EMERGENZA CALDO CUCCIOLI IN PEDIATRIA CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI RICERCA A OLGIATE COMASCO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMERGENZA CALDO CUCCIOLI IN PEDIATRIA CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI RICERCA A OLGIATE COMASCO"

Transcript

1 Supplemento di INFORMASL periodico mensile della Azienda sanitaria locale della provincia di Como Anno Sette Aprile Luglio 2005 EMERGENZA CALDO CUCCIOLI IN PEDIATRIA CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI RICERCA A OLGIATE COMASCO

2 Supplemento di INFORMASL periodico mensile dell Azienda sanitaria locale della provincia di Como Anno Sette Aprile Luglio 2005 Sommario Il Direttore generale pag. 3 Il Direttore amministrativo pag. 4 Il Direttore sanitario pag. 5 Il Direttore sociale pag. 5 Dieci domande, dieci risposte pag. 6 Comunicazione medico-paziente pag. 8 Turisti non per caso pag. 9 Ricordarsi le pastiglie pag. 10 Guardia medica turistica pag. 11 Il miglior farmaco è la dieta pag. 12 Lezione in mensa pag. 13 Un cane, non un peluche pag. 14 Cuccioli in pediatria pag. 16 Affetto contro l abbandono pag. 17 Insetti di stagione pag. 18 Radon, problema risolvibile pag. 20 Carne sicura pag. 22 Screening mammografico in corso pag. 24 Donne maltrattate pag. 25 Buon bagno pag. 26 Fumo venefico pag. 26 Diritti e doveri pag. 27 Novità sul sito pag. 30 La calda estate pag. 32 Micologi e fungiatt pag. 34 Chi prova i funghi? pag. 37 Via lattea pag. 38 Sicurezza in cantiere pag. 40 Alimentazione e terza età pag. 41 La tua casa è sicura? pag. 43 Mesoteliomi registrati pag. 44 Polveri di legno pag. 46 Insegnanti e polizia locale pag. 47 Dipendenza impalpabile pag. 48 Percorsi consultoriali pag. 50 Tavolo di confronto pag. 51 Genitori (adottivi) si diventa pag. 52 Una villa per la sanità pag. 53 Rete d offerta pag. 54 Salute mentale pag. 55 Si ringrazia l Avis di Como per il signorile sostegno Redazione via E. Pessina 6, Como tel fax Direttore Simona Mariani Redazione Giordano Besana Paola Giossi Franca Ronchetti Responsabile Bernardino Marinoni La raccolta di InformASL può essere consultata sul sito Registrazione Tribunale di Como n. 23/99 del 16 dicembre 1999 Grafica e stampa CESARENANI - Lipomo (Como) 2

3 COMINCIAMO DALLA A Cominciamo dalla A di Alimentazione, argomento che è più volte ripreso nelle pagine di questo numero di QuiASL, e che è componente essenziale della salute. Alimentazione intesa non come dieta quella ricorrente nella stagione e- stiva, per ambizioni estetiche quanto come regola salutare fondata sui principi nutrizionali corretti, su alimenti sicuri, su una varietà di cibi equilibrata e giusta. La dieta così correttamente intesa è una regola quotidiana sulla quale l ASL punta per la prevenzione più semplice e naturale che si rivolge a tutti: dai bambini con l adozione di nuove diete nelle mense scolastiche, ai genitori, a tutti gli adulti, agli anziani per la tutela della salute. Infatti una sana alimentazione, con l equilibrio dei cibi che la compongono, è uno dei punti fermi, ormai scientificamente provato, per la salvaguardia da malattie o per una guarigione in tempi ridotti, o per allungare la vita. L ASL garantisce i controlli di tutti gli a- limenti, specie di origine animale, perseguendo un attività di Educazione alla Salute che proprio sul versante dell alimentazione riserva potenzialità utili a tutti. Né vivere per mangiare né mangiare per vivere, ma alimentarsi per stare bene: è il traguardo cui l ASL è volta con l impegno diretto dei dipartimenti di Prevenzione, Medica e Veterinaria, nonché con i progetti di educazione alla salute sviluppati anche in sinergia con le i- stituzioni comuni, scuole facendo convergere risorse di grande valore tecnico verso un obiettivo comune che è l accrescimento dello stato di benessere individuale e della comunità. Data la stagione, potremmo cominciare anche dalla A di Animali o dalla A di Abbandono. Il canile sanitario dell ASL e i canili rifugio delle associazioni zoofile, purtroppo mai vuoti, si sono rapidamente riempiti come triste controcanto all esodo dei vacanzieri. Loro, i cani, non abbandone- Dott.ssa Simona Mariani Direttore generale rebbero mai il loro padrone. L abbandono degli animali è un connubio tra inciviltà e insensibilità contro il quale la mobilitazione deve essere assoluta. Da parte sua l Azienda Sanitaria Locale cerca di percorrere strade lungo le quali rendere consapevoli tutti, a cominciare dai bambini, del rispetto dovuto agli animali i quali non smettono di confidare nell uomo. Dal canile i cuccioli vanno verso i bambini dei reparti pediatrici degli ospedali di Como e di Cantù e concorreranno con il loro affetto a una guarigione più veloce. L auspicio è che questa estate 2005 sia all insegna di una diffusione sempre maggiore di sensibilità, civiltà e responsabilizzazione di noi umani verso gli animali, che hanno bisogno di noi, ma divenendo consapevoli che anche noi abbiamo bisogno di loro! Buone vacanze. Dr.ssa Simona Mariani 3

4 VALORE AGGIUNTO ALLA COMUNICAZIONE Dott. Lucio Schiantarelli Direttore amministrativo Dott. Camillo Rossi Direttore sanitario Cresce la voglia di comunicare e di comunicare con le tecnologie multimediali ma ancora la carta resta in molti casi insostituibile per facilità di visione e comprensione del testo. Con un tentativo di semplificare il linguaggio e di recuperare attività e funzioni di questa Azienda sanitaria locale, Qui ASL, periodico che si sviluppa migliorando la traccia di precedenti esperienze, si propone di esplorare quest anno altre possibili risorse di comunicazione. Vuole informare su problemi cruciali e attuali della nostra salute, far conoscere le persone tra di loro, esplorare le loro relazioni professionali dentro l Azienda e nei contatti con il cittadino, insomma un dialogo che non si fermi al periodico ma che coinvolga il lettore da un punto di vista insolito. Viviamo infatti immersi nella comunicazione. La capacità di accrescere le dinamiche della comunicazione sono in aumento e ancora più lo saranno quando la nostra organizzazione riuscirà ad instaurare un dialogo non solo con i rappresentanti degli interessi dei cittadini ma anche con i cittadini stessi. Qui ASL ne è una premessa. E si scoprirà con sorpresa quanto le nostre a- ziende sanitarie possano apprendere dai cittadini stessi. Già da tempo Internet aiuta a collocare il cittadino quale utilizzatore attivo dell informazione. Più di sono i siti web nel mondo che hanno a che fare con salute e medicina. E anche il nostro sito per una sua piccola frazione aiuta e continuerà ad aiutare i nostri cittadini u- tilizzatori a giocare un ruolo attivo nel creare valore nell informazione. Dr. Lucio Schiantarelli Dott. Luigi Davide Clerici Direttore sociale 4

5 MENO CALDO PIÙ ENERGIA L estate è il momento in cui ritrovare l energia e le vacanze sono l occasione per un meritato riposo. La Direzione sanitaria dell ASL della provincia di Como ha attivato iniziative per la prevenzione di tutti quegli eventi che potrebbero esporre a rischio gli assistiti e che tipicamente si possono manifestare nel periodo estivo o in particolari condizioni climatiche e di salute. Anzitutto, come da tradizione, è ripresa la comunicazione sul monitoraggio delle acque di balneazione, che vede i bacini lariani in un discreto stato di salute e i cui risultati appaiono sul sito Internet aziendale. A tutela delle persone fragili, sebbene quest anno il caldo non si stia dimostrando particolarmente torrido rispetto agli anni precedenti, è stato attuato un intervento significativo sul rischio da esposizione a calore con l attivazione del numero verde che prevede la risposta da parte di personale infermieristico dalle 10 alle 17, sette giorni su sette, a disposizione della popolazione per fornire informazioni su come proteggersi dal caldo e avvalersi di supporti logistici in stretta relazione con il 118, i comuni, le strutture sanitarie per anziani. Gli ambulatori per il viaggiatore internazionale lavorano a pieno regime per dare consigli a chi intende mettersi in viaggio, suggerendo le corrette prassi igieniche in relazione ai paesi che si intende visitare e, eventualmente, fornendo le pratiche vaccinali indicate. Qualche consiglio? Attenzione allo stress da vacanze e/o da rientro: non farsi prendere dalla frenesia del fare tutto a tutti i costi, dello sport fuori allenamento, degli abusi alimentari e, se possibile, rientrare in sede qualche giorno prima di riprendere il lavoro per riacclimatarsi e assorbire il contraccolpo del rientro. Dr. Camillo Rossi ESTATE SPENSIERATA CON MISURA Ogni anno, durante il periodo estivo, si ripete una triste, penosissima vicenda. Ci sono esseri umani che si vedono ritagliare spazi inusitati, che vengono appoggiati presso terzi, non di rado loro sconosciuti, che finiscono smarriti nel loro intimo in una situazione, per quanto mimetizzata, di sostanziale abbandono. È la brutta e- state degli anziani ancora più soli nelle residenze sanitarie assistenziali o di quelli che si scoprono all improvviso senza famiglia. Quella che ritenevano di avere, di cui credevano di fare legittimamente parte, s invola per le agognate vacanze, che sono vacanze anche da certi affetti divenuti pesanti, anche soltanto per quelle due o tre settimane in cui una malintesa libertà non comprende la presenza degli anziani. Restano il più delle volte vani i richiami, per quanto autorevoli, affinché si cerchino soluzioni e si evitino disagi e sofferenze nell età che oggi è senza dubbio la più vulnerabile. Terza e quarta età possono trovare un ospitalità di qualificato livello professionale nelle infrastrutture ad esse dedicate, ma resta un ripiego quando non si tratta di rimediare a una condizione di isolamento per cui le residenze sanitarie assistenziali, cioè le case per anziani, rappresentano un approdo davvero provvidenziale. È invece da una cultura positiva nei confronti delle persone in età che originano conoscenze e competenze di reciproca fruibilità, tali da non escludere in nessuna stagione dell anno i familiari, i conoscenti, i vicini di casa, che l età può talvolta rendere un po ingombranti, ma la cui presenza può funzionare come utile contrappeso per bilanciare la spensieratezza delle vacanze, per scongiurare il rischio che si tramuti in indifferenza e incuria. Dott. Luigi Davide Clerici 5

6 Per sapere di più sulla Carta regionale dei servizi Dieci domande, dieci risposte 1. Ho ricevuto a casa la Carta regionale dei servizi, e ora? È in possesso di una tessera tipo bancomat, gratuita, contenente i Suoi dati perciò strettamente personale che attesta ufficialmente il Suo codice fiscale e l iscrizione al Servizio sanitario nazionale. 2. La posso usare subito? Sì. Essa sostituisce immediatamente il vecchio tesserino sanitario cartaceo in Italia, ma è anche tessera europea di assicurazione malattia, perciò garantisce l assistenza sanitaria nell Unione europea, secondo le normative dei singoli Paesi. 3. Quando vado all estero allora non devo più chiedere all ASL il modello E111? No, poiché appunto la Carta regionale dei servizi è anche tessera europea di assicurazione malattia e garantisce l assistenza sanitaria d urgenza nell Unione europea. 4. Assieme alla Carta regionale dei servizi ho ricevuto altri due moduli. A che cosa servono? Un modulo serve ad esprimere il proprio consenso informato al trattamento dei dati personali, l altro a richiedere il codice PIN che darà la possibilità, quando il Sistema sarà pienamente o- perativo, di fruire di servizi aggiuntivi che sono quelli che danno al cittadino la possibilità di dialogare più agevolmente con la Pubblica amministrazione e ottenere servizi socio-sanitari più coordinati e puntuali. 5. Cosa devo fare per poter fruire di servizi aggiuntivi? Sottoscrivere e consegnare in un qualsiasi ufficio postale lombardo il modulo del consenso al trattamento dei dati personali e sanitari e il modulo della richiesta del codice PIN che sarà inviato per posta in busta chiusa all indirizzo presso il quale il cittadino ha ricevuto la carta SISS. Eccezionalmente solo il modulo del consenso può essere consegnato all ASL di competenza. 6

7 6. È importante quindi verificare i dati anagrafici? È importantissimo verificare che tutti i dati anagrafici riportati sulla lettera di invio della Carta SISS siano esatti. Se così non fosse ci si deve rivolgere all ufficio scelta e revoca del proprio distretto per la rettifica. 7. All ufficio postale al mio posto può andare qualcun altro? No se Lei è maggiorenne. La richiesta è personale e il funzionario dell ufficio postale deve accertare la Sua identità attraverso un documento di riconoscimento. Per i minorenni saranno i genitori, o il padre o la madre a richiedere per i figli il codice PIN. Per i disabili e le persone anziane in difficoltà i familiari possono rivolgersi ai servizi sociali del proprio Comune di residenza o ai distretti di competenza dell ASL. 8. Chi non ha ancora ricevuto la Carta SISS cosa deve fare? Si deve rivolgere al Distretto di appartenenza munito di codice fiscale. Ciò vale anche per coloro che hanno ricevuto la Carta e hanno deciso di cambiare il Medico di Medicina Generale o hanno cambiato indirizzo. 9. E se si perde la Carta SISS? Si deve subito presentare denuncia ai Carabinieri e con la copia della denuncia chiedere all ASL il duplicato. 10. Posso avere bisogno di altre informazioni, cosa faccio? Si può chiamare un numero verde della Regione Lombardia, , oppure un altro numero verde dell ASL, , inoltre può consultare Internet (ww.crs.lombardia.it). 7

8 Un numero verde e un recapito Internet per migliorare una relazione essenziale Comunicazione medico-paziente 8 La comunicazione medico-paziente e la sua qualità hanno un ruolo sempre più importante in medicina, che sta nella disponibilità dei medici e del personale infermieristico a comunicare con il paziente nel modo più adeguato e rispettoso possibile, con la coscienza che un ambiente di aperta comunicazione e comprensione reciproca può facilitare anche il rapporto terapeutico. La comunicazione, infatti, rappresenta un processo relazionale fra curante e malato che comprende livelli di informazione, ma anche una specifica attenzione al paziente. Frequentemente possono verificarsi situazioni di incomprensione e disagio nei confronti degli operatori sanitari da parte di chi, giustamente, vuole conoscere qualcosa in più sul proprio stato di salute o su quella di un congiunto e che, soprattutto, desidera informazioni esposte in maniera chiara e rassicurante. Questo stato di fatto emerge anche dall analisi dei questionari di soddisfazione che vengono di routine somministrati ai pazienti. Con l obiettivo di incentivare sempre più la comunicazione e l attenzione al paziente, la Regione Lombardia ha chiesto alle strutture sanitarie di organizzare un servizio all interno di ogni reparto dove i pazienti o i propri familiari possano ricevere informazioni da parte di personale medico o infermieristico sullo stato di salute del paziente, sugli esami da eseguire e sulle terapie consigliate, e avere un aggiornamento del quadro clinico dopo un intervento chirurgico o un accertamento diagnostico complesso. Inoltre è stata indicata una revisione della modalità di raccolta del consenso informato, espressione da parte degli utenti di un consapevole assenso alle cure proposte. Se il paziente ricoverato o i familiari avvertono che, nonostante quanto auspicato dalla Regione, la comunicazione è carente al numero verde (dal lunedì al venerdì non festivi dalle alle 12.30) risponde un medico in grado di raccogliere la segnalazione inerente le difficoltà incontrate dal paziente nella comunicazione con i medici o con il personale sanitario della struttura ospedaliera. Per la stessa finalità è disponibile una casella di posta elettronica alla quale i cittadini possono rivolgersi in alternativa al contatto telefonico. L istituzione di questo servizio non ha uno scopo punitivo nei confronti della struttura che non ha corrisposto alle a- spettative del paziente, ma deve essere vista con un fine di collaborazione con le strutture medesime operanti sul territorio.

9 Profilassi dei viaggiatori internazionali e medicina dei viaggi e delle migrazioni Turisti non per caso Nel corso degli ultimi anni si è assistito al costante incremento del numero di persone che si recano all estero, per i motivi più svariati (turismo, lavoro, studio, volontariato, cooperazione, religione). Ormai oltre 600 milioni di persone varcano ogni anno le frontiere del proprio paese per intraprendere; molte sono dirette verso le regioni della fascia inter-tropicale, in nazioni dove sovente le condizioni igienicosanitarie e socio-ambientali sono decisamente più precarie delle nostre. Contestualmente, un altro fenomeno, cioè l accelerazione dei flussi migratori da quelle stesse aree verso l Italia, contribuisce all incremento di numero delle patologie esotiche, o di importazione, collegato, oltre che al soggiorno in località tropicali, anche alle variazioni climatiche, alle ascensioni in quota, al viaggio in aereo. Tenuto conto che la maggior parte di questi problemi è facilmente prevenibile attraverso l adozione di appropriate misure, ricorda la dottoressa Maria Gramegna, responsabile del Servizio di medicina preventiva delle comunità cui fa capo la rete di ambulatori per la consulenza ai viaggiatori che fin dal 1999 l ASL ha organizzato per l attività di profilassi internazionale, medicina dei viaggi e delle migrazioni. La rete si avvale di 7 ambulatori, opportunamente dislocati nei distretti sociosanitari, dove si svolgono, tra l altro, colloqui informativi specifici, si consegna materiale informativo-didattico, si verifica ed eventualmente esegue la profilassi vaccinale. Le prestazioni, soggette al pagamento della tariffa prevista dalla Regione Lombardia, vengono rese a titolo gratuito a coloro che intendono recarsi all estero per scopi di carattere umanitario (missionari, volontari, operatori in campi per rifugiati) e ai viaggiatori extra-comunitari, originari della fascia inter-tropicale e domiciliati nel territorio della provincia di Como (la permanenza alle nostre latitudini per tempi superiori all anno vede modificarsi l immunità naturalmente acquisita in patria), che tornano al paese d origine per fare visita alla famiglia. La rete di ambulatori dell ASL per il viaggiatore internazionale Como Como - via Cadorna 8 - tel dalle 9 alle 11 Brianza Cantù - via Cavour 10 - tel dalle 11,30 alle 13 Erba - via D Azeglio 5 - tel Mariano C. - via F. Villa 5 - tel dalle 11,30 alle 12,30 Sud-Ovest Lomazzo - via del Rampanone 1 - tel Olgiate Comasco - via Roma 61 - tel Medio Alto Lario Menaggio - località Loveno, Villa Govone - tel Dongo - via Falk 3 - tel

10 Farmaci che non vanno in vacanza e altri che è bene avere sempre con sè Ricordarsi le pastiglie Far sì che la vacanza sia un momento di riposo e divertimento. Evitare di guastare il viaggio con spiacevoli episodi di momentaneo malessere, o addirittura portarsi a casa, oltre l abbronzatura e le foto di rito, anche infezioni. Per chi viaggia è indispensabile conoscere le condizioni climatiche e igieniche e le malattie eventualmente diffuse nelle località di vacanza e adottare le regole di prevenzione consigliate (per questo ci si può rivolgere alla rete di ambulatori del viaggiatore internazionale) per ridurre al minimo i rischi di ammalarsi o di aggravare patologie già in corso. Ma, avverte la dottoressa Rosanna Martino del Servizio assistenza farmaceutica dell ASL, chi segue terapie a lungo termine deve naturalmente portare con sè una scorta di farmaci e di materiale sanitario (aghi, siringhe, strisce di reagenti per la determinazione della glicemia) sufficiente per l intero periodo di vacanza. È anche utile farsi rilasciare da proprio medico una ricetta con la prescrizione delle specialità medicinali necessarie (anche con il nome generico del farmaco) e la relativa posologia: infatti all estero le medicine possono essere commercializzate con altri nomi o in dosaggi differenti. La dottoressa Rosanna Martino del Servizio assistenza farmaceutica dell ASL Attenzione anche alla conservazione dei farmaci: l insulina per esempio va conservata e trasportata in borsa termica. Se la destinazione è un paese industrializzato, sarà sufficiente portare con sè un analgesico-antipiretico-antinfiammatorio utile in caso di dolore o febbre; un antiacido, un antidiarroico (loperamide), un lassativo per contrastare l eventuale insorgenza di problemi all apparato gastrointestinale; un antistaminico, efficace nelle manifestazioni allergiche per ridurre la starnutazione, la rinorrea, il prurito degli occhi, del naso e della gola, utile anche in pomata o gel da applicare sulla pelle in caso di punture di insetti o piccole ustioni. Ricordarsi che nel caso di eritemi solari è controindicato esporsi nuovamente al sole dopo aver applicato un antistaminico topico. La valigetta di farmaci dovrà anche contenere un collirio, meglio in confezione monodose, a base di un antisettico in caso di bruciore e rossore degli occhi; un disinfettante e tutto l occorrente per una rapida medicazione: cerotti, garze, bende, termometro, ghiaccio sintetico, creme protettive antisolari. 10

11 Un efficace servizio stagionale con 19 ambulatori Guardia medica turistica L assistenza sanitaria ai villeggianti nelle località turistiche della provincia di Como è assicurata gratuitamente dall ASL anche quest anno, da inizio luglio a fine agosto, attraverso un servizio di guardia medica turistica che nel distretto Como riguarda essenzialmente Bellagio, mentre nei distretti Medio-Alto Lario e Brianza tocca rispettivamente 8 e 10 comuni. Il servizio stagionale di guardia medica turistica, infatti, avrà basi a Domaso, Dongo, Lanzo Intelvi, Menaggio, Ossuccio, Porlezza, San Fedele Intelvi e Tremezzo, nonché ad Asso, Barni, Caglio, Canzo, Civenna, Lasnigo, Magreglio, Rezzago, Sormano e Valbrona. Nelle località interessate, attraverso l affissione di manifesti sono resi noti gli orari degli ambulatori e le relative sedi. Nell ambito territoriale dei 19 ambulatori attivati, dove la popolazione residente è attorno alle unità, nel periodo luglio-agosto si stimano complessivamente circa presenze turistiche cui L ASL della provincia di Como, assicura il direttore generale Simona Mariani, come per il passato garantisce un rassicurante servizio, pur augurando a tutti gli interessati di non dovervi ricorrere. 11

12 «L ASL al convegno dell Associazione di dietetica e nutrizione clinica Il miglior farmaco è la dieta Si è tenuto a Como, con il patrocinio dell ASL, il terzo convegno regionale dell Associazione di dietetica e nutrizione clinica (ADI) con larga partecipazione di medici, infermieri, dietisti, tecnici della nutrizione. I progressi compiuti in campo dietologico negli ultimi decenni hanno fatto sì che la dietoterapia abbia acquisito un ruolo sempre più importante nel trattamento di numerose patologie ha affermato Simona Mariani, direttore generale dell ASL, in apertura dei lavori e la dieta è divenuta, per alcune condizioni, l unico e sufficiente farmaco che il paziente assume per il controllo della propria malattia, mentre in altri casi può allontanare il momento in cui il farmaco dovrà essere introdotto. I vantaggi sono evidenti anche dal punto di vista di contenimento della spesa sanitaria: La possibilità di ricorrere ad un trattamento dietologico che possa portare alla guarigione, ad un miglioramento clinico o anche soltanto a procrastinare l introduzione di farmaci, ha risvolti sicuramente positivi anche sul costo sociale che tali patologie inevitabilmente comportano, in termini di assenza dal lavoro, per e- sempio, ma in particolare modo, per quanto riguarda l ASL, in termini di co-» sti sanitari. 12

13 A scuola si impara a mangiare sano Lezione in mensa La dottoressa Simona Mariani e l assessore Anna Veronelli del Comune di Como La sinergia tra Azienda sanitaria locale e Comune di Como, a cura del quale è stato pubblicato un fascicolo con il nuovo menu scolastico predisposto dai tecnici dell Azienda sanitaria locale integrato da consigli sull alimentazione per mamme e papà, segna una svolta non solo tecnica, dal profilo nutrizionale, con la revisione delle tabelle dietetiche che hanno fatto da riferimento nelle mense scolastiche durante l ultimo decennio, e con il richiamo alla necessità dell attività motoria e all opportunità della pratica sportiva per i giovani. La svolta decisiva infatti dovrebbe essere, negli auspici, quella di un educazione alimentare trasmessa da scuola a casa, portata dalla mensa scolastica in famiglia. È un obiettivo che s intende perseguire appunto anche con il fascicolo pubblicato dal Comune di Como: intitolato Mangiar sano per crescere bene ha come primi interlocutori i genitori, invitati a fare autentica virtù della tavola domestica proseguendo e sviluppando a casa il modello del menu scolastico, traendone per altro giovamento personale. Quanto ai bambini, l acquisizione tempestiva di buone abitudini alimentari è destinata a condizionare positivamente In provincia di Como si contano 400 scuole (di cui 240 pubbliche) attrezzate con mensa. Le scuole dell infanzia con mensa sono 200, le primarie 135, le secondarie 50 e le scuole medie superiori 15. Le mense dotate di cucina sono 250, nelle altre 150 scuole i pasti giungono dall esterno. Il 50 per cento delle mense scolastiche in provincia di Como è a gestione diretta, il resto è appaltato a ditte esterne. il loro stato di salute nelle età successive e in questo consistono l essenza del nuovo menu scolastico e il lavoro condensato nel fascicolo che a fine e- state giungerà alle famiglie, oltre che a- gli addetti ai lavori dai cuochi ai centri di cottura, non esclusi gli insegnanti della ristorazione scolastica. 13

14 Campagna dell ASL contro l abbandono degli animali Un cane, non un peluche L attenzione che l ASL riserva agli animali d affezione interessa quelli abbandonati e, dunque, trovatelli, di cui diventa il ricettacolo più naturale, oltre che i- stituzionalmente competente. Per questo la Direzione generale dell Azienda ha deciso di imprimere rinnovato slancio all opera di sensibilizzazione su un tema purtroppo ricorrente come quello dell abbandono degli animali, specie dei cani, attraverso una campagna per favorire l adozione degli esemplari ospitati nel canile sanitario e nei canili rifugio. L obiettivo è quello di dare un sèguito di umanità all opera svolta con cura dagli operatori del Servizio di prevenzione veterinaria e dei volontari, cogliendo l opportunità di affrancare un cane dalla condizione di prigionia nella quale, suo malgrado, è detenuto dopo che il rapporto che lo teneva unito all uomo si è spezzato (e di regola non accade per colpa dell animale), ripristinandolo in una prospettiva di consapevolezza di ciò che un animale comporta anzitutto in termini di responsabilità del suo benessere. Una creatura, come non si finisce mai di ripetere, non un oggetto, tanto meno del tipo usa-e-getta. Per questo, ad integrazione del sito Internet dell Azienda (www.asl.como.it) 14 che consente un accesso virtuale al canile sanitario dell ASL e ai canili zoofili gestiti dalle associazioni animaliste tramite le immagini dei cani ricoverati non appena vi vengono condotti, è stato predisposto un pieghevole che vuole testimoniare in tutta semplicità come possano anche andare a finire bene le vicende di animali che erano stati abbandonati. Un pro memoria di civiltà, insomma, predisposto d intesa tra Servizio di prevenzione veterinaria e Staff comunicazione dell ASL con l intento di attivare ogni possibile canale per fare sapere che nei canili c è qualcuno che aspetta di (ri)trovare l essere umano in cui nonostante tutto non ha smesso di confidare, confortato dalle cure che intanto gli restituiscono salute, quando necessario, o comunque garantiscono a chi ne decide l adozione le buone condizioni dell animale. Il fenomeno dell abbandono dei cani, stando ai dati, dunque ai fatti, si sta manifestando quest anno nella stessa misura del 2004: al 20 maggio scorso il numero dei cani entrati nel canile da inizio anno è addirittura il medesimo 391 di dodici mesi prima, mentre è diminuito il numero degli animali riscattati da privati direttamente al canile sanitario. Anche questa possibilità vuole essere sottolineata dal nuovo pieghevole realizzato dall ASL sotto l insegna Un cane per amico, dove l appello ad un gesto di generosità, come appunto è l adozione di un animale, è rivolto anche a chi, pur non avendo spazio per tenerlo, può effettuare un benemerito volontariato dedicando un po del proprio tempo libero agli ospiti del canile. Il pieghevole è stato presentato al Forum della Pubblica amministrazione, a Roma, mentre il direttore generale dell ASL, Simona Mariani, ha ribadito il sen-

15 so di un operazione il cui esito è importante anche per chi decide di a- dottare un cane, con specifico riferimento alle persone anziane sole che possono così trovare un compagno fedele. Non ha taciuto, però, che se favorire l adozione significa anzitutto contenere il randagismo, bisogna anche considerare un aspetto economico: come sottolinea il responsabile del Dipartimento di prevenzione veterinaria Giulio Gridavilla, l adozione sgrava i Comuni dai costi di mantenimento dei cani reperiti sul territorio di competenza. Un onere che soprattutto per i piccoli Comuni non è trascurabile: l abbandono degli animali, infatti, ricade sulla comunità. La campagna, perciò, si propone di motivare alla responsabilità, secondo l affermazione del direttore sanitario dell ASL Camillo Rossi, mentre gli obblighi che si contraggono nel momento in cui si prende un cane, ammonisce il responsabile del canile veterinario dell ASL Luciano A- brate, non vengono mai meno. Un cane, non si stanca di ripetere la dottoressa Mariani, non è un peluche. ASL Azienda sanitaria locale della provincia di Como un cane per amico adottare un cane è un atto di generosità 15

16 Dall ASL i cani per la pet therapy Cuccioli in pediatria Un rapporto corretto con gli animali può produrre effetti distensivi, di attenuazione dell'ansia e dello stress, può aiutare a superare situazioni di depressione, a- patia o isolamento, può favorire un accrescimento dell autostima che nei bambini malati è in calo, può stimolare ad approfondirne la conoscenza anche dal punto di vista scientifico. I bambini che arrivano in ospedale oltre che malati sono disorientati e spesso spaventati, poco propensi ad aprirsi agli altri: la relazione con l animale può essere loro d aiuto. Ecco il perché della pet therapy, la terapia con gli animali, in reparti di pediatria, un attività che si propone di alimentare nei bambini la curiosità e l interesse per le lezioni scolastiche impartite in ospedale, di suscitare interesse e motivazione all apprendimento, di renderli partecipi in modo attivo, oltre che più tranquillo e sereno. La dottoressa Simona Mariani e il dottor Roberto Antinozzi. In basso i cani con i quali si pratica la pet therapy A questo fine operano le insegnanti, in collaborazione con i medici e le infermiere del reparto di pediatria, avvalendosi anche del personale sanitario del Dipartimento di prevenzione veterinario dell ASL che interviene inizialmente per dare chiare e semplici spiegazioni ai bambini. Le insegnanti prevedono una scansione di lavoro precisa e articolata: un momento iniziale in cui ritrovarsi tutti insieme per conoscersi, per prepararsi all incontro con l animale e stabilire regole per il rapporto con il cane osservandolo nelle sue caratteristiche fisiche; del carattere e del modo di comportarsi. Il momento conclusivo sarà dedicato alla comunicazione, libera o guidata, e alla produzione di materiale: disegni, testi, cartelloni. Il progetto si è avviato nei presidi di Como e di Cantù dell Azienda ospedaliera S. Anna, con cui l ASL rafforza le sinergie. Gli animali sono stati individuati per lo svolgimento dello specifico compito tra quelli presenti nel canile sanitario di Como e nel nuovo canile rifugio di Mariano Comense, gestito dall associazione A- mici del Randagio che assicura un valido supporto all iniziativa. 16

17 Animali del canile sanitario coi bambini dei centri estivi di Como Affetto contro l abbandono Si amplia l attività dell Azienda sanitaria locale della provincia di Como sul fronte del delicato rapporto uomo-animale-ambiente. È un impegno non occasionale contro l abbandono degli animali domestici e a favore dell adozione dei randagi, con il quale l ASL si propone di conseguire il duplice obiettivo di diminuire il fenomeno del randagismo, causa di pericolo per la salute e la sicurezza pubblica, e di svolgere un opera di e- ducazione alla salute sviluppando la conoscenza dei corretti comportamenti da attuare con gli animali domestici. La scelta di rivolgersi ai bambini, anzitutto negli ospedali, applicando la pet therapy, un attività in corso nei reparti pediatrici dei presidi di Como e di Cantù dell Azienda ospedaliera S. Anna, ma anche nelle scuole e nei centri estivi è fondata sulla consapevolezza che i giovanissimi sono più coinvolti dall emozione che il rapporto e la convivenza con un animale domestico generano. È però necessario che questo rapporto si stabilisca nel giusto equilibrio e seconde regole rispettose delle esigenze di ciascuno, valutando con attenzione le caratteristiche di ogni singolo animale per scegliere poi eventualmente di accoglierlo. Perciò è quindi importante conoscere gli animali, le esigenze e i limiti del rapporto con loro definendo diritti e doveri da una parte e dall altra, tenuto conto anche dei condizionamenti del nostro costume di vita. In questa ottica e in collaborazione con l Assessorato ai servizi sociali del Comune di Como, si situano gli incontri programmati nei Centri estivi comunali cittadini, dove insegnanti e animatori, con il supporto di un medico veterinario dell ASL, con la presenza degli animali, scelti tra quelli ospiti del canile sanitario, e utilizzando materiale didattico e ludico appositamente predisposto, approfondiscono le conoscenze scientifiche di base già possedute dai bambini per poi educarli a comportamenti sempre più corretti nei confronti dei cani. Ai bambini vengono suggeriti spunti di riflessione in particolare sugli aspetti igienico-sanitari, sensibilizzandoli anche contro la piaga dell abbandono e per l adozione degli animali trovatelli. 17

18 Vademecum per prevenire piccoli e grandi fastidi Insetti di stagione Con la stagione estiva si ripresentano le condizioni favorevoli a proliferazione e diffusione degli animali infestanti tra i quali gli insetti arrecano le maggiori molestie alla collettività con implicazioni non trascurabili per la salute e la sicurezza pubblica. Tra i più comuni insetti infestanti da cui l uomo si deve difendere con mezzi di prevenzione e di lotta si possono annoverare mosche, zanzare, zecche, api, vespe e calabroni che il responsabile del Dipartimento di prevenzione veterinario, dottor Giulio Gridavilla, passa in rassegna. Le zanzare Sono ditteri appartenenti alla famiglia dei culicidi. In Italia se ne contano oltre 50 specie. Di norma depongono le uova sulle superfici acquatiche, le larve che fuoriescono si dispongono sotto la superficie medesima in posizione obliqua nutrendosi di microrganismi e particelle che fluttuano sull acqua. Dopo aver subito quattro mute le larve si trasformano in pupe e poi in insetti adulti. L adulto femmina punge l uomo per procurarsi, attraverso il sangue, le proteine necessarie alla maturazione delle uova, tramite un apparato boccale di tipo pungentesucchiante adatto sia a forare la cute che a succhiare il sangue. Gli agenti patogeni veicolati da alcuni tipi di zanzare, tra cui la malaria, in Italia sono stati debellati da tempo. I disagi maggiori derivano dal fastidio provocato dalle punture. La prevenzione si attua eliminando i possibili ristagni d acqua (bidoni per irrigazioni degli orti, vasche, copertoni d auto usati) o ricoprendoli con teli plastificati. I programmi di controllo su ampia scala si basano sulla lotta mirata agli stadi larvali dopo ricerca e monitoraggio sul territorio delle principali fonti di infestazione. Con questi sistemi si impediscono lo sviluppo e la diffusione degli adulti riducendo nel contempo l uso di antiparassitari. Le mosche Sono ditteri della famiglia dei muscidi. La mosca domestica è l infestante per eccellenza delle abitazioni di tutto il mondo. L adulto possiede una elevata mobilità che lo porta a visitare ogni possibile sostanza, dal latte alle derrate, dalle secrezioni organiche agli escrementi. Grazie alla particolare struttura dell ap- 18

19 parato boccale lambente-succhiante l insetto assume sostanze liquide o semiliquide che disgrega e scioglie con la propria saliva aumentando le possibilità di contaminazione di tutto ciò che con la mosca viene a contatto. La mosca domestica depone le proprie uova, un migliaio, su ogni tipo di substrato organico, specie se in via di decomposizione, da cui originano con straordinaria rapidità le larve che schiudono in ambiente umido e con fermentazione aerobica in atto. Se ne può prevenire la presenza migliorando le condizioni igieniche generali degli ambienti anche attraverso la metodica eliminazione dei rifiuti o la loro custodia in cassonetti chiusi, unitamente al controllo sulla presenza di liquami percolanti, di cibi non protetti, di stoviglie insudiciate. È comunque necessario, in casi di infestazione, attuare forme di lotta diretta tramite l uso di apposite formulazioni in bombole, a base di principi attivi quali le piretrine, di sintesi o naturali, tenendo chiusi i locali trattati per almeno 30 minuti con successivo necessario arieggiamento, verificando i risultati ottenuti in quanto potrebbe essere possibile, in qualche caso, che gli insetti non vengano a morte ma si paralizzino soltanto per poi riprendersi. Le zecche Le zecche appartengono all ordine degli acari. In Italia se ne contano 31 specie, tutte ematofaghe, dotate di apparato boccale adattato per forare la cute, stare aggrappato all ospite e succhiarne il sangue. Le specie più note sono quelle parassite di cani, volatili e animali selvatici. Misurano dai 4 ai 20 millimetri e presentano corpo appiattito (quando non 19 sono rigonfie di sangue) di colore che a seconda della specie può messere bruno-marrone o grigio. Il loro ciclo è fortemente influenzato dalle temperature. In generale le zecche stanno sul corpo dell ospite per alcuni giorni durante i quali si alimentano, lasciandosi poi cadere sul terreno ove possono resistere a digiuno in anfratti o crepe per tempi molto lunghi in attesa di un nuovo ospite cui aggrapparsi per effettuare un nuovo pasto. Tale procedura si ripete almeno tre volte prima che la zecca raggiunga la maturità e, lasciandosi nuovamente cadere a terra, deponga le uova. L ospite scelto può essere diverso, passando dal cane, al gatto, alla pecora, ai bovini e anche all uomo. Dal punto di vista sanitario la puntura di una zecca non è certo paragonabile a quella di insetti o rettili velenosi, ma bisogna sapere che le zecche, se toccate da determinate patologie, possono essere potenziali veicoli di malattie quali la piroplasmosi, la rickettsiosi e la malattia di Lyme. La lotta al randagismo e il controllo delle popolazioni di colombi sono basilari er la prevenzione, mentre la lotta diretta si attua con disinfestazione delle superfici colonizzate dopo riordino e pulizia nonché con interventi sugli animali per via locale o parenterale utilizzando prodotti specifici. Api, vespe, calabroni Le api, le vespe e i calabroni sono imenotteri, ordine che comprende specie anche molte diverse fra loro, note per la possibilità di infliggere dolorose punture. Possono nidificare nei pressi delle abitazioni penetrando poi nelle case. L ape domestica è una specie meno aggressiva che a volte può essere riunita

20 in sciami sfuggiti agli apicoltori. Comunque è opportuno non avvicinarsi agli alveari. La vespa comune costruisce piccoli nidi costituiti da un favo peduncolato di colore grigio attaccato a grondaie, tetti, infissi. Le colonie non sono numerosissime. La vespa di terra nidifica solo nel terreno o in prossimità dei muri. Il nido è spesso nascosto e non visibile per cui aumenta il rischio di attacchi in caso di disturbo accidentale della colonia, trattandosi anche di una specie particolarmente aggressiva. Il calabrone, giallo e nero come la vespa, si distingue per le maggiori dimensioni (circa il doppio) è aggressivo e pericoloso per la quantità di veleno che può i- niettare. I maggiori rischi sanitari sono legati ad allergie individuali al veleno degli imenotteri e al pericolo di massicci attacchi portati da tutti i soggetti della colonia qualora vengano disturbati. Per la prevenzione bisogna evitare movimenti bruschi in presenza di imenotteri, lavorando in giardini e orti indossare cappello, guanti e pantaloni lunghi, evitare un uso eccessivo di creme solari e profumi, mangiando all aperto non lasciare senza protezione avanzi di dolci e alimenti e non bere bibite da lattine lasciate aperte. Tenere puliti e chiusi gli immondezzai. Non si deve applicare ghiaccio in caso di punture, ed è meglio evitare interventi fai da te in presenza di nidi di particolari dimensioni e posti ad altezze considerevoli. Nel caso di intervento su piccoli favi con insetticidi spray ricordare di coprirsi e di intervenire sul nido nelle prime ore del mattino o all imbrunire quando gli insetti sono tutti all interno del loro favo. Mappatura dei rischi in corso per un gas radioattivo che può concentrarsi nelle abitazioni Radon, problema risolvibile Non è difficile immaginare che il radon diventerà nel giro di pochi anni un problema di rilievo per l opinione pubblica così come oggi avviene per il fumo di sigaretta e per l inquinamento da traffico veicolare. Il radon è un gas radioattivo incolore e- stremamente volatile originato da elementi radioattivi naturali presenti sul pianeta fin dalle origini. Gli elementi a vita più breve sono gradualmente scomparsi. Gli elementi radioattivi a vita lunga ancora presenti nel nostro ambiente includono l'uranio, che dà origine al radon. Come gas disciolto il radon viene veicolato anche a grandi distanze dal luogo di formazione e può trovarsi nelle falde acquifere. Infine ne è nota la presenza in alcuni materiali da costruzione. Sono due gli aspetti rilevanti del problema costituito dal gas radon: anzitutto, è presente nelle abitazioni dove giunge dal terreno attraverso fessure e piccoli fori dei pavimenti delle cantine e dei piani seminterrati e, in misura minore, dai muri, se sono stati edificati utilizzando materiali contenenti elementi radioattivi, o dai rubinetti, se l'acqua contiene radon disciolto. Poi alcuni studi nell'ultimo decennio hanno dimostrato che l'inala- 20

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori Allegato D Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 30 luglio 2013, n. 41/R (Regolamento di attuazione dell articolo 4 bis della legge regionale 26 luglio 2002,

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

La predisposizione e organizzazione di un Servizio i di Ristorazione, i soprattutto quando rivolto ad una utenza sensibile come

La predisposizione e organizzazione di un Servizio i di Ristorazione, i soprattutto quando rivolto ad una utenza sensibile come Convegno P.A.N. II La Ristorazione Collettiva in Italia - Roma 4 febbraio 09 La Ristorazione per Anziani un importante occasione di prevenzione Emilia Guberti Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola)

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CONTA SU DI ME Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CASINA DEI BIMBI Dal 2001 l Associazione Casina dei Bimbi Onlus opera nel territorio delle province di Reggio Emilia, Modena e Parma

Dettagli

ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI

ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI INDICE FINALITA pag. 1 COME FUNZIONA IL NIDO pag. 2 L ORGANIZZAZIONE DEL NIDO pag.3 LA GIORNATA AL NIDO pag. 4 L ALIMENTAZIONE

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Prevenzione veterinaria

Prevenzione veterinaria Prevenzione veterinaria Animali da compagnia Sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all Anagrafe degli Animali d Affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà,

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA COMUNE DI VILLA GUARDIA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Associazione senza scopo di lucro

Associazione senza scopo di lucro Associazione senza scopo di lucro Ogni speranza è un progetto, ogni progetto ha un principio, l alfa, da cui parte ed attraverso il quale cresce e si rafforza. L Alfa del nostro progetto è l Alimentazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ISTITUTO SAN GAETANO SUORE ORSOLINE GANNO ANNO SCOLASTICO 2009 / 2010 PROGETTO EDUCAZIONE ALLA CITTANANZA L elevamento dell obbligo di istruzione a dieci anni intende favorire il pieno sviluppo della persona

Dettagli

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero;

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero; Circolare n. 14 del 20 novembre 1998 OGGETTO Rimpatri Consolari Al fine di razionalizzare le procedure di rimpatrio consolare, si è ritenuto opportuno, alla luce delle esperienze maturate, aggiornare le

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Indicazioni ai Genitori. sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni. in collaborazione con

Indicazioni ai Genitori. sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni. in collaborazione con in collaborazione con Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Servizi all Infanzia Indicazioni ai Genitori sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni - COMUNE DI

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato delibera di C.C. n.6 del 10/04/ COMUNE DI GUSPINI Provincia di Cagliari Direzione Servizi Amministrativi Servizio Pubblica Istruzione, Cultura e Sport REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base,

Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base, PRINCIPI FONDAMENTALI Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base, Servizi socio sanitari specializzati, Servizi d informazione ed educazione sanitaria.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Salute. Roma, N. DGSA/VI/ - P Risposta al Foglio del N.

Salute. Roma, N. DGSA/VI/ - P Risposta al Foglio del N. Ministero Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO UFFICIO VI N. DGSA/VI/ - P

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo La riflessione del gruppo che si occupa dello Spazio educativo è iniziata con l individuazione delle procedure, che hanno portato a modificare il contesto, e delle

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Servizio estivo diurno ricreativo e socializzante in collaborazione con l Associazione ANFFS onlus Crema che si realizza nei mesi

Dettagli

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO COMUNICATO STAMPA LA PREVENZIONE PUO SALVARE LA VITA : APPELLO DELL ASL A PRESENTARSI ALL INVITO. RISULTANO POSITIVI CIRCA IL 6% DI ESAMI (162 SU 2.840), SUBITO INVIATI ALLA COLONSCOPIA DI APPROFONDIMENTO

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

LA SCUOLA SI PRESENTA La Scuola dell Infanzia Statale La Rocca si trova in Via Risorgimento, 1 a Scandiano (RE). Il numero di telefono è 0522/ 855594.

LA SCUOLA SI PRESENTA La Scuola dell Infanzia Statale La Rocca si trova in Via Risorgimento, 1 a Scandiano (RE). Il numero di telefono è 0522/ 855594. LA SCUOLA SI PRESENTA La Scuola dell Infanzia Statale La Rocca si trova in Via Risorgimento, 1 a Scandiano (RE). Il numero di telefono è 0522/ 855594. La scuola dipende dall ISTITUTO COMPRENSIVO LAZZARO

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA. Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA. Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014 REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014 PREMESSA La Commissione Mensa (C.M.) è un organo operativo volontario legittimamente riconosciuto, previsto sia dalle

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO LINEE GUIDA PER LE DIETE SPECIALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA. Anno scolastico 2013/2014

ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO LINEE GUIDA PER LE DIETE SPECIALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA. Anno scolastico 2013/2014 Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Igiene e Prevenzione degli Ambienti di Vita U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO LINEE GUIDA PER

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LO SCREENING DEL CANCRO COLON-RETTALE AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA COMUNE di PORTO MANTOVANO REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del 2 Art. 1 - Finalità La Commissione Mensa ha la finalità di favorire la partecipazione,

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli