Il sistema finanziario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema finanziario"

Transcript

1 Il sistema finanziario 1. Definizione Il sistema finanziario (SF) rappresenta la fondamentale struttura attraverso cui si svolge nell ambito di un dato contesto economico l attività finanziaria, ossia la produzione e l offerta di servizi finanziari. Si tratta di un infrastruttura complessa deputata a soddisfare i molteplici bisogni finanziari degli operatori economici. Ciò avviene tramite il trasferimento del potere di acquisto (cioè di risorse) tra unità economiche diverse (trasferimento nello spazio) e/o tra momenti temporali diversi (trasferimento nel tempo). Il sistema finanziario realizza anche un trasferimento di risorse tra diversi stati di natura, offrendo alcuni contratti (quelli assicurativi) che consentono di traslare il rischio al quale si è eventualmente esposti su un altro soggetto, in modo da mantenere inalterata la propria ricchezza in qualsiasi circostanza futura prevista o imprevista. Il sistema finanziario può essere studiato da due distinte prospettive: una strutturale (che risponde alla domanda: quali sono gli elementi costitutivi del SF?) e una funzionale (che analizza i compiti ai quali assolve il SF nell ambito del sistema economico). 2. Funzioni Il sistema finanziario svolge alcuni importanti compiti nell ambito del sistema economico: Funzione monetaria: il sistema finanziario garantisce il funzionamento del sistema dei pagamenti, che è uno dei fattori alla base della funzionalità degli scambi. Va precisato che la funzione monetaria è svolta fondamentalmente da uno specifico comparto del sistema finanziario, vale a dire dal sistema bancario: sono infatti la Banca Centrale e le banche i soli soggetti che hanno la prerogativa di potere fornire agli operatori economici dei mezzi di pagamento attraverso la creazione di proprie passività dotate del requisito di accettabilità e che dunque vengono universalmente accettate come mezzo di pagamento. L esercizio della funzione monetaria è dunque una caratteristica che distingue gli intermediari bancari da tutte le altre istituzioni finanziarie presenti nel sistema. Come si vedrà, l evoluzione dei diversi strumenti di pagamento nel corso del tempo è stata determinata dalla ricerca di crescente efficienza e sicurezza nel regolamento degli scambi, ovvero dall esigenza di ridurre progressivamente i costi e i rischi collegati al regolamento delle transazioni. Funzione di trasferimento di risorse dal risparmio agli investimenti (anche detta funzione creditizia/allocativa/di intermediazione/di collegamento): questo compito si sostanzia nel favorire il trasferimento delle risorse finanziarie nello spazio e nel tempo, ovvero dai soggetti in surplus finanziario ai soggetti in deficit finanziario presenti nel sistema economico. In tal modo si mettono in relazione i risparmi con gli investimenti. Quanto maggiore è la dissociazione fra centri di formazione del risparmio e centri di decisione degli investimenti anche detta dissociazione risparmio-investimenti 1 - tanto più diventa necessario e fondamentale il ruolo di allocazione delle risorse svolto dal sistema finanziario. 1 Tale situazione si verifica quando alcuni soggetti (o interi settori istituzionali) si caratterizzano per la funzione di accumulazione del risparmio e altri si specializzano invece nella funzione di investimento. Ne deriva che i primi dispongono di risorse ma non intenzione di impiegarle direttamente in attività reali mentre i secondi hanno progetti di investimento (reali) ma non

2 Tale compito si sostanzia, come accennato, nel mettere in collegamento soggetti con fabbisogni finanziari contrapposti: i datori di fondi e i prenditori di fondi, soddisfacendone contestualmente le rispettive esigenze finanziarie, che sono di investimento per i primi e di finanziamento per i secondi. L incontro tra unità in avanzo e in disavanzo può avvenire tramite i circuiti diretti (via mercati) e quelli indiretti (grazie all intervento di intermediari trasformatori ), a seconda delle preferenze degli scambisti finali e della compatibilità delle rispettive schede di preferenza. Il sistema finanziario è dunque chiamato a favorire l accumulazione del risparmio e il finanziamento degli investimenti, trasferendo le risorse finanziarie disponibili che sono scarse e, dunque, preziose verso gli impieghi migliori. Perché l allocazione delle risorse avvenga in condizioni socialmente ottimali ovvero di efficienza allocativa occorre non solo che si massimizzino le risorse disponibili, ma anche che si rendano finanziabili, tra tutti quelli possibili, gli investimenti con redditività attesa più elevata, dato un certo livello di rischio 2. Funzione di gestione dei rischi: il sistema finanziario consente di distribuire e trasferire i rischi tra le diverse unità economiche. Ciò accade in particolare tramite l utilizzo di specifiche tecniche gestionali (portfolio management, securitization, ecc.) e in virtù dell offerta di strumenti contrattuali ad hoc quali: o Contratti a termine: sulle merci o sugli strumenti finanziari, negoziati su mercati organizzati o over the counter (ossia, mercati non regolamentati aventi contratti e modalità di compravendita non standardizzati). Tali contratti, oltre ad essere teoricamente utilizzabili per finalità di speculazione ed arbitraggio, consentono anche di coprirsi dai cosiddetti rischi speculativi collegati alla detenzione di strumenti finanziari. o Polizze assicurative: consentono il trasferimento a un intermediario specializzato (compagnia di assicurazione) dei rischi puri, ossia quelli che si manifestano nella forma di perdite o danni futuri e non determinati nel tempo e nella misura. In tal modo si trasforma un evento dannoso futuro e incerto in un costo certo (il premio della polizza). Funzione di trasmissione della politica monetaria: il sistema finanziario e quello bancario in particolare rappresenta il fulcro attorno al quale ruota il meccanismo di trasmissione degli impulsi di politica monetaria al settore reale dell economia. Questo è infatti la controparte principale degli interventi della banca centrale ed è parte attiva nel processo di determinazione dei tassi di mercato e della crescita degli aggregati monetari e creditizi. Ponendo come obiettivo precipuo della politica monetaria la stabilità dei prezzi, il meccanismo di trasmissione si articola in due fasi. o In una prima fase, le variazioni del tasso di interesse di riferimento o della base monetaria determinano variazioni nelle condizioni del mercato finanziario, riflettendosi sui tassi di interesse di mercato, sui prezzi delle attività, sul tasso di cambio e sulle condizioni generali di liquidità e di credito dell economia. o Nella seconda fase, le variazioni delle condizioni del mercato finanziario determinano variazioni della spesa nominale per beni e servizi da parte delle famiglie e delle imprese. dispongono autonomamente delle risorse (risparmio) sufficienti per finanziarli. Ovviamente le posizioni di questi due soggetti sono strettamente complementari: occorre metterle in relazione! A questo provvede appunto il sistema finanziario, tramite i circuiti di collegamento (che possono essere sia diretti sia intermediati). 2 Alcuni fattori rendono più agevole il processo di trasferimento delle risorse finanziarie, in virtù dei livelli di rischio: o L informazione; o La liquidità; o La trasformazione del rischio.

3 Oltre a queste funzioni principali, il sistema finanziario concorre anche a produrre informazioni sui prezzi delle attività finanziarie e delle variabili finanziarie e ad attenuare le imperfezioni esistenti nella distribuzione delle informazioni ed i collegati problemi di incentivo. Esiste un legame fra sistema finanziario e sviluppo economico? Da un lato, la teoria economica neoclassica assegna al sistema finanziario un ruolo neutrale per quanto riguarda lo sviluppo economico: in questo caso la crescita è guidata da accumulazione dei fattori produttivi e dall innovazione. Dall altro lato, diversi studi empirici affermano che il sistema finanziario è un fattore determinante della crescita economica: in questo caso si osserva che i Paesi con sistemi finanziari più sviluppati tendono a crescere più rapidamente. 3. Articolazione Come detto, il sistema finanziario può essere analizzato da un punto di vista istituzionale o strutturale, cioè considerandolo come una struttura complessa composta da più elementi costitutivi che sono: 1) i contratti finanziari, 2) i mercati, 3) gli intermediari, 4) le Autorità di Vigilanza (e le norme da queste elaborate a presidio del corretto funzionamento del sistema). Contratti o strumenti finanziari In prima approssimazione è possibile chiarire che per contratti finanziari si intendono i negozi giuridici aventi ad oggetto diritti e prestazioni di natura finanziaria 3. Essi possono essere classificati sulla base di specifici profili contrattuali, che corrispondono a funzioni e profili di rendimento / rischio differenti. Tra i più importanti: Natura del diritto oggetto del contratto o Partecipazione: strumenti rappresentativi di un diritto di proprietà o Credito: strumenti rappresentativi di un diritto di rimborso di capitali precedentemente prestati o Impegno: negoziazioni a termine, subordinate o meno al verificarsi di determinate condizioni Durata del contratto o Indeterminata: la definizione della scadenza è lasciata alle controparti in momenti successivi alla sottoscrizione del contratto o Determinata: la scadenza è determinata già al momento della definizione del contratto o Determinata con clausole: sebbene la scadenza sia determinata, è attribuita ad una delle parti la facoltà di modificare la durata dell operazione attraverso clausole che consentono di: Prolungare indefinitamente la durata del contratto Ridurre durata del contratto con clausola rimborso anticipato Effettuare la conversione in uno strumento con diversa scadenza Profili di rendimento e rischio - Rendimento nullo 3 Il TUF (Testo Unico della Finanza D. Lgs. 58/1998) definisce specificamente strumenti finanziari le azioni e i titoli rappresentativi di capitale di rischio, le obbligazioni, i titoli di Stato, i titoli negoziabili sul mercato dei capitali, le quote di fondi comuni di investimento, gli strumenti finanziari derivati. Si tratta, dunque, di una particolare categoria di contratti finanziari, caratterizzati da caratteristiche tecniche formali che li rendono idonei alla negoziazione in un mercato.

4 - Rendimento di mercato o Certo: il rischio legato alla variabilità del rendimento è nullo o Incerto: la remunerazione periodica e/o la restituzione del capitale sono incerte nel loro livello o nella loro manifestazione temporale o Aleatorio: la remunerazione periodica e/o la restituzione del capitale sono incerte nel loro eventuale manifestarsi Negoziabilità (attitudine dello strumento ad essere trasferito ad altri operatori - bilateralmente o sul mercato) o Strumenti negoziabili: strumenti che possono essere trasferiti ad altri operatori. La trasferibilità è funzione sia delle caratteristiche dello strumento (titolo nominativo vs. al portatore, regime di circolazione, standardizzazione, frazionabilità) che dell esistenza di un mercato di riferimento o Strumenti non negoziabili: strumenti in cui il rapporto contrattuale rimane fermo fra le parti originarie fino a scadenza Liquidità (attitudine a trasformarsi economicamente e tempestivamente in mezzi di pagamento) o Mezzi di pagamento o Negoziabilità a vista o con preavviso o Negoziabilità sul mercato La liquidità di uno strumento finanziario è funzione, tra gli altri elementi, della durata (liquidità naturale) e della negoziabilità in un mercato (liquidità artificiale). Bisogno soddisfatto o Investimento o Finanziamento o Sicurezza (Copertura dei rischi finanziari / Copertura dei rischi assicurativi) o Pagamento (Gestione dei pagamenti / degli incassi) Mercati Per mercati si fa genericamente riferimento all insieme degli scambi riguardanti strumenti finanziari, ovvero al luogo in cui avvengono concretamente le negoziazioni aventi ad oggetto gli strumenti finanziari trasferibili nel corso della loro durata contrattuale. Le funzioni dei mercati finanziari sono sintetizzabili nei seguenti punti: finanziamento per gli emittenti di strumenti finanziari impiego di risorse finanziarie per gli investitori gestione dei rischi per i soggetti esposti o in cerca di esposizione negoziabilità degli strumenti finanziari in circolazione (rendono possibile la negoziazione degli strumenti in circolazione) quotazione degli strumenti finanziari negoziati controllo degli emittenti di titoli azionari Gli elementi principali di differenziazione dei mercati finanziari sono rappresentati da: classe di strumenti finanziari negoziati (es. mercato monetario: strumenti a breve termine; mercato dei capitali: azioni e obbligazioni; mercati derivati: futures ed opzioni) dimensione geografica (es. nazionale, internazionale) natura istituzionale (es. regolamentati o non, pubblici o privati), struttura logistica / localizzazione degli scambi (es. mercati fisici, mercati telematici, ecc.) procedure di negoziazione (es. asta, market making, ecc.).

5 Intermediari Gli intermediari finanziari svolgono un attività basata sulla produzione e sulla negoziazione degli strumenti finanziari. Sono operatori professionali che, con diverse modalità, soddisfano le esigenze finanziarie degli agenti economici. In linea generale essi: - Producono/detengono/negoziano contratti finanziari e/o offrono servizi finanziari variamente atteggiati 4 (agevolano la stipulazione di contratti finanziari e il funzionamento dei mercati) - La parte preponderante del loro stato patrimoniale è costituito da attività finanziarie e passività finanziarie - Il rendimento delle attività finanziarie costituisce il reddito prevalente della gestione caratteristica - Sono esposti ad una pluralità di rischi di natura appunto finanziaria. Sulla base dell attività svolta, gli intermediari finanziari si classificano in: intermediari creditizi: caratterizzati dalla funzione creditizia dal lato dell attivo e dal passivo nominalistico, ossia con un impegno di rimborso a valore nominale. In questa categoria rientrano le banche, una speciale classe di intermediari creditizi che si distingue per il fatto di svolgere una funzione monetaria, ossia per il fatto di emettere forme di debito a vista accettate come strumenti di pagamento. Esistono anche intermediari creditizi non bancari (come ad esempio le società di credito al consumo, quelle di leasing o di factoring) intermediari mobiliari: caratterizzati da una prevalente attività di negoziazione, di gestione e di consulenza su valori mobiliari (strumenti finanziari); gli investitori istituzionali sono caratterizzati dall attività principale di negoziazione delegata con tecniche di portafoglio e dal fatto di avere un passivo a valore di mercato; compagnie di assicurazione: caratterizzate dalla funzione di gestione dei rischi puri e da un collaterale circuito finanziario derivante dalla sequenza: premi investimento delle riserve pagamento dei capitali assicurati. Infatti, i premi raccolti ex ante vengono investiti sui mercati finanziari (e in attività reali) allo scopo di costituire i capitali necessari a onorare gli impegni assunti verso la massa degli assicurati. Sono infatti i proventi del loro impiego a contribuire a costituire i capitali necessari per i risarcimenti che la compagnia dovrà effettuare e a concorrere a formare il risultato economico dell intermediario stesso. Nell ambito del sistema finanziario, gli intermediari finanziari consentono di ridurre: l asimmetria informativa che caratterizza i mercati e gli strumenti finanziari e che scaturisce dalla diversa disponibilità informativa fra finanziatori e soggetti finanziati; il problema della divergenza delle preferenze fra i soggetti della domanda e dell offerta per quanto riguarda sia la durata dello scambio (attraverso contratti di credito e di debito con profili di scadenza differenziati) che il rischio (mediante una superiore competenza informativa e l applicazione di strumenti di risk pooling); i costi di transazione, operando su elevati volumi, con tecnologie avanzate e in condizioni di mercato competitivo. 4 In particolare, gli intermediari finanziari sono imprese specializzate: nella produzione di strumenti finanziari, sia come forma di raccolta e di investimento di fondi che come modalità di gestione dei rischi. Le controparti sono i risparmiatori, i prenditori di fondi, gli utilizzatori di mezzi di pagamento ed i soggetti esposti ai rischi. nella negoziazione di strumenti finanziari sia per conto proprio che per conto dei clienti. nell offerta di servizi di consulenza connessi alla produzione ed alla negoziazione di strumenti finanziari.

6 Autorità di vigilanza Le autorità di vigilanza sovrintendono al corretto funzionamento del sistema vigilando sul rispetto della regolamentazione esistente. Svolgono un ruolo molto importante. L obiettivo che perseguono è quello di favorire la stabilità, l efficienza, la competitività, la correttezza e trasparenza dei comportamenti sia delle istituzioni finanziarie che del sistema nel suo complesso. La delicatezza delle funzioni svolte e l intrinseca fragilità degli equilibri sui quali si fonda il suo funzionamento fanno del sistema finanziario un ambito fortemente regolamentato e vigilato. Le autorità di vigilanza presenti nel contesto italiano sono Banca d Italia, Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), Isvap (Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni Private), Covip (Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione), Agcm (Autorià Garante della Concorrenza e del Mercato).

7 La funzione allocativa e i saldi finanziari 1. Il saldo finanziario Ogni soggetto ha un proprio bilancio composto da: - conto economico; - stato patrimoniale. Considerando il conto economico, la differenza fra ricavi (entrate) e costi (uscite), se positiva, è una misura del risparmio. La voce di collegamento fra conto economico e stato patrimoniale è il patrimonio netto: in esso infatti si accumula il risparmio, sia in positivo che in negativo. Il collegamento fra conto economico e stato patrimoniale fa emergere i concetti di flusso e stock. Il risparmio è infatti una variabile flusso, ossia registra la dimensione di un fenomeno nel corso di un determinato intervallo di tempo. Il patrimonio netto invece è una variabile stock, ossia registra la dimensione di un fenomeno in un determinato istante. Le unità economiche non si limitano all accumulazione del risparmio, ma operano investimenti in attività reali (beni aventi un valore intrinseco in quanto possono produrre servizi di utilità reale ed immediata per il possessore) e attività finanziarie (l investitore vanta un diritto nei confronti del reddito e della ricchezza presenti e futuri dell emittente dello strumento finanziario il quale a sua volta, ha un impegno a soddisfare questo diritto). La moneta rappresenta un attività finanziaria speciale che si caratterizza per la diffusa accettazione come mezzo di pagamento. Il finanziamento di questi investimenti, oltre che al patrimonio netto (che corrisponde quindi al risparmio accumulato) può avvenire con il ricorso ai debiti (passività finanziarie). Alcune definizioni: Ricchezza finanziaria: stock di attività finanziarie detenute (Af) Ricchezza finanziaria netta: ricchezza finanziaria passività finanziaria (Af-Pf) Ricchezza reale: stock di attività reali in essere (Ar) Ricchezza reale netta: stock di attività reali al netto dei fondi di ammortamento (Ar- Fondi) Ricchezza totale lorda: Af+Ar Ricchezza netta: (Af-Pf)+(Ar-Fondi)

8 Il comportamento finanziario delle unità economiche può essere rappresentato attraverso lo schema delle fonti e degli usi dei fondi. Fonti: variazioni Passività Finanziarie (Pf), variazioni Patrimonio Netto (S) Usi: variazioni Attività Reali (Ar), variazioni Attività Finanziarie (Af) Il vincolo contabile dell uguaglianza tra fonti ed usi di fondi è: I + Af = Pf + S Il saldo finanziario (Sf) di un unità economica sarà definito come divario tra S ed I: Sf = S I L obiettivo del calcolo del saldo finanziario è quello di misurare l eccedenza (Sf > 0) o il deficit (Sf < 0) di risorse a fronte dei fabbisogni per investimenti. La qualificazione finanziario si riferisce al fatto che: un Sf > 0 comporta necessariamente un riequilibrio fonti-usi, attraverso nuovi investimenti in Af; un Sf < 0 comporta un ricorso a nuove Pf. Da ciò deriva che: Sf = Af Pf Il saldo finanziario quindi può essere visto sia come equilibrio tra grandezze reali (S e I), sia come equilibrio speculare tra grandezze finanziarie (flussi di Af e Pf). 2. I settori istituzionali Per poter analizzare il comportamento finanziario delle diverse unità economiche attraverso il saldo finanziario è necessario rappresentare l economia attraverso pochi soggetti. Questi ultimi sono aggregati in classi, definite come raggruppamenti di unità istituzionali che, oltre ad essere omogenee, manifestano autonomia e capacità di decisione in campo economico-finanziario. 1. Società non finanziarie 2. Società finanziarie 2.1 Istituzioni monetarie finanziarie 2.2 Altri intermediari finanziari 2.3 Ausiliari finanziari 2.4 Imprese di assicurazione e fondi pensione 3. Amministrazioni pubbliche 3.1 Amministrazioni centrali 3.2 Amministrazioni locali 3.3 Enti di previdenza e assistenza sociale 4. Famiglie e istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie 5. Resto del mondo La rappresentazione della struttura dei saldi di ogni settore istituzionale aiuta quindi a capire da dove provengono le risorse (Sf >0) e dove vengono destinate (Sf <0). Ogni settore ha una posizione che si colloca fra due estremi: Equilibrio finanziario (Sf = 0)

9 Divergenza finanziaria (Sf = I oppure Sf = S) La dimensione dei saldi settoriali è tanto più elevata quanto più ci si avvicina alla condizione di divergenza finanziaria. Quest ultima sottintende una specializzazione settoriale per cui si verifica una dissociazione risparmio investimento (da un lato, chi ha le risorse non le impiega in investimenti reali e, dall altro, chi fa gli investimenti reali non ha le risorse sufficienti per finanziarli). Tale situazione rende possibile lo sviluppo dei circuiti finanziari per il trasferimento delle risorse dalle unità in surplus (Sf>0) a quelle in deficit (Sf<0). Affinché si realizzi il trasferimento delle risorse si devono verificare diverse condizioni. In primo luogo ci deve essere l incontro tra datore e prenditore di fondi come avviene per i diversi beni e servizi richiesti ed offerti sui mercati. In secondo luogo si devono conciliare le diverse esigenze tra datore e prenditore (ammontare, scadenza, remunerazione/costo ). Può accadere che il trasferimento non si riesca a realizzare in tutto o in parte a causa delle diverse tipologie di fabbisogni espressi dalle unità in surplus e da quelle in deficit (divergenza di preferenze fra gli scambisti). Ad esempio, ci può essere un fabbisogno di investimento a breve termine che non si concilia con un fabbisogno di finanziamento a medio-lungo termine oppure l ammontare delle risorse richieste è più elevato di quello che il soggetto in surplus vuole investire o ancora il datore di fondi non ha sufficiente fiducia nella capacità del prenditore di far fede ai propri impegni In tal caso, il rischio è che una parte delle risorse finanziarie non venga impiegata, con conseguenze negative sul sistema economico. La presenza di intermediari finanziari asset transformer consente di ridurre tale rischio. Essi infatti operano una trasformazione delle scadenze che consente di conciliare le preferenze di scadenze tra datore e prenditore di fondi. Ad esempio gli intermediari rendono possibile finanziare una passività a medio-lungo termine con un attività finanziaria a breve. Essi operano anche una trasformazione dei rischi. Il risparmiatore preferisce investire in una passività emessa dall intermediario che reputa affidabile, anche perché soggetto a controlli, rispetto ad un qualsiasi altro richiedente fondi che non offre le stesse garanzie di solvibilità. 1. Le modalità esistenti per il trasferimento delle risorse Il trasferimento delle risorse dalle unità in surplus a quelle in deficit può avvenire attraverso: circuito finanziario diretto: ovvero tramite strumenti finanziari di mercato che rappresentano un rapporto contrattuale diretto tra l investitore (datore di fondi) e l emittente (prenditore di fondi). Perché l incontro tra gli scambisti possa avvenire sui circuiti diretti è necessario che vi sia una compatibilità fra preferenze degli investitori (datori di fondi) e degli emittenti (prenditori di fondi). circuito finanziario indiretto: l incontro fra gli scambisti finale è in questo caso possibile grazie all inserimento tra le unità finali di uno o più intermediari trasformatori. Questi ultimi si interpongono fra gli scambisti con il proprio bilancio, ovvero assumono di volta in volta la posizione contrattuale di debitore, nei rapporti con le unità in surplus, e di creditore, nei rapporti con le unità in deficit. In parte, mercati ed intermediari, sono sovrapposti: ciò indica che gli intermediari possono usare strumenti finanziari negoziati nei mercati e possono esserne coinvolti nel funzionamento tecnico.

10 In conclusione, è possibile ricordare i principali parametri di valutazione della struttura finanziaria di un economia. Questi sono: Separazione funzione di risparmio e investimento (Σ SFi/PIL ): questo indicatore misura la dissociazione tra la funzione risparmio e la funzione investimento, ovvero l ampiezza del fabbisogno di trasferimento delle risorse dalle unità in surplus a quelle in deficit; Rapporto di interrelazione finanziaria (Af/Ar): questo indicatore misura il grado di sviluppo dell economia finanziaria, ovvero la relazione tra attività economica e sviluppo finanziario; Rapporto di intermediazione finanziaria (Afif/AF): questo indicatore misura il peso degli intermediari finanziari nei circuiti finanziari. Esercizio Durante l anno 2012, una famiglia presenta i seguenti flussi di cassa in entrata e in uscita: stipendio 730; imposte 25; accensione prestito personale 95; acquisto appartamento 500; rimborso quota mutuo 50; dividendi su azioni 50; interessi passivi su mutuo 40; acquisto titoli di stato 150; consumi 350; vendita titoli azionari 250. A quanto ammonta il saldo finanziario (lo si calcoli con la modalità finanziaria )? SF = (- 145) Quale delle seguenti espressioni definisce il saldo finanziario differenza tra la variazione delle attività finanziarie e la variazione delle passività finanziarie somma del consumo e degli investimenti somma delle attività finanziarie intermediate nel sistema finanziario differenza tra reddito e consumo

11 Quali sono i settori istituzionali che tradizionalmente in Italia presentano un saldo finanziario negativo? a) Le famiglie e le imprese b) Le imprese e le amministrazioni pubbliche c) Le amministrazioni pubbliche e il resto del mondo

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Cosa si intende per sistema finanziario Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Il sistema finanziario E la struttura attraverso cui si svolge l attività finanziaria; L attività finanziaria è la

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA 1. Una visione d insieme 2. I settori istituzionali 3. I saldi finanziari 4. Le Famiglie 5.

Dettagli

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre La struttura finanziaria dell economia economia di Daniele Previati Ricordiamo le relazioni tra sviluppo economia reale e sistema finanziario Economia di baratto..moneta...economia monetaria. separazione

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I mercati finanziari Mercati creditizi e mobiliari I mercati si identificano con l insieme degli scambi di strumenti finanziari; Il collegamento tra unità

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Introduzione. Lo scambio di risorse nanziarie. Le funzioni del sistema nanziario

Introduzione. Lo scambio di risorse nanziarie. Le funzioni del sistema nanziario Introduzione Ma Il risparmio costituisce un'assicurazione contro eventi imprevisti. Ma assume anche un ruolo importante nello sviluppo dell'attività produttiva L'idale sarebbe che il risparmio riuscisse

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. La struttura finanziaria dell'economia

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. La struttura finanziaria dell'economia Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta La struttura finanziaria dell'economia I Mercati Finanziari nascono con la nascita della moneta e con la nascita degli strumenti finanziari

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli RELAZIONE AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito tre Fondi

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

La regolamentazione del sistema finanziario e gli organismi di controllo. Avv. Lorenzo Di Antonio

La regolamentazione del sistema finanziario e gli organismi di controllo. Avv. Lorenzo Di Antonio La regolamentazione del sistema finanziario e gli organismi di Avv. Lorenzo Di Antonio indice Obiettivi e strumenti della regolamentazione Le autorità di vigilanza I modelli di vigilanza Le fonti della

Dettagli

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2)

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) 1 IL SISTEMA DEGLI ACCADIMENTI L economia aziendale si occupa, in generale, delle azioni e dei fenomeni che si manifestano

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale Il Mercato finanziario Anno accademico 2012 / 2013 Valore e Prezzo delle Attività finanziarie

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine Legame tra decisioni di finanziamento a lungo e breve termine e prospetto fonti-impieghi (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 3) Corso di: GESTIONI FINANZIARIE

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Classificazione degli strumenti finanziari. Giuseppe G. Santorsola 1

Classificazione degli strumenti finanziari. Giuseppe G. Santorsola 1 Classificazione degli strumenti finanziari Giuseppe G. Santorsola 1 Gli strumenti finanziari Esigenze dello scambio di risorse e di finanziamenti Movimentazione di risorse monetarie Trasferimento di risorse

Dettagli

CAPITOLO I LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

CAPITOLO I LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO CAPITOLO I LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO 1. PREMESSA. Nell ambito di un impresa è importante la ricerca di 3 equilibri: 1) Reddituale: o capacità dell azienda di stare sul mercato, nel

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti I Fondi pensione aperti I scheda Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli