Crime Analysis e Spatial Cognition: ArcGis e Studio della Mobilità Territoriale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crime Analysis e Spatial Cognition: ArcGis e Studio della Mobilità Territoriale"

Transcript

1 Crime Analysis e Spatial Cognition: ArcGis e Studio della Mobilità Territoriale Lorenzo P. Luini, Sapienza Università di Roma - Facoltà di Medicina e Psicologia - Laboratorio di Psicologia generale e sperimentale Francesco S. Marucci, Sapienza Università di Roma - Facoltà di Medicina e Psicologia- Coordinatore del Laboratorio di Psicologia generale e sperimentale Serena Mastroberardino, Esperto AIPG, Neuroimaging Laboratory - Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Professore a.c. LUMSA Marco Scorzelli, Operatore per la sicurezza ed il controllo sociale Abstract Alcuni studiosi (Canter, & Larkin,1993; Canter & Snook,1999; Canter et al., 2000; Rossmo, 1995,2000; Levine, 2010) hanno applicato differenti algoritmi e modelli matematici al fine di prevedere il comportamento dei criminali e le loro strategie di azione in relazione alle caratteristiche geografiche del territorio nel quale essi operano. Tali modelli permettono la rappresentazione geografica del crimine; essi inoltre dovrebbero facilitare l analisi investigativa ed essere utili all attività di prevenzione. A tal fine sono stati sviluppati software relativi al Geographic Profiling per analizzare la mobilità territoriale dei criminali seriali. La finalità della presente ricerca è di valutare l eventuale attendibilità ed efficacia del Toolset di ArcGis Measuring Geographic Distributions (Toolbox Spatial Statistics Tools) come uno strumento user friendly facilmente impiegabile per un analisi sufficientemente esaustiva della mobilità territoriale criminale. Introduzione Il crimine, come molte attività umane, si manifesta in vari ambienti geografici con caratteristiche peculiari che sono state oggetto di diversi studi e ricerche (Bottoms, 2007). A partire dagli anni 30 (Shaw & McKey, 1929, 1931) è stata dimostrata l importanza della componente geografia nello studio del crimine (Brantingham & Brantingham, 1981). Anche in ambito investigativo le tecniche di analisi territoriale si sono molto evolute grazie anche allo sviluppo di software e tecnologie appositamente dedicate. Lo studio del crimine, da un punto di vista teorico e operativo, ha quindi subito grande impulso che si è concretizzato nell elaborazione di tecniche di analisi territoriale con cui vengono indagate, ad esempio, le relazioni tra crimine e caratteristiche socio-economico o ambientali, la distribuzione geografica dei crimini e l eventuale concentrazione in aree ben definite, o la valutazione di politiche di gestione del territorio da parte degli enti preposti o delle forze di polizia (Chainey & Ratcliffe, 2005). In questo ambito, è stata recentemente sviluppata una sofisticata tecnica di analisi che è particolarmente adatta allo studio di crimini seriali quali omicidi, reati sessuali ed attentati dinamitardi: il Geographic Profiling (GP). 1

2 Il GP è una metodologia di analisi investigativa che utilizza le referenze geografiche delle locations relative ad una serie di crimini per determinare l area in cui più probabilmente potrebbe vivere l autore (Rossmo, 2000). Sono numerosi i modelli sviluppati in questo contesto che si basano tutti sull analisi di componenti quantitative e qualitative (Levine, 2010): le prime, grazie all utilizzo di misure matematiche ed algoritmi statistici, vengono utilizzate per interpretare la distribuzione territoriale del fenomeno in analisi; le seconde, ancorandosi ai principi delle scienze del comportamento, vengono utilizzate per analizzare e comprendere il modello di comportamento territoriale adottato dall offender, gli ipotetici itinerari percorsi e le sue aree di maggiore confidenza (Chainey & Ratcliffe, 2005). Ad oggi, il profilo geografico può essere elaborato grazie ad alcuni software commercializzati da privati o distribuiti gratuitamente da consorzi di ricerca (Levine, 2010). Le principali problematiche legate all utilizzo di questi strumenti risiedono nella ridotta robustezza scientifica, negli elevati costi di acquisto e formazione e nella limitata compatibilità con le caratteristiche geografiche del territorio italiano. Diverse tecniche di analisi territoriale sono state utilizzate da Unità delle Forze di Polizia coinvolte nell analisi di crimini in serie (Luini et al., 2009). Questo studio ha pertanto lo scopo di valutare l efficacia dei metodi e delle procedure di analisi territoriale del crimine al fine di rendere più agevole l attività di analisi per le Forze di Polizia. Metodo Soggetti e materiale: a 30 soggetti (età M = 21; DS = 3 ) di cui 17 donne, 3 Uomini e 10 non noto, è stato chiesto di compilare in forma anonima una lista in cui riportare l indirizzo di almeno sette luoghi abitualmente frequentati. Ai partecipanti è stato richiesto inoltre di indicare l indirizzo della propria residenza (o dimora abituale), il luogo di lavoro o di frequenza di corsi universitari. Le località abitualmente frequentate sono state codificate come Località Frequentate (LF) ed i luoghi di residenza, lavoro o studio, come Punti di Ancoraggio (PA). Utilizzando ArcGis Desktop 10, LF e PA sono state georiferite e, utilizzando il Toolset Measuring Geographic Distributions (Spatial Statistic Tools Toolbox), sono state calcolate le seguenti misure: 1. Central Feature (CF) e la relativa distanza media dal PA più vicino; 2. Standard Deviation Ellipse (SDE) ed è stato verificato se almeno un PA vi fosse incluso; 3. Mean Center (MC) e la relativa distanza media dal PA più vicino; 4. Standard Distance (SD) ed è stato verificato se almeno un PA vi fosse incluso. 2

3 Inoltre sono state calcolate due aree: il Convex Hull (poligono di area minima comprendente tutti le LF) e l area di studio (Rettangolo comprendente tutte le LF) ed è stato verificato se almeno un PA vi fosse incluso. Poiché lo scopo principale delle tecniche di analisi investigativa è quello di fornire indicazioni geografiche utili per ridurre l area di ricerca dei PA, sono stati calcolati diversi Fattori di Riduzione (FR) da applicare alla Standard Distance. La SD misura la dispersione sul territorio delle LF in termini di distanza rispetto al MC, e in questo studio è stata usata come parametro per la misurazione della propensione alla mobilità dei partecipanti. Risultati Il 93% dei PA dei partecipanti è stato individuato nell Area Studio, l 80% all interno della circonferenza tracciata con centro Mean Center e raggio Standard Distance, l 80% all interno Standard Deviation Ellipse ed il 73% all interno del relativo Convex Hull. La distanza media dei PA dal relativo CF era di 1626 Mt (DvS = 1563 Mt; Area Media = 15, 7 Km 2 ) e la probabilità che un PA potesse essere individuato all interno della circonferenza con centro CF e raggio 1626 mt era del 60%. La distanza media di un PA dal Mean Center (MC) è stata misurata in 2419 Mt (DvS = 1408 Mt; Area Media = 24,4 Km 2 ) e la probabilità che un PA potesse essere individuato all interno della circonferenza con centro MC e raggio 2419 Mt era del 53%. La Standard Distance (SD) media è risultata pari a 4445 Mt (DvS = 2318 Mt; Area Media = 78,4 Km 2 ) e la probabilità che un PA potesse essere individuato all interno della circonferenza con centro MC e raggio SD era del 90%. Il Fattore di Riduzione (FR) è stato calcolato con la formula seguente: FR = Emc/SD Dove Emc è la differenza tra distanza PA MC (errore da MC) e SD è la Standard Distance. Il FR Medio è risultato essere di 0,598 (DvS = 0,302). Utilizzando il FRM e la relativa Deviazione Standard, ulteriori misure sono state calcolate per individuare aree che potessero essere predittive. Tre circonferenze con centro MC e raggi pari a: 1. R1 = SD x FRM + 1/3 DvS; Rid. Area Ricerca al 49% 2. R2 = SD x FRM + 1/2 DvS; Rid. Area Ricerca al 56% 3. R3= SD x FRM + 2/3 DvS; Rid. Area Ricerca al 64% 3

4 Le probabilità che un PA potesse essere individuato all interno delle tre circonferenze è stata calcolata nel 63% per la prima e nell 80% per la seconda e la terza. Altre tre aree con raggi: 1. SD x FRM ± 1/3 DvS (R1a = 2214mt; R2a = 3098 Mt; Area = 18,7 Km 2 ; Riduzione Area Ricerca al 24%) 2. SD x FRM ±1/2 DvS (R1b = 1987 Mt; R2b = 3325 Mt; Area M = 25,3 Km 2 ; Riduzione Area Ricerca al 36%;) 3. SD x FRM ± 2/3 DvS (R1a = 1769 Mt; R2b = 3543 Mt; Area M = 49,8 Km 2 ; Riduzione Area Ricerca al 64%) Le probabilità che un PA potesse essere individuato all interno delle tre aree è stata calcolata rispettivamente nel 23%, 47% e 50%. Riassumendo, gli AP sono individuabili con alte probabilità all interno: 1. dell Area Studio (93%); 2. del Convex Hull (73%); 3. della Standard Deviation Ellipse (80%); 4. della circonferenza con centro MC e raggio SD (90%); 5. della circonferenza con centro CF e raggio 1626 mt (60%); 6. della circonferenza con centro MC e raggio 2419 Mt (53%); 7. della circonferenza con centro MC e raggio R2 (= SD x FRM + 1/2 DvS) (80%). I parametri sono stati applicati a un caso di cronaca tratto da Parziale (2011) per verificarne l applicabilità a un caso studio. Uno o più PA sono stati individuati all interno: 1. dell Area Studio; 2. del Convex Hull; 3. della Standard Deviation Ellipse; 4. della circonferenza tracciata con centro MC e raggio SD; 5. della circonferenza con centro CF e raggio 1626 Mt; 6. della circonferenza con centro MC e raggio 2419 Mt; 7. della circonferenza con centro MC e raggio R2 (= SD x FRM + 1/2 DvS). 4

5 Discussione Lo studio della mobilità territoriale riveste grande importanza in diversi settori ed anche in criminologia. Molte tecniche di analisi sono state sviluppate e in particolare la necessità di risolvere problemi investigativi relativi a crimini in serie ha favorito l introduzione anche nel campo dell investigazione di sofisticati software per l elaborazione di Profili Geografici dei criminali. In Italia la ricerca nel settore è molto limitata (Santtila et al., 2007; Luini et al., 2009). La presente ricerca conferma i risultati dello studio precedente (Luini et al., 2009) e ne amplia la portata con l individuazione di alcuni parametri che ne rendono più adatta l applicazione. In questo studio la Distanza Standard rappresenta la misurazione della propensione alla mobilità degli individui e il Fattore di Riduzione individuato rappresenta un parametro grazie al quale è possibile ridurre la SD, e la relativa area di ricerca, pur mantenendo elevate probabilità di successo (dal 63% all 80%). Nell analisi della mobilità territoriale degli individui la seguente procedura appare la più indicata da utilizzare. Una volta provveduto a georeferenziare le località d interesse si dovrebbe procedere al 1 : 1. Calcolo di CF (punto delle LF localizzato più centralmente rispetto alle stesse - Toolset di ArcGis), MC (punto con coordinate Lat/Long medie - Toolset di ArcGis) e delle relative circonferenze con raggio pari a 1626 Mt e 2419 Mt; 2. Calcolo dell Area di Studio, individuando quel poligono che ha per vertice inferiore sinistro, valori Lat/Long minimi, e superiore destro, valori Lat/Long massimi; 3. Calcolo del Convex Hull, tracciando un poligono che ha come vertici i punti più esterni della distribuzione in analisi e che ne comprenda tutte le località; 4. Calcolo della SDE (Toolset di ArcGis); 5. Calcolo della SD e della relativa Circonferenza (Toolset di ArcGis); 6. Calcolo del raggio corretto utilizzando la formula Rc = SD x FRM + 1/2 DvSI (SD = Standard Distance; FRM = 0,598; 1/DvS = 0,302/2); 7. Valutazione qualitativa dei risultati. Le misure di cui ai punti da 1 a 6 (Area Studio; Convex Hull; Standard Deviation Ellipse; circonferenza con centro MC e raggio SD; circonferenza con centro CF e raggio 1626 Mt; circonferenza con centro MC e raggio 2419 Mt) sembrano più adatte a casi in cui 1 Per un approfondimento su calcolo e significato delle misure consultare Mitchell, A (2005) The Esri Guide to GIS Analysis (Vol II: Spatial Measurements & Satistics). Esri Press, Redlands, CA. 5

6 l estensione geografica della distribuzione delle LF sia ridotta, mentre le misure di cui al punto 7 (circonferenza con centro MC e raggio R2 = SD x FRM + 1/2 DvS) potrebbero ridurre notevolmente l area di ricerca in casi in cui tale estensione può raggiungere dimensioni molto grandi. Concludendo, il Toolset Measuring Geographic Distributions (Spatial Statistic Tools Toolbox) di ArcGIs sembra essere uno strumento molto utile all analisi della mobilità territoriale e può calcolare misure che sul campione di soggetti che hanno partecipato al seguente studio hanno dimostrato avere buone capacità predittive per l individuazione degli AP. Seguendo la procedura suggerita, le probabilità di successo nell individuazione dei PA, con la ragionevole riduzione delle aree di ricerca, possono risultare un valido strumento di supporto alla decisione anche nell analisi investigativa. Riferimenti autori Dott. Lorenzo P. Luini Utente Esri Sapienza Università di Roma - Facoltà di Medicina e Psicologia - Laboratorio di Psicologia generale e sperimentale Dottorando di ricerca in Psicologia Cognitiva, Psicofisiologia e Personalità - Dottore in Criminologia applicata per l investigazione e la sicurezza Dott. Marco Scorzelli Utente Esri Operatore per la sicurezza ed il controllo sociale Serena Mastroberardino, PhD - Esperto AIPG Neuroimaging Laboratory - Fondazione Santa Lucia, IRCCS Professore a.c. LUMSA Prof. Saverio F. Marucci - Professore Ordinario Sapienza Università di Roma - Facoltà di Medicina e Psicologia Coordinatore del Laboratorio di Psicologia generale e sperimentale 6

7 Bibliografia Bottoms, A. E. (2007). Place, Space, Crime, and Disorder. In The Oxford Handbook of Criminology (4th edition), edited by M. Maguire, R. Morgan and R. Reiner. Oxford: Oxford University Press. Chainey, S. & J. Ratclffe (2005) GIS and Crime Mapping. J. Wiley & Sons, Ltd., England. Brantingham, P. J. and Brantingham, P. L. (1981). Environmental Criminology. Prospect Heights, IL: Waveland Press. Canter, D. V., & Larkin, P. (1993). The environmental range of serial rapists. Journal of Environmental Psychology, 13, Canter, D. V., & Snook, B. (1999, December). Modelling the home location of serial offenders. Paper presented at the meeting of the Crime Mapping Research Center, Orlando, FL. Canter, D. V., Coffey, T., Huntley, M., & Missen, C. (2000). Predicting serial killers home base using a decision support system. Journal of Quantitative Criminology, 16, Levine N. (2010). CrimeStat: A Spatial Statistics Program for the Analysis of Crime Incident Locations (v 3.3). Ned Levine & Associates, Houston, TX, and the National Institute of Justice, Washington, DC. July Luini, L. P., Mastroberardino, S, Marucci, S. F.(2009) Investigating spatial behaviour: An application of space analysis to criminal investigations. Cognitive Processing, 10 (Suppl 2):S247 S249. Mitchell, A (2005) The Esri Guide to GIS Analysis (Vol II: Spatial Measurements & Satistics). Esri Press, Redlands, CA. Parziale, G. (2011) Nuove tecniche di analisi investigativa. Il mostro di Cassibile: dal profilo geografico all'analisi territoriale come supporto all'investigatore sul campo. Tesi non pubblicata. Santtila P., Laukkanen M, Zappala` A (2007) Crime behaviours and distance travelled in homicides and rapes. J Investig Psychol Offender Profiling 4:1 15. Shaw, C. R., with the collaboration of F. M. Zorbaugh, H. D. McKay, and L. S. Cottrell Delinquency Areas. Chicago: University of Chicago Press. Shaw, C. R., and H. D. McKay Social Factors in Juvenile Delinquency. Report on the Causes of Crime, hrational Commission of Law Observance and Enforcement, vol. 2. Washington, D.C.: Government Printing Office. Rossmo, D. Kim. Geographic Profiling (2000) CRC Press, Boca Raton, Florida. Rossmo, D. K. (1995). Place, space, and police investigations: Hunting serial violent criminals. In J. E. Eck & D. A. Weisburd (Eds.), Crime and place: Crime prevention studies, Vol. 4 (pp ). Monsey, NY: Criminal Justice Press. 7

L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI G.I.S. E DELLE TECNICHE DI CRIME MAPPING PER LA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI DI VIGILANZA AMBIENTALE

L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI G.I.S. E DELLE TECNICHE DI CRIME MAPPING PER LA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI DI VIGILANZA AMBIENTALE L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI G.I.S. E DELLE TECNICHE DI CRIME MAPPING PER LA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI DI VIGILANZA AMBIENTALE Un esempio applicativo nell organizzazione dei controlli preventivi degli abbandoni

Dettagli

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico Facoltà di Architettura Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione Pag. 1 Programma didattico Titolo del corso: Corso Integrato di Tecnica Urbanistica e Laboratorio (mod. A+B) Settore

Dettagli

Una introduzione ai software per il crime mapping

Una introduzione ai software per il crime mapping Una introduzione ai software per il crime mapping Alessandro Ummarino Riassunto Il Crime Mapping più che una disciplina a se stante non è altro che l applicazione di tecniche di analisi statisticogeografica

Dettagli

Conferenza AMFM. Il nuovo approccio all analisi dei dati GIS per la sicurezza delle Aree Urbane - Crowdsourcing e web collaboration

Conferenza AMFM. Il nuovo approccio all analisi dei dati GIS per la sicurezza delle Aree Urbane - Crowdsourcing e web collaboration Il nuovo approccio all analisi dei dati GIS per la sicurezza delle Aree Urbane - Crowdsourcing e web collaboration Conferenza AMFM Roma - 21 settembre 2011 L importanza della Sicurezza nelle Aree Urbane

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

L omicidio volontario in Italia Rapporto EURES 2013. In collaborazione con l Agenzia ANSA

L omicidio volontario in Italia Rapporto EURES 2013. In collaborazione con l Agenzia ANSA L omicidio volontario in Italia Rapporto EURES 2013 In collaborazione con l Agenzia ANSA Curatore del Rapporto Fabio Piacenti Redazione e revisione testi Natale Fusaro Matteo Valido Viviana Vassura Responsabile

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Massimo Mazzanti Unità 10 - Selezione di oggetti in base a criteri spaziali Informazioni generali: Prerequisiti Obiettivi

Dettagli

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 La rete e la rappresentazione nel territorio. L'album 3 è parte integrante del Working Paper: "Sistemi Turistici

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione sono generalmente di tipo geografico; l esposizione e l effetto vengono solitamente valutati a livello di popolazione.

Dettagli

CURRICULUM PERSONALE. Redatto da Francesco Saverio Lasco Data di creazione: luglio 2014. francescosaverio.lasco@gmail.com

CURRICULUM PERSONALE. Redatto da Francesco Saverio Lasco Data di creazione: luglio 2014. francescosaverio.lasco@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E ( F O R M A T O E U R O P E O ) INFORMAZIONI PERSONALI Nome LASCO FRANCESCO SAVERIO Data di nascita 15 DICEMBRE 1961 Qualifica Amministrazione E-mail Nazionalità ESPERIENZA

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI DATI Gestione dei dati ambientali mediante strumenti GIS ed applicazione di tecniche geostatistiche per l elaborazione dei dati Maria Elena Piccione

Dettagli

Introduzione al gis. ARCVIEW EXERCISE BOOK, 2nd Ed. (Vers. 3.x) ARCVIEW GIS/AVENUE PROGRAMMER'S REFERENCE, 3rd Ed.

Introduzione al gis. ARCVIEW EXERCISE BOOK, 2nd Ed. (Vers. 3.x) ARCVIEW GIS/AVENUE PROGRAMMER'S REFERENCE, 3rd Ed. Bibliografia Introduzione al gis ARCVIEW EXERCISE BOOK, 2nd Ed. (Vers. 3.x) ARCVIEW GIS/AVENUE PROGRAMMER'S REFERENCE, 3rd Ed. ARCVIEW GIS/AVENUE DEVELOPER'S GUIDE, 2nd Ed. (Vers. 3.1) BUILDING a GEODATABASE

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Corso di Statistica Medica Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Sono previste 40 ore complessive, di cui almeno 16 di lezione frontale e le restanti

Dettagli

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012 Progetto ORIENTA www.calabriaorienta.it Comitato Tecnico di monitoraggio 20 luglio 2012 progetto Orienta, Comitato Tecnico di monitoraggio, sda al 20.07.12 - pag. 1/5 IL CONTESTO PROGETTUALE "L orientamento

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe.

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe. CORSO DI FORMAZIONE Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe Il corso di formazione rientra nel programma della Fondazione Golinelli Educare

Dettagli

PSICOLOGIA INVESTIGATIVA

PSICOLOGIA INVESTIGATIVA PSICOLOGIA INVESTIGATIVA Corso di Perfezionamento di 50 ore Lecce, ottobre-dicembre 2013 www.forensicsgroup.it Il corso di perfezionamento in Psicologia Investigativa, unico per contenuti, approccio metodologico

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Elementi di clinica e psichiatrico-forensi

CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Elementi di clinica e psichiatrico-forensi CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Elementi di clinica e psichiatrico-forensi Ente proponente: MICROPSYCHOLOGY Coordinatori Didattici: Dott. Antonio Violo Dott. Antonio Minopoli

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

la persecuzione degli stranieri in Europa

la persecuzione degli stranieri in Europa book a cura di Salvatore Palidda razzismo democratico la persecuzione degli stranieri in Europa Aebi, Albrecht, Bazzaco, Bosworth, Brandariz García, De Giorgi, Delgrande, Fernández Bessa, Guild, Harcourt,

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

Le conclusioni e l esposizione di alcuni elementi di riflessione sono riportate nel capitolo sette.

Le conclusioni e l esposizione di alcuni elementi di riflessione sono riportate nel capitolo sette. Con il presente lavoro si vuole proporre un analisi dei fenomeni d illegalità riguardanti la materia "ambiente" (territorio, suolo, acque, aria e rifiuti) registrati nel territorio del Comune di Milano

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR

L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR INTRODUZIONE La mia intenzione, riguardante gli studi universitari, è diretta verso la facoltà di psicologia, nella sede di Bologna.

Dettagli

NASAR No Accident Sites in ARezzo

NASAR No Accident Sites in ARezzo Provincia di Arezzo Servizio Trasporti Ufficio Mobilità Sostenibile Ing. Paolo Vadi Provincia di Arezzo - Osservatorio della Mobilità di AREZZO Dott. Massimo Tavanti - Dott. Vincenzo Lisi - Dott.ssa Valentina

Dettagli

LE ATTIVITA DI POLIZIA AMBIENTALE SVOLTE DALLA UNITA SPECIALISTICA AMBIENTE DELLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI MILANO.

LE ATTIVITA DI POLIZIA AMBIENTALE SVOLTE DALLA UNITA SPECIALISTICA AMBIENTE DELLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI MILANO. LE ATTIVITA DI POLIZIA AMBIENTALE SVOLTE DALLA UNITA SPECIALISTICA AMBIENTE DELLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI MILANO. Analisi delle attività svolte dalla SUOS Ambiente della Polizia Locale del Comune

Dettagli

esecurity - ICT for knowledge-based and predictive urban security

esecurity - ICT for knowledge-based and predictive urban security Con il supporto finanziario del Programma Prevenzione della e Lotta contro la Criminalità dell'unione europea Commissione europea - Direzione-Generale Affari interni esecurity - ICT for knowledge-based

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA

Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Facoltà di scienze della Formazione, Corsi di Laurea in Psicologia Facoltà di Giurisprudenza Premessa La proposta

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

La preghiamo di consultare le definizioni di alcuni termini che troverà nel questionario.

La preghiamo di consultare le definizioni di alcuni termini che troverà nel questionario. UNIVERSITY COLLEGE LONDON Institute for Risk and Disaster Reduction Progetto: Investigazione delle comunicazioni tra autorità e cittadini in fase di ricostruzione dopo un disastro. Investigator: Serena

Dettagli

BASI DI INFORMATICA E STATISTICA IN SANITA

BASI DI INFORMATICA E STATISTICA IN SANITA Scuola post-laurea di Sanità Pubblica SHORT COURSE BASI DI INFORMATICA E STATISTICA IN SANITA Programma preventivo 26 30 agosto 2013 Dipartimento di Medicina Molecolare e dello Sviluppo Complesso Scientifico

Dettagli

Investigazioni scientifiche e difensive penali

Investigazioni scientifiche e difensive penali Scuola di specializzazione in Psicoterapia dello Sviluppo e l Adolescenza n. 190 (314/D) riconosciuta con Decreto Direttoriale 1 agosto 2006 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 agosto 2006 n. 184

Dettagli

security studies Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica

security studies Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica security studies Corso per Analisti di Studi Strategici ed Internazionali Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Il Corso in Security Studies si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

BASI DI INFORMATICA E STATISTICA IN SANITA

BASI DI INFORMATICA E STATISTICA IN SANITA Università degli Studi di Siena SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA DEL LAVORO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA LEGALE SCUOLA POST-LAUREA

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato Guida all utilizzo della piattaforma Percorso di accesso alla sezione Focus Stress Lavoro correlato dal sito www.inail.it

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

CURRICULUM VITAE. 1993 Ammissione al Dottorato di Ricerca in Scienze Cognitive, XI ciclo, presso l Università e il Politecnico di Torino.

CURRICULUM VITAE. 1993 Ammissione al Dottorato di Ricerca in Scienze Cognitive, XI ciclo, presso l Università e il Politecnico di Torino. CURRICULUM VITAE Nome: Tommaso Cognome: Brischetto Costa Data di nascita: 4 Settembre 1964 Luogo di nascita: Sanremo (IM) Nazionalità: Italiana Indirizzo: Via Gassino, 3 10132 Torino, Italia Tel: +39 011

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

Corso di Perfezionamento in Sicurezza, Etica e Investigazioni private

Corso di Perfezionamento in Sicurezza, Etica e Investigazioni private 1. Finalità Corso di Perfezionamento in Sicurezza, Etica e Investigazioni private a.a. 2011-2012 Il corso si propone di realizzare un percorso formativo che risponda alle richieste territoriali di qualificazione

Dettagli

EOGHAN CASEY DARIO FORTE

EOGHAN CASEY DARIO FORTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA EOGHAN CASEY DARIO FORTE NETWORK INVESTIGATIONS ROMA 18-20 DICEMBRE 2006 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

HUMAN RESOURCES ASSESSMENT workshop teorico-pratico

HUMAN RESOURCES ASSESSMENT workshop teorico-pratico Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A.Gemelli di Roma 28, 29 e 30 Novembre 2014 HUMAN RESOURCES ASSESSMENT workshop teorico-pratico DIRETTORE: Prof. Antonio Augenti COORDINATORE:

Dettagli

Credit Passport Italia. by Credit Data Research, using RiskCalcTM from Moody s Analytics

Credit Passport Italia. by Credit Data Research, using RiskCalcTM from Moody s Analytics Credit Passport Italia by Credit Data Research, using RiskCalcTM from Moody s Analytics CREDIT PASSPORT Migliorare l accesso al credito della PMI tramite uno strumento innovativo. Nell attuale contesto

Dettagli

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale CINECA - partner per l innovazione l della Pubblica Amministrazione Locale Forlì,, 22 ottobre 2008 Alan Buda Indice Chi è CINECA La Mission Esigenze degli Enti Locali La risposta del CINECA Benefici Attesi

Dettagli

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità Dipartimento II Lavori Pubblici Direzione viabilità La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità LA GEOREFERENZIAZIONE La redazione della reportistica cartografica risulta imprescindibile

Dettagli

Tavola Rotonda Incontinentia Pigmenti:una malattia genetica rara

Tavola Rotonda Incontinentia Pigmenti:una malattia genetica rara FONDAZIONE SANTA LUCIA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la riabilitazione neuromotoria 00179 Roma -Via Ardeatina, 306 - Tel

Dettagli

IL Curriculum Vitae di Roberta Bruzzone:

IL Curriculum Vitae di Roberta Bruzzone: IL Curriculum Vitae di Roberta Bruzzone: Laurea in Psicologia Clinica con votazione 110 e lode conseguita presso l'universita' degli Studi di Torino con tesi in ambito criminologico - relatore Prof. Guglielmo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

Il Data Warehouse Territoriale

Il Data Warehouse Territoriale Il Data Warehouse Territoriale Carlo Magnarapa c.magnarapa magnarapa@sister.itit Sistemi Territoriali S.r.l. San Prospero (PI) Istituto G. Tagliacarne 1 La società Società fondata nel 1991: GIS con tecnologia

Dettagli

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata I giovani. A cura del centro studi AdEPP

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata I giovani. A cura del centro studi AdEPP Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata I giovani A cura del centro studi AdEPP Il Centro Studi AdEPP All interno dell Associazione degli Enti di Previdenza Privati è operativo il Centro Studi AdEPP

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

KPMG & Dipartimento di Economia Politica e Metodi Quantitativi Università degli Studi di Pavia Progetto studio di sistemi di Data Mining

KPMG & Dipartimento di Economia Politica e Metodi Quantitativi Università degli Studi di Pavia Progetto studio di sistemi di Data Mining KPMG & Dipartimento di Economia Politica e Metodi Quantitativi Università degli Studi di Pavia Progetto studio di sistemi di Data Mining Marzo 2002 Indice Obiettivo Il nostro approccio Architettura logica

Dettagli

È possibile organizzare corsi e cicli presso la propria sede (Classi on-site)?

È possibile organizzare corsi e cicli presso la propria sede (Classi on-site)? Qual è l orario dei corsi? I Corsi tenuti presso il Centro di Formazione Esri Italia hanno normalmente orario 9.30-17.30. Nel caso in cui i Corsi certificati siano tenuti presso la sede del cliente, sono

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE

LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE COME SUPPORTO ALLE DECISIONI RIGUARDANTI LA PROGETTAZIONE DEI PORTALI WEB AZIENDALI A.Vituzzi CeRSI Centro di Ricerca sui Sistemi Informativi Aziendali

Dettagli

Di media non ce n è una sola!

Di media non ce n è una sola! Di media non ce n è una sola! Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Calcolare i principali valori medi per caratteri quantitativi. Conoscenze Proprietà dei principali valori medi. Nuclei coinvolti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSORZIO UNIVERSITARIO PICENO 31 LUGLIO 2008

RELAZIONE DEL CONSORZIO UNIVERSITARIO PICENO 31 LUGLIO 2008 RELAZIONE DEL CONSORZIO UNIVERSITARIO PICENO 31 LUGLIO 28 Convenzione Fondazione Cassa di Risparmio di e il Consorzio Universitario Piceno del 4 aprile 28 1 SOMMARIO INTRODUZIONE PRIMA PARTE Analisi quantitativa

Dettagli

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: un esperienza di prova d ingresso comune per il primo anno della secondaria superiore.

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: un esperienza di prova d ingresso comune per il primo anno della secondaria superiore. La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: un esperienza di prova d ingresso comune per il primo anno della secondaria superiore. XXX CONVEGNO UMI - CIIM BERGAMO 25-27 OTTOBRE 2012 Antonio

Dettagli

Corso di INFORMATICA (2 CFU - 20 ore)

Corso di INFORMATICA (2 CFU - 20 ore) Corso di INFORMATICA (2 CFU - 20 ore) Dipartimenti di Area Medica - Università di Foggia Corso di Laurea in Tecniche Sanitarie di Radiologia Medica I anno - I semestre a.a. 2014/2015 Prof. Crescenzio Gallo

Dettagli

LE RAPINE NEL CONTESTO URBANO

LE RAPINE NEL CONTESTO URBANO LE RAPINE NEL CONTESTO URBANO Convegno ABI Banche e Sicurezza 2011 Roma Palazzo Altieri 26/27 Maggio Ernesto U. Savona & Marco Dugato* Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano - TRANSCRIME ernesto.savona@unicatt.it

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

Progetto GEMAC THE FUTURE OF ROTARY WING CENTER FOR HIGH DEFENCE STUDIES ROME NOVEMBER 22 2012

Progetto GEMAC THE FUTURE OF ROTARY WING CENTER FOR HIGH DEFENCE STUDIES ROME NOVEMBER 22 2012 THE FUTURE OF ROTARY WING CENTER FOR HIGH DEFENCE STUDIES ROME NOVEMBER 22 2012 Progetto GEMAC Gestione emergenze di missione aerea in aree critiche e meteo avverse Ing. Ferdinando Perrotta CEO SINTESI

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

I Sistemi Informativi Territoriali

I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali Dal Desktop al Web Nuove strategie di condivisione dell Informazione Geografica Palazzo Riccio di Morana INTEA Srl Informatica Territorio e Ambiente I Sistemi Informativi

Dettagli

Contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata nell industria agroalimentare Il contributo della ricerca

Contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata nell industria agroalimentare Il contributo della ricerca Contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata nell industria agroalimentare Il contributo della ricerca Il contrasto alla contraffazione e la tutela del Made in Italy nel campo agroalimentare

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

PERCEZIONE DELLA SICUREZZA E POLITICHE DI PROTEZIONE NELLE STAZIONI FERROVIARIE

PERCEZIONE DELLA SICUREZZA E POLITICHE DI PROTEZIONE NELLE STAZIONI FERROVIARIE PERCEZIONE DELLA SICUREZZA E POLITICHE DI PROTEZIONE NELLE STAZIONI FERROVIARIE - Rapporto finale - Roma, maggio 2004 INDICE Introduzione Pag. 1 Parte prima PROFILI DI INQUADRAMENTO DEL PROBLEMA 3 1. Evoluzione

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

L intero processo produttivo, dalla campagna alla bottiglia, è tracciato creando uno storico di cantina facilmente condivisibile e tramandabile.

L intero processo produttivo, dalla campagna alla bottiglia, è tracciato creando uno storico di cantina facilmente condivisibile e tramandabile. www.enogis.it COS È È un insieme di soluzioni semplici e funzionali per raccogliere e gestire i dati necessari ad una VITICOLTURA : MODERNA SOSTENIBILE MIRATA SEMPRE CON TE COMPLETO SU MISURA CONVENIENTE

Dettagli

VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE DEL CANDIDATO DOTT. CANNAS MASSIMO

VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE DEL CANDIDATO DOTT. CANNAS MASSIMO PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE CON CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO DETERMINATO DELLA DURATA DI 1 ANNO, PRESSO LA FACOLTÀ

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE CORSO DI LAUREA in SCIENZE della FORMAZIONE Classe L/19 Insegnamento di Criminologia Minorile CFU 8 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Sonia Specchia E-mail: sonia.specchia@unicusano.it

Dettagli

Con la presente invio in allegato la mia candidatura come membro del Senato Accademico corredata dal mio curriculum. Cordiali saluti Emanuele Magi

Con la presente invio in allegato la mia candidatura come membro del Senato Accademico corredata dal mio curriculum. Cordiali saluti Emanuele Magi Da:"Per conto di: dcci@pec.unige.it" A: protocollo@pec.unige.it CC: Ricevuto il:25/09/2015 04:29 PM Oggetto:POSTA CERTIFICATA: candidatura Prof. Magi Senato Accademico

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA DIRETTORE: FRANCESCO MANCINI. SEDE DI GROSSETO Responsabile Sede: Dr. Andrea Gragnani

SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA DIRETTORE: FRANCESCO MANCINI. SEDE DI GROSSETO Responsabile Sede: Dr. Andrea Gragnani SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA DIRETTORE: FRANCESCO MANCINI SEDE DI GROSSETO Responsabile Sede: Dr. Andrea Gragnani L INTERVENTO SULLE PROBLEMATICHE DI AGGRESSIVITA E CONDOTTA A SCUOLA: TRAINING SUL

Dettagli

Statistiche campionarie

Statistiche campionarie Statistiche campionarie Sul campione si possono calcolare le statistiche campionarie (come media campionaria, mediana campionaria, varianza campionaria,.) Le statistiche campionarie sono stimatori delle

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Vittoria Dicandia Progetto di ricerca per borsa di studio Roberto Franceschi L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Il tema degli asili nido è negli ultimi anni entrato con prepotenza

Dettagli

I metodi della progettazione del Web centrata sull uso e sull utente: tendenze di ricerca e analisi dei ruoli *.

I metodi della progettazione del Web centrata sull uso e sull utente: tendenze di ricerca e analisi dei ruoli *. I metodi della progettazione del Web centrata sull uso e sull utente: tendenze di ricerca e analisi dei ruoli *. ABSTRACT: Lo studio si concentra sulla comparazione delle modellizzazioni offerte da Norman,

Dettagli

Posizione Organizzativa - Responsabile dell'area Statistica del Dipartimento per la Giustizia Minorile

Posizione Organizzativa - Responsabile dell'area Statistica del Dipartimento per la Giustizia Minorile INFORMAZIONI PERSONALI Nome TOTARO MARIA STEFANIA Data di nascita 08/02/1971 Qualifica Funzionario Statistico (Area III F5) Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio MINISTERO DELLA

Dettagli

LA CRIMINOLOGIA. sapere di non sapere, conoscere sé stessi, falsificare ogni ipotesi e...non innamorarsi di esse FRANCESCO BRUNO

LA CRIMINOLOGIA. sapere di non sapere, conoscere sé stessi, falsificare ogni ipotesi e...non innamorarsi di esse FRANCESCO BRUNO LA CRIMINOLOGIA sapere di non sapere, conoscere sé stessi, falsificare ogni ipotesi e...non innamorarsi di esse FRANCESCO BRUNO LA CRIMINOLOGIA E la scienza che studia i reati, gli autori, le vittime,

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Alessandra Rosa E-mail alessandra.rosa3@unibo.it - rosa.ale2@gmail.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 27/07/1978 Istruzione e Date 11/2007-11/2010

Dettagli

Pale eoliche e valori immobiliari: un analisi con il metodo del Choice Experiment

Pale eoliche e valori immobiliari: un analisi con il metodo del Choice Experiment Università degli Studi di Padova Corso di Laurea in Tutela e Riassetto del Territorio Pale eoliche e valori immobiliari: un analisi con il metodo del Choice Experiment Laureanda: Francesca Pasqualon Anno

Dettagli

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI SPAGONE VALENTINA ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE E FORMAZIONE EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE.

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI SPAGONE VALENTINA ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE E FORMAZIONE EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità SPAGONE VALENTINA Italiana Data di nascita 4 OTTOBRE 1983 ESPERIENZA LAVORATIVA Nov.2007- Nov.2008 A.N.G.S.A. sez. Onlus

Dettagli

Studio sull'accuratezza della Pulsossimetria

Studio sull'accuratezza della Pulsossimetria Patient Monitoring Technical Library Monitoraggio SpO2 Studio sull'accuratezza della Pulsossimetria 0614-902709 Stampato: 2008/12/24 Questo documento è di proprietà o rientra sotto il controllo di Nihon

Dettagli

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Dicembre 2015 Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Sommario MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE... 3 1.1 OBIETTIVO DELL INDAGINE... 3 1.2 MODALITÀ DI DEFINIZIONE

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini In collaborazione con l Assessorato Politiche Sociali della Provincia di Rimini. Coordinatore scientifico del progetto

Dettagli

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Committente: Firenze Parcheggi SpA Società incaricata: Process Factory Srl Via Masaccio 153, 50132 Firenze Data del report: 11/05/2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Schema della presentazione I. L'approccio a scenario II. Analisi teorica Introduzione all'approccio a scenario I. L'approccio a scenario II. Analisi teorica I. L'approccio a scenario Un problema convesso

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE Piano di studio di istituto di Matematica Competenza 1 al termine del 4 biennio (seconda e terza media) Strumenti 1)Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro Pivot è bello Livello scolare: 1 biennio Abilità Conoscenze interessate Predisporre la struttura della Distribuzioni delle matrice dei dati grezzi con frequenze a seconda del riguardo a una rilevazione

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Con il patrocinio di PROGRAMMA DEL CORSO (50 ORE) LEZIONE 1 Sabato 19 novembre 2011 Ore 8:30-10:30 - presentazione del corso - Introduzione

Dettagli