ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011"

Transcript

1 ABI benchmarking Costing Benchmark Estratto del Rapporto Generale Individuale e Consolidato - Edizione 2011

2 ESTRATTO RAPPORTO INDIVIDUALE [ ] Il cost/income, risulta, in media ponderata, pari al 67,3% (83,3% in media semplice). La media semplice risente della presenza nel campione di 29 istituti che registrano un livello del cost income superiore al 100%: sono essenzialmente: banche d investimento, banche capogruppo di emanazione finanziaria, banche specializzate, banche start up, banche originate da operazioni di fusione/concentrazione. Le banche del campione semestrali ABI hanno sostenuto altre spese amministrative (d ora in poi ASA) per complessivi milioni di euro, pari al 29,3% del margine di intermediazione ed al 45% delle spese amministrative. Le sottovoci di costo sono state associate in 6 macro tipologie di spesa: in particolare nel 2010 per ogni 100 euro di ASA, le 208 banche del campione ne hanno mediamente impiegati 35 in spese generali, 30 in spese informatiche, 14 in spese per manutenzione e fitti passivi, 11 in spese professionali, 6 in oneri di trasporto e 4 in spese di pubblicità. La prima area di costo in termini di importanza relativa è costituta dalle spese generali. Nel 2010 il totale del campione ABI ha sostenuto per questa classe di costi milioni di euro, pari al 35,1% delle ASA. La seconda area di costo in termini di importanza relativa è rappresentata dalle spese informatiche (5.068 milioni di euro, pari al 29,9% delle ASA). La terza componente in ordine di importanza relativa è rappresentata dalle spese di manutenzione e fitti passivi (2.379 milioni di euro, pari al 14% delle ASA). La quarta componente di costo è costituita dalle spese professionali (1.883 milioni di euro, pari all 11,1% delle ASA). La quinta componente in ordine di importanza relativa è rappresentata dalle spese di trasporto (1.037 milioni di euro, pari al 6,1% delle ASA). La sesta componente in ordine di importanza relativa è rappresentata dalle spese di pubblicità. (617 milioni di euro, pari al 3,6% delle ASA). [ ] L analisi dei dati consente di rilevare che nel 2011 l insieme delle banche rispondenti attende un incremento delle ASA pari allo 0,50%: 22 banche hanno iscritto a budget una variazione positiva delle ASA, 11 banche hanno definito per il 2011 un budget con una riduzione assoluta delle ASA. [ ] Nel corso del 2010 i processi di controllo dei costi hanno assunto la seguente configurazione: circa il 90% delle banche ha sottoposto a politiche attive di contenimento le spese telefoniche, postali e di trasmissione dati, che incidono per il 4% sul totale delle ASA; oltre il 50% delle banche, ha adottato politiche di controllo su voci di spesa che incidono per il 36% [ ] 2

3 Una specifica area di indagine ha riguardato la tipologia contrattuale delle strategie di outsourcing adottate dalle banche italiane. In particolare, sulla base dei dati forniti dalle banche che hanno compilato questa specifica sezione del questionario, emerge che nel 2010: facility management: questa tipologia viene utilizzata dal 17,9% dei rispondenti; outsourcing di base: questa tipologia viene utilizzata dal 46,4% delle banche rispondenti; outsourcing globale: questa tipologia viene utilizzata dal 57,1% delle banche rispondenti; outsourcing di processo: questa tipologia viene utilizzata dal 14,3% delle banche; outsourcing funzionale: questa tipologia viene utilizzata dal 10,7% dei rispondenti; scorporo di ramo di azienda: questa tipologia non viene utilizzata da nessun intermediario; joint ventures: nel 2010 non si rilevano segnalazioni. Nel 2010 la struttura media del business delle banche italiane era costituita da quattro attività principali: la banca commerciale (47,2% del totale), l'offerta di mutui residenziali (12,5%), i sistemi di pagamento (8,3%), le attività di trading (6,1%). Vi sono poi cinque aree di attività che contribuiscono, in media, per meno del 5% al business delle banche del campione: la banca d investimento (4,9%), finanza personale (4,4%), l asset management (4,4%), il credito al consumo (3,8%), e-banking ed e-finance (1,8%). Esiste infine un insieme composito, denominato "altre attività", che contribuisce per il 6,5% al business complessivo. [ ] A fine 2010 la struttura gerarchica dei dipendenti delle banche censite risultava essere la seguente: il peso relativo dei dirigenti è pari, in media al 2% (5.232 unità); i quadri direttivi di 3 e 4 livello mediamente incidono per il 16,1% del totale ( unità); gli altri quadri direttivi incidono per il 21,8% del totale ( unità); le altre aree professionali raggruppano mediamente il 57,2% del totale ( unità) dei dipendenti bancari; il restante personale incide mediamente per l 1,8% (4.725 unità). gli amministratori incidono per lo 0,7% (1.779 unità); il personale delle unità operanti all estero per lo 0,5% (1.326 unità). La distribuzione del personale tra rete e direzione è la seguente: sul totale dei dipendenti il: 68,5% è allocato presso sportelli; 31,5% è allocato presso le direzioni centrali, servizi EAD e servizi di esattorie e ricevitorie 3

4 i dirigenti sono destinati per: l 11,6% presso sportelli; l 88,4% presso le direzioni centrali; i quadri direttivi di 3 e 4 livello sono destinati per il: 50,2% presso sportelli; 49,8% presso le direzioni centrali; il restante personale è destinato per il: 74,2% presso sportelli; 25,8% presso le direzioni centrali. [ ] Si è proceduto ad analizzare la ripartizione del personale per aree di attività. In particolare, a fine 2010 le banche che hanno fornito dati relativi all articolazione del personale per aree di attività, hanno segnalato quanto segue: all area distribuzione è dedicato, in media il 64,7% delle risorse umane; nell area servizi operativi è in media allocato il 4,4% del personale; nelle business units è in media presente l 19,5% dipendenti; i servizi di staff attraggono in media il 9,6% del totale dei dipendenti; la voce residuale altro rappresenta l 1,8% dei dipendenti. L'analisi dei dati di conto economico riferiti a ciascuna area di attività, consente di rilevare che [ ] Dalle segnalazioni di vigilanza è possibile ricavare informazioni (numero clienti e ammontari) sui prodotti distribuiti dalle banche alla propria clientela e sui relativi canali distributivi. Per canali distributivi si intendono: sportello, Automatic Teller Machines (A.T.M.), promotori finanziari, canale telefonico, internet, altri collegamenti telematici, società bancarie e finanziarie, società di assicurazione, esercizi commerciali, altri canali distributivi. I prodotti presi a riferimento sono in particolare: operazioni di finanziamento, operazioni di raccolta, gestioni patrimoniali, attività di ricezione e trasmissione di ordini di mediazione e di negoziazione di strumenti finanziari su mercati nazionali, internazionali e fuori mercato, altri prodotti e servizi distribuiti. Da questa analisi emerge che per le operazioni di finanziamento appare significativa la quota attribuita allo sportello in termini di numero clienti attivi. Di converso, per quanto riguarda l ammontare delle operazioni, oltre il 17% è servito da società 4

5 bancarie e finanziarie, l 1% tramite altri canali distributivi e altri collegamenti telematici. Le operazioni di raccolta presentano una maggiore concentrazione sia sull ammontare (95,5% del totale) che rispetto al numero dei clienti (94,7) [ ] È stato chiesto al campione di banche di valutare in termini qualitativi la rilevanza di 9 canali di distribuzione (sportelli, promotori, mediatore creditizio, banca telefonica, Internet, società comprese nel gruppo, agenzie assicurative, società non comprese nel gruppo, altri canali) La media delle risposte pervenute dalle banche del campione evidenzia che, dopo lo sportello, Internet rappresenta la seconda modalità di distribuzione per importanza relativa, seguito dalle società comprese nel gruppo, dai promotori e dalla banca telefonica, dai mediatori creditizi, dalle agenzie assicurative, dagli altri canali, dalle società non comprese nel gruppo. [ ] E stato chiesto al campione di banche di valutare anche il contributo offerto da ciascuno dei canali di distribuzione all'effettiva operatività della banca (rappresentata dal margine di intermediazione). La media delle risposte pervenute dalle banche evidenzia che, sotto il profilo quantitativo, lo sportello, Internet e le società comprese nel gruppo, rappresentano i canali di distribuzione più importanti. A livello medio di sistema, infatti, la rete sportelli assicura alle banche del campione il 71,2% dell operatività complessiva, seguita da Internet che contribuisce per il 13,3% [ ] Utilizzando le risposte relative alla rilevanza dei canali come proxy dell effettiva intensità di utilizzo di ciascuno di essi, si è cercato di valutare il livello di diffusione della multicanalità all interno del campione di banche partecipanti all'indagine. Il 9,8% delle banche segnalanti dichiara di aver attivato un solo canale di distribuzione. Il 34,2% delle banche segnalanti dichiara invece di aver attivato due canali di distribuzione [ ] La distribuzione delle filiali per dotazione media di personale ( unità) evidenzia che nel 2010 sono state perseguite le seguenti politiche: le grandi filiali rappresentavano lo 0,4% del totale delle filiali del campione; il numero delle filiali con una dotazione media di dipendenti compresa tra 13 e 50 si è attestata il 9,7% del totale; le filiali con un numero di dipendenti compreso tra 6 e 12 unità il 35% del numero totale degli sportelli del campione; le filiali con un numero di dipendenti compreso fra 4 e 5 unità il 32,5% del totale sportelli; i microsportelli quelli con una dotazione media fino a 3 dipendenti rappresentavano a fine 2010 il 22,4% del totale delle dipendenze del campione. I costi direttamente connessi alla tecnologia ammontano a milioni di euro e risultano costituiti, relativamente ad un campione di 149 banche: per il 75,2% da servizi di elaborazione acquistati all esterno della società quali outsourcing, facility 5

6 management, gestione esterna della rete e di servizi vari (help desk, sportelli automatici, carte di pagamento). In particolare il 61,2% di tutti i costi IT deriva da servizi di elaborazione provenienti da società del gruppo e il 14% dei servizi di elaborazione è acquistato all esterno del proprio gruppo di appartenenza;per l 8,1% da costi di acquisizione, noleggio e manutenzione relativi al software (incluse le quote di ammortamento ed i costi di installazione) [ ] I ricavi associati a servizi tecnologici risultano costituiti per la quasi totalità da servizi prestati a società. In particolare i servizi prestati sono distribuiti per il 71,7% a favore di società del gruppo e per il rimanente ad altre società. Da rilevare peraltro che delle 149 banche prese in esame, solo 15 hanno segnalato ricavi al netto dell IVA - in questa specifica sezione del conto economico. [ ] Le analisi contenute nel Rapporto sono realizzate su diverse base dati e diversi campioni di istituti: ABI Banking DATA - base dati sui bilanci bancari gestita dall ABI dal 1992; SI ABI matrice dei conti - segnalazioni di vigilanza relative alla matrice dei conti; Osservatorio Costi specifica base dati sui costi. 6

7 ESTRATTO RAPPORTO CONSOLIDATO [ ] Dal lato delle spese amministrative si è registrata una sostanziale stabilità rispetto al 2009 (-0,3%), dato questo che deriva da un lieve incremento delle spese per il personale (0,4%) e da una riduzione delle altre spese amministrative (-1,5%). L aumento fatto registrare nel 2010 dalle spese per il personale dipendente (pari in valore assoluto a 146 milioni di euro) è riconducibile pressoché integralmente (per 130 milioni circa di euro) alla classificazione in tale aggregato di alcuni elementi di spesa che fino al 2009 venivano invece allocati nelle altre spese amministrative; tale riallocazione contabile comporta anche dei riverberi fiscali in considerazione della diretta derivazione dal bilancio della base imponibile IRAP. Per quanto attiene al cost income nel 2010 si rileva un valore pari al 67,2% (in media ponderata) e di 78,9% (in media semplice) con un aumento di 2,7 p.p. rispetto al 2009 nella configurazione ponderata e un incremento di 6,1 p.p. in termini di media semplice. Il cost income 2010 evidenzia un incremento di 2,7 p.p. nella media ponderata e di 6,1 p.p. nella media semplice. Tale dinamica, in presenza di costi operativi rimasti stabili, è influenzata dalla riduzione del margine di intermediazione (-4,2%). I 38 gruppi bancari del campione semestrali ABI - che rappresentano circa l 80% del sistema in termini di totale attivo nel 2010 hanno sostenuto altre spese amministrative (d ora in poi ASA) per complessivi 17,4 miliardi di euro, pari allo 0,63% del totale attivo (2009 = 0,66%), al 23,5% del margine di intermediazione (2009 = 22,8%) ed al 35,9% del totale dei costi operativi (2009 = 37%). [ ] In concreto, per produrre 100 euro di margine di intermediazione i gruppi bancari italiani hanno mediamente sostenuto 24 euro di ASA e, in particolare, 7,2 euro di spese generali, 6,5 euro di spese informatiche, 3,6 euro di spese per manutenzioni e fitti passivi, 3,3 euro di spese professionali, 2,0 euro di spese di trasporto e 1,3 euro di oneri di pubblicità. [ ] La struttura media delle ASA del campione di 51 gruppi bancari censiti evidenzia, per ciascuna delle 17 sottovoci di costo: l'ammontare (in milioni di euro) rilevato al 31 dicembre 2010; l incidenza percentuale sul totale delle altre spese amministrative"; l incidenza percentuale sul margine di intermediazione; alcuni parametri statistici della distribuzione dei valori relativi all incidenza di ciascuna sottovoce sul totale delle ASA ed, in particolare, il minimo, il 1 quartile, la media semplice, il valore mediano, il 3 quartile ed il valore massimo. 7

8 [ ] Anche al fine di consentire una più accurata analisi di posizionamento, viene riportata, per ciascuna delle 17 sottovoci di costo, l incidenza percentuale sul totale delle ASA di ognuna di esse rilevata classificando i gruppi bancari per totale attivo. Sono stati individuati 5 campioni: (a) gruppi con totale attivo superiore a 50 miliardi di euro, (b) gruppi con totale attivo tra 50 e 20 miliardi di euro, (c) gruppi con totale attivo tra 20 e 10 miliardi di euro, (d) gruppi con totale attivo tra 10 e 1 miliardo di euro, (e) gruppi con totale attivo inferiore al miliardo di euro. Una elaborazione riporta alcuni indicatori di performance relativi ai primi 5 gruppi per i quali è stata rilevata la più elevata incidenza di ciascuna sottovoce di costo sul totale della ASA. [ ] Di seguito vengono analizzate, in ordine di importanza relativa, le 17 sottoclassi componenti le altre spese amministrative (imposte indirette incluse). [ ] I dati relativi all analisi in serie storica evidenziano che la riduzione delle ASA (- 0,5%, corrispondenti a 94 milioni di euro) rilevata nel corso del 2010 è imputabile a 527 milioni di euro di maggiori oneri dovuti all aumento di 8 componenti di costo cui si contrappongono 621 milioni di euro di risparmi spiegati dalla riduzione di 9 componenti di costo. [ ] Taluni profili del grado di rigidità dei costi operativi possono essere valutati anche alla luce della presenza, o meno, di oneri sostenuti una tantum, cioè di oneri da considerarsi non ricorrenti. Le risposte pervenute evidenziano che nel 2010 sono stati sostenuti oneri "una tantum" per complessivi 2,7 miliardi di euro. In rapporto alle ASA di questo sottoinsieme di gruppi bancari, l incidenza dei costi non ricorrenti risulta pari al 26,6%. Tutti i gruppi bancari segnalanti hanno dichiarato l esistenza di politiche attive di contenimento delle ASA. Le principali aree di intervento sono risultate essere, in ordine di diffusione tra i gruppi censiti, le seguenti: spese telefoniche, postali e trasmissione dati, sottoposte a controllo dal 100% dei gruppi; energia elettrica, riscaldamento ed acqua; cancelleria e stampati (83% dei gruppi); spese di trasporto (75% dei gruppi); spese vigilanza e contazione valori; [ ] Per quanto riguarda le scelte adottate in tema di outsourcing, le risposte multiple fornite indicano la prevalenza dell esternalizzazione di alcune elaborazioni EAD [ ] seguiti dei sistemi di pagamento e contazione valori, dalla gestione di magazzini e archivi, dalla formazione (20%) e dalla tenuta della contabilità generale. 8

9 Un secondo profilo di analisi ha riguardato le strategie di outsourcing adottate dal campione di gruppi. In particolare, sulla base dei dati forniti dai gruppi che hanno compilato la specifica sezione del questionario, si rileva quanto segue: facility management: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 50% dei rispondenti; outsourcing di base: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 25% dei rispondenti; outsourcing globale: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 12,5% dei rispondenti; outsourcing di processo: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 25% dei rispondenti; outsourcing funzionale questa tipologia di outsourcing non viene utilizzata dai rispondenti; scorporo di ramo di azienda: [ ] joint ventures: [ ] Al fine di valutare il portafoglio delle attività costituenti il business è stata richiesta una stima del peso relativo delle seguenti attività: trading, asset management, finanza personale, banca commerciale, e-banking, e-finance, banca d investimento, credito al consumo, mutui residenziali, sistemi di pagamento e altro. I gruppi bancari che hanno compilato la sezione in oggetto, evidenziando una struttura del business costituita da due attività principali, quella di banca commerciale (48,2% del totale) e banca di investimento (12,5%). Vi sono poi altre due aree di attività che contribuiscono in misura rilevante al business: mutui residenziali (10,5%) e finanza personale (8,0%). [ ] A fine 2010 la struttura gerarchica del personale dei gruppi bancari del campione risultava essere la seguente: il peso relativo dei dirigenti è pari in media all'1,49% del totale; i quadri direttivi mediamente incidono per il 27,6% del totale; il restante personale incide mediamente per il 70,9% del totale. [ ] E stata analizzata la ripartizione del personale dei gruppi bancari italiani per aree di business: i gruppi bancari che hanno fornito dati relativi all articolazione del personale per aree di attività hanno segnalato quanto segue: - all area distribuzione è dedicato in media il 58,5% del totale dei dipendenti; - nelle business units è in media allocato l 11,6% dei dipendenti; - i servizi di staff occupano in media il 10,3% dei dipendenti; - nell area servizi operativi è in media allocato il 12,8% del personale; - la voce altro rappresenta in media il 6,7% dei dipendenti. 9

10 L analisi di trend riferita al biennio applicata ad un campione di gruppi bancari dei quali si dispone dell informazione sul personale per aree di attività evidenzia che il peso relativo del personale allocato nella distribuzione si è ridotto di oltre 3 punti percentuali nel biennio [ ] L'analisi dei dati di conto economico relativi ai gruppi bancari, i quali hanno fornito la serie completa dei dati relativi a ciascuna area di attività, consente di rilevare che l'area distribuzione, genera il 71,1% del margine di intermediazione, assorbe il 67,6% dei costi del personale ed il 67,6% delle ASA [ ] È stato chiesto ai singoli gruppi bancari di valutare in termini qualitativi la rilevanza dei seguenti 8 canali di distribuzione: sportelli, promotori, mediatori creditizi, banca telefonica, Internet, agenzie assicurative, società non comprese nel gruppo, altri canali. La media delle risposte conferma che lo sportello rappresenta la modalità di distribuzione più importante cui segue Internet. In particolare, lo sportello è considerato il canale principale dal 90% dei gruppi [ ] E stato chiesto a ciascun gruppo bancario di valutare il contributo percentuale offerto da ognuno degli otto canali di distribuzione considerati in rapporto all'effettiva operatività della banca. La media delle risposte pervenute dai gruppi evidenzia che, sotto il profilo quantitativo, lo sportello, gli altri canali ed Internet rappresentano le vie di distribuzione più importanti. [ ] Utilizzando le risposte relative alla rilevanza dei canali come proxy dell effettivo utilizzo di ciascuno di esso, è stato valutato il livello di diffusione della multicanalità all interno del campione dei gruppi partecipanti all'indagine. Nessun gruppo ormai utilizza più un solo canale di distribuzione ed il 22% dei rispondenti dichiara di averne attivati due [ ] I costi per la tecnologia sostenuti dai gruppi italiani rispondenti al questionario sono costituiti: per il 24,9% da costi di acquisizione, noleggio e manutenzione relativi al software; per una percentuale analoga (24,9%) da costi del personale; per il 20% da oneri relativi all hardware, [ ] Le attività di banca remota sono state raggruppate in tre macroclassi: le attività di banca commerciale migrate sulla rete vengono definite e-banking; il mondo del trading online e dell inter-mediazione mobiliare è stato raggruppato nell e-finance; 10

11 i business legati alla moneta elettronica sono stati definiti e-money. Nel 2010 il 67% dei gruppi rispondenti ha offerto servizi di e-banking mentre la totalità di essi ha fornito servizi di e-money e di e-finance. Dal punto di vista organizzativo l offerta di servizi di e-banking è stata condotta ricorrendo, nel 40% dei casi, ad accordi commerciali con terzi. [ ]. L attività di moneta elettronica sono presenti nel portafoglio di attività di tutti i gruppi bancari censiti. L offerta è stata costituita mediante strutture interne nel 33% dei casi, mentre il ricorso ad accordi commerciali viene segnalato dal 28% dei gruppi [ ]. Il 63% dei gruppi bancari che hanno risposto alla sezione del questionario dedicata al capital budgeting ha dichiarato l'esistenza di una specifica unità organizzativa dedicata alla valutazione dei progetti di investimento. L'ambito degli investimenti da sottoporre ad analisi e valutazione è stato definito internamente e con chiarezza nel 75% dei gruppi rispondenti. Nell 88% dei casi tale definizione è fondata su classi contabili ed amministrative. Inoltre l 88% dei gruppi rispondenti dichiara l esistenza di stretti legami tra la strategia aziendale, la pianificazione e gli investimenti. [ ] La gestione dei progetti d investimento è correlata al sistema premiante nel 63% dei casi. I soci vengono informati delle iniziative di investimento, e presumibilmente del relativo andamento, nel 50% dei casi. [ ] Ancora del tutto assente, invece, la presenza di specifiche conoscenze utili per gestire la dismissione degli investimenti non più funzionali. [ ] Per quanto concerne le aspettative legate alla realizzazione degli investimenti attuati. La maggioranza dei gruppi bancari rispondenti ha dichiarato di attendersi dagli investimenti un aumento dei ricavi. In particolare (risposte multiple): si attendono un aumento dei ricavi tramite l aumento della base clienti [ ] E' interessante rilevare che i gruppi si attendono benefici in termini di aumento della produttività [ ] 11

12 Da restituire a: M O D U L O D I A C Q U I S T O Acquistiamo i seguenti volumi: Tipologia documento Prezzo di Listino Prezzo Associati ABI MODULO BASE: 2 Volumi Costing Benchmark: Rapporto Generale Individuale + Rapporto Generale Consolidato MODULO AVANZATO: Report Personalizzati di Posizionamento Individuale e, laddove possibile, consolidato sconto del 20%= (+ Iva 4%) n.d. -50% di sconto = sconto del 20%= 720 (+ Iva 4%) sconto del 20%= (+ Iva 21%) ABISERVIZI SPA Divisione Progetti Speciali Via delle Botteghe Oscure ROMA Fax Offerta riservata ai nuovi clienti, partecipanti a Costi & Business 11 Sconto del 20%!* C O N D I Z I O N I DI A D E S I O N E L offerta scontata è riservata alle aziende non ancora abbonate nel biennio 2010/2011. L adesione si intende tacitamente rinnovata in modo automatico alle normali condizioni di listino, se non tempestivamente disdetta entro il 31 dicembre L ABI garantisce la riservatezza dei dati delle singole banche aderenti. L azienda si impegna a non divulgare i dati contenuti nei rapporti Costing Benchmark. In caso di modifica del Referente è richiesto di comunicare il nuovo nominativo ad ABIServizi Spa. AZIENDA: Codice AZIENDA : P.IVA IL REFERENTE ATTUALE: Nome:.. Cognome:.. Ufficio:. Indirizzo: CAP. Città.. Prov. Tel:. Fax: .. (data) (timbro e firma)

Questionario Costi 2012 a livello consolidato

Questionario Costi 2012 a livello consolidato Gruppo in outsourcing (gestione informatica presso una società strumentale interno o esterna al gruppo) - in caso affermativo inserire un SI nella cella Gruppo non in outsourcing (gestione informatica

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello individuale

Questionario Costi 2012 a livello individuale Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

I costi operativi 1998

I costi operativi 1998 Rif.: 95001-062 I costi operativi 1998 - Estratto - Benchmarking Banche Italiane Luglio 1999 Questo documento è un estratto dei risultati del Benchmarking Costi Operativi 1998 di KPMG Consulting, che già

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza Giampiero Censi - Controllo di Gestione, Cassa di Risparmio di Fermo spa ABI: COSTI COSTI & BUSINESS & 2012

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli Dicembre 2015 La statistica associativa Indici Aziendali fornisce una vasta serie di indici informativi e ratio di performance a livello totale di mercato in riferimento alle seguenti aree: forza lavoro

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2015. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2015. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2015 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE *

4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE * 65 4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE * In un precedente numero di Osservatorio Monetario (n. 1-2000) ci eravamo proposti di verificare il grado di diversificazione produttiva, misurata in

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale La contabilità analitica e la misurazione degli oggetti di calcolo Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 15 Ottobre 2010 ARGOMENTO

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Sistemi di remunerazione Raccolta di dati presso banche e SIM in attuazione degli orientamenti dell EBA

Sistemi di remunerazione Raccolta di dati presso banche e SIM in attuazione degli orientamenti dell EBA Sistemi di remunerazione Raccolta di dati presso banche e SIM in attuazione degli orientamenti dell EBA 1. Premessa La direttiva 2010/76 (cd. CRD 3) ha introdotto regole armonizzate in materia di politiche

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO

ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO MODIFICHE ALLA DISCIPLINA SEGNALETICA DI BANCHE, FONDI DI INVESTIMENTO E INTERMEDIARI FINANZIARI Relazione sull analisi di impatto La Banca d Italia sottopone

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

- 1 - Premessa. Tavola 1 Rappresentatività del campione

- 1 - Premessa. Tavola 1 Rappresentatività del campione Novembre 2013 Premessa La statistica associativa Indici Aziendali (ventottesima edizione) fornisce una vasta serie di indici informativi e ratio di performance a livello totale di mercato in riferimento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE Introduzione... V Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE 1.1. Il controllo strategico... 4 1.2. Il controllo

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami anno 2014

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami anno 2014 Rendiconto sull attività di gestione dei reclami anno 2014 Le disposizioni della Banca d Italia del 29.07.2009 in tema di Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ( 3, sez. XI) prevedono

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

L analisi del fenomeno delle frodi informatiche nel settore bancario italiano

L analisi del fenomeno delle frodi informatiche nel settore bancario italiano L analisi del fenomeno delle frodi informatiche nel settore bancario italiano La convenzione ABI Polizia di Stato per la costruzione di una piattaforma tecnologica per lo scambio reciproco di alert Romano

Dettagli

Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012. settembre 2013 - numero 3

Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012. settembre 2013 - numero 3 Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012 settembre 2013 - numero 3 Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012 Numero 3 - settembre 2013 Questo fascicolo presenta una sintesi dei risultati dell

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it Costi, ricavi IT e Audit Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it 1 Premessa 2 Idea: la genesi 3 Le motivazioni 4 Descrizione tematica: idea e contesto, obiettivi 5 Approccio metodologico

Dettagli

3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO

3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO 3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO 104 RENDICONTO DEL VALORE AGGIUNTO Lo schema qui presentato per la rendicontazione della formazione del Valore Aggiunto consolidato è quello definito in base al Modello dell

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana Settembre 2011 Ufficio Analisi Economiche A partire dalla data contabile settembre 2010, il flusso di ritorno statistico della "matrice dei conti" è stato riattivato

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Statistica Indici Aziendali. Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri

Statistica Indici Aziendali. Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri Statistica Indici Aziendali Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri Edizione Gennaio 2015 INDICE: QUESTIONARI COMPILATI DALLE IMPRESE... 5 QUESTIONARIO A RILEVAZIONE ORGANICI...

Dettagli

Ottimizzazione del processo di acquisto delle Telecomunicazioni

Ottimizzazione del processo di acquisto delle Telecomunicazioni Ottimizzazione del processo di acquisto delle Telecomunicazioni Nicolò Romani Convegno ABI Costi & Business 2003 Roma, 18 novembre 2003 INDICE 1. SCENARIO DI MERCATO 2. PERCORSI DI COST CUTTING TLC SUGGERITI

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio

Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio CONVENZIONE INTERBANCARIA PER I PROBLEMI DELL AUTOMAZIONE ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio Profili organizzativi ed economici F.A.Q. Frequently

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

Conferimento di incarico da parte di ACI Rete ed accettazione da parte della Delegazione

Conferimento di incarico da parte di ACI Rete ed accettazione da parte della Delegazione Conferimento di incarico da parte di ACI Rete ed accettazione da parte della Delegazione Conferimento e accettazione di incarico alla promozione e diffusione dell offerta integrata ARVAL da parte di società

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2012

Risultati di Gruppo - 2012 Risultati di Gruppo 212 Conference Call Adolfo Bizzocchi 18 Marzo 213 Principali evidenze del 212 Margine Finanziario, al netto di poste straordinarie, in crescita nel trimestre (+,8% QoQ) grazie al buon

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 Giugno 2015 IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Capitale Sociale int. vers. Euro 42.500.000,00 Capogruppo del

Dettagli

L analisi dei costi per le decisioni di impresa

L analisi dei costi per le decisioni di impresa Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli mucelli@econ.univpm.it - www.econ.univpm.it/mucelli L analisi

Dettagli

Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio

Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio CONVENZIONE INTERBANCARIA PER I PROBLEMI DELL AUTOMAZIONE ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio Situazione al 31 dicembre 2003 e previsioni 2004

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

Gruppi bancari: valori assoluti utilizzati per il calcolo degli indicatori di costo ICT

Gruppi bancari: valori assoluti utilizzati per il calcolo degli indicatori di costo ICT Gruppi bancari: valori assoluti utilizzati per il calcolo degli indicatori di ICT Gruppo: Codice e Denominazione Voci Valori 2005 2006 2007 Costi ICT * Attivo considerato * Costi operativi * Risultato

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Comunicato stampa RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Approvati i risultati dell esercizio 2007 UTILE NETTO CONSOLIDATO: Euro 185 milioni, in crescita del 6,9% rispetto all utile netto consolidato del 2006

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI . Principali risultati Da alcuni anni, la Banca d Italia svolge un indagine sull onerosità dei conti correnti, basata sui costi effettivamente sostenuti da un campione rappresentativo di clienti nel corso

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.418.332,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.037,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

Stato dell arte e tendenze evolutive dei call center bancari in Italia

Stato dell arte e tendenze evolutive dei call center bancari in Italia L indagine condotta dal Consorzio ABI Lab e dal Centro Studi e Ricerche dell ABI fotografa la situazione dei call center bancari rivelando un ruolo sempre più proattivo di questo canale nelle politiche

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

Relazione 2011. Il Grafico 1 illustra la relativa spesa suddividendo gli acquisti per categoria merceologica. servizi nel campo sociale

Relazione 2011. Il Grafico 1 illustra la relativa spesa suddividendo gli acquisti per categoria merceologica. servizi nel campo sociale Relazione 2011 sui risultati conseguiti attraverso l attuazione del sistema delle Convenzioni Consip (applicazione del D.L. 12/07/04, n. 168, convertito dalla L. 30/07/04, n. 191) L attività di controllo

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

GRUPPO CAD IT IL GRUPPO CAD IT. 3 Road Show del Nuovo Mercato. Milano, 20 novembre 2002

GRUPPO CAD IT IL GRUPPO CAD IT. 3 Road Show del Nuovo Mercato. Milano, 20 novembre 2002 GRUPPO CAD IT 3 Road Show del Nuovo Mercato IL GRUPPO CAD IT Milano, 20 novembre 2002 1 2 1 Overview del gruppo CAD IT: Azionariato e Corporate Governance Il gruppo CAD IT, fondato nel 1977, sviluppa e

Dettagli

Il valore strategico dell ICT nel settore bancario

Il valore strategico dell ICT nel settore bancario Il valore strategico dell ICT nel settore bancario Matteo Lucchetti ABI Lab - Senior Research Analyst Milano, 28 ottobre 2008 Il sistema bancario in Italia Sistema bancario 341.538 dipendenti 1 Dati 2006

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015. Approvato il risultato semestrale e deliberato l avvio di un programma di rafforzamento

Dettagli