IL CENTRO SPERIMENTALE PER L AUTISMO PRESSO L ASSOCIAZIONE ANNI VERDI DI ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CENTRO SPERIMENTALE PER L AUTISMO PRESSO L ASSOCIAZIONE ANNI VERDI DI ROMA"

Transcript

1 IL CENTRO SPERIMENTALE PER L AUTISMO PRESSO L ASSOCIAZIONE ANNI VERDI DI ROMA dr.ssa Nadia Volpe (psicologa, Responsabile Centro per l Autismo Anni Verdi, Roma)...io non riesco a pensare, il mio cervello non funziona, io non riesco a manovrarlo, da grande che lavoro farò... Ernesto II Centro Sperimentale per l'autismo è nato il 28 febbraio 1992, con lo scopo di occuparsi della cura e dell'intervento a favore di persone con una diagnosi di autismo e delle loro famiglie. Per "cura"non si intende "guarigione da una malattia", bensì "prendersi cura"dell'ambiente fisico e relazionale in cui la persona vive, in modo da contribuire al miglioramento della qualità della sua vita. Il Centro è una delle sedi dell'associazione Anni Verdi, che si occupa di assistenza e di riabilitazione di persone portatrici di handicap. L'Associazione Anni Verdi è nata a Roma, dall'evoluzione della Scuola Speciale Anni Verdi, operante dal Nell'83 è stata riconosciuta Ente Morale. E' convenzionata con la Regione Lazio per i servizi ambulatoriali, di degenza diurna ed a tempo pieno, ed effettua formazione e ricerca in collaborazione con l'università. Le attività del Centro Sperimentale per l'autismo iniziarono nel '92 a Ponte Galena con diciotto ragazzi, di cui metà aveva ricevuto una diagnosi di autismo, e l'altra metà presentava diagnosi differenti. Durante il primo anno di lavoro, le famiglie e gli operatori si mostrarono soddisfatti dell'intervento, ma accanto ai miglioramenti osservati, continuavano a verificarsi episodi problematici. Con il procedere del lavoro, diventava sempre più evidente che i bisogni dei ragazzi con autismo e quelli degli altri ragazzi differivano, e che la convivenza non portava ad un clima di reale benessere. La Presidenza dell'associazione, in accordo con il Comitato Scientifico, prese allora la decisione di modificare l'organizzazione del Centro. Venne richiesto a professionisti italiani di elaborare un nuovo progetto, che prevedesse interventi specifici per le sole persone con autismo, ed avesse un'impostazione sperimentale, in modo da consentire una verifica dopo un periodo di due anni. Vennero riuniti gli operatori e le famiglie e il progetto venne presentato pubblicamente. I ragazzi che non avrebbero usufruito positivamente dell'approccio specialistico per persone con autismo vennero accolti in altre strutture dell'associazione. L'organico del Centro subì modifiche sostanziali. Il progetto partì con alcuni incontri informativi e formativi con l'equipe dell'opleidingscentrum Autisme di Anversa. Da allora, il Centro si è avvalso della collaborazione e della supervisione di Theo Peeters e della sua équipe sulla cui esperienza decennale nell'intervento a favore delle persone con autismo ha fondato la propria impostazione operativa. Subito dopo un primo stage di formazione, il Centro cominciò a lavorare con l'approccio che segue tuttora.

2 L'impostazione operativa prende spunto dal programma di orientamento cognitivo e comportamentale sviluppato nel Nord Carolina negli anni '60, denominato T.E.A.C.C.H. (Treatment and Education of Autistic and Communication Handicapped Children). Tale programma si è evoluto in U.S.A. nel corso degli anni, e l'approccio si è arricchito di nuovi contributi adeguandosi anche alla realtà culturale europea. Attualmente, il Centro offre una serie di servizi rivolti a persone con diagnosi riconosciuta o sospetta di autismo, alle loro famiglie ed a coloro che vivono e lavorano a contatto con la realtà dell'autismo. I servizi comprendono intervento ambulatoriale e diurno, soggiorni terapeutici, attività informativa, formativa e di ricerca sulla sindrome autistica. Tutte le attività intraprese sono soggette a valutazione e verifica. Attualmente il Centro ospita circa novanta bambini nel Servizio Ambulatoriale, di età compresa fra i tre ed i quattordici anni, e quaranta persone con autismo nel Servizio Diurno, fra i quindici ed i trenta anni. Nei soggiorni estivi, sono state fino ad oggi ospitate circa duecento persone con Disturbo Generalizzato dello Sviluppo, in maggioranza con diagnosi di autismo. Nell'ultimo anno, il Centro è stato contattato da circa cento nuove famiglie. Il primo incontro II primo contatto con gli operatori del Centro è in genere telefonico: il Centro dispone di un numero verde, che consente sia alle famiglie, sia ad altri interessati (studenti, insegnanti, altri professionisti), di avere informazioni. Gran parte delle famiglie telefona, da Roma e da fuori Roma, per avere informazioni sulle attività del Centro oppure sull'esistenza di strutture specialistiche nella zona di residenza. Per un incontro, generalmente il Centro viene contattato da un genitore, più raramente da altri parenti di un bambino, di un adolescente o di un adulto con una diagnosi di autismo, oppure da insegnanti o da personale delle Aziende Sanitarie Locali. Per fissare un appuntamento in cui sia presente la persona con autismo, è necessario che la richiesta venga dai genitori, perché sarà poi fondamentale il rapporto di collaborazione con la famiglia. Il primo incontro si articola in un colloquio con i genitori ed in parallelo in un'osservazione del comportamento e delle abilità del bambino o del ragazzo. L'osservazione diretta viene svolta da due persone con una formazione specifica. Il primo osservatore si occupa della persona con autismo, mentre il secondo prepara i materiali, li modifica in relazione a quanto accade, prende appunti sull'andamento dell'osservazione. Vengono così osservati in maniera informale: la reazione al distacco dai genitori le relazioni affettive e sociali l'attività di gioco e l'interesse per gli oggetti La motivazione la comunicazione l'iniziativa l'orientamento agli stimoli e i tempi di attenzione sostenuta il comportamento di lavoro al tavolino eventuali comportamenti problematici

3 Se la persona osservata appare disponibile, l'osservatore gli propone attività di gioco a due, rispettando quelle che sembrano le sue preferenze. I bambini vengono accompagnati nella stanza del gioco libero avendo cura che sia una situazione particolarmente tranquilla. Se il bambino è piccolo o mostra difficoltà al distacco, viene chiesto ad uno dei genitori di stare nella stanza fino a quando appare necessario. Eventualmente il bambino può tornare a verificare la presenza dei genitori, che intanto effettuano il primo colloquio con una psicologa e con il medico. Le attività vengono proposte in modo parallelo o indiretto, ad esempio ci si siede e si gioca vicino al bambino senza rivolgersi direttamente a lui. Se si tratta di adolescenti o di adulti, l'osservazione comincia con attività motorie all'esterno del Centro. In seguito, se appare opportuno, vengono rivolte alla persona osservata richieste più strutturate, scelte in base ai comportamenti spontaneamente emessi da lui. Se il bambino o l'adolescente osservato prende iniziativa nella relazione, vengono proposti giochi o attività in cui sia possibile individuare le abilità sociali, comunicative ed immaginative: da attività con turnazioni fino al gioco più complesso con peluche o marionette. Vengono proposte anche attività motorie in percorsi strutturati; e sessioni di lavoro a tavolino in cui i compiti riguardano diverse aree dello sviluppo, e sono organizzati in ordine di difficoltà crescente. Ad esempio, se il ragazzo osservato ha giocato con le costruzioni mostrando spontaneamente la capacità di assemblarne i pezzi, viene invitato a rifarlo seduto al tavolino. Viene valutata la differenza fra i tempi di attenzione spontanea e di attenzione sostenuta su richiesta e la disponibilità al lavoro seduto al tavolo. Altre attività vengono inserite in relazione all'andamento dell'osservazione e della disponibilità del ragazzo: giochi di gruppo, canti, ascolto e produzione di suoni, piccola merenda. La comunicazione viene modulata su quello che sembra il livello di comprensione e di espressione del ragazzo e può avvalersi dell'uso di oggetti o eventualmente di pittogrammi che medino le richieste o le proposte di attività. Vengono osservati eventuali comportamenti problematici, con attenzione ai loro antecedenti. Prima della separazione si cerca di riprendere un'attività particolarmente piacevole per il ragazzo, e di portarla a termine insieme. L'osservazione dura circa un'ora - un'ora e mezza, ed a volte è possibile che venga richiesto un secondo incontro. Parallelamente all'osservazione del bambino o dell'adolescente, un medico ed una psicologa scambiano informazioni con i genitori, parlano con loro di cosa si aspettano dall'incontro, e su come può proseguire il rapporto, raccogliendo aspettative, desideri e preoccupazioni. Inoltre viene attuata una prima definizione del rapporto di collaborazione tra gli operatori del Centro e i genitori. La raccolta dei dati anamnestici, rappresenta sia un momento di rilevazione delle informazioni sullo sviluppo della persona e sulla storia familiare, sia un momento di accoglienza e di contenimento dei vissuti dei genitori rispetto alle difficoltà del figlio e di tutta la famiglia. I genitori, non solo costituiscono una fonte di informazioni essenziale sulle abilità e sul comportamento del bambino, ma hanno anche un ruolo come agenti attivi nello svolgimento del programma educativo da intraprendere in collaborazione con gli operatori specializzati. Al termine del colloquio, viene condivisa e resa esplicita la domanda della famiglia, e uno degli

4 osservatori parla brevemente con i genitori dell'osservazione appena conclusa, mentre l'altro rimane col bambino. I dati emersi all'osservazione vengono riportati con un linguaggio descrittivo in cui gli episodi sono riferiti come relativi al contesto ed al tempo di osservazione. Non vengono fatte interpretazioni o ipotesi diagnostiche, che necessitano di un'osservazione prolungata. Eventualmente, si concorda per l'inserimento del bambino nella lista d'attesa per il servizio richiesto. La valutazione L'attività di valutazione effettuata per i servizi ambulatoriale e diurno, comprende nel protocollo: colloqui con i familiari osservazione diretta valutazione sintomatologia valutazione normativa valutazione funzionale identificazione delle abilità emergenti e degli obiettivi dell'intervento Al termine della valutazione viene elaborata e rilasciata una relazione riassuntiva della diagnosi, del livello di sviluppo e delle potenzialità. Per la diagnosi, si fa riferimento ai criteri diagnostici del DSM IV, ed a volte, se già formulato in relazioni rilasciate precedentemente da altri Enti, ai criteri dell'lcd 10. Gli strumenti utilizzati per le valutazioni sono in linea con quelli utilizzati nel protocollo diagnostico internazionale I genitori vengono tenuti informati durante le valutazioni, in parte svolte con la loro collaborazione. Il lavoro di valutazione e definizione degli obiettivi dura in genere tre mesi. Al termine di questo periodo, viene effettuato un colloquio con i genitori e viene loro consegnato un resoconto scritto dettagliato del percorso valutativo e dell intervento psicoeducativo in atto. Parallelamente alla valutazione già descritta, viene seguito un approfondito protocollo diagnostico medico: Il Servizio Ambulatoriale II Servizio Ambulatoriale è rivolto a bambini e ragazzi fra 3 ed i 14 anni. Si tratta di bambini e ragazzi che vivono in famiglia, e sono inseriti nelle scuole pubbliche. I due o tre incontri a settimana hanno lo scopo iniziale di conoscere il bambino, e, dopo l'iniziale conoscenza, di imparare ad entrare in relazione con lui, a comunicare con lui e a lavorare insieme a lui, per poi scambiare queste acquisizioni con le persone importanti per la sua esistenza: con i genitori e con gli insegnanti essenzialmente, ma anche con i fratelli, con i nonni, con gli altri operatori che lo seguono. Vengono trattati al Centro complessivamente dieci bambini nell'arco di ogni ora di terapia. Dal momento dell'inserimento, vengono effettuate le valutazioni diagnostiche, funzionali e normative, e proposti trattamenti che, attraverso una strutturazione dello spazio ed una chiarificazione delle richieste, mirano allo sviluppo di abilità di base, comunicative, cognitive e psicomotorie, prerequisiti essenziali al cammino verso l'autonomia personale. Durante la terapia vengono alternate attività di lavoro, di gioco o di tempo libero, attività motorie, attività relative alle autonomie personali. Gli obiettivi, scelti fra le abilità risultate emergenti dalla

5 valutazione, vengono discussi con i genitori. La terapia è svolta da psicologi, con una formazione specifica. Il rapporto numerico previsto fra psicologi e bambini è di uno a uno. Gli psicologi svolgono il loro intervento anche attraverso attività parallele alla terapia, partecipando ai Gruppi di Lavoro (GLH) a scuola ed a altre speciali iniziative nelle scuole dei bambini, su richiesta della Aziende Sanitarie Locali.o delle Direzioni Scolastiche. Effettuano, ad esempio, attività di sensibilizzazione rivolte al corpo docente della Scuola, ai compagni di classe del bambino, o ai genitori di questi. Gli assistenti domiciliari, gli insegnanti, i genitori e quanti si occupano del bambino possono assistere alla terapia ed incontrare in colloqui formali ed informali il terapista, per programmare una modalità di intervento coerente. Periodicamente, viene rilasciata una relazione dettagliata, con anamnesi, diagnosi, osservazione informale, valutazione normativa e funzionale, definizione degli obiettivi e descrizione dell'intervento. Il Servizio Diurno II Servizio Diurno, aperto dalle 8.30 alle 16.00, dal Lunedì al Venerdì e dalle 8.30 alle del Sabato, accoglie trenta persone fra adolescenti e adulti con una diagnosi di disturbo generalizzato dello sviluppo prevalentemente di tipo autistico. Gli ospiti del Servizio sono in genere ragazzi che hanno terminato il loro percorso scolastico, e che continuano a vivere in famiglia. I programmi di intervento del Servizio Diurno sono volti all'incremento delle capacità comunicative, relazionali e di vita indipendente. La filosofia dell'intervento si fonda sull'idea di mettere in grado i ragazzi di raggiungere la massima autonomia possibile: l'ambiente è strutturato in modo che tutte le richieste e le attività siano chiarificate da un punto di vista visivo. Nella giornata dei ragazzi sono comprese attività di cura della persona e di gestione degli ambienti di vita, con la colazione ed il pranzo, attività di tipo cognitivo e motorio, attività espressive, gite ed uscite sul territorio, per alcuni, palestra, e per sette di loro, un impegno di tipo prelavorativo in situazioni protette. Il Centro è dotato di tre pulmini e di un'automobile, ed è attivo un servizio di trasporto che consente di accompagnare i ragazzi da casa al Centro e viceversa. Per tutti gli utenti viene utilizzato il protocollo diagnostico, con una rilevazione giornaliera delle abilità di lavoro a tavolino, e con una verifica periodica. Gli obiettivi vengono selezionati fra le abilità che risultano emergenti, ovvero riguardano quelle attività per cui il ragazzo ha bisogno di aiuto, che non sono del tutto acquisite, ne del tutto assenti, che rientrano nel progetto del Servizio. Il medico del Centro valuta con le famiglie e programma l'esecuzione delle consulenze specialistiche (visite odontoiatriche, registrazioni elettroencefalografiche, analisi genetiche, ecc.). I bambini in età scolare vengono seguiti presso la Scuola pubblica con programmi speciali che prevedono un inserimento parziale in accordo con i dirigenti scolastici. Vengono accompagnati da alcuni operatori del Centro a Scuola, e qui effettuano quella che può definirsi un'integrazione "inversa", svolgendo solo alcune attività - ad esempio educazione musicale ed educazione motoria - con un piccolo gruppo di compagni di classe. I genitori dei compagni di classe vengono coinvolti, insieme a tutto il personale scolastico, in incontri informativi. Anche la classe viene preparata ad accogliere questi compagni "speciali" con incontri informativi

6 e di discussione, in cui vengono mostrate videoregistrazioni di esperienze analoghe. In seguito l'esperienza viene elaborata sia nei gruppi di lavoro degli adulti coinvolti, sia in incontri con la classe. Il Centro è dotato di un laboratorio interno, che produce oggetti che verranno utilizzati nelle attività. Viene portato avanti anche un progetto di inserimento lavorativo esterno, attualmente in condizioni protette e per un numero limitato di ragazzi: un gruppo di ragazzi effettua, da alcuni anni, presso una casa editrice attività di lavoro che consistono nel sistemare libri sugli scaffali o nelle scatole per le spedizioni, timbrare le copie, fare fotocopie, sistemare il magazzino, imbustare lettere, ed altro. Per un ragazzo è stato avviato l'inserimento presso un magazzino che effettua vendita all'ingrosso di frutta. Gli operatori del Servizio mantengono i rapporti con i familiari, ricevendoli periodicamente per informarli sulle attività. Coloro che si occupano all'esterno dei ragazzi inseriti, ad esempio gli assistenti domiciliari, hanno la possibilità di osservare direttamente il lavoro effettuato. I soggiorni estivi I soggiorni vengono effettuati in hotel o in un villaggio residenziale, in località marine o montane che consentano di effettuare escursioni e gite nei paesi vicini, e mirano a produrre un cambiamento positivo nella qualità della vita delle persone con autismo e dei loro familiari, attraverso una valutazione specifica, un intervento individualizzato, l'adozione di modalità di relazione e di comunicazione specifiche per ogni persona con autismo presa in carico; ed attraverso un sostegno ai familiari e un aiuto concreto alla conduzione del ménage familiare. In particolare per i primi allontanamenti dall'ambiente familiare, l'obiettivo fondamentale del lavoro è legato alla capacità di distacco del bambino dai genitori, alla creazione di una buona relazione con l'adulto di riferimento ai soggiorni, e all'apertura di questa relazione agli altri adulti presenti. Il rapporto fra operatori ed utenti è di uno a uno per la maggior parte dei casi. Le attività sono quelle che ci si aspetta da ogni vacanza per ragazzi, che vengono effettuate senza perdere di vista gli obiettivi educativi; piscina, mare, escursioni, maneggio, gite; attività di autonomia e gestione del luogo di vita; brevi e quotidiane sessioni di lavoro al tavolino, e attività motorie; gioco e tempo libero, discoteca, pizzeria... Un ruolo importante rivestono le escursioni - che vengono proposte su particolari percorsi in collina e in montagna, con difficoltà e lunghezza crescenti - e il lavoro in acqua, svolto sia al mare che in piscina. Il lavoro a tavolino ha un obiettivo valutativo, di orientamento attentavo, e di mantenimento di abilità apprese, più che di insegnamento di nuove abilità. Tutte le attività della vita quotidiana e legate alla comunicazione, assumono grande rilievo. Importante è anche il gioco per i bambini, e il tempo libero per i ragazzi, per i quali viene fatto un intervento specifico. Nell'arco di ogni soggiorno, vengono effettuate, l'osservazione diretta non strutturata ed una valutazione funzionale. Vengono realizzate anche videoregistrazioni delle attività dei gruppi. È condizione per l'inserimento di un ragazzo che i suoi genitori siano motivati e disposti a collaborare. Le informazioni date dai genitori risultano essenziali per preparare un buon inserimento. In

7 particolare, per i bambini al primo soggiorno, viene richiesto ai familiari di fornire quante più informazioni possano contribuire al benessere del bambino lontano da casa: vi è la necessità di capire cosa desidera, come comunica, come "funziona" un bambino che, per definizione diagnostica, trova difficoltà a mettere l'adulto al corrente, da solo, di tutto questo. In base a quanto i genitori raccontano, viene chiesto loro di dotare il bambino di oggetti e giochi familiari e tranquillizzanti. Si cerca di far conoscere l'operatore ai genitori, di cui si ascoltano le aspettative, i desideri, le paure. Viene organizzata generalmente una riunione dove i genitori possono conoscersi fra loro, fare domande, parlare della propria esperienza, e vedere le videoregistrazioni dei soggiorni precedenti. All'inizio del soggiorno, l'accoglienza in hotel o al villaggio avviene in presenza dei genitori, che vedono la sistemazione, e, nel caso dei bambini, aiutano l'operatore a collocare abiti e giocattoli nella stanza. Dopo la prima settimana, si prevedono visite concordate, in cui la persona con autismo sarà con i suoi genitori, con i fratelli e con le sorelle, o con i nonni, per pranzare, andare in spiaggia... I genitori possono avere colloqui diretti con il personale durante lo svolgimento del soggiorno. L'assenza della persona con autismo da casa provoca in genere grandi cambiamenti in famiglia, e di questo deve essere possibile parlare. Al termine del soggiorno, viene fatto un colloquio di restituzione con i genitori in cui viene letta o riassunta la relazione che verrà successivamente consegnata, viene riassunta la valutazione, viene fatto un consuntivo dell'esperienza, e vengono dati alcuni suggerimenti pratici ai familiari. Viene poi rilasciata, su richiesta dei familiari, una relazione scritta che può aiutare genitori ed insegnanti nel rapporto con il ragazzo nel periodo successivo al soggiorno. La ricerca Le attività del Centro rientrano in un progetto di ricerca che mira a valutare l'efficacia degli interventi effettuati e ad identificare eventuali patologie associate ai sintomi dell'autismo. L'inquadramento normativo, funzionale e diagnostico, l'esecuzione di indagini strumentali e di laboratorio, gli esami neurofisiologici e neuroradiologici effettuati per i ragazzi, forniscono dati preziosi, che è possibile comparare nel tempo. La raccolta dei dati di tipo medico viene effettuata con l'aiuto della Cattedra di Neuropsichiatria dell'università di Roma Tor Vergata, prof. Curatolo, mentre altre Facoltà collaborano per ricerche tematiche. I risultati delle attività sperimentali vengono presentati in incontri e convegni nazionali ed internazionali sull'argomento. L'attività di volontariato II Centro Sperimentale per l'autismo si avvale di un servizio di volontariato formato. I volontari possono fornire un aiuto prezioso agli operatori professionali ed alle famiglie, soprattutto per quanto riguarda lo sport, il gioco, il tempo libero, l'integrazione nella comunità, tutte attività per le quali le persone con autismo potrebbero avere particolari difficoltà, ed hanno necessità di un aiuto informale. Le persone con autismo, come conseguenza delle difficoltà di comunicazione, frequentemente non sviluppano relazioni informali con gli altri, ma poiché sono considerate spesso "affascinanti", molte persone si interessano a loro. Questo è per molti versi estremamente positivo, ma pone anche

8 dei problemi. Il Centro organizza corsi di formazione dedicati ai volontari, e gruppi di discussione in cui i volontari con maggior esperienza aiutano i nuovi arrivati a rendere esplicite le loro motivazioni ed a mantenere un equilibrio nel coinvolgimento con le persone con autismo e con le loro famiglie. Si ritiene che il volontariato a favore delle persone con autismo non possa essere svolto in solitudine, ma debba avere alle spalle una solida organizzazione di supporto. Il volontario deve essere pronto al confronto con il gruppo, che deve fornire aiuto e comprensione e deve essere in grado anche di fornire vicendevole supervisione, mettendo in discussione, in maniera criticamente positiva, il proprio operato. Il volontario, quindi, deve essere un "professionista dell'aiuto", non solo nei confronti delle persone con autismo, ma anche dei colleghi, e, non ultimo, di sé stesso: deve essere in grado di valutare i propri limiti e le proprie capacità. Le attività di volontariato comprendono tutte quelle svolte dagli operatori dipendenti dal Centro, ma, spesso, i volontari lavorano su progetti particolari, come l'inserimento scolastico, il gioco, il tempo libero, le escursioni, l'inserimento lavorativo, fornendo un supporto di importanza fondamentale per gli operatori, e intrecciando preziose relazioni con i ragazzi con autismo. La formazione Nel Centro viene svolta la supervisione di tirocini per educatori, assistenti domiciliari, e per psicologi, in convenzione con numerose università di Roma. Sono previsti periodici incontri di aggiornamento e di confronto per il personale interno e per i volontari. L'equipé del Centro organizza attività formative teoriche rivolte a scuole o organizzazioni specialistiche, per diffondere le conoscenze sull'autismo, e stage pratici in cui si possono apprendere modalità specifiche di relazione con le persone con autismo. Vengono organizzati periodici incontri con le famiglie. Coloro che si occupano professionalmente delle persone con autismo possono effettuare visite guidate al Centro e prendere visione di materiale bibliografico. II futuro Siamo tutti diversi tra noi, alcuni di noi sono più diversi di altri. Questa diversità va riconosciuta, rispettata e protetta, come vanno riconosciuti e rispettati i diritti che ci rendono tutti indistintamente uguali. Rispettare la diversità - non solo della persona con autismo - significa riconoscere che quello che piace a me può non piacere agli altri. Potrebbe non piacere a questo bambino che ho di fronte a me, che è, come me, un individuo unico e irripetibile. Cercare di condividere i problemi di una famiglia senza avere vissuto la sua esperienza, pensare con una mente diversa, prevedere un futuro per qualcuno che è profondamente diverso, vedere la diversità come ricchezza, e la crisi come risorsa: questa è la sfida. Cresce l'accordo sui criteri per la diagnosi di autismo, in Italia si diffonde una cultura "in autismo", le famiglie sono sempre più attive e sempre più numerosi i Centri che creano spazi specializzati. Ma anche le richieste che arrivano al nostro piccolo Centro sono sempre più numerose. Il rischio è quello di non riuscire a far fronte a tutte, soprattutto per i bambini piccoli che hanno appena ricevuto una diagnosi oppure per i quali c'è un sospetto di autismo. La prospettiva è quella

9 di organizzare delle settimane residenziali con le famiglie, per offrire un supporto reale anche a quanti vengono da lontano, per discutere dell'intervento e per provare insieme, e per restituire, nella maniera più efficace possibile, competenze alla famiglia. Ma la domanda è: quale futuro, anche per i ragazzi già presenti al Centro? In questi anni alcuni di loro sono diventati adulti. Come tutti gli adulti dovrebbero trovare un posto in una casa, un lavoro, attività di svago. Non è facile. Oggi i nostri ragazzi fanno piccoli lavori, vanno in palestra, in pizzeria, da Mc Donald's. Stiamo lavorando per incrementare queste attività, ma potremo aiutarli a raggiungere la massima indipendenza, e a ricevere il rispetto che la loro diversità richiede? Perché questo accada, è necessaria una volontà collettiva, consapevolezza e condivisione culturale. Sappiamo di non essere soli.

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè

CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè PREMESSA Il Centro nasce nel 2006, grazie al lavoro coordinato, iniziato nel 2004, tra l Associazione Onlus Una casa

Dettagli

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso!

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso! CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile Titolo del progetto: Con te posso! Settore di intervento del progetto: Area di intervento generale. Settore educazione e promozione culturale. Il

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi ARPA Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l'autismo Viadel~herino,90 00193 Roma Te!. 06 6280728-06 66165298 PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI Contesto Sociale

Dettagli

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA 2012 PREMESSA Il disturbo generalizzato dello sviluppo è una complessa disabilità dello sviluppo che compare tipicamente durante i primi tre anni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. I valori etici di riferimento. Indice

CARTA DEI SERVIZI. I valori etici di riferimento. Indice CARTA DEI SERVIZI Indice I valori etici di riferimento La mission Il Centro Casadasè I destinatari del servizio Il progetto del Centro Casadasè L approccio metodologico e le aree di intervento I servizi

Dettagli

Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico

Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico Dott.ssa G. Pozio Centro per i Disturbi Pervasivi dello

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

UNO SGUARDO OLTRE LA SCUOLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E PROGETTO DI VITA

UNO SGUARDO OLTRE LA SCUOLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E PROGETTO DI VITA ENTE DI APPARTENENZA ASSOCIAZIONI Coinvolgimento prima e durante l esperienza Riflessione sull esperienza Collegamenti con realtà vissuta Scoperta di nuovi bisogni e nuove opportunità Possibilità di provare

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Dott.ssa Lorenza Fontana

Dott.ssa Lorenza Fontana Dott.ssa Lorenza Fontana Nonostante l aula fosse il posto più tranquillo della scuola, continuavo ad avere difficoltà ad ascoltare la maestra. Scivolavo in me stessa, mi dissolvevo e me ne andavo. Mi cambiarono

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Centro per l apprendimento e la famiglia

Centro per l apprendimento e la famiglia Centro per l apprendimento e la famiglia Carta dei Servizi per l anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Vai G. B. Moroni, 6 24066 Pedrengo (Bg) tel. 035657351 Centro per l Apprendimento e a

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv)

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) CENTRO DIURNO SPERIMENTALE PER PERSONE CON AUTISMO ADOLESCENTI E ADULTE: UN PROGETTO PER PERCORSI DI CRESCITA Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) Presupposti teorici

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

AREA AUTISMO Carta dei servizi

AREA AUTISMO Carta dei servizi AREA AUTISMO Carta dei servizi La cooperativa sociale MOMO, ha attiva una specifica Area Autismo, attraverso la quale eroga interventi rivolti a famiglie e soggetti affetti da Autismo e altri Disturbi

Dettagli

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile Parlare della Diagnosi Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile Sarà Autismo? Il sospetto della diagnosi a volte nasce a scuola: Nelle situazioni a basso funzionamento o con gravi problemi di comportamento

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSI - AREA FAMIGLIA PROGETTO PINOCCHIO ATTIVITA' PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL BAMBINO IN ETA' PRESCOLARE

DIPARTIMENTO ASSI - AREA FAMIGLIA PROGETTO PINOCCHIO ATTIVITA' PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL BAMBINO IN ETA' PRESCOLARE DIPARTIMENTO ASSI - AREA FAMIGLIA PROGETTO PINOCCHIO ATTIVITA' PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL BAMBINO IN ETA' PRESCOLARE A cura dei consultori familiari di Breno, Darfo B.T., Edolo in collaborazione

Dettagli

Presentazione UILDM VERONA ONLUS Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare. Sede di Verona Sede staccata di Cerea

Presentazione UILDM VERONA ONLUS Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare. Sede di Verona Sede staccata di Cerea Presentazione Sede di Verona Sede staccata di Cerea Presentazione Presentazione Missione Presentazione UILDM Verona é un'organizzazione di Volontariato iscritta al Registro Regionale del Volontariato VR0059.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi di Milano. E' presieduto

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Tolmezzo 09 Settembre 2011 TECNICI (NEUROPSICHIATRI, PSICOLOGI, LOGOPEDISTI INSEGNANTI DI OGNI ORDINE E GRADO GENITORI E DISLESSICI ADULTI Sensibilizzare il mondo

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Da insegnante a insegnante: azioni di supporto e consulenza per le scuole in rete L'esperienza dello Sportello Autismo di Vicenza

Da insegnante a insegnante: azioni di supporto e consulenza per le scuole in rete L'esperienza dello Sportello Autismo di Vicenza Da insegnante a insegnante: azioni di supporto e consulenza per le scuole in rete L'esperienza dello Sportello Autismo di Vicenza Pescara - 22 maggio 2015 Flavio Fogarolo Sportello Provinciale Autismo

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico. Pescara, 27.02.2014

Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico. Pescara, 27.02.2014 Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico Pescara, 27.02.2014 16 bambini Ogni bambino ha una terapista di riferimento ed effettua 6 ore di trattamento

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

CURRICULUM VITAE GJOKA LUCIE

CURRICULUM VITAE GJOKA LUCIE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GJOKA LUCIE via Famiano Strada 8, scala B, interni 1, Roma, Italia Telefono 3496572236 E-mail gjokalucia@yahoo.it Posizione ricoperta Psicologa, P.IVA:

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. IL GRANELLO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Via Amalteo, 74-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra disabilità intellettiva, attraverso la proposta di

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROGETTO A.S. 2011-2012 / 2012-2013

PROGETTO A.S. 2011-2012 / 2012-2013 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO Via F.lli De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia) ; Tel. 030.9038250 Fax 030.9068974 codice ministeriale BSIC89600Q - C.F.

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Anno scolastico 2013-14 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI L educatore è impegnato sì ad esplorare il volto dell altro, la sua domanda di umanità, di infinito, ma il riscontro di questa esplorazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Servizi Educativo Riabilitativi e Sanitari

Servizi Educativo Riabilitativi e Sanitari Edificio 1 Servizi Educativo Riabilitativi e Sanitari rea ricerca Uffici Sala multiuso ccoglienza F G H D E C ule e Laboratori mbulatorio prove visive mbulatori mbulatorio prove audiometriche Edificio

Dettagli

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS I SERVIZI A.G.S.A.T. - Anna Folgarait - 1 Associazione Genitori Un servizio che nasce dal bisogno di molte famiglie di trovare

Dettagli

Le sfide della ricerca didattica sull autismo

Le sfide della ricerca didattica sull autismo Le sfide della ricerca didattica sull autismo Antonella Valenti Dipartimento di Studi Umanistici Università della Calabria (Cosenza) Da dove vengono le spiegazioni degli insegnanti? Come decidono cosa

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti Nido e scuola infanzia condividono un idea e insieme costruiscono un progetto educativo e lo assumono

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI La Comunità Educativa Casa Carolina Miolli si dispone all accoglienza dei minori momentaneamente fuori dalla famiglia o che si trovano in stato di abbandono. I minori vengono

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

PROGETTO DI TERAPIA CON IL MEZZO DEL CAVALLO

PROGETTO DI TERAPIA CON IL MEZZO DEL CAVALLO COMUNITA' MONTANA DEL SEBINO in collaborazione con ASL Brescia Distretto s.s. n. 5 Sebino Azienda Ospedaliera Mellino Mellini - Neuropsichiatria Infantile di Iseo PROGETTO DI TERAPIA CON IL MEZZO DEL CAVALLO

Dettagli

PROGETTO HOME AUTISMO

PROGETTO HOME AUTISMO CITTA DI CLUSONE Provincia di Bergamo Assessorato Politiche Sociali PROGETTO HOME AUTISMO Anno 2006 PREMESSA La tematica della disabilità nel territorio è articolata e trova diversificate risposte in molteplici

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

Centro Polifunzionale per Adolescenti ed Adulti con Autismo ed altre Disabilità

Centro Polifunzionale per Adolescenti ed Adulti con Autismo ed altre Disabilità Quando i nostri figli saranno grandi e noi genitori non ci saremo più che ne sarà di loro? Che cosa faranno quando saranno uomini e non potranno più suscitare in nessuno quella tenerezza che sgorga spontanea,

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro L esigibilità dei servizi alla persona disabile in tempi di crisi Palazzo Valentini Roma 28 Ottobre 2011 L autismo è un disturbo neurobiologico

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Norme generali Norme specifiche L autonomia delle istituzioni scolastiche ègaranzia di libertàdi insegnamento

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO LINEE GUIDA DISABILITÀ ALLEGATO 3 IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO 1. DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli