La scuola non sarà più la stessa. Brixia Generazione Digitale Brescia, 11 novembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scuola non sarà più la stessa. Brixia Generazione Digitale Brescia, 11 novembre 2013"

Transcript

1 La scuola non sarà più la stessa Brixia Generazione Digitale Brescia, 11 novembre 2013

2 osa sta accadendo? mondo della didattica con le nuove tecnologie mbiando radicalmente, grazie all evoluzione di Intern allo sviluppo del Web 2.0 iflessione pedagogica - fino ad ora legata a mo ecifici per ciò che concerne il focus... Comportamentisti: centrati sulle tecnologie Cognitivisti: centrati sui contenuti e la loro organizzaz Costruttivisti: centrati sulle dinamiche di interazione sta modificandosi radicalmente!

3 uove parole chiave er studenti e docenti a consumatori di contenuti a prosumer tilizzo del web come piattaforma (da biblioteca a luo i interscambio comunicativo...e didattico!) pinta alla collaborazione e alla condivisio pprendimento autentico (Herrington)! bbondanza digitale: diffusione sempre più ampia ispositivi mobili potenti, multimediali, connessi e c piccata vocazione social

4 bbondanza digitale ampia diffusione di smartphone e tablet, e permettono di essere tto cambiando in modo segnamento e apprendimento ecessario ripensare in maniera a volte netta il rappo lle agenzie formative con ipensare i parametri su cui costruire le attività da olgere agli studenti e gli nso assume sempre maggiore rilevanza la capacità ientarsi tra le informazioni, per non incappare luzioni ingenue o semplicistiche costantemente online sta radicale anche i processi tali dispositivi schemi di valutazione. In

5 rowd Accelerated Innovation nnovazione è sempre stata un'attività di gruppo. Il mito del genio solitario che o momento eureka e cambia il mondo è, per l'appunto, un mito. In gen novazione è il risultato di ore e ore di lavoro su input forniti da altri. Le ide ltiplicano a partire da altre idee, rimbalzando da una persona all'altr dificandosi a ogni passaggio, evolvendosi. La Crowd Accelerated Innovation n a novità, dunque. In un certo senso, è l'unico tipo di innovazione che sia istito. La novità sta nel fatto che la Rete [...] l'ha spinta a un livello spettacolare ris Anderson - curatore del TED

6 ormal, Informal, social learning in corso un progressivo spostamento da progett mbienti di formazione strutturati e formali verso a mbienti e altre strutture, ubiqui e situati sigenze dei singoli discenti in un ottica di inclusio erso il basso e verso l alto e di fruizione anche obilità... processi di apprendimento formale (e non formal nformale e sociale - storicamente percepiti co stremamente separati - si stanno sempre rmonizzando

7

8 erso un paesaggio digitale i fatto il passaggio in atto negli ambienti di formazio sati sull utilizzo di tecnologie si modifica: da u enario caratterizzato da un set di contenuti chius finiti a quello che viene definito (Capitani & Ro 08) come un paesaggio digitale, caratterizzato ntenuti aperti e riutilizzabili, in cui la conoscenza vie sta sempre più come un bene comune da condivide uttosto che come una proprietà intellettuale oteggere: i contenuti sono a disposizione, il valo giunto è altrove (Opencourseware Consortiu unesu, Cursera, MOOCs)

9 a caratteristiche dei paesaggi digitali paesaggi digitali devono mantenere, per essere effic ratteristiche di apertura e flessibilità ed attribuire il giusto spa ttraverso le attività e gli strumenti proposti) alla compone formale e sociale: interazioni di tipo peer-to-peer, adattabil onfigurabili, proattività, spesso rapida e con strumenti sem sponibili. Necessario: efinire una strategia didattica da collocare in un ambiente prendimento allargato cegliere un set di strumenti, da dosare ed integrare sapienteme l interno dell ambiente alla luce di una strategia didattica definita ensare all apprendente in un ottica di competenze più che noscenze

10 learning tool più utili (C4LPT - J. Hart) itter - social network & micro-blogging service ogle Drive - office suite and data storage service utube - video-sharing tool ogle Search - web search engine werpoint - presentation software ernote - productivity tool opbox - file synching software ordpress - blogging/website tool cebook - social network

11 rescriptive vs emergent learning mergent is) learning which arises out of the interaction betwee mber of people and resources, in which the learners organise termine both the process and to some extent the learn stinations, both of which are unpredictable. The interaction is any senses self-organised, but it nevertheless requires so nstraint and structure. It may include virtual or physical networks th oy Williams, Regina Karousou, Jenny Mackness ndamentale sottolineare che il prescriptive learning viene defi me non negoziabile, e pertanto valutabile in maniera preditt entre quello emergent è caratterizzato da una conoscenza che no edicibile, ma di cui si può al limite assicurare coerenza retroattiva!

12 estire l emergenza! nce emergent learning is unpredictable but retrospectiv herent, we cannot determine in advance what will happen, but n make sense of it after the event. It s not disordered; the orde st not predictable. ggerimenti: Creare dei vincoli negativi, ovvero determinare azioni che no consentite (critica in senso kantiano, si tracciano i confini cito) Effettuare monitoraggio continuo e costante, con interv mediati e continui aggiustamenti e correzioni Enfatizzare la resilienza (vista come tolleranza all errore) in lu lla robustezza (vista come assenza di errori)

13 brevissimo termine/1 ecnologia a scuola: on più un eccezione o una novità ecessario: Uso standard della tecnologia come strumento BILITANTE per QUALSIASI MATERIA Cambiare focus: dai progetti di moda che fanno nsazione e immagine alla didattica quotidiana Valutare con più attenzione la tecnologia: come nziona, cosa funziona, in che senso funziona, uando funziona, a che condizioni funziona

14 brevissimo termine/2 ecessario: Rivedere la formazione di base dei nuovi docen Rivedere la formazione dei docenti già in servizi d aiutarli ad un habit change De-ideologizzare il dibattito sull uso delle tecnolo fare maggior uso di evidenze empiriche (casi rea Rafforzare la diffusione e circolazione delle sperienze significative

15 brevissimo termine/3 ecessario: Creare una rete di comunità online di segnanti e ricercatori che: discutono, pprofondiscono, sperimentano, diffondono, Continuare comunque anche con progetti ampione, che con coraggio aprano nuove rade, che poi la comunità possa percorrere: omunità di interessi e comunità di pratica uasi si fondono

16 medio termine/1 idefinire le competenze di base (da sviluppare i vari livelli di scolarizzazione), non solo abilità cnologiche,, ma anche: Media literacy Capacità comunicative Capacità di gestire un progetto Gestione di eccesso (overload) di informazione Gestione del tempo Life-long learning

17 medio termine/2 Rendere la scuola bilingue: italiano e inglese. Deve diventare possibile per studenti e docenti fruire dell incredibile mole di materiali esistenti in ambiente anglosassone e dialogare con il resto del mondo. Non una moda, ma una necessità (anche in ottica professionale)! Ridefinire le modalità di lavoro curriculari ed extra curriculari: orari e organizzazione degli spazi attuali rendono difficile (o impossibili) attività progettuali

18 medio termine/3 LENDED LEARNING: non solo a scuola e in orari olastico, ma anche apprendimento on-line magari iniziando da casi specifici: corsi di recupero rsi di approfondimento, corsi per contenuti extra rsi per studenti eccellenti, ovesciare la classe: FLIPPED CLASSROOM, in cui l e a scuola siano quelle a valore aggiunto, sfruttando ateriali di straordinaria qualità esistenti in Rete e OOC

19 senso strategico on si può fingere che le tecnologie si innestino ll attuale sistema scolastico senza alterarlo ofondamente o che sia ancora possibile ignorarle una prospettiva ventennale: A SCUOLA NON SARA PIU LA STESSA han Academy, Florida Virtual School, e-textbook, OOC A SFIDA ostruire (insieme) un nuovo modello di scuola

20 iniziative di HOC-LAB per la scuo

21 OC-LAB OC: Hypermedia Open Center dal1997 Presso il Dipartimento di Elettronica, Informazione ioingegneria del Politecnico di Milano eam multidisciplinare (ingegneri, designer, ma anche laurea materie umanistiche) accademici, 10 persone di staff in media, 2-3 dottorandi pecializzazioni: etodologie (design, requisiti, usabilità, accessibilità, ) Strumenti (3D MUVEs, authoring/delivery tools, strumenti rmati per l elearning ) pplicazioni (elearning, eculture, etourism, ) ormazione docenti (master online, MOOC)

22 OC-LAB scuola Esperienze educative 3D: per le scuole superiori (Eur raele, USA) olicultura: storytelling digitale per tutti i livelli di scuola, pa EXPO2015 DOL: Master Online per esperti nell uso delle tecnologie dattica: Master - Corso di formazione - Modular - MOOC HI-TEC: orientamento per studenti eccellenti (4 anno sc periori) olilab-kids: educational animations oper la scuola primaria ScuoLab: repository di progetti didattici realizzati con cnologie echnology at School: uso della LIM nella didattica quotidian earning for All: ricerca sull impatto delle TIC sulla scuola

23 OC-LAB scuola - i numeri

24 razie per l attenzione! w.dol.polimi.it w.policultura.it tp://hoc.elet.polimi.it

La scuola non sarà più la stessa

La scuola non sarà più la stessa La scuola non sarà più la stessa Brixia Generazione Digitale Brescia, 11 novembre 2013 Aldo Torrebruno - HOC-LAB - Politecnico di Milano 1 2 Cosa sta accadendo? Il mondo della didattica con le nuove tecnologie

Dettagli

Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage

Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage Antonella Zane Centro di Ateneo per le Biblioteche (CAB) Università degli studi

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

Corso di Formazione Brixia generazione digitale Descrizione argomenti trattati

Corso di Formazione Brixia generazione digitale Descrizione argomenti trattati Nr. modulo 1` (Universita Cattolica) Titolo modulo formativo Seminario di apertura del corso Corso di Formazione Brixia generazione digitale Descrizione argomenti trattati Partecipazione all incontro di

Dettagli

Veronica Mobilio - CNIPA. Scegliere una piattaforma

Veronica Mobilio - CNIPA. Scegliere una piattaforma L Open Source per l elearningl ATutor vs Moodle Veronica Mobilio - CNIPA Scegliere una piattaforma Le PA che decidono di erogare progetti formativi in modalità elearning si trovano di fronte alla necessità

Dettagli

Dal sito del Polo Qualità di Napoli http://www.qualitascuola.com. si può accedere a due piattaforme:

Dal sito del Polo Qualità di Napoli http://www.qualitascuola.com. si può accedere a due piattaforme: Dal sito del Polo Qualità di Napoli http://www.qualitascuola.com si può accedere a due piattaforme: T4T Ambiente di lavoro del docente, personale e sociale, da un lato scrivania multimediale e dall altro

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

Docebo: la tua piattaforma E-Learning Google Ready.

Docebo: la tua piattaforma E-Learning Google Ready. Docebo: la tua piattaforma E-Learning Google Ready. Potenzia la tua suite Google Apps con Piattaforma FAD e Tutorial gratuiti Docebo! Docebo aiuta le aziende nella transizione da altre suite d ufficio

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo SHARECONFERENCE Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo Teramo 15/12/2006 Manuela Pegoraro Il Centro METID del Politecnico

Dettagli

Che cos e'? 11/05/2015 Pionero Digital Innovation

Che cos e'? 11/05/2015 Pionero Digital Innovation NUOVI PORTALI DI SMART GOVERNMENT DEL COMUNE DI MILANO: L ECOSISTEMA DEI SERVIZI DIGITALI PER COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE, SERVIZI ONLINE, TURISMO E SERVIZI DI INFOMOBILITA 11 maggio, 2015 E il primo cantiere

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ]

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ] U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e [ A p r i l e 2 0 1 4 ] Moodle a Ca Foscari Autori: Matteo Ferrini Nicola Sanavio Roberta Scuttari Sommario 1.

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Sistema Sapere e Crescita Piano degli interventi 2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze per la formazione online Informazioni generali sul corso

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia Il difficile accesso degli studenti italiani alla didattica digitale Fonte: Unione Europea, «Survey of Schools:

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

ICT per la didattica

ICT per la didattica ICT per la didattica S2 progettare elearning Rizomatica.net Progettare un percorso e-learning Teorie e tecniche di Instructional design Macro e micro progettazione didattica Obiettivi formativi Strategie

Dettagli

HI-TEC 2012 Una proposta di orientamento attivo del Politecnico di Milano

HI-TEC 2012 Una proposta di orientamento attivo del Politecnico di Milano HI-TEC 2012 Una proposta di orientamento attivo del Politecnico di Milano BANDO DI PARTECIPAZIONE HI-TEC è un esperienza didattica innovativa, per studenti eccellenti di scuola secondaria di secondo grado

Dettagli

Formarsi è bene, Trasformarsi è meglio. Investire su se stessi Apprendimento Continuo

Formarsi è bene, Trasformarsi è meglio. Investire su se stessi Apprendimento Continuo Formarsi è bene, Trasformarsi è meglio ISTUD BUSINESS SCHOOL Investire su se stessi Apprendimento Continuo Sonia Claudia Lepore Cambiamento Continuo VUCA! Volatility Uncertainty Complexity Ambiguity Risulta

Dettagli

IFLA trend report e biblioteche accademiche: nuove sfide nella società dell informazione diffusa

IFLA trend report e biblioteche accademiche: nuove sfide nella società dell informazione diffusa IFLA trend report e biblioteche accademiche: nuove sfide nella società dell informazione diffusa Maria Cassella IFLA SOCRs maria.cassella@unito.it maria.cassella@gmail.com AIB Lombardia, Milano, 27 ottobre

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il Tirocinio on line nell Università di Padova Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il tirocinio 2 Ricomposizione teoria-pratica Apprendimento sul campo Ricerca sulla pratica Orientamento

Dettagli

Indice dei corsi di formazione individuale

Indice dei corsi di formazione individuale CATALOGO 2014/2015 Indice dei corsi di formazione individuale Modalità online A. Costruire ambienti per un apprendimento significativo: dal dire al fare B. Dalla valutazione alla certificazione delle competenze:

Dettagli

Università per Stranieri Siena

Università per Stranieri Siena Università per Stranieri Siena per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100 Siena Tel. +39 0577.240.249-274 e-mail:fast@unistrasi.it sito:www.unistrasi.it Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100

Dettagli

La Didattica in rete: la rete GARR Prof. Marco Mezzalama Politecnico di Torino marco.mezzalama@polito.it

La Didattica in rete: la rete GARR Prof. Marco Mezzalama Politecnico di Torino marco.mezzalama@polito.it La Didattica in rete: la rete GARR Prof. Marco Mezzalama Politecnico di Torino marco.mezzalama@polito.it 16-05-2014 Internal Marco Mazzalama ICT e evoluzione Negli ultimi 5 anni lo ICT ha registrato una

Dettagli

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici di Franco Bochicchio Il Master Promosso dal CO.IN.FO. nell ambito delle attività consortili Formazione

Dettagli

Experimenting MOC & MOOC in Technical University

Experimenting MOC & MOOC in Technical University 28 EDIZIONE Napoli 7, 8 e 9 Maggio 2014 Experimenting MOC & MOOC in Technical University Ursula Castaldo Marco Mezzalama Enrico Venuto ursula.castaldo@polito.it marco.mezzalama@polito.it enrico.venuto@polito.it

Dettagli

Virtual campus in modalità blended: dal primo corso di laurea blended in Sociologia a E-urbs

Virtual campus in modalità blended: dal primo corso di laurea blended in Sociologia a E-urbs Virtual campus in modalità blended: dal primo corso di laurea blended in Sociologia a E-urbs Giovanni Torrisi (Università di Urbino Carlo Bo ) Facoltà di Sociologia Università degli studi di Urbino Carlo

Dettagli

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni La tua azienda è perfettamente connessa? È questa la sfida cruciale dell attuale panorama aziendale virtuale e mobile, mentre le

Dettagli

L Educazione Mondiale e le Esposizioni Universali

L Educazione Mondiale e le Esposizioni Universali L Educazione Mondiale e le Esposizioni Universali Sviluppare una cittadinanza mondiale per il Terzo Millennio La vision di HOC-LAB, Politecnico di Milano (Italia) policultura @polimi.it I sistemi scolastici

Dettagli

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO SEZIONE 3. IL PROGETTO 3.1 Analisi di contesto Allo stato attuale le attività didattiche del Corso di laurea in Medicina e chirurgia sono strutturate in linea con il nuovo curriculum comunitario approvato

Dettagli

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti dei corsi Il corso denominato G1 non compare in quanto le iscrizioni all incontro col prof. Tagliagambe sono stati diversamente contemplati. Il codice del corso, indicato sulla destra nella casella dei

Dettagli

Il ruolo di etwinning in Erasmus +

Il ruolo di etwinning in Erasmus + Il ruolo di etwinning in Erasmus + Lorenzo Mentuccia Unità nazionale etwinning Agenzia LLP/INDIRE Livorno, 11/11/2013 www.etwinning.net www.etwinning.it La comunità delle scuole europee Erasmus+: 3 Azioni

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Il CINI e le certificazioni

Il CINI e le certificazioni Il CINI e le certificazioni Prof. Paolo Ciancarini Direttore del Consorzio Prof. Marco Ferretti Responsabile progetto EUCIP Roma, 24 luglio 2007 Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Dettagli

Caratteristiche del modello e condizioni di trasferibilità

Caratteristiche del modello e condizioni di trasferibilità Caratteristiche del modello e condizioni di trasferibilità Bruno Boniolo Modelli di e-learning La sostenibilità La trasferibilità Ambiti di trasferibilità Esperienze di trasferimento 1 Modelli di apprendimento

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso avanzato OBIETTIVI L uso avanzato dei blog nella didattica delle discipline artistiche (inserimento

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

L approccio ad app. Aldo Torrebruno - HOC-LAB Politecnico di Milano" Brescia, 10 dicembre 2013

L approccio ad app. Aldo Torrebruno - HOC-LAB Politecnico di Milano Brescia, 10 dicembre 2013 L approccio ad app Aldo Torrebruno - HOC-LAB Politecnico di Milano" Brescia, 10 dicembre 2013 I tablet e l approccio ad app Tablet e smartphone condividono l approccio ad app, piuttosto diverso rispetto

Dettagli

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it @Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share www.archittettidiapprendimento.it FINALITÀ DESTINATARI ORGANIZZAZIONE L Hdemia@ArchitettidiApprendimento si colloca fra le

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DELLA DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DELLA DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DELLA DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE 2015 PA e Sanità Principi, modelli organizzativi e metodi concreti di attuazione degli obiettivi dell Agenda Digitale PA075 in

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Speciale Multiasse La Società della Conoscenza in Abruzzo PO FSE Abruzzo 2007-2013 Piano degli interventi 2011-2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E MUSICALE S. Rosa da Viterbo Viterbo, 4 Marzo 2014

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E MUSICALE S. Rosa da Viterbo Viterbo, 4 Marzo 2014 SEMINARIO DI FORMAZIONE LICEO DELLE SCIENZE UMANE E MUSICALE S. Rosa da Viterbo Viterbo, 4 Marzo 2014 Presentazione delle ambasciatrici e-twinning Francoise Altamura, Roberta. M. Delle Monache, Grazia

Dettagli

Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica

Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica Seminario Internazionale Pratiche Innovative dell insegnamento dell urbanistica e della progettazione urbanistica e ambientale Milano 22.11.2005 Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica Alberto

Dettagli

Teleskill Live per: Scuola digitale - Cl@ssi 2.0 L integrazione della tecnologia nella didattica.

Teleskill Live per: Scuola digitale - Cl@ssi 2.0 L integrazione della tecnologia nella didattica. Teleskill Live per: Scuola digitale - Cl@ssi 2.0 L integrazione della tecnologia nella didattica. PROFILO AZIENDA Teleskill Italia è una società d ingegneria informatica che si occupa di sviluppo tecnologico

Dettagli

Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE

Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE Prof. Andrea Porcarelli Applet, Learning Object, Ambienti di Pubblicazione e di Simulazione Prof. Claudio Cancelli SILSIS- Sede di Bergamo

Dettagli

E-Learning, la Formazione Aziendale diventa semplice.

E-Learning, la Formazione Aziendale diventa semplice. E-Learning, la Formazione Aziendale diventa semplice. Grandi Aziende & Formazione Primaria necessità delle Grandi Aziende è quella di agevolare lo scambio di informazioni tra le diverse unità operative,

Dettagli

EIPASS Docente Digitale

EIPASS Docente Digitale european informatics passport EIPASS Docente Digitale Programma analitico d esame EIPASS P.A. Pagina 2 di 19 Premessa L indagine Programme for International Student Assessment (OCSE) costituisce un elemento

Dettagli

BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO

BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO BIM SUMMIT 2015 2 EDIZIONE BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO Paola Ronca prof. Ordinario di «Tecnica delle Costruzioni», Polimi Direttore Scuola Master F.lli Pesenti

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 Indice Presentazione di F. Falcinelli 7 Introduzione 11 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 2. Tipologie di e-learning e modelli

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Catalogo Corsi Competenze Digitali 2015 1

Catalogo Corsi Competenze Digitali 2015 1 SETTING I Lavorare con i dispositivi destinati alla fruizione collettiva di contenuti in situazioni di didattica frontale e collaborativa (es. Lim, mirroring di tablet e/ o computer, proiettore interattivo

Dettagli

ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change

ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change Corso di Alta Formazione ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change corso interaziendale di General Management La LIUC Università Cattaneo nasce nel 1991 per iniziativa dell Unione degli

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

Workshop Portale e Sistemi Informativi Edizione 2015 Sala Rossa e Sala Principi D Acaja, Palazzo del Rettorato 26 e 27 febbraio

Workshop Portale e Sistemi Informativi Edizione 2015 Sala Rossa e Sala Principi D Acaja, Palazzo del Rettorato 26 e 27 febbraio Workshop Portale e Sistemi Informativi Edizione 2015 Sala Rossa e Sala Principi D Acaja, Palazzo del Rettorato 26 e 27 febbraio Piattaforma CampusNet Cosa consente di fare? CampusNet: è un sistema applicativo

Dettagli

Milano, 22 maggio 2008

Milano, 22 maggio 2008 Milano, 22 maggio 2008 Giornata di studio riservata agli Alumni PoliScuola Paradigmi pedagogici: miti e demitizzazioni Giovedì 22 Maggio 2008, presso l Auditorium del Politecnico di Milano, si è svolta

Dettagli

Doppio Diploma. Doppia Opportunità. Prepara gli studenti a nuove sfide

Doppio Diploma. Doppia Opportunità. Prepara gli studenti a nuove sfide Doppio Diploma Doppia Opportunità Prepara gli studenti a nuove sfide Oggigiorno per affrontare il XXI secolo, agli studenti è richiesto un maggior numero di qualificazioni professionali per competere con

Dettagli

Gabriella Paolini (GARR) Corso Intensivo di Reggio Calabria

Gabriella Paolini (GARR) Corso Intensivo di Reggio Calabria Gabriella Paolini (GARR) Corso Intensivo di Reggio Calabria Open Educational Resources La definizione è stata usata per primo dall UNESCO nel 2002 Gli Open Educational Resources (OERs) sono tutti i tipi

Dettagli

Titolo intervento Apprendimento linguistico in ambienti multimediali Relatore: Luciana Favaro (Università Ca Foscari Venezia) Commento alle slides

Titolo intervento Apprendimento linguistico in ambienti multimediali Relatore: Luciana Favaro (Università Ca Foscari Venezia) Commento alle slides Titolo intervento Apprendimento linguistico in ambienti multimediali Relatore: Luciana Favaro (Università Ca Foscari Venezia) Commento alle slides Un ambito specifico della ricerca glottodidattica si occupa

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Widening the future Improving guidance intervention at school

Widening the future Improving guidance intervention at school Lifelong Learning Programme 2007 2013 Comenius Multilateral Projects Widening the future Improving guidance intervention at school PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Questo progetto è promosso, nell'ambito del

Dettagli

Dall Intranet al Cloud Content Management

Dall Intranet al Cloud Content Management Dall Intranet al Cloud Content Management Dallo sviluppo su pia+aforme all u1lizzo di servizi. È possibile e sostenibile? Chi ci guadagna e chi ci perde? Come cambia lo scenario per il fornitore? Quale

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E LORO IMPATTO SULLA DIDATTICA. Corso per docenti neo assunti USR Lombardia - 2015

NUOVE TECNOLOGIE E LORO IMPATTO SULLA DIDATTICA. Corso per docenti neo assunti USR Lombardia - 2015 NUOVE TECNOLOGIE E LORO IMPATTO SULLA DIDATTICA Corso per docenti neo assunti USR Lombardia - 2015 1 Nuovo PARADIGMA (1) La nuova cultura digitale e la sempre maggiore diffusione di device in tutti gli

Dettagli

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2)

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) Nel precedente approfondimento è stata evidenziata l'importanza di definire un'architettura per un percorso di blended e-learning (bl-el): questo

Dettagli

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività MEDA, 10/09/2015 PROT. N. 9280 Alla c.a. Dirigenti scolastici Loro Sede Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività A seguire, si elencano i moduli formativi programmati

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia La Mobility ha cambiato il nostro modo di lavorare e può cambiare il modo in cui le aziende

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning

Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning Centro E-learning Ateneo Bologna (CELAB) Valentina Comba Andrea Reggiani - Teramo, 14/12/ 2006

Dettagli

Milano Sharing City: il network della sharing economy. Renato Galliano, Settore Innovazione Economica, Smart city e università

Milano Sharing City: il network della sharing economy. Renato Galliano, Settore Innovazione Economica, Smart city e università Milano Sharing City: il network della sharing economy Renato Galliano, Settore Innovazione Economica, Smart city e università Expo Gate, Milano, 06 Luglio 2015 Agenda 1. Il percorso di Milano Sharing City

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

Il dottorato industriale

Il dottorato industriale GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 luglio 2012 Il dottorato industriale Antonio Migliardi Responsabile Human Resouces & Organization Telecom Italia Il modello di relazione con le Università Le iniziative sul

Dettagli

Nome TAMBORRA VALERIA INES VALENTINA Indirizzo Via Gramegna, 34, 70037 Ruvo di Puglia (BA) Telefono 392 395 86 79 E-mail valeria.tamborra@gmail.

Nome TAMBORRA VALERIA INES VALENTINA Indirizzo Via Gramegna, 34, 70037 Ruvo di Puglia (BA) Telefono 392 395 86 79 E-mail valeria.tamborra@gmail. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TAMBORRA VALERIA INES VALENTINA Indirizzo Via Gramegna, 34, 70037 Ruvo di Puglia (BA) Telefono 392 395 86 79 E-mail valeria.tamborra@gmail.com

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

How to START E-LEARNING

How to START E-LEARNING How to START E-LEARNING come INIZIARE Set-up di progetto e-learning AZIENDALE Premessa Per ogni azienda è oggi fondamentale riuscire a tradurre i cambiamenti in innovazione nel più breve tempo possibile.

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA . Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Con la Legge n. 5/0, l Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) entra a far parte del sistema educativo con pari dignità

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business Ordinamento Biennale Corsi di Laurea M, IM, MM, AFC, CLAPI, CLEFIN FINANCE, CLELI, ACME,

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 2- SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTI. Anno scolastico 2014-2015 ESITI QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 2- SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTI. Anno scolastico 2014-2015 ESITI QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI www.icscalimera.gov.it FUNZIONE STRUMENTALE AREA 2- SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTI Anno scolastico 2014-2015 ESITI QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI Metodologie didattiche Nuove tecnologie

Dettagli

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A.

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Seconda edizione Prof.ssa Mirella Schaerf - Dott.ssa Veronica Mobilio Gli argomenti Lo scenario L impatto organizzativo

Dettagli