LA TRANSIZIONE DAL LAVORO ALLA PENSIONE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TRANSIZIONE DAL LAVORO ALLA PENSIONE:"

Transcript

1 Daniele Zaccaria LA TRANSIZIONE DAL LAVORO ALLA PENSIONE: L APPROCCIO DELL ECONOMIA ALL ANALISI DELLE SCELTE DI PENSIONAMENTO DSS PAPERS SOC 02-05

2

3 INDICE 1. Introduzione... Pag Tendenze della forza lavoro I presupposti teorici degli studi di natura economica L approccio push/pull L influenza dei sistemi di sicurezza sociale La risposta della political economy I risultati empirici Metodi e strumenti di analisi Incentivi e disincentivi dei sistemi di sicurezza sociale L influenza delle condizioni di salute Le scelte di pensionamento delle donne e delle coppie Conclusioni...37 Riferimenti bibliografici...41

4

5 1. Introduzione Tutti i paesi maggiormente industrializzati si sono dovuti confrontare negli ultimi tre decenni con il fenomeno dell ageing, ovvero del progressivo invecchiamento della popolazione. Le implicazioni di tale fenomeno sono molteplici e riguardano in particolar modo la sostenibilità sociale, l aumento della spesa pubblica, il mismatch di competenze tra domanda e offerta di lavoro, la progressiva diminuzione dei tassi di attività. Per quanto riguarda il mercato del lavoro si è assistito a partire dagli anni 70 ad una contrazione significativa dei tassi di attività dei lavoratori anziani e, contemporaneamente, ad un continuo abbassamento dell età di uscita dalla forza lavoro 1. Quest ultimo è il fenomeno definito come early retirement, ovvero il pensionamento anticipato rispetto all età in cui di norma divengono disponibili i benefici pensionistici. Questo tema ha interessato numerosi studiosi di diverse discipline che si sono interrogati sulle cause che l hanno generato, cercando da un lato di cogliere le specificità nazionali e, dall altro, di confrontare realtà differenti per individuare tendenze comuni e best practices utili a individuare possibili rimedi. Tuttavia si deve riconoscere come, soprattutto nell ultimo decennio, siano stati soprattutto gli economisti, e tra questi in maggior misura quelli di cultura anglosassone, a condurre studi dettagliati sull evoluzione dei modelli di pensionamento e sui fattori che li hanno condizionati. Di seguito si cercherà di fornire un quadro sufficientemente esaustivo di alcuni tra i più importanti studi condotti negli ultimi anni da diversi economisti, evidenziandone i presupposti teorici e i risultati empirici, senza 1 Come dimostrato da Geroldi (1993), si tratta in particolare di un abbassamento dell età effettiva di pensionamento, più che di quella legale, che, pur essendo stata oggetto di diverse modifiche, ha subito variazioni più contenute. La transizione dal lavoro alla pensione 5

6 tralasciare eventuali criticità, in modo da poter disporre di un utile spunto di riflessione e di un termine di paragone per ulteriori studi, di natura non solo economica. 2. Tendenze della forza lavoro Rispetto a trenta anni fa la partecipazione alla forza lavoro degli uomini di età compresa tra i 55 e i 64 anni è diminuita in maniera significativa in tutti i paesi occidentali.. Questo trend è particolarmente evidente in nei paesi centro e sud-europei, mentre ha un minor impatto nei paesi scandinavi e in quelli anglosassoni. Bisogna tuttavia notare che i dati relativi ai tassi di partecipazione alla forza lavoro sovrastimano l attività di questa classe di lavoratori, in quanto vengono considerate anche quote di lavoratori disoccupati che però non sono più alla ricerca di un impiego, poiché prossimi al raggiungimento dell età minima necessaria per poter usufruire della pensione di anzianità o perché beneficiari di trattamenti pensionistici particolari, quali sussidi di disoccupazione o di invalidità (Guillemard, Rein 1993). È dunque più opportuno considerare i tassi di attività che, secondo le definizioni utilizzate dall ILO, dall Eurostat e dall OECD, prendono in considerazione solo le persone realmente occupate 2. Ormai l inattività dopo i 60 anni è diventato un fenomeno diffuso e, per alcuni paesi, può essere considerata la norma. Oggi, a differenza di quanto accadeva negli anni 70, tre quarti della popolazione ultrasessantenne non è 2 Anche in questo caso tuttavia il dato non risulta completamente veritiero poiché, in casi come quello italiano, sono stati considerati come occupati anche lavoratori che in realtà non lo erano ma hanno beneficiato di trattamenti straordinari, come la Cassa integrazione guadagni o la mobilità. 6 La transizione dal lavoro alla pensione

7 più inserita nel mercato del lavoro ed è inoltre in costante aumento la tendenza dei lavoratori di età compresa tra i 55 e i 59 anni a lasciare precocemente la vita attiva. Guardando come è cambiata nel tempo l età media di transizione al pensionamento, si notano immediatamente delle sensibili differenze: se negli anni 60 e 50 i lavoratori maschi lasciavano il mercato del lavoro a 65 anni in quasi tutti i paesi occidentali, nei decenni seguenti il momento della transizione si è verificato sempre più precocemente, tanto che nel 1995 l età media registrata è stata pari a 60 anni. Quanto detto per i lavoratori maschi, vale anche per le lavoratrici anziane, per le quali l andamento nel tempo dell età media di pensionamento, di norma inferiore a quella maschile, ha seguito un trend del tutto simile, registrando anche in questo caso valori decrescenti lungo tutto l arco di tempo considerato, cosicché alla metà degli anni 90 la maggioranza delle donne ha lasciato il mercato del lavoro prima del sessantesimo anno di età. Tab. 2.1: Età media di uscita definitiva dal mercato del lavoro* Uomini Belgio 64,8 63,3 62,6 61,1 58,3 57,6 Francia 66,1 64,5 63,5 61,3 59,6 59,2 Germania 65,7 65,2 65,3 62,2 60,3 60,5 Italia 66,9 64,5 62,6 61,6 60,9 60,6 Giappone 66,7 67,2 67,7 67,2 66,5 66,5 Olanda 66,4 66,1 63,8 61,4 59,3 58,8 Regno Unito 67,2 66,2 65,4 64,6 63,2 62,7 Spagna 68,1 67,9 65,2 63,4 61,6 61,4 Stati Uniti 66,9 66,5 65,4 64,2 64,1 63,6 Svezia 66,8 66,0 65,3 64,6 63,9 63,3 La transizione dal lavoro alla pensione 7

8 Donne Belgio 62,9 60,8 59,1 57,5 54,7 54,1 Francia 69,0 65,8 64,0 60,9 59,0 58,3 Germania 62,7 62,3 62,2 60,7 58,2 58,4 Italia 64,0 62,0 60,7 59,5 57,5 57,2 Giappone 65,5 64,6 64,6 63,9 63,9 63,7 Olanda 64,1 63,7 62,9 58,4 55,8 55,3 Regno Unito 63,9 62,7 62,4 62,0 60,5 59,7 Spagna 68,9 68,0 64,7 63,6 59,7 58,9 Stati Uniti 64,2 65,1 64,8 62,8 62,2 61,6 Svezia 65,5 63,4 62,5 62,0 62,4 62,1 * Questo indicatore si basa su un modello probabilistico che considera i cambiamenti relativi dei tassi di attività da un anno all altro a specifiche età. Fonte: Blondal, Scarpetta 1999 C è una stretta relazione tra l età di pensionamento e i tassi di occupazione e di attività (Figura 1.1): nei paesi dove l età media di pensionamento è inferiore ai 60 anni meno della metà dei lavoratori tra i 55 e i 64 anni è ancora inserito nel mercato del lavoro, mentre nei paesi con la più alta età di pensionamento il tasso di attività risulta assai più elevato. Questa relazione è differente se si considerano le donne: i tassi di attività delle ultracinquantenni sono rimasti sostanzialmente stabili nel tempo, mentre è calata la loro età di pensionamento, che, in altre parole, indica come una quota maggiore di donne tra i 55 e i 64 anni partecipa alla vita attiva ma, in media, si ritira prima di quanto accadeva nei decenni scorsi. 8 La transizione dal lavoro alla pensione

9 Figura 1.1: Età media di pensionamento e tassi di partecipazione dei lavoratori anziani 1995 Fonte: Blondal, Scarpetta 1999 La transizione dal lavoro alla pensione 9

10 3. I presupposti teorici degli studi di natura economica Le cause del fenomeno di early retirement sono state oggetto di numerosi studi di natura economica, sociologica e demografica (Aaron, Burtless 1984; Blondal, Scarpetta 1997; Gruber, Wise 1999; Coile, Gruber 2000; Testa 2000). Seppur utilizzando approcci diversi e focalizzando l attenzione su fenomeni eterogenei, tutti hanno individuato nei sistemi di protezione sociale, nella loro evoluzione e nelle politiche ad essi sottostanti, i fattori determinanti del trend crescente che ha riguardato in questi ultimi tre decenni le uscite precoci dal mercato del lavoro 3. Spetta però agli economisti il merito di aver ampliato per primi lo spettro di indagine, focalizzando la ricerca sulle cause insite nei sistemi di protezione sociale e cercando di individuarne incentivi e disincentivi al pensionamento. Tuttavia l approccio comune a tutti questi studi è chiaramente inserito nella teoria della scelta razionale e questo ne limita senza dubbio l accettazione da parte degli studiosi critici verso questa impostazione, primi fra tutti i sociologi fedeli alla political economy e gli economisti di stampo istituzionalista. Questi studi focalizzano infatti l attenzione sulla scelta individuale di abbandonare definitivamente il mercato del lavoro, presupponendo un individuo perfettamente razionale e, per questo, in grado di compiere le proprie scelte sulla base di valutazioni dettagliate e complete dell intero 3 I sociologi, soprattutto a cavallo tra gli anni 70 e 80, hanno focalizzato l attenzione sui cambiamenti che comportava l uscita dal mercato del lavoro e sulle conseguenze che questo fenomeno aveva per il tenore di vita e per il livello di soddisfazione dei pensionati rispetto alla nuova condizione, più che sul percorso di transizione verso il pensionamento, sui mutamenti nel tempo di tale percorso e sulle ragioni del mutamento stesso. Questa tradizione di studi sociologici è ben colta da Hardy (1992), mentre una rassegna critica di questa letteratura e contenuta in Guillemard (1982). 10 La transizione dal lavoro alla pensione

11 sistema di protezione sociale, sia pubblico che privato, delle sue regole e degli incentivi al lavoro o al pensionamento in esso presenti. 3.1 L approccio push/pull L eredità di questa impostazione nel campo degli studi sulla transizione al pensionamento è rappresentata dall approccio, prevalentemente nordamericano, che individua le determinanti della scelta individuale nei fattori definiti push e pull, che guidano i lavoratori nella decisione di rimanere o di uscire dal mercato del lavoro, a seconda che i benefici superino o meno i costi della permanenza nella vita attiva (Guillemard, Rein 1993). I fattori push, sono quelli che spingono il lavoratore fuori dal mercato del lavoro e che sono identificabili nelle condizioni di salute del lavoratore, nelle condizioni di lavoro e nelle possibilità di rimanere nel mercato del lavoro; i fattori pull invece, sono costituiti dagli incentivi insiti nei sistemi di welfare che attirano i lavoratori verso il pensionamento, e che sono valutabili considerando il grado di copertura dai rischi sociali garantito dai sistemi nazionali di protezione sociale. Secondo questa impostazione quindi i miglioramenti della copertura dei sistemi di sicurezza sociale e la più facile accessibilità dei trattamenti pensionistici registratisi a partire dagli anni 70, avrebbero influenzato le scelte dei lavoratori, facendoli propendere in maniera maggiore che in passato per l interruzione della carriera lavorativa. La decisione di uscire prima dal mercato del lavoro infatti sarebbe divenuta meno costosa, a fronte della possibilità di continuare a lavorare divenuta al contrario meno attraente. La transizione dal lavoro alla pensione 11

12 L enfasi degli economisti si è concentrata in particolare sugli effetti impliciti presenti negli incentivi monetari forniti dai sistemi pensionistici pubblici e privati: attraverso modelli microeconomici, nei quali l individuo è considerato come un homo economicus, hanno cercato di provare empiricamente come in realtà questi incentivi si trasformino in disincentivi al lavoro negli ultimi anni di carriera. Alcuni sociologi hanno adottato l impostazione secondo cui i sistemi pensionistici attirano i lavoratori fuori dal mercato del lavoro prima della normale età di pensionamento, ma arricchendola con altri fattori interpretativi. Così alcuni hanno attribuito particolare importanza alla stratificazione sociale, che avrebbe la capacità di generare diversi modelli di transizione al pensionamento, in quanto ogni classe risulterebbe condizionata in maniera differente dagli incentivi finanziari dei sistemi pensionistici (Fillenbaum et al. 1985; Hayward, Grady 1990). Altri invece, più focalizzati sui meccanismi di scelta individuale, hanno attribuito a fattori culturali, più che a calcoli economici, il ruolo chiave nella scelta dell alternativa lavoro/pensione (Inkeles, Usui 1988). L attenzione in questi casi si è concentrata sui valori dei lavoratori prossimi alla pensione, sulle loro aspettative e aspirazioni, sulla forza dell attaccamento al lavoro. L approccio push/pull, sebbene abbia fornito ai policy makers una valida ragione per apportare restrizioni ai regimi di pensionamento anticipato, può essere soggetto a diverse critiche, concentrate soprattutto sull assunto che la scelta individuale tra lavoro e pensione sia determinata esclusivamente dalla valutazione dei vantaggi e degli svantaggi impliciti nelle disposizioni istituzionali che regolano il pensionamento. Innanzitutto non è condivisibile l idea che l early retirement sia esclusivamente il risultato di una scelta individuale: andrebbe infatti tenuta 12 La transizione dal lavoro alla pensione

13 in considerazione anche la situazione del mercato del lavoro, in quanto un elevato tasso di disoccupazione di lunga durata potrebbe portare all attuazione di politiche di prepensionamento rivolte ai lavoratori più anziani, che si troverebbero dunque costretti a terminare anticipatamente la carriera lavorativa, senza avere alcuna possibilità di scelta. In secondo luogo, questo approccio trascura i cambiamenti che possono avvenire nel mercato del lavoro nel corso del tempo, soprattutto dal lato della domanda. Le pensioni da sole non sono in grado di spiegare la caduta dei tassi di attività dei lavoratori anziani; bisogna guardare anche alle dinamiche della domanda di lavoro, che in molti casi preferisce lavoratori giovani, adducendo motivazioni legate alla minor produttività e al maggior costo dei lavoratori più anziani; questa situazione ha spinto in molti casi i governi a varare politiche di contenimento della disoccupazione che si sono risolte spesso in interventi di riduzione dell offerta di lavoro, agendo soprattutto su quella più anziana. Un ulteriore spunto critico emerge se si considera il pensionamento come un istituzione sociale complessa e che per questo richiede un interpretazione globale che non si limiti a focalizzarsi sulle scelte dell individuo, ma ponga in primo piano anche altri fattori altrettanto importanti, quali il ruolo delle parti sociali o l impatto delle politiche del lavoro e di quelle sociali e, non ultimo, le interazioni tra questi elementi (Atchley 1982). Un ultimo spunto di riflessione è generato dal carattere locale della maggioranza degli studi effettuati che, tranne qualche recente eccezione (Gruber, Wise 1999), solitamente si sono concentrati sul caso americano, attribuendo inevitabilmente ai risultati conseguiti il valore di spiegazioni ad hoc, che risultano perciò difficilmente applicabili a realtà differenti. La transizione dal lavoro alla pensione 13

14 3.2 L influenza dei sistemi di sicurezza sociale Nonostante le critiche che l approccio degli economisti allo studio della transizione al pensionamento inevitabilmente genera, bisogna riconoscere come gli studi inseriti in questo filone di ricerca abbiano avuto il merito di creare un importante riferimento teorico per le analisi successive. In particolare, in merito ai fattori chiave dei sistemi di sicurezza sociale in grado di influenzare il comportamento individuale al momento della scelta tra lavoro e pensione, meritano di essere menzionati i lavori di Crawford e Lillien (1981) e di Burtless e Moffitt (1984), dai quali si può trarre la ratio teorica sottostante a gran parte degli studi economici sul pensionamento. L impostazione che se ne può dedurre riguarda sostanzialmente tre aspetti: gli effetti della sicurezza sociale sul pensionamento in mercati perfettamente concorrenziali e con agenti pienamente razionali; le implicazioni generate da imperfezioni nei mercati del credito; le implicazioni dovute a comportamenti non conformi al modello postulato dalla teoria della scelta razionale. Per quanto riguarda il primo aspetto, vanno considerati essenzialmente due fattori: gli effetti sul reddito e gli effetti di sostituzione. Il principio generale è che i sistemi di sicurezza sociale, incrementando la ricchezza disponibile nell intero corso di vita di un individuo, tendano a indurre l early retirement, allentando la relazione tra ricchezza e reddito da lavoro. Questo sarebbe il frutto della redistribuzione sia intergenerazionale, che avviene per mezzo dei sistemi pensionistici pay as you go, sia intragenerazionale, generata contemporaneamente dagli effetti distributivi e redistributivi di politiche implementate apparentemente per altre finalità. 14 La transizione dal lavoro alla pensione

15 Possono essere un esempio di questo secondo caso i sussidi per le coppie meno abbienti che ridistribuiscono il reddito tra coppie con livelli di reddito differenti, favorendo quelle in cui uno solo dei coniugi lavora, o ancora i sussidi elargiti per la nascita di un figlio: questi benefit modificano i meccanismi di creazione del budget di vita di un lavoratore che, in quanto ritenuto perfettamente razionale, è così in grado di avere un quadro dettagliato e preciso del suo intero corso di vita e di decidere sulla scelta di anticipare o meno l uscita dal mercato del lavoro in seguito ad un attenta analisi di tutti i costi e i benefici in gioco. Ma se ci si allontana da situazioni di mercato perfetto, non possono essere previsti gli effetti dei sistemi di sicurezza sociale esclusivamente dalle implicazioni che i sistemi stessi generano rispetto ai meccanismi e ai vincoli di formazione del budget di vita. Considerando ad esempio le difficoltà che un giovane lavoratore può incontrare nel reperire credito, può accadere che questo nel suo corso di vita sia portato a consumare meno e, raggiunta l età minima per la pensione, si trovi ad aver accumulato un risparmio cospicuo che lo induca a lasciare precocemente il mercato del lavoro. Da ciò si evince come, a differenza di un mercato non perfettamente funzionante che non garantisce rendite certe, il sistema di sicurezza sociale fornisce invece rendite reali altrimenti non reperibili nel mercato stesso. La correzione di questi fallimenti di mercato ha sostanzialmente due effetti: in primo luogo, consentendo di pianificare in modo più efficace i consumi, il sistema di sicurezza sociale può indurre l early retirement; in secondo luogo però, il collegamento stretto tra condizione lavorativa e ammontare dei benefici elargiti può rappresentare un incentivo a rimanere nel mercato del lavoro anche dopo il raggiungimento dell età minima pensionabile, per godere di trattamenti maggiormente remunerativi. La transizione dal lavoro alla pensione 15

16 Per quanto riguarda infine l ultimo aspetto, quello delle implicazioni di comportamenti irrazionali che si riflettono sull organizzazione dei sistemi di sicurezza sociale, viene innanzitutto evidenziato come una premessa di tutti i sistemi di sicurezza sociale sia il fatto che ci possano essere individui non propensi a risparmiare a sufficienza per potersi garantire il sostentamento nell età della pensione e che questo dunque abbia reso necessario il finanziamento obbligatorio dei sistemi pensionistici. Questo fa sì che un ampia quota di lavoratori si trovi con un grado di ricchezza sufficientemente alto che, in prossimità dell età minima pensionabile, gli consenta di lasciare il mercato del lavoro anticipatamente. Un ulteriore implicazione dell irrazionalità degli individui si manifesta nel caso di decisioni miopi, ovvero prese considerando l ammontare dei redditi futuri, e quindi le possibilità di consumo, esclusivamente nel breve periodo, che possono portare in molti casi a maturare la decisione di ritirarsi troppo presto dalla vita attiva; anche in questo caso i sistemi di sicurezza sociale intervengono per ridurre gli effetti di queste valutazioni non perfettamente razionali, ad esempio attraverso l introduzione di norme che limitano l elegibilità dei benefici pensionistici e che pongono dei vincoli di età al pensionamento. 3.3 La risposta della political economy A questo punto della discussione può risultare utile confrontare all approccio degli economisti fino a qui esposto, quello proposto dagli studiosi riconducibili alla political economy, che potremmo definire sinteticamente come una prospettiva globale e cross-national che si propone 16 La transizione dal lavoro alla pensione

17 di studiare i fenomeni economici tenendo sempre in primo piano l influenza dei fattori istituzionali e l interdipendenza che questi hanno con la sfera economica. Gli studi riconducibili a questo approccio hanno seguito prevalentemente due vie distinte: da un lato sono stati effettuati degli studi comparativi per valutare l impatto dei regimi di welfare nazionali sul trend crescente dell early retirement, mentre dall altro, l attenzione è stata focalizzata sul processo di policy making e sulle dinamiche sociali che lo influenzano. Come hanno mostrato diversi studi internazionali, molte delle vie al pensionamento precoce sono state determinate da modificazioni intervenute nei programmi di protezione sociale, pubblici o privati (Kohli et al. 1991). È infatti evidente come in molti paesi europei i sussidi di disoccupazione o di invalidità, abbiano di fatto costituito una via preferenziale verso la pensione, o ancora, come in paesi dove questi programmi pubblici sono invece assai limitati, come quelli nord americani, medesimi percorsi facilitati verso la pensione siano stati resi disponibili dai programmi pensionistici privati e aziendali. Risulta dunque incompleta un analisi che si ponga l obiettivo di cogliere i fattori pull presenti nei regimi di welfare focalizzando il proprio interesse esclusivamente sui disincentivi al lavoro presenti nei sistemi pensionistici. Sinteticamente, i risultati di questi studi hanno evidenziato come le modifiche ai regimi di welfare siano avvenute in due direzioni principali. In primo luogo i piani pubblici di pensionamento hanno nel tempo perso il loro ruolo tradizionale di regolatori delle uscite definitive dal mercato del lavoro, in quanto sempre più lavoratori smettono di lavorare ben prima che divengano disponibili i trattamenti pensionistici di anzianità (Guillemard, Van Gunsteren 1991). In secondo luogo, i sussidi di disoccupazione e di La transizione dal lavoro alla pensione 17

18 invalidità si sono progressivamente affiancati e sostituiti ai sistemi pensionistici nel regolare le uscite (Blomsma, de Vroom 1991; Wadensjo 1991). Per comprendere dunque le determinanti dell incremento di pensionamenti anticipati è necessario volgere l attenzione a tutti i sistemi di protezione dai rischi sociali. Secondo uno studio condotto da Esping- Andersen (Esping-Andersen, Sonnberger 1991), risulta così che, a differenza di quanto affermato dagli economisti americani sostenitori dell approccio push/pull, negli U.S.A. l impatto dei fattori pull è sostanzialmente limitato, mentre più determinante è il ruolo dei fattori push presenti nel mercato del lavoro. Per quanto concerne invece il filone di studi volti ad individuare le dinamiche sociali sottostanti i processi di formazione delle politiche pubbliche, occorre innanzitutto sottolineare come l assunto principale riguardante la transizione al pensionamento consista nel rifiutare l idea che la decisione di lasciare anticipatamente il mercato del lavoro sia frutto di una scelta individuale; piuttosto il comportamento individuale è visto in funzione delle forze sociali e delle strutture capitalistiche. Questi studi hanno centrato la loro attenzione sull analisi sociale e storica dei comportamenti, delle strategie, dei conflitti e delle negoziazioni dei più importanti attori collettivi, che generano così differenti welfare mix (Myles, Quadagno 1991; Phillipson, Walker 1986). La crescita dell early retirement sarebbe dunque imputabile agli effetti delle politiche derivanti dagli accordi stipulati in contesti di recessione e crescente disoccupazione tra sindacati, datori di lavoro e governi, ognuno con le proprie ragioni: per i sindacati l obiettivo sarebbe stato quello di creare vacancies per i giovani in cerca di occupazione; per i datori di lavoro sarebbe stato più facile attuare piani di riorganizzazione produttiva e avere 18 La transizione dal lavoro alla pensione

19 una forza lavoro più flessibile; i governi, contraendo l offerta di lavoro, avrebbero visto ridursi i tassi di disoccupazione. Quest ultimo approccio tuttavia, se risulta utile a comprendere il contesto degli anni 70 e 80, è invece difficilmente applicabile agli anni successivi, in cui il trend delle uscite anticipate non sembra subire particolari variazioni, nonostante da più parti sia diffusa l intenzione di invertirne l andamento. 4. I risultati empirici Definita la base teorica degli economisti che in questi anni si sono occupati di transizione al pensionamento e sottolineati anche i possibili elementi di criticità di questa impostazione, volgiamo ora l attenzione ad alcuni dei più significativi studi empirici realizzati in questi anni, per cogliere così quali siano stati effettivamente i risultati raggiunti e le conclusioni di coloro che si sono interrogati sulle dinamiche dei processi di transizione al pensionamento e sulle cause dei mutamenti che li hanno investiti. La letteratura prodotta è senza dubbio vasta, ma riguarda quasi esclusivamente studi compiuti sulla popolazione statunitense, mentre solo negli ultimi anni si sta procedendo con analisi comparate (Gruber, Wise 1999) o con studi specifici che prendono in esame realtà diverse da quella americana e che non coinvolgono solamente economisti, come nel caso delle recenti analisi condotte per l Italia dal Cerp o dal LABORatorio Riccardo Revelli (Contini, Fornero 2002; Mastrogiacomo 2002; Spataro 2002; Leombruni 2003) o degli studi che si stanno realizzando all interno del La transizione dal lavoro alla pensione 19

20 progetto Globalife, finalizzati a cogliere le influenze del processo di globalizzazione sulle dinamiche di pensionamento di diversi paesi europei. Tornando invece alla letteratura empirica economica che ha tentato di valutare gli effetti della sicurezza sociale sulle scelte di pensionamento, è opportuno sottolineare come ci siano due filoni di ricerca. Il primo utilizza informazioni aggregate sui comportamenti dei lavoratori e sugli avvenimenti occorsi nel tempo per poter trarre conclusioni riguardo al ruolo dei sistemi di sicurezza sociale su tali comportamenti (Ruhm 1995; Costa 1998; Honig 1998); queste informazioni sono tratte da basi dati di tipo panel, come nel caso dell HRS, Health and Retirement Survey, una dettagliata ricerca longitudinale che da più di dieci anni raccoglie informazioni a scadenza biennale su circa individui americani. Il secondo filone di studi invece, si pone l obiettivo di costruire modelli econometrici in grado di stimare l impatto di potenziali programmi di sicurezza sociale sui piani di pensionamento dei singoli lavoratori, servendosi generalmente di micro-sets di dati che forniscono informazioni sulle storie lavorative e di guadagno dei lavoratori (Blondal, Scarpetta 1999; Bosworth, Burtless 2000; Coile, Gruber 2000; Williamson, McNamara 2001; Butrica, Iams, Smith 2003). 4.1 Metodi e strumenti di analisi A questo punto, prima di vedere concretamente i risultati empirici, possono essere utili alcune semplici e sintetiche precisazioni sugli indicatori maggiormente utilizzati dagli economisti per valutare l impatto degli incentivi al pensionamento. 20 La transizione dal lavoro alla pensione

21 Questi indicatori finanziari, che possono essere definiti indicatori di convenienza, possono essere distinti in indicatori di convenienza complessiva e indicatori di convenienza al margine (Contini, Fornero 2002): i primi forniscono una valutazione di quanto un determinato sistema pensionistico restituisce rispetto ai contributi versati, e sono utili soprattutto per confrontare la posizione relativa di differenti coorti, o di differenti classi di reddito o categorie professionali, all interno di un determinato schema previdenziale. I secondi invece, si adattano meglio a modelli di scelta intertemporale e risultano quindi efficaci per misurare, periodo dopo periodo, l incentivo finanziario ad anticipare o a posticipare il pensionamento. Quasi tutti gli indicatori più comunemente utilizzati sono in qualche modo collegati al concetto di ricchezza pensionistica (retirement s wealth), che si può definire come il valore ad una certa data del flusso futuro dei benefici pensionistici, al netto dei contributi che si devono ancora versare, e che rappresenta in sostanza un indicatore del reddito netto totale percepibile attraverso la pensione; secondo l approccio economico, ogni individuo, considerato come homo economicus, ha ben presente questo concetto nel momento in cui pianifica la propria uscita dal mercato del lavoro. Dato un particolare tipo di pensione, è possibile ottenere un altro indicatore, il tasso interno di rendimento, che è il tasso di attualizzazione che rende nulla la ricchezza calcolata nel momento di ingresso nel mercato del lavoro; questo indicatore, se confrontato con il tasso di rendimento di altre forme di risparmio, rappresenta il costo opportunità della partecipazione al sistema previdenziale. In alternativa, sempre in riferimento alla data di ingresso nel mercato del lavoro, è possibile calcolare il rapporto La transizione dal lavoro alla pensione 21

22 tra le due componenti della ricchezza pensionistica, ovvero le pensioni che si riceveranno e i contributi che si verseranno. Questo rapporto, definito net present value ratio (NPVR), indica il rendimento lordo, in termini di pensione, per ogni Dollaro, o Euro, versato sotto forma di contributi. Un ulteriore indicatore è il cosiddetto tasso di sostituzione, dato dal rapporto tra la prima pensione ricevuta e l ultima retribuzione, o una media delle ultime. Questo tasso, a differenza degli indicatori precedenti, non è collegato al concetto di ricchezza pensionistica, ma rappresenta una misura spuria del grado di convenienza, perché dipende in maniera significativa dall ultima parte della curva salariale per età, almeno nei sistemi pensionistici di natura retributiva, e dai parametri di indicizzazione della pensione (Contini, Fornero 2002). Nel caso in cui gli individui attribuiscano particolare importanza al mantenimento di un tenore di vita costante adottano un certo valore del tasso di sostituzione come target pensionistico, questo parametro acquista particolare importanza ai fini delle decisioni individuali di continuare o meno a lavorare. Gli indicatori fino ad ora esposti forniscono una valutazione complessiva della convenienza del sistema pensionistico, ma si limitano a sottolineare il carattere finanziario e assicurativo della previdenza pubblica, tralasciando invece gli aspetti redistributivi dei sistemi di welfare, cosicché vengono trascurate l incertezza e le possibili imperfezioni del mercato. In particolare il calcolo degli indicatori di convenienza complessiva si basa su una determinata età del pensionamento e risultano dunque poco idonei a cogliere gli incentivi, in termini marginali, che si presentano al lavoratore al momento di decidere se ritirarsi o continuare a lavorare per un certo periodo. Per ovviare a questa carenza si fa ricorso allora agli indicatori di convenienza marginale; secondo gli economisti al momento di prendere la 22 La transizione dal lavoro alla pensione

CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012

CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012 17 dicembre 2013 CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012 Le forme di transizione graduale verso il pensionamento non sono diffuse nel nostro Paese: soltanto il 3,5%

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 2-1 Applicazioni dell offerta di lavoro - Introduzione - 1 Introduzione I modelli statici d offerta di lavoro spiegano: 1.come gli individui distribuiscano il tempo tra

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione.

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione. Proposta di finanziamento della fiscalizzazione dei contributi per giovani neoassunti mediante l attivo realizzato con la contribuzione versata dai lavoratori il cui pensionamento è stato rinviato dalla

Dettagli

Traiettorie dal lavoro alla pensione in Italia, Germania, Danimarca e Regno Unito

Traiettorie dal lavoro alla pensione in Italia, Germania, Danimarca e Regno Unito Traiettorie dal lavoro alla pensione in Italia, Germania, Danimarca e Regno Unito Daniele Zaccaria Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano Bicocca ESPLORARE LA COESIONE

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto

Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto Convegno Giovani e mercato del lavoro: instabilità, transizioni, partecipazione, politiche Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto Bologna, 1 febbraio 2013 Con il patrocinio di CALL

Dettagli

Massimo Baldini *, Carlo Mazzaferro**

Massimo Baldini *, Carlo Mazzaferro** SISTEMA PENSIONISTICO E DISTRIBUZIONE DEI REDDITI IN ITALIA DAL 1977 AL 1998: UN ANALISI SULL ARCHIVIO STORICO DELL INDAGINE CAMPIONARIA DELLA BANCA D ITALIA Massimo Baldini *, Carlo Mazzaferro** Centro

Dettagli

Le criticità del salario minimo e dei mini-jobs in Germania

Le criticità del salario minimo e dei mini-jobs in Germania Le criticità del salario minimo e dei mini-jobs in Germania di Silvia Spattini Introduzione Dopo avere previsto nel Patto di coalizione (del 16 dicembre 2013) l introduzione del salario minimo, il Governo

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI

ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI Relazione al convegno promosso dall Associazione ex-parlamentari della Repubblica Milano, 10 dicembre 2012 Togliere lavoro ai vecchi per darlo ai giovani?

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

TRASFERIMENTI dei Redditi alle Famiglie. Spesa per la PREVIDENZA ed ASSISTENZA

TRASFERIMENTI dei Redditi alle Famiglie. Spesa per la PREVIDENZA ed ASSISTENZA 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere

Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere Michele Raitano Sapienza Università di Roma e Fondazione Giacomo Brodolini Roma, 6 marzo 2012 I punti da sottolineare

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 9-8 La discriminazione del mercato del lavoro - Applicazioni di politica economica: determinanti del rapporto del salario donne-uomini 1 Fine anni 90: rapporto del salario

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA

OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA Investire in istruzione In letteratura è stato ampiamente dimostrato che le persone che effettuano

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

I nostri risparmi: seminario di educazione finanziaria. Annamaria Lusardi Dartmouth College, USA Financial Literacy Center

I nostri risparmi: seminario di educazione finanziaria. Annamaria Lusardi Dartmouth College, USA Financial Literacy Center I nostri risparmi: seminario di educazione finanziaria Annamaria Lusardi Dartmouth College, USA Financial Literacy Center Biennale Democrazia, Torino, 16 Aprile 2011 I grandi cambiamenti in corso Cambiamenti

Dettagli

Andamento delle retribuzioni del personale insegnante

Andamento delle retribuzioni del personale insegnante Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN Andamento delle retribuzioni del personale insegnante Anni 1993-2000 N o v e m b r e 2000

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

L economia e l etica dei sistemi pensionistici. Mauro Marè Mefop

L economia e l etica dei sistemi pensionistici. Mauro Marè Mefop L economia e l etica dei sistemi pensionistici Mauro Marè Mefop 1 Il sistema pensionistico italiano Basato su 3 pilastri: 1 pilastro Pubblico, obbligatorio e a ripartizione 2 pilastro Privato, volontario

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

CAPITOLO 2 - La spesa per pensioni

CAPITOLO 2 - La spesa per pensioni CAPITOLO 2 - La spesa per pensioni 2.1 Premessa Le previsioni della spesa pensionistica recepiscono la stima dei risultati di Contabilità Nazionale per l anno 2011 e i dati di previsione per gli anni 2012-2015

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES L ltalia è un Paese con alto costo del lavoro? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Short note

Dettagli

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema 10 cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema /1 2 previbooks/1 3 Previboooks Previbooks è una collana di ebook creata dall Associazione Previnforma per aggiungere

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Brevi considerazioni con qualche numero di Maggio 2013 Si riaperto il cantiere delle pensioni. L obiettivo è irrobustire i risultati raggiunti

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI Modifica art. 10, comma 1 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con D.P.R. del 22

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 6 Previdenza (2 a parte)

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 6 Previdenza (2 a parte) Corso di Educazione Finanziaria Lezione 6 Previdenza (2 a parte) Indice (1/2) Argomenti trattati in queste lezioni sulla previdenza: 1 a parte (Lezione 5) Introduzione al sistema pensionistico Classificazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

PlanoPension, RythmoPension Rendite vitalizie. Il vostro reddito garantito a vita in tutta flessibilità e serenità

PlanoPension, RythmoPension Rendite vitalizie. Il vostro reddito garantito a vita in tutta flessibilità e serenità PlanoPension, RythmoPension Rendite vitalizie Il vostro reddito garantito a vita in tutta flessibilità e serenità PlanoPension, RythmoPension Vaudoise Pianificate un pensionamento sereno Per una quiescenza

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Politiche del lavoro: la formazione continua

Politiche del lavoro: la formazione continua Politiche del lavoro: lavoro la formazione continua Uno dei capitoli di maggiore condivisione tra le Organizzazioni sindacali di Pietro Nocera Responsabile Comunicazione UILCA Gruppo UBI Banca Sono trascorsi

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

La Riforma Amato 92. Innalzamento età implica riduzione TIR per nuove generazioni. Le Riforme: Amato 92

La Riforma Amato 92. Innalzamento età implica riduzione TIR per nuove generazioni. Le Riforme: Amato 92 La Riforma Amato 92 Riforma Amato. Sistema Retributivo. Restrizioni su età, e su indicizzazione pensioni. Grava su nuove generazioni perché (I) scarica su di esse i rischi demografici, (II) È applicata

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 5 I differenziali salariali compensativi - Applicazione di politica economica: l assicurazione sulla salute e il mercato del lavoro 1 Negli Stati Uniti i datori di lavoro

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE di Liana Verzicco IL CAPITALE UMANO DI LIVELLO TERZIARIO Il solo obiettivo della strategia di Lisbona che l Unione Europea ha pienamente raggiunto prima

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Le differenze di genere nelle attività del tempo libero

Le differenze di genere nelle attività del tempo libero 26 aprile 2006 Le differenze di genere nelle attività del tempo libero Anni 2002-2003 L indagine Multiscopo sulle famiglie Uso del tempo fornisce informazioni sulle attività di vita quotidiana e sul modo

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

PENSIONI LA PENSIONE COME BENE DI MERITO MIOPIA DEI GIOVANI NEI CONFRONTI DEI BISOGNI FUTURI. Che funzione ha la pensione?

PENSIONI LA PENSIONE COME BENE DI MERITO MIOPIA DEI GIOVANI NEI CONFRONTI DEI BISOGNI FUTURI. Che funzione ha la pensione? Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, il Mulino, 2012 1 Capitolo VIII. La spesa pensionistica PENSIONI Riguarda programmi di assicurazione obbligatoria Finanziati con contributi sociali Bosi

Dettagli

Un modello di microsimulazione a popolazione dinamica per la stima degli effetti distributivi della riforma pensionistica

Un modello di microsimulazione a popolazione dinamica per la stima degli effetti distributivi della riforma pensionistica Un modello di microsimulazione a popolazione dinamica per la stima degli effetti distributivi della riforma pensionistica Massimo Baldini, Carlo Mazzaferro, Marcello Morciano Università degli studi di

Dettagli

Pensioni, qualche proposta di aggiustamento

Pensioni, qualche proposta di aggiustamento Pensioni, qualche proposta di aggiustamento Pensioni, qualche proposta di aggiustamento Felice Roberto Pizzuti Pubblichiamo uno stralcio del Rapporto sullo Stato sociale curato da Felice R. Pizzuti presentato

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

I sistemi pensionistici, pubblici o privati, sono o a prestazioni definite o a contributi definiti.

I sistemi pensionistici, pubblici o privati, sono o a prestazioni definite o a contributi definiti. PREMESSA La pensione è una somma erogata mensilmente da un ente di previdenza sociale a chi ne ha maturato il diritto alla fine della propria vita attiva nella forza lavoro di una nazione. Tale rendita

Dettagli

di Onorato Castellino ed Elsa Fornero

di Onorato Castellino ed Elsa Fornero SCENARI EUROPEI PER LA PREVIDENZA INTEGRATIVA PRIVATA di Onorato Castellino ed Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Collegio Carlo Alberto Torino, 30 ottobre 2006 Outline La distinzione (sfumata) tra

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 Agenda 1 Aspetti generali 2 Descrizione del campione 3 Previdenza pubblica e privata. Gli effetti del decreto Salva

Dettagli