PROCEDIMENTO PENALE n / /11 R.G. GIP. rito ordinario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario"

Transcript

1 [Portici 5, ] PROCEDIMENTO PENALE n / /11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP /11 R.G.Dib.. Imputati: 1) G.A., nata a Napoli il ; 2) C.S., nato a Portici (NA) il Autorità giudiziaria: Tribunale di Napoli III Sezione, Collegio B. Vicende cautelari: liberi. Stato del procedimento: sentenza n.10350/13 del Tribunale di Napoli III Sezione, Collegio B., emessa in data e depositata il ; Appello in corso. 2. Fonti ed elementi di prova acquisiti. Verbale perquisizione domiciliare e sequestro CC di Portici; Verbale interrogatorio indagati; Documentazione di 21 fogli manoscritti ; Verbale di s.i.t. e denuncia persona offesa. 3. Capi d imputazione. Usura continuata aggravata in concorso (art. 81cpv, 110, 644 cp).

2 4. Tempo e Luogo. Dal settembre 2008 all aprile 2010, in Portici. 5. Dinamica usuraia e contesto criminale. La vicenda oggetto del presente processo si svolge sul territorio compreso tra Portici e Ponticelli ed ha per protagonisti non soggetti legati ad organizzazioni camorristiche, bensì soggetti pronti ad intervenire nel caso di difficoltà finanziaria patita dai commercianti. Si tratta di imputati che operano uti singuli, senza alcun collegamento con le organizzazioni criminali del territorio Il processo riguarda una vicenda di usura che la vittima, C.F., denunciava il 22 luglio 2010 presso la Stazione dei Carabinieri di Acerra. A seguito della denuncia venivano sentiti gli indagati ed effettuati controlli e perquisizioni presso la loro abitazione dove venivano sequestrati un foglio manoscritto riportante dei conteggi effettuati dagli indagati e due assegni Banca Intesa firmati da C.F. La ricostruzione dei fatti si fonda essenzialmente sulla denuncia e sulle dichiarazioni rese da C.F., sulle operazioni compiute dal teste escusso S.C., in servizio presso la stazione dei Carabinieri di Portici e sulla documentazione prodotta ed acquisita al fascicolo del dibattimento; in particolare venivano acquisiti: diciotto fogli manoscritti dalla vittima sui quali erano annotati gli importi ricevuti, le somme da restituire, gli acconti versati e la parte da versare; tre fogli scritti dall imputato C.S., sui quali sono riportati una serie di importi annotati su tre colonne ( settimana, acconto e resta ), l elenco di quattordici assegni per un totale di euro ,00 riportati pedissequamente dalla vittima su fogli scritti a mano e due assegni bancari contenenti, tra le firme di girata, quella della vittima.

3 Nel corso della propria deposizione testimoniale, all udienza del 06 novembre 2012, C.F., pur mostrandosi visibilmente provato a causa dei numerosi problemi di salute successivi alla denuncia, descriveva con coerenza logica la vicenda occorsagli. Tutto aveva inizio nel settembre del 2008, quando C.F., titolare di una macelleria in Ponticelli ( provincia di Napoli), a seguito delle ingenti spese di gestione, entrava in contatto con G.A., che conosceva poiché abitante nel palazzo di sua madre, e le chiedeva in prestito la somma di 3000 euro. L imputata si era resa disponibile ma aveva preteso una commissione iniziale di euro 400, consegnandogli solo la differenza di euro e pretendendo la sua restituzione dilazionata in sette rate mensili da 600 euro per un totale di 4200 euro. Somma che veniva regolarmente restituita. Nel prosieguo del racconto, il macellaio riferiva che nel settembre 2009 aveva preso a prestito un ulteriore somma di denaro che aveva ricevuto, decurtata del 10%, a titolo di commissione, e che avrebbe dovuto restituire in sette rate mensili calcolando un interesse del 40%. La vittima non ricordava precisamente la somma percepita, tuttavia riconosceva come suoi ventuno fogli manoscritti sui quali appuntava le somme ricevute, la parte restituita e quella da restituire comprensiva dei pretesi interessi. Riconosceva pure tre fogli attribuiti a C.S., marito della G.A., nei quali venivano riportati alcuni calcoli e l importo di euro prestati e di euro restituiti. Di fronte all enormità del debito (che lievitava a causa degli sproporzionati interessi), la vittima non riuscì ad onorare il debito nei tempi pattuiti. Nel corso di un nuovo incontro con G.A ed il marito C.S., veniva concordato il pagamento di euro al mese, somma effettivamente corrisposta dalla vittima da gennaio sino all aprile Nel contempo, a causa della grave situazione finanziaria, C.F. era costretto a cessare l attività commerciale, evitando in tal modo di continuare a corrispondere somme di denaro con interessi usurari. La persona offesa ha altresì ripercorso le minacce degli imputati, ed in particolare la prospettazione del sequestro dell automobile e dell appropriazione della macelleria. In dibattimento gli imputati dichiaravano di non volersi sottoporre all esame e pertanto venivano acquisiti i verbali di interrogatorio resi durante le indagini preliminari.

4 La valutazione delle risultanze processuali ha indotto a ritenere attendibile la versione dei fatti fornita dalla vittima, caratterizzata da una coerenza logica e credibilità razionale e riscontrata dalla documentazione acquisita al fascicolo del dibattimento. Il trattenimento di una somma pari a 400 euro a titolo di interesse subito dopo l erogazione del primo prestito di euro e la pattuizione della restituzione dell importo di 600 euro al mese per sette mensilità, per un totale di euro, hanno determinato l applicazione di un tasso di interesse di gran lunga eccedente il limite determinato dalla legge. Ancora, la consegna, al momento dell erogazione di un successivo prestito, delle somme decurtate del 10%, trattenute a titolo di commissione e l applicazione di un tasso di interesse pari al 40%, evidenziano il superamento del tassosoglia consentito. Infine la rinegoziazione dei termini dell accordo con la pattuizione di euro al mese fino al completamento del debito, pari ad euro , ha determinato l applicazione di un tasso di interesse superiore a quello consentito e pertanto usuraio. Questi elementi inducono a ritenere la penale responsabilità dei due imputati in ordine al reato di usura. La vittima, nel luglio 2010, si rivolgeva allo sportello di ascolto dell Associazione Antiusura Mediterraneo di Napoli, che le forniva competenze legali e bancarie ma soprattutto una precisa assistenza psicologica e morale, attività fondamentali nel percorso di comprensione e liberazione dal fenomeno usuraio. 6. Costituzioni di parte civile. Si è costituita parte civile la persona offesa, stante il diretto ed evidente nesso di causalità fra i reati contestati agli imputati ed i danni di natura patrimoniali e non patrimoniali sofferti. La richiesta di costituzione di parte civile è stata accolta dal Collegio senza specifica motivazione sul punto. 7. Conclusioni del P.M. e delle parti civili. PM:.: anni 4 di reclusione ed euro di multa per entrambi gli imputati ;

5 C.F.: accertata e dichiarata la penale responsabilità degli imputati, condanna al risarcimento del danno di natura patrimoniale e non patrimoniale (attraverso criterio equitativo a norma degli artt e 1226 c.c.) da quantificarsi nella somma ritenuta equa dal Tribunale, da dichiarare immediatamente esecutiva ex art. 540 c.p.p., o, in subordine condanna degli imputati al pagamento di una congrua provvisionale ex art. 539 comma II c.p.p.. 9. Decisioni del procedimento. Sentenza I grado: dichiara gli imputati colpevoli dei reati ascritti e condanna: G.A. alla pena di anni 4 di reclusione ed euro di multa; C.S. alla pena di anni 4 di reclusione ed euro di multa. Condanna altresì gli imputati al pagamento delle spese processuali e di custodia cautelare. Dichiara gli imputati interdetti dai pubblici uffici per la durata di anni 5; dichiara l incapacità degli stessi a contrarre con la P.A. per anni 2. Confisca e distruzione di quanto in sequestro. Condanna gli imputati al risarcimento dei danni in favore della costituita parte civile, da liquidarsi in sede civile; riconosce una provvisionale immediatamente esecutiva a favore della persona offesa C.F., in euro , Problematiche di diritto emerse nel procedimento. Nessuna problematica di diritto emersa nel corso del processo. 11. Rilievo mediatico del procedimento. Nessuno. 12. Procedure civili attivate. al momento, nessuna.

6

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario [Portici 12, 2011] PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 15220/12 R.G. M. 10792/12 RG. Dib.; RG. Appello 6763/14.

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 6103/13 RG.NR. rito abbreviato

PROCEDIMENTO PENALE n. 6103/13 RG.NR. rito abbreviato [ Cercola 3, 2007-2012] PROCEDIMENTO PENALE n. 6103/13 RG.NR. rito abbreviato 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 6103/13 R.G. NR. 32306/12 RG. GIP.; RG Appello 5397/14. Imputati:

Dettagli

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G. Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP (Rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP Imputati: Z.S., nato

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 26310/11 R.G.N.R. 53724/10 R.G. G.I.P. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 26310/11 R.G.N.R. 53724/10 R.G. G.I.P. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE n. 26310/11 R.G.N.R. 53724/10 R.G. G.I.P. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 26310/11 R.G.N.R. 53724/10 R.G.G.I.P. Imputati: 1) V.G., nato

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE il giudice per le indagini preliminari dr. Claudio Tranquillo, all'udienza del 24.10.2012 ha pronunciato mediante lettura

Dettagli

Ruvo di Puglia, 2005-07. 1. Dati identificativi del procedimento penale:

Ruvo di Puglia, 2005-07. 1. Dati identificativi del procedimento penale: Procedimento penale : n. 709/09 R.G.N.R.; n. 10268/11 R.G.N.R., n. 1350/10 R.G..GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 709/09 R.G.N.R.; n. 10268/11 R.G.N.R.,

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO SEZIONE DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI. R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo italiano

TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO SEZIONE DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI. R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo italiano TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO SEZIONE DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo italiano Il Giudice per l'udienza preliminare, dott. Roberto Arnaldi,

Dettagli

NORMATIVA USURA. FLA FINANZIARIA SpA MARZO 2011. Pagina 1 di 12

NORMATIVA USURA. FLA FINANZIARIA SpA MARZO 2011. Pagina 1 di 12 NORMATIVA USURA FLA FINANZIARIA SpA MARZO 2011 Pagina 1 di 12 INDICE - Premessa - Adempimenti - Legge anti Usura 108/96 - Istruzioni Banca d Italia per la rilevazione dei tassi effettivi globali medi File

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 30135/10 R.G.N.R. 10007/11 R.G. TRIB. a carico di P.P. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 30135/10 R.G.N.R. 10007/11 R.G. TRIB. a carico di P.P. (rito ordinario) [Napoli, Forcella 2, 2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 30135/10 R.G.N.R. 10007/11 R.G. TRIB. a carico di P.P. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 30135/10 R.G.N.R.

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

BA.ST., nata ad (...), dom. eletto ex art. 161 c.p.p. in Roma Via (...) presso lo studio dell'avv. Da.Ma. del Foro di Roma;

BA.ST., nata ad (...), dom. eletto ex art. 161 c.p.p. in Roma Via (...) presso lo studio dell'avv. Da.Ma. del Foro di Roma; Tribunale di Ivrea Sen. n. 549 del 08 gennaio 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI IVREA Il Giudice del Tribunale di Ivrea Dr.ssa Marianna Tiseo alla pubblica udienza del 10

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Avv. ROBERTO BERNOCCHI professore a contratto e dottore di ricerca in diritto degli alimenti Università di Parma

Avv. ROBERTO BERNOCCHI professore a contratto e dottore di ricerca in diritto degli alimenti Università di Parma Avv. ROBERTO BERNOCCHI professore a contratto e dottore di ricerca in diritto degli alimenti Università di Parma IL PROCESSO PENALE Dispensa per la Scuola di Specializzazione in Legislazione Veterinaria

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. La conclusione di contratti di investimento tra un agente ed un soggetto assicurato espone la compagnia assicuratrice ad una responsabilità solidale, ex art. 2049 c.c., per i danni subiti dall

Dettagli

APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO

APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO IMPUTATO All imputato è dedicato il titolo IV del libro I del cpp, artt. 60-73 L art. 61 del cpp stabilisce che si

Dettagli

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Tribunale di Livorno Ufficio Giudice Indagini Preliminari Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Presso il Tribunale di Livorno Dr. Antonio Pirato all udienza in Camera

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI Prefazione... XV CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI 1.1. Stalking:evoluzioneecaratteridefinitori... 1 1.1.1. Una possibile categorizzazione del fenomeno... 4 1.1.2. L opera di neutralizzazione da parte dello

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Monza Sezione Terza Sezione Il Tribunale, nella persona del giudice unico Dott. Giovanni Battista Nardecchia ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività

La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività ART. 55 cpp 1. La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori,

Dettagli

Tribunale di Bolzano, penale, udienza del 28 gennaio 2005

Tribunale di Bolzano, penale, udienza del 28 gennaio 2005 Tribunale di Bolzano, penale, udienza del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI BOLZANO SEZIONE PENALE in persona del Giudice: Dott.ssa Laura Briganti Vitalini

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Regione Siciliana Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania COTTIMO FIDUCIARIO PER L ACQUISTO DI TEST IN ELISA PER ANTICORPI ANTI RECETTORE DELL ACETILCOLINA PER IL LABORATORIO

Dettagli

LA FASE STRAGIUDIZIALE

LA FASE STRAGIUDIZIALE INDICE SOMMARIO Presentazione... 5 Normativa di riferimento LA FASE STRAGIUDIZIALE 1. Provv. (Isvap) 13 dicembre 2002, n. 2136. Approvazione del modulo di denuncia di sinistro per l assicurazione obbligatoria

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele CATANIA

Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele CATANIA Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele CATANIA Settore Provveditorato-gruppo Generi Vari tel. 0957435627 fax 095/317844 Oggetto: Stampa opuscoli. Prot. N. 34362 del 17/07/2012

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima

Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Sezione, con l intervento dei signori magistrati: Bruno Amoroso

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom Anatocismo e Usura Bancaria Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom 1 ANATOCISMO USURA RILEVAZIONI CONTABILI ERRATE COSTI OCCULTI INDETERMINATEZZA DELLE CONDIZIONI CONTI CORRENTI MUTUI LEASING DERIVATI

Dettagli

Dr. Giovanni Battista Frescura *

Dr. Giovanni Battista Frescura * Dr. Giovanni Battista Frescura * Centro servizi peritali (immobili e contratti bancari) Valdagno (VI) Via Bellini 6,Tel/fax 0445.412545, Email csvaldagno@assimai.it P.iva 022225740246 - N. rea 216490 Illustrazione

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

Il Tribunale di Caltanissetta, sezione civile, in composizione monocratica, nella persona del Giudice, dr. C.D. Cammarata ha pronunciato la seguente

Il Tribunale di Caltanissetta, sezione civile, in composizione monocratica, nella persona del Giudice, dr. C.D. Cammarata ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISETTA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Caltanissetta, sezione civile, in composizione monocratica, nella persona del Giudice, dr. C.D.

Dettagli

La figura dell informatico forense

La figura dell informatico forense Pag. 1 di 6 La figura dell informatico forense Sommario Sommario... 1 Introduzione... 1 Formazione... 1 Competenze... 2 Esperienza professionale... 2 L attività dell informatico forense... 2 Ambiti lavorativi...

Dettagli

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI...

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI... Formula 79 Difensore 149 FORMULA 79 VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI DA PERSONE INFORMATE SUI FATTI (artt. 327 bis e 391 bis c.p.p.) R.G. n.... ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Il Tribunale di Vibo Valentia

Il Tribunale di Vibo Valentia SENTENZA n 129/11 composto dai Magistrati REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Vibo Valentia - sezione penale - In data 8.2.2011 RGNR 766/10 REG. GEN. 3742/08 Depositata in cancelleria

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Proc. n. 48631/05 R.G. notizie di reato Proc. n. 8456/06 RG G.I.P TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Ufficio del Giudice per le indagini e l udienza preliminare Giudice dott. Giovanni Ariolli Repubblica Italiana

Dettagli

TRIBUNALE DI GELA SEZIONÉ PENALE

TRIBUNALE DI GELA SEZIONÉ PENALE Sentenza n. 337/10 l TRIBUNALE DI GELA SEZIONÉ PENALE R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Gela, composto dai Signori Magistr.ati: Dott. Dott. Dott. Lirio G.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura NO ALLA DOPPIA SOMMATORIA Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura 12/06/2014 Tribunale di Torino - Ordinanza 10 giugno 2014 n. 759 In un contratto di finanziamento, ai fini del superamento

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLEGATO A Al Comune di Altofonte Piazza Falcone Borsellino 90030 ALTOFONTE (PA) ISTANZA DI PARTECIPAZIONE Procedura di cottimo fiduciario avente per oggetto: Noleggio di luminarie artistiche in occasione

Dettagli

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Legge 20 luglio 2004, n. 189 il legislatore ha sancito che gli animali debbono essere sempre

Dettagli

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Protocollo Settore Provveditorato Magazzino Generale Tel. 095-7436337 fax 095-7435571 Oggetto: Acquisto Reagenti

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica STALKING Indagine statistica attraverso la lettura dei fascicoli dei procedimenti definiti con sentenze di primo grado Roma, Giugno 2014 STALKING

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani Nr. 3131.10 R.G. mod. 21 AVVISO ALL INDAGATO DELLA CONCLUSIONE DELLE INDAGINI PRELIMINARI E INFORMAZIONE DI GARANZIA (art. 415 bis - 369 C.P.P.) Il

Dettagli

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chart 1 ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chi è Chart 2 ROLAND è una Compagnia specializzata nella Tutela Legale OLTRE 1000 DIPENDENTI Sede a Colonia OLTRE 1.100.000 CLIENTI RACCOLTA PREMI DI 250.000.000,00

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE L anno, il giorno del mese di. in.. nello Studio dell avv., sono presenti: A) il sig., nato in. il (C.F.:,

Dettagli

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545.

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545. Caso 5.4 In caso di decesso da parte di soggetto sul posto di lavoro e fattispecie inerente al risarcimento delle cosiddette vittime da rimbalzo, quali criteri adottare per la liquidazione del danno conseguente

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

- MODELLO A - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (resa ai sensi degli artt. 46 e 47, del D.P.R. 445/2000)

- MODELLO A - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (resa ai sensi degli artt. 46 e 47, del D.P.R. 445/2000) - MODELLO A - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (resa ai sensi degli artt. 46 e 47, del D.P.R. 445/2000) da sottoscriversi a cura di ciascuno dei soggetti individuati dall art. 38 D.Lgs. n.163/2006 e s.m.i. il

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n.

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n. MOD. AVV DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE ALLA CORTE D APPELLO DI FIRENZE VIA CAVOUR, 57 50129 FIRENZE La presente dichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/00, deve essere corredata da

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Università, Istituti Scolastici Pubblici e Scuole Pubbliche in genere. Segmento Affinity

Università, Istituti Scolastici Pubblici e Scuole Pubbliche in genere. Segmento Affinity Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Patrimoniale verso Terzi e della Responsabilità Amministrativa ed AmministrativoContabile n. CRB038AON39 Università, Istituti Scolastici Pubblici e

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA N. 04045/2014 REG.PROV.COLL. N. 03024/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO ALLEGATO D PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEI RAMI D AZIENDA DENOMINATI GRAN CAFFE DELLE TERME E CHALET PARCO TERMALE CON CHIOSCO PISCINA Spett.le BAGNI DI CASCIANA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO Provincia di Agrigento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 63 DEL 22/10/2015 OGGETTO : SENTENZA DI ASSOLUZIONE NEL PROCEDIMENTO PENALE RGNR N. 3272/12 ED RGGP

Dettagli

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO ALLEGATO D PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI FARMACI, PARAFARMACI E DI TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI EROGABILI NEL NORMALE CICLO DISTRIBUTIVO DELLE FARMACIE CIG 602865075B CIG 6028660F99 Spett.le FARMACIA

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II quater, sentenza 10 dicembre 2013 n. 10644

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II quater, sentenza 10 dicembre 2013 n. 10644 T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II quater, sentenza 10 dicembre 2013 n. 10644 INTESTAZIONE Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso

Dettagli

IL VERO AIUTO NON USURA.

IL VERO AIUTO NON USURA. I.P. PROVINCIA DI ROMA PRESIDENZA DELLA PROVINCIA DI ROMA ASSESSORATO ALLA TUTELA CONSUMATORI E LOTTA ALL'USURA XVI MUNICIPIO numero verde 800 502 333 WWW.AMBULATORIOANTIUSURA.IT IL VERO AIUTO NON USURA.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. (con i poteri del Consiglio comunale- art. 42 del T.u.ee.ll. approvato con D.Lgs. n.

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. (con i poteri del Consiglio comunale- art. 42 del T.u.ee.ll. approvato con D.Lgs. n. COMUNE DI CASAVATORE Provincia di Napoli DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO (con i poteri del Consiglio comunale- art. 42 del T.u.ee.ll. approvato con D.Lgs. n. 267 del 2000) ORIGINALE N. 68 DEL

Dettagli

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso SENTENZA N. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI ROMA I SEZIONE PENALE DIBATTIMENTALE Il Giudice di Pace dott.ssa CHIASSAI Cristina Alla pubblica udienza del 16.06.2011 SENTENZA

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA Corso di studi DEONTOLOGIA E ORDINAMENTO PROFESSIONALE I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA 21 aprile 2008 Avv. Laura Marini Avv. Fabrizio Ariani Il primo nemico dell avvocato è il cliente Ma se rispettiamo

Dettagli

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p.

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. ALDO AREDDU (Avvocato) Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. Tanto per essere chiari, cominciamo dalla fine! La conclusione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 1 Depositi giudiziari Sommario 1. Generalità. - 2. Depositanti. - 3. Casi in cui vengono eseguiti i depositi presso gli uffici postali. 4. Il versamento alla cassa depositi e prestiti. - 5. Il

Dettagli

GIARDINO SCOTTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA ESTIVA ANNO 2015.

GIARDINO SCOTTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA ESTIVA ANNO 2015. Allegato B Modulo delle Dichiarazioni (da inserire nella busta n. 1 Documentazione amministrativa) Al Comune di Pisa Direzione Cultura e Turismo Coordinamento Interventi sul Litorale OGGETTO: AVVISO PUBBLICO

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

Lo stress lavoro correlato. Quali tutele nel nostro ordinamento

Lo stress lavoro correlato. Quali tutele nel nostro ordinamento Lo stress lavoro correlato. Quali tutele nel nostro ordinamento Avv. Hilaria Piraccini Progetto Sto bene a scuola Istituto comprensivo Beinasco-Gramsci 14/11/2012 Lo stress. Definizione Stato personale,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Copia Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 1 - Affari Generali e Istituzionali N. 862 Registro Generale DEL 10/07/2013 N. 436 Registro del Settore DEL 04/07/2013 Oggetto

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE. Ministero della Giustizia. Criminalità e azioni di contrasto: le potenzialità dei sistemi informativi gestionali

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE. Ministero della Giustizia. Criminalità e azioni di contrasto: le potenzialità dei sistemi informativi gestionali SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Ministero della Giustizia Criminalità e azioni di contrasto: le potenzialità dei sistemi informativi gestionali Armando Caputo Emanuela Camerini ROMA SESTA CONFERENZA NAZIONALE

Dettagli

DICHIARAZIONE ex. Art. 38 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. ai sensi del D.P.R. 445/2000

DICHIARAZIONE ex. Art. 38 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. ai sensi del D.P.R. 445/2000 ALLEGATO 1 DICHIARAZIONE ex. Art. 38 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. ai sensi del D.P.R. 445/2000 Spett.le Il sottoscritto..nato a... il residente in..alla_via..... C.F.: in qualita di...... dell Impresa......

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

La diffamazione/ le aggravanti

La diffamazione/ le aggravanti La diffamazione Cosa distingue la diffamazione (595 cp) dall ingiuria (594 cp)? Cos è la calunnia (368 cp)? La differenza rispetto a codici Zanardelli e Rocco. 595 cp: chiunque, fuori dei casi indicati

Dettagli

SCUOLA TERRITORIALE. C A M E R A P E N A L E di Busto Arsizio CORSO DI DEONTOLOGIA E TECNICA DEL PENALISTA

SCUOLA TERRITORIALE. C A M E R A P E N A L E di Busto Arsizio CORSO DI DEONTOLOGIA E TECNICA DEL PENALISTA SCUOLA TERRITORIALE C A M E R A P E N A L E di Busto Arsizio CORSO DI DEONTOLOGIA E TECNICA DEL PENALISTA I - Introduzione al corso La figura ed il ruolo del difensore d ufficio Attività dell U.C.P.I.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra N RG 64615/2013 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n rg 64615/2013 BEMA CERAMICHE SRL DEBORAH BETTI CONSUELO BETTI STEFANO BETTI PIERA PELUCCHI tra BANCA POPOLARE DI

Dettagli

Caldaia non a norma? Ne risponde il manutentore che non ne impedisce l'uso Cassazione penale, sez. IV, sentenza 13.12.2012 n 48229 commento e testo

Caldaia non a norma? Ne risponde il manutentore che non ne impedisce l'uso Cassazione penale, sez. IV, sentenza 13.12.2012 n 48229 commento e testo Caldaia non a norma? Ne risponde il manutentore che non ne impedisce l'uso Cassazione penale, sez. IV, sentenza 13.12.2012 n 48229 commento e testo Altalex.it (Simone Marani) Il solo fatto di aver lasciato

Dettagli