1. 'Schnabelkanne' bronzea. Cambridge (Mass.), Fogg Art Museum.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. 'Schnabelkanne' bronzea. Cambridge (Mass.), Fogg Art Museum."

Transcript

1 Originalveröffentlichung in: Prospettiva 20, 1980, S La 'Schnabelkanne' della collezione Watkins nel Fogg Art Museum e vasi affini Ingrid Krauskopf sposte su lievi costolature, delle quali la centrale, nella parte superiore, si apre in due fregi di perle. Ad entrambe le estremità essa è poi fornita di attacchi a testa di satiro (figg. 2-3). La superiore si protende entro l'imboccatura e, nella porzione frontale, a differenza di quanto si constata nell'attacco inferiore, ove appare poco curata, è modellata con vigore; nel suo complesso inoltre è meno aderente alla superficie, sì da svilupparsi con più accentuata plasticità (fìg. 2). Tranne questa differenza, dovuta alla modalità di applicazione, i due satiri sono gli occhi, un po' sporgenti. Le piccole teste campane in terracotta considerate da V.H. Poulsen si avvicinano notevolmente, nella foggia della capigliatura e nelle proporzioni del volto, ai satiri Watkins; 4 ancor più simile è la testa di satiro su un askos proveniente da Cuma 5 che, con essi, ha in comune anche la struttura del naso, assai espanso, che invece nelle teste capuane testé richiamate non è altrettanto pronunciato. Basandosi su questi confronti Poulsen e, in seguito, S. Doeringer attribuiscono la brocca ad una bottega campana. Le strette relazioni fra Etruria e Campania in epoca arcaica, che portarono ad un temporaneo predominio etrusco in quella regione, non hanno mancato, com'è noto, di influenzare la produzione artistica di entrambe le aree ed hanno reso in molti casi diffìcile una netta delimitazione fra ciò che è etrusco e ciò che è campano. Questa difficoltà si ripresenta costantemente proprio nel settore dei manufatti in bronzo, spesso pezzi unici che solo di rado si possono riunire in serie più numerose 1 (i dinoi campani in bronzo, che, in base alla statistica dei rinvenimenti, possono essere assegnati a Capua, restano un'eccezione). Così, anche nel caso del frammento di una 'Schnabelkanne' bronzea a corpo biconicheggiante, che proviene dalla collezione Watkins e si trova oggi nel Fogg Art Museum (figg. 1-3), le attribuzioni oscillano fra Campania ed Etruria. 2 L'oinochoe, della quale si conservano solo il collo, la bocca e l'ansa, fu lavorata in modo sorprendentemente accurato. Il labbro, leggermente piegato verso l'esterno, è ornato da un fregio a perle e ovuli. Al di sotto, il becco è decorato da un'ampia scanalatura compresa fra due file di perle; segue una treccia formata da tre linee parallele incise, con punti nelle zone libere tra le singole fasce. 3 Un fregio a perlinatura incorniciato da due scanalature sostituisce il limite inferiore della zona decorata. Nel punto in cui il collo comincia ad allargarsi, là dove subentra la spalla, correva una seconda treccia racchiusa da due file di perle, di struttura perfettamente uguale a quella superiore, ma procedente nella direzione opposta, come risulta da un piccolo frammento conservatosi sul lato sinistro. L'ansa, fusa, è decorata da tre sequenze perlinate di- 1. 'Schnabelkanne' bronzea. Cambridge (Mass.), Fogg Art Museum. pressoché uguali : entrambi hanno una folta barba suddivisa in linee ondulate, sulla quale ricadono in lunghe ciocche i baffi; nell'attacco inferiore, in corrispondenza del centro del labbro inferiore, al di sotto di esso, è realizzato un altro ciuffo di peli più corti. I capelli risultano un po' più plastici della barba, ma articolati in modo analogo. Le lunghe orecchie appuntite aderiscono inorganicamente alla calotta. Le guance, fortemente rigonfie, sono distinte dall'attacco della barba mediante una scanalatura. Il naso, molto sottile alla radice, si allarga fortemente; le pinne nasali, carnose, raggiungono la larghezza del labbro superiore e sono separate dalle guance da una piccola scanalatura arcuata. Ampie palpebre incorniciano La forma del vaso è però di origine etrusca. Le 'Schnabelkannen' in bronzo a corpo biconicheggiante, che corrispondono alla forma VI Beazley delle oinochoai attiche, appaiono per la prima volta in Etruria alla fine del VI sec. a.c. o all'inizio del V, leggermente più tardi delle 'Schnabelkannen' del tipo Jacobsthal. Esse sono attestate appunto in Etruria in elevato numero già nei primi anni del V sec. a.c; gli esempi più antichi restituiti da contesti databili provengono da tombe di Bologna. 6 La forma venne ripresa molto presto da vasai attici, ma in un primo momento non si diffuse ampiamente nel mondo greco. È ovvio pensare che queste brocche, fin dall'inizio, fossero destinate all'esportazione in Etruria, come si era in precedenza [Saggi] 7

2 verificato per le anfore nicosteniche e come, all'incirca nello stesso perio do, accadeva forse anche per altri vasi bronzei imitanti modelli di oinochoai attiche.7 Che il prototipo debbe essere stato etrusco e non greco risulta dal fatto che, nel V secolo, il numero delle oinochoai greche in argilla è in significante rispetto alla quantità, di gran lunga maggiore, di esemplari etruschi in bronzo: un rapporto que sto che è tanto più significativo in quanto, generalmente, i vasi in bron zo si sono conservati in numero molto più scarso di quelli fittili. Solo alla fine 'Schnabelkanne', particolari degli attacchi dell'ansa. Cambridge (Mass.), Fogg Art Museum. del secolo questa forma vascolare si fa più frequente nella ceramica greca a vernice nera,8 e soltanto a partire dal I V sec. a.c. si conoscono oinochoai greche in bronzo di questo tipo.9 Ma, anche in tale epoca, il novero degli esemplari etruschi è di gran lunga su periore a quelli greci. Torniamo comunque alla brocca Wat kins, di cui abbiamo tralasciato di definire la cronologia e la provenienza possibile. Tutte le altre oinochoai di questa forma trovate in Campania e nella Magna Grecia non sono mol to numerose hanno notevoli e strette analogie in Etruria e nell'italia centrale e si possono facilmente indi viduare come importazioni etrusche.10 Ma nemmeno il pezzo Watkins è com pletamente isolato. Ad un vaso dello stesso tipo pertiene infatti un'ansa conservata a Vienne, menzionata già nel catalogo della collezione Watkins, 8 desinente proprio con due attacchi a testa di satiro11 (figg. 4-5). A differen za dell'oinochoe del Fogg Art Museum, la testa superiore è qui fissata in maniera che, anziché dentro l'im boccatura, guarda verso l'alto (fig. 4), sì che, osservando il vaso di prospet to, si vedeva la nuca del satiro. Tipo logicamente le teste di Vienne sono uguali alle Watkins e molto simili an che per lo stile, benché realizzate meno accuratamente; la barbula sot tostante il labbro inferiore, appena accennata nei satiri Watkins, è qui indicata più chiaramente. Mentre del- [Saggi] A l'oinochoe di Vienne è ignoto il luo go di rinvenimento, una ora esposta nel Museo di Grosseto (figg. 6-8) pro viene invece verosimilmente dall'etruria.12 Le teste satiresche della sua an sa (figg. 7-8) sono uguali, nella dispo sizione e nell'esecuzione, a quelle di Vienne; differenze si riscontrano solo nei dettagli: la barba del satiro infe riore è percorsa da linee rette anzi ché ondulate, quella del superiore è più appuntita. La brocca stessa esibi sce sul labbro un ornato a perle e ovuli identico a quello della Watkins. Nello stesso punto di quest'ultima, os sia all'innesto del collo con la spalla, corre una treccia estremamente simile a quella appunto della Watkins. Nella zona di massima espansione, sopra e sotto la carenatura, è posto un singo lare ornamento, costituito da tre file collegate di squame orizzontali, con articolazioni interne analoghe a quel le dell'oinochoe londinese richiamata poi a nota 40. Subito sopra la base si snoda un'altra treccia. Come gli attacchi dell'ansa, anche i motivi incisi sono eseguiti un po' più affrettatamente che sulla Wat kins, che possiamo comunque imma ginare decorata in modo analogo. Per il tipo di testa si riconnette alle precedenti anche un'ansa proveniente da Todi e conservata nel Museo di Villa Giulia13 (fig. 9), che appartiene tuttavia ad una diversa forma di oinoche, a bocca trilobata, ed è fornita di un attacco a testa di satiro esclusiva mente all'estremità inferiore. Come l'ansa di Vienne, essa pure presenta tre file di perle disposte in senso ver ticale.14 Le teste di satiro dei quattro esem plari citati differiscono solo in alcuni dettagli. Le anse di Vienne, Grosseto e Villa Giulia/Todi esibiscono mag giori affinità; l'oinochoe Watkins è su periore alle altre per qualità. Queste tuttavia non presentano alcuna carat teristica stilistica indipendente che in duca a ritenerle imitazioni provinciali di un modello importato; potrebbero piuttosto essere attribuite al medesimo centro di produzione, se non alla stes sa bottega, della Watkins. Sia la forma di questa sia i documenti di confronto (Todi, Grosseto) ci indi rizzano dunque verso l'italia centrale. Dobbiamo quindi domandarci se dav vero il tipo delle teste di satiro si ri trovi soltanto in Campania o se non se ne riscontrino attestazioni anche nell'italia centrale. Com'è noto, i vari tipi di teste campane in terracotta raggruppati da Riis hanno influenzato diversi centri artistici etruschi e del l'italia centrale: possono derivare da essi, per esempio, tanto le antefisse a testa di Acheloo di Chiusi, O rvieto, Tarquinia e Populonia15 quanto l'antefissa con il demone serpentiforme di Satrico.16 Allo stesso modo, si dovreb bero ricercare nell'italia centrale i termini di confronto per il nostro tipo di testa satiresca. Marcatamente affini sono i satiri di un gruppo di anse di anfore al quale ap partengono la celebre anfora a punta proveniente da Schwarzenbach, con servata a Berlino, e quella dei Musei Vaticani.17 Le proporzioni della testa, la foggia della barba e dei capelli cor rispondono, anche se nei satiri delle anfore la capigliatura è un po' più folta; le orecchie aderiscono alla testa nella medesima maniera; il naso ha una struttura simile, anche se non è

3 proprio così poderoso come nelle anse delle oinochoai. Corrisponde infine anche la forma delle anse con le tre file di perle. Ma, per quanto riguarda la loro localizzazione, le anfore a pun ta sollevano lo stesso problema della brocca Watkins, essendo ritenute da alcuni etrusche e da altri magnogreche,18 sì che non possono esserci dun que per il momento di ulteriore, aiuto. Nell'ipotesi di un'origine etrusca, le anfore sono state riferite comunemente alle botteghe di Vulci. Un legame con i tipi di satiro vulcenti mi sembra tut tavia improbabile. Le teste di satiro delle oinochoai si distinguono per la notevole plasticità delle singole parti del volto : occhi, guance, naso e bocca sono modellati con forza e vitalità; tuttavia non si fondono in un insieme, ma sono in parte fortemente staccati l'uno dagli altri. La fronte, a seconda della modalità di applicazione delle teste, può essere quasi inesistente o decisamente arcuata. Ma anche in questo caso le manca la giusta combi nazione con la metà inferiore del vi so. Barba e capelli sono pure pezzi isolati: non spuntano dalla testa né si fondono in una cornice che inquadri o dia forma al volto. Troviamo una si mile tendenza, se pure più contenuta, nei satiri delle anse di anfore, nelle quali corrisponde anche la maniera in cui la testa, le braccia e le gambe sono attaccate al corpo ed al tronco. Gra zie al rendimento plastico delle sin gole parti i satiri risultano, a prima vista, assai vivaci; ma, ad una seconda osservazione, si nota che le membra non sono fuse adeguatamente insieme: mi sembra che questa inorganica giu stapposizione delle singole parti del corpo costituisca un argomento deci sivo contro l'attribuzione ad una bot tega greca.19 Un'analoga sfasatura espressiva si ritrova, per esempio, nell'hydria proveniente da Locri,20 nel Museo Nazionale di Napoli, ma là questa tendenza è così esagerata che, nella sua artificiosità, si lascia riconoscere come un voluto arcaismo. Ciò non può dirsi assolutamente per i nostri satiri, che devono apparire na turali e vivi per quanto è possibile. Ed effettivamente è possibile. ce e mento; i capelli stanno sul cranio come un berretto.ad esso aderiscono le orecchie, che non sono lunghe ed appuntite come quelle dei satiri delle oinochoai e delle anfore, ma più ro tonde, simili piuttosto alle orecchie dei cavalli che degli asini. Il rapporto fra il tronco e le membra rivela la stessa tendenza. In nessun bronzo di Vulci le braccia e le gambe si raccor dano al tronco così direttamente co me nei satiri delle anse delle anfore; i loro corpi sono articolati in modo più naturale. Né le anfore né le oino choai possono dunque provenire da Vulci. I i t chiusine risentono dell'influenza greca, da esse assimilata sulla strada per la Campania, il Lazio, l'etruria meridio nale;24 prima che altrove, dovremo per tanto cercare qui i parenti dei nostri satiri. In questa zona pochi sono i bronzi richiamabili per confronto, dei quali si conosca con attendibile sicu rezza la provenienza. È invece, innan zitutto, possibile addurre un confronto con antefisse in terracotta. Le antefis se di diversi indirizzi stilistici prove nienti da Cerveteri25 ed un satiro bron zeo, pertinente ad un mobile e conser vato a Napoli,26 che Hus ha ascritto V i <. f, * m s w f 5. Ansa bronzea, particolare dell'attacco inferiore. Vienne, Musée Municipal. a Caere, hanno più armoniose propor zioni del viso e, soprattutto, nasi più piccoli. Il volto è racchiuso da una cornice formata dai capelli e dalla barba e le singole parti si fondono in un insieme unitario. Questo fatto è particolarmente evidente nelle ante fisse del tempio di P ortonaccio a Veio,27 che, nel settore bocca-guancenaso, si avvicinano ancora di più ai 4. Ansa bronzea. Vienne, Musée Municipal. satiri degli attacchi delle oinochoai. È possibile piuttosto un confronto con Oltre che per la disposizione della con i bronzi di Chiusi,23 anche se in capigliatura, si distinguono comunque essi non si ritrova nella stessa misura da questi ultimi anche per le orecchie l'isolamento di ciascuna delle singole equine, vistosamente 'a sventola' ed parti dalle altre. Del resto, i satiri impostate nel punto di passaggio tra chiusini appaiono più manierati, pri capelli e barba. Nella forma delle vi di quella forte vitalità che con orecchie si accosta piuttosto ai satiri nota il nostro gruppo. In quest'ulti delle 'Schnabelkannen' un'antefissa di mo, al contrario, non si trova mai la cui sono note repliche da Narce e da 28 caratteristica di quelli di Chiusi, vale Veio, nella quale tuttavia il naso è 21 Al contrario, i satiri di Vulci si di a dire i capelli acconciati a berretto notevolmente piccolo rispetto alla boc stinguono per le teste decisamente ro (con le orecchie aderenti) che si ri ca. Mentre in tutte queste antefisse tonde, la cui superficie si articola or chiudono ad arco sopra la fronte. a permettere un confronto erano solo ganicamente nella fronte, negli occhi, i singoli lineamenti, alcune altre pronelle guance, nel naso, nella bocca e Già altri hanno fatto ripetutamente nel mento.22 La barba spunta da guan osservare che i prodotti delle officine [Saggi] 9

4 venienti da Satrico 29 e Falerii 30 ed una replica rinvenuta a Roma sull'esquilino 31 si avvicinano maggiormente ai satiri in bronzo per l'insieme del volto. Presentano lo stesso naso, stretto alla radice e allargatesi con sporgenti pinne carnose, gli stessi baffi insinuati tra naso e bocca, la stessa folta barba attaccata molto vicino al naso e distinta dalle guance per mezzo di una scanalatura che sale ad arco fino all'altezza degli occhi, essi pure un po' sporgenti. Hanno altresì le medesime orecchie piuttosto sottili ed appuntite, similmente erette sopra i capelli e non aderenti alla testa, come nei satiri degli attacchi, ma molto meno vistose di quelle delle citate antefisse a satiro da Veio e da Caere, in quanto parzialmente nascoste da corone di petali o rosette. Come negli attacchi in bronzo, le singole parti del volto, modellate assai plasticamente, stanno giustapposte l'una all'altra, prive di continuità organica, cosicché i volti, nel complesso, rimangono relativamente aderenti alla superficie. Pezzi provenienti dall'italia centrale simili alle oinochoai con testa satiresca si trovano soprattutto nel Lazio e nel territorio falisco, regioni che finora non erano affatto note per una fiorente industria del bronzo (con la sola eccezione di Praeneste). Ma già S. Doeringer nel catalogo della collezione Watkins (v. nota 2) ha richiamato l'attenzione su di un ristretto gruppo di bronzi conservati a New York ed a Boston, per lo più provenienti da Civita Castellana, che con l'oinochoe del Fogg Art Museum hanno in comune una decorazione incisa 'i 1:21 6. 'Schnabelkanne' bronzea, probabilmente 'Schnabelkanne' bronzea, probabilmente dall'etruria. Grosseto, Museo Archeologico. dall'etruria, particolari degli attacchi dell'ansa. Grosseto, Museo Archeologico. 10 [Saggi]

5 molto simile ed una vistosa patina color turchese chiaro. 32 Fra i vasi menzionati dalla studiosa compaiono due kyathoi 'a rocchetto' che si avvicinano particolarmente alla brocca Watkins: 33 sono infatti decorati da un motivo a treccia che ricorda esattamente le 'guilloches' di questa e che si ritrova, con un'incisione più leggera, anche su quella di Grosseto. Nel kyathos di New York (fig. 10), con due fasce a treccia, l'una è destrorsa, l'altra sinistrorsa, proprio come nel vaso Watkins. Due kyathoi, già appartenenti alla collezione H. Hoffmann e rinve- priva di decorazione). 37 Fra i molti esemplari provenienti da tombe di Bologna e Spina non mi sono note altre redazioni su cui ricorra questo preciso disegno. 38 Un po' più diffuso è invece un altro ornato. Sui menzionati kyathoi di New York aventi esattamente la stessa forma e la stessa patina si trova come la fascia a treccia fra due sequenze perlinate un motivo a zig-zag, nel quale i triangoli sono campiti di linee oblique parallele. 39 È pertanto possibile pensare che questi vasetti provenienti da Civita Castellana siano stati prodotti nella medesima bottega dei kyathoi con 'guilloche'; tuttavia il disegno a zig-zag campito di tratteggi, al contrario della fascia a treccia, presenta un novero troppo limitato di possibilità di variazioni ed è anche troppo diffuso perché tutti gli esemplari con zig-zag possano essere riferiti con sicurezza all'atelier dell'oinochoe Watkins e dei kyathoi con 'guilloche'. 40 Zig-zag e treccia in direzione variabile adornano anche il grande bicchiere da Civita Castellana conservato a New York. 41 In considerazione ap- 9. Ansa di oinochoe da Todi, particolare dell'attacco inferiore. Roma, Museo di Villa Giulia. nuti a Corchiano, assomigliano all'esemplare di Boston. 34 La medesima tomba di Todi che accoglieva l'ansa con testa di satiro dianzi esaminata ha restituito altri kyathoi 35 (figg ), che, come quello newyorkese, recano due 'guilloches'. Essi hanno conservato in parte le loro anse, che mancano invece in tutti i pezzi sino ad ora citati. Appartengono al tipo, a noi già noto, con tre fregi di perle e terminano con un attacco a forma di ghianda. Dalla tomba 84 della necropoli di Celle a Falerii 36 proviene poi un kyathos ornato da una doppia 'guilloche' molto simile, nella parte inferiore, e da una semplice, in quella superiore. Kyathoi di tale forma con ornati a treccia non sembrano essere frequenti (la maggior parte di questi vasetti, di per sè alquanto numerosi, è infatti 10. K.yathos bronzeo. New York, Metropolitan Muscum of Art. [Saggi] 11

6 punto della treccia identica, nel tipo e nell'esecuzione, a quelle dei documenti vascolari finora richiamati, anch'esso può essere assegnato alla stessa officina. 42 Si può inoltre aggiungere una piccola oinochoe a bocca triloba (forma II Beazley), appartenente a una collezione privata berlinese 43 (fig. 13) : la caratteristica 'guilloche' ne circonda infatti il corpo lungo la zona di massima espansione, cui aderisce anche l'attacco dell'ansa, a testa di satiro. L'ansa di Todi (fig. 9) doveva pertenere ad un vaso della stessa forma parte a semplice rilievo e realizzata con più ricca esuberanza. Le grandi anfore non possono essere attribuite alla bottega della brocca Watkins, che sembra avere prevalentemente prodotto vasi di piccola o media grandezza. Poiché la più parte dei vasi di cui conosciamo il sito di rinvenimento proviene da necropoli falische e poiché lì si sono potute reperire valide analogie stilistiche per le teste satiresche, 45 è piuttosto probabile che l'atelier fosse attivo in territorio falisco. Anche dispiega una treccia, semplice e stretta. In entrambe queste oinochoai le anse sono perdute, ma è tuttavia ancora riconoscibile, all'estremità inferiore, proprio sotto la carena, un piccolo attacco, di cui non si può più determinare esattamente la forma. Quale potesse essere il suo aspetto ci è suggerito da un'oinochoe rinvenuta a Capena 48 (figg ), decorata esattamente secondo lo stesso schema; in più, essa reca sul collo una fascia formata da due coppie di linee e, al di sotto del becco, una palmetta su volute. La sua ansa, con perlinature, Tt f m ) mm Mffi Kyathos bronzeo da Todi, Roma, Museo di Villa Giulia. ma di dimensioni maggiori, la cui bocca, come mostra il piccolo frammento superstite aderente all'ansa, era ugualmente ornata da una fila di perle. Per quanto è possibile dedurre dalla foto a mia disposizione (fig. 13), anche la testa di satiro del vaso di Berlino può essere connessa al gruppo Watkins-Vienne-Grosseto-Todi, sebbene, a causa delle sue ridotte dimensioni, sembri alquanto semplificata. Affine, ma eseguita con minore accuratezza, è la treccia incisa su un'oinochoe della stessa forma conservata a New York. 44 Le anfore a punta munite di anse con satiri, nell'insieme delle affinità stilistiche degli attacchi, formano un gruppo a sè. La decorazione del corpo è in 12 [Saggi] Todi, grazie al Tevere, è in collegamento con i centri falisci e si adatta altrettanto plausibilmente a questa ipotesi. L'oinochoe Watkins sarà da datare preferibilmente al primo terzo del V sec. a.c. La bottega dei vasi con 'guilloche' andrà pertanto assegnata alla prima metà o, tutt'al più, al decennio centrale del V secolo. 46 È possibile che anche un altro tipo di piccole oinochoai di forma VI sia stato prodotto nell'agro falisco. Ad un complesso di trovamenti di Falerii appartengono due esemplari quasi identici, 47 recanti sulla spalla una sequenza di baccellature incise, delimitata superiormente da una doppia coppia di linee parallele ed inferiormente, subito sopra la carenatura, da una coppia semplice (fig. 14). Un fregio perlinato, bordato da scanalature, corre direttamente sullo spigolo, un altro sull'orlo della bocca; immediatamente al di sotto di questa si 13. Oinochoe a bocca trilobata. Berlin, collezione Kriiger. termina in basso con un attacco raffigurante una pelle di leone vista di fronte, ossia testa e zampe anteriori (fig. 16). Tale forma di attacco ricompare su una 'Schnabelkanne' di provenienza ignota, conservata a Karlsruhe 49 (figg ), che, anche nel resto, esibisce la medesima sintassi ornamentale delle tre oinochoai di Villa Giulia.. Le manca la decorazione sul collo che caratterizzava l'esemplare capenate ed il corpo del vaso si allarga leggermente verso l'esterno, immediatamente sopra la base, ove si snoda una perlinatura. La sua ansa termina in alto con una piccola testa di animale, probabilmente di cerva. Nelle più antiche oinochoai di forma VI non si trova sulla parte inferiore del corpo il toro, che diventerà invece in seguito sempre più frequente; 50 rispetto ai vasi del Museo di Villa Giulia

7 potrebbe essere questa una caratteristica di recenziorità. La si riscontra, ancora più marcata, sulla brocca 51 proveniente dal complesso di Populonia con le hydriai di Meidias, la quale pure presenta baccellature sulla spalla, una piccola treccia sotto la bocca, decorata da perlinatura, ed una palmetta sotto il becco, proprio come quella di Capena. 52 La sua ansa, al momento non rintracciabile, stando alla descrizione del Milani terminava 'inferiormente in una pelle leonina e superiormente a zoccolo equino', essendo quindi anche in ciò simile alle che significato. A ciò si aggiunga il fatto che, tipologicamente, essi sono strettamente affini ai pezzi già attribuiti ad un atelier falisco, come pure all'oinochoe Watkins ed ai kyathoi con 'guilloche'. Sono considerevolmente piccoli anche l'officina Watkins produceva preferibilmente vasi di piccole dimensioni e recano decorazioni rigorosamente limitate a singole aree del vaso, circoscritte di solito da linee, eseguite con la massima cura e di carattere quasi esclusivamente grafico (con l'eccezione naturalmente delle perlinature). Questo si rivela soprattutto nelle baccellature, eseguite invece a leggero rilievo sugli 'Zungenmustervasen'. Oinochoai in argilla di questa forma, tranne pochissime eccezioni, sono prodotte nell'italia centrale soltanto nel IV sec. a.c; proprio le botteghe falische, dunque, sono quelle che adottano tale morfologia. 56 La De Chiara ha assegnato a Falerii, in considerazione della 'doratura' e degli attacchi delle anse, anche un più tardo gruppo di vasi che, imitando redazioni in metallo, sono esempi fittili di una forma completamente degenerata e conr» 14. 'Schnabelkanne' bronzea da Falerii. Civita Castellana, Museo Archeologico. oinochoai menzionate in precedenza. 33 La forma leggermente diversa, con il 'piede' distinto, ed il tipo completamente differente della palmetta sul becco la separano tuttavia dal gruppo compatto di Villa Giulia-Karlsruhe. Sarà probabilmente un po' più recente delle altre. Tre 'Schnabelkannen' provenienti dal territorio falisco ed una di origine sconosciuta non sembrano sufficienti per assegnare l'intero gruppo ad una bottega falisca. Tuttavia gli esemplari di questa forma ornati a incisione non sono frequenti; 54 una provenienza sicura l'hanno soltanto due altri da Populonia, i quali però, nella decorazione, si accostano piuttosto agli altri vasi di rinvenimento populoniese. 55 Di fronte a tale scarso materiale la circostanza che tre vasi, indubbiamente molto omogenei, siano stati trovati in territorio falisco acquista un qual 'Schnabelkanne' bronzea da Civitella San Paolo (Capena). Roma, Museo di Villa Giulia. 1 " 'Schnabelkanne' bronzea. Karlsruhe, Bad. Landesmuseum. [Saggi] 13

8 eludono nell'italia centrale la storia delle brocche di forma VI.57 La forma delle oinochoai sviluppa dunque nel l'agro falisco una certa tradizione, co sicché non sorprende trovarla pre sente nell'artigianato artistico locale già del V secolo a.c. n i - V o k o t o p o u l o u, X c x X x a ì K o p i v & i o u p y e ì q LTpóXot, 'A&Tjvai 1975, pp. 134, 186 include anche le anfore a punta da S c h w a r z e n b a c h e nel V a t i cano, che altri ritengono etrusche (v. in fra, nota 18). Rispetto alla lista di bronzi c a m p a n i c o m p i lata da U. Jantzen, Bron zewerkstatten ni Sizilie n n u d Grossgriechen lan d, Berlin 1937, p. 7, n o t a 6, a l m e n o il D i s c o b o l o da O r v i e t o è intanto univer salmente riconosciuto c o m e etrusco (P. J. Riis, Some Campan ian Types of Heads, in From the Collectio n s of the Ny Carlsberg Glyptothek, II, 1938 (poi abbreviato Riis 1938), p. 152, n o t a 3; V. Poulsen, Ny Carlsberg Glyptotek, n De etruskiske Samlin g, K ^ b e n h a v n 1966, p. 42, H 227, con leu.). Il n. 2 della lista raccolta da P. J. Riis, in ' A c t a A r c h a e o l o g i c a ' 30, 1959, p. 44, di vasi ascritti a C a p u a (sul quale v. ora M. C o m s t o c k - C. V e r m e u l e, Greek Etrusca n & Roman Bro n zes ni the Museum of Fin e Arts Boston, B o s t o n n. 443) f u a lungo considerato etrusco. L a deno m i n a z i o n e 'etruskisch-campanisch', utilizzata da K.A. Neugebauer, Reifarchaische n Bro n zevase mit Zu n ge n muster, in ' R ò m i s c h e Mitteilungen' (poi abbreviato ' R M ' ) 38-39, (in seguito citato Neugebauer ), p. 358 s., n. 13, fig. 7, per l ' o i n o c h o e Berlino Mise (sulla quale ora R. Blatter, in 'Archaologischer A n z e i g e r ' (poi ' A A ' ) 1966, p. 50 s., fig. 4), per q u a n t o spesso adottata, n o n ha potuto ancora essere precisata. II fatto che finora si sia esitato a loca lizzare botteghe di bronzisti in terri torio falisco58 è giustificato dalla posi zione geografica di quest'area, lon tana dai giacimenti minerari dell'etruria settentrionale e centrale e dalle ricche città costiere. Tali caratteristi che geografiche si riscontrano esatta mente a Praeneste, che tuttavia, com'è noto, seppe sviluppare ugualmente una fiorente industria del bronzo. Inoltre, 2) I n v An cien t Art in American Priva l'agro falisco non era isolato ed ap te Collections (Cat. E x h i b i t i o n F o g g A r t M u s e u m partato, ma si trovava presso le vie ), C a m b r i d g e 1954, n. 230, tav. 71 ( V. H. Poulsen); The Fred erick M. Watkins Colcommerciali che, lungo le valli del Te lection, Fogg Art Museum, C a m b r i d g e 1973, n. 32 (S. Doeringer), ove si f o r n i s c o n o altre misure vere e del Paglia, conducevano dal e dati tecnici. L u n g h. dell'ansa cm. 17,8; h. della Lazio e dall'etruria meridionale nel testa del satiro superiore c m. 2,7; h. dell'inferiore cm. 4,1. l'interno dell'italia centrale e verso il 3) Questi punti, prodotti da un'estremità del c o m Nord. A Capena già nel V I I sec. a.c. passo, sono qui deliberatamente utilizzati c o m e ed all'inizio del V I venivano prodotte elementi decorativi. 4) T r a i tipi pubblicati da R i i s 1938, pp. 143 ss. placche da cinturone bronzee,59 e nella i più validi confronti sono istituibili con il tipo B3 delle teste di A c h e l o o e con il C3 di quelle di stessa Falerii il bronzo sarà stato la satiro (cfr. ibid em, pp. 145, fig. 6, 151, figg ). vorato già nel V I secolo: le teste di 5) E. G a b r i c i, in ' M o n u m e n t i A n t i c h i d e l l ' A c c a ariete sull'ansa di una oinochoe di demia dei L i n c e i ' (in seguito ' M A L ' ) 22, , tav. 74, 6; M. J. M a x i m o v a, Les vases plastiques tipo rodio proveniente da Falerii,60 con d ans l'antiquilé, Paris 1927, tav. 20, 83; P. J. Riis, in ' A c t a A r c h a e o l o g i c a ' 30, 1959, p. 42, con i musi ed i colli allungati, somigliano l'annotazione ' m a y be C a p u a n '. moltissimo alle teste di ariete fre 6) V a n n o citate anzitutto la t o m b a 27 della C e r quentemente ricorrenti sui kantharoi tosa ( A. Z a n n o n i, Gli scavi d ella Certosa d i Bo logna, B o l o g n a pp. 74 ss., tav. 19,5), con una d'impasto falisci,61 cosicché è lecito k y l i x attica a f.r. ( G. Pellegrini, Catalogo d ei vasi greci d ipinti d elle necropoli felsinee, B o l o g n a 1912, pensare che, se non l'intera ansa, al n. 367), e la t o m b a 108 ( Z a n n o n i, op. cit., pp. 197 meno le teste siano state fabbricate ss., tav. 50; per il corredo v. anche O. H. Frey, SituBerlin 1969, p. I l i, n. 50), con l'anfora sul posto.62 Dunque, non sarebbero del lenkunst, Pellegrini, op. cit., n N o n è questa la sede tutto prive di precursori le botteghe per addentrarsi in una più accurata analisi dei complessi bolognesi, per la quale si r i m a n d a al dell'oinochoe Watkins e dei kyathoi l a v o r o sulle o i n o c h o a i etrusche in b r o n z o di f o r con 'guilloche', come pure quelle delle m a V I, in preparazione da parte della scrivente. J a c o b s t h a l (P. J a c o b s t h a l - A. Langsdorff, Die Bronpiccole oinochoai di forma V I con zeschnabelkannen, B e r l i n - W i l m e r s d o r f 1929, p. 52) per p r i m o attirato l'attenzione su questa f o r m a baccellature. È forse possibile che, ha vascolare. N e ha fornito una p r i m a lista U. L i e p Schnabelgrazie allo studio di altre morfologie m a n n, Einige Fragmente etruskischer kannen in d er Berliner Antikensammlung, in vascolari, anche altre classi di vasi in Forschungen un d Berichte d er Staatl. Museen zu bronzo vengano in futuro attribuite a Berlin 8, 1967, p p. 29 ss., che tratta soprattutto un gruppo recenziore con anse a p r o t o m e d'arie Falerii.63 te. F o n d a m e n t a l e per le o i n o c h o a i p i ù antiche, con u n a raccolta di complessi datati, è M. M a r telli, in 'Prospettiva' 4, 1976, p. 46, con aggiunte in 'Studi Etruschi' (poi 'SE') X L V I, 1978, p. 359 s., n Per i n f o r m a z i o n i, fotografie ed il relativo permes so di p u b b l i c a z i o n e ringrazio il F o g g A r t M u s e u m, Cambridge (G. Hanfmann, C. Harward, D. G. Mitten), i Museés de V i e n n e, il M u s e o A r c h e o l o g i c o di Grosseto, la Soprintendenza A r c h e o l o g i c a dell'etruria meridionale (L. F a b b r i n i. P. Pelagatti) e della T o s c a n a ( G. M a e t z k e, M. Martelli). L a tra d u z i o n e dal tedesco è stata eseguita dai dott. Ste f a n o Bocci (testo) e A. M a g g i a n i (note). L a m i a gratitudine va infine soprattutto a M a r i n a M a r telli che, oltre a seguire a m i c h e v o l m e n t e il lavoro, curare la messa a p u n t o della redazione italiana e agevolare le m i e visite nel M u s e o A r c h e o l o g i c o di Firenze, ha discusso c o n m e vari aspetti della ricerca. 1) Così, tra i vasi attribuiti a C u m a I. K oule'ima- 14 [Saggi] 7) Per le o i n o c h o a i attiche di f o r m a V I cfr. J. R. G r e e n, in 'Bulletin of the Institute of Classical Studies' 19, 1972, p. 8. U n a destinazione all'espor tazione era già ipotizzata da J. de la Genière, Recherches sur l'àge d u fer en Italie Meri d ionale, N a p l e s 1968, p. 219; in effetti la maggior parte degli esemplari attici proviene dall'etruria, solo un f r a m m e n t o (New Y o r k : J. D. Beazley, Attic Re d -Figure Vase-Painters, O x f o r d 19632, p. 276, n. 80) da A t e n e. L e f o r m e V B (de la G e nière, op. cit., 1. c.) e V I I (Green, art. cit., p. 8; sulle o i n o c h o a i attiche cfr. anche K. Schauenburg, in ' A t h e n i s c h e Mitteilungen' (poi ' A M ' ) 90, 1975, pp. 97 ss.) potrebbero avere un'origine simile. A n che nel caso della f o r m a IX ci si p u ò d o m a n d a r e se il rapporto tra o i n o c h o a i in b r o n z o e in argilla greche ed etrusche sia altrettanto significativo. 8) A d es., G. M. A. R i c h t e r - M. J. M i l n e, Shapes an d Names of Athenian Vases, N e w Y o r k 1935, fig E s e m p i di o i n o c h o a i più tarde nella ce r a m i c a italiota nel catalogo Antiken aus Rheinischen Privatbesitz (Ausstellung B o n n ), B o n n 1973, p. 61 s., n. 8 5 / 1. 9) Il centro di f a b b r i c a z i o n e sembra da localizza re in M a c e d o n i a. G l i esempi a m e noti p r o v e n g o n o tutti da t o m b e della G r e c i a settentrionale, dei Balcani e della R u s s i a m e r i d i o n a l e : Derveni (Treasures of Ancient Mace d onia, Exhib. Thessalon i k i , nn. 159, 161; 'ApxaioXoyiaòv AeX-aov 18, Xp^v. 2, tav. 225), Arzos (Treasures, cit., n. 460), A l l a t i n i ( ' A p x - A e X x. 21, X p o v. 2, p. 340; cfr. K o u l e i m a n i - V o k o t o p o u l o u, op. cit., p. 75, nota), A l e x a n d r o v o ( B. D. F i l o w, Die GrabhiigelNekropole bei Duvanlij in d Sii bulgarien, Sofia 1934, p. 183, fig. 205), T a m a n ( ' A A ' 1913, pp. 180 ss., fig. 19), Z a p o r o j i e / B a l k i (Or d es Scythes. E x h i b. Paris 1975, p. 157, n. 75Ì. L ' o i n o c h o e da Stauropolis (Treasures, cit., n. 271; ('Apx.AeXx. 20, 1965, X p o v. 2, p. 411, tav. 463 oc ) p u ò ancora risalire al tardo V sec. a.c. 10) A d es., P a d u l a (de la Genière, op. cit., p. 314, tav. 29, 3; ' A m e r i c a n J o u r n a l of A r c h a e o l o g y (poi ' A J A ' ) 60, 1956, p. 393, tav. 129, 10), M e l f i ( ' A A ' 1966, p. 311, n. 3, fig. 76; Popoli unellemci in Basilicata, P o t e n z a 1971, p. 126, tav. 54), N o cera ('Bullettino A r c h e o l o g i c o N a p o l i t a n o ' n.s. 5, 1857, p. 177 s., tav. 3; ' R e n d i c o n t i d e l l ' A c c a d e m i a dei L i n c e i ' s. V i l i, 25, 1970, tav. 5). 11) St. B o u c h e r, Vienne. Bronzes antiques, Paris 1971, p. 139, n H. cm ) I n v H. cm. 25,5; d i a m. m a x. cm. 16,2; d i a m. f o n d o cm. 12. A. M a z z o l a i, Grosseto. Il Museo Archeologico d ella Maremma, Grosseto 1977, p. 169, n. 18. L ' o i n o c h o e, già appartenente alle collezioni mediceo-granducali, era nel M u s e o A r c h e o l o g i c o di F i r e n z e fin dalla sua f o r m a z i o n e e da lì è stata trasferita in deposito a Grosseto. Strato inferiore della patina verde-blu. 13) I n v H. c m. 15. ' M A L ' 24, 1916, c. 852, n. 15, figg L a stessa t o m b a accoglieva il f a m o s o e l m o (ibid em, tav. 1; P. D u c a t i, Storia d ell'arte etrusco, Firenze 1927, tav. 122; G. Q. G i glioli. L'arte etrusco, M i l a n o 1935, tav. 219, 1; W. Helbig, FiXhrer d urch d ie òffentlichen Sammhtngen klassischer Altertumer in Rom, I I I, T i i b i n gen 1969, n. 2987), oltre che alcuni bronzi v u l centi e ceramica attica da P a m p h a i o s fino ad A i son, al Pittore di Eretria e al Pittore di K o d r o s. C o p r e d u n q u e tutto il V sec. a.c. 14) Questo tipo di ansa è d'altronde assai diffuso e n o n appare quindi m o l t o significativo. 15) P. J. Riis, Tyrrhenika, C o p e n h a g e n 1941, p. 65 C 1, 98 C 1; A. A n d r é n, Architectural Terracottas from Etrusco-Italie Temples, L u n d 1940 (poi A n d r é n ), tavv. 23, 80; 85, 298; 86, 303. C f r. inoltre Riis 1938, p. 149, fig. 10 (tipo B 1). 16) Giglioli, op. cit., tav. 184, 3; A n d r é n, tav. 146, 509. C f r. Riis 1938, p. 151, fig. 15 (tipo C 4). 17) R a c c o l t e da M. A. D e l C h i a r o, in ' R e n d i c o n t i della Pontificia A c c a d e m i a R o m a n a di A r c h e o logia' 48, , pp. 75 ss. 18) Etrusche, ad es., per Riis, Tyrrhenika, cit., p. 85 s.; L. Banti, / / mond o d egli Etruschi, Roma 1969, tav. 45 a; D e l C h i a r o, 1. c. supra. Magnogreche, ad es., per Neugebauer , pp. 365 ss., nn ; U. G e h r i g - A. G r e i f e n h a g e n - N. K u nisch, Staatliche Museen Berlin, Fuhrer d urch d ie Antikenabteilung, Berlin 1968, p. 95; K o u l e i m a n i V o k o t o p o u l o u, op. cit., pp. 134, 186 ( C u m a ). K. A. Neugebauer, Archaische Vulcenter Bronzen, in ' J a h r b u c h des D e u t s c h c n A r c h a o l o g i s c h e n I n stituts' (in seguito ' J d l ' ) 58, 1943 (poi abbreviato Neugebauer 1943), p. 235 n o n sembra assoluta mente sostenere più un'origine magnogreca e per p r i m o collega l'ansa d ' o i n o c h o e da T o d i c o n le anfore. 19) Si veda invece l'ansa di o i n o c h o e da D o d o n a a Berlino, attribuita del pari a C u m a dalla K o u l e i ' m a n i - V o k o t o p o u l o u, op. cit., pp. 36 s., n. 25, 134, 186, n. «15, tav. 25, y e Z, ; Neugebauer , pp. 351 ss., n. 6, fig. 4; K. A. Neugebauer, Kohlenbecken aus Clusium un d Verwan d tes, in ' R M ' 51, 1936 (in seguito abbreviato Neugebauer 1936), p. 204, fig. 14. I n realtà il satiro accovac ciato ha lì maggiore libertà di m o v i m e n t o e p u ò perciò essere raffigurato quasi a tutto t o n d o, m a la figura addormentata all'estremità inferiore del l'ansa mostra che u n a rappresentazione organica è possibile anche a basso rilievo. I satiri delle an fore a punta assomigliano invece piuttosto a o m o loghi etruschi, quale il più antico satiro sull'antefissa da Cerveteri (Giglioli, op. cit., tav. 174, 3; A n d r é n, tav. 10, 33) o a quelli p i ù recenti del L a m p a d a r i o di C o r t o n a. 20) Neugebauer , pp. 378 ss., n. 23, figg ; E. L a n g l o t z, Die Kunst d er Westgriechen.

9 M u n c h e n 1963, tav. 93; E. D i e h l, M a i n z 1964, p p. 26, 217, B 94. Die Hydria, 21) A d e s e m p i o : N e u g e b a u e r 1943, figg. 37, 39, 41, 42; G. Fisc hetti, in ' S E ' X V I I I, 1944, p. 21, fig. 3, t a v. 4, 1-2; P. Z a n c a n i M o n t u o r o, in ' A n n u a r i o d e l l a S c u o l a A r c h e o l o g i c a I t a l i a n a di A t e n e ' (n.s. 8-10), , pp. 89, figg. 4-5, 91, fig. 8, 92, fig. 11, 93, fig. 12, 98, fig. 14; G i g l i o l i, op. cit., t a v v. 210, 3, 215, 2. 22) Se in singoli casi, c o n d i z i o n a t i d a u n a f o r m a m o l t o appiattita d e l l ' a t t a c c o, n o n è p o s s i b i l e o t tenere questa r o t o n d i t à, si r i n u n c i a fin d a l p r i n c i p i o a d o g n i effetto p l a s t i c o ( N e u g e b a u e r 1943, p. 235, fig. 23), c h e è i n v e c e v a l o r i z z a t o n e l l ' o i n o c h o e Watkins. 23) N e u g e b a u e r 1936, p p. 181 ss., p a r t i c o l a r m e n te p p. 202 ss., t a v v , 3-4; A. H u s, Les bron zes étrusques, B r u x e l l e s 1975, tav ) N e u g e b a u e r p. 92 s. 1936, p p. 204 ss.; H u s, op. cit., 25) E. D. v a n B u r e n, Figurative Revetments in Etruria and Latium, L o n d o n 1921, tav. 4, 2; G i glioli, op. cit., t a v v. 174, 3, 182, 2; A n d r é n, t a v v. 10, 33-34, 17, ) G i g l i o l i, op. p. 81, n o t a 23. cit., tav. 209, 1; H u s, op. cit., 27) v a n B u r e n, op. cit., tav. 4, 4; G i g l i o l i, op. cit., tav. 178, 2; A n d r é n, tav. 2, 3. U n ' a l t r a antefissa, a B o s t o n e p u r e f o r s e p r o v e n i e n t e da V e i o ( A n drén, tav. 154, 520; Riis, Tyrrhenika, cit., p. 48; O. W. v o n V a c a n o, Die Etrusker, Stuttgart 1955, tav. 56, 1), si a v v i c i n a n e l tipo ai s a t i r i. b r o n z e i, m a possiede u n a q u a l i t à plastica c o m p l e t a m e n t e diversa. < ) v a n B u r e n, op. cit., p. 12, tipo X ; G i g l i o l i, op. cit., tav. 178, 3; A n d r é n, tav. 57, 189 ( N a r c e ). 29) A n z i t u t t o A n d r é n, tav. 145, 505 e c o n f r o n tabile per l'alta f r o n t e c o n v e s s a alle teste di sati ro sulla s o m m i t à delle anse di o i n o c h o e v a n B u r e n, op. cit., tav. 3, 1; G i g l i o l i, op. cit., tav. 172, 2; A n d r é n, tav. 145, 506. A n c h e il d è m o n e c o n estremità a n g u i f o r m i G i g l i o l i, op. cit., tav. 184, 3; A n d r é n, tav. 146, 509 m o s t r a tratti a n a l o g h i. U n p o ' p i ù distante, m a c o m u n q u e c o n f r o n t a b i l e, v a n B u r e n, op. cit., t a v v. 3, 3, ; G i g l i o l i. op. cit., tav. 185; A n d r é n, t a v v. 154, 507, 149, ) I n p r i m o l u o g o v a n B u r e n, op. cit., tav. 4, 1; D u c a t i, op. cit., tav. 95, 261; G i g l i o l i, op. cit., tav. 180, 1, A n d r é n, tav. 29, 102; v. a n c h e A n drén, t a v v. 32, 113, 55, 179. Il n a s o s p r o p o s i t a t a m e n t e largo e le o r e c c h i e a p p u n t i t e, disposte quasi senza c o n n e s s i o n e a c c a n t o alla testa, c o m p a i o n o a n c o r a nell'antefissa p i ù recente del T e m p i o dei Sassi C a d u t i ( G i g l i o l i, op. cit., tav. 183, 4; A n d r é n, tav. 38, 127) e n e l l a p i ù antica del p i c c o l o T e m p i o di V i g n a l e ( A n d r é n, tav. 33, 114). 31) v a n B u r e n, op. cit., tav. 3, 4; G i g l i o l i, op. tav. 172, 4; A n d r é n, tav. 107, 383. cit., 32) Q u e s t a p a t i n a è f r e q u e n t e nei vasi p r o v e n i e n t i da C i v i t a C a s t e l l a n a ; la sua f o r m a z i o n e d i p e n d e p r o b a b i l m e n t e da u n a peculiarità del terreno. P o i c h é p e r a l t r o s o l o u n a parte dei b r o n z i da C i v i t a C a s t e l l a n a la presenta, d e v e essere c h i a m a t a in causa a n c h e u n a d e t e r m i n a t a c o m p o s i z i o n e della lega ( v e r o s i m i l m e n t e u n c o n t e n u t o r e l a t i v a m e n t e alto di s t a g n o : sulla q u e s t i o n e cfr. a m p i a m e n t e R. J. G e t t e n s, in Art and Technology, A Sympo sium on Classical Bronzes, Cambridge (Mass.) 1970, p p. 60, 69). D a tale p a t i n a p u ò d u n q u e ri cavarsi u n a p r o v a, oltre c h e per la p r o v e n i e n z a, a n c h e per la p e r t i n e n z a dei vasi ad u n d e t e r m i n a t o g r u p p o, m a in nessun caso il c o l o r e della p a t i n a p u ò essere a d d o t t o c o m e a r g o m e n t o cogente per l ' a t t r i b u z i o n e ad u n ' o f f i c i n a. C o s ì v a l u t a il reper to a n c h e S. D o e r i n g e r. L e anse di V i e n n a (patina 'verte et noire') e T o d i ( b r u n o scuro) h a n n o p a tine diverse; n e l l ' o i n o c h o e di G r o s s e t o lo strato i n f e r i o r e della p a t i n a è bluastro. 33) B o s t o n ( C o m s t o c k - V e r m e u l e, op. cit.. n. 527, da C i v i t a C a s t e l l a n a ) ; N e w Y o r k ( G. M. À. R i c h t e r, The Metropolitan Museum of Art. Greek, Etruscan and Roman Bronzes, New Y o r k 1915, n. 574, citato da D o e r i n g e r, op. cit., c o m e n. 547, senza dati di p r o v e n i e n z a ) : la p a t i n a c o l o r turchese p o t r e b b e indicare in C i v i t a C a s t e l l a n a il sito di r i n v e n i m e n t o. 34) W. F r o e h n e r, Collection H. Hofjmann. Antiquités. V enie à l'hotel Drouot , P a r i s 1899, n n F r o e h n e r li designa già c o m e 'gobelet f a l i s q u e ', f o r s e in base alla p r o v e nienza. 35) V i l l a G i u l i a, inv ' M A L ' 1916, ce. 853 ss., n n. X V I - X V 1 I, fig ) V i l l a G i u l i a, inv L a t o m b a contiene b r o n z i e c e r a m i c a locale del V e I V sec. a. C. (ad es., i c o r o n a m e n t i di c a n d e l a b r o i n v ; il 1569 r i p r o d o t t o in G i g l i o l i, op. cit., t a v. 309, 2, 5; p i ù a n t i c o e certo a n c o r a della p r i m a m e t à del V sec. a. C. il 1568). I n essa si r i n v e n n e a n c h e un k y a t h o s 'a r o c c h e t t o ' fittile, del t i p o f r e q u e n t e nei c o m p l e s s i t o m b a l i falisci, esibente tut t a v i a u n a parete a p r o f i l o p i ù d e c i s a m e n t e c o n c a v o, ossia q u e l l o caratteristico dei p i ù recenti k y a t h o i in b r o n z o. 11 n o s t r o m o t i v o a ' g u i l l o c h e ' c o m p a r e s o l t a n t o su k y a t h o i del t i p o p i ù antico grecs, hellénistiques et étrusques des Musées de c o n parete rettilinea. 37) Sul tipo vascolare e la sua d i f f u s i o n e c r o n o l o gica v. M. M a r t e l l i, in ' P r o s p e t t i v a ' 4, 1976, p. 46, c o n n o t e ) I n ogni caso n o n sul m a t e r i a l e edito. A l c o n trario, d u e k y a t h o i 'a r o c c h e t t o ' da Sasso M a r c o ni, per il resto d e c o r a t i a n a l o g a m e n t e a quelli c o n treccia, h a n n o in l u o g o di questa u n m o t i v o a o n d e inciso assai a c c u r a t a m e n t e (cfr. 'SE' X X X V I I I, 1970, p. 245, fig. 4). 39) R i c h t e r, op. cit., n n. 570, 572. I l n. 573 reca u n o r n a t o p i ù s e m p l i c e, ossia u n a f a s c i a c o n trat teggio i n c r o c i a t o. 40) U n esemplare a L i o n e (St. B o u c h e r, Bronzes grecs, hellénistiques et é rusques des Musées de Lyon, L y o n 1970, n. 146); per u n m o t i v o s i m i l e (denti di l u p o ) cfr. ' S E ' X V I I, 1943, p. 156, tav. 17, 2, d a l l a T o m b a delle A n f o r e P a n a t e n a i c h e di B o l o g n a ; per l o stesso m o t i v o su k y a t h o i di altra f o r m a v. infra, n o t e 41-42, su o i n o c h o a i di f o r m a V I ( L o n d o n, British M u s e u m W. T. 654) v. J a c o b s thal, Bronzeschnabelkannen, cit., p. 52, tav. 14 a, sulla situla di O f f i d a ( L o n d o n, British M u s e u m B r. 650) v. D u c a t i, op. cit., tav. 141, 366 e G i g l i o l i, op. cit., tav. 225, 1. Il m o t i v o ricorre s o v e n t e an c h e su specchi di età arcaica e c l a s s i c a : ad es., 1. M a y e r - P r o k o p, Die gravierten etruskischen Griffspiegel archaischen Stils, Heidelberg 1967, t a v v. 4, 11, 17, 20, 22, 47 ( = E. G e r h a r d, Etruskische Spiegel, B e r l i n , t a v v. 80, 363, 1. V, 36, 328, 2); G. P f i s t e r - R o e s g e n, Die etru skischen Spiegel des 5. Jhs., F r a n k f u r t 1975, t a v v. 8, 9, 19, 21, 22, 29, 30, 33-35, 40, 46, 58, 67 ( = G e r h a r d, op. cit., t a v v. 87, 396, 153, 335, 2, 137, 134, 238, 286, 3, 395, 254 A, 2, 305). 41) M e t r o p o l i t a n M u s e u m, cit., n R i c h t e r, op. 42) L o s c h e m a d e c o r a t i v o c o m p a r e abbastanza spesso su questi bicchieri. C o s ì u n k y a t h o s b r o n z e o di questa f o r m a d a S p i n a ( P. E. A r i a s, in ' R i vista dell'istituto N a z i o n a l e di A r c h e o l o g i a e S t o ria d e l l ' A r t e ' n.s. 4, 1955, p. 154 s., n. 7, figg. 9697) si distingue s o l t a n t o per l'inversione nella s e q u e n z a delle fasce o r n a m e n t a l i. L a treccia è d e l l o stesso tipo, m a s o s t a n z i a l m e n t e p i ù c o r s i v a (essa è f o r m a t a, per e s e m p i o, n e l l a fila s u p e r i o re d a tre linee parallele, n e l l ' i n f e r i o r e d a d u e ). S e n z a d u b b i o in q u e s t o caso ha servito da m o d e l l o u n k y a t h o s c o m e q u e l l o da C i v i t a C a s t e l l a n a. A n c h e u n altro e s e m p l a r e da B o l o g n a, da u n a t o m b a del p r e d i o T a m b u r i n i f u o r i P o r t a C a s t i g l i o n e (v. ' A t t i e M e m o r i e della R. D e p u t a z i o n e di Storia patria per le P r o v i n c i e di R o m a g n a ' s. 3, 28, 1910, p. 283) e u n o da Sasso M a r c o n i ( ' S E ' X X X V I I I, 1970, p. 245, fig. 4) r e c a n o q u e s t o m o t i v o p i ù trascurato, che t a l o r a o c c o r r e a n c h e su altri vasi (ad es., su u n a situla a S p o l e t o : D e u t s c h e n A r c h. Institut R o m, Inst. N e g , c o n ogni p r o b a b i l i t à c o r r i s p o n d e n t e a G. A n g e l i n i - R o t a, Il Museo Civico di Spoleto, p. 70, n. C 3, d a l l a n e c r o p o l i n e l P i a n o di S. Scolastica, nei d i n t o r n i di N o r c i a ). U n altro k y a t h o s di questa f o r m a, p i ù recente, d a u n a t o m b a del I V s e c o l o di F i l o t t r a n o presenta c o m p l i c a t e trecce e o r n a m e n t i fitomorfi (I. D a l l ' O s s o, Guida illustrata del Museo Nazionale di Ancona, A n c o n a 1915, fig. a p. 59; E. B a u m g a e r t e l, in ' J o u r n a l of the R o y a l A n t h r o p o l o g i c a l Institute of G r e a t B r i t a i n a n d I r e l a n d ' n.s. 67, 17, 1937, p. 257, n. 50, tav. 26, 1-2); la sua triplice treccia ritorna su altri b r o n z i d a l l a n e c r o p o l i di F i l o t t r a n o : ibidem, t a v v. 23, 3-4 ( e l m o ), 27, 1 ( o i n o c h o e ) ; cfr. altresì l ' e l m o da S. G i n e s i o (ibidem, tav. 23, 2). 43) C o l i. K r u g e r ; h. alla b o c c a c m. 9,5. E. Bielefeld, Antike Kunst in deutschem Besitz, in ' W i s s e n s c h a f t l i c h e Z e i t u n g der E r n s t M o r i t z A r n d t Universitàt Greifswald', Gesellschafts-und sprachw i s s e n s c h a f t l i c h e R e i h e, 4-5, , p. 254, n. 9, tav. 7, ) M e t r o p o l i t a n M u s e u m, R i c h t e r, op. cit., n. 492; R. Blatter, in ' A A ' 1966, p. 51 s., fig. 5; l ' a t t r i b u z i o n e f u p r o p o s t a per la p r i m a v o l ta d a S. D o e r i n g e r. R i n g r a z i o D. v o n B o t h m e r, che m i ha c o n f e r m a t o trattarsi di u n a treccia d e l l o stesso tipo; n e l l e r i p r o d u z i o n i n o n è i n fatti possibile distinguerla. 45) P e r i contatti tra B a n t i, op. cit., p. 94. Falerii e la Campania v. 46) C i ò v a l e c e r t a m e n t e per il contesto da T o d i, c o m e a n c h e per la f o r m a dei k y a t h o i 'a r o c c h e t to ' a parete r e l a t i v a m e n t e rettilinea, c o n c o r d e m e n t e ritenuta anteriore a q u e l l a c o n parete f o r t e m e n t e c o n c a v a, c h e s c e n d e nel I V sec. a. C. 47) M u s e o A r c h. di C i v i t a C a s t e l l a n a, i n v. V i l l a G i u l i a (h. c m. 15; d i a m. m a x. c m. 9, 2) e (h. c m. 12, 8; d i a m. m a x. c m. 8, 3), c e r t o da C i v i t a C a s t e l l a n a, c o n t r a d a P o n t e L e p r e, t o m b a a c a m e r a I (acq. 1912). A l m e d e s i m o c o m p l e s s o a p p a r t e n g o n o d u e o i n o c h o a i i n o r n a t e, di d i m e n s i o ni m a g g i o r i m a della, stessa f o r m a (inv ; h. c m. 25,7 e 23,5). T u t t e le o i n o c h o a i h a n n o una patina chiazzata verde chiaro e localmen te giallastra, sotto la q u a l e si p u ò a n c o r a s c o r gere, sulla 18022, in certe z o n e, u n o strato b l u a stro. O l t r e ad altri vasi b r o n z e i ( s t a m n o i e colà), p r o v e n g o n o d a l l a t o m b a a n c h e d u e crateri a c o l o n n e t t e attici a f.r. (inv ), c h e n o n p o s s o datare c o n m a g g i o r e precisione, n o n a v e n d o l i p o t u t i e s a m i n a r e. Il c o n t e s t o d o v r e b b e c o m u n q u e c o l l o c a r s i n e l V sec. a. C. 48) V i l l a G i u l i a, inv ((h. c m. 15,7; d i a m. m a x. c m. 9,5), d a C i v i t e l l a S. P a o l o, t o m b a 39. P a t i n a turchese. A c c a n t o alla c e r a m i c a l o c a l e a d e c o r a z i o n e s u d d i p i n t a e ad u n a k y l i x attica a f.r. della s e c o n d a m e t à del V sec. a. C. f u r e c u p e r a t o nella t o m b a a n c h e u n askos 'di b u c c h e r o a f o r m a di b o t t i c e l l a c o n m a n i c o ' ( d e f i n i i z o n e r i c a v a t a dal registro d ' i n v e n t a r i o ; il p e z z o, al m o m e n t o, n o n è c o n s e r v a t o i n s i e m e al resto del m a t e r i a l e ), D o v e v a d u n q u e trattarsi di diverse d e p o s i z i o n i, c o s i c c h é ben p o c o si p u ò r i c a v a r n e per la d a t a zione dell'oinochoe. 49) B a d i s c h e s L a n d e s m u s e u m, i n v. F 520, d a l l a c o l l e z i o n e M a l e r ; h. c m. 13,7; d i a m. m a x. c m. 8, 4. Antike Bronzen der Grossherzogl. Bad. Alterthiimersammlungen in Karlsruhe, K a r l s r u h e 1883, tav. 5, a d.; K. S c h u m a c h e r, Grossherzogl. Sammlungen Karlsruhe. Beschreibung der Sammlung antiker Bronzen, K a r l s r u h e 1890, p. 107 s., n. 574 g, tav. 10, 20. E s s a è l a r g a m e n t e restaurata e pressoché c o m p l e t a m e n t e reintegrata n e l l a parte a n t e r i o r e della spalla e nel ventre; l o stato di c o n s e r v a z i o n e è tuttavia sufficiente ad i n d i v i d u a r e tutti i dettagli della d e c o r a z i o n e e, c o n b u o n a a p p r o s s i m a z i o n e, a n c h e le m i s u r e. S u q u e s t o e s e m p l a r e e p i ù in generale sui vasi f o r n i t i di attacchi d'anse in f o r m a di p l a c c h e t t a a l e o n t é v. o r a le o s s e r v a z i o n i di M. M a r t e l l i, Cista a cordoni da Cuma, in Arte e civiltà della Magna Grecia e della Sicilia antica. Studi in onore di Paolo E. Arias, P i s a 1980, in s t a m p a. 50) D e b b o a questo p r o p o s i t o r i c h i a m a r e n u o v a m e n t e il l a v o r o c h e h o in corso sulle o i n o c h o a i b r o n z e e etrusche di f o r m a V I. U n lieve a r r o t o n d a m e n t o del p r o f i l o è s o v e n t e riscontrabile in vasi recenziori, m e n t r e il 'piede' f o r t e m e n t e s a g o m a t o resta, a n c h e tardi, r a r o (su c i ò v. J. D. B e a z l e y, Etruscan V ase-painting, O x f o r d 1947, p. 266). U n e s e m p i o f r a i p r i m i, se n o n il p r i m o, è l ' o i n o c h o e dal ' c o m p l e s s o ' p o p u l o n i e s e c o n le h y d r i a i di M e i d i a s (v. infra, n o t a 51). P a r t i c o l a r m e n t e m a r c a t o è q u e s t o 'piede' n e l l e tarde o i n o c h o a i c o n anse configurate d a T o d i a F i r e n z e ( M u s. A r c h., i n v L. A. M i l a n i, Il R. Museo Archeolo gico di Firenze, F i r e n z e 1912, tav. 23; D u c a t i op. cit., tav. 247, 599; G. Becatti, in ' S E ' I X, 1935^ p. 300, n. 5, tav. 39, 4) e a V i l l a G i u l i a (inv G. B e n d i n e l l i, in ' M A L ' 23, 1914, c. 628, fig. 14; D u c a t i, op. cit., tav. 247, 598; G i g l i o l i, op. cit., tav. 314, 1). 51) M u s. A r c h. di F i r e n z e, inv ; h. c m. 14,8; d i a m. m a x. c m. 8,8. L. A. M i l a n i, Monumenti scelti del R. Museo Archeologico di Firenze, Firenze 1905, p. 14, h, fig. 4. tav. 5, 13; A. M i n t o, Populonia, F i r e n z e 1943, p. 196, tav. 56, 1. P e r il c o m p l e s s o, oltre ibidem, p p. 195 ss., v. L. A. M i lani, in ' N o t i z i e degli S c a v i ' 1905, p p. 60 ss. L ' o p i n i o n e di M i l a n i c h e i b r o n z i s i a n o in generale p i ù recenti delle d u e h y d r i a i attiche è d a t e m p o s u p e rata; lo s p e c c h i o i n v ( G. A. M a n s u e l l i, in ' S E ' X V I, 1942, p. 532 s., n. 1, tav. 40, 1; P f i ster-roesgen, op. cit., p p. 68, S 48, 166, 250, tav. 52, c o n c r o n o l o g i a f o r s e t r o p p o alta) è certo p i ù a n t i c o, la p h i a l e c o n la testa di tre quarti p i ù recente delle h y d r i a i. P e r l ' o i n o c h o e risulta u n a d a t a z i o n e nella s e c o n d a m e t à V - i n i z i I V sec. a. C. 52) L a d e c o r a z i o n e d e l l ' o i n o c h o e d a l l a 'tomba' delle h y d r i e di M e i d i a s si distingue per il f a t t o c h e sulle v o l u t e, r e l a t i v a m e n t e grandi e ripiegate verso l'interno, si i n n a l z a esternamente u n a li nea c i r c o l a r e i n c l u d e n t e la p a l m e t t a. N e l l a d e c o - [Saggii 15

10 razione meno accurata dell'oinochoe da Capena le volute si arrotolano verso l'esterno, come anche, ma con maggiore aggetto, su un'oinochoe a Karlsruhe (F 357. Schumacher, op. cit., n. 574 h; Antike Bronzen... Karlsruhe, cit., tav. 5, a s.) e su quella londinese (Jacobsthal, Bronzeschnabeìkannen, cit., tav. 37 a); in generale su questa ornamentazione del collo v. ibidem, p ) Attacchi a leontis sono attestati, ad es., su piccole olpai a Karlsruhe (F 596. Martelli, art. cit. a nota 49) e a Villa Giulia, da Campagnano (inv 'MAL' 23, 1914, ce. 283, n. 23, 287, fig. 6 = P. Guzzo, in 'Rendiconti dell'accademia dei Lincei' s. Vili, 25, 1970, p. 98, n. 7), oltre che su una oinochoe di ridotte dimensioni, pure a Karlsruhe (F 504. Schumacher, op. cit., n. 574 b; Antike Bronzen Karlsruhe, cit., tav. 3), e su una da Aleria, tomba 98 (J. et L. Jehasse. La nécropole preromane d'aléria, , Paris 1973, p. 511, n. 2110), mentre non compaiono frequentemente su oinochoai di forma VI. Gli attacchi di Karlsruhe e Capena sono quasi identici; molto simile nella struttura generale, ma stilisticamente un po' più recente, come conferma anche la forma del vaso, è uno di una brocca da Monteleone di Spoleto a Firenze (inv ). Sul motivo nella toreutica greca, magno-greca ed etrusca v. Martelli, art. cit. a nota 49, con rifer. 54) Ad es., Karlsruhe F 357 (v. supra, nota 52), F 359, F 574 (Schumacher, op. cit., nn. 574 e, f, con decorazione a onde); London, Brit. Mus. W.T. 654 (v. supra, nota 40, con decorazione a onde, 'guilloche' di altro tipo, zig-zag, zona embricata plastica e palmetta sotto il becco); Vaticano, Museo Gregoriano Etrusco, inv (con treccia. Helbig, op. cit., I 4, n. 710); già coli. Nissen a Colonia (C.A. Nissen-G. Loesche-H. Willers, Beschreibung rómischer Altertiimer, Kòln 1911, n. 3722, tav. 118, con ornato a onde); oinochoe da Aleria, t. 98 (v. supra, nota 53, con 'godrons en ove finement gravés'); inoltre il gruppo delle tarde oinochoai con anse configurate da Todi (v. supra, nota 50). 55) Firenze, Mus. Arch., inv , dalla tomba 13 di S. Cerbone. con decorazione a onde e attacco a sirena (Minto, op. cit., tav. 48, 4), e inv , pure da S. Cerbone, con treccia di altro tipo. Cfr. per questo anche la situla e la cista del 'complesso' delle hydriai meidiache {ibidem, tav. 56; Milani, op. cit. a nota 51, p. 14, fig. 5, tav. 5). Non è escluso che anche a Populonia siano esistite officine di vasi in bronzo. Sulle statuette bronzee da Populonia v. H. Jucker, in Art and Technology, cit., pp. 195 ss., ) Alle oinochoai a f.r. (Berkeley = Beazley, op. cit. a nota 50. p. 73, n. 2; Oxford = Ashmolean Museum, Select Exhibition of Sir John and Lady Beazley Gifts, London 1967, n. 491, tav. 65; inoltre alcuni vasi non pubblicati a Firenze e Villa Giulia, inv. 1205, ) si aggiungano parecchi esemplari a v.n., finora quasi completamente inediti (Villa Giulia, inv. 2355, 8240, 42918; Berkeley, 8.539; S. Francisco, State University, De Bellis Coli.: A. Becker Colonna - R. Grabstein, Etruscan, Greek and Roman Artetacts in the Franck V. De Bellis Collection o/ the Calìiornian State University, Berkeley 1976, n. 170). Al di fuori della ceramica falisca, l'unico grande gruppo di oinochoai fittili etrusche di forma VI è quello con decorazione suddipinta imitante le baccellature ricorrenti sulla spalla degli esemplari bronzei, che fu certamente fabbricato in molte officine, forse anche falische (cfr. Beazley, op. cit. a nota 50, pp. 181, 200; P. Mingazzini, Vasi della collezione Castellani, II, Roma 1971, p. 214 s., n. 794, tav. 213, 3). 57) 'SE' XXXIV, 1966, pp. 385 ss. 58) Ad es., Riis, Tyrrhenika, cit., p. 57 s. Diversamente Hus, op. cit., p. 79: 'Quant au pays falisque, lui aussi de vieille tradition orientalisante..., situé à l'écart des grands courantes d'échange, il a pu posseder des ateliers mineurs, qui sont peut-ètre un jour identifiés'. 59) G. Colonna, in 'Archeologia Classica' X, 1958, pp. 69 ss. 60) Museo Arch. di Civita Castellana, inv. Villa Giulia O. Montelius. La civilisation primitive en Italie, II, Stockholm 1904, tav. 309, 15; P. Jacobsthal, in 'Jdl' pp. 204, n , fig. 9, tav. 4, 4; O.H. Frey, in 'Marburger Winckelmannsprogramm' 1963, p. 22, tav. 8; B.B. Shefton, Die»Rhodischen«Bronzekannen, Mainz 1979, pp. 11, 63 s., A 7. Jacobsthal, art. cit., p. 215, ravvisa nella testa di ariete 'un residuo hallstattiano nel VI sec. a.c, mentre Frey richiama per confronto un'oinochoe di altra forma da Populonia (art. cit., tav. 8), le cui teste di ariete, impostate allo stesso modo, si distinguono tuttavia da quelle di Falerii per il muso più breve ed il collo più corto e più organicamente realizzato. 61) Ad es., da Falerii: Montelius, op. cit., tav. 311, 14, 16, 18; Giglioli, op. cit., tav. 37; R. Bianchi Bandinelli-M. Torelli, L'arte nell'antichità classica. Etruria-Roma, Torino 1976, fig. 28. Da Narce: Montelius, op. cit., tav. 325, 9-10; 'MAL' 4, 1894, ce. 195, figg. 81, 83, 207, fig. 94 a; Ducati, op. cit., tav. 53. Da Capena; 'MAL' 16, 1906, c. 451, fig. 60; Corpus Vasorum Antiquorum, Museo Preistorico L. Pigorini, Capena tav ) Sulla possibilità di un'aggiunta successiva delle teste di ariete v. F. Hiller, in 'Marburger Winckelmannsprogramm' 1963, p. 40, nota ) B. Bouloumié, Les oenochoés en bronze du type 'Schnubelkanne' en Italie, Rome 1973, p. 324 ritiene possibile che le 'Schnabelkannen' del tipo Jacobsthal siano state prodotte a Falerii, senza tuttavia assegnare a tale centro alcun gruppo determinato. Poiché due oinochoai con teste di satiri da Civita Castellana (Richter, op. cit., nn ; Jacobsthal, Bronzeschnabelkannen, cit., nn. 46, 107, tavv. 6, 10; Boulomié, op. cit., p. 36, figg ) si distinguono, per le orecchie appuntite, strettamente accostate al cranio, dal tipo di satiro più consueto su queste brocche (Jacobsthal, cit. supra.^ tav. 9; W.L1. Brown, The Etruscan Lion, Oxford" 1960, p. 122, nn. 1-3, tav. 45 a; Bouloumié, cit. supra, fig. 5), dal quale sono senza dubbio influenzate, e presentano il volto allargato in quanto meno saldamente inquadrato da capelli e barba, si potrebbe eventualmente pensare ai satiri Watkins, nei quali compaiono entrambe queste caratteristiche. Tuttavia un collegamento diretto non è possibile. Per i due tipi di teste satiresche sulle 'Schnabelkannen' v. anche Jacobsthal, cit. supra, p. 48 e Brown, op. cit., p [Saggi]

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME M. Piccirillo Nella primavera del 1992 un antiquario della Città Santa presentò al Museo dello Studium Biblicum uno stampo per eulogia in pietra, a suo dire,

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI. Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali.

DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI. Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali. DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali. Temi sviluppati: Lucertole o dinosauri? Grandi differenze e analogie tra rettili attuali e dinosauri Grado di parentela

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Radio Caterina Remake

Radio Caterina Remake Radio Caterina Remake Come dice il titolo trattasi di una ricostruzione della radio clandestina, forse la più famosa, costruita nei campi di concentramento nazisti, durante la seconda guerra mondiale,dai

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA)

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) A. GARASSINO NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) NEW DISCOVERY OF DECAPOD CRUSTACEANS IN THE LOWER CRETACEO US OF VERNASSO (UDINE, NE ITALY)

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 NUMERO LOTTO N 1 DESCRIZIONE E Frullatore da cucina Quick Batter Omre di Monza Prodotto tra gli anni '60 e '70. Spina originale.

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli