leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it"

Transcript

1 leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

2 SCAFFALE APERTO DIDATTICA

3 Stefano Anselmi - Cristina Pietrantonio LE TRE ANIME DEL SUONO La voce tra mente e corpo ARMANDO EDITORE

4 ANSELMI, Stefano - PIETRANTONIO, Cristina Le tre anime del suono. La voce tra mente e corpo ; Roma : Armando, p. ; 20 cm. (Scaffale aperto - didattica) ISBN: Canto e fonazione 2. Sviluppo evolutivo 3. Stati emotivi e cantoterapia CDD Armando Armando s.r.l. Viale Trastevere, Roma Direzione - Ufficio Stampa 06/ Direzione editoriale e Redazione 06/ Amministrazione - Ufficio Abbonamenti 06/ Fax 06/ Internet: ; I diritti di traduzione, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), in lingua italiana, sono riservati per tutti i Paesi. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra SIAE, SNS e CNA, CONFARTIGIANATO, CASA, CLAAI, CONFCOMMERCIO, CONFESERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni a uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume/fascicolo, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Via delle Erbe, n. 2, Milano, telefax ,

5 Sommario PARTE PRIMA: A SCUOLA DI CANTO 9 Tra il dire e il fare 11 Comprare la passione 11 Suonare, cantare 14 Imparare da piccoli 15 L inciampo della coscienza 17 A porte chiuse 20 Il mal d ascolto 21 Imparare a cantare 25 Voce e (tras)formazione 27 Metafore 27 Vagabondaggi 28 Parole, parole, parole 29 Dal buio al sole 30 La vetrina vuota 32 L indicatore timbrico 34 PARTE SECONDA: IL CORPO CHE CANTA 37 Una sacra unità 39 Ragazzi selvaggi 39 Canto e linguaggio 41 Cantare il gesto, danzare il suono 44

6 Dare voce al corpo 45 Pensare, sentire 45 Messaggi dal basso 46 Essere in-tonati 48 Voce e spazio 50 L azione integrata 52 L orecchio destro 54 Chi ben comincia 56 I predatori dell aria perduta 59 Dal cosa al come 59 Un fenomeno complesso 61 Il diaframma 63 Guerra e pace 66 Ansia da prestazione 69 Dalla teoria alla prassi 70 PARTE TERZA: UNA TERRA DI CONFINE 75 Radici 77 Due passi nella savana 77 Tutto è tre 79 Senno e sensibilità 80 La voce animale 83 Bau bau, cip cip, cra cra 83 Il grido dell esserci 84 Alti, tosti e canterini 86 Pugni e carezze 89 La tenda nel deserto 91 La voce emotiva 93 Vicini vicini 93 Dalle emozioni ai sentimenti 95 L arte che cura 96 Ridere, piangere 97

7 La voce culturale 99 Magici rituali 99 In principio era il Verbo 100 Il silenzio del simbolo 102 I mille volti della lamentazione 103 Il nuovo canto 105 L etica del lamento 107 Uno, nessuno e centomila 108 La scimmia in frac 111 L impianto fonico 111 Per concludere 115 PARTE QUARTA: LA VOCE MAGICA 117 Il campione scalzo 119 La fiamma della candela 119 L equivoco 121 La parola e il canto 122 L equilibrio tensivo 123 Il sipario e la gabbia 125 Animali da palcoscenico 125 A rischio di estinzione 128 Un arte anacronistica 129 Cercatori di porte 131 La caduta e il volo 131 Gli overtone 134 Voce ed energia 136 Navigare la tempesta 137 La gioia di cantare 139 Ascoltare, ascoltarsi 141

8 PARTE PRIMA A SCUOLA DI CANTO

9 Tra il dire e il fare (sul perché imparare a cantare è più difficile di quanto sembra) Idealmente, vorrei essere l eterno novizio, perché soltanto allora le sorprese sarebbero infi nite. (Keith Jarret) Comprare la passione Se inizi a studiare canto, la prima cosa che fai, come tutti quelli che oggi si accingono ad abbracciare una passione, è comprare tutto sull argomento: metodi, spartiti, trattati, autobiografie, riviste, CD, DVD. La cosa buona della società dei consumi è proprio quella di rendere a portata di mano e a prezzi abbordabili una incredibile quantità di materiali: al centro commerciale trovi dalla metafisica di Aristotele alla crema anticellulite, dai pattini a rotelle agli anticoncezionali, dalle uova di storione alle schede telefoniche. Allo stesso modo, se vuoi cominciare a suonare, puoi andare a scegliere uno strumento musicale superaccessoriato fra i molti oggi disponibili. È incredibile ciò che questi giocattoli riescono a fare! Lo strumento elettronico è un oggetto ricco di possibilità, anche immediate. Vorrebbe lasciarci intendere di poter essere abbordato senza tante difficoltà, cioè senza che si operi un confronto reale tra la sua natura tecnica e la nostra preparazione in merito. In realtà questi strumenti sono profondamente complicati da intendere e da usare. L approccio ad uno strumento classico, come un normale pianoforte, non promette nulla, se non tenace lavoro. A differenza dei suoi parenti digitali con le loro 200 pagine di istruzioni allegate, però, non c è che da spingere un tasto e quel che ne esce è tutto ciò con cui dobbiamo confrontarci. La possibilità di accedere ad ogni tipo di oggetto è il dono di un mercato che, per sopravvivere, non fa che espandersi senza limiti. In questo 11

10 modo esso permette a chiunque di avere accesso a un incredibile varietà e quantità di informazioni, di protendersi verso qualsiasi interesse. Ma una volta raggiunto l oggetto del desiderio, grazie al suo acquisto, capita che la passione si dissolva, come se insorgesse in noi uno sgretolamento dell impulso a fare, un estinzione della forza che ci aveva inizialmente guidati. Nella fiera dei sogni realizzabili con il passaggio di una carta plastificata nell apposita fessura, delusi dalla labilità del nostro volere, ci è sempre più difficile riconoscere l autenticità del nostro interesse: Siamo entrati in un industria dell esperienza [ ]. L epoca della pazienza, dell attendere, tramonta a vantaggio di una cultura dell impazienza e della soddisfazione immediata del desiderio 1. Nei reparti dei megastore si è osservato che l esposizione di un eccessivo numero di prodotti provoca una sovrastimolazione sensoriale, negativa tanto per il venditore, quanto per il consumatore. I guru del marketing mettono in guardia da una possibile crisi di individuazione che potrebbe cogliere il potenziale acquirente. Sembra infatti che egli smarrisca, davanti all eccesso, il senso del suo essere lì a cercare una pentola, un secchio dell immondizia, un nastro isolante, uscendo dal negozio con cose superflue. Nel contempo il venditore vede sfumare la possibilità di piazzare un prodotto più mirato e di maggior valore, dato che un cliente confuso difficilmente si lancia a fare acquisti importanti. Qualcosa di analogo può accadere a chi senta di voler espandere la propria creatività, imparando a danzare, a suonare uno strumento musicale, iscrivendosi ad un corso di pittura, di arti marziali o di canto. Ogni cosa, ogni tipo di interesse, anche insignificante, fa oggi mercato e può trasformarsi in merce da comprare. Siamo degli iperconsumatori e tendiamo a vedere ogni cosa sotto l ottica dell oggetto-merce. La visione del prodotto, la sua immagine, le promesse che fa, ci ammaliano e ci rendono maturi all acquisto. Le nostre passioni, la nostra creatività, si traducono così in un tutù per la danza, un sassofono, tele da pittura, una spada da samurai, un impianto voce, un libro sul canto, la discografia completa dei nostri idoli. Prodotti che incidono ben poco, da soli, sul nostro potenziale apprendimento, dal momento che spesso ci rivolgiamo a questa mole di oggetti senza comprenderne l autentico scopo. Ci saranno davvero utili? La loro funzionalità sarà in grado di soddisfare le nostre esigenze? Saremo in grado di maneggiarli? 1 Lipovetsky, Gilles (2006), Una felicità paradossale, Milano, Raffaello Cortina,

11 L abbondanza e le facilitazioni di pagamento ci portano a perdere il fuoco della nostra intenzione e spesso acquistiamo la cosa che al momento ci colpisce di più, il prodotto che meglio contiene in sé l effetto vetrina. Perdere il contatto con le intenzioni che muovono il nostro agire, è un male tipico di questa civiltà di fine millennio. Il mercato e il consumo hanno oramai reificato ogni cosa, ogni oggetto o concetto, depauperandoli dalla loro sostanza primaria 2. È fuori dubbio che per chi riesce a gestire il suo ruolo di attore all interno di questo caos, di questa fiera dell opulenza ove tecnologia e organizzazione capitalistica hanno permesso a chiunque l accesso a strumenti fino a ieri considerati ad uso di pochi privilegiati, le cose non sono poi messe tanto male: egli sceglie ciò che più gli piace e lo interessa, ciò che più si adatta ai suoi gusti, alle sue esigenze e alle sue tasche. Benché per certi versi ci si debba dunque ritenere fortunati davanti alle possibilità di un mercato così vasto e prodigo, tanta abbondanza cela svariate ambiguità. Il vertiginoso accesso ad un immaginario consumistico privo di sostanza, di carnalità, rende oggi sempre più arduo gestire il mare di dati che ogni giorno ci attanaglia e colpisce, valutare la valenza reale di ciò con cui veniamo a contatto, intendere l incidenza che le informazioni che registriamo hanno sul nostro mondo interiore. Come difendersi, allora, dai pericoli di una possibile dissociazione fra intenzione e azione? Quando suoniamo un pianoforte stiamo solo spingendo il tasto giusto o abbiamo anche un contatto sensibile con quel suono? Quando poniamo il pennello sulla tela, stiamo solo seguendo un progetto, oppure sprofondando nella materia che quel timbro di colore apre alla nostra percezione? Quando cantiamo, miriamo ad essere un prodotto credibile, come questa o quella star che tanto ci piacciono, o siamo immersi nella sensazione di essere un corpo sonoro e vibrante? Non disperdere le intenzioni e capire che l adesione a un percorso non può limitarsi al compra e sarai ciò che vuoi, è forse una delle sfide più ardue e complesse da affrontare, oggi, per chi intraprende un cammino nel mondo dell arte. 2 La reificazione è un processo mentale per cui si converte in concetto (o, nel nostro caso, oggetto-prodotto) il contenuto di un esperienza. 13

12 Suonare, cantare La musica viene prodotta per lo più da strumenti, in considerevole numero. Il loro utilizzo artistico viene insegnato in conservatori, scuole musicali, accademie, che fra i corsi di studio propongono anche il canto. Nella formulazione dei programmi didattici l insegnamento del canto viene concepito come uno tra i diversi corsi di studio: al pari di quello di altri strumenti, prevede il conseguimento di un diploma attraverso un preciso programma di studi, articolato in materie principali e complementari, dal livello base a quello superiore. Ma la voce umana può essere studiata come il pianoforte, il violino, la tromba, il contrabbasso, le percussioni, tanto per citarne alcuni? Può, in definitiva, essere considerata uno strumento? Nell approccio allo studio della musica, ci troviamo davanti a due mondi ben distinti: uno è quello che ci lega alla materia, variegata e inanimata, dell oggetto produttore di suono (legni, ottoni, archi, timpani e così via): lo strumento per antonomasia. L altro è quello, unico, costituito da materia organica, ovvero il corpo-voce. Che però, al pari di uno strumento, viene a farsi artefice della produzione musicale. Strumento e strumentista, per quanto riguarda la voce, sono la stessa cosa: il modo di intendere la sostanza materica dell oggetto musicale prende dunque una valenza diversa, poiché la voce che canta è tutt uno con l elemento agente. Nel canto il dualismo oggetto-soggetto viene a cadere: mentre per uno strumentista è possibile osservare il proprio strumento, verificarne la resa timbrica mediante un ascolto esterno, il cantante non potrà mai far bene il suo lavoro, se non sviluppa una sensibilità all ascolto interno, se non unisce cioè osservatore e cosa osservata, se non comprende che durante la produzione del suono egli è un unico agente: il cantore. Lo strumentista è inoltre nella facoltà di imparare da giovanissimo, mentre il cantante per iniziare gli studi deve attendere la tappa fisiologica della muta vocale. Naturalmente è possibile cantare anche prima che questa avvenga, ma la cosiddetta voce bianca è un fenomeno a sé: una voce androgina, in cui non si riconosce il timbro maschile da quello femminile e che all ascolto risulta piuttosto fissa e sempre simile a se stessa 3. Inoltre tra voce bianca e voce adulta non vi è una continuità, un graduale sviluppo: lo studio effettuato prima della muta, dopo questa va comunque 14 3 Ciò avviene anche quando a cantare sono bambini di diverse culture e nazionalità.

13 ripreso daccapo. Il cantante, dovendo aspettare la sua maturazione vocale per potersi dedicare allo studio, a differenza dello strumentista è costretto a confrontarsi con una sensibilità adulta, non più disponibile ai canali primigeni dell infanzia. Ecco perché malgrado si pensi che imparare a suonare uno strumento sia molto più difficile che imparare a cantare, nel mondo della musica ci sono molti più bravi strumentisti che bravi cantanti. Dietro l apparente facilità d apprendimento che il canto lascia intendere, si nasconde una complessità profonda. Una complessità che genera difficoltà ad approcciare quest arte in misura direttamente proporzionale alla presenza di strutture caratteriali tipiche dell adulto, edificatesi insieme alla maturazione dei processi cognitivi nell ambiente sociale. Imparare da piccoli L enorme capacità dei bambini di apprendere abilità e capacità, impensabile per un adulto, è nota e sfruttata sin dall antichità: in Egitto e in Mesopotamia alcuni piccoli venivano scelti e sottratti alle famiglie per essere istruiti a diventare degli scriba. Lo scriba, che valeva tanto oro quanto pesava, sapeva vergare segni complicatissimi, in grado di rappresentare le parole di un sacerdote, di un regnante o di un ricco commerciante e il durissimo insegnamento che gli veniva imposto non avrebbe avuto frutti, se iniziato in età più avanzata. Il momento magico per l apprendimento dei bambini coincide con i primi anni di vita: fra i tre e i nove, in rari casi fino agli undici anni. Imparare attività speciali e complesse in tenera età è dunque un imperativo quasi categorico. I cuccioli d uomo hanno un cervello e un corpo ancora in formazione, il che, per quanto riguarda l apprendimento di particolari abilità, diventa paradossalmente vantaggioso, dato che questo stato si protrae negli umani particolarmente a lungo 4. I vantaggi di cui gode un cervello immaturo sono quelli di poter effettuare strategie intuitive in grado di sintetizzare la complessità di un evento, 4 Gli esseri umani sono i più neotenici del mondo animale: essi devono essere accuditi molto a lungo, anche perché nascono, diciamo, prematuri (alcuni affermano addirittura di 12 mesi; il che sarebbe a dire che alla nascita uno scimpanzè ha uno sviluppo morfologico equivalente a quello di un bambino di un anno). 15

14 rendendolo contattabile. Mentre l adulto indaga il mondo quasi sempre attraverso decodificazioni di tipo razionale, il bambino parte da un incontro diretto con la realtà, principalmente attraverso azioni motorie: tocco l albero, vedo l albero, conosco l albero. L operatività cerebrale dei bambini è caratterizzata da una scarsa quantità di dati immagazzinati nella memoria a lungo termine, dall incapacità di tenere aperta a lungo la memoria di lavoro e da una difficoltà a cogliere i dettagli. I piccoli, per usare una metafora, non sono in grado di descrivere i singoli alberi, ma sanno sicuramente riconoscere la foresta 5. L esperienza, nei bambini, si forma dunque a partire da nulla: quando nell apprendimento incontrano qualcosa di nuovo, la loro memoria non è in grado di metterla in relazione con dati già posseduti. Il loro modo di apprendere, perciò, è del tutto diverso da quello dell adulto: il bambino impara a partire da uno stato di azione integrata in cui i portali di intendimento (sia corporei che cognitivi) sono ancora aperti e globalmente interagenti. Molti studiosi del linguaggio e dell educazione sono concordi nell affermare che i bambini, per tutte queste ragioni, abbiano accesso privilegiato alla capacità di procedere per intuito: ciò che i neuroscienziati chiamano insight. L insight è una sorta di illuminazione, di idea improvvisa, che arriva a risolvere un problema complesso rimasto insoluto dentro la persona: una forma di apprendimento spontaneo, in sostanza, in cui i dati vengono risistemati tutti insieme e le nuove informazioni subito consolidate, portando al formarsi di una nuova percezione generale. L apprendimento dei bambini, quindi, non avviene in modo lento e graduale, ma a grandi balzi. L adulto, invece, raggiunge con difficoltà stati di insight, poiché l educazione a cui siamo soggetti ci porta a confinare nell inconscio gli aspetti emo-istintuali e a privilegiare quelli ad elaborazione cosciente. L individuo adulto, per rispettare norme e convenzioni, deve operare un controllo continuo su di sé, dando vita ad una guida cosciente del comportamento. Ecco perché, quando lavorano con soggetti adulti, pratiche orientali come lo yoga, le arti marziali o la meditazione, insistono molto sull abbandono dell Io. 5 La capacità di cogliere i dettagli solitamente matura con l età e per stadi successivi. La memoria di lavoro è detta anche memoria a breve termine (MBT): elabora dati in diretta ed è in grado di gestire sofisticati meccanismi di controllo del comportamento. 16

15 L inciampo della coscienza Un rumore improvviso in casa, di notte. È il parquet del soggiorno che si assesta? Ci stanno rubando l argenteria? Fermi nel buio, ci affrettiamo a cercare una spiegazione. Potremmo andare a vedere. Invece la mente reagisce per inquadrare la situazione ed assumerne il controllo. Nel nostro lontano passato, a scattare era una risposta di ordine fisico: un azione ponderata, e quindi lenta, poteva esserci fatale. Oggi però non c è un predatore che ci attacca, ma la suocera che s intromette, il collega che ci calunnia, il vigile che ci multa: la semplice, naturale, immediata reazione fisica viene, dunque, quasi sempre inibita dai sistemi di controllo superiore. Il nostro istinto è ancora quello del neolitico, ma oggi, per ovvi motivi, deve essere tenuto a bada. Ciò che ieri era automatico per il corpo (una reazione motoria a contingenze naturali), oggi lo è per la mente (una reazione psicologica a problematiche sociali). Abbiamo dunque imparato a dare precedenza alla parte logica e razionale del nostro cervello, riponendo in essa assoluta fiducia. Purtroppo, però, poiché i lobi cerebrali funzionano in modo asimmetrico, la nostra razionalità procede attraverso itinerari alquanto astrusi, generando a volte letture della realtà viziate 6. Ciò venne messo in luce da un noto esperimento, praticato su alcuni soggetti che avevano subito la resezione chirurgica del corpo calloso per curare una forma molto grave di epilessia. L intervento, disconnettendo tra loro i due emisferi celebrali, rendeva possibile studiarne l effettiva modalità di funzionamento 7. L esperimento prevede di porre di fronte ai soggetti un pannello con due immagini, in modo che l immagine destra non rientri nel campo visivo dell occhio sinistro e viceversa: ogni occhio percepisce dunque soltanto ciò che è situato dalla sua parte. All occhio sinistro viene mostrato un paesaggio innevato, mentre al destro una zampa di gallina. I volontari hanno inoltre a portata di ciascuna mano altre immagini: il compito è sceglierne una, abbinandola a quella raffigurata sul pannello (fig. 1.1). La mano sinistra indica la pala da neve in relazione al paesaggio innevato, codificato dall occhio sinistro: entrambi sono controllati dall emisfe- 6 Sulla labilità dell azione razionale vedi Mèrò, Làszlò, I limiti della razionalità, Bari, Dedalo, Esperimento condotto dall equipe del neurologo Michael S. Gazzaniga alla fine degli anni

16 ro cerebrale destro. L emisfero sinistro, invece, controlla l occhio destro, che vede la zampa di gallina sul pannello e la mano destra, che sceglie, in relazione ad essa, la testa dell animale. Fig Esperimento sulle funzioni lateralizzate del cervello. Fin qui, tutto bene. Quando però viene richiesto di spiegare i motivi dell associazione, i risultati sono sorprendenti: i volontari non hanno difficoltà a spiegare perché hanno associato la zampa alla gallina, ma per quel che riguarda la pala, dopo qualche tentennamento, danno risposte del tipo per ripulire il pollaio. L emisfero destro, infatti, riconosce che la pala può essere utile per la neve, dimostrando di avere una visione reale, veloce ed immediata della situazione, ma non è in grado di fornire spiegazioni all evidenza. A rispondere è allora l emisfero sinistro, ove sono collocati i centri del linguaggio. 18

17 A causa della resezione che ne chiude i collegamenti con la parte destra, l emisfero sinistro non sa del paesaggio innevato, tuttavia si affanna, dato che questo è il suo compito, a costruire una risposta logica, dando così vita a ciò che i neurologi definiscono confabulazione: una costruzione di risposte su fatti o cose, coerenti ma non veritiere, in situazione di forte carenza di informazioni al riguardo. In definitiva la coscienza critica, che opera principalmente attraverso il linguaggio, tende a porre in secondo piano l elaborazione intuitiva ed olistica del lobo destro: un vizio che, in diversa misura, viene ad emergere anche nel cervello di un soggetto sano. Tra gli inciampi della nostra coscienza razionale c è inoltre da annoverare quello derivante da un uso massiccio della memoria prospettica, che la civiltà occidentale sfrutta in eccesso per affrontare con velocità ed efficienza quel gran numero di informazioni e dati che ogni giorno assediano la nostra vita. Questo tipo di memoria, fiore all occhiello dell operatività mentale, è gestita dalla neocorteccia e ha la funzione di suddividere e catalogare i dati tratti dall esperienza, per poterne disporre con velocità e prontezza 8. Essa ci è utile quando si presentano delle esperienze, nuove, ma analoghe a qualcosa di già visto. Quando però questa memoria si incontra con un esperienza che non ha analoghi nei suoi magazzini, può falsarne la lettura: funzionando per associazione, tenderà infatti a correlare il nuovo con qualcosa di già vissuto. La memoria prospettica, in definitiva, non ha gli strumenti per riconoscere il nuovo, ovvero l ospite più gradito nei contesti di apprendimento. Sembra dunque che diversi aspetti della nostra operatività mentale possano diventare un ostacolo, anziché un vantaggio, per tutta quella serie di attività umane dove ad essere vincenti sono prima di tutto l istinto e l intuito, ovvero una capacità inconscia e autonoma di rispondere all ambiente in modo veloce ed efficace senza il ricorso ad elaborazioni di tipo superiore 9. 8 Nel nostro cervello lavorano diversi tipi di memoria, con diverse funzioni: procedurale, autobiografica, semantica, episodica, emozionale, prospettica. Quest ultima, detta anche associativa, correla i nuovi dati a quelli già presenti nel bagaglio della memoria e in base a ciò costruisce proiezioni future. 9 Berti, Anna (2010), Neuropsicologia della coscienza, Torino, Bollati Boringhieri, A tale riguardo, si vedano inoltre Gladwell, Malcolm, In un batter di ciglia, Milano, Mondadori, 2005 e Gingerenzer, Gerd, Decisioni intuitive, Milano, Raffaello Cortina, 2009, dedicati alle scelte fatte senza pensarci troppo. 19

18 Ed ecco perché per i bambini, che non hanno ancora strutturato i sistemi di elaborazione superiore, è più facile imparare le lingue, suonare uno strumento musicale, dedicarsi alla danza o a certi sport. Chi si appresta allo studio del canto, però, dovendo necessariamente farlo solo dopo aver raggiunto l età adulta, tenderà a gestire il lavoro prevalentemente con la parte conscia e consapevole di sé, anche se il canto viene processato in modo assolutamente preponderante dall emisfero destro, dove non agiscono le compressioni cognitive operate dal linguaggio, dove c è visione senza mediazione. Il canto non può essere inteso, prodotto o sostenuto dal lavoro del pensiero critico, che elabora e pianifica la sua azione nella parte sinistra dell encefalo. Cantare, come scendere le scale, è un esperienza procedurale: un attività che si apprende selezionando e rendendo automatici un gran numero di processi. Il canto viene messo in difficoltà da una costante presenza critica: pensiamo a come sarebbe difficile allacciarci le scarpe se cominciassimo a porre mente ad ogni piccolo movimento necessario per farlo! L adulto che impara a cantare, dunque, inciampa costantemente nei processi della coscienza, ostacolando un apprendimento che predilige itinerari inconsci. A porte chiuse Un ambulanza che sfreccia per le vie, un gatto che cade dal balcone della vicina, un corteo di auto che festeggia una coppia di sposi, il frastuono di un cantiere, la festa nella casa di fronte : in ogni istante siamo sottoposti a un bombardamento di segnali in entrata che fondamentalmente non ci riguardano, se non per via di quei sottili e complessi processi di identificazione che tutti noi abbiamo con il corpus sociale. Una cascata di segnali di ogni tipo circonda la nostra esperienza percettiva, senza avere per noi un significato. Questo ci obbliga, ogni giorno, a limitare l azione dei nostri sensi, agenti all interno di un habitat produttore di stimoli di ogni genere, sia diretti, come rumori assordanti, immagini continue, olezzi artificiali, che indiretti, presentatici dai mezzi di informazione in generale, dalla cronaca rosa fino alle notizie più terribili. In un ambiente altamente complesso, come quello della nostra attuale società, il controllo che poniamo sulla percezione è direttamente proporzionale alla nostra capacità di contenere l azione degli agenti stressori. 20

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE Alessandra Zambelli EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE ZAMBELLI, Alessandra Educacibo. Impariamo a gustare il cibo sano ; Roma : Armando, 2014 96 p. ; 27 cm. (Scaffale aperto) ISBN:

Dettagli

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Claudia Azzaro Parlare GIOCANDO Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Armando editore 3 AZZARO, Claudia Parlare giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene ;

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

LABORATORIO di MUSICA

LABORATORIO di MUSICA Pag. 1 di 6 LABORATORIO di MUSICA Anno Scolastico 2015/2016 CLASSI I A e B In-canto: magia dei suoni Scuola Primaria Messina EMISSIONE APPROVAZIONE REVISIONI FIRMA REFERENTE 1 Pag. 2 di 6 PRESENTAZIONE.

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it SCAFFALE APERTO Carolyn Stone I COMPORTAMENTI SBAGLIATI CHE CI AVVELENANO L ESISTENZA Come riconoscerli e liberarsene ARMANDO

Dettagli

Cervello, Mente e loro Sviluppo. La metacognizione

Cervello, Mente e loro Sviluppo. La metacognizione Cervello, Mente e loro Sviluppo La metacognizione Il bambino ha nei due emisferi potenziali cerebrali di apprendimento superiori a quelli dell adulto. Pertanto è necessario creare una didattica che permetta

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

LABORATORI DI MUSICOTERAPIA ALLA SCUOLA MATERNA E PRIMO CICLO ELEMENTARI

LABORATORI DI MUSICOTERAPIA ALLA SCUOLA MATERNA E PRIMO CICLO ELEMENTARI LABORATORI DI MUSICOTERAPIA ALLA SCUOLA MATERNA E PRIMO CICLO ELEMENTARI Attraverso l aiuto della musica, l aspetto comunicativo viene percepito in maniera totale: oltre alla comunicazione verbale, vengono

Dettagli

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu LA LUNA AL GUINZAGLIO Presenta UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu Laboratorio teatrale per le scuole primarie sul tema della tolleranza e della diversità DESCRIZIONE Ci sono molti modi per

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

La promozione della sicurezza domestica in età evolutiva attraverso attività didattiche di carattere ludico-motorio

La promozione della sicurezza domestica in età evolutiva attraverso attività didattiche di carattere ludico-motorio La promozione della sicurezza domestica in età evolutiva attraverso attività didattiche di carattere ludico-motorio Monica Magnone Coordinatore Educazione Fisica e Sportiva - Ufficio Scolastico XII Verona

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06.

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06. La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Alla base della dislessia ci sarebbe una comunicazione carente fra le aree cerebrali

Dettagli

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso?

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso? Da 1200 a 12.000 partecipanti in dieci anni. Sono queste le cifre impressionanti del corso Sprigiona il Potere che è in Te di motivazione personale di Anthony Robbins, uno dei massimi eventi formativi

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

UN ANIMALE PER AMICO

UN ANIMALE PER AMICO UN ANIMALE PER AMICO Con Emilia ci divertiamo e impariamo!!! NIDO AZIENDALE ARCOBALENO Educatrici: Bessega Simona Rossi Irene Pinzoni Irene Referente Pedagogica: d.ssa Maria Chiara Brunello PREMESSA Per

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015 ALCOL E CERVELLO raffaella ada colombo Tenero, 7.11.2015 Stati alterati di coscienza Il termine stati alterati di coscienza si riferisce ad ogni stato di coscienza che è differente dal livello di consapevolezza

Dettagli

ANALISI TRANSAZIONALE

ANALISI TRANSAZIONALE ANALISI TRANSAZIONALE Modulo di training alla comunicazione efficace secondo il modello di Eric Berne dott. Rinaldi Livio COMUNICAZIONE ASIMMETRICA comunicativa Asimmetria Età scolare Adolescenza Maturità

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

marketing a costo zero www.giovannimatera.it

marketing a costo zero www.giovannimatera.it marketing a costo zero Cosa è il Marketing? Promozione: l azione di far conoscere. Campagna: Una serie di azioni programmate. Strategia: Costruzione e gestione di una rete commerciale. Target: Gruppo omogeneo

Dettagli

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Sviluppo e Integrazione delle Funzioni Neuropsicologiche Verona 26 Febbraio 2011 maurizio gioco Centro Ricerca, Diagnosi e Cura per l Autismo Az.Ulss20

Dettagli

Nati per la Musica. Informazioni e strumenti per operatori e promotori

Nati per la Musica. Informazioni e strumenti per operatori e promotori Nati per la Musica Informazioni e strumenti per operatori e promotori NATI PER LA MUSICA INFO natiperlamusica.it natiperlamusica@csbonlus.org natiperlamusica.blogspot.it Segreteria Nazionale c/o Centro

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi

DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi PROGETTO L ARTE DEL RACCONTO E DEL SILENZIO DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi Partendo dalla considerazione che il quadro racconta una storia, trasmette emozioni, è traccia di un significato e porta

Dettagli

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Aspetto COGNITIVO Aspetto AFFETTIVO EMOTIVO Aspetto RELAZIONALE Capacità motorie Abilità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

IL PRIMO SITO CHE TI SPIEGA COS 'E' E COME FARE FUNZIONARE SEMPRE

IL PRIMO SITO CHE TI SPIEGA COS 'E' E COME FARE FUNZIONARE SEMPRE IL PRIMO SITO CHE TI SPIEGA COS 'E' E COME FARE FUNZIONARE SEMPRE LA LEGGE DI ATTRAZIONE : Cosa troverai in questo sito: Cos'è (teoria e supporti scientifici) Come funziona (pensiero + energia) Pensiero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante RESOCONTTI Il presente elaborato è un resoconto dell attività di ricerca del progetto formativo svolto presso

Dettagli