L IMPATTO DEL NUOVO SOFTWARE DI GESTIONE SU PROCEDURE E SERVIZI DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA BRIANZA COMASCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMPATTO DEL NUOVO SOFTWARE DI GESTIONE SU PROCEDURE E SERVIZI DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA BRIANZA COMASCA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea triennale in Scienze dei Beni Culturali L IMPATTO DEL NUOVO SOFTWARE DI GESTIONE SU PROCEDURE E SERVIZI DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA BRIANZA COMASCA Relatore Professor Giorgio Montecchi Ilaria Bigelli Matr Anno Accademico

2 RINGRAZIAMENTI Desidero ringraziare i miei genitori, Rosanna e Giuseppe, che mi hanno permesso di intraprendere e portare avanti la carriera accademica con soddisfazione; tutta la mia famiglia, per essermi stata vicina e d aiuto in tutti questi anni di studio e di lavoro. Un ringraziamento caloroso ai miei docenti, il Professor Giorgio Montecchi e il Professor Fabio Venuda, che mi hanno aiutato e guidato con pazienza e attenzione nella realizzazione di questa tesi di laurea. Ringrazio poi l Ufficio Biblioteche dell Amministrazione Provinciale di Como nella persona del Dottor Ernesto Frigerio e l Ufficio di Coordinamento del Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca dell Amministrazione Comunale di Cantù per la gentilezza e la disponibilità dimostrate. Un pensiero va poi a tutti i miei colleghi bibliotecari del Sistema della Brianza Comasca, per avermi fatto sentire all interno di una grande famiglia. Un ultimo, fondamentale ringraziamento è per tutti i miei amici, che mi hanno supportato e sopportato in questo emozionante anno e mezzo di lavoro; e un ricordo affettuoso in particolare va a Piera, mia mentore, a Virna, mia fan sfegatata, a Bianca e Francesca, per l empatia e l affetto dimostrati, ad Alessandro, per l aiuto materiale e morale e alla numerosa tribù dei cugini.

3 INDICE INTRODUZIONE 4 1. L ORGANIZZAZIONE BIBLIOTECARIA PROVINCIALE DI COMO I sistemi bibliotecari del comasco Il centro di catalogazione provinciale Il progetto CUBICO e la rete provinciale: IL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA BRIANZA COMASCA La storia Le attività PASSARE A UN NUOVO SOFTWARE DI GESTIONE BIBLIOTECONOMICA Le motivazioni La scelta del nuovo Integrated Library Management System (ILMS) Il presente e il futuro con un nuovo software Cosa è cambiato Cosa è in atto Cosa accadrà Il ruolo del recupero del materiale pregresso nell adozione di un nuovo software ipotesi su potenziali obiettivi e servizi 62 BIBLIOGRAFIA 64

4 INTRODUZIONE E opinione diffusa che in biblioteca si vada per prendere in prestito dei libri da leggere. Si pensa a locali bui, angusti, pieni di libri vecchi e polverosi, con bibliotecari vegliardi e, perché no, antipatici; ci si immagina un catalogo fatto a schedine cartacee, difficili da leggere e da capire. Si ipotizza addirittura che per entrare in biblioteca bisogna possedere determinati requisiti (di istruzione, di cittadinanza, di stato sociale). Effettivamente, in alcuni casi, questa situazione si presenta. Ma, parlando di biblioteche di pubblica lettura, questi casi sono molto rari. Questo perché, a differenza di ciò che comunemente crede la gente, le biblioteche di pubblica lettura, che sono molto diffuse, sono nate come strumento di informazione per i cittadini. Informare significa fornire ogni tipo di conoscenza mediante ogni tipo di strumento e supporto: questo significa che in biblioteca si possono trovare libri, quotidiani e riviste, film e documentari audiovisivi, cd-rom e postazioni per la connessione internet; è possibile recuperare documenti di narrativa, di medicina, astronomia e storia locale, architettura e psicologia; è possibile essere aggiornati sulle ultime novità editoriali, ascoltare la Carmen, sedersi in una poltrona sfogliando il giornale, preparare un esame universitario o sfruttare la competenza dei bibliotecari per reperire, ancora una volta, informazioni. Per fornire un servizio soddisfacente e rapido occorre di certo personale preparato; ma occorre anche un patrimonio vario e molto consistente se si vogliono soddisfare tutte le richieste o i bisogni dell utenza; occorre un catalogo del patrimonio posseduto chiaro e intuitivo per gli utenti; occorre molta disponibilità economica per realizzare ad esempio progetti di promozione della lettura; occorre che la biblioteca abbia un apertura settimanale più ampia possibile. Molto spesso però le singole amministrazioni locali, titolari delle biblioteche, non possono permettersi tutto questo. La soluzione che le biblioteche trovano per venire incontro all utente è quella di unire le forze, di cooperare, di collaborare, di condividere. Interagendo, due o più biblioteche possono ad esempio sopperire alle mancanze documentarie l una dell altra; possono decidere di condividere le risorse finanziarie per acquistare le ultime novità editoriali; possono organizzare attività di animazione della lettura in maniera coordinata; possono confrontarsi sul catalogo e cercare la forma migliore per

5 redigerlo; possono decidere di condividere i regolamenti del servizio offerto, migliorandolo, magari. Tecnicamente quello che ho appena descritto è definito area di cooperazione bibliotecaria: si tratta in sostanza di un insieme di biblioteche, anche di varia natura, che decidono di unirsi mediante convenzioni o consorzi per condividere obiettivi, servizi, attività e spese di gestione. La cooperazione in campo bibliotecario è di fondamentale importanza, ed è fortemente suggerita dagli organismi internazionali (come l UNESCO e l IFLA), nazionali e regionali; in particolare la Regione Lombardia da diversi anni a questa parte sta incentivando l organizzazione bibliotecaria, o riorganizzazione, come nel caso della Provincia di Como, per creare grandi sistemi bibliotecari che possano operare nella piena integrazione e condivisione. Attraverso i Programmi Pluriennali essa offre gli indirizzi e le indicazioni per migliorare il servizio bibliotecario regionale; specifica di volta in volta quali progetti saranno oggetto di finanziamenti: nei primi anni 2000 ha iniziato a finanziare progetti di cooperazione territoriale bibliotecaria. Il risultato di questa spinta alla cooperazione è stata la netta riduzione del numero dei sistemi bibliotecari regionali. La Provincia di Como, rispondendo agli indirizzi regionali, ha concluso la fase di riorganizzazione sistemica nel 2002, passando da un totale di otto a soli quattro sistemi bibliotecari: Sistema Bibliotecario Intercomunale di Como, Sistema Bibliotecario Lario Ovest, Sistema Bibliotecario dell Ovest Como e Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca, che uniscono oltre 90 biblioteche provinciali di varie tipologie. In base ai dati statistici relativi all organizzazione bibliotecaria della Provincia di Como, si apprende che un alto numero di cittadini usufruisce del servizio bibliotecario, le aree di cooperazione possiedono un patrimonio documentario consistente e rilevano un indice di circolazione dei documenti piuttosto elevato: in sostanza, vi è un erogazione del servizio bibliotecario articolata e molto ampia. I documenti delle biblioteche della Provincia, così come tutti i documenti appartenenti a biblioteche, sono catalogati, ovvero descritti per permettere all utenza di conoscerli e riuscire a individuarli facilmente e a recuperarli poi nello scaffale. Con l introduzione di programmi informatici di gestione bibliotecaria, anche i cataloghi cartacei sono stati trasformati in record elettronici, confluiti nel database del software di gestione usato nelle biblioteche. Uno dei primi e basilari servizi offerti dalla cooperazione è la catalogazione centralizzata: ovvero un unica biblioteca o organo competente che cataloga i

6 documenti di tutte le biblioteche associate all area di cooperazione; nel caso della Provincia di Como, nel 1995 è stato avviato il centro provinciale di catalogazione: suo compito era quello di catalogare tutto il materiale documentario delle biblioteche associate ai sistemi bibliotecari della Provincia; del personale specializzato si è occupato di catalogare tutte le nuove acquisizioni delle biblioteche associate, risparmiando così a queste ultime considerevoli quantità di tempo-lavoro precedentemente usato per catalogare localmente; e, cosa fondamentale, la catalogazione centralizzata permette la creazione di un catalogo collettivo, ovvero l insieme dei record di tutte le biblioteche. Inoltre, un unica descrizione del documento permette la chiarezza e la linearità dei record nel catalogo. E proprio la realizzazione di un Catalogo Unico delle BIbilioteche COmasche (CUBICO) l obiettivo che si è prefissa la Provincia di Como con il Programma Pluriennale Provinciale Questo progetto è stato contemporaneamente associato alla spinta verso l automazione di tutte le biblioteche associate ai sistemi, ovvero all utilizzo di un unico software di gestione per tutte le operazioni bibliotecarie del territorio. Nuovo software che è stato introdotto progressivamente nei quattro sistemi bibliotecari, concludendo la fase di start up nel settembre È così possibile condividere i dati bibliografici e le informazioni, avviare il servizio di prestito interbibliotecario a vari livelli, perché si ha accesso al patrimonio di ogni biblioteca e velocizzare le operazioni di catalogazione, prestito interbibliotecario e di informazione bibliografica all utenza, soprattutto con un catalogo disponibile online sul web. E ovvio che questo insieme di cambiamenti e novità ha comportato notevoli sforzi da parte dei quattro sistemi bibliotecari provinciali in fatto di aggiornamento e adattamento. Questi sono gli argomenti che ho approfondito, nel mio elaborato: nel primo capitolo ho analizzato la situazione dell organizzazione bibliotecaria provinciale di Como, soffermandomi sul progetto del catalogo unico e sulla spinta verso l automazione nelle biblioteche connessa al progetto CUBICO; nel secondo capitolo ho parlato del Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca, tra i quattro quello di più recente costituzione e che conosco meglio per motivi professionali; nel terzo capitolo ho ripreso il progetto CUBICO legandolo alle scelte in materia di automazione, mi sono soffermata sul software da scegliere, sull iter e sui criteri di valutazione e giudizio che hanno portato alla sua individuazione; buona parte del capitolo è dedicata al rapporto tra il progetto CUBICO e il Sistema della Brianza Comasca, ai cambiamenti avvenuti, alle esigenze biblioteconomiche avvertite in rapporto a un nuovo

7 programma informatico, ai nuovi servizi che il nuovo software ha permesso di introdurre. Sull automazione nella Provincia di Como, sul progetto di un catalogo bibliografico provinciale e sul Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca non esistono al momento ricerche, approfondimenti o pubblicazioni. Per impostare, documentare e realizzare questa tesi di laurea ho proceduto secondo un metodo sperimentale: ho analizzato tutta la documentazione inedita d archivio sull organizzazione bibliotecaria provinciale dagli anni 90 a oggi presso l Ufficio Biblioteche della Provincia di Como e l Ufficio Coordinamento di Sistema di Cantù: deliberazioni, determinazioni, relazioni informative, relazioni tecniche, verbali di Conferenze dei Sindaci, eccetera. Ho studiato il materiale d archivio relativo all automazione nella Provincia e alle indicazioni tecnico-politiche, come i verbali dei gruppi di lavoro, verbali delle Commissioni Tecniche di sistema, comunicazioni, relazioni, note informative, eccetera. A partire da queste fonti ho delineato il percorso storicoamministrativo e tecnico di realizzazione di un catalogo unico delle biblioteche della Provincia di Como, dell automazione collettiva e delle caratteristiche del Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca, associandolo a approfondimenti, considerazioni e ipotesi tecnico-biblioteconomici avanzati da esperti in materia e soprattutto personali.

8 CAPITOLO 1 L organizzazione bibliotecaria provinciale di Como 1.1 I sistemi bibliotecari del comasco L organizzazione bibliotecaria della Provincia di Como è molto articolata e complessa. Il servizio bibliotecario è svolto da biblioteche di pubblica lettura, biblioteche di conservazione, biblioteche scolastiche, biblioteche di istituti e fondazioni, biblioteche appartenenti a privati, biblioteche speciali, eccetera. I servizi offerti e le attività proposte e promosse sono molti e diversificati, anche in relazione alla vastità del territorio provinciale e alla conseguente caratterizzazione fisionomica delle aree di cooperazione sistemica bibliotecaria. Per conoscere il contesto bibliotecario della Provincia, il livello globale di erogazione dei servizi e poter poi capire i cambiamenti conseguenti l autentica rivoluzione informatica a cui la Provincia è andata incontro, nei primi anni 2000, è opportuno fornire qualche dato statistico di riferimento. Nel 2004 su un totale di 104 comuni e abitanti, erano 110 le biblioteche comunali della Provincia di Como. Sempre in relazione al 2004, il numero totale di prestiti, sul territorio provinciale, è stato di documenti 1, compreso il materiale multimediale e i prestiti ad altre biblioteche, con un rapporto tra prestiti e iscritti pari a 9,10 2 ; il prestito ad altre biblioteche ammontava a documenti, calcolato su 68 biblioteche comunali; il prestito da altre biblioteche, calcolato su 70 biblioteche, ammontava a documenti 3 ; quello di materiale multimediale era di documenti; la consistenza degli stampati era di , mentre i documenti acquistati nel corso dell anno erano (le nuove accessioni comprendevano libri, opuscoli, periodici correnti e materiale multimediale acquisiti dalle biblioteche per acquisto, diritto di stampa o ricevuti in dono dal sistema 1 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Anagrafe Biblioteche Lombarde. Prospetto riassuntivo delle biblioteche comunali Provincia di Como Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Anagrafe Biblioteche Lombarde. Servizio di prestito Provincia di Como Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Anagrafe Biblioteche Lombarde. Prestito interbibliotecario Provincia di Como

9 bibliotecario); il personale di ruolo impiegato era di 132 unità (escludendo volontari e obiettori di coscienza) e l apertura settimanale andava da un minimo di 2 ore (Cavargna, Corrido e Musso) a un massimo di 218 ore (somma ore di apertura di tutte le Biblioteche di Como città) 4. La Regione Lombardia individuò già all inizio degli anni 90 nei sistemi bibliotecari lo strumento cooperativo capace di economizzare al meglio gli sforzi, e rendere l insieme dei servizi biblioteconomici completo e strutturalmente soddisfacente. Per questa ragione, con il Programma Pluriennale Regionale , indicò come uno degli obiettivi principali quello della riorganizzazione dei sistemi bibliotecari. In risposta al Programma Pluriennale Regionale e , la Provincia di Como, con il relativo Programma Pluriennale Provinciale, ha predisposto il riassetto territoriale dei sistemi bibliotecari, con il passaggio, conclusosi nella seconda metà del 2002, da un totale di otto a soli quattro sistemi bibliotecari intercomunali, che costituiscono la nuova rete sistemica provinciale, alla quale sono associate 95 delle 110 biblioteche comunali presenti. Il Sistema Bibliotecario dell Ovest Como è il più antico: nasce nel gennaio 2001 (delibera della Giunta Regionale n VII/3829, 16/03/2001), dall aggregazione del Sistema di Olgiate Comasco con una parte del Sistema Bibliotecario Lariano; serve un bacino d utenza di abitanti. Il Comune di Olgiate Comasco è a capo della convenzione. I comuni aderenti sono 34, tra i quali il comune di Vertemate con Minoprio e Cassina Rizzardi aderenti a partire dal 1 gennaio I punti di prestito sono 3. Il Sistema Bibliotecario Intercomunale di Como nasce invece nel febbraio 2002 (delibera della Giunta Regionale n VII/7988, 08/02/ ) dall unione di biblioteche senza alcuna esperienza di cooperazione bibliotecaria. Ha un bacino di abitanti e ad esso aderiscono differenti tipologie di biblioteche: di base e speciali, ovvero due biblioteche scolastiche, la biblioteca dei Musei Civici del Comune di Como, due biblioteche di titolarità non comunale, come quelle della Società Archeologica Comense e dell Istituto di Storia Contemporanea A. Perretta. Biblioteca a capo della convenzione, è la Biblioteca Comunale di Como. I punti di prestito sono siti in due comuni e nella casa circondariale del Bassone. 4 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Anagrafe Biblioteche Lombarde. Sistemi bibliotecari intercomunali Provincia di Como Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Giunta Regionale, Delibera n. VII/7988. Istituzione Sistema Bibliotecario Intercomunale di Como, 08/02/2002. Milano, 2002.

10 Nel marzo dello stesso anno si costituisce anche il Sistema Bibliotecario del Lario Ovest (delibera della Giunta Regionale n VII/8213, 01/03/2002), nato dall aggregazione dei tre sistemi Alpi Lepontine, Lario Intelvese, Tre pievi; ente a capo della convenzione è il Comune di Menaggio. Questo sistema serve un bacino d utenza di abitanti e i comuni aderenti sono 23. Ultimo nato è il Sistema della Brianza Comasca: viene costituito nel settembre 2002 (delibera della Giunta Regionale n VII/10309 del 16/09/2002); nasce dall unione di tre sistemi: Intercomunale Alta Brianza, Gallianum, Intercomunale Comprensoriale di Mariano Comense. Il sistema serve un bacino d utenza di abitanti e a capo della convenzione è il Comune di Cantù. I punti di prestito sono 4. Dunque 64 biblioteche, 29 punti di prestito, e abitanti come bacino d utenza; il totale del patrimonio posseduto ammonta a più di un milione e cinquecentomila documenti, di cui più del 90% è composto da fondo moderno. Tutti le quattro aree di cooperazione della Provincia si sono dotate della figura del coordinatore di sistema. 1.2 Il centro di catalogazione provinciale Catalogare un documento significa far conoscere all utenza il patrimonio posseduto, dando loro le indicazioni per poter individuare il documento e quindi per poterlo recuperare nello scaffale della biblioteca 6. Per ottenere questi risultati il documento deve essere descritto in ogni sua parte (descrizione bibliografica) e ne devono essere individuati degli accessi, sia formali sia semantici, che permettano all utenza di recuperare agevolmente il documento stesso. Attualmente, la catalogazione del patrimonio documentario è svolta prevalentemente su supporto elettronico: questo significa che il documento viene descritto inserendo gli accessi formali e semantici in un database, generando un record bibliografico che va a confluire nel catalogo collettivo della biblioteca, o del sistema bibliotecario, o di altra tipologia di rete. La rete provinciale di Como utilizza per la descrizione dei documenti gli ISBD (International Standard Bibliographic Description), che definiscono e descrivono il documento con specifiche applicazioni dello standard adeguato in base al supporto 6 Giorgio Montecchi, Fabio Venuda, Manuale di biblioteconomia. Editrice Bibliografica, Milano, 2002.

11 e le RICA (Regole Italiane di Catalogazione per Autori), che permettono di determinare e definire gli accessi formali al documento; gli accessi semantici sono dati dalla soggettazione, vale a dire la resa del contenuto del documento attraverso una forma verbale organizzata e standardizzata (Thesaurus), e dalla classificazione, che organizza i contenuti per discipline, formando quindi classi di conoscenza nelle quali i documenti vanno a confluire. La catalogazione centralizzata si realizza quando un insieme di biblioteche decide di costituirsi in rete sistemica: in quel momento, un unica biblioteca, o centro di catalogazione, si occupa della generazione del record bibliografico del documento, registrato nel catalogo centrale e unico del sistema o di altro organo di cooperazione. L Ufficio Biblioteche della Provincia di Como è dotato di un Centro Provinciale di Catalogazione (CPC), che offre i suoi servizi a tutte le biblioteche associate ai quattro sistemi bibliotecari del comasco. La progettazione e la creazione del centro provinciale di catalogazione corrispondono a precise direttive impartite dalla Regione Lombardia, che nell assumere funzioni di indirizzo, coordinamento e programmazione dell organizzazione bibliotecaria regionale, in base alla Legge Regionale 81/85 7, si prefigge l obiettivo di attuare «una rete integrata di strutture e di servizi bibliotecari e documentari sul territorio regionale»; già nei programmi pluriennali dei primi anni 90 concretizzava questo intento con la realizzazione di servizi collettivi, tra cui posto di rilievo spettava alla formazione di cataloghi collettivi sistemici. In quest ottica si colloca la scelta dell Ufficio Biblioteche di istituire un entro di catalogazione unico provinciale, con lo scopo di «individuare per i sistemi bibliotecari ambiti territoriali e di utenza di dimensioni più ampie rispetto alle attuali aggregazioni» 8. L Assessorato alla Cultura quindi, nell ambito dell organizzazione dei servizi bibliotecari, ha sviluppato un progetto di catalogazione centralizzata per concretizzare quell azione di indirizzo che la Legge Regionale 81/85 attribuisce alle province. Dato indicativo è che già nell anno 1992 in Lombardia le Province di Bergamo, Brescia, Varese, Mantova, Pavia e il comprensorio lecchese avevano avviato i centri di catalogazione, mentre la Provincia di Pavia e il comprensorio del lodigiano erano in una fase operativa avanzata. 7 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Legge Regionale 14/12/1985 n. 81. Norme in materia di biblioteche e archivi storici di Enti Locali o di interesse locale. 8 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Programma Regionale Pluriennale

12 Inizialmente ci fu una fase progettuale, articolatasi nel periodo , nel corso della quale gruppi di lavoro 9 composti da amministratori e personale tecnico delle biblioteche centro sistema del comasco si riunirono periodicamente per stabilire e definire le modalità di realizzazione delle attività e dell operato del CPC, nonché per completare le procedure burocratiche necessarie per rendere il progetto esecutivo. In data 26/11/1991 il progetto del centro provinciale di catalogazione fu portato in Commissione Consiliare Cultura e ne ottenne il parere favorevole. A questo punto si passò alla fase operativa, che consistette innanzitutto nell ottenimento dei fondi necessari per avviare il CPC, garantiti in parte da fondi provinciali ordinari per le biblioteche e in parte da fondi regionali, nella misura del 20%, e da parte dell avanzo di Amministrazione Provinciale per l anno La fase operativa vide come primo compito dell Assessorato alla Cultura quello di reperire gli spazi adeguati, ovvero: 2/3 vani per un totale di 100 mq, preferibilmente al piano terreno e con la possibilità di consentire il lavoro di 3/4 persone; i locali, in numero di 3, furono individuati nella Villa Saporiti adiacente al Consiglio Provinciale. Successivamente, vennero attivate tutte le procedure per l acquisizione degli arredi, dell hardware, del mezzo di trasporto utilizzato per la raccolta, presso le biblioteche associate, del materiale documentario da catalogare 10. Definite le procedure di massima per il reperimento e l acquisizione dei locali, degli arredi e dell impianto logistico, la scelta del software fu conseguente all esigenza di elaborare un ipotesi di lavoro corrispondente alle esigenze catalografiche e biblioteconomiche dei vari sistemi provinciali: questa prevedeva in particolare un servizio di catalogazione delle nuove acquisizioni, escludendo quindi il materiale documentario pregresso; la catalogazione sarebbe stata effettuata per autori, per soggetti e per Classificazione Decimale Dewey (CDD), mentre per la descrizione si sarebbe utilizzato lo standard internazionale ISBD; alla sezione ragazzi in un primo tempo sarebbero state escluse le opere per la fascia d età compresa tra 0 e 5 anni e la narrativa riservata ai ragazzi tra i 6 e i 14 anni; i servizi catalografici ipotizzati avrebbero fornito: catalogazione completa su schede e/o record bibliografici registrati su dischetto; tabulati a stampa; etichettatura dei volumi. 9 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Centro provinciale di catalogazione, Relazione. Incontro del 14/07/1994. Como, Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Giunta Provinciale di Como, Delibera 16/06/1992. Istituzione Centro di catalogazione provinciale. Como, 1992.

13 Qualche resistenza, in fase di realizzazione delle procedure e individuazione del software, fu fatta da alcune biblioteche centro sistema, tendenti a conservare quello che, in maniera distorta, viene considerato un potere acquisito dalle maggiori biblioteche centro sistema nei confronti delle biblioteche associate 11. Prima dell istituzione del centro infatti, la prerogativa di catalogare il materiale documentario spettava agli operatori delle singole biblioteche o a quelli della biblioteca centro sistema. Contemporaneamente al lavoro di progettazione del centro provinciale di catalogazione, continuarono le procedure burocratiche per l approvazione dello stesso: infatti il 26/01/1993 veniva presentata in Giunta Provinciale un informativa relativa al progetto, per cui successivamente vennero stanziati fondi per un totale di lire 12. Nell estate 1994 le modalità di realizzazione e concretizzazione del centro provinciale di catalogazione erano ancora sotto l analisi del gruppo di lavoro della Provincia. Alcune delle perplessità manifestate durante le periodiche riunioni tra il gruppo di lavoro e le biblioteche centro sistema, furono relative alla lunghezza dei tempi di trattazione del documento: infatti il tempo medio di restituzione di un libro catalogato dai centri di catalogazione più efficienti in Lombardia era di 7-10 giorni; l ottimizzazione di questi tempi, sostenne l Amministrazione Provinciale, era legata alla costanza del flusso dei libri inviati per la catalogazione (ovvero alla quantità inviata settimanalmente al centro da far catalogare), e di conseguenza a una ponderata e corretta politica degli acquisti da parte delle biblioteche. La finalità di un centro di catalogazione centralizzata provinciale deve essere quella di fornire uno strumento per lo sviluppo delle biblioteche e un miglioramento dei servizi, l integrazione con altre biblioteche, un uso più efficiente delle risorse. I vantaggi della catalogazione centralizzata sono, sintetizzando: la riduzione dei costi; il miglioramento del prodotto catalografico che consente anche una consultazione più corretta, facile e rapida per l utente; maggior tempestività nella catalogazione e quindi una più rapida disponibilità dei documenti per gli utenti; riduzione dei tempi di lavoro per i bibliotecari che avranno così più tempo da dedicare ai servizi al pubblico e al miglioramento della loro professionalità; creazione di un catalogo collettivo a cui 11 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Centro provinciale di catalogazione, Relazione. Incontro del 14/07/1994. Como, Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Giunta provinciale di Como, Deliberazione n Istituzione del Centro Provinciale di Catalogazione. Como, 07/02/1995.

14 le biblioteche collegate possono accedere per il prestito e l informazione. Ulteriori vantaggi della catalogazione centralizzata, specifici della realtà del comasco, sarebbero stati un sensibile miglioramento della qualità dei servizi per le situazioni meno sviluppate, una ritrovata disponibilità di tempo e, per le realtà che già avessero fornito servizi adeguati, la possibilità di ridurre le quote associative, vale a dire la quota che ogni amministrazione comunale deve versare al comune centro sistema per poter aderire al sistema bibliotecario, o di poterne disporre per altre attività 13. Per raggiungere questi risultati il gruppo di lavoro elaborò una proposta d acquisto relativa sia all hardware sia al software: per quanto riguarda l hardware, si ipotizzò l installazione di 1 server di rete Personal Computer con unità centrale, 4 PC, 1 gruppo di continuità, 1 modem, 1 lettore CD-ROM, 4/5 stampanti, il tutto completo dei vari accessori in sistema operativo rete Novell 14 ; mentre per il software, venne proposto l acquisto del pacchetto Play-Lib in ambiente operativo Unix 15, software scelto non tanto perché fosse il più valido sul mercato, quanto perché usato dalla maggior parte delle biblioteche associate 16. Queste ipotesi di realizzazione furono discusse in una riunione, datata 14 luglio 1994, alla presenza dei sindaci delle amministrazioni comunali e degli assessori alla cultura, chiamati a prendere le opportune decisioni in merito al progetto del centro provinciale di catalogazione, insieme ai competenti organi del sistema. 17 In seguito alla richiesta effettuata dalle autorità di approfondire maggiormente le proposte e alla stesura di una relazione tecnica, l Assessorato Provinciale alla Cultura contattò gli amministratori dei comuni delle biblioteche centro sistema per definire le modalità di partecipazione al progetto. Tutti i sistemi bibliotecari locali aderirono al progetto tra l ottobre e il dicembre del Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Giunta Provinciale di Como, Deliberazione del 26/01/1993. Allegato A. Centro di catalogazione provinciale. Como, Il Sistema operativo in rete Novell è un insieme di programmi che costituisce l interfaccia tra utente e hardware, basato su Linux. 15 L ambiente operativo Unix è un insieme di programmi che costituisce l interfaccia tra utente e hardware (allo stesso modo di Windows)basato su un nucleo, il kernel, che gestisce le risorse e l esecuzione dei programmi del Sistema; si veda: Introduzione al sistema operativo Unix, in Caspur. Consorzio interuniversitario per le Applicazioni di Supercalcolo Per Università e Ricerca, ultima consultazione 02/10/ Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Relazione. Centro provinciale di catalogazione, agosto Como, Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Alfredo Colombo, Comunicazione. Centro di catalogazione provinciale. Como, 23/08/1994.

15 In un incontro datato 17/01/1995, si decise per la costituzione di una commissione tecnica formata dai responsabili e dai coordinatori delle centro sistema e dal personale bibliotecario dell Ufficio Biblioteche dell Amministrazione Provinciale, che avrebbe avuto il compito di definire un protocollo d intesa sulle scelte catalografiche ritenute più opportune. La stessa commissione avrebbe fornito anche le indicazioni utili a organizzare logisticamente il trasporto libri, i punti di raccolta, i tempi etc. In base all utilizzo del FTE (Full Time Equivalent), il fabbisogno di operatori/catalogatori venne stimato in 4 unità, ai quali si sarebbe dovuta aggiungere la figura di coordinatore provinciale/autista, cui sarebbe spettato il compito di trasportare i libri dalle biblioteche al centro provinciale di catalogazione e viceversa 18. Finalmente, con la delibera n. 193 del 07/02/1995, la Giunta Provinciale di Como istituì il centro provinciale di catalogazione. A questo punto, i locali erano già stati individuati, i fondi erano stati stanziati e i pacchetti hardware e software acquistati; occorreva individuare le figure professionali del centro provinciale di catalogazione. Tramite un capitolato per il servizio di catalogazione, l Amministrazione Provinciale decise di bandire una gara di appalto per l espletamento del servizio, articolato su un contratto annuale (delibera 09/06/ ), poi modificato in alcuni punti del progetto; la ditta CAeB si aggiudicò l appalto in data 20/09/ Completo di tutte le sue componenti, il centro provinciale di catalogazione divenne operativo il 17/10/ : il servizio avrebbe dovuto far fronte a un volume annuo di circa documenti acquistati, con un rapporto titoli/volumi di 2,5; il lavoro del centro si articolò in 5 giorni alla settimana e venne svolto da personale professionalmente qualificato nelle procedure di catalogazione; i documenti da catalogare venivano trasportati al centro provinciale di catalogazione grazie a dei punti di raccolta organizzati in zone diverse del territorio provinciale. Nel corso degli anni, le prospettive del centro provinciale di catalogazione si sono evolute; data la rapida obsolescenza delle apparecchiature informatiche, l obiettivo del 1999 (e il conseguente impegno di spesa per quell anno) è stato quello di 18 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Relazione. Centro Provinciale di Catalogazione, agosto Como, Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Giunta Provinciale di Como, Deliberazione del 09/06/1995. Capitolato per il servizio di catalogazione del centro provinciale. Como, Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Amministrazione Provinciale di Como, Centro di Catalogazione Provinciale. Aggiudicazione appalto per il servizio. Como, 28/09/ Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Gioachino Rigamonti, Comunicazione. Avvio del Centro Provinciale di Catalogazione. Como, 23/10/1995.

16 iniziare un processo di ammodernamento delle strutture informatiche, ipotizzando l introduzione di un nuovo software di catalogazione e gestione dei dati, impensabile al momento della nascita del centro provinciale di catalogazione, a causa delle spese insostenibili che in quel momento avrebbe comportato una riconversione dei cataloghi dei singoli sistemi bibliotecari 22. Il nuovo corso ha modificato anche l assetto del personale a disposizione del centro, con l assunzione a tempo determinato 3 catalogatori e un coordinatore dedicati al servizio di catalogazione, che fino al 1998 era stato affidato in outsourcing a una cooperativa di servizi. 23 All inizio del 2006, dopo 11 anni di attività, il centro di catalogazione è ora composto da operatori assunti direttamente dall Amministrazione Provinciale di Como; la sua attività è stata rivoluzionata dall ingresso di un nuovo software in rete geografica di trattamento e gestione dei dati, che consente anche di effettuare la catalogazione derivata; a tutt oggi il centro ha appena iniziato la catalogazione del materiale multimediale e ha in progetto l attività di catalogazione dei periodici e delle opere in caratteri non latini (scaffale multiculturale) Il progetto CUBICO e la rete provinciale: Il testo delle linee guida IFLA/UNESCO per lo sviluppo del servizio bibliotecario pubblico, riguardo la cooperazione, recita la frase seguente: Il complesso dei servizi alla comunità migliora quando le biblioteche stabiliscono rapporti di scambio reciproco di informazioni, idee, servizi e competenze. La cooperazione produrrà meno duplicazioni nei servizi, l integrazione delle risorse per il massimo risultato e un miglioramento complessivo dei servizi alla comunità. 25 Secondo quanto previsto dal Programma Pluriennale Regionale , la Regione, soggetto coordinatore dell organizzazione bibliotecaria in una logica di sussidiarietà e di collaborazione con tutti i soggetti coinvolti ha il compito di 22 Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Centro provinciale di catalogazione, Relazione sul centro di catalogazione provinciale e servizio biblioteche. Como, 16/12/ Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Relazione. Centro di catalogazione Provinciale. 12/05/ Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Relazione. Centro di catalogazione provinciale. 25 IFLA, The public Library Service. IFLA/UNESCO Guidelines for Development, in International Federation of Library Associations and Institutions, ultimo aggiornamento 15/05/2006, ultima consultazione 27/10/2006.

17 incentivare e promuovere tutte le attività finalizzate allo sviluppo della pubblica lettura e all accesso all informazione. Ma, secondo la legge n. 81 del 1985, l organizzazione bibliotecaria regionale deve anche assolvere all «attuazione di una rete integrata di strutture e servizi bibliotecarie documentari sul territorio» e «la realizzazione di sistemi informativi coordinati che favoriscano la conoscenza e l utilizzazione dei beni librari e documentari esistenti nel territorio regionale». Come accennato precedentemente, uno degli obiettivi primari degli indirizzi regionali dei primi anni 90 era di costituire una rete integrata di servizi, che permettesse la cooperazione bibliotecaria, in un ottica di miglioramento del servizio e di ottimizzazione dei costi. Questo intento e la continua modernizzazione dei supporti e degli strumenti informatici hanno portato molti sistemi bibliotecari alla realizzazione di cataloghi elettronici collettivi, riunendo insieme i record bibliografici appartenenti ai rispettivi cataloghi in un unico sistema informatizzato condiviso dai personal computer e dai catalogatori delle biblioteche associate alla rete bibliotecaria. Il catalogo elettronico collettivo consente innanzitutto la standardizzazione e la coerenza nella creazione del dato bibliografico: un unica equipe di catalogatori infatti, catalogherà allo stesso modo il materiale, limitando le interpretazioni catalografiche da parte dei bibliotecari e la duplicazione dei record per un unico titolo, come invece accade qualora più catalogatori utilizzino criteri soggettivi per catalogare lo stesso documento. Di conseguenza, si avrà una rappresentazione più coerente del patrimonio posseduto dalla biblioteca. Altro vantaggio è che il catalogo collettivo consente, data la visualizzazione del patrimonio posseduto da tutte le biblioteche del sistema bibliotecario, di organizzare l attività del prestito interbibliotecario, che è possibile a più livelli: sistemico, intersistemico, interprovinciale e via dicendo. In sostanza, il prestito interbibliotecario è la movimentazione di documenti tra più biblioteche afferenti alla medesima organizzazione di cooperazione: l utente può dunque chiedere e prendere in prestito documenti di una qualsiasi tra le biblioteche associate, facendoli recapitare nella sede a lui più vicina; il servizio è offerto in entrata e in uscita, ovvero biblioteca proprietaria che presta il documento alla biblioteca richiedente e biblioteca destinataria che restituisce il documento alla biblioteca proprietaria. Il catalogo collettivo permette inoltre una maggiore velocità di erogazione dei servizi: bibliografico, di informazione e di prestito interbibliotecario; inoltre, se in rete web, è maggiormente visibile da altri enti di cooperazione simili, con un ritorno in immagine e in pubblicità non indifferente.

18 Su queste indicazioni si è basata la Provincia di Como per l attuazione di forme sistematiche di cooperazione, a partire dal Programma Pluriennale Provinciale Altro obiettivo dichiarato della Provincia, scaturito dagli indirizzi regionali, nonché dalle indicazioni nazionali e internazionali, è stato anche quello di adottare un nuovo software per la gestione delle biblioteche e di collegare in rete le biblioteche stesse, in un ottica di reale integrazione delle strutture e dei servizi. Questo, relativamente al territorio comasco, ha significato pensare a una centralizzazione dei servizi di supporto, tra cui: la catalogazione delle nuove accessioni, la scelta delle migliori soluzioni nel campo informatico per consentire la cooperazione in tutti i servizi offerti dal sistema bibliotecario, la realizzazione di un unico catalogo delle biblioteche comasche. Riorganizzazione territoriale da una parte, e riorganizzazione informatica dall altra, dunque. Due progetti apparentemente slegati tra loro, in realtà intimamente connessi. L uno dipende in maniera stretta dall altro, e viceversa. Impossibile infatti pensare a una gestione di una rete informatica tra un alto numero di biblioteche senza l utilizzo di un software di gestione e una dotazione informatica adeguati. Ed è altrettanto difficile pensare a un rinnovamento informatico e digitale senza prendere in considerazione un ampliamento e una maggiore interazione e cooperazione dei sistemi bibliotecari, organizzati su diversi livelli di servizio. In questo contesto nasce il progetto per il Catalogo Unico delle BIblioteche COmasche (CUBICO), approvato con deliberazione provinciale n. 52 del 12/11/ L obiettivo è stato quello di mettere in rete il catalogo del centro provinciale di catalogazione, arricchito dai dati catalografici dei quattro sistemi bibliotecari del territorio in esso confluiti; grazie a questo progetto la banca dati ha reso il catalogo dei sistemi consultabile attraverso Internet, da qualsiasi punto del territorio 27. Questo web OPAC è uno strumento che si è ipotizzato accessibile, in differenti livelli di servizio, da operatori e utenti, tramite Internet; strumento che consente lo sviluppo e il potenziamento, tra gli altri, dei servizi di prestito interbibliotecario e diffusione del materiale multimediale; strumento dunque che concretizza appieno la comunione di una nuova struttura di rete bibliotecaria provinciale e l obiettivo di centralizzazione e informatizzazione dei servizi e delle strutture. 26 Ernesto Frigerio, La rete informatica delle biblioteche della Provincia di Como. Stato di avanzamento del progetto, 1 ottobre Como, Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Centro provinciale di catalogazione, Relazione sul centro di catalogazione provinciale e servizio biblioteche. Como, 16/12/1999.

19 Al 2001 infatti la situazione era molto diversificata: 73 erano le biblioteche aventi cataloghi on-line, 46 disponevano di cataloghi collettivi e soltanto 6 disponevano di catalogo consultabile in internet. 28 L obiettivo CUBICO è stato oggetto di un finanziamento regionale a progetto, in base alla legge n. 35 del 1995, ottenuto su un progetto di massima, all inizio del 2001; è stato anche oggetto di un lavoro preliminare condotto dal personale dell Ufficio Biblioteche della Provincia, dal centro di catalogazione e da un gruppo di lavoro dei rappresentanti dei territori: di questi ultimi al giugno 2001 i 7/8 erano composti ancora dalle biblioteche centro sistema dei vecchi assetti sistemici. Il compito che questi lavori preliminari si sono prefissi è stato quello di stendere uno studio di fattibilità che contenesse obiettivi e requisiti della struttura da implementare, caratteristiche tecniche da richiedere ai fornitori hardware e software, procedure amministrative da seguire, percorso organizzativo 29. A partire dall ottobre 2005, il primo e più visibile risultato di questo ambizioso progetto è stato pubblicato in internet, ed è costituito dall OPAC provinciale, consultabile all indirizzo 28 Offerta e domanda culturale nella provincia di Como, in Lombardia cultura. Direzione generale. Tavoli territoriali, ultima consultazione 29/06/ Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Tavolo Territoriale di Confronto di Como. Sessione Tematica dedicata a Beni, Servizi e Attività culturali, 14/06/2003. Como, 2003.

20 CAPITOLO 2 Il Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca 2.1 La storia Il Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca raggruppa 27 comuni geograficamente appartenenti all omonima area geografica, all alta Brianza e alla Vallassina: Albavilla, Albese con Cassano, Alzate Brianza, Arosio, Asso, Brenna, Cabiate, Caglio, Cantù, Canzo, Carimate, Carugo, Caslino d Erba, Castelmarte, Cermenate, Cucciago, Erba, Eupilio, Figino Serenza, Inverigo, Longone al Segrino, Lurago d Erba, Mariano Comense, Novedrate, Pontelambro, Pusiano, Tavernerio. Esso nasce dall unione di tre sistemi intercomunali, a seguito della riorganizzazione territoriale dei sistemi bibliotecari 30 promossa e attuata dall Amministrazione Provinciale di Como e conclusasi nell anno 2002: l Intercomunale Alta Brianza; il Gallianum; l Intercomunale Comprensoriale di Mariano Comense (Arosio, Brenna, Cabiate, Carugo, Figino Serenza, Inverigo, Mariano Comense, Lurago d Erba, Novedrate), costituitosi nel 1977, e che vide l approvazione del primo statuto programmatico ai sensi della legge 81/85 nel Il Consiglio Comunale del Comune di Cantù con deliberazione n. 17 del 07/03/2002 ha deciso di istituire il Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca e ne ha approvato la relativa convenzione 32. La Giunta della Regione Lombardia con delibera n. VII/10309 del 16/09/ ha istituito il Sistema Bibliotecario, ai sensi della legge regionale n. 81 del 14/12/85 34 e del Programma Pluriennale Regionale Provincia di Como, Archivio Ufficio Biblioteche provinciale - Regione Lombardia, Programma Pluriennale Regionale per l organizzazione bibliotecaria Bianca Curiello, La biblioteca comunale di Mariano Comense. Tesi di tirocinio, IAL Lombardia, Comune di Cantù, Archivio Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca - Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca, Convenzione intercomunale. Cantù, Comune di Cantù, Archivio Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca - Giunta Regionale, Deliberazione dirigenziale n. VII/10309 del 16/09/2002. Istituzione Sistema Bibliotecario della Brianza Comasca Legge Regionale 14/12/1985 n. 81: Norme in materia di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale, 1985, in Lombardia cultura. Normativa regionale di riferimento, ultima consultazione 09/06/2005.

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli