Schede Mestieri e professioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schede Mestieri e professioni"

Transcript

1 Speciale Schede Mestieri e professioni Salone della formazione, del lavoro e delle scelte professionali gennaio 2003 Torino - Lingotto Fiere

2 Schede mestieri e professioni In occasione di "Mestieri in Mostra", il primo salone dei mestieri e delle professioni, la Città di Torino, in collaborazione con la Provincia di Torino, ha voluto realizzare questo numero speciale di InformaLavoro. Le schede della pubblicazione descrivono alcuni dei profili professionali presenti in "Mestieri in Mostra". Hanno uno scopo puramente divulgativo e vogliono essere un primo assaggio: vogliono cioè stuzzicare l'interesse, avvicinare, identificare una figura professionale di interesse per poter cominciare un percorso di ricerca che si svilupperà da soli o in compagnia dei propri insegnanti o genitori. Le schede sono state elaborate dalla Provincia di Torino. Per la stesura della singola scheda è stato utilizzato innanzitutto il Repertorio delle Professioni in corso di realizzazione da parte dell'isfol (www.isfol.it/orientaonline). Sono state utilizzate anche altre fonti, richiamate brevemente qui di seguito (e che si ringraziano per la disponibilità): - il cd-rom Porte Aperte dell'informagiovani di Torino (www.comune.torino.it/infogio) - il database Opto della regione Emilia Romagna (www.optorertest.org) - l'osservatorio sulle attività e professioni di montagna (www.montagnalavoro.it) delle Province di Torino e di Cuneo. - il portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e di Unioncamere specializzato sull'orientamento (www.jobtel.it). A queste stesse si rinvia in ogni singola scheda per consentire un approfondimento. Si rimanda al sito ufficiale di "Mestieri in Mostra" (www.mestieri.it) per gli aggiornamenti del repertorio. Un ringraziamento particolare a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo lavoro. Buona lettura

3 TURISMO ACCOMPAGNATORE NATURALISTICO L'accompagnatore naturalistico assiste e conduce i visitatori nei parchi e nelle aree protette (a piedi in mountain-bike, a cavallo, in canoa, a nuoto e in immersione subacquea), progetta itinerari, accompagna le scolaresche (svolgendo quindi un ruolo didattico) e può lavorare nelle scuole, a fianco degli insegnanti, per l'impostazione e la realizzazione di programmi di educazione ambientale. E' necessaria la conoscenza di tutti gli aspetti ambientali, naturalistici e storico- etnografici del territorio in cui si opera, nonché una competenza di tipo didattico. Le possibilità di lavoro sono offerte da Associazioni e Cooperative di accompagnatori naturalistici direttamente dagli Enti Parco o dalle Comunità Montane. L'attività della guida naturalistica è stagionale e part-time, il guadagno non è né elevato, né fisso. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). assolvimento dell'obbligo scolastico diploma di qualifica professionale (3 anni) maturità professionale (5 anni) presso Istituti professionali servizi commerciali e turismo per avere l'abilitazione occorre frequentare un corso di formazione professionale regionale (250 ore). TURISMO ACCOMPAGNATORE TURISTICO E' colui che accompagna persone singole o gruppi di turisti dall'inizio al termine dei viaggi, assicura loro assistenza e, pur non sostituendosi alla guida turistica, fornisce i primi elementi di conoscenza sui luoghi visitati. Si occupa di tutte le formalità di carattere doganale ed amministrativo nei viaggi all'estero e degli eventuali problemi monetari; fornisce le informazioni necessarie per il viaggio e il soggiorno nei luoghi di destinazione; provvede alla sistemazione negli alberghi prenotati; si occupa delle richieste dei viaggiatori, raccoglie i reclami di chi non è soddisfatto e cerca di favorire una buona armonia di gruppo. Questa professione particolarmente dinamica presuppone, oltre alla disponibilità a viaggiare, buone capacità organizzative, doti di pazienza e di resistenza fisica e psicologica allo stress; una notevole adattabilità ed una capacità di reazione rapida ed efficace. L'accompagnatore turistico deve saper affrontare ogni tipo di situazione, comprese le emergenze e i contrattempi (voli cancellati, bagagli smarriti, furti, malattie, ecc...), conoscendo bene le procedure nazionali ed internazionali e stabilendo contatti con ambasciate, consolati, uffici di polizia competenti. Deve possedere un notevole interesse a conoscere luoghi stranieri dal punto di vista storico, artistico, geografico e culturale avere anche disponibilità e sensibilità per comprendere le esigenze delle persone a lui affidate. Ovviamente conosce bene una o più lingue straniere. L'accompagnatore turistico può lavorare come dipendente di agenzie turistiche, ma molto più spesso come libero professionista. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). diploma di scuola media superiore, preferibilmente presso Istituti professionali servizi commerciali e turismo corso di formazione professionale regionale 3

4 TURISMO ADDETTO AGENZIA DI VIAGGI L'addetto di agenzia di viaggi cura i rapporti con la clientela dell'agenzia proponendo, consigliando ed assistendo nell'acquisto e nell'organizzazione di viaggi e di soggiorni. Fornisce informazioni e consigli, al banco e al telefono. Aiuta i clienti nella scelta tra le numerose destinazioni possibili. Nel caso di itinerari personalizzati si incarica di pianificare i percorsi, calcolare tariffe, verificare disponibilità ed effettuare prenotazioni. Ha anche il compito di emettere e vendere biglietti aerei, marittimi e ferroviari, operando al terminale collegato con banche dati che indicano la disponibilità dei posti in tempo reale. Svolge spesso altre mansioni di carattere amministrativo, come la gestione della corrispondenza, la tenuta della contabilità e della fatturazione, la compilazione degli schedari dei clienti e dei fornitori. E' in relazione innanzitutto coi clienti, ma anche col personale interno dell'agenzia di viaggi e con le organizzazioni turistiche (alberghi, compagnie di trasporti,...). Tra le doti di un buon addetto di agenzia figurano le capacità di relazione e di comunicazione, l'essere in grado di comprendere le esigenze della clientela, di interpretare i loro 'sogni', mostrando sempre calma, pazienza e cortesia. Lavora all'interno di agenzie di viaggio di qualsiasi dimensione e i suoi principali strumenti di lavoro sono: cataloghi, biglietti di viaggio, dépliant, tariffari, orari dei mezzi di trasporto, guide turistiche, banche dati informatizzate. Molta parte del lavoro si svolge al telefono o su terminali collegati a computer di grandi operatori turistici, con ampio ricorso all'ausilio delle nuove tecnologie. Il lavoro segue l'orario fissato dalla categoria d'appartenenza; nei periodi precedenti le stagioni di maggiore frequenza turistica, è normale ed accentuato il ricorso all'orario straordinario. Consulta la scheda completa disponibile su TURISMO ADDETTO CUCINA L'addetto cucina deve possedere quelle conoscenze teoriche e quelle abilità pratiche necessarie per svolgere le sue mansioni: - ricevere le merci e curare nel rispetto delle normative igienico sanitarie la loro sistemazione nei magazzini; - curare e controllare la pulizia della cucina e dei magazzini prima, durante e dopo il servizio; - conoscere il funzionamento delle diverse attrezzature presenti un una cucina; - preparare i diversi prodotti secondo le indicazioni del cuoco; - saper effettuare alcune preparazioni di base. L'addetto cucina lavora presso pubblici esercizi e strutture alberghiere. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di qualifica professionale presso Istituti professionali alberghieri (3 anni) qualifica professionale nel settore turistico-ristorativo, ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale ("addetto cucina" biennale) Esiste una variegata offerta di corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. diploma di qualifica professionale (3 anni) maturità professionale (5 anni) presso Istituti professionali servizi commerciali e turismo e/ qualifica professionale ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale (a titolo di esempio "operatore front-office dell'agenzia turistica" - annuale ore) 4

5 TURISMO ADDETTO SALA BAR L'addetto sala/bar è l'operatore che, all'interno di imprese ristorative commerciali (ristoranti, pizzerie, tavole calde, bar, alcune tipologie di fast food) si occupa dei vari tipi di servizio in ristorante, compresi i lavori di sala, e il servizio bar. L'addetto sala deve possedere quelle conoscenze teoriche e quelle abilità pratiche necessarie per svolgere le mansioni tipiche di un cameriere: - predisporre e attrezzare una sala a seconda del tipo di servizio ( colazioni, sala thè, pranzo, cena, buffet) e del tipo di locale nel quale opera; - curare e controllare la pulizia prima, durante e dopo il servizio; - gestire le attrezzature, le stoviglie, e la loro collocazione e predisposizione al fine di ottimizzare il servizio e l'immagine che si vuole trasmettere; - saper raccogliere le comande, presentare un menù, consigliare il cliente; - saper servire e porzionare i diversi piatti di portata; - accogliere il cliente e seguirlo nelle diverse fasi compreso nella fase finale del conto. L'addetto sala bar lavora presso pubblici esercizi e strutture alberghiere. E' una figura molto ricercata sul territorio regionale, e lo sarà ancora di più nel periodo dei giochi olimpici del 2006, Consulta la scheda completa disponibile su diploma di qualifica professionale presso Istituti professionali alberghieri (3 anni) qualifica professionale nel settore turistico-ristorativo, ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale ("addetto sala/bar" biennale) COMMERCIO ADDETTO ALLE VENDITE (SETTORE ALIMENTARE) L'addetto alle vendite negli esercizi di vendita alimentari per svolgere le sue mansioni deve: - Conoscere la merceologia dei prodotti - Curare l'allestimento dei banchi secondo il settore in cui lavora ( panetteria - banco salumi e formaggi - macelleria - pescheria) - Saper tagliare, affettare e porzionare i prodotti - Saper usare le attrezzature a sua disposizione: affettatrici, bilance, coltelli - Assistere i clienti nelle varie fasi della vendita - Conoscere le tecniche di vendita - Gestire i reclami da parte dei clienti - Gestire i resi - Gestire il packaging dell'attività - Rifornire gli scaffali. L'addetto alle vendite lavora presso esercizi del commercio tradizionale e della grande distribuzione. Consulta la scheda completa disponibile su aver assolto l'obbligo formativo e/ frequenza ad uno dei corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. Esiste una variegata offerta di corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. 5

6 COMMERCIO ADDETTO ALLE VENDITE (SETTORE NON ALIMENTARE) L'Addetto alle vendite negli esercizi di vendita non alimentari per svolgere le sue mansioni deve: - Conoscere la merceologia dei prodotti - Assistere i clienti nelle varie fasi della vendita - Conoscere le tecniche di vendita - Gestire i reclami da parte dei clienti - Gestire i resi - Gestire il packaging dell'attività. - Rifornire gli scaffali. L'addetto alle vendite lavora presso esercizi del commercio tradizionale e della grande distribuzione. Consulta la scheda completa disponibile su aver assolto l'obbligo formativo e/ frequenza ad uno dei corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. COMMERCIO AGENTE DI COMMERCIO L'agente di commercio è un intermediario fra le imprese manifatturiere e le organizzazioni della distribuzione. Visita le imprese commerciali proponendo l'acquisto di prodotti per conto di varie imprese o di grossisti. In qualità di agente rappresentante può stipulare dei veri e propri contratti di vendita e negli ultimi anni è diventata una figura professionale riconosciuta esperta nei sistemi di vendita, in grado di fornire assistenza globale al cliente. Come semplice agente recepisce gli ordini, riscuote i crediti e talvolta si occupa della consegna della merce. Come rappresentante si occupa, invece, anche della ricerca del committente e della definizione del contratto, e collabora con il produttore per lo studio delle tendenze di sviluppo del mercato. L'agente è solitamente un lavoratore autonomo che ha la possibilità di autogestire il proprio tempo di lavoro in base alle dimensioni del territorio in cui opera, all'ampiezza della clientela, ed alla capacità di organizzarsi. Le caratteristiche necessarie per svolgere questa professione sono: la conoscenza approfondita dei prodotti che vende, conoscenze informatiche, nozioni di contrattualistica commerciale, capacità relazionale, ambizione professionale. Consulta la scheda completa disponibile sul sito diploma di scuola media superiore a indirizzo commerciale assolvimento dell'obbligo formativo e corso di laurea in materie giuridiche e commerciali assolvimento dell'obbligo formativo e corso organizzato dalla Regione o da questa riconosciuto assolvimento dell'obbligo formativo e esperienza lavorativa di almeno 2 anni come viaggiatore piazzista o come dipendente qualificato addetto alle vendite. 6

7 INFORMATICA AMMINISTRATORE DI RETE Anche nelle realtà aziendali più piccole il computer del singolo operatore è collegato a modem, schede di rete, schede ISDN, altri computer dell'ufficio e, attraverso internet, a centinaia di milioni di computer in tutto il mondo. Questa apertura verso l'esterno propone nuove opportunità e modalità di lavoro e genera, allo stesso tempo, esigenze e problemi di gestione del tutto nuovi, che hanno a che fare con la rete, con l'accesso contemporaneo a documenti, lo scambio di messaggi, la riservatezza di alcune informazioni, le regole di condivisione delle risorse di sistema e di rete, la continuità del collegamento, e così via. In estrema sintesi, l'amministratore di rete si occupa della messa a punto e della gestione delle soluzioni tecniche ai problemi derivanti dalla introduzione delle reti aziendali ed extra-aziendali. L'attività principale svolta consiste nella verifica del regolare funzionamento del sistema e delle componenti che ne fanno parte; deve intervenire di fronte ad ogni problema e malfunzionamento. I suoi compiti non sono però solo legati all'emergenza, anche se è in questi casi che la figura appare più indispensabile. L'amministratore di rete lavora in genere come libero professionista per conto di imprese grandi, medie e piccole, caratterizzate da complessi problemi di comunicazione all'interno e verso l'esterno. Può operare da solo o aiutato da tecnici di reti locali a seconda della complessità del sistema; ha anche rapporti costanti con la direzione aziendale, oltre che con tutti coloro che operano con il sistema. Deve essere sempre disponibili ad intervenire sul posto, spesso in brevissimo tempo. In molti casi gli è richiesto di intervenire negli orari e nei giorni di riposo. Consulta la scheda completa su: www. isfol.it/orientaonline diploma di scuola media superiore preferibilmente ad indirizzo tecnico-scientifico (5 anni) specializzazione post-diploma ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale (a titolo di esempio "Tecnico gestione reti" 800 ore) laurea in materie tecniche, specialmente informatica ed ingegneria elettronica e informatica. La rapida evoluzione dei mezzi e delle tecnologie disponibili determina la necessità di arricchire ed adeguare costantemente le sue conoscenze e le capacità. Ad una posizione di amministratore di rete, dotato di piene responsabilità, si perviene, in genere, dopo un'esperienza di due-tre anni in posizione di aiuto o di tecnico. INFORMATICA ANALISTA PROGRAMMATORE Il lavoro dell'analista programmatore può essere suddiviso in due fasi successive: nella prima il suo compito è quello di analizzare ed interpretare le esigenze degli utenti; nella seconda si incarica della progettazione, codifica e documentazione, collaudo e manutenzione dei programmi (software) creati in risposta a tali esigenze. L'analista programmatore è perciò colui che sviluppa l'analisi di un problema in termini informatici, e partecipa anche alla stesura dei programmi. In alcune realtà, la figura dell'analista programmatore si può suddividere in due figure distinte: quella dell'analista e quella del programmatore. L'analista si occupa della prima delle due fasi accennate precedentemente: l'analisi delle esigenze del cliente e la traduzione di queste ultime in un progetto funzionante attraverso il coordinamento di un gruppo di programmatori. Il programmatore, si occupa della seconda fase: lo sviluppo del software nei vari linguaggi partendo dal progetto di un analista. L'analista programmatore opera in genere all'interno di grandi imprese dotate di propri centri di elaborazione, nelle software house (società che creano i software), in società di servizi, studi di consulenza, centri di ricerca nonché in ambito universitario. I tempi medi di un progetto cui un analista programmatore prende parte sono intorno ai sei mesi, ma su un caso particolarmente complesso o di grandi dimensioni il suo lavoro può protrarsi anche uno-due anni. Il lavoro dell'analista programmatore si svolge a ritmi serrati, spesso si lavora "a scadenza" per cui i suoi orari risultano piuttosto flessibili. L'analista programmatore può essere un lavoratore dipendente o un libero professionista. Consulta la scheda completa su: www. isfol.it/orientaonline diploma di scuola media superiore preferibilmente ad indirizzo tecnico-scientifico (5 anni) laurea in materie tecnica, specialmente informatica ed ingegneria elettronica e informatica. specializzazione post-diploma ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale La rapida evoluzione dei mezzi e delle tecnologie disponibili determina la necessità di arricchire ed adeguare costantemente le sue conoscenze e le capacità. 7

8 TURISMO ANIMATORE TURISTICO Cura l'intrattenimento nel tempo libero ed il benessere in generale dei clienti nelle località di soggiorno: villaggi turistici, alberghi, crociere, località di villeggiatura. Progetta ed allestisce, da solo o in équipe, le attività del tempo libero, che possono essere le più svariate: giochi, gare sportive, cabaret, feste, spettacoli. Nelle grandi strutture, ogni animatore tende a specializzarsi in un particolare settore: musica, teatro, allestimenti scenografici ecc. Interpreta le esigenze della clientela e cerca di realizzarne le aspettative, a seconda del luogo e del tipo di vacanza. Ha anche compiti di intrattenimento generico, di soluzione di piccoli problemi, di sblocco delle situazioni di tensione. Oltre alle abilità relazionali e comunicative, sono certamente utili anche delle competenze più specifiche, come ad esempio la pratica di sport, le competenze musicali, teatrali, artistiche, l'uso di apparecchiature speciali come impianti musicali, luci, attrezzature di gioco e divertimento. Bisogna essere in grado di comprendere le esigenze degli altri, per cui, oltre ad un'attitudine personale, sono utili anche nozioni di psicologia sociale e turistica. Le capacità relazionali costituiscono l'essenza del lavoro. Oltre ad esse, tra le doti personali non bisogna dimenticare anche una grande resistenza fisica e psicologica, un grande dinamismo e la capacità di adattarsi alle situazioni più diverse. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di scuola media superiore, preferibilmente presso Istituti professionali servizi commerciali e turismo per avere l'abilitazione occorre frequentare un corso di formazione professionale regionale SOCIOASSISTENZIALE ASSISTENTE SOCIALE L'assistente sociale è una figura professionale che opera al fine di prevenire e risolvere situazioni di disagio e di emarginazione di singole persone, nuclei familiari, particolari categorie (minori, anziani, tossicodipendenti, handicappati,...). Svolge compiti di gestione, concorre all'organizzazione e alla programmazione, e può esercitare attività di coordinamento e di direzione dei Servizi Sociali. Lavorando su un particolare territorio, è in grado di individuare i bisogni emergenti della fascia di popolazione di cui si occupa (disabili, tossicodipendenti, anziani, minori, etc.). Per svolgere la propria attività utilizza come strumenti professionali il colloquio, la visita domiciliare, la documentazione (cartella sociale cartacea e informatica, relazioni scritte, registrazione degli interventi, diario giornaliero, etc.). A titolo esemplificativo, le sue mansioni possono prevedere: attività finalizzate alla prevenzione, al sostegno e al recupero del disagio (sociale, economico,...) di soggetti deboli o a rischio, quali handicappati, tossicodipendenti, anziani, minori con difficoltà sia nell'ambito scolastico, sia nell'ambito della famiglia (separazioni, maltrattamenti, abusi); nelle pratiche di affido o di adozione di minori. L'Assistente Sociale svolge il proprio lavoro di relazione in autonomia, e collabora, a vari livelli, con educatori professionali, funzionari degli enti, psicologi, medici, infermieri, mediatori culturali, giudici, assistenti domiciliari e dei servizi tutelari, operatori socio - sanitari, volontari e appartenenti al Terzo Settore, insegnanti. E' impegnato nei servizi pubblici territoriali (Aziende Sanitari Locali e Aziende Sanitarie Ospedaliere, Comuni, Consorzi di Comuni, Province, Regioni), nei servizi che dipendono dal Ministero della Giustizia, dal Ministero del Lavoro e dal Ministero degli Interni. Opera,, nell'ambito del privato (Unione Industriale) e nel privato sociale (Cooperative di servizi, Associazioni, etc.), anche in convenzione con l'ente pubblico. L'Assistente Sociale, infine, può svolgere la libera professione e operare nella formazione di base e in quella permanente. Consulta la scheda completa su www. isfol.it/orientaonline diploma di scuola media superiore (5 anni) diploma universitario in Servizio sociale (3 anni) 8 La durata del percorso formativo è di minimo 8 anni. Nel corso del triennio universitario è previsto un periodo di tirocinio professionale, con obbligo di frequenza presso Servizi Sociali pubblici e privati. I laureati in Servizio Sociale potranno poi iscriversi al Corso di Laurea Specialistica biennale in Programmazione, Organizzazione e Gestione dei Servizi Sociali.

9 TURISMO BARISTA BANCONISTA Il barista - banconista deve possedere quelle conoscenze teoriche e quelle abilità pratiche necessarie per svolgere le sue mansioni: - predisporre e attrezzare un banco bar a seconda del tipo di servizio ( colazioni, aperitivi, bere miscelato) e del tipo di locale nel quale opera; - curare e controllare la pulizia prima, durante e dopo il servizio; - gestire le attrezzature, le stoviglie, e la loro collocazione e predisposizione al fine di ottimizzare il servizio e l'immagine che si vuole trasmettere; - saper preparare e servire le bevande calde, gli aperitivi, i cocktails, consigliare il cliente; - saper preparare e presentare l'angolo snack di un bar; - accogliere il cliente e seguirlo nelle diverse fasi compreso nella fase finale del conto. Può lavorare in pubblici esercizi e presso strutture alberghiere. Consulta la scheda completa disponibile su aver assolto l'obbligo formativo e/ frequenza ad uno dei corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. TURISMO BARISTA FREE STYLE Il barman free style è un barman esperto che, mentre fa cocktails di ogni genere da spettacolo facendo letteralmente "volare" le bottiglie di cui si serve per il servizio. Chi è il Flair bartender? Il flair è l'insieme dei movimenti acrobatici che si fanno per creare i drink; lavorare con il flair significa offrire cose particolari a persone particolari, è una forma d'arte che nasce dall'idea di risparmiare movimento con un pizzico di spettacolo che incuriosisce, diverte e attrae il pubblico che attende di essere servita nel locale. E' il naturale sviluppo di ogni barman di volontà e creatività. Bartender è il termine americano che indica il barman professionista. Le caratteristiche dei bartenders sono la cura della persona e del proprio look, sia esso trasgressivo o classico, la simpatia, l'eleganza e la sicurezza dei movimenti, la velocità. Il barista free style lavora in locali di tendenza (pubblici esercizi e strutture alberghiere). aver assolto l'obbligo formativo e/ frequenza ad uno dei corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' necessario avere come pre-requisito una buona professionalità come barista-banconista. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. 9

10 AGROALIMENTARE CANTINIERE Il cantiniere si occupa di tutte quelle attività del processo di vinificazione e invecchiamento del vino che si svolgono nelle cantine. Coordina coloro che durante la vendemmia raccolgono le uve, si occupa della pigiatura, aziona i macchinari della cantina e controlla le fasi di fermentazione e di invecchiamento del vino. Deve avere un'ottima conoscenza dell'intero processo di trasformazione delle uve in mosto e del mosto in vino tanto dal punto di vista chimico che da quello tecnologico. Il cantiniere opera nelle aziende vitivinicole o di produzione di vini; in molte realtà le cantine sono state automatizzate ed il cantiniere agisce tramite pannelli elettronici ed ha soprattutto una funzione di controllo del processo di vinificazione. Il rapporto di lavoro di questa figura professionale è normalmente di tipo dipendente a tempo indeterminato. Consulta la scheda completa su: www. isfol.it/orientaonline diploma di scuola media superiore ottenuto presso un Istituto tecnico agrario, (permette di acquisire la qualifica di enotecnico) diploma di qualifica professionale (3 anni) maturità professionale (5 anni) presso un Istituto professionale agrario La formazione avviene anche direttamente sul lavoro, osservando ed assistendo i colleghi più esperti. EDILIZIA CARPENTIERE I carpentieri preparano, tagliano, uniscono e posano travi e tavole che vanno a formare l'ossatura delle costruzioni. Operano nell'ambito dell'edilizia: costruiscono châlets, tetti, scale, edifici rurali, accantonamenti militari, chiese, scuole, sale d'esposizione, fabbriche, padiglioni e tribune per installazioni sportive; posano pavimenti, pareti in legno, soffitti; eseguono isolazioni termiche, acustiche, ecc. Intervengono anche nel campo del genio civile: eseguono strutture di ponti, le capriate, preparano casserature speciali per opere in cemento armato, ecc. I carpentieri si occupano anche del restauro di edifici come pure di altre opere in legno. In tali casi devono saper valutare l'entità del danno e prevedere gli interventi. Può capitare che debbano sostituire travature tarlate o danneggiate dal tempo e dalle intemperie, raschiare e rinnovare vecchi pavimenti o soffitti a cassettone in legno massiccio, ecc. Tra le caratteristiche necessarie per svolgere questa professione sono fondamentali l'assenza di vertigini e il senso dell'equilibrio, l'interesse per le attività all'aria aperta, l'abilità manuale e l'interesse per la lavorazione del legno, oltre a una buona resistenza fisica. E' una figura molto ricercata sul territorio regionale, soprattutto in seguito alla assegnazione a Torino dei giochi olimpici del Consulta la scheda completa su È sufficiente assolvere all'obbligo formativo ottenendo una qualifica professionale nel settore edile, frequentando un corso di formazione professionale regionale (a titolo di esempio "costruttore di carpenteria e saldatura" ore biennale) attraverso il percorso di apprendistato. 10

11 COMMERCIO CASSIERE Il cassiere si occupa della gestione dei pagamenti da parte dei clienti del punto vendita per svolgere le sue mansioni deve: - Conoscere i sistemi di cassa e di pagamento elettronico - Gestire i reclami da parte dei clienti - Gestire i diversi sistemi di pagamento: contanti, bancomat, carte di credito, assegni, ecc. - Gestire i resi - Registrare gli importi in forma manuale o tramite lettore ottico, emettere gli scontrini, dare il resto - Assistere i clienti - Gestire il packaging dell'attività. Lavora in esercizi del commercio tradizionale e della grande distribuzione. Consulta la scheda completa disponibile su aver assolto l'obbligo formativo e/ frequenza ad uno dei corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. TURISMO CHEF Lo chef crea in cucina così come il pittore crea sulla tela. La figura dello chef nell'ambito ristorativo è fondamentale in quanto realizza il prodotto su cui si basa l'attività. Tra i compiti fondamentali deve: - saper guidare una brigata di cucina, dare disposizioni precise affinché tutti gli aspiranti e futuri chef capiscano cosa debbono fare e producano senza esitazione; - saper comporre un menù tenendo in particolare risalto i piatti tipici stagionali e locali; - avere competenze di merceologia degli alimenti e principi fondamentali della dietologia; - saper attrezzare e curare l'organizzazione del lavoro di una cucina; - gestire gli acquisti e verificare la qualità e le conformità degli ordini; - preparare e curare la presentazione delle diverse portate. I ritmi di lavoro sono in genere molto intensi, soprattutto durante i giorni festivi e prefestivi, nelle ore serali, o durante l'alta stagione per gli esercizi situate in località turistiche. Oltre ai ristoranti di ogni dimensione e tipologia, gli ambiti in cui questa figura professionale è richiesta sono: gli alberghi e tutte le strutture ricettive per le vacanze, campeggi, villaggi turistici, colonie, navi da crociera; mense scolastiche ed aziendali, ospedali, comunità di varia natura, ecc. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). diploma di qualifica professionale presso Istituti professionali alberghieri (3 anni) qualifica professionale nel settore turistico-ristorativo, ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale ("addetto cucina" biennale) Esiste una variegata offerta di corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio). E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. 11

12 AGROALIMENTARE CONDUTTORE DI IMPIANTI PER LA LAVORAZIONE DI CEREALI E PASTA Il conduttore può svolgere due tipi di attività: quelle che consentono di ottenere farine o prodotti farinacei da materie prime quali il grano, e quelle di trasformazione delle farine in varie tipologie di pasta. In particolare si possono individuare diverse figure. L'addetto alla macinazione dei cereali opera nei mulini, aziende di piccola-media dimensione, e si occupa del ricevimento e della sistemazione delle granaglie nei silos, le filtra per eliminare le impurità, procede alla macinazione azionando le apposite macchine. Il conduttore addetto alla trasformazione delle farine in varie tipologie di pasta lavora all'interno di pastifici, si occupa della collocazione nei silos della farina, aziona i macchinari per la miscelazione, le presse dell'impastatrice, le macchine che danno la forma alla pasta e controlla la fase di cottura nei forni. Il capo mugnaio, responsabile della produzione, controlla la qualità della materia prima, il processo di lavorazione, e il prodotto finito. Sia i mulini che i pastifici sono aziende caratterizzate dalla presenza di numerosi macchinari a fronte di un esiguo numero di lavoratori, che spesso si limitano all'azionamento e al controllo degli stessi macchinari. Il rapporto di lavoro di queste figure professionali è normalmente di tipo dipendente a tempo indeterminato. INDUSTRIA GRAFICO EDITORIALE CONDUTTORE DI SISTEMI DI STAMPA Il conduttore dei sistemi di stampa cura la predisposizione (allestimento delle macchine, sistemi di stampa), l'avviamento, la conduzione degli impianti (gestione della tiratura e regolazione delle macchine) e la manutenzione ordinaria. Inoltre coordina ed assiste gli addetti alle macchine. E' in possesso di conoscenze inerenti le tecnologie ed i processi di stampa. Lavora nell'area di produzione del settore grafico - editoriale ed è una figura che difficilmente reperibile. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di scuola media superiore ad indirizzo tecnico industriale (5 anni) diploma di qualifica professionale (3 anni) maturità professionale (5 anni) presso un Istituto Professionale per l'industria e l'artigianato e/ qualifica professionale ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale Consulta la scheda completa su: www. isfol.it/orientaonline Diploma di qualifica professionale (3 anni) maturità professionale (5 anni) presso Istituti professionali (ad esempio Istituto Professionale di Stato per l'arte Bianca e l'industria Dolciaria) La formazione avviene anche direttamente sul lavoro, osservando ed assistendo i colleghi più esperti. 12

13 MECCANICA CONDUTTORE DI SISTEMI AUTOMATIZZATI Il conduttore di sistemi automatizzati avvia e conduce i sistemi e gli impianti automatizzati relativi a fasi specifiche del processo produttivo (es. lavorazioni meccaniche). Si occupa di verificare che il prodotto sia conforme alle caratteristiche richieste (standard) e di fornire indicazioni per il miglioramento del processo produttivo e del prodotto. Inoltre controlla la funzionalità dei sistemi e degli impianti segnalando eventuali problemi ed operando interventi correttivi, ed effettua la manutenzione ordinaria. Lavora all'interno dell'area produzione nei settori manifatturieri dotati di impianti e di sistemi automatizzati. E' in possesso di conoscenze di elementi di meccanica, elettromeccanica ed elettronica, procedure di manutenzione e fondamenti di informatica applicata al processo. È una figura in forte crescita che ha una media difficoltà di reperimento. Sono maggiormente interessate le medie imprese mentre le grandi dimostrano un interesse più moderato. Consulta la scheda completa disponibile nel rapporto dell'organismo paritetico regionale del Piemonte per la formazione professionale diploma di scuola media superiore ad indirizzo tecnico industriale (5 anni) diploma di qualifica professionale (3 anni) maturità professionale (5 anni) presso un Istituto Professionale per l'industria e l'artigianato e/ qualifica professionale nel settore meccanico ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale EDITORIA CORRETTORE DI BOZZE Ogni prodotto editoriale, prima di diventare un prodotto finito, deve essere letto più volte. Dopo la prima lettura eseguita sul dattiloscritto dal redattore o dall'editor, nei passaggi seguenti il testo si trasforma in bozza. A questo punto si inserisce la figura del correttore di bozze che è ancora oggi essenziale e insostituibile. In piccole strutture è il redattore stesso a eseguire la correzione delle bozze, mentre in strutture medie e grandi, i correttori sono perlopiù dei collaboratori esterni: professionisti, insegnanti o studenti. La ricerca dell'errore di battitura, il confronto accurato con l'originale dattiloscritto, la capacità di "cogliere" difformità all'interno del testo sono i punti di forza di un buon correttore di bozze, che dovrà possedere altre caratteristiche quali: una precisione estrema; puntualità nella consegna del materiale, in quanto anche pochi giorni di ritardo potrebbero procrastinare di mesi l'uscita del libro; abilità e velocità nel lavoro; cognizione di causa, ossia capacità di segnalare non solo errori, ma anche tutto ciò che nel testo non lo convince o che gli sembra incerto; responsabilità personale del lavoro; correttezza nei confronti del datore di lavoro, ossia riservatezza nell'incarico ricevuto ed etica professionale. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di scuola media superiore corso di laurea in lingue e letterature straniere Una formazione integrativa viene svolta dalla stessa azienda con l'affiancamento del lavoratore a conduttori più esperti. 13

14 MECCANICA DISEGNATORE PROGETTISTA CON SISTEMI CAD-CAM Questa figura professionale si occupa di disegnare e/o progettare prodotti industriali utilizzando le tecnologie informatiche del computer. In particolare, il sistema CAD (Computer Aied Design) è utilizzato per progettare, modificare e visualizzare il prodotto utilizzando il computer, mentre il sistema CAM (Computer Aied Manifacturing) è utilizzato per programmare, controllare e guidare le operazioni delle macchine robotizzate che realizzano il prodotto. Il disegnatore progettista con sistemi CAD-CAM si occupa di eseguire il disegno meccanico completo di un pezzo meccanico, di un manufatto o di una macchina adibita alla produzione. Si occupa anche della programmazione tramite il sistema CAM delle macchine che lavoreranno il pezzo nel reparto produzione. Questa figura professionale trova impiego come lavoratore dipendente all'interno del settore progettazione di piccole, medie e grandi imprese della meccanica, delle macchine, degli impianti e delle costruzioni di mezzi di trasporto, e nelle società di progettazione ed ingegneria. Più raramente il disegnatore progettista può lavorare all'interno di uno studio professionale, che collabora con l'azienda alla progettazione dei prodotti. Nel caso in cui lavori alle dipendenze e in modo continuativo, il disegnatore progettista opera all'interno di un gruppo di lavoro. Consulta la scheda completa su: www. isfol.it/orientaonline diploma di scuola media superiore, ad indirizzo tecnico industriale (5 anni) maturità professionale presso un Istituto Professionale per l'industria e l'artigianato (5 anni) specializzazione post-diploma ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale (a titolo di esempio "tecnico progettista con sistemi cad-cam - meccanico" - annuale ore) AMBIENTE ECOAUDITOR Questa figura professionale è nata con le nuove normative dell'unione Europea che obbligano le aziende ad un controllo sulla compatibilità tra cicli di lavorazione dei prodotti e protezione dell'ambiente. L'ecoauditor, detto anche verificatore ambientale d'impresa, è appunto colui che verifica e certifica che i processi produttivi siano conformi alla legislazione vigente. Infatti per molte imprese è diventato necessario ottenere un patentino di qualità (Iso 14000, Emas) che ne certifichi la compatibilità ambientale. E' una figura chiave, una sorta di verificatore ambientale, in genere collocato all'interno della direzione ambiente della società. L'ecoauditor necessita di un'esperienza di almeno cinque anni in attività di produzione, igiene e sicurezza del lavoro. Oltre alle necessarie conoscenze tecnologiche deve possedere competenze in materia di organizzazione, metodologie e procedure aziendali; deve conoscere le norme tecniche, i sistemi di qualità e gli audit ambientali e, naturalmente, possedere una buona padronanza del diritto comunitario ambientale. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). diploma di scuola media superiore, preferibilmente ad indirizzo tecnico-scientifico corso di laurea triennale in ingegneria dell'ambiente corso di laurea triennale in scienze ambientali corso di specializzazione post-diploma (ad esempio Tecnico ambiente qualità sicurezza) corso di audit ambientale organizzato periodicamente dalle Camere di Commercio e promossi dalle organizzazioni imprenditoriali (per esempio dalla F.I.T.A. - Federazione del terziario avanzato della Confindustria) o dal CNR. 14

15 SOCIOASSISTENZIALE EDUCATORE PROFESSIONALE L'educatore professionale ha campi d'intervento molto diversificati, e a seconda degli ambiti può svolgere diverse attività. Se i suoi interventi sono di tipo prevalentemente educativo, può occuparsi dell'animazione presso centri gioco, centri per le famiglie, club giovanili, centri di quartiere, centri culturali, centri anziani. In genere vi accoglie gli utenti, predispone e organizza sia le attività quotidiane che attività informative e formative, culturali, mostre, convegni, spettacoli. Se lavora nel sociosanitario può intervenire nelle situazioni di disagio sociale, nell'ambito di servizi per l'assistenza ai portatori di handicap, pazienti psichiatrici e tossicodipendenti, con azioni che vanno dal sostegno individuale alla persona, all'organizzazione di centri diurni e residenziali. L'educatore che lavora con bambini da 0 a 10 anni, può avere il compito di creare un ambiente equivalente a quello famigliare per bambini che sono, provvisoriamente o definitivamente, allontanati dalle famiglie. Gli educatori possono essere anche coinvolti negli interventi del Comune nei campi nomadi, con i bambini che non frequentano, per età o per scelta dei genitori, le strutture educative del quartiere. L'attività lavorativa si realizza principalmente attraverso il "rapporto" con le persone, cioè attraverso la relazione educativa, lo stare insieme alle persone, condividendo attività ed aspetti della vita quotidiana, ascoltando e interpretando i bisogni e le difficoltà, sostenendo le persone e stimolando l'acquisizione di autonomia e nuove capacità e competenze. Inoltre partecipa ad attività di studio, ricerca, documentazione relativa allo sviluppo della professione, all'analisi dei bisogni, allo sviluppo dei servizi. Il campo d'impiego di questa professione può essere molto ampio: si può lavorare nella pubblica amministrazione, negli enti locali, centri e istituti di formazione. Ma i suoi datori di lavoro sono anche i privati, le cooperative, le associazioni che gestiscono servizi educativi, sociali, di riabilitazione. ELETTRICISTA Quella dell'elettricista è una tra le più classiche professioni artigianali che, pur in un'epoca di continue evoluzioni tecnologiche, necessitano ancora dell'intervento dell'uomo ed è destinata a resistere nel tempo. Il lavoro, oltre alle urgenze, è legato soprattutto alle ristrutturazioni. La legge 46 del 4 marzo 1990 sulla sicurezza degli impianti ha imposto la messa a terra di tutti gli edifici e l'installazione del differenziale, meglio conosciuto come salvavita. L'elettricista di montaggio esegue lavori manuali di installazione e di montaggio di impianti e apparecchi elettrici semplici in edifici abitativi, industriali o amministrativi. Pur vantando buone conoscenze dei processi elettrotecnici, non rientra nelle sue mansioni la pianificazione e l'esecuzione di lavori complessi, che sono invece compito del montatore elettricista. Ciononostante, l'elettricista di montaggio deve essere in grado di leggere schemi di montaggio e piani stabiliti da progettisti, architetti e ingegneri. Nel suo operare quotidiano é tenuto a rispettare le prescrizioni di sicurezza. Consulta la scheda completa su: diploma ottenuto presso un Istituto tecnico industriale Istituto Professionale ad indirizzo elettrico ed elettronico assolvimento obbligo formativo e frequenza di un corso di formazione professionale regionale Prima di poter lavorare come elettricista è necessario un periodo di inserimento, che varia a seconda del percorso formativo seguito. Consulta la scheda completa su diploma di scuola media superiore (5 anni) diploma universitario in Educatore professionale (3 anni) laurea in Scienze dell'educazione, indirizzo per Educatore professionale extrascolastico (4 anni) La durata del percorso formativo è di minimo 8 anni, e prevede un periodo di tirocinio. 15

16 AGROALIMENTARE ENOLOGO L'enologo è una figura esperta delle tecniche relative alla produzione, alla conservazione, all'invecchiamento del vino e di prodotti derivati da uve. Cura tutto il percorso di produzione, dall'impianto della vite alla maturazione dell'uva, scegliendo il periodo di raccolta e sovrintendendo alle fasi di vinificazione fino all'imbottigliamento. La sua attività può variare in base alle dimensioni e al tipo di azienda vitivinicola, ma anche in base alla responsabilità che gli viene attribuita. Negli stabilimenti industriali di grandi dimensioni può gestire ed organizzare uno o più momenti della lavorazione (ad esempio, le analisi di laboratorio, il controllo qualità, il controllo imbottigliamento). Nelle aziende mediopiccole l'enologo segue generalmente tutto il processo di produzione del vino. In entrambi i casi, questa figura professionale può essere il direttore o il responsabile dello stabilimento. Fanno parte del suo lavoro anche la verifica e il controllo del corretto funzionamento dei macchinari per la lavorazione dell'uva e la predisposizione dei controlli per la manutenzione. All'interno di aziende che curano anche la vendita del vino, l'enologo può essere il responsabile di questa area e entrare in contatto direttamente con i clienti. Le sue conoscenze riguardano il processo di vinificazione e le sue fasi, l'uva e le tecniche di coltura, i prodotti enologici, i riferimenti teorici di chimica, biologia, microbiologia, tecnologia e conservazione degli alimenti. Ha conoscenze amministrative per la gestione aziendale e per la commercializzazione del vino. Un buon enologo deve essere in grado di fare assaggi e di degustare il prodotto riconoscendo anomalie e qualità. L'enologo può essere dipendente a tempo indeterminato libero professionista. Consulta la scheda completa su: www. isfol.it/orientaonline SERVIZI ALLA PERSONA ESTETISTA La professione di Estetista consiste nell'organizzare ed eseguire il massaggio estetico del corpo, il trattamento completo e personalizzato del viso e della pelle utilizzando gli strumenti adeguati. Fra le competenze di un'estetista ci sono operazioni particolari quali: il trucco, manicure, pedicure, depilazione, epilazione. Deve saper riconoscere gli effetti estetici dovuti ad un'alimentazione scorretta. Grande importanza assume la conoscenza delle norme igieniche riguardanti gli strumenti, le sostanze e gli ambienti di lavoro. Le doti di una capace estetista consistono in una delicata manualità, accuratezza, pulizia, ordine ed uno spiccato gusto estetico. È importante che sappia interpretare le esigenze della clientela con cui deve essere gentile e comunicativa. Lavora presso centri di estetica, profumerie, parrucchieri per signora, hair stilist, centri benessere, palestre, beauty farm. Consulta la scheda completa disponibile su aver assolto l'obbligo scolastico aver frequentato un corso di specializzazione teorico-pratico esercitare come apprendisti per sostenere, dopo un anno, un esame per conseguire l'abilitazione all'esercizio dell'attività di estetista. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. diploma di scuola media superiore (5 anni) presso un Istituto tecnico agrario maturità professionale (5 anni) presso un Istituto professionale agrario diploma universitario di durata triennale. avere la qualifica di enotecnico e almeno tre anni continuativi di attività nel settore vitivinicolo La durata del percorso formativo è di minimo 8 anni, di 5 più tre di esperienza lavorativa. 16

17 EDILIZIA FALEGNAME Il falegname svolge una attività che può essere molto differenziata, e può riferirsi ad esempio alle costruzioni e finestre ai mobili e arredamenti interni. Mentre l'attività di falegname in mobili e arredamenti interni si svolge quasi esclusivamente in laboratorio e riguarda la costruzione di mobili di vario genere, quella di falegname in costruzioni e finestre, è volta principalmente alla costruzione di porte, finestre e intelaiature che, una volta costruite, dovranno anche essere installate. Mentre il falegname di costruzioni e finestre usa maggiormente le macchine automatiche e semiautomatiche, il falegname da mobili e arredamenti interni svolge un'attività un po' più artigianale. Nei due casi, sulla base di un disegno tecnico che deve saper leggere correttamente, esegue con precisione, a macchina o a mano, tutte le operazioni che porteranno ad ottenere il prodotto finito: tracciare, segare, piallare, forare, incollare, lisciare, eseguire incastri, montare, ecc. Il falegname non lavora solo vari tipi di legno, dei quali deve conoscere tutte le proprietà, ma anche diversi materiali sintetici quali i laminati, le plastiche rigide ed il vetro. Di uso quotidiano sono pure le colle, le viti, i chiodi e tutti i prodotti per la pulitura e la conservazione del legno. Consulta la scheda completa disponibile su È sufficiente assolvere all'obbligo formativo ottenendo una qualifica professionale, frequentando un corso di formazione professionale regionale (a titolo di esempio "Falegname - mobiliere" "Falegname - ebanista" ore biennale) attraverso il percorso di apprendistato. COMMERCIO GASTRONOMO Il gastronomo deve possedere quelle conoscenze teoriche e quelle abilità pratiche necessarie per svolgere le sue mansioni: - Ricevere le merci e curare nel rispetto delle normative igienico sanitarie il loro stoccaggio; - curare e controllare la pulizia della cucina e dei magazzini prima, durante e dopo il servizio; - conoscere il funzionamento delle diverse attrezzature presenti un una cucina; - preparare i diversi prodotti e curare la loro presentazioni sia in piatti monodose sia in piatti di portata - Gestire un rapporto di vendita con il cliente - Costruire un menù - Porzionare i diversi prodotti - Utilizzare le attrezzature tipiche di un banco di gastronomia ( affettatrice, bilance, ecc). Lavora presso gastronomie e strutture della grande distribuzione. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di qualifica professionale presso Istituti professionali alberghieri (3 anni) e/ qualifica professionale nel settore turistico-ristorativo, ottenuta frequentando un corso di formazione professionale regionale. Esiste una variegata offerta di corsi di formazione sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio). E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. 17

18 SPORT GESTORE DI IMPIANTI SPORTIVI Il gestore di impianti sportivi deve saper gestire il rapporto con le banche ed il denaro, districarsi tra le innumerevoli normative fiscali e tributarie con l'intraprendenza del capace amministratore, affinare ed adattare con la frequentazione quotidiana e continua le sue capacità di dialogo, rapportarsi e relazionarsi con gli altri, avere un buon livello di manualità quando opera sui filtri delle piscine e dosa il cloro, quando sposta attrezzature, taglia l'erba del prato, "forchetta" i campi da tennis o si occupa della manutenzione dei pavimentazioni delle palestre. Le qualità salienti sono la managerialità e la tenacia tipica dell'artigiano, in altre parole deve essere un "manager artigiano", dove per manager si intende l'attitudine alla naturale leadership ed alla valutazione istintiva delle risorse disponibili, delle convenienze e delle strategie economico-finanziarie ed operative da attuare e per artigiano si intende la tipica predisposizione al lavoro manuale, alla fatica fisica ed organizzativa dell'intervento manutentivo e preventivo, in pratica la grande capacità di lavoro ed il "decisionismo" immediato nelle situazioni critiche. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di scuola superiore frequenza di un corso di formazione professionale regionale di specializzazione (es. "gestore di impianti sportivi"). EDITORIA GRAFICO Il grafico, in una piccola casa editrice, è spesso un libero professionista. Interviene in modo sporadico per la progettazione e il restyling di collane o per l'immagine complessiva della produzione editoriale. In altri casi al grafico si chiede anche di eseguire l'impaginazione, oltre che il progetto. In una grande casa editrice, invece, esiste la figura dell'art director, o direttore artistico, alla quale è delegata la responsabilità della qualità grafica di testi e immagini, ma anche la scelta di soluzioni riguardanti l'equilibrio economico e tecnico, valutando ciò che si può fare con i materiali e le macchine a disposizione, prendendo in considerazione vincoli e costi di produzione, e calcolando, in alcuni casi, una previsione globale di spesa. Il suo ruolo è di intermediazione tra le componenti intellettuali del libro, quelle materiali e quelle economiche, per assicurare la realizzazione concreta delle idee dell'editore. Il suo interlocutore principale è il direttore editoriale, con il quale concorda la linea e la qualità grafica delle opere: l'architettura generale (formato, rilegatura, brossura ecc.), la disposizione interna (scelta dei caratteri e del loro stile, presentazione, riproduzione e distribuzione delle illustrazioni ecc.), il confezionamento (disposizione della copertina e della sovraccoperta ecc.), l'imballaggio e l'eventuale pubblicità. Inoltre, verificano insieme che il prodotto, nelle successive fasi di elaborazione, sia coerente con le scelte effettuate. L'ufficio grafico lavora in stretta collaborazione con l'ufficio commerciale, con il quale mette in atto strategie promozionali; con la redazione, con la quale sceglie le immagini da inserire e prepara le copertine; con i fotocompositori e fotolitisti, con i quali definisce strumenti e tecniche per i risultati di stampa. Lavora in questo ufficio e sotto la guida dell'art director un numero variabile di collaboratori, spesso con compiti diversificati per collana o per settori di produzione. Consulta la scheda completa disponibile su diploma di scuola media superiore ad indirizzo tecnico (5 anni) corso di formazione professionale regionale (ad esempio Operatore per l'elaborazione grafica e l'impaginazione editoriale ore biennale) Alcuni enti organizzano corsi post-diploma a pagamento. 18

19 EDILIZIA GRUISTA Il gruista svolge la sua attività nei cantieri edili di imprese e cooperative, lavorando di conseguenza esclusivamente all'aperto. Il suo operato è di notevole importanza, indispensabile in tutti quei cantieri in cui occorre la movimentazione di carichi e materiali anche a pochi metri di altezza. Conosce la realtà del cantiere dove andrà ad operare dal punto di vista della tecnologia, della sicurezza, dei diritti e doveri, le fasi di lavorazione, l'esatta terminologia in uso nel cantiere edile. Conoscere con esattezza le diverse tipologie di gru, le forme, le modalità di installazione, le caratteristiche specifiche, le procedure di funzionamento, le normative di prevenzione. Il gruista sa eseguire tutte le operazioni di messa in funzione della macchina ad inizio lavori, quelle per la messa in riposo e provvede con scrupolo alla manutenzione ordinaria. Assiste e collabora con i muratori e i manutentori delle ditte specializzate. Se esistono più gru nelle immediate vicinanze deve stabilire con i colleghi la priorità dei tiri e tutte le procedure che possono interessare più mezzi. E' una figura molto ricercata sul territorio regionale, soprattutto in seguito alla assegnazione a Torino dei giochi olimpici del 2006, che ha comportato un ingente flusso di investimenti per la realizzazione e l'ammodernamento di strutture sportive e per l'accoglienza dei numerosi atleti, operatori, giornalisti, ecc che arriveranno a Torino. Consulta la scheda completa disponibile su assolvimento dell'obbligo formativo attraverso uno qualsiasi dei possibili percorsi (ad esempio diploma di scuola tecnica, qualifica professionale presso Istituto professionale, corso di formazione professionale presso agenzia formativa, qualifica ottenuta attraverso il percorso di apprendistato) frequenza ad un corso di formazione professionale regionale di specializzazione (ad. esempio "conduzione di gru-operatore manutentore" - 56 ore) TURISMO GUIDA TURISTICA La guida turistica svolge la sua attività, in base al tipo di specializzazione culturale, in posti differenti: generalmente musei, ma soprattutto città d'arte e luoghi di bellezza naturale. Una volta concordato il percorso turistico-culturale con l'agenzia di viaggio o con l'accompagnatore del gruppo, il suo compito è accogliere i turisti e "dirigerli" nei luoghi da visitare. Qui la guida fornisce informazioni storiche e culturali dei singoli monumenti o dell'area interessata, affinché i turisti possano fruire nel miglior modo possibile dei beni culturali ed ambientali illustrati. Oltre a monumenti o musei, oggetto della descrizione della guida turistica possono essere anche attività culturali, folcloristiche, di spettacolo o altre iniziative attinenti all'uso del tempo libero. Questa professione presuppone un notevole interesse storico, artistico, culturale per la propria città o per le località dove viene esercitata l'attività lavorativa. Viene richiesta la conoscenza di una o più lingue straniere e dei vari itinerari turistici. Oltre a ciò, sono necessarie buone capacità organizzative e doti di pazienza; conoscenza e comprensione di usi, costumi, esigenze e mentalità delle varie categorie di turisti; simpatia, presenza gradevole e capacità di suscitare emozioni. E' indispensabile una buona resistenza fisica, poiché la guida deve stare molto in piedi, parlando ad alta voce per lunghi periodi. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). diploma di scuola media superiore, preferibilmente presso un Istituto professionale servizi commerciali e turismo per avere l'abilitazione occorre frequentare un corso di formazione professionale regionale 19

20 SOCIOASSISTENZIALE INFERMIERE Oggi l'infermiere non è più un semplice assistente del medico, ma piuttosto una figura complementare a quella medica. Svolge la propria attività a favore delle persone di varie età, bambini, adulti, anziani, per aiutarle a preservare la salute e affrontare la malattia, o nel soccorrerle ed assisterle quando sono in grave pericolo di vita. Partecipa all'identificazione dei bisogni di salute, fisici, psicologici e sociali, della persona e della collettività. Pianifica, gestisce, attua e valuta attività di assistenza alla persona e alla collettività e partecipa alle attività diagnostico-terapeutiche (per l'identificazione e la cura delle malattie). Agisce sia individualmente sia in collaborazione con altri operatori sanitari e sociali. L'infermiere può svolgere la sua attività come dipendente o come libero professionista (sia individualmente sia attraverso la creazione di studi associati o cooperative sociali), in strutture sanitarie pubbliche o private (ospedali, case di cura, comunità ecc..), nel territorio (consultori, strutture poliambulatoriali...) e nell'assistenza domiciliare. Caratteristica principale è prendersi cura dell'"altro"; questo comporta impegno emotivo, ma dà l'opportunità di sentirsi utile. Disponibilità al rapporto interpersonale, capacità di entrare in contatto col malato, pazienza, sensibilità sono alcune delle doti attitudinali indispensabili per essere un buon professionista. Occorre essere poco impressionabili, possedere una sana e robusta costituzione, ed essere disponibili anche ad effettuare turni lavorativi spesso particolarmente gravosi (emergenze, orari notturni e festivi, ecc.). Le possibilità di sviluppo professionale dipendono sia dagli spazi offerti da un mercato dove la domanda di assistenza si va ampliando e diversificando per l'aumento di soggetti anziani e disabili, sia dalla propensione del singolo infermiere a maturare esperienze professionali e tenersi sempre formati e aggiornati. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). COMMERCIO MACELLAIO Il macellaio deve possedere quelle conoscenze teoriche e quelle abilità pratiche necessarie per svolgere le sue mansioni: - Conoscere la merceologia della carne - saper attrezzare e curare l'organizzazione del lavoro di un laboratorio di macelleria e di un banco di macelleria; - gestire gli acquisti e verificare la qualità e le conformità degli ordini; - saper riconoscere i diversi tagli della carne e il loro utilizzo - preparare e curare la presentazione delle diverse tipologie di carni intere o lavorate - Ricevere le merci e curare nel rispetto delle normative igienico sanitarie il loro stoccaggio; - curare e controllare la pulizia della cucina e dei magazzini prima, durante e dopo il servizio; - conoscere il funzionamento delle diverse attrezzature presenti in un laboratorio di macelleria; - saper gestire un colloquio di vendita con il cliente - saper consigliare il cliente sui diversi tagli e sui diversi utilizzi possibili. Lavora presso macellerie e strutture della grande distribuzione. Consulta la scheda completa disponibile in versione cartacea e sul CD-rom "Porte aperte" presso il Centro InformaGiovani del Comune di Torino (via delle Orfane 20). assolvimento dell'obbligo formativo eventuale frequenza a un corso di formazione professionale sia di livello base che di specializzazione organizzati dalle Associazioni degli imprenditori (Ascom, Confesercenti e Confcommercio) e da altre agenzia formative. E' utile, visto lo sviluppo turistico presente e futuro, la conoscenza di almeno una lingua straniera. diploma di scuola media superiore corso di laurea triennale in Scienze infermieristiche presso la facoltà di Medicina e Chirurgia. 20 La durata del percorso formativo è di minimo 8 anni. Per sviluppare la propria carriera sono previsti e attivati percorsi di formazione post base attraverso i corsi di Perfezionamento, i Master e la laurea Specialistica rispetto ai settori clinico assistenziale, ricerca, formazione e management.

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Elenco degli Annunci Trovati

Elenco degli Annunci Trovati Elenco degli Annunci Trovati Riepilogo Limiti Impostati: Da Data Scadenza 07/08/2015 A Data Scadenza 24/08/2015 Riepilogo Filtri Impostati: Inviato al Periodico: Internet Categoria Selezionata: CERCO LAVORO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass.

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass. EDILE ARTIGIANO PMI Retribuzioni in vigore dall' 01/01/2014 per assolvere gratis alla formazione obbligatoria sulla sicurezza prevista da art.37 TU e Stato Regioni caricamento nominativo dipendente dal

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli