeno apparentemente, otto fondamentali bisogni: sicurezza emotiva; stima e considerazione; esigenze dell ego; impulsi creativi; speculazioni sull affetto; senso di potenza; legami familiari; bisogno di immortalità. Questi bisogni esprimono la debolezza dei consumatori, intorno alla quale si può sviluppare l azione strategica dei messaggi audiovisivi e della pubblicità. Tale visione, però, prevede la presenza di un pubblico passivo ed omogeneo e sopravvaluta il potere dei media mentre, come hanno dimostrato numerosi studi, il pubblico è composto da soggetti eterogenei in grado di negoziare il senso dei messaggi che sono loro rivolti (per una rassegna sul tema si rinvia a Losito 2002). Pertanto, la pubblicità deve essere intesa non tanto come menzogna e neppure come rappresentazione fedele della realtà, ma come rappresentazione mediale di fenomeni sociali che può essere usata dai soggetti come risorsa per orientarsi nelle proprie interazioni quotidiane (Giaccardi 1996: 49-50). 2

3 1. sono stati considerati solo gli spot trasmessi durante l ora di pranzo e l ora di cena in quanto rappresentano due particolari momenti della giornata in cui, solitamente, si guarda la televisione in compagnia dei propri familiari (Istat 2002: 12); 2. tra questi sono stati isolati quelli che hanno come protagonista la famiglia. Si è proceduto, poi, all elaborazione di una scheda d analisi (Appendice - Tab. 1) in cui sono state prese in esame le seguenti variabili : a) il settore merceologico del prodotto reclamizzato; b) il tipo di famiglia e la composizione del nucleo familiare rappresentato; c) la presenza dei figli, indicandone il numero e in maniera approssimativa l età (bambini, adolescenti, adulti); d) le azioni svolte dalla madre/moglie/fidanzata del padre; e) le azioni svolte dal padre/marito/fidanzato della madre; f) la presenza o meno di anziani; g) le valutazioni circa l esperienza della maternità/paternità. 3.2 Il settore merceologico dei prodotti reclamizzati La famiglia è la protagonista di numerosi spot pubblicitari, soprattutto relativi ad alcune aree merceologiche. L immagine della famiglia, infatti, è utilizzata in particolar modo per reclamizzare prodotti alimentari, seguono i medicinali da banco, gli elettrodomestici, i prodotti per l igiene della casa, per l igiene personale ed infine le automobili (Appendice Tab. 1). 3.3 La morfologia del nucleo familiare Come si è accennato in precedenza, la composizione del nucleo familiare ha subito numerosi cambiamenti: non solo il numero dei suoi componenti si è progressivamente ridotto, ma alla famiglia nucleare coniugale, si sono affiancate altre realtà, tanto che non si può più parlare di famiglia, bensì di famiglie (Zanatta 1997: 9). Tale tendenza, peraltro, è confermata da recenti indagini statistiche che hanno registrato un incremento delle famiglie monogenitore, ricostituite ed allargate (Istat 1998: 29-30; 49-50). Le cause di tale fenomeno sono molteplici; tra queste, l introduzione del divorzio e la sua successiva diffusione hanno avuto sicuramente un ruolo determinante 2. Il che, però, non significa che la famiglia è scomparsa, ma semplicemente che ci sono delle trasformazioni sociali in atto che non possono e non devono essere trascurate. In tal senso, anche la comunicazione pubblicitaria ha dimostrato la volontà di dare visibilità alle famiglie che hanno una struttura non convenzionale. Come si vedrà meglio tra breve, a fronte dei numerosi messaggi 2 Un classico sul tema del divorzio è Barbagli

4 pubblicitari in cui si propone l immagine della famiglia, non mancano riferimenti, in alcuni casi chiari ed espliciti, in altri più velati ed ambigui, anche ad altri tipi di famiglia Pubblicità e mutamento sociale Nella maggior parte degli spot analizzati sono rappresentate delle famiglie nucleari e l anello nuziale, simbolo dell unione coniugale socialmente accettata, è messo sempre bene in evidenza. Tale scelta è abbastanza prevedibile se si considera che, trattandosi di messaggi rivolti alla famiglia, si preferisce ottenere il massimo consenso da parte di chi ascolta (Abruzzese 2002: 34). Qui di seguito sono riportati alcuni esempi: Fig. 1 - Ace Igiene casa. Fig. 2 - Piccolini Barilla. Fig. 3 - Candy Mix and Wash. Tuttavia, agli spot che enfatizzano la famiglia coniugale se ne affiancano alcuni che tentano di rappresentare il mutamento sociale. In alcuni casi, i riferimenti sono estremamente chiari. Ad esempio, nello spot dei Sughi pronti Knorr, sebbene l ambientazione sia simile a quella delle altre rèclame, come si vede nella figura 4, la frase pronunciata dal piccolo protagonista: Ma tu mi vuoi bene?...anche se non sei il mio papà? rivela in modo netto che quella che viene rappresentata, non è una famiglia. Fig. 4 - Sughi pronti Knorr. 4

5 Allo stesso modo, nello spot delle Croccarelle Santa Lucia, la voce fuori campo informa lo spettatore che la protagonista, una giovane donna già madre di un figlio, ha invitato a pranzo il suo nuovo compagno, che la vuole sposare, e il rispettivo figlio, che la vuole conoscere (Fig. 5). Fig. 5 - Croccarelle Santa Lucia, Galbani. Anche in questa circostanza non c è possibilità di errore, si fa chiaramente riferimento ad una famiglia non convenzionale. In altri casi, però, non ci sono indicazioni sufficienti per capire se ad essere rappresentata è una famiglia o meno. Ad esempio, nello spot della Volkswagen Touran, la protagonista comunica al suo compagno di aspettare un bambino. Non è chiaro, però, se i due giovani sono sposati: lo spettatore è libero di trarre da solo le proprie conclusioni e di decidere se ad essere rappresentata è una famiglia piuttosto che una famiglia di fatto (Figure 6, 7). Fig. 6 - Volkswagen Touran. Fig. 7 - Idem. 5

6 3.3.2 Composizione del nucleo familiare e presenza dei figli Una delle maggiori preoccupazioni della società contemporanea è sicuramente il calo demografico. Il nostro Paese, in particolare, ha raggiunto un tasso di fecondità tra i più bassi al mondo (Saraceno 1988: 154). In questo caso, la comunicazione pubblicitaria sembra riflettere la situazione reale poiché, nella maggior parte degli spot analizzati, si registra la presenza di uno o due figli per nucleo familiare (Figure 8, 9), anche se non mancano riferimenti a famiglie più numerose come nel caso degli spot del Pane Bianco del Mulino Bianco e di Ace Igiene casa (Figure 10, 11). Fig. 8 Momendol. Fig. 9 - Danette, Danone. Fig Ace Igiene casa. Fig Pane bianco, Mulino Bianco. Se da un lato, però, la famiglia italiana diventa sempre più magra, dall altro essa è sempre più lunga (Scabini 2001: 60-63). Nel corso degli ultimi anni, infatti, si è accentuata la tendenza da parte dei figli adulti di prolungare la loro permanenza nella famiglia d origine (Istat 1998: 70). 6

7 Ciò nonostante, la comunicazione pubblicitaria continua a rappresentare nuclei famigliari in cui i figli sono quasi sempre piccoli e solo in qualche caso adolescenti, come nello spot del deodorante Infasil (Fig. 12). Fig Infasil deodorante. 3.4 La famiglia: aspetti relazionali ed organizzativi La famiglia non è cambiata solo nella struttura. Ad esempio, la pressione verso nuove divisioni dei ruoli, l emancipazione femminile, la quasi totale scomparsa della coresidenza intergenerazionale, hanno comportato una ridefinizione delle relazioni familiari. Iniziando dalla divisione del lavoro in base al genere, è doveroso sottolineare che la progressiva emancipazione della donna e il suo ingresso nel mondo del lavoro, hanno profondamente modificato il rapporto tra i coniugi (Giddens: 1995: ), per cui, oltre alla coppia, basata su una rigida divisione tra ruolo strumentale e ruolo espressivo, inizia ad emergere un significativo numero di coppie egualitarie, caratterizzate da un modello di responsabilità condivisa tra marito e moglie (Scabini 2001: 63). Anche il rapporto genitori/figli è diventato più simmetrico e democratico, ciò nonostante si delineano nuove difficoltà (Giddens 1999: 91-99). Ad esempio, in seguito all aumento dei divorzi e all incremento delle famiglie ricostituite ed allargate, sono sorte nuove problematiche legate alle difficoltà che i genitori non affidatari e i genitori acquisiti, incontrano nel relazionarsi con i figli (Barbagli 1990: ; Zanatta 1997: 85-92). 7

8 3.4.1 I ruoli familiari Nonostante la collaborazione tra i coniugi sia ormai un fenomeno socialmente diffuso, la comunicazione pubblicitaria continua ad essere incentrata sulla rappresentazione del lavoro che la donna svolge per la famiglia (Bertani, Mazzoleni 2003: ) come, ad esempio, la preparazione del pranzo, la pulizia della casa e la cura dei figli (Figure 13, 14, 15). Fig Croccarelle Santa Lucia. Fig Ace Igiene casa. Fig Merenda Neslé. La cooperazione maschile nella gestione del mènage familiare è marginale se non addirittura assente. Lo spot della lavatrice Candy Mix and Wash è uno dei pochi che propone un ribaltamento radicale dei ruoli tradizionali, anche se, come si evince dalla breve sequenza riportata qui di seguito, si ha l impressione che si tratti dell interpretazione di ciò che le donne vorrebbero fare, piuttosto che di un avvenimento concretamente realizzabile (Figure 16, 17, 18, 19, 20, 21). Fig. 16 Candy Mix and Wash. Fig. 17 Idem. Fig Idem. Fig. 19 Idem. Fig. 20 Idem. Fig. 21 Idem. 8

9 Lo spot di Philadelphia Kraft, invece, è più realistico: la preparazione della cena, a differenza degli altri messaggi pubblicitari analizzati, è affidata al marito e non alla moglie (Fig. 22). Infatti, l immagine dell uomo che cucina è ancora poco utilizzata dalla comunicazione pubblicitaria e, nei casi in cui viene presentata, appare solitamente come un attività ludica da svolgere insieme ai figli e non come un gesto quotidiano da svolgere per i figli e per la famiglia (Fig. 23). Fig. 22 Philadelphia, Kraft. Fig. 23 Danette, Danone. Di fatto, dall analisi degli spot esaminati, emerge una figura maschile sostanzialmente estranea a quelli che sono gli oneri familiari. Per l uomo, la casa continua ad essere un luogo in cui rilassarsi e riposarsi dopo lo svolgimento dell attività lavorativa e, sebbene non manchino i riferimenti alla famiglia a doppia carriera in cui la cooperazione tra i coniugi dovrebbe essere maggiore, il carico del lavoro domestico continua a gravare sulla moglie/madre. Ad esempio, in ben due spot che reclamizzano medicinali, lo spot di Supradyn, un integratore di sali minerali, e di Momendol, un antinfiammatorio, le protagoniste sono due madri lavoratrici affaticate dai numerosi impegni familiari e lavorativi che rischiano di compromettere anche la loro salute fisica (Figure 24, 25, 26, 27). Fig. 24 Supradyn. Fig. 25 Idem. 9

10 Fig. 26 Momendol. Fig. 27 Idem L esperienza della maternità e della paternità Riguardo all esperienza della maternità e della paternità, tutti gli spot analizzati ne forniscono una visione positiva e desiderabile, anche se nella vita reale le difficoltà che caratterizzano questo tipo di esperienza sono numerose. In proposito, lo spot del Videotelefono Telecom, affronta un problema, verosimilmente comune a molte famiglie, lo stare lontani da casa e quindi dai propri figli, per motivi di lavoro (Figure 28, 29, 30). Fig. 28 Telecom. Fig. 29 Idem. Fig. 30 Idem. Riguardo al rapporto genitori e figli, si mette in risalto soprattutto la componente ludica, trascurando i possibili conflitti generazionali che inevitabilmente si creano, soprattutto quando i figli sono in età adolescenziale (Figure 31, 32, 33). Fig. 31 Croissanteria, Bauli. Fig. 32 Momendol. Fig. 33 Supradyn. 10

11 Anche nei casi in cui la famiglia ha una struttura non convenzionale, il rapporto tra i genitori acquisiti e i figli risulta essere disteso ed armonioso (Figure 34, 35). Fig. 34 Croccarelle Santa Lucia, Galbani. Fig. 35 Sughi pronti, Knorr E i nonni? Se in precedenza si è fatto riferimento al problema del calo demografico, non si può certo trascurare il fenomeno del progressivo invecchiamento della popolazione (Ginsborg 1998: 135) al quale se ne aggiunge un altro: il venir meno della coabitazione tra le generazioni. Di fatto, negli spot presi in esame, non compaiono quasi mai persone anziane; solo nello spot di Ace Igiene casa, si è registrata la presenza di una nonna (Fig. 36). Fig. 36 Ace Igiene casa. Tuttavia, anche se la famiglia estesa è ormai una realtà marginale, non si può ignorare il ruolo fondamentale svolto, ancora oggi, dai nonni in numerose famiglie. La loro collaborazione nella vita domestica e nella cura dei nipoti diventa una fonte di aiuto preziosa soprattutto per le giovani coppie e per le famiglie a doppia carriera. In proposito, alcuni studiosi hanno parlato di famiglia estesa modificata, ossia, non più basata sulla coabitazione ma sullo scambio frequente di beni e servizi (Scabini 2001: 61). In ultima analisi, però, la comunicazione pubblicitaria non dà sufficiente valore all importanza che gli anziani hanno all interno della famiglia e al fatto che si dovrebbe pensare ad essi come ad una risorsa (Zocchi Del Trecco 1993: 7-8). 11

12 4. Conclusioni In conclusione, a fronte dei numerosi cambiamenti che hanno interessato la famiglia nel corso degli ultimi anni, la comunicazione pubblicitaria appare ancora legata all immagine della famiglia. Nella maggior parte degli spot analizzati, la famiglia rappresentata è soprattutto quella nucleare coniugale. Ciò nonostante, ci sono alcuni tentativi di riprodurre, o meglio, di interpretare il mutamento sociale contribuendo, probabilmente, a renderlo più accettabile. In particolare, gli spot dei Sughi pronti Knorr e delle Croccarelle Santa Lucia Galbani, propongono un modello non convenzionale di famiglia. Certo è che non vi è piena corrispondenza tra la realtà e le rappresentazioni della famiglia prodotte e diffuse dalla pubblicità televisiva. In proposito, però, è opportuno ribadire che le esigenze commerciali impongono di individuare quel minimo comun denominatore che consente di massimizzare il consenso del pubblico (Alberoni 1964: 339). In tal senso si potrebbe giustificare anche la scelta da parte della comunicazione pubblicitaria di continuare ad affidare alla donna la gestione del mènage domestico, infatti, i riferimenti alla collaborazione maschile nelle attività domestiche sono minimi oppure non verosimili, come nel caso dello spot della lavatrice Candy Mix and Wash. Riguardo al rapporto tra genitori e figli, si valorizza soprattutto la componente ludica, è assente qualsiasi riferimento ai possibili conflitti generazionali che spesso caratterizzano tale relazione, del resto i figli sono quasi sempre piccoli e quindi estranei a questo tipo di problematiche. Anche nei casi in cui la famiglia ha una struttura non convenzionale, il rapporto tra genitori acquisiti e figli appare ricco di sentimenti positivi. Infine, riguardo alla presenza degli anziani, l importanza del ruolo svolto dai nonni è pressoché ignorata. La comunicazione pubblicitaria, quindi, se per alcuni aspetti presenta una scarsa aderenza alla realtà, per altri cerca di rappresentare il cambiamento sociale. Del resto, la pubblicità appare come uno straordinario racconto che ha per tema le nostre stesse esperienze (Casetti cit. in Giaccardi 1996: 15). Ciò premesso, nella prospettiva della media education, il linguaggio dei media, compreso quello della pubblicità, potrebbe interagire con quello dell insegnamento scolastico (Morcellini 2003: 161), stimolando la riflessione critica su espressioni concrete del mutamento socioculturale. 12

13 5. Appendice Tab. 1 Spot sulla famiglia. Spot Ace Prodotto pubblicizzato Ace Igiene Casa: prodotti per la pulizia e la disinfezione della casa Tipo di famiglia rappresentata Composizione del nucleo familiare Figli Presenza di figli, età e numero Sì, tre bambini, due maschi ed una femmina Moglie/madre/fidanzata del padre: azioni rappresentate Deve fare il bagnetto al figlio più piccolo perciò pulisce il bagno Marito/padre/fidanzato della madre: azioni rappresentate Lava il cane nella vasca insieme ai figli più grandi Presenza di anziani Si, la nonna Esperienza della maternità/paternità (valutazioni) Positiva Barilla Piccolini Barilla: pasta Figlia Sì, una bambina Porta la pasta in tavola È seduto a tavola per pranzare No Positiva Bauli Croissanteria Bauli: alimento per la colazione 4 nuclei familiari: a) moglie e marito; b) madre, e figli; c) madre incinta e figlio; d) madre incinta e figlia a) No; b) sì, due bambini, un maschio ed una femmina; c) sì, un bambino ed uno in arrivo; d) sì, una bambina ed uno in arrivo a) È a letto; b) gioca con i figli sul letto; c) tiene in braccio il figlio; d) accompagna la figlia a scuola a) Porta la colazione a letto alla moglie; b) mentre si fa la barba gioca con il figlio No Positiva Candy Lavatrice Mix and Wash: elettrodomestico Moglie Marito No Rientra a casa E a casa e si occupa del bucato No - Danone Danette: alimento per dessert Figli Sì, due adolescenti, un maschio ed una femmina Rientra a casa Prepara un dessert con i figli No Positiva Galbani Croccarelle Santa Lucia: alimento, crocchette di formaggio Non convenzionale e figlio Fidanzato della madre e figlio Sì, due adolescenti: uno della madre, un maschio; uno del fidanzato della madre, un maschio Prepara il pranzo Compra un mazzo di fiori e lo regala alla sua nuova compagna No Positiva Infasil Infasil deodorante: prodotto per l igiene personale Figli Sì, due adolescenti, un maschio ed una femmina Parla delle caratteristiche del deodorante con la figlia Si occupa del trasloco No Positiva Knorr Sughi pronti: alimento, sugo precotto Non convenzionale Figlio Fidanzato della madre Sì, un bambino Si siede a tavola per pranzare Pranza e parla con il bambino No Positiva Kraft Philadelphia: alimento, formaggio spalmabile Figlio Sì, un bambino Mette il figlio a letto Vuole preparare la cena per la moglie No Positiva ma anche faticosa Momendol Momendol: medicinale specifico per il mal di schiena Figlio Sì, un bambino Lavora, si occupa della casa, gioca con il figlio Gioca con il figlio No Positiva 13

14 Tab. 1 - Spot sulla famiglia segue. Spot Mulino Bianco Prodotto pubblicizzato Pane Bianco: alimento, pane sottovuoto Tipo di famiglia rappresentata Composizione del nucleo familiare (nominato) Figli Presenza di figli, età e numero Sì, tre bambini Moglie/madre/fidanzata del padre: azioni rappresentate Pranza a casa con i figli Marito/padre/fidanzato della madre: azioni rappresentate Non viene rappresentato, ma solo nominato Presenza di anziani No Esperienza della maternità/paternità (valutazioni) Positiva Mulino Bianco Fette biscottate: alimento per la colazione Moglie Marito No Legge una rivista mentre fa colazione Esce per andare a lavoro No - Nestlé Merenda Nestlé: alimento per neonati Figlio Sì, un bambino Dà la pappa al suo bambino - No Positiva Supradyn Supradyn: integratore di sali minerali Figli Sì, due bambini, un maschio ed una femmina Si reca in ufficio, fa la spesa e gioca con i figli Gioca con i figli No Positiva Telecom Videotelefono: elettrodomestico Figlio Sì, un bambino È a casa con il figlio Lavora su una piattaforma No Positiva Volkswagen Volksvagen Touran: automobile utilitaria - Ragazza Ragazzo Non ci sono elementi per capire se sono sposati Sì, in arrivo Esce da un palazzo dove ha effettuato una visita ginecologica Aspetta in macchina No Desiderabile (esperienza della paternità) Legenda: (-) significa elemento assente oppure non deducibile dalla trama narrativa. 14

15 6. Riferimenti bibliografici ABRUZZESE A. (2002) La famiglia in vetrina, in AA. VV., La famiglia nell arte. Storia e immagini nell Italia del XX secolo, De Luca Editori d Arte, Roma, pp ALBERONI F. (1964) Consumi e società, il Mulino, Bologna. BARBAGLI M. (1990) Provando e riprovando. Matrimonio, famiglia e divorzio in Italia e in altri paesi occidentali, il Mulino, Bologna. BERMAN R. (1990) Pubblicità e cambiamento sociale, Franco Angeli, Milano. BERTANI B.- MAZZOLENI C. (2003) La donna tra vita familiare e vita professionale: la gestione del doppio ruolo, in «Studi di Sociologia», XLI, 2, pp DONATI P. (2001) Manuale di sociologia della famiglia, Laterza, Roma-Bari. DONATI P.- DI NICOLA P. (1989) Lineamenti di sociologia della famiglia, La Nuova Italia Scientifica, Roma. DONATI P.- SCABINI E. (a cura di) (1984) Le trasformazioni della famiglia italiana, Vita e Pensiero, Milano. GIACCARDI C. (1996) I luoghi del quotidiano, Franco Angeli, Milano. GIDDENS A. (1995) La trasformazione dell intimità, il Mulino, Bologna. (1999) La terza via, il Saggiatore, Milano. GINSBORG P. (1998) L Italia del tempo presente. Famiglia, società civile, Stato, Einaudi, Torino. ISTAT (1998) Indagine multiscopo sulle famiglie, Istat, Roma. (2002) Indagine multiscpo sulle famiglie. I cittadini e il tempo libero, Istat, Roma. LOSITO G. (2002) Il potere del pubblico: la fruizione dei mezzi di comunicazione di massa, Carocci, Roma MORCELLINI M. (2003) Lezione di comunicazione, Ellissi, Napoli. PACKARD V. (1969) I persuasori occulti, il Saggiatore, Milano. SARACENO C. (1988) Sociologia della famiglia, il Mulino, Bologna. 15

16 SCABINI E. (2001) Dalla famiglia lunga alla lunga famiglia estesa. Il dilemma della famiglia giovane, in «Psicologia», 163, pp ZANATTA A. (1997) Le nuove famiglie, il Mulino, Bologna. ZOCCHI DEL TRECCO A. M. (1993) L anziano. Oltre la marginalità protetta, Vita e Pensiero, Milano. 16

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015 Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica Predazzo, 9-13 marzo 2015 Contesto: Le nuove famiglie Calo e posticipazione dei matrimoni

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche, culturali

Dettagli

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE Sabrina Marzo, Psicologa, Torino Riassunto La diffusione delle famiglie ricostituite e la presenza di diritti e responsabilità risultanti conflittuali per la complessità

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche,

Dettagli

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO Formazione della coppia Matrimonio Compiti di sviluppo coniugale Costruire una nuova identità di coppia Negoziare sui vari aspetti della vita quotidiana Attuare un rapporto di reciprocità nel rispetto

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

La Ricerca. Key Findings

La Ricerca. Key Findings La Ricerca Key Findings Men at Shopping La Ricerca LE NOSTRE DOMANDE... Il mondo del marketing è da sempre abituato a considerare il target grocery quasi esclusivamente femminile, escludendo i maschi.

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Lezione n. 3 Prof. ssa Elisabetta Donati 1 La famiglia: problemi di analisi comparata Diverse definizioni

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

ALLARME ROSSO: ARRIVANO I SUOCERI

ALLARME ROSSO: ARRIVANO I SUOCERI ALLARME ROSSO: ARRIVANO I SUOCERI Costanza Marzotto, psicologa, mediatrice familiare Servizio di psicologia clinica coppia e famiglia, Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università Cattolica

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali CAMPAGNA Tam Tam nidi Grottaferrata 22 Novembre 2008 Patrizia Pisano C O M U N I ATTORI DEL TERRITORIO progettazione-realizzazione realizzazione Area Minori

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra un

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO

PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO Potenza,19 settembre 2014 PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO I primi segni di invecchiamento iniziano con il pensionamento, perché nella nostra società l uomo

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA

COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA DIMENSIONI INDICATORI ANCORE RELAZIONE CON GLI ALTRI E RISPETTO DELLE REGOLE DI CONVIVENZA Partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Corso di sociologia 2008-09

Corso di sociologia 2008-09 Corso di sociologia 2008-09 A cura di Daniela Teagno Riferimenti bibliografici: Giddens, Sociologia, Il Mulino, Bologna, 1991. AA.VV., Violenza contro le donne. Percezioni, esperienze e confini. Rapporto

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO Sara Vessella GENOGRAMMA DELLA FAMIGLIA NUCLEARE S. 42 anni parrucchiera A. 42 anni imbianchino V. neonato Invio: Ospedale Careggi

Dettagli

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes GRAZIA MAURI E SAVIEM PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE UN PROGRAMMA PER LA SCUOLA

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI TRE ANNI S.A. 1 S.A. 2 S.A. 3 S.A. 4 S.A. 5 TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI IL BAMBINO GIOCA IN MODO COSTRUTTIVO E CREATIVO CON GLI ALTRI, SA ARGOMENTARE,

Dettagli

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Progetto Linguaggi PASSEPARTOUT POR Toscana Ob. -Competitività regionale e occupazione FSE 007 013 Asse IV Capitale umano A.D. 174 del 30.06.010

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Essere Adolescenti e figli di genitori separati

Essere Adolescenti e figli di genitori separati Adolescenti e processi d aiuto Firenze 13-14 Gennaio 2011 Essere Adolescenti e figli di genitori separati Giancarlo Francini psicoterapeuta - Istituto di Terapia Familiare di Firenze Associazione Co.Me.Te

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Breve spiegazione dell'argomento dell'incontro.

Breve spiegazione dell'argomento dell'incontro. Varese Alzheimer Sezione Provinciale Varese Varese Alzheimer AIMA Sezione di Gallarate RELAZIONE GRUPPI ABC CON I FAMILIARI 1.OBIETTIVI - trasmettere ai familiari degli ospiti il "modus operandi" dell'approccio

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE Nuclei fondanti Competenze Contenuti Abilità Metodologia e strumenti Ascolto Parlato Lettura Utilizzare

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli