Milano, 18 gennaio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Milano, 18 gennaio 2013"

Transcript

1 1

2 Milano, 18 gennaio 2013 La La complessità complessità dei dei mercati mercati finanziari finanziari e e gli gli strumenti strumenti per per dominarla dominarla I I soggetti soggetti dell analisi dell analisi L analisi L analisi statistica statistica Lo Lo studio studio dei dei grafici grafici Indicatori Indicatori di di momentum momentum Lo Lo studio studio degli degli eccessi: eccessi: volatilità volatilità storica storica La La forza forza relativa relativa Alessandro Chini, Alessandro Magagnoli Alessandro Chini, Alessandro Magagnoli 2

3 Abstract - L'analisi intermarket è quello strumento che cerca di individuare la condizione del ciclo economico a partire dall'andamento dei principali mercati finanziari. L'osservazione empirica ha infatti dimostrato che il comportamento di borse, obbligazioni, materie prime, prezzi degli immobili e tassi di interesse a breve termine (quindi indirettamente della valuta nazionale) rispetta delle regole consolidate durante il passaggio da una fase di recessione ad una di espansione matura. Grande attenzione è anche dedicata all'andamento dell'inflazione dal momento che questa condiziona pesantemente il comportamento delle banche centrali in tema di politica monetaria. All'interno della evoluzione del ciclo è possibile riconoscere 5 fasi durante le quali gli strumenti menzionati e l'inflazione hanno comportamenti ben riconoscibili. Il recupero iniziale che segue una recessione è caratterizzato da tassi di interesse a breve molto bassi e quindi da una moneta locale relativamente debole, da rendimenti delle obbligazioni a media e lunga scadenza che iniziano a dimostrare tensioni al rialzo, da un mercato azionario in ripresa così come i prezzi delle materie prime e dalle quotazioni degli immobili che evidenziano segnali di inversione rialzista. Mano a mano che il ciclo economico procede verso il suo picco i tassi di interesse a breve termine iniziano a salire, i rendimenti delle obbligazioni passano dallo stabile al rialzo, le azioni si producono nelle classiche fiammate sostenute da scarsi volumi, analogamente i corsi delle materie prime accelerano fortemente al rialzo ed i valori delle proprietà immobiliari continuano a salire. L'intervento della banca centrale per contrastare la forte ripresa dell'inflazione comporta una stretta monetaria che fa crollare la fiducia e causa uno sgonfiamento generalizzato delle quotazioni degli strumenti finanziari, ad eccezione di quelle dei bond, anche se con velocità di risposta diverse. I più reattivi ai mutamenti di prospettive economiche sono infatti i bond, o meglio i loro rendimenti, poi seguono le azioni, le materie prime ed i prezzi delle case. L'area geografica che viene maggiormente studiata dall'analisi intermarket è quella degli Usa, il loro peso sull'economia globale è infatti notevole e per questo motivo sono in grado di condizionare l'andamento del Pil mondiale, tuttavia le dinamiche evidenziale per i diversi strumenti finanziari nello sviluppo del ciclo sono riscontrabili anche nell'ambito di aree geografiche più ridotte o delle singole nazioni. La durata del ciclo economico, intesa come il periodo che separa due fasi significative di contrazione, almeno stando ai dati di variazione annua del Pil statunitense dall'immediato dopoguerra ad oggi, è di 4/5 anni, con l'ultimo flesso verificatosi nel corso del 2009, nel primo trimestre di quell'anno infatti il prodotto interno lordo statunitense scese del 6,4% per poi recuperare velocemente in quelli successivi. Il 2013 rischia di essere quindi l'anno che vede il ritorno della crisi negli Usa, stando alle statistiche passate, anche se il fenomeno, nuovo almeno con questa rilevanza, degli alleggerimenti quantitativi operati da tutte le principali banche centrali, potrebbe dilatare la fase di espansione rendendo più ampio l'intero ciclo. Il mercato azionario Usa, rappresentato dallo S&P500, nel corso del 2012 è cresciuto dell'11,5% circa, un risultato nettamente migliore dello 0% del 2011, analogo a quello del 2010 (+11%), inferiore a quello del 2009 (+19,7%) e nettamente superiore a quello del 2008, anno archiviato con una perdita del 34% circa. Confrontando l'andamento dei rendimenti di borsa e quello del Pil è facile notare come il mercato azionario sia in grado di anticipare in modo apprezzabile le oscillazioni della ricchezza prodotta nel paese, iniziando a scontare l'inizio di una fase recessiva con un preavviso di molti mesi. Attualmente lo S&P500 segue un andamento nettamente positivo, si muove infatti all'interno di un canale ascendente originato dai minimi di inizio 2009 il cui baricentro è rappresentato dalla media mobile a 52 settimane, attualmente in transito a 1390 punti circa, supporto ai prezzi da inizio 2012, testata a giugno e novembre dello scorso anno senza danni evidenti. Fintanto che la media mobile sosterrà i prezzi sarà lecito immaginare il proseguimento dell'ascesa verso i 1700 punti, limite superiore del canale collocato al di sopra dei massimi del 2007 a 1576, area dalla quale sarebbero possibili flessioni ma non necessariamente serie interruzioni dell'uptrend. Situazione grafica diversa invece per il future relativo ai Bond governativi con scadenza a 10 anni, in questo caso la media mobile a 52 settimane, che aveva funzionato da supporto fin dalla metà del 2011, è stata violata al ribasso a fine dicembre 2012 dopo una lotta durata circa tre mesi. La violazione della media è stata anticipata dal taglio al ribasso della trend line disegnata dai minimi del 2011, avvenuta a metà settembre, ed i prezzi sembrano ora destinati a testare la trend line che sale dai minimi del giugno 2007, in transito a 126 circa. Discese al di sotto di questo sostegno prospetterebbero poi il test a 111 circa della linea originata dai record negativi del Solo la rottura dei 136 punti sconfesserebbe i recenti segnali di debolezza facendo presagire nuovi rialzi. Da notare anche che da alcuni mesi il grafico di forza relativa che mette in rapporto i bond con scadenza decennale e quelli con scadenza a 5 anni si è orientato al ribasso dopo essere salito per tutto il 2011 e la prima parte del La forza relativa tra l'andamento dei titoli governativi a lunga scadenza e quelli con scadenza più breve tipicamente vira al ribasso contestualmente ad un analoga inversione del trend dei prezzi: i titoli destinati a scadere più lontano nel tempo sono infatti più sensibili, con una curva dei tassi orientata positivamente, ad incrementi dei rendimenti rispetto a quelli che si estingueranno prima. Se per i tassi Usa a lungo termine le attese sono di rialzo, nel 2014 dovrebbero salire, secondo stime credibili al 3% circa dall'attuale 2% per le scadenze a 10 anni, sui tassi di interesse a breve termine non ci sono tensioni. Il rendimento dei Treasury Bill a 12 mesi è inchiodato in area 0,20 da più di un anno e non vi sono indicazioni in favore di variazioni future in un senso o nell'altro. Per la Fed del resto la crescita economica rimarrà a rischio per altri 2 anni circa, quindi difficilmente i tassi a breve saliranno prima della fine del Per il Fondo monetario internazionale il Pil Usa del 2013 dovrebbe crescere del 2,1% circa, nettamente meglio dello 0,2% dell'area euro, tuttavia ancora troppo poco per poter suonare la sirena dello scampato pericolo. Il dollaro Usa sembra risentire di queste prospettive, il dollar index, paniere delle principali monete quotate contro quella statunitense, dopo aver violato a dicembre sia la media mobile a 52 settimane sia la trend line disegnata dai minimi di settembre 2011 ha tentato di risalire al di sopra di questi due riferimenti, ora resistenza in area 80,60, venendone tuttavia respinto. Se i prezzi dovessero scendere anche al di sotto di area 78,60 la tendenza ribassista in atto dal top di fine luglio prenderebbe nuova confidenza puntando al test di area 77 almeno. Le tensioni visibili sul dollaro hanno risvolti positivi sull'andamento dei prezzi delle materie prime. L'indice Crb ha infatti disegnato a partire dai minimi del 7 ottobre 2011 un potenziale testa spalle rialzista, figura che troverebbe conferma oltre i 318 punti (oltre quota 300 viene lasciata alle spalle la media mobile a 52 settimane). la rottura di 318 prospetterebbe il test a 370 del top di aprile dell'anno scorso, resistenza critica anche in ottica di medio periodo in quanto coincidente con il 61,8% di ritracciamento del ribasso dal top del Se i prezzi si portassero al di sopra di questo importante riferimento derivato dalla successione di Fibonacci diverrebbe probabile una vera e propria inversione in senso rialzista, capace di spingersi ad interessare i 430 punti almeno. E segnali positivi sono giunti nelle ultime settimane anche dal mercato immobiliare, sostenuto da dati in continuo miglioramento, gli ultimi quelli rilasciati dal Dipartimento del Commercio il quale ha reso noto che i nuovi cantieri residenziali sono saliti nel mese di dicembre a 954 mila unità dalle 851 mila unità del mese precedente ed a fronte delle attese degli analisti che si aspettavano un valore pari a 890 mila unità. L'indice Phlx relativo al comparto immobiliare ha superato infatti con una evidente accelerazione rialzista quota 175, resistenza coincidente con il 50% di ritracciamento del ribasso dai massimi del Grazie alla rottura di questa resistenza l'indice si è guadagnato la possibilità di estendere il proprio rialzo oltre i 200 punti e di dirigere almeno sui massimi del febbraio 2007 a 257. Dalla condizione del mercato azionario e di quello dei titoli governativi Usa, delle materie prime quotate in dollari e del comparto immobiliare statunitense è possibile ricavare una idea abbastanza precisa di quella che è la posizione dell'economia sulla curva del ciclo, Gli Usa si trovano attualmente nell'area corrispondente ad una ripresa ormai consolidata ma che ha ancora a disposizione ancora almeno un anno, forse anche 18 mesi prima di necessitare di un intervento di contenimento da parte della Federal Reserve. Se esistono dei dubbi casomai riguardano il breve termine: gli indici di sentiment del mercato azionario, come il Vix, sono attualmente su livelli storicamente molto bassi e rendono quindi poco credibile l'ipotesi che la borsa possa proseguire nella propria fase rialzista senza andare prima incontro ad una flessione. La prima parte del 2013 potrebbe quindi essere caratterizzata da un temporaneo ridimensionamento delle quotazioni azionarie, che potrebbe interessare anche i prezzi delle materie prime, per lasciare poi nuovamente il posto ad una fase di ripresa. Più attardata rispetto agli Usa la ripresa dell'area euro, che sembra rimasta indietro almeno di un semestre, se non di un anno, rispetto alla posizione degli States sulla curva del ciclo economico. In particolare nel Vecchio Continente i prezzi dei bond appaiono destinati ancora a salire prima di esaurire la spinta rialzista e questa tendenza mal si concilia con una espansione significativa dei listini azionari, che potrebbe interessare quindi più la seconda metà dell'anno. Improbabile anche che il mercato immobiliare, in difficoltà nei principali paesi dell'area, inverta in tempi rapidi la propria propensione al ribasso. 3

4 Financial Trend Analysis e specializzata nello studio dei mercati finanziari attraverso le metodologie dell analisi intermarket 4

5 Si fa presto a dire borsa... Nell immaginario collettivo i mercati finanziari sono principalmente collegati alla borsa. In qualsiasi telegiornale fino a pochi mesi fa, in coda alle altre notizie, venivano citate solo le chiusure degli indici domestici, in alcuni casi quelle degli indici Usa, e magari anche un riferimento al tasso di cambio euro dollaro o euro yen. Adesso si è aggiunto il tormentone dello spread ma è solo una nota di colore, un numero che in pochi realmente capiscono. La realtà però è ben diversa: i mercati azionari rappresentano solo una piccola parte dei mercati finanziari, di certo non quella presidiata dalle grandi banche internazionali che si dedicano principalmente ai derivati su strumenti che spesso poco hanno a che fare con la borsa. Ecco perché per cercare di capire quello che succede davvero nel mondo della finanza è necessario comprenderne la complessità. 5

6 6

7 L importanza degli strumenti derivati. I mercati da analizzare Le ultimissime statistiche della Banca dei Regolamenti Internazionali, aggiornate a novembre 2012, calcolano che l'intero mercato di strumenti derivati quotati OTC (over the counter) ammonti a 639 mila miliardi di dollari di valore nominale, 10 volte circa il Pil mondiale e 14 volte la capitalizzazione di tutte le borse. 494mila miliardi di dollari sono costruiti su tassi d'interesse: servono a chi vuole trasformare un finanziamento a tasso fisso in variabile, o viceversa. 66mila600 miliardi sono derivati su valute, 6mila300 miliardi su azioni e 3mila su materie prime. Ci sono poi i credit default swap che valgono 28mila miliardi di valore nominale). La capitalizzazione di Piazza Affari nel 2000 equivaleva al 68,7% della ricchezza prodotta nella penisola mentre al 31 maggio 2010 il rapporto (calcolato in euro) è sceso al 25,24%, meno della metà, al 31 maggio 2012 al 21%, 327,1 miliardi. Germania da 67,8% a 38,5%, Usa da 152,7% a 105,7%, Uk dal 184,3% al 128%. 7

8 17/09/2012 Consob*; cala capitalizzazione Piazza Affari, 21% Pil Capitalizzazione: valore di mercato complessivo delle azioni emesse da una società per azioni quotata * Bollettino statistico relativo al primo semestre

9 Unicredit -95% in 4 anni e 7 mesi, -1,72% al mese Flottante 93,028,991,588 10/05/2007: UNICREDIT % +1870% Flottante 4,724,464,023 09/01/2012: Numero azioni in circolazione

10 L importanza degli strumenti derivati. I mercati da analizzare ed il loro peso Fonte: Banca dei Regolamenti Internazionali 10

11 Il problema della trasparenza: l High Frequency Trading (HFT). Solo negli Usa 1.25 miliardi di $ nel 2012, in calo del 35% dal 2011 e del 74% dai 4.9 miliardi del

12 e le dark pools DJI 26 3 May Negli Stati Uniti la Securities and Exchange Commission (Sec) ha varato requisiti di trasparenza più severi su tutti i trader di larghe dimensioni, chiedendo in particolare informazioni dettagliatissime sulle transazioni elettroniche ad alta velocità. Per questo, per sfuggire alla curiosità degli organi di vigilanza, molte transazioni Hft si stanno spostando verso le "dark pools". L'introduzione della Tobin Tax, cioè l'imposizione di un prelievo fiscale su ogni transazione finanziaria, potrebbe limitare il fenomeno. 12

13 Durata del ciclo economico: 4/5 anni tra le recessioni 7 6 Variazione % le Pil USA su anno precedente gen-47 gen-49 gen-51 gen-53 gen-55 gen-57 gen-59 gen-61 gen-63 gen-65 gen-67 gen-69 gen-71 gen-73 gen-75 gen-77 gen-79 gen-81 gen-83 gen-85 gen-87 gen-89 gen-91 gen-93 gen-95 gen-97 gen-99 gen-01 gen-03 gen-05 gen-07 gen-09 gen

14 Il ciclo economico ed i mercati finanziari 14

15 Riepilogando quindi gli strumenti da tenere sotto controllo sono Indici azionari Titoli di stato Materie prime/oro/petrolio Tassi di interesse a breve termine Settore immobiliare in aggiunta attenzione all inflazione 15

16 Leading market Il ruolo principale della banche centrali è in controllo dell inflazione, o meglio favorire l espansione economica ma non a scapito della stabilità dei prezzi. Per ottenere questo risultato usano la leva dei tassi di interesse. I movimenti sui tassi di interesse influenzano le divise, le azioni, le materie prime, il rendimento dei bond e quindi i loro prezzi. Ma i mercati finanziari cercano di anticipare le mosse delle banche centrali (che a loro volta cercano di anticipare l inflazione) studiando l andamento dell economia reale. E qual è il comparto per il quale vi è abbondanza di dati (quelli di bilancio delle aziende quotate) pubblici e trasparenti? Quello azionario... * * Staples: food, beverages, tobacco, non cyclical 16

17 Le borse (o meglio le attese sugli utili delle aziende) anticipano il ciclo economico Top 12/10/07 S&P 500 INDEX Fallimento di Lehman Brothers il 15 settembre

18 Quali sono i listini più significativi? 18

19 Euro: : 52% del Pil - Usa del Pil - Cina 80% 19

20 Italia 21% del Pil 20

21 Borsa Usa e borsa area euro a confronto. Difficile negare che ci siano similitudini di comportamento MSCI EMU ( , , , , ) MSCI USA (1,393.71, 1,393.71, 1,393.71, 1,393.71, ) August September November 2012 February March April May June July August September November

22 I termini di valutazione di un investimento finanziario: rendimento & rischio 22

23 Rendimento & Rischio: da strumenti di misura a strumenti di previsione La variazione di prezzo, o performance dello strumento, e la sua rischiosità, valutata con l ausilio della volatilità storica (o altre misure equivalenti), sono universalmente accettate come tra due dei migliori parametri per valutare un investimento. In realtà al risparmiatore, quando le cose vanno bene, interessa solo il rendimento, tuttavia nei momenti difficili di mercato anche il perdere il meno possibile è un notevole vantaggio perché permette di tornare a cavalcare l onda con più risorse quando i trend girano di nuovo al rialzo. Nel corso di questo incontro vedremo tuttavia come proprio le misure della variazione di prezzo e della rischiosità possano essere utilizzate come punto di partenza per una analisi previsionale efficace. 23

24 Valutazione dell andamento Price ROC ( )(MSCI EMU) MSCI EMU ( , , , , ) Price ROC ( ) MSCI USA (1,393.71, 1,393.71, 1,393.71, 1,393.71, ) August September November 2012 February March April May June July August September November 2013 Variazione %le a 250 giorni (ad inizio 2013): +15.6% per Eu, % per Usa

25 L indicatore momentum Momentum 52 weeks Momentum 100 weeks MSCI USA

26 Equivalenza grafica tra momentum e rate of change Price ROC Momentum MSCI USA 52 weeks 52 weeks

27 L indicatore momentum come strumento di analisi Momentum Equity ( ) 500 Momentum 52 weeks O P P O O MSCI USA P O P P P O O O Segnali di rialzo e ribasso generati dal taglio della linea del

28 Trading system basato sul momentum Momentum Equity ( ) 700 Momentum 52 weeks O P P O O MSCI USA P O PP OO

29 Valutazione sistema di trading 29

30 Volatility 60D(STATS) MSCI USA J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D 2013 Msci Usa + Vola. 60 gg. + mm 200 gg La volatilità storica La volatilità storica ha dei comportamenti ricorsivi, e soprattutto sembra seguire una legge naturale che le impedisce di scendere al di sotto di una certa soglia minima, o salire al di sopra di una soglia massima, ovviamente tipica per ciascun titolo o indice. Quando la volatilità approccia queste soglie estreme i prezzi iniziano a muoversi in modo tale da farla allontanare. La volatilità storica si calcola con formula della deviazione standard, è la media degli scarti tra rendimenti giornalieri e il rendimento medio giornaliero. Una volatilità storica a sessanta giorni del 10%, per un titolo che ha un prezzo di 100, significa che, per gli ultimi sessanta giorni, il suo range annualizzato30 sarebbe stato, per il 68% del tempo (1 deviazione standard), tra 110 e 90.

31 Volatility 60D(STATS) ( , ) Volatilità e trend S&P 500 INDEX (1,318.72, 1,324.14, 1,310.50, 1,320.68, ), Volatility 60D(STATS) ( , ) In alto la volatilità storica a 60 sedute + media a 200 giorni. In basso, insieme al grafico dello S&P500, la stessa volatilità storica con scala invertita (a sx). Si nota come la volatilità segue un andamento opposto a quello del trend, quindi... 31

32 Volatility 60D(STATS) ( , ) Volatilità e sentiment S&P 500 INDEX (1,318.72, 1,324.14, 1,310.50, 1,320.68, ) quando la volatilità raggiunge valori storicamente elevati non solo è lecito prevedere un calo di questo valore ma anche una inversione in senso rialzista del trend dei prezzi. La volatilità è un ottimo indicatore di sentiment

33 Volatility30D CBOE VOLAT SPX ( , , , , ) MSCI USA M A M J J A S O N D 2010 M A M J J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D Sentiment indicator: l Indice Vix conosciuto come Fear Index VIX is a trademarked ticker symbol for the Chicago Board Options Exchange Market Volatility Index, a popular measure of the implied volatility of S&P 500 index options. Often referred to as the fear index it represents one measure of the market's expectation of stock market volatility over the next 30 day period. It is quoted in percentage points and translates, roughly, to the expected movement in the S&P 500 index over the33 upcoming 30-day period, which is then annualized.

34 Sentiment indicator: l VDax (Dax Volatility) DAX VOLATILITY VDax scala invertita DAX - DEUTSCHER, DAX VOLATILITY 2009 M A M J J A S O N D 2010 M A M J J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D The volatility index VDAX-NEW, which was developed by Deutsche Börse and Goldman Sachs, tracks the degree of fluctuation expected by the derivatives market, i.e. the implied volatility, for the DAX index. The index expresses in percentage terms 34what degree of volatility is to be expected for the following 30 days.

35 Dunque gli stessi strumenti che servono per valutare un investimento possono essere utilizzati anche per prevederne l andamento futuro 35

36 Variazione %le a 250 giorni USA, volatilità storica a 63 giorni e media a 200 giorni della volatilità Price ROC ( ) Volatility 60D(STATS) ( , ) MSCI USA (1,393.71, 1,393.71, 1,393.71, 1,393.71, ) N D 2010 M A M J J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D

37 Variazione %le a 250 giorni EU, volatilità storica a 63 giorni e media a 200 giorni della volatilità Price ROC ( ) Volatility 60D(STATS) ( , ) MSCI EMU ( , , , , ) N D 2010 M A M J J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D

38 Momentum rialzista e volatilità bassa, previsioni? MSCI USA (1,396.38, 1,406.84, 1,392.08, 1,406.84, ) MM 52 settimane

39 Ma allora se è vero che la globalizzazione ha livellato le differenze, ha ancora senso studiare i trend dei diversi mercati? 39

40 Un ulteriore strumento di analisi, la correlazione Correlation(MSCI USA) MSCI EMU, MSCI USA L analisi di correlazione misura la relazione tra 2 variabili. Valori = 1 implicano correlazione perfetta. Qui a 250 gg. 40

41 Pil Usa: : 2012: 2.2%+2013: 2.0%2014: 2.8% = 7% Pil Ue: : 2012: -0.4%+2013: -0.1%+2014:1.3% = 0.8% Disoccupazione media triennio fino al 2013: Usa = 7.8% vs. Ue =11.66% 41

42 Il decoupling decoupling, lo sganciamento del vagone europeo da traino Usa da un lato pone un problema in termini di previsione degli andamenti dall altro introduce anche maggiori opportunità per fare profitti: ora ci sono due banchi sui quali giocare... 42

43 Confronto tra bond decennali Usa e Eu (Germania) BUND DAILY rett ( , , , , ), TNOTES 10Y ( , , , , ) M A M J J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D 2013 M

44 I bond decennali Usa sono prossimi ad un ribasso Momentum TNOTES 10Y, Volatility 60D(STATS)

45 I bond decennali tedeschi sono invece ancora in trend 120 Momentum BUND DAILY rett, Volatility 60D(STATS)

46 La regressione lineare come misura del trend Linear Regression Indicator ( ) Linear Regression Slope ( ) BUND DAILY rett ( , , , , ) Retta dei minimi quadrati, o retta di regressione. La retta di regressione è la retta che minimizza la somma dei quadrati degli scarti. Nell esempio e calcolata a 250 gg Dec 2010 Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 2011 Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 2012 Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Nov Dec2013 Il Linear Regression Indicator mostra il valore finale di una serie di linee di regressione, tante quanti sono i punti sul grafico 46

47 L inclinazione della regressione lineare come misura del trend Linear Regression Indicator ( ) Linear Regression Slope ( ) TNOTES 10Y ( , , , , ) Nov Dec 2010 Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 2011 Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 2012 Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Nov Dec

48 I titoli governativi Usa a 10 anni sembrano destinati a scendere mentre quelli europei (benchmark tedesco) sono ancora al rialzo. Rapporto inverso tra tassi e prezzi quindi. Linear Regression Indicator(BUND DAILY rett), Linear Regression Indicator TNOTES 10Y, BUND DAILY rett, Linear Regression Indicator(BUND DAILY rett), Linear Regression Indicator USA 10 ANNI Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 2012 Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec

49 Sistema di trading automatico basato sulla inclinazione della regressione lineare (ottimizzato, 100 sedute) Regressione Lineare e linea 0 Equity ( ) Linear Regression Slope ( ) BUND DAILY rett ( , , , , ) P O P O P O M A M J J A S O N D 2010 M A M J J A S O N D 2011 M A M J J A S O N D 2012 M A M J J A S O N D

50 Valutazione trading system 50

51 L utilizzo dell r2 in combinazione con il linear regression ind. r-squared BUND DAILY rett, Linear Regression Indicator Lin. Reg. Indicator a 100 sedute Il coefficiente r2 rappresenta una misura della bontà del modello lineare. Dà una valida indicazione di quanto una retta sia adatta a descrivere la relazione tra 2 variabili. Nelle fasi di forte tendenza r2 è elevato. Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 2012 Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec

52 Sistema di trading automatico basato sulla inclinazione della regressione lineare (ottimizzato, 100 sedute) e filtrato per R Regressione Lineare e linea 0 e R2 Equity r-squared Linear Regression Slope BUND DAILY rett, Linear Regression Indicator Y O September November 2012 February March April May June July August September November

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 30 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 30 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Treasury a 10 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Pil Usa del terzo trimestre a +1,5% annualizzato; meglio delle

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi COMMENTO GENERALE DEI METALLI NON FERROSI LME ANALISI E TENDENZE ANALISI DEL 13-10-2008 I dati utilizzati sono relativi alla prima seduta del LME di Londra e sono espressi in $/tonn. Dalla crisi finanziaria

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori.

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori. Morning Call 25 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Quotazione del Brent: andamento dal 2008 I temi del giorno Lunedì nero per le borse; oggi Shanghai perde ancora oltre il 7,0% ma i listini europei tentano

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II Dopo il grande rush che ha visto i principali mercati raggiungere e superare i precedenti massimi storici, è iniziata l attesa fase di correzione degli indici. Ad

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio.

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio. Morning Call 13 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Market movers Cina: terza svalutazione per lo yuan, nuova parità

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Morning Call 31 MARZO 2015 Sotto i riflettori Fiducia delle imprese in Italia: andamento I temi del giorno Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Tassi: nuovi

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

HI Sibilla Macro Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC

HI Sibilla Macro Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax. +39 02 6674450 www.hedgeinvest.it POLITICA DI INVESTIMENTO Fondo ucits single manager specializzato

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016 GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI 06 Maggio 2016 PANORAMICA MACRO Principali Lunedì +/- Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì indici / currency 02/05/2016 03/05/2016-04/05/2016-05/05/2016-06/05/2016

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Morning Call 14 GENNAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Tassi:

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Morning Call 18 AGOSTO 2014 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Nuovi minimi storici per

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Morning Call 10 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Cambio Usd/Yuan: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Banche centrali:

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 04/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 Aprile 2014 Analisi di scenario Mercati 17/04/2014 2 Jun 13 Jul 13 Aug 13 Sep 13 Oct 13 Nov 13 Dec 13 Jan 14 Feb 14 Mar 14

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti. Morning Call 22 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Ibex: andamento I temi del giorno Macro: oggi il dato finale del Pil Usa del terzo trimestre Il voto spagnolo e lo stallo politico pesano su azionario

Dettagli

Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Ufficio Studi AVM. Gianluigi Montagner

Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Ufficio Studi AVM. Gianluigi Montagner Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Editoriale La parola al Direttore Generale Italia Cosa aspettarsi dai mercati da qui alla fine dell anno? Ci sono tanti temi caldi che tratteremo

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bonos a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Tassi: rendimenti

Dettagli

3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo

3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it 3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo Il nostro One Million Dollar Portfolio da inizio anno sta realizzando il 58.13% Il nostro

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

I mercati non azionari

I mercati non azionari II 1 I titoli di Stato Nel 213 i mercati dei titoli pubblici dell Area euro si sono progressivamente stabilizzati per effetto della riduzione del rischio di disintegrazione della moneta unica. I rendimenti

Dettagli

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Daniela Fantozzi e Claudio Vicarelli fantozzi@istat.it cvicarelli@istat.it Forum PA, Roma 28 Maggio 2015 Indice 1. Il monitoraggio

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 15 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 15 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 15 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta in rialzo dai minimi del 13 aprile- ha chiuso a 1,1447 - Il cambio Usd/Yen resta elevato, ma

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Per la nostra analisi iniziamo con il solito sguardo Intermarket (dati ad 1 ora a partire da fine dicembre- aggiornati alle 09:10 di oggi 6 marzo):

Per la nostra analisi iniziamo con il solito sguardo Intermarket (dati ad 1 ora a partire da fine dicembre- aggiornati alle 09:10 di oggi 6 marzo): Chiusura Borse Asia/Pacifico - Australia (Asx All Ordinaries): +0,84% - Giappone (Nikkei225): +2,13% - Hong Kong (Hang Seng): +0,96% - Cina (Shangai): +0,90% - Korea (Kospi):+0,20% - India (Bse Sensex):

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

RUMBLING world Un processo verso la transizione

RUMBLING world Un processo verso la transizione OTTOBRE 2011 Osservatorio di Intermarket Analysis Wlademir Biasia RUMBLING world Un processo verso la transizione HIGHLIGHTS FATTORI ENDOGENI ANCHE I BTP? DOPO L ATTENZIONE VERSO I DEBITI SOVRANI DOVE

Dettagli

COMMENTO AI MERCATI. Pertanto è lecito attendersi una apertura debole dei listini, visto che i futures Usa sono in calo e così pure Euro Yen.

COMMENTO AI MERCATI. Pertanto è lecito attendersi una apertura debole dei listini, visto che i futures Usa sono in calo e così pure Euro Yen. Data :26/11/2008 Buongiorno a tutti. COMMENTO AI MERCATI Dalle indicazioni del commento di preapertura ai mercati di oggi : Fitch abbassa il rating di Toyota. Di conseguenza il Nikkei storna con maggiore

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Morning Call 18 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva a scadenza dei Treasury: oggi e al 30 settembre 2015 I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Mercati

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

Partiamo dall Eurostoxx future e vediamo il Ciclo Trimestrale partito il 24 giugno (dati ad 1 ora):

Partiamo dall Eurostoxx future e vediamo il Ciclo Trimestrale partito il 24 giugno (dati ad 1 ora): Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro resta forte ed ha chiuso come la scorsa settimana intorno a 1,352 - l Oro ha leggermente recuperato chiudendo a 1338 dollari, resta comunque

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

Morning Call 31 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania

Morning Call 31 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania Morning Call 31 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento Treasury 2 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania Fed: il vicepresidente

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo R e l a t o r e : N i c o l a F r a n c i a Obbligazioni Plain Vanilla Le obbligazioni

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli