1 JavaScript: generalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 JavaScript: generalità"

Transcript

1 1 JavaScript: generalità JavaScript (di seguito abbreviato in JS) è un linguaggio di scripting (linguaggio usato per definire degli script, dei piccoli programmi di utilità, composti anche di sole poche righe, eseguiti da un interprete del linguaggio). Uno script JS è eseguito quando la pagina web in cui è inserito viene caricata e visualizzata dal browser. È il browser stesso che si occupa di eseguire le istruzioni JavaScript: esso contiene un interprete JavaScript. Esistono moltissime guide di JavaScript, sia cartacee che online; quest ultime sono liberamente consultabili, a volte anche scaricabili. Una la trovate qui e un altra la trovate qui. 1.1 Compatibilità delle versioni di JS I diversi browser non implementano la stessa versione del linguaggio JS, ma si differenziano a volte anche in modo vistoso. La versione del linguaggio varia anche tra differenti versioni di uno stesso browser. Esiste però uno standard JavaScript: ECMAScript, proposto dal consorzio W3C (World Wide Web Consortium). Tutto ciò implica che non è assicurato che uno script JS sia eseguito correttamente da un qualsiasi browser. JavaScript non è correlato a Java: sono linguaggi diversi. La somiglianza dei nomi è voluta. Inizialmente il linguaggio si chiamava LiveScript ma poi cambiò nel nome attuale per sfruttare la popolarità di Java. 1.2 Codice JavaScript incorporato in un file HTML Un programma JavaScript è eseguito durante la visualizzazione di un file HTML. Il codice JavaScript è incorporato nel file, racchiuso tra i tag <script> e </script>, e.g. <script type="text/javascript"> istruzioni JavaScript </script> l attributo type indica il linguaggio usato per scrivere lo script: <script type="text/javascript"> document.write( questa istruzione verra ignorata ); </script> 1.3 File sorgente JavaScript Un programma JS può essere anche scritto in un file esterno (con estensione.js) alla pagina web. Un file sorgente contiene solo codice JS, non contiene alcun tag, nemmeno i tag <script>. Per eseguire un file sorgente si deve aggiungere al tag <script> l attributo src che indica il percorso del file sorgente; le istruzioni comprese tra i tag <script> sono ignorate. E.g., <script type="text/javascript" src=./javafiles/esempio.js > document.write( questa istruzione verra ignorata ); </script> 1.4 Script multipli Nei documenti HTML possono essere presenti diversi script e si può combinare l uso di codice JavaScript incorporato con l uso di file sorgente. In entrambe le modalità, ogni sezione JavaScript di un documento HTML deve essere delimitata dai tag <script>. L ordine di esecuzione di ogni sezione JavaScript corrisponde all ordine di apparizione delle sezioni all interno del documento. 1

2 1.5 I commenti JavaScript Il codice sorgente di ogni programma (in un qualsiasi linguaggio di programmazione) deve essere documentato per favorire la sua manutenzione e il suo aggiornamento. Tale documentazione è possibile introducendo i commenti, delle righe di testo che non vengono eseguite dall interprete e che contengono delle informazioni sul programma, come la data di creazione del programma, il nome del programmatore, etc.. Come in Processing, Java e molti altri linguaggi di programmazione, esistono due tipi di commenti: i commenti monoriga che cominciano con due barre // e terminano in fondo alla riga, e i commenti multiriga che iniziano con /* e terminano con */. 1.6 Posizionamento del codice JS in un documento HTML Per visualizzare un messaggio che informi gli utenti che il loro browser è incompatibile con la versione di JS usata, si inserisce il messaggio tra i tag <noscript> e </noscript> che seguono la coppia di tag <script> e </script>. Una sezione JavaScript può essere inserita: nell intestazione di un documento HTML tra l intestazione e il corpo di un documento HTML nel corpo di un documento HTML Nel primo caso l esecuzione del codice JS avverrà prima della visualizzazione del documento HTML 2 Variabili Una variabile è una coppia < nome, valore > usata all interno di un programma per memorizzare valori durante la sua esecuzione. Prima di essere usata, una variabile deve essere creata o dichiarata: var miavariabile (senza inizializzazione) var miavariabile = 100 (con inizializzazione) var primavar = testo, secondavar =100, terzavar = 2.5 (inizializzazione multipla) nel caso di dichiarazione senza inizializzazione, il valore della variabile è indefinito. 2.1 Identificatori var è una parola chiave e come tale non può essere usata come nome di una variabile. I nomi di variabili si dicono anche identificatori e sono quelle parole formate da lettere maiuscole e minuscole, dai simboli $, _ e dalle cifre decimali che: 1. non siano parole chiave, 2. non abbiano come primo simbolo una cifra decimale. Per convenzione i nomi delle variabili iniziano con una lettera minuscola e se sono costituiti da più parole, l iniziale di ogni parola successiva alla prima è maiuscola (camel notation) oppure le parole sono separate dal simbolo _ detto underscore (e.g., valoremediodellasterlina oppure valore_medio_della_sterlina). 2

3 2.2 Comando di Assegnamento Il comando di assegnamento nome = valore permette di modificare il valore di una variabile, e.g. miocane = Setter Irlandese assegna alla variabile miocane il valore di tipo stringa Setter Irlandese. Per saperne di più sui tipi di dati di JS vai alla sezione 8. 3 Costrutti di controllo di JavaScript I costrutti di controllo di JavaScript sono identici ai costrutti di controllo di Java, Processing, C e molti altri linguaggi di programmazione. Riportiamo di seguito una descrizione sommaria di alcuni dei principali costrutti. 3.1 Comando if if (<espressione logica> ) Istruzione se l espressione logica è vera si esegue l istruzione 3.2 comando if-else if (<espressione logica> ) Istruzione1 else Istruzione2 se l espressione logica è vera si esegue Istruzione1 altrimenti si esegue Istruzione2. N.B. un istruzione è anche una sequenza di istruzioni separate da punti e virgole e racchiuse tra parentesi graffe: I 1 ;... ; I n. 3.3 Ciclo for Ha il formato dove for (I1; <espressione logica> ; I2) I3 I1 è l istruzione di inizializzazione <espressione logica> è la guardia del for I2 è l istruzione di incremento o aggiornamento I3 è il corpo del for L inizializzazione I1 assegna un valore ad una variabile, detta variabile di controllo. Se la guardia è vera si esegue il corpo I3 e poi l aggiornamento I2, poi si valuta di nuovo la guardia: se è vera si esegue di nuovo il corpo e l aggiornamento, finché l espressione logica diventa falsa. 3

4 4 Funzioni Un programma JavaScript è composto da una sequenza di istruzioni separate da punti e virgola. Come nella maggior parte dei linguaggi di programmazione è possibile definire delle procedure (che in Java e Processing si dicono metodi) assegnando un nome a una sequenza di istruzioni in modo tale che poi basti scrivere (anche in più punti di un programma) il nome della procedura affinché essa sia eseguita. In JavaScript, le procedure si dicono funzioni, sia che producano o meno un valore. Esistono funzioni predefinite come alert(), ma ogni programmatore può definire le funzioni che più gli convengono e usarle nei suoi programmi. Le definizioni di funzione sono preferibilmente inserite nell intestazione di un documento HTML. Le chiamate di funzione sono preferibilmente inserite nel corpo di un documento HTML. Una funzione è definita una sola volta, ma può essere chiamata un numero arbitrario di volte. 4.1 Definizione di funzioni Il formato della definizione di una funzione è il seguente dove function nome (lista parametri) { istruzioni } function : parola chiave che stabilisce l inizio di una definizione di funzione, nome : nome della funzione, lista parametri: sequenza eventualmente vuota di identificatori (separati da virgole) di variabili usate dalle istruzioni della funzione, istruzioni: sequenza di istruzioni che viene eseguita quando si chiama la funzione. La prima riga della definizione di una funzione si dice intestazione, le istruzioni sono il corpo della funzione. 4.2 Chiamata di funzioni Per eseguire le istruzioni di una funzione, bisogna chiamarla in uno o più punti del programma, ovvero scrivere il nome della funzione seguito tra parentesi da tanti valori (gli argomenti) quanti sono i parametri della funzione. L assegnamento degli argomenti ai parametri della funzione si dice passaggio dei parametri. Il passaggio dei parametri avviene immediatamente prima delle esecuzione delle istruzioni della funzione. 4.3 Funzioni che restituiscono valori L esecuzione di una funzione può anche produrre un valore che può essere usato in un altro punto del programma, quando nel corpo della funzione appaia l istruzione return, e.g. la funzione function media_numeri(a, b, c) { var somma_numeri = a+b+c ; var risultato = somma_numeri / 3 ; return risultato; } restituisce la media dei tre valori a, b, c. Il valore prodotto da una chiamata di media_numeri() può essere assegnato a una variabile per essere poi utilizzato: l istruzione var valorerestituito = media_numeri(1, 2, 3); 4

5 assegna la media di 1, 2, 3 alla variabile valorerestituito. N.B. In altri linguaggi di programmazione come Java, Processing si distingue tra procedure (funzioni che non restituiscono valori) e funzioni (funzioni che restituiscono valori. 4.4 funzione prompt La chiamata della funzione predefinita prompt("inserite il vostro nome", "inserite il vostro nome qui"); provoca l apparizione di una finestra di dialogo contenente un messaggio, una casella di testo, un pulsante OK e un pulsante annulla. 4.5 funzione alert La chiamata della funzione predefinita alert("benvenuto/a " + nome_utente + "!"); provoca l apparizione di una finestra di dialogo contenente un messaggio e un pulsante OK. 5 Oggetti JavaScript Abbiamo visto che una variabile serve per memorizzare dei dati utilizzabili da un programma. E possibile però memorizzare dati complessi come oggetti: JavaScript è un linguaggio orientato agli oggetti. Un oggetto rappresenta un entità che può essere descritta da una serie di proprietà o attributi e a un oggetto si possono applicare solo delle funzioni specifiche dette metodi dell oggetto. Un attributo di un oggetto invece può essere usato come una qualsiasi variabile. 5.1 Tag HTML come oggetti JavaScript Gli oggetti che di solito appaiono all interno di uno script corrispondono ai tag HTML di una pagina web, dove gli attributi dei tag corrispondono alle proprietà degli oggetti corrispondenti. Per accedere ad un tag, si utilizza il metodo getelementbyid() che agisce sull oggetto document. Il parametro deve essere il valore dell attributo id del tag desiderato. Ad esempio, per accedere al tag 5

6 si scrive: <img src= figura.jpg id= miaimm > var myimg=document.getelementbyid( miaimm ); che assegna alla variabile myimg l oggetto corrispondente al tag. A questo punto, l attributo src del tag corrisponde alla proprietà omonima dell oggetto myimg. Si noti che E.g., per modificare l attributo src del tag precedente si scrive: var myimg=document.getelementbyid( miaimm ); myimg.setattribute("src", figura2.jpg ); L effetto di quest istruzione è di cambiare l immagine visualizzata nella pagina: l immagine figura.jpg è sostituita dall immagine figura2.jpg. Per accedere a un attributo occorre usare la funzione getattribute(). Essa agisce su un oggetto (elemento di una pagina) e restituisce il valore dell attributo specificato come valore di tipo String. Ad esempio: var pathimg = myimg.getattribute("src"); assegna alla variabile pathimg il percorso dell immagine sotto forma di stringa. 5.2 Il DOM Il modello a oggetti di un documento (Document Object Model, DOM) è una libreria software per la rappresentazione, l accesso e la manipolazione di un documento scritto in un linguaggio di markup come (X)HTML. Esso permette a JavaScript l accesso alle pagine web, potendo modificarne la struttura, i contenunti e gli stili, modificando così l aspetto delle pagine. Ad esempio, le funzioni getelementbyid(), setattribute, getattribute() fanno parte del DOM. IL DOM è quindi il meccanismo fondamentale per il cosidetto DOM scripting (una volta si sarebbe detto HTML dinamico (DHTML)) che si realizza impiegando congiuntamente (X)HTML, fogli di stile CSS e JavaScript. (X)HTML definisce la struttura e i contenuti della pagina, CSS ne definisce il formato e JS, attraverso il DOM, definisce il comportamento della pagina, manipolando sia il codice (X)HTML che gli stili CSS, modificando così struttura, contenuti e formato. Ogni marcatore HTML è un oggetto che ha come proprietà i suoi attributi e i marcatori in esso annidati. Purtroppo i browser non implementano la stessa versione del DOM e nemmeno rispettano le specifiche standard del DOM fornite dal W3C, oggi giunte alla terza versione. Di conseguenza, non è sempre possibile creare pagine web dinamiche portabili, ovvero visualizzabili e funzionanti allo stesso modo con un qualsiasi browser. 5.3 Il BOM Il modello a oggetti del browser (Browser Object Model, BOM) è una libreria software per la rappresentazione, l accesso e la manipolazione della finestra del browser. Esso permette di determinare alcune caratteristiche del browser, come marca e modello. Non esiste uno standard de jure, ma è uno standard de facto poiché è sostanzialmente implementato allo stesso modo da tutti i browser. 6 Eventi JavaScript è in grado di rendere interattivi i documenti HTML perché è in grado di gestire circostanze specifiche, dette eventi, come il click del mouse, il caricamento di un immagine, il posizionamento del mouse su un particolare elemento del documento, etc.. La gestione degli eventi è di solito associata a un tag HTML (sorgente dell evento). Quando un evento si verifica, viene attivato il gestore di quell evento. 6

7 6.1 gestori di eventi Il gestore di un evento (event handler) è uno script JavaScript che è il valore di un attributo di un tag HTML sorgente dell evento: < taghtml evento = codice JS >. Ogni tag è una sorgente per alcuni tipi eventi. Ad esempio, il tag <a> (link) è una sorgente per gli eventi onclick, onmouseover, onmouseout; i tag <img> e <body> sono sorgenti per gli eventi onabort, onerror, onload, onunload. Ad esempio, il tag <body onload="saluti_utente()" onunload="commiato_utente()" > provoca la chiamata della funzione saluti_utente() al momento del caricamento o apertura del documento (onload) la chiamata della funzione commiato_utente() al momento dello scaricamento (onunload) del documento (chiusura della pagina, caricamento di un altra pagina). L evento associato al tag <a> più frequente è onclick che viene eseguito automaticamente dal browser aprendo il documento specificato dall URL dell attributo href (non è necessario inserire il gestore onclick ) <a href= altrapaginaweb.html > Un altra pagina web </a> La gestione dell evento onclick può essere ridefinita inserendo un gestore onclick appropriato; questo gestore dovrà restituire (con return) true oppure false se si vuole che dopo l esecuzione del gestore del click si carichi comunque la pagina oppure no. 7 Animazioni La possibilità di cambiare delle singole componenti di un documento HTML come un immagine in esso contenuta permette la possibilità di creare delle animazioni cambiando ad intervalli di tempo ravvicinati l immagine mostrata in un certo punto di una pagina, nello stesso modo in cui si realizzano i cartoni animati. La funzione setinterval( codice JS, tempo ) esegue ripetutamente il codice JavaScript passato come primo parametro ad intervalli temporali di ampiezza pari al parametro tempo (inteso in millisecondi). 7.1 Funzioni setinterval() e clearinterval() Useremo la funzione setinterval() per iterare il procedimento di sostituzione di un immagine con un altra e creare così un animazione, e.g. l istruzione var begin=setinterval( cambiaimmagine(), 2000) esegue il metodo cambiaimmagine() ogni 2000 msec = 2 sec. La funzione setinterval() restituisce anche un valore che viene assegnato alla variabile begin che può essere impiegata per fermare l esecuzione della funzione setinterval() e quindi bloccare l esecuzione ripetuta del metodo cambiaimmagine. Ciò è possibile chiamando il metodo clearinterval() applicato alla variabile begin : clearinterval(begin) 7

8 7.2 Funzioni settimeout() e cleartimeout() La funzione settimeout( codice JS, tempo ); esegue il codice JavaScript passato come primo parametro dopo che sia trascorso un intervallo di tempo (timeout), espresso in millisecondi, dal parametro tempo. Ad esempio, l istruzione var begin=settimeout( cambiaimmagine(), 2000) attende 2 secondi prima di eseguire il metodo cambiaimmagine(). La funzione settimeout() restituisce anche un valore che viene assegnato alla variabile begin che può essere impiegata per prevenire l esecuzione del metodo cambiaimmagine() invocando il metodo cleartimeout(begin) prima che sia scaduto il timeout. 8 Tipi di dati Un tipo di dato è un insieme di valori dotato di operazioni. JS dispone dei seguenti tipi di dati primitivi (predefiniti) : numeri interi e reali (entrambi rappresentati in virgola mobile a 64 bit secondo lo standard IEEE 754) ; valori booleani (true, false) ; stringhe ( questa e una stringa, ecco una seconda stringa ) ; il valore null (significa nessun valore), unico valore del tipo di dati null. Rappresenta anche l oggetto nessun oggetto. Una variabile non inizializzata ha valore undefined. JS è un linguaggio non tipato: a una variabile si possono assegnare (in tempi diversi) valori di tipo diverso. Ad es. le istruzioni seguenti variabilechecambia = ciao a tutti ; variabilechecambia = 3; variabilechecambia = 5.27 ; variabilechecambia = true; variabilechecambia = null; possono occorrere (non necessariamente in sequenza) all interno di uno script JavaScript. La funzione typeof (argomento) restituisce una stringa che rappresenta il tipo del valore dell argomento: number, string, boolean se il tipo di valore dell argomento è rispettivamente, un numero (intero o reale), una stringa o un valore booleano, object se il tipo di valore dell argomento è un oggetto, un array o il valore null, undefined se l argomento è indefinito. 8.1 Numeri I numeri, sia interi che reali sono rappresentati in virgola mobile a 64 bit secondo lo standard IEEE 754. Le costanti intere si rappresentano in notazione decimale: 234, -35, le costanti reali si rappresentano sia in virgola fissa 3.457, che con mantissa ed esponente: e-3 = I valori maggiori del massimo valore rappresentabile si rappresentano con il valore speciale Infinity mentre i valori inferiori al minimo valore rappresentabile si rappresentano con il valore speciale -Infinity 8

9 8.2 Operazioni aritmetiche Le principali operazioni su numeri sono: Ecco alcuni esempi: x = y*27 ; z=5%2 ; //z=1 u =4.3 %2.1 ; // u =0.1 altri operatori sono: Ecco alcuni esempi: y =x++; // y =x ;x =x+1 y =++x ; //x =x+1 ;y =x addizione sottrazione moltiplicazione divisione resto + - * / % incremento decremento negazione ++ - L operatore di assegnamento e addizione: se x e y sono due numeri, l istruzione x += y è equivalente all assegnamento a x della somma di x ed y x =x+y 8.3 Stringhe Una stringa è una sequenza di caratteri tra apici o doppi apici. All interno di stringhe delimitate da apici si possono scrivere doppi apici e viceversa, e.g. collaudo, 3.14, nome= mio modulo Attenzione: la tastiera italiana non distingue tra apostrofo e apice. In tal caso conviene scrivere \ per distinguere l apostrofo dall apice di fine stringa. Sequenze di escape: sono sequenze di caratteri che rappresentano caratteri speciali all interno di una stringa. La seguente tabella mostra alcune sequenze di escape. backspace \b avanzamento pagina \f avanzamento riga (new line) \n ritorno a capo \r tabulatore \t apice \ doppio apice \ backslash \\ Ad esempio, il cap della mia citta\ e\ 2010 è una stringa corretta, i miei files si trovano nella cartella C:\\PagineWeb\\FileJS è una stringa corretta, i miei files si trovano nella cartella C:\PagineWeb\FileJS non è una stringa corretta. Nelle stringhe si possono inserire anche dei tag HTML: il comando document.write( <i>questa riga e in corsivo</i> ) 9

10 stampa la riga: questa riga e in corsivo questo vale anche per gli altri marcatori. IL simbolo + rappresenta anche la concatenazione (giustapposizione) di stringhe: x = prima e + dopo ; // x = prima e dopo operatore di assegnamento e concatenazione: se x e y sono due stringhe, l istruzione x += y è equivalente all assegnamento a x della concatenazione di x ed y x =x+y La funzione eval(espressione) restituisce il valore dell espressione passata come stringa: e.g., eval( 3+5 ) restituisce come valore il numero Valori booleani Detti anche valori di verità. Costituiscono un insieme di due soli valori: true (vero) e false (falso). Le principali operazioni su valori booleani sono: && (congiunzione, and), (disgiunzione, or),! (negazione, not), Esempi: x=y&&z; // x=true sse y e z sono true x=y z ; // x = true sse y oppure z è true x=!y ; //x =true sse y èfalse 8.5 Operatori di confronto Sono operatori binari che restituiscono un valore booleano. Gli operatori di confronto sono: uguale == diverso!= maggiore > maggiore o uguale >= minore < minore o uguale <= Gli argomenti dei primi due operatori possono essere di tipo qualsiasi, mentre gli argomenti degli altri operatori sono numeri o stringhe (nel caso di stringhe si considera l ordinamento lessicografico). Esempi: x=(y ==z); // x=true sse y è uguale a z x=(y!=z); // x=true sse y è diverso da z 8.6 Array Un Array è una sequenza di variabili, ognuna delle quali può essere acceduta tramite un valore intero detto indice. Gli array sono oggetti e pertanto vanno istanziati con l istruzione new: la riga di programma lista_animali = new Array(5) ; crea un array di 5 elementi, chiamato lista_animali. I suoi elementi sono: lista_animali[0], lista_animali[1], lista_animali[2], lista_animali[3], lista_animali[4]. Ciascun elemento può essere usato come una variabile qualsiasi: 10

11 lista_animali[3] = gatto ; document.write(lista_animali[2] ); Gli array si istanziano anche nei 2 modi seguenti: lista_animali = new Array() ; lista_animali[4] = gatto ; La prima istruzione crea un array senza elementi, la seconda aggiunge 5 elementi e inizializza il quinto elemento. Altrimenti, si crea un array e lo si inizializza contemporaneamente lista_animali = new Array( gatto, cane, topo, gallo, capra ) ; dove la lista di valori tra parentesi tonde sono i valori degli elementi lista_animali[0], lista_animali[1], lista_animali[2], lista_animali[3], lista_animali[4]. 11

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Rappresentazione numeri in virgola mobile

Rappresentazione numeri in virgola mobile Rappresentazione numeri in virgola mobile Un numero non intero può essere rappresentato in infiniti modi quando utilizziamo la notazione esponenziale: Es. 34.5 = 0.345 10 2 = 0.0345 10 3 = 345 10-1 Questo

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Manuale di Okteta. Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith

Manuale di Okteta. Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 6 2 Fondamentali 7 2.1 Avviare Okteta........................................ 7 2.2 Uso..............................................

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli