Meningite meningococcica o Meningite cerebrospinale epidemica (CSE) Definizione. Meningite cerebrospinale epidemica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Meningite meningococcica o Meningite cerebrospinale epidemica (CSE) Definizione. Meningite cerebrospinale epidemica"

Transcript

1 Meningite meningococcica o Meningite cerebrospinale epidemica (CSE) Dott.ssa Pamela Di Giovanni Definizione La meningite è una malattia infiammatoria delle membrane che rivestono l'encefalo (principalmente pia madre ed aracnoide) e del liquido cerebro-spinale (liquor). Può essere causata da agenti infettivi (batteri, virus, miceti, parassiti) o da agenti chimici o fisici. LIQUOR TORBIDO LIQUOR LIMPIDO (generalmente batteriche) (generalmente virali) [miceti, protozoi] [alcuni batteri, parassiti, Rickettsie, Clamidie] Meningite cerebrospinale epidemica Più comunemente chiamata meningite meningococcica, è una malattia infettiva, acuta e molto contagiosa, causata dalla Neisseria meningitidis (o meningococco).

2 Eziologia Il meningococco (Neisseria meningitidis) è un batterio capsulato, Gram negativo che presenta una caratteristica forma a chicco di caffè. La capsula contiene polisaccaridi che permettono di distinguere 9 gruppi sierologici: 4 principali e noti da tempo (A, B, C e D) e gli altri cosiddetti minori, identificati successivamente (X, Y, Z, 29E, W135) Neisseria meningitidis Al di fuori dell organismo, il meningococco presenta scarsissima resistenza agli agenti fisici ambientali (luce solare, essiccamento, ecc.) ed ai comuni disinfettanti È scarsamente patogeno per gli animali di laboratorio Modalità di trasmissione La trasmissione si realizza con il veicolo aria per mezzo delle goccioline di Flugge ed è favorita dall affollamento

3 Patogenesi e cenni clinici La via di ingresso è rappresentata dalla mucosa rino-faringea, dove il microrganismo può rimanere anche per lungo tempo senza dar luogo a manifestazioni cliniche, realizzandosi così lo stato di portatore sano L eventualità di una evoluzione verso la malattia sembra legata, più che alla virulenza dello stipite, alla recettività del soggetto Patogenesi e cenni clinici In tal caso, il meningococco raggiunge il circolo ematico, avendosi così una batteriemia con diffusione nell organismo e sepsi fulminante, oppure più spesso, con localizzazione nel sistema nervoso centrale Patogenesi e cenni clinici Qui il meningococco invade gli spazi subaracnoidei dando origine ad un processo flogistico che colpisce in particolare l aracnoide e la pia madre (meningite meningoccica) con formazione di abbondante essudato purulento, che è più esteso e più denso alla base del cervello e del tronco encefalico

4 Patogenesi e cenni clinici Il liquor è quasi sempre intensamente torbido per la presenza di un gran numero di granulociti neutrofili. La pressione è notevolmente aumentata e se non viene ridotta in breve tempo, per i conseguenti fenomeni di compressione della sostanza cerebrale, crea le premesse per l insorgenza delle complicanze più temibili Congestione acuta dei vasi meningei e presenza di essudato purulento nei solchi Patogenesi e cenni clinici La penetrazione del meningococco e la sua successiva colonizzazione nel rinofaringe provocano la formazione di anticorpi circolanti e la comparsa di una immunità gruppospecifica di incerta durata Questa conferisce all individuo resistenza all infezione, anche se può non determinare la eradicazione del microrganismo dalla sua sede Patogenesi e cenni clinici Il quadro clinico è caratterizzato da un esordio brusco con: febbre elevata accompagnata da brividi, malessere, prostrazione, cefalea violenta, vomito insistente, rigidità nucale, agitazione psicomotoria e, spesso, un esantema petecchiale

5 Patogenesi e cenni clinici Rapidamente compaiono i segni meningei: rigidità della nuca e del rachide con i segni di Kernig, Brudzinski e la caratteristica posizione a cane di fucile (decubito laterale con ginocchia flesse e capo iperesteso); frequenti le paresi e le paralisi dei muscoli estrinseci dell occhio Posizione a cane di fucile da spasmo della muscolatura del collo, dorso e arti Segni clinici di irritazione meningea Volendo flettere la coscia di un soggetto supino sul bacino mantenendo la gamba estesa (articolazione del ginocchio bloccata) si ottiene invece la flessione della gamba sulla coscia. Segno della nuca (Brudzinski I tipo): il soggetto, flettendo passivamente il capo sul tronco, flette gli arti inferiori Brudzinski II tipo (riflesso controlaterale): stando il pz sdraiato sul dorso, la flessione passiva di un arto inferiore provoca un movimento riflesso analogo dell altro arto Patogenesi e cenni clinici Nelle forme a decorso acutissimo (sepsi meningococcica) possono comparire precocemente petecchie diffuse sulla cute (porpora meningoccica), in particolare dell addome e della faccia interna delle cosce, dalle quali è possibile isolare il meningococco

6 Patogenesi e cenni clinici Sono dovute a danno vascolare da lesioni tromboemboliche ed emorragiche provocate dall azione della endotossina meningoccica con conseguenti focolai di necrosi emorragica. Questi possono colpire organi e tessuti e, nei casi molto gravi, le ghiandole surrenali avendosi quindi il quadro dell insufficienza surrenalica acuta (Sindrome di Waterhouse- Friderichsen) Patogenesi e cenni clinici Il decorso è notevolmente influenzato dalla terapia: nella maggior parte dei casi si ha la rapida guarigione senza postumi La malattia conserva, tuttavia, una letalità elevata (5-10%) Accertamenti diagnostici L indagine batteriologica riveste particolare importanza Il materiale di scelta è rappresentato dal liquor prelevato mediante puntura lombare, ma la ricerca del meningococco può essere eseguita anche nel sangue e nel contenuto delle petecchie cutanee

7 Liquor torbido Accertamenti diagnostici È importante che le indagini vengano effettuate immediatamente dopo il prelievo poiché il meningococco va incontro rapidamente ad autolisi; in caso contrario il materiale potrà essere conservato per breve tempo a 37 C (e non in frigorifero o a temperatura ambiente) Accertamenti diagnostici Dopo la raccolta del materiale, si procede a: esame microscopico ricerca colturale

8 Accertamenti diagnostici L esame microscopico viene eseguito sullo striscio allestito con liquor intero o con il sedimento ottenuto per centrifugazione e colorato con il metodo di Gram Non mancano casi di falsa negatività, visto che questi pazienti vengono spesso all osservazione dopo l inizio della terapia antibiotica Accertamenti diagnostici La ricerca colturale è necessaria per consentire la tipizzazione sierologica degli stipiti ed i saggi di sensibilità ai chemioantibiotici Si esegue in terreni liquidi arricchiti con siero o con liquido ascitico. Per l identificazione dello stipite si procede alle prove biochimiche e di agglutinazione rapida su vetrino impiegando gli antisieri gruppo-specifici Accertamenti diagnostici L indagine colturale viene effettuata anche per l identificazione dei portatori In tal caso il secreto rino-faringeo, prelevato mediante tampone sterile, deve essere immediatamente seminato su terreno selettivo di Thayer-Martin (agar-infuso di cuore e cervello, addizionato di siero o di liquido ascitico e reso selettivo con l aggiunta di vancomicina, colimicina e mycostatin)

9 Accertamenti diagnostici Di recente sono state proposte metodiche diagnostiche rapide basate sulla dimostrazione diretta nel liquor degli antigeni polisaccaridici (dei gruppi A, B e C) mediante la controimmunoelettroforesi o l impiego di particelle di latex sensibilizzate con gli antisieri specifici (test di agglutinazione su vetrino) Epidemiologia È una malattia diffusa in tutto il mondo, in particolare nei Paesi a clima caldo e secco e nelle zone di maggiore densità della popolazione, dove si manifesta di solito con casi sporadici e periodicamente con episodi epidemici che insorgono ad intervalli irregolari di tempo Distribuzione dei sierogruppi ( ) B,C,Y A B,C A A (W135) A, C B, C B, C B

10 Epidemiologia: Africa La più alta incidenza si registra in Africa (specialmente nei paesi a sud del Sahara tra il 4 e il 16 grado di latitudine nord, che formano la cintura della meningite ) con il 57,6% dei casi denunciati nel mondo e dove ondate epidemiche si susseguono ogni 6-10 anni, ed in Europa (22,4%) in cui la malattia è più o meno diffusa nei vari paesi Cintura della meningite Clima secco Carenza vaccini Sistema sanitario Max A e C 1996: grave epidemia 250 mila casi 25 mila decessi da CDC Map: areas with frequent epidemics of Meningococcal meningitis Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) European Union Invasive Bacterial Infections Surveillance (Eu-IBIS) Epidemiologia: Italia L incidenza è minore rispetto al resto d Europa: ogni anno vengono segnalati circa casi, pari a 3-5 casi per milione di abitanti, rispetto a una media europea di 12 per milione (fonte Eu-IBIS). Negli ultimi anni il numero di casi segnalati varia da un minimo di 155 nel 1998 a un massimo di 343 nel 2004, con ampie differenze regionali: la maggior parte delle segnalazioni proviene dalle Regioni del Nord.

11 Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Sistema di sorveglianza delle meningiti batteriche coordinato dall ISS Epidemiologia: Italia : sierogruppo B 75% nel % nel % nel : sierogruppo C 2004/05 > B Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Epidemiologia: Italia Percentuale del sierogruppo C sul totale delle meningiti da meningococco. Italia , SIMI. ISS (aggiornati al 27 gennaio 2005) Anno Meningococco sierogruppo C Totale isolamenti meningococchi Percentuale C/C+B ,6% ,6% % % ,9% ,66% La maggior frequenza si nota soprattutto nei bambini. L incidenza più elevata si osserva nel primo anno (2,8/ Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Sistema di sorveglianza delle meningiti batteriche coordinato dall ISS Epidemiologia: Italia : sierogruppo B 75% nel % nel % nel : sierogruppo C 2004/05 > B : significativa riduzione dei casi da meningococco C, molto presumibilmente attribuibile all incremento dell offerta vaccinale specifica. Attualmente la maggior parte delle meningiti meningococciche è dovuta a infezioni da meningococco B.

12 Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Epidemiologia: Italia Almeno i 2/3 dei casi di meningite da meningococco in Italia sono sporadici; si verificano tuttavia anche piccoli focolai epidemici (cluster): dal 2001 al 2007 anni ci sono stati in Italia 48 piccoli cluster, definiti come almeno 2 casi nell arco di 30 giorni in un raggio di 50 km. La larga maggioranza di questi cluster si è verificata nelle Regioni del Centro-Nord. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Epidemiologia: Veneto 2007 Tra il 13 e il 15 dicembre 2007, si sono verificati in provincia di Treviso 7 casi di meningite da meningococco con 3 decessi. Le indagini di laboratorio hanno confermato la presenza di meningococco di gruppo C in 6 casi. Le persone ammalate avevano un età compresa tra 15 e 33 anni. Dalla ricostruzione della loro storia, è stato possibile evidenziare che tra l 8 e il 9 dicembre avevano tutti frequentato alcuni locali della provincia. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Epidemiologia: Veneto 2007 Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS interessate, Direzione per la Prevenzione, ISS, Ministero della Salute, Centro Europeo per il Controllo delle Malattie (ECDC) e la speciale Task Force GOARN (Global Outbreak Allert and Response Network). Ricerca attiva e conseguente chemioprofilassi dei contatti stretti dei soggetti malati. Considerando gli aspetti epidemiologici peculiari del cluster epidemico (numero di casi, particolare virulenza del ceppo e localizzazione spazio-temporale), chemioprofilassi antibiotica specifica anche ai contatti episodici con i casi, nel periodo tra l esposizione e la manifestazione della malattia.

13 Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Epidemiologia: Veneto 2007 Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS interessate, Direzione per la Prevenzione, ISS, Ministero della Salute, Centro Europeo per il Controllo delle Malattie (ECDC) e la speciale Task Force GOARN (Global Outbreak Allert and Response Network). 1 dose di vaccino anti-meningoccico C alla popolazione giovanile (15-29 anni) dei Comuni interessati da almeno un caso di malattia. Sensibilizzazione dell attenzione dei medici del territorio nei confronti della sintomatologia specifica indotta dalla meningite con particolare attenzione ai propri pazienti che avessero avuto un contatto con i casi. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) Linee Guida Internazionali In caso di focolai epidemici da meningococco C, le attuali raccomandazioni internazionali indicano l opportunità di introduzione della vaccinazione su larga scala nell area geografica interessata quando l incidenza è superiore a 10 casi per abitanti nell arco di tre mesi Epidemiologia Per quanto riguarda l importanza dei vari sierogruppi: Il sierogruppo A non è più l unico responsabile di epidemie come avveniva in passato, ma ad esso si sono affiancati il sierogruppo B e C che erano responsabili solo di casi sporadici Sempre più frequente è l intervento dei sierogruppi minori (W135, Y, Z), normalmente reperibili nel rinofaringe dei portatori sani

14 Epidemiologia L uomo è l unico serbatoio naturale dell infezione L elemento determinante l endemia della meningite è il portatore sano, data la labilità del meningococco al di fuori dell organismo Epidemiologia La prevalenza di portatori sani è molto variabile in relazione a fattori diversi quali: Aree geografiche Condizioni socio-economiche Densità delle popolazioni Età dei soggetti Epidemiologia In Italia, la frequenza dei portatori sani sull intero territorio nazionale è in media del 10-12% ma con profonde differenze in rapporto alle diverse zone ed ai gruppi di popolazione esaminati. Il sierogruppo prevalente è quello B La meningite è una malattia soggetta a notifica obbligatoria (CLASSE II)

15 Epidemiologia La malattia ha un andamento stagionale tipico, con maggiore frequenza nel periodo fine invernoinizio primavera; può colpire tutte le età, ma è frequente soprattutto nei primi anni di vita e, tra gli adulti, nelle collettività militari ed in particolare nelle reclute anche a causa delle mutate abitudini di vita che possono predisporre ad una maggiore recettività Incidenza per fasce d età in Italia La maggioranza dei casi si verifica nei bambini fino a 5 anni di età e negli adolescenti. Nel 2006, il 30% dei casi ha colpito bambini fino a 5 anni di età e il 60% bambini e ragazzi fino a 17 anni N. Casi x abitanti 0-4 anni anni anni Prevenzione: alcune considerazioni La meningite fa paura, in modo anche irrazionale, alimentata dalla mancanza di informazione. Tale paura ha la sua giustificazione nella rapidità e nella violenza con cui tale patologia colpisce. Le considerazioni epidemiologiche purtroppo non vengono raccolte e l emotività induce un forte impatto sull organizzazione sanitaria. È proprio in questi momenti di crisi che la solidità di un sistema si misura.

16 Prevenzione L isolamento ospedaliero più che per limitare le possibilità di contagio (che restano legate ai portatori sani presenti nella popolazione) è utile per una buona assistenza, data la gravità della malattia e le eventuali complicanze In ogni caso la contagiosità del malato cessa 48 ore dopo l inizio di un adeguato trattamento antibiotico Prevenzione Per la scarsa resistenza naturale del meningococco non è necessaria alcuna pratica di disinfezione È sufficiente procedere ad una accurata pulizia e, al termine della malattia, ad una prolungata aerazione dell ambiente Prevenzione Per i conviventi, i contatti in ambiente scolastico (analogamente per altre collettività) è prescritta la sorveglianza sanitaria per 10 giorni a partire dall ultimo contatto con il malato

17 Chemioprofilassi È stata effettuata per lungo tempo con i sulfamidici A partire dal 1963 si ebbero le prime segnalazioni di ceppi sulfamido-resistenti Queste osservazioni hanno indotto all impiego di altri antibiotici (minociclina, rifampicina, spiramicina anche se si sono verificati alcuni inconvenienti) Chemioprofilassi Attualmente lo schema di chemioprofilassi consiste nell impiego primario di rifampicina. Altri farmaci: Ceftriaxone, Ciprofloxacina. Farmaci alternativi (minociclina, spiramicina) debbono essere utilizzati solo in caso di provata sensibilità del ceppo ed in situazioni che ostacolino l uso dei farmaci di prima scelta. Chemioprofilassi La chemioprofilassi deve essere limitata ai componenti delle collettività nelle quali si è verificato l episodio di meningite La sua applicazione di massa sulla popolazione è sconsigliata

18 Vaccinazione: un po di storia I primi studi vennero effettuati nel 1912 su vaccini contenenti la cellula intera. Per 30 anni si usarono vaccini di questo tipo che dimostrarono, tuttavia, un eccessiva tossicità Nel 1944 si identificò il metodo per purificare i polisaccaridi capsulari Negli anni 60 iniziarono i primi successi con i polisaccaridi A e C Caratteristiche del vaccino I vaccini anti-meningococcici attualmente utilizzati sono costituiti da antigeni polisaccaridici purificati o da un antigene polisaccaridico coniugato. In Italia sono utilizzate due formulazioni: vaccino tetravalente A, C, W135, Y, polisaccaridico vaccino monovalente C, coniugato Indicazioni alla vaccinazione Tetravalente Adulti e bambini > 2 anni di età diretti verso aree dove la malattia ha carattere endemico/epidemico; Bambini > 2 anni con asplenia funzionale o anatomica o con deficit del complemento (C7); Ricercatori o personale di laboratorio a contatto con il meningococco. Dal 1987 obbligatoria per il personale militare; dal 1991 (WHO) obbligatoria nelle persone in pellegrinaggio alla Mecca. Monovalente E' indicato per bambini a partire dai 2 mesi di età, adolescenti e adulti, per la prevenzione delle meningiti da meningococco C.

19 Calendario vaccinale Tetravalente Dose unica per adulti e bambini > 2 anni (prima è scarsamente immunogeno). Una dose di richiamo dopo 3 5 anni può essere indicata in soggetti di qualsiasi età in caso di continua e ripetuta esposizione epidemica. Va somministrato per via sottocutanea nella regione deltoidea. Monovalente Bambini da 2 a 12 mesi: due dosi ad intervallo di almeno un mese. Bambini a partire dai 12 mesi di età, adolescenti e adulti: una singola dose. Va somministrato per via intramuscolare, in regione anterolaterale della coscia nei bambini fino a 12 mesi, nella regione deltoidea negli altri casi. Calendario vaccinale Da due anni la Regione Veneto offre gratuitamente la vaccinazione anti-meningococco C coniugato a tutti i nati, nel corso del 13 mese di vita e nel 15 anno. Considerata la recente epidemia nella provincia di Treviso, con lo scopo di aumentare in tempo più breve la protezione dei bambini e dei giovani, è stato deciso di invitare anche tutti i bambini al 6 anno di vita e di offrire il vaccino in forma gratuita, su richiesta degli interessati, anche ai giovani di età compresa tra i 15 e 29 anni, in quanto ritenuti più a rischio. Calendario vaccinale La vaccinazione contro il meningococco C non è obbligatoria Non esiste e non è mai esistito nel nostro Paese ed in generale in Europa l obbligo di vaccinazione antimeningococco C. Da circa due anni, la vaccinazione è disponibile nel nostro Paese prioritariamente per tutti i nuovi nati e quindi non copre ancora la popolazione giovanile ed adulta.

20 Risposta immunitaria Tetravalente Persistenza degli anticorpi anticapsulari per oltre 10 anni negli adulti. Sierogruppi A e C: efficacia dell % in giovani e adulti, mentre in bambini < 4 anni la presenza di anticorpi protettivi diminuisce significativamente nei primi 3 anni dopo la vaccinazione (necessario un richiamo a 1 2 anni). Sierogruppi Y e W135: sicuri e immunogeni nell adulto e nel bambino > 2 anni. Monovalente Il vaccino garantisce una protezione a lungo termine (di almeno 10 anni) solo contro le infezioni da Neisseria meningitidis di sierotipo C. Con l età adulta il rischio di infezione meningococcica diminuisce e l immunizzazione non è più raccomandata dopo i 25 anni di età. L efficacia è elevata e stimata dal 92 al 97%. Il punto sul meningococco B Il sierotipo B è attualmente quello prevalente in Europa e nel Nord America in quanto è responsabile, secondo l OMS, rispettivamente del 45-80% e del 30-40% dei casi totali di malattia meningococcica. In particolare il meningococco B causa la maggior parte dei casi nei bambini al di sotto dell anno di età. Negli ultimi 20 anni il patogeno è stato all origine di numerose gravi epidemie di meningite che sono durate oltre un decennio, come si è verificato in tempi recenti in Nuova Zelanda. La Nuova Zelanda e il MeNZB TM : > casi, 224 decessi registrati nella popolazione infantile e un migliaio di disabili permanenti. 2001: progetto di collaborazione tra il Ministry of Health neozelandese, l Institute of Environmental Science and Research della Nuova Zelanda, la University of Auckland e Novartis Vaccines di Siena. 2004: campagna di immunizzazione di massa con MeNZB, un vaccino specifico per il gruppo B del meningococco dotato di un elevata capacità immunogena.

21 La Nuova Zelanda e il MeNZB TM : infezione da meningococco B calata del 76% e in continua diminuzione. Giugno 2006: termine ufficiale della campagna. A un efficacia protettiva del vaccino pari a circa l 80% si contrappone un tasso di malattia di 5 volte più elevato nei soggetti non immunizzati. Fino a 2009 (o finché le evidenze cliniche consentiranno di porre fine alla profilassi su larga scala): monitoraggio costante dell efficacia protettiva della vaccinazione e immunizzazione dei bambini < 5 anni. Vaccino universale anti-meningococco B A oggi non sono disponibili vaccini capaci di conferire una protezione ad ampio spettro nei confronti dei 210 differenti ceppi del sierogruppo B del meningococco identificati nel mondo. Perché è difficile la messa a punto di un vaccino universale? 1. il polisaccaride della capsula del patogeno (componente principale dei vaccini tradizionali) è scarsamente immunogeno perché identico a una proteina largamente presente nei tessuti umani 2. estrema variabilità dei ceppi del sierogruppo B Vaccino universale anti-meningococco B Per superare questi ostacoli, i ricercatori di una nota casa farmaceutica hanno sviluppato la reverse vaccinology, una tecnologia d avanguardia che, analizzando la sequenza genomica di un patogeno, consente di identificarne gli antigeni che avrebbero le migliori probabilità di diventare candidati vaccini.

22 Vaccino universale anti-meningococco B A ottimizzare la messa a punto di un vaccino universale contro la malattia da meningococco B ha contribuito anche la notevole quantità di informazioni raccolte nel corso della campagna condotta in Nuova Zelanda relative alla durata della protezione conferita da MeNZB, alla sua immunogenicità nei neonati e alle caratteristiche dei casi di reinfezione. Vaccino universale anti-meningococco B Il vaccino contiene molteplici proteine della superficie batterica che si ritiene si trovino nella maggior parte dei ceppi di meningite B responsabili della malattia in tutto il mondo. Secondo i nuovi risultati dello studio di Fase II, una serie di 3 vaccinazioni con il vaccino MenB iniziate all'età di 2 mesi ha indotto una buona risposta immunitaria protettiva nei neonati. E in attesa dei risultati della Fase III Grazie per l attenzione!!

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

MENINGITE MENINGOCOCCICA

MENINGITE MENINGOCOCCICA MENINGITE MENINGOCOCCICA PROTOCOLLO INFORMATIVO La meningite meningococcica è una malattia acuta ad esordio improvviso, caratterizzata da febbre, cefalea intensa, rigidità nucale, nausea, vomito e spesso

Dettagli

27/04/2009. La meningite INQUADRAMENTO MENINGI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

27/04/2009. La meningite INQUADRAMENTO MENINGI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria La meningite Prof. P. Cavallo 1 INQUADRAMENTO Le meningiti sono un gruppo di infezioni del Sistema Nervoso Centrale (SNC).

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA

PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA SI RICORDA CHE IN CASO, ANCHE SOLO SOSPETTO, DI MENINGITE O MALATTIA INVASIVA BATTERICA, E OBBLIGATORIA LA SEGNALAZIONE IMMEDIATA AL DIPARTIMENTO

Dettagli

La prevenzione della malattia da meningococco

La prevenzione della malattia da meningococco La prevenzione della malattia da meningococco Sommario La malattia meningococcica L importanza della vaccinazione contro il meningococco Cause, trasmissione e diffusione Il meningococco C La campagna di

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino Sorveglianza delle malattie batteriche invasive Diagnosi di laboratorio

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

newsletter dal mondo dei vaccini Speciale Meningite gennaio 2008 Novartis Vaccines

newsletter dal mondo dei vaccini Speciale Meningite gennaio 2008 Novartis Vaccines Speciale Meningite vaccinazione newsletter dal mondo dei vaccini gennaio 2008 Novartis Vaccines Questa edizione di VaccinAZIONE è dedicata al focolaio epidemico da meningococco C che a dicembre del 2007

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

LA MENINGITE MENINGOCOCCICA

LA MENINGITE MENINGOCOCCICA Responsabile: Dott. Massimo Valsecchi Redazione: NEWSLETTER N. 4-2013 D.ssa Giuseppina Napoletano giuseppina.napoletano@ulss20.verona.i t Dott. Federico Gobbi federico.gobbi@sacrocuore.it Dott.ssa Emma

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test Infezione da HPV Il Papilloma virus umano (HPV) è l'agente virale responsabile del carcinoma della cervice uterina (CCU). Il CCU è il primo tumore riconosciuto dall'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia parotite epidemica Malattia virale acuta, sistemica, causata da un paramyxovirus che colpisce prevalentemente i bambini in età scolare. La principale manifestazione

Dettagli

LE MENINGITI. Dr. Ferioli Cristian. http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds

LE MENINGITI. Dr. Ferioli Cristian. http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds LE MENINGITI Dr. Ferioli Cristian http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds MENINGITE La meningite è definita come un'infiammazione delle meningi (in particolare della Piamadre e Aracnoide) accompagnata

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Informazioni generali La nuova influenza A(H1N1) è un infezione virale acuta dell'apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Vaccinazione antimorbillo in Italia Introduzione della vaccinazione Vaccinazione universale Disponibile dal 1976 Raccomandato dal Ministero della Salute dal 1979 Fino

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

La prevenzione del meningococco. Aiutami a crescere. XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

La prevenzione del meningococco. Aiutami a crescere. XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Aiutami a crescere 15-17 Settembre 2011 Hotel Michelangelo, Milano La prevenzione del meningococco Francesca Lippi Chiara Azzari

Dettagli

Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza

Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza Prof. Sergio Bernardini Volume = 90-150 ml Produzione/die = 500 ml

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Cso. Svizzera, 164 10149 TORINO Tel. PROCEDURA OPERATIVA DA ADOTTARE IN CASO DI ESPOSIZIONE A PAZIENTE CON Pag. 1 di Pag. 16 TIPO DI DOCUMENTO Procedura Operativa ELABORAZIONE

Dettagli

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae Roma, 26-27 Novembre 2014 Roma, 28-29 Febbraio 2012 Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae MARINA CERQUETTI Marina Cerquetti Dipartimento di Malattie

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015

Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015 Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015 STRUTTURE COMPETENTI REDAZIONE A CURA DI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV)

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) Nel panorama delle patologie che interessano i nostri amici gatti risultano particolarmente degne di nota l Immunodeficienza Felina (FIV) e la

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Complicanze Erniazione transitoria L idrocefalo infarti Convulsioni

Complicanze Erniazione transitoria L idrocefalo infarti Convulsioni Complicanze Erniazione transitoria è causata da da un diffuso rigonfiamento del cervello o idrocefalo; l erniazione può essere asimmetrica quando sono presenti lesioni focalizzate da un lato. L idrocefalo

Dettagli

MISURA 215 ANNATA 2015/2016

MISURA 215 ANNATA 2015/2016 Prevenzione delle mastiti infettive degli ovini e dei caprini: Immunologia della mammella, antibiotico resistenza e ruolo della profilassi immunizzante MISURA 215 ANNATA 2015/2016 L'ANTIBIOTICO

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Oltre il meningococco C

Oltre il meningococco C Oltre il meningococco C Caserta 14 settembre Antonio Campa 2012 Chiara Azzari Clementina Canessa Servizio di Immunologia Pediatrica Centro Regionale di riferimento Ospedale pediatrico Meyer Università

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI DIPARTIMENTO MALATTIE DEL UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA Gruppo di lavoro - Coordinatore Dipartimento CPSE Dott.ssa Danila Massenti - CPS infermiere Susanna Bellavia - CPS infermiere Annalisa Massei

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori.

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori. West Nile Disease e altre malattie a trasmissione vettoriale nel territorio regionale. I compiti del Dipartimento di Sanità Pubblica Venerdì 15 aprile 2011 Sala Galloni I compiti del Servizio Igiene Pubblica

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE MALATTIE INFETTIVE A TRASMISSIONE AEREA In tutto il mondo le malattie respiratorie acute sono una delle cause maggiori di morbosità e mortalità.

Dettagli

Tossinfezioni alimentari, Salmonellosi e il vaccino antitifico

Tossinfezioni alimentari, Salmonellosi e il vaccino antitifico Tossinfezioni alimentari, Salmonellosi e il vaccino antitifico dott.fulvio Zorzut U.F.Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Salmonella è uno dei batteri

Dettagli

Meningite da S. pneumoniae

Meningite da S. pneumoniae ASL FG - Azienda Sanitaria Locale Provincia di Foggia Presidio ospedaliero di CERIGNOLA STRUTTURA COMPLESSA DI MEDICINA INTERNA (Direttore f.f.: Dr. Francesco Ventrella) Prot. n. 101 del 22/09/2008 MISURE

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE SCARLATTINA Ex ASL NA 2 Nord AREA DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative relative alle principali malattie infettive per

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni.

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni. Tubercolosi Breve storia La tubercolosi ha rappresentato per secoli in Italia, come nel resto del mondo una delle maggiori cause di mortalità e di morbosità ed ancora oggi, nonostante la disponibilità

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste dott.fulvio Zorzut Direttore S.C. Igiene Sanità Pubblica Prevenzione Ambientale Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Campagna

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli