PROGETTO DÌ GESTIONE DEL SERVIZIO DÌ ASSITENZA DOMICILIARE E SERVIZIO DÌ ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DÌ GESTIONE DEL SERVIZIO DÌ ASSITENZA DOMICILIARE E SERVIZIO DÌ ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI"

Transcript

1 PROGETTO DÌ GESTIONE DEL SERVIZIO DÌ ASSITENZA DOMICILIARE E SERVIZIO DÌ ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI REDATTO DALLO STAFF TECNICO SCIENTIFICO DE: L OASI SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. LEGALE RAPPRESENTANTE: Dr. Santamaria Mario COORDINATORE: E.P. Anselmi Claudia Roberta REFERENTE: E.P. Cocchi Elena

2 PRESENTAZIONE. La Società Cooperativa Sociale: L Oasi nasce a Pontevico (Bs) con atto di pubblicazione 22 settembre La storia della Cooperativa si può riassumere in tutti gli atti necessari al riconoscimento, a livello provinciale e regionale, della stessa e alle pratiche per il raggiungimento delle varie autorizzazioni al funzionamento e accreditamento dei Servizi gestiti direttamente dalla stessa, quali: Centro Diurno Disabili OASI in Quinzano d Oglio (Brescia). Servizio di Formazione all Autonomia Le Coccinelle in Pontevico (Brescia). Comunità Socio Sanitaria Oasi in Corte dè Cortesi con Cignone (Cremona). Centro Diurno Disabili L Incontro in Regona di Pizzighettone (Cremona). Comunità Alloggio Disabili Oasi 2 in Regona di Pizzighettone (Cremona). Casa Sobria (appartamenti protetti per famiglie in difficoltà) progetto realizzato in collaborazione con CARITAS Diocesana di Brescia, in Frazione Motella di Borgo San Giacomo (Brescia). modulo C.S.E. all interno del C.D.D. L Incontro in Regona di Pizzighettone (Cremona). Centro Diurno Integrato Anni Azzurri in Grumello Cremonese ed Uniti (Cremona). S.A.D. Servizio di Assistenza Domiciliare per i Comuni di Grumello Cremonese ed Uniti (Cr) e Pizzighettone (Cr). S.a.P. Servizio ad Personam Scolastico per i 12 Comuni del Distretto n. 8 della Bassa Bresciana. Mini Alloggi Protetti per Anziani in Grumello Cremonese (Cremona). Centro Socio Educativo Siwan in Orzinuovi (Brescia) L esperienza maturata dai nostri soci, in agenzie educative e di volontariato per persone anziane e/o in situazione di diverse abilità ci ha condotto a riflettere sui domini della qualità di vita delle persone a noi Affidate per finalizzare il nostro sentire, il nostro agire e il nostro modo di essere cooperatori. La Mission della Cooperativa è rivolta a garantire, nel rispetto dell individualità, della riservatezza e della dignità della persona; un elevata qualità

3 di vita dell Ospite fruitore dei nostri servizi. La considerazione dei peculiari bisogni psichici, fisici e sociali, attraverso un assistenza qualificata e continuativa, in collaborazione con la famiglia ed i servizi del territorio; è il cardine su cui ruota l intervento qualificato degli operatori. _ 1. La gestione del servizio S.A.D. & S.A.D.D. Persone di qualsiasi età con ridotte capacità di autonomia e/o scarsa capacità organizzativa rispetto alla gestione e cura della propria persona nella quotidianità, persone in condizioni di solitudine e d isolamento psicologico con difficoltà d integrazione/interazione con l ambiente esterno. Nuclei famigliari con soggetti a rischio di emarginazione e soggetti con disabilità intellettive e/o in presenza di situazioni di emergenza. Persone disabili che in ambito domestico e famigliare manifestano gravi disagi temporanei, permanenti e contingenti. 2. Obiettivi Garantire una Qualità di Vita dignitosa, ove particolari eventi (malattia, infermità, disabilità, ecc.) concorrano ad una progressiva degenerazione della situazione. Evitare ogni forma d istituzionalizzazione non strettamente necessaria. Consentire la permanenza della persona all interno del nucleo famigliare e del proprio ambiente di vita e mantenere un esistenza libera anche se parzialmente protetta. Sostenere i famigliari di persone non più autosufficienti e/o disabili.

4 Impedire l emarginazione dei soggetti più deboli. 3. Strumenti Il servizio è costituito dal complesso di prestazioni di natura socio-assistenzialeeducativa prestate al domicilio di persone anziane e/o disabili ed in genere in nuclei famigliari comprendenti soggetti a rischio di emarginazione sociale. Le attività socio assistenziali svolte sono: Aiuto nella cura della persona: igiene personale totale e/o parziale, vestizione, mobilizzazione della persona allettata, aiuto nell assunzione dei pasti, nella corretta deambulazione, mobilizzazione di arti invalidi e tutto ciò che è afferente alla cura della persona; Semplici attività per la tutela igienico sanitaria della persona (interventi non legati a situazioni di rischio specifico e non separabili dall attività integrata di assistenza diretta alla persona): controllo dell assunzione dei farmaci, frizioni per la prevenzione del decubito, mobilizzazione arti invalidi, accompagnamento dell utente per visite mediche o altre necessità, accompagnamento per il disbrigo di pratiche varie e per prestazioni sanitarie; Aiuto per il governo e/o ri-governo dell alloggio e per le attività domestiche: cura delle condizioni igieniche dell alloggio, aiuto nella preparazione dei pasti, commissioni varie; Supporto per la socializzazione e gli eventuali percorsi educativi/scolastici/formativi anche attraverso il rafforzo della collaborazione con le figure famigliari, parentali, amicali e di vicinato per eludere, quanto più possibile, atteggiamenti di passività e di dipendenza; Attività di supporto ed integrazione in collaborazione con il Servizio Sociale di riferimento: collaborazione alla definizione dei piani di lavoro, degli obiettivi, alla verifica dei risultati sottesi; Attività di osservazione, monitoraggio e verifica in itinere della situazione;

5 L operatore domiciliare e il ruolo educativo. Aiutare all autonomia ed essere di sostegno. Ogni operatore domiciliare ha un ruolo educativo. Ogni intervento consente alla persona anziana e/o disabile di attuare, per quanto possibile anche un piccolo cambiamento verso l autonomia, ma anche verso la consapevolezza del sostegno che i famigliari rappresentano. Spesso questo ruolo è agito attraverso la propria relazione attenta, empatica e autorevole e non attraverso l uso del linguaggio. Alla base dell approccio relazionale è necessaria una completa apertura mentale rispetto alla visone della persona anziana e/o disabile con la completa convinzione che ciascun essere umano adulto sia rappresentativo di una vita matura, ricca di trascorsi e con una dignità da rispettare nella sua individualità. L obiettivo della relazione educativa con la persona anziana e/o disabile è di aumentare gli spazi di autonomia, anche la stessa autonomia di giudizio nei confronti di ciò che facciamo. In alcune situazioni il ruolo educativo sarà inteso come trasmissione di conoscenze che concorrono al progetto individuale, sia esso redatto insieme: alla persona, al caregiver, al solo famigliare e al Servizio Sociale. Il linguaggio è lo strumento preferenziale di relazione. Esso dovrà essere appropriato alla cultura e alla capacità di comprensione dell interlocutore. Diverso, invece, il linguaggio con persone affette da demenza o altri disturbi cognitivi: qui un estrema semplificazione potrà essere assolutamente necessaria. Occorre trasmettere contenuti chiari, corretti e pertinenti capaci di accrescere, quindi, il bagaglio conoscitivo della persona. La comunicazione dovrà essere finalizzata alla trasmissione delle conoscenze, ma anche ottenere collaborazione. Essa dovrà essere completa e propedeutica alla

6 compressione contenutistica; dovrà, inoltre, essere adeguata al contesto e giocare un ruolo principale sulla motivazione ad aiutare ed essere aiutato ad aiutare. La comunicazione dovrà essere valorizzante di ogni piccolo sforzo fatto dalla persona e, se i risultati potranno essere condivisi, sarò solo dalla comprensione e dalla connotazione positiva dell impegno che si potranno suggerire cambiamenti. Nella relazione con l utente e i famigliari sarà utile la decodifica dei silenzi. Conosce il silenzio come ascolto, rifiuto, rifugio, allontanamento, isolamento. L operatore dovrà anche riflettere ed ascoltare se stesso per auto valutarsi nelle azioni quotidiane. Sostegno alla famiglia. L operatore domiciliare è in contatto con il sistema famiglia. Quest ultima può presentare particolarità che richiedono attenzioni specifiche di rapporto e ruolo instaurati, ma anche nei progetti di assistenza ai bisogni e di sostegno che s intendono realizzare. Le strategie relazionali nei confronti dei famigliari saranno orientate a: Supporto alla consapevolezza del proprio ruolo di famigliare nel lavoro di cura; Rapporto di fiducia, stima, collaborazione con i cargivers; Ascolto e rassicurazione; Informazione e comunicazione tendenzialmente ottimistica, Dialogo autorevole e NON AUTORITARIO; Gradualità nell approccio alle relazioni e senso di realismo; Assunzione del ruolo professionale; Rispetto dei tempi sia dell utente sia dei famigliari; Coinvolgimento dei supporti informali (vicinato, parenti, volontariato.) Anche nel caso in cui il cargiver presenti carenza dal punto di vista delle capacità /competenze assistenziali, il processo di valorizzazione sarà indispensabile, con tutti

7 gli accorgimenti, per introdurre forme di aiuto, sostegno, parziale sostituzione soprattutto per diminuire, ove presente, il senso di frustrazione e inadeguatezza del famigliare. L integrazione con le risorse territoriali. Per rispondere ad un bisogno in modo efficiente ed efficace alla persona anziana e/o disabile l operatore domiciliare sarà a conoscenza dell importanza del lavoro in rete dei servizi. Egli stesso valorizzerà i punti di raccordo con il Comune, l ASL, L Oasi, le associazioni culturali e di volontariato presenti sul territorio. L operatore sarà preparato e sensibilizzato alla capacità di saper analizzare la situazione territoriale in termini di risorsa per la persona a domicilio e di trovare modalità di comunicazione, di condivisione, di donare e saper ricevere. L assistenza domiciliare non potrà ridurre il proprio ruolo al solo intervento socio-assistenziale, ma si attiverà in un progetto integrato tra servizi e risorse nel promuovere e consolidare un continuo stimolo alla ricerca-azione nell azione quotidiana degli operatori attraverso una conoscenza professionale finalizzata a: Non rimanere in una situazione di attesa passiva; Non consentire una vita isolata; Non estinguere il valore della vita e del piacere della medesima Indicatori verificabili. La Società Cooperativa Sociale: L Oasi, nel processo di erogazione del servizio S.A.D. & S.A.D.D., adotta un insieme d indicatori, quale strumento per la valutazione e la verifica dell efficienza gestionale e dei risultati conseguiti nell esercizio delle sue attività socio-assistenziali-educative. Gli indicatori rappresentano informazioni selezionate allo scopo di misurare i cambiamenti e le situazioni osservate nel processo di erogazione delle prestazioni e conseguentemente orientare percorsi di miglioramento. Indicatori di efficienza. Numero di ore erogate

8 Numero di operatori presenti nel servizio e indice del loro turn over Numero di utenti seguiti Numero d incontri d équipe Numero d incontri di supervisione Numero di ore erogate di formazione Indici delle prestazioni svolte Indici delle patologie dei casi seguiti Indicatori di efficacia. Misura della valutazione delle prestazioni erogate Misura della valutazione e monitoraggio delle autonomie dei casi Grado di soddisfazione degli utenti Grado di soddisfazione del committente Livello di valutazione degli operatori Livello di formazione acquisita dagli operatori. Lo staff operativo della Società L Oasi provvede alla raccolta dei dati, alla elaborazione e alla restituzione degli stessi attraverso la redazione annuale del Bilancio Sociale. 3.2 Fonti di verifica. Customer care Verbali degli incontri d équipe Verbali degli incontri di supervisione 3.3 Risorse professionali impiegate. Le attività socio-assistenziali-educative prestate a domicilio dell utente dei servizi S.A.D. & S.A.D.D. sono svolte da personale A.S.A./O.S.S./Operatori Sociali adeguatamente preparati allo svolgimento della funzione. Gli operatori impiegati nei servizi rappresentano uno staff permanente; essi sono selezionati dal Coordinatore e dal Referente dei Servizi sulla base dei seguenti pre-requisiti:

9 Qualifica professionale adeguata al ruolo Esperienza certificata nel settore socio-assistenziale-educativo di almeno un anno. Motivazione alla pratica lavorativa specifica Competenze professionali: Capacità diagnostiche: comprendere e interpretare le richieste della persona; valutare l efficacia degli interventi e delle attività; osservare i comportamenti; conoscere le fasi di sviluppo fisico e psicologico delle persone anziane e/o disabili. Capacità relazionali: lavorare in équipe; rapportarsi in modo positivo con l utente, la famiglia, i colleghi; stimolare e coinvolgere l utente nel suo progetto assistenziale. Capacità operative: prendersi cura della persona e dei suoi bisogni fisici; curare l ambiente di vita; aiutare la persona nelle basilari funzioni: movimento, cognitive e assunzioni del cibo. Attitudini personali: aspetto fisico curato e ordinato; corretta comunicazione verbale; capacità di ascolto, codifica e decodifica; capacità di problem solving. Il coordinatore del servizio S.A.D. & S.A.D.D. Il servizio S.A.D. & S.A.D.D. sarà seguito nella sede operativa della Società L Oasi di Pizzighettone. Ne è responsabile operativo il coordinatore. Egli è la figura di riferimento degli operatori; garantisce la sua presenza e/o reperibilità per 6 giorni settimanali anche e soprattutto per le situazioni di emergenza. Il coordinatore è nominato della Società ed è nominato in base ai seguenti requisiti: Buona conoscenza del servizio specifico Capacità di gestione delle risorse umane Capacità di problem solving Capacità di osservazione e valutazione Egli ha funzioni di: Reclutare, organizzare, valutare il personale del servizio;

10 Controllare che gli operatori rispettino l orario di lavoro e le indicazioni segnalate dal Servizio Sociale. Valutare le prestazioni erogate dagli operatori. Pianificare le ferie e le assenze degli operatori. Provvedere alla sostituzione degli operatori assenti, garantendo la copertura del servizio entro le 24 ore, in accordo con il Servizio Sociale del Comune. Organizzare le riunioni con il personale Mantenere i contatti con il Servizio inviante. Presenziare all équipe assistenziale e collaborare con l Assistente Sociale alla stesura del P.A.I. Segnalare alla Direzione della Società i bisogni formativi evidenziati. Segnalare alla Direzione della Società le situazioni che interessano gli operatori e il servizio di complessa entità. Mantenersi aggiornato sulle tematiche afferenti la gestione del servizio S.A.D. & S.A.D.D. partecipando ad incontri, corsi, e progetti di formazione promossi dalla Società. Il referente del servizio S.A.D. & S.A.D.D.. Il referente del servizio S.A.D. & S.A.D.D. è figura coadiutrice del coordinatore presente presso la sede operativa della Società L Oasi di Grumello Cremonese ed Uniti. Collabora a tutte le funzioni previste per il coordinatore. Il supervisore del servizio S.A.D. & S.A.D.D.. La Società L Oasi ritiene la supervisione un attività formativa e di crescita privilegiata la cui funzione è affidata ad un professionista interno alla Società con esperienza di formazione e supervisione. Il supervisore ha il compito di attivare la relazione di aiuto in setting protetto nel quale l esperienza conoscitiva è trasmessa attraverso una metodologia relazionale di tipo circolare e ricorsiva, dover la riflessione sugli atteggiamenti inadeguati restituiscono creatività al lavoro e flessibilità nell affrontare le azioni quotidiane. Il supervisore ha la funzione di:

11 Analizzare le azioni quotidiane nella sua particolarità e approfondire la natura dei rapporti con i colleghi e con gli utenti. Analizzare le reti di relazione e individuare gli interlocutori significativi. Analizzare gli eventi critici, le difficoltà, la narrazione degli eventi e l analisi della situazione critica dell evento. Il supervisore garantisce la sua presenza in 1 incontro bimestrale della durata di 2 ore. 3.4 Reclutamento, selezione, inserimento nel servizio del personale. Prima fase I canali di reclutamento del personale professionale passano attraverso: Nominativi forniti dalle scuole di formazione professionale. Nominativi forniti dalla rete consortile Seconda fase Gli strumenti di valutazione adottati nella fase della selezione sono i seguenti: Il colloquio La prova sul campo Il colloquio ha l obiettivo di fornire informazioni sull identità della Società; informazioni sul servizio specifico e informazioni sul rapporto di lavoro. Il colloquio ha, inoltre, l obiettivo di osservare il candidato nella comunicazione verbale e comportamentale e nella capacità di ascolto e riflessione. Terza fase La prova sul campo ha l obiettivo di: Valutare le tecniche professionali Valutare il vissuto dell esperienza Valutare l apprendimento relazionale, operativo e contestuale.

12 Valutare il grado di coinvolgimento emotivo. Valutare la volontà rispetto alla disponibilità di cambiare il proprio modo di pensare, agire, sentire. Valutare la disponibilità a prestare attenzione ai suggerimenti e consigli. Valutare le riflessioni che il candidato ha osservato e sulle difficoltà riscontrate. Valutare l impegno personale ad acquisire modalità costruttive attraverso le difficoltà riscontrate. Quarta fase Completata la valutazione del candidato, in caso di esito positivo, il coordinatore in accordo con il Referente dei Servizi Sociali del Comune, procede all accoglienza e all inserimento nel servizio dell utente. Il coordinatore ha il compito di fornire al nuovo operatore tutti i dati informativi in merito alle proprie mansioni. 3.5 Gestione delle sostituzioni del personale assente. Le sostituzioni degli operatori sono previste nelle seguenti situazioni: In caso di assenza programmata: il coordinatore del servizio procede con la comunicazione al referente istituzionale della sostituzione. Precedentemente il coordinatore predispone tutte le azioni afferenti la presa in carico per l operatore in sostituzione. In caso di assenza immediata: la sostituzione è garantita entro le 24 ore anche se per alcuni casi può essere possibile in 12 ore. Non essendo possibile, in tal evenienza, un adeguato affiancamento, il coordinatore documenta l operatore in sostituzione la situazione dell utente. La comunicazione dell assenza è inoltrata al referente istituzionale entro la mattinata del medesimo giorno al fine di provvedere tempestivamente ad informare gli

13 utenti. Contemporaneamente il coordinatore comunica il nominativo dell operatore in sostituzione concordando anche le modalità più adeguate per evitare o contenere le situazioni di disagio agli utenti. È elemento di preferenza, la continuità degli stessi operatori supplenti per garantire qualità ed efficacia al servizio erogato. 3.6 Contenimento del turn over degli operatori. La continuità delle persone all interno dell organizzazione è sinonimo di stabilità della Società; di clima sereno e di benessere psicologico. La continuità è altresì elemento fondamentale per raggiungere obiettivi concreti e stabili nel tempo a beneficio degli stessi operatori che vi appartengono. La Società L Oasi intende perseguire le scelte etiche e gestionali in merito alla valorizzazione delle risorse umane adottando modalità di trattamento utili anche al contenimento del turn over degli operatori medesimi. 3.7 Valutazione del personale impiegato nel servizio S.A.D, & S.A.D.D. La valutazione degli operatori interessa alcuni ambiti di capacità dell attività professionale. La valutazione è espletata dal coordinatore attraverso l apposito modulo. 3.8 Formazione e aggiornamento del personale impiegato nel servizio S.A.D. & S.A.D.D. La Direzione della Società L Oasi valuta i bisogni formativi degli operatori nel servizio sulla base di indicazioni rilevate dal coordinatore. 3.9 Erogazione del servizio.

14 L erogazione del servizio S.A.D. & S.A.D.D. è caratterizzato da un0interazione di elementi gestionali e organizzativi che concorrono ad identificare un processo ben definito nella successione delle fasi, nelle responsabilità e nella documentazione da adottare e produrre Valutazione del servizio S.A.D. & S.A.D.D. La Società L Oasi ritiene che il modello di valutazione più congeniale alla tipologia del servizio sia definito come un processo di comunicazione che vede interloquire più soggetti: L utente/la famiglia L operatore Il coordinatore e il referente del servizio Il referente istituzionale verso la produzione di significati comuni e condivisibili. Per rendere effettivo un sistema di valutazione è necessario predisporre di dati oggettivi che consentano la predisposizione di un sistema di misurazione e programmazione di attività di verifica Valutazione. La valutazione è effettuata, per ciascun attore coinvolto, attraverso la somministrazione di customer care Gestione dei reclami. Il SGQ della Società L Oasi applica la procedura della raccolta e del trattamento dei reclami e delle segnalazioni che possono pervenire dai committenti, dagli utenti e dagli operatori. La gestione dei reclami segue la presente prassi operativa:

15 Il coordinatore recepisce il modulo di reclamo sottoscritto. La segnalazione è inoltrata al Responsabile SGQ che verifica la fondatezza del reclamo. Il Responsabile SGQ inoltra i dati alla Direzione. Se il reclamo è fondato il responsabile SGQ registra la non conformità e procede, insieme alla Direzione, all azione correttiva Trattamento e tutela dei dati sensibili: Legge 196/2003. Con riferimento e in ottemperanza a quanto prescritto dalla Legge 196/03 codice in materia di protezione dei dati personali, tutti i dati personali con particolare attenzione ai dati classificati sensibili sono trattati e tutelati esclusivamente da personale autorizzato. I documenti in formato cartaceo contenenti dati personali degli utenti e degli operatori sono conservati in appositi armadi chiusi a chiave gestiti dal sistema informatico della Società. Il sistema informatico della Società L Oasi è gestito da un Server protetto. I provvedimenti adottati per la sicurezza dei documenti e dei dati gestiti in formato elettronico sono: Il controllo degli accessi Il backup dei documenti e dei dati La protezione contro i virus.

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Dal PEI al Progetto di Vita L ovvietà delle sigle, la routine delle pratiche Il potere delle procedure di progettazione individualizzata Porsi domande

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli