Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes, 15.-17."

Transcript

1 Eidgenössische Technische Hochschule Zürich Institut für Geodäsie und Photogrammetrie Bericht 305 Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes, Juni 2008 Herausgeber: Prof. Dr. A. Carosio, ETHZ Prof. Dr. F. Golay, EPFL Prof. Dr. M. Brovelli, POLIMI Juni 2008

2 IGP Bericht Nr. 305 Presentations of the 3 rd Meeting of the Comitato scientifico italo-svizzero per la geoinformazione (CSISGI) Les Marécottes Prof. Dr. Alessandro Carosio, ETHZ Stefan Henrich, ETHZ Peter Staub, ETHZ Prof. Dr. François Golay, EPFL Eduardo Camacho-Huebner, EPFL Cláudio Carneiro, EPFL Jens Ingensand, EPFL Michaël Kalbermatten, EPFL Prof. Dr. Maria Brovelli, POLIMI Marco Negretti, POLIMI Eugenio Realini, POLIMI Milan Antonovic, SUPSI Dr. Massimiliano Cannata, SUPSI Prof. Dr. Rossella Nocera, UNIMOL 2008 Institut für Geodäsie und Photogrammetrie an der Eidg. Technischen Hochschule Zürich Wolfgang-Pauli-Strasse 15 CH-8093 Zürich Alle Rechte vorbehalten ISBN

3 Content Session I: Interoperability as a precondition for the realisation of spatial data infrastructures Alessandro Carosio, Rossella Nocera, Hans Rudolf Gnägi, Andreas Morf and Peter Staub: I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS 5 Peter Staub: Spatial data infrastructures and interoperability 35 Stefan Henrich: Prerequisites for interoperability 41 Peter Staub: Semantic interoperability for INSPIRE: the Swiss-German solution research project Model-Driven WFS 57 Sesion II: Other aspects of interoperability Eduardo Camacho-Huebner: Ontologies evolution: from social sciences needs to interop opportunities 77 Massimiliano Cannata: Institute of Earth Science: current and future activities at the geomatics division 89 Milan Antonovic: Sensor observation service (SOS): insights and implementation 109 Session III: Mobile GIS and infrastructure Marco Negretti: ICAD-GEO: studio di fattibilità per la realizzazione di un progetto per la realizzazione di una "infrastruttura per la cooperazione applicativa dei dati geografici" 125 Maria Brovelli: WebGIS & context aware mobile GIS 137 Eugenio Realini: slaxgis a GIS-oriented live USB system 147 Session IV: Added value of the 3 rd dimension through enriched semantics François Golay: Update on LASIG s research activities. Some more semantics into the 3 rd D: some insights and questions 157 Cláudio Carneiro: Matching 3D city models and urban indicators to users needs 165 Michaël Kalbermatten: Landscape characterization using wavelet detail coefficients 185 Jens Ingensand: 3D web interfaces to the Patrouille des Glaciers race 213 1

4 2

5 3

6 4

7 Session I Interoperability as a precondition for the realisation of spatial data infrastructures I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Prof. Dr. Alessandro Carosio 1 Prof. Dr. Rossella Nocera 2 Hans Rudolf Gnägi 1 Andreas Morf 1 Peter Staub 1 1 ETH Zürich, Institut für Geodäsie und Photogrammetrie Gruppe GIS und Fehlertheorie 2 Università degli Studi del Molise, Sede di Termoli 5

8 6

9 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Alessandro Carosio*, Rossella Nocera** Hans Rudolf Gnägi*, Andreas Morf*, Peter Staub* * Institut für Geodäsie und Photogrammetrie, ETH Zürich, Svizzera * * Università degli Studi del Molise, Sede di Termoli, Italia La necessità di scambio di dati geografici Uno dei beni principali di una società è il relativo ambiente e per prendere le decisioni relative all ambiente, occorre disporre di buone informazioni geografiche, ossia di geodati che descrivono direttamente o indirettamente (tramite un informazione di posizione) le caratteristiche ed i fenomeni ambientali. Negli ultimi trenta anni la raccolta di geodati è stata influenzata notevolmente dagli sviluppi dell informatica, dalle rivoluzionarie tecniche di rilevamento e dalle infrastrutture di telecomunicazione. La quantità di dati disponibili è aumentata velocemente a causa di tali progressi tecnologici e del numero crescente di persone e di istituzioni che usano i geodati. Oggigiorno tutte le grandi e piccole organizzazioni, sia private che pubbliche, dispongono di grandi quantità di dati geografici e nasce la necessità di sfruttare in comune questo patrimonio. GIS GIS GIS Fig. 1 Molteplicità d uso e necessità di scambi di dati In molti paesi si realizzano infrastrutture nazionali di dati per usare in comune i dati esistenti. Ma attualmente perfino i confini nazionali sembrano stretti. Si presenta ben chiara la necessità di disporre 7

10 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS di sistemi interagenti. Negli ultimi anni si lavora a livello europeo e mondiale per creare norme tecniche volte a fornire le direttive per attuare tali soluzioni. NGDI Dati geospaziali Metadati Geo-Servizi di base Infrastrutture tecniche Coordinamento e rete di contatto Formazione e Ricerca Direttive e Standards Basi giuridiche Politica tariffaria Fig. 2 Infrastrutture nazionali (NGDI), elementi fondamentali In tale contesto qualsiasi sistema informativo geografico non può essere considerato efficiente se non prevede la soluzione di questioni riguardanti lo scambio dei dati e soprattutto l offerta di servizi basati su più sistemi interagenti. Nel campo dei GIS l aspetto dello scambio dei dati ha assunto significati diversi negli anni. Inizialmente esisteva l esigenza di scambiare solo dati all interno di ambienti omogenei (stesso fornitore, quindi formati proprietari). Nel tempo nasce la necessità di scambiare dati tra produttori diversi ed è cosi che si introducono i concetti di formati standard di interscambio, di trasferimento di dati basato su modello e di interoperabilità (secondo i concetti di OGC). L evoluzione si è quindi spostata da soluzioni più semplici quali l utilizzo di convertitori di dati e formati standard fino a soluzioni più evolute che permettono l utilizzo in parallelo di diversi GIS eterogenei senza spostare i dati geografici del sistema. Soluzioni per lo scambio dei dati geografici L uso generalizzato dell informazione geografica richiede quale primo elemento norme per regolare il trasferimento dei dati tra sistemi GIS diversi. a) Trasferimento tra sistemi uguali o con formati standard Una necessità importante consiste nel trasferimento di dati da un applicazione ad un altra realizzata con lo stesso software. I GIS dispongono fondamentalmente di funzioni per l importazione e l esportazione di dati geografici tramite files. I formati utilizzati sono compatibili esclusivamente con uno specifico software GIS (formato proprietario) e richiedono la medesima struttura-dati per i files da scambiare. Con l aumento delle tecnologie GIS e delle persone e organizzazioni coinvolte nel settore nasce l esigenza di scambiare informazioni geografiche anche tra sistemi di diversi produttori. Primi tentativi di soluzione hanno portato alla realizzazione di formati standard. Premessa per la defini- 8

11 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS zione di un formato standard è la definizione anticipata dei contenuti. Ciò si verifica solo in quelle applicazioni in cui le informazioni da elaborare sono decise in modo unitario per tutti i sistemi. GIS 1 GIS 2 Fig. 3 Trasferimento dei dati con formati predefiniti b) Trasferimento basato su modello Le diverse esigenze e la varietà delle applicazioni e dei sistemi rendono poco realistica la definizione di formati unitari. Occorrono altre soluzioni per scambiare dati a struttura variabile; una soluzione appropriata è rappresentata dalle procedure basate sul modello anziché dai formati unitari. Attualmente i GIS in uso offrono all utente una struttura prestabilita per i dati geometrici e la possibilità di definire, secondo le diverse esigenze dell utente, i contenuti tematici. Il sistema costruisce poi le diverse classi di entità (tipicamente tabelle relazionali in un DB). Lo stesso principio può anche essere utilizzato per organizzare lo scambio di dati in modo flessibile: si descrive la struttura dei dati che si intende trasferire, e da questa descrizione è possibile ricavare un formato per questi dati. A questo scopo sono necessarie due componenti: in primo luogo un linguaggio standardizzato per la descrizione dei dati per definire in modo univoco e consistente la struttura dei dati da trasferire, e in secondo luogo una procedura regolamentata per ricavare un formato dalla struttura dei dati. GIS 1 Fig. 4 Trasferimento dei dati basato sul modello 9

12 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Le norme ISO hanno definito come standard il metodo di trasferimento dei dati basato sul modello. L ISO ha deciso solo un formalismo grafico per la descrizione della Struttura dei dati: UML. Tale tecnologia offre opportunità anche in altri settori: GIS moderni permettono l implementazione del modello direttamente dallo schema concettuale. Fig. 5 ArcGIS: implementazione del modello da uno schema UML c) Interoperabilità Le diverse soluzioni fin qui proposte hanno come obbiettivo il trasferimento di dati da un sistema all altro. È invece possibile concepire sistemi di comunicazione che funzionano senza spostare i dati geografici del sistema. Questa soluzione è particolarmente interessante, quando sono necessarie solamente semplici elaborazioni delle informazioni, p. es. la rappresentazione grafica di una parte dei dati (web mapping services, wms), oppure l elenco di determinati oggetti o caratteristiche (web feature services, wfs). In questi casi è più facile standardizzare i comandi e i risultati dell elaborazione, piuttosto che i dati di base. In questo caso si parla di interoperabilità, ossia utilizzo parallelo di diversi GIS, mediante lo scambio dei comandi (richieste, indicazioni di elaborazione) e dei risultati. L Open Geospatial Consortium (OGC) promuove lo sviluppo di questa tecnica. Grazie alla partecipazione delle aziende leader a livello internazionale (ESRI, Intergraph, Siemens, Microsoft, ecc.) ed all incorporazione di università e istituti di ricerca, l OCG ha ottenuto una vasta risonanza e ha creato grandi aspettative. I vantaggi del concetto di interoperabilità sono evidenti: il concetto di gestione dei dati può essere molto diverso nei sistemi in comunicazione. Il sistema che invia una richiesta non deve assolutamente conoscere nulla sull organizzazione interna dei dati nel sistema che li fornisce: i sistemi non trasmettono che parti del proprio contenuto e i dati originali restano sotto il proprio controllo (diritti d autore, proprietà intellettuale). Esiste, inoltre, un grande vantaggio per i produttori di software GIS: i clienti non possono cambiare facilmente il fornitore. I limiti sono pure chiari: la diversità delle richieste standardizzate e delle forme di risposta non può essere troppo grande. Se le interoperazioni desiderate diventano troppo complesse, troppo diverse, o troppo numerose, lo scambio diretto dei dati diventa più semplice e vantaggioso rispetto alla standardizzazione delle operazioni. 10

13 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS GIS 2 GIS 4 GIS 1 Risposta GIS 3 Risposta domanda Fig. 6 Interoperabilità (normalizzazione Domanda-Risposta) Limiti e prospettive Da quanto detto fin qui, nasce spontanea la domanda: Sarà possibile realizzare il sogno di trasferire dati geografici tra sistemi completamente diversi o inviare loro richieste ottenendo risposta in modo totalmente automatico? Si affermerà l interoperabilità o piuttosto i metodi che trasferiscono effettivamente i dati? A quest ultima domanda si può senz altro rispondere che entrambe le soluzioni sono necessarie: esse non sono alternative, ma sono soluzioni complementari. Per il problema del trasferimento dei dati in modo automatico si deve, purtroppo, riconoscere l impossibilità ad avere un metodo che sia completamente automatico, infatti esiste un ostacolo teorico insuperabile: La non univocità della semantica. Elementi uguali (entità, oggetti, attributi) possono essere denominati in modo diverso (per es. case o edifici, abbreviazioni, lingue straniere, diverse istruzioni al rilevamento ecc.). Denominazioni identiche possono avere significato diverso. Occorre quindi rassegnarsi al fatto che in strutture dati di diversa origine una ricostruzione automatica della semantica è impossibile. Rete elettrica Tubazioni acqua gas acqua Rete distr. gas dia- Tipo anno metro Cavi elettrici Acquedotto dia- Anno metro costr. diametro Anno costr. Fig. 7 La semantica non è ricostruibile automaticamente 11

14 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Per mettere in relazione entità e attributi occorrono informazioni supplementari, quindi la semantica della descrizione dei dati non può essere standardizzata in un settore di attività lasciato alla libera iniziativa. Le relazioni tra i sistemi devono essere decise inizialmente in base ad un analisi interpretativa di un esperto, a richieste presso i responsabili e a consultazione di metadati. In seguito è possibile eseguire la trasformazione semantica. Fig. 8 L identificazione delle relazioni tra i modelli richiedono l intervento di un esperto Tuttavia, per sistemi federati (organizzati con regole comuni) sarà possibile, in settori specifici, sviluppare le ontologie che descrivono la semantica di più sistemi permettendo lo sviluppo di moduli di trasformazione automatici (agenti). Schemi diversi possono coesistere, se collegati da un'ontologia sufficientemente generale. ontologia Agenti Agenti Fig. 9 Trasferimento dei dati basato sul modello 12

15 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Per questo occorre analizzare, studiare, articolare il contenuto indipendentemente dal modo in cui è rappresentato; occorre lavorare con il contenuto in quanto tale, l essere in quanto essere... ecco che emerge cosi la dimensione ontologica, in senso filosofico. L ontologia nasce come antica riflessione dell'uomo sulla natura del mondo e delle cose, ma negli ultimi venti anni si sono registrate nuove e impreviste relazioni tra l ontologia filosofica e campi applicativi che vanno dalle tecnologie dell informazione alle scienze sociali. Anche nei sistemi informativi rappresenta una dimensione nuova di studio e di ricerca. Le trasformazioni semantiche In settori che si sono sviluppati autonomamente una standardizzazione dei concetti e della terminologia non può essere realizzata a posteriori e anche lo sviluppo di procedimenti basati su ontologie in senso filosofico ha poca probabilità di una realizzazione a breve termine. GIS sviluppati autonomamente sono la regola in progetti nazionali, quando i dati contenuti sono stati raccolti in precedenza da istituzioni regionali o comunali o da privati. Analogamente troviamo a livello europeo GIS indipendenti (p.es. INSPIRE) quando si vogliono di integrare informazioni acquisite e gestite autonomamente dagli stati membri. Per risolvere in un quadro operativo problemi di questo tipo con investimenti ragionevoli e a breve termine stanno per essere realizzate soluzioni informatiche basate sulla definizione a livello concettuale di trasformazioni semantiche tra modelli diversi. Tali trasformazioni devono essere descritte la prima volta in modo esplicito da personale esperto in base a tutte le conoscenze disponibili. Per definire la trasformazione occorre un linguaggio formale interpretabile da software che consenta di derivare automaticamente la procedura di trasformazione. Tale linguaggio proposto in un progetto di ricerca del Politecnico di Zurigo può avere la forma di un linguaggio testuale (simile a INTERLIS) o avere una presentazione grafica (simile a UML). Si parla in questo caso di UMLT. Descritta la trasformazione sulla base del modello origine e del modello obiettivo un compilatore determina le operazioni di trasformazione tra il formato di scambio per il modello origine e il formato relativo al modello obiettivo. Un prototipo di questa trasformazione dimostra la realizzabilità di questa procedura, che ha suscitato interesse nelle istituzioni responsabili della messa in opera di INSPIRE. Soprattutto in Germania, Austria e Svizzera. 13

16 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS CSL : Conceptual schema language DM-A o -Z : Modello dei dati dell sistema A a livello concettuale TF-A o -Z : Formato di trasferimento per i dati del sistema A o Z Model Mapping : Descrizione della trasformazione semantica Data Transformation : Operazioni eseguibili della trasformazione L interoperabilità semantica Fig. 10 La trasformazione semantica Lo stesso problema si pone, quando si utilizzano gli standard dell interoperabilità di OGC. Gli standard OGC sono solo definiti per l interoperabilità sintattica. Ciò significa che per inviare una richiesta occorre conoscere la terminologia (nomi di attributi, classi di entità, sistema di riferimento ecc.) del sistema interrogato. Sul piano europeo nella migliore delle ipotesi occorre confrontarsi con decine di modelli e conoscerne i dettagli per inviare richieste d informazione. Molto più semplice sarebbe poter inviare le richieste basandosi sul proprio modello o ev. su un modello di riferimento lasciando al sistema il compito di tradurre le richieste nei modelli dei sistemi interrogati per ottenere risposte tradotte nel linguaggio del proprio modello (interoperabilità semantica). Fig. 11 L interoperabilità semantica 14

17 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Per realizzare l idea dell interoperabilità semantica è stata realizzata una piattaforma sperimentale nel quadro di una cooperazione multinazionale tra il Bundesamt für Kartographie und Geodäsie tedesco, l Ufficio federale di topografia svizzero, il Politecnico di Monaco e il Politecnico di Zurigo. A tale progetto sono interessati e collaborano anche partner italiani (Politecnico di Milano, Università del Molise) e austriaci (TU Graz). Il concetto base è la creazione di un WFS (standard OGC) basato sul modello (mdwfs) mediante il quale le richieste sono tradotte o dal sistema richiedente (client) o dal sistema interrogato (source). Anche in questo modo di procedere la prima volta occorre definire con un linguaggio adatto (p.es. UMLT) la trasformazione tra un modello e l altro. La definizione rimane a disposizione per richieste ulteriori. Fig. 12 Il WFS basato sul modello (mdwfs) Le prime esperienze con il prototipo del mdwfs sono incoraggianti. Il progetto iniziale ha potuto essere prolungato per creare le premesse di un integrazione di componenti informatiche con larga diffusione (Oracle DB, FME ecc.). Trattative con partner interessati sono in corso per l implementazione del procedimento in software commerciali. 15

18 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Bibliografia Carosio A. and Nocera R.: Il trasferimento dei dati, I metadi, I modelli e l interoperabilità nei GIS. Atti della 8a Conferenza Nazionale delle Associazioni per le Informazioni Territoriali e Ambientali, Roma, Donaubauer A., Staub P., Straub F. and Fichtinger A.: Web-basierte Modelltransformation eine Lösung für INSPIRE? GIS Zeitschrift für Geoinformatik, 13(2):26 33, Donaubauer A., Fichtiner A., Schilcher M., Straub F., Carosio A., Gnägi H.R., Morf A. and Staub P.: Grenzübergreifende Web-GIS Lösungen. GIS Zeitschrift für Geoinformatik, 11(9):29 34, Dorfschmid J., Brawer S.: La modelisation de donnees a reference spatiale. COSIG c/o swisstopo, CH- Wabern Gnägi H.R.: INTERLIS KURS I und II. ETH Zürich, KOGIS: INTERLIS 2 Reference manual. Online Scott K.: UML Explained. Addison-Wesley. Staub P.: A Model-Driven Web Feature Service for Enhanced Semantic Interoperability. OSGeo Journal, 1(3):43 50, Staub P., Gnägi H.R. and Morf A.: Semantic Interoperability through the Definition of Conceptual Model Transformations. Transactions in GIS, 12(2): ,

19 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Alessandro Carosio, Rossella Nocera Hans Ruedi Gnägi, Andreas Morf,Peter Staub Institut für Geodäsie und Photogrammetrie, ETH Zürich Oggi disponiamo di grandi quantità di dati geografici in forma digitale molte organizzazioni lavorano con tali dati. GIS 1 GIS 2 GIS 3 Dobbiamo sfruttare in comune questo patrimonio Arbeitsplatz 1 Arbeitsplatz 2 Ditta 1 Arbeitsplatz Ditta 2 Arbeitsplatz Ufficio A 17

20 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Una buona idea: NGDI Dati geospaziali Metadati Geo-Servizi di base Infrastrutture tecniche Coordinamento e rete di contatto Formazione e Ricerca Direttive e Standards Basi giuridiche Politica tariffaria In molti paesi si realizzano infrastrutture nazionali di dati Per usare in comune i dati esistenti. Ma attualmente perfino i confini nazionali sembrano stretti : Progetti internazionali in numero sempre maggiore ne sono la prova.. Esempi: INSPIRE, Molti progetti INTEREG ecc. Si presenta ben chiara la necessità di disporre di sistemi interagenti. Negli ultimi anni si lavora a livello europeo e mondiale per creare norme tecniche volte a fornire le direttive per attuare tali soluzioni. L uso generalizzato dell informazione geografica richiede quale primo elemento norme per regolare il trasferimento dei dati tra sistemi GIS diversi e per renderli interoperabili. Il trasferimento e l interoperabilità dei dati è una funzione centrale per ogni GIS e l uso efficiente di un GIS non può trascurare le soluzioni riguardanti lo scambio dei dati (tema della presentazione). NGDI Dati geospaziali Metadati Geo-Servizi di base Infrastrutture tecniche Coordinamento e rete di contatto Formazione e Ricerca Direttive e Standards Basi giuridiche Politica tariffaria 18

21 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS I primi Sistemi inormativi geografici furono realizzati per soddisfare le esigenze di un solo utente GIS 1 GIS 3 Arbeitsplatz Ab Arbeitsplatz t Ditta 1 GIS 2 Arbeitsplatz Arbeitsplatz Ufficio A Ditta 2 GIS 1 GIS 2 Esigenza fondamentale: Occorrono sistemi interagenti. 19

22 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS GIS 1 GIS 2 Sul piano nazionale e in organizzazioni internationali (Europa, Mondo) si lavora alla definizione di norme tecniche che permettano di realizzare sistemi interagenti. Occorrono norme per l interoperabilità e per il trasferimento die dati tra sistemi di origine diversa e con modelli die dati diversi. + DIN, AFNOR,ÖN, UNI, BS, GIS GIS GIS interagenti possono essere realizzati a diversi livelli di funzionalità Trasferimento dei dati Interoperabilita 20

23 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS GIS GIS GIS interagenti possono essere realizzati a diversi livelli di funzionalità Trasferimento dei dati tra sistemi uguali Trasferimento dei dati Trasferimento dei dati con Formati Standard Metodi di trasferimento dei dati basati sul modello Interoperabilita Interoperabilità (OGC = Open Geospatial Consortium) In precedenza: Open GIS Consortium GIS GIS GIS interagenti possono essere realizzati a diversi livelli di funzionalità Trasferimento dei dati tra sistemi uguali Trasferimento dei dati Trasferimento dei dati con Formati Standard Metodi di trasferimento dei dati basati sul modello Interoperabilita Interoperabilità (OGC = Open Geospatial Consortium) In precedenza: Open GIS Consortium 21

24 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS 3. Trasferimento basato sul modello GIS i dati geografici sono trasmessi in due parti: Dapprima si invia la descrizione della struttura dati (modello concettuale) Poi seguono i dati in un formato che viene derivato automaticamente dalla descrizione della struttura dei dati. 3. Trasferimento basato sul modello (seguito) Cosa occorre: 1. linguaggio standard per la descrizione dei dati a livello concettuale per definire in modo univoco e consistente la struttura dei dati da trasferire 2. Una procedura regolamentata per ricavare il formato di trasferimento dalla struttura dei dati Derivazione del formato 22

25 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS 3. Trasferimento basato sul modello (seguito) Le norme ISO hanno definito come standard il metodo di trasferimento dei dati basato sul modello. L ISO ha deciso solo un formalismo grafico per la descrizione della Struttura dei Dati: UML. Un linguaggio testuale che possa essere interpretato automaticamente è previsto, sono state definite le sue caratteristiche, ma non è stata presa una decisione in merito (Possibile soluzione: Standard svizzero INTERLIS) Derivazione del formato Lo standard svizzero INTERLIS Realizzazione degli Standard ISO (TC 211) non solo per il trasferimento dei dati 23

26 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Derivazione del formato Lo standard svizzero INTERLIS Lo standard svizzero INTERLIS Derivazione del formato 24

27 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Lo standard svizzero INTERLIS Derivazione del formato Lo standard svizzero INTERLIS UML INTERLIS 2 Formato di trasferimento XML Formato basato su GML è in preparazione 25

28 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Lo standard svizzero INTERLIS UML INTERLIS 2 formato di trasferimento XML formato GML (GML è ancora in fase di sviluppo) Tale tecnologia offre opportunità anche in altri settori GIS Moderni permettono l implementazione del modello direttamente dallo schema concettuale: ArcGIS da uno schema in UML (prodotto con Microsoft Visio) Geo Media (Intergraph) da INTERLIS (per il mercato svizzero) Topobase (C-Plan) da INTERLIS o da UML GeoUML (Politecnico di Milano, Univ. Verona) UML extension designed for spatial objects; formal, lexical representation additional to the usual UML graphic representation 26

29 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Interoperabilità L open Geospatial Consortium (OGC) promuove lo sviluppo di questa tecnica. Grazie alla partecipazione delle aziende leader a livello internazionale (ESRI, Intergraph, Siemens, Microsoft, ecc.) ed all incorporazione di università e istituti di ricerca, l OCG locg ha ottenuto una vasta risonanza e ha creato grandi aspettative. GIS 2 GIS 4 GIS 1 Antworten GIS 3 Anfragen 4. Interoperabilità (seguito) I vantaggi del concetto di interoperabilità: La gestione dei dati può essere diversa nei sistemi in comunicazione. Il sistema che invia una richiesta non deve conoscere l organizzazione interna dei dati e gli algoritmi necessari nel sistema che li fornisce. i sistemi non trasmettono che parti del proprio contenuto e i dati originali restano sotto il proprio controllo (diritti d autore, proprietà intellettuale) vantaggio per i produttori di software GIS : i clienti non possono cambiare facilmente il fornitore I limiti: il numero delle possibili richieste standardizzate e delle forme di risposta non può essere troppo grande. 27

30 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Limiti e prospettive Limiti e prospettive per i metodi di trasferimento dei dati geografici e dell interoperabilità Sarà possibile realizzare il sogno di trasferiredati geografici tra sistemi completamente diversi o inviare loro richieste ottenendo risposta in modo totalmente automatico,? Si affermerà l interoperabilità o piuttosto i metodi che trasferiscono effettivamente i dati? Limiti e prospettive Limiti e prospettive per i metodi di trasferimento dei dati geografici e dell interoperabilità Risposta alla seconda domanda : Si affermerà l interoperabilità o piuttosto i metodi che trasferiscono effettivamente i dati? Le due soluzioni sono necessarie Non sono alternative sono soluzioni complementari 28

31 A. Carosio, ETHZ / R. Nocera, UNIMOL / H.R. Gnägi, A. Morf, P. Staub, ETHZ I modelli, il trasferimento dei dati, e l interoperabilità nei GIS Limiti e prospettive (seguito) Risposta alla prima domanda : E possibile trasferire dati geografici di ogni tipo o inviare richieste qualsiasi, in modo totalmente automatico? La riposta è no! Esiste un ostacolo teorico insuperabile: La non univocità della semantica Elementi uguali (entità, oggetti, attributi) possono essere denominati in modo diverso (per es. case o edifici, abbreviazioni, lingue straniere, diverse istruzioni al rilevamento ecc.) Denominazioni identiche possono avere significato diverso. In strutture dati di diversa origine una ricostruzione automatica della semantica è impossibile Per sistemi federati sarà forse possibile descrivere in modo sufficientemente preciso la semantica degli elementi (ontologia) Tema di ricerca molto attuale. Limiti e prospettive (seguito) La semantica della descrizione dei dati non può essere standardizzata in un settore di attività lasciato alla libera iniziativa. Per mettere in relazione entità e attributi occorrono informazioni supplementari Rete elettrica Tubazioni Tipo anno Acquedotto Cavi elettrici Anno costr. acqua gas acqua Rete distr. gas diametro diametro diametro Anno costr

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Panoramica delle richieste

Panoramica delle richieste Panoramica delle richieste 1,293 richieste in procinto di essere approvate, il 40% delle quali é previsto aperto alle registrazioni Breakdown dei nuovi gtld per tipo 1,930 1,293 1,293 1,930 453 100% 90%

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli