Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per facilitare l'accesso al credito

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per facilitare l'accesso al credito"

Transcript

1 settembre 2014 laboratorio Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Le opere del servizio idrico sono beni demaniali che non possono essere offerti a garanzia del finanziamento. Un recente disegno di legge delega prefigura l istituzione di un fondo di garanzia alimentato dai proventi della tariffa. Il fondo non interviene direttamente ma presta garanzie in favore delle aziende affinché possano avere maggiore facilità di accesso al credito. Il fondo ha ricevuto molte critiche ma rimane l unica risposta ai problemi causati dalla pervasiva presenza di piccole gestioni. Una risposta che, pur tuttavia, va indirizzata accuratamente per evitare che divenga lo strumento per socializzare l inefficienza finanziaria che una parte del settore ancora esprime. Uno strumento a termine dunque, nell attesa di un compiuto disegno di industrializzazione del settore e di un consolidamento delle gestioni, alla ricerca di quelle economie di scala finanziarie che per il settore idrico sono imprescindibili. REF Ricerche srl, Via Aurelio Saffi, 12, Milano (www.ref.it) Il Laboratorio è un'iniziativa sostenuta da (in ordine di adesione): ACEA, Federutility - Utilitatis, SMAT, IREN, Confcommercio - Imprese per l'italia, CO.MO.I. Group, SIBA, Acquedotto Pugliese. Stesura: Donato Berardi e Samir Traini Editing: Fulvio Bersanetti

2 Gli ultimi contributi del Laboratorio SPL n.22 - Lo "Sblocca Italia" e l'inerzia delle Regioni n.21 - Appalti nelle utility: più spazio alla qualità e alle piccole e medie imprese n.20 - Investimenti : in Europa si investe tre volte tanto n.19 - Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze n.18 - Tariffe per gli usi industriali: le questioni in attesa di soluzione n.17 - Un azione di sistema a sostegno degli investimenti n.16 - Incentivare la qualità del servizio idrico: premi, penalità e controlli Tutti i contributi sono liberamente scaricabili previa registrazione al seguente indirizzo La missione del Laboratorio Dal 1 dicembre 2013 ha iniziato la sua attività il Laboratorio Servizi Pubblici Locali (Lab SPL), un forum di analisi e discussione che intende riunire selezionati rappresentanti del mondo dell impresa, delle istituzioni e della finanza al fine di rilanciare il dibattito sul futuro dei Servizi Pubblici Locali. Molteplici tensioni sono presenti nel panorama economico italiano, quali la crisi delle finanze pubbliche nazionali e locali, la spinta comunitaria verso la concorrenza, la riduzione del potere d acquisto delle famiglie, il rapporto tra amministratori e cittadini, la tutela dell ambiente. Per esperienza, indipendenza e qualità nella ricerca economica REF Ricerche è il luogo ideale sia per condurre il dibattito sui Servizi Pubblici Locali su binari di razionalità economica, sia per porlo in relazione con il più ampio quadro delle compatibilità e delle tendenze macroeconomiche del Paese. Donato Berardi Direttore tel

3 Le basi per far ripartire gli investimenti L'inefficacia della sola regolazione Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per facilitare l'accesso al credito Un fondo di garanzia per il rischio credito nel settore idrico Nell ultimo anno la regolazione dell'aeegsi e le pronunce dei giudici amministrativi hanno posto le basi per tornare a parlare di infrastrutture nel settore idrico. Tuttavia, come si è avuto modo di argomentare in un precedente intervento 1, mancano ancora alcuni tasselli affinché il settore torni ad essere attrattivo per gli investitori. Tra questi la disciplina delle convenzioni tipo, laddove viene disciplinato il subentro nella gestione del servizio, e con esso i rapporti contrattuali tra gestore uscente e subentrante. La sola regolazione non sarà probabilmente sufficiente a sanare le debolezze del sistema. Tra le questioni che sono state oggetto di un intervento specifico vi è la disciplina del valore di riscatto a fine concessione, che presenta risvolti piuttosto critici alla luce della natura demaniale delle infrastrutture del servizio idrico: beni inalienabili che non offrono garanzia alcuna al finanziatore. Per questo motivo, a differenza del caso delle opere al servizio della distribuzione di gas naturale o di energia elettrica, i gestori del servizio idrico soffrono di una cronica incapacità di attrarre finanziamenti, a fronte dei quali le uniche garanzie sono rappresentate dal patrimonio del gestore e dal flusso di cassa generato dalla tariffa. Il Fondo Garanzia Opere Idriche La demanialità delle opere idriche ha dunque un pesante impatto sia sulla bancabilità dei piani d ambito sia sulla contendibilità dei titoli concessori. Anche per questo motivo con il Decreto Sblocca Italia il Governo è recentemente intervenuto per ribadire l obbligatorietà della corresponsione del valore residuo al gestore uscente, definito secondo i criteri stabiliti da AEEGSI. Un ulteriore strumento che è stato proposto in risposta a questo ordine di problematiche è il (da qui in avanti Fondo), contenuto in un disegno di legge delega in materia ambientale presentato nel febbraio 2014 (DDL. n. 2093/2014), collegato alla Legge di Stabilità Il Fondo avrebbe il compito di garantire il valore di riscatto non solo al termine della concessione, ma anche in caso di recesso, revoca o risoluzione anticipata. Lo strumento è ritenuto un importante sostegno per consentire anche ai gestori delle realtà di minori dimensioni e alle aziende mono-servizio di affacciarsi sui mercati del credito a lungo termine. La finalità del Fondo è evidentemente quella di ricercare le economie di scala finanziarie che taluni gestori non riescono a raggiungere. I fondi di garanzia regionali Non a caso molte delle recenti operazioni di finanziamento che hanno avuto per destinatarie aziende pubbliche hanno necessitato delle garanzie offerte dalle amministrazioni regionali. In altri casi le regioni hanno istituito fondi regionali di garanzia all uopo: da ultima la Regione Toscana, che ha messo a disposizione 8,6 milioni di euro per agevolare il finanziamento di infrastrutture di depurazione nelle province di Grosseto, Siena, Lucca e Massa. 1 Contributo n. 19 Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze, Luglio settembre 2014 Pagina 3

4 Le esperienze internazionali Il tema di un pilastro pubblico a garanzia del finanziamento caratterizza gran parte delle esperienze internazionali. Nei Paesi che hanno adottato modelli di gestioni totalmente pubblici (Olanda, Germania, USA), l intervento di un fondo pubblico e di un istituzione pubblica centralizzata sono stati la chiave per assicurare il finanziamento degli investimenti. Anche nei paesi dove è stato adottato un modello di gestione delegato (Portogallo e Francia), una forte presenza dell operatore pubblico è necessaria in termini di finanziamento diretto o di garanzia verso i creditori. L unico caso di finanziamento integralmente privato è quello del Regno Unito. Per un Paese, come l Italia, dove l interferenza dell operatore pubblico è spesso divenuta l occasione di deviazioni al funzionamento del mercato, il tema delle garanzie pubbliche assume risvolti particolarmente delicati che affrontiamo qui di seguito. Fondo garanzie opere idriche non interviene direttamente a finanziare i programmi di investimento Accesso al credito a condizioni di mercato anche alle aziende con bassa valutazione creditizia Una componente tariffaria definita dall AEEGSI sulla base del profilo atteso di utilizzo Il Fondo di garanzia opere idriche nel disegno di legge La proposta del Fondo prevista nel disegno di legge si pone alcuni obiettivi primari: 1. rilanciare le infrastrutture del settore idrico; 2. completare le reti fognarie e di depurazione; 3. evitare le sanzioni per inadempimento delle direttive comunitarie. Il Fondo, è bene dirlo con estrema chiarezza, non interviene direttamente a finanziare i programmi di investimento, ma solo in qualità di garante nelle operazioni di finanziamento, consentendo per questa via di abbattere il rischio di controparte e favorendo l accesso al credito a condizioni più favorevoli. In altre parole, lo scopo del Fondo sarebbe quello di garantire l accesso al credito a condizioni di mercato anche alle aziende con bassa valutazione creditizia, tutelando gli enti finanziatori nelle condizioni di incertezza di termine delle concessioni; il gestore concessionario che necessita di un finanziamento per realizzare il piano degli investimenti potrà infatti rivolgersi al Fondo per ottenere la garanzia sui crediti concessi dai finanziatori. E previsto che il Fondo venga alimentato da una componente tariffaria specifica e sia gestito dalla Cassa Conguaglio del settore elettrico, che provvede alla riscossione della componente tariffaria e alla gestione finanziaria del Fondo secondo un regolamento emanato dall AEEGSI. La componente tariffaria va dimensionata definendo un termine per la messa a regime del Fondo. Nella fase di avviamento il Fondo potrà erogare garanzie in funzione della sua progressiva capienza. Sulla base delle valutazioni di Federutility (per un approfondimento si veda l Allegato), il Fondo potrebbe raggiungere la dotazione necessaria nell arco di anni, alimentato da una componente quantificabile tra l 1 e il 2% all anno della tariffa. Il Fondo dovrà perseguire il recupero degli indennizzi erogati Va inoltre considerato che il Fondo dovrà comunque perseguire il recupero degli indennizzi erogati a valle delle situazioni di default, pertanto il costo netto del Fondo a lungo termine dovrebbe riguardare solo i costi di gestione e la quota di indennizzo che eventualmente non sarà stato possibile recuperare. settembre 2014 Pagina 4

5 Criticità del Fondo Gli elementi da definire per il funzionamento del Fondo Meccanismo solidaristico alla base del funzionamento del Fondo Le questioni aperte Un veicolo come quello prospettato presenta alcune criticità, almeno sotto due punti di vista: procedurale, relativo agli elementi che interessano l organizzazione e il funzionamento del Fondo; distributivo, per i risvolti di carattere solidaristico connaturati allo strumento proposto (possibile disallineamento tra contributori e beneficiari). Per quanto concerne il primo punto, il regolamento di gestione dovrà stabile gli elementi riguardanti il funzionamento del Fondo. In particolare si tratta di definire: i soggetti beneficiari finali, ovvero le caratteristiche dei soggetti candidabili e selezionabili per l intervento, nonché le tipologie di investimento che meritano una copertura assicurativa; le modalità d intervento, tra cui si possono distinguere l istituto della garanzia diretta, della controgaranzia o della cogaranzia, nonché l eventuale percentuale di copertura che potrebbe essere correlata al merito creditizio (rating); i soggetti richiedenti la garanzia ovvero gli istituti di credito qualificati ad attivare il Fondo; le operazioni ammissibili: oltre a definire la durata di attivazione del Fondo, sono da valutare le modalità di eventuali operazioni sul capitale di rischio o sul consolidamento delle passività; le modalità di valutazione delle aziende beneficiarie e di certificazione del merito di credito da parte dei soggetti richiedenti; le procedure per la richiesta di ammissione alla garanzia (tempi/modalità/ documenti da presentare ecc.); condizioni al verificarsi delle quali può essere richiesta l attivazione del Fondo; procedure per la richiesta di attivazione del Fondo in caso di inadempimento del soggetto beneficiario (cosa deve fare il soggetto richiedente: recupero con l intimazione al pagamento/valutazione accordi transattivi proposti dal beneficiario). La costituzione di un fondo di garanzia che opera sull intero territorio nazionale contiene un meccanismo solidaristico tra territori in un ambito, quello del servizio idrico integrato, la cui gestione è stata sino ad oggi fortemente improntata al localismo, con le virtù e le molte debolezze che da tale assetto discendono. Secondo alcuni, uno strumento di perequazione nazionale come si configura il Fondo sosterrebbe in misura maggiore i territori maggiormente deficitari, maggiorando le tariffe praticate nelle realtà virtuose, che hanno in passato intrapreso programmi di investimento ambiziosi al prezzo di tariffe già elevate. Specularmente, assumendo la cronica incapacità di pianificazione che affligge alcune realtà del Mezzogiorno 2, si potrebbe prefigurare un utilizzo prevalente del fondo nelle aree del centro e del settentrione del Paese, con il paradosso che a garantire gli investimenti siano gli utenti delle aree deficitarie del Mezzogiorno. Del resto neppure la costituzione di un fondo a valere sulla fiscalità generale sarebbe efficiente sotto il profilo dell allocazione del rischio e si scontrerebbe inevitabilmente con i vincoli di finanza pubblica che ne impongono il consolidamento nel bilancio dello Stato. Vi è altresì un problema allocazione del rischio tra finanziatore, gestore del servizio e Fon- 2 Si veda Contributo n.22 Lo Sblocca Italia e l inerzia delle Regioni, settembre settembre 2014 Pagina 5

6 do. Una allocazione del rischio troppo sbilanciata verso il Fondo, se desiderabile da punto di vista del finanziatore e anche della tariffa, perché idealmente foriera di condizioni economiche migliorative, rischia di rivelarsi controproducente perché incentiva comportamenti opportunistici (il finanziatore può addirittura non curarsi dello stato di salute del gestore e il gestore può essere incentivato a depauperare il patrimonio). La garanzia offerta da Fondo dovrebbe dunque in linea di principio essere parziale, affiancata da garanzie sul flusso della tariffa, sul patrimonio del gestore e/o sul valore residuo. Il Fondo dovrebbe poi intervenire in situazioni dotate di una storia credibile di investimenti programmati e realizzati, evitando di divenire un mero strumento per socializzare l inefficienza finanziaria che una parte del settore ancora esprime. Quale ruolo per gli enti locali di governo? In ultimo, occorre valutare l aspetto relativo al coinvolgimento o meno degli enti di governo locali nella definizione delle casistiche di intervento da parte del Fondo. Questo tema è strettamente legato al tema delle inerzie da parte di autorità di governo locali e dei gestori: la regolazione attuale prevede infatti che il gestore subentri nella fase di programmazione nel caso in cui le autorità locali non siano adempienti, ma non è chiaro quale procedura debba essere messa in campo qualora anche il gestore sia inerte 3. In questi casi sarebbe allora ipotizzabile il commissariamento del gestore da parte del Ministero dell Ambiente, su proposta dell AEEGSI, mutuando un'impostazione già codificata nel Decreto Sblocca Italia in materia di superamento delle inerzie di regioni ed enti locali nell utilizzo di fondi pubblici ai fini della realizzazione delle infrastrutture idriche. Conclusioni Il Fondo rappresenta una risposta parziale e migliorabile ad un problema concreto: il finanziamento delle opere idriche. L evidenza disponibile suggerisce che l accesso al credito è oggi precluso alle gestioni poco patrimonializzate ad è aggravato dalle difficoltà delle finanze pubbliche. Le potenziali criticità sono in gran parte speciose, anche per la mancanza di chiarezza circa il funzionamento del Fondo e gravitano principalmente intorno al grado di solidarietà desiderato e desiderabile tra territori. Sono questioni che rimandano a tematiche sulle quali il confronto è quanto mai aperto, come il riassetto della governance del settore e la riforma del Titolo V della Costituzione, che dovranno chiarire se anche per il servizio idrico è opportuno e desiderabile il superamento dei localismi, e con essi del nanismo industriale, avviando un compiuto disegno di sviluppo dei servizi pubblici nei territori. 3 Allo stato attuale è prevista l applicazione di una penalità tariffaria. settembre 2014 Pagina 6

7 Allegato 1 La struttura patrimoniale del Fondo in una analisi di Federutility Uno studio di Federutility ha quantificato la dotazione necessaria ad alimentare il Fondo, atteso che il patrimonio potenzialmente beneficiario delle garanzie è rappresentato da tutto ovvero da una quota del capitale investito netto riconosciuti ai fini regolatori (la cosiddetta Regulatory Asset Base - RAB). La RAB a sua volta è finanziata in parte con capitale di rischio e in parte con capitale di debito. A seconda delle opzioni prescelte il Fondo potrebbe garantire il solo debito oppure, a certe condizioni, anche il capitale di rischio. Valutazione della RAB e dimensionamento del Fondo Dalla analisi emerge che nel 2011 il valore della RAB del settore idrico registra un valore complessivo pari a 20,8 miliardi, di euro di cui 4,8 miliardi di euro finanziati con contributi pubblici, comprendendo sia la quota di infrastrutture iscritte a bilancio dai gestori, sia la quota di infrastrutture riferita agli enti locali concedenti. La RAB di competenza dei gestori al netto dei contributi a fondo perduto è stimabile in 12 miliardi di euro. I capitali oggetto di garanzia corrispondono, anno per anno, al valore complessivo di RAB del settore idrico. Infatti l indennizzo che dovrebbe essere corrisposto ai gestori nel caso in cui tutte le concessioni cessassero in un certo anno (c.d. valore terminale), corrisponde per definizione alla RAB del settore idrico di quello stesso anno. La stima della capienza del fondo può essere basata, in prima analisi, sulle seguenti ipotesi: tre scenari di investimento futuro nell idrico: scenario As is dove si ipotizza un livello degli investimenti pari a quello attuale stimabile in 1,4 miliardi/anno; scenario PdA dove si ipotizza un livello degli investimenti pari a quelli programmati da PdA stimati secondo le proiezioni del BlueBook 2011 in 2,2 miliardi anno, secondo il profilo temporale riportati; scenario Sprint dove si ipotizza un incremento degli investimenti dovuto all effetto fondo di garanzia fino a 4 miliardi anno; aliquota di ammortamento regolatorio media al 4% (25 anni); rapporto di indebitamento D/E pari a 0,5 per lo scenario "As is" (minori investimenti = minore ricorso al debito) ovvero pari a 1, come ipotizzato dall AEEGSI, negli altri scenari di ripresa degli investimenti; tasso di default del debito definito in modo cautelativo in una forchetta compresa tra il 5% e il 7%. settembre 2014 Pagina 7

8 Sulla base di queste ipotesi risulta: una RAB di settore a regime compresa tra 17 e 60 miliardi di euro, che andrebbe a regime intorno al 2030, proprio in corrispondenza della scadenza media degli affidamenti; un fondo tra 400 Milioni e 2,1 miliardi di euro. La capienza del Fondo per garantire anche la RAB esistente, in base a un rapporto di indebitamento D/E pari a 0,5 e un tasso di default del 5%-7%, implica un ulteriore impegno massimo di milioni di euro. Tale tasso di default è estremamente cautelativo se si considera che l Agenzia Fitch valuta che storicamente il tasso di default sui bonds che hanno finanziato strutture idriche negli USA risulta essere stato dello 0,04%. In sintesi, si può ipotizzare una capienza del Fondo di garanzia, per la quota di debito, fino a 2 miliardi di euro, da raggiungersi a regime. Al fine di quantificare il profilo di utilizzo del Fondo nel tempo, sulla base dell andamento dello sviluppo della RAB emerge che: la RAB raggiunge il valore di regime tra circa 20 anni; tra 15 anni, alla scadenza media degli affidamenti in essere, la RAB ha superato il 90% del valore a regime. Si può quindi ritenere che il Fondo debba raggiungere il valore di regime in anni. settembre 2014 Pagina 8

Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico

Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Acqua 2.0 Tutela e valorizzione del patrimonio idrico Riparte la civilizzazione del Paese Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Alfredo Macchiati Roma, 27 marzo 2014

Dettagli

regolazione e investimenti

regolazione e investimenti La Regolazione: quali strumenti per incentivare lo sviluppo del servizio idrico regolazione e investimenti Claudio Cosentino L Aquila, ottobre 2013 Quanto si investe nei servizi idrici? Nel 2011: 1,6 miliardi

Dettagli

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli Seconda Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici Autorità Energia Elettrica e Gas Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni

Dettagli

Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze

Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze luglio 2014 Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract La certezza sul valore residuo delle infrastrutture del servizio idrico e sulle sue modalità

Dettagli

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia»

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» WATER FUTURE Conferenza internazionale «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» Adolfo Spaziani, Federutility Il quadro normativo ambientale in Italia Il quadro normativo italiano in ambito ambientale,

Dettagli

Aziende del servizio idrico: alla ricerca della scala finanziaria efficiente

Aziende del servizio idrico: alla ricerca della scala finanziaria efficiente ottobre 2014 laboratorio alla ricerca della scala finanziaria efficiente Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Il finanziamento delle opere del servizio idrico dovrà poter contare sull apporto di

Dettagli

Investimenti nel servizio idrico: fabbisogno elevato, risorse scarse

Investimenti nel servizio idrico: fabbisogno elevato, risorse scarse giugno 2014 Investimenti nel servizio idrico: fabbisogno elevato, risorse Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Il Paese ha bisogno di tornare ad investire nelle infrastrutture idriche: lo dicono

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

Investimenti 2014-2017: in Europa si investe tre volte tanto

Investimenti 2014-2017: in Europa si investe tre volte tanto luglio 2014 Investimenti 2014-2017: in Europa si investe tre volte Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract In questi mesi gli Enti d ambito sono stati chiamati a formulare le proposte tariffarie per

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 18 Settembre 2015 Osservazioni al DCO 409/2015/R/gas Riforma della regolazione

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Servizio idrico integrato: i prossimi passi della regolazione

Servizio idrico integrato: i prossimi passi della regolazione marzo 2015 Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Alla vigilia dell'avvio del nuovo periodo regolatorio nel servizio idrico, AEEGSI espone le linee strategiche di intervento che faranno da filo conduttore

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Milano, 7 ottobre 2015 Investimenti Solidarietà Futuro Efficientamento Aggregazioni Innovazione

Dettagli

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011 La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici Roma, 14 dicembre 2011 La finanziabilità dei Piani nel servizio idrico Ovvero,

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

I servizi idrici integrati in Italia. Roma, 27 marzo 2014

I servizi idrici integrati in Italia. Roma, 27 marzo 2014 I servizi idrici integrati in Italia Roma, 27 marzo 2014 I servizi idrici integrati 2 2 Dati caratteristici del settore Acqua fatturata: 5,5 miliardi m 3 Reti acquedotto: 490.000 km Reti fognarie: 450.000km

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Roma 12 luglio 2005 Gabriele Pasquini Unità tecnica Finanza di Progetto 1 Introduzione Premesse La situazione della finanza pubblica ed i vincoli

Dettagli

I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative?

I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative? I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative? Valentina Menin Consultant Forlì 12 aprile 2013 Agenda Le criticità del settore idrico Meccanismi tariffari volti ad

Dettagli

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Avv. Emilio Sani, Partner Dipartimento Energia Macchi di Cellere Gangemi studio legale Via Serbelloni 4 20121, Milano

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Infrazioni comunitarie e investimenti pubblici

Infrazioni comunitarie e investimenti pubblici Infrazioni comunitarie e investimenti pubblici Giorgia Ronco Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche Infrazioni comunitarie Direttiva 91/271/CE

Dettagli

LA MOROSITA NEI SERVIZI SCOLASTICI IN TEMPO DI CRISI ECONOMICA: MENSE, TRASPORTI, NIDI. COME AFFRONTARE IL PROBLEMA.

LA MOROSITA NEI SERVIZI SCOLASTICI IN TEMPO DI CRISI ECONOMICA: MENSE, TRASPORTI, NIDI. COME AFFRONTARE IL PROBLEMA. LA MOROSITA NEI SERVIZI SCOLASTICI IN TEMPO DI CRISI ECONOMICA: MENSE, TRASPORTI, NIDI. COME AFFRONTARE IL PROBLEMA. Premessa. L esperienza illustrata di seguito è quella del comune di Cologno Monzese,

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale Vincenzo Cavicchia Gas naturale - Liberalizzazione nel mercato della distribuzione - Situazione e prospettive in provincia di Torino Torino

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale Documento per la consultazione Milano, 19 gennaio 2015 1

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Il presente decreto del Ministro dell economia e delle finanze, in attuazione di quanto disposto dall articolo 1, commi da 91 a 94, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, stabilisce

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Giornata di studio Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Enna, 19 novembre 2010 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente ANEA Pagina 1 di

Dettagli

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento Cassa Conguaglio GPL Annualità 2013 A. Descrizione del contesto di riferimento La Cassa Conguaglio GPL, originariamente denominata Cassa conguaglio per i trasporti di gas di petrolio liquefatto, ente pubblico

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Regole e istituzioni, o discrezionalità?

Regole e istituzioni, o discrezionalità? Regole e istituzioni, o discrezionalità? Alberto Franco Pozzolo Università degli Studi del Molise La riforma del bilancio dello Stato, Campobasso 30 gennaio 2016 Sommario I motivi della riforma I vincoli

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione Infrastrutture infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 13 febbraio 2015 Oggetto: DCO

Dettagli

Osservazioni e suggerimenti ANIGAS

Osservazioni e suggerimenti ANIGAS DCO 23/09 STRUMENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DEL RISCHIO CREDITIZIO PER I VENDITORI DEL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA E PROPOSTE DI MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE ARG/ELT 4/08 IN TEMA DI CLIENTI NON DISALIMENTABILI

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire

Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire aprile 2014 Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Il nuovo metodo tariffario per il servizio idrico ha le carte in regola per assicurare

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

LA FONDAZIONE PER IL SUD

LA FONDAZIONE PER IL SUD LA FONDAZIONE PER IL SUD Sostiene la costituzione di Fondazioni di Comunità nelle Regioni del Sud Italia che rientrano nelle regioni ammissibili all obiettivo prioritario 1 come da regolamento CE n. 1260

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 4

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI

Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI NUOVI STRUMENTI PER R&I E PER LE PMI ACCORDO CONFINDUSTRIA - BEI - ABI Roma, 24 febbraio 2010 Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma Divisione

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Rifiuti: a quando l Authority?

Rifiuti: a quando l Authority? Rifiuti: a quando l Authority? Un settore alla ricerca di una via industriale Milano, Il Laboratorio sui Servizi Pubblici Locali di REF Ricerche avvia un filone di dibattito sull ambiente e sul ciclo dei

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E Centro Regionale di Programmazione 00-03-60-00 Centro Regionale di Programmazione DETERMINAZIONE N. 1337 REP. N. 97 Oggetto: P.O.R. FESR Sardegna

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011)

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011 Sala della Maggioranza, Ministero dell economia e delle finanze Il percorso La

Dettagli

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA Progressivo n. - Servizio Industria, Artigianato e Commercio Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. del BOZZA Accordo di collaborazione tra la Provincia di Bologna e I.S.E.A., Istituto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA DI BUSINESS DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA SEU

NUOVE OPPORTUNITA DI BUSINESS DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA SEU NUOVE OPPORTUNITA DI BUSINESS DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA SEU Avv. Emilio Sani, partner dipartimento energia Macchi di Cellere Gangemi studio legale Cosa sono i Sistemi efficienti utenza? Perché si

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia.

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Oggetto: Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Il Presidente della Regione anche a seguito di diversi incontri e manifestazioni di protesta dei contribuenti regionali,

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

società del gruppo Saipem; la cessione sarà a titolo oneroso e il corrispettivo verrà pagato da SFI mediante l utilizzo di linee di credito messe a disposizione da Efi ( Nuove Linee Efi ); - a partire

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Linee guida per l'applicazione del Metodo nazionale per calcolare l elemento di aiuto nelle garanzie

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli