ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE ONCOEMATOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE ONCOEMATOLOGICO"

Transcript

1 ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE ONCOEMATOLOGICO Inf. Ianiro Cristina U.O. Oncoematologia AUSL di Ravenna P.O. di Ravenna COS E IL CANCRO Insieme di una popolazione cellulare differenziata che origina quasi sempre da una singola cellula che ha subito una serie di specifici danni genetici Proliferazione incontrollata Resistenza all apoptosi Assenza di inibizione densità dipendente Ridotta capacità di adesione con altre cellule o tessuti Capacità di angiogensi CRESCITA INCONTROLLATA CAPACITA DI METASTATIZZARE 1

2 SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI PER TIPOLOGIA DI CANCRO STOMACO 25% COLONRETTO 56% POLMONE 11% MELANOMA 86% MAMMELLA 79% CERVICE 60% MEDIA 50 % UTERO 79% PROSTATA 76% TESTICOLO 98% LINFOMA HODGKIN 82% LINFOMA NON HODGKIN 55% TRATTAMENTI E STRATEGIE Esistono oltre 50 farmaci attivi per via sistemica La terapia quasi sempre complessa ed integrata, ha efficacia diversa a seconda dello stadio e dei fattori prognostici La terapia di supporto è enormemente migliorata come anche quella antalgica Le conoscenze della storia naturale dei diversi tumori sono molto aumentate Malattia metastatica a lungo sopravvivenza 2

3 CANCRO TRATTAMENTI E STRATEGIE Le terapie Chirurgia Radioterapia Chemioterapia Ormonoterapia Target therapy Le strategie Curativa Neoadiuvante Adiuvante Concomitante Palliativa Induzione Consolidamento Salvataggio Mantenimento ALCUNE DEFINIZIONI UTILI... Neoadiuvante o primaria: A scopo citoriduttivo prima dell intervento chirurgico per consentire un intervento conservativo o meno demolitivo (ad es quadrantectomia nella neoplasia mammaria) Adiuvante: A scopo preventivo dopo un intervento chirurgico apparentemente radicale, ma a rischio significativo di ricaduta Palliativa: In presenza di malattia non guaribile per l estensione. Ha lo scopo di migliorare la qualità di vita e, dove possibile, prolungare la sopravvivenza. 3

4 ALCUNE DEFINIZIONI UTILI... Induzione :cht per ridurre al minimo l'infiltrazione leucemica del midollo ed ottenere RC (70-80%) Consolidamento: cht per ridurre al minimo il rischio di ricaduta di malattia (PBSC e trapianto autologo o allogenico se rischio alto) Mantenimento :fase successiva di cht a basse dosi (1-2 anni anche per os) Salvataggio: cht di seconda linea se mancata risposta all'induzione CHEMIOTERAPIA Terapia medica per il trattamento di malattie oncoematologiche Monochemioterapia Polichemioterapia 4

5 CHEMIOTERAPIA CARATTERISTICHE La quasi totalità dei chemioterapici sono antiproliferativi cioè agiscono sul tutte le cellule in ciclo. Tuttavia la scarsa selettività cellulare induce alterazioni anche profonde di cellule differenziate. Alta tossicità per tessuti ad alto indice proliferativo: Midollo osseo Mucosa gastrointestinale Cute ed annessi cutanei Gonadi Complicanze: Acute Tardive e permanenti (sterilità, cardiotossicità, fibrosi polmonare) Teratogenicita EFFETTI COLLATERALI DELLA CHEMIOTERAPIA Side effects of chemotherapy Mucositis Alopecia Nausea/vomiting Diarrhea Cystitis Sterility Myalgia Neuropathy Pulmonary fibrosis Cardiotoxicity Local reaction Renal failure Myelosuppression Phlebitis 5

6 FARMACOGENOMICA Studi di biologia molecolare finalizzati all identificazione delle espressioni dei geni coinvolti nelle neoplasie o nella produzione di proteine coinvolte in tale processo Produzione di farmaci target oriented TARGET THERAPY Farmaci diretti contro uno specifico bersaglio molecolare espresso selettivamente sulle cellule tumorali Azione selettiva e specifica verso le cellule tumorali; Tossicità significativamente minore e diversa rispetto alla chemioterapia tradizionale; Possibile utilizzo in concomitanza di chemioterapia o radioterapia; Somministrazione, per alcune, per via orale, con conseguente riduzione di ricoveri e risparmio di risorse sanitarie Orientati verso popolazioni selezionate 6

7 TARGET THERAPY ANTICORPI MONOCLONALI (- ab) Contro geni mutati specifici Trastuzumab (Herceptin) Rituximab (Mabthera) Contro fattori di crescita Cetuximab (Erbitux) Epidermal Growth Factor Bevacizumab (Avastin) Vessel Endothelial Growth Factor INIBITORI DI ENZIMI (tirosin kinasi) (- ib) Imatinib (Glivec) Erlotinib (Tarceva) Gefitinb (Iressa) Bortezomib (Velcade) INIBITORI DI FATTORI DI CRESCITA neo-angiogenetici Sunitinib (Sutent) Sorafenib (Nexavar) TARGET THERAPY EFFETTI COLLATERALI 7

8 TARGET THERAPY EFFETTI COLLATERALI ALCUNI TRATTAMENTI Follicoliti : crema solfo salicilica Se presente prurito, associare un antistaminico Xerosi cutanea: non lavarsi con saponi o detergenti sintetici. Infatti i lavaggi frequenti e l uso dei prodotti da lavaggio è un aggravante per la xerosi cutanea. Onicocriptosi: Gel contenente il 5 % di Alluminio Cloruro. 8

9 RADIOTERAPIA Modalità di cura dei tumori di tipo locoregionale che sfrutta l effetto delle radiazioni elettromagnetiche (raggi x ) e corpuscolari (elettroni) regolate in base alla profondità della neoplasia da irradiare con lo scopo di uccidere tutte le cellule neoplastiche presenti nell area irradiata RADIOTERAPIA EFFETTI COLLATERALI Reazioni acute tessuti ad alto grado di proliferazione più radiosensibili ( cute,mucose, intestino) Complicanze tardive tessuti a lenta proliferazione ( midollo osseo, vescica) 9

10 RADIOTERAPIA REAZIONI ACUTE CUTE eritema a volte essudativo MUCOSE mucosite, disfagia, nausea e vomito,diarrea,esofagite,cistite e proctite RADIOTERAPIA COMPLICANZE TARDIVE Tossicità ematologica ( prevalente in pazienti chemio-trattati) 1. anemia 2. piastrinopenia 3. leucopenia 10

11 RADIOTERAPIA INFORMAZIONE AL PAZIENTE la rt non è dolorosa dopo la seduta non si rimane radioattivi le sedute sono brevi a parte la prima di simulazione che richiede tempo e collaborazione da parte del pz un ciclo di rt richiede solitamente qualche settimana in quanto frazionata diversamente dalla cht che ha un effetto sistemico la rt agisce localmente con effetti limitati solitamente al campo di applicazione PERFORMANCE STATUS (INDICE DI VALIDITÀ) Esistono diverse scale di valutazione della condizioni fisiche del paziente oncologico, tra cui la scala di Karnofsky e la scala del Gruppo Europeo di Oncologia Clinica (ECOG). Vengono utilizzate in oncologia per stabilire: l'indicazione al trattamento, valutazione della risposta clinica alla terapia, come fattore prognostico nelle neoplasie in fase avanzata (quanto migliore è il performance status tanto migliore è la prognosi) La scala ECOG èviene comunemente adottata dall organizzazione mondiale della sanità (WHO). La finalità della valutazione mira ad accertare con la maggior accuratezza possibile se esistano maggiori probabilità di allungare la vita del paziente senza influire negativamente sulla qualità di vita o se, a causa degli effetti collaterali degli antiblastici, vi sia un peggioramento od un accorciamento della vita stessa 11

12 PERFORMANCE STATUS (INDICE DI VALIDITÀ) Grado ECOG Stato del paziente 0 Paziente fisicamente attivo, in grado di svolgere le normali attività 1 Paziente limitato nelle attività fisiche impegnative, ma in grado di camminare e di svolgere un lavoro leggero o di tipo sedentario quali lavori domestici o mansioni d ufficio Corrispondente Grado Karnofsky Paziente in grado di camminare e di accudire a se stesso, ma incapace di svolgere attività lavorativa; resta alzato per più del 50% delle ore di veglia 3 Paziente in grado di accudire a se stesso solo in modo limitato; costretto a letto o in poltrona per più del 50% delle ore di veglia 4 Paziente completamente inabile, costretto a letto e non in grado di accudire a se stesso 5 Paziente agonico o deceduto ALGORITMO DEL PERCORSO UTENTE Inquadramento della patologia Decisione programma terapeutico Somministrazione programma terapeutico Dimissione Neoadiuvante Chemioterapia A domicilio Stadio iniziale Chirurgia Adiuvante Radioterapia Chemioterapia Prosecuzione in DH Assistenza domiciliare Patologia Radioterapia Prosecuzione presso altra struttura Palliativo Specifico Chemioterapia Trasferimento presso Hospice Stadio avanzato Radioterapia Decesso T.analgesica T.antibiotica Palliativo di supporto Supporto parenterale Radioterapia 12

13 SINTOMI IN ONCOLOGIA Correlati alla patologia oncologica Correlati alle metastasi Correlati ai trattamenti Farmacologici Radioterapici Chirurgici NAUSEA E VOMITO 13

14 NAUSEA E VOMITO Sono reazioni riflesse causate principalmente dal danno gastrointestinale, dall'irritazione e dall'alterazione della motilità gastroenterica conseguente alla chemioterapia NAUSEA E VOMITO: CAUSE CORRELATE A PATOLOGIA NEOPLASTICA Tumori dello stomaco in fase avanzata Tumori delle vie biliari Tumori cerebrali primari e secondari Disseminazione metastatica Anomalie metaboliche(uremia, ipercalcemia) Occlusione intestinale Terapia con oppioidi Persone sottoposte a chemioterapia Persone sottoposte a radioterapia 14

15 EMESI ASSOCIATA ALLA CHT EMESI ACUTA entro le 24 ore dalla cht EMESI RITARDATA giorni successivi al trattamento( es. cisplatino) EMESI ANTICIPATORIA si presenta prima della terapia in seguito ad un riflesso condizionato (attivata da pensieri, immagini, odori o suoni associati alla cht precedente) GRADO FARMACO ALTO: Cisplatino Cisplatino ALTO: non cisplatino Dacarbazina Carboplatino Ciclofosfamide Daunorubicina Doxorubicina/epirubicina Idarubicina Citarabina Ifosfamide INTERMEDIO Irinotecan Mitoxantrone Paclitaxel/docetaxel Mitomicina Etoposide Gemcitabina Vinorelbina 15

16 FATTORI PREDISPONENTI IL PEGGIORAMENTO DEL SINTOMO Età (pz molto giovani) Sesso ( le donne sono più soggette) Anamnesi di cinetosi Ansietà Consumo di alcool (pz con anamnesi di consumo cronico di alcol hanno minor tendenza all emesi) NAUSEA E VOMITO :VALUTAZIONE INFERMIERISTICA Valutazioni di base : età,sesso,stato fisico,stato psicologico,tipo di neoplasia e di percorso terapeutico passato e attuale,abitudini,supporto Valutazione dei fenomeni di emesi: stato di nausea e vomito attuali,analisi delle cause,esperienze di preferenze e tolleranze alimentari (discutere con il pz gli argomenti relativi l emesi) 16

17 NAUSEA VOMITO Grado Segni e sintomi Grado Segni e sintomi 0 Assente 0 Assente 1 Può mangiare, introduzione ridotta 2 Può mangiare, introduzione molto ridotta 3 Introduzione non significativa 1 1 episodio episodi episodi WHO classification 4 > 10 episodi NAUSEA E VOMITO OBIETTIVI INFERMIERISTICI Identificare le cause effettive e potenziali Eliminare, se possibile, nausea e vomito Intervenire al fine di mantenere il benessere, la nutrizione, l idratazione 17

18 NAUSEA E VOMITO INTERVENTI INFERMIERISTICI Informare il pz (tempi,cause della possibile comparsa del vomito e azioni preventive e allevianti) Registrare inizio, modalità, frequenza,durata e intensità dei sintomi,volume e tipo di vomito Ridurre al minimo situazioni,suoni e odori che possono indurre la sintomatologia NAUSEA E VOMITO INTERVENTI INFERMIERISTICI Assicurarsi la disponibilità di contenitori per il vomito,salviette,materiale per sciacquare e pulire la bocca Fornire sostegno e rassicurazione durante il vomito Valutare la comparsa di squilibri elettrolitici(riferire al medico) Verificare con il pz le modificazioni dell emesi a seguito dei provvedimenti attuati 18

19 INTERVENTI INFERMIERISTICI Incoraggiare il pz all assunzione di pasti piccoli e frequenti Valutare le preferenze e le tolleranze alimentari( generalmente sono meglio tollerati cibi secchi e salati) motivare il pz ad accettare l eventuale comparsa dell emesi per garantirne la collaborazione PROBLEMI COLLABORATIVI Somm.re regolarmente la terapia antiemetica prescritta e valutarne l efficacia e tempi di durata dell effetto Riferire circa l efficacia( considerare eventuali modifiche di dosaggio,piano di somministrazione o di associazione) considerare la necessità di avvalersi del supporto del dietologo, psicologo o pratiche complementari. 19

20 INDICAZIONI FARMACOLOGICHE EMESI DA CHT desametasone+antagonisti dei recettori della serotonina e.v.(ondansetron) o metoclopramide VOMITO ANTICIPATORIO ansiolitici associati a terapia antiemetica VOMITO DA TUMORI CEREBRALI corticosteroidi per ridurre l edema cerebrale INDICAZIONI FARMACOLOGICHE NAUSEA/VOMITO DA DOLORE analgesici per ridurre gli stimoli nocivi che arrivano alla corteccia cerebrale NAUSEA/VOMITO DA OPPIACEI antagonisti dei recettori della dopamina(perché la zona chemiorecettrice riceve messaggi mediati dalla dopamina) 20

21 STIPSI STIPSI Condizione di cambiamento delle normali abitudini intestinali caratterizzata da una diminuzione della frequenza dell emissione di feci solide 21

22 STIPSI CARATTERISTICHE PRINCIPALI FORMA A CUTA provocata da processi flogistici addominali FORMA CRONICA da diminuito tono della peristalsi intestinale ( stipsi atonica) o da eccessivo tono muscolare di alcuni segmenti intestinali( stipsi spastica) STIPSI - FATTORI DI RISCHIO Introduzione di liquidi Tipo di dieta Mobilità Fattori ambientali ( ridotta privacy, toilette inadeguate ) Ansia e depressione Uso di farmaci tipo oppioidi e antidepressivi 22

23 STIPSI CAUSE IN AMBITO ONCOLOGICO Neoplasie del colon sn ( eventuale occlusione intestinale) Neoplasie del retto Neoplasie in fase avanzata ( carcinosi peritoneale e conseguente occlusione intestinale) Chemioterapia ( alcaloidi della vinca con azione neurotossica sul sistema nervoso autonomo e ileo paralitico) STIPSI - CAUSE Farmaci oppiacei,antiemetici (Zofran),antidepressivi(riducono la peristalsi) Disidratazione,ridotta attività fisica,ansia e depressione 23

24 STIPSI - OBIETTIVI INFERMIERISTICI Identificare le cause Stabilire e mantenere uno standard di evacuazione in accordo con le abitudini del pz STIPSI - VALUTAZIONE Accertare i normali standard di evacuazione del pz Registrare l attività intestinale Considerare i fattori che aumentano il rischio o peggiorano il problema Valutazione di base generali(età, sesso, abitudini) 24

25 STIPSI - INTERVENTI Informare il pz sull importanza di:aumentare l apporto di fibre nella dieta,assumere 2 lt di liquidi nelle 24 ore,incrementare l attività fisica) Incoraggiare il pz ad assumere le misure che in passato hanno contribuito ad abitudini di evacuazioni regolari In caso di parziale o totale dipendenza utilizzare sempre il presidio che mantenga il più possibile la fisiologia, l autonomia,e la privacy della persona STIPSI - PROBLEMI COLLABORATIVI Valutare la necessità di effettuare l esplorazione rettale per verificare il grado di costipazione Valutare con il medico la necessità di somministrare lassativi orali o stimoli meccanici: eseguire la prescrizione e controllarne l efficacia Somministrare terapia specifica prescritta in caso di: stipsi da VCR (neostigmina), stipsi da oppiacei (lassativi osmotici,da contatto, per via rettale) 25

26 STIPSI - TRATTAMENTO OMS 5 LIVELLI Lassativo stimolante (senna, glicerolo rettale) Se inefficace aumentare la dose Se inefficace aggiungere lassativo osmotico (macrogol) Se non tollerato sostituire con lassativo salino (sali magnesio) Se inefficace supposte di lassativo stimolante seguite da clistere ripetibile DIARREA 26

27 DIARREA Condizione di cambiamento delle normali abitudini intestinali caratterizzato da frequente emissione di feci liquide, non formate evacuazione di feci con contenuto acquoso >75% insieme ad una frequenza di defecazione> 2/die per almeno 3 gg consecutivi DIARREA - CAUSE Tumore del colon (alternanza stipsi/diarrea) Tumori endocrino secernenti (liberano sostanze che stimolano la secrezione intestinale) Chemioterapia ( per azione citolitica diretta sulla mucosa intestinale) Radioterapia (sulla cavità addominale per danno della mucosa) Malnutrizione e digiuno pz. fase avanzata di malattia (danno dell epitelio intestinale) 27

28 DIARREA - CAUSE Antibioticoterapia Chirurgia (Sindrome da intestino corto) Infezioni Ansia (aumentata irritabilità e motilità gastrointestinale) Diarrea paradossa (occlusione intestinale) DIARREA - SINTOMI Irritazione e danni al tessuto anale Stanchezza Debolezza Crampi e dolore addominale Disidratazione Disturbi elettrolitici 28

29 DIARREA OBIETTIVI INFERMIERISTICI Stabilire e mantenere gli standard di evacuazione secondo le abitudini del paziente e prevenire lesioni cutanee Raggiungere e mantenere un buon stato nutrizionale e di idratazione DIARREA VALUTAZIONE Valutazioni di base Accertare i normali standard di evacuazione del pz e le sue abitudini Valutare grado e gravità della diarrea(frequenza, consistenza, volume,eventuale presenza di sangue o colorazione anomala) Valutare la comparsa di segni di disidratazione e squilibrio elettrolitico 29

30 SCALA VALUTAZIONE DIARREA WHO 1. Incremento inferiore a 4 scariche al giorno oltre la media 2. Incremento 4-6 scariche al giorno oltre la media 3. Incremento 7 scariche al giorno oltre la Media 4. Costituisce minaccia per la vita del paziente DIARREA INTERVENTI INFERMIERISTICI Rivedere con il pz le potenziali cause del problema Assicurarsi che vengano assunti 2 lt /24 ore di liquidi Evitare alimenti irritanti per l intestino: latte,fibre, cibi troppo freddi o troppo caldi Consigliare dieta idonea Incoraggiare il pz ad eseguire dopo ogni scarica accurata pulizia della zona anale 30

31 DIARREA PROBLEMI COLLABORATIVI Riferire al medico eventuali segni di disidratazione o squilibrio elettrolitico (potassio) Antidiarroici,antispastici,ansiolitici o trattamenti per le eventuali cause infettive secondo prescrizione e valutarne l efficacia Collaborare col dietologo (eventuale dieta priva di scorie o integratori dietetici) DIARREA INDOTTA DA CHEMIOTERAPIA (CHT) Causa di tossicità dose-limitante Aumentata morbilità e mortalità ( Diarrea ritardata da CPT11) Impatto negativo sulla qualità di vita FONDAMENTALE : controllo delle evacuazioni 31

32 DIARREA DA CHT INTERVENTI E PROBLEMI COLLABORATIVI Stop CHT ( secondo prescrizione medica es. XELODA ) OCTREOTIDE in diarrea post-cht refrattaria alle cure standard (inibisce secrezione esocrina gastrica e intestinale e riduce la motilità intestinale) LOPERAMIDE STEROIDI (diarrea post-attinica, riduce l edema intestinale) DIARREA RUOLO INF. ONCOLOGICO Aspetto educativo Risposta infermieristica ai bisogni fisici psicosociali ed educazionali,la quale rinforza i pazienti: - nell autogestione degli effetti collaterali - nell affrontare le complicazioni serie o potenzialmente pericolose della vita 32

33 MUCOSITE MUCOSITE sindrome flogistica delle mucose infiammazione delle mucose che si può presentare in forma di stomatite, esofagite,cistite, congiuntivite ecc.. 33

34 MUCOSITE DEL CAVO ORALE Complicanza infiammatoria grave, che affligge i pazienti oncologici sottoposti a chemio e/o radioterapia, a carico della mucosa del cavo oro faringeo. COME SI MANIFESTA Segni e sintomi Imbiancamento Eritema Alterazioni del gusto Xerostomia o scialorrea Ulcerazioni della mucosa: membrane, placche, localizzazioni da agente specifico Dolore urente Intolleranza all assunzione di cibi freddi, caldi, acidi, piccanti Difficoltà ad articolare la parola e alla deglutizione Impossibilità alla normale alimentazione (cibi solidi e/o liquidi) 34

35 FATTORI DI RISCHIO DIRETTI Età e sesso Precedenti condizioni del cavo orale e igiene orale durante la terapia Stato nutrizionale ed uso di alcool e tabacco (riducono il trofismo della mucosa orale) Chemioterapia e radioterapia: dose, farmaci, combinazioni(danno sull epitelio e sui meccanismi di rinnovamento cellulare) Suscettibilità personale FATTORI DI RISCHIO INDIRETTI Mielodepressione Immunodepressione Infezioni batteriche, fungine, virali Tipo di neoplasia (distretto capo/collo ) 35

36 CHI COLPISCE 40% dei pazienti trattati con chemioterapia standard ( comparsa da 2 a 14 gg dall inizio della cht) 80% dei pazienti sottoposti a TMO ( gravità legata alla mielosoppressione ) 100% dei pazienti radiotrattati per neoplasie del capocollo(reazione acuta con comparsa circa 14 gg dopo e rilevanti effetti tardivi) COSA PUÒ PROVOCARE Aumento del rischio infettivo: setticemie, infezioni polmonari, infezioni del tubo gastro-enterico, ecc Aumento del disagio del paziente: depressione, ansia, sconforto, nervosismo, ecc.. ridotta capacità di comunicare per alterazione della fonesi Problemi nutrizionali fino all anoressia e alla cachessia Difficoltà nel rispetto dei tempi di recupero funzionale Difficoltà nel rispetto dei tempi standard di cura ( può diventare dose limitante per i trattamenti radio-cht) Aumento delle giornate di degenza e dei costi Senso di impotenza e stress nel personale curante 36

37 PRINCIPALI ALTERAZIONI DELLA MUCOSA Imbiancamento: dovuto a iniziale vasocostrizione con occlusione capillare Eritema: arrossamento della mucosa dovuto ad aumento della permeabilità vascolare, edema tissutale e attivazione delle citochine Disepitelizzazione: riduzione drastica o scomparsa dell epitelio superficiale Ipertrofia gengivale: edema del tessuto gengivale Ulcere: soluzioni di continuo della mucosa dove facilmente si instaurano infezioni opportunistiche Placche: costituite da un essudato fibroso che forma una pseudo-membrana atta a proteggere l epitelio ulcerato COMPLICANZE Lesioni da candida: pseudomembrane o lesioni puntiformi, a chiazze, biancastre sparse sulla mucosa Lesioni herpetiche: vescicole dolorose specie a carico delle labbra Lichen: lesione simile al mughetto ma molto più severa, solitamente associata ad ipertrofia mucosa. E causato da eventi associati a GVHD Membrane: formazioni spesse, bianco-giallastre, spesso sanguinanti, dovute alla presenza di cheratina e collagene Petecchie: piccole soffusioni emorragiche capillari, puntiformi, superficiali Gengivite emorragica: sanguinamento delle gengive per piastrinopenia e ipertrofia gengivale 37

38 COMPLICANZE Xerostomia: diminuzione della produzione di saliva e della capacità lubrificante della saliva stessa Scialorrea: abnorme produzione di saliva che solitamente non ha alcun potere funzionale, trattasi nei casi più severi di un liquido denso, filamentoso e colloso che il paziente ha difficoltà a sputare e/o ingoiare CANDIDA 38

39 HERPES E CANDIDA MEMBRANA 39

40 LICHEN PLACCA 40

41 MUCOSITE CPSE Amati Piero U.O. Hospice Benedetta Corelli Grappadelli W.H.O. Grado 0: assenza di mucosite Grado 1: cambiamenti tessutali localizzati, eritema a chiazze, alimentazione normale Grado 2: cambiamenti tessutali localizzati, eritema, assottigliamento della mucosa, piccole ulcere, dolore lieve, alimentazione normale Grado 3: moderati cambiamenti tessutali, eritema e ulcere diffuse, sanguinamenti, dolore moderato, alimentazione solida e liquida difficoltosa Grado 4: marcati cambiamenti tessutali, eritema e ulcere che coinvolgono quasi tutta la mucosa, stillicidio, sanguinamento spontaneo, dolore marcato, impossibilità ad alimentarsi 41

42 MUCOSITE OBIETTIVI Individuare prontamente l insorgenza di arrossamenti o ulcerazioni al cavo orale Illustrare al pz. I mezzi per favorire il benessere e ridurre al minimo i problemi Prevenire le sovrapposizioni infettive Mantenere un adeguata nutrizione STRATEGIE DI PREVENZIONE INTERVENTI PRE - TRATTAMENTO Eliminare fonti di infezione (carie, malattie dentali, apparecchi ortodontici, traumatismi) Informare il pz sulle possibili cause di stomatite,sulla durata prevista, sui problemi potenzialmente associati,sulle misure da adottare per risolverli Stabilire un adeguato protocollo di igiene per il pz Educare il pz ad una corretta igiene ed ispezione del cavo orale 42

43 ASPETTO EDUCATIVO ALL IGIENE ORALE DEL PZ Controllo giornaliero del cavo orale Rimozione e pulizia delle protesi Cura minuziosa del cavo orale con sciacqui e uso di spazzolino più volte al giorno, in concomitanza dei pasti e prima di coricarsi Insegnare piccoli accorgimenti precauzionali: assumere liquidi e cibi semi-solidi freschi e lenitivi; limitare il fumo; limitare cibi caldi, speziati o acidi utilizzare spazzolini a setole morbide o in alternativa tamponi, quando compaia sanguinamento umidificare e ammorbidire le labbra con prodotti adeguati PROBLEMI COLLABORATIVI Somministrare analgesici locali e sistemici in caso di dolore, secondo prescrizione medica, verificarne e registrarne l efficacia Somministrare antifungini per via sistemica secondo prescrizione medica in caso di candidosi orofaringea Avviare un consulto con il dietologo se si rilevano gravi problemi alimentari o NPT 43

44 EVIDENZE COSA È EFFICACE? Prevenzione pre e durante il trattamento Benzidamina idrocloridrato Allopurinolo Crioterapia Laser a bassa frequenza GCSF sottocute Anestetici sistemici Fisiologica in sciacqui KGF, EGF, Interleuchina 11 Saliva artificiale Psicoterapia Amfotericina B Conclusioni: Scarsa efficacia dei trattamenti convenzionali Fondamentale importanza della prevenzione Fondamentale importanza dell igiene orale Fondamentale importanza dell osservazione del pz 44

45 TOSSICITA MIDOLLARE IL MIDOLLO OSSEO Midollo osseo rosso: Organo presente nelle ossa piatte come il bacino, lo sterno, il cranio, le coste, vertebre, scapole, ed estremità prossimali di femore e l'omero Cellule staminali emopoietiche Midollo osseo giallo: Organo presente nelle restanti cavità midollari, costituito da tessuto adiposo che ne determina il colore Cellule staminali mesenchimali non emopoietiche Entrambi i tipi di midollo osseo contengono una grande quantità di vasi sanguigni e capillari. 45

46 CELLULE STAMINALI Sono cellule totipotenti,, di tipo embrionale, capaci di differenziarsi verso qualsiasi direzione dello scenario tessutale: Cellule staminali emopoietiche Granulopoiesi Globuli bianchi (granulociti, linfociti, monociti) Eritropoiesi Globuli rossi (eritrociti) Piastrinopoiesi Piastrine Cellule staminali mesenchimali non emopoietiche Cellule muscolari liscie e striate Adipociti Osteoblasi Condroblasti Fiblrobaslti Cellule endoteliali CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE 46

47 TERAPIA ANTIBLASTICA E TOSSICITA MIDOLLARE La terapia antiblastica standard non ha attività sul patrimonio cellulare circolante ma solo su quelloin fase di replicazione all interno del midollo osseo (staminali e progenitrici ) Non tutti i farmaci causano depressione midollare con la stessa severità Alcuni farmaci hanno attività selettiva su determinate linee midollari, altri arrivano a distruggere le cellule staminali (trattamenti ad alte dosi) GLOBULI BIANCHI Leucopenia e neutropenia Aumento rischio infettivo Isolamento protettivo GLOBULI ROSSI Anemia Fatigue Interessamento multi apparato Supporto trasfusionale PIASTRINE Trombocitopenia Sindrome emorragica Supporto trasfusionale LEUCOPENIA Diminuzione del numero dei globuli bianchi circolanti al di sotto di cell/mm 3 (valori di riferimento cell/mm 3) 47

48 LEUCOCITI - FORMULA Leucociti granulociti: neutrofili (circa il 65% del totale) eosinofili (1-2% del totale) basofili (0,5-1% del totale) Leucociti non granulari: monociti (5-8% del totale) linfociti (35% del totale) NEUTROPENIA Diminuzione dei neutrofili (valori di riferimento /mcL) In base alla sua conta nella formula leucocitaria si definiscono tre diversi tipi di neutropenia: lieve: mcl moderata: mcl severa < 500 mcl, 48

49 NEUTROPENIA - SCALA DI VALUTAZIONE Classificazione tossicità ematologica; Neutropenia CTCAE v 3.0 (Common Terminology Criteria for Adverse Event ) Grado 1 Limite normalità 2 Lieve 3 Moderata 4 Severa 5 Assoluta Concentrazi one 1500 mm mm mm mm mm 3 < 500 mm 3 0 RISCHIO INFETTIVO NEUTROPENIA RISCHIO INFETTIVO CORRELATO ALLA PERSONA Età > 60 anni Pregresse infezioni opportunistiche Patologie concomitanti (BPCO, insufficienze d organo) Abitudini sessuali promiscue Viaggi in zone endemiche Vaccinazioni specifiche non eseguite 49

50 NEUTROPENIA RISCHIO INFETTIVO CORRELATO ALL AMBIENTE Tipo di isolamento (stanza singola, doppia, modalità accesso visitatori) Ventilazione stanze (ricambi d aria e filtri specifici) Comportamento visitatori non corretto Cantieri nelle vicinanze Esposizione ad agenti contaminanti (cibo, acqua,aria, oggetti) Team medico assistenziale colonizzato da agenti patogeni virulenti NEUTROPENIA RISCHIO INFETTIVO CORRELATO TRATTAMENTO Durata della neutropenia severa > 10 giorni (< 500 neutrofili) Presenza di mucosite cavo orale Grado 2 WHO Presenza di mucosite intestinale Presenza di accesso venoso centrale Utilizzo di corticosteroidi ad alto dosaggio Utilizzo di terapie antibiotiche Utilizzo di terapie immunosoppressive 50

51 NEUTROPENIA RISCHIO INFETTIVO CORRELATO AL PERSONALE SANITARIO Igiene delle mani Utilizzo dei presidi in uso Monitoraggio della mucosite Gestione e monitoraggio di accessi venosi centrali e periferici Rispetto delle norme comportamentali Team medico assistenziale colonizzato da agenti patogeni virulenti NEUTROPENIA - TRATTAMENTO Non è necessaria una terapia all esordio della neutropenia Occorre valutare l andamento l della neutropenia considerando il Nadir (emocromi( ripetuti). Nadir: momento di massima citopenia Condizionato dai farmaci antiblastici usati e dalla loro combinazione. Si verifica di solito tra il 7 ed il 10 giorno del ciclo Se intervengono infezioni gravi: Terapia antibiotica Terapia antimicotica (rivalutazione al g.) Fattori di crescita (non in alcune patologie ematologiche) 51

52 FILGRASTIM o G-CSF (Granulocyte-Colony Stimulating Factor) Appartenente alla famiglia delle citochine E un fattore di crescita emopoietico Stimola la proliferazione e differenziazione dei progenitori granulocitari Indicazioni: Riduzione della durata della neutropenia e l incidenza della neutropenia febbrile in pazienti sottoposti a trattamento chemioterapico Mobilizzazione delle cellule staminali nel torrente periferico in pazienti candidati a leucoaferesi. Controindicazioni generali: leucemia mieloide cronica e delle sindromi mielodisplastiche Effetti collaterali: NEUTROPENIA SEDI DI INFEZIONE PIU FREQUENTI Cavità orale (sovrainfezioni da microrganismi e miceti, virus) Tratto gastroenterico (enterocoliti) Sangue (sepsi diffusa) Pelle (flogosi punto inserzione accessi venosi centrali e periferici, esiti di manovre invasive, taglio delle unghie) Polmoni (focolai broncopneumonici, micosi polmonari) Vie urinarie (cistite, cistite emorragica) 52

53 NEUTROPENIA MICRORGANISMI PIU FREQUENTI Batteri Gram + - Stafilococcus aureus - Stafiloccoccus epidermidis - Steptococcus Viridans Batteri Gram - - Pseudomonas aeruginosa - Escherichia coli - Enterococchi Miceti (candida, aspergillo) NEUTROPENIA OBIETTIVI INFERMIERISTICI 1. Identificare le condizioni cliniche che possono favorire o determinare l instaurarsi di stati infettivi 2. Informare la persona e i familiari sull importanza dell igiene personale 3. Informare la persona e i familiari sui rischi correlati alla neutropenia 4. Adottare precauzioni per la prevenzione delle complicanze correlate alla neutropenia 5. Adottare precauzioni per la prevenzione delle ICA (Infezioni Correlate all Assistenza) 6. Corretta gestione accessi venosi centrali e periferici 53

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002 La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia 12 novembre 2002 I farmaci antiblastici La chemioterapia antitumorale si può considerare relativamente recente. All inizio degli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA Gentile Signora, Gentile Signore, la nostra équipe ha pensato di proporre una guida per il paziente che deve iniziare il trattamento chemioterapico. Il

Dettagli

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib)

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema comprende i seguenti farmaci: cisplatino, imatinib. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI TERAPIA ANTILEUCEMICA DOCENTE: Prof. Luigi Quasso TERAPIA ANTILEUCEMICA

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Gli aspetti medici e psicologici

Gli aspetti medici e psicologici LE PATOLOGIE GRAVI, I MEZZI DIAGNOSTICI E GLI STRUMENTI TERAPEUTICI IN RAPPORTO ALLE MODIFICATE CAPACITA SCOLASTICHE E RELAZIONALI DELL ALUNNO MALATO Dott.ssa Fiorina Giona Ematologia-Dipartimento di Biotecnologie

Dettagli

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI I tumori infantili sono molto diversi dai tumori degli adulti per tipo, per velocità di accrescimento e per prognosi. Nel bambino, in generale, il tumore più frequente è il

Dettagli

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, oxaliplatino Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

La Mucosite del Cavo Orale IP Stefano Botti U.O. Ematologia B.C.M. Arcispedale Santa Maria Nuova Reggio Emilia Mucosite del cavo orale Di cosa si tratta Complicanza infiammatoria grave a carico della mucosa

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

CHOP +MABTHERA (Rituximab)

CHOP +MABTHERA (Rituximab) CHOP +MABTHERA (Rituximab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: ciclofosfamide, doxorubicina (adriamicina), vincristina, prednisone, rituximab Le informazioni

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEB POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: cisplatino, etoposide, bleomicina. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la

Dettagli

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Sara De Dosso Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Gruppo Interesse Oncologia Ticinese 20 novembre 2014 Outline Capecitabina, (S1) Regorafenib Sunitinib

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

I FARMACI CHEMIOTERAPICI

I FARMACI CHEMIOTERAPICI I FARMACI CHEMIOTERAPICI A cura di Dott.ssa Vita Leonardi dirigente medico presso la U.O. di oncologia medica dell AORNAS Civico di Palermo Direttore: Dott. Biagio Agostara CHEMIOTERAPIA Terapia con prodotti

Dettagli

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento LA TERAPIA DEL DOLORE Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento DEFINIZIONE DI DOLORE "Un'esperienza sensitiva ed emotiva spiacevole, associata ad un effettivo o potenziale

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli Fabrizio Cavalloro CHE COSA E IL DOLORE E CHE FUNZIONE HA? IL DOLORE Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Obiettivo Anno 2005. Azienda Sanitaria Locale n 12

Obiettivo Anno 2005. Azienda Sanitaria Locale n 12 Azienda Sanitaria Locale n 12 Polo Oncologico di Biella V i a C a r a c c i o, 5 1 3 9 0 0 B i e l l a T e l. 0 1 5. 3 5 0. 3 7 0 5 / F a x 0 1 5. 3 5 0. 3 7 8 5 b i e l l a @ p o l o n c o l o g i c o.

Dettagli

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3 00_carpanelli_ok 9-09-2002 16:52 Pagina V Autori Presentazione XI XVII MODULO 1 Epidemiologia, prevenzione e ricerca 1 Strategie europee contro il cancro 3 Il quinto programma quadro 3 Il programma qualità

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

FOLFIRI + AVASTIN (Bevacizumab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFIRI + AVASTIN (Bevacizumab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFIRI + AVASTIN (Bevacizumab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, irinotecano, bevacizumab. Le informazioni contenute in questo

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

Informazioni per pazienti affetti da melanoma in trattamento con Ipilimumab

Informazioni per pazienti affetti da melanoma in trattamento con Ipilimumab Informazioni per pazienti affetti da melanoma in trattamento con Ipilimumab Gentile Signora, egregio Signore, questo opuscolo si propone di spiegarle in modo semplice cosa è il melanoma e fornirle informazioni

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale Nicola Petrosillo INMI L. Spallanzani La malattia da virus Ebola (MVE) è caratterizzata dall insorgere improvviso di febbre e malessere generale, accompagnata

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente microsfere Guida per il paziente all impiego della Radioterapia Interna Selettiva (SIRT) nei tumori epatici tramite impiego di microsfere Il presente foglio illustrativo è stato elaborato dalla Sirtex

Dettagli

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla EFFETTI COLLATERALI bla bla bla bla E TERAPIA DI SUPPORTO Patrizia Tosi (Rimini) Bortezomib - effetti collaterali Astenia Piastrinopenia Neuropatia periferica Ipotensione Diarrea/nausea Riattivazione Herpes

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione PROCEDURA: Barrare le opzioni prescelte Selezionare l obiettivo

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO Dott. Carlo Gatti U.O. Oncologia - Ematologia 16 Ottobre 2012 Azienda ULSS n.14 CHIOGGIA (VE) via Madonna Marina, 500 30015 CHIOGGIA ( VE) www.asl14chioggia.veneto.it

Dettagli

Tossicità dei farmaci chemioterapici antitumorali. Prof. Giorgio La Nasa 24 Maggio 2010

Tossicità dei farmaci chemioterapici antitumorali. Prof. Giorgio La Nasa 24 Maggio 2010 Tossicità dei farmaci chemioterapici antitumorali Prof. Giorgio La Nasa 24 Maggio 2010 TOSSICITA DEGLI ANTIBLASTICI 1 - NELLA TERAPIA DELLE NEOPLASIE BISOGNA OTTENERE LA TOTALE ELIMINAZIONE DELE CELLULE

Dettagli

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

VOL. 4. Progetto S STEGNO. Come gestire. i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute. e apparato ginecologico

VOL. 4. Progetto S STEGNO. Come gestire. i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute. e apparato ginecologico VOL. 4 Progetto S STEGNO Come gestire i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute e apparato ginecologico Effetti sui capelli (alopecia) Alcuni farmaci anti-tumorali possono

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO. Ornella Carminati

LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO. Ornella Carminati LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO Ornella Carminati RIFLESSIONI AD ALTA VOCE Quindi relax! I dati di letteratura servono da spunto per qualche considerazione da condividere con gli

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA. Terapia medica Radioterapia

ONCOLOGIA MEDICA. Terapia medica Radioterapia ONCOLOGIA MEDICA Terapia medica Radioterapia Tipi di terapia medica Chemioterapia Ormonoterapia Immunoterapia Terapie biologiche e molecolari ( targeted therapy ) Terapie di supporto e palliative (+ varie

Dettagli

La Cura del malato oncologico

La Cura del malato oncologico La Cura del malato oncologico Salvagno Luigi U.O. Oncologia Amb onco-ematologia ULSS 7 Conegliano 23 aprile 2016 Mortalità per neoplasia negli USA anni 1975-2012 Questo dipinto rivela il mio stato d'animo

Dettagli

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI Informazioni generali Gentile Signora, questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni a chi, come lei, deve seguire un

Dettagli

PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Foglio illustrativo PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Ti ricordi questo? A.I.STOM. www.tumorecolonretto.it. Iniziativa realizzata con il sostegno di: Con il patrocinio di:

Ti ricordi questo? A.I.STOM. www.tumorecolonretto.it. Iniziativa realizzata con il sostegno di: Con il patrocinio di: Ti ricordi questo? Per un ambiente migliore, questo documento è stato stampato su carta riciclata. Allora è ora di pensare alla prevenzione del tumore del colon-retto. www.tumorecolonretto.it Con il patrocinio

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Riassunto Data del documento originale: 23 gennaio 2014 RACCOMANDAZIONI

Dettagli

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia).

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia). MIELODISPLASIE Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono un gruppo eterogeneo di malattie, prevalenti nell adulto-anziano, caratterizzate da una difettosa produzione, da parte del midollo osseo, di globuli

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico STAFF DIREZIONE SANITARIA Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico DIAGNOSI INFERMIERISTICA: (RISCHIO DI) DEFICIT DELLA CURA DI SÉ alimentazione, bagno, igiene personale, uso dei servizi igienici,

Dettagli

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA LA STIPSI INTESTINO CRASSO DEFINIZIONE:CRITERI DI ROMA 2 -SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA EVACUAZIONE e/o DI OSTRUZIONE ANALE -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

Dettagli

ONCOLOGICA CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO

ONCOLOGICA CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO IL GELATO nella PATOLOGIA ONCOLOGICA CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Dr.ssa Cristina Nicolato Dietista Servizio Dietetico DMO VICENZA 5 OTTOBRE 2013 BACKGROUND Quali sono gli obiettivi principali di ogni supporto

Dettagli

Modelli organizzativi e percorsi: Il ruolo dell'infermiere nella rete oncologica

Modelli organizzativi e percorsi: Il ruolo dell'infermiere nella rete oncologica Modelli organizzativi e percorsi: Il ruolo dell'infermiere nella rete oncologica PDTA TUMORI TRATTO CERVICO CEFALICO KATYA SARTORI PERSONALIZZAZIONE INTERDISCIPLINARIETA' ARMONIOSITA' NEOPLASIE DEL DISTRETTO

Dettagli

MabThera. rituximab. Che cos è MabThera? Per che cosa si usa MabThera? Riassunto destinato al pubblico

MabThera. rituximab. Che cos è MabThera? Per che cosa si usa MabThera? Riassunto destinato al pubblico EMA/614203/2010 EMEA/H/C/000165 Riassunto destinato al pubblico rituximab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Intervento al 1 Incontro nazionale A.I.G. Approfondimento medico sui GIST: parliamone con i pazienti Milano, 1 Marzo 2008

Intervento al 1 Incontro nazionale A.I.G. Approfondimento medico sui GIST: parliamone con i pazienti Milano, 1 Marzo 2008 Dott.ssa Elena Fumagalli (Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Intervento al 1 Incontro nazionale A.I.G. Approfondimento medico sui

Dettagli

LE TERAPIE ORALI IN ONCOLOGIA

LE TERAPIE ORALI IN ONCOLOGIA LE TERAPIE ORALI IN ONCOLOGIA Sabrina Pellachin S.C. Oncologia Medica ASO S. Giovanni Battista - Torino 1 2 COSTI Sorafenib (Nexavar) 112co 200mg 5.305,59 Erlotinib (Tarceva) 30co 100mg 2.466,59 30co 150mg

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli