IL SETTORE AEROSPAZIALE IN PIEMONTE Indagine sulle imprese del distretto aerospaziale piemontese realizzata da Cesdi & Srl su incarico della Regione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SETTORE AEROSPAZIALE IN PIEMONTE Indagine sulle imprese del distretto aerospaziale piemontese realizzata da Cesdi & Srl su incarico della Regione"

Transcript

1 IL SETTORE AEROSPAZIALE IN PIEMONTE Indagine sulle imprese del distretto aerospaziale piemontese realizzata da Cesdi & Srl su incarico della Regione Piemonte Aprile 2008

2 INDICE INTRODUZIONE 5 SINTESI DEI RISULTATI 6 PARTE I - I POLI AEROSPAZIALI IN EUROPA 1 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE EUROPEA 10 Le caratteristiche del settore 10 I numeri dell industria aerospaziale europea 14 2 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE IN FRANCIA IL DISTRETTO AEROSPAZIALE MIDI-PYRÉNÉES 19 Il contesto economico della regione Midi-Pyrénées 19 Il settore aerospaziale nella regione Midi-Pyrénées 19 Organizzazione del distretto 21 Le imprese del distretto 22 I centri di ricerca e le università 24 I punti di forza LA FILIERA AEROSPAZIALE DELL ÎLE-DE-FRANCE 28 Il contesto economico dell Île-de-France 28 La filiera aerospaziale dell Île-de-France 29 Le imprese della filiera 30 I centri di ricerca e le università 32 I punti di forza 35 3 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE IN GERMANIA IL DISTRETTO AEROSPAZIALE DI MONACO DI BAVIERA 37 Il contesto economico della Baviera 37 Il distretto aerospaziale della Baviera 38 Le imprese del distretto 39 I centri di ricerca e le università 41 I punti di forza LA FILIERA AEROSPAZIALE DI STUTTGART (BADEN-WÜRTTEMBERG) 44 Il contesto economico del Baden-Württemberg e della regione di Stuttgart 44 La filiera aerospaziale nella regione di Stuttgart 46 Le imprese della filiera 47 I centri di ricerca e le università 49 I punti di forza 50 4 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE NEL REGNO UNITO IL DISTRETTO AEROSPAZIALE DELLE MIDLANDS 53 Il contesto economico delle Midlands 53 Il distretto aerospaziale: origini e organizzazione 53 Le imprese del distretto 54 I centri di ricerca e le università 56 I punti di forza 59 2

3 5 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE IN SPAGNA IL DISTRETTO AEROSPAZIALE DEI PAESI BASCHI 60 Il contesto economico dei Paesi Baschi 60 Il settore aerospaziale nei Paesi Baschi 61 Il distretto aerospaziale: origini e organizzazione 62 Le imprese del distretto 64 I centri di ricerca e le università 65 I punti di forza 68 6 I DISTRETTI AEROSPAZIALI IN ITALIA IL DISTRETTO TECNOLOGICO AEROSPAZIALE DEL LAZIO 69 Le origini del distretto 69 Le imprese del distretto 70 I centri di ricerca e le università 73 I punti di forza LA FILIERA AEROSPAZIALE IN CAMPANIA 76 L IMAST: il distretto tecnologico sull Ingegneria dei Materiali Polimerici e Compositi e Strutture 76 I punti di forza 79 Le altre iniziative regionali in ambito aerospaziale IL POLO AEROSPAZIALE DELLA PUGLIA 82 PARTE II - IL DISTRETTO AEROSPAZIALE DEL PIEMONTE 7 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE PIEMONTESE 85 Le dimensioni del settore 86 Le attività delle imprese 87 Le dimensioni aziendali 88 La dipendenza delle imprese dal settore aerospaziale 88 La rilevanza delle imprese nell economia del settore 89 La rilevanza assoluta delle imprese per il settore e la dipendenza delle imprese dal settore 89 La concentrazione delle attività aerospaziali 91 8 LE GRANDI IMPRESE AEROSPAZIALI DEL DISTRETTO THALES ALENIA SPACE ALENIA AERONAUTICA AVIO GALILEO AVIONICA LE IMPRESE DELLA FILIERA AEROSPAZIALE PIEMONTESE LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE 103 Tipologia dell attività e campi di applicazione 103 Dimensioni delle imprese 106 Posizionamento lungo la catena di subfornitura LE CAPACITÀ TECNICHE E PROGETTUALI 110 Le tecnologie utilizzate 110 Attività di progettazione 113 Brevetti e know-how LE CERTIFICAZIONI 117 Controllo della qualità 117 Sistema Qualità 120 Omologazioni 123 3

4 Laboratori attrezzati IL LIVELLO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 125 Aree di mercato 125 Documentazione commerciale 127 Accordi e investimenti all estero IL SISTEMA DI RELAZIONI LE REFERENZE COMMERCIALI L ANDAMENTO DELL ATTIVITÀ 132 Dinamica dell ultimo triennio 132 Previsioni per i prossimi 3 anni GLI ORIENTAMENTI FUTURI I SERVIZI PER LE IMPRESE E INIZIATIVE PER IL RAFFORZAMENTO DEL SETTORE 136 Difficoltà incontrate dalle imprese 136 Indicazioni su servizi e iniziative di supporto 137 ALLEGATO - LA MAPPATURA DELLE TECNOLOGIE IL POLITECNICO, LE UNIVERSITA E I CENTRI DI RICERCA POLITECNICO DI TORINO UNIVERSITA DI TORINO UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE INRIM ISMB OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI TORINO INAF 155 NOTA METODOLOGICA 157 4

5 INTRODUZIONE Il settore aerospaziale assume una rilevanza significativa in ambito regionale sia per il numero di imprese coinvolte, sia per l apporto fornito in termini di stimoli allo sviluppo della ricerca e della innovazione tecnologica, con ricadute positive su importanti settori produttivi della regione: il Piemonte è attualmente l area italiana con la più alta densità tecnologica e il più elevato tasso di investimenti nel settore aerospaziale e sede di aziende leader a livello mondiale. Questo settore è prioritario non solo per il Piemonte e l Italia, ma anche per l Europa, tant è che nel VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo tecnologico si riconosce la necessità di sostenerne e coordinarne l ulteriore sviluppo. Proprio per queste ragioni si è deciso di realizzare un indagine che consenta di approfondire la conoscenza del settore aerospaziale piemontese e di collocarlo nel contesto europeo in cui si muove. L indagine nasce, infatti, con un duplice obiettivo conoscitivo: delineare lo scenario europeo con cui si devono confrontare le imprese piemontesi in attesa di divenire Distretto tecnologico dell aerospazio anche alla luce dell elevata attenzione delle Istituzioni verso la ricerca di partnership europee per lo sviluppo di collaborazioni costruttive tra poli aerospaziali; integrare la base fornita dalla precedente ricerca commissionata dalla Camera di Commercio di Torino nel 2003, per poter disporre di un quadro esauriente di dati in grado di rendere evidente la consistenza del settore in ambito regionale e di descriverne l articolazione sotto il profilo delle realtà imprenditoriali presenti, delle specializzazioni e delle capacità produttive che lo contraddistinguono; l insieme di queste informazioni consente di avere i riferimenti necessari per elaborare iniziative di promozione e orientare interventi di supporto e, non da ultimo, di definire un database regionale del Distretto. In merito al primo obiettivo si è tracciato un quadro sull organizzazione dei principali distretti/poli aerospaziali europei, individuandone 2 in Francia, 2 in Germania, 1 nel Regno Unito, 1 in Spagna e 3 in Italia. Si è provveduto a descriverne le origini, l organizzazione (con particolare attenzione alle imprese leader, alle imprese della filiera e alle Università e i Centri di ricerca che li costituiscono) e a individuarne i punti di forza e quelli di debolezza. Questo è quanto emerge a livello europeo nella prima parte della ricerca. Per raggiungere il secondo obiettivo si è operato attraverso una mappatura completa della popolazione di operatori presenti in regione, che sono coinvolti in qualche misura in attività produttive e di servizi con sbocchi nell aerospazio. Si è poi proseguito con un analisi che ha consentito di disporre di una base di dati statisticamente significativa per dare adeguata rappresentazione delle imprese presenti nella filiera. Questo ha permesso di far emergere e di qualificare in modo approfondito quella parte del settore che è meno nota e che ha maggiori esigenze di rendersi visibile sui mercati. La seconda parte del rapporto espone, pertanto, quanto emerso da questo approfondimento. In entrambi i casi, i dati e le conoscenze acquisite sul settore hanno riguardato tanto le attività industriali, quanto quelle terziarie. L articolazione dell indagine, il riferimento territoriale regionale a cui si è circoscritta la raccolta e l analisi dei dati ed altri elementi distintivi inerenti in particolare alle modalità con cui è stata condotta la rilevazione presso le imprese che è alla base di questo studio richiedono alcune puntualizzazioni utili per una corretta interpretazione dei dati esposti. Per questo si rimanda alla apposita nota finale in 5

6 cui sono richiamati gli aspetti salienti della metodologia e delle modalità di realizzazione utilizzate. SINTESI DEI RISULTATI La prima parte della ricerca, vale a dire quella riguardante i principali distretti aerospaziali europei, delinea un quadro articolato della situazione internazionale che crea lo spunto per alcune considerazioni. I distretti europei sono una realtà consolidata e organizzata con cui il Piemonte, ormai futuro distretto, deve confrontarsi. I poli europei si caratterizzano, in generale, per una maggiore dimensione delle imprese che li costituiscono, una maggiore propensione all internazionalizzazione e politiche di distretto confezionate su misura che hanno sostenuto lo sviluppo e la competitività delle imprese. Il Piemonte, tuttavia, ha tutte le carte in regola per poter divenire un polo tecnologico di rilievo nel contesto internazionale. La presenza di operatori leader che fanno capo ad un gruppo di rilevanza mondiale (Finmeccanica), la diffusione sul territorio di piccole, medie e grandi imprese sparse sul territorio capaci di offrire lavorazioni e servizi a 360 gradi oltre che di Università e Centri di ricerca conosciuti a livello internazionale per le loro applicazioni nel campo della ricerca, fanno del Piemonte un territorio maturo e capace di accogliere le sfide di una competizione internazionale. La seconda parte dell indagine scatta una fotografia sull esistente, approfondendo l analisi sulle caratteristiche delle imprese che fanno parte del distretto piemontese. Nelle attività aerospaziali presenti in Piemonte sono state accertate 159 imprese, che nel 2007, a livello regionale, hanno realizzato nel settore un fatturato di milioni di euro, con una occupazione equivalente valutabile in addetti. Sono, infatti, presenti imprese con attività di tipo prevalentemente manifatturiero (117 imprese), imprese con attività costituita essenzialmente da servizi tecnici (32 imprese) e imprese che svolgono attività di servizio o attività commerciali (10 imprese). Oltre alle 159 imprese censite, esiste un gruppo di 17 imprese già mature in altri comparti che ha appena iniziato ad operare nel settore aerospaziale o che ritiene di avere le potenzialità per essere inserito a breve nell elenco delle imprese aerospaziali del Piemonte. Si tratta principalmente di imprese manifatturiere operanti nella meccanica e nell elettronica e di imprese di servizi tecnici. Tra le 159 imprese attive nel settore aerospaziale figurano 4 imprese leader (Thales Alenia Space, Alenia Aeronautica, Avio e Galileo Avionica) che costituiscono l apice della filera e 155 imprese (piccole, medie e grandi) che costituiscono la base di riferimento per la committenza locale ed estera. Gli ambiti di attività delle imprese piemontesi che operano nell aerospaziale sono differenziati e variano dalle costruzioni di macchine speciali e utensili per lavorazioni aeronautiche, alle lavorazioni meccaniche di precisione nel settore difesa, alla progettazione e costruzione di impiantistica criogenica, alla produzione di veicoli speciali ruotati e cingolati, di veicoli anfibi, di shelter e laboratori mobili ad uso militare e civile. Non manca, poi, tutta una serie di servizi di supporto alla progettazione e alla prototipazione, servizi di ingegneria integrata e servizi informatici avanzati. Il quadro è completato da imprese che offrono servizi di manutenzione, revisione, riparazione e formazione e da imprese che operano nell ambito commerciale. Inoltre, come è normale che accada in una regione a forte valenza industriale le imprese che operano nell aerospaziale non sempre sono dedicate in modo esclusivo al settore: ben 120 imprese su 155 operano anche in altri ambiti (automotive, settore ferroviario, energetico, ecc.). 6

7 Le imprese piemontesi sono in grado di rispondere alle esigenze provenienti dai diversi sottosistemi in cui può essere scomposto il settore aerospaziale. La tipologia di produzioni e servizi offerti dalla imprese piemontesi del settore è, infatti, ampia e diversificata. Questo comporta l utilizzo di una vasta gamma di tecnologie che spazia da sistemi di produzione tradizionali fino a strumentazioni avanzate e software specialistici. Complessivamente si rileva che circa la metà delle imprese è in possesso di tecnologie legate ai materiali e di competenze relative alla progettazione meccanica. Gli sbocchi verso cui si indirizzano più frequentemente le produzioni delle imprese sono rappresentati dai motori per velivoli, dai servizi e dagli strumenti di diagnostica, analisi e collaudo. Le imprese della filiera aerospaziale piemontese si collocano in maniera differenziata lungo la catena di subfornitura: il 25,7% delle imprese è costituito da main contractor (principalmente imprese di servizi tecnici che si occupano di progettazione, prototipazione e sviluppo software), il 36,4% delle imprese è invece costituito da subfornitori di I livello (imprese che effettuano lavorazioni meccaniche di precisione e progettazione e produzione di impianti), per il 27,1% le imprese sono sub-contractor di II livello (imprese sia di produzione meccanica sia di supporto allo studio e alla progettazione), mentre il restante 10,7% è costituito da imprese subfornitrici di III livello e oltre. Il mercato delle imprese piemontesi è abbastanza articolato: il 55,5% delle imprese opera sia sul mercato regionale e nazionale che sui mercati esteri ed il 22,6% sul mercato locale e nazionale. Solo una frazione meno rilevante ha un mercato circoscritto all ambito della regione. Va inoltre rilevato che il peso dei mercati extra regionali non è affatto irrilevante. Infatti, guardando le quote di fatturato realizzate nei diversi contesti si osserva che, mediamente, il 42,9% del fatturato è realizzato in Piemonte, mentre la restante parte esce dai confini regionali e più precisamente il 38,7% è attivato dalla domanda proveniente da altre regioni italiane ed il 18,4% dalla domanda proveniente da clienti esteri. Per quanto concerne la committenza, le imprese della filiera aerospaziale lavorano abitualmente e/o hanno effettuato recentemente lavori significativi e qualificanti per grandi imprese prevalentemente ubicate in Piemonte anche se non mancano alcuni tra i grandi nomi della vicina Lombardia nella quasi totalità dei casi appartenenti al gruppo Finmeccanica. Anche le imprese della filiera aerospaziale del Piemonte devono spesso affrontare problemi connessi ai rapporti con i committenti, allo svolgimento dell attività, al confronto con la concorrenza. Le principali difficoltà segnalate nel rapporto con i committenti attengono in primo luogo alla gestione finanziaria ed economica e in secondo luogo alla difficoltà nell organizzazione delle commesse a causa della scarsa programmazione e di tempistiche per la realizzazione dei prodotti sempre molto ristrette. Per quanto concerne le difficoltà incontrate nello svolgimento dell attività emerge che le problematiche riguardano da un lato, la sfera finanziaria e, dall altro, quella commerciale. Le imprese segnalano difficoltà finanziarie legate all accesso al credito, ma anche alla gestione dei clienti (ad esempio tempi di pagamento troppo lunghi). Con pari intensità è segnalata, sotto il profilo commerciale, la difficoltà a ricercare nuovi clienti. Il rapporto con i concorrenti internazionali è, invece, caratterizzato dalla difficoltà a proporre un prodotto competitivo soprattutto a causa della presenza di concorrenti di paesi emergenti. Un altra criticità segnalata è la mancanza di un forte sostegno da parte delle istituzioni nazionali e locali per la penetrazione dei mercati esteri. I supporti che le imprese ritengono utili per lo sviluppo della propria attività, riflettono ampiamente le difficoltà segnalate. 7

8 In particolare si attendono servizi che favoriscano la promozione all estero, attraverso la diffusione dell informazione sulle potenzialità delle imprese piemontesi e il supporto alla ricerca di clienti e partner su questi mercati. Un altro aspetto sul quale emerge la richiesta di servizi di supporto, attiene alla sfera finanziaria, sia rispetto all accesso a finanziamenti pubblici agevolati che a una maggiore possibilità di accesso al credito ordinario. L appoggio finanziario è richiesto dalle aziende, principalmente, come supporto ai progetti di sviluppo tecnologico, innovazione, ricerca e internazionalizzazione. Per lo sviluppo e il consolidamento del settore le imprese richiedono alla Regione Piemonte la realizzazione di iniziative non solo all estero, ma anche sul territorio. In particolare emerge la richiesta di azioni mirate a promuovere il riconoscimento formale del Distretto Aerospaziale a livello internazionale, la realizzazione di infrastrutture e la concessione di agevolazioni per le aziende che intendono investire, così come la promozione e il finanziamento di attività di R&S. 8

9 PARTE I - I POLI AEROSPAZIALI IN EUROPA 9

10 1 L INDUSTRIA AEROSPAZIALE EUROPEA Le caratteristiche del settore L industria aerospaziale europea, in quanto settore caratterizzato da un alta concentrazione di tecnologie e capacità professionali di punta, oltre che da una molteplice possibilità d impiego dei suoi prodotti, occupa una posizione unica nel contesto industriale del vecchio continente e contribuisce significativamente al conseguimento degli obiettivi economici e strategici fissati sia a Lisbona sia a Salonicco. Infatti, essa svolge un ruolo fondamentale per lo sviluppo e il posizionamento su livelli elevati della capacità industriale e tecnologica europea nel campo di trasporti, comunicazioni, rilevamento, sicurezza e difesa. Inoltre, la sua capacità concorrenziale a livello mondiale ha un importanza fondamentale ai fini del conseguimento degli obiettivi che l Europa s è posta in campo economico e politico. L industria aerospaziale europea è all avanguardia a livello mondiale per la produzione di aeromobili civili di grandi dimensioni, jet d affari, elicotteri, motori aeronautici e dispositivi elettronici per la difesa. Il suo fatturato ammonta ad un terzo di quello dell intero settore aerospaziale mondiale, rispetto al 50% circa dell industria statunitense. Prima di esaminare i dati strettamente inerenti al contesto europeo e per cogliere meglio le loro valenze, è opportuno ricordare alcuni aspetti caratterizzanti produzioni, tecnologie, relazioni tra imprese e, anche, relazioni tra governi. A ben guardare, alcuni fattori chiave conferiscono all industria aerospaziale il suo carattere distintivo, quali: gli stretti legami tra attività nel campo civile ed in quello della difesa; i due comparti sono strettamente interconnessi e impiegano tecnologie analoghe. La sinergia tra difesa ed aviazione civile apporta importanti vantaggi a livello industriale, determinando economie di scala attraverso l assorbimento degli elevati costi fissi non ricorrenti. In passato è stato il settore dell aviazione civile a trarre vantaggio dalle tecnologie messe a punto per le applicazioni militari, oggi sono le tecnologie militari a dipendere sempre più, almeno per quanto riguarda l Europa, dalla produzione civile, che vanta un tasso più elevato d introduzione di nuovi prodotti. Sostenere un industria aerospaziale efficiente sotto il profilo economico-finanziario, in grado di sopperire alle esigenze dei mercati civili, significa promuoverne anche le capacità nel settore della sicurezza e della difesa, e viceversa; la natura ciclica del settore; l industria aerospaziale è caratterizzata da una natura fortemente ciclica, in quanto dipende principalmente dalle decisioni delle compagnie aeree in tema d investimenti e dall andamento fluttuante dei programmi di difesa. Data la forte interrelazione tra produzione civile e militare molte aziende, oltre a poter contare su sinergie di natura tecnologica, sono in grado di bilanciare più efficacemente le proprie risorse destinate allo sviluppo grazie alla sfasatura dei cicli dei programmi civili e di difesa; l elevata intensità di capitale; l industria aerospaziale è un industria ad elevata intensità di capitale che investe nel lungo termine. In termini di percentuale del fatturato il livello 10

11 degli investimenti in attività di ricerca e nella tecnologia, nello sviluppo dei prodotti e degli investimenti in beni strumentali supera quello di molte altre industrie. Al tempo stesso anche i rendimenti sono a lungo termine e ad elevato rischio, il che frena gli appetiti dei mercati finanziari. Per questo il sostegno dei governi, che si esprime anche nel finanziamento delle attività di ricerca e sviluppo, nella concessione di crediti e nella costituzione d imprese congiunte per la condivisione dei rischi, è diventato a livello mondiale un elemento essenziale per questo tipo di attività; la tendenza al consolidamento; il processo di concentrazione avviato negli Stati Uniti, dove per esempio la Boeing 1 è rimasta l unica azienda nazionale a produrre grandi velivoli per uso civile, si è esteso ormai anche all Europa, raccogliendo la richiesta di un massiccio consolidamento industriale avanzata nel dicembre 1997 da personalità politiche francesi, tedesche ed inglesi. Le aziende hanno avvertito l esigenza di configurare in modo nuovo le proprie risorse per affrontare le sfide della concorrenza internazionale e soddisfare gli ordinativi connessi a progetti transnazionali, intrapresi sempre più spesso su base paneuropea nel campo tanto dell aviazione civile quanto della difesa; le privatizzazioni; in diversi paesi si è avuta una profonda trasformazione delle relazioni tra governi e società aerospaziali. Quelle che un tempo erano aziende di stato appartengono ormai totalmente o parzialmente al settore privato, sono quotate in borsa e impegnate a remunerare i propri azionisti privati. Ovviamente queste aziende non possono più operare unicamente sui ristretti mercati nazionali e hanno cominciato a mettere a punto strategie a lungo termine che consentano loro di utilizzare al meglio le proprie risorse e di assicurarsi l accesso ai mercati internazionali. Questo processo spinge spesso le società europee a rafforzare i propri legami extracomunitari attraverso acquisizioni di controllo, fusioni o investimenti all estero; le relazioni UE-USA; il fatturato che fa capo alle società aerospaziali statunitensi corrisponde a circa la metà di quello complessivo del settore sul piano mondiale, mentre le vendite dell industria europea ammontano a poco più di due terzi di quelle dei produttori americani. Una tale struttura industriale riflette i vantaggi dell ambiente aerospaziale degli Stati Uniti. Le aziende americane operano sul mercato unico interno più grande del mondo, beneficiando altresì di un contesto operativo estremamente favorevole, strutturato per sostenere un obiettivo politico dichiarato già da diversi decenni: mantenere la supremazia in campo aerospaziale. Altro aspetto positivo della politica statunitense sono le ricadute delle attività di ricerca e sviluppo condotte dai militari utilizzabili nei programmi dell aviazione civile e, in alcuni casi, la diretta derivazione di aerei civili da progetti militari. Le aziende europee non possono permettersi il lusso d ignorare l enorme potenziale offerto dal mercato americano e devono ripensare i propri programmi d investimento per il futuro. L intensità della concorrenza transatlantica, soprattutto 1 La Boeing Company è la più grande costruttrice statunitense di aeromobili e la più grande azienda nel settore aerospaziale. La Boeing venne fondata il 15 luglio

12 tra Airbus 2 e Boeing, non deve tuttavia nascondere l elevato grado di cooperazione tra le due sponde dell oceano. Ciò è vero soprattutto per l aviazione civile. Le attività di subappalto, di approvvigionamento, di produzione, le imprese comuni e le concentrazioni che legano aziende di entrambi i continenti costituiscono la naturale evoluzione di un settore che serve mercati mondiali. Anche la configurazione degli sbocchi di mercato conferisce al settore aerospaziale una connotazione particolare. Le imprese del settore aerospaziale operano su un mercato mondiale e il successo delle loro attività dipende, quindi, dall equilibrio nelle condizioni degli scambi internazionali e dall accesso ai mercati. Il commercio di velivoli civili di grandi dimensioni, ad esempio, è disciplinato da un sistema di accordi bilaterali e multilaterali. Per quanto concerne il mercato più ampio, gli Stati Uniti, l accordo bilaterale UE-US del 1992 sugli scambi commerciali di velivoli civili di ampie dimensioni disciplina specificamente diverse forme di sostegno pubblico, quale il sostegno alle attività di ricerca e sviluppo o le sovvenzioni rimborsabili per il varo di nuovi programmi. Per quanto riguarda, invece, l accesso ai mercati dei prodotti per la difesa la vigente legislazione statunitense crea due difficoltà specifiche per le imprese europee rendendo l accesso a tale mercato estremamente difficile: le restrizioni statunitensi sull acquisizione di prodotti esteri per la difesa limitano l accesso al mercato statunitense per l industria europea. Recentemente il Congresso degli Stati Uniti ha proposto di inasprire ulteriormente queste restrizioni, nonostante l opposizione del Dipartimento della difesa. Tali modifiche della legislazione risulterebbero contrarie agli impegni presi dagli Stati Uniti nel quadro dell accordo OMC del 1994 sugli appalti pubblici (GPA - Government Procurement Agreement). L applicazione dei regolamenti statunitensi in fatto di sicurezza impone, inoltre, considerevoli oneri burocratici, che hanno pesanti ripercussioni su qualunque partecipazione di contraenti esteri ai programmi statunitensi; la politica statunitense per quanto riguarda ogni forma di cooperazione tra imprese nazionali connesse alla difesa ed imprese estere è estremamente restrittiva. Le prescrizioni statunitensi in tema di sicurezza, inoltre, pongono ostacoli giuridici alle fusioni e ad altre forme d integrazione societaria. In larga misura a causa di queste restrizioni gli scambi UE-US nel campo della difesa sono fortemente sbilanciati a favore degli Stati Uniti: il 24% degli acquisti europei per la difesa è di origine statunitense, mentre solo lo 0,5% degli acquisti statunitensi proviene dall Europa. In secondo luogo, le autorità statunitensi possono bloccare l esportazione di prodotti europei in paesi terzi qualora questi contengano componenti cui si applicano i regolamenti statunitensi, che rispetto al sistema europeo hanno un campo d applicazione più ampio e sono più rigidi. Dal canto suo l Europa, con il piano d azione elaborato a Salonicco contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa, prospetta diverse iniziative volte ad aumentare l efficienza del regime europeo di controllo delle esportazioni di prodotti passibili di duplice impiego (civile o militare). Tornando all aviazione civile, nell ambito di accordi bilaterali si stanno portando avanti, anche, importanti iniziative sia con i paesi geograficamente vicini all Europa 3 sia con la Repubblica popolare cinese, che sta diventando un mercato di notevole interesse. 2 L'Airbus nasce nel dicembre 1970 come consorzio di imprese francesi e tedesche col nome di Airbus Industrie a cui poi si aggiungeranno partecipanti britannici e spagnoli. 3 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Politica comunitaria nel settore dell aviazione con i paesi vicini, Bruxelles, COM(2004) 74 definitivo 12

13 Infatti, negli ultimi dieci anni il mercato cinese del traffico aereo ha fatto registrare uno dei tassi di crescita più elevati al mondo. La Repubblica popolare cinese offre pertanto un forte potenziale di crescita anche per le compagnie aeree, i costruttori di velivoli e i fornitori di servizi europei. In questi ultimi anni il settore dell aviazione cinese ha attraversato profondi cambiamenti e si è incamminato nella direzione di un graduale passaggio dalla pianificazione centralizzata verso una combinazione di decentramento e globalizzazione. Gli sviluppi e le politiche nell aviazione cinese sono caratterizzati da tre grandi elementi: il consolidamento dell industria aerea suddivisa oggi in tre grandi gruppi di trasporto aereo (Air China, China Eastern e China Southern); i primi tentativi di liberalizzazione e apertura del mercato interno ed estero; lo sviluppo di nuove infrastrutture aeroportuali e della tecnologia necessaria per la gestione del traffico aereo. Dopo avere accennato agli equilibri internazionali, vale la pena guardare più da vicino la struttura vera e propria dell industria aerospaziale europea, quale risulta dai dati pubblicati dall ASD (AeroSpace and Defence Industries Association of Europe) 4. L ASD raggruppa 31 associazioni in 20 paesi europei 5, rappresenta oltre imprese con PMI subfornitrici e comprende i più grandi nomi dell industria aerospaziale europea: Airbus, Alenia Aeronautica, BAE Systems, Dassault Aviation, EADS, Eurocopter, Fincantieri, Finmeccanica, Liebherr Aerospace, Rheinmetall Detec, Rolls Royce, Saab, Safran, Smiths Group e Thales. Il settore aerospaziale europeo si concentra sia fisicamente sia in termini di fatturato in 5 paesi: Francia, Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Svezia. In particolare, la Francia è al primo posto in termini di addetti e di contributo al fatturato totale aerospaziale. Il Regno Unito, invece, è il paese in cui si registra il più elevato valore aggiunto. Fermo restando la tradizionale vocazione aerospaziale di alcune aree del vecchio continente, è d obbligo però sottolineare la peculiarità del settore: l industria aerospaziale non si configura come un industria regionalizzata, se non in termini strettamente legati alla dislocazione geografica. Sebbene l Europa sia costellata da distretti aerospaziali ben delineati nei confini e nelle localizzazioni, le grandi imprese che ne sono i motori, sono imprese a valenza territoriale (se non per alcuni casi di partecipazione pubblica) ma a valenza europea. Infatti, ad esclusione delle PMI che tradizionalmente hanno radici fortemente legate al territorio, le grandi imprese del settore aerospaziale fanno ormai parte di grossi gruppi spesso con partecipazioni incrociate. Un esempio fra tutti e che tocca l Italia, è quello di Alenia Space. Thales Alenia Space è costituita da Thales (67%) e Finmeccanica (33%), e forma con Telespazio la "Space Alliance". Ma il gruppo Finmeccanica (che per un terzo è a partecipazione statale), partecipa anche alla joint venture ATR e comprende Aermacchi, Agusta Westland, ecc. E, quindi, un gruppo costituito da imprese localizzate negli angoli più diversi dell Europa e con origini talvolta non legate propriamente all Italia. Oggi si può parlare, quindi, non di imprese aerospaziale nazionali, ma di imprese multinazionali localizzate in uno spazio unico europeo con aree di eccellenza organizzate, nella maggioranza dei casi, in distretti o cluster. 4 I dati Eurostat resi pubblici nel luglio 2006 si riferisono al lontano 2002, mentre quelli pubblicati dall ASD sono aggiornati al Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia e Regno Unito. 13

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli