RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA"

Transcript

1 CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2015 E Consorzio per la gestione dei servizi socio-assistenziali tra i Comuni del Nord Astigiano Via Baroncini, ASTI Tel Fax P. IVA

2 INDICE FUNZIONI SOCIO ASSISTENZIALI - ATTIVITA ISTITUZIONALI - ATTIVITA INTERISTITUZIONALI ATTIVITA TERRITORIALI ORGANISMI DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RELAZIONE PROGRAMMATICA PROGETTI - TITOLARITA PROPRIA - TITOLARITA ESTERNA RELAZIONE AL BILANCIO

3 FUNZIONI SOCIO ASSISTENZIALI ATTIVITA ISTITUZIONALI

4 SERVIZI PER MINORI

5 Scheda n. 1 Definizione Assistenza economica Riferimenti Legislativi Art. 18 della L.R. 1/2004; Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e per l erogazione di assistenza economica del CO.GE.SA. Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Promuovere l autonomia di minori e famiglie in difficoltà, per il superamento di contingenti situazioni di emarginazione o di istituzionalizzazione. 1. Famiglie di carcerati ed ex carcerati (al massimo 6 mesi dopo la scarcerazione) con minori a carico; 2. Nuclei famigliari con orfani; 3. Famiglie a rischio sociale sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria. - Presentazione della domanda; - Raccolta della documentazione inerente al reddito e alle spese affrontate; - Istruzione della pratica e valutazione dell opportunità di erogare il contributo; - Erogazione del contributo in presenza dei requisiti previsti (dai regolamenti interni). Comune di residenza, organizzazioni di volontariato presenti nella singola realtà.

6 Scheda n. 2 Definizione Interventi socio assistenziali ex ONMI Riferimenti Legislativi L. 67/1993, L. R. 1/2004 Finalità Destinatari Eliminare le situazioni di rischio e di pregiudizio nella fascia materno infantile sostenendo: - minori di anni 18 appartenenti a famiglie bisognose; - gestanti bisognose e senza l appoggio della famiglia; - madri in difficoltà, in particolare nei primi anni di vita del minore. 1. Minori esposti all abbandono; 2. Gestanti in difficoltà; 3. Madri in difficoltà. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte del Servizio sulla base dei regolamenti interni; - Erogazione del contributo in presenza dei requisiti richiesti. Rapporti di rete con altri servizi Anagrafi comunali

7 Scheda n. 3 Definizione Interventi socio assistenziali per minori illegittimi riconosciuti dalla sola madre Riferimenti Legislativi L. 67/1993, L. R. 1/2004. Finalità Destinatari Sostenere le donne nella genitorialità monoparentale. Minori riconosciuti dalla sola madre sino al compimento del 16^ anno di età. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte del Servizio sulla base dei regolamenti interni; - Erogazione del contributo in presenza dei requisiti richiesti.

8 Scheda n. 4 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Assistenza domiciliare Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004; Regolamento del servizio di assistenza domiciliare del CO.GE.SA. Interventi diretti a nuclei famigliari con minori, versanti in stato di disagio e parziale o totale non autosufficienza anche temporanea. 1. Minori portatori di handicap; 2. Nuclei famigliari con minori a rischio; 3. Minori soggetti a provvedimenti dell autorità giudiziaria. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda da parte dell interessato; - Valutazione dell Assistente Sociale competente per il caso con presa visione di certificazione sanitaria, verbale di invalidità e documentazione reddituale per presa in carico; - Valutazione dell Assistente Sociale responsabile del Servizio di Assistenza Domiciliare per l erogazione dello stesso. Concorso dell utente in base al reddito. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT, Servizio di assistenza infermieristica domiciliare (ADI).

9 Scheda n. 5 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Servizio Educativo Art. 45 Legge Regionale 1/2004, Regolamento del Servizio Educativo del CO.GE.SA. Affrontare le difficoltà dei minori mantenendoli, inserendoli o reinserendoli, nel loro ambiente familiare e sociale, promuovendo: - Le capacità educative della persona, della famiglia e della Comunità al fine di prevenire le situazioni a rischio di devianza o di emarginazione e quale alternativa alla istituzionalizzazione; - Lo sviluppo di competenze ed autonomie primarie e di base, considerando anche la possibilità di un inserimento in percorsi di formazione con l eventuale necessario sostegno. 1. Minori le cui famiglie si trovino in difficoltà temporanea ad esercitare la funzione educativa genitoriale; 2. Minori inseriti presso famiglie affidatarie; 3. Minori inseriti in presidi residenziali o in affidamento per i quali si ipotizza un progetto di rientro in famiglia; 4. Minori con famiglie multiproblematiche in situazione di emarginazione e disadattamento; 5. Minori in situazione di grave conflittualità genitoriale e contenziosi relativi all affidamento dei figli; 6. Minori per i quali l Autorità giudiziaria abbia disposto interventi di sostegno e di controllo delle condizioni familiari; 7. Minori disabili. - Presentazione della domanda all assistente sociale, o prescrizione dell intervento da parte dell Autorità Giudiziaria, o attivazione promozionale da parte dell assistente sociale stessa; - Presentazione della richiesta al Servizio Educativo; - Presa in carico del caso ed elaborazione del progetto individuale. Autorità Giudiziaria, A.S.L. AT, Scuole, Agenzie educative presenti sul territorio.

10 Scheda n. 6 Definizione Spazio neutro. Riferimenti Legislativi L. 184/83, L. 149/2001, L.R. 1/2004. Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Tutelare il minore. Garantire il diritto di visita favorendo il riavvicinamento relazionale ed emotivo tra minori e adulti di riferimento, in uno spazio accogliente e sicuro, in presenza di un decreto dell Autorità Giudiziaria. 1. Genitori con una pesante conflittualità di coppia; 2. Genitori in presenza di decreti limitativi della potestà genitoriale; 3. Nuclei familiari multiproblematici. Richiesta dell Autorità Giudiziaria. Tribunale per i Minorenni, Tribunale Civile, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell A.S.L. AT, Regione Piemonte.

11 Scheda n. 7 Definizione Scuola Aperta Riferimenti Legislativi L.285/97, L. 328/00, L.R. 1/2004. Finalità Destinatari Modalità di intervento Rapporti di rete con gli altri Servizi Creare luoghi per la promozione di una socializzazione positiva che stimoli il valore dell autonomia e della responsabilità di bambini e ragazzi. Prevenire i rischi di isolamento ed il disagio in cui incorrono bambini e ragazzi quando si trovano a trascorrere il loro tempo libero senza precisi interessi e/o in assenza di figure adulte di riferimento. Creare sul territorio una presenza significativa di azioni orientate a garantire la possibilità di fare compiti e di giocare in spazi sicuri e alla presenza di personale qualificato, utilizzando come fondamento l esperienza comune del gioco e dello studio. Offrire interventi che, accompagnandosi alle attività istituzionali, funzionino come qualificato sostegno ai genitori nello svolgimento del loro delicato ruolo educativo. Minori residenti sul territorio del CO.GE.SA. inseriti nella scuola dell obbligo e loro famiglie. Per consentire la realizzazione di iniziative flessibili, applicabili a più realtà territoriali, il Consorzio interviene attraverso l erogazione di contributi finanziari. Cooperativa sociale Nuovi orizzonti, Comuni, Istituti Comprensivi, Direzioni didattiche, Associazioni di volontario.

12 Scheda n. 8 Definizione Estate Ragazzi Riferimenti Legislativi L.285/97, L. 328/00, L.R. 1/2004. Finalità Destinatari Modalità di intervento Rapporti di rete con gli altri Servizi Sostenere le Comunità locali nell organizzazione di attività estive in favore di minori. Favorire il crearsi di dinamiche relazionali e la nascita di gruppi spontanei per sostenere l aggregazione. Minori in età compresa tra i 6 ed i 14 anni residenti nei comuni del CO.GE.SA. Compartecipazione finanziaria del Consorzio per la realizzazione di iniziative ludico ricreative, inserite in un articolato programma di attività estive. Comuni, Associazioni di volontariato, Parrocchie e privati.

13 Scheda n. 9 Definizione Inserimento residenziale o semiresidenziale in presidi e comunità Riferimenti Legislativi Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004 Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Servizio rivolto a soggetti temporaneamente privi di un ambiente famigliare idoneo per i quali non è possibile disporre un affidamento, o soggetti ad autorità giudiziaria ai fini di assicurare loro il mantenimento, l educazione e l istruzione. Hanno carattere temporaneo. Gli interventi di inserimento sono rivolti a minori che non possono essere adeguatamente assistiti nell ambito della famiglia di appartenenza. - Rilevazione del bisogno; - Segnalazione all autorità giudiziaria (dove si rende necessario); - Provvedimento (eventuale) dell autorità giudiziaria; - Reperimento delle risorse; - Inserimento; - Verifica. Il pagamento della retta è a carico dell ente di competenza. Tribunale per i minorenni, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile, strutture e famiglie d appoggio

14 Scheda n. 10 Definizione Affidamenti Riferimenti Legislativi Legge 184/83, Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004 Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assicurare a minori, temporaneamente privi di un ambiente famigliare idoneo, il mantenimento, l educazione e l istruzione presso famiglie o persone singole o comunità famigliari. Ridurre gli inserimenti di minori in comunità. Gli interventi di affidamento sono rivolti ai minori residenti sul territorio del Consorzio che non possono essere adeguatamente assistiti nell ambito della famiglia di appartenenza. Affidamento consensuale: - rilevazione del bisogno; - reperimento della risorsa affidataria; - comunicazione al Tribunale Ordinario; - inserimento e sostegno della famiglia affidataria; - sostegno della famiglia naturale; - verifica. Affidamento giudiziario: - rilevazione del bisogno; - segnalazione del caso al Tribunale per i Minorenni; - emanazione provvedimento dell Autorità Giudiziaria; - reperimento della risorsa affidataria; - inserimento e sostegno della famiglia affidataria; - sostegno della famiglia naturale; - verifica. N.B. E prevista l erogazione di un contributo economico da parte dell ente gestore alla famiglia affidataria. Tribunale per i Minorenni di Torino, Giudice Tutelare del Tribunale Ordinario, associazioni di famiglie affidatarie, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell A. S. L. AT.

15 Scheda n. 11 Definizione Ricerca e selezione Affidatari Riferimenti Legislativi Legge 184/83, Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004 Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Creare una banca dati di coppie e singoli disponibili all affidamento di minori in situazioni di disagio, eventualmente anche disabili, laddove esista disponibilità in tal senso. Promuovere una cultura di accoglienza dei minori in difficoltà valorizzando la famiglia come risorsa. I singoli e le coppie residenti sul territorio del Consorzio o in zone limitrofe che si dichiarano disponibili all affidamento. Informazione e preparazione degli interessati; Percorsi di conoscenza e selezione attraverso colloqui psicosociali; Inserimento delle risorse nella banca dati del Consorzio; Conduzione di gruppi di genitori affidatari o in attesa di abbinamento. Associazioni di famiglie affidatarie.

16 Scheda n. 12 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Adozioni Legge n. 184/83; Legge n. 476/98; Legge n. 149/2001, Art. 45 Legge Regionale 1/2004; D.G.R del 21/12/2009 Garantire ad ogni minore il diritto a vivere, crescere ed essere educato nell ambito di una famiglia senza distinzione di sesso, di etnia, di età, di lingua, di religione. Coniugi coniugati, non separati neppure di fatto nel corso degli ultimi tre anni, idonei a educare, istruire e mantenere i minori che intendono adottare. - Acquisizione, da parte delle coppie, di informazioni, modulistica e calendario corsi presso il Servizio Sociale o il Tribunale per i Minorenni; - Partecipazione al corso formativo informativo per le coppie aspiranti all adozione; - Presentazione della domanda presso il Tribunale per i Minorenni; - Consegna della domanda protocollata dal T.M. presso i Servizi competenti; - Istruttoria della pratica attraverso colloqui e visita domiciliare; - Udienza della coppia presso il Tribunale dei Minori; - Emanazione del decreto di idoneità o inidoneità (Ad. Internazionale); - Abbinamento entro i tre anni di validità della domanda o no (Ad. Nazionale); - Vigilanza sull affidamento preadottivo o a rischio Giuridico. Tribunale per i Minorenni di Torino, S.O.C. Psicologia Adulti dell A.S.L. AT, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell A.S.L. AT, Servizi Sociali e Sanitari di provenienza dei minori, Comunità che ospitano i minori al momento dell abbinamento con la coppia, Enti Autorizzati.

17 SERVIZI PER DISABILI

18 Scheda n 1 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Assistenza domiciliare Art. 18 e 47 della L.R. 1/2004; Regolamento del servizio di assistenza domiciliare del CO.GE.SA. Interventi diretti a portatori di handicap versanti in stato di disagio e parziale o totale non autosufficienza. Portatori di handicap fisici soli o inseriti in nuclei familiari non in grado di soddisfare adeguatamente i loro bisogni. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda da parte dell interessato o di chi ne è a conoscenza; - Valutazione dell Assistente Sociale competente per il caso con presa visione di certificazione sanitaria, verbale di invalidità e documentazione reddituale per presa in carico; - Valutazione dell Assistente Sociale responsabile del Servizio di Assistenza Domiciliare per l erogazione dello stesso. Concorso dell utente in base al reddito. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT, Servizio di assistenza infermieristica domiciliare (ADI)., Servizio di Psichiatria.

19 Scheda n. 2 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assistenza economica Art. 18 e 47 della L.R. 1/2004; Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e per l erogazione di assistenza economica del CO.GE.SA. Promuovere l autonomia dei disabili e delle loro famiglie in difficoltà, per il superamento di contingenti situazioni di emarginazione o di istituzionalizzazione. 1. Disabili soli o inseriti in nuclei familiari con reddito insufficiente; 2. Integrazione retta di quei disabili non autosufficienti inseriti in struttura in caso di reddito, proprio o dei familiari, insufficiente. Richiesta inoltrata dall interessato, l assistente sociale si fa portare la documentazione inerente al reddito e le spese affrontate. Si valuta l opportunità dell erogazione del contributo e se ne istruiscono le pratiche. A.S.L. AT, comune di residenza, organizzazioni di volontariato presenti nella singola realtà.

20 Scheda n. 3 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assegno di Cura Art. 46 della L.R. 1/2004 e D.G.R. 56/2010 Assegnazione risorse a sostegno della domiciliarità per non autosufficienze in lungoassistenza a favore di anziani e persone con disabilità con età inferiore a 65 anni. Promuovere l autonomia dei disabili e delle loro famiglie mediante interventi economici a sostegno della domiciliarità ed in alternativa alla istituzionalizzazione. Disabili soli o inseriti in nuclei familiari con età inferiore ai 65 anni. La richiesta di intervento, inoltrata dall interessato allo Sportello Unico Socio Sanitario territorialmente competente, sarà valutata dalla competente Commissione U.M.V.D. che provvederà a dare puntuale risposta. A.S.L. AT, comune di residenza.

21 Scheda n. 4 Definizione Inserimento presso Centri Diurni Riferimenti Legislativi L. 104/92 e s.m.i. e Art. 18 e 47 della L.R. 1/2004; Regolamento per l accesso ai presidi residenziali, semiresidenziali ed ai centri diurni destinati ad anziani non autosufficienti e disabili del CO.GE.SA. Finalità Destinatari Modalità di accesso e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Servizio rivolto a soggetti portatori di handicap che necessitano di essere inseriti in una struttura semiresidenziale diurna in grado di rispondere alle esigenze delle varie tipologie di handicap mediante l elaborazione di progetti educativi finalizzati al recupero dell autonomia. Disabili. - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte della U.M.V.D.; - Inserimento. Il pagamento della retta è a carico degli enti competenti (A.S.L. AT e Consorzio). Convenzioni con le gestioni dei presidi residenziali.

22 Scheda n. 5 Definizione Telesoccorso Riferimenti Legislativi L. 104/92 e s.m.i. e Art 47 Legge Regionale 1/2004; Regolamento del servizio di Telesoccorso del CO.GE.SA. Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Fornire sorveglianza ad utenti disabili in modo che pur in condizioni di emergenza siano in grado di attivare una rete di soccorso. Disabili e loro famiglie. Mediante installazione di apposito impianto di telesoccorso applicato al normale apparecchio telefonico; Per utenti con invalidità accertata, la retta per il funzionamento e i costi di installazione sono a carico del CO.GE.SA. Convenzione con servizio di telesoccorso.

23 Scheda n. 6 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Inserimenti in Strutture Residenziali Legge 104/92 e successive modificazioni, Art. 18 e 47 L.R. 1/2004; Regolamento per l accesso ai presidi residenziali, semiresidenziali ed ai centri diurni destinati ad anziani non autosufficienti e disabili del CO.GE.SA. Offrire alla persona disabile un ambiente di vita idoneo e stimolante, in grado di mantenere e migliorare le capacità residue del soggetto, promuovendone anche l autonomia e l integrazione sociale. Destinatari Soggetti portatori di handicap, sia minorenni che maggiorenni, residenti nel territorio di competenza del Consorzio, le cui condizioni familiari e/o di salute non consentano più la permanenza presso il proprio domicilio. Modalità di erogazione e fruizione L interessato deve presentare apposita domanda alla competente Commissione U.M.V.D. dell ASL AT, la quale valuterà il caso dal punto di vista sia sanitario sia sociale ed individuerà una risorsa ritenuta idonea. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT; soggetti gestori dei presidi residenziali.

24 Scheda n. 7 Definizione Assistenza per disabili sensoriali Riferimenti Legislativi L. 67/93, art. 5; L. 284/97; L.R. 1/2004, art. 5. Finalità Destinatari Fornire al disabile sensoriale assistenza educativa e didattica al fine di supportare l integrazione scolastica, in ogni ordine e grado, e l integrazione sociale e lavorativa mediante l utilizzo di personale educativo con formazione specifica; Fornire il trasferimento di quelle abilità attraverso strategie relative alla dimensione comunicativa, linguistica, relazionale ed emotiva. Disabili sensoriali: - non vedenti; - non udenti; - pluriminorati in cui il deficit sensoriale sia prevalente. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte del Servizio; - Elaborazione di un progetto d intervento. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT di Asti, Ufficio Scolastico Provinciale, Istituti Comprensivi, Direzioni Didattiche, Privato Sociale.

25 Scheda n. 8 Definizione Riferimenti Legislativi Servizio Educativo Art. 45 Legge Regionale 1/2004, Regolamento del Servizio Educativo del CO.GE.SA. Finalità Affrontare le difficoltà delle persone mantenendole, inserendole o reinserendole, per quanto possibile, nel loro ambiente familiare, sociale e lavorativo, promuovendo: - Le capacità educative della persona, della famiglia e della Comunità al fine di prevenire le situazioni a rischio di devianza o di emarginazione e quale alternativa alla istituzionalizzazione; - Lo sviluppo di competenze ed autonomie primarie e di base, considerando anche la possibilità di un inserimento in percorsi di formazione con l eventuale necessario sostegno; - Lo sviluppo di competenze ed abilità professionali utili a svolgere un lavoro. Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi 1. Adulti in situazione di disagio sociale; 2. Adulti disabili; 3. Disabili in età lavorativa con invalidità civile dal 46% al 100% e collocabili al lavoro; 4. Minori disabili. - Presentazione della domanda all assistente sociale, o prescrizione dell intervento da parte dell Autorità Giudiziaria, o attivazione promozionale da parte dell assistente sociale stessa; - Presentazione della richiesta al Servizio Educativo; - Presa in carico del caso ed elaborazione del progetto individuale. Autorità Giudiziaria, A.S.L. AT, Scuole, Agenzie educative presenti sul territorio, Centro per l Impiego, aziende locali.

26 Scheda n. 9 Definizione Riferimenti Legislativi Servizio Inserimenti Lavorativi Art. 47 Legge Regionale 1/2004, Regolamento del servizio educativo del CO.GE.SA. Finalità - Sostenere ed aiutare la persona a riconoscere le proprie risorse e far si che esse vengano ben utilizzate; - Far acquisire una maggiore fiducia ed autostima nel tempo di ricerca di un occupazione; - Favorire opportunità di inserimento formativo e lavorativo ai cittadini diversamente abili residenti nel territorio del Consorzio; - Sostenere ed aiutare le persone a diventare adulte, ad essere attive e/o a rimanere soggetti produttivi della società, coinvolgendosi con senso di responsabilità per acquisire, recuperare nuove potenzialità e per raggiungere la propria autonomia ed indipendenza; - Promuovere la partecipazione alle opportunità del tempo libero presenti nel territorio. Destinatari Soggetti disabili collocabili al lavoro, riconosciuti invalidi civili. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda all assistente sociale; - Presentazione della richiesta al Servizio Inserimenti Lavorativi; - Presa in carico del caso e stesura del progetto individuale; - Formazione sulle abilità e sulle competenze; - Segnalazione della persona al Centro per l Impiego Servizio Collocamento Mirato per l eventuale partecipazione ai gruppi di orientamento e formazione al lavoro; - Individuazione di un azienda ove poter favorire il tirocinio e/o l inserimento lavorativo; - Consolidamento dell attività lavorativa; - Verifica nel tempo delle condizioni di inserimento; - Consulenza pratiche amministrative. Rapporti di rete con altri servizi Provincia di Asti Centro per l Impiego, A.S.L. AT, Scuole, agenzie di socializzazione presenti sul territorio.

27 Scheda n 10 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Servizio di integrazione sociale L.104/92, L. 162/98, Regolamento del Servizio per l integrazione di persone diversamente abili del CO.GE.SA. L inserimento sociale e scolastico delle persone disabili mediante interventi di assistenza individualizzata. Soggetti in situazione di handicap grave o gravissimi, certificati ai sensi della L. 104/92. Le segnalazioni e le richieste di interventi in ambito scolastico dovranno pervenire al Consorzio entro il mese di marzo di ogni anno. Esperite le verifiche circa il possesso dei requisiti di legge, il soggetto, dopo la valutazione da parte dell equipe multidisciplinare del CO.GE.SA preposta all analisi del caso ed alla definizione del progetto individualizzato, sarà ammesso al Servizio. Rapporti di rete con altri servizi Scuole dell infanzia Scuole primarie e secondarie, Aziende sanitarie locali e Centri di riabilitazione.

28 Scheda n 11 Definizione Ricovero di sollievo Riferimenti Legislativi L. 104/92, L. 162/98 Finalità Per ricoveri di sollievo si intendono ricoveri temporanei presso strutture residenziali previsti per garantire un periodo di riposo alle famiglie che assistono il disabile a casa e di non ricorrere al ricovero definitivo, oppure che improvvisamente non possono provvedere all assistenza per motivi di salute o altri motivi contingenti. Destinatari Soggetti in situazioni di handicap grave o gravissimo, certificati ai sensi della Legge 104/92 Modalità di erogazione e fruizione La richiesta deve essere presentata allo sportello socio sanitario presente sul territorio consortile e trasmessa alla competente commissione UMVD che valuterà lo stato di reale bisogno e disporrà il ricovero di sollievo. Rapporti di rete con altri Servizi ASL AT, Strutture residenziali - RAF per disabili di tipo A e B previste dall attuale normativa di settore (D.G.R. 230/97)

29 Scheda n 12 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Attività di Tregua L. 104/92, L. 162/98, Disposizioni di Servizio Il Servizio Tregua offre sostegno alle famiglie che quotidianamente vivono il problema dell assistenza ad una persona disabile restituendo loro, almeno temporaneamente, la possibilità di vivere spazi propri. Questo garantisce continuità di assistenza alla persona disabile, al contempo, la possibilità per chi se ne prende cura nella quotidianità di ricaricarsi L attività di Tregua a favore di famiglie con persone diversamente abili è rivolta ad utenti individuati dal Servizio Sociale e prevede la loro permanenza, presso una struttura residenziale per tempi limitati. Il servizio è articolato nel corso dell anno solare e può prevedere anche il pernottamento Rapporti di rete con altri Servizi ASL AT, Strutture residenziali - RAF per disabili di tipo A e B previste dall attuale normativa di settore (D.G.R. 230/97)

30 SERVIZI PER ANZIANI

31 Scheda n. 1 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Assistenza domiciliare Art. 18 e 50 della L.R. 1/2004; Regolamento del servizio di assistenza domiciliare del CO.GE.SA. Interventi diretti a nuclei familiari con anziani versanti in stato di disagio e parziale o totale non autosufficienza anche temporanea. Anziani autosufficienti, parzialmente o totalmente non autosufficienti, soli o inseriti in nuclei familiari non in grado di soddisfare adeguatamente i loro bisogni. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda da parte dell interessato o di chi ne è a conoscenza; - Valutazione dell Assistente Sociale competente per il caso con presa visione di certificazione sanitaria, verbale di invalidità e documentazione reddituale per presa in carico; - In caso di anziani non autosufficienti, parziali o totali, la presa in carico è subordinata alla valutazione dell U.V.G.; - Valutazione dell Assistente Sociale responsabile del Servizio di Assistenza Domiciliare per l erogazione dello stesso; - Concorso dell utente in base al reddito. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT, Servizio di assistenza infermieristica domiciliare (ADI).

32 Scheda n. 2 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assistenza economica Art. 18 e 50 della L.R. 1/2004; Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e per l erogazione di assistenza economica del CO.GE.SA. Promuovere l autonomia degli anziani e delle famiglie in difficoltà, per il superamento di contingenti situazioni di emarginazione o di istituzionalizzazione. Anziani non autosufficienti in difficoltà socio-economica Integrazione retta ad anziani non autosufficienti inseriti in struttura in caso di reddito proprio o dei familiari insufficiente. In seguito alla richiesta inoltrata dall interessato, l assistente sociale si fa portare la documentazione inerente al reddito e le spese affrontate. Si valuta l opportunità dell erogazione del contributo e se ne istruiscono le pratiche. Comune di residenza, organizzazioni di volontariato presenti nella singola realtà.

33 Scheda n. 3 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assegno di Cura Art. 49 della L.R. 1/2004 e D.G.R. 39/2009 Riordino delle prestazioni di assistenza tutelare socio-sanitaria ed istituzione del contributo economico a sostegno della domiciliarità per la lungoassistenza di anziani non autosufficienti. Promuovere la domiciliarità degli anziani in difficoltà, mediante interventi economici alternativi alla istituzionalizzazione. Anziani non autosufficienti in difficoltà socio-economica di età superiore ai 65 anni. La richiesta di intervento, inoltrata dall interessato allo Sportello Unico Socio Sanitario territorialmente competente, sarà valutata dalla competente Commissione U.V.G. che provvederà a dare puntuale risposta. A.S.L. AT, comune di residenza.

34 Scheda n. 4 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Inserimenti in presidi S.A. residenziali Art. 18 e 50 L.R. 1/2004; Regolamento per l accesso ai presidi residenziali, semiresidenziali ed ai centri diurni destinati ad anziani non autosufficienti e disabili del CO.GE.SA. Valutazione sociale dell anziano da inserire in una struttura per non autosufficienti da allegare alla valutazione medica del medico di medicina legale. Anziani non autosufficienti per cui è previsto l inserimento in una struttura per non autosufficienti. L assistente sociale verifica la situazione socio-economica dell anziano presso il domicilio dello stesso, preferibilmente alla presenza dei parenti. A.S.L. AT.

35 Scheda n. 5 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Telesoccorso Art 50 Legge Regionale 1/2004; Regolamento del servizio di telesoccorso del CO.GE.SA. Fornire sorveglianza ad utenti anziani con particolari problemi di salute (ad esempio gravi patologie cardiovascolari) in modo che pur in condizioni di emergenza siano in grado di attivare una rete di soccorso. Anziani parzialmente o non autosufficienti. Mediante installazione di apposito impianto di telesoccorso applicato al normale apparecchio telefonico. Per utenti con invalidità accertata, la retta per il funzionamento e i costi di installazione sono a carico del CO.GE.SA. Convenzione con servizio di telesoccorso.

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL VOTO ALLE DONNE. Nicoletta Fasano

IL VOTO ALLE DONNE. Nicoletta Fasano 159 IL VOTO ALLE DONNE Nicoletta Fasano In una fase come la presente in cui, nella migliore delle ipotesi, la ricostruzione e la divulgazione storiche sono affidate alle semplificazioni operate dai mass

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI All ente erogatore dell assistenza educativa del CRE di DOMANDA DI ASSISTENTE EDUCATORE PER LA FREQUENZA CENTRO RICREATIVO ESTIVO (in attuazione della Decreto Regionale n.1961 del 6 marzo 2013) (modulo

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALLE PRESTAZIONI DEL SISTEMA INTEGRATO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALLE PRESTAZIONI DEL SISTEMA INTEGRATO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI Unione dei comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli