COMPORTAMENTO DI MODELLI TENSINTEGRI ACCOPPIATI DI STRUTTURE CELLULARI BEHAVIOR OF COUPLED TENSEGRITY CELL MODELS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPORTAMENTO DI MODELLI TENSINTEGRI ACCOPPIATI DI STRUTTURE CELLULARI BEHAVIOR OF COUPLED TENSEGRITY CELL MODELS"

Transcript

1 Vol. 38 (2014), N. 2, pp ISSN: COMPORTAMENTO DI MODELLI TENSINTEGRI ACCOPPIATI DI STRUTTURE CELLULARI BEHAVIOR OF COUPLED TENSEGRITY CELL MODELS Daniela Seppia *, Angelo Biagioni, Adriano Alippi Dipartimento di scienze di base e applicate per l ingegneria - Università di Roma La Sapienza * Indirizzo dell autore di riferimento Corresponding author s address: Via D. Cucchiari , Roma, Italia (Ricevuto il 24/09/2014, accettato il 28/10/2014) RIASSUNTO I sistemi tensegrity sono costituiti da una serie discontinua di componenti compressi inseriti in un continuum di componenti tesi. Numerose sono le analogie strutturali e fenomenologiche tra cellula e modelli tensegrity, i quali risultano utili per approfondire come l applicazione di forze meccaniche regoli il comportamento cellulare. A tal proposito si sono studiati i modi propri vibrazionali di un icosaedro tensegrale e di un sistema di due icosaedri accoppiati, verificando la natura non lineare dei modelli. L approccio utilizzato è sia sperimentale che analitico e i paramenti scelti per caratterizzare i modelli consentono il confronto diretto tra i risultati ottenuti con entrambi i metodi. ABSTRACT Tensegrity systems are commonly described as an ensemble of compression-resistant struts that do not physically touch one another, but are interconnected by a continuous series of tension elements. There are many structural and phenomenological similarities between cell and tensegrity models. Therefore the theory of tensegrity is often used to work out how mechanical forces rule cell behavior. Eigenmodes of a tensegrity icosahedron and two coupled ones have been studied and their non-linear nature has been demonstrated. The approach is both experimental and analytical, and the parameters characterizing the models allow direct comparison between the results obtained with both methods. Parole chiave: tensegrity cellulare, tensegrity multimodulare, analisi agli elementi finiti (FEM). Keywords: cellular tensegrity, multimodular tensegrity, Finite Element Method (FEM). Associazione Italiana di Acustica, 2014

2 1. Introduzione I sistemi tensegrali (tensegrity) sono strutture in auto-equilibrio stabile comprendenti una serie discontinua di componenti compressi (aste) posizionati all interno di una rete continua di componenti in tensione (cavi) che delineano il sistema spazialmente definendone la forma. Il fatto che gli elementi in compressione siano isolati caratterizza i sistemi tensintegri rispetto alle più comuni strutture che funzionano per massa cioè per resistenza caratteristica del materiale (es. arco di pietra), basate su una continua compressione di elementi pesanti. Nascosta nella definizione di struttura tensintegra vi è la sua proprietà fondamentale, ovvero l esistenza di uno stato di pre-sollecitazione (prestress) che consente al sistema di ritrovare il proprio equilibrio anche dopo l applicazione di forze esterne, secondo la cosiddetta proprietà di ricerca di forma e di tornare nella configurazione iniziale una volta eliminata la perturbazione. L architettura contemporanea ha rappresentato il primo ambito di applicazione della teoria tensegrale con la realizzazione di costruzioni stabili in qualsiasi posizione, molto leggere e in grado di offrire una grande resistenza ai carichi esterni. In breve tempo queste strutture hanno trovato applicazione anche in altri settori scientifici, come per esempio l anatomia e la biologia, costituendo un interessante strumento per l analisi del comportamento di una vasta gamma di sistemi naturali come proteine, virus, cellule e persino il sistema muscolo scheletrico. In questo, le ossa costituiscono le componenti in compressione mentre muscoli, tendini e legamenti, gli elementi in tensione prestressati. Infatti, i principi in base ai quali gli elementi fondamentali della materia organica partecipano al processo di auto-assemblaggio, dando origine a strutture più stabili e caratterizzate da proprietà diverse da quelle dei componenti di partenza, possono essere considerati analoghi a quelli su cui si fonda il concetto stesso della tensegrità [1]. In base a tali considerazioni, ricopre un ruolo fondamentale lo studio del comportamento dinamico degli elementi tensegrali di base (es. T-icosaedro), attraverso l individuazione per essi dei modi propri di vibrazione, propedeutici alla comprensione del comportamento dei reticoli tensegrali più complessi. I principi su cui si fonda la teoria tensegrale, infatti, sono validi a qualsiasi scala, permettendo la rappresentazione di sistemi complessi (es. tessuti, organi, biofilm) generati dall accoppiamento di strutture-base (es. cellula). 2. Modello tensegrale della cellula Le cellule sono strutture estremamente complesse ed organizzate in grado di rispondere a stimoli interni ed esterni, come variazioni di temperatura, del ph o dei livelli di ormoni o nutrienti. Le teorie cellulari attuali concordano nell affermare che le cellule eucariote contengono un intricata rete molecolare, il citoscheletro, all interno del proprio citoplasma che conferisce alla cellula resistenza meccanica, rendendola capace di resistere a distorsioni di forma [2]. Il citoscheletro è un sistema molto dinamico, che permette alle cellule di cambiare la loro forma e di muoversi attraverso strutture specializzate quali pseudopodi, ciglia o flagelli, permettendo anche il movimento di alcuni organuli citoplasmatici che svolgono particolari funzioni essenziali alla sopravvivenza della cellula. Le componenti fondamentali della complessa rete di strutture filamentose che costituisce il citoscheletro sono i microfilamenti, i filamenti intermedi e i microtubuli. Proprio il citoscheletro rappresenta il punto di contatto tra teoria tensegrale e comportamento cellulare. Vol. 38, N. 2, p. 28

3 Infatti, grazie agli studi del biologo cellulare Donald E. Ingber si è compreso che variazioni strutturali dei vari componenti cellulari comportano una modificazione globale della forma e del comportamento cellulare; per esempio, una diminuzione di rigidezza e densità della matrice extracellulare (ECM) determina una forma più rotondeggiante della cellula ma soprattutto influenza la crescita e la differenziazione cellulare (Tab. 1). Questo avviene secondo il processo della meccanotrasduzione che descrive proprio la capacità della cellula di rilevare e rispondere agli stimoli meccanici con risposte di tipo biochimico. Inoltre, un incremento di tensione nei microfilamenti può comportare un appiattimento della cellula; di conseguenza anche l esistenza di uno stato di stress interno (prestress) condiziona la deformabilità cellulare. Tab. 1 - Controllo della crescita e differenziazione della cellula attraverso l alterazione delle caratteristiche meccaniche (rigidezza e densità) dell ECM, tratto da [3] Control of cell growth and differentiation through the alteration of the ECM mechanical properties (stiffness and density) taken from [3] ECM Gel ECM Coating Malleable Rigid Low Density High Density Growth Differentiation Sulla base di queste considerazioni, Ingber costruì un modello fisico precompresso, dunque tensegrale, e verificò che il suo comportamento, in condizione di ancoraggio su substrato con diverse caratteristiche, poteva considerarsi analogo a quello di una cellula. Il modello di tensegrity cellulare proposto da Ingber prevede che le forze di trazione esercitate dai cavi della struttura tensegrale siano dovute ai microfilamenti ed ai filamenti intermedi e che siano bilanciate dalle forze originatesi dagli elementi che resistono a compressione. Ovvero i centri di adesione alla matrice cellulare e i microtubuli, che agiscono come montanti interni [4]. L applicazione della teoria tensegrale permette di descrivere in termini meccanici l organizzazione e la funzione degli elementi contrattile e tensivo del citoplasma, ma suggerisce anche l ipotesi che la struttura del citoscheletro possa essere modificata alterando le forze fisiche che si trasmettono sulla superficie cellulare. Poiché gli enzimi che intervengono nella crescita cellulare sono attaccati al citoscheletro, variare le proprietà di quest ultimo può influenzare le reazioni biochimiche che avvengono a livello cellulare, permettendo anche alle cellule di intraprendere programmi genetici differenti. Vol. 38, N. 2, p. 29

4 3. Tensegrity multimodulare Il modello tensegrale rimane valido a qualsiasi scala e per questo risulta utile descrivere la cellula come composta da numerosi, più piccoli, moduli tensegrity autostabilizzati collegati tra loro secondo il modello tensegrale (Fig. 1). Infatti, le cellule sono meccanicamente accoppiate all ambiente formando una sorta di catena cinematica che risponde a sollecitazioni meccaniche esterne. Un esempio è la cellula eucariota cioè dotata di nucleo, nella quale il modello tensegrale della cellula contiene un nucleo tensegrale collegato con la superficie cellulare attraverso una serie di elementi tesi. Attraverso il citoscheletro, la comunicazione meccanica raggiunge anche il nucleo; questa serie di connessioni agisce cambiando la forma della cellula e quindi le proprietà fisiologiche. Attraverso la teoria tensegrale multimodulare è possibile modellizzare anche sistemi più complessi come biofilm, tessuti o organi; i tessuti, in generale, sono costituiti da numerose cellule che si oppongono continuamente alle forze di compressione o trazione generate dalle cellule vicine, ad esse meccanicamente accoppiate. Fig. 1 - Modello di una struttura tensegrale multi modulare del citoscheletro contenente lunghi microtubuli (gialli), che collegano e stabilizzano la continua rete comprendente microfilamenti (blu), tratto da [5] Multimodular tensegrity cytoskeleton model containing long microtubules (yellow), that link and stabilize a continuous network of microfilaments (blu), taken from [5] Diviene, quindi, di grande interesse considerare come mutino le condizioni di un sistema quando, da libero e isolato che lo si consideri inizialmente, viene accoppiato ad altri sistemi simili; utilizzando la teoria tensegrale è possibile applicare modelli matematici semplici a sistemi accoppiati complessi. 4. Icosaedro tensegrale Il modello dell icosaedro tensegrale, o ottaedro espanso, studiato da Ingber è sicuramente quello che meglio approssima la geometria cellulare e per questo il più diffuso per la sua modellizzazione. Questa particolare struttura può essere realizzata mediante sei aste rigide (puntoni), non in contatto tra di loro, e ventiquattro elementi elastici, collegati agli estremi delle aste. Le aste, a due a due parallele a una distanza Vol. 38, N. 2, p. 30

5 eguale, sono disposte suddivise in tre coppie, le aste di ogni coppia essendo ortogonali a quelle delle altre due. A ogni vertice dell icosaedro tensegrale si trova l estremo di un puntone e quattro diversi tiranti ma nessuna asta condivide un vertice con una delle altre aste (Fig. 2). Nel parallelo tra icosaedro tensegrale e cellula, le aste soggette a compressione dell icosaedro rappresentano i microtubuli mentre gli elastici in tensione rappresentano i microfilamenti e i filamenti intermedi. Lo stato di pre-sollecitazione viene realizzato mediante l azione congiunta delle forze di trazione che agiscono sugli elementi elastici. L icosaedro tensegrale rappresenta la struttura di maggiore interesse ai fini della modellizzazione cellulare in quanto rimane uno tra i modelli più semplici, mantenendo le caratteristiche essenziali osservate in strutture con diverso numero di elementi e mimando molti fenomeni osservati nelle cellule viventi, tra i quali l effetto dell adesione al substrato sulla forma della cellula, la polarità cellulare e il conseguente rimodellamento del citoscheletro. Anche per questo viene spesso adottato come modello nella rappresentazione gerarchica di moduli tensegrali di diversa dimensione Fig. 2 - T-icosaedro - T-icosahedron 5. Simulazione e analisi sperimentale Si è analizzata la risposta in frequenza di un singolo icosaedro e di un sistema di oscillatori accoppiati costituiti da due icosaedri tensegrali connessi tra loro, utilizzando due differenti approcci, uno sperimentale e l altro numerico basato su una modellizzazione agli elementi finiti. I parametri caratterizzanti i modelli sopraelencati sono stati scelti in maniera tale da permettere il confronto dei risultati ottenuti mediante simulazioni numeriche con quelli ottenuti mediante misure sperimentali. 5.1 Singolo icosaedro La modellizzazione agli elementi finiti dell icosaedro tensegrale è stata realizzata utilizzando il software di simulazione COMSOL Multiphysics. Sulla base del modello sperimentale è stata riprodotta la geometria della struttura pre-sollecitata descritta precedentemente. I materiali utilizzati sono stati appositamente caratterizzati sulla base delle proprietà meccaniche dei materiali costituenti il modello reale secondo quanto riportato nella tabella 2. Vol. 38, N. 2, p. 31

6 Tab. 2 - Proprietà fisiche e meccaniche dei materiali - Physical and mechanical properties of materials Caratteristiche fisiche e meccaniche Aste: PVC Elastici: Gomma E (modulo di Young) ν (coefficiente di Poisson) ρ (densità) m (massa) α (coeff. di espansione termica) l (lunghezza) r (raggio) 3, Pa 0, kg/m 3 0,026 kg K -1 0,24 m 0,005 m 1, Pa 0, kg/m 3 0,0006 kg 1, K -1 0,15 m 0,001 m In particolare il cavo elastico utilizzato è costituito da una serie di sottili elastici aggregati tenuti assieme da una sottile guaina. Realizzato il modello numerico viene applicata una coppia di forze di eccitazione lungo y simmetricamente disposte a risultante nulla (per evitare traslazioni del centro di massa del modello) e si ricava l ampiezza dello spostamento lungo y di un punto della struttura. L analisi della risposta in frequenza consente di individuare un massimo di vibrazione alla frequenza f 1 = 7.6 Hz che corrisponde alla frequenza di risonanza del sistema (Fig. 3). a) b) Fig. 3 - Simulazione agli elementi finiti dell oscillazione del T-icosaedro alla frequenza f 1 = 7.6 Hz (Fig.3a) e ampiezza dello spostamento lungo y di un punto dell icosaedro (Fig.3b) - Finite Element simulation of T- icosahedron vibration on frequency f 1 = 7.6 Hz (Fig.3a) and T- icosahedron amplitude displacement onto the y axis (Fig.3b) In corrispondenza della frequenza di risonanza la struttura presenta un caratteristico moto di vibrazione in cui le aste di ciascuna coppia si muovono in controfase allontanandosi e avvicinandosi l una all altra; gli elevati valori dell ampiezza di spostamento degli elementi elastici rilevati tramite simulazioni numeriche sono dovuti a un cambio del fattore di scala nella rappresentazione grafica. Dal punto di vista sperimentale, per studiare i modi di vibrazione del T-icosaedro sono state riprodotte le stesse condizioni imposte nell analisi agli elementi finiti. La struttura è sospesa al centro di una delle sei aste, nel punto in cui viene applicata una Vol. 38, N. 2, p. 32

7 forzante sinusoidale esterna realizzata tramite un oscillatore meccanico. L oscillatore è alimentato da un generatore di segnale sinusoidale alla frequenza voluta, opportunamente amplificato. È stato poi inserito un traguardo ottico inserito sull asta parallela a quella eccitata, prendendo in considerazione lo stesso punto usato nella simulazione numerica. Una radiazione laser colpisce un sottile ago (traguardo ottico) solidale con l asta di cui si vuole misurare la vibrazione. L ago sporge da una delle estremità dell asta e quando la struttura è ferma, impedisce al raggio laser di colpire uno schermo disposto frontalmente al laser e dietro al T-icosaedro (posizione di riferimento). Quando la struttura è in moto, l ago permette periodicamente al raggio laser di colpire lo schermo. Grazie a un traslatore micrometrico cui è connesso il laser, si riporta quest ultimo nella posizione in cui la radiazione laser è nuovamente coperta dall ago; lo spostamento necessario letto sul micrometro costituisce una misura dell ampiezza di vibrazione di picco dell asta. Con tale apparato, si effettua una scansione iniziale in frequenza per individuare le frequenze di risonanza della struttura; nell intorno di questa frequenza ( Hz) l icosaedro viene eccitato con diversi valori dell ampiezza della forzante ricavando, per ciascun valore di eccitazione, il picco di risonanza corrispondente. In questo modo si ottiene lo spettro di oscillazione del T-icosaedro per valori dell ampiezza di oscillazione nell intervallo mv pp (Fig. 4). Lo spostamento e la flessione del picco all aumentare dell ampiezza di eccitazione è indice di non linearità della struttura; la complessità della struttura non permette di ricavare il ciclo di isteresi caratteristico della bistabilità, ma la graduale perdita di simmetria della curva di risonanza all aumentare dell ampiezza di eccitazione prelude un comportamento bistabile della struttura. Fig. 4 - Misura sperimentale dell oscillazione del T-icosaedro in funzione della frequenza per diversi valori dell eccitazione - Laboratory measurement of T-icosahedron oscillation depending on frequency for different loads 5.2 Sistema di due icosaedri accoppiati Analogamente a quanto fatto per la struttura T-icosaedro, anche lo studio del sistema di due icosaedri accoppiati è stato effettuato sia per via numerica sia per via Vol. 38, N. 2, p. 33

8 sperimentale. Il modello è stato costruito accoppiando due moduli, ciascuno dei quali presenta stesse caratteristiche geometriche, fisiche e meccaniche dell icosaedro singolo descritto precedentemente; i due moduli sono stati affiancati l un l altro lungo l asse y e collegati agli estremi di una coppia di cavi elastici. Anche in questo caso viene applicato un carico simmetrico ad una coppia di aste parallele di uno solo dei due icosaedri lungo la direzione dei cavi di collegamento, normalmente all asta pilotata. Si è ricavata l ampiezza della vibrazione lungo y di un punto su ciascuna delle due aste eccitate (Fig. 5). Fig. 5 - Ampiezza dello spostamento lungo y di un punto del sistema di due icosaedri tensegrali accoppiati - Displacement amplitude onto the y axis of two coupled T-icosahedra system In questo caso la curva presenta due massimi di vibrazione: uno in corrispondenza della frequenza f 1 = 7.6 Hz, la stessa emersa per il singolo icosaedro e una in corrispondenza della frequenza f 2 = 12 Hz. A ciascuna delle due frequenze proprie corrisponde un diverso modo proprio dell insieme; in particolare, a 7.6 Hz le aste a cui sono vincolati gli elastici di accoppiamento si muovono in fase così da mantenere invariata la lunghezza dei connettori mentre a 12 Hz le stesse aste si muovono in controfase e i connettori risultano massimamente deformati (Fig. 6). a) b) Fig. 6 - Posizione delle aste del sistema di due icosaedri accoppiati alla frequenza 7.6 Hz (Fig.6a) e 12 Hz (Fig.6b) (piano y - z) - Location of two coupled icosahedra system bars at frequencies 7.6 Hz (Fig.6a) and 12 Hz (Fig.6b) (y-z plane) Vol. 38, N. 2, p. 34

9 Il valore della seconda frequenza propria dipende dalle condizioni di accoppiamento; in particolare aumentando il valore del modulo di Young degli elastici connettori il secondo modo proprio si ritrova in corrispondenza di valori sempre maggiori di frequenza (Fig. 7). Infatti (1) f 2 ( E + E ) 1 cosaedro connettori A = [Hz] 2 π ml i 2 dove: m è la massa dell icosaedro [kg]; A è la sezione degli elastici connettori [m 2 ]; l è la lunghezza degli elastici connettori [m]; E icosaedro è il modulo di Young che caratterizza gli elastici interni all icosaedro [Pa]; E connettori è il modulo di Young che caratterizza gli elastici connettori [Pa]. Fig. 7 - Aumento della seconda frequenza propria del sistema di due icosaedri accoppiati al variare del modulo di Young degli elastici connettori Increase of the second eigenfrequency of two coupled icosahedra upon varying of connectors Young s modulus L apparato adottato per eseguire le prove sperimentali sui due icosaedri accoppiati è lo stesso usato per il singolo icosaedro. Coerentemente con le simulazioni numeriche anche il modello sperimentale presenta due frequenze proprie. In questo caso, si valuta il massimo di oscillazione della struttura per entrambe le frequenze proprie all aumentare dell ampiezza del segnale di eccitazione, nell intervallo di frequenze Hz per la prima frequenza propria e Hz per la seconda frequenza propria (Fig. 8). Anche in questo caso non si è rilevato alcun ciclo di isteresi ma la flessione del picco di risonanza induce a pensare ad un comportamento bistabile della struttura. Vol. 38, N. 2, p. 35

10 a) b) Fig. 8 - Variazione della prima (Fig.8a) e della seconda (Fig.8b) frequenza propria del sistema di due icosaedri accoppiati per diversi valori dell ampiezza di eccitazione - Variation of the first (Fig.8a) and second (Fig.8b) eigenfrequency values in the case of a two coupled icosahedra system for different values of the load amplitude Conclusioni Sono state eseguite un analisi numerica agli elementi finiti ed un analisi sperimentale su due modelli differenti: un singolo icosaedro tensegrale e due icosaedri tensegrali accoppiati. Le misurazioni teoriche condotte sui modelli hanno fornito per un singolo icosaedro il valore della frequenza di risonanza pari a 7.6 Hz mentre per due icosaedri accoppiati la prima frequenza propria è risultata pari a f 1 = 7.6 Hz, la seconda frequenza propria si è rilevata per f 2 = 12 Hz. L analisi sperimentale ha messo in evidenza la natura non lineare dei modelli studiati, mostrando una dipendenza della frequenza di risonanza dall ampiezza di eccitazione e preludendo un comportamento bistabile degli stessi. Summary The purpose of this work is to perform a Finite Element and laboratory analysis on two different models (a single T-icosahedron and a system of two coupled icosahedra) in order to find their eigenfrequencies. The measurements conducted on theoretical models have provided for a single icosahedron the value of eigenfrequency on 7.6 Hz, while for two coupled icosahedra the first eigenfrequency is on 7.6 Hz, the second one is 12 Hz. The laboratory analysis has highlighted the dependence of resonance frequency on loads amplitude. This behavior is a sign of structures non-linear and bi-stable nature. Bibliografia [1] Alippi A., Biagioni A., Conclusio D., D Orazio A., Nonlinear Phenomena in Vibrating Tensegrity Structures, in Proceedings of Internoise 2010, International Congress and Exposition on Noise Control Engineering, Lisbon, June 2010, id [2] Ingber D.E., Tensegrity I. Cell structure and hierarchical systems biology, Journal of Cell Science, 116 (2013), pp [3] Ingber D.E., Dike L, Hansen L., Karp S., Liley H., Maniotis A., McNamee H., Vol. 38, N. 2, p. 36

11 Mooney D.,Plopper G., Sims J., Wang N., Cellular Tensegrity: exploring how mechanical changes in the cytoskeleton regulate cell growth, migration and tissue pattern during morphogenesis, International Review of Cytology, 150 (1994), pp [4] Ingber D.E., Tensegrity-based mechanosensing from macro to micro, Progress in Biophysics & Molecular Biology, 97(2-3) (2008), pp [5] Ingber D.E., Heidemann S.R., Lamoureux P., Buxbaum R.E., Opposing views on tensegrity as structural framework for understanding cell mechanics., Journal of applied physiology, 89(4) (2000), pp Vol. 38, N. 2, p. 37

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale Tesi di laurea Specialistica Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI In collaborazione con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Facoltà di Ingegneria Corso di studi in Ingegneria Civile Tesi di Laurea Magistrale CONTROLLO ATTIVO DELLE VIBRAZIONI

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D

MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D G. De Canio 1, M. Mongelli 2, A. Giocoli 3, I. Roselli 4, G. De Felice 5, S. De Santis 6 1,2,3,4

Dettagli

Progetto di un banco prova per l analisi del comportamento dinamico di servomotori elettrici

Progetto di un banco prova per l analisi del comportamento dinamico di servomotori elettrici Progetto di un banco prova per l analisi del comportamento dinamico di servomotori elettrici Paolo Righettini, Roberto Strada, Vittorio Lorenzi Dipartimento di Progettazione e Tecnologie, Università degli

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare Un opportuna scelta delle caratteristiche meccaniche degli isolatori consente di disaccoppiare la sovrastruttura dalla sottostruttura nelle oscillazioni che coinvolgono prevalentemente spostamenti orizzontali.

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

Opere di Fondazione Profonde

Opere di Fondazione Profonde CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 Opere di Fondazione Profonde Email: sebastiano.foti@polito.it Web: www.polito.it/soilmech/foti 1 Indice Stati di

Dettagli

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW All.n.7 GAD PEC RI2 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW Easy MASW La geofisica osserva il comportamento delle onde che si propagano all interno dei materiali. Un segnale sismico, infatti, si modifica

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 004 The Companies srl e Corbusier - Progetto per il palazzo dei Soviet a Mosca 1931 Problema 1. Arco Trave di copertura Tirante bielle Membrana di copertura Fig. P1.1 Analizzare il sistema in

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-3-2012

Dettagli

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania Progetto SOLAR Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania L Unità Operativa di Catania, afferente al Dipartimento di Ingegneria Industriale, nell ambito del progetto SOLAR prevede lo

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Analisi dei modi di vibrazione

Analisi dei modi di vibrazione Analisi dei modi di vibrazione Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXVI N. 8, agosto 1999, Tecniche Nuove) Una descrizione di un potente mezzo di indagine del comportamento dinamico

Dettagli

«PROVE SU MATERIALI ELASTOMERICI E PLASTICI (PIGMENTATI E VERNICIATI)» LABORATORI PLASTLAB

«PROVE SU MATERIALI ELASTOMERICI E PLASTICI (PIGMENTATI E VERNICIATI)» LABORATORI PLASTLAB CONVEGNO «PROVE SU MATERIALI ELASTOMERICI E PLASTICI (PIGMENTATI E VERNICIATI)» MATERIALI ELASTOMERICI: PROVE IRHD E MicroIRHD PER NUOVE OPPORTUNITA PER MIGLIORARE LA QUALITA DEGLI ARTICOLI IN GOMMA STAMPATA

Dettagli

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS Dipartimento di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN INGENGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DAI RISCHI NATURALI Relazione di fine tirocinio Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Isolamento acustico. Andrea Nicolini

Isolamento acustico. Andrea Nicolini Isolamento acustico Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale, sezione di Fisica Tecnica nicolini.unipg@ciriaf.it ISOLAMENTO ACUSTICO Strutture fonoisolanti

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE Ing. Ricci Andrea Simone INCERTEZZA DI MISURA - Introduzione X SISTEMA Y Misura > complesso di attività volte alla valutazione

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla:

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla: Oscillatore semplice Vibrazioni armoniche libere o naturali k m 0 x Se il corpo di massa m è spostato di x verso destra rispetto alla posizione di riposo, è soggetto alla forza elastica di richiamo della

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Analisi biomeccanica dello sforzo e dell affossamento dell abutment nella sistematica implantare BICON

Analisi biomeccanica dello sforzo e dell affossamento dell abutment nella sistematica implantare BICON Analisi biomeccanica dello sforzo e dell affossamento dell abutment nella sistematica implantare BICON Luigi Paracchini INGEO Snc Via Stazione 80/A, VARALLO POMBIA (NO) Emilio Balbo ODONTOTECNICA BALBO

Dettagli

Strumentazione Biomedica

Strumentazione Biomedica Sensori induttivi, capacitivi, piezoelettrici Univ. degli studi Federico II di Napoli ing. Paolo Bifulco Sensori induttivi Sensori induttivi di spostamento basati su variazioni di autoinduttanza e mutua

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1 Albero dei guasti E uno strumento di analisi dei guasti che si affianca all FMECA. L FMECA e un analisi di tipo bottom-up, perche si parte da un componente e si risale agli effetti di un suo guasto L Albero

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI.

TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI. Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI. Relatore:

Dettagli

Muscolo Scheletrico 1. Anatomia funzionale, eccitazione, contrazione

Muscolo Scheletrico 1. Anatomia funzionale, eccitazione, contrazione Muscolo Scheletrico 1. Anatomia funzionale, eccitazione, contrazione Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Anatomia funzionale

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Diagnostica sui compressori alternativi

Diagnostica sui compressori alternativi Diagnostica sui compressori alternativi Diagnostica sui compressori alternativi Diagnostica sui compressori alternativi La diagnostica dei compressori alternativi consente di verificare lo stato di salute

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^)

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) Il problema del rumore generato dalle trasmissioni è diventato sempre più pressante negli ultimi anni, anche a causa della maggiore esigenza di combattere l inquinamento

Dettagli

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Indice VERIFICA DI UN NODO DI TRAVE RETICOLARE REALIZZATO MEDIANTE COLLEGAMENTO DI

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE Per un corretto dimensionamento del martinetto a ricircolo di sfere è necessario operare come segue: definizione dei dati del dell applicazione (A)

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE STRUTTURALE ED IDENTIFICAZIONE DINAMICA DI DUE PONTI STRADALI

CARATTERIZZAZIONE STRUTTURALE ED IDENTIFICAZIONE DINAMICA DI DUE PONTI STRADALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Dipartimento di Costruzioni e Trasporti CARATTERIZZAZIONE STRUTTURALE ED IDENTIFICAZIONE DINAMICA

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

RICCARDO SANTOBONI ANNA RITA TICARI. Fondamenti di Acustica e Psicoacustica

RICCARDO SANTOBONI ANNA RITA TICARI. Fondamenti di Acustica e Psicoacustica RICCARDO SANTOBONI ANNA RITA TICARI Fondamenti di Acustica e Psicoacustica 1 2 Riccardo Santoboni Anna Rita Ticari Fondamenti di Acustica e Psicoacustica 3 Terza edizione (2008) 4 Sommario 5 6 Sommario

Dettagli

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO ADRIANO GOMBA & C. NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO Installazione. Un sistema di pesatura è costituito da un serbatoio, il cui contenuto deve essere tenuto sotto

Dettagli

RELAZIONE DI TIROCINIO

RELAZIONE DI TIROCINIO RELAZIONE DI TIROCINIO Modellistica di antenne a microstriscia DI Risso Stefano matr.2719995 Tutor accademico: Chiar.mo Prof. Gian Luigi Gragnani Svolto presso il Laboratorio di Elettromagnetismo Applicato

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

-Subcellulare es cromosomi in mitosi; correnti citoplasma,trasporto vescicole

-Subcellulare es cromosomi in mitosi; correnti citoplasma,trasporto vescicole Motilità e contrattilità cellulare Il movimento può avvenire a livello: -Subcellulare es cromosomi in mitosi; correnti citoplasma,trasporto vescicole -Cellulare protozoi ciliati, spermatozoi, migrazioni

Dettagli

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale 9 CONVEGNO Aeroporti: esperienze operative e innovazioni tecnologiche 30 ottobre 2014 - Aeroporto Malpensa Nuove tecnologie per ambiente sicurezza e monitoraggio in aeroporto: La tecnologia FBG per il

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Presentazione. Metalli a memoria di forma - Il Nitinolo e le sue transizioni di fase. Memory metals - Presentazione

Presentazione. Metalli a memoria di forma - Il Nitinolo e le sue transizioni di fase. Memory metals - Presentazione Presentazione Metalli a memoria di forma - Il Nitinolo e le sue transizioni di fase Transizioni di fase Dilatazione termica nei metalli Resistenza elettrica Inquiry based science Struttura atomica cristalli

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Laboratorio: Costruzione dell ellisse con parallelogrammi articolati

Laboratorio: Costruzione dell ellisse con parallelogrammi articolati Laboratorio: Costruzione dell ellisse con parallelogrammi articolati Il laboratorio di matematica non è un luogo fisico diverso dalla classe, è piuttosto un insieme strutturato di attività volte alla costruzione

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido.

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Vincenzo Annoscia*, Nicola Pecere**, Angela Maria Altieri *** *O.C.T. - Bari - Italy **2S.I. Software e Servizi per

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli