EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI ECOGESTIONE ED ECOAUDIT (Reg. CE 761/2001) EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

2 Foto copertina: stabulazione suini, impianto di trattamento, vasche di stoccaggio Archivio ARPA Piemonte: spandimento con carrobotte Fonte CRPA. Data redazione Data revisione Revisione n.ro 15/12/

3 La presente linea guida è stata realizzata, nell ambito del progetto Ecogestione negli allevamenti suinicoli promosso dalla Provincia di Cuneo, dal gruppo di lavoro costituito da: Coordinatore Bernardi Adriano ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo Collaborazione tecnico-scientifica e redazione Bellopede Rossana Consulente ARPA Piemonte Matera Francesco Consulente ARPA Piemonte Check-up aziendali Alisardi Erica Mondino Roberta Bernardi Adriano Bruno Raffaello Massimino Marco Bellopede Rossana Matera Francesco APS APS ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo Consulente ARPA Piemonte Consulente ARPA Piemonte Supervisione Sereno Mariano Ballesio Franco Cagliero Silvio Glisoni Marco Provincia di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Dipartimento di Cuneo ARPA Piemonte Sistemi di Ecogestione Si ringrazia per la collaborazione: Aziende agricole coinvolte nel progetto Ecogestione negli allevamenti suinicoli : Bonetto Piergiuseppe e figli Gazzera Lorenzo e fg. Valerio La Valle S.S. Silvestro Giovanni APS Organizzazione Produttori Suini Piemonte S.C.C.A.L.

4

5 INDICE PREFAZIONE MGA 00 Introduzione MGA 01 Politica Ambientale PGA 01 Modalità di gestione della Politica Ambientale MGA 02 Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative PGA 02 Gestione degli Aspetti Ambientali PGA 03 Gestione delle Disposizioni Normative MGA 03 Obiettivi e Traguardi PGA 04 Gestione degli Obiettivi Ambientali MGA 04 Programma di Gestione Ambientale PGA 05 Gestione del Programma Ambientale MGA 05 Organizzazione e personale PGA 06 Individuazione della struttura organizzativa per la gestione ambientale PGA 07 Gestione della Comunicazione Ambientale MGA 06 Controllo della Documentazione Ambientale PGA 08 Gestione dei documenti del Sistema di Gestione Ambientale MGA 07 Controllo Operativo ed emergenze PGA 09 Individuazione e gestione delle procedure di Controllo Operativo PGA 10 Disposizioni per le emergenze PGA 11 Gestione dei rifiuti PGA 12 Amianto IOA 01 Gestione degli effluenti zootecnici IOA 02 Gestione delle pratiche agronomiche IOA 03 Gestione della distribuzione in campo dei fertilizzanti azotati IOA 04 Manutenzione ordinaria e straordinaria IOA 05 Qualificazione fornitori e soccida IOA 06 Verifica dell indicatore ambientale inerente la produzione di rifiuti MGA 08 Sorveglianza e misurazioni PGA 13 Redazione e gestione del Piano di Sorveglianza MGA 09 Controlli ed azioni correttive PGA 14 Gestione delle non conformità ed individuazione delle azioni correttive MGA 10 Audit del Sistema di Gestione Ambientale

6 PGA 15 Programmazione ed esecuzione degli audit del SGA MGA 11 Riesame della Direzione PGA 16 Esecuzione del riesame della Direzione

7 PREFAZIONE Il presente Manuale si propone di rappresentare un riferimento per gli allevamenti suinicoli che intendono aderire al Regolamento (CE) 761/2001, e quindi predisporre in azienda un Sistema di Gestione Ambientale (SGA). Il Manuale del SGA è strutturato in modo da riprendere tutti i punti della sezione 4 della norma ISO (Requisiti del Sistema di Gestione Ambientale) e i punti contenuti nell All. I del Regolamento EMAS, descrivendo le metodologie adottate per assicurare il soddisfacimento del requisito. Occorre chiarire che il Manuale, pur non essendo previsto in modo esplicito dalle norme di riferimento, è il documento che: permette di soddisfare le esigenze delle norme di riferimento riguardo alla documentazione della gestione ambientale; fornisce una dettagliata descrizione del Sistema attuato in azienda presentando: la Politica Ambientale, gli Obiettivi, i Programmi, i ruoli chiave e le responsabilità della struttura organizzativa, le interazioni degli elementi del sistema, le procedure e le istruzioni; costituisce il punto di riferimento per l attuazione e il mantenimento del SGA. In particolare i punti dell Allegato I del Regolamento EMAS (CE) N. 761/2001 trattati nel prosieguo della linea guida sono: 1. I.A.2 Politica Ambientale ; 2. I.A.3.1 Aspetti Ambientali ; 3. I.A.3.2 Prescrizioni legali ed altre ; 4. I.A.3.3 Obiettivi Ambientali ; 5. I.A.3.4 Programma di Gestione Ambientale 6. I.A.4.1 Struttura e Responsabilità 7. I.A.4.6 Controllo Operativo Occorre tener presente che la realtà aziendale è quella di una microimpresa/pmi e come tale è opportuno prendere in considerazione, in fase di attuazione del SGA, tutte le semplificazioni del caso in linea con quanto riportato nell Allegato IV della Raccomandazione della Commissione del 07/10/2001 (relativa agli orientamenti per l attuazione del Regolamento EMAS). E opportuno considerare che in una I

8 piccola azienda possono sorgere problemi relativi alla presenza di risorse umane ed economiche atte al mantenimento di un Sistema di Gestione Ambientale. Documentazione presente nel Manuale del SGA Il SGA viene definito all interno del Regolamento CE 761/2001 come: la parte del sistema complessivo di gestione, comprendente la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, la responsabilità, le pratiche, le procedure, i processi e le risorse per sviluppare, mettere in atto, realizzare, riesaminare, mantenere la Politica Ambientale. La complessità del SGA impone la necessità dettagliare in maniera approfondita la documentazione del sistema che descrive gli elementi e le loro interazioni. La documentazione quindi elaborata a supporto del SGA si articola su 5 livelli tra loro dipendenti e in correlazione in maniera gerarchica. In particolare si distinguono i seguenti livelli gerarchici della struttura organizzativa: LIVELLO I Politica, Obiettivi e Programma Ambientale: in essi si definiscono accanto alla politica ed agli obiettivi dell azienda le azioni di intervento da intraprendere. LIVELLO II Manuale di Gestione Ambientale: documento che descrive e supporta il SGA dell azienda, redatto in base alle disposizioni delle norme di riferimento. LIVELLO III Procedure di Gestione Ambientale: in esse vengono definiti le modalità e le responsabilità che derivano dalla realizzazione delle attività aziendali realmente e potenzialmente impattantisull ambiente. LIVELLO IV Istruzioni Operative di Gestione Ambientale: in esse sono contenute le modalità di esecuzione delle operazioni che hanno o possono avere impatti diretti o indiretti sull ambiente. LIVELLO V Documenti di registrazioni e fogli di raccolta dati: servono ad integrare e consentire l operatività del SGA, evidenziandone le attività svolte, i risultati ed i controlli eseguiti (circolari interne, modulistica, registri, fogli di lavoro ecc.) II

9 Fig.1: Struttura della documentazione del Sistema di Gestione Ambientale Politica, Obiettivi e Programma Ambientale Manuale di Gestione Ambientale Procedure di Gestione Ambientale Istruzioni operative Documenti di registrazione e fogli di raccolta dati Ruolo del Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale (RSGA) Le piccole imprese (PMI/microimprese) presentano, nella maggior parte dei casi, un numero di addetti ridotto ai quali sono richieste mansioni di diverso tipo. In queste realtà può quindi presentarsi la possibilità che le risorse umane a disposizione per l attuazione del SGA siano carenti. In quest ottica il ruolo del RSGA può essere non soltanto di tipo esecutivo, nei confronti delle disposizioni date dalla Direzione Aziendale, ma anche di tipo gestionale/decisionale. In molti casi quindi, il RSGA sarà chiamato dalla Direzione Aziendale a fornire un supporto in fase di valutazione, verifica e soprattutto approvazione della documentazione prodotta, in quanto la Direzione Aziendale potrebbe non avere idonee competenze sull applicazione di tutte le fasi del SGA. Sarà inoltre richiesto un notevole contributo in fase di Audit del SGA. III

10 Audit ed Analisi Nella maggioranza delle piccole imprese sarà possibile individuare alcune persone dell organizzazione sufficientemente autonome da poter svolgere la funzione di Audit. In organizzazioni molto piccole (microimprese), tuttavia, ciò può anche non essere possibile. Al fine di evitare di ricorrere a un impresa esterna per l effettuazione dell audit, il verificatore può accettare alcune alternative: - audit effettuati da Camere di Commercio, dalle associazioni di categoria, dalle organizzazioni locali delle PMI a livello locale o da altre simili; - paternariato tra due o più microimprese in unico sito al fine di condividere risorse ed esperienza pratica nello svolgimento degli audit; - abbinamento di audit e analisi della gestione ambientale al fine di risparmiare tempo e risorse. Lo scopo finale del Manuale di Gestione Ambientale quindi è di indirizzare le microimprese oggetto dello studio. Il Manuale di Gestione Ambientale è sviluppato anche in quelle parti, presenti per dovere di completezza, che non necessariamente sono indispensabili al raggiungimento della Certificazione Ambientale. In fase di applicazione sarà possibile verificare ed aggiornare, attraverso le opportune revisioni, quelle parti che potrebbero risultare incomplete o al contrario che procurino eccessivo carico alle aziende. Ruolo del verificatore accreditato Le piccole imprese sono caratterizzate da canali di comunicazione immediati, personale polivalente, formazione sui posti di lavoro. Di tutto ciò deve tenerne conto il Verificatore in fase di valutazione del Sistema di Gestione Ambientale. In particolare il compito del verificatore consiste nell individuare i punti di forza e debolezza all interno dell azienda, e nel condurre la verifica evitando di imporre gravami superflui. Particolare attenzione bisogna porre nella valutazione della documentazione scritta in quanto: - non tutte le procedure necessitano di documentazione scritta, in quanto sovente nelle piccole imprese a volte una procedura viene impartita verbalmente. In questo caso il verificatore deve solo valutare l effettivo funzionamento della procedura; IV

11 - le procedure devono essere proporzionate. Al momento di decidere sull adeguatezza delle procedure è necessario tenere presente le dimensioni e la complessità dell operazione, la natura degli impatti ambientali associati all operazione stessa e la competenza degli operatori incaricati a svolgerla. Semplici diagrammi, schemi e matrici possono rappresentare la soluzione più efficace. Durante il controllo della documentazione è opportuno che il verificatore verifichi che i dipendenti abbiano i documenti giusti da utilizzare. Nella sua forma più semplice ciò richiede soltanto un elenco dei documenti e delle persone che dovrebbero utilizzarli. La verifica del funzionamento del sistema consisterebbe semplicemente nell accertarsi che ognuno disponga della documentazione necessaria. V

12 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 1 di 5 INTRODUZIONE 1. Scopo 2. Norme di riferimento 3. Campo di applicazione 4. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale ed i punti delle norme di riferimento 5. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale e le procedure gestionali 6. Preparazione del Manuale di Gestione Ambientale 7. Aggiornamento del Manuale di Gestione Ambientale 8. Diffusione del Manuale di Gestione Ambientale 9. Archiviazione 10. Ritiro delle copie superate del Manuale di Gestione Ambientale Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

13 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 2 di 5 1. Scopo Il Manuale di Gestione Ambientale è il documento che descrive il procedimento strutturato di gestione aziendale ai fini del miglioramento continuo delle prestazioni ambientali e del mantenimento della conformità legislativa. Il manuale descrive le attività svolte dalle diverse funzioni aziendali, illustrandone compiti e responsabilità, procedure gestionali ed istruzioni operative ai fini della Gestione Ambientale. 2. Norme di riferimento Il manuale è redatto in accordo alla norma UNI EN ISO I requisiti del Sistema di Gestione Ambientale ISO coincidono con quelli del Regolamento EMAS CE 761/ Campo di applicazione Il manuale viene applicato a tutte le attività aziendali svolte che possono generare impatti sull ambiente dall azienda., situata in via, nel comune di..

14 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 3 di 5 4. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale ed i punti delle norme di riferimento UNI EN ISO SEZIONI MGA Sezione Titolo 4.2 Politica Ambientale 01 Politica Ambientale Aspetti Ambientali 02 Aspetti ambientali e disposizioni normative Prescrizioni legali ed altre 02 Aspetti ambientali e disposizioni normative Obiettivi ambientali 03 Obiettivi e traguardi Programma/i di gestione 04 ambientale Programma di gestione ambientale Struttura e responsabilità 05 Organizzazione e personale Formazione, sensibilizzazione e 05 competenze Organizzazione e personale Comunicazione 05 Organizzazione e personale Documentazione del Sistema di 06 Gestione Ambientale Controllo della documentazione ambientale Controllo della documentazione 06 Controllo della documentazione ambientale Controllo operativo 07 Controllo operativo ed emergenze Preparazione alle emergenze e 07 risposta Controllo operativo ed emergenze Sorveglianza e misurazioni 08 Sorveglianza e misurazioni Non conformità, azioni correttive 09 e preventive Controlli ed azioni correttive Registrazioni 09 Controlli ed azioni correttive Audit del sistema di gestione 10 ambientale Audit del Sistema di Gestione Ambientale 4.6 Riesame della direzione 11 Riesame della direzione

15 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 4 di 5 5. Tabella di correlazione tra le sezioni del manuale e le procedure gestionali MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA MGA PGA 01 X PGA 02 X PGA 03 X PGA 04 X PGA 05 X PGA 06 X PGA 07 X PGA 08 X PGA 09 X PGA 10 X PGA 11 X PGA 12 X PGA 13 X PGA 14 X PGA 15 X PGA 16 X IOA 01 X IOA 02 X IOA 03 X IOA 04 X IOA 05 X IOA 06 X 6. Preparazione del Manuale di Gestione Ambientale Il Manuale del Sistema di Gestione Ambientale, approvato dalla Direzione Aziendale è strutturato in sezioni. Ogni sezione riporta: - Titolo; - Paragrafo di riferimento al Regolamento CE 761/2001 ed alla norma UNI EN ISO 14001; - Data di emissione e di aggiornamento, l indice di revisione. I compiti delle varie funzioni aziendali coinvolte nel SGA sono descritte nella Sezione MGA 05 Organizzazione e Personale.

16 MGA 00 - INTRODUZIONE REV.00 Pagina 5 di 5 7. Aggiornamento del Manuale di Gestione Ambientale Eventuali modifiche alla stesura iniziale del Manuale potranno essere apportate solo se redatte dal RSGA ed approvate dalla Direzione Aziendale. 8. Diffusione del Manuale di Gestione Ambientale Il Manuale è disponibile, in forma controllata, per i servizi interni all organizzazione e per i suoi clienti. Il RSGA (Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale) ha il compito di controllare la diffusione del manuale stesso, aggiornando l indice delle revisioni dei documenti e l elenco di tutti i servizi interni ai quali è stato consegnato. Copie non controllate del manuale vengono consegnate ai maggiori clienti a cura del RSGA. 9. Archiviazione Il RSGA deve archiviare l originale del manuale al fine di avere una cronologia storica delle modifiche e delle successive edizioni del Manuale. Il RSGA conserva le copie superate apponendo un timbro sulla prima pagina che attesti l annullamento e la data. 10. Ritiro delle copie superate del Manuale di Gestione Ambientale Le copie superate del Manuale devono essere prontamente ritirate ed eliminate dal RSGA. I possessori del Manuale devono essere in possesso della copia aggiornata ed approvata.

17 MGA 01 - POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 1 di 3 POLITICA AMBIENTALE 1. Scopo 2. Norme di riferimento 3. Gestione della Politica Ambientale Allegato I La politica ambientale dell azienda Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

18 MGA 01 - POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 2 di 3 1. Scopo Scopo della sezione è definire la Politica Ambientale dell organizzazione, documentando gli obiettivi e gli impegni dettati dalla Direzione Aziendale per l applicazione all interno dell azienda. 2. Norme di riferimento Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.2. UNI EN ISO 14001: punto 4.2; PGA 01 Modalità di gestione della Politica Ambientale. 3. Gestione della Politica Ambientale La Politica Ambientale definisce e documenta l impegno dell organizzazione: al mantenimento di tutte le prescrizioni normative in materia di ambiente; al ragionevole e costante miglioramento dell efficienza ambientale; alla comunicazione interna ed esterna. La Politica Ambientale viene redatta considerando i fattori d impatto ambientale ed i loro impatti significativi emersi durante l analisi ambientale iniziale e nelle successive valutazioni. Gli obiettivi e gli impegni contenuti nella Politica Ambientale devono considerare le risorse umane e finanziarie disponibili nell azienda. La Politica Ambientale viene comunicata a tutto il personale e resa disponibile alle parti interessate. Il riesame della Politica Ambientale, da parte della Direzione Aziendale, avviene periodicamente: alla luce degli Audit interni e/o ogni qualvolta cambiamenti significativi della natura dell azienda e dei suoi impatti, lo rendono necessario.

19 MGA 01 - POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 3 di 3 4. Allegato La politica ambientale dell azienda L Azienda Agricola., riconoscendo la possibile rilevanza degli impatti ambientali che possono insorgere a causa dello svolgimento delle attività di allevamento di suini e gestione degli effluenti prodotti, ritiene necessario introdurre ed applicare un Sistema di Gestione Ambientale conforme ai requisiti descritti dalla norma UNI EN ISO e dal Reg. CE n 761 / L azienda, aderendo al progetto pilota Ecogestione negli allevamenti suinicoli per l introduzione di EMAS nel settore, ha scelto di adottare un nuovo approccio aziendale verso la condivisione delle responsabilità e la trasparenza della comunicazione. Alla luce delle esperienze fin qui accumulate si definisce prioritario l impegno verso: 1. il controllo degli aspetti legati all approvvigionamento idrico, all ottimizzazione dell utilizzo agronomico degli effluenti prodotti attraverso criteri di salvaguardia ambientale, ed alla gestione dei rifiuti; 2. il mantenimento della conformità alle normative nazionali, regionali e provinciali (d ora in poi definite generalmente normative) vigenti in materia ambientale; 3. le necessarie modifiche al proprio Sistema di Gestione Ambientale in funzione della evoluzione legislativa e tecnica; 4. la collaborazione con altre aziende insistenti sull area per realizzare un programma di miglioramento comune; 5. il dialogo aperto con le autorità pubbliche (Comune, Provincia, Arpa); 6. la contabilizzazione dei costi e dei benefici ambientali in vista dell introduzione di nuove tecnologie a basso impatto ambientale; 7. la sensibilizzazione dei dipendenti, clienti, fornitori, comunità locale; 8. l attenzione agli aspetti ambientali in tutte le attività compiute all interno dell azienda; 9. la messa a disposizione della Dichiarazione Ambientale sia al Pubblico che ad altri soggetti interessati alla medesima. Annualmente, sulla base delle Verifiche Ispettive Interne, verranno definiti da parte della Direzione, e comunicati a tutti gli Enti interessati, gli Obiettivi Specifici dell Azienda in materia ambientale. Tali obiettivi, in accordo ai progressi scientifici e tecnici, saranno contestualmente applicati, secondo le logiche di mercato, a tutte le attività dell Azienda. Il Direttore Aziendale

20 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 1 di 4 PROCEDURA GESTIONALE PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Riferimenti 4. Generalità 5. Responsabilità 6. Modalità operative 7. Documentazione Allegato I Piano della comunicazione della Politica Ambientale Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

21 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 2 di 4 1. Scopo Scopo della Procedura è quello di stabilire le modalità per redigere e diffondere la Politica Ambientale, affinché essa venga attuata da tutte le funzioni aziendali e conosciuta dalle parti interessate. 2. Campo di applicazione La suddetta procedura si applica alle attività di redazione, riesame e diffusione della Politica Ambientale sia internamente che esternamente all azienda. 3. Riferimenti Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.2. UNI EN ISO 14001, Punto 4.2, Punto A2 MGA Sez. 01 Politica Ambientale PGA 16 Esecuzione del Riesame della Direzione 4. Generalità La Politica Ambientale è la guida per migliorare il SGA dell azienda in modo da rispettare il mantenimento di tutte le disposizioni normative in campo ambientale e perseguire un ragionevole miglioramento continuo dell efficienza ambientale, per raggiungere prestazioni paragonabili a quelle corrispondenti all applicazione economicamente praticabile delle Migliori Tecniche Disponibili. La Politica Ambientale fornisce il quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli Obiettivi e il Programma Ambientale. 5. Responsabilità Funzione Direzione aziendale RSGA Responsabilità indirizza la Politica Ambientale redige la Politica Ambientale approva e verifica il documento di Politica Ambientale custodisce e cura la diffusione del documento di Politica Ambientale 6. Modalità operative L elaborazione della Politica Ambientale da parte della Direzione Aziendale è strettamente connessa alle seguenti fasi operative:

22 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 3 di 4 determinazione degli impegni aziendali ai fini del mantenimento della conformità legislativa, per l adesione allo sviluppo sostenibile e per il miglioramento continuo dell efficienza ambientale; determinazione degli obiettivi generali che l azienda vuole raggiungere in base a: a. aspetti ambientali e loro priorità come individuati all interno dell Analisi Ambientale Iniziale e riportati nel Registro degli Aspetti Ambientali (Allegato I, PGA 02 Gestione degli Aspetti Ambientali); b. delle prassi di buona gestione ed in particolare alla luce del Codice di Buona Pratica Agricola; L aspetto più impegnativo della presente procedura gestionale non è tanto la scrittura e l approvazione della Politica Ambientale, quanto la diffusione al personale ed ai soggetti interessati. Per diffondere la politica al personale, la Direzione Aziendale non deve solo garantire la distribuzione (attraverso, ad esempio, affissione in bacheca o in busta paga) ma deve sostenerla dimostrando con fatti concreti l impegno dell azienda per la sua applicazione. 7. Documentazione La Direzione Aziendale deve approvare e firmare il documento di Politica Ambientale, oltre ad identificare i canali per la distribuzione. Il RSGA deve: archiviare il documento; effettuare la divulgazione del documento in base al piano di comunicazione; archiviare la lista di distribuzione del documento.

23 PGA 01 MODALITA DI GESTIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE REV. 00 Pagina 4 di 4 Allegato I PIANO DELLA COMUNICAZIONE DEL DOCUMENTO DI POLITICA AMBIENTALE DESTINATARI MODALITA DI DIVULGAZIONE RESPONSABILITA Personale interno Affissione nelle sedi di lavoro RSGA Associazione di categoria Consegna copia RSGA Il sindaco del comune Convegno di presentazione RSGA ARPA regionale Convegno di presentazione RSGA Provincia di competenza Convegno di presentazione RSGA Cittadinanza e gruppi esterni 1 Convegno di presentazione RSGA DATA Direzione Aziendale 1 Comitati di cittadini, Associazioni ambientaliste, clienti, fornitori ed altro

24 MGA 02 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE REV. 00 Pagina 1 di 3 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE 1. Scopo 2. Norme di riferimento 3. Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

25 MGA 02 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE REV. 00 Pagina 2 di 3 1. Scopo Scopo della sezione è di illustrare le modalità per l esame e la valutazione degli aspetti ambientali significativi e dei relativi impatti legati alle attività dell azienda. Sono inoltre indicate le modalità di compilazione del Registro degli Aspetti Ambientali emersi durante le fasi di valutazione dell Analisi Ambientale Iniziale. La sezione fornisce precisazioni circa l aggiornamento della normativa ambientale applicabile e la compilazione dell apposito registro. 2. Norme di riferimento Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.3.1., punto I A.3.2, punto B1 Regolamento CE 761/2001: Allegato VI Raccomandazione CE 680/2001 Orientamenti per l attuazione del regolamento CE 761/2001 : Allegato III Raccomandazione CE 532/2003 Orientamenti per l attuazione del Regolamento CE 761/2001 : Allegato I UNI EN ISO 14001: punto 3.3, punto 4.3.1, punto 4.3.2, punto A.3.1, punto A.3.2 PGA 02 Gestione degli Aspetti Ambientali PGA 03 Gestione delle Disposizioni Normative 3. Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative L azienda individua i suoi aspetti e relativi impatti effettuando una Analisi Ambientale Iniziale delle attività svolte. Le conclusioni di tale Analisi sono documentate nel Rapporto di Analisi Ambientale che costituisce il punto di partenza per la definizione del Sistema di Gestione Ambientale e per la definizione della Politica Ambientale. Per controllare le interazioni con l ambiente derivanti dalle attività dell azienda è stata istruita una procedura gestionale (PGA 02) allo scopo di individuare e valutare gli Aspetti Ambientali Significativi della propria organizzazione. Gli aspetti se valutati come tali verranno documentati nel Registro degli Aspetti Ambientali (All. I PGA 02). Gli aspetti ambientali considerati sono quelli riportati nell Allegato VI del Regolamento EMAS 761/2001.

26 MGA 02 ASPETTI AMBIENTALI E DISPOSIZIONI NORMATIVE REV. 00 Pagina 3 di 3 Gli Aspetti Ambientali sono valutati considerando le seguenti condizioni operative: condizioni normali; condizioni di avviamento o di arresto; situazioni di emergenza ragionevolmente prevedibili; attività presenti, passate e prevedibili. L azienda predispone e mantiene attiva una procedura al fine di registrare tutte le disposizioni normative e i regolamenti riguardanti l ambiente. Tale procedura permetterà: - di mantenere aggiornato il Registro della Normativa Ambientale Applicabile (All. I PGA 03); - il facile accesso del personale a tale registro; - Il controllo continuo della conformità legislativa. Nell ottica del miglioramento continuo, l azienda attraverso il SGA esamina e valuta gli aspetti e gli impatti ambientali riguardanti le modifiche dei processi ed introduzione di nuovi, con lo scopo di aggiornare, se necessario, il registro degli aspetti ambientali significativi e ne tiene conto nella determinazione degli obiettivi e dei programmi ambientali.

27 PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI REV. 00 Pagina 1 di 8 PROCEDURA GESTIONALE PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Riferimenti 4. Responsabilità 5. Modalità esecutive 5.1 Individuazione degli aspetti ambientali 5.2 Individuazione delle variazioni 5.3 Valutazione degli aspetti ambientali significativi 6. Documentazione 7. Registrazione Allegato I Registro degli Aspetti Ambientali Allegato II Scheda degli Aspetti Ambientali Significativi Revisione Data Modifiche Redazione Verifica Approvazione RSGA Dir. Aziendale Dir.Aziendale

28 PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI REV. 00 Pagina 2 di 8 1. Scopo La presente procedura consente di individuare gli aspetti ambientali delle attività svolte dall organizzazione, di valutare la significatività in base ad una metodologia omogenea, di aggiornare il Registro degli Aspetti Ambientali per quelli individuati come importanti e di considerare quelli individuati come significativi nella definizione della politica e dei programmi. 2. Campo di applicazione Gli aspetti ambientali riguardanti le attività svolte dall organizzazione e l ambiente esterno nella quale essa opera. Gli aspetti ambientali da considerare sono: Aspetti Ambientali Diretti a) emissioni diffuse in atmosfera; b) scarichi controllati o incontrollati in acque superficiali o nella rete fognaria; c) limitazione, riciclaggio, riutilizzo, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi e di altro tipo, specialmente dei rifiuti pericolosi; d) uso e contaminazione del terreno; e) uso delle risorse naturali e delle materie prime (compresa l energia); f) questioni locali (rumore, vibrazioni, odore, polvere, impatto visivo, etc.); g) questioni di trasporto (per le merci, i servizi, i dipendenti); h) rischio di incidenti ambientali e conseguenti impatti, o potenzialmente conseguenti, agli incidenti e situazioni di potenziale emergenza; i) effetti sulla biodiversità. Aspetti Ambientali Indiretti (elenco non esauriente): a) questioni relative al prodotto (fase produttiva, trasporto, uso e recupero/smaltimento dei rifiuti); b) investimenti, prestiti e servizi di assicurazione; c) nuovi mercati; d) scelta e composizione dei servizi (ad esempio, trasporti o ristorazione); e) decisioni amministrative e di programmazione; f) assortimento dei prodotti;

29 PGA 02 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI REV. 00 Pagina 3 di 8 g) bilancio e comportamenti ambientali degli appaltatori, dei subappaltatori e dei fornitori. 3. Riferimenti Regolamento CE 761/2001: Allegato I, punto I A.3.1. Regolamento CE 761/2001: Allegato VI, punto 2, punto 4 Raccomandazione CE 680/2001 Orientamenti per l attuazione del regolamento CE 761/2001 : Allegato III Raccomandazione CE 532/2003 Orientamenti per l attuazione del Regolamento CE 761/2001 : Allegato I Norma UNI EN ISO 14001: punti 4.3.1, A.3.1 MGA sez. 02 Aspetti Ambientali e Disposizioni Normative PGA 03 Gestione delle Disposizioni Normative 4. Responsabilità Funzione Direzione aziendale RSGA Responsabilità Valuta la significatività degli aspetti ambientali Approva il Registro degli Aspetti Ambientali degli aggiornamenti Identifica eventuali variazioni da apportare al Sistema di Gestione Ambientale Identifica gli aspetti ambientali e gli eventuali impatti Valuta la significatività degli aspetti ambientali Redige il Registro degli Aspetti Ambientali, lo aggiorna e lo archivia Identifica eventuali variazioni da apportare al Sistema di Gestione Ambientale 5. Modalità esecutive 5.1 Individuazione degli Aspetti Ambientali Il RSGA e la Direzione aziendale devono identificare: - gli aspetti ambientali delle attività, prodotti o servizi dell organizzazione; - le caratteristiche dell ambiente esterno nell area sotto il controllo dell organizzazione; - le variazioni che possono intervenire negli elementi del Sistema di Gestione Ambientale.

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE.

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. di Alberto PIEROBON già Dirigente e ViceSegretario Generale Enti Locali già Dirigente e Direttore Generale Azienda Pluricomunale di

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE Copia controllata n : 01 02 03 04 05 06 07 08 Copia non controllata In consegna a: Firma: Funzione: Data Rev Causale Preparato Approvato 08.07.09 0 Emissione Resp Gestione

Dettagli

UNI EN ISO 14001, EMAS

UNI EN ISO 14001, EMAS LA NORMA UNI EN ISO 14001, GLI ELEMENTI AGGIUNTIVI PREVISTI IN EMAS E L AUDIT AMBIENTALE LA NORMA UNI EN ISO 14001 E GLI ELEMENTI AGGIUNTIVI PREVISTI IN EMAS LA NORMA UNI EN ISO 14001 E SUDDIVISA IN QUATTRO

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211 RE.TE. Imprese Italia ha lanciato la proposta dell organizzazione, in stretta collaborazione con il Ministero dell Ambiente, di una Giornata dedicata alla utilizzazione concreta del SISTRI, in occasione

Dettagli

APAT. Linee guida per l applicazione del Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS) alle Organizzazioni che gestiscono Reti di Energia Elettrica

APAT. Linee guida per l applicazione del Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS) alle Organizzazioni che gestiscono Reti di Energia Elettrica APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici Linee guida per l applicazione del Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS) alle Organizzazioni che gestiscono Reti di Energia Elettrica APAT

Dettagli

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti di Alberto Pesenato (*) e Paolo Cozzi (**) Il sistema SISTRI, rinviato al 2013, è un punto fermo anche nell applicazione del

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Le problematiche ambientali nell attività agricola

Le problematiche ambientali nell attività agricola Le problematiche ambientali nell attività agricola controlli; verifiche ispettive; apparato sanzionatorio; appunti e riferimenti normativi a cura di: Ten. Alberto Casoni San Ginesio li 12/02/2005 1 RIFIUTI

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Bologna, 13 Aprile 2010. Marco Ottolenghi, ERVET

Bologna, 13 Aprile 2010. Marco Ottolenghi, ERVET Bologna, 13 Aprile 2010 Marco Ottolenghi, ERVET Emas III iter e struttura Lo scorso 22 Dicembre si è concluso il lungo iter di revisione ( ) del Regolamento EMAS con la pubblicazione del Regolamento 1221/2009

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale ISB in Europe 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/a 36-38, Rue Joseph II B 1000 Bruxelles Tel. (06) 441881 44188 221

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

231 e Reati ambientali

231 e Reati ambientali 231 e Reati ambientali Aggiornamento del Modello 231: un possibile approccio per l aggiornamento dei Modelli, con focus sui Sistemi di Gestione Integrati 1 Indice Conoscere gli aspetti ambientali e i connessi

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO (Edizione 1 Gennaio 2007) Questa procedura è di proprietà del Gruppo Acam. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

I Sistemi di Gestione Ambientale per le PMI

I Sistemi di Gestione Ambientale per le PMI I Sistemi di Gestione Ambientale per le PMI strumenti, procedure e vantaggi Ilgrande Francesca Cos è un Sistema di Gestione Ambientale Un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) è quel meccanismo che garantisce

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative 15 Convegno di Igiene Industriale Corvara 03 aprile 2009 M. Mengoli,

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale OGGETTO: Progetto: Ampliamento dell attività di deposito preliminare Comune: Avigliana (TO) Proponente: Ecoidea Ambiente s.r.l.

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI

EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI ECOGESTIONE ED ECOAUDIT (Reg. CE 761/2001) EMAS NEGLI ALLEVAMENTI SUINICOLI ANALISI AMBIENTALE INIZIALE Foto copertina: stabulazione suini, impianto di trattamento,

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

Il manuale del sistema di gestione ambientale

Il manuale del sistema di gestione ambientale Il manuale del sistema di gestione ambientale Norma UNI EN ISO 14001 Reg. CE 761/01 EMAS II Dr. Giulio Lazzerini Dipartimento di Scienze Agronomiche e Gestione del Territorio Agroforestale Facoltà di Agraria

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA. L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n.

ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA. L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n. ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n. 495 OGGETTO: Pr ovvedi ment i appl i cat i vi del Dl gs 22/ 1997 sui

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati l Dichiarazione unica ambientale. Aumentati i moduli da compilare MUD 2009 Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013

SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013 Attività sensibile: ADEMPIMENTI CONNESSI AL RISPETTO DELL AMBIENTE, DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Nota sul contenuto: Complesso delle attività volte a garantire il pieno rispetto

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale N. 66 29422/2011 OGGETTO: Progetto: Trasferimento di attività di recupero di recupero rifiuti non pericolosi Comune: Poirino (TO)

Dettagli

Analisi Iniziale per l AUTOVALUTAZIONE Del RISCHIO SALUTE E SICUREZZA DELLA DITTA ING. TOMMASO CICCOPIEDI

Analisi Iniziale per l AUTOVALUTAZIONE Del RISCHIO SALUTE E SICUREZZA DELLA DITTA ING. TOMMASO CICCOPIEDI ING. TOMMASO CICCOPIEDI SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO P-31-01- Mod. E Analisi Iniziale Rev. 00 del 11/11/08 Analisi Iniziale per l AUTOVALUTAZIONE Del RISCHIO SALUTE E SICUREZZA DELLA DITTA ING. TOMMASO

Dettagli

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico Relazione Dott. Ing. Giacomo GIACOMINI Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e Codice Etico fiera di Rimini,

Dettagli

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16 Pag. 2 di 14 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 4 4. DEFINIZIONI... 6 5. RESPONSABILITA'... 7 6. GENERALITA... 8 6.1 Definizione di rifiuto... 8 7. PRODUZIONE

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI Aggiornate al 6 maggio 2010 Indice Gestione-Rifiuti.it ISCRIZIONE E OPERATIVITÀ...5 1.01 Fino a quando è possibile iscriversi?...5

Dettagli

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Normativa di Riferimento La normativa di riferimento in materia di gestione di rifiuti è il Codice dell ambiente, DLgs 152/2006 e successive

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Come ogni attività umana l agricoltura crea un impatto sull ambiente derivante da tutte le attività svolte in

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas)

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas) Le criticità della normativa per la raccolta e la gestione dei rifiuti in agricoltura:dal deposito temporaneo alla combustione controllata dei residui agricoli a cura MATTEO MILANESI peragrinsieme Reggio

Dettagli

Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98. sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto

Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98. sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98 sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto Pubblicato nella Gazzetta ufficiale 11 settembre 1998 n. 212 MINISTERO

Dettagli

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS)

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Oggetto : Convenzione servizi Geo Lab è una società di servizi, con un laboratorio d analisi interno. Offriamo servizi analitici e di

Dettagli

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DEL DOCUMENTO Il quadro di definizione delle

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

ADEMPIMENTIESCADENZE. a cura dimariofabrizio, avvocato in Roma DICEMBRE

ADEMPIMENTIESCADENZE. a cura dimariofabrizio, avvocato in Roma DICEMBRE a cura dimariofabrizio, avvocato in Roma ADEMPIMENTIESCADENZE 20 Denuncia periodica imballaggi mese precedente. Il 20 dicembre 2013 è l ultimo giorno per i produttori o utilizzatori di imballaggi iscritti

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Liguria e Valle d Aosta

Liguria e Valle d Aosta Liguria e Valle d Aosta Rapporti, confini normativi e competenze Sanità-Ambiente: SOTTOPRODOTTI O RIFIUTI? Castelnuovo Rangone, 22 novembre 2011. Francesco Bonicelli Servizio Veterinario ed Igiene degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SICUREZZA

DOCUMENTO DI SICUREZZA C.R. FRASCATI SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA DOCUMENTO DI SICUREZZA Sigla di Identificazione Distribuzione Tipologia Documento Pagina di: _RIF L Procedura Operativa di Sicurezza 1 24 TITOLO: PROCEDURA

Dettagli