Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo"

Transcript

1 Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo

2 BREMBO S.P.A. CURNO - ITALIA 100% 100% 60% 27,75% AP RACING LTD. COVENTRY - REGNO UNITO BREMBO CHINA BRAKE SYSTEMS CO. LTD. PECHINO - CINA NANJING YUEJIN AUTOMOTIVE BRAKE SYSTEM CO. LTD. NANJING - CINA BREMBO INTERNATIONAL S.A. LUXEMBOURG - LUSSEMBURGO 100% FOMM S.P.A. MAPELLO - ITALIA MARCHESINI S.P.A. JERAGO CON ORAGO - ITALIA BREMBO CERAMIC BRAKE SYSTEMS S.P.A. STEZZANO - ITALIA SOFTIA S.R.L. ERBUSCO - ITALIA 100% 50% 40% BREMBO PARTICIPATIONS B.V. AMSTERDAM - OLANDA 100% EUROPA AMERICA ASIA 100% 100% BREMBO SPOLKA ZO.O. CZESTOCHOWA - POLONIA BREMBO NORTH AMERICA INC. COSTA MESA - USA BREMBO JAPAN CO. LTD. TOKYO - GIAPPONE 100% 100% BREMBO POLAND SPOLKA ZO.O. DABROWA G. - POLONIA 99,99% BREMBO DO BRASIL LTDA. BETIM - BRASILE FUJI CO. TOKYO - GIAPPONE 1,20% 100% 76% BREMBO SCANDINAVIA A.B. GÖTEBORG - SVEZIA BREMBO RASSINI S.A. DE C.V. PUEBLA - MESSICO 100% 5,80% BREMBO UK LTD. LONDON - REGNO UNITO FUNDIMAK S.A. DE C.V. MEXICO CITY - MESSICO 100% BREMBO GMBH OTTOBRUNN - GERMANIA 68% CORPORACION UPWARDS 98 S.A. ZARAGOZA - SPAGNA 10% INTERNATIONAL SPORT AUTOMOBILE S.A.R.L. LEVALLOIS PERRET - FRANCIA Questo schema adempie agli obblighi informativi al pubblico ex art. 125 Delibera Consob n del 14 maggio 1999.

3 Brembo nel mondo

4 Brembo Scandinavia A.B. Brembo North America Inc. Ap Racing Ltd. Brembo UK Ltd. International Sport Automobile S.a.r.l. Corporacion Upwards 98 S.A. Brembo Rassini S.A. de C.V. Fundimak S.A. de C.V. Brembo do Brasil Ltda.

5 Brembo Spolka Zo.o. Brembo Poland Spolka Zo.o. Brembo S.p.A. Fomm S.p.A. Marchesini S.p.A. Softia S.r.l. Brembo Ceramic Brake Systems S.p.A. Fuji Co. Brembo Japan Co. Ltd. Brembo China Brake Systems Co. Ltd. Nanjing Yuejin Automotive Brake System Co. Ltd. Sito produttivo Sede commerciale

6

7 Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo

8

9 Indice Lettera del Presidente 4 Introduzione alla lettura 7 Il Gruppo Brembo in sintesi 9 L Azienda 11 La Missione 15 I Valori Guida 15 Il Codice Etico 17 La Governance e gli Organi Sociali 19 Il valore tangibile di Brembo 25 Risultati 2005 e principali indicatori 27 Contesto macroeconomico e mercati valutari 33 Attività dell azienda e mercato di riferimento 35 Ricavi per applicazione e per area geografica 39 Investimenti 41 Stato Patrimoniale Consolidato 43 Risultato Economico Consolidato 45 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 47 Il valore intangibile di Brembo 49 Modalità di misurazione dell intangibile 51 Elenco indicatori e formula di calcolo 54 Capitale Relazionale 57 Capitale Strutturale 63 Capitale Umano 73 La sintesi del valore di Brembo 81 Andamento del titolo Brembo 84 3

10 Lettera del Presidente Signori Azionisti, Il 2005 è stato per Brembo un anno di significative trasformazioni ed importanti cambiamenti, necessari per fronteggiare la sempre più agguerrita concorrenza internazionale e mantenere quella leadership tecnologica e di mercato che ha fatto di Brembo un marchio di eccellenza riconosciuto e apprezzato nel mondo intero. Pur in uno scenario economico internazionale ancora incerto e con il settore dell automotive, nostro mercato di riferimento, che stenta a riprendere, i risultati sono stati positivi. E anche se il contesto non si presentava facile, non abbiamo fermato, ma accelerato i nostri programmi di sviluppo. Il piano industriale, varato lo scorso anno con la previsione di concentrare entro il 2006 la produzione europea di dischi freno in tre Paesi (Italia, Spagna e Polonia), ha avuto un forte impulso. In Polonia è stata inaugurata nel febbraio 2006 una nuova fonderia per la fusione di ghisa, costruita a tempo di record nei pressi del già esistente stabilimento di lavorazione dei dischi. Il nuovo impianto, uno dei più avanzati poli tecnologici del disco in Europa, ha richiesto investimenti per 45 milioni di euro ed è un ulteriore passo nella strategia industriale della nostra azienda, tesa a realizzare processi di produzione integrati (fonderia, lavorazione, logistica) in ogni sito produttivo, al fine di ottenere la massima efficienza. Ugualmente, nuove attività produttive che si aggiungono agli stabilimenti da tempo esistenti in Cina, Messico e Brasile sono state avviate nei mercati emergenti dell Estremo Oriente. In Cina, dove dal 2001 è già operante una joint venture produttiva con il Gruppo cinese Yuejin, Brembo ha costituito con la finanziaria Simest una nuova società per la produzione e la vendita di componenti frenanti per il primo equipaggiamento. Lo stabilimento, per il quale è previsto un investimento complessivo di 15 milioni di euro, fornirà i principali costruttori europei ed asiatici presenti in Estremo Oriente. In India, Brembo e Bosch quest ultima attraverso la propria controllata Kalyani Brakes Ltd. hanno costituito una joint venture paritetica per la produzione e la vendita di sistemi frenanti per motocicli, inizialmente destinata al solo mercato indiano, con un investimento complessivo di 13 milioni di euro. Grazie alle due nuove joint venture asiatiche, Brembo è oggi presente con 16 impianti produttivi in 9 nazioni di 3 continenti Europa, America ed Asia a supporto della strategia di presidio dei mercati e dei clienti. Una strategia che mira a una solida crescita, basata su due fattori sui quali Brembo ha sin qui costruito il suo successo: una costante volontà di innovazione e una incessante ricerca dell eccellenza. L eccellenza è un pregio della nostra azienda che si traduce quotidianamente nei nostri comportamenti. Ed è proprio per questi comportamenti che Brembo si è distinta sia sotto il profilo economico-finanziario, sia sotto un profilo più intangibile. 4

11 Nel corso del 2005 abbiamo ricevuto il Premio Nazionale per la Responsabilità Sociale di Impresa, patrocinato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, oltre al Premio Italiano della Creatività assegnatoci per la capacità innovativa nella conduzione del nostro business. Entrambi i riconoscimenti testimoniano l importanza che assume oggi la dimensione intangibile del patrimonio aziendale: il valore dei comportamenti, della reputazione, del marchio, della capacità di innovare, della qualità e professionalità delle persone. E altro ancora. Per questo abbiamo pensato di mettere a disposizione di tutti i nostri interlocutori un documento di presentazione sintetica di Brembo, riunendo dati e informazioni sui fattori tangibili e intangibili che contribuiscono alla creazione di valore per la nostra azienda. I contenuti che seguono aiutano a comprendere quanto le due dimensioni, tangibile e intangibile, siano espressione di una stessa realtà e quanto sia importante gestire correttamente entrambe per garantire la continuità, la crescita e l eccellenza. Ancora una volta l obiettivo è ambizioso, ma senz altro coerente con quella costante ricerca di innovazione che è da sempre una delle caratteristiche vincenti di Brembo. Il Presidente Alberto Bombassei 5

12 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione Appartenenza L AZIENDA, I SUOI COLLABORATORI, I CLIENTI E I SUOI FORNITORI, FORMANO UN'UNICA GRANDE SQUADRA, ORGOGLIOSI DI ESSERE BREMBO: OGNUNO È IMPORTANTE E PREZIOSO PER L'AZIENDA.

13 Introduzione alla lettura L ormai evidente differenza tra il valore di mercato di un impresa quotata e il suo valore contabile dipende in larga misura dal giudizio degli investitori sulle sue potenzialità di crescita futura ed è noto che gran parte del valore di mercato non trova un effettivo riscontro nel Bilancio d Esercizio. Quest ultimo, in molti casi, non fornisce alla comunità finanziaria e ai portatori di interesse informazioni sul potenziale di profitto sufficienti a permettere una valutazione ragionevole della capacità di crescita o, quantomeno, di continuità dell azienda. Per una misura esauriente del potenziale aziendale occorre dunque andare oltre la dimensione contabile, analizzando e valutando la dimensione intangibile del valore generato. Occorrono quindi strumenti e metodologie di rendicontazione innovative, che superino l aspetto economico-finanziario e siano in grado di valutare anche gli asset intangibili che l azienda ha sviluppato e grazie ai quali è possibile generare altro valore. Brembo già dal 1999 utilizza un sistema di misurazione del capitale intellettuale e di monitoraggio di significativi fattori interni ed esterni, come mezzo di gestione in grado di contribuire efficacemente al costante miglioramento delle performance aziendali. Con l esercizio 2004 si è così potuti giungere alla presentazione del primo Bilancio del capitale intangibile di Brembo : un integrazione al Bilancio d Esercizio della società utile a tutti gli interlocutori per meglio comprenderne le dinamiche e le potenzialità di crescita. Con il Bilancio del valore tangibile e intangibile 2005 Brembo intende ora fornire ai suoi stakeholder uno strumento di valutazione agile, univoco e sintetico di queste due dimensioni aziendali, presentate per la prima volta in modo integrato, con un ampio supporto di dati e informazioni. 7

14 Spagna

15 Il Gruppo Brembo in sintesi

16 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione ASCOLTO DARE PIENA SODDISFAZIONE AL CLIENTE, PRESTANDO ATTENZIONE ALLA SUE ESIGENZE, ANCHE INESPRESSE.

17 L azienda Brembo, leader nei sistemi frenanti per auto e moto ad elevate prestazioni e per veicoli commerciali, nasce nel 1961 a Paladina (Bergamo) ed è oggi presente con 23 società controllate o partecipate in 12 Paesi di 3 continenti. I suoi prodotti vengono venduti in 70 Paesi. I siti produttivi sono localizzati in Italia, Spagna, Polonia, Regno Unito, Messico, Brasile e Cina, mentre sedi commerciali del Gruppo si trovano anche in Svezia, Francia, Stati Uniti e Giappone. In totale lavorano all interno del Gruppo oltre persone, fra cui 390 ingegneri e specialisti di prodotto impegnati in attività di Ricerca e Sviluppo. Tratti distintivi di Brembo sono una forte capacità innovativa e l integrazione verticale del processo produttivo comprensivo di tutte le fasi della lavorazione. L azienda ha infatti integrato nel processo industriale le proprie fonderie, ampliando il know-how progettuale relativo ai componenti degli impianti frenanti mediante la conoscenza metallurgica e generando così una sinergia che ottimizza il ciclo di produzione. L organizzazione di Brembo è attualmente strutturata in 5 Business Unit (Auto, Veicoli Commerciali, Moto, Racing, After Market) più la Divisione Industriale, supportate dalle Direzioni Centrali. Struttura organizzativa del Gruppo Brembo Comunicazione Marketing Finance CEO Societario Business Development DG Acquisti Tecnica e R&D I.C.T. Risorse Umane Qualità e Ambiente Tecnologie sistemi Divisione Industriale Cura lo sviluppo e la gestione del mercato interno attraverso il presidio del processo logistico-industriale del disco e dei prodotti di fonderia. Prodotti Dischi freno BU Auto Sviluppa e produce componenti e moduli per auto destinati al mercato mondiale. Prodotti Dischi freno Pinze freno ad elevate prestazioni Moduli freno completi BU Veicoli Commerciali Sviluppa e produce componenti per sistemi frenanti per veicoli industriali da 3.5 a 10.0 p.t.t. e dischi freno per veicoli fino a 40 t. Prodotti Dischi freno Pinze freno Freno di stazionamento D.I.H. BU Moto Sviluppa e produce componenti per sistemi frenanti per moto, scooter, motoslitte e ATV (All Terrain Vehicles). Prodotti Dischi freno Pinze freno Pompe freno Ruote in lega ABS BU Racing Fornisce sistemi frenanti a team di successo partecipanti ai principali campionati mondiali: Formula 1 GT / WSC Indy Nascar World Rally Motomondiale Superbike Enduro Cross BU After Market Commercializza dischi freno per il mercato del ricambio auto, con copertura quasi totale del parco circolante automobilistico europeo. Prodotti Dischi freno 11

18 Le tappe dell eccellenza di Brembo 1961 Emilio Bombassei, padre dell attuale presidente della società, fonda a Paladina, a pochi chilometri da Bergamo, un officina meccanica che ben presto, grazie alle esperienze maturate nei settori meccanico e metallurgico, comincia a lavorare per clienti come Alfa Romeo Brembo inizia a produrre i primi dischi freno italiani diretti al mercato del ricambio; fino ad allora essi venivano importati dal Regno Unito. Alla produzione di dischi freno si affianca successivamente quella di altri componenti del sistema frenante. A fine 1965 l azienda conta 28 dipendenti, compresi i quattro soci fondatori Con una fornitura per la Moto Guzzi, il marchio Brembo compare sulle gloriose motociclette prodotte in Italia. In breve Brembo raggiunge la leadership nel segmento dei sistemi frenanti per le due ruote Enzo Ferrari, patron di Maranello, affida alle cure di Brembo la rossa più prestigiosa della Formula 1. Per Brembo è una consacrazione tecnologica e qualitativa e l avvio di una collaborazione che dura tutt ora. A fine anno l azienda conta 146 dipendenti, con un fatturato di 2,8 miliardi di lire Alla gamma di prodotti Brembo si aggiunge una pinza freno per autovetture assai innovativa nel disegno e nel materiale: l alluminio. Le nuove pinze in alluminio vengono adottate in fasi successive dai produttori di automobili ad alte prestazioni quali Porsche (ancora oggi fornita al 100% da Brembo), Mercedes, Lancia, BMW, Nissan, Chrysler In un ottica di crescente internazionalizzazione, Brembo concorda l ingresso nel capitale sociale di Kelsey-Hayes, Gruppo multinazionale statunitense attivo nella produzione di sistemi frenanti Brembo sceglie di competere anche nel segmento dei freni a disco per veicoli industriali e in breve diventa fornitore strategico di Iveco, Renault Veicoli Industriali e Mercedes. A fine anno l azienda conta 335 dipendenti, con un fatturato di 51 miliardi di lire Alberto Bombassei, figlio del fondatore Emilio e a sua volta cofondatore dell azienda, riacquista insieme ai manager di Brembo la quota azionaria ceduta 10 anni prima a Kelsey-Hayes. Una scelta che punta sul sistema Italia e fa leva sulle risorse di management e sulle capacità tecnologiche di Brembo Brembo viene quotata alla Borsa Valori di Milano. Prima certificazione di qualità ISO 9001 per i siti produttivi di Curno e S. Giovanni Bianco (Bergamo). A fine anno l azienda conta dipendenti, con un fatturato di 331 miliardi di lire Brembo realizza per la prima volta il Bilancio dell Intangibile, utilizzato prevalentemente a fini gestionali e parzialmente reso pubblico all interno del Bilancio d Esercizio. È il primo Bilancio dell Intangibile realizzato in Italia e il primo nel mondo nel settore automotive. Nello stesso anno Brembo si classifica tra le prime 20 aziende nel mondo, unica italiana nelle graduatoria di Forbes delle 300 migliori aziende di medie dimensioni. 12

19 2000 Brembo sigla importanti accordi sulla strada dell internazionalizzazione e si assicura una presenza diretta sia produttiva sia commerciale, con società proprie o in joint venture, in Sud Africa, in Cina e nel Regno Unito, dove acquisisce AP Racing, importante produttore di componenti del sistema frenante e di frizioni per auto e moto da competizione. In Italia acquisisce il 70% della società Marchesini (oggi controllata al 100%), specializzata nella realizzazione di ruote in magnesio per moto da competizione. Prima certificazione ambientale ISO per il sito produttivo di Curno Brembo si aggiudica l Oscar del Bilancio e della Comunicazione Finanziaria per le società quotate. Riceve inoltre il Ferrari Innovation Award per aver contribuito, con costante e tenace innovazione del proprio prodotto, all eccellenza delle prestazioni delle monoposto Formula 1 e delle vetture Gran Turismo Ferrari e Maserati. A.T. Kearney assegna a Brembo, per lo stabilimento di Curno, il GEO Award (Global Excellence in Operation), prestigioso riconoscimento che premia i migliori stabilimenti in Europa e nel mondo. A fine anno l azienda conta dipendenti, con un fatturato di 531 milioni di euro Brembo vara il Codice Etico per dipendenti e collaboratori e il Codice di Autodisciplina, che recepisce integralmente il Codice Preda. Il gruppo giapponese Fuji Heavy Industries Ltd. conferisce a Brembo il Production Award per l eccellenza nella cooperazione e il supporto nella produzione del modello 2002 della Subaru Impreza. Prima azienda in Italia e fra le prime in Europa, Brembo ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità secondo la Norma ISO/TS 16949:2002, punto di riferimento per il settore automotive Grazie all introduzione dei dischi freno in materiale ceramico composito (CCM), Brembo vince il Pace Award, prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno da Automotive News e da Cap Gemini Ernts & Young al prodotto più innovativo del mondo nel settore della componentistica auto. Per lo stesso prodotto Brembo riceve un ulteriore Premio al Motortec di Madrid. Prima certificazione di sicurezza OHSAS per il sito produttivo di Curno Nel Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso di Stezzano (Bergamo) viene inaugurato il nuovo stabilimento di Brembo Ceramic Brake Systems S.p.A., joint venture con Daimler-Chrysler dedicata alla produzione degli avanzatissimi dischi freno in materiale ceramico composito, forniti a Ferrari e Mercedes. Per questo prodotto Brembo riceve il Compasso d Oro dalla Fondazione ADI per il Design Italiano. Viene inoltre premiata come Best Innovator nel settore Product Lifecycle Management a seguito di un indagine effettuata da A.T. Kearney, in collaborazione con Il Sole 24 Ore A Dabrowa Gornicza, in Polonia, viene costruita la terza fonderia del Gruppo che, integrandosi allo stabilimento esistente, dà vita a uno dei più avanzati poli tecnologici del disco in Europa. In Cina e in India partono nuove iniziative in joint venture per la realizzazione di due insediamenti produttivi destinati a servire i costruttori europei e asiatici presenti nell area. Nell ambito del Premio Nazionale per la Responsabilità Sociale, patrocinato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Brembo riceve il primo premio per la categoria Grandi imprese. A fine anno l azienda conta dipendenti, con un fatturato di 712 milioni di euro. 13

20 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione ETICA IMPOSTARE I RAPPORTI TRA PERSONA, AZIENDA E COLLETTIVITÀ SULLA BASE DI COMPORTAMENTI LEALI, ONESTI E ISPIRATI A PRINCIPI ETICI DIFFUSI E CONDIVISI; FONDARE LO SVILUPPO AZIENDALE SUL RISPETTO DELL'UOMO E DELL'AMBIENTE; AGIRE CON TRASPARENZA NEI CONFRONTI DI TUTTI GLI INTERLOCUTORI; RISPETTARE LE NORME E I REGOLAMENTI ESISTENTI NEI VARI CONTESTI IN CUI BREMBO OPERA.

21 La Missione Brembo intende la propria missione aziendale come un costante impegno ugualmente rivolto a: ideare e fornire al mercato soluzioni innovative per il controllo dinamico del veicolo creare valore e benessere per i clienti, i collaboratori, gli azionisti, i fornitori e la collettività I Valori Guida In Brembo l agire dell azienda e di ogni singola persona è improntato al rispetto dei Valori Guida di seguito elencati, frutto di un processo di elaborazione interna che ha coinvolto, a vari livelli, management e collaboratori. Appartenenza L azienda, i suoi collaboratori, i clienti e i fornitori formano un unica grande squadra, orgogliosi di farne parte: ognuno è importante e prezioso per Brembo. Ascolto Dare piena soddisfazione al cliente, prestando attenzione alla sue esigenze, anche inespresse. Etica Impostare i rapporti interpersonali con l azienda e la collettività sulla base di comportamenti leali, onesti e ispirati a principi etici diffusi e condivisi; fondare lo sviluppo aziendale sul rispetto dell uomo e dell ambiente; agire con trasparenza nei confronti di tutti gli interlocutori; rispettare le norme e i regolamenti esistenti nei vari contesti in cui Brembo opera. Impegno È il patto fondamentale del collaboratore con l azienda che nasce dal fare le cose con passione, condividendo la visione aziendale e gli obiettivi della propria area di attività. Partnership Essere propositivi, condividere obiettivi e piani soddisfacendo le reciproche necessità. Proattività Anticipare i cambiamenti come sfida continua per il successo; agire in tempo reale, promuovere soluzioni innovative superando le attese. Qualità Dedicare se stessi alla massima soddisfazione del proprio cliente; perseguire l eccellenza, migliorando e arricchendo le proprie competenze per il successo aziendale e personale; far bene sin dalla prima volta. Responsabilità Vivere il proprio ruolo da protagonisti, portare soluzioni e prendere decisioni tempestive con determinazione, professionalità e proattività. Valorizzazione È il patto fondamentale dell azienda con il collaboratore. È l impegno a scoprire, sviluppare e promuovere le competenze delle persone. 15

22 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione IMPEGNO E' IL PATTO FONDAMENTALE DELL'INDIVIDUO CON L'AZIENDA CHE NASCE DAL FARE LE COSE CON PASSIONE, CONDIVIDENDO LA VISIONE AZIENDALE E GLI OBIETTIVI DELLA PROPRIA AREA DI ATTIVITÀ.

23 Il Codice Etico Brembo ha come principio imprescindibile il rispetto delle leggi, dei regolamenti e di ogni altra disposizione normativa vigente nei Paesi in cui opera direttamente o con proprie società controllate o partecipate. Dal 2003 Brembo si è dotata di un Codice Etico, distribuito a tutti i dipendenti, con il quale sono stati formalizzati all interno dell organizzazione gli orientamenti di base, ispirati ai Valori Guida, che devono informare sia le scelte imprenditoriali sia la condotta dei singoli collaboratori. Le disposizioni contenute nel Codice Etico sono conformi alle linee guida di Confindustria e mirano a raccomandare, promuovere o vietare specifici comportamenti, in forma complementare e aggiuntiva a quanto comunque previsto dalle disposizioni di legge vigenti nei Paesi dove risiedono le società del Gruppo. La concreta e piena attuazione del Codice Etico viene perseguita attraverso un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo idoneo a prevenirne eventuali violazioni.

24 Italia

25 La Governance e gli Organi Sociali Il modello di Corporate Governance Brembo assicura l integrale adesione alle disposizioni del Codice di Autodisciplina delle Società Quotate (Codice Preda) e ai requisiti d appartenenza al segmento STAR (Segmento Titoli ad Alti Requisiti). Brembo ispira i propri comportamenti a rigorosi principi quali: trasparenza, rispetto delle regole, etica e responsabilità. Ciò a fondamento e a tutela del patrimonio intangibile dell azienda, primariamente costituito dal proprio brand, dalla propria reputazione e da quell insieme di valori, condivisi da dipendenti e collaboratori, che caratterizzano l agire di una società socialmente responsabile. In quest ottica, Brembo ha avviato un percorso di ulteriore affinamento del proprio modello di Corporate Governance, i cui fondamenti sono statuiti nel relativo Manuale (vedasi box), oltre che di approfondimento delle tematiche dell etica e di volontaria adesione ai principi della responsabilità sociale d impresa. L evoluzione della Governance in Brembo Il Manuale di Corporate Governance è una della componenti dell ampio progetto con cui Brembo intende creare valore per gli stakeholder. I primi passi per raggiungere tale obiettivo sono stati mossi con la prima edizione del Codice di Autodisciplina del giugno 2000 e con la successiva edizione del novembre Nel 2003 si è proceduto a definire un Sistema di Controllo Interno e un Codice Etico, diffuso a tutti i dipendenti allo scopo di affermare i valori ispirati a principi etici riconosciuti e condivisi all interno dell azienda. Nel corso del 2004 il Sistema di Controllo Interno è stato ulteriormente rafforzato mediante l adozione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo per la prevenzione dei reati previsti dai Decreti Legislativi 231/01 e 61/02, concernente la responsabilità amministrativa delle società per i reati commessi dai propri dipendenti. Gli sforzi compiuti in questi anni da Brembo per essere una società innovativa, trasparente, competitiva e contemporaneamente etica saranno presto visibili a tutti nel sito Internet Brembo in un area dedicata alla Corporate Governance. Per essere costantemente allineata alle best practice la società aggiorna i suoi documenti e questo è il motivo per cui si è giunti alla terza edizione del Codice di Autodisciplina, oggi Manuale di Corporate Governance, approvato dal Consiglio di Amministrazione il 12 maggio 2005, che ha recepito le indicazioni della più recente normativa italiana ed europea sul Market abuse. Alla luce di tale normativa è stato avviato anche l adeguamento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, già adottato, attraverso l inserimento di un apposita parte speciale. 19

26 Brembo segue inoltre le regole, gli strumenti e le condotte descritte nel Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo coerente sia con le Linee Guida dei Modelli di Organizzazione, Gestione e Controllo di Confindustria, sia con le disposizioni contenute nei Decreti Legislativi 231/2001 (Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni) e 61/2002 (Disciplina degli illeciti penali e amministrativi riguardanti le società commerciali). Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo di Brembo Decreti Legislativi 231/01 e 61/02 Reati contro P.A. / Reati Societari / Market Abuse Attività Sensibili Procedure Speciali Sistema Sanzionatorio Organismo di Vigilanza 20

27 Il Sistema di Controllo Interno di Brembo, approvato dal Consiglio di Amministrazione, aderisce ai principi contenuti nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana attraverso l implementazione di un processo di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Sistema di Controllo Interno di Brembo C.d.A. A.D. - D.G. Comitato di Analisi e Prevenzione Rischi Comitato per il Controllo Interno Organismo di Vigilanza Preposto al Controllo Interno Collegio Sindacale Internal Auditors e Auditors ad Hoc* Società di Revisione Dipendenti * Soggetti selezionati di volta in volta per capacità professionali in base alle problematiche. 21

28 Il Consiglio di Amministrazione di Brembo S.p.A., nominato dall Assemblea del 29 aprile 2005 e in carica sino all Assemblea di approvazione del Bilancio d Esercizio 2007, è composto (alla data del 31 dicembre 2005) da undici Amministratori, dei quali quattro esecutivi, sei non esecutivi ed indipendenti e uno non esecutivo. Tutti i Consiglieri sono in possesso dei requisiti di onorabilità, professionalità e rispettabilità richiesti dal Codice Preda. Il 28 aprile 2006 il Consiglio di Amministrazione di Brembo S.p.A. ha conferito a Stefano Monetini, già Direttore Generale, anche l incarico di Amministratore Delegato. Incarichi dei singoli Consiglieri Nominativo Non esecutivo Indipendente Esecutivo N. altri incarichi Bombassei Alberto Presidente x 9 Biancardi Paolo x x 6 Bombassei Cristina x 1 Dallera Giancarlo x x 1 Dossena Giovanna x x 2 Gibellini Andrea x x 1 Monetini Stefano x 3 Nicodano Umberto x 5 Roma Giuseppe x x 2 Tiraboschi Matteo x 11 Tazartes Alberto (fino al ) x x 3 Cavallini Giovanni (dal ) x x 2 Segretario del Consiglio di Amministrazione è Bruno Saita. Al Direttore Generale, ai Direttori di Business Unit e ad alcuni Direttori Centrali regolarmente iscritti nel Registro delle Imprese di Bergamo, sono stati conferiti poteri limitati di ordinaria amministrazione connessi all espletamento delle rispettive funzioni. Il Collegio Sindacale è composto da Sergio Mazzoleni (presidente) e da Enrico Cervellera (sindaco effettivo), Andrea Puppo (sindaco effettivo), Mario Tagliaferri (sindaco supplente), Giuseppe Marangi (sindaco supplente). Partecipano inoltre alla governance aziendale, contribuendo a garantire rispetto delle norme e correttezza di comportamenti: il Comitato per il Controllo Interno (Giuseppe Roma, presidente, Giovanna Dossena e Andrea Gibellini), il Comitato per la Remunerazione (Umberto Nicodano, presidente, Paolo Biancardi e Giancarlo Dallera) l Organismo di Vigilanza (Giovanna Dossena, presidente, Giuseppe Roma e Umberto Simonelli). L incarico di Revisore Contabile è stato conferito alla società PricewaterhouseCoopers S.p.A. 22

29 Principali Azionisti di Brembo S.p.A. al 1 gennaio 2006 FourB s.a.s. 58,44% Wellington Management Company LLP 3,22% Powe Capital Management LLP 2,05% Non vi sono patti di sindacato o altri accordi tra gli azionisti. 23

30 Regno Unito

31 Il valore tangibile di Brembo

32

33 RISULTATI 2005 E PRINCIPALI INDICATORI Ricavi delle vendite e delle prestazioni Margine operativo lordo 678,2 711,6 110,9 111,8 milioni di euro milioni di euro R.O.I. Personale a fine periodo 18, ,9 percentuale numero Il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2005 è stato redatto per la prima volta in base ai principi contabili internazionali (IFRS). In precedenza, i Bilanci Consolidati del Gruppo erano conformi ai criteri della normativa italiana. 27

34 Risultati economici Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,9% Margine operativo lordo ,8% % sui ricavi 15,7% 16,4% Margine operativo netto ,8% % sui ricavi 10,3% 10,3% Utile prima delle imposte ,8% % sui ricavi 9,4% 9,6% Utile netto ,4% % sui ricavi 5,7% 5,8% Risultati patrimoniali Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Capitale netto investito ,1% Patrimonio netto ,8% Indebitamento finanziario netto ,2% Personale ed investimenti Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Personale a fine periodo (n unità) ,6% Fatturato per dipendente (in migliaia di euro) 163,4 170,7 4,3% Investimenti (in migliaia di euro) ,9% Principali indicatori Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Margine operativo lordo / Ricavi 15,7% 16,4% Margine operativo netto / Ricavi 10,3% 10,3% Risultato prima delle imposte / Ricavi 9,4% 9,6% Investimenti / Ricavi 13,5% 13,6% Indebitamento finanziario netto / Patrimonio netto 79,8% 70,7% Oneri finanziari / Ricavi 0,9% 0,6% Oneri finanziari / Margine operativo netto 8,6% 6,3% ROI 15,9% 18,9% ROE 17,3% 20,1% Cash flow (utile netto + amm.ti) (in migliaia di euro) ,9% Indice di copertura 17.7% 25.3% Capitalizzazione Enterprise Value / EBITDA

Indice. Relazione sulla gestione. P rospetti contabili consolidati al 30 giugno 2005. Appendice: transizione ai principi contabili internazionali

Indice. Relazione sulla gestione. P rospetti contabili consolidati al 30 giugno 2005. Appendice: transizione ai principi contabili internazionali SEMESTRALE 2005 Semestrale 2005 Indice Cariche sociali 5 Brembo: l attività nel primo semestre 2005 6 Relazione sulla gestione Brembo e il mercato: 10 Contesto macroeconomico e mercati valutari 10 Attività

Dettagli

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005)

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005) Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA Principi Il Sistema di Corporate Governance Brembo ha assicurato, anche nel corso dell esercizio 2005, l integrale adesione alle disposizioni

Dettagli

bilancio del Valore economico, ambientale e intangibile 2007

bilancio del Valore economico, ambientale e intangibile 2007 bilancio del Valore economico, ambientale e intangibile 2007 Indice Lettera agli Stakeholders 6 Cariche Sociali 9 Conoscere Brembo 11 L azienda 12 Una storia di eccellenza 14 Principi e valori 16 Codice

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO

CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO Il Sistema di Corporate Governance Brembo, la cui completa realizzazione è avvenuta durante gli esercizi 2000 e 2001, è stato oggetto di un ampio

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E AL 31 MARZO 2015 Cembre S.p.A. Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2013

Comunicato Stampa 12 novembre 2013 Landi Renzo: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2013. o Fatturato pari a 164,6 (203,4 milioni di euro al 30 settembre 2012) o EBITDA pari a 8,1 milioni di euro (23,7 milioni

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

RELAZIONE CORPORATE GOVERNANCE 2007

RELAZIONE CORPORATE GOVERNANCE 2007 FRENI BREMBO S.p.A. Sede sociale: Curno (BG) via Brembo n 25 Capitale sociale: Euro 34.727.914,00 versato. REA di Bergamo e Codice fiscale: n 00222620163 (P. IVA). RELAZIONE CORPORATE GOVERNANCE 2007 PRINCIPI,

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Correggio (RE), 27 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Correggio (RE), 27 marzo 2015 MODELLERIA BRAMBILLA: valore della produzione in crescita del 30% a Euro 16,5 milioni nel 2014, utile netto pari a Euro 0,2 milioni (dati IAS 17 Adjusted) Valore della produzione in crescita del 30% a

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

Comunicato Stampa 27 agosto 2013

Comunicato Stampa 27 agosto 2013 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 giugno 2013 o Fatturato a 112,0 milioni di euro (139,2 milioni di euro al 30 giugno 2012) o EBITDA a 5,1 milioni di euro (16,2 milioni di euro al 30 giugno

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company ha esaminato i dati del primo trimestre 2013 e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione In un contesto di arretramento del mercato

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006

COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006 COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006 Ricavi consolidati a 280 Mln di Euro in aumento dell 8% rispetto al 2005 nonostante

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

Milano, 31 marzo 2005

Milano, 31 marzo 2005 Spettabili: Milano, 31 marzo 2005 CONSOB Via della Posta 8 MILANO BORSA ITALIANA spa MILANO AGENZIE COMUNICATO STAMPA : CDA approva progetto bilancio BASTOGI SPA : CdA ha approvato il progetto di bilancio

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012 Comunicato Stampa In data 18 marzo 2014 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione del bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2013:

Dettagli

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A.

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 100% BREMBO PERFORMANCE S.P.A. NELLA SOCIETÀ CONTROLLANTE BREMBO S.P.A. AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2501-TER E 2505 del codice civile * *

Dettagli

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI 2015 (VS PRIMI NOVE MESI 2014)*: RICAVI NETTI: 334,8

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

Comunicato stampa di Camfin SpA

Comunicato stampa di Camfin SpA Pagina 1 di 5 CAMFIN s.p.a. Comunicato stampa di Camfin SpA Approvata dal CdA la Relazione Semestrale del Gruppo CAMFIN SpA VENDITE: 137 MILIONI DI EURO, CONTRO 144,8 MILIONI DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE

Dettagli

relazione finanziaria a n n u a l e

relazione finanziaria a n n u a l e relazione finanziaria a n n u a l e 2 0 0 9 BREMBO NEL MONDO Brembo North America Inc. Brembo Performance North America Inc. Brembo Scandinavia A.B. Brembo Spolka Zo.o. Brembo Poland Spolka Zo.o. Brembo

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO SEPARATO AL 31 DICEMBRE 2013 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): RICAVI NETTI:

Dettagli

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. %

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. % Milano, 30 marzo 2006 TOD S S.p.A.: eccellenti risultati nell esercizio 2005 (Ricavi: +19,5%, EBITDA: +27%, EBIT: +34%, utile netto: +39%). Dividendo 2005: 1 Euro per azione, più che raddoppiato rispetto

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015. Nel 2015 i volumi di vendita del caffè tostato sono stati pari

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008 : IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008 Amaro (UD), 16 marzo 2009 Ricavi consolidati: +20%, da 76,54 milioni di Euro a 91,73 milioni di Euro Primo margine consolidato: +32%,

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti)

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti) COMUNICATO STAMPA AEFFE: Approvati I Risultati Dell 2015 San Giovanni in Marignano, 10 Marzo 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa - società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%).

Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%). COMUNICATO STAMPA Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%). Fatturato: 125,2 milioni di euro (115,6 milioni

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 2006 ANNO DI SVOLTA PER SEAT PAGINE GIALLE CON UN SECONDO SEMESTRE IN FORTE CRESCITA GRAZIE ALLE INNOVAZIONI

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

INFORMAZIONE RECORDATI: NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2011, RICAVI E UTILI IN CRESCITA. AGGIORNATO IL PIANO INDUSTRIALE TRIENNALE.

INFORMAZIONE RECORDATI: NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2011, RICAVI E UTILI IN CRESCITA. AGGIORNATO IL PIANO INDUSTRIALE TRIENNALE. INFORMAZIONE RECORDATI: NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2011, RICAVI E UTILI IN CRESCITA. AGGIORNATO IL PIANO INDUSTRIALE TRIENNALE. Ricavi netti consolidati 197,8 milioni, + 6,4%. Utile operativo 44,3 milioni,

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss.

Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss. COMUNICATO STAMPA del 09 maggio 2007 - Cenate Sotto (BG) Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss.com L Assemblea

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia:

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia: COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012 Principali dati economici e finanziari consolidati Ricavi e EBITDA + 6% Ricavi same store di GTECH + 7% EBITDA delle Attività Italiane +2% nonostante

Dettagli

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Prosegue la forte crescita internazionale per il consolidamento della leadership nell ambito del cognitive computing e dell analisi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine, codice fiscale e P.IVA: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli