EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI ECOGESTIONE ED ECOAUDIT (Reg. CE 761/2001) EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

2 Foto copertina: stabulazione suini, impianto di trattamento, vasche di stoccaggio Archivio ARPA Piemonte: spandimento con carrobotte Fonte CRPA. Data redazione Data revisione Revisione n.ro 15/12/

3 La presente linea guida è stata realizzata, nell ambito del progetto Ecogestione negli allevamenti suinicoli promosso dalla Provincia di Cuneo, dal gruppo di lavoro costituito da: Coordinatore Bernardi Adriano ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo Collaborazione tecnico-scientifica e redazione Bellopede Rossana Consulente ARPA Piemonte Matera Francesco Consulente ARPA Piemonte Check-up aziendali Alisardi Erica Mondino Roberta Bernardi Adriano Bruno Raffaello Massimino Marco Bellopede Rossana Matera Francesco APS APS ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo Consulente ARPA Piemonte Consulente ARPA Piemonte Supervisione Sereno Mariano Ballesio Franco Cagliero Silvio Glisoni Marco Provincia di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Sistemi di Ecogestione Si ringrazia per la collaborazione: Aziende agricole coinvolte nel progetto Ecogestione negli allevamenti suinicoli : Bonetto Piergiuseppe e figli Gazzera Lorenzo e fg. Valerio La Valle S.S. Silvestro Giovanni APS Organizzazione Produttori Suini Piemonte S.C.C.A.L.

4

5 INDICE PREFAZIONE MGA 00 Introduzione MGA 01 Politica Ambientale PGA 01 Modalità di gestione della Politica Ambientale MGA 02 Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative PGA 02 Gestione degli Aspetti Ambientali PGA 03 Gestione delle Disposizioni Normative MGA 03 Obiettivi e Traguardi PGA 04 Gestione degli Obiettivi Ambientali MGA 04 Programma di Gestione Ambientale PGA 05 Gestione del Programma Ambientale MGA 05 Organizzazione e personale PGA 06 Individuazione della struttura organizzativa per la gestione ambientale PGA 07 Gestione della Comunicazione Ambientale MGA 06 Controllo della Documentazione Ambientale PGA 08 Gestione dei documenti del Sistema di Gestione Ambientale MGA 07 Controllo Operativo ed emergenze PGA 09 Individuazione e gestione delle procedure di Controllo Operativo PGA 10 Disposizioni per le emergenze PGA 11 Gestione dei rifiuti PGA 12 Amianto IOA 01 Gestione degli effluenti zootecnici IOA 02 Gestione delle pratiche agronomiche IOA 03 Gestione della distribuzione in campo dei fertilizzanti azotati IOA 04 Manutenzione ordinaria e straordinaria IOA 05 Qualificazione fornitori e soccida IOA 06 Verifica dell indicatore ambientale inerente la produzione di rifiuti MGA 08 Sorveglianza e misurazioni PGA 13 Redazione e gestione del Piano di Sorveglianza MGA 09 Controlli ed azioni correttive PGA 14 Gestione delle non conformità ed individuazione delle azioni correttive MGA 10 Audit del Sistema di Gestione Ambientale

6 PGA 15 Programmazione ed esecuzione degli audit del SGA MGA 11 Riesame della Direzione PGA 16 Esecuzione del riesame della Direzione

7 PREFAZIONE Il presente Manuale si propone di rappresentare un riferimento per gli allevamenti suinicoli che intendono aderire al Regolamento (CE) 761/2001, e quindi predisporre in azienda un Sistema di Gestione Ambientale (SGA). Il Manuale del SGA è strutturato in modo da riprendere tutti i punti della sezione 4 della norma ISO (Requisiti del Sistema di Gestione Ambientale) e i punti contenuti nell All. I del Regolamento EMAS, descrivendo le metodologie adottate per assicurare il soddisfacimento del requisito. Occorre chiarire che il Manuale, pur non essendo previsto in modo esplicito dalle norme di riferimento, è il documento che: permette di soddisfare le esigenze delle norme di riferimento riguardo alla documentazione della gestione ambientale; fornisce una dettagliata descrizione del Sistema attuato in azienda presentando: la Politica Ambientale, gli Obiettivi, i Programmi, i ruoli chiave e le responsabilità della struttura organizzativa, le interazioni degli elementi del sistema, le procedure e le istruzioni; costituisce il punto di riferimento per l attuazione e il mantenimento del SGA. In particolare i punti dell Allegato I del Regolamento EMAS (CE) N. 761/2001 trattati nel prosieguo della linea guida sono: 1. I.A.2 Politica Ambientale ; 2. I.A.3.1 Aspetti Ambientali ; 3. I.A.3.2 Prescrizioni legali ed altre ; 4. I.A.3.3 Obiettivi Ambientali ; 5. I.A.3.4 Programma di Gestione Ambientale 6. I.A.4.1 Struttura e Responsabilità 7. I.A.4.6 Controllo Operativo Occorre tener presente che la realtà aziendale è quella di una microimpresa/pmi e come tale è opportuno prendere in considerazione, in fase di attuazione del SGA, tutte le semplificazioni del caso in linea con quanto riportato nell Allegato IV della Raccomandazione della Commissione del 07/10/2001 (relativa agli orientamenti per l attuazione del Regolamento EMAS). E opportuno considerare che in una I

8 piccola azienda possono sorgere problemi relativi alla presenza di risorse umane ed economiche atte al mantenimento di un Sistema di Gestione Ambientale. Documentazione presente nel Manuale del SGA Il SGA viene definito all interno del Regolamento CE 761/2001 come: la parte del sistema complessivo di gestione, comprendente la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, la responsabilità, le pratiche, le procedure, i processi e le risorse per sviluppare, mettere in atto, realizzare, riesaminare, mantenere la Politica Ambientale. La complessità del SGA impone la necessità dettagliare in maniera approfondita la documentazione del sistema che descrive gli elementi e le loro interazioni. La documentazione quindi elaborata a supporto del SGA si articola su 5 livelli tra loro dipendenti e in correlazione in maniera gerarchica. In particolare si distinguono i seguenti livelli gerarchici della struttura organizzativa: LIVELLO I Politica, Obiettivi e Programma Ambientale: in essi si definiscono accanto alla politica ed agli obiettivi dell azienda le azioni di intervento da intraprendere. LIVELLO II Manuale di Gestione Ambientale: documento che descrive e supporta il SGA dell azienda, redatto in base alle disposizioni delle norme di riferimento. LIVELLO III Procedure di Gestione Ambientale: in esse vengono definiti le modalità e le responsabilità che derivano dalla realizzazione delle attività aziendali realmente e potenzialmente impattantisull ambiente. LIVELLO IV Istruzioni Operative di Gestione Ambientale: in esse sono contenute le modalità di esecuzione delle operazioni che hanno o possono avere impatti diretti o indiretti sull ambiente. LIVELLO V Documenti di registrazioni e fogli di raccolta dati: servono ad integrare e consentire l operatività del SGA, evidenziandone le attività svolte, i risultati ed i controlli eseguiti (circolari interne, modulistica, registri, fogli di lavoro ecc.) II

9 Fig.1: Struttura della documentazione del Sistema di Gestione Ambientale Politica, Obiettivi e Programma Ambientale Manuale di Gestione Ambientale Procedure di Gestione Ambientale Istruzioni operative Documenti di registrazione e fogli di raccolta dati Ruolo del Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale (RSGA) Le piccole imprese (PMI/microimprese) presentano, nella maggior parte dei casi, un numero di addetti ridotto ai quali sono richieste mansioni di diverso tipo. In queste realtà può quindi presentarsi la possibilità che le risorse umane a disposizione per l attuazione del SGA siano carenti. In quest ottica il ruolo del RSGA può essere non soltanto di tipo esecutivo, nei confronti delle disposizioni date dalla Direzione Aziendale, ma anche di tipo gestionale/decisionale. In molti casi quindi, il RSGA sarà chiamato dalla Direzione Aziendale a fornire un supporto in fase di valutazione, verifica e soprattutto approvazione della documentazione prodotta, in quanto la Direzione Aziendale potrebbe non avere idonee competenze sull applicazione di tutte le fasi del SGA. Sarà inoltre richiesto un notevole contributo in fase di Audit del SGA. III

10 Audit ed Analisi Nella maggioranza delle piccole imprese sarà possibile individuare alcune persone dell organizzazione sufficientemente autonome da poter svolgere la funzione di Audit. In organizzazioni molto piccole (microimprese), tuttavia, ciò può anche non essere possibile. Al fine di evitare di ricorrere a un impresa esterna per l effettuazione dell audit, il verificatore può accettare alcune alternative: - audit effettuati da Camere di Commercio, dalle associazioni di categoria, dalle organizzazioni locali delle PMI a livello locale o da altre simili; - paternariato tra due o più microimprese in unico sito al fine di condividere risorse ed esperienza pratica nello svolgimento degli audit; - abbinamento di audit e analisi della gestione ambientale al fine di risparmiare tempo e risorse. Lo scopo finale del Manuale di Gestione Ambientale quindi è di indirizzare le microimprese oggetto dello studio. Il Manuale di Gestione Ambientale è sviluppato anche in quelle parti, presenti per dovere di completezza, che non necessariamente sono indispensabili al raggiungimento della Certificazione Ambientale. In fase di applicazione sarà possibile verificare ed aggiornare, attraverso le opportune revisioni, quelle parti che potrebbero risultare incomplete o al contrario che procurino eccessivo carico alle aziende. Ruolo del verificatore accreditato Le piccole imprese sono caratterizzate da canali di comunicazione immediati, personale polivalente, formazione sui posti di lavoro. Di tutto ciò deve tenerne conto il Verificatore in fase di valutazione del Sistema di Gestione Ambientale. In particolare il compito del verificatore consiste nell individuare i punti di forza e debolezza all interno dell azienda, e nel condurre la verifica evitando di imporre gravami superflui. Particolare attenzione bisogna porre nella valutazione della documentazione scritta in quanto: - non tutte le procedure necessitano di documentazione scritta, in quanto sovente nelle piccole imprese a volte una procedura viene impartita verbalmente. In questo caso il verificatore deve solo valutare l effettivo funzionamento della procedura; IV

11 - le procedure devono essere proporzionate. Al momento di decidere sull adeguatezza delle procedure è necessario tenere presente le dimensioni e la complessità dell operazione, la natura degli impatti ambientali associati all operazione stessa e la competenza degli operatori incaricati a svolgerla. Semplici diagrammi, schemi e matrici possono rappresentare la soluzione più efficace. Durante il controllo della documentazione è opportuno che il verificatore verifichi che i dipendenti abbiano i documenti giusti da utilizzare. Nella sua forma più semplice ciò richiede soltanto un elenco dei documenti e delle persone che dovrebbero utilizzarli. La verifica del funzionamento del sistema consisterebbe semplicemente nell accertarsi che ognuno disponga della documentazione necessaria. V

12 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 1 di 5 INTRODUZIONE 1. Scopo 2. Norme di riferimento 3. Campo di applicazione 4. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale ed i punti delle norme di riferimento 5. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale e le procedure gestionali 6. Preparazione del Manuale di Gestione Ambientale 7. Aggiornamento del Manuale di Gestione Ambientale 8. Diffusione del Manuale di Gestione Ambientale 9. Archiviazione 10. Ritiro delle copie superate del Manuale di Gestione Ambientale Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

13 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 2 di 5 1. Scopo Il Manuale di Gestione Ambientale è il documento che descrive il procedimento strutturato di gestione aziendale ai fini del miglioramento continuo delle prestazioni ambientali e del mantenimento della conformità legislativa. Il manuale descrive le attività svolte dalle diverse funzioni aziendali, illustrandone compiti e responsabilità, procedure gestionali ed istruzioni operative ai fini della Gestione Ambientale. 2. Norme di riferimento Il manuale è redatto in accordo alla norma UNI EN ISO I requisiti del Sistema di Gestione Ambientale ISO coincidono con quelli del Regolamento EMAS CE 761/ Campo di applicazione Il manuale viene applicato a tutte le attività aziendali svolte che possono generare impatti sull ambiente dall azienda., situata in via, nel comune di..

14 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 3 di 5 4. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale ed i punti delle norme di riferimento UNI EN ISO SEZIONI MGA Sezione Titolo 4.2 Politica Ambientale 01 Politica Ambientale Aspetti Ambientali 02 Aspetti ambientali e disposizioni normative Prescrizioni legali ed altre 02 Aspetti ambientali e disposizioni normative Obiettivi ambientali 03 Obiettivi e traguardi Programma/i di gestione 04 ambientale Programma di gestione ambientale Struttura e responsabilità 05 Organizzazione e personale Formazione, sensibilizzazione e 05 competenze Organizzazione e personale Comunicazione 05 Organizzazione e personale Documentazione del Sistema di 06 Gestione Ambientale Controllo della documentazione ambientale Controllo della documentazione 06 Controllo della documentazione ambientale Controllo operativo 07 Controllo operativo ed emergenze Preparazione alle emergenze e 07 risposta Controllo operativo ed emergenze Sorveglianza e misurazioni 08 Sorveglianza e misurazioni Non conformità, azioni correttive 09 e preventive Controlli ed azioni correttive Registrazioni 09 Controlli ed azioni correttive Audit del sistema di gestione 10 ambientale Audit del Sistema di Gestione Ambientale 4.6 Riesame della direzione 11 Riesame della direzione

15 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 4 di 5 5. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale e le procedure gestionali MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA PGA 01 X PGA 02 X PGA 03 X PGA 04 X PGA 05 X PGA 06 X PGA 07 X PGA 08 X PGA 09 X PGA 10 X PGA 11 X PGA 12 X PGA 13 X PGA 14 X PGA 15 X PGA 16 X IOA 01 X IOA 02 X IOA 03 X IOA 04 X IOA 05 X IOA 06 X 6. Preparazione del Manuale di Gestione Ambientale Il Manuale del Sistema di Gestione Ambientale, approvato dalla Direzione Aziendale è strutturato in sezioni. Ogni sezione riporta: - Titolo; - Paragrafo di riferimento al Regolamento CE 761/2001 ed alla norma UNI EN ISO 14001; - Data di emissione e di aggiornamento, l indice di revisione. I compiti delle varie funzioni aziendali coinvolte nel SGA sono descritte nella Sezione MGA 05 Organizzazione e Personale.

16 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 5 di 5 7. Aggiornamento del Manuale di Gestione Ambientale Eventuali modifiche alla stesura iniziale del Manuale potranno essere apportate solo se redatte dal RSGA ed approvate dalla Direzione Aziendale. 8. Diffusione del Manuale di Gestione Ambientale Il Manuale è disponibile, in forma controllata, per i servizi interni all organizzazione e per i suoi clienti. Il RSGA (Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale) ha il compito di controllare la diffusione del manuale stesso, aggiornando l indice delle revisioni dei documenti e l elenco di tutti i servizi interni ai quali è stato consegnato. Copie non controllate del manuale vengono consegnate ai maggiori clienti a cura del RSGA. 9. Archiviazione Il RSGA deve archiviare l originale del manuale al fine di avere una cronologia storica delle modifiche e delle successive edizioni del Manuale. Il RSGA conserva le copie superate apponendo un timbro sulla prima pagina che attesti l annullamento e la data. 10. Ritiro delle copie superate del Manuale di Gestione Ambientale Le copie superate del Manuale devono essere prontamente ritirate ed eliminate dal RSGA. I possessori del Manuale devono essere in possesso della copia aggiornata ed approvata.

17 MGA 01 - POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 1 di 3 POLITICA AMBIENTALE 1. Scopo 2. Norme di riferimento 3. Gestione della Politica Ambientale Allegato I La politica ambientale dell azienda Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

18 MGA 01 - POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 2 di 3 1. Scopo Scopo della sezione è definire la Politica Ambientale dell organizzazione, documentando gli obiettivi e gli impegni dettati dalla Direzione Aziendale per l applicazione all interno dell azienda. 2. Norme di riferimento Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.2. UNI EN ISO 14001: punto 4.2; PGA 01 Modalità di gestione della Politica Ambientale. 3. Gestione della Politica Ambientale La Politica Ambientale definisce e documenta l impegno dell organizzazione: al mantenimento di tutte le prescrizioni normative in materia di ambiente; al ragionevole e costante miglioramento dell efficienza ambientale; alla comunicazione interna ed esterna. La Politica Ambientale viene redatta considerando i fattori d impatto ambientale ed i loro impatti significativi emersi durante l analisi ambientale iniziale e nelle successive valutazioni. Gli obiettivi e gli impegni contenuti nella Politica Ambientale devono considerare le risorse umane e finanziarie disponibili nell azienda. La Politica Ambientale viene comunicata a tutto il personale e resa disponibile alle parti interessate. Il riesame della Politica Ambientale, da parte della Direzione Aziendale, avviene periodicamente: alla luce degli Audit interni e/o ogni qualvolta cambiamenti significativi della natura dell azienda e dei suoi impatti, lo rendono necessario.

19 MGA 01 - POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 3 di 3 4. Allegato La politica ambientale dell azienda L Azienda Agricola., riconoscendo la possibile rilevanza degli impatti ambientali che possono insorgere a causa dello svolgimento delle attività di allevamento di suini e gestione degli effluenti prodotti, ritiene necessario introdurre ed applicare un Sistema di Gestione Ambientale conforme ai requisiti descritti dalla norma UNI EN ISO e dal Reg. CE n 761 / L azienda, aderendo al progetto pilota Ecogestione negli allevamenti suinicoli per l introduzione di EMAS nel settore, ha scelto di adottare un nuovo approccio aziendale verso la condivisione delle responsabilità e la trasparenza della comunicazione. Alla luce delle esperienze fin qui accumulate si definisce prioritario l impegno verso: 1. il controllo degli aspetti legati all approvvigionamento idrico, all ottimizzazione dell utilizzo agronomico degli effluenti prodotti attraverso criteri di salvaguardia ambientale, ed alla gestione dei rifiuti; 2. il mantenimento della conformità alle normative nazionali, regionali e provinciali (d ora in poi definite generalmente normative) vigenti in materia ambientale; 3. le necessarie modifiche al proprio Sistema di Gestione Ambientale in funzione della evoluzione legislativa e tecnica; 4. la collaborazione con altre aziende insistenti sull area per realizzare un programma di miglioramento comune; 5. il dialogo aperto con le autorità pubbliche (Comune, Provincia, Arpa); 6. la contabilizzazione dei costi e dei benefici ambientali in vista dell introduzione di nuove tecnologie a basso impatto ambientale; 7. la sensibilizzazione dei dipendenti, clienti, fornitori, comunità locale; 8. l attenzione agli aspetti ambientali in tutte le attività compiute all interno dell azienda; 9. la messa a disposizione della Dichiarazione Ambientale sia al Pubblico che ad altri soggetti interessati alla medesima. Annualmente, sulla base delle Verifiche Ispettive Interne, verranno definiti da parte della Direzione, e comunicati a tutti gli Enti interessati, gli Obiettivi Specifici dell Azienda in materia ambientale. Tali obiettivi, in accordo ai progressi scientifici e tecnici, saranno contestualmente applicati, secondo le logiche di mercato, a tutte le attività dell Azienda. Il Direttore Aziendale

20 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 1 di 4 PROCEDURA GESTIONALE PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Riferimenti 4. Generalità 5. Responsabilità 6. Modalità operative 7. Documentazione Allegato I Piano della comunicazione della Politica Ambientale Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

21 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 2 di 4 1. Scopo Scopo della Procedura è quello di stabilire le modalità per redigere e diffondere la Politica Ambientale, affinché essa venga attuata da tutte le funzioni aziendali e conosciuta dalle parti interessate. 2. Campo di applicazione La suddetta procedura si applica alle attività di redazione, riesame e diffusione della Politica Ambientale sia internamente che esternamente all azienda. 3. Riferimenti Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.2. UNI EN ISO 14001, Punto 4.2, Punto A2 MGA Sez. 01 Politica Ambientale PGA 16 Esecuzione del Riesame della Direzione 4. Generalità La Politica Ambientale è la guida per migliorare il SGA dell azienda in modo da rispettare il mantenimento di tutte le disposizioni normative in campo ambientale e perseguire un ragionevole miglioramento continuo dell efficienza ambientale, per raggiungere prestazioni paragonabili a quelle corrispondenti all applicazione economicamente praticabile delle Migliori Tecniche Disponibili. La Politica Ambientale fornisce il quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli Obiettivi e il Programma Ambientale. 5. Responsabilità Funzione Direzione aziendale RSGA Responsabilità indirizza la Politica Ambientale redige la Politica Ambientale approva e verifica il documento di Politica Ambientale custodisce e cura la diffusione del documento di Politica Ambientale 6. Modalità operative L elaborazione della Politica Ambientale da parte della Direzione Aziendale è strettamente connessa alle seguenti fasi operative:

22 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 3 di 4 determinazione degli impegni aziendali ai fini del mantenimento della conformità legislativa, per l adesione allo sviluppo sostenibile e per il miglioramento continuo dell efficienza ambientale; determinazione degli obiettivi generali che l azienda vuole raggiungere in base a: a. aspetti ambientali e loro priorità come individuati all interno dell Analisi Ambientale Iniziale e riportati nel Registro degli Aspetti Ambientali (Allegato I, PGA 02 Gestione degli Aspetti Ambientali); b. delle prassi di buona gestione ed in particolare alla luce del Codice di Buona Pratica Agricola; L aspetto più impegnativo della presente procedura gestionale non è tanto la scrittura e l approvazione della Politica Ambientale, quanto la diffusione al personale ed ai soggetti interessati. Per diffondere la politica al personale, la Direzione Aziendale non deve solo garantire la distribuzione (attraverso, ad esempio, affissione in bacheca o in busta paga) ma deve sostenerla dimostrando con fatti concreti l impegno dell azienda per la sua applicazione. 7. Documentazione La Direzione Aziendale deve approvare e firmare il documento di Politica Ambientale, oltre ad identificare i canali per la distribuzione. Il RSGA deve: archiviare il documento; effettuare la divulgazione del documento in base al piano di comunicazione; archiviare la lista di distribuzione del documento.

23 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 4 di 4 Allegato I PIANO DELLA COMUNICAZIONE DEL DOCUMENTO DI POLITICA AMBIENTALE DESTINATARI MODALITA DI DIVULGAZIONE RESPONSABILITA Personale interno Affissione nelle sedi di lavoro RSGA Associazione di categoria Consegna copia RSGA Il sindaco del comune Convegno di presentazione RSGA ARPA regionale Convegno di presentazione RSGA Provincia di competenza Convegno di presentazione RSGA Cittadinanza e gruppi esterni 1 Convegno di presentazione RSGA DATA Direzione Aziendale 1 Comitati di cittadini, Associazioni ambientaliste, clienti, fornitori ed altro

24 MGA 02 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE REV. 00 Pagina 1 di 3 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE 1. Scopo 2. Norme di riferimento 3. Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

25 MGA 02 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE REV. 00 Pagina 2 di 3 1. Scopo Scopo della sezione è di illustrare le modalità per l esame e la valutazione degli aspetti ambientali significativi e dei relativi impatti legati alle attività dell azienda. Sono inoltre indicate le modalità di compilazione del Registro degli Aspetti Ambientali emersi durante le fasi di valutazione dell Analisi Ambientale Iniziale. La sezione fornisce precisazioni circa l aggiornamento della normativa ambientale applicabile e la compilazione dell apposito registro. 2. Norme di riferimento Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.3.1., punto I A.3.2, punto B1 Regolamento CE 761/2001: Allegato VI Raccomandazione CE 680/2001 Orientamenti per l attuazione del regolamento CE 761/2001 : Allegato III Raccomandazione CE 532/2003 Orientamenti per l attuazione del Regolamento CE 761/2001 : Allegato I UNI EN ISO 14001: punto 3.3, punto 4.3.1, punto 4.3.2, punto A.3.1, punto A.3.2 PGA 02 Gestione degli Aspetti Ambientali PGA 03 Gestione delle Disposizioni Normative 3. Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative L azienda individua i suoi aspetti e relativi impatti effettuando una Analisi Ambientale Iniziale delle attività svolte. Le conclusioni di tale Analisi sono documentate nel Rapporto di Analisi Ambientale che costituisce il punto di partenza per la definizione del Sistema di Gestione Ambientale e per la definizione della Politica Ambientale. Per controllare le interazioni con l ambiente derivanti dalle attività dell azienda è stata istruita una procedura gestionale (PGA 02) allo scopo di individuare e valutare gli Aspetti Ambientali Significativi della propria organizzazione. Gli aspetti se valutati come tali verranno documentati nel Registro degli Aspetti Ambientali (All. I PGA 02). Gli aspetti ambientali considerati sono quelli riportati nell Allegato VI del Regolamento EMAS 761/2001.

26 MGA 02 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE REV. 00 Pagina 3 di 3 Gli Aspetti Ambientali sono valutati considerando le seguenti condizioni operative: condizioni normali; condizioni di avviamento o di arresto; situazioni di emergenza ragionevolmente prevedibili; attività presenti, passate e prevedibili. L azienda predispone e mantiene attiva una procedura al fine di registrare tutte le disposizioni normative e i regolamenti riguardanti l ambiente. Tale procedura permetterà: - di mantenere aggiornato il Registro della Normativa Ambientale Applicabile (All. I PGA 03); - il facile accesso del personale a tale registro; - Il controllo continuo della conformità legislativa. Nell ottica del miglioramento continuo, l azienda attraverso il SGA esamina e valuta gli aspetti e gli impatti ambientali riguardanti le modifiche dei processi ed introduzione di nuovi, con lo scopo di aggiornare, se necessario, il registro degli aspetti ambientali significativi e ne tiene conto nella determinazione degli obiettivi e dei programmi ambientali.

27 PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI REV. 00 Pagina 1 di 8 PROCEDURA GESTIONALE PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Riferimenti 4. Responsabilità 5. Modalità esecutive 5.1 Individuazione degli aspetti ambientali 5.2 Individuazione delle variazioni 5.3 Valutazione degli aspetti ambientali significativi 6. Documentazione 7. Registrazione Allegato I Registro degli Aspetti Ambientali Allegato II Scheda degli Aspetti Ambientali Significativi Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

28 PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI REV. 00 Pagina 2 di 8 1. Scopo La presente procedura consente di individuare gli aspetti ambientali delle attività svolte dall organizzazione, di valutare la significatività in base ad una metodologia omogenea, di aggiornare il Registro degli Aspetti Ambientali per quelli individuati come importanti e di considerare quelli individuati come significativi nella definizione della politica e dei programmi. 2. Campo di applicazione Gli aspetti ambientali riguardanti le attività svolte dall organizzazione e l ambiente esterno nella quale essa opera. Gli aspetti ambientali da considerare sono: Aspetti Ambientali Diretti a) emissioni diffuse in atmosfera; b) scarichi controllati o incontrollati in acque superficiali o nella rete fognaria; c) limitazione, riciclaggio, riutilizzo, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi e di altro tipo, specialmente dei rifiuti pericolosi; d) uso e contaminazione del terreno; e) uso delle risorse naturali e delle materie prime (compresa l energia); f) questioni locali (rumore, vibrazioni, odore, polvere, impatto visivo, etc.); g) questioni di trasporto (per le merci, i servizi, i dipendenti); h) rischio di incidenti ambientali e conseguenti impatti, o potenzialmente conseguenti, agli incidenti e situazioni di potenziale emergenza; i) effetti sulla biodiversità. Aspetti Ambientali Indiretti (elenco non esauriente): a) questioni relative al prodotto (fase produttiva, trasporto, uso e recupero/smaltimento dei rifiuti); b) investimenti, prestiti e servizi di assicurazione; c) nuovi mercati; d) scelta e composizione dei servizi (ad esempio, trasporti o ristorazione); e) decisioni amministrative e di programmazione; f) assortimento dei prodotti;

29 PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI REV. 00 Pagina 3 di 8 g) bilancio e comportamenti ambientali degli appaltatori, dei subappaltatori e dei fornitori. 3. Riferimenti Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.3.1. Regolamento CE 761/2001: Allegato VI, punto 2, punto 4 Raccomandazione CE 680/2001 Orientamenti per l attuazione del regolamento CE 761/2001 : Allegato III Raccomandazione CE 532/2003 Orientamenti per l attuazione del Regolamento CE 761/2001 : Allegato I Norma UNI EN ISO 14001: punti 4.3.1, A.3.1 MGA sez. 02 Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative PGA 03 Gestione delle Disposizioni Normative 4. Responsabilità Funzione Direzione aziendale RSGA Responsabilità Valuta la significatività degli aspetti ambientali Approva il Registro degli Aspetti Ambientali degli aggiornamenti Identifica eventuali variazioni da apportare al Sistema di Gestione Ambientale Identifica gli aspetti ambientali e gli eventuali impatti Valuta la significatività degli aspetti ambientali Redige il Registro degli Aspetti Ambientali, lo aggiorna e lo archivia Identifica eventuali variazioni da apportare al Sistema di Gestione Ambientale 5. Modalità esecutive 5.1 Individuazione degli Aspetti Ambientali Il RSGA e la Direzione aziendale devono identificare: - gli aspetti ambientali delle attività, prodotti o servizi dell organizzazione; - le caratteristiche dell ambiente esterno nell area sotto il controllo dell organizzazione; - le variazioni che possono intervenire negli elementi del Sistema di Gestione Ambientale.

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 Imprese, enti, soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed assimilati Premessa

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Il registro di carico e scarico è un documento di tipo formale che deve contenere tutte le informazioni relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti

Dettagli

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative 15 Convegno di Igiene Industriale Corvara 03 aprile 2009 M. Mengoli,

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Miglioramento continuo

Miglioramento continuo 7 Il sistema di gestione ambientale Il Sistema di Gestione ambientale della Provincia di Bergamo è stato progettato e implementato per rispondere a tutti i requisiti previsti dal Reg. CE n. 761/2001 e

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

AMBIENTE E AGRICOLTURA

AMBIENTE E AGRICOLTURA Comunicazione Energia Ambiente Il Tuo spazio dedicato all Ambiente Incontro formativo AMBIENTE E AGRICOLTURA Proposte per una corretta gestione San Ginesio - 12 febbraio 2005 La corretta gestione dei rifiuti

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Funzione Data Firma Data Firma

Funzione Data Firma Data Firma Pagina 1 di 8 DATA FUNZIONE FIRMA Progettato 31/01/2012 Dr. Dario Macchioni Redatto 01/03/2012 Dr. Dario Macchioni Verificato 06/03/2012 Dr. Luigi Rubens Curia Approvato In vigore GESTORE: Funzione Dott.

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE.

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. di Alberto PIEROBON già Dirigente e ViceSegretario Generale Enti Locali già Dirigente e Direttore Generale Azienda Pluricomunale di

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.)

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) La Registrazione EMAS III A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) www.benassiambiente.it Piattaforma COREPLA per gli imballaggi secondari e terziari e come piattaforma di preselezione degli imballaggi

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

Procedura AUDIT INTERNI

Procedura AUDIT INTERNI Pag. 1 di 1 SOMMARIO 1. Scopo e campo di applicazione... 2 2. Termini e definizioni... 2 3. Riferimenti... 2 4. Premessa... 2 5. Attività... 3 6. Documentazione... 5 7. Indicatori... 6 REVISIONI N REV.

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

«Gestione dei documenti e delle registrazioni» 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI...

«Gestione dei documenti e delle registrazioni» 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI... Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI... 2 5 RESPONSABILITA... 2 5.3 DESTINATARIO DELLA DOCUMENTAZIONE... 3 6 PROCEDURA... 3 6.1

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale Sorveglianza e misurazioni del SG S&SL Indice: 1.0 Scopo e Generalità 2.0 Identificazione delle aree/attività soggette al monitoraggio 3.0 Pianificazione ed esecuzione dei monitoraggi e delle misurazioni

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Come adottare un Sistema di Gestione ambientale Dott. Giorgio Galotti - Gemini ist Come rendere verde un Ente Locale: dal GPP alla Contabilità ambientale GPP Net Forum Cremona, 11 Maggio 2007 Riferimenti

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs.

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs. RIFIUTI: ASSEGNAZIONE DEI CODICI C.E.R. E CORRETTE MODALITA DI STOCCAGGIO D.Lgs. 152/2006 Montebelluna, 14.05.2011 ASOLOMONTEBELLUNA 1 DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015 Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro 26 Marzo 2015 Introduzione Cos é la specifica BS OHSAS 18001:2007 Definisce in maniera dettagliata (specification) le linee guida per l implementazione

Dettagli

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Descrivere la gestione della documentazione e delle registrazioni del sistema di gestione 3. APPLICABILITÀ La presente procedura

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli