leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it"

Transcript

1 leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

2 SCAFFALE APERTO DIDATTICA

3 Stefano Anselmi - Cristina Pietrantonio LE TRE ANIME DEL SUONO La voce tra mente e corpo ARMANDO EDITORE

4 ANSELMI, Stefano - PIETRANTONIO, Cristina Le tre anime del suono. La voce tra mente e corpo ; Roma : Armando, p. ; 20 cm. (Scaffale aperto - didattica) ISBN: Canto e fonazione 2. Sviluppo evolutivo 3. Stati emotivi e cantoterapia CDD Armando Armando s.r.l. Viale Trastevere, Roma Direzione - Ufficio Stampa 06/ Direzione editoriale e Redazione 06/ Amministrazione - Ufficio Abbonamenti 06/ Fax 06/ Internet: ; I diritti di traduzione, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), in lingua italiana, sono riservati per tutti i Paesi. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra SIAE, SNS e CNA, CONFARTIGIANATO, CASA, CLAAI, CONFCOMMERCIO, CONFESERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni a uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume/fascicolo, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Via delle Erbe, n. 2, Milano, telefax ,

5 Sommario PARTE PRIMA: A SCUOLA DI CANTO 9 Tra il dire e il fare 11 Comprare la passione 11 Suonare, cantare 14 Imparare da piccoli 15 L inciampo della coscienza 17 A porte chiuse 20 Il mal d ascolto 21 Imparare a cantare 25 Voce e (tras)formazione 27 Metafore 27 Vagabondaggi 28 Parole, parole, parole 29 Dal buio al sole 30 La vetrina vuota 32 L indicatore timbrico 34 PARTE SECONDA: IL CORPO CHE CANTA 37 Una sacra unità 39 Ragazzi selvaggi 39 Canto e linguaggio 41 Cantare il gesto, danzare il suono 44

6 Dare voce al corpo 45 Pensare, sentire 45 Messaggi dal basso 46 Essere in-tonati 48 Voce e spazio 50 L azione integrata 52 L orecchio destro 54 Chi ben comincia 56 I predatori dell aria perduta 59 Dal cosa al come 59 Un fenomeno complesso 61 Il diaframma 63 Guerra e pace 66 Ansia da prestazione 69 Dalla teoria alla prassi 70 PARTE TERZA: UNA TERRA DI CONFINE 75 Radici 77 Due passi nella savana 77 Tutto è tre 79 Senno e sensibilità 80 La voce animale 83 Bau bau, cip cip, cra cra 83 Il grido dell esserci 84 Alti, tosti e canterini 86 Pugni e carezze 89 La tenda nel deserto 91 La voce emotiva 93 Vicini vicini 93 Dalle emozioni ai sentimenti 95 L arte che cura 96 Ridere, piangere 97

7 La voce culturale 99 Magici rituali 99 In principio era il Verbo 100 Il silenzio del simbolo 102 I mille volti della lamentazione 103 Il nuovo canto 105 L etica del lamento 107 Uno, nessuno e centomila 108 La scimmia in frac 111 L impianto fonico 111 Per concludere 115 PARTE QUARTA: LA VOCE MAGICA 117 Il campione scalzo 119 La fiamma della candela 119 L equivoco 121 La parola e il canto 122 L equilibrio tensivo 123 Il sipario e la gabbia 125 Animali da palcoscenico 125 A rischio di estinzione 128 Un arte anacronistica 129 Cercatori di porte 131 La caduta e il volo 131 Gli overtone 134 Voce ed energia 136 Navigare la tempesta 137 La gioia di cantare 139 Ascoltare, ascoltarsi 141

8 PARTE PRIMA A SCUOLA DI CANTO

9 Tra il dire e il fare (sul perché imparare a cantare è più difficile di quanto sembra) Idealmente, vorrei essere l eterno novizio, perché soltanto allora le sorprese sarebbero infi nite. (Keith Jarret) Comprare la passione Se inizi a studiare canto, la prima cosa che fai, come tutti quelli che oggi si accingono ad abbracciare una passione, è comprare tutto sull argomento: metodi, spartiti, trattati, autobiografie, riviste, CD, DVD. La cosa buona della società dei consumi è proprio quella di rendere a portata di mano e a prezzi abbordabili una incredibile quantità di materiali: al centro commerciale trovi dalla metafisica di Aristotele alla crema anticellulite, dai pattini a rotelle agli anticoncezionali, dalle uova di storione alle schede telefoniche. Allo stesso modo, se vuoi cominciare a suonare, puoi andare a scegliere uno strumento musicale superaccessoriato fra i molti oggi disponibili. È incredibile ciò che questi giocattoli riescono a fare! Lo strumento elettronico è un oggetto ricco di possibilità, anche immediate. Vorrebbe lasciarci intendere di poter essere abbordato senza tante difficoltà, cioè senza che si operi un confronto reale tra la sua natura tecnica e la nostra preparazione in merito. In realtà questi strumenti sono profondamente complicati da intendere e da usare. L approccio ad uno strumento classico, come un normale pianoforte, non promette nulla, se non tenace lavoro. A differenza dei suoi parenti digitali con le loro 200 pagine di istruzioni allegate, però, non c è che da spingere un tasto e quel che ne esce è tutto ciò con cui dobbiamo confrontarci. La possibilità di accedere ad ogni tipo di oggetto è il dono di un mercato che, per sopravvivere, non fa che espandersi senza limiti. In questo 11

10 modo esso permette a chiunque di avere accesso a un incredibile varietà e quantità di informazioni, di protendersi verso qualsiasi interesse. Ma una volta raggiunto l oggetto del desiderio, grazie al suo acquisto, capita che la passione si dissolva, come se insorgesse in noi uno sgretolamento dell impulso a fare, un estinzione della forza che ci aveva inizialmente guidati. Nella fiera dei sogni realizzabili con il passaggio di una carta plastificata nell apposita fessura, delusi dalla labilità del nostro volere, ci è sempre più difficile riconoscere l autenticità del nostro interesse: Siamo entrati in un industria dell esperienza [ ]. L epoca della pazienza, dell attendere, tramonta a vantaggio di una cultura dell impazienza e della soddisfazione immediata del desiderio 1. Nei reparti dei megastore si è osservato che l esposizione di un eccessivo numero di prodotti provoca una sovrastimolazione sensoriale, negativa tanto per il venditore, quanto per il consumatore. I guru del marketing mettono in guardia da una possibile crisi di individuazione che potrebbe cogliere il potenziale acquirente. Sembra infatti che egli smarrisca, davanti all eccesso, il senso del suo essere lì a cercare una pentola, un secchio dell immondizia, un nastro isolante, uscendo dal negozio con cose superflue. Nel contempo il venditore vede sfumare la possibilità di piazzare un prodotto più mirato e di maggior valore, dato che un cliente confuso difficilmente si lancia a fare acquisti importanti. Qualcosa di analogo può accadere a chi senta di voler espandere la propria creatività, imparando a danzare, a suonare uno strumento musicale, iscrivendosi ad un corso di pittura, di arti marziali o di canto. Ogni cosa, ogni tipo di interesse, anche insignificante, fa oggi mercato e può trasformarsi in merce da comprare. Siamo degli iperconsumatori e tendiamo a vedere ogni cosa sotto l ottica dell oggetto-merce. La visione del prodotto, la sua immagine, le promesse che fa, ci ammaliano e ci rendono maturi all acquisto. Le nostre passioni, la nostra creatività, si traducono così in un tutù per la danza, un sassofono, tele da pittura, una spada da samurai, un impianto voce, un libro sul canto, la discografia completa dei nostri idoli. Prodotti che incidono ben poco, da soli, sul nostro potenziale apprendimento, dal momento che spesso ci rivolgiamo a questa mole di oggetti senza comprenderne l autentico scopo. Ci saranno davvero utili? La loro funzionalità sarà in grado di soddisfare le nostre esigenze? Saremo in grado di maneggiarli? 1 Lipovetsky, Gilles (2006), Una felicità paradossale, Milano, Raffaello Cortina,

11 L abbondanza e le facilitazioni di pagamento ci portano a perdere il fuoco della nostra intenzione e spesso acquistiamo la cosa che al momento ci colpisce di più, il prodotto che meglio contiene in sé l effetto vetrina. Perdere il contatto con le intenzioni che muovono il nostro agire, è un male tipico di questa civiltà di fine millennio. Il mercato e il consumo hanno oramai reificato ogni cosa, ogni oggetto o concetto, depauperandoli dalla loro sostanza primaria 2. È fuori dubbio che per chi riesce a gestire il suo ruolo di attore all interno di questo caos, di questa fiera dell opulenza ove tecnologia e organizzazione capitalistica hanno permesso a chiunque l accesso a strumenti fino a ieri considerati ad uso di pochi privilegiati, le cose non sono poi messe tanto male: egli sceglie ciò che più gli piace e lo interessa, ciò che più si adatta ai suoi gusti, alle sue esigenze e alle sue tasche. Benché per certi versi ci si debba dunque ritenere fortunati davanti alle possibilità di un mercato così vasto e prodigo, tanta abbondanza cela svariate ambiguità. Il vertiginoso accesso ad un immaginario consumistico privo di sostanza, di carnalità, rende oggi sempre più arduo gestire il mare di dati che ogni giorno ci attanaglia e colpisce, valutare la valenza reale di ciò con cui veniamo a contatto, intendere l incidenza che le informazioni che registriamo hanno sul nostro mondo interiore. Come difendersi, allora, dai pericoli di una possibile dissociazione fra intenzione e azione? Quando suoniamo un pianoforte stiamo solo spingendo il tasto giusto o abbiamo anche un contatto sensibile con quel suono? Quando poniamo il pennello sulla tela, stiamo solo seguendo un progetto, oppure sprofondando nella materia che quel timbro di colore apre alla nostra percezione? Quando cantiamo, miriamo ad essere un prodotto credibile, come questa o quella star che tanto ci piacciono, o siamo immersi nella sensazione di essere un corpo sonoro e vibrante? Non disperdere le intenzioni e capire che l adesione a un percorso non può limitarsi al compra e sarai ciò che vuoi, è forse una delle sfide più ardue e complesse da affrontare, oggi, per chi intraprende un cammino nel mondo dell arte. 2 La reificazione è un processo mentale per cui si converte in concetto (o, nel nostro caso, oggetto-prodotto) il contenuto di un esperienza. 13

12 Suonare, cantare La musica viene prodotta per lo più da strumenti, in considerevole numero. Il loro utilizzo artistico viene insegnato in conservatori, scuole musicali, accademie, che fra i corsi di studio propongono anche il canto. Nella formulazione dei programmi didattici l insegnamento del canto viene concepito come uno tra i diversi corsi di studio: al pari di quello di altri strumenti, prevede il conseguimento di un diploma attraverso un preciso programma di studi, articolato in materie principali e complementari, dal livello base a quello superiore. Ma la voce umana può essere studiata come il pianoforte, il violino, la tromba, il contrabbasso, le percussioni, tanto per citarne alcuni? Può, in definitiva, essere considerata uno strumento? Nell approccio allo studio della musica, ci troviamo davanti a due mondi ben distinti: uno è quello che ci lega alla materia, variegata e inanimata, dell oggetto produttore di suono (legni, ottoni, archi, timpani e così via): lo strumento per antonomasia. L altro è quello, unico, costituito da materia organica, ovvero il corpo-voce. Che però, al pari di uno strumento, viene a farsi artefice della produzione musicale. Strumento e strumentista, per quanto riguarda la voce, sono la stessa cosa: il modo di intendere la sostanza materica dell oggetto musicale prende dunque una valenza diversa, poiché la voce che canta è tutt uno con l elemento agente. Nel canto il dualismo oggetto-soggetto viene a cadere: mentre per uno strumentista è possibile osservare il proprio strumento, verificarne la resa timbrica mediante un ascolto esterno, il cantante non potrà mai far bene il suo lavoro, se non sviluppa una sensibilità all ascolto interno, se non unisce cioè osservatore e cosa osservata, se non comprende che durante la produzione del suono egli è un unico agente: il cantore. Lo strumentista è inoltre nella facoltà di imparare da giovanissimo, mentre il cantante per iniziare gli studi deve attendere la tappa fisiologica della muta vocale. Naturalmente è possibile cantare anche prima che questa avvenga, ma la cosiddetta voce bianca è un fenomeno a sé: una voce androgina, in cui non si riconosce il timbro maschile da quello femminile e che all ascolto risulta piuttosto fissa e sempre simile a se stessa 3. Inoltre tra voce bianca e voce adulta non vi è una continuità, un graduale sviluppo: lo studio effettuato prima della muta, dopo questa va comunque 14 3 Ciò avviene anche quando a cantare sono bambini di diverse culture e nazionalità.

13 ripreso daccapo. Il cantante, dovendo aspettare la sua maturazione vocale per potersi dedicare allo studio, a differenza dello strumentista è costretto a confrontarsi con una sensibilità adulta, non più disponibile ai canali primigeni dell infanzia. Ecco perché malgrado si pensi che imparare a suonare uno strumento sia molto più difficile che imparare a cantare, nel mondo della musica ci sono molti più bravi strumentisti che bravi cantanti. Dietro l apparente facilità d apprendimento che il canto lascia intendere, si nasconde una complessità profonda. Una complessità che genera difficoltà ad approcciare quest arte in misura direttamente proporzionale alla presenza di strutture caratteriali tipiche dell adulto, edificatesi insieme alla maturazione dei processi cognitivi nell ambiente sociale. Imparare da piccoli L enorme capacità dei bambini di apprendere abilità e capacità, impensabile per un adulto, è nota e sfruttata sin dall antichità: in Egitto e in Mesopotamia alcuni piccoli venivano scelti e sottratti alle famiglie per essere istruiti a diventare degli scriba. Lo scriba, che valeva tanto oro quanto pesava, sapeva vergare segni complicatissimi, in grado di rappresentare le parole di un sacerdote, di un regnante o di un ricco commerciante e il durissimo insegnamento che gli veniva imposto non avrebbe avuto frutti, se iniziato in età più avanzata. Il momento magico per l apprendimento dei bambini coincide con i primi anni di vita: fra i tre e i nove, in rari casi fino agli undici anni. Imparare attività speciali e complesse in tenera età è dunque un imperativo quasi categorico. I cuccioli d uomo hanno un cervello e un corpo ancora in formazione, il che, per quanto riguarda l apprendimento di particolari abilità, diventa paradossalmente vantaggioso, dato che questo stato si protrae negli umani particolarmente a lungo 4. I vantaggi di cui gode un cervello immaturo sono quelli di poter effettuare strategie intuitive in grado di sintetizzare la complessità di un evento, 4 Gli esseri umani sono i più neotenici del mondo animale: essi devono essere accuditi molto a lungo, anche perché nascono, diciamo, prematuri (alcuni affermano addirittura di 12 mesi; il che sarebbe a dire che alla nascita uno scimpanzè ha uno sviluppo morfologico equivalente a quello di un bambino di un anno). 15

14 rendendolo contattabile. Mentre l adulto indaga il mondo quasi sempre attraverso decodificazioni di tipo razionale, il bambino parte da un incontro diretto con la realtà, principalmente attraverso azioni motorie: tocco l albero, vedo l albero, conosco l albero. L operatività cerebrale dei bambini è caratterizzata da una scarsa quantità di dati immagazzinati nella memoria a lungo termine, dall incapacità di tenere aperta a lungo la memoria di lavoro e da una difficoltà a cogliere i dettagli. I piccoli, per usare una metafora, non sono in grado di descrivere i singoli alberi, ma sanno sicuramente riconoscere la foresta 5. L esperienza, nei bambini, si forma dunque a partire da nulla: quando nell apprendimento incontrano qualcosa di nuovo, la loro memoria non è in grado di metterla in relazione con dati già posseduti. Il loro modo di apprendere, perciò, è del tutto diverso da quello dell adulto: il bambino impara a partire da uno stato di azione integrata in cui i portali di intendimento (sia corporei che cognitivi) sono ancora aperti e globalmente interagenti. Molti studiosi del linguaggio e dell educazione sono concordi nell affermare che i bambini, per tutte queste ragioni, abbiano accesso privilegiato alla capacità di procedere per intuito: ciò che i neuroscienziati chiamano insight. L insight è una sorta di illuminazione, di idea improvvisa, che arriva a risolvere un problema complesso rimasto insoluto dentro la persona: una forma di apprendimento spontaneo, in sostanza, in cui i dati vengono risistemati tutti insieme e le nuove informazioni subito consolidate, portando al formarsi di una nuova percezione generale. L apprendimento dei bambini, quindi, non avviene in modo lento e graduale, ma a grandi balzi. L adulto, invece, raggiunge con difficoltà stati di insight, poiché l educazione a cui siamo soggetti ci porta a confinare nell inconscio gli aspetti emo-istintuali e a privilegiare quelli ad elaborazione cosciente. L individuo adulto, per rispettare norme e convenzioni, deve operare un controllo continuo su di sé, dando vita ad una guida cosciente del comportamento. Ecco perché, quando lavorano con soggetti adulti, pratiche orientali come lo yoga, le arti marziali o la meditazione, insistono molto sull abbandono dell Io. 5 La capacità di cogliere i dettagli solitamente matura con l età e per stadi successivi. La memoria di lavoro è detta anche memoria a breve termine (MBT): elabora dati in diretta ed è in grado di gestire sofisticati meccanismi di controllo del comportamento. 16

15 L inciampo della coscienza Un rumore improvviso in casa, di notte. È il parquet del soggiorno che si assesta? Ci stanno rubando l argenteria? Fermi nel buio, ci affrettiamo a cercare una spiegazione. Potremmo andare a vedere. Invece la mente reagisce per inquadrare la situazione ed assumerne il controllo. Nel nostro lontano passato, a scattare era una risposta di ordine fisico: un azione ponderata, e quindi lenta, poteva esserci fatale. Oggi però non c è un predatore che ci attacca, ma la suocera che s intromette, il collega che ci calunnia, il vigile che ci multa: la semplice, naturale, immediata reazione fisica viene, dunque, quasi sempre inibita dai sistemi di controllo superiore. Il nostro istinto è ancora quello del neolitico, ma oggi, per ovvi motivi, deve essere tenuto a bada. Ciò che ieri era automatico per il corpo (una reazione motoria a contingenze naturali), oggi lo è per la mente (una reazione psicologica a problematiche sociali). Abbiamo dunque imparato a dare precedenza alla parte logica e razionale del nostro cervello, riponendo in essa assoluta fiducia. Purtroppo, però, poiché i lobi cerebrali funzionano in modo asimmetrico, la nostra razionalità procede attraverso itinerari alquanto astrusi, generando a volte letture della realtà viziate 6. Ciò venne messo in luce da un noto esperimento, praticato su alcuni soggetti che avevano subito la resezione chirurgica del corpo calloso per curare una forma molto grave di epilessia. L intervento, disconnettendo tra loro i due emisferi celebrali, rendeva possibile studiarne l effettiva modalità di funzionamento 7. L esperimento prevede di porre di fronte ai soggetti un pannello con due immagini, in modo che l immagine destra non rientri nel campo visivo dell occhio sinistro e viceversa: ogni occhio percepisce dunque soltanto ciò che è situato dalla sua parte. All occhio sinistro viene mostrato un paesaggio innevato, mentre al destro una zampa di gallina. I volontari hanno inoltre a portata di ciascuna mano altre immagini: il compito è sceglierne una, abbinandola a quella raffigurata sul pannello (fig. 1.1). La mano sinistra indica la pala da neve in relazione al paesaggio innevato, codificato dall occhio sinistro: entrambi sono controllati dall emisfe- 6 Sulla labilità dell azione razionale vedi Mèrò, Làszlò, I limiti della razionalità, Bari, Dedalo, Esperimento condotto dall equipe del neurologo Michael S. Gazzaniga alla fine degli anni

16 ro cerebrale destro. L emisfero sinistro, invece, controlla l occhio destro, che vede la zampa di gallina sul pannello e la mano destra, che sceglie, in relazione ad essa, la testa dell animale. Fig Esperimento sulle funzioni lateralizzate del cervello. Fin qui, tutto bene. Quando però viene richiesto di spiegare i motivi dell associazione, i risultati sono sorprendenti: i volontari non hanno difficoltà a spiegare perché hanno associato la zampa alla gallina, ma per quel che riguarda la pala, dopo qualche tentennamento, danno risposte del tipo per ripulire il pollaio. L emisfero destro, infatti, riconosce che la pala può essere utile per la neve, dimostrando di avere una visione reale, veloce ed immediata della situazione, ma non è in grado di fornire spiegazioni all evidenza. A rispondere è allora l emisfero sinistro, ove sono collocati i centri del linguaggio. 18

17 A causa della resezione che ne chiude i collegamenti con la parte destra, l emisfero sinistro non sa del paesaggio innevato, tuttavia si affanna, dato che questo è il suo compito, a costruire una risposta logica, dando così vita a ciò che i neurologi definiscono confabulazione: una costruzione di risposte su fatti o cose, coerenti ma non veritiere, in situazione di forte carenza di informazioni al riguardo. In definitiva la coscienza critica, che opera principalmente attraverso il linguaggio, tende a porre in secondo piano l elaborazione intuitiva ed olistica del lobo destro: un vizio che, in diversa misura, viene ad emergere anche nel cervello di un soggetto sano. Tra gli inciampi della nostra coscienza razionale c è inoltre da annoverare quello derivante da un uso massiccio della memoria prospettica, che la civiltà occidentale sfrutta in eccesso per affrontare con velocità ed efficienza quel gran numero di informazioni e dati che ogni giorno assediano la nostra vita. Questo tipo di memoria, fiore all occhiello dell operatività mentale, è gestita dalla neocorteccia e ha la funzione di suddividere e catalogare i dati tratti dall esperienza, per poterne disporre con velocità e prontezza 8. Essa ci è utile quando si presentano delle esperienze, nuove, ma analoghe a qualcosa di già visto. Quando però questa memoria si incontra con un esperienza che non ha analoghi nei suoi magazzini, può falsarne la lettura: funzionando per associazione, tenderà infatti a correlare il nuovo con qualcosa di già vissuto. La memoria prospettica, in definitiva, non ha gli strumenti per riconoscere il nuovo, ovvero l ospite più gradito nei contesti di apprendimento. Sembra dunque che diversi aspetti della nostra operatività mentale possano diventare un ostacolo, anziché un vantaggio, per tutta quella serie di attività umane dove ad essere vincenti sono prima di tutto l istinto e l intuito, ovvero una capacità inconscia e autonoma di rispondere all ambiente in modo veloce ed efficace senza il ricorso ad elaborazioni di tipo superiore 9. 8 Nel nostro cervello lavorano diversi tipi di memoria, con diverse funzioni: procedurale, autobiografica, semantica, episodica, emozionale, prospettica. Quest ultima, detta anche associativa, correla i nuovi dati a quelli già presenti nel bagaglio della memoria e in base a ciò costruisce proiezioni future. 9 Berti, Anna (2010), Neuropsicologia della coscienza, Torino, Bollati Boringhieri, A tale riguardo, si vedano inoltre Gladwell, Malcolm, In un batter di ciglia, Milano, Mondadori, 2005 e Gingerenzer, Gerd, Decisioni intuitive, Milano, Raffaello Cortina, 2009, dedicati alle scelte fatte senza pensarci troppo. 19

18 Ed ecco perché per i bambini, che non hanno ancora strutturato i sistemi di elaborazione superiore, è più facile imparare le lingue, suonare uno strumento musicale, dedicarsi alla danza o a certi sport. Chi si appresta allo studio del canto, però, dovendo necessariamente farlo solo dopo aver raggiunto l età adulta, tenderà a gestire il lavoro prevalentemente con la parte conscia e consapevole di sé, anche se il canto viene processato in modo assolutamente preponderante dall emisfero destro, dove non agiscono le compressioni cognitive operate dal linguaggio, dove c è visione senza mediazione. Il canto non può essere inteso, prodotto o sostenuto dal lavoro del pensiero critico, che elabora e pianifica la sua azione nella parte sinistra dell encefalo. Cantare, come scendere le scale, è un esperienza procedurale: un attività che si apprende selezionando e rendendo automatici un gran numero di processi. Il canto viene messo in difficoltà da una costante presenza critica: pensiamo a come sarebbe difficile allacciarci le scarpe se cominciassimo a porre mente ad ogni piccolo movimento necessario per farlo! L adulto che impara a cantare, dunque, inciampa costantemente nei processi della coscienza, ostacolando un apprendimento che predilige itinerari inconsci. A porte chiuse Un ambulanza che sfreccia per le vie, un gatto che cade dal balcone della vicina, un corteo di auto che festeggia una coppia di sposi, il frastuono di un cantiere, la festa nella casa di fronte : in ogni istante siamo sottoposti a un bombardamento di segnali in entrata che fondamentalmente non ci riguardano, se non per via di quei sottili e complessi processi di identificazione che tutti noi abbiamo con il corpus sociale. Una cascata di segnali di ogni tipo circonda la nostra esperienza percettiva, senza avere per noi un significato. Questo ci obbliga, ogni giorno, a limitare l azione dei nostri sensi, agenti all interno di un habitat produttore di stimoli di ogni genere, sia diretti, come rumori assordanti, immagini continue, olezzi artificiali, che indiretti, presentatici dai mezzi di informazione in generale, dalla cronaca rosa fino alle notizie più terribili. In un ambiente altamente complesso, come quello della nostra attuale società, il controllo che poniamo sulla percezione è direttamente proporzionale alla nostra capacità di contenere l azione degli agenti stressori. 20

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli