Esame di Stato Anno Scolastico 2013/2014. Documento del Consiglio di Classe ( ART. 5, D.P.R. 323/98 ) 5^A/F

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di Stato Anno Scolastico 2013/2014. Documento del Consiglio di Classe ( ART. 5, D.P.R. 323/98 ) 5^A/F"

Transcript

1 Esame di Stato Anno Scolastico 2013/2014 Documento del Consiglio di Classe ( ART. 5, D.P.R. 323/98 ) 5^A/F Istituto Statale d Arte Disegno di Architettura e Arredamento Arte della Fotografia e Grafica Pubblicitaria Prot. n Il Dirigente Scolastico Prof. Franco COLOMBO

2 2

3 Indice dei Contenuti Composizione del Consiglio di classe..pag.4 Gli alunni.pag.5 Caratterizzazione dell indirizzo di studi..pag.6 Presentazione e Relazione generale sulla classe.pag.8 Presentazione alunno/i diversamente abili o con Disturbi Specifici dell Apprendimento (in allegato) (ai sensi dell art. 6 comma 1 del Regolamento).. Pag. 9 Attività integrative curricolari ed extra-curricolari (progetti, incontri con professionisti o associazioni, ecc).. Pag.10 Attività di stage e partecipazione a concorsi e/o committenze Pag.13 Griglia di valutazione generale di istituto.pag.14 Titolo dell argomento o dell approfondimento sviluppato da ogni alunno per l avvio del colloquio d esame....pag.15 Programmi consuntivi svolti da ogni singola disciplina nel corrente anno scolastico..pag.17 Criteri generali per l attribuzione del credito scolastico.pag.85 Simulazione di Prove d Esame (in allegato). Pag.86 3

4 Composizione del Consiglio di Classe docente ore materia firma ERBA ELISA 6 ITALIANO E STORIA BRUNO PAOLO 4 STORIA DELLE ARTI VISIVE COLOMBO ANTONELLA 5 MATEMATICA E FISICA VITALE PAOLA 4 CHIMICA FLOREAN PAOLA 1 ELEM. ECONOMIA E SOCIOLOGIA STRIZZI GIACOMO 2 EDUCAZIONE FISICA MARIANI NINO 4 GEOMETRIA DESCRITTIVA MAURI MARCELLA 6 PROGETTAZIONE ARREDAMENTO SANVITO ORNELLA 6 PROGETTAZIONE GRAFICA ZITO LUCIA 2 EDUCAZIONE VISIVA GRISAFI ACCURSIA 1 RELIGIONE CAZZANIGA VITTORE 2 LABORATORIO EBANISTERIA GUZZETTI PIERGIUSEPPE 1 2 LABORATORIO DI MODELLISTICA GIUSSANI DANIELA 2 FOTOGRAFIA - RIPRESA CINEMATOGRAFICA CINGI CRISTINA 1 TECNICHE GRAFICHE MATTEO STEFANIA 1 FOTOINCISIONE Il presente documento è stato approvato dal CdC riunitosi in data 4

5 Alunni Cognome e nome SEZIONE A 1. BIFFARDI VERONICA 2. IELPO MARCO 3. LOACHAMIN NICOLE 4. MOTTA LETIZIA 5. PAONAZZI ANTONELLA 6. PASSALACQUA DAVIDE 7. PERRI MARTINA 8. POZZOLI STEFANO 9. REMOLLINO LAURA 10. VERTUA SIMONE SEZIONE F 1. BORRELLI ELISA 2. GORETTI FABIO 3. LEO DAVIDE 4. MANTI FIORINDA 5. MIGLIORINI ANDREA 6. MURGI NICOLAS 7. NATALE MATTEO 8. NAVONI LAURA 9. OREFICE ILARIA 10. SBARRA FRANCESCA 11. SCUMACI FABRIZIO 12. TOTO TONIA 13. TREMOLADA MARTINA 14. EVA YANG 15. DALIA ZECCHIN firma 5

6 Caratterizzazione indirizzo di studio L' I.S.A., appartiene, nella varia tipologia dell'istruzione secondaria, alla Istruzione Artistica. L'obiettivo di questo settore, storicamente rilevante nella scuola superiore, è in qualche modo trasversale a quello degli altri indirizzi scolastici. L'I.S.A., infatti, partecipe dei valori culturali dell'istruzione di indirizzi storico-letterari e della razionalità degli indirizzi tecnico-scientifici, richiede affinate abilità proprie dell'istruzione professionale. L'obiettivo finale è quindi la preparazione di un giovane capace di dar forma e qualità concreta ad un progetto e ad un prodotto del suo lavoro. Soprattutto in questo senso vanno interpretati alcuni termini d'uso corrente nelle finalità e nei piani di studio di una scuola ad indirizzo artistico: progetto, creatività e professionalità. Frequentare questo indirizzo scolastico implica : interesse per l'indirizzo specifico e impegno metodico nello studio; capacità logiche, d'analisi, di sintesi, d'astrazione; capacità organizzative, creative, strumentali e manuali; precisione nella esecuzione degli elaborati delle discipline di indirizzo. L'obiettivo della formazione generale e specialistica è la figura professionale di un operatore d'arredo, in grado di agire nel vasto campo della progettazione del mobile, del complemento d'arredo e nei settori ad essi connessi. A tale scopo egli si avvale di un bagaglio di conoscenze, teoriche e pratiche nei vari settori dell'arredo e del design, utilizzando con buona padronanza varie tecniche di rappresentazione. Il triennio iniziale viene inteso come propedeutico. Per la sezione di arredamento si indagano le componenti del progetto (rilievi, simbologie, metodi di rappresentazione, ecc. ), si individuano i segni, le terminologie strutturanti l'alfabeto dell'arredo d'interni e d'esterni, lo studio dei linguaggi specifici relative alle discipline pittoriche, plastiche e geometriche. Si incrementano le attitudini creative ed analitiche degli allievi, portandoli a conoscenza degli strumenti( penne professionali, strumenti tecnici del disegno e del rilievo, computer, ecc. ), dei materiali (tipi di legnami, utensileria varia, colle, vernici, ecc. ) e delle tecniche di visualizzazione (planimetrie, prospetti, assonometrie, prospettive, ecc.), definendo una metodologia operativa che non favorisca la superficialità e la gratuita invenzione di manufatti. Il biennio finale, dopo gli esami di Licenza del terzo anno, viene considerato come il momento di attuazione e di verifica progettuale del livello di competenze acquisite nel triennio propedeutico. Vengono affrontati progetti complessi (locali di abitazione, show rooms, impianti espositivi, aree verdi, ecc.) per i quali si ritiene di fondamentale importanza l'acquisizione di una mentalità elastica ed una capacità di comprensione vasta del problema, nonché una operatività di tipo scientifico per la gestione delle ipotesi progettuali. Inoltre viene fornita una specifica preparazione alla lettura ed interpretazione delle Arti Visive. I programmi delle varie discipline di formazione comune consentono una adeguata preparazione culturale generale, per una necessaria formazione personale e per l'accesso alle diverse facoltà universitarie. 6

7 E' prevista la partecipazione a concorsi nazionali, lavori per committenze esterne e collaborazioni con Ditte, Enti e Associazioni presenti nel territorio. Sono previsti incontri con professionisti di vari settori coerenti con la formazione artistica. Il titolo di studio finale d'arte Applicata, per un operatore dotato di abilità pratiche e conoscenze teoriche di buon livello, permette: sbocchi professionali nell'industria del mobile e del complemento d'arredo; posizioni da esperto negli show rooms e negli studi professionali specializzati nel settore, negli Enti pubblici e privati per le competenze degli Uffici tecnici; l'iscrizione ad una qualsiasi facoltà universitaria; l'accesso all'accademia di Belle Arti in uno dei vari indirizzi; l'accesso agli Istituti Superiori di Specializzazione. Il primo e secondo anno del corso di Grafica, sono in generale intesi come momento propedeutico nel corso del quale si indagano gli elementi basi quali moduli, simboli, lettering, ecc., si individuano i segni e i codici del linguaggio visivo nello studio delle varie discipline del disegno. Il corso, fornisce strutture di lettura ed interpretazione per orientarsi nel vasto campo della comunicazione visiva, un adeguata preparazione culturale generale per una formazione personale realmente completa. Al termine si consegue il Diploma d'arti Applicate che permette l inserimento nelle attività produttive, l iscrizione ai percorsi Post-Diploma, ai corsi Superiori di Specializzazione e alle Facoltà Universitarie. Materie del piano di studio sez. Disegno Triennio Arch. Arredamento Biennio Lettere Italiane e Storia 4 6 Storia dell Arte 2 Storia delle Arti Visive 4 Elementi di Economia e Sociologia 1 Matematica e Fisica 3 5 Scienze Geografia astronomica Chimica 2 Tecnologia 1 Chimica e Laboratorio Tecnologico 4 Disegno Geometrico 4 Teoria e Applicazioni di Geometria Descrittiva 4 Disegno dal Vero 4 Plastica 4 Educazione Visiva 2 Disegno Professionale 4 (+2) Progettazione 6 Laboratorio di Modellistica 4 2 Laboratorio di Ebanisteria 4 2 Educazione Fisica 2 2 Religione - Attività alternativa 1 1 GRAFICA PUBBLICITARIA E DELLA FOTOGRAFIA Laboratorio di Fotografia e Cinematografia 4 2 Laboratorio di Tecniche Grafiche 2 1 Laboratorio di Fotoincisione e Serigrafia 2 1 Totali ore settimana *Ore al quinto anno 7

8 PRESENTAZIONE e Relazione generale sulla classe La classe è il risultato della fusione, a partire dal quarto anno, di due gruppi distinti, uno del corso di Arredamento (la sezione A) e uno di Grafica (la sezione F). Entrambe le classi avevano subito una selezione durante i primi tre anni e anche l'anno scorso quattro alunni non sono stati ammessi alla classe successiva. In quinta sono arrivati venticinque studenti (dieci di Arredamento e quindici di Grafica). Sul piano relazionale, gli alunni dei due corsi si sono ben integrati fin dall'inizio e le relazioni sono state in genere serene. Durante il biennio conclusivo, il Consiglio di Classe ha avuto un corpo docenti complessivamente stabile. In quest ultimo anno sono cambiati tuttavia gli insegnanti del laboratorio di Fotoincisione, di Educazione fisica e di Economia e Sociologia. Riguardo alle materie di studio, i ragazzi hanno incontrato le maggiori difficoltà nell area tecnicoscientifica, anche a causa di lacune pregresse, di un atteggiamento non sempre collaborativo e di un impegno non adeguato. Nell area umanistica e artistica hanno evidenziato invece un discreto livello di interesse e partecipazione e, in alcuni casi, hanno mostrato di aver maturato nell ultimo biennio interessi culturali autonomi. Permangono tuttavia, per qualche studente, incertezze nell esposizione orale dei contenuti e difficoltà nella produzione scritta, anche se alcuni hanno compiuto nel biennio parziali progressi, sforzandosi di colmare con l'applicazione le proprie carenze sul piano logico e sintattico. Per quanto riguarda l area di indirizzo, a fronte di costanti sollecitazioni gli alunni hanno ottenuto risultati in genere positivi, pur non avendo superato del tutto in alcuni casi le fragilità iniziali, soprattutto nella gestione autonoma delle fasi di lavoro. Sono presenti alcune personalità che rivelano originalità e creatività nelle proposte progettuali. Considerando infine i livelli di apprendimento raggiunti dagli allievi, nel biennio conclusivo buona parte della classe ha maturato gradualmente una sufficiente capacità di orientarsi all interno delle proprie conoscenze, di analizzare e interpretare un testo o un opera d arte, di procedere nello svolgimento di elaborati progettuali. Per altri, invece, l'attenzione e l'impegno nel corso dell'anno sono risultati carenti o discontinui e, per questo, alcuni studenti hanno faticato a raggiungere gli obiettivi previsti. 8

9 Presentazione alunno/i diversamente abili o con Disturbi Specifici dell Apprendimento (ai sensi dell art.6 comma 1 del Regolamento) Sono presenti tre alunni con Disturbi Specifici dell'apprendimento. Si allegano i Piani didattici personalizzati e la relazione del Consiglio di classe. 9

10 Attività integrative curricolari ed extra curricolari (progetti, incontri con professionisti o associazioni, ecc) USCITE DIDATTICHE E ALTRE ATTIVITA': MadeExpo, Milano Architettura Design Edilizia (Fiera Milano) Sei personaggi in cerca d'autore (Teatro Carcano, Milano) Fuori Salone (Milano) Visita alle residenze di Zaha Hadid a Milano City Life e agli appartamenti arredati dalla ditta NATEVO (sez. A) Galleria Campari (Sesto San Giovanni) e Hangar Bicocca (Milano) Il Vittoriale (Gardone Riviera) Pattinaggio su ghiaccio, tiro con l'arco, squash e altre attività di fitness (Forum di Assago) La classe ha partecipato (con due squadre) al torneo di Bisport, nel primo quadrimestre e al torneo di pallavolo nel secondo quadrimestre. ORIENTAMENTE IN USCITA Nel corso dell A.S. 2013/2014 le attività di orientamento che si sono svolte in orario scolastico sono state le seguenti: Aula Magna (due ore) (per tutte le classi quinte) Incontro introduttivo alle attività. Presenti: referente orientamento e Alessia Ciceri, rappresentante dell Informagiovani di Giussano. Somministrazione dei Test A Aula Magna (due ore) (per tutte le classi quinte) Incontro introduttivo al mondo delle università (sistema universitario attuale, varie opportunità) e delle Accademie Presenti: referente orientamento, dott. Fabio Carpi, Università Cattolica di Milano, dott. Tenace dell Accademia Santa Giulia di Brescia Aula Magna (un ora) (per tutte le classi quinte) Incontro sui percorsi di alta formazione ITS. Presenti: referente orientamento, il prof. Dario Panciera, Istituto Salesiani Don Bosco di Milano e due alunni dell ITS Rizzoli Aula Magna (un ora) (per tutte le classi quinte) 10

11 Incontro sulle varie opportunità di post-diploma a Milano e sul territorio. Presenti: referente orientamento e Alessia Ciceri dell Informagiovani di Giussano Aula Magna (un ora) (incontro aperto solo agli interessati) Incontro con il comandante della Guardia di Finanza di Seregno che presenta agli interessati le possibilità di una carriera nelle forze dell ordine. Presenti: la Vice Preside, il Comandante della Guardia di Finanza di Seregno Autodromo di Monza (per tutte le classi quinte) Campus. L uscita ha occupato tutta la mattinata scolastica. Si sono potute incontrare diverse realtà del mondo accademico e lavorativo, con anche la possibilità di fare test psicologico - attitudinali e le simulazioni di test di ingresso tipo quelli somministrati dal Politecnico Aula Magna (un ora) (incontro aperto solo agli interessati) Incontro di indirizzo artistico con il mondo della comunicazione (IULM). Presenti: referente orientamento, dott. Katic Marco Aula Magna (un ora) (incontro aperto solo agli interessati) Incontro di indirizzo con il mondo delle Accademie (NABA). Presenti: referente orientamento, Dott. Colli Aula Magna (due ore) (incontro aperto solo agli interessati) Incontro di indirizzo con il mondo delle Accademie (Arte e messaggio e imasterart) Presenti: referente dell orientamento, dott.ssa Giovanna Urso, dott.ssa Iva Bundo Aula Magna (due ore) (per tutte le classi quinte) Incontro introduttivo al mondo del lavoro (curriculum, colloquio, contratti di primo impiego). Presenti: referente orientamento, dott.ssa Elisabetta Spanu Aula Magna (due ore) (incontro aperto solo agli interessati) Incontro di indirizzo con il mondo delle Accademie (IED e Aldo GALLI). Presenti: referente orientamento, dott.ssa Clarissa Finazzi, dott. Silvio Curti Aula Magna (due ore) (incontro aperto solo agli interessati) Incontro di indirizzo con il mondo delle Accademie (scuola di Cinema e Televisione) Presenti: referente orientamento, prof. Pietro Sarubbi Aula Magna (due ore) (per le classi 5^) Incontro sulle possibilità di stages, studio e impiego in Europa. 11

12 Presenti: referente orientamento e Alessia Ciceri, rappresentante dell Informagiovani di Giussano Aula Magna (due ore) Incontro a rotazione delle classi quinte con gli ex-allievi del nostro Istituto, che per l occasione porteranno i loro lavori e le loro diverse esperienze dalle principali accademie, università e scuole post-diploma dell hinterland milanese. Somministrazione dei test B. 12

13 Attività di stage e partecipazione a concorsi e/o committenze 13

14 Griglia di valutazione generale Valida per le prove scritte, grafiche, scritto-grafiche, grafico-pratiche, orali. Valutazione dei seguenti obiettivi riassuntivi: Conoscenza dell argomento proposto Comprensione dell argomento proposto Uso del linguaggio, anche disciplinare Rielaborazione autonoma Capacità critica GIUDIZIO Lo studente rifiuta di sottoporsi alla prova. Lo studente si sottopone alla prova, ma non risponde alle richieste. Lo studente dimostra di conoscere l argomento solo per accenni, ma non comprende l insieme dei contenuti. L espressione (o., s., g., p.) è stentata ed estremamente difficoltosa. Manca di autonomia nella rielaborazione e non è in grado di proporre alcun approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere in modo superficiale e/o frammentario l argomento di cui non sa spiegare i contenuti. L espressione (o., s., g., p.) è stentata e difficoltosa, non è caratterizzata dal linguaggio specifico disciplinare. Manca di autonomia nella rielaborazione e, se opportunamente guidato, può tentare di costruire un minimo approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere sommariamente l argomento, di cui fatica a spiegare i contenuti. L espressione (o., s., g., p.) è difficoltosa, impreciso il linguaggio specifico disciplinare. Non è completamente autonomo nella rielaborazione e solo sporadicamente è in grado di effettuare un approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere solo gli elementi fondamentali dell argomento, di cui può spiegare il contenuto. L espressione (o., s., g., p.) non è ancora fluida, ma applica la terminologia specifica disciplinare. E sufficientemente autonomo nella rielaborazione, ma solo sporadicamente è in grado di effettuare un approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere l argomento di cui sa spiegare i contenuti manifestando a volte qualche insicurezza. L espressione (o., s., g., p.) è fluida e applica il linguaggio specifico disciplinare. E autonomo nella rielaborazione e sa effettuare qualche approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere l argomento, di cui sa spiegare i contenuti. L espressione (o., s., g., p.) è sicura e applica il linguaggio specifico disciplinare. E autonomo nella rielaborazione e spesso è in grado di effettuare un approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere l argomento, di cui sa spiegare approfonditamente i contenuti. L espressione (o., s., g., p.) è sicura e applica il linguaggio specifico disciplinare. E autonomo nella rielaborazione e sempre in grado di effettuare un approccio critico. Lo studente dimostra di conoscere in modo completo l argomento, che sa spiegare approfonditamente con un esposizione sicura e brillante. L espressione (o., s., g., p.) è ricca, elaborata e fa proprio il linguaggio specifico disciplinare. E pienamente autonomo nella rielaborazione e spontaneamente utilizza un approccio critico con apporti personali. VOTO /10 PUNTI /

15 Titolo dell argomento o dell approfondimento sviluppato da ogni alunno per l avvio del colloquio d esame Si riporta di seguito l elenco degli argomenti o delle ricerche sviluppati individualmente dagli alunni, ai quali si è lasciata la scelta di operare i propri approfondimenti oralmente o mediante la produzione di un lavoro scritto e/o grafico. Cognome Nome SEZIONE A BIFFARDI VERONICA IELPO MARCO LOACHAMIN NICOLE MOTTA LETIZIA PAONAZZI ANTONELLA PASSALACQUA DAVIDE titolo dell Argomento - Approfondimento I colori L'automobile nella storia Il viaggio Il sogno Il quadrato Mela o s g Materia/e interessate Ed. visiva, Storia dell'arte, Storia, Italiano Italiano, Storia dell'arte, Ed. visiva, Storia Italiano, Storia dell'arte, Ed. visiva, Laboratori (Modellistica ed Ebanisteria) Italiano, Storia dell'arte, Ed. Visiva Laboratori, Ed. visiva, Storia dell'arte, Italiano, Storia, Geom. descrittiva Italiano, Storia, Storia dell'arte, Religione, Ed. visiva PERRI MARTINA Il caos Italiano, Storia, Storia dell'arte, Ed. Visiva POZZOLI STEFANO REMOLLINO LAURA La follia Il dolore Italiano, Storia dell'arte, Progettazione, Economia e sociologia Italiano, Storia, Storia dell'arte, Ed. visiva VERTUA SIMONE L'anticonformismo Italiano, Storia, Storia dell'arte, Laboratori Materie collegab ili Attrezzatura necessaria 15

16 SEZIONE F BORRELLI ELISA Il tempo Italiano, Storia, Storia dell'arte, Fotografia- Cinematografia, Matematica GORETTI FABIO Il basket e il razzismo nello sport Italiano, Storia, Storia dell'arte LEO DAVIDE MANTI FIORINDA MIGLIORINI ANDREA Il progresso L'adozione Maurizio Cattelan Italiano, Storia, Storia dell'arte, Fotografia- Cinematografia Italiano, Storia, Economia e sociologia, Progettazione Storia dell'arte, Ed. Visiva, Progettazione MURGI NICOLAS La psicoanalisi Italiano, Storia dell'arte, Ed. visiva NATALE MATTEO L'impressionismo Italiano, Storia dell'arte, Ed. visiva NAVONI LAURA OREFICE ILARIA SBARRA FRANCESCA SCUMACI FABRIZIO TOTO TONIA TREMOLADA MARTINA YANG EVA La Pixar Love, Lust, Faith and Dreams Il cinema di Hollywood Il calcio Vincent Van Gogh Richard Avedon Loie Fuller Storia, Ed. visiva, Fotografia- Cinematografia Italiano, Storia dell'arte, Ed. visiva, Fotografia Italiano, Storia, Storia dell'arte, Fotografia- Cinematografia Italiano, Storia, Storia dell'arte Storia, Storia dell'arte, Ed. Visiva Storia, Storia dell'arte, Ed. Visiva, Fotografiacinematografia Italiano, Storia dell'arte, Fotografia- Cinematografia ZECCHIN DALIA Marilyn Monroe Storia, Storia dell'arte, Fotografiacinematografia, Laboratori 16

17 Programmi consuntivi svolti da ogni singola disciplina nel corrente anno scolastico 17

18 Materia: Italiano e Storia Classe: 5^AF Docente: ERBA ELISA Premessa sintetica sulla disciplina L insegnamento della letteratura e della storia si è ispirato principalmente al criterio della complementarietà delle due discipline. La presentazione di ogni singolo autore è stata inserita in una cornice letteraria, storica, filosofica, politica e artistica. Nel corso dell anno si è cercato inoltre di potenziare le capacità comunicative, sia orali che scritte. Questo impegno è stato volto anche a consolidare le abilità richieste per la prima prova scritta dell Esame di Stato, con particolare attenzione alla tipologia B. La docente ha lavorato con una parte della classe (la sezione A) fin dal primo anno. Ad essa si è aggiunto, dalla quarta, il gruppo della F. Nel corso di quest'ultimo biennio, e di quest'anno in particolare, gli studenti si sono mostrati generalmente motivati all apprendimento della materia. In classe si è instaurato da subito un clima di serena collaborazione, ma non sempre a ciò ha fatto seguito un impegno costante nello studio personale. Così, mentre alcuni hanno conseguito risultati apprezzabili, colmando almeno in parte le loro lacune, per altri i livelli di apprendimento restano più modesti. In alcuni casi, inoltre, il raggiungimento degli obiettivi è stato impedito o rallentato da carenze e fragilità iniziali (in relazione soprattutto alla produzione scritta) che, nonostante il lavoro svolto nel corso degli anni, non sono state completamente superate. Obiettivi generali e specifici OBIETTIVI COGNITIVI: Per Italiano, gli obiettivi perseguiti si articolano intorno a tre settori. a) Analisi e contestualizzazione dei testi Lo studente dovrebbe essere in grado di analizzare i testi letterari dimostrando di sapere: condurre una lettura diretta del testo come prima forma di interpretazione del suo significato; collocare il testo in un quadro di confronti e di relazioni riguardanti altre opere dello stesso autore o di altri autori e, più in generale, il contesto storico; collocare il testo in un quadro di confronti e di relazioni riguardanti altre espressioni artistiche. b) Riflessione sulla letteratura e sua prospettiva storica Lo studente dovrebbe dimostrare di: riconoscere i caratteri specifici del testo letterario; 18

19 conoscere e utilizzare i metodi e gli strumenti fondamentali per l interpretazione delle opere letterarie; saper cogliere attraverso la conoscenza delle opere e degli autori più rappresentativi le linee fondamentali della prospettiva storica nella tradizione letteraria italiana. c) Conoscenze e competenze linguistiche Lo studente dovrebbe essere in grado di: costruire il discorso orale in forma grammaticalmente corretta, con chiarezza espositiva ed efficacia argomentativa; produrre testi scritti di vario tipo, disponendo di adeguate tecniche compositive. Per Storia, l'insegnamento è stato finalizzato a far apprendere in modo chiaro e coerente i fatti storici e le problematiche a essi connesse. In particolare l attività di studio è stata mirata a evidenziare gli elementi strutturali della società moderna e contemporanea: le istituzioni politiche, le problematiche economico-sociali, le ideologie e i movimenti culturali. OBIETTIVI COMPORTAMENTALI: Gli obiettivi comportamentali rietrano tra quelli educativi trasversali approvati dal Consiglio di Classe. Contenuti disciplinari LETTERATURA ITALIANA GAOT, VOL. 2 Giacomo Leopardi Lo Zibaldone: Il piacere ossia la felicità, p. 704 I canti: L'infinito, p. 718; Alla luna, p. 723; A Silvia, p. 725; Canto notturno di un pastore errante dell'asia, p. 729; La quiete dopo la tempesta, p. 734; La ginestra (cenni), p. 744 Le operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese, p. 756 GAOT, VOL. 3 La crisi dell idealismo romantico e l età del positivismo Il Positivismo (contesto storico-culturale) Realismo e Naturalismo: Gustave Flaubert Emile Zola Lettura integrale di un opera a scelta tra: Madame Bovary, di G. Flaubert - Teresa Raquin, di E. Zola Verismo: 19

20 Giovanni Verga Da Vita dei campi: Fantasticheria (fotocopie fornite dall'insegnante); Nedda (fotocopie fornite dall'insegnante); Rosso Malpelo, p. 127; Un documento umano (prefazione a L amante di Gramigna), p Da Novelle rusticane: La roba, p Da I Malavoglia: La famiglia Malavoglia (cap. I), p. 144; stralci dal cap. III (fotocopie fornite dall'insegnante); L arrivo e l addio di Ntoni (cap. XV), p Da Mastro don Gesualdo: L addio alla roba, p. 166; La morte di Gesualdo, p La lirica tra Ottocento e Novecento: tra dannazione e sperimentazione Il Simbolismo francese - Charles Baudelaire Da I fiori del male: Corrispondenze, p. 185; L'albatros, p. 181 A. Rimbaud, Vocali, p. 194 La Scapigliatura - Emilio Praga: Preludio, p. 211 I poeti crepuscolari (cenni) Il Futurismo - Filippo Tommaso Martinetti: Manifesto del futurismo, p. 52 L età del Decadentismo Il Decadentismo (contesto storico-culturale) Giovanni Pascoli Il fanciullino, p. 269 Da Myricae: L assiuolo, p. 279; Lavandare, p. 272; X agosto, p. 276; Il lampo, p. 284; Il mare (fotocopie fornite dall'insegnante). Da Canti di Castelvecchio: La mia sera, p. 287; Il gelsomino notturno, p. 295; La tovaglia (fotocopie fornite dall'insegnante). Gabriele D Annunzio Da Alcyone (Laudi del cielo, della terra, del mare, degli eroi): La pioggia nel pineto, p. 230 Il romanzo decadente: J.K. Huysmans, A ritroso, Una vita artificiale, p. 98 O. Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, Lo splendore della giovinezza, p. 109 G. D'Annunzio, Il piacere, Una guarigione incerta, p. 103 Lettura integrale di un opera a scelta tra: Il ritratto di Dorian Gray, di Oscar Wilde - Il piacere, di Gabriele D Annunzio La letteratura come coscienza critica nel Novecento Luigi Pirandello Da L umorismo: Il sentimento del contrario, p. 549 Da Novelle per un anno: La patente, p. 553 Da Il fu Mattia Pascal: Cambio treno, p. 571 Da Uno, nessuno, centomila: Filo d'aria, p

21 Da Sei personaggi in cerca d autore: La condizione di personaggi, p. 589; I personaggi non si riconoscono negli attori, p. 594 Lettura integrale di un opera a scelta di Luigi Pirandello tra: Il fu Mattia Pascal - Uno, nessuno, centomila Sei personaggi in cerca d'autore Italo Svevo Da La coscienza di Zeno: L ultima sigaretta, p. 637; Un rapporto conflittuale, p. 641; Il funerale di un altro, p. 656; Una catastrofe inaudita, p. 661 La poesia tra le due guerre Eugenio Montale Da Ossi di seppia: Non chiederci la parola, p. 520; Meriggiare pallido e assorto, p. 514; Spesso il male di vivere ho incontrato, p Giuseppe Ungaretti Da L allegria: Veglia, p. 457; I fiumi, p. 461; Mattina, p STORIA ALLA RICERCA DEL PRESENTE, VOL.2 Il governo della destra, p. 322; La questione meridionale, p. 325 (cenni). L'età dell'imperialismo: le grandi potenze alla fine dell'ottocento: La seconda rivoluzione industriale, p. 363; La Grande depressione e la riorganizzazione del capitalismo industriale, p La questione sociale e il movimento operaio, da p. 370 (cenni). L'imperialismo, p Bismarck e il concerto europeo delle potenze, p La sinistra al governo dell'italia (De Pretis, Crispi, la crisi di fine secolo), da p ALLA RICERCA DEL PRESENTE, VOL. 3 L Italia giolittiana, da p. 28: Giolitti alla guida del Paese; il fenomeno migratorio e la questione meridionale (cenni); l'italia nel teatro internazionale; la conclusione dell'età giolittiana. La prima guerra mondiale: la genesi del conflitto internazionale, da p. 50; la Grande guerra, da p. 54. La rivoluzione sovietica: la Russia di Lenin, da p. 80. Europa e Stati Uniti tra le due guerre: gli Stati Uniti, crescita economica e fenomeni speculativi, p. 127 (cenni); la crisi del 1929 e il crollo di Walla Street, p. 129; Roosvelt e il New Deal, p L'Italia sotto il fascismo: il Fascismo alla conquista del potere, da p. 132; il fascismo Regime, da p L'età dei totalitarismi: 21

22 il nazismo, da p. 170; lo stalinismo in Unione sovietica, p. 184; il nuovo assetto istituzionale dell'urss, p. 186 la guerra tra repubblicani e fascisti in Spagna, p La seconda guerra mondiale: la tragedia della guerra, da p. 230; l'italia dalla caduta del fascismo alla Liberazione, da p.255. Il programma previsto è stato svolto entro il 15 maggio. Dopo tale data sono state effettuate le prove di verifica. Metodi e mezzi METODI: Il metodo di lavoro è stato fondato soprattutto sulle lezioni frontali, senza però negare spazio a interventi degli studenti, soprattutto nella fase di riflessione sui testi letterari. Per Italiano, oltre ai testi antologizzati, è stata richiesta la lettura di alcune opere complete scelte nel panorama della letteratura italiana e straniera dell Ottocento e del Novecento. I testi antologici sono stati scelti secondo tre criteri fondamentali: - quelli che meglio esprimono il contesto storico letterario di cui sono espressione o il pensiero e la sensibilità dello scrittore che li ha prodotti; - quelli che meglio si prestano a sperimentare e a verificare le questioni di natura teorica affrontate; - quelli che riguardano tematiche particolarmente interessanti o facilmente riconducibili a problemi di attualità. Per Storia, la lettura e l analisi di alcuni documenti e la visione di materiale documentario hanno accompagnato la lezione frontale. MEZZI: Lo svolgimento del programma è stato effettuato innanzi tutto attraverso il libro di testo (per Italiano, Marta Sambugar, Gabriella Salà, GAOT, La Nuova Italia, voll. 2-3; per Storia, Franco Bertini, Alla ricerca del presente, Mursia, voll. 2-3), cui si sono affiancati (in modo non regolare) fotocopie messe a disposizione dall'insegnante e materiali multimediali. Criteri e strumenti di valutazione CRITERI: Nel corso dell'anno, oltre a fare riferimento alla griglia di valutazione approvata dal Collegio Docenti, per le prove scritte di Italiano è stata utilizzata la griglia d'istituto adottata dal Consiglio di materia, sottoposta alla classe già dalla quarta. La valutazione finale ha tenuto conto: Del profitto raggiunto dallo studente nella disciplina Dei progressi compiuti rispetto ai livelli di partenza Dell assiduità e dell interesse dimostrati nello studio Della capacità di coltivare interessi culturali autonomi. 22

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s.

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. Atelier SottoSopra Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. 2014-2015 Obiettivi delle varie proposte: - permettere ai bambini di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Archivio Opera Piero Piero Manzoni. Merda d'artista

Archivio Opera Piero Piero Manzoni. Merda d'artista Archivio Opera Piero Piero Manzoni Consumazione dell'arte dinamica del pubblico divorare l'arte Basi Magiche - Sculture viventi Stefano Cappelli La Il corpo magico dell'artista Il 12 agosto 1961, in occasione

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli