Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo"

Transcript

1 Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo

2 BREMBO S.P.A. CURNO - ITALIA 100% 100% 60% 27,75% AP RACING LTD. COVENTRY - REGNO UNITO BREMBO CHINA BRAKE SYSTEMS CO. LTD. PECHINO - CINA NANJING YUEJIN AUTOMOTIVE BRAKE SYSTEM CO. LTD. NANJING - CINA BREMBO INTERNATIONAL S.A. LUXEMBOURG - LUSSEMBURGO 100% FOMM S.P.A. MAPELLO - ITALIA MARCHESINI S.P.A. JERAGO CON ORAGO - ITALIA BREMBO CERAMIC BRAKE SYSTEMS S.P.A. STEZZANO - ITALIA SOFTIA S.R.L. ERBUSCO - ITALIA 100% 50% 40% BREMBO PARTICIPATIONS B.V. AMSTERDAM - OLANDA 100% EUROPA AMERICA ASIA 100% 100% BREMBO SPOLKA ZO.O. CZESTOCHOWA - POLONIA BREMBO NORTH AMERICA INC. COSTA MESA - USA BREMBO JAPAN CO. LTD. TOKYO - GIAPPONE 100% 100% BREMBO POLAND SPOLKA ZO.O. DABROWA G. - POLONIA 99,99% BREMBO DO BRASIL LTDA. BETIM - BRASILE FUJI CO. TOKYO - GIAPPONE 1,20% 100% 76% BREMBO SCANDINAVIA A.B. GÖTEBORG - SVEZIA BREMBO RASSINI S.A. DE C.V. PUEBLA - MESSICO 100% 5,80% BREMBO UK LTD. LONDON - REGNO UNITO FUNDIMAK S.A. DE C.V. MEXICO CITY - MESSICO 100% BREMBO GMBH OTTOBRUNN - GERMANIA 68% CORPORACION UPWARDS 98 S.A. ZARAGOZA - SPAGNA 10% INTERNATIONAL SPORT AUTOMOBILE S.A.R.L. LEVALLOIS PERRET - FRANCIA Questo schema adempie agli obblighi informativi al pubblico ex art. 125 Delibera Consob n del 14 maggio 1999.

3 Brembo nel mondo

4 Brembo Scandinavia A.B. Brembo North America Inc. Ap Racing Ltd. Brembo UK Ltd. International Sport Automobile S.a.r.l. Corporacion Upwards 98 S.A. Brembo Rassini S.A. de C.V. Fundimak S.A. de C.V. Brembo do Brasil Ltda.

5 Brembo Spolka Zo.o. Brembo Poland Spolka Zo.o. Brembo S.p.A. Fomm S.p.A. Marchesini S.p.A. Softia S.r.l. Brembo Ceramic Brake Systems S.p.A. Fuji Co. Brembo Japan Co. Ltd. Brembo China Brake Systems Co. Ltd. Nanjing Yuejin Automotive Brake System Co. Ltd. Sito produttivo Sede commerciale

6

7 Bilancio del valore tangibile & intangibile 2005 Gruppo Brembo

8

9 Indice Lettera del Presidente 4 Introduzione alla lettura 7 Il Gruppo Brembo in sintesi 9 L Azienda 11 La Missione 15 I Valori Guida 15 Il Codice Etico 17 La Governance e gli Organi Sociali 19 Il valore tangibile di Brembo 25 Risultati 2005 e principali indicatori 27 Contesto macroeconomico e mercati valutari 33 Attività dell azienda e mercato di riferimento 35 Ricavi per applicazione e per area geografica 39 Investimenti 41 Stato Patrimoniale Consolidato 43 Risultato Economico Consolidato 45 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 47 Il valore intangibile di Brembo 49 Modalità di misurazione dell intangibile 51 Elenco indicatori e formula di calcolo 54 Capitale Relazionale 57 Capitale Strutturale 63 Capitale Umano 73 La sintesi del valore di Brembo 81 Andamento del titolo Brembo 84 3

10 Lettera del Presidente Signori Azionisti, Il 2005 è stato per Brembo un anno di significative trasformazioni ed importanti cambiamenti, necessari per fronteggiare la sempre più agguerrita concorrenza internazionale e mantenere quella leadership tecnologica e di mercato che ha fatto di Brembo un marchio di eccellenza riconosciuto e apprezzato nel mondo intero. Pur in uno scenario economico internazionale ancora incerto e con il settore dell automotive, nostro mercato di riferimento, che stenta a riprendere, i risultati sono stati positivi. E anche se il contesto non si presentava facile, non abbiamo fermato, ma accelerato i nostri programmi di sviluppo. Il piano industriale, varato lo scorso anno con la previsione di concentrare entro il 2006 la produzione europea di dischi freno in tre Paesi (Italia, Spagna e Polonia), ha avuto un forte impulso. In Polonia è stata inaugurata nel febbraio 2006 una nuova fonderia per la fusione di ghisa, costruita a tempo di record nei pressi del già esistente stabilimento di lavorazione dei dischi. Il nuovo impianto, uno dei più avanzati poli tecnologici del disco in Europa, ha richiesto investimenti per 45 milioni di euro ed è un ulteriore passo nella strategia industriale della nostra azienda, tesa a realizzare processi di produzione integrati (fonderia, lavorazione, logistica) in ogni sito produttivo, al fine di ottenere la massima efficienza. Ugualmente, nuove attività produttive che si aggiungono agli stabilimenti da tempo esistenti in Cina, Messico e Brasile sono state avviate nei mercati emergenti dell Estremo Oriente. In Cina, dove dal 2001 è già operante una joint venture produttiva con il Gruppo cinese Yuejin, Brembo ha costituito con la finanziaria Simest una nuova società per la produzione e la vendita di componenti frenanti per il primo equipaggiamento. Lo stabilimento, per il quale è previsto un investimento complessivo di 15 milioni di euro, fornirà i principali costruttori europei ed asiatici presenti in Estremo Oriente. In India, Brembo e Bosch quest ultima attraverso la propria controllata Kalyani Brakes Ltd. hanno costituito una joint venture paritetica per la produzione e la vendita di sistemi frenanti per motocicli, inizialmente destinata al solo mercato indiano, con un investimento complessivo di 13 milioni di euro. Grazie alle due nuove joint venture asiatiche, Brembo è oggi presente con 16 impianti produttivi in 9 nazioni di 3 continenti Europa, America ed Asia a supporto della strategia di presidio dei mercati e dei clienti. Una strategia che mira a una solida crescita, basata su due fattori sui quali Brembo ha sin qui costruito il suo successo: una costante volontà di innovazione e una incessante ricerca dell eccellenza. L eccellenza è un pregio della nostra azienda che si traduce quotidianamente nei nostri comportamenti. Ed è proprio per questi comportamenti che Brembo si è distinta sia sotto il profilo economico-finanziario, sia sotto un profilo più intangibile. 4

11 Nel corso del 2005 abbiamo ricevuto il Premio Nazionale per la Responsabilità Sociale di Impresa, patrocinato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, oltre al Premio Italiano della Creatività assegnatoci per la capacità innovativa nella conduzione del nostro business. Entrambi i riconoscimenti testimoniano l importanza che assume oggi la dimensione intangibile del patrimonio aziendale: il valore dei comportamenti, della reputazione, del marchio, della capacità di innovare, della qualità e professionalità delle persone. E altro ancora. Per questo abbiamo pensato di mettere a disposizione di tutti i nostri interlocutori un documento di presentazione sintetica di Brembo, riunendo dati e informazioni sui fattori tangibili e intangibili che contribuiscono alla creazione di valore per la nostra azienda. I contenuti che seguono aiutano a comprendere quanto le due dimensioni, tangibile e intangibile, siano espressione di una stessa realtà e quanto sia importante gestire correttamente entrambe per garantire la continuità, la crescita e l eccellenza. Ancora una volta l obiettivo è ambizioso, ma senz altro coerente con quella costante ricerca di innovazione che è da sempre una delle caratteristiche vincenti di Brembo. Il Presidente Alberto Bombassei 5

12 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione Appartenenza L AZIENDA, I SUOI COLLABORATORI, I CLIENTI E I SUOI FORNITORI, FORMANO UN'UNICA GRANDE SQUADRA, ORGOGLIOSI DI ESSERE BREMBO: OGNUNO È IMPORTANTE E PREZIOSO PER L'AZIENDA.

13 Introduzione alla lettura L ormai evidente differenza tra il valore di mercato di un impresa quotata e il suo valore contabile dipende in larga misura dal giudizio degli investitori sulle sue potenzialità di crescita futura ed è noto che gran parte del valore di mercato non trova un effettivo riscontro nel Bilancio d Esercizio. Quest ultimo, in molti casi, non fornisce alla comunità finanziaria e ai portatori di interesse informazioni sul potenziale di profitto sufficienti a permettere una valutazione ragionevole della capacità di crescita o, quantomeno, di continuità dell azienda. Per una misura esauriente del potenziale aziendale occorre dunque andare oltre la dimensione contabile, analizzando e valutando la dimensione intangibile del valore generato. Occorrono quindi strumenti e metodologie di rendicontazione innovative, che superino l aspetto economico-finanziario e siano in grado di valutare anche gli asset intangibili che l azienda ha sviluppato e grazie ai quali è possibile generare altro valore. Brembo già dal 1999 utilizza un sistema di misurazione del capitale intellettuale e di monitoraggio di significativi fattori interni ed esterni, come mezzo di gestione in grado di contribuire efficacemente al costante miglioramento delle performance aziendali. Con l esercizio 2004 si è così potuti giungere alla presentazione del primo Bilancio del capitale intangibile di Brembo : un integrazione al Bilancio d Esercizio della società utile a tutti gli interlocutori per meglio comprenderne le dinamiche e le potenzialità di crescita. Con il Bilancio del valore tangibile e intangibile 2005 Brembo intende ora fornire ai suoi stakeholder uno strumento di valutazione agile, univoco e sintetico di queste due dimensioni aziendali, presentate per la prima volta in modo integrato, con un ampio supporto di dati e informazioni. 7

14 Spagna

15 Il Gruppo Brembo in sintesi

16 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione ASCOLTO DARE PIENA SODDISFAZIONE AL CLIENTE, PRESTANDO ATTENZIONE ALLA SUE ESIGENZE, ANCHE INESPRESSE.

17 L azienda Brembo, leader nei sistemi frenanti per auto e moto ad elevate prestazioni e per veicoli commerciali, nasce nel 1961 a Paladina (Bergamo) ed è oggi presente con 23 società controllate o partecipate in 12 Paesi di 3 continenti. I suoi prodotti vengono venduti in 70 Paesi. I siti produttivi sono localizzati in Italia, Spagna, Polonia, Regno Unito, Messico, Brasile e Cina, mentre sedi commerciali del Gruppo si trovano anche in Svezia, Francia, Stati Uniti e Giappone. In totale lavorano all interno del Gruppo oltre persone, fra cui 390 ingegneri e specialisti di prodotto impegnati in attività di Ricerca e Sviluppo. Tratti distintivi di Brembo sono una forte capacità innovativa e l integrazione verticale del processo produttivo comprensivo di tutte le fasi della lavorazione. L azienda ha infatti integrato nel processo industriale le proprie fonderie, ampliando il know-how progettuale relativo ai componenti degli impianti frenanti mediante la conoscenza metallurgica e generando così una sinergia che ottimizza il ciclo di produzione. L organizzazione di Brembo è attualmente strutturata in 5 Business Unit (Auto, Veicoli Commerciali, Moto, Racing, After Market) più la Divisione Industriale, supportate dalle Direzioni Centrali. Struttura organizzativa del Gruppo Brembo Comunicazione Marketing Finance CEO Societario Business Development DG Acquisti Tecnica e R&D I.C.T. Risorse Umane Qualità e Ambiente Tecnologie sistemi Divisione Industriale Cura lo sviluppo e la gestione del mercato interno attraverso il presidio del processo logistico-industriale del disco e dei prodotti di fonderia. Prodotti Dischi freno BU Auto Sviluppa e produce componenti e moduli per auto destinati al mercato mondiale. Prodotti Dischi freno Pinze freno ad elevate prestazioni Moduli freno completi BU Veicoli Commerciali Sviluppa e produce componenti per sistemi frenanti per veicoli industriali da 3.5 a 10.0 p.t.t. e dischi freno per veicoli fino a 40 t. Prodotti Dischi freno Pinze freno Freno di stazionamento D.I.H. BU Moto Sviluppa e produce componenti per sistemi frenanti per moto, scooter, motoslitte e ATV (All Terrain Vehicles). Prodotti Dischi freno Pinze freno Pompe freno Ruote in lega ABS BU Racing Fornisce sistemi frenanti a team di successo partecipanti ai principali campionati mondiali: Formula 1 GT / WSC Indy Nascar World Rally Motomondiale Superbike Enduro Cross BU After Market Commercializza dischi freno per il mercato del ricambio auto, con copertura quasi totale del parco circolante automobilistico europeo. Prodotti Dischi freno 11

18 Le tappe dell eccellenza di Brembo 1961 Emilio Bombassei, padre dell attuale presidente della società, fonda a Paladina, a pochi chilometri da Bergamo, un officina meccanica che ben presto, grazie alle esperienze maturate nei settori meccanico e metallurgico, comincia a lavorare per clienti come Alfa Romeo Brembo inizia a produrre i primi dischi freno italiani diretti al mercato del ricambio; fino ad allora essi venivano importati dal Regno Unito. Alla produzione di dischi freno si affianca successivamente quella di altri componenti del sistema frenante. A fine 1965 l azienda conta 28 dipendenti, compresi i quattro soci fondatori Con una fornitura per la Moto Guzzi, il marchio Brembo compare sulle gloriose motociclette prodotte in Italia. In breve Brembo raggiunge la leadership nel segmento dei sistemi frenanti per le due ruote Enzo Ferrari, patron di Maranello, affida alle cure di Brembo la rossa più prestigiosa della Formula 1. Per Brembo è una consacrazione tecnologica e qualitativa e l avvio di una collaborazione che dura tutt ora. A fine anno l azienda conta 146 dipendenti, con un fatturato di 2,8 miliardi di lire Alla gamma di prodotti Brembo si aggiunge una pinza freno per autovetture assai innovativa nel disegno e nel materiale: l alluminio. Le nuove pinze in alluminio vengono adottate in fasi successive dai produttori di automobili ad alte prestazioni quali Porsche (ancora oggi fornita al 100% da Brembo), Mercedes, Lancia, BMW, Nissan, Chrysler In un ottica di crescente internazionalizzazione, Brembo concorda l ingresso nel capitale sociale di Kelsey-Hayes, Gruppo multinazionale statunitense attivo nella produzione di sistemi frenanti Brembo sceglie di competere anche nel segmento dei freni a disco per veicoli industriali e in breve diventa fornitore strategico di Iveco, Renault Veicoli Industriali e Mercedes. A fine anno l azienda conta 335 dipendenti, con un fatturato di 51 miliardi di lire Alberto Bombassei, figlio del fondatore Emilio e a sua volta cofondatore dell azienda, riacquista insieme ai manager di Brembo la quota azionaria ceduta 10 anni prima a Kelsey-Hayes. Una scelta che punta sul sistema Italia e fa leva sulle risorse di management e sulle capacità tecnologiche di Brembo Brembo viene quotata alla Borsa Valori di Milano. Prima certificazione di qualità ISO 9001 per i siti produttivi di Curno e S. Giovanni Bianco (Bergamo). A fine anno l azienda conta dipendenti, con un fatturato di 331 miliardi di lire Brembo realizza per la prima volta il Bilancio dell Intangibile, utilizzato prevalentemente a fini gestionali e parzialmente reso pubblico all interno del Bilancio d Esercizio. È il primo Bilancio dell Intangibile realizzato in Italia e il primo nel mondo nel settore automotive. Nello stesso anno Brembo si classifica tra le prime 20 aziende nel mondo, unica italiana nelle graduatoria di Forbes delle 300 migliori aziende di medie dimensioni. 12

19 2000 Brembo sigla importanti accordi sulla strada dell internazionalizzazione e si assicura una presenza diretta sia produttiva sia commerciale, con società proprie o in joint venture, in Sud Africa, in Cina e nel Regno Unito, dove acquisisce AP Racing, importante produttore di componenti del sistema frenante e di frizioni per auto e moto da competizione. In Italia acquisisce il 70% della società Marchesini (oggi controllata al 100%), specializzata nella realizzazione di ruote in magnesio per moto da competizione. Prima certificazione ambientale ISO per il sito produttivo di Curno Brembo si aggiudica l Oscar del Bilancio e della Comunicazione Finanziaria per le società quotate. Riceve inoltre il Ferrari Innovation Award per aver contribuito, con costante e tenace innovazione del proprio prodotto, all eccellenza delle prestazioni delle monoposto Formula 1 e delle vetture Gran Turismo Ferrari e Maserati. A.T. Kearney assegna a Brembo, per lo stabilimento di Curno, il GEO Award (Global Excellence in Operation), prestigioso riconoscimento che premia i migliori stabilimenti in Europa e nel mondo. A fine anno l azienda conta dipendenti, con un fatturato di 531 milioni di euro Brembo vara il Codice Etico per dipendenti e collaboratori e il Codice di Autodisciplina, che recepisce integralmente il Codice Preda. Il gruppo giapponese Fuji Heavy Industries Ltd. conferisce a Brembo il Production Award per l eccellenza nella cooperazione e il supporto nella produzione del modello 2002 della Subaru Impreza. Prima azienda in Italia e fra le prime in Europa, Brembo ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità secondo la Norma ISO/TS 16949:2002, punto di riferimento per il settore automotive Grazie all introduzione dei dischi freno in materiale ceramico composito (CCM), Brembo vince il Pace Award, prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno da Automotive News e da Cap Gemini Ernts & Young al prodotto più innovativo del mondo nel settore della componentistica auto. Per lo stesso prodotto Brembo riceve un ulteriore Premio al Motortec di Madrid. Prima certificazione di sicurezza OHSAS per il sito produttivo di Curno Nel Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso di Stezzano (Bergamo) viene inaugurato il nuovo stabilimento di Brembo Ceramic Brake Systems S.p.A., joint venture con Daimler-Chrysler dedicata alla produzione degli avanzatissimi dischi freno in materiale ceramico composito, forniti a Ferrari e Mercedes. Per questo prodotto Brembo riceve il Compasso d Oro dalla Fondazione ADI per il Design Italiano. Viene inoltre premiata come Best Innovator nel settore Product Lifecycle Management a seguito di un indagine effettuata da A.T. Kearney, in collaborazione con Il Sole 24 Ore A Dabrowa Gornicza, in Polonia, viene costruita la terza fonderia del Gruppo che, integrandosi allo stabilimento esistente, dà vita a uno dei più avanzati poli tecnologici del disco in Europa. In Cina e in India partono nuove iniziative in joint venture per la realizzazione di due insediamenti produttivi destinati a servire i costruttori europei e asiatici presenti nell area. Nell ambito del Premio Nazionale per la Responsabilità Sociale, patrocinato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Brembo riceve il primo premio per la categoria Grandi imprese. A fine anno l azienda conta dipendenti, con un fatturato di 712 milioni di euro. 13

20 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione ETICA IMPOSTARE I RAPPORTI TRA PERSONA, AZIENDA E COLLETTIVITÀ SULLA BASE DI COMPORTAMENTI LEALI, ONESTI E ISPIRATI A PRINCIPI ETICI DIFFUSI E CONDIVISI; FONDARE LO SVILUPPO AZIENDALE SUL RISPETTO DELL'UOMO E DELL'AMBIENTE; AGIRE CON TRASPARENZA NEI CONFRONTI DI TUTTI GLI INTERLOCUTORI; RISPETTARE LE NORME E I REGOLAMENTI ESISTENTI NEI VARI CONTESTI IN CUI BREMBO OPERA.

21 La Missione Brembo intende la propria missione aziendale come un costante impegno ugualmente rivolto a: ideare e fornire al mercato soluzioni innovative per il controllo dinamico del veicolo creare valore e benessere per i clienti, i collaboratori, gli azionisti, i fornitori e la collettività I Valori Guida In Brembo l agire dell azienda e di ogni singola persona è improntato al rispetto dei Valori Guida di seguito elencati, frutto di un processo di elaborazione interna che ha coinvolto, a vari livelli, management e collaboratori. Appartenenza L azienda, i suoi collaboratori, i clienti e i fornitori formano un unica grande squadra, orgogliosi di farne parte: ognuno è importante e prezioso per Brembo. Ascolto Dare piena soddisfazione al cliente, prestando attenzione alla sue esigenze, anche inespresse. Etica Impostare i rapporti interpersonali con l azienda e la collettività sulla base di comportamenti leali, onesti e ispirati a principi etici diffusi e condivisi; fondare lo sviluppo aziendale sul rispetto dell uomo e dell ambiente; agire con trasparenza nei confronti di tutti gli interlocutori; rispettare le norme e i regolamenti esistenti nei vari contesti in cui Brembo opera. Impegno È il patto fondamentale del collaboratore con l azienda che nasce dal fare le cose con passione, condividendo la visione aziendale e gli obiettivi della propria area di attività. Partnership Essere propositivi, condividere obiettivi e piani soddisfacendo le reciproche necessità. Proattività Anticipare i cambiamenti come sfida continua per il successo; agire in tempo reale, promuovere soluzioni innovative superando le attese. Qualità Dedicare se stessi alla massima soddisfazione del proprio cliente; perseguire l eccellenza, migliorando e arricchendo le proprie competenze per il successo aziendale e personale; far bene sin dalla prima volta. Responsabilità Vivere il proprio ruolo da protagonisti, portare soluzioni e prendere decisioni tempestive con determinazione, professionalità e proattività. Valorizzazione È il patto fondamentale dell azienda con il collaboratore. È l impegno a scoprire, sviluppare e promuovere le competenze delle persone. 15

22 I VALORI GUIDA Appartenenza Ascolto Etica Impegno Partnership Proattività Qualità Responsabilità Valorizzazione IMPEGNO E' IL PATTO FONDAMENTALE DELL'INDIVIDUO CON L'AZIENDA CHE NASCE DAL FARE LE COSE CON PASSIONE, CONDIVIDENDO LA VISIONE AZIENDALE E GLI OBIETTIVI DELLA PROPRIA AREA DI ATTIVITÀ.

23 Il Codice Etico Brembo ha come principio imprescindibile il rispetto delle leggi, dei regolamenti e di ogni altra disposizione normativa vigente nei Paesi in cui opera direttamente o con proprie società controllate o partecipate. Dal 2003 Brembo si è dotata di un Codice Etico, distribuito a tutti i dipendenti, con il quale sono stati formalizzati all interno dell organizzazione gli orientamenti di base, ispirati ai Valori Guida, che devono informare sia le scelte imprenditoriali sia la condotta dei singoli collaboratori. Le disposizioni contenute nel Codice Etico sono conformi alle linee guida di Confindustria e mirano a raccomandare, promuovere o vietare specifici comportamenti, in forma complementare e aggiuntiva a quanto comunque previsto dalle disposizioni di legge vigenti nei Paesi dove risiedono le società del Gruppo. La concreta e piena attuazione del Codice Etico viene perseguita attraverso un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo idoneo a prevenirne eventuali violazioni.

24 Italia

25 La Governance e gli Organi Sociali Il modello di Corporate Governance Brembo assicura l integrale adesione alle disposizioni del Codice di Autodisciplina delle Società Quotate (Codice Preda) e ai requisiti d appartenenza al segmento STAR (Segmento Titoli ad Alti Requisiti). Brembo ispira i propri comportamenti a rigorosi principi quali: trasparenza, rispetto delle regole, etica e responsabilità. Ciò a fondamento e a tutela del patrimonio intangibile dell azienda, primariamente costituito dal proprio brand, dalla propria reputazione e da quell insieme di valori, condivisi da dipendenti e collaboratori, che caratterizzano l agire di una società socialmente responsabile. In quest ottica, Brembo ha avviato un percorso di ulteriore affinamento del proprio modello di Corporate Governance, i cui fondamenti sono statuiti nel relativo Manuale (vedasi box), oltre che di approfondimento delle tematiche dell etica e di volontaria adesione ai principi della responsabilità sociale d impresa. L evoluzione della Governance in Brembo Il Manuale di Corporate Governance è una della componenti dell ampio progetto con cui Brembo intende creare valore per gli stakeholder. I primi passi per raggiungere tale obiettivo sono stati mossi con la prima edizione del Codice di Autodisciplina del giugno 2000 e con la successiva edizione del novembre Nel 2003 si è proceduto a definire un Sistema di Controllo Interno e un Codice Etico, diffuso a tutti i dipendenti allo scopo di affermare i valori ispirati a principi etici riconosciuti e condivisi all interno dell azienda. Nel corso del 2004 il Sistema di Controllo Interno è stato ulteriormente rafforzato mediante l adozione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo per la prevenzione dei reati previsti dai Decreti Legislativi 231/01 e 61/02, concernente la responsabilità amministrativa delle società per i reati commessi dai propri dipendenti. Gli sforzi compiuti in questi anni da Brembo per essere una società innovativa, trasparente, competitiva e contemporaneamente etica saranno presto visibili a tutti nel sito Internet Brembo in un area dedicata alla Corporate Governance. Per essere costantemente allineata alle best practice la società aggiorna i suoi documenti e questo è il motivo per cui si è giunti alla terza edizione del Codice di Autodisciplina, oggi Manuale di Corporate Governance, approvato dal Consiglio di Amministrazione il 12 maggio 2005, che ha recepito le indicazioni della più recente normativa italiana ed europea sul Market abuse. Alla luce di tale normativa è stato avviato anche l adeguamento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, già adottato, attraverso l inserimento di un apposita parte speciale. 19

26 Brembo segue inoltre le regole, gli strumenti e le condotte descritte nel Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo coerente sia con le Linee Guida dei Modelli di Organizzazione, Gestione e Controllo di Confindustria, sia con le disposizioni contenute nei Decreti Legislativi 231/2001 (Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni) e 61/2002 (Disciplina degli illeciti penali e amministrativi riguardanti le società commerciali). Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo di Brembo Decreti Legislativi 231/01 e 61/02 Reati contro P.A. / Reati Societari / Market Abuse Attività Sensibili Procedure Speciali Sistema Sanzionatorio Organismo di Vigilanza 20

27 Il Sistema di Controllo Interno di Brembo, approvato dal Consiglio di Amministrazione, aderisce ai principi contenuti nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana attraverso l implementazione di un processo di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Sistema di Controllo Interno di Brembo C.d.A. A.D. - D.G. Comitato di Analisi e Prevenzione Rischi Comitato per il Controllo Interno Organismo di Vigilanza Preposto al Controllo Interno Collegio Sindacale Internal Auditors e Auditors ad Hoc* Società di Revisione Dipendenti * Soggetti selezionati di volta in volta per capacità professionali in base alle problematiche. 21

28 Il Consiglio di Amministrazione di Brembo S.p.A., nominato dall Assemblea del 29 aprile 2005 e in carica sino all Assemblea di approvazione del Bilancio d Esercizio 2007, è composto (alla data del 31 dicembre 2005) da undici Amministratori, dei quali quattro esecutivi, sei non esecutivi ed indipendenti e uno non esecutivo. Tutti i Consiglieri sono in possesso dei requisiti di onorabilità, professionalità e rispettabilità richiesti dal Codice Preda. Il 28 aprile 2006 il Consiglio di Amministrazione di Brembo S.p.A. ha conferito a Stefano Monetini, già Direttore Generale, anche l incarico di Amministratore Delegato. Incarichi dei singoli Consiglieri Nominativo Non esecutivo Indipendente Esecutivo N. altri incarichi Bombassei Alberto Presidente x 9 Biancardi Paolo x x 6 Bombassei Cristina x 1 Dallera Giancarlo x x 1 Dossena Giovanna x x 2 Gibellini Andrea x x 1 Monetini Stefano x 3 Nicodano Umberto x 5 Roma Giuseppe x x 2 Tiraboschi Matteo x 11 Tazartes Alberto (fino al ) x x 3 Cavallini Giovanni (dal ) x x 2 Segretario del Consiglio di Amministrazione è Bruno Saita. Al Direttore Generale, ai Direttori di Business Unit e ad alcuni Direttori Centrali regolarmente iscritti nel Registro delle Imprese di Bergamo, sono stati conferiti poteri limitati di ordinaria amministrazione connessi all espletamento delle rispettive funzioni. Il Collegio Sindacale è composto da Sergio Mazzoleni (presidente) e da Enrico Cervellera (sindaco effettivo), Andrea Puppo (sindaco effettivo), Mario Tagliaferri (sindaco supplente), Giuseppe Marangi (sindaco supplente). Partecipano inoltre alla governance aziendale, contribuendo a garantire rispetto delle norme e correttezza di comportamenti: il Comitato per il Controllo Interno (Giuseppe Roma, presidente, Giovanna Dossena e Andrea Gibellini), il Comitato per la Remunerazione (Umberto Nicodano, presidente, Paolo Biancardi e Giancarlo Dallera) l Organismo di Vigilanza (Giovanna Dossena, presidente, Giuseppe Roma e Umberto Simonelli). L incarico di Revisore Contabile è stato conferito alla società PricewaterhouseCoopers S.p.A. 22

29 Principali Azionisti di Brembo S.p.A. al 1 gennaio 2006 FourB s.a.s. 58,44% Wellington Management Company LLP 3,22% Powe Capital Management LLP 2,05% Non vi sono patti di sindacato o altri accordi tra gli azionisti. 23

30 Regno Unito

31 Il valore tangibile di Brembo

32

33 RISULTATI 2005 E PRINCIPALI INDICATORI Ricavi delle vendite e delle prestazioni Margine operativo lordo 678,2 711,6 110,9 111,8 milioni di euro milioni di euro R.O.I. Personale a fine periodo 18, ,9 percentuale numero Il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2005 è stato redatto per la prima volta in base ai principi contabili internazionali (IFRS). In precedenza, i Bilanci Consolidati del Gruppo erano conformi ai criteri della normativa italiana. 27

34 Risultati economici Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,9% Margine operativo lordo ,8% % sui ricavi 15,7% 16,4% Margine operativo netto ,8% % sui ricavi 10,3% 10,3% Utile prima delle imposte ,8% % sui ricavi 9,4% 9,6% Utile netto ,4% % sui ricavi 5,7% 5,8% Risultati patrimoniali Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Capitale netto investito ,1% Patrimonio netto ,8% Indebitamento finanziario netto ,2% Personale ed investimenti Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Personale a fine periodo (n unità) ,6% Fatturato per dipendente (in migliaia di euro) 163,4 170,7 4,3% Investimenti (in migliaia di euro) ,9% Principali indicatori Variazione % (in migliaia di euro) / 2004 Margine operativo lordo / Ricavi 15,7% 16,4% Margine operativo netto / Ricavi 10,3% 10,3% Risultato prima delle imposte / Ricavi 9,4% 9,6% Investimenti / Ricavi 13,5% 13,6% Indebitamento finanziario netto / Patrimonio netto 79,8% 70,7% Oneri finanziari / Ricavi 0,9% 0,6% Oneri finanziari / Margine operativo netto 8,6% 6,3% ROI 15,9% 18,9% ROE 17,3% 20,1% Cash flow (utile netto + amm.ti) (in migliaia di euro) ,9% Indice di copertura 17.7% 25.3% Capitalizzazione Enterprise Value / EBITDA

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand

Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand 80543940, Chris Graythen/Getty Images. Jimmie Johnson, driver of the #48 Lowe s Chevrolet, leads Kyle Busch, driver of the #18 Interstate Batteries

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003 I. M. A. INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE S. P. A. - SEDE: OZZANO DELL EMILIA (BOLOGNA) CAPITALE SOCIALE I.V. EURO

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli