Dopo il voto alle elezioni regionali cosa resta del modello emiliano? A cura di Aldo Cristadoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dopo il voto alle elezioni regionali cosa resta del modello emiliano? A cura di Aldo Cristadoro"

Transcript

1 Dopo il voto alle elezioni regionali cosa resta del modello emiliano? A cura di Aldo Cristadoro

2 Il voto in Emilia

3 Affluenza alle urne nelle ultime elezioni regionali in Emilia Romagna ,7 76,7 66, ,

4 Il voto in Emilia Romagna Regionali 2010 Politiche 2013 Europee 2014 Regionali 2014 Centro Sinistra * Centro Centro Destra Movimento 5 Stelle Altro Tot *Bonaccini ha ottenuto il 49%. 5

5 Flussi di voto: come hanno votato alle regionali gli elettori che alle Europee avevano scelto il PD Le elezioni regionali sono state caratterizzate da un contenuta volatilità elettorale. Dall analisi dei flussi con il modello di Goodman, effettuata nei principali capoluoghi, si evidenzia che il principale flusso è quello che riguarda l astensione. Semplificando possiamo dire che il successo elettorale della Lega è dovuto in buona parte alla maggiore capacità di mobilitare i propri elettori.. Per il Pd questo non è avvenuto: 4 su 10 hanno confermato il proprio voto, 2 su 10 hanno cambiato partito, mentre 4 elettori su 10 non sono andati a votare, Sin. Pd LN FI M5s Altri Asten Tot Bologna ,0 Modena ,0 Reggio ,0 Parma ,0 Fonte: Istituto Cattaneo 6

6 Il giudizio sull amministrazione : grandi regioni a confronto (% voti positivi 6-10) L Emilia Romagna ha in 5 anni, dal 2009 ad oggi, ha perso quasi 30 punti. La Regione è passata al terzo posto come livello di gradimento sorpassata da Toscana e Veneto. 76% 72% 69% 65% 65% 64% 70% 65% 68% 59% 57% Veneto Toscana Emilia 47% Lombardia Puglia Piemonte Sicilia Lazio Campania 2009 (1 sem) 2009 (2 sem) 2010 (1 sem) 2010 (2 sem) 2011 (1 sem) 2011 (2 sem) 2012 (1 sem) 2012 (2 sem) 2013 (1 sem) 2013 (2 sem) 2014 (1 sem) 2014 (2 sem) 7

7 60 50 Il gradimento dell amministrazione regionale: delta positivi negativi Fase eroica post terremoto 47 Scandalo Fiorito Scandalo spese pazze 30 Rielezione Errani L indicatore permette di evidenziare il bilanciamento fra soddisfatti e insoddisfatti. L Emilia Romagna ha visto una riduzione drastica di questo indice che in 5 anni (prevalgono i soddisfatti) passa da 57 a 0, con un perfetto equilibrio fra positivi e negativi (1 sem) 2009 (2 sem) 2010 (1 sem) 2010 (2 sem) 2011 (1 sem) 2011 (2 sem) 2012 (1 sem) 2012 (2 sem) 2013 (1 sem) 2013 (2 sem) (1 sem) Dimissioni (2 sem) 8

8 Livello di conoscenza delle elezioni primarie (base casi: totale intervistati) si; 38% no; 62% 9

9 Livello di interesse per le elezioni primarie (base casi: totale intervistati) 37% 27% 15% 18% 4% Molto interessati (8-10) Abbastanza interessati (6-7) Non sa Poco interessati (4-5) Per nulla interessati (1-3) 10

10 Il prossimo presidente della regione dovrà (base casi: totale intervistati) 30,9 56,3 12,8 Proseguire nel lavoro portato avanti da Errani Non sa Cambiare sostanzialmente contenuti e modo di governare 11

11 Il cambiamento del paradigma politico

12 1948 La misura del cambiamento: le politiche 2013 e il più alto tasso di volatilità della storia della Repubblica (indice di volatilità elettorale Fonte: CISE) ,7 39, ,0 22, , ,1 18, ,2 8,5 7,8 5,3 9,1 5,3 8,3 9,1 13,0 9,5 9,7 35,2 se calcolata su europee

13 Trend gradimento Governo ( ) % giudizi positivi su operato Governo approvazione manovra e crollo spread Vittoria PD alle Europee 63,0 ddl sicurezza e federalismo fiscale 60,9 presentazione decreto Salva Italia 60,0 decreto Fare 62,6 50,0 indulto Lodo Alfano caso Cosentino regionali vinte dal centrodestra Interventi Caso riforma mercato del stabilizzazione BCE Shalabayeva lavoro e pensioni legge stabilità legge stabilità risoluzione crisi e voto fiducia in Parlamento caso Scajola crisi e voto di fiducia crisi spagnola impennata spread e caso esodati governo Monti 45,0 crisi e scioglimento camere 40,0 Jobs act 44,0 finanziaria 33,4 ml governo Prodi crisi e scioglimento camere 33,1 governo Berlusconi rottura con Fini e nascita FLI amministrative vinte dal centrosinistra dimissioni governo Letta governo Renzi 28,4 impennata spread Base: totale casi (dati precedenti da Banca Dati Sondaggi IPSOS - rilevazioni mensili su campioni di 1000 casi)

14 nov-14 ott-14 set-14 lug-14 giu-14 mag-14 apr-14 mar-14 feb-14 gen-14 dic-13 nov-13 ott-13 set-13 ago-13 lug-13 giu-13 mag-13 dic-12 nov-12 ott-12 set-12 ago-12 lug-12 giu-12 mag-12 apr-12 mar-12 feb-12 gen-12 dic-11 nov-11 ott-11 set-11 ago-11 lug-11 giu-11 mag-11 apr-11 mar-11 feb-11 gen-11 dic-10 nov-10 ott-10 set-10 ago-10 lug-10 giu-10 mag-10 apr-10 mar-10 feb-10 gen-10 dic-09 nov-09 ott-09 set-09 ago-09 lug-09 giu-09 mag-09 apr-09 mar-09 feb-09 gen-09 dic-08 nov-08 ott-08 set-08 ago-08 lug-08 giu-08 mag-08 apr-08 mar-08 feb-08 gen-08 dic-07 nov-07 ott-07 set-07 ago-07 lug-07 giu-07 mag-07 apr-07 mar-07 feb-07 gen-07 dic-06 nov-06 ott-06 set-06 ago-06 lug-06 giu-06 Trend gradimento Presidente del Consiglio ( ) % gradimento del Presidente del Consiglio 62,1 approvazione manovra e crollo spread 65,0 decreto Fare Caso Shalabayeva 65,3 Vittoria PD alle Europee 55,1 indulto finanziaria 33,4 ml risoluzione crisi e voto fiducia in Parlamento Prodi 36,2 crisi e scioglimento camere 56,6 Lodo Alfano ddl sicurezza e federalismo fiscale aggressione a Berlusconi a Milano caso Cosentino regionali vinte dal centrodestra Berlusconi caso Scajola rottura con Fini e nascita FLI crisi e voto di fiducia amministrative vinte dal centrosinistra presentazione decreto Salva Italia riforma mercato del lavoro e pensioni Interventi stabilizzazione BCE crisi spagnola impennata spread e caso esodati 43,4 crisi e scioglimento Monti camere legge stabilità 40,2 dimissioni Letta legge stabilità Renzi 50,5 Jobs act impennata spread 23,5 Base: totale casi (dati precedenti da Banca Dati Sondaggi IPSOS - rilevazioni mensili su campioni di 1000 casi)

15 Supporto e simpatia dei principali leader politici analisi congiunta Base: totale casi (fonte: Ipsos Polimetro - rilevazioni settimanali su campioni di 1000 casi) 16

16 Supporto e simpatia dei principali leader politici analisi congiunta GENNAIO 14 Base: totale casi (fonte: Ipsos Polimetro - rilevazioni settimanali su campioni di 1000 casi) 17

17 La democrazia del Pubblico (Bernard Manin) Secolarizzazione dalla politica, minor centralità nella vita dei cittadini, indebolimento delle appartenenze Disaffezione e sfiducia nei partiti in Italia e più in generale in Europa (dati Eurobarometro) Sentimenti di antipolitica, crisi della democrazia rappresentativa e democrazia diretta Il declino dell organizzazione dei partiti compensato dal ricorso crescente ai media e alla comunicazione Ruolo del leader e identificazione dei partiti con il leader Personalizzazione e mediatizzazione caratterizzano la democrazia del pubblico: gli attori politici diventano attori mediatici, i cittadini e gli elettori diventano il «pubblico» Il marketing politico prende il posto dell ideologia 18

18 Cambiamento antropologico e domanda politica Al cambiamento nella struttura dei bisogni dei cittadini corrispondono nuove domande rivolte alla politica: Il pragmatismo sostituisce i valori Il presente prevale sul futuro Asimmetria tra la dimensione individuale e quella collettiva La parcellizzazione dei bisogni corrisponde alla frammentazione identitaria: ne consegue la difficile ricomposizione di una proposta politica che corrisponde alla difficoltà di visione sintetica e coerente dell individuo: appartenenze multiple. 19

19 Fattore tecnologico Il web ha modificato la fruizione di beni e servizi. La disintermediazione generata dal web ha profondamente mutato, negli ultimi decenni, rapporti, ruoli e regole che normavano le tradizionali società di massa. Ora è possibile scavalcare i tradizionali intermediari che presidiavano le filiere dell economia, della cultura anche della politica -> politica peer-to-peer.

20 Fattore mediatico Quando parliamo di leadership politica è fondamentale far riferimento al ruolo dei media nella sua costruzione e legittimazione. Gli effetti che intervengono nel processo di costruzione e affermazione mediatica dei leader sono molteplici: Popolarizzazione della politica Spettacolarizzazione Peoplisation

21 Popolarizzazione: dalla politica delle élite alla politica di «massa» I media (e la televisione in particolare) hanno reso la politica più semplice e accessibile, rendendola a tutti gli effetti un genere televisivo -> popolarizzazione della politica Questo ha prodotto 3 cambiamenti : 1. quelli che attengono ai modelli di comunicazione dei politici - dal comizio al soundbite 2. quelli che attengono ai contenuti della comunicazione politica - i media diventano il luogo della rappresentazione della politica 3. quelli che attengono ai destinatari della comunicazione politica - «democratizzazione della politica» - > i cittadini sono oggi più inclini a consumare politica quando questa è confezionata nei formati tipici della cultura popolare e di massa

22 Spettacolarizzazione La centralità dei mass-media in politica ha fatto sì che questa si adeguasse alla regole dell industria culturale -> La politica si fa spettacolo. In un contesto di campagna elettorale permanente vengono riformulati spazi e pubblici. Il leader parla a vari pubblici (i propri elettori e gli elettori degli avversari) ma soprattutto parla agli indecisi, fondamentali nel determinare la vittoria.

23 Peoplisation Il rapporto tra cittadini e leader non obbedisce solo a dinamiche di tipo razionale ma è attivato anche nel quadro di relazioni di carattere passionale. L aspetto emozionale rappresenta una leva importante per l acquisizione di consenso -> messa in scena della vita dei politici umanizzazione del leader Vita privata e vita pubblica costruisco il personaggio politico, perché il leader è «uno-di-noi». Il leader diventa protagonista di storie (mediali) -> narrazione e storytelling. Nella narrazione subentrano sia aspetti emotivi che aspetti simbolici che rappresentano l agenda politica del leader.

24 Gli italiani di fronte alla crisi

25 Il Pil nelle principali economie avanzate (valori concatenati al 2007) Fonte: Ocse - Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico 27

26 Numero indice % (2007 = 100) 110,0 Il Pil nelle principali regioni italiane: l Emilia Romagna come il resto del paese non ha recuperato i livelli pre-crisi 105,0 100,0 Lombardia 95,0 94,2 Emilia Romagna Italia Veneto 90,0 Piemonte Sud 85, Fonte: Istat 28

27 La crisi della domanda interna Anche in Emilia le esportazioni continuano a rappresentare l unica fonte di crescita 29

28 Negli ultimi anni si è registrata una pesante flessione anche in termini di ricchezza pro-capite Nota: Pil ai prezzi di mercato valori concatenati con anno di riferimento 2005 su media annua della popolazione residente Fonte: elaborazioni su dati e stime Istat Conti economici nazionali Ottobre 2013, Istat Conti economici territoriali Novembre 2012, Ucer Prometeia Giugno 2013, Istat Ricostruzioni Intercensuarie e , Istat Popolazione residente 2012 ed elaborazioni su Istat proiezioni demografiche La contrazione del Prodotto interno lordo e la concomitante crescita della popolazione registrata negli ultimi dieci anni hanno avuto un effetto di forte compressione sulla ricchezza procapite. In Italia dai euro pro-capite del 2007 si è passati ai del 2013 pari al livello di fine anni novanta. L Emilia- Romagna, nonostante un livello di Pil procapite decisamente più elevato della media italiana ha fortemente risentito della crisi raggiungendo nel 2013 il livello di euro, pari alla ricchezza della seconda metà degli anni

29 L Italia Il PIL procapite invecchia! La frattura territoriale (distribuzione Pil pro capite valori concatenati) Delta Piemonte Lombardia Veneto Emilia Romagna Andamento del PIL 2000/ Delta Nord-ovest Nord-est Centro Centro-Nord Mezzogiorno Italia Fonte: Istat Pil pro capite per regione (euro, valori concatenati anno di riferimento 2005) 31

30 Reddito procapite 2012 in Emilia Romagna Fonte: Mef Elaborazioni ing. Morelli 32

31 Il potere d'acquisto delle famiglie è stabilmente basso nel primo trimestre Valori trimestrali destagionalizzati in milioni di Euro Reddito lordo disponibile Potere d'acquisto Anno di riferimento per il potere di acquisto 2005 Famiglie totali * Il potere di acquisto è il reddito lordo disponibile delle famiglie in termini reali, ottenuto utilizzando il deflatore della spesa per consumi finali (valori concatenati con anno di riferimento 2005) FONTE: Istat 33

32 La crisi ha ridotto il risparmio delle famiglie, ma dalla fine del 2012 si cerca di ripristinare il capitale perduto In volumi (propensione al risparmio*reddito lordo/100) Volumi (in milioni di euro) risparmio lordo delle famiglie* MA. In % (reddito lordo - spesa per consumi)/reddito lordo*100 Valori % FONTE: Istat 34

33 La povertà e la deprivazione aumentano Povertà relativa: 990,88 mensili per due persone (2012) Deprivazione: almeno 3 su nove deprivazioni (es: arretrati pagamenti, non ferie, no pasto adeguato ogni 2 gg., ecc. ) Aumentano (2010/2012) gli individui in famiglie che non possono permettersi: spese impreviste di 800 euro (dal 33,3% al 42,9%), una settimana di ferie all anno (dal 39,8% al 50,5%), un pasto con carne o pesce ogni due giorni (dal 6,7% al 17,5%), riscaldare adeguatamente l abitazione (dal 11,2% al 22%). 22,4 24,9 11,1 12,7 Povertà relativa 2011 Povertà relativa 2012 Deprivazione 2011 Deprivazione 2012 Fonte: Istat Noi Italia 2013/214 35

34 La povertà relativa nelle diverse regioni italiane Povertà relativa: 990,88 mensili per due persone (2012) Sicilia Puglia Calabria Campania Basilicata Sardegna Molise Abruzzo Italia Umbria Valle d'aosta Marche Liguria Piemonte Toscana Lazio Friuli-Venezia Giulia Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Emilia-Romagna 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 8,7 8,6 8,1 7,3 6,8 6,3 6,1 6,0 6,0 5,8 5,1 12,7 11,0 16,5 20,7 20,5 29,6 28,2 27,4 25,8 24,5 Fonte: Istat Noi Italia 2013/214 36

35 L ineguale distribuzione della ricchezza Dati Banca d Italia 2012 % Famiglie % Ricchezza 46% nel milioni di famiglie versus miliardi in media 1milione 670mila 47 CETI RICCHI 9.6 milioni di famiglie versus miliardi: in media 400mila 45 CETI MEDI BENESTANTI 12 milioni di famiglie versus 683 milioni: in media 57mila 8 CETI POPOLARI 10% nel 2010 Famiglie italiane: 24 milioni Ricchezza netta (no mutui e prestiti) 2012: miliardi Abitazioni: circa miliardi Investimenti finanziari: circa miliardi oltre 42% in conti titoli banche ITA (azioni, obbligazioni) di cui 31% in depositi conti corrente banche ITA di cui il 19% in riserve tecniche di assicurazione L'Italia era un paese più egualitario negli anni '70-'80, nei '90 sono aumentati gli squilibri sociali. Negli ultimi 20 anni la situazione generale è rimasta più o meno stabile, tuttavia 2 fattori hanno modificato la piramide sociale italiana: travaso progressivo di ricchezza, dai lavoratori dipendenti agli autonomi lungo ristagno dei redditi, che ha affondato i ceti medi 37

36 Disoccupazione giovanile Un confronto fra Italia ed Europa Valori % 44,2 34,6 Italia EU EU 27 overall Italia overall 22,7 21,5 10,8 12,3 10,1 FONTE: Istat - Eurostat Andamento del tasso di disoccupazione mensile DATI DESTAGIONALIZZATI Rapporto tra persone in cerca di occupazione e il totale di persone occupate e in cerca di occupazione Campione: popolazione 15 anni e più 38

37 60,0 La disoccupazione giovanile in Emilia Romagna 50,0 50,3 Sud 40,0 30,0 32,8 33,3 31,2 Italia Nord 20,0 10,0 12,6 11,4 Emilia Romagna 0, Fonte: Istat 39

38 Riduzione dei consumi Il futuro è sempre più precario e a rischio, le famiglie devono sostenere i giovani La razionalizzazione delle spese è divenuta sistematica, sia tra le famiglie colpite dalla crisi sia tra quelle che non hanno sperimentato particolari problemi: consumare più del necessario non è più un elemento per distinguersi in meglio Ma il risparmio è spesso fatto riducendo i consumi. 40

39 La ridefinizione delle attese, delle priorità, delle relazioni Delle attese: si riducono le aspettative, segnatamente rispetto al reddito e al lavoro. Mentre prima del conclamarsi della recessione, cioè sino alla fine del 2010 all incirca, quando si riteneva che avessimo sostanzialmente superato la prima crisi finanziaria avviatasi nel 2008, si mantenevano attese alte (un lavoro che fosse fonte di gratificazione e autorealizzazione, un reddito che garantisse un tenore di vita soddisfacente), nel 2011 l asticella si abbassa. Delle priorità: se prima ci si aspettava almeno un mantenimento delle condizioni raggiunte, adesso si mette in conto un peggioramento del tenore di vita e si dà per scontato che i giovani si troveranno in una situazione sensibilmente peggiore dei propri genitori. Diventa prioritario reggere, non progredire. Delle relazioni: è sempre più difficile rendere collettiva la propria condizione di difficoltà. Sempre più complesso individuare gli intermediari che possano rappresentare i propri bisogni ed interessi. Difficoltà che si inserisce in un più generale processo di disintermediazione che colpisce innanzitutto la politica. 41

40 Le sfide di lungo periodo

41 L Italia invecchia: evoluzione della popolazione italiana fino al 2050 La popolazione residente crescerà di poco: secondo lo scenario centrale, passerà dagli attuali 60 milioni ai 62,3 nel 2037, per ridursi a 61,5 nel Cambierà in misura radicale la composizione della popolazione italiana. 43 Fonte: United Nations, Department of Economic and Social Affairs, Population Division (2011): World Population Prospects: The 2010 Revision. New York

42 I principali fenomeni demografici 1 INVECCHIAMENTO 2 IMMIGRAZIONE 3 EVOLUZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE 44

43 La piramide dell età dell Emilia Romagna è sostanzialmente sostenuta dall immigrazione straniera 90 e Maschi Stranieri Maschi Ita Femmine straniere Femmine Ita ragazzo su 4 è di origine straniera bambino su 5 è di origine straniera Fonte: Censimento

44 L evoluzione della popolazione italiana fino al 2050 (2) La popolazione italiana sarà un cocktail. Anche se non nella stessa misura dappertutto: la quota di stranieri (escludendo quelli che hanno ottenuto la cittadinanza italiana) crescerà dal 7% attuale al 17% nel Gli stranieri saranno circa il 25% della popolazione del Nord-Ovest, meno del 3% nelle Isole. Un Paese di anziani. In base alle proiezioni dei demografi in Italia nel 2050: 1 cittadino su 3 avrà più 65 anni (oggi sono il 20%); 1 cittadino su 7 avrà oltre 80 anni (oggi sono il 5,8%). 46

45 L Italia invecchia! Tra i più vecchi nella UE Indice di vecchiaia: rapporto tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione fino a 14 anni di età, per 100

46 Indicatori demografici e loro previsione Indice di vecchiaia: rapporto tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione fino a 14 anni di età, per 100 FONTE:ISTAT Indice di dipendenza strutturale: rapporto tra la popolazione in età non attiva (fino a 14 anni e di 65 anni e più) e la popolazione in età attiva (tra 15 e 64 anni), per 100 valori superiori al 50 indicano una situazione di squilibrio generazionale

47 L Italia invecchia! Con alcune differenze regionali ancora significative, ma in attenuazione

48 I rischi della semplificazione Il fenomeno di una presenza numericamente consistente e territorialmente diffusa degli anziani è abbastanza recente. Le statistiche hanno per molto tempo raccolto la popolazione anziana in un unica generica classe: «60 anni e oltre» Lo stereotipo dell «anziano tipo» delineava: una persona ritirata dal lavoro, con crescenti problemi di salute, in condizioni economiche piuttosto precarie, con uno stile di consumo sobrio, con uno scarso livello di scolarizzazione, che non si era mai allontanato di molto dal luogo di origine

49 Anziani: una galassia composita La crescita numerica è servita a far emergere l'ovvia constatazione che la popolazione anziana è tutt'altro che omogenea!! Essa include sia quanti sono ancora del tutto indipendenti, attivi, in buone condizioni di salute, con redditi elevati, sia quanti iniziano ad avere qualche problema cronico di salute, oppure sono completamente dipendenti dagli altri, incapienti o incapaci di badare a loro stessi e in precarie o cattive condizioni di salute.

50 cambiano le tipologie di famiglie del Paese coppia con figli una persona sola coppia senza figli un solo genitore con figli altre tipologie FONTE: Istat un evoluzione che implica anch essa una profonda modifica nella struttura dei consumi e dei servizi erogati/fruiti 52

51 La sandwich generation Con il processo demografico in corso, la fascia d età fra anni - specie per le donne - diventa sempre più l età fulcro attorno alla quale ruota il sistema di welfare. E una generazione schiacciata fra l accudimento di figli non ancora adulti o che non riescono a uscire dal nucleo familiare e l assistenza agli anziani che restano in vita sempre più a lungo, perdendo in molti casi autosufficienza e salute. «Le generazioni non si succedono l una all altra, ma coesistono, interagiscono aiutandosi fra loro o pestandosi i piedi. La vita delle nuove generazioni dipende dal destino loro assegnato da chi oggi, proprio oggi, sta decidendo per loro.» (cit. Boeri e Galasso, Contro i giovani, 2007)

52 Segnali contraddittori in una situazione difficile

53 120 Lo strabismo: a settembre si ferma la discesa della fiducia dei consumatori Clima di fiducia destagionalizzato (Istat) MA: (giugno/settembre) Clima economico: Clima personale: base 2005=100 Si separano i propri destini da quelli del paese 55

54 La fine del 2014 segna una crescita del pessimismo Lei si aspetta che nei prossimi 6 mesi la situazione economica sua/della sua famiglia 40% 35% 37% 30% 25% 20% 30% 23% 31% 21% 15% 10% Ottimisti Pessimisti 5% 0% 2008 (1 sem) 2008 (2 sem) (1 sem)2(2 sem) (1 sem) 2010 (2 sem) 5% 2011 (1 sem) 2011 (2 sem) 2012 (1 sem) 2012 (2 sem) 2013 (1 sem) 2013 (2 sem) 2014 (1 sem) 2014 (2 sem) Fonte: banca dati Ipsos 56

55 Un italiano su tre è preoccupato per la propria situazione economica. In Emilia Romagna il dato è simile ma in crescita di 10 punti rispetto al passato. Lei si aspetta che nei prossimi 6 mesi la situazione economica sua/della sua famiglia 100% 90% 21% 21% 80% migliorerà 70% 60% 50% 40% 48% 46% resterà invariata 30% 20% 10% 31% 33% peggiorerà 0% Totale Italia Emila Romagna Fonte: banca dati Ipsos 2 semestre 57

56 Sentiment internazionale - (% molto+ abbastanza positivi) Riferendosi alla situazione economica del Paese in cui vive, come la descriverebbe? 70% 60% 50% 51% Nord America (Can/US) LATAM 40% Europa 30% 28% 31% APAC 20% Medio Oriente/Africa 10% 8% Italia 0% Apr 2007 Apr 2008 Apr 2009 Apr 2010 Apr 2011 Apr 2012 Apr 2013 Apr 2014 Aug 2014 FONTE: *Sondaggio Ipsos (base: per gli USA popolazione 18-64enne; per l Europa popolazione 16-64enne) Base: Totale intervistati

57 Giudizio generale sulla qualità della vita nella propria zona di residenza PRIMO SEMESTRE 2014 molto positivo (voti 8-10) positivo (voti 6-7) negativo (voti 4-5) molto negativo (voti 1-3) 13% 22% 23% 42% 64% positivi Fonte: banca dati Ipsos 59

58 Giudizio generale sulla qualità della vita nella propria zona di residenza TREND GIUDIZI POSITIVI ITALIA Una qualità della vita tuttora positiva, ma con un decremento continuo dei soddisfatti, che in quattro anni perdono ben il 15% raggiungendo i livelli minimi. Solo l ultimo semestre sembra finalmente segnare una stabilizzazione del dato. 78% 74% 76% 79% 78% 77% 75% 74% 70% 71% 68% 65% 64% primo semest re 2009 Fonte: banca dati Ipsos secondo semest re 2009 primo semest re 2010 secondo semest re 2010 primo semest re 2011 secondo semest re 2011 primo semest re 2012 secondo semest re 2012 primo semest re 2013 secondo semest re 2013 primo semest re

59 Giudizio generale sulla qualità della vita nella propria zona di residenza Nord Ovest 65 Nord Est 70 PRIMO SEMESTRE 2014 Indice giudizio totalmente negativo 100 completamente positivo Centro nord 66 Centro sud 50 Sud e isole 46 Fonte: banca dati Ipsos 61

60 Andamento della qualità della vita in netto peggioramento Positivi 25% 8% 17% 13% migliorata uguale positiva non sa uguale negativa peggiorata 61% PRIMO SEMESTRE 2014 Fonte: banca dati Ipsos Negativi 74% 62

61 Andamento della qualità della vita TREND MIGLIORATA E PEGGIORATA - ITALIA Migliorata Peggiorata 60% 60% 61% 41% 37% 37% 38% 25% 21% 21% 21% 42% 45% 19% 19% 56% 51% 52% 14% 13% 13% 12% 10% 8% Una qualità della vita di cui si avverte un crescente e drammatico peggioramento Dal 2008 ad oggi in Emilia è aumentato di quasi 20 punti il numero di persone che pensa che la qualità della vita stia peggiorando: dal 44 al 63 %. secondo semestre 2008 primo semestre 2009 secondo semestre 2009 Fonte: banca dati Ipsos primo semestre 2010 secondo semestre 2010 primo semestre 2011 secondo semestre 2011 primo semestre 2012 secondo semestre 2012 primo semestre 2013 secondo semestre 2013 primo semestre

62 E completamente cambiata l agenda delle priorità degli emiliani +10% rispetto al 1 semestre 2014 occupazione ed economia mobilità welfare ambiente sicurezza e immigrazione % 26% 22% 24% 17% % 30% 29% 14% 28% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: banca dati Ipsos 2 semestre 64

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA SALUTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE LAVORO E CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA BENESSERE ECONOMICO RELAZIONI SOCIALI POLITICA E ISTITUZIONI SICUREZZA BENESSERE SOGGETTIVO

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento NOTA di RICERCA dell UFFICIO STUDI AITEC www.aitecweb.com febbraio 2012 ufficiostudi@aitecweb.com IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia Argomenti n. 29 2005 Lo sport che cambia I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE SANITÀ E PREVIDENZA CULTURA FAMIGLIA

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli