RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA"

Transcript

1 CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2015 E Consorzio per la gestione dei servizi socio-assistenziali tra i Comuni del Nord Astigiano Via Baroncini, ASTI Tel Fax P. IVA

2 INDICE FUNZIONI SOCIO ASSISTENZIALI - ATTIVITA ISTITUZIONALI - ATTIVITA INTERISTITUZIONALI ATTIVITA TERRITORIALI ORGANISMI DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RELAZIONE PROGRAMMATICA PROGETTI - TITOLARITA PROPRIA - TITOLARITA ESTERNA RELAZIONE AL BILANCIO

3 FUNZIONI SOCIO ASSISTENZIALI ATTIVITA ISTITUZIONALI

4 SERVIZI PER MINORI

5 Scheda n. 1 Definizione Assistenza economica Riferimenti Legislativi Art. 18 della L.R. 1/2004; Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e per l erogazione di assistenza economica del CO.GE.SA. Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Promuovere l autonomia di minori e famiglie in difficoltà, per il superamento di contingenti situazioni di emarginazione o di istituzionalizzazione. 1. Famiglie di carcerati ed ex carcerati (al massimo 6 mesi dopo la scarcerazione) con minori a carico; 2. Nuclei famigliari con orfani; 3. Famiglie a rischio sociale sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria. - Presentazione della domanda; - Raccolta della documentazione inerente al reddito e alle spese affrontate; - Istruzione della pratica e valutazione dell opportunità di erogare il contributo; - Erogazione del contributo in presenza dei requisiti previsti (dai regolamenti interni). Comune di residenza, organizzazioni di volontariato presenti nella singola realtà.

6 Scheda n. 2 Definizione Interventi socio assistenziali ex ONMI Riferimenti Legislativi L. 67/1993, L. R. 1/2004 Finalità Destinatari Eliminare le situazioni di rischio e di pregiudizio nella fascia materno infantile sostenendo: - minori di anni 18 appartenenti a famiglie bisognose; - gestanti bisognose e senza l appoggio della famiglia; - madri in difficoltà, in particolare nei primi anni di vita del minore. 1. Minori esposti all abbandono; 2. Gestanti in difficoltà; 3. Madri in difficoltà. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte del Servizio sulla base dei regolamenti interni; - Erogazione del contributo in presenza dei requisiti richiesti. Rapporti di rete con altri servizi Anagrafi comunali

7 Scheda n. 3 Definizione Interventi socio assistenziali per minori illegittimi riconosciuti dalla sola madre Riferimenti Legislativi L. 67/1993, L. R. 1/2004. Finalità Destinatari Sostenere le donne nella genitorialità monoparentale. Minori riconosciuti dalla sola madre sino al compimento del 16^ anno di età. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte del Servizio sulla base dei regolamenti interni; - Erogazione del contributo in presenza dei requisiti richiesti.

8 Scheda n. 4 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Assistenza domiciliare Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004; Regolamento del servizio di assistenza domiciliare del CO.GE.SA. Interventi diretti a nuclei famigliari con minori, versanti in stato di disagio e parziale o totale non autosufficienza anche temporanea. 1. Minori portatori di handicap; 2. Nuclei famigliari con minori a rischio; 3. Minori soggetti a provvedimenti dell autorità giudiziaria. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda da parte dell interessato; - Valutazione dell Assistente Sociale competente per il caso con presa visione di certificazione sanitaria, verbale di invalidità e documentazione reddituale per presa in carico; - Valutazione dell Assistente Sociale responsabile del Servizio di Assistenza Domiciliare per l erogazione dello stesso. Concorso dell utente in base al reddito. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT, Servizio di assistenza infermieristica domiciliare (ADI).

9 Scheda n. 5 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Servizio Educativo Art. 45 Legge Regionale 1/2004, Regolamento del Servizio Educativo del CO.GE.SA. Affrontare le difficoltà dei minori mantenendoli, inserendoli o reinserendoli, nel loro ambiente familiare e sociale, promuovendo: - Le capacità educative della persona, della famiglia e della Comunità al fine di prevenire le situazioni a rischio di devianza o di emarginazione e quale alternativa alla istituzionalizzazione; - Lo sviluppo di competenze ed autonomie primarie e di base, considerando anche la possibilità di un inserimento in percorsi di formazione con l eventuale necessario sostegno. 1. Minori le cui famiglie si trovino in difficoltà temporanea ad esercitare la funzione educativa genitoriale; 2. Minori inseriti presso famiglie affidatarie; 3. Minori inseriti in presidi residenziali o in affidamento per i quali si ipotizza un progetto di rientro in famiglia; 4. Minori con famiglie multiproblematiche in situazione di emarginazione e disadattamento; 5. Minori in situazione di grave conflittualità genitoriale e contenziosi relativi all affidamento dei figli; 6. Minori per i quali l Autorità giudiziaria abbia disposto interventi di sostegno e di controllo delle condizioni familiari; 7. Minori disabili. - Presentazione della domanda all assistente sociale, o prescrizione dell intervento da parte dell Autorità Giudiziaria, o attivazione promozionale da parte dell assistente sociale stessa; - Presentazione della richiesta al Servizio Educativo; - Presa in carico del caso ed elaborazione del progetto individuale. Autorità Giudiziaria, A.S.L. AT, Scuole, Agenzie educative presenti sul territorio.

10 Scheda n. 6 Definizione Spazio neutro. Riferimenti Legislativi L. 184/83, L. 149/2001, L.R. 1/2004. Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Tutelare il minore. Garantire il diritto di visita favorendo il riavvicinamento relazionale ed emotivo tra minori e adulti di riferimento, in uno spazio accogliente e sicuro, in presenza di un decreto dell Autorità Giudiziaria. 1. Genitori con una pesante conflittualità di coppia; 2. Genitori in presenza di decreti limitativi della potestà genitoriale; 3. Nuclei familiari multiproblematici. Richiesta dell Autorità Giudiziaria. Tribunale per i Minorenni, Tribunale Civile, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell A.S.L. AT, Regione Piemonte.

11 Scheda n. 7 Definizione Scuola Aperta Riferimenti Legislativi L.285/97, L. 328/00, L.R. 1/2004. Finalità Destinatari Modalità di intervento Rapporti di rete con gli altri Servizi Creare luoghi per la promozione di una socializzazione positiva che stimoli il valore dell autonomia e della responsabilità di bambini e ragazzi. Prevenire i rischi di isolamento ed il disagio in cui incorrono bambini e ragazzi quando si trovano a trascorrere il loro tempo libero senza precisi interessi e/o in assenza di figure adulte di riferimento. Creare sul territorio una presenza significativa di azioni orientate a garantire la possibilità di fare compiti e di giocare in spazi sicuri e alla presenza di personale qualificato, utilizzando come fondamento l esperienza comune del gioco e dello studio. Offrire interventi che, accompagnandosi alle attività istituzionali, funzionino come qualificato sostegno ai genitori nello svolgimento del loro delicato ruolo educativo. Minori residenti sul territorio del CO.GE.SA. inseriti nella scuola dell obbligo e loro famiglie. Per consentire la realizzazione di iniziative flessibili, applicabili a più realtà territoriali, il Consorzio interviene attraverso l erogazione di contributi finanziari. Cooperativa sociale Nuovi orizzonti, Comuni, Istituti Comprensivi, Direzioni didattiche, Associazioni di volontario.

12 Scheda n. 8 Definizione Estate Ragazzi Riferimenti Legislativi L.285/97, L. 328/00, L.R. 1/2004. Finalità Destinatari Modalità di intervento Rapporti di rete con gli altri Servizi Sostenere le Comunità locali nell organizzazione di attività estive in favore di minori. Favorire il crearsi di dinamiche relazionali e la nascita di gruppi spontanei per sostenere l aggregazione. Minori in età compresa tra i 6 ed i 14 anni residenti nei comuni del CO.GE.SA. Compartecipazione finanziaria del Consorzio per la realizzazione di iniziative ludico ricreative, inserite in un articolato programma di attività estive. Comuni, Associazioni di volontariato, Parrocchie e privati.

13 Scheda n. 9 Definizione Inserimento residenziale o semiresidenziale in presidi e comunità Riferimenti Legislativi Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004 Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Servizio rivolto a soggetti temporaneamente privi di un ambiente famigliare idoneo per i quali non è possibile disporre un affidamento, o soggetti ad autorità giudiziaria ai fini di assicurare loro il mantenimento, l educazione e l istruzione. Hanno carattere temporaneo. Gli interventi di inserimento sono rivolti a minori che non possono essere adeguatamente assistiti nell ambito della famiglia di appartenenza. - Rilevazione del bisogno; - Segnalazione all autorità giudiziaria (dove si rende necessario); - Provvedimento (eventuale) dell autorità giudiziaria; - Reperimento delle risorse; - Inserimento; - Verifica. Il pagamento della retta è a carico dell ente di competenza. Tribunale per i minorenni, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile, strutture e famiglie d appoggio

14 Scheda n. 10 Definizione Affidamenti Riferimenti Legislativi Legge 184/83, Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004 Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assicurare a minori, temporaneamente privi di un ambiente famigliare idoneo, il mantenimento, l educazione e l istruzione presso famiglie o persone singole o comunità famigliari. Ridurre gli inserimenti di minori in comunità. Gli interventi di affidamento sono rivolti ai minori residenti sul territorio del Consorzio che non possono essere adeguatamente assistiti nell ambito della famiglia di appartenenza. Affidamento consensuale: - rilevazione del bisogno; - reperimento della risorsa affidataria; - comunicazione al Tribunale Ordinario; - inserimento e sostegno della famiglia affidataria; - sostegno della famiglia naturale; - verifica. Affidamento giudiziario: - rilevazione del bisogno; - segnalazione del caso al Tribunale per i Minorenni; - emanazione provvedimento dell Autorità Giudiziaria; - reperimento della risorsa affidataria; - inserimento e sostegno della famiglia affidataria; - sostegno della famiglia naturale; - verifica. N.B. E prevista l erogazione di un contributo economico da parte dell ente gestore alla famiglia affidataria. Tribunale per i Minorenni di Torino, Giudice Tutelare del Tribunale Ordinario, associazioni di famiglie affidatarie, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell A. S. L. AT.

15 Scheda n. 11 Definizione Ricerca e selezione Affidatari Riferimenti Legislativi Legge 184/83, Art. 18 e 45 della L.R. 1/2004 Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Creare una banca dati di coppie e singoli disponibili all affidamento di minori in situazioni di disagio, eventualmente anche disabili, laddove esista disponibilità in tal senso. Promuovere una cultura di accoglienza dei minori in difficoltà valorizzando la famiglia come risorsa. I singoli e le coppie residenti sul territorio del Consorzio o in zone limitrofe che si dichiarano disponibili all affidamento. Informazione e preparazione degli interessati; Percorsi di conoscenza e selezione attraverso colloqui psicosociali; Inserimento delle risorse nella banca dati del Consorzio; Conduzione di gruppi di genitori affidatari o in attesa di abbinamento. Associazioni di famiglie affidatarie.

16 Scheda n. 12 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Adozioni Legge n. 184/83; Legge n. 476/98; Legge n. 149/2001, Art. 45 Legge Regionale 1/2004; D.G.R del 21/12/2009 Garantire ad ogni minore il diritto a vivere, crescere ed essere educato nell ambito di una famiglia senza distinzione di sesso, di etnia, di età, di lingua, di religione. Coniugi coniugati, non separati neppure di fatto nel corso degli ultimi tre anni, idonei a educare, istruire e mantenere i minori che intendono adottare. - Acquisizione, da parte delle coppie, di informazioni, modulistica e calendario corsi presso il Servizio Sociale o il Tribunale per i Minorenni; - Partecipazione al corso formativo informativo per le coppie aspiranti all adozione; - Presentazione della domanda presso il Tribunale per i Minorenni; - Consegna della domanda protocollata dal T.M. presso i Servizi competenti; - Istruttoria della pratica attraverso colloqui e visita domiciliare; - Udienza della coppia presso il Tribunale dei Minori; - Emanazione del decreto di idoneità o inidoneità (Ad. Internazionale); - Abbinamento entro i tre anni di validità della domanda o no (Ad. Nazionale); - Vigilanza sull affidamento preadottivo o a rischio Giuridico. Tribunale per i Minorenni di Torino, S.O.C. Psicologia Adulti dell A.S.L. AT, S.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell A.S.L. AT, Servizi Sociali e Sanitari di provenienza dei minori, Comunità che ospitano i minori al momento dell abbinamento con la coppia, Enti Autorizzati.

17 SERVIZI PER DISABILI

18 Scheda n 1 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Assistenza domiciliare Art. 18 e 47 della L.R. 1/2004; Regolamento del servizio di assistenza domiciliare del CO.GE.SA. Interventi diretti a portatori di handicap versanti in stato di disagio e parziale o totale non autosufficienza. Portatori di handicap fisici soli o inseriti in nuclei familiari non in grado di soddisfare adeguatamente i loro bisogni. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda da parte dell interessato o di chi ne è a conoscenza; - Valutazione dell Assistente Sociale competente per il caso con presa visione di certificazione sanitaria, verbale di invalidità e documentazione reddituale per presa in carico; - Valutazione dell Assistente Sociale responsabile del Servizio di Assistenza Domiciliare per l erogazione dello stesso. Concorso dell utente in base al reddito. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT, Servizio di assistenza infermieristica domiciliare (ADI)., Servizio di Psichiatria.

19 Scheda n. 2 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assistenza economica Art. 18 e 47 della L.R. 1/2004; Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e per l erogazione di assistenza economica del CO.GE.SA. Promuovere l autonomia dei disabili e delle loro famiglie in difficoltà, per il superamento di contingenti situazioni di emarginazione o di istituzionalizzazione. 1. Disabili soli o inseriti in nuclei familiari con reddito insufficiente; 2. Integrazione retta di quei disabili non autosufficienti inseriti in struttura in caso di reddito, proprio o dei familiari, insufficiente. Richiesta inoltrata dall interessato, l assistente sociale si fa portare la documentazione inerente al reddito e le spese affrontate. Si valuta l opportunità dell erogazione del contributo e se ne istruiscono le pratiche. A.S.L. AT, comune di residenza, organizzazioni di volontariato presenti nella singola realtà.

20 Scheda n. 3 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assegno di Cura Art. 46 della L.R. 1/2004 e D.G.R. 56/2010 Assegnazione risorse a sostegno della domiciliarità per non autosufficienze in lungoassistenza a favore di anziani e persone con disabilità con età inferiore a 65 anni. Promuovere l autonomia dei disabili e delle loro famiglie mediante interventi economici a sostegno della domiciliarità ed in alternativa alla istituzionalizzazione. Disabili soli o inseriti in nuclei familiari con età inferiore ai 65 anni. La richiesta di intervento, inoltrata dall interessato allo Sportello Unico Socio Sanitario territorialmente competente, sarà valutata dalla competente Commissione U.M.V.D. che provvederà a dare puntuale risposta. A.S.L. AT, comune di residenza.

21 Scheda n. 4 Definizione Inserimento presso Centri Diurni Riferimenti Legislativi L. 104/92 e s.m.i. e Art. 18 e 47 della L.R. 1/2004; Regolamento per l accesso ai presidi residenziali, semiresidenziali ed ai centri diurni destinati ad anziani non autosufficienti e disabili del CO.GE.SA. Finalità Destinatari Modalità di accesso e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Servizio rivolto a soggetti portatori di handicap che necessitano di essere inseriti in una struttura semiresidenziale diurna in grado di rispondere alle esigenze delle varie tipologie di handicap mediante l elaborazione di progetti educativi finalizzati al recupero dell autonomia. Disabili. - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte della U.M.V.D.; - Inserimento. Il pagamento della retta è a carico degli enti competenti (A.S.L. AT e Consorzio). Convenzioni con le gestioni dei presidi residenziali.

22 Scheda n. 5 Definizione Telesoccorso Riferimenti Legislativi L. 104/92 e s.m.i. e Art 47 Legge Regionale 1/2004; Regolamento del servizio di Telesoccorso del CO.GE.SA. Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Fornire sorveglianza ad utenti disabili in modo che pur in condizioni di emergenza siano in grado di attivare una rete di soccorso. Disabili e loro famiglie. Mediante installazione di apposito impianto di telesoccorso applicato al normale apparecchio telefonico; Per utenti con invalidità accertata, la retta per il funzionamento e i costi di installazione sono a carico del CO.GE.SA. Convenzione con servizio di telesoccorso.

23 Scheda n. 6 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Inserimenti in Strutture Residenziali Legge 104/92 e successive modificazioni, Art. 18 e 47 L.R. 1/2004; Regolamento per l accesso ai presidi residenziali, semiresidenziali ed ai centri diurni destinati ad anziani non autosufficienti e disabili del CO.GE.SA. Offrire alla persona disabile un ambiente di vita idoneo e stimolante, in grado di mantenere e migliorare le capacità residue del soggetto, promuovendone anche l autonomia e l integrazione sociale. Destinatari Soggetti portatori di handicap, sia minorenni che maggiorenni, residenti nel territorio di competenza del Consorzio, le cui condizioni familiari e/o di salute non consentano più la permanenza presso il proprio domicilio. Modalità di erogazione e fruizione L interessato deve presentare apposita domanda alla competente Commissione U.M.V.D. dell ASL AT, la quale valuterà il caso dal punto di vista sia sanitario sia sociale ed individuerà una risorsa ritenuta idonea. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT; soggetti gestori dei presidi residenziali.

24 Scheda n. 7 Definizione Assistenza per disabili sensoriali Riferimenti Legislativi L. 67/93, art. 5; L. 284/97; L.R. 1/2004, art. 5. Finalità Destinatari Fornire al disabile sensoriale assistenza educativa e didattica al fine di supportare l integrazione scolastica, in ogni ordine e grado, e l integrazione sociale e lavorativa mediante l utilizzo di personale educativo con formazione specifica; Fornire il trasferimento di quelle abilità attraverso strategie relative alla dimensione comunicativa, linguistica, relazionale ed emotiva. Disabili sensoriali: - non vedenti; - non udenti; - pluriminorati in cui il deficit sensoriale sia prevalente. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda; - Valutazione da parte del Servizio; - Elaborazione di un progetto d intervento. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT di Asti, Ufficio Scolastico Provinciale, Istituti Comprensivi, Direzioni Didattiche, Privato Sociale.

25 Scheda n. 8 Definizione Riferimenti Legislativi Servizio Educativo Art. 45 Legge Regionale 1/2004, Regolamento del Servizio Educativo del CO.GE.SA. Finalità Affrontare le difficoltà delle persone mantenendole, inserendole o reinserendole, per quanto possibile, nel loro ambiente familiare, sociale e lavorativo, promuovendo: - Le capacità educative della persona, della famiglia e della Comunità al fine di prevenire le situazioni a rischio di devianza o di emarginazione e quale alternativa alla istituzionalizzazione; - Lo sviluppo di competenze ed autonomie primarie e di base, considerando anche la possibilità di un inserimento in percorsi di formazione con l eventuale necessario sostegno; - Lo sviluppo di competenze ed abilità professionali utili a svolgere un lavoro. Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi 1. Adulti in situazione di disagio sociale; 2. Adulti disabili; 3. Disabili in età lavorativa con invalidità civile dal 46% al 100% e collocabili al lavoro; 4. Minori disabili. - Presentazione della domanda all assistente sociale, o prescrizione dell intervento da parte dell Autorità Giudiziaria, o attivazione promozionale da parte dell assistente sociale stessa; - Presentazione della richiesta al Servizio Educativo; - Presa in carico del caso ed elaborazione del progetto individuale. Autorità Giudiziaria, A.S.L. AT, Scuole, Agenzie educative presenti sul territorio, Centro per l Impiego, aziende locali.

26 Scheda n. 9 Definizione Riferimenti Legislativi Servizio Inserimenti Lavorativi Art. 47 Legge Regionale 1/2004, Regolamento del servizio educativo del CO.GE.SA. Finalità - Sostenere ed aiutare la persona a riconoscere le proprie risorse e far si che esse vengano ben utilizzate; - Far acquisire una maggiore fiducia ed autostima nel tempo di ricerca di un occupazione; - Favorire opportunità di inserimento formativo e lavorativo ai cittadini diversamente abili residenti nel territorio del Consorzio; - Sostenere ed aiutare le persone a diventare adulte, ad essere attive e/o a rimanere soggetti produttivi della società, coinvolgendosi con senso di responsabilità per acquisire, recuperare nuove potenzialità e per raggiungere la propria autonomia ed indipendenza; - Promuovere la partecipazione alle opportunità del tempo libero presenti nel territorio. Destinatari Soggetti disabili collocabili al lavoro, riconosciuti invalidi civili. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda all assistente sociale; - Presentazione della richiesta al Servizio Inserimenti Lavorativi; - Presa in carico del caso e stesura del progetto individuale; - Formazione sulle abilità e sulle competenze; - Segnalazione della persona al Centro per l Impiego Servizio Collocamento Mirato per l eventuale partecipazione ai gruppi di orientamento e formazione al lavoro; - Individuazione di un azienda ove poter favorire il tirocinio e/o l inserimento lavorativo; - Consolidamento dell attività lavorativa; - Verifica nel tempo delle condizioni di inserimento; - Consulenza pratiche amministrative. Rapporti di rete con altri servizi Provincia di Asti Centro per l Impiego, A.S.L. AT, Scuole, agenzie di socializzazione presenti sul territorio.

27 Scheda n 10 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Servizio di integrazione sociale L.104/92, L. 162/98, Regolamento del Servizio per l integrazione di persone diversamente abili del CO.GE.SA. L inserimento sociale e scolastico delle persone disabili mediante interventi di assistenza individualizzata. Soggetti in situazione di handicap grave o gravissimi, certificati ai sensi della L. 104/92. Le segnalazioni e le richieste di interventi in ambito scolastico dovranno pervenire al Consorzio entro il mese di marzo di ogni anno. Esperite le verifiche circa il possesso dei requisiti di legge, il soggetto, dopo la valutazione da parte dell equipe multidisciplinare del CO.GE.SA preposta all analisi del caso ed alla definizione del progetto individualizzato, sarà ammesso al Servizio. Rapporti di rete con altri servizi Scuole dell infanzia Scuole primarie e secondarie, Aziende sanitarie locali e Centri di riabilitazione.

28 Scheda n 11 Definizione Ricovero di sollievo Riferimenti Legislativi L. 104/92, L. 162/98 Finalità Per ricoveri di sollievo si intendono ricoveri temporanei presso strutture residenziali previsti per garantire un periodo di riposo alle famiglie che assistono il disabile a casa e di non ricorrere al ricovero definitivo, oppure che improvvisamente non possono provvedere all assistenza per motivi di salute o altri motivi contingenti. Destinatari Soggetti in situazioni di handicap grave o gravissimo, certificati ai sensi della Legge 104/92 Modalità di erogazione e fruizione La richiesta deve essere presentata allo sportello socio sanitario presente sul territorio consortile e trasmessa alla competente commissione UMVD che valuterà lo stato di reale bisogno e disporrà il ricovero di sollievo. Rapporti di rete con altri Servizi ASL AT, Strutture residenziali - RAF per disabili di tipo A e B previste dall attuale normativa di settore (D.G.R. 230/97)

29 Scheda n 12 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Attività di Tregua L. 104/92, L. 162/98, Disposizioni di Servizio Il Servizio Tregua offre sostegno alle famiglie che quotidianamente vivono il problema dell assistenza ad una persona disabile restituendo loro, almeno temporaneamente, la possibilità di vivere spazi propri. Questo garantisce continuità di assistenza alla persona disabile, al contempo, la possibilità per chi se ne prende cura nella quotidianità di ricaricarsi L attività di Tregua a favore di famiglie con persone diversamente abili è rivolta ad utenti individuati dal Servizio Sociale e prevede la loro permanenza, presso una struttura residenziale per tempi limitati. Il servizio è articolato nel corso dell anno solare e può prevedere anche il pernottamento Rapporti di rete con altri Servizi ASL AT, Strutture residenziali - RAF per disabili di tipo A e B previste dall attuale normativa di settore (D.G.R. 230/97)

30 SERVIZI PER ANZIANI

31 Scheda n. 1 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Assistenza domiciliare Art. 18 e 50 della L.R. 1/2004; Regolamento del servizio di assistenza domiciliare del CO.GE.SA. Interventi diretti a nuclei familiari con anziani versanti in stato di disagio e parziale o totale non autosufficienza anche temporanea. Anziani autosufficienti, parzialmente o totalmente non autosufficienti, soli o inseriti in nuclei familiari non in grado di soddisfare adeguatamente i loro bisogni. Modalità di erogazione e fruizione - Presentazione della domanda da parte dell interessato o di chi ne è a conoscenza; - Valutazione dell Assistente Sociale competente per il caso con presa visione di certificazione sanitaria, verbale di invalidità e documentazione reddituale per presa in carico; - In caso di anziani non autosufficienti, parziali o totali, la presa in carico è subordinata alla valutazione dell U.V.G.; - Valutazione dell Assistente Sociale responsabile del Servizio di Assistenza Domiciliare per l erogazione dello stesso; - Concorso dell utente in base al reddito. Rapporti di rete con altri servizi A.S.L. AT, Servizio di assistenza infermieristica domiciliare (ADI).

32 Scheda n. 2 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assistenza economica Art. 18 e 50 della L.R. 1/2004; Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e per l erogazione di assistenza economica del CO.GE.SA. Promuovere l autonomia degli anziani e delle famiglie in difficoltà, per il superamento di contingenti situazioni di emarginazione o di istituzionalizzazione. Anziani non autosufficienti in difficoltà socio-economica Integrazione retta ad anziani non autosufficienti inseriti in struttura in caso di reddito proprio o dei familiari insufficiente. In seguito alla richiesta inoltrata dall interessato, l assistente sociale si fa portare la documentazione inerente al reddito e le spese affrontate. Si valuta l opportunità dell erogazione del contributo e se ne istruiscono le pratiche. Comune di residenza, organizzazioni di volontariato presenti nella singola realtà.

33 Scheda n. 3 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Assegno di Cura Art. 49 della L.R. 1/2004 e D.G.R. 39/2009 Riordino delle prestazioni di assistenza tutelare socio-sanitaria ed istituzione del contributo economico a sostegno della domiciliarità per la lungoassistenza di anziani non autosufficienti. Promuovere la domiciliarità degli anziani in difficoltà, mediante interventi economici alternativi alla istituzionalizzazione. Anziani non autosufficienti in difficoltà socio-economica di età superiore ai 65 anni. La richiesta di intervento, inoltrata dall interessato allo Sportello Unico Socio Sanitario territorialmente competente, sarà valutata dalla competente Commissione U.V.G. che provvederà a dare puntuale risposta. A.S.L. AT, comune di residenza.

34 Scheda n. 4 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Inserimenti in presidi S.A. residenziali Art. 18 e 50 L.R. 1/2004; Regolamento per l accesso ai presidi residenziali, semiresidenziali ed ai centri diurni destinati ad anziani non autosufficienti e disabili del CO.GE.SA. Valutazione sociale dell anziano da inserire in una struttura per non autosufficienti da allegare alla valutazione medica del medico di medicina legale. Anziani non autosufficienti per cui è previsto l inserimento in una struttura per non autosufficienti. L assistente sociale verifica la situazione socio-economica dell anziano presso il domicilio dello stesso, preferibilmente alla presenza dei parenti. A.S.L. AT.

35 Scheda n. 5 Definizione Riferimenti Legislativi Finalità Destinatari Modalità di erogazione e fruizione Rapporti di rete con altri servizi Telesoccorso Art 50 Legge Regionale 1/2004; Regolamento del servizio di telesoccorso del CO.GE.SA. Fornire sorveglianza ad utenti anziani con particolari problemi di salute (ad esempio gravi patologie cardiovascolari) in modo che pur in condizioni di emergenza siano in grado di attivare una rete di soccorso. Anziani parzialmente o non autosufficienti. Mediante installazione di apposito impianto di telesoccorso applicato al normale apparecchio telefonico. Per utenti con invalidità accertata, la retta per il funzionamento e i costi di installazione sono a carico del CO.GE.SA. Convenzione con servizio di telesoccorso.

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2013 E 2013-2015 Consorzio per la gestione dei servizi socio-assistenziali tra i Comuni del Nord Astigiano

Dettagli

COPERTURA COMUNI ASTIGIANI SERVIZI ADSL TELECOM E WIRELESS (Aggiornamento al 31/12/08) Copertura fine 2008. Operatori wireless.

COPERTURA COMUNI ASTIGIANI SERVIZI ADSL TELECOM E WIRELESS (Aggiornamento al 31/12/08) Copertura fine 2008. Operatori wireless. AGLIANO FULL SI ALBUGNANO LIGHT SI ANTIGNANO LIGHT SI ARAMENGO LIGHT NO ASTI FULL/LIGHT SI AZZANO FULL/LIGHT SI BALDICHIERI FULL SI NGI-Eolo BELVEGLIO FULL SI NGI-Eolo BERZANO S. PIETRO LIGHT PARZIALE

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 08/04/2014 Articolo 1 Campo di intervento

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015

Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015 Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI DISABILI, MINORI E ADULTI, AL COSTO DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI COMO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (artt. 12 e 13 L. 104/92 e art. 2 D.P.R. del 24/2/94) TRA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti Paola Maccani Direttore Integrazione socio sanitaria APSS Valeria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli