Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes, 15.-17."

Transcript

1 Eidgenössische Technische Hochschule Zürich Institut für Geodäsie und Photogrammetrie Bericht 305 Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes, Juni 2008 Herausgeber: Prof. Dr. A. Carosio, ETHZ Prof. Dr. F. Golay, EPFL Prof. Dr. M. Brovelli, POLIMI Juni 2008

2 IGP Bericht Nr. 305 Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes Prof. Dr. Alessandro Carosio, ETHZ Stefan Henrich, ETHZ Peter Staub, ETHZ Prof. Dr. François Golay, EPFL Eduardo Camacho-Huebner, EPFL Cláudio Carneiro, EPFL Jens Ingensand, EPFL Michaël Kalbermatten, EPFL Prof. Dr. Maria Brovelli, POLIMI Marco Negretti, POLIMI Eugenio Realini, POLIMI Milan Antonovic, SUPSI Dr. Massimiliano Cannata, SUPSI Prof. Dr. Rossella Nocera, UNIMOL 2008 Institut für Geodäsie und Photogrammetrie an der Eidg. Technischen Hochschule Zürich Wolfgang-Pauli-Strasse 15 CH-8093 Zürich Alle Rechte vorbehalten ISBN

3 Content Session I: Interoperability as a precondition for the realisation of spatial data infrastructures Alessandro Carosio, Rossella Nocera, Hans Rudolf Gnägi, Andreas Morf and Peter Staub: I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS 5 Peter Staub: Spatial data infrastructures and interoperability 35 Stefan Henrich: Prerequisites for interoperability 41 Peter Staub: Semantic interoperability for INSPIRE: the Swiss-German solution research project Model-Driven WFS 57 Sesion II: Other aspects of interoperability Eduardo Camacho-Huebner: Ontologies evolution: from social sciences needs to interop opportunities 77 Massimiliano Cannata: Institute of Earth Science: current and future activities at the geomatics division 89 Milan Antonovic: Sensor observation service (SOS): insights and implementation 109 Session III: Mobile GIS and infrastructure Marco Negretti: ICAD-GEO: studio di fattibilità per la realizzazione di un progetto per la realizzazione di una "infrastruttura per la cooperazione applicativa dei dati geografici" 125 Maria Brovelli: WebGIS & context aware mobile GIS 137 Eugenio Realini: slaxgis a GIS-oriented live USB system 147 Session IV: Added value of the 3 rd dimension through enriched semantics François Golay: Update on LASIG s research activities. Some more semantics into the 3 rd D: some insights and questions 157 Cláudio Carneiro: Matching 3D city models and urban indicators to users needs 165 Michaël Kalbermatten: Landscape characterization using wavelet detail coefficients 185 Jens Ingensand: 3D web interfaces to the Patrouille des Glaciers race 213 1

4 2

5 3

6 4

7 Session I Interoperability as a precondition for the realisation of spatial data infrastructures I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Prof. Dr. Alessandro Carosio 1 Prof. Dr. Rossella Nocera 2 Hans Rudolf Gnägi 1 Andreas Morf 1 Peter Staub 1 1 ETH Zürich, Institut für Geodäsie und Photogrammetrie Gruppe GIS und Fehlertheorie 2 Università degli Studi del Molise, Sede di Termoli 5

8 6

9 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Alessandro Carosio*, Rossella Nocera** Hans Rudolf Gnägi*, Andreas Morf*, Peter Staub* * Institut für Geodäsie und Photogrammetrie, ETH Zürich, Svizzera * * Università degli Studi del Molise, Sede di Termoli, Italia La necessità di scambio di dati geografici Uno dei beni principali di una società è il relativo ambiente e per prendere le decisioni relative all ambiente, occorre disporre di buone informazioni geografiche, ossia di geodati che descrivono direttamente o indirettamente (tramite un informazione di posizione) le caratteristiche ed i fenomeni ambientali. Negli ultimi trenta anni la raccolta di geodati è stata influenzata notevolmente dagli sviluppi dell informatica, dalle rivoluzionarie tecniche di rilevamento e dalle infrastrutture di telecomunicazione. La quantità di dati disponibili è aumentata velocemente a causa di tali progressi tecnologici e del numero crescente di persone e di istituzioni che usano i geodati. Oggigiorno tutte le grandi e piccole organizzazioni, sia private che pubbliche, dispongono di grandi quantità di dati geografici e nasce la necessità di sfruttare in comune questo patrimonio. GIS GIS GIS Fig. 1 Molteplicità d uso e necessità di scambi di dati In molti paesi si realizzano infrastrutture nazionali di dati per usare in comune i dati esistenti. Ma attualmente perfino i confini nazionali sembrano stretti. Si presenta ben chiara la necessità di disporre 7

10 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS di sistemi interagenti. Negli ultimi anni si lavora a livello europeo e mondiale per creare norme tecniche volte a fornire le direttive per attuare tali soluzioni. NGDI Dati geospaziali Metadati Geo-Servizi di base Infrastrutture tecniche Coordinamento e rete di contatto Formazione e Ricerca Direttive e Standards Basi giuridiche Politica tariffaria Fig. 2 Infrastrutture nazionali (NGDI), elementi fondamentali In tale contesto qualsiasi sistema informativo geografico non può essere considerato efficiente se non prevede la soluzione di questioni riguardanti lo scambio dei dati e soprattutto l offerta di servizi basati su più sistemi interagenti. Nel campo dei GIS l aspetto dello scambio dei dati ha assunto significati diversi negli anni. Inizialmente esisteva l esigenza di scambiare solo dati all interno di ambienti omogenei (stesso fornitore, quindi formati proprietari). Nel tempo nasce la necessità di scambiare dati tra produttori diversi ed è cosi che si introducono i concetti di formati standard di interscambio, di trasferimento di dati basato su modello e di interoperabilità (secondo i concetti di OGC). L evoluzione si è quindi spostata da soluzioni più semplici quali l utilizzo di convertitori di dati e formati standard fino a soluzioni più evolute che permettono l utilizzo in parallelo di diversi GIS eterogenei senza spostare i dati geografici del sistema. Soluzioni per lo scambio dei dati geografici L uso generalizzato dell informazione geografica richiede quale primo elemento norme per regolare il trasferimento dei dati tra sistemi GIS diversi. a) Trasferimento tra sistemi uguali o con formati standard Una necessità importante consiste nel trasferimento di dati da un applicazione ad un altra realizzata con lo stesso software. I GIS dispongono fondamentalmente di funzioni per l importazione e l esportazione di dati geografici tramite files. I formati utilizzati sono compatibili esclusivamente con uno specifico software GIS (formato proprietario) e richiedono la medesima struttura-dati per i files da scambiare. Con l aumento delle tecnologie GIS e delle persone e organizzazioni coinvolte nel settore nasce l esigenza di scambiare informazioni geografiche anche tra sistemi di diversi produttori. Primi tentativi di soluzione hanno portato alla realizzazione di formati standard. Premessa per la defini- 8

11 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS zione di un formato standard è la definizione anticipata dei contenuti. Ciò si verifica solo in quelle applicazioni in cui le informazioni da elaborare sono decise in modo unitario per tutti i sistemi. GIS 1 GIS 2 Fig. 3 Trasferimento dei dati con formati predefiniti b) Trasferimento basato su modello Le diverse esigenze e la varietà delle applicazioni e dei sistemi rendono poco realistica la definizione di formati unitari. Occorrono altre soluzioni per scambiare dati a struttura variabile; una soluzione appropriata è rappresentata dalle procedure basate sul modello anziché dai formati unitari. Attualmente i GIS in uso offrono all utente una struttura prestabilita per i dati geometrici e la possibilità di definire, secondo le diverse esigenze dell utente, i contenuti tematici. Il sistema costruisce poi le diverse classi di entità (tipicamente tabelle relazionali in un DB). Lo stesso principio può anche essere utilizzato per organizzare lo scambio di dati in modo flessibile: si descrive la struttura dei dati che si intende trasferire, e da questa descrizione è possibile ricavare un formato per questi dati. A questo scopo sono necessarie due componenti: in primo luogo un linguaggio standardizzato per la descrizione dei dati per definire in modo univoco e consistente la struttura dei dati da trasferire, e in secondo luogo una procedura regolamentata per ricavare un formato dalla struttura dei dati. GIS 1 Fig. 4 Trasferimento dei dati basato sul modello 9

12 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Le norme ISO hanno definito come standard il metodo di trasferimento dei dati basato sul modello. L ISO ha deciso solo un formalismo grafico per la descrizione della Struttura dei dati: UML. Tale tecnologia offre opportunità anche in altri settori: GIS moderni permettono l implementazione del modello direttamente dallo schema concettuale. Fig. 5 ArcGIS: implementazione del modello da uno schema UML c) Interoperabilità Le diverse soluzioni fin qui proposte hanno come obbiettivo il trasferimento di dati da un sistema all altro. È invece possibile concepire sistemi di comunicazione che funzionano senza spostare i dati geografici del sistema. Questa soluzione è particolarmente interessante, quando sono necessarie solamente semplici elaborazioni delle informazioni, p. es. la rappresentazione grafica di una parte dei dati (web mapping services, wms), oppure l elenco di determinati oggetti o caratteristiche (web feature services, wfs). In questi casi è più facile standardizzare i comandi e i risultati dell elaborazione, piuttosto che i dati di base. In questo caso si parla di interoperabilità, ossia utilizzo parallelo di diversi GIS, mediante lo scambio dei comandi (richieste, indicazioni di elaborazione) e dei risultati. L Open Geospatial Consortium (OGC) promuove lo sviluppo di questa tecnica. Grazie alla partecipazione delle aziende leader a livello internazionale (ESRI, Intergraph, Siemens, Microsoft, ecc.) ed all incorporazione di università e istituti di ricerca, l OCG ha ottenuto una vasta risonanza e ha creato grandi aspettative. I vantaggi del concetto di interoperabilità sono evidenti: il concetto di gestione dei dati può essere molto diverso nei sistemi in comunicazione. Il sistema che invia una richiesta non deve assolutamente conoscere nulla sull organizzazione interna dei dati nel sistema che li fornisce: i sistemi non trasmettono che parti del proprio contenuto e i dati originali restano sotto il proprio controllo (diritti d autore, proprietà intellettuale). Esiste, inoltre, un grande vantaggio per i produttori di software GIS: i clienti non possono cambiare facilmente il fornitore. I limiti sono pure chiari: la diversità delle richieste standardizzate e delle forme di risposta non può essere troppo grande. Se le interoperazioni desiderate diventano troppo complesse, troppo diverse, o troppo numerose, lo scambio diretto dei dati diventa più semplice e vantaggioso rispetto alla standardizzazione delle operazioni. 10

13 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS GIS 2 GIS 4 GIS 1 Risposta GIS 3 Risposta domanda Fig. 6 Interoperabilità (normalizzazione Domanda-Risposta) Limiti e prospettive Da quanto detto fin qui, nasce spontanea la domanda: Sarà possibile realizzare il sogno di trasferire dati geografici tra sistemi completamente diversi o inviare loro richieste ottenendo risposta in modo totalmente automatico? Si affermerà l interoperabilità o piuttosto i metodi che trasferiscono effettivamente i dati? A quest ultima domanda si può senz altro rispondere che entrambe le soluzioni sono necessarie: esse non sono alternative, ma sono soluzioni complementari. Per il problema del trasferimento dei dati in modo automatico si deve, purtroppo, riconoscere l impossibilità ad avere un metodo che sia completamente automatico, infatti esiste un ostacolo teorico insuperabile: La non univocità della semantica. Elementi uguali (entità, oggetti, attributi) possono essere denominati in modo diverso (per es. case o edifici, abbreviazioni, lingue straniere, diverse istruzioni al rilevamento ecc.). Denominazioni identiche possono avere significato diverso. Occorre quindi rassegnarsi al fatto che in strutture dati di diversa origine una ricostruzione automatica della semantica è impossibile. Rete elettrica Tubazioni acqua gas acqua Rete distr. gas dia- Tipo anno metro Cavi elettrici Acquedotto dia- Anno metro costr. diametro Anno costr. Fig. 7 La semantica non è ricostruibile automaticamente 11

14 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Per mettere in relazione entità e attributi occorrono informazioni supplementari, quindi la semantica della descrizione dei dati non può essere standardizzata in un settore di attività lasciato alla libera iniziativa. Le relazioni tra i sistemi devono essere decise inizialmente in base ad un analisi interpretativa di un esperto, a richieste presso i responsabili e a consultazione di metadati. In seguito è possibile eseguire la trasformazione semantica. Fig. 8 L identificazione delle relazioni tra i modelli richiedono l intervento di un esperto Tuttavia, per sistemi federati (organizzati con regole comuni) sarà possibile, in settori specifici, sviluppare le ontologie che descrivono la semantica di più sistemi permettendo lo sviluppo di moduli di trasformazione automatici (agenti). Schemi diversi possono coesistere, se collegati da un'ontologia sufficientemente generale. ontologia Agenti Agenti Fig. 9 Trasferimento dei dati basato sul modello 12

15 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Per questo occorre analizzare, studiare, articolare il contenuto indipendentemente dal modo in cui è rappresentato; occorre lavorare con il contenuto in quanto tale, l essere in quanto essere... ecco che emerge cosi la dimensione ontologica, in senso filosofico. L ontologia nasce come antica riflessione dell'uomo sulla natura del mondo e delle cose, ma negli ultimi venti anni si sono registrate nuove e impreviste relazioni tra l ontologia filosofica e campi applicativi che vanno dalle tecnologie dell informazione alle scienze sociali. Anche nei sistemi informativi rappresenta una dimensione nuova di studio e di ricerca. Le trasformazioni semantiche In settori che si sono sviluppati autonomamente una standardizzazione dei concetti e della terminologia non può essere realizzata a posteriori e anche lo sviluppo di procedimenti basati su ontologie in senso filosofico ha poca probabilità di una realizzazione a breve termine. GIS sviluppati autonomamente sono la regola in progetti nazionali, quando i dati contenuti sono stati raccolti in precedenza da istituzioni regionali o comunali o da privati. Analogamente troviamo a livello europeo GIS indipendenti (p.es. INSPIRE) quando si vogliono di integrare informazioni acquisite e gestite autonomamente dagli stati membri. Per risolvere in un quadro operativo problemi di questo tipo con investimenti ragionevoli e a breve termine stanno per essere realizzate soluzioni informatiche basate sulla definizione a livello concettuale di trasformazioni semantiche tra modelli diversi. Tali trasformazioni devono essere descritte la prima volta in modo esplicito da personale esperto in base a tutte le conoscenze disponibili. Per definire la trasformazione occorre un linguaggio formale interpretabile da software che consenta di derivare automaticamente la procedura di trasformazione. Tale linguaggio proposto in un progetto di ricerca del Politecnico di Zurigo può avere la forma di un linguaggio testuale (simile a INTERLIS) o avere una presentazione grafica (simile a UML). Si parla in questo caso di UMLT. Descritta la trasformazione sulla base del modello origine e del modello obiettivo un compilatore determina le operazioni di trasformazione tra il formato di scambio per il modello origine e il formato relativo al modello obiettivo. Un prototipo di questa trasformazione dimostra la realizzabilità di questa procedura, che ha suscitato interesse nelle istituzioni responsabili della messa in opera di INSPIRE. Soprattutto in Germania, Austria e Svizzera. 13

16 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS CSL : Conceptual schema language DM-A o -Z : Modello dei dati dell sistema A a livello concettuale TF-A o -Z : Formato di trasferimento per i dati del sistema A o Z Model Mapping : Descrizione della trasformazione semantica Data Transformation : Operazioni eseguibili della trasformazione L interoperabilità semantica Fig. 10 La trasformazione semantica Lo stesso problema si pone, quando si utilizzano gli standard dell interoperabilità di OGC. Gli standard OGC sono solo definiti per l interoperabilità sintattica. Ciò significa che per inviare una richiesta occorre conoscere la terminologia (nomi di attributi, classi di entità, sistema di riferimento ecc.) del sistema interrogato. Sul piano europeo nella migliore delle ipotesi occorre confrontarsi con decine di modelli e conoscerne i dettagli per inviare richieste d informazione. Molto più semplice sarebbe poter inviare le richieste basandosi sul proprio modello o ev. su un modello di riferimento lasciando al sistema il compito di tradurre le richieste nei modelli dei sistemi interrogati per ottenere risposte tradotte nel linguaggio del proprio modello (interoperabilità semantica). Fig. 11 L interoperabilità semantica 14

17 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Per realizzare l idea dell interoperabilità semantica è stata realizzata una piattaforma sperimentale nel quadro di una cooperazione multinazionale tra il Bundesamt für Kartographie und Geodäsie tedesco, l Ufficio federale di topografia svizzero, il Politecnico di Monaco e il Politecnico di Zurigo. A tale progetto sono interessati e collaborano anche partner italiani (Politecnico di Milano, Università del Molise) e austriaci (TU Graz). Il concetto base è la creazione di un WFS (standard OGC) basato sul modello (mdwfs) mediante il quale le richieste sono tradotte o dal sistema richiedente (client) o dal sistema interrogato (source). Anche in questo modo di procedere la prima volta occorre definire con un linguaggio adatto (p.es. UMLT) la trasformazione tra un modello e l altro. La definizione rimane a disposizione per richieste ulteriori. Fig. 12 Il WFS basato sul modello (mdwfs) Le prime esperienze con il prototipo del mdwfs sono incoraggianti. Il progetto iniziale ha potuto essere prolungato per creare le premesse di un integrazione di componenti informatiche con larga diffusione (Oracle DB, FME ecc.). Trattative con partner interessati sono in corso per l implementazione del procedimento in software commerciali. 15

18 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Bibliografia Carosio A. and Nocera R.: Il trasferimento dei dati, I metadi, I modelli e l interoperabilità nei GIS. Atti della 8a Conferenza Nazionale delle Associazioni per le Informazioni Territoriali e Ambientali, Roma, Donaubauer A., Staub P., Straub F. and Fichtinger A.: Web-basierte Modelltransformation eine Lösung für INSPIRE? GIS Zeitschrift für Geoinformatik, 13(2):26 33, Donaubauer A., Fichtiner A., Schilcher M., Straub F., Carosio A., Gnägi H.R., Morf A. and Staub P.: Grenzübergreifende Web-GIS Lösungen. GIS Zeitschrift für Geoinformatik, 11(9):29 34, Dorfschmid J., Brawer S.: La modelisation de donnees a reference spatiale. COSIG c/o swisstopo, CH- Wabern Gnägi H.R.: INTERLIS KURS I und II. ETH Zürich, KOGIS: INTERLIS 2 Reference manual. Online Scott K.: UML Explained. Addison-Wesley. Staub P.: A Model-Driven Web Feature Service for Enhanced Semantic Interoperability. OSGeo Journal, 1(3):43 50, Staub P., Gnägi H.R. and Morf A.: Semantic Interoperability through the Definition of Conceptual Model Transformations. Transactions in GIS, 12(2): ,

19 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Alessandro Carosio, Rossella Nocera Hans Ruedi Gnägi, Andreas Morf,Peter Staub Institut für Geodäsie und Photogrammetrie, ETH Zürich Oggi disponiamo di grandi quantità di dati geografici in forma digitale molte organizzazioni lavorano con tali dati. GIS 1 GIS 2 GIS 3 Dobbiamo sfruttare in comune questo patrimonio Arbeitsplatz 1 Arbeitsplatz 2 Ditta 1 Arbeitsplatz Ditta 2 Arbeitsplatz Ufficio A 17

20 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Una buona idea: NGDI Dati geospaziali Metadati Geo-Servizi di base Infrastrutture tecniche Coordinamento e rete di contatto Formazione e Ricerca Direttive e Standards Basi giuridiche Politica tariffaria In molti paesi si realizzano infrastrutture nazionali di dati Per usare in comune i dati esistenti. Ma attualmente perfino i confini nazionali sembrano stretti : Progetti internazionali in numero sempre maggiore ne sono la prova.. Esempi: INSPIRE, Molti progetti INTEREG ecc. Si presenta ben chiara la necessità di disporre di sistemi interagenti. Negli ultimi anni si lavora a livello europeo e mondiale per creare norme tecniche volte a fornire le direttive per attuare tali soluzioni. L uso generalizzato dell informazione geografica richiede quale primo elemento norme per regolare il trasferimento dei dati tra sistemi GIS diversi e per renderli interoperabili. Il trasferimento e l interoperabilità dei dati è una funzione centrale per ogni GIS e l uso efficiente di un GIS non può trascurare le soluzioni riguardanti lo scambio dei dati (tema della presentazione). NGDI Dati geospaziali Metadati Geo-Servizi di base Infrastrutture tecniche Coordinamento e rete di contatto Formazione e Ricerca Direttive e Standards Basi giuridiche Politica tariffaria 18

21 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS I primi Sistemi inormativi geografici furono realizzati per soddisfare le esigenze di un solo utente GIS 1 GIS 3 Arbeitsplatz Ab Arbeitsplatz t Ditta 1 GIS 2 Arbeitsplatz Arbeitsplatz Ufficio A Ditta 2 GIS 1 GIS 2 Esigenza fondamentale: Occorrono sistemi interagenti. 19

22 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS GIS 1 GIS 2 Sul piano nazionale e in organizzazioni internationali (Europa, Mondo) si lavora alla definizione di norme tecniche che permettano di realizzare sistemi interagenti. Occorrono norme per l interoperabilità e per il trasferimento die dati tra sistemi di origine diversa e con modelli die dati diversi. + DIN, AFNOR,ÖN, UNI, BS, GIS GIS GIS interagenti possono essere realizzati a diversi livelli di funzionalità Trasferimento dei dati Interoperabilita 20

23 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS GIS GIS GIS interagenti possono essere realizzati a diversi livelli di funzionalità Trasferimento dei dati tra sistemi uguali Trasferimento dei dati Trasferimento dei dati con Formati Standard Metodi di trasferimento dei dati basati sul modello Interoperabilita Interoperabilità (OGC = Open Geospatial Consortium) In precedenza: Open GIS Consortium GIS GIS GIS interagenti possono essere realizzati a diversi livelli di funzionalità Trasferimento dei dati tra sistemi uguali Trasferimento dei dati Trasferimento dei dati con Formati Standard Metodi di trasferimento dei dati basati sul modello Interoperabilita Interoperabilità (OGC = Open Geospatial Consortium) In precedenza: Open GIS Consortium 21

24 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS 3. Trasferimento basato sul modello GIS i dati geografici sono trasmessi in due parti: Dapprima si invia la descrizione della struttura dati (modello concettuale) Poi seguono i dati in un formato che viene derivato automaticamente dalla descrizione della struttura dei dati. 3. Trasferimento basato sul modello (seguito) Cosa occorre: 1. linguaggio standard per la descrizione dei dati a livello concettuale per definire in modo univoco e consistente la struttura dei dati da trasferire 2. Una procedura regolamentata per ricavare il formato di trasferimento dalla struttura dei dati Derivazione del formato 22

25 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS 3. Trasferimento basato sul modello (seguito) Le norme ISO hanno definito come standard il metodo di trasferimento dei dati basato sul modello. L ISO ha deciso solo un formalismo grafico per la descrizione della Struttura dei Dati: UML. Un linguaggio testuale che possa essere interpretato automaticamente è previsto, sono state definite le sue caratteristiche, ma non è stata presa una decisione in merito (Possibile soluzione: Standard svizzero INTERLIS) Derivazione del formato Lo standard svizzero INTERLIS Realizzazione degli Standard ISO (TC 211) non solo per il trasferimento dei dati 23

26 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Derivazione del formato Lo standard svizzero INTERLIS Lo standard svizzero INTERLIS Derivazione del formato 24

27 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Lo standard svizzero INTERLIS Derivazione del formato Lo standard svizzero INTERLIS UML INTERLIS 2 Formato di trasferimento XML Formato basato su GML è in preparazione 25

28 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Lo standard svizzero INTERLIS UML INTERLIS 2 formato di trasferimento XML formato GML (GML è ancora in fase di sviluppo) Tale tecnologia offre opportunità anche in altri settori GIS Moderni permettono l implementazione del modello direttamente dallo schema concettuale: ArcGIS da uno schema in UML (prodotto con Microsoft Visio) Geo Media (Intergraph) da INTERLIS (per il mercato svizzero) Topobase (C-Plan) da INTERLIS o da UML GeoUML (Politecnico di Milano, Univ. Verona) UML extension designed for spatial objects; formal, lexical representation additional to the usual UML graphic representation 26

29 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Interoperabilità L open Geospatial Consortium (OGC) promuove lo sviluppo di questa tecnica. Grazie alla partecipazione delle aziende leader a livello internazionale (ESRI, Intergraph, Siemens, Microsoft, ecc.) ed all incorporazione di università e istituti di ricerca, l OCG locg ha ottenuto una vasta risonanza e ha creato grandi aspettative. GIS 2 GIS 4 GIS 1 Antworten GIS 3 Anfragen 4. Interoperabilità (seguito) I vantaggi del concetto di interoperabilità: La gestione dei dati può essere diversa nei sistemi in comunicazione. Il sistema che invia una richiesta non deve conoscere l organizzazione interna dei dati e gli algoritmi necessari nel sistema che li fornisce. i sistemi non trasmettono che parti del proprio contenuto e i dati originali restano sotto il proprio controllo (diritti d autore, proprietà intellettuale) vantaggio per i produttori di software GIS : i clienti non possono cambiare facilmente il fornitore I limiti: il numero delle possibili richieste standardizzate e delle forme di risposta non può essere troppo grande. 27

30 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Limiti e prospettive Limiti e prospettive per i metodi di trasferimento dei dati geografici e dell interoperabilità Sarà possibile realizzare il sogno di trasferiredati geografici tra sistemi completamente diversi o inviare loro richieste ottenendo risposta in modo totalmente automatico,? Si affermerà l interoperabilità o piuttosto i metodi che trasferiscono effettivamente i dati? Limiti e prospettive Limiti e prospettive per i metodi di trasferimento dei dati geografici e dell interoperabilità Risposta alla seconda domanda : Si affermerà l interoperabilità o piuttosto i metodi che trasferiscono effettivamente i dati? Le due soluzioni sono necessarie Non sono alternative sono soluzioni complementari 28

31 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Limiti e prospettive (seguito) Risposta alla prima domanda : E possibile trasferire dati geografici di ogni tipo o inviare richieste qualsiasi, in modo totalmente automatico? La riposta è no! Esiste un ostacolo teorico insuperabile: La non univocità della semantica Elementi uguali (entità, oggetti, attributi) possono essere denominati in modo diverso (per es. case o edifici, abbreviazioni, lingue straniere, diverse istruzioni al rilevamento ecc.) Denominazioni identiche possono avere significato diverso. In strutture dati di diversa origine una ricostruzione automatica della semantica è impossibile Per sistemi federati sarà forse possibile descrivere in modo sufficientemente preciso la semantica degli elementi (ontologia) Tema di ricerca molto attuale. Limiti e prospettive (seguito) La semantica della descrizione dei dati non può essere standardizzata in un settore di attività lasciato alla libera iniziativa. Per mettere in relazione entità e attributi occorrono informazioni supplementari Rete elettrica Tubazioni Tipo anno Acquedotto Cavi elettrici Anno costr. acqua gas acqua Rete distr. gas diametro diametro diametro Anno costr

NC dei DB Geotopografici sottotitolo per INSPIRE

NC dei DB Geotopografici sottotitolo per INSPIRE La trasformazione Titolo presentazione semantica dei dati del NC dei DB Geotopografici sottotitolo per INSPIRE Milano, XX mese 20XX IDMT Semantic Transformer: uno strumento per creare servizi INSPIRE basati

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano.

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Giovanni Di Trapani(*), Franco Guzzetti (**) e Paolo Viskanic (***) *) Comunità Montana Valtellina di Tirano, Via Maurizio Quadrio 11, I-23037

Dettagli

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa Carlo Cipolloni (*), Agnes Tellez-Arenas (**), Jean-Jeacques Serrano (**), Robert Tomas (***)

Dettagli

Silvano Pecora Servizio Idro-Meteo-Clima ARPA Emilia-Romagna

Silvano Pecora Servizio Idro-Meteo-Clima ARPA Emilia-Romagna La piattaforma a WMO Italia a per la disponibilità, condivisione, interoperabilità in tempo quasi reale di dati ed informazioni per lo svolgimento dei servizi di idrologia Silvano Pecora Servizio Idro-Meteo-Clima

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

VII meeting utenti italiani di GRASS Genova, 23-24 febbraio 2006 MapServer e servizi web: introduzione e prime verifiche

VII meeting utenti italiani di GRASS Genova, 23-24 febbraio 2006 MapServer e servizi web: introduzione e prime verifiche VII meeting utenti italiani di GRASS Genova, 23-24 febbraio 2006 MapServer e servizi web: introduzione e prime verifiche Maria Antonia Brovelli maria.brovelli@polimi.it Marco Negretti marco.negretti@polimi.it

Dettagli

Get Inspired! Un toolkit di armonizzazione per i servizi di conversione

Get Inspired! Un toolkit di armonizzazione per i servizi di conversione Get Inspired! Un toolkit di armonizzazione per i servizi di conversione Pasquale Di Donato, Mauro Salvemini, Laura Berardi, Valeria Mercadante LABSITA Sapienza Università di Roma, Piazza Borghese 9, 00186

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Sede AICA Liguria Competenze Professionali per l Innovazione Digitale Le competenze per la SOA-Service Oriented Architecture I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Roberto Ferreri

Dettagli

StrumenJ semanjci per la ricerca applicata ai tram funzionali: sviluppo e applicabilità dei Thesauri

StrumenJ semanjci per la ricerca applicata ai tram funzionali: sviluppo e applicabilità dei Thesauri LifeWatch e-science European Infrastructure for Biodiversity and Ecosystem Research StrumenJ semanjci per la ricerca applicata ai tram funzionali: sviluppo e applicabilità dei Thesauri Caterina Bergami

Dettagli

Applicazione di standard di interoperabilità spaziale all interno dell infrastruttura dei dati geografici della Regione Calabria

Applicazione di standard di interoperabilità spaziale all interno dell infrastruttura dei dati geografici della Regione Calabria Applicazione di standard di interoperabilità spaziale all interno dell infrastruttura dei dati geografici della Regione Calabria G.Calabretta ***, T. Caracciolo *, V.Marra *, M.Sisca **, F.Teti ** (*)

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale

GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale Giovanni Ciardi (*), Stefano Olivucci (*), Alfredo Abrescia (**) (*) Regione Emilia-Romagna, Servizio Sviluppo dell'amministrazione digitale e

Dettagli

Semantica dei Giochi

Semantica dei Giochi Corso di Laurea Specialistica in Informatica Semantica dei Giochi A.A. 2005-2006 Docenti: Claudia Faggian e Pierre-Louis Curien (CNRS - Paris 7) SEMANTICA... Qual e' il senso [l'essenziale] di un programma?

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Attività previste per lo sviluppo del progetto di ricerca:

Attività previste per lo sviluppo del progetto di ricerca: Attività previste per lo sviluppo del progetto di ricerca: ICAD-GEO - Studio di fattibilita per la realizzazione di un progetto per la realizzazione di una infrastruttura per la cooperazione applicativa

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione

Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione Conferenza AM-FM Roma, 21-22 settembre 2006 Roberto Fresco Roberto della Maggiore Indice GIS sul Web: problematiche Semantic Web in

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

Attività in corso per l allineamento dei dati geografici nazionali al modello dati INSPIRE

Attività in corso per l allineamento dei dati geografici nazionali al modello dati INSPIRE Attività in corso per l allineamento dei dati geografici nazionali al modello dati INSPIRE A.Belussi, M.Negri, G.Pelagatti Politecnico di Milano mauro.negri@polimi.it ASITA 15 ottobre 2014 Punto di partenza

Dettagli

MapServer. Marco Negretti. Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

MapServer. Marco Negretti. Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. MapServer Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it Università degli Studi di Genova - 13/05/10 introduzione MapServer

Dettagli

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE Piero DE BONIS (*), Grazia FATTORUSO (*), Pasquale REGINA (*), Carlo TEBANO (*) (*) ENEA - Centro Ricerche Portici,

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il modello OAIS SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO Azione 1 Conversione della CTR scala 1:5000, ed. 1998 e successivi aggiornamenti, qualora disponibili, in database topografico CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSA La Regione Campania nell ambito del complessivo

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Registries ed e-services : Raccomandazioni per agire

Registries ed e-services : Raccomandazioni per agire GINIE: Geographic Information Network in Europe IST-2000-29 Registries ed e-services : D 2.6.2 (a) Project Co-ordinator: University of Sheffield - USFD Partners: Open GIS Consortium (Europe) - OGCE European

Dettagli

Infrastrutture di dati spaziali e soluzioni con sdi.suite

Infrastrutture di dati spaziali e soluzioni con sdi.suite 1 Infrastrutture di dati spaziali e soluzioni con sdi.suite Ralf Hackmann Con terra GmbH Münster, germany SDI implementati a livello mondiale Cosa è necessario fornire come Prodotto ai vostri utenti? Utilizzazioni

Dettagli

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag.

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag. Newsletter SITAD Agosto 2008 numero 13 Sommario INSPIRE: Call for comments e Metadata Editor DT Data Specifications: on-line il draft per la codifica dei dati spaziali INSPIRE Metadata Editor: disponibile

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione Il corso è basato su Oracle release 2. La caratteristica di questo corso è quella di insegnare agli allievi come creare e gestire le tabelle di dati spaziali e attivarli nelle applicazioni

Dettagli

Interoperabilità dei SIT. Capitolo 4 INTEROPERABILITA DEI DATI TERRITORIALI. 7 Interoperabilità dei dati territoriali

Interoperabilità dei SIT. Capitolo 4 INTEROPERABILITA DEI DATI TERRITORIALI. 7 Interoperabilità dei dati territoriali Interoperabilità dei SIT Capitolo 4 INTEROPERABILITA DEI DATI TERRITORIALI Interoperabilità dei dati e dei trattamenti Cooperazione tra uomini e macchine Sogno per gli utenti, incubo per gli informatici

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali

Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali Massimo Attias, Antonio Rotundo CISIS - Centro Interregionale per

Dettagli

4 Il WebGIS del Progetto IFFI

4 Il WebGIS del Progetto IFFI 4 Il WebGIS del Progetto IFFI A. Trigila, C. Iadanza Conoscere le frane, la loro ubicazione e pericolosità, rappresenta un attività indispensabile per la realizzazione di nuove reti infrastrutturali (autostrade,

Dettagli

Debtags. Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini enrico@debian.org

Debtags. Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini enrico@debian.org Debtags Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini (enrico@debian.org) 1/14 Fondazioni teoretiche Classificazione a Faccette (sfaccettature) Scoperte del cognitivismo (capacità

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Olga RENDA (*), John FAVARO (**), Thomas USLÄNDER (***), Ralf DENZER (****) (*) Intecs S.p.A., Pisa, Italy, Tel.

Dettagli

GIS e dati - Breve Introduzione

GIS e dati - Breve Introduzione 44th Annual Conference of the Italian Operational Research Society (AIRO 2014) Como 2-5 September 2014 Polo Territoriale di Como Laboratorio di Geomatica GIS e dati - Breve Introduzione Marco Negretti

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione In questo corso viene descritto PL/SQL e vengono illustrati i vantaggi derivanti dall'uso di questo potente linguaggio di programmazione. Viene spiegato come creare blocchi di codice PL/SQL

Dettagli

La tecnologia GIS Roberto Cavallin

La tecnologia GIS Roberto Cavallin La tecnologia GIS Roberto Cavallin Dati territoriali L art. 59 del Codice dell Amministrazione Digitale (CAD) definisce i dati territoriali come: qualunque informazione geograficamente localizzata Secondo

Dettagli

Laboratorio GIS Supporto Didattico 2 Docente Giuseppe Modica A.A. 2010-2011. ARCGIS System. Docente Giuseppe Modica A.A. 2010-2011

Laboratorio GIS Supporto Didattico 2 Docente Giuseppe Modica A.A. 2010-2011. ARCGIS System. Docente Giuseppe Modica A.A. 2010-2011 I software GIS ARCGIS System Docente Giuseppe Modica tel +39 0965 801274 giuseppe.modica@unirc.it A.A. 2010-2011 1 ArcGIS System Architecture 2 1 c:\ ArcGIS Workstation Clients ArcInfo ArcEditor ArcView

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Quanti e quali standard per le informazioni geografiche?

Quanti e quali standard per le informazioni geografiche? Quanti e quali standard per le informazioni geografiche? Piergiorgio CIPRIANO (*), Martin FORD (**) (*) CORE Soluzioni Informatiche, Via Calzolerie 2 - Bologna, 051.237823, socio UNINFO piergiorgio.cipriano@corenet.it

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

User Centricity in AGCOM

User Centricity in AGCOM User Centricity in AGCOM Marana Avvisati Market Analysis, Competition and Studies Department NeutralAccess13 La centralità dell utente nelle reti mobili del futuro Urbino, 2 ottobre 2013 Outline 1. Introduction:

Dettagli

IV lezione INSPIRE. GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture

IV lezione INSPIRE. GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture IV lezione INSPIRE GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture Be INSPIRED! GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture - Cristoforo Abbattista Page 2 Cos è INSPIRE Direttiva Europea 2007/02/EC Stabilisce

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

MANUALE DI CONSERVAZIONE. Allegato 1 Normativa e Standard di riferimento

MANUALE DI CONSERVAZIONE. Allegato 1 Normativa e Standard di riferimento MANUALE DI CONSERVAZIONE Allegato 1 Normativa e Standard di riferimento Data 09-10-2014 Codice documento Allegato 1 al Manuale di Conservazione: Normativa e Standard di riferimento Versione 1.0 Il presente

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Digitalizzazione e interoperabilità

Digitalizzazione e interoperabilità Digitalizzazione e interoperabilità Ing. Gianfranco Pontevolpe Politecnico di Torino, 26 novembre 2010 European Interoperability Framework The European Interoperability Framework EIF v. 2 the interoperability

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM

CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM ITALIANO Principali Step per la configurazione I dispositivi di

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Il sistema cartografico regionale Moka - Gis

Il sistema cartografico regionale Moka - Gis Il sistema cartografico regionale Moka - Gis Scaletta Collaborazione tra il nostro servizio ed il Simc nell ambito del progetto Eraclito per l Atlante Idroclimatico Il progetto europeo INSPIRE Un applicazione

Dettagli

UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno R. Monsorno

UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno R. Monsorno Institute for Applied Remote Sensing Technology for Environmental Monitoring UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno 1 Overview Introduzione EURAC Esperienza e Futuro Ground

Dettagli

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch drag & drop visual programming appinventor realizzazione app per Google Android OS appinventor è un applicazione drag & drop visual programming Contrariamente ai linguaggi tradizionali (text-based programming

Dettagli

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo Filippo DEL GUZZO (*), Valentina VALLERIANI (*), Alessandro CACCHIONE (*) (*) Regione Abruzzo, Struttura Speciale di

Dettagli

Esperienze di linked data e web semantico in BNCF

Esperienze di linked data e web semantico in BNCF Esperienze di linked data e web semantico in BNCF Anna Lucarelli anna.lucarelli@beniculturali.it 6' Incontro ISKO Italia Firenze 20 maggio 2013 Biblioteca nazionale centrale Firenze Da Tim Berners Lee

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky:

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky: Focusky Focusky è l innovativo e professionale software progettato per creare resentazioni interattive ad alto impatto visivo e ricco di effetti speciali (zoom, transizioni, flash, ecc..). A differenza

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology KON 3 Knowledge ON ONcology through ONtology Obiettivi di KON 3 Scopo di questo progetto èquello di realizzare un sistema di supporto alle decisioni, basato su linee guida e rappresentazione semantica

Dettagli

Cenni di Sistemi Informativi Geografici (parte 5)

Cenni di Sistemi Informativi Geografici (parte 5) Corso di Ingegneria del Territorio Cenni di Sistemi Informativi Geografici (parte 5) Almost everything that happens, happens somewhere. Knowing where something happens can be critically important. Longley

Dettagli

Software libero e aperto a supporto della implementazione di Infrastrutture di Dati Territoriali nella PAL

Software libero e aperto a supporto della implementazione di Infrastrutture di Dati Territoriali nella PAL Software libero e aperto a supporto della implementazione di Infrastrutture di Dati Territoriali nella PAL Pasquale DI DONATO *, Mauro SALVEMINI *, Laura BERARDI * * LABSITA - Laboratorio di Sistemi Informativi

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

Rassegna stampa Luglio Agosto 2014

Rassegna stampa Luglio Agosto 2014 Rassegna stampa Luglio Agosto 2014 1 CONSORZIO ROMA RICERCHE RASSEGNA STAMPA Luglio Agosto 2014 Guida Monaci pag. 3 TMNews pag. 4 Tribuna Economica pag. 5 ANSA Lazio pag. 6 IACC News pag. 7 GEO Ingegneria

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto Anselmo Marmonti SAS Agenda Premessa Evoluzione delle tematiche implementative di Basilea 2 Internal Rating

Dettagli

Software Analysis and Testing (II) Lezione 1

Software Analysis and Testing (II) Lezione 1 Software Analysis and Testing (II) Lezione 1 Filippo Ricca ITC-Irst Istituto per la ricerca Scientifica e Tecnologica ricca@itc.it 11/10/2004 Software Analysis and Testing (II) 1 Legacy systems They were

Dettagli

LabMecFit. versione beta. by S.Frasca Dipartimento di Fisica Università Sapienza Roma

LabMecFit. versione beta. by S.Frasca Dipartimento di Fisica Università Sapienza Roma LabMecFit versione beta by S.Frasca Dipartimento di Fisica Università Sapienza Roma LabMecFit è un programma che permette di elaborare i dati prodotti da DataStudio. I dati devono essere salvati da DataStudio

Dettagli

ArcGIS. Server. Un Server GIS completo e integrato

ArcGIS. Server. Un Server GIS completo e integrato ArcGIS Server Un Server GIS completo e integrato ArcGIS Server Un Server GIS completo e integrato ArcGIS Server connette gli utenti all informazione geografica. Aziende di piccole e grandi dimensioni utilizzano

Dettagli

Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti

Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti CSI Piemonte

Dettagli

PROGETTO STRATEGICO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE E SERVIZI

PROGETTO STRATEGICO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE E SERVIZI Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGICO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Ingegneria del Software. Business Object Technology

Ingegneria del Software. Business Object Technology Ingegneria del Software Business Object Technology Premesse I sistemi informativi di qualsiasi organizzazione devono essere capaci di: gestire quantità di dati sempre crescenti fornire supporto a nuovi

Dettagli

PATENTS. December 12, 2011

PATENTS. December 12, 2011 December 12, 2011 80% of world new information in chemistry is published in research articles or patents Source: Chemical Abstracts Service Sources of original scientific information in the fields of applied

Dettagli

Quando è interessante l interoperabilità? Capitolo 6 INTEROPERABILITA DEI DATI TERRITORIALI. 6 Interoperabilità dei dati territoriali

Quando è interessante l interoperabilità? Capitolo 6 INTEROPERABILITA DEI DATI TERRITORIALI. 6 Interoperabilità dei dati territoriali Capitolo 6 INTEROPERABILITA DEI DATI TERRITORIALI Quando è interessante l interoperabilità? gestione dei rischi naturali riparazione delle strade gestione dei trasporti pianificazione ambientale ecc. Interoperabilità

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.:

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.: Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM R Content Project 15.2.6: Main objective Project 15.2.6: Project in brief Project 15.2.6: Specific

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

SVILUPPO DI WEB SERVICES PER L INTEROPERABILITÀ DI INFORMAZIONI GEOGRAFICHE NEL CONTESTO ITALIANO ED EUROPEO

SVILUPPO DI WEB SERVICES PER L INTEROPERABILITÀ DI INFORMAZIONI GEOGRAFICHE NEL CONTESTO ITALIANO ED EUROPEO SVILUPPO DI WEB SERVICES PER L INTEROPERABILITÀ DI INFORMAZIONI GEOGRAFICHE NEL CONTESTO ITALIANO ED EUROPEO Luca DELL AMICO (*), Corrado IANNUCCI (**), Marcello MARINELLI (***), Valter SAMBUCINI (***)

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Catia Trubiani Gran Sasso Science Institute (GSSI), L Aquila catia.trubiani@gssi.infn.it Cosa sono? 2 1

Dettagli

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Contenimento dei costi di gestione Acquisizioni/ merge Rafforzare la relazione con

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN GEOSERVIZIO CONFORME AD INSPIRE PER I DB TOPOGRAFICI 2K DELLA REGIONE LOMBARDIA

REALIZZAZIONE DI UN GEOSERVIZIO CONFORME AD INSPIRE PER I DB TOPOGRAFICI 2K DELLA REGIONE LOMBARDIA REALIZZAZIONE DI UN GEOSERVIZIO CONFORME AD INSPIRE PER I DB TOPOGRAFICI 2K DELLA REGIONE LOMBARDIA Michele BERETTA (*), Maria Antonia BROVELLI (**), Marco NEGRETTI (***) (*) Politecnico di Milano, Laboratorio

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Servizi INSPIRE implementati con software liberi (Free Open Source) Francesco D'Alesio Peter Hopfgartner Paolo Viskanic

Servizi INSPIRE implementati con software liberi (Free Open Source) Francesco D'Alesio Peter Hopfgartner Paolo Viskanic Servizi INSPIRE implementati con software liberi (Free Open Source) Francesco D'Alesio Peter Hopfgartner Paolo Viskanic Il progetto FreeGIS FreeGIS è un progetto Interreg Italia-Svizzera cofinanziato dal

Dettagli

http://www-5.unipv.it/eduroam/

http://www-5.unipv.it/eduroam/ EduRoam - UniPv http://www-5.unipv.it/eduroam/ Page 1 of 1 30/01/2014 EduRoam è un servizio internazionale che permette l'accesso alla rete wireless agli utenti mobili (roaming users) in tutte le organizzazioni

Dettagli