Dopo il voto alle elezioni regionali cosa resta del modello emiliano? A cura di Aldo Cristadoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dopo il voto alle elezioni regionali cosa resta del modello emiliano? A cura di Aldo Cristadoro"

Transcript

1 Dopo il voto alle elezioni regionali cosa resta del modello emiliano? A cura di Aldo Cristadoro

2 Il voto in Emilia

3 Affluenza alle urne nelle ultime elezioni regionali in Emilia Romagna ,7 76,7 66, ,

4 Il voto in Emilia Romagna Regionali 2010 Politiche 2013 Europee 2014 Regionali 2014 Centro Sinistra * Centro Centro Destra Movimento 5 Stelle Altro Tot *Bonaccini ha ottenuto il 49%. 5

5 Flussi di voto: come hanno votato alle regionali gli elettori che alle Europee avevano scelto il PD Le elezioni regionali sono state caratterizzate da un contenuta volatilità elettorale. Dall analisi dei flussi con il modello di Goodman, effettuata nei principali capoluoghi, si evidenzia che il principale flusso è quello che riguarda l astensione. Semplificando possiamo dire che il successo elettorale della Lega è dovuto in buona parte alla maggiore capacità di mobilitare i propri elettori.. Per il Pd questo non è avvenuto: 4 su 10 hanno confermato il proprio voto, 2 su 10 hanno cambiato partito, mentre 4 elettori su 10 non sono andati a votare, Sin. Pd LN FI M5s Altri Asten Tot Bologna ,0 Modena ,0 Reggio ,0 Parma ,0 Fonte: Istituto Cattaneo 6

6 Il giudizio sull amministrazione : grandi regioni a confronto (% voti positivi 6-10) L Emilia Romagna ha in 5 anni, dal 2009 ad oggi, ha perso quasi 30 punti. La Regione è passata al terzo posto come livello di gradimento sorpassata da Toscana e Veneto. 76% 72% 69% 65% 65% 64% 70% 65% 68% 59% 57% Veneto Toscana Emilia 47% Lombardia Puglia Piemonte Sicilia Lazio Campania 2009 (1 sem) 2009 (2 sem) 2010 (1 sem) 2010 (2 sem) 2011 (1 sem) 2011 (2 sem) 2012 (1 sem) 2012 (2 sem) 2013 (1 sem) 2013 (2 sem) 2014 (1 sem) 2014 (2 sem) 7

7 60 50 Il gradimento dell amministrazione regionale: delta positivi negativi Fase eroica post terremoto 47 Scandalo Fiorito Scandalo spese pazze 30 Rielezione Errani L indicatore permette di evidenziare il bilanciamento fra soddisfatti e insoddisfatti. L Emilia Romagna ha visto una riduzione drastica di questo indice che in 5 anni (prevalgono i soddisfatti) passa da 57 a 0, con un perfetto equilibrio fra positivi e negativi (1 sem) 2009 (2 sem) 2010 (1 sem) 2010 (2 sem) 2011 (1 sem) 2011 (2 sem) 2012 (1 sem) 2012 (2 sem) 2013 (1 sem) 2013 (2 sem) (1 sem) Dimissioni (2 sem) 8

8 Livello di conoscenza delle elezioni primarie (base casi: totale intervistati) si; 38% no; 62% 9

9 Livello di interesse per le elezioni primarie (base casi: totale intervistati) 37% 27% 15% 18% 4% Molto interessati (8-10) Abbastanza interessati (6-7) Non sa Poco interessati (4-5) Per nulla interessati (1-3) 10

10 Il prossimo presidente della regione dovrà (base casi: totale intervistati) 30,9 56,3 12,8 Proseguire nel lavoro portato avanti da Errani Non sa Cambiare sostanzialmente contenuti e modo di governare 11

11 Il cambiamento del paradigma politico

12 1948 La misura del cambiamento: le politiche 2013 e il più alto tasso di volatilità della storia della Repubblica (indice di volatilità elettorale Fonte: CISE) ,7 39, ,0 22, , ,1 18, ,2 8,5 7,8 5,3 9,1 5,3 8,3 9,1 13,0 9,5 9,7 35,2 se calcolata su europee

13 Trend gradimento Governo ( ) % giudizi positivi su operato Governo approvazione manovra e crollo spread Vittoria PD alle Europee 63,0 ddl sicurezza e federalismo fiscale 60,9 presentazione decreto Salva Italia 60,0 decreto Fare 62,6 50,0 indulto Lodo Alfano caso Cosentino regionali vinte dal centrodestra Interventi Caso riforma mercato del stabilizzazione BCE Shalabayeva lavoro e pensioni legge stabilità legge stabilità risoluzione crisi e voto fiducia in Parlamento caso Scajola crisi e voto di fiducia crisi spagnola impennata spread e caso esodati governo Monti 45,0 crisi e scioglimento camere 40,0 Jobs act 44,0 finanziaria 33,4 ml governo Prodi crisi e scioglimento camere 33,1 governo Berlusconi rottura con Fini e nascita FLI amministrative vinte dal centrosinistra dimissioni governo Letta governo Renzi 28,4 impennata spread Base: totale casi (dati precedenti da Banca Dati Sondaggi IPSOS - rilevazioni mensili su campioni di 1000 casi)

14 nov-14 ott-14 set-14 lug-14 giu-14 mag-14 apr-14 mar-14 feb-14 gen-14 dic-13 nov-13 ott-13 set-13 ago-13 lug-13 giu-13 mag-13 dic-12 nov-12 ott-12 set-12 ago-12 lug-12 giu-12 mag-12 apr-12 mar-12 feb-12 gen-12 dic-11 nov-11 ott-11 set-11 ago-11 lug-11 giu-11 mag-11 apr-11 mar-11 feb-11 gen-11 dic-10 nov-10 ott-10 set-10 ago-10 lug-10 giu-10 mag-10 apr-10 mar-10 feb-10 gen-10 dic-09 nov-09 ott-09 set-09 ago-09 lug-09 giu-09 mag-09 apr-09 mar-09 feb-09 gen-09 dic-08 nov-08 ott-08 set-08 ago-08 lug-08 giu-08 mag-08 apr-08 mar-08 feb-08 gen-08 dic-07 nov-07 ott-07 set-07 ago-07 lug-07 giu-07 mag-07 apr-07 mar-07 feb-07 gen-07 dic-06 nov-06 ott-06 set-06 ago-06 lug-06 giu-06 Trend gradimento Presidente del Consiglio ( ) % gradimento del Presidente del Consiglio 62,1 approvazione manovra e crollo spread 65,0 decreto Fare Caso Shalabayeva 65,3 Vittoria PD alle Europee 55,1 indulto finanziaria 33,4 ml risoluzione crisi e voto fiducia in Parlamento Prodi 36,2 crisi e scioglimento camere 56,6 Lodo Alfano ddl sicurezza e federalismo fiscale aggressione a Berlusconi a Milano caso Cosentino regionali vinte dal centrodestra Berlusconi caso Scajola rottura con Fini e nascita FLI crisi e voto di fiducia amministrative vinte dal centrosinistra presentazione decreto Salva Italia riforma mercato del lavoro e pensioni Interventi stabilizzazione BCE crisi spagnola impennata spread e caso esodati 43,4 crisi e scioglimento Monti camere legge stabilità 40,2 dimissioni Letta legge stabilità Renzi 50,5 Jobs act impennata spread 23,5 Base: totale casi (dati precedenti da Banca Dati Sondaggi IPSOS - rilevazioni mensili su campioni di 1000 casi)

15 Supporto e simpatia dei principali leader politici analisi congiunta Base: totale casi (fonte: Ipsos Polimetro - rilevazioni settimanali su campioni di 1000 casi) 16

16 Supporto e simpatia dei principali leader politici analisi congiunta GENNAIO 14 Base: totale casi (fonte: Ipsos Polimetro - rilevazioni settimanali su campioni di 1000 casi) 17

17 La democrazia del Pubblico (Bernard Manin) Secolarizzazione dalla politica, minor centralità nella vita dei cittadini, indebolimento delle appartenenze Disaffezione e sfiducia nei partiti in Italia e più in generale in Europa (dati Eurobarometro) Sentimenti di antipolitica, crisi della democrazia rappresentativa e democrazia diretta Il declino dell organizzazione dei partiti compensato dal ricorso crescente ai media e alla comunicazione Ruolo del leader e identificazione dei partiti con il leader Personalizzazione e mediatizzazione caratterizzano la democrazia del pubblico: gli attori politici diventano attori mediatici, i cittadini e gli elettori diventano il «pubblico» Il marketing politico prende il posto dell ideologia 18

18 Cambiamento antropologico e domanda politica Al cambiamento nella struttura dei bisogni dei cittadini corrispondono nuove domande rivolte alla politica: Il pragmatismo sostituisce i valori Il presente prevale sul futuro Asimmetria tra la dimensione individuale e quella collettiva La parcellizzazione dei bisogni corrisponde alla frammentazione identitaria: ne consegue la difficile ricomposizione di una proposta politica che corrisponde alla difficoltà di visione sintetica e coerente dell individuo: appartenenze multiple. 19

19 Fattore tecnologico Il web ha modificato la fruizione di beni e servizi. La disintermediazione generata dal web ha profondamente mutato, negli ultimi decenni, rapporti, ruoli e regole che normavano le tradizionali società di massa. Ora è possibile scavalcare i tradizionali intermediari che presidiavano le filiere dell economia, della cultura anche della politica -> politica peer-to-peer.

20 Fattore mediatico Quando parliamo di leadership politica è fondamentale far riferimento al ruolo dei media nella sua costruzione e legittimazione. Gli effetti che intervengono nel processo di costruzione e affermazione mediatica dei leader sono molteplici: Popolarizzazione della politica Spettacolarizzazione Peoplisation

21 Popolarizzazione: dalla politica delle élite alla politica di «massa» I media (e la televisione in particolare) hanno reso la politica più semplice e accessibile, rendendola a tutti gli effetti un genere televisivo -> popolarizzazione della politica Questo ha prodotto 3 cambiamenti : 1. quelli che attengono ai modelli di comunicazione dei politici - dal comizio al soundbite 2. quelli che attengono ai contenuti della comunicazione politica - i media diventano il luogo della rappresentazione della politica 3. quelli che attengono ai destinatari della comunicazione politica - «democratizzazione della politica» - > i cittadini sono oggi più inclini a consumare politica quando questa è confezionata nei formati tipici della cultura popolare e di massa

22 Spettacolarizzazione La centralità dei mass-media in politica ha fatto sì che questa si adeguasse alla regole dell industria culturale -> La politica si fa spettacolo. In un contesto di campagna elettorale permanente vengono riformulati spazi e pubblici. Il leader parla a vari pubblici (i propri elettori e gli elettori degli avversari) ma soprattutto parla agli indecisi, fondamentali nel determinare la vittoria.

23 Peoplisation Il rapporto tra cittadini e leader non obbedisce solo a dinamiche di tipo razionale ma è attivato anche nel quadro di relazioni di carattere passionale. L aspetto emozionale rappresenta una leva importante per l acquisizione di consenso -> messa in scena della vita dei politici umanizzazione del leader Vita privata e vita pubblica costruisco il personaggio politico, perché il leader è «uno-di-noi». Il leader diventa protagonista di storie (mediali) -> narrazione e storytelling. Nella narrazione subentrano sia aspetti emotivi che aspetti simbolici che rappresentano l agenda politica del leader.

24 Gli italiani di fronte alla crisi

25 Il Pil nelle principali economie avanzate (valori concatenati al 2007) Fonte: Ocse - Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico 27

26 Numero indice % (2007 = 100) 110,0 Il Pil nelle principali regioni italiane: l Emilia Romagna come il resto del paese non ha recuperato i livelli pre-crisi 105,0 100,0 Lombardia 95,0 94,2 Emilia Romagna Italia Veneto 90,0 Piemonte Sud 85, Fonte: Istat 28

27 La crisi della domanda interna Anche in Emilia le esportazioni continuano a rappresentare l unica fonte di crescita 29

28 Negli ultimi anni si è registrata una pesante flessione anche in termini di ricchezza pro-capite Nota: Pil ai prezzi di mercato valori concatenati con anno di riferimento 2005 su media annua della popolazione residente Fonte: elaborazioni su dati e stime Istat Conti economici nazionali Ottobre 2013, Istat Conti economici territoriali Novembre 2012, Ucer Prometeia Giugno 2013, Istat Ricostruzioni Intercensuarie e , Istat Popolazione residente 2012 ed elaborazioni su Istat proiezioni demografiche La contrazione del Prodotto interno lordo e la concomitante crescita della popolazione registrata negli ultimi dieci anni hanno avuto un effetto di forte compressione sulla ricchezza procapite. In Italia dai euro pro-capite del 2007 si è passati ai del 2013 pari al livello di fine anni novanta. L Emilia- Romagna, nonostante un livello di Pil procapite decisamente più elevato della media italiana ha fortemente risentito della crisi raggiungendo nel 2013 il livello di euro, pari alla ricchezza della seconda metà degli anni

29 L Italia Il PIL procapite invecchia! La frattura territoriale (distribuzione Pil pro capite valori concatenati) Delta Piemonte Lombardia Veneto Emilia Romagna Andamento del PIL 2000/ Delta Nord-ovest Nord-est Centro Centro-Nord Mezzogiorno Italia Fonte: Istat Pil pro capite per regione (euro, valori concatenati anno di riferimento 2005) 31

30 Reddito procapite 2012 in Emilia Romagna Fonte: Mef Elaborazioni ing. Morelli 32

31 Il potere d'acquisto delle famiglie è stabilmente basso nel primo trimestre Valori trimestrali destagionalizzati in milioni di Euro Reddito lordo disponibile Potere d'acquisto Anno di riferimento per il potere di acquisto 2005 Famiglie totali * Il potere di acquisto è il reddito lordo disponibile delle famiglie in termini reali, ottenuto utilizzando il deflatore della spesa per consumi finali (valori concatenati con anno di riferimento 2005) FONTE: Istat 33

32 La crisi ha ridotto il risparmio delle famiglie, ma dalla fine del 2012 si cerca di ripristinare il capitale perduto In volumi (propensione al risparmio*reddito lordo/100) Volumi (in milioni di euro) risparmio lordo delle famiglie* MA. In % (reddito lordo - spesa per consumi)/reddito lordo*100 Valori % FONTE: Istat 34

33 La povertà e la deprivazione aumentano Povertà relativa: 990,88 mensili per due persone (2012) Deprivazione: almeno 3 su nove deprivazioni (es: arretrati pagamenti, non ferie, no pasto adeguato ogni 2 gg., ecc. ) Aumentano (2010/2012) gli individui in famiglie che non possono permettersi: spese impreviste di 800 euro (dal 33,3% al 42,9%), una settimana di ferie all anno (dal 39,8% al 50,5%), un pasto con carne o pesce ogni due giorni (dal 6,7% al 17,5%), riscaldare adeguatamente l abitazione (dal 11,2% al 22%). 22,4 24,9 11,1 12,7 Povertà relativa 2011 Povertà relativa 2012 Deprivazione 2011 Deprivazione 2012 Fonte: Istat Noi Italia 2013/214 35

34 La povertà relativa nelle diverse regioni italiane Povertà relativa: 990,88 mensili per due persone (2012) Sicilia Puglia Calabria Campania Basilicata Sardegna Molise Abruzzo Italia Umbria Valle d'aosta Marche Liguria Piemonte Toscana Lazio Friuli-Venezia Giulia Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Emilia-Romagna 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 8,7 8,6 8,1 7,3 6,8 6,3 6,1 6,0 6,0 5,8 5,1 12,7 11,0 16,5 20,7 20,5 29,6 28,2 27,4 25,8 24,5 Fonte: Istat Noi Italia 2013/214 36

35 L ineguale distribuzione della ricchezza Dati Banca d Italia 2012 % Famiglie % Ricchezza 46% nel milioni di famiglie versus miliardi in media 1milione 670mila 47 CETI RICCHI 9.6 milioni di famiglie versus miliardi: in media 400mila 45 CETI MEDI BENESTANTI 12 milioni di famiglie versus 683 milioni: in media 57mila 8 CETI POPOLARI 10% nel 2010 Famiglie italiane: 24 milioni Ricchezza netta (no mutui e prestiti) 2012: miliardi Abitazioni: circa miliardi Investimenti finanziari: circa miliardi oltre 42% in conti titoli banche ITA (azioni, obbligazioni) di cui 31% in depositi conti corrente banche ITA di cui il 19% in riserve tecniche di assicurazione L'Italia era un paese più egualitario negli anni '70-'80, nei '90 sono aumentati gli squilibri sociali. Negli ultimi 20 anni la situazione generale è rimasta più o meno stabile, tuttavia 2 fattori hanno modificato la piramide sociale italiana: travaso progressivo di ricchezza, dai lavoratori dipendenti agli autonomi lungo ristagno dei redditi, che ha affondato i ceti medi 37

36 Disoccupazione giovanile Un confronto fra Italia ed Europa Valori % 44,2 34,6 Italia EU EU 27 overall Italia overall 22,7 21,5 10,8 12,3 10,1 FONTE: Istat - Eurostat Andamento del tasso di disoccupazione mensile DATI DESTAGIONALIZZATI Rapporto tra persone in cerca di occupazione e il totale di persone occupate e in cerca di occupazione Campione: popolazione 15 anni e più 38

37 60,0 La disoccupazione giovanile in Emilia Romagna 50,0 50,3 Sud 40,0 30,0 32,8 33,3 31,2 Italia Nord 20,0 10,0 12,6 11,4 Emilia Romagna 0, Fonte: Istat 39

38 Riduzione dei consumi Il futuro è sempre più precario e a rischio, le famiglie devono sostenere i giovani La razionalizzazione delle spese è divenuta sistematica, sia tra le famiglie colpite dalla crisi sia tra quelle che non hanno sperimentato particolari problemi: consumare più del necessario non è più un elemento per distinguersi in meglio Ma il risparmio è spesso fatto riducendo i consumi. 40

39 La ridefinizione delle attese, delle priorità, delle relazioni Delle attese: si riducono le aspettative, segnatamente rispetto al reddito e al lavoro. Mentre prima del conclamarsi della recessione, cioè sino alla fine del 2010 all incirca, quando si riteneva che avessimo sostanzialmente superato la prima crisi finanziaria avviatasi nel 2008, si mantenevano attese alte (un lavoro che fosse fonte di gratificazione e autorealizzazione, un reddito che garantisse un tenore di vita soddisfacente), nel 2011 l asticella si abbassa. Delle priorità: se prima ci si aspettava almeno un mantenimento delle condizioni raggiunte, adesso si mette in conto un peggioramento del tenore di vita e si dà per scontato che i giovani si troveranno in una situazione sensibilmente peggiore dei propri genitori. Diventa prioritario reggere, non progredire. Delle relazioni: è sempre più difficile rendere collettiva la propria condizione di difficoltà. Sempre più complesso individuare gli intermediari che possano rappresentare i propri bisogni ed interessi. Difficoltà che si inserisce in un più generale processo di disintermediazione che colpisce innanzitutto la politica. 41

40 Le sfide di lungo periodo

41 L Italia invecchia: evoluzione della popolazione italiana fino al 2050 La popolazione residente crescerà di poco: secondo lo scenario centrale, passerà dagli attuali 60 milioni ai 62,3 nel 2037, per ridursi a 61,5 nel Cambierà in misura radicale la composizione della popolazione italiana. 43 Fonte: United Nations, Department of Economic and Social Affairs, Population Division (2011): World Population Prospects: The 2010 Revision. New York

42 I principali fenomeni demografici 1 INVECCHIAMENTO 2 IMMIGRAZIONE 3 EVOLUZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE 44

43 La piramide dell età dell Emilia Romagna è sostanzialmente sostenuta dall immigrazione straniera 90 e Maschi Stranieri Maschi Ita Femmine straniere Femmine Ita ragazzo su 4 è di origine straniera bambino su 5 è di origine straniera Fonte: Censimento

44 L evoluzione della popolazione italiana fino al 2050 (2) La popolazione italiana sarà un cocktail. Anche se non nella stessa misura dappertutto: la quota di stranieri (escludendo quelli che hanno ottenuto la cittadinanza italiana) crescerà dal 7% attuale al 17% nel Gli stranieri saranno circa il 25% della popolazione del Nord-Ovest, meno del 3% nelle Isole. Un Paese di anziani. In base alle proiezioni dei demografi in Italia nel 2050: 1 cittadino su 3 avrà più 65 anni (oggi sono il 20%); 1 cittadino su 7 avrà oltre 80 anni (oggi sono il 5,8%). 46

45 L Italia invecchia! Tra i più vecchi nella UE Indice di vecchiaia: rapporto tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione fino a 14 anni di età, per 100

46 Indicatori demografici e loro previsione Indice di vecchiaia: rapporto tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione fino a 14 anni di età, per 100 FONTE:ISTAT Indice di dipendenza strutturale: rapporto tra la popolazione in età non attiva (fino a 14 anni e di 65 anni e più) e la popolazione in età attiva (tra 15 e 64 anni), per 100 valori superiori al 50 indicano una situazione di squilibrio generazionale

47 L Italia invecchia! Con alcune differenze regionali ancora significative, ma in attenuazione

48 I rischi della semplificazione Il fenomeno di una presenza numericamente consistente e territorialmente diffusa degli anziani è abbastanza recente. Le statistiche hanno per molto tempo raccolto la popolazione anziana in un unica generica classe: «60 anni e oltre» Lo stereotipo dell «anziano tipo» delineava: una persona ritirata dal lavoro, con crescenti problemi di salute, in condizioni economiche piuttosto precarie, con uno stile di consumo sobrio, con uno scarso livello di scolarizzazione, che non si era mai allontanato di molto dal luogo di origine

49 Anziani: una galassia composita La crescita numerica è servita a far emergere l'ovvia constatazione che la popolazione anziana è tutt'altro che omogenea!! Essa include sia quanti sono ancora del tutto indipendenti, attivi, in buone condizioni di salute, con redditi elevati, sia quanti iniziano ad avere qualche problema cronico di salute, oppure sono completamente dipendenti dagli altri, incapienti o incapaci di badare a loro stessi e in precarie o cattive condizioni di salute.

50 cambiano le tipologie di famiglie del Paese coppia con figli una persona sola coppia senza figli un solo genitore con figli altre tipologie FONTE: Istat un evoluzione che implica anch essa una profonda modifica nella struttura dei consumi e dei servizi erogati/fruiti 52

51 La sandwich generation Con il processo demografico in corso, la fascia d età fra anni - specie per le donne - diventa sempre più l età fulcro attorno alla quale ruota il sistema di welfare. E una generazione schiacciata fra l accudimento di figli non ancora adulti o che non riescono a uscire dal nucleo familiare e l assistenza agli anziani che restano in vita sempre più a lungo, perdendo in molti casi autosufficienza e salute. «Le generazioni non si succedono l una all altra, ma coesistono, interagiscono aiutandosi fra loro o pestandosi i piedi. La vita delle nuove generazioni dipende dal destino loro assegnato da chi oggi, proprio oggi, sta decidendo per loro.» (cit. Boeri e Galasso, Contro i giovani, 2007)

52 Segnali contraddittori in una situazione difficile

53 120 Lo strabismo: a settembre si ferma la discesa della fiducia dei consumatori Clima di fiducia destagionalizzato (Istat) MA: (giugno/settembre) Clima economico: Clima personale: base 2005=100 Si separano i propri destini da quelli del paese 55

54 La fine del 2014 segna una crescita del pessimismo Lei si aspetta che nei prossimi 6 mesi la situazione economica sua/della sua famiglia 40% 35% 37% 30% 25% 20% 30% 23% 31% 21% 15% 10% Ottimisti Pessimisti 5% 0% 2008 (1 sem) 2008 (2 sem) (1 sem)2(2 sem) (1 sem) 2010 (2 sem) 5% 2011 (1 sem) 2011 (2 sem) 2012 (1 sem) 2012 (2 sem) 2013 (1 sem) 2013 (2 sem) 2014 (1 sem) 2014 (2 sem) Fonte: banca dati Ipsos 56

55 Un italiano su tre è preoccupato per la propria situazione economica. In Emilia Romagna il dato è simile ma in crescita di 10 punti rispetto al passato. Lei si aspetta che nei prossimi 6 mesi la situazione economica sua/della sua famiglia 100% 90% 21% 21% 80% migliorerà 70% 60% 50% 40% 48% 46% resterà invariata 30% 20% 10% 31% 33% peggiorerà 0% Totale Italia Emila Romagna Fonte: banca dati Ipsos 2 semestre 57

56 Sentiment internazionale - (% molto+ abbastanza positivi) Riferendosi alla situazione economica del Paese in cui vive, come la descriverebbe? 70% 60% 50% 51% Nord America (Can/US) LATAM 40% Europa 30% 28% 31% APAC 20% Medio Oriente/Africa 10% 8% Italia 0% Apr 2007 Apr 2008 Apr 2009 Apr 2010 Apr 2011 Apr 2012 Apr 2013 Apr 2014 Aug 2014 FONTE: *Sondaggio Ipsos (base: per gli USA popolazione 18-64enne; per l Europa popolazione 16-64enne) Base: Totale intervistati

57 Giudizio generale sulla qualità della vita nella propria zona di residenza PRIMO SEMESTRE 2014 molto positivo (voti 8-10) positivo (voti 6-7) negativo (voti 4-5) molto negativo (voti 1-3) 13% 22% 23% 42% 64% positivi Fonte: banca dati Ipsos 59

58 Giudizio generale sulla qualità della vita nella propria zona di residenza TREND GIUDIZI POSITIVI ITALIA Una qualità della vita tuttora positiva, ma con un decremento continuo dei soddisfatti, che in quattro anni perdono ben il 15% raggiungendo i livelli minimi. Solo l ultimo semestre sembra finalmente segnare una stabilizzazione del dato. 78% 74% 76% 79% 78% 77% 75% 74% 70% 71% 68% 65% 64% primo semest re 2009 Fonte: banca dati Ipsos secondo semest re 2009 primo semest re 2010 secondo semest re 2010 primo semest re 2011 secondo semest re 2011 primo semest re 2012 secondo semest re 2012 primo semest re 2013 secondo semest re 2013 primo semest re

59 Giudizio generale sulla qualità della vita nella propria zona di residenza Nord Ovest 65 Nord Est 70 PRIMO SEMESTRE 2014 Indice giudizio totalmente negativo 100 completamente positivo Centro nord 66 Centro sud 50 Sud e isole 46 Fonte: banca dati Ipsos 61

60 Andamento della qualità della vita in netto peggioramento Positivi 25% 8% 17% 13% migliorata uguale positiva non sa uguale negativa peggiorata 61% PRIMO SEMESTRE 2014 Fonte: banca dati Ipsos Negativi 74% 62

61 Andamento della qualità della vita TREND MIGLIORATA E PEGGIORATA - ITALIA Migliorata Peggiorata 60% 60% 61% 41% 37% 37% 38% 25% 21% 21% 21% 42% 45% 19% 19% 56% 51% 52% 14% 13% 13% 12% 10% 8% Una qualità della vita di cui si avverte un crescente e drammatico peggioramento Dal 2008 ad oggi in Emilia è aumentato di quasi 20 punti il numero di persone che pensa che la qualità della vita stia peggiorando: dal 44 al 63 %. secondo semestre 2008 primo semestre 2009 secondo semestre 2009 Fonte: banca dati Ipsos primo semestre 2010 secondo semestre 2010 primo semestre 2011 secondo semestre 2011 primo semestre 2012 secondo semestre 2012 primo semestre 2013 secondo semestre 2013 primo semestre

62 E completamente cambiata l agenda delle priorità degli emiliani +10% rispetto al 1 semestre 2014 occupazione ed economia mobilità welfare ambiente sicurezza e immigrazione % 26% 22% 24% 17% % 30% 29% 14% 28% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: banca dati Ipsos 2 semestre 64

ITALIA 2014: Il clima del Paese. Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI

ITALIA 2014: Il clima del Paese. Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI ITALIA 2014: Il clima del Paese Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI Milano, 22 Settembre 2014 Le fonti dei dati I dati presentati derivano da diverse fonti: Dati strutturali: Istat, Eurostat,

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

L ITALIA IN RECESSIONE:

L ITALIA IN RECESSIONE: Oltre la crisi é andare oltre la politica intervento di Antonio Valente Lorien Consulting I dati della crisi L ITALIA IN RECESSIONE: gli italiani si sentono colpiti dalla crisi Italiani colpiti dalla CRISI

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Indagine Maggio 2015. Dati rilevati nel mese di Aprile 2015

Indagine Maggio 2015. Dati rilevati nel mese di Aprile 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Maggio 2015 Dati rilevati nel mese di Aprile 2015 Milano, 30 aprile Comunicato stampa

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine maggio 2013 Dati rilevati nel mese di aprile 2013 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in

Dettagli

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Ottobre 2013 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Obiettivi ACRI ha chiesto ad IPSOS di condurre un indagine con lo scopo di fornire informazioni e dati di trend, ove possibile dal 2001, rispetto a: Percezione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT

GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT 21 marzo 2011 GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT In occasione della Giornata mondiale dell acqua, istituita dall ONU e celebrata ogni 22 marzo, l Istat fornisce un quadro di sintesi

Dettagli

Indagine Settembre 2015

Indagine Settembre 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Settembre 2015 Dati rilevati nel mese di Agosto 2015 Milano, 1 settembre Comunicato

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza gen 9 feb 9 mar 9 apr 9 mag 9 giu 9 lug 9 ago 9 set 9 ott 9 nov 9 dic 9 gen 1 feb 1 mar 1 apr 1 mag 1 giu 1 lug 1 ago 1 set 1 ott 1 nov 1 dic 1 gen 11 feb 11 mar 11 apr 11 mag 11 giu 11 lug 11 ago 11 set

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Monitor del mercato dei mutui

Monitor del mercato dei mutui Monitor del mercato dei mutui Executive summary 2 Continua la crescita delle erogazioni, favorita dai tassi molto bassi 3 Permane il clima positivo per la domanda e l offerta di mutui 7 Più caute le attese

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L evoluzione del voto europeo in Italia. Rilevazione 5 Maggio 2014

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L evoluzione del voto europeo in Italia. Rilevazione 5 Maggio 2014 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L evoluzione del voto europeo in Italia Rilevazione 5 Maggio 2014 Ripresa della FIDUCIA nel futuro Riprende la speranza: si crede nel cambio di passo e nella ripresa economica

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE. Paolo Feltrin

LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE. Paolo Feltrin LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE Paolo Feltrin Indice Definizione di fabbisogno 2 L offerta di lavoro 6 La domanda di lavoro 11 I fabbisogni di lavoro 18 Riflessioni e

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca., Tassi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA 13 novembre 2009 CONFERENZA STAMPA SALARIO, DIRITTI, SICUREZZA IL CONTRATTO NAZIONALE PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO E UNIRE I LAVORATORI PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA Il settore

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino La crisi economica fa male alla salute? I trend sociali e di salute nella serie storica dell Indagine annuale Istat sugli aspetti della vita quotidiana. Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*,

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Giugno 2015 Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 La sintesi dei trend Confronto

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita CAPITOLO Benessere economico Fondamentale per la qualità della vita Ai fini del benessere complessivo, le capacità reddituali e le risorse economiche sono il mezzo indispensabile attraverso il quale un

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Il Sud Italia: da zavorra a strumento di crescita

Il Sud Italia: da zavorra a strumento di crescita Strettamente riservato Napoli, 25 settembre 2015 Il Sud Italia: da zavorra a strumento di crescita Valerio De Molli Managing Partner The European House - Ambrosetti 2015 The European House - Ambrosetti

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Quaderno congiunturale territoriale

Quaderno congiunturale territoriale Quaderno congiunturale territoriale Trimestrale Anno X - Numero 32 - Aprile 2007 A cura del Servizio progetti, studi e statistiche QUADERNO CONGIUNTURALE TERRITORIALE TRIMESTRALE Anno X Numero 32 Aprile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo Aggiornamento dei dati al 2013 (16 aprile 2014, ver. 0.3) APRILE 2014 Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012-2014 Area

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per Enpa, Lav, Legambiente, Lipu, Wwf Italia - sintetizzati in 10 punti. 1. Il 70% degli italiani si dichiara fortemente

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli