1 JavaScript: generalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 JavaScript: generalità"

Transcript

1 1 JavaScript: generalità JavaScript (di seguito abbreviato in JS) è un linguaggio di scripting (linguaggio usato per definire degli script, dei piccoli programmi di utilità, composti anche di sole poche righe, eseguiti da un interprete del linguaggio). Uno script JS è eseguito quando la pagina web in cui è inserito viene caricata e visualizzata dal browser. È il browser stesso che si occupa di eseguire le istruzioni JavaScript: esso contiene un interprete JavaScript. Esistono moltissime guide di JavaScript, sia cartacee che online; quest ultime sono liberamente consultabili, a volte anche scaricabili. Una la trovate qui e un altra la trovate qui. 1.1 Compatibilità delle versioni di JS I diversi browser non implementano la stessa versione del linguaggio JS, ma si differenziano a volte anche in modo vistoso. La versione del linguaggio varia anche tra differenti versioni di uno stesso browser. Esiste però uno standard JavaScript: ECMAScript, proposto dal consorzio W3C (World Wide Web Consortium). Tutto ciò implica che non è assicurato che uno script JS sia eseguito correttamente da un qualsiasi browser. JavaScript non è correlato a Java: sono linguaggi diversi. La somiglianza dei nomi è voluta. Inizialmente il linguaggio si chiamava LiveScript ma poi cambiò nel nome attuale per sfruttare la popolarità di Java. 1.2 Codice JavaScript incorporato in un file HTML Un programma JavaScript è eseguito durante la visualizzazione di un file HTML. Il codice JavaScript è incorporato nel file, racchiuso tra i tag <script> e </script>, e.g. <script type="text/javascript"> istruzioni JavaScript </script> l attributo type indica il linguaggio usato per scrivere lo script: <script type="text/javascript"> document.write( questa istruzione verra ignorata ); </script> 1.3 File sorgente JavaScript Un programma JS può essere anche scritto in un file esterno (con estensione.js) alla pagina web. Un file sorgente contiene solo codice JS, non contiene alcun tag, nemmeno i tag <script>. Per eseguire un file sorgente si deve aggiungere al tag <script> l attributo src che indica il percorso del file sorgente; le istruzioni comprese tra i tag <script> sono ignorate. E.g., <script type="text/javascript" src=./javafiles/esempio.js > document.write( questa istruzione verra ignorata ); </script> 1.4 Script multipli Nei documenti HTML possono essere presenti diversi script e si può combinare l uso di codice JavaScript incorporato con l uso di file sorgente. In entrambe le modalità, ogni sezione JavaScript di un documento HTML deve essere delimitata dai tag <script>. L ordine di esecuzione di ogni sezione JavaScript corrisponde all ordine di apparizione delle sezioni all interno del documento. 1

2 1.5 I commenti JavaScript Il codice sorgente di ogni programma (in un qualsiasi linguaggio di programmazione) deve essere documentato per favorire la sua manutenzione e il suo aggiornamento. Tale documentazione è possibile introducendo i commenti, delle righe di testo che non vengono eseguite dall interprete e che contengono delle informazioni sul programma, come la data di creazione del programma, il nome del programmatore, etc.. Come in Processing, Java e molti altri linguaggi di programmazione, esistono due tipi di commenti: i commenti monoriga che cominciano con due barre // e terminano in fondo alla riga, e i commenti multiriga che iniziano con /* e terminano con */. 1.6 Posizionamento del codice JS in un documento HTML Per visualizzare un messaggio che informi gli utenti che il loro browser è incompatibile con la versione di JS usata, si inserisce il messaggio tra i tag <noscript> e </noscript> che seguono la coppia di tag <script> e </script>. Una sezione JavaScript può essere inserita: nell intestazione di un documento HTML tra l intestazione e il corpo di un documento HTML nel corpo di un documento HTML Nel primo caso l esecuzione del codice JS avverrà prima della visualizzazione del documento HTML 2 Variabili Una variabile è una coppia < nome, valore > usata all interno di un programma per memorizzare valori durante la sua esecuzione. Prima di essere usata, una variabile deve essere creata o dichiarata: var miavariabile (senza inizializzazione) var miavariabile = 100 (con inizializzazione) var primavar = testo, secondavar =100, terzavar = 2.5 (inizializzazione multipla) nel caso di dichiarazione senza inizializzazione, il valore della variabile è indefinito. 2.1 Identificatori var è una parola chiave e come tale non può essere usata come nome di una variabile. I nomi di variabili si dicono anche identificatori e sono quelle parole formate da lettere maiuscole e minuscole, dai simboli $, _ e dalle cifre decimali che: 1. non siano parole chiave, 2. non abbiano come primo simbolo una cifra decimale. Per convenzione i nomi delle variabili iniziano con una lettera minuscola e se sono costituiti da più parole, l iniziale di ogni parola successiva alla prima è maiuscola (camel notation) oppure le parole sono separate dal simbolo _ detto underscore (e.g., valoremediodellasterlina oppure valore_medio_della_sterlina). 2

3 2.2 Comando di Assegnamento Il comando di assegnamento nome = valore permette di modificare il valore di una variabile, e.g. miocane = Setter Irlandese assegna alla variabile miocane il valore di tipo stringa Setter Irlandese. Per saperne di più sui tipi di dati di JS vai alla sezione 8. 3 Costrutti di controllo di JavaScript I costrutti di controllo di JavaScript sono identici ai costrutti di controllo di Java, Processing, C e molti altri linguaggi di programmazione. Riportiamo di seguito una descrizione sommaria di alcuni dei principali costrutti. 3.1 Comando if if (<espressione logica> ) Istruzione se l espressione logica è vera si esegue l istruzione 3.2 comando if-else if (<espressione logica> ) Istruzione1 else Istruzione2 se l espressione logica è vera si esegue Istruzione1 altrimenti si esegue Istruzione2. N.B. un istruzione è anche una sequenza di istruzioni separate da punti e virgole e racchiuse tra parentesi graffe: I 1 ;... ; I n. 3.3 Ciclo for Ha il formato dove for (I1; <espressione logica> ; I2) I3 I1 è l istruzione di inizializzazione <espressione logica> è la guardia del for I2 è l istruzione di incremento o aggiornamento I3 è il corpo del for L inizializzazione I1 assegna un valore ad una variabile, detta variabile di controllo. Se la guardia è vera si esegue il corpo I3 e poi l aggiornamento I2, poi si valuta di nuovo la guardia: se è vera si esegue di nuovo il corpo e l aggiornamento, finché l espressione logica diventa falsa. 3

4 4 Funzioni Un programma JavaScript è composto da una sequenza di istruzioni separate da punti e virgola. Come nella maggior parte dei linguaggi di programmazione è possibile definire delle procedure (che in Java e Processing si dicono metodi) assegnando un nome a una sequenza di istruzioni in modo tale che poi basti scrivere (anche in più punti di un programma) il nome della procedura affinché essa sia eseguita. In JavaScript, le procedure si dicono funzioni, sia che producano o meno un valore. Esistono funzioni predefinite come alert(), ma ogni programmatore può definire le funzioni che più gli convengono e usarle nei suoi programmi. Le definizioni di funzione sono preferibilmente inserite nell intestazione di un documento HTML. Le chiamate di funzione sono preferibilmente inserite nel corpo di un documento HTML. Una funzione è definita una sola volta, ma può essere chiamata un numero arbitrario di volte. 4.1 Definizione di funzioni Il formato della definizione di una funzione è il seguente dove function nome (lista parametri) { istruzioni } function : parola chiave che stabilisce l inizio di una definizione di funzione, nome : nome della funzione, lista parametri: sequenza eventualmente vuota di identificatori (separati da virgole) di variabili usate dalle istruzioni della funzione, istruzioni: sequenza di istruzioni che viene eseguita quando si chiama la funzione. La prima riga della definizione di una funzione si dice intestazione, le istruzioni sono il corpo della funzione. 4.2 Chiamata di funzioni Per eseguire le istruzioni di una funzione, bisogna chiamarla in uno o più punti del programma, ovvero scrivere il nome della funzione seguito tra parentesi da tanti valori (gli argomenti) quanti sono i parametri della funzione. L assegnamento degli argomenti ai parametri della funzione si dice passaggio dei parametri. Il passaggio dei parametri avviene immediatamente prima delle esecuzione delle istruzioni della funzione. 4.3 Funzioni che restituiscono valori L esecuzione di una funzione può anche produrre un valore che può essere usato in un altro punto del programma, quando nel corpo della funzione appaia l istruzione return, e.g. la funzione function media_numeri(a, b, c) { var somma_numeri = a+b+c ; var risultato = somma_numeri / 3 ; return risultato; } restituisce la media dei tre valori a, b, c. Il valore prodotto da una chiamata di media_numeri() può essere assegnato a una variabile per essere poi utilizzato: l istruzione var valorerestituito = media_numeri(1, 2, 3); 4

5 assegna la media di 1, 2, 3 alla variabile valorerestituito. N.B. In altri linguaggi di programmazione come Java, Processing si distingue tra procedure (funzioni che non restituiscono valori) e funzioni (funzioni che restituiscono valori. 4.4 funzione prompt La chiamata della funzione predefinita prompt("inserite il vostro nome", "inserite il vostro nome qui"); provoca l apparizione di una finestra di dialogo contenente un messaggio, una casella di testo, un pulsante OK e un pulsante annulla. 4.5 funzione alert La chiamata della funzione predefinita alert("benvenuto/a " + nome_utente + "!"); provoca l apparizione di una finestra di dialogo contenente un messaggio e un pulsante OK. 5 Oggetti JavaScript Abbiamo visto che una variabile serve per memorizzare dei dati utilizzabili da un programma. E possibile però memorizzare dati complessi come oggetti: JavaScript è un linguaggio orientato agli oggetti. Un oggetto rappresenta un entità che può essere descritta da una serie di proprietà o attributi e a un oggetto si possono applicare solo delle funzioni specifiche dette metodi dell oggetto. Un attributo di un oggetto invece può essere usato come una qualsiasi variabile. 5.1 Tag HTML come oggetti JavaScript Gli oggetti che di solito appaiono all interno di uno script corrispondono ai tag HTML di una pagina web, dove gli attributi dei tag corrispondono alle proprietà degli oggetti corrispondenti. Per accedere ad un tag, si utilizza il metodo getelementbyid() che agisce sull oggetto document. Il parametro deve essere il valore dell attributo id del tag desiderato. Ad esempio, per accedere al tag 5

6 si scrive: <img src= figura.jpg id= miaimm > var myimg=document.getelementbyid( miaimm ); che assegna alla variabile myimg l oggetto corrispondente al tag. A questo punto, l attributo src del tag corrisponde alla proprietà omonima dell oggetto myimg. Si noti che E.g., per modificare l attributo src del tag precedente si scrive: var myimg=document.getelementbyid( miaimm ); myimg.setattribute("src", figura2.jpg ); L effetto di quest istruzione è di cambiare l immagine visualizzata nella pagina: l immagine figura.jpg è sostituita dall immagine figura2.jpg. Per accedere a un attributo occorre usare la funzione getattribute(). Essa agisce su un oggetto (elemento di una pagina) e restituisce il valore dell attributo specificato come valore di tipo String. Ad esempio: var pathimg = myimg.getattribute("src"); assegna alla variabile pathimg il percorso dell immagine sotto forma di stringa. 5.2 Il DOM Il modello a oggetti di un documento (Document Object Model, DOM) è una libreria software per la rappresentazione, l accesso e la manipolazione di un documento scritto in un linguaggio di markup come (X)HTML. Esso permette a JavaScript l accesso alle pagine web, potendo modificarne la struttura, i contenunti e gli stili, modificando così l aspetto delle pagine. Ad esempio, le funzioni getelementbyid(), setattribute, getattribute() fanno parte del DOM. IL DOM è quindi il meccanismo fondamentale per il cosidetto DOM scripting (una volta si sarebbe detto HTML dinamico (DHTML)) che si realizza impiegando congiuntamente (X)HTML, fogli di stile CSS e JavaScript. (X)HTML definisce la struttura e i contenuti della pagina, CSS ne definisce il formato e JS, attraverso il DOM, definisce il comportamento della pagina, manipolando sia il codice (X)HTML che gli stili CSS, modificando così struttura, contenuti e formato. Ogni marcatore HTML è un oggetto che ha come proprietà i suoi attributi e i marcatori in esso annidati. Purtroppo i browser non implementano la stessa versione del DOM e nemmeno rispettano le specifiche standard del DOM fornite dal W3C, oggi giunte alla terza versione. Di conseguenza, non è sempre possibile creare pagine web dinamiche portabili, ovvero visualizzabili e funzionanti allo stesso modo con un qualsiasi browser. 5.3 Il BOM Il modello a oggetti del browser (Browser Object Model, BOM) è una libreria software per la rappresentazione, l accesso e la manipolazione della finestra del browser. Esso permette di determinare alcune caratteristiche del browser, come marca e modello. Non esiste uno standard de jure, ma è uno standard de facto poiché è sostanzialmente implementato allo stesso modo da tutti i browser. 6 Eventi JavaScript è in grado di rendere interattivi i documenti HTML perché è in grado di gestire circostanze specifiche, dette eventi, come il click del mouse, il caricamento di un immagine, il posizionamento del mouse su un particolare elemento del documento, etc.. La gestione degli eventi è di solito associata a un tag HTML (sorgente dell evento). Quando un evento si verifica, viene attivato il gestore di quell evento. 6

7 6.1 gestori di eventi Il gestore di un evento (event handler) è uno script JavaScript che è il valore di un attributo di un tag HTML sorgente dell evento: < taghtml evento = codice JS >. Ogni tag è una sorgente per alcuni tipi eventi. Ad esempio, il tag <a> (link) è una sorgente per gli eventi onclick, onmouseover, onmouseout; i tag <img> e <body> sono sorgenti per gli eventi onabort, onerror, onload, onunload. Ad esempio, il tag <body onload="saluti_utente()" onunload="commiato_utente()" > provoca la chiamata della funzione saluti_utente() al momento del caricamento o apertura del documento (onload) la chiamata della funzione commiato_utente() al momento dello scaricamento (onunload) del documento (chiusura della pagina, caricamento di un altra pagina). L evento associato al tag <a> più frequente è onclick che viene eseguito automaticamente dal browser aprendo il documento specificato dall URL dell attributo href (non è necessario inserire il gestore onclick ) <a href= altrapaginaweb.html > Un altra pagina web </a> La gestione dell evento onclick può essere ridefinita inserendo un gestore onclick appropriato; questo gestore dovrà restituire (con return) true oppure false se si vuole che dopo l esecuzione del gestore del click si carichi comunque la pagina oppure no. 7 Animazioni La possibilità di cambiare delle singole componenti di un documento HTML come un immagine in esso contenuta permette la possibilità di creare delle animazioni cambiando ad intervalli di tempo ravvicinati l immagine mostrata in un certo punto di una pagina, nello stesso modo in cui si realizzano i cartoni animati. La funzione setinterval( codice JS, tempo ) esegue ripetutamente il codice JavaScript passato come primo parametro ad intervalli temporali di ampiezza pari al parametro tempo (inteso in millisecondi). 7.1 Funzioni setinterval() e clearinterval() Useremo la funzione setinterval() per iterare il procedimento di sostituzione di un immagine con un altra e creare così un animazione, e.g. l istruzione var begin=setinterval( cambiaimmagine(), 2000) esegue il metodo cambiaimmagine() ogni 2000 msec = 2 sec. La funzione setinterval() restituisce anche un valore che viene assegnato alla variabile begin che può essere impiegata per fermare l esecuzione della funzione setinterval() e quindi bloccare l esecuzione ripetuta del metodo cambiaimmagine. Ciò è possibile chiamando il metodo clearinterval() applicato alla variabile begin : clearinterval(begin) 7

8 7.2 Funzioni settimeout() e cleartimeout() La funzione settimeout( codice JS, tempo ); esegue il codice JavaScript passato come primo parametro dopo che sia trascorso un intervallo di tempo (timeout), espresso in millisecondi, dal parametro tempo. Ad esempio, l istruzione var begin=settimeout( cambiaimmagine(), 2000) attende 2 secondi prima di eseguire il metodo cambiaimmagine(). La funzione settimeout() restituisce anche un valore che viene assegnato alla variabile begin che può essere impiegata per prevenire l esecuzione del metodo cambiaimmagine() invocando il metodo cleartimeout(begin) prima che sia scaduto il timeout. 8 Tipi di dati Un tipo di dato è un insieme di valori dotato di operazioni. JS dispone dei seguenti tipi di dati primitivi (predefiniti) : numeri interi e reali (entrambi rappresentati in virgola mobile a 64 bit secondo lo standard IEEE 754) ; valori booleani (true, false) ; stringhe ( questa e una stringa, ecco una seconda stringa ) ; il valore null (significa nessun valore), unico valore del tipo di dati null. Rappresenta anche l oggetto nessun oggetto. Una variabile non inizializzata ha valore undefined. JS è un linguaggio non tipato: a una variabile si possono assegnare (in tempi diversi) valori di tipo diverso. Ad es. le istruzioni seguenti variabilechecambia = ciao a tutti ; variabilechecambia = 3; variabilechecambia = 5.27 ; variabilechecambia = true; variabilechecambia = null; possono occorrere (non necessariamente in sequenza) all interno di uno script JavaScript. La funzione typeof (argomento) restituisce una stringa che rappresenta il tipo del valore dell argomento: number, string, boolean se il tipo di valore dell argomento è rispettivamente, un numero (intero o reale), una stringa o un valore booleano, object se il tipo di valore dell argomento è un oggetto, un array o il valore null, undefined se l argomento è indefinito. 8.1 Numeri I numeri, sia interi che reali sono rappresentati in virgola mobile a 64 bit secondo lo standard IEEE 754. Le costanti intere si rappresentano in notazione decimale: 234, -35, le costanti reali si rappresentano sia in virgola fissa 3.457, che con mantissa ed esponente: e-3 = I valori maggiori del massimo valore rappresentabile si rappresentano con il valore speciale Infinity mentre i valori inferiori al minimo valore rappresentabile si rappresentano con il valore speciale -Infinity 8

9 8.2 Operazioni aritmetiche Le principali operazioni su numeri sono: Ecco alcuni esempi: x = y*27 ; z=5%2 ; //z=1 u =4.3 %2.1 ; // u =0.1 altri operatori sono: Ecco alcuni esempi: y =x++; // y =x ;x =x+1 y =++x ; //x =x+1 ;y =x addizione sottrazione moltiplicazione divisione resto + - * / % incremento decremento negazione ++ - L operatore di assegnamento e addizione: se x e y sono due numeri, l istruzione x += y è equivalente all assegnamento a x della somma di x ed y x =x+y 8.3 Stringhe Una stringa è una sequenza di caratteri tra apici o doppi apici. All interno di stringhe delimitate da apici si possono scrivere doppi apici e viceversa, e.g. collaudo, 3.14, nome= mio modulo Attenzione: la tastiera italiana non distingue tra apostrofo e apice. In tal caso conviene scrivere \ per distinguere l apostrofo dall apice di fine stringa. Sequenze di escape: sono sequenze di caratteri che rappresentano caratteri speciali all interno di una stringa. La seguente tabella mostra alcune sequenze di escape. backspace \b avanzamento pagina \f avanzamento riga (new line) \n ritorno a capo \r tabulatore \t apice \ doppio apice \ backslash \\ Ad esempio, il cap della mia citta\ e\ 2010 è una stringa corretta, i miei files si trovano nella cartella C:\\PagineWeb\\FileJS è una stringa corretta, i miei files si trovano nella cartella C:\PagineWeb\FileJS non è una stringa corretta. Nelle stringhe si possono inserire anche dei tag HTML: il comando document.write( <i>questa riga e in corsivo</i> ) 9

10 stampa la riga: questa riga e in corsivo questo vale anche per gli altri marcatori. IL simbolo + rappresenta anche la concatenazione (giustapposizione) di stringhe: x = prima e + dopo ; // x = prima e dopo operatore di assegnamento e concatenazione: se x e y sono due stringhe, l istruzione x += y è equivalente all assegnamento a x della concatenazione di x ed y x =x+y La funzione eval(espressione) restituisce il valore dell espressione passata come stringa: e.g., eval( 3+5 ) restituisce come valore il numero Valori booleani Detti anche valori di verità. Costituiscono un insieme di due soli valori: true (vero) e false (falso). Le principali operazioni su valori booleani sono: && (congiunzione, and), (disgiunzione, or),! (negazione, not), Esempi: x=y&&z; // x=true sse y e z sono true x=y z ; // x = true sse y oppure z è true x=!y ; //x =true sse y èfalse 8.5 Operatori di confronto Sono operatori binari che restituiscono un valore booleano. Gli operatori di confronto sono: uguale == diverso!= maggiore > maggiore o uguale >= minore < minore o uguale <= Gli argomenti dei primi due operatori possono essere di tipo qualsiasi, mentre gli argomenti degli altri operatori sono numeri o stringhe (nel caso di stringhe si considera l ordinamento lessicografico). Esempi: x=(y ==z); // x=true sse y è uguale a z x=(y!=z); // x=true sse y è diverso da z 8.6 Array Un Array è una sequenza di variabili, ognuna delle quali può essere acceduta tramite un valore intero detto indice. Gli array sono oggetti e pertanto vanno istanziati con l istruzione new: la riga di programma lista_animali = new Array(5) ; crea un array di 5 elementi, chiamato lista_animali. I suoi elementi sono: lista_animali[0], lista_animali[1], lista_animali[2], lista_animali[3], lista_animali[4]. Ciascun elemento può essere usato come una variabile qualsiasi: 10

11 lista_animali[3] = gatto ; document.write(lista_animali[2] ); Gli array si istanziano anche nei 2 modi seguenti: lista_animali = new Array() ; lista_animali[4] = gatto ; La prima istruzione crea un array senza elementi, la seconda aggiunge 5 elementi e inizializza il quinto elemento. Altrimenti, si crea un array e lo si inizializza contemporaneamente lista_animali = new Array( gatto, cane, topo, gallo, capra ) ; dove la lista di valori tra parentesi tonde sono i valori degli elementi lista_animali[0], lista_animali[1], lista_animali[2], lista_animali[3], lista_animali[4]. 11

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Informatica Programmazione in JavaScript

Università di Pisa Dipartimento di Informatica Programmazione in JavaScript Università di Pisa Dipartimento di Informatica Programmazione in JavaScript Vincenzo Ambriola Versione 3.2 ~~~ 30 gennaio 2013 Prefazione Per chi si avvicina alla programmazione gli ostacoli da superare

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Metodologie Informatiche applicate al Turismo

Metodologie Informatiche applicate al Turismo Metodologie Informatiche applicate al Turismo 11. Realizzare Siti Dinamici e Applicazioni Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti L Html è stato pensato (e creato) per presentare contenuti statici che, visualizzati da utenti diversi, diano sempre lo stesso risultato. Per sopperire a questa

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

In questo capitolo verrà impostato un ambiente per

In questo capitolo verrà impostato un ambiente per Capitolo 3 Il primo script in JavaScript 3.1 Gli strumenti software 3.2 Impostazione dell ambiente di authoring 3.3 Cosa farà il primo script 3.4 Inserimento del primo script 3.5 Analisi dello script 3.6

Dettagli

PHP 1. Scripting lato server. Come funziona uno script. Che cosa è PHP 1. Esempio. Elementi del linguaggio. Più pseudo-tag nello stesso documento

PHP 1. Scripting lato server. Come funziona uno script. Che cosa è PHP 1. Esempio. Elementi del linguaggio. Più pseudo-tag nello stesso documento Scripting lato server Elementi del linguaggio PHP 1 L'URL che il browser richiede identifica una risorsa presente in un server http costituita da Codice HTML Pezzi di codice scritti in un linguaggio di

Dettagli

Esercizi di JavaScript

Esercizi di JavaScript Esercizi di JavaScript JavaScript JavaScript é un linguaggio di programmazione interpretato e leggero, creato dalla Netscape. E' presente a patire da Netscape 2 in tutti i browser ed é dunque il linguaggio

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi Appunti di Informatica 1 Gianluca Rossi Versione maggio 2011 Indice 1 Algoritmi, macchine e linguaggi di programmazione 3 1.1 La macchina di Von Neumann........................ 5 1.2 Dal linguaggio macchina

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Introduzione allo sviluppo Web. Studium Generale, a.a. 2013-2014, II semestre

Introduzione allo sviluppo Web. Studium Generale, a.a. 2013-2014, II semestre Introduzione allo sviluppo Web Studium Generale, a.a. 2013-2014, II semestre 1 Contatto Daniel Graziotin daniel.graziotin@unibz.it http://ineed.coffee/teaching/introdu zione-allo-sviluppo-web 2 Esame Esame

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql

2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql 2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql Lo scopo di questa esercitazione è realizzare un server web e costruire un database accessibile attraverso Internet utilizzando il server Apache, il linguaggio

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Problema e metodologie di progetto Linguaggio C: Introduzione Monica Mordonini Problema e Algoritmo

Dettagli

I principali tag nella realizzazione di pagine web

I principali tag nella realizzazione di pagine web Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web I principali tag nella realizzazione di pagine web

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Strumenti a disposizione

Strumenti a disposizione FORM Strumenti a disposizione L'HTML visto fino ad ora permette di descrivere solo documenti statici e passivi Colori, immagini, testi, etc... L'utente può solo interagire con i link Non sempre questo

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA L INIZIO 1 Capitolo 1 Esplorare il World Wide Web 3 1.1 Come funziona il World Wide Web 3 1.2 Browser Web 10 1.3 Server Web 14 1.4 Uniform Resource Locators 15 1.5

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 8. PHP Parte I Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica Applicata A.A. 2010/2011

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 3A AFM Codici ASCII e UNICODE. informatico. Schema Entità/Relazioni, definizione di entità, relazione, attributo, vista, istanza. Gli attributi e le loro caratteristiche: nome, tipo, dimensione, dominio,

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

PHP. Per poter interagire con i dati che si trovano sul server remoto occorrono strumenti server-side.

PHP. Per poter interagire con i dati che si trovano sul server remoto occorrono strumenti server-side. PHP Il linguaggio HTML e i linguaggi di scripting come Javascript impongono alcune limitazioni alle applicazioni che si possono realizzare : per esempio non è possibile costruire un sito Web che consenta

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE.

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE. Cos'è l'html HTML è una sigla che viene da una frase inglese che vuol dire: " Linguaggio di contrassegno di ipertesti" (Hyper Text Markup Language) L'Html non è un vero e proprio linguaggio di programmazione,

Dettagli

Laboratorio di reti II: PHP

Laboratorio di reti II: PHP Laboratorio di reti II: PHP Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 2 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: PHP 2 marzo, 2009 1 / 55 Il PHP Il PHP è un linguaggio di scripting che si può inserire

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Da JavaScript a Java Versione 3.4.05 Per la prima lezione in aula e la prima esercitazione in laboratorio 1 Da JavaScript a Java

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderanno le strutture di controllo, verrà introdotto

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni L informatica si occupa di rappresentare ed elaborare informazioni diverse: numeri caratteri audio immagini video I caratteri: ASCII

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML Reti Linguaggio HTML 1 HTML = Hypertext Markup Language E il linguaggio usato per descrivere documenti ipertestuali Ipertesto = Testo + elementi di collegamento ad altri testi (link) Linguaggio di markup:

Dettagli

Manuali.net. Nevio Martini

Manuali.net. Nevio Martini Manuali.net Corso base per la gestione di Siti Web Nevio Martini 2009 Il Linguaggio HTML 1 parte Introduzione Internet è un fenomeno in continua espansione e non accenna a rallentare, anzi è in permanente

Dettagli

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare.

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare. Capitolo 6 jquery Negli ultimi anni è stata rilasciata una mole incalcolabile di framework JavaScript, più o meno completi, realizzati per supportare nel miglior modo possibile lo sviluppatore web aiutandolo

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Le espressioni regolari.

Le espressioni regolari. Lezione 8 Le espressioni regolari. Le espressioni regolari. Corrispondenze e classi di caratteri. Le regular expressions (espressioni regolari) servono per descrivere dei modelli di stringa. E possibile

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Gaetano D Aquila Sommario Cosa è un foglio elettronico Caratteristiche di Microsoft Excel Inserimento e manipolazione dei dati Il formato dei dati

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED GUIDA ALL UTILIZZO DI MICROSOFT EXCEL 2000 GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED ALL UTILIZZO DEL FOGLIO ELETTRONICO MICROSOFT EXCEL 2000 A CURA DI FABIO SOLARINO dott. Fabio Solarino -- Servizio web della

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat File HTML e tag Un file HTML non è nient'altro che un puro file di testo al cui interno sono presenti delle

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Docente: Daniela Fogli Applicazioni web-based Il World Wide Web (W3C) [www.w3.org]: Fondato da Tim Berners-Lee

Dettagli

Introduzione a PHP. Simone Baldassin Webdesign

Introduzione a PHP. Simone Baldassin Webdesign Introduzione a PHP Phpè un linguaggio di programmazione nato nel 1995 per mano di RasmusLerdof utilizzando un set di caratteri binari scritto in C (altro linguaggio di programmazione) e gran parte della

Dettagli

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ...

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: <HTML>... HTML HyperText Markup Language Struttura di un documento HTML Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ... ... ... Struttura di un documento

Dettagli

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro excel Fogli Elettronici Un foglio elettronico (o spreadsheet) e` un software applicativo nato dall esigenza di organizzare insiemi di dati tramite tabelle, schemi, grafici, etc. effettuare calcoli di natura

Dettagli

Indice. Introduzione. I tipi aritmetici. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A.

Indice. Introduzione. I tipi aritmetici. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco Università degli studi di Padova A.A. 2014/2015 Indice Tipi semplici propri del linguaggio Variabili Tipi composti

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

Comprendere la precedenza degli operatori

Comprendere la precedenza degli operatori 1Costruire formule Le formule sono il cuore e l anima di un foglio di calcolo; Microsoft Excel offre un ambiente adatto in cui costruire formule complesse. Armato di pochi operatori matematici e regole

Dettagli

AJAX. Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1. Cos'è il Web 2.0

AJAX. Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1. Cos'è il Web 2.0 AJAX Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1 Cos'è il Web 2.0 Web 2.0 = termine introdotto per la prima volta nel 2004 come titolo di una conferenza promossa dalla casa editrice O Reilly L'idea è che ci si

Dettagli

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL 1 MICROSOFT EXCEL Molto spesso ci si trova a dover affrontare problemi che richiedono numerosi calcoli meccanici e ripetitivi. Un foglio elettronico è una tabella particolare che permette di far svolgere

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito.

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito. Word 2000 Core SOMMARIO Premessa... 4 Utilizzare il comando Annulla, Ripristina e Ripeti... 5 Applicare formato carattere: grassetto, corsivo e sottolineato... 5 Utilizzare il controllo ortografico...

Dettagli

String, Array e Main. Lezione 7

String, Array e Main. Lezione 7 String, Array e Main Lezione 7 Scopo della Lezione Presentare la classe String ed il tipo Stringa; Presentare ed imparare ad usare gli array in Java; Approfondire la conoscenza con il metodo speciale main.

Dettagli

FORMULE: Operatori matematici

FORMULE: Operatori matematici Formule e funzioni FORMULE Le formule sono necessarie per eseguire calcoli utilizzando i valori presenti nelle celle di un foglio di lavoro. Una formula inizia col segno uguale (=). La formula deve essere

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici. I dati nei linguaggi di programmazione. Dati. Dott.

Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici. I dati nei linguaggi di programmazione. Dati. Dott. Materiale didattico preparato dal dott. Stefano Ferilli Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici Dott. Pasquale Lops lops@di.uniba.it Corso di Programmazione - DIB 1/49

Dettagli

Introduzione ad AJAX

Introduzione ad AJAX Introduzione ad AJAX Asynchronous Javascript And XML (PWLS 6.9, 6.10) Complementi di Tecnologie Web A.A. 2011-2012 M.Franceschet, V.Della Mea e I.Scagnetto - 1 Limitazioni delle applicazioni web tradizionali

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

Guida introduttiva al Document Object Model

Guida introduttiva al Document Object Model Guida introduttiva al Document Object Model ( I.D. Falconi ~ 27.02.13) Il DOM (Document Object Model) è un modello che descrive come i diversi oggetti di una pagina web sono collegati tra loro. Tecnicamente

Dettagli

Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi. Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON

Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi. Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON Usare Python come calcolatrice Sul tuo computer clicca su: start, programmi, Python,

Dettagli

Rappresentazione digitale delle informazioni (ripasso e precisazioni)

Rappresentazione digitale delle informazioni (ripasso e precisazioni) Rappresentazione digitale delle informazioni (ripasso e precisazioni) Codifica Una codifica esatta a n bit è possibile solo quando l insieme delle informazioni da codificare è finito e di dimensione inferiore

Dettagli

www.mtcube.com Manuale di ASP

www.mtcube.com Manuale di ASP Manuale di ASP Sommario degli argomenti Che cosa sono le Active Server Pages... 3 Struttura, creazione ed esecuzione della pagina Asp... 3 Variabili e tipi di dati... 4 Numero Intero... 4 Numeri in virgola

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 Il Foglio elettronico: Excel 2010 Lisa Donnaloia - lisa.donnaloia@libero.it

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

Cookie e Webstorage. Vediamo ora i metodi dell oggetto localstorage. Per memorizzare un valore si utilizza il metodo setitem:

Cookie e Webstorage. Vediamo ora i metodi dell oggetto localstorage. Per memorizzare un valore si utilizza il metodo setitem: Cookie e Webstorage Un cookie (letteralmente biscotto) è un pacchetto di informazioni che viene salvato sul computer dell utente. In successive sessioni di collegamento a Internet (normalmente per un periodo

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

HTML 6. I frame. Sintassi di base. I frame e DOCTYPE FRAME. ...head...

HTML 6. I frame. Sintassi di base. I frame e DOCTYPE FRAME. ...head... <FRAMESET lista_attributi> <FRAME SRC= URL lista_attributi> FRAME HTML 6 I frame Danno la possibilità di creare finestre multiple all'interno della finestra del browser Si riesce a suddividere la pagina in più sezioni indipendenti, ma che si possono influenzare

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

FINALITÁ. Il modulo 4, richiede che il candidato comprenda il concetto di. foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma

FINALITÁ. Il modulo 4, richiede che il candidato comprenda il concetto di. foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 4 Excel A cura di Mimmo Corrado MODULO 4 - FOGLIO ELETTRONICO 2 FINALITÁ Il modulo 4, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli