LA TRANSIZIONE DAL LAVORO ALLA PENSIONE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TRANSIZIONE DAL LAVORO ALLA PENSIONE:"

Transcript

1 Daniele Zaccaria LA TRANSIZIONE DAL LAVORO ALLA PENSIONE: L APPROCCIO DELL ECONOMIA ALL ANALISI DELLE SCELTE DI PENSIONAMENTO DSS PAPERS SOC 02-05

2

3 INDICE 1. Introduzione... Pag Tendenze della forza lavoro I presupposti teorici degli studi di natura economica L approccio push/pull L influenza dei sistemi di sicurezza sociale La risposta della political economy I risultati empirici Metodi e strumenti di analisi Incentivi e disincentivi dei sistemi di sicurezza sociale L influenza delle condizioni di salute Le scelte di pensionamento delle donne e delle coppie Conclusioni...37 Riferimenti bibliografici...41

4

5 1. Introduzione Tutti i paesi maggiormente industrializzati si sono dovuti confrontare negli ultimi tre decenni con il fenomeno dell ageing, ovvero del progressivo invecchiamento della popolazione. Le implicazioni di tale fenomeno sono molteplici e riguardano in particolar modo la sostenibilità sociale, l aumento della spesa pubblica, il mismatch di competenze tra domanda e offerta di lavoro, la progressiva diminuzione dei tassi di attività. Per quanto riguarda il mercato del lavoro si è assistito a partire dagli anni 70 ad una contrazione significativa dei tassi di attività dei lavoratori anziani e, contemporaneamente, ad un continuo abbassamento dell età di uscita dalla forza lavoro 1. Quest ultimo è il fenomeno definito come early retirement, ovvero il pensionamento anticipato rispetto all età in cui di norma divengono disponibili i benefici pensionistici. Questo tema ha interessato numerosi studiosi di diverse discipline che si sono interrogati sulle cause che l hanno generato, cercando da un lato di cogliere le specificità nazionali e, dall altro, di confrontare realtà differenti per individuare tendenze comuni e best practices utili a individuare possibili rimedi. Tuttavia si deve riconoscere come, soprattutto nell ultimo decennio, siano stati soprattutto gli economisti, e tra questi in maggior misura quelli di cultura anglosassone, a condurre studi dettagliati sull evoluzione dei modelli di pensionamento e sui fattori che li hanno condizionati. Di seguito si cercherà di fornire un quadro sufficientemente esaustivo di alcuni tra i più importanti studi condotti negli ultimi anni da diversi economisti, evidenziandone i presupposti teorici e i risultati empirici, senza 1 Come dimostrato da Geroldi (1993), si tratta in particolare di un abbassamento dell età effettiva di pensionamento, più che di quella legale, che, pur essendo stata oggetto di diverse modifiche, ha subito variazioni più contenute. La transizione dal lavoro alla pensione 5

6 tralasciare eventuali criticità, in modo da poter disporre di un utile spunto di riflessione e di un termine di paragone per ulteriori studi, di natura non solo economica. 2. Tendenze della forza lavoro Rispetto a trenta anni fa la partecipazione alla forza lavoro degli uomini di età compresa tra i 55 e i 64 anni è diminuita in maniera significativa in tutti i paesi occidentali.. Questo trend è particolarmente evidente in nei paesi centro e sud-europei, mentre ha un minor impatto nei paesi scandinavi e in quelli anglosassoni. Bisogna tuttavia notare che i dati relativi ai tassi di partecipazione alla forza lavoro sovrastimano l attività di questa classe di lavoratori, in quanto vengono considerate anche quote di lavoratori disoccupati che però non sono più alla ricerca di un impiego, poiché prossimi al raggiungimento dell età minima necessaria per poter usufruire della pensione di anzianità o perché beneficiari di trattamenti pensionistici particolari, quali sussidi di disoccupazione o di invalidità (Guillemard, Rein 1993). È dunque più opportuno considerare i tassi di attività che, secondo le definizioni utilizzate dall ILO, dall Eurostat e dall OECD, prendono in considerazione solo le persone realmente occupate 2. Ormai l inattività dopo i 60 anni è diventato un fenomeno diffuso e, per alcuni paesi, può essere considerata la norma. Oggi, a differenza di quanto accadeva negli anni 70, tre quarti della popolazione ultrasessantenne non è 2 Anche in questo caso tuttavia il dato non risulta completamente veritiero poiché, in casi come quello italiano, sono stati considerati come occupati anche lavoratori che in realtà non lo erano ma hanno beneficiato di trattamenti straordinari, come la Cassa integrazione guadagni o la mobilità. 6 La transizione dal lavoro alla pensione

7 più inserita nel mercato del lavoro ed è inoltre in costante aumento la tendenza dei lavoratori di età compresa tra i 55 e i 59 anni a lasciare precocemente la vita attiva. Guardando come è cambiata nel tempo l età media di transizione al pensionamento, si notano immediatamente delle sensibili differenze: se negli anni 60 e 50 i lavoratori maschi lasciavano il mercato del lavoro a 65 anni in quasi tutti i paesi occidentali, nei decenni seguenti il momento della transizione si è verificato sempre più precocemente, tanto che nel 1995 l età media registrata è stata pari a 60 anni. Quanto detto per i lavoratori maschi, vale anche per le lavoratrici anziane, per le quali l andamento nel tempo dell età media di pensionamento, di norma inferiore a quella maschile, ha seguito un trend del tutto simile, registrando anche in questo caso valori decrescenti lungo tutto l arco di tempo considerato, cosicché alla metà degli anni 90 la maggioranza delle donne ha lasciato il mercato del lavoro prima del sessantesimo anno di età. Tab. 2.1: Età media di uscita definitiva dal mercato del lavoro* Uomini Belgio 64,8 63,3 62,6 61,1 58,3 57,6 Francia 66,1 64,5 63,5 61,3 59,6 59,2 Germania 65,7 65,2 65,3 62,2 60,3 60,5 Italia 66,9 64,5 62,6 61,6 60,9 60,6 Giappone 66,7 67,2 67,7 67,2 66,5 66,5 Olanda 66,4 66,1 63,8 61,4 59,3 58,8 Regno Unito 67,2 66,2 65,4 64,6 63,2 62,7 Spagna 68,1 67,9 65,2 63,4 61,6 61,4 Stati Uniti 66,9 66,5 65,4 64,2 64,1 63,6 Svezia 66,8 66,0 65,3 64,6 63,9 63,3 La transizione dal lavoro alla pensione 7

8 Donne Belgio 62,9 60,8 59,1 57,5 54,7 54,1 Francia 69,0 65,8 64,0 60,9 59,0 58,3 Germania 62,7 62,3 62,2 60,7 58,2 58,4 Italia 64,0 62,0 60,7 59,5 57,5 57,2 Giappone 65,5 64,6 64,6 63,9 63,9 63,7 Olanda 64,1 63,7 62,9 58,4 55,8 55,3 Regno Unito 63,9 62,7 62,4 62,0 60,5 59,7 Spagna 68,9 68,0 64,7 63,6 59,7 58,9 Stati Uniti 64,2 65,1 64,8 62,8 62,2 61,6 Svezia 65,5 63,4 62,5 62,0 62,4 62,1 * Questo indicatore si basa su un modello probabilistico che considera i cambiamenti relativi dei tassi di attività da un anno all altro a specifiche età. Fonte: Blondal, Scarpetta 1999 C è una stretta relazione tra l età di pensionamento e i tassi di occupazione e di attività (Figura 1.1): nei paesi dove l età media di pensionamento è inferiore ai 60 anni meno della metà dei lavoratori tra i 55 e i 64 anni è ancora inserito nel mercato del lavoro, mentre nei paesi con la più alta età di pensionamento il tasso di attività risulta assai più elevato. Questa relazione è differente se si considerano le donne: i tassi di attività delle ultracinquantenni sono rimasti sostanzialmente stabili nel tempo, mentre è calata la loro età di pensionamento, che, in altre parole, indica come una quota maggiore di donne tra i 55 e i 64 anni partecipa alla vita attiva ma, in media, si ritira prima di quanto accadeva nei decenni scorsi. 8 La transizione dal lavoro alla pensione

9 Figura 1.1: Età media di pensionamento e tassi di partecipazione dei lavoratori anziani 1995 Fonte: Blondal, Scarpetta 1999 La transizione dal lavoro alla pensione 9

10 3. I presupposti teorici degli studi di natura economica Le cause del fenomeno di early retirement sono state oggetto di numerosi studi di natura economica, sociologica e demografica (Aaron, Burtless 1984; Blondal, Scarpetta 1997; Gruber, Wise 1999; Coile, Gruber 2000; Testa 2000). Seppur utilizzando approcci diversi e focalizzando l attenzione su fenomeni eterogenei, tutti hanno individuato nei sistemi di protezione sociale, nella loro evoluzione e nelle politiche ad essi sottostanti, i fattori determinanti del trend crescente che ha riguardato in questi ultimi tre decenni le uscite precoci dal mercato del lavoro 3. Spetta però agli economisti il merito di aver ampliato per primi lo spettro di indagine, focalizzando la ricerca sulle cause insite nei sistemi di protezione sociale e cercando di individuarne incentivi e disincentivi al pensionamento. Tuttavia l approccio comune a tutti questi studi è chiaramente inserito nella teoria della scelta razionale e questo ne limita senza dubbio l accettazione da parte degli studiosi critici verso questa impostazione, primi fra tutti i sociologi fedeli alla political economy e gli economisti di stampo istituzionalista. Questi studi focalizzano infatti l attenzione sulla scelta individuale di abbandonare definitivamente il mercato del lavoro, presupponendo un individuo perfettamente razionale e, per questo, in grado di compiere le proprie scelte sulla base di valutazioni dettagliate e complete dell intero 3 I sociologi, soprattutto a cavallo tra gli anni 70 e 80, hanno focalizzato l attenzione sui cambiamenti che comportava l uscita dal mercato del lavoro e sulle conseguenze che questo fenomeno aveva per il tenore di vita e per il livello di soddisfazione dei pensionati rispetto alla nuova condizione, più che sul percorso di transizione verso il pensionamento, sui mutamenti nel tempo di tale percorso e sulle ragioni del mutamento stesso. Questa tradizione di studi sociologici è ben colta da Hardy (1992), mentre una rassegna critica di questa letteratura e contenuta in Guillemard (1982). 10 La transizione dal lavoro alla pensione

11 sistema di protezione sociale, sia pubblico che privato, delle sue regole e degli incentivi al lavoro o al pensionamento in esso presenti. 3.1 L approccio push/pull L eredità di questa impostazione nel campo degli studi sulla transizione al pensionamento è rappresentata dall approccio, prevalentemente nordamericano, che individua le determinanti della scelta individuale nei fattori definiti push e pull, che guidano i lavoratori nella decisione di rimanere o di uscire dal mercato del lavoro, a seconda che i benefici superino o meno i costi della permanenza nella vita attiva (Guillemard, Rein 1993). I fattori push, sono quelli che spingono il lavoratore fuori dal mercato del lavoro e che sono identificabili nelle condizioni di salute del lavoratore, nelle condizioni di lavoro e nelle possibilità di rimanere nel mercato del lavoro; i fattori pull invece, sono costituiti dagli incentivi insiti nei sistemi di welfare che attirano i lavoratori verso il pensionamento, e che sono valutabili considerando il grado di copertura dai rischi sociali garantito dai sistemi nazionali di protezione sociale. Secondo questa impostazione quindi i miglioramenti della copertura dei sistemi di sicurezza sociale e la più facile accessibilità dei trattamenti pensionistici registratisi a partire dagli anni 70, avrebbero influenzato le scelte dei lavoratori, facendoli propendere in maniera maggiore che in passato per l interruzione della carriera lavorativa. La decisione di uscire prima dal mercato del lavoro infatti sarebbe divenuta meno costosa, a fronte della possibilità di continuare a lavorare divenuta al contrario meno attraente. La transizione dal lavoro alla pensione 11

12 L enfasi degli economisti si è concentrata in particolare sugli effetti impliciti presenti negli incentivi monetari forniti dai sistemi pensionistici pubblici e privati: attraverso modelli microeconomici, nei quali l individuo è considerato come un homo economicus, hanno cercato di provare empiricamente come in realtà questi incentivi si trasformino in disincentivi al lavoro negli ultimi anni di carriera. Alcuni sociologi hanno adottato l impostazione secondo cui i sistemi pensionistici attirano i lavoratori fuori dal mercato del lavoro prima della normale età di pensionamento, ma arricchendola con altri fattori interpretativi. Così alcuni hanno attribuito particolare importanza alla stratificazione sociale, che avrebbe la capacità di generare diversi modelli di transizione al pensionamento, in quanto ogni classe risulterebbe condizionata in maniera differente dagli incentivi finanziari dei sistemi pensionistici (Fillenbaum et al. 1985; Hayward, Grady 1990). Altri invece, più focalizzati sui meccanismi di scelta individuale, hanno attribuito a fattori culturali, più che a calcoli economici, il ruolo chiave nella scelta dell alternativa lavoro/pensione (Inkeles, Usui 1988). L attenzione in questi casi si è concentrata sui valori dei lavoratori prossimi alla pensione, sulle loro aspettative e aspirazioni, sulla forza dell attaccamento al lavoro. L approccio push/pull, sebbene abbia fornito ai policy makers una valida ragione per apportare restrizioni ai regimi di pensionamento anticipato, può essere soggetto a diverse critiche, concentrate soprattutto sull assunto che la scelta individuale tra lavoro e pensione sia determinata esclusivamente dalla valutazione dei vantaggi e degli svantaggi impliciti nelle disposizioni istituzionali che regolano il pensionamento. Innanzitutto non è condivisibile l idea che l early retirement sia esclusivamente il risultato di una scelta individuale: andrebbe infatti tenuta 12 La transizione dal lavoro alla pensione

13 in considerazione anche la situazione del mercato del lavoro, in quanto un elevato tasso di disoccupazione di lunga durata potrebbe portare all attuazione di politiche di prepensionamento rivolte ai lavoratori più anziani, che si troverebbero dunque costretti a terminare anticipatamente la carriera lavorativa, senza avere alcuna possibilità di scelta. In secondo luogo, questo approccio trascura i cambiamenti che possono avvenire nel mercato del lavoro nel corso del tempo, soprattutto dal lato della domanda. Le pensioni da sole non sono in grado di spiegare la caduta dei tassi di attività dei lavoratori anziani; bisogna guardare anche alle dinamiche della domanda di lavoro, che in molti casi preferisce lavoratori giovani, adducendo motivazioni legate alla minor produttività e al maggior costo dei lavoratori più anziani; questa situazione ha spinto in molti casi i governi a varare politiche di contenimento della disoccupazione che si sono risolte spesso in interventi di riduzione dell offerta di lavoro, agendo soprattutto su quella più anziana. Un ulteriore spunto critico emerge se si considera il pensionamento come un istituzione sociale complessa e che per questo richiede un interpretazione globale che non si limiti a focalizzarsi sulle scelte dell individuo, ma ponga in primo piano anche altri fattori altrettanto importanti, quali il ruolo delle parti sociali o l impatto delle politiche del lavoro e di quelle sociali e, non ultimo, le interazioni tra questi elementi (Atchley 1982). Un ultimo spunto di riflessione è generato dal carattere locale della maggioranza degli studi effettuati che, tranne qualche recente eccezione (Gruber, Wise 1999), solitamente si sono concentrati sul caso americano, attribuendo inevitabilmente ai risultati conseguiti il valore di spiegazioni ad hoc, che risultano perciò difficilmente applicabili a realtà differenti. La transizione dal lavoro alla pensione 13

14 3.2 L influenza dei sistemi di sicurezza sociale Nonostante le critiche che l approccio degli economisti allo studio della transizione al pensionamento inevitabilmente genera, bisogna riconoscere come gli studi inseriti in questo filone di ricerca abbiano avuto il merito di creare un importante riferimento teorico per le analisi successive. In particolare, in merito ai fattori chiave dei sistemi di sicurezza sociale in grado di influenzare il comportamento individuale al momento della scelta tra lavoro e pensione, meritano di essere menzionati i lavori di Crawford e Lillien (1981) e di Burtless e Moffitt (1984), dai quali si può trarre la ratio teorica sottostante a gran parte degli studi economici sul pensionamento. L impostazione che se ne può dedurre riguarda sostanzialmente tre aspetti: gli effetti della sicurezza sociale sul pensionamento in mercati perfettamente concorrenziali e con agenti pienamente razionali; le implicazioni generate da imperfezioni nei mercati del credito; le implicazioni dovute a comportamenti non conformi al modello postulato dalla teoria della scelta razionale. Per quanto riguarda il primo aspetto, vanno considerati essenzialmente due fattori: gli effetti sul reddito e gli effetti di sostituzione. Il principio generale è che i sistemi di sicurezza sociale, incrementando la ricchezza disponibile nell intero corso di vita di un individuo, tendano a indurre l early retirement, allentando la relazione tra ricchezza e reddito da lavoro. Questo sarebbe il frutto della redistribuzione sia intergenerazionale, che avviene per mezzo dei sistemi pensionistici pay as you go, sia intragenerazionale, generata contemporaneamente dagli effetti distributivi e redistributivi di politiche implementate apparentemente per altre finalità. 14 La transizione dal lavoro alla pensione

15 Possono essere un esempio di questo secondo caso i sussidi per le coppie meno abbienti che ridistribuiscono il reddito tra coppie con livelli di reddito differenti, favorendo quelle in cui uno solo dei coniugi lavora, o ancora i sussidi elargiti per la nascita di un figlio: questi benefit modificano i meccanismi di creazione del budget di vita di un lavoratore che, in quanto ritenuto perfettamente razionale, è così in grado di avere un quadro dettagliato e preciso del suo intero corso di vita e di decidere sulla scelta di anticipare o meno l uscita dal mercato del lavoro in seguito ad un attenta analisi di tutti i costi e i benefici in gioco. Ma se ci si allontana da situazioni di mercato perfetto, non possono essere previsti gli effetti dei sistemi di sicurezza sociale esclusivamente dalle implicazioni che i sistemi stessi generano rispetto ai meccanismi e ai vincoli di formazione del budget di vita. Considerando ad esempio le difficoltà che un giovane lavoratore può incontrare nel reperire credito, può accadere che questo nel suo corso di vita sia portato a consumare meno e, raggiunta l età minima per la pensione, si trovi ad aver accumulato un risparmio cospicuo che lo induca a lasciare precocemente il mercato del lavoro. Da ciò si evince come, a differenza di un mercato non perfettamente funzionante che non garantisce rendite certe, il sistema di sicurezza sociale fornisce invece rendite reali altrimenti non reperibili nel mercato stesso. La correzione di questi fallimenti di mercato ha sostanzialmente due effetti: in primo luogo, consentendo di pianificare in modo più efficace i consumi, il sistema di sicurezza sociale può indurre l early retirement; in secondo luogo però, il collegamento stretto tra condizione lavorativa e ammontare dei benefici elargiti può rappresentare un incentivo a rimanere nel mercato del lavoro anche dopo il raggiungimento dell età minima pensionabile, per godere di trattamenti maggiormente remunerativi. La transizione dal lavoro alla pensione 15

16 Per quanto riguarda infine l ultimo aspetto, quello delle implicazioni di comportamenti irrazionali che si riflettono sull organizzazione dei sistemi di sicurezza sociale, viene innanzitutto evidenziato come una premessa di tutti i sistemi di sicurezza sociale sia il fatto che ci possano essere individui non propensi a risparmiare a sufficienza per potersi garantire il sostentamento nell età della pensione e che questo dunque abbia reso necessario il finanziamento obbligatorio dei sistemi pensionistici. Questo fa sì che un ampia quota di lavoratori si trovi con un grado di ricchezza sufficientemente alto che, in prossimità dell età minima pensionabile, gli consenta di lasciare il mercato del lavoro anticipatamente. Un ulteriore implicazione dell irrazionalità degli individui si manifesta nel caso di decisioni miopi, ovvero prese considerando l ammontare dei redditi futuri, e quindi le possibilità di consumo, esclusivamente nel breve periodo, che possono portare in molti casi a maturare la decisione di ritirarsi troppo presto dalla vita attiva; anche in questo caso i sistemi di sicurezza sociale intervengono per ridurre gli effetti di queste valutazioni non perfettamente razionali, ad esempio attraverso l introduzione di norme che limitano l elegibilità dei benefici pensionistici e che pongono dei vincoli di età al pensionamento. 3.3 La risposta della political economy A questo punto della discussione può risultare utile confrontare all approccio degli economisti fino a qui esposto, quello proposto dagli studiosi riconducibili alla political economy, che potremmo definire sinteticamente come una prospettiva globale e cross-national che si propone 16 La transizione dal lavoro alla pensione

17 di studiare i fenomeni economici tenendo sempre in primo piano l influenza dei fattori istituzionali e l interdipendenza che questi hanno con la sfera economica. Gli studi riconducibili a questo approccio hanno seguito prevalentemente due vie distinte: da un lato sono stati effettuati degli studi comparativi per valutare l impatto dei regimi di welfare nazionali sul trend crescente dell early retirement, mentre dall altro, l attenzione è stata focalizzata sul processo di policy making e sulle dinamiche sociali che lo influenzano. Come hanno mostrato diversi studi internazionali, molte delle vie al pensionamento precoce sono state determinate da modificazioni intervenute nei programmi di protezione sociale, pubblici o privati (Kohli et al. 1991). È infatti evidente come in molti paesi europei i sussidi di disoccupazione o di invalidità, abbiano di fatto costituito una via preferenziale verso la pensione, o ancora, come in paesi dove questi programmi pubblici sono invece assai limitati, come quelli nord americani, medesimi percorsi facilitati verso la pensione siano stati resi disponibili dai programmi pensionistici privati e aziendali. Risulta dunque incompleta un analisi che si ponga l obiettivo di cogliere i fattori pull presenti nei regimi di welfare focalizzando il proprio interesse esclusivamente sui disincentivi al lavoro presenti nei sistemi pensionistici. Sinteticamente, i risultati di questi studi hanno evidenziato come le modifiche ai regimi di welfare siano avvenute in due direzioni principali. In primo luogo i piani pubblici di pensionamento hanno nel tempo perso il loro ruolo tradizionale di regolatori delle uscite definitive dal mercato del lavoro, in quanto sempre più lavoratori smettono di lavorare ben prima che divengano disponibili i trattamenti pensionistici di anzianità (Guillemard, Van Gunsteren 1991). In secondo luogo, i sussidi di disoccupazione e di La transizione dal lavoro alla pensione 17

18 invalidità si sono progressivamente affiancati e sostituiti ai sistemi pensionistici nel regolare le uscite (Blomsma, de Vroom 1991; Wadensjo 1991). Per comprendere dunque le determinanti dell incremento di pensionamenti anticipati è necessario volgere l attenzione a tutti i sistemi di protezione dai rischi sociali. Secondo uno studio condotto da Esping- Andersen (Esping-Andersen, Sonnberger 1991), risulta così che, a differenza di quanto affermato dagli economisti americani sostenitori dell approccio push/pull, negli U.S.A. l impatto dei fattori pull è sostanzialmente limitato, mentre più determinante è il ruolo dei fattori push presenti nel mercato del lavoro. Per quanto concerne invece il filone di studi volti ad individuare le dinamiche sociali sottostanti i processi di formazione delle politiche pubbliche, occorre innanzitutto sottolineare come l assunto principale riguardante la transizione al pensionamento consista nel rifiutare l idea che la decisione di lasciare anticipatamente il mercato del lavoro sia frutto di una scelta individuale; piuttosto il comportamento individuale è visto in funzione delle forze sociali e delle strutture capitalistiche. Questi studi hanno centrato la loro attenzione sull analisi sociale e storica dei comportamenti, delle strategie, dei conflitti e delle negoziazioni dei più importanti attori collettivi, che generano così differenti welfare mix (Myles, Quadagno 1991; Phillipson, Walker 1986). La crescita dell early retirement sarebbe dunque imputabile agli effetti delle politiche derivanti dagli accordi stipulati in contesti di recessione e crescente disoccupazione tra sindacati, datori di lavoro e governi, ognuno con le proprie ragioni: per i sindacati l obiettivo sarebbe stato quello di creare vacancies per i giovani in cerca di occupazione; per i datori di lavoro sarebbe stato più facile attuare piani di riorganizzazione produttiva e avere 18 La transizione dal lavoro alla pensione

19 una forza lavoro più flessibile; i governi, contraendo l offerta di lavoro, avrebbero visto ridursi i tassi di disoccupazione. Quest ultimo approccio tuttavia, se risulta utile a comprendere il contesto degli anni 70 e 80, è invece difficilmente applicabile agli anni successivi, in cui il trend delle uscite anticipate non sembra subire particolari variazioni, nonostante da più parti sia diffusa l intenzione di invertirne l andamento. 4. I risultati empirici Definita la base teorica degli economisti che in questi anni si sono occupati di transizione al pensionamento e sottolineati anche i possibili elementi di criticità di questa impostazione, volgiamo ora l attenzione ad alcuni dei più significativi studi empirici realizzati in questi anni, per cogliere così quali siano stati effettivamente i risultati raggiunti e le conclusioni di coloro che si sono interrogati sulle dinamiche dei processi di transizione al pensionamento e sulle cause dei mutamenti che li hanno investiti. La letteratura prodotta è senza dubbio vasta, ma riguarda quasi esclusivamente studi compiuti sulla popolazione statunitense, mentre solo negli ultimi anni si sta procedendo con analisi comparate (Gruber, Wise 1999) o con studi specifici che prendono in esame realtà diverse da quella americana e che non coinvolgono solamente economisti, come nel caso delle recenti analisi condotte per l Italia dal Cerp o dal LABORatorio Riccardo Revelli (Contini, Fornero 2002; Mastrogiacomo 2002; Spataro 2002; Leombruni 2003) o degli studi che si stanno realizzando all interno del La transizione dal lavoro alla pensione 19

20 progetto Globalife, finalizzati a cogliere le influenze del processo di globalizzazione sulle dinamiche di pensionamento di diversi paesi europei. Tornando invece alla letteratura empirica economica che ha tentato di valutare gli effetti della sicurezza sociale sulle scelte di pensionamento, è opportuno sottolineare come ci siano due filoni di ricerca. Il primo utilizza informazioni aggregate sui comportamenti dei lavoratori e sugli avvenimenti occorsi nel tempo per poter trarre conclusioni riguardo al ruolo dei sistemi di sicurezza sociale su tali comportamenti (Ruhm 1995; Costa 1998; Honig 1998); queste informazioni sono tratte da basi dati di tipo panel, come nel caso dell HRS, Health and Retirement Survey, una dettagliata ricerca longitudinale che da più di dieci anni raccoglie informazioni a scadenza biennale su circa individui americani. Il secondo filone di studi invece, si pone l obiettivo di costruire modelli econometrici in grado di stimare l impatto di potenziali programmi di sicurezza sociale sui piani di pensionamento dei singoli lavoratori, servendosi generalmente di micro-sets di dati che forniscono informazioni sulle storie lavorative e di guadagno dei lavoratori (Blondal, Scarpetta 1999; Bosworth, Burtless 2000; Coile, Gruber 2000; Williamson, McNamara 2001; Butrica, Iams, Smith 2003). 4.1 Metodi e strumenti di analisi A questo punto, prima di vedere concretamente i risultati empirici, possono essere utili alcune semplici e sintetiche precisazioni sugli indicatori maggiormente utilizzati dagli economisti per valutare l impatto degli incentivi al pensionamento. 20 La transizione dal lavoro alla pensione

21 Questi indicatori finanziari, che possono essere definiti indicatori di convenienza, possono essere distinti in indicatori di convenienza complessiva e indicatori di convenienza al margine (Contini, Fornero 2002): i primi forniscono una valutazione di quanto un determinato sistema pensionistico restituisce rispetto ai contributi versati, e sono utili soprattutto per confrontare la posizione relativa di differenti coorti, o di differenti classi di reddito o categorie professionali, all interno di un determinato schema previdenziale. I secondi invece, si adattano meglio a modelli di scelta intertemporale e risultano quindi efficaci per misurare, periodo dopo periodo, l incentivo finanziario ad anticipare o a posticipare il pensionamento. Quasi tutti gli indicatori più comunemente utilizzati sono in qualche modo collegati al concetto di ricchezza pensionistica (retirement s wealth), che si può definire come il valore ad una certa data del flusso futuro dei benefici pensionistici, al netto dei contributi che si devono ancora versare, e che rappresenta in sostanza un indicatore del reddito netto totale percepibile attraverso la pensione; secondo l approccio economico, ogni individuo, considerato come homo economicus, ha ben presente questo concetto nel momento in cui pianifica la propria uscita dal mercato del lavoro. Dato un particolare tipo di pensione, è possibile ottenere un altro indicatore, il tasso interno di rendimento, che è il tasso di attualizzazione che rende nulla la ricchezza calcolata nel momento di ingresso nel mercato del lavoro; questo indicatore, se confrontato con il tasso di rendimento di altre forme di risparmio, rappresenta il costo opportunità della partecipazione al sistema previdenziale. In alternativa, sempre in riferimento alla data di ingresso nel mercato del lavoro, è possibile calcolare il rapporto La transizione dal lavoro alla pensione 21

22 tra le due componenti della ricchezza pensionistica, ovvero le pensioni che si riceveranno e i contributi che si verseranno. Questo rapporto, definito net present value ratio (NPVR), indica il rendimento lordo, in termini di pensione, per ogni Dollaro, o Euro, versato sotto forma di contributi. Un ulteriore indicatore è il cosiddetto tasso di sostituzione, dato dal rapporto tra la prima pensione ricevuta e l ultima retribuzione, o una media delle ultime. Questo tasso, a differenza degli indicatori precedenti, non è collegato al concetto di ricchezza pensionistica, ma rappresenta una misura spuria del grado di convenienza, perché dipende in maniera significativa dall ultima parte della curva salariale per età, almeno nei sistemi pensionistici di natura retributiva, e dai parametri di indicizzazione della pensione (Contini, Fornero 2002). Nel caso in cui gli individui attribuiscano particolare importanza al mantenimento di un tenore di vita costante adottano un certo valore del tasso di sostituzione come target pensionistico, questo parametro acquista particolare importanza ai fini delle decisioni individuali di continuare o meno a lavorare. Gli indicatori fino ad ora esposti forniscono una valutazione complessiva della convenienza del sistema pensionistico, ma si limitano a sottolineare il carattere finanziario e assicurativo della previdenza pubblica, tralasciando invece gli aspetti redistributivi dei sistemi di welfare, cosicché vengono trascurate l incertezza e le possibili imperfezioni del mercato. In particolare il calcolo degli indicatori di convenienza complessiva si basa su una determinata età del pensionamento e risultano dunque poco idonei a cogliere gli incentivi, in termini marginali, che si presentano al lavoratore al momento di decidere se ritirarsi o continuare a lavorare per un certo periodo. Per ovviare a questa carenza si fa ricorso allora agli indicatori di convenienza marginale; secondo gli economisti al momento di prendere la 22 La transizione dal lavoro alla pensione

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 2-1 Applicazioni dell offerta di lavoro - Introduzione - 1 Introduzione I modelli statici d offerta di lavoro spiegano: 1.come gli individui distribuiscano il tempo tra

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione.

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione. Proposta di finanziamento della fiscalizzazione dei contributi per giovani neoassunti mediante l attivo realizzato con la contribuzione versata dai lavoratori il cui pensionamento è stato rinviato dalla

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012

CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012 17 dicembre 2013 CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012 Le forme di transizione graduale verso il pensionamento non sono diffuse nel nostro Paese: soltanto il 3,5%

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

La Riforma Amato 92. Innalzamento età implica riduzione TIR per nuove generazioni. Le Riforme: Amato 92

La Riforma Amato 92. Innalzamento età implica riduzione TIR per nuove generazioni. Le Riforme: Amato 92 La Riforma Amato 92 Riforma Amato. Sistema Retributivo. Restrizioni su età, e su indicizzazione pensioni. Grava su nuove generazioni perché (I) scarica su di esse i rischi demografici, (II) È applicata

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI

ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI Relazione al convegno promosso dall Associazione ex-parlamentari della Repubblica Milano, 10 dicembre 2012 Togliere lavoro ai vecchi per darlo ai giovani?

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Quanto vale l Unione dei Comuni?

Quanto vale l Unione dei Comuni? Quanto vale l Unione dei Comuni? La domanda che viene spontanea nell'accingersi a valutare cinque anni di attività del'unione dei Comuni della Bassa Romagna è: quanto vale la scelta organizzativa Unione

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014. Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro

Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014. Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014 Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro Le principali leggi di riforma Dal dopoguerra ad oggi vi sono stati soltanto due leggi di riforma del

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Perizia attuariale relativa alla Cassa pensioni della Confederazione (CPC) Riassunto Autore:

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere

Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere Michele Raitano Sapienza Università di Roma e Fondazione Giacomo Brodolini Roma, 6 marzo 2012 I punti da sottolineare

Dettagli

Un modello di microsimulazione a popolazione dinamica per la stima degli effetti distributivi della riforma pensionistica

Un modello di microsimulazione a popolazione dinamica per la stima degli effetti distributivi della riforma pensionistica Un modello di microsimulazione a popolazione dinamica per la stima degli effetti distributivi della riforma pensionistica Massimo Baldini, Carlo Mazzaferro, Marcello Morciano Università degli studi di

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

di Onorato Castellino ed Elsa Fornero

di Onorato Castellino ed Elsa Fornero SCENARI EUROPEI PER LA PREVIDENZA INTEGRATIVA PRIVATA di Onorato Castellino ed Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Collegio Carlo Alberto Torino, 30 ottobre 2006 Outline La distinzione (sfumata) tra

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DELLA PREVIDENZA OBBLIGATORIA: PERCHÉ SI RIAPRE IL CAPITOLO PENSIONI

LA SOSTENIBILITA DELLA PREVIDENZA OBBLIGATORIA: PERCHÉ SI RIAPRE IL CAPITOLO PENSIONI di Angelo Giubileo LA SOSTENIBILITA DELLA PREVIDENZA OBBLIGATORIA: PERCHÉ SI RIAPRE IL CAPITOLO PENSIONI La recente sentenza n. 70/2015 della Corte Costituzionale, abrogativa del meccanismo perequativo

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - -

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - - 22. FONDI DEL PERSONALE La voce comprende Fondi pensione finanziati 271.288 266.404 non finanziati 99.681 85.014 TFR (società italiane) 47.007 40.484 Piani di assistenza medica 20.403 21.270 Altri benefici

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo 6 modulo Aspetti di fiscalità dei fondi pensione Riferimento bibliografico: 4 capitolo Art. 53 della costituzione Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Dettagli

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Nelle tabelle sottostanti si riportano i redditi ed i volumi di affari medi degli iscritti Inarcassa dal 2008 al 2011.

Nelle tabelle sottostanti si riportano i redditi ed i volumi di affari medi degli iscritti Inarcassa dal 2008 al 2011. Inarsind, Sindacato Ingegneri ed Architetti liberi professionisti Italiani, alla luce del trend - purtroppo assolutamente negativo dei redditi professionali di Architetti ed Ingegneri negli ultimi quattro

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE Mi è convenuto aderire a Priamo? Guardando ai rendimenti che Priamo ha ottenuto negli ultimi anni, la risposta è sicuramente sì. I risultati dei rendimenti conseguiti nel 2013 dai gestori finanziari selezionati

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli