ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011"

Transcript

1 ABI benchmarking Costing Benchmark Estratto del Rapporto Generale Individuale e Consolidato - Edizione 2011

2 ESTRATTO RAPPORTO INDIVIDUALE [ ] Il cost/income, risulta, in media ponderata, pari al 67,3% (83,3% in media semplice). La media semplice risente della presenza nel campione di 29 istituti che registrano un livello del cost income superiore al 100%: sono essenzialmente: banche d investimento, banche capogruppo di emanazione finanziaria, banche specializzate, banche start up, banche originate da operazioni di fusione/concentrazione. Le banche del campione semestrali ABI hanno sostenuto altre spese amministrative (d ora in poi ASA) per complessivi milioni di euro, pari al 29,3% del margine di intermediazione ed al 45% delle spese amministrative. Le sottovoci di costo sono state associate in 6 macro tipologie di spesa: in particolare nel 2010 per ogni 100 euro di ASA, le 208 banche del campione ne hanno mediamente impiegati 35 in spese generali, 30 in spese informatiche, 14 in spese per manutenzione e fitti passivi, 11 in spese professionali, 6 in oneri di trasporto e 4 in spese di pubblicità. La prima area di costo in termini di importanza relativa è costituta dalle spese generali. Nel 2010 il totale del campione ABI ha sostenuto per questa classe di costi milioni di euro, pari al 35,1% delle ASA. La seconda area di costo in termini di importanza relativa è rappresentata dalle spese informatiche (5.068 milioni di euro, pari al 29,9% delle ASA). La terza componente in ordine di importanza relativa è rappresentata dalle spese di manutenzione e fitti passivi (2.379 milioni di euro, pari al 14% delle ASA). La quarta componente di costo è costituita dalle spese professionali (1.883 milioni di euro, pari all 11,1% delle ASA). La quinta componente in ordine di importanza relativa è rappresentata dalle spese di trasporto (1.037 milioni di euro, pari al 6,1% delle ASA). La sesta componente in ordine di importanza relativa è rappresentata dalle spese di pubblicità. (617 milioni di euro, pari al 3,6% delle ASA). [ ] L analisi dei dati consente di rilevare che nel 2011 l insieme delle banche rispondenti attende un incremento delle ASA pari allo 0,50%: 22 banche hanno iscritto a budget una variazione positiva delle ASA, 11 banche hanno definito per il 2011 un budget con una riduzione assoluta delle ASA. [ ] Nel corso del 2010 i processi di controllo dei costi hanno assunto la seguente configurazione: circa il 90% delle banche ha sottoposto a politiche attive di contenimento le spese telefoniche, postali e di trasmissione dati, che incidono per il 4% sul totale delle ASA; oltre il 50% delle banche, ha adottato politiche di controllo su voci di spesa che incidono per il 36% [ ] 2

3 Una specifica area di indagine ha riguardato la tipologia contrattuale delle strategie di outsourcing adottate dalle banche italiane. In particolare, sulla base dei dati forniti dalle banche che hanno compilato questa specifica sezione del questionario, emerge che nel 2010: facility management: questa tipologia viene utilizzata dal 17,9% dei rispondenti; outsourcing di base: questa tipologia viene utilizzata dal 46,4% delle banche rispondenti; outsourcing globale: questa tipologia viene utilizzata dal 57,1% delle banche rispondenti; outsourcing di processo: questa tipologia viene utilizzata dal 14,3% delle banche; outsourcing funzionale: questa tipologia viene utilizzata dal 10,7% dei rispondenti; scorporo di ramo di azienda: questa tipologia non viene utilizzata da nessun intermediario; joint ventures: nel 2010 non si rilevano segnalazioni. Nel 2010 la struttura media del business delle banche italiane era costituita da quattro attività principali: la banca commerciale (47,2% del totale), l'offerta di mutui residenziali (12,5%), i sistemi di pagamento (8,3%), le attività di trading (6,1%). Vi sono poi cinque aree di attività che contribuiscono, in media, per meno del 5% al business delle banche del campione: la banca d investimento (4,9%), finanza personale (4,4%), l asset management (4,4%), il credito al consumo (3,8%), e-banking ed e-finance (1,8%). Esiste infine un insieme composito, denominato "altre attività", che contribuisce per il 6,5% al business complessivo. [ ] A fine 2010 la struttura gerarchica dei dipendenti delle banche censite risultava essere la seguente: il peso relativo dei dirigenti è pari, in media al 2% (5.232 unità); i quadri direttivi di 3 e 4 livello mediamente incidono per il 16,1% del totale ( unità); gli altri quadri direttivi incidono per il 21,8% del totale ( unità); le altre aree professionali raggruppano mediamente il 57,2% del totale ( unità) dei dipendenti bancari; il restante personale incide mediamente per l 1,8% (4.725 unità). gli amministratori incidono per lo 0,7% (1.779 unità); il personale delle unità operanti all estero per lo 0,5% (1.326 unità). La distribuzione del personale tra rete e direzione è la seguente: sul totale dei dipendenti il: 68,5% è allocato presso sportelli; 31,5% è allocato presso le direzioni centrali, servizi EAD e servizi di esattorie e ricevitorie 3

4 i dirigenti sono destinati per: l 11,6% presso sportelli; l 88,4% presso le direzioni centrali; i quadri direttivi di 3 e 4 livello sono destinati per il: 50,2% presso sportelli; 49,8% presso le direzioni centrali; il restante personale è destinato per il: 74,2% presso sportelli; 25,8% presso le direzioni centrali. [ ] Si è proceduto ad analizzare la ripartizione del personale per aree di attività. In particolare, a fine 2010 le banche che hanno fornito dati relativi all articolazione del personale per aree di attività, hanno segnalato quanto segue: all area distribuzione è dedicato, in media il 64,7% delle risorse umane; nell area servizi operativi è in media allocato il 4,4% del personale; nelle business units è in media presente l 19,5% dipendenti; i servizi di staff attraggono in media il 9,6% del totale dei dipendenti; la voce residuale altro rappresenta l 1,8% dei dipendenti. L'analisi dei dati di conto economico riferiti a ciascuna area di attività, consente di rilevare che [ ] Dalle segnalazioni di vigilanza è possibile ricavare informazioni (numero clienti e ammontari) sui prodotti distribuiti dalle banche alla propria clientela e sui relativi canali distributivi. Per canali distributivi si intendono: sportello, Automatic Teller Machines (A.T.M.), promotori finanziari, canale telefonico, internet, altri collegamenti telematici, società bancarie e finanziarie, società di assicurazione, esercizi commerciali, altri canali distributivi. I prodotti presi a riferimento sono in particolare: operazioni di finanziamento, operazioni di raccolta, gestioni patrimoniali, attività di ricezione e trasmissione di ordini di mediazione e di negoziazione di strumenti finanziari su mercati nazionali, internazionali e fuori mercato, altri prodotti e servizi distribuiti. Da questa analisi emerge che per le operazioni di finanziamento appare significativa la quota attribuita allo sportello in termini di numero clienti attivi. Di converso, per quanto riguarda l ammontare delle operazioni, oltre il 17% è servito da società 4

5 bancarie e finanziarie, l 1% tramite altri canali distributivi e altri collegamenti telematici. Le operazioni di raccolta presentano una maggiore concentrazione sia sull ammontare (95,5% del totale) che rispetto al numero dei clienti (94,7) [ ] È stato chiesto al campione di banche di valutare in termini qualitativi la rilevanza di 9 canali di distribuzione (sportelli, promotori, mediatore creditizio, banca telefonica, Internet, società comprese nel gruppo, agenzie assicurative, società non comprese nel gruppo, altri canali) La media delle risposte pervenute dalle banche del campione evidenzia che, dopo lo sportello, Internet rappresenta la seconda modalità di distribuzione per importanza relativa, seguito dalle società comprese nel gruppo, dai promotori e dalla banca telefonica, dai mediatori creditizi, dalle agenzie assicurative, dagli altri canali, dalle società non comprese nel gruppo. [ ] E stato chiesto al campione di banche di valutare anche il contributo offerto da ciascuno dei canali di distribuzione all'effettiva operatività della banca (rappresentata dal margine di intermediazione). La media delle risposte pervenute dalle banche evidenzia che, sotto il profilo quantitativo, lo sportello, Internet e le società comprese nel gruppo, rappresentano i canali di distribuzione più importanti. A livello medio di sistema, infatti, la rete sportelli assicura alle banche del campione il 71,2% dell operatività complessiva, seguita da Internet che contribuisce per il 13,3% [ ] Utilizzando le risposte relative alla rilevanza dei canali come proxy dell effettiva intensità di utilizzo di ciascuno di essi, si è cercato di valutare il livello di diffusione della multicanalità all interno del campione di banche partecipanti all'indagine. Il 9,8% delle banche segnalanti dichiara di aver attivato un solo canale di distribuzione. Il 34,2% delle banche segnalanti dichiara invece di aver attivato due canali di distribuzione [ ] La distribuzione delle filiali per dotazione media di personale ( unità) evidenzia che nel 2010 sono state perseguite le seguenti politiche: le grandi filiali rappresentavano lo 0,4% del totale delle filiali del campione; il numero delle filiali con una dotazione media di dipendenti compresa tra 13 e 50 si è attestata il 9,7% del totale; le filiali con un numero di dipendenti compreso tra 6 e 12 unità il 35% del numero totale degli sportelli del campione; le filiali con un numero di dipendenti compreso fra 4 e 5 unità il 32,5% del totale sportelli; i microsportelli quelli con una dotazione media fino a 3 dipendenti rappresentavano a fine 2010 il 22,4% del totale delle dipendenze del campione. I costi direttamente connessi alla tecnologia ammontano a milioni di euro e risultano costituiti, relativamente ad un campione di 149 banche: per il 75,2% da servizi di elaborazione acquistati all esterno della società quali outsourcing, facility 5

6 management, gestione esterna della rete e di servizi vari (help desk, sportelli automatici, carte di pagamento). In particolare il 61,2% di tutti i costi IT deriva da servizi di elaborazione provenienti da società del gruppo e il 14% dei servizi di elaborazione è acquistato all esterno del proprio gruppo di appartenenza;per l 8,1% da costi di acquisizione, noleggio e manutenzione relativi al software (incluse le quote di ammortamento ed i costi di installazione) [ ] I ricavi associati a servizi tecnologici risultano costituiti per la quasi totalità da servizi prestati a società. In particolare i servizi prestati sono distribuiti per il 71,7% a favore di società del gruppo e per il rimanente ad altre società. Da rilevare peraltro che delle 149 banche prese in esame, solo 15 hanno segnalato ricavi al netto dell IVA - in questa specifica sezione del conto economico. [ ] Le analisi contenute nel Rapporto sono realizzate su diverse base dati e diversi campioni di istituti: ABI Banking DATA - base dati sui bilanci bancari gestita dall ABI dal 1992; SI ABI matrice dei conti - segnalazioni di vigilanza relative alla matrice dei conti; Osservatorio Costi specifica base dati sui costi. 6

7 ESTRATTO RAPPORTO CONSOLIDATO [ ] Dal lato delle spese amministrative si è registrata una sostanziale stabilità rispetto al 2009 (-0,3%), dato questo che deriva da un lieve incremento delle spese per il personale (0,4%) e da una riduzione delle altre spese amministrative (-1,5%). L aumento fatto registrare nel 2010 dalle spese per il personale dipendente (pari in valore assoluto a 146 milioni di euro) è riconducibile pressoché integralmente (per 130 milioni circa di euro) alla classificazione in tale aggregato di alcuni elementi di spesa che fino al 2009 venivano invece allocati nelle altre spese amministrative; tale riallocazione contabile comporta anche dei riverberi fiscali in considerazione della diretta derivazione dal bilancio della base imponibile IRAP. Per quanto attiene al cost income nel 2010 si rileva un valore pari al 67,2% (in media ponderata) e di 78,9% (in media semplice) con un aumento di 2,7 p.p. rispetto al 2009 nella configurazione ponderata e un incremento di 6,1 p.p. in termini di media semplice. Il cost income 2010 evidenzia un incremento di 2,7 p.p. nella media ponderata e di 6,1 p.p. nella media semplice. Tale dinamica, in presenza di costi operativi rimasti stabili, è influenzata dalla riduzione del margine di intermediazione (-4,2%). I 38 gruppi bancari del campione semestrali ABI - che rappresentano circa l 80% del sistema in termini di totale attivo nel 2010 hanno sostenuto altre spese amministrative (d ora in poi ASA) per complessivi 17,4 miliardi di euro, pari allo 0,63% del totale attivo (2009 = 0,66%), al 23,5% del margine di intermediazione (2009 = 22,8%) ed al 35,9% del totale dei costi operativi (2009 = 37%). [ ] In concreto, per produrre 100 euro di margine di intermediazione i gruppi bancari italiani hanno mediamente sostenuto 24 euro di ASA e, in particolare, 7,2 euro di spese generali, 6,5 euro di spese informatiche, 3,6 euro di spese per manutenzioni e fitti passivi, 3,3 euro di spese professionali, 2,0 euro di spese di trasporto e 1,3 euro di oneri di pubblicità. [ ] La struttura media delle ASA del campione di 51 gruppi bancari censiti evidenzia, per ciascuna delle 17 sottovoci di costo: l'ammontare (in milioni di euro) rilevato al 31 dicembre 2010; l incidenza percentuale sul totale delle altre spese amministrative"; l incidenza percentuale sul margine di intermediazione; alcuni parametri statistici della distribuzione dei valori relativi all incidenza di ciascuna sottovoce sul totale delle ASA ed, in particolare, il minimo, il 1 quartile, la media semplice, il valore mediano, il 3 quartile ed il valore massimo. 7

8 [ ] Anche al fine di consentire una più accurata analisi di posizionamento, viene riportata, per ciascuna delle 17 sottovoci di costo, l incidenza percentuale sul totale delle ASA di ognuna di esse rilevata classificando i gruppi bancari per totale attivo. Sono stati individuati 5 campioni: (a) gruppi con totale attivo superiore a 50 miliardi di euro, (b) gruppi con totale attivo tra 50 e 20 miliardi di euro, (c) gruppi con totale attivo tra 20 e 10 miliardi di euro, (d) gruppi con totale attivo tra 10 e 1 miliardo di euro, (e) gruppi con totale attivo inferiore al miliardo di euro. Una elaborazione riporta alcuni indicatori di performance relativi ai primi 5 gruppi per i quali è stata rilevata la più elevata incidenza di ciascuna sottovoce di costo sul totale della ASA. [ ] Di seguito vengono analizzate, in ordine di importanza relativa, le 17 sottoclassi componenti le altre spese amministrative (imposte indirette incluse). [ ] I dati relativi all analisi in serie storica evidenziano che la riduzione delle ASA (- 0,5%, corrispondenti a 94 milioni di euro) rilevata nel corso del 2010 è imputabile a 527 milioni di euro di maggiori oneri dovuti all aumento di 8 componenti di costo cui si contrappongono 621 milioni di euro di risparmi spiegati dalla riduzione di 9 componenti di costo. [ ] Taluni profili del grado di rigidità dei costi operativi possono essere valutati anche alla luce della presenza, o meno, di oneri sostenuti una tantum, cioè di oneri da considerarsi non ricorrenti. Le risposte pervenute evidenziano che nel 2010 sono stati sostenuti oneri "una tantum" per complessivi 2,7 miliardi di euro. In rapporto alle ASA di questo sottoinsieme di gruppi bancari, l incidenza dei costi non ricorrenti risulta pari al 26,6%. Tutti i gruppi bancari segnalanti hanno dichiarato l esistenza di politiche attive di contenimento delle ASA. Le principali aree di intervento sono risultate essere, in ordine di diffusione tra i gruppi censiti, le seguenti: spese telefoniche, postali e trasmissione dati, sottoposte a controllo dal 100% dei gruppi; energia elettrica, riscaldamento ed acqua; cancelleria e stampati (83% dei gruppi); spese di trasporto (75% dei gruppi); spese vigilanza e contazione valori; [ ] Per quanto riguarda le scelte adottate in tema di outsourcing, le risposte multiple fornite indicano la prevalenza dell esternalizzazione di alcune elaborazioni EAD [ ] seguiti dei sistemi di pagamento e contazione valori, dalla gestione di magazzini e archivi, dalla formazione (20%) e dalla tenuta della contabilità generale. 8

9 Un secondo profilo di analisi ha riguardato le strategie di outsourcing adottate dal campione di gruppi. In particolare, sulla base dei dati forniti dai gruppi che hanno compilato la specifica sezione del questionario, si rileva quanto segue: facility management: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 50% dei rispondenti; outsourcing di base: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 25% dei rispondenti; outsourcing globale: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 12,5% dei rispondenti; outsourcing di processo: questa tipologia di outsourcing viene utilizzata dal 25% dei rispondenti; outsourcing funzionale questa tipologia di outsourcing non viene utilizzata dai rispondenti; scorporo di ramo di azienda: [ ] joint ventures: [ ] Al fine di valutare il portafoglio delle attività costituenti il business è stata richiesta una stima del peso relativo delle seguenti attività: trading, asset management, finanza personale, banca commerciale, e-banking, e-finance, banca d investimento, credito al consumo, mutui residenziali, sistemi di pagamento e altro. I gruppi bancari che hanno compilato la sezione in oggetto, evidenziando una struttura del business costituita da due attività principali, quella di banca commerciale (48,2% del totale) e banca di investimento (12,5%). Vi sono poi altre due aree di attività che contribuiscono in misura rilevante al business: mutui residenziali (10,5%) e finanza personale (8,0%). [ ] A fine 2010 la struttura gerarchica del personale dei gruppi bancari del campione risultava essere la seguente: il peso relativo dei dirigenti è pari in media all'1,49% del totale; i quadri direttivi mediamente incidono per il 27,6% del totale; il restante personale incide mediamente per il 70,9% del totale. [ ] E stata analizzata la ripartizione del personale dei gruppi bancari italiani per aree di business: i gruppi bancari che hanno fornito dati relativi all articolazione del personale per aree di attività hanno segnalato quanto segue: - all area distribuzione è dedicato in media il 58,5% del totale dei dipendenti; - nelle business units è in media allocato l 11,6% dei dipendenti; - i servizi di staff occupano in media il 10,3% dei dipendenti; - nell area servizi operativi è in media allocato il 12,8% del personale; - la voce altro rappresenta in media il 6,7% dei dipendenti. 9

10 L analisi di trend riferita al biennio applicata ad un campione di gruppi bancari dei quali si dispone dell informazione sul personale per aree di attività evidenzia che il peso relativo del personale allocato nella distribuzione si è ridotto di oltre 3 punti percentuali nel biennio [ ] L'analisi dei dati di conto economico relativi ai gruppi bancari, i quali hanno fornito la serie completa dei dati relativi a ciascuna area di attività, consente di rilevare che l'area distribuzione, genera il 71,1% del margine di intermediazione, assorbe il 67,6% dei costi del personale ed il 67,6% delle ASA [ ] È stato chiesto ai singoli gruppi bancari di valutare in termini qualitativi la rilevanza dei seguenti 8 canali di distribuzione: sportelli, promotori, mediatori creditizi, banca telefonica, Internet, agenzie assicurative, società non comprese nel gruppo, altri canali. La media delle risposte conferma che lo sportello rappresenta la modalità di distribuzione più importante cui segue Internet. In particolare, lo sportello è considerato il canale principale dal 90% dei gruppi [ ] E stato chiesto a ciascun gruppo bancario di valutare il contributo percentuale offerto da ognuno degli otto canali di distribuzione considerati in rapporto all'effettiva operatività della banca. La media delle risposte pervenute dai gruppi evidenzia che, sotto il profilo quantitativo, lo sportello, gli altri canali ed Internet rappresentano le vie di distribuzione più importanti. [ ] Utilizzando le risposte relative alla rilevanza dei canali come proxy dell effettivo utilizzo di ciascuno di esso, è stato valutato il livello di diffusione della multicanalità all interno del campione dei gruppi partecipanti all'indagine. Nessun gruppo ormai utilizza più un solo canale di distribuzione ed il 22% dei rispondenti dichiara di averne attivati due [ ] I costi per la tecnologia sostenuti dai gruppi italiani rispondenti al questionario sono costituiti: per il 24,9% da costi di acquisizione, noleggio e manutenzione relativi al software; per una percentuale analoga (24,9%) da costi del personale; per il 20% da oneri relativi all hardware, [ ] Le attività di banca remota sono state raggruppate in tre macroclassi: le attività di banca commerciale migrate sulla rete vengono definite e-banking; il mondo del trading online e dell inter-mediazione mobiliare è stato raggruppato nell e-finance; 10

11 i business legati alla moneta elettronica sono stati definiti e-money. Nel 2010 il 67% dei gruppi rispondenti ha offerto servizi di e-banking mentre la totalità di essi ha fornito servizi di e-money e di e-finance. Dal punto di vista organizzativo l offerta di servizi di e-banking è stata condotta ricorrendo, nel 40% dei casi, ad accordi commerciali con terzi. [ ]. L attività di moneta elettronica sono presenti nel portafoglio di attività di tutti i gruppi bancari censiti. L offerta è stata costituita mediante strutture interne nel 33% dei casi, mentre il ricorso ad accordi commerciali viene segnalato dal 28% dei gruppi [ ]. Il 63% dei gruppi bancari che hanno risposto alla sezione del questionario dedicata al capital budgeting ha dichiarato l'esistenza di una specifica unità organizzativa dedicata alla valutazione dei progetti di investimento. L'ambito degli investimenti da sottoporre ad analisi e valutazione è stato definito internamente e con chiarezza nel 75% dei gruppi rispondenti. Nell 88% dei casi tale definizione è fondata su classi contabili ed amministrative. Inoltre l 88% dei gruppi rispondenti dichiara l esistenza di stretti legami tra la strategia aziendale, la pianificazione e gli investimenti. [ ] La gestione dei progetti d investimento è correlata al sistema premiante nel 63% dei casi. I soci vengono informati delle iniziative di investimento, e presumibilmente del relativo andamento, nel 50% dei casi. [ ] Ancora del tutto assente, invece, la presenza di specifiche conoscenze utili per gestire la dismissione degli investimenti non più funzionali. [ ] Per quanto concerne le aspettative legate alla realizzazione degli investimenti attuati. La maggioranza dei gruppi bancari rispondenti ha dichiarato di attendersi dagli investimenti un aumento dei ricavi. In particolare (risposte multiple): si attendono un aumento dei ricavi tramite l aumento della base clienti [ ] E' interessante rilevare che i gruppi si attendono benefici in termini di aumento della produttività [ ] 11

12 Da restituire a: M O D U L O D I A C Q U I S T O Acquistiamo i seguenti volumi: Tipologia documento Prezzo di Listino Prezzo Associati ABI MODULO BASE: 2 Volumi Costing Benchmark: Rapporto Generale Individuale + Rapporto Generale Consolidato MODULO AVANZATO: Report Personalizzati di Posizionamento Individuale e, laddove possibile, consolidato sconto del 20%= (+ Iva 4%) n.d. -50% di sconto = sconto del 20%= 720 (+ Iva 4%) sconto del 20%= (+ Iva 21%) ABISERVIZI SPA Divisione Progetti Speciali Via delle Botteghe Oscure ROMA Fax Offerta riservata ai nuovi clienti, partecipanti a Costi & Business 11 Sconto del 20%!* C O N D I Z I O N I DI A D E S I O N E L offerta scontata è riservata alle aziende non ancora abbonate nel biennio 2010/2011. L adesione si intende tacitamente rinnovata in modo automatico alle normali condizioni di listino, se non tempestivamente disdetta entro il 31 dicembre L ABI garantisce la riservatezza dei dati delle singole banche aderenti. L azienda si impegna a non divulgare i dati contenuti nei rapporti Costing Benchmark. In caso di modifica del Referente è richiesto di comunicare il nuovo nominativo ad ABIServizi Spa. AZIENDA: Codice AZIENDA : P.IVA IL REFERENTE ATTUALE: Nome:.. Cognome:.. Ufficio:. Indirizzo: CAP. Città.. Prov. Tel:. Fax: .. (data) (timbro e firma)

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO. Allegato

MANUALE APPLICATIVO. Allegato Allegato MANUALE APPLICATIVO Disposizioni in materia di raccolta di informazioni statistiche per la bilancia dei pagamenti e la posizione patrimoniale verso l estero 1 INDICE PREMESSA...7 PARTE PRIMA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli