Quale futuro per il WELFARE locale?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale futuro per il WELFARE locale?"

Transcript

1 Quale futuro per il WELFARE locale? Il disagio abitativo: come affrontarlo Biella, 15 novembre 2013 Intervento a cura di : Germana Romano Dirigente dei Servizi Sociali Comune di Biella

2 Cos è il disagio abitativo Il Disagio Abitativo è un fenomeno multidimensionale che fa riferimento sia a condizioni di deficit qualitativo degli alloggi, sia a quelle dimensioni della vita delle persone che condizionano l'accesso alla casa e che comprendono la condizione familiare, economica, lavorativa e abitativa.

3 Cosa determina il disagio abitativo I principali fattori che concorrono a creare disagio abitativo sono sostanzialmente tre: le caratteristiche fisiche proprie dell'alloggio quali la superficie pro-capite, la dotazione di servizi e impianti di vario tipo, l'idoneità abitativa dell'alloggio stesso; la condizione sociale di chi si confronta con il problema dell'accesso alla casa: giovani coppie, giovani soli, separati, disoccupati, migranti, famiglie numerose, anziani, sfrattati, studenti universitari fuori sede; i costi abitativi legati all'andamento dei canoni di affitto e la loro incidenza sui redditi.

4 Cosa legittima il Servizio sociale ad occuparsi di disagio abitativo: La dichiarazione universale dei diritti dell uomo del 1941 all art così recita: ognuno ha diritto ad un livello di vita adeguato alla salute e al benessere personale e della sua famiglia, incluso il cibo, l abbigliamento, l alloggio e le cure mediche.. Presupposto all intervento del Servizio sociale dunque è il diritto della persona all assistenza sociale e abitativa, volte a garantire un assistenza dignitosa a chi non dispone di risorse sufficienti secondo le modalità stabilite dal diritto comunitario e dalle legislazioni e prassi nazionali

5 Di quali strumenti dispone l ente locale? Lo strumento più utilizzato è il ricorso al patrimonio di edilizia sociale. La materia è regolata da legge regionale e le modalità di accesso sono molto strutturate rispetto ai requisiti e rispetto alle percentuali di assegnazione su base annua In particolare un comune ad alta intensità abitativa può assegnare il 50% degli alloggi che si rendono disponibili su base annua per emergenza abitativa.

6 L emergenza abitativa ai sensi della L.R. 3/2010 L Emergenza abitativa è declinata dalla legge in 5 fattispecie: Procedure di sfratto esecutivo, trasferimento conseguente a pignoramento, rilascio abitazione coniugale a seguito sentenza assegnazione all altro coniuge Ordinanza di sgombero in conseguenza eventi calamitosi che lo rendano inutilizzabile Alloggio dichiarato non idoneo all abitazione dalla competente ASL Profughi e rifugiati Ospiti da almeno 3 mesi di dormitori pubblici o altra struttura alloggiativa procurata a titolo temporaneo dall assistenza pubblica

7 Alcuni dati. Dal 2010 ad oggi sono stati assegnati 237 alloggi di edilizia sociale di cui 114 per emergenza abitativa Il patrimonio di edilizia sociale nella città di Biella dal 2010 ad oggi è passato da n. 997 unità a 1056 All ultimo bando generale (2010) per l assegnazione di alloggi di edilizia sociale sono risultati idonei 333 concorrenti. Ad oggi sono stati assegnati n. 64 alloggi (53 hanno rinunciato)

8 Iniziative non codificate per fronteggiare l emergenza abitativa Il Comune di Biella ha sperimentato la possibilità di sostenere alcuni nuclei sottoposti a sfratto, attraverso l aiuto nel pagamento di una caparra per l affitto di un nuovo alloggio sul mercato privato, magari ad un prezzo più sostenibile ed in zone più periferiche. La Caparra in generale consiste in 2 o 3 mensilità più una quarta di provvigione. Questo sistema ha permesso a diverse famiglie, con scarsa capacità di spesa, di recuperare l autonomia abitativa in tempi più o meno brevi

9 Iniziative non codificate per fronteggiare l emergenza abitativa Nel 2011, il Comune di Biella ha iniziato a sperimentare con il Santuario di Oropa, attraverso apposita convenzione, una modalità di accoglienza temporanea rivolta ad alcuni nuclei sottoposti a sfratto esecutivo, nel mercato privato, sconosciuti in tutto o in parte ai Servizi, privi di reti familiari o amicali. Le unità abitative messe a disposizione consistono in 5 camere dotate di servizi esterni in comune (bagno e cucina), in grado di ospitare contemporaneamente 10 persone. Questa modalità di accoglienza emergenziale ha consentito ad alcuni nuclei di affrontare il disagio abitativo e con il supporto dei Servizi di risolverlo in tempi medio/brevi

10 Iniziative non codificate per fronteggiare l emergenza abitativa Il Comune di Biella ha emesso 2 bandi speciali (1 nel 2011 ed 1 nel 2013) rivolti a particolari categorie di utenza in situazione di debolezza sociale e non attrezzate per fronteggiare l emergenza abitativa: separati, ragazze madri, ultrasessantacinquenni, giovani coppie

11 Il Piano di zona quale luogo/strumento nuovo per fronteggiare l emergenza abitativa Il Consorzio Iris, di cui il Comune di Biella fa parte, nell ambito del Tavolo adulti del Piano di Zona ha promosso un Laboratorio dedicato alla riduzione dei danni derivanti dagli sfratti. Si è partiti dalla strutturazione di un analisi condivisa della situazione territoriale (bisogni, criticità, risorse), per poi individuare gli interventi necessari e gli interventi realizzabili nel Piano di Zona, esplicitandone le modalità di realizzazione.

12 Tra gli interventi necessari è stato rilevato il bisogno di: Iniziative di sensibilizzazione e informazione per intercettare precocemente gli inquilini in difficoltà (prima che la morosità diventi eccessiva) e per offrire supporto nei percorsi; Offerta di servizi di mediazione tra inquilini e proprietari; Attivazione di interventi di sostegno economico e sociale per il superamento della morosità, della difficoltà economico e/o se necessario - il reperimento di una soluzione abitativa più sostenibile;

13 Gli interventi realizzati finora tramite il PdZ sono stati: Predisposizione di 3 pieghevoli con informazioni sull iter della procedura di sfratto, sull iter di accesso case popolari e alle assegnazioni di emergenza, sui diritti e doveri dell inquilino; Mappatura della rete dei servizi/dei soggetti potenzialmente coinvolgibili nell azione di informazione e sensibilizzazione di inquilini e proprietari Individuazione di una modalità operativa condivisa per la rilevazione delle buone prassi di gestione integrata (tra servizi e terzo settore) di situazioni di disagio abitativo

14 Riflessioni Il sistema pubblico tradizionale è ancora legato a schemi di intervento che escludono da ogni provvedimento di sostegno le fasce intermedie per le quali, le condizioni reddituali, non consentono una equiparazione alle fasce sociali deboli per le quali sono state pensate e volute le case popolari Il sistema degli Enti locali deve trovare forme di intervento più incisive nella ridefinizione del ruolo delle politiche pubbliche del settore abitativo (maggiore connessione con edilizia pubblica e privata) Occorre dunque costruire politiche e non semplicemente fare interventi

L EMERGENZA ABITATIVA A PISA. Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative

L EMERGENZA ABITATIVA A PISA. Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative L EMERGENZA ABITATIVA A PISA Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative IL COMUNE DI PISA IN CIFRE La popolazione del Comune di Pisa continua a aumentare nel 2010 gli abitanti sono 88.217

Dettagli

Città di Cuorgnè Provincia di Torino

Città di Cuorgnè Provincia di Torino Città di Cuorgnè Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRATIVO Servizio alla Persona I.C.T. REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con deliberazione

Dettagli

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE, ANNO 2017

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE, ANNO 2017 LINEA INTERVENTO [aprile 2017 dicembre 2018] INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE, ANNO 2017 (GIUNTA REGIONALE LOMBARDA DELIBERAZIONE N

Dettagli

LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE

LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE arch. STEFANIA FALLETTI Osservatorio Sistema Insediativo Residenziale Città Metropolitana di Torino Membro ANCI commissione regionale assegnazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU40S1 06/10/2011 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 4 ottobre 2011, n. 10/R. Regolamento regionale recante: Regolamento dei punteggi, in attuazione dell articolo 8, comma 1,

Dettagli

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Perché un agenzia per la casa? Obiettivo di mandato: un piano straordinario contro il disagio abitativo da realizzarsi con la collaborazione di tutte

Dettagli

13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F Novembre 2015

13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F Novembre 2015 1 13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F. 1995-2015 6-7 Novembre 2015 Milano SOSTENGO INTERVENTI ECONOMICI A FAVORE DEI CONIUGI

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA COMUNE DI LIVORNO FERRARIS PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11/2014 INDICE TITOLO

Dettagli

BANDO PUBBLICO. Articolo 1 Soggetto proponente

BANDO PUBBLICO. Articolo 1 Soggetto proponente BANDO PUBBLICO Interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa e al mantenimento dell alloggio in locazione - Anno 2017, in attuazione della Deliberazione N X/ 6465 del 10/04/2017 Articolo 1

Dettagli

Per chi non ha una casa

Per chi non ha una casa Per chi non ha una casa Una risposta temporanea al bisogno di abitazione di persone o famiglie senza casa. Descrizione: Il Servizio Alloggiativo è una risposta temporanea al bisogno di abitazione di persone

Dettagli

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del 13.09.2017 Interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa e al mantenimento dell alloggio in locazione - anno 2017, in attuazione

Dettagli

Piano di intervento per il sostegno abitativo

Piano di intervento per il sostegno abitativo Piano di intervento per il sostegno abitativo Conferenza stampa 23 maggio 2014 La Delibera approvata ieri dalla Giunta capitolina dà il via libera al nuovo Piano di intervento per il sostegno abitativo

Dettagli

TAVOLO WELFARE Focus sulle misure a sostegno dell abitare

TAVOLO WELFARE Focus sulle misure a sostegno dell abitare TAVOLO WELFARE Focus sulle misure a sostegno dell abitare La manovra di Bilancio 2017 rafforza l azione prevista sul Welfare confermando gli impegni assunti con il Patto per la Crescita anche sul fronte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA E PER L ACCESSO A LOCARE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA E PER L ACCESSO A LOCARE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA E PER L ACCESSO A LOCARE TITOLO I REQUISITI GENERALI PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE ART. 1 REQUISITI

Dettagli

IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ

IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ IL WELFARE PER GLI ANZIANI LA FAMIGLIA E I MINORI LE PERSONE VULNERABILI LE TUTELE PER LE DISABILITÀ LE POLITICHE

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA DIREZIONE PIANIFICAZIONE ATTUATIVA, EDILIZIA PRIVATA, TUTELA DELL AMBIENTE PATRIMONIO, SPORT E TEMPO LIBERO SPORTELLO CASA

CITTA DI ALESSANDRIA DIREZIONE PIANIFICAZIONE ATTUATIVA, EDILIZIA PRIVATA, TUTELA DELL AMBIENTE PATRIMONIO, SPORT E TEMPO LIBERO SPORTELLO CASA CITTA DI ALESSANDRIA DIREZIONE PIANIFICAZIONE ATTUATIVA, EDILIZIA PRIVATA, TUTELA DELL AMBIENTE PATRIMONIO, SPORT E TEMPO LIBERO SPORTELLO CASA DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI

Dettagli

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione.

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione. BANDO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AZIONI VOLTE AL SOSTEGNO DEL MANTENIMENTO DELL ABITAZIONE IN LOCAZIONE D.G.R. 6465/2017 - ANNO 2017 Premessa La

Dettagli

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione.

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione. BANDO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AZIONI VOLTE AL SOSTEGNO DEL MANTENIMENTO DELL ABITAZIONE IN LOCAZIONE D.G.R. 6465/2017 - ANNO 2017 Premessa La

Dettagli

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 AMBITO TERRITORIALE ROMANO DI LOMBARDIA INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE E AL MANTENIMENTO 1. Premessa La legge Regionale

Dettagli

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE?

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE? CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? Il Decreto Legge n. 102 del 31 agosto 2013 - convertito nella legge n. 124 del 28 ottobre 2013 - ha istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dettagli

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del 13.09.2017 Interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa e al mantenimento dell alloggio in locazione - anno 2017, in attuazione

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Settore 4 Ambito di Seriate Piano sociale di Zona 2017 allegato 1 bando dgr 6465 BANDO PER L'ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO Provincia di Cuneo

COMUNE DI VILLAFALLETTO Provincia di Cuneo COMUNE DI VILLAFALLETTO Provincia di Cuneo Allegato 1 DICHIARAZIONE Resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, e s.m.i., ai fini della verifica del possesso dei requisiti e dell attribuzione dei

Dettagli

Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo. Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017

Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo. Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017 Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017 Il quadro di contesto Il contesto: l offerta abitativa In Lombardia nel 2011* risultano circa

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.nato/a il residente in. piazza/via... codice fiscale. tel..

Il/La sottoscritto/a.nato/a il residente in. piazza/via... codice fiscale. tel.. Allegato B ISTANZA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A CONTRASTO DEL DISAGIO ABITATIVO D.G.R. n. 470/2013 D.G.R. 136/2014 Misura 6.2 Al Comune di ---------------------- Ufficio Protocollo Il/La sottoscritto/a.nato/a

Dettagli

IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO

IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO arch. Stefania Falletti Osservatorio Sistema Insediativo Residenziale Città Metropolitana di Torino Membro ANCI commissione regionale

Dettagli

CITTA DI ACIREALE Settore Servizi Sociali Ufficio Alloggi Popolari

CITTA DI ACIREALE Settore Servizi Sociali Ufficio Alloggi Popolari CITTA DI ACIREALE Settore Servizi Sociali Ufficio Alloggi Popolari DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Albergo sociale diffuso Progetto alloggi sottosoglia. Milano, 4 dicembre 2014

Albergo sociale diffuso Progetto alloggi sottosoglia. Milano, 4 dicembre 2014 Albergo sociale diffuso Progetto alloggi sottosoglia Milano, 4 dicembre 2014 Il progetto Albergo sociale diffuso Il Comune di Milano ha avviato un lavoro di mappatura delle unità abitative sottoutilizzate

Dettagli

COMUNE DI NOMAGLIO Provincia di Torino

COMUNE DI NOMAGLIO Provincia di Torino Allegato 1 COMUNE DI NOMAGLIO Provincia di Torino Tel. 0125790158 Fax 0125790384 Via Roma, 10 Cap10010 E-mail: nomaglio@reteunitaria.piemonte.it CF 84003390014 P.IVA 01861120010. DICHIARAZIONE resa ai

Dettagli

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010 NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI Torino, 4 febbraio 2010 LA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: FRENO ALLO SVILUPPO DISTORSIONE DEL MERCATO DELLE

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 6.2 Contrasto al disagio abitativo SOTTOMISURA 6.2 Contrasto al disagio abitativo Contrasto al disagio abitativo Integrazione totale

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 170 OGGETTO: ART. 10 COMMA 5 LEGGE REGIONALE N. 3/2010 ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE

Dettagli

Città di Torre del Greco 3 Area - Servizio Politiche Socio-educative

Città di Torre del Greco 3 Area - Servizio Politiche Socio-educative Città di Torre del Greco 3 Area - Servizio Politiche Socio-educative Contributi integrativi ai canoni di locazione in favore di cittadini soggetti a procedura di sfratto Con decreto dirigenziale Regionale

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA UFFICIO COMUNE E S E R C I Z I O A S S O C I A T O F U N Z I O N E S O C I A L E

COMUNE DI SENIGALLIA UFFICIO COMUNE E S E R C I Z I O A S S O C I A T O F U N Z I O N E S O C I A L E COMUNE DI SENIGALLIA E S E R C I Z I O A S S O C I A T O F U N Z I O N E S O C I A L E DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 829 del 17/06/2017 Oggetto: ACCOGLIENZA DEI SOGGETTI IN GRAVE STATO DI EMARGINAZIONE SOCIALE

Dettagli

Numero domanda Spedita il ATESSA

Numero domanda Spedita il ATESSA COMUNE DI ATESSA PROVINCIA DI CHIETI BANDO DI CONCORSO Codice Emesso il Numero domanda Spedita il Ricevuta il protocollo n AL COMUNE DI ATESSA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI VASTO. A.S.L. di Lanciano-Vasto. (Legge Regionale n. 96) dati relativi al richiedente. Riservato alla commissione NUOVA DOMANDA

COMUNE DI VASTO. A.S.L. di Lanciano-Vasto. (Legge Regionale n. 96) dati relativi al richiedente. Riservato alla commissione NUOVA DOMANDA COMUNE DI VASTO PROVINCIA DI CHIETI Codice 6 9 0 9 9 A.S.L. di Lanciano-Vasto N. 0 3 Bando generale N. 0 Emesso il 3 0 0 0 9 Numero di domanda Spedita il Ricevuta il Protocollo n. domanda di assegnazione

Dettagli

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO. la principale causa è la perdita o forte riduzione del lavoro l'aumento dei lavori in nero

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO. la principale causa è la perdita o forte riduzione del lavoro l'aumento dei lavori in nero I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO Emergono nuove fasce di bisogno la principale causa è la perdita o forte riduzione del lavoro l'aumento dei lavori in nero I servizi devono rivedere il

Dettagli

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO MISURE D.G.R. 2207 I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO Emergono nuove fasce di bisogno la principale causa è la perdita o la forte riduzione del lavoro l'aumento dei lavori in nero I servizi

Dettagli

Il Dirigente dell'area Servizi alla Persona. Pag. 3

Il Dirigente dell'area Servizi alla Persona. Pag. 3 Richiamata la Deliberazione n. 5450 del 25/07/2016, ad oggetto: Approvazione di interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa ed azioni rivolte al sostegno del mantenimento dell abitazione

Dettagli

BUONE PRASSI DELLO SPRAR

BUONE PRASSI DELLO SPRAR BUONE PRASSI DELLO SPRAR INSERIMENTO ABITATIVO Creazione di un Fondo di rotazione per la ricerca di una soluzione alloggiativa (comune di Borgo San Lorenzo) Costituzione di un Fondo di garanzia a favore

Dettagli

BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE

BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE Valle Imagna Villa d Alme Azienda Territoriale per i Servizi Alla Persona Azienda speciale Consortile BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI RISERVA.

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI RISERVA. COMUNE DI CUSAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI RISERVA. (ai sensi dell art.10 della legge regionale n.91/92 del 5/12/83 e successive modificazioni ed integrazioni)

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative IX Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE 54.829 provvedimenti di sfratto per morosità Canone medio mensile di 605 euro Incidenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEI MINI-ALLOGGI DI PROPRIETA' COMUNALE UBICATI IN VIA M. PALEARI N. 56

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEI MINI-ALLOGGI DI PROPRIETA' COMUNALE UBICATI IN VIA M. PALEARI N. 56 REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEI MINI-ALLOGGI DI PROPRIETA' COMUNALE UBICATI IN VIA M. PALEARI N. 5 pagina 1 di ARTICOLO 1 In via M. Paleari n. 5 sono ubicati n. 9 mini alloggi per anziani di proprietà

Dettagli

Casa e politiche della residenza

Casa e politiche della residenza Alcuni numeri Lavori pubblici Impegni per il futuro Tra il 2008 e il 2009 la popolazione residente a livello comunale è aumentata dello 0,26%, passando dai 270.098 abitanti del 2008 ai 270.801 del 2009.

Dettagli

ATTO GENERALE PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA ABITATIVA E DELLA LOCAZIONE

ATTO GENERALE PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA ABITATIVA E DELLA LOCAZIONE ATTO GENERALE PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA ABITATIVA E DELLA LOCAZIONE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 56 del 17/02/2010 ATTO GENERALE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI TIVOLI RMG3 Comune di Tivoli - Capofila

DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI TIVOLI RMG3 Comune di Tivoli - Capofila DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI TIVOLI RMG3 Comune di Tivoli - Capofila COMUNI DI: CASAPE, CASTEL MADAMA, CERRETO LAZIALE, CICILIANO, GERANO, LICENZA, MANDELA, PERCILE, PISONIANO, POLI, ROCCAGIOVINE, SAMBUCI,

Dettagli

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZA DELL UNITA POLITICHE PER LA CASA

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZA DELL UNITA POLITICHE PER LA CASA PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZA DELL UNITA POLITICHE PER LA CASA PROCEDIMENTO Assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica (E.R.P.) dell A.T.E.R. Normativa di riferimento Inizio del

Dettagli

CGIL SUNIA. La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità. Roma

CGIL SUNIA. La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità. Roma CGIL La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità SUNIA Roma L indagine sull andamento delle procedure di sfratto è stata effettuata su dati del Ministero dell Interno e sui risultati

Dettagli

- Cognome - Nome.. - Comune di nascita - Provincia di nascita

- Cognome - Nome.. - Comune di nascita - Provincia di nascita Comune di Lainate ALER MILANO (Il presente modulo NON sostituisce la domanda di assegnazione che dovrà essere inserita nel sistema informatico appositamente predisposto e sottoscritta esclusivamente presso

Dettagli

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia Nel territorio della provincia di Reggio Emilia Analisi del contesto Il disagio abitativo coinvolge anche famiglie a medio reddito che non trovano una risposta nell edilizia residenziale pubblica (a canone

Dettagli

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 4. abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 1. 2. 3. 4. 5. 6. CHE COS E L

Dettagli

COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza BANDO DI CONCORSO ALLOGGI PER ANZIANI

COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza BANDO DI CONCORSO ALLOGGI PER ANZIANI COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE IN USO DI ALLOGGI PER ANZIANI APPROVATO CON Delibera di G.C. nr. 144 del 24/11/2014 Ai sensi e per gli effetti del regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASALCIPRANO

COMUNE DI CASALCIPRANO COMUNE DI CASALCIPRANO (Provincia di Campobasso) Via Vittorio Veneto n.26 86010 Casalciprano tel.0874/504131 fax 0874/504944 e-mail comunecasalciprano@libero.it DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MISURE VOLTE AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MISURE VOLTE AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE AVVISO PER L EROGAZIONE DI MISURE VOLTE AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE OBIETTIVI Gli obiettivi specifici del seguente bando (ai sensi della DGR 6465/2017)

Dettagli

All Unione dei Comuni del Distretto Ceramico POLO TERRITORIALE DI. Il sottoscritto. Nato a il. Residente nel Comune di Via n

All Unione dei Comuni del Distretto Ceramico POLO TERRITORIALE DI. Il sottoscritto. Nato a il. Residente nel Comune di Via n Allegato B) alla determinazione dirigenziale n. 13 del 24/01/2017 Riservato all ufficio MARCA DA BOLLO EURO 16,00 All Unione dei Comuni del Distretto Ceramico POLO TERRITORIALE DI. DOMANDA DI ASSEGNAZIONE

Dettagli

Per il RICHIEDENTE: - Cognome... - Nome... - Comune di nascita - Provincia di nascita - Stato estero di nascita...

Per il RICHIEDENTE: - Cognome... - Nome... - Comune di nascita - Provincia di nascita - Stato estero di nascita... SETTORE ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI ERP (Il presente modulo N sostituisce la domanda di assegnazione che dovrà essere inserita nel sistema informatico appositamente predisposto e sottoscritta esclusivamente

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER CONTRIBUTI PER AFFITTI ONEROSI ANNO DI RIFERIMENTO 2011 (ai sensi della Legge n.431 e L.R. 6/2003 art.

BANDO PUBBLICO PER CONTRIBUTI PER AFFITTI ONEROSI ANNO DI RIFERIMENTO 2011 (ai sensi della Legge n.431 e L.R. 6/2003 art. BANDO PUBBLICO PER CONTRIBUTI PER AFFITTI ONEROSI ANNO DI RIFERIMENTO 2011 (ai sensi della Legge 9.12.1998 n.431 e L.R. 6/2003 art. 6) DATA DI APERTURA BANDO 02.04.2012 DATA CHIUSURA BANDO ORE 18.00 DEL

Dettagli

COMUNE DI FONDI Provincia di Latina III SETTORE- SERVIZI ALLA PERSONA AVVISO PUBBLICO INTERVENTI DI SOSTEGNO PER EMERGENZE ABITATIVE SI RENDE NOTO

COMUNE DI FONDI Provincia di Latina III SETTORE- SERVIZI ALLA PERSONA AVVISO PUBBLICO INTERVENTI DI SOSTEGNO PER EMERGENZE ABITATIVE SI RENDE NOTO Allegato A) COMUNE DI FONDI Provincia di Latina III SETTORE- SERVIZI ALLA PERSONA AVVISO PUBBLICO INTERVENTI DI SOSTEGNO PER EMERGENZE ABITATIVE Vista la DGR del Lazio n. 470 /2013; Vista la determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA. Art. 1 Oggetto del Regolamento Approvato con C.C. n. 72 del 09/11/2009 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l assegnazione e l uso, a titolo precario,

Dettagli

COMUNE DI TROFARELLO Ufficio Socio Culturale

COMUNE DI TROFARELLO Ufficio Socio Culturale COMUNE DI TROFARELLO Ufficio Socio Culturale (bollo) 6,00 RICEVUTA in data / / Domanda n. Domanda di assegnazione in locazione di un alloggio di edilizia Sociale (Bando Generale n. ) di Edilizia Sociale

Dettagli

CHI PUÒ ACCEDERE ALL EMERGENZA ABITATIVA

CHI PUÒ ACCEDERE ALL EMERGENZA ABITATIVA Emergenza abitativa Il Comune ha acquistato nel 2001 l ex residence denominato Il Poggio, in località Roselle per accogliere i nuclei familiari che si trovano in condizioni di emergenza abitativa. Il Poggio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/34 DEL

DELIBERAZIONE N. 48/34 DEL Oggetto: Decreto legge 31 agosto 2013, n. 102, art. 6, comma 5, convertito nella legge 28 ottobre 2013, n. 124, con modificazioni. Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli. Anno 2017. Indirizzi.

Dettagli

ALLEGATO A - SCHEMA DI DOMANDA 2 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI EDILIZIA ABITATIVA PER LA COSTRUZIONE E IL RECUPERO DI ALLOGGI PER LA LOCAZIONE A CANONE

ALLEGATO A - SCHEMA DI DOMANDA 2 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI EDILIZIA ABITATIVA PER LA COSTRUZIONE E IL RECUPERO DI ALLOGGI PER LA LOCAZIONE A CANONE ATTENZIONE: Compilare la domanda in ogni sua parte e verificare che sia debitamente firmata. La domanda dovrà essere presentata improrogabilmente entro le ore 13 del 15.10.2015 AL COMUNE DI MOGORO SERVIZIO

Dettagli

IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA

IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA 6 Rapporto UIL famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Maggio 2011 INDICE DEI CONTENUTI Nota introduttiva pag. 3 La spesa delle

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2015

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2015 Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2015 SEGRETO STATISTICO, OLIGO DI RISPOSTA, TUTELA DELLA RISERVATEZZA E DIRITTI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI AGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI DI CUI ALL ART. 6, COMMA 5 DELLA LEGGE N.

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI AGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI DI CUI ALL ART. 6, COMMA 5 DELLA LEGGE N. AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI AGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI DI CUI ALL ART. 6, COMMA 5 DELLA LEGGE 28.10.13 N. 124 Il Comune di Lerici Servizi Sociali - Via Gerini n. 18,,

Dettagli

OGGETTO: Richiesta contributo sulla spesa inerente il 2011 per canone di locazione L. 431/98. Il sottoscritto. nato a il. residente a in n. C.F.: Tel.

OGGETTO: Richiesta contributo sulla spesa inerente il 2011 per canone di locazione L. 431/98. Il sottoscritto. nato a il. residente a in n. C.F.: Tel. Al Signor Sindaco del Comune di MACERATA OGGETTO: Richiesta contributo sulla spesa inerente il 2011 per canone di locazione L. 431/98. Il sottoscritto nato a il residente a in n. C.F.: Tel. In qualità

Dettagli

RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE CANONE ANNO Nome

RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE CANONE ANNO Nome REGIONE PIEMONTE CITTA DI ORBASSANO Provincia di Torino RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE CANONE ANNO 2008. Il sottoscritto intestatario del contratto di locazione dell abitazione:

Dettagli

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico Incontro OTRANTO 28 ottobre 2011 pubblico Incontro pubblico Il disagio abitativo (definizioni ORCA) Disagio Estremo: esclusione abitativa in senso stretto; è la condizione dei senza dimora, di chi non

Dettagli

Le Qualità della Città 13 Marzo 2007

Le Qualità della Città 13 Marzo 2007 Le Qualità della Città 13 Marzo 2007 Politiche dell Abitare Il Bisogno Casa: Vecchi e Nuovi Soggetti Ceti medio-bassi con le punte di bisogno delle famiglie monoreddito tra cui: lavoratori precari, giovani

Dettagli

SCHEDA A dati relativi al conduttore

SCHEDA A dati relativi al conduttore DL 13 settembre 2004, n. 240 convertito, con modificazioni, dalla L. 12 novembre 2004, n. 269 Ministero delle infrastrutture e dei trasporti SCHEDA A dati relativi al conduttore SPORTELLO EMERGENZA SFRATTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI RISERVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI RISERVATI 35 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI RISERVATI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 81/8815 P.G. NELLA SEDUTA DEL 16/06/1994 PREMESSA Gli alloggi di Edilizia Residenziale

Dettagli

COMUNE DI SARDARA (Provincia del Medio Campidano) Ufficio Servizio Sociale tel /559 BANDO PUBBLICO

COMUNE DI SARDARA (Provincia del Medio Campidano) Ufficio Servizio Sociale tel /559 BANDO PUBBLICO COMUNE DI SARDARA (Provincia del Medio Campidano) Ufficio Servizio Sociale tel- 070934501 0709387105/559 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI DI CUI AL D.L.

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA AGEVOLATA IN LOCAZIONE PERMANENTE

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA AGEVOLATA IN LOCAZIONE PERMANENTE DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA AGEVOLATA IN LOCAZIONE PERMANENTE Al Comune di San Giovanni in Marignano Via Roma n. 6 78 San Giovanni in Marignano Il sottoscritto/a (C o g n o m e e N o m

Dettagli

COMUNE DI RIPARBELLA (Provincia di Pisa) REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI PER L EMERGENZA ABITATIVA

COMUNE DI RIPARBELLA (Provincia di Pisa) REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI PER L EMERGENZA ABITATIVA COMUNE DI RIPARBELLA (Provincia di Pisa) REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI PER L EMERGENZA ABITATIVA Indice ARTICOLO 1 - Oggetto e finalità del regolamento ARTICOLO 2 - Ambito di applicazione ARTICOLO

Dettagli

PIANO CASA. Bando F555 Pietralata

PIANO CASA. Bando F555 Pietralata PIANO CASA Bando F555 Pietralata Bando per la realizzazione di un quartiere di Housing Sociale nell area F di Pietralata ATTUAZIONE MISURE PIANO CASA Delibera di Consiglio 23/2010: approvazione degli indirizzi

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA PER LA MOROSITA INCOLPEVOLE Ai sensi dell articolo 6 comma 5, legge 124/2013. Il sottoscritto in qualità di:

MODELLO DI DOMANDA PER LA MOROSITA INCOLPEVOLE Ai sensi dell articolo 6 comma 5, legge 124/2013. Il sottoscritto in qualità di: MODELLO DI DOMANDA PER LA MOROSITA INCOLPEVOLE Ai sensi dell articolo 6 comma 5, legge 124/2013 Al Comune di Napoli Servizio Demanio, Patrimonio e Politiche per la casa oggetto: comunicazione ai fini dell

Dettagli

COMUNE DI ARDEA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI ARDEA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI ARDEA Ufficio di Piano Distretto RMH4 Tel 06/89762471-Fax 06/89762478 - E-mail: uff.sociali@comune.ardea.rm.it AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI PREVISTI PER IL CONTRASTO AL DISAGIO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU40S1 06/10/2011 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 4 ottobre 2011 n. 12/R. Regolamento regionale recante: Regolamento delle procedure di assegnazione degli alloggi di edilizia

Dettagli

SALA CONSILIARE COMUNE DI RIVOLI Via Capra, 27 Rivoli. 5 aprile 2017 ore 17.30

SALA CONSILIARE COMUNE DI RIVOLI Via Capra, 27 Rivoli. 5 aprile 2017 ore 17.30 SALA CONSILIARE COMUNE DI RIVOLI Via Capra, 27 Rivoli 5 aprile 2017 ore 17.30 1 Il Dopo di Noi Riflessioni e conversazione Rivoli 5 aprile 2017 2 legge 112 del 22 giugno 2016 Disposizioni in materia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI PRESSO IL COMPARTO EDILIZIO BUSTIGO 2

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI PRESSO IL COMPARTO EDILIZIO BUSTIGO 2 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI PRESSO IL COMPARTO EDILIZIO BUSTIGO 2 APPROVATO con deliberazione n 19 adottata dal Consiglio comunale in seduta 20.09.2017. art. 1 Il complesso Bustigo 2 è

Dettagli

Prot. n. del AL COMUNE DI SAN CONO Piazza Gramsci SAN CONO (CT) Il sottoscritto/a nato/a a prov. il residente prov via n. C.A.P. C.F.

Prot. n. del AL COMUNE DI SAN CONO Piazza Gramsci SAN CONO (CT) Il sottoscritto/a nato/a a prov. il residente prov via n. C.A.P. C.F. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO GENERALE PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA PUBBLICA NEL COMUNE DI SAN CONO PUBBLICATO IN DATA. Prot. n. del AL COMUNE DI SAN CONO Piazza

Dettagli

Reddito 2008 (euro) Data di nascita. Cognome e nome Parentela (d) Condizione Professionale (e) Reddito complessivo 2008(euro)

Reddito 2008 (euro) Data di nascita. Cognome e nome Parentela (d) Condizione Professionale (e) Reddito complessivo 2008(euro) COMUNE DI LEVONE Richiesta di contributo per il sostegno alla locazione di cui all art. 11 L. 431/98 e s.m.i. Esercizio finanziario 2009 (canone anno 2008) Il sottoscritto, intestatario di contratto di

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE

COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE Provincia di Udine Via Alpe Adria, 56 Telefono 0432 727272 33049 SAN PIETRO AL NATISONE (UD) FAX 0432 717840 Prot.n.1428 BANDO LOCATARI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE A NUCLEI FAMILIARI IN EMERGENZA ABITATIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 10 DELLA L.R.

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE A NUCLEI FAMILIARI IN EMERGENZA ABITATIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 10 DELLA L.R. Allegato alla Deliberazione n. xx del xxxxx REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE A NUCLEI FAMILIARI IN EMERGENZA ABITATIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 10 DELLA L.R. 3/2010 Articolo

Dettagli

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione AREA Processi Tipologia di tot dei per i quali non ad per è indennizzi dei e Contributi economici per soggetti disagiati, malati varie patologie (Del. 278/93 - Del. 358/13) orfani di lavoratori, invalidi

Dettagli

La domanda di casa popolare nella provincia di Torino

La domanda di casa popolare nella provincia di Torino La domanda di casa popolare nella provincia di Torino Analisi sui Comuni con bandi ERP emessi nel 2012 Alpignano, Avigliana, BorgaroTorinese, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, None, Rivara,

Dettagli

IL 5 BANDO EMERGENZA LAVORO

IL 5 BANDO EMERGENZA LAVORO BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO FINALIZZATO ALLA CONTRIBUZIONE PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI IN EDILIZIA PRIVATA Vista l attuale situazione di emergenza sociale dovuta

Dettagli

AREA PRIMA INFANZIA - SERVIZI EDUCATIVI

AREA PRIMA INFANZIA - SERVIZI EDUCATIVI 50 3.2 I Fattori Positivi e Critici emergenti dall analisi di domanda e offerta e dalle informazioni più significative AREA PRIMA INFANZIA - SERVIZI EDUCATIVI Domanda educativa di servizi 0 3 anni in costante

Dettagli

Al Comune di Staranzano Servizio Sociale Piazza Dante Alighieri, Staranzano

Al Comune di Staranzano Servizio Sociale Piazza Dante Alighieri, Staranzano Al Comune di Staranzano Servizio Sociale Piazza Dante Alighieri, 26 34079 Staranzano Oggetto: Domanda di ammissione al contributo economico volto al sostegno delle locazioni, ai sensi dell art. 6 della

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrari: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU2 12/01/2017 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2016, n. 37-4326 Approvazione schema di Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, l'anci Piemonte, l'agenzia Territoriale

Dettagli

Storico (assegnazioni) emergenza abitativa (Comuni Vari)

Storico (assegnazioni) emergenza abitativa (Comuni Vari) L ESPERIENZA DELL AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE Report periodico dati emmergenza. Dati al 31/12/2006 L esperienza dell Agenzia per la Locazione Relatore: Franco Carboni Direttore Generale Azienda Casa

Dettagli

Città di Latisana Provincia di Udine

Città di Latisana Provincia di Udine Città di Latisana Provincia di Udine SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE di LATISANA Presso il Centro Polifunzionale di Latisana, Via Goldoni n. 22 telefono: 0431-516611; fax: 0431-516637 e-mail:

Dettagli

Firma della Convenzione progetto EmergenzaCasa 6

Firma della Convenzione progetto EmergenzaCasa 6 Firma della Convenzione progetto EmergenzaCasa 6 Fondazione CRC 20 marzo 2017 LA RETE 17 Comuni: Alba, Borgo San Dalmazzo, Boves, Bra, Busca, Caraglio, Cervasca, Ceva, Cuneo, Dronero, Fossano, Mondovì,

Dettagli

Territorio di Carpi Servizi Socio Sanitari

Territorio di Carpi Servizi Socio Sanitari PROT. N. 34969 del 21.07.2016 Territorio di Carpi Servizi Socio Sanitari BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 2250 DEL 28 DICEMBRE

Dettagli

Norme per il sostegno dei genitori separati e divorziati in situazione di difficoltà.

Norme per il sostegno dei genitori separati e divorziati in situazione di difficoltà. LEGGE REGIONALE N. 37 DEL 30-12-2009 REGIONE PIEMONTE Norme per il sostegno dei genitori separati e divorziati in situazione di difficoltà. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 1 del 7

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA VALLE D AOSTA XIII LEGISLATURA. Proposta di legge regionale. n. 93

CONSIGLIO REGIONALE DELLA VALLE D AOSTA XIII LEGISLATURA. Proposta di legge regionale. n. 93 Allegato all oggetto n. Adunanza del Consiglio regionale in data CONSIGLIO REGIONALE DELLA VALLE D AOSTA XIII LEGISLATURA Proposta di legge regionale n. 93 Disposizioni per il sostegno dei genitori separati

Dettagli

RISERVATO ALLE FAMIGLIE SFRATTATE O IN EMERGENZA ABITATIVA IN POSSESSO DEI SOTTOINDICATI REQUISITI CHE STIPULINO UN NUOVO CONTRATTO DI LOCAZIONE

RISERVATO ALLE FAMIGLIE SFRATTATE O IN EMERGENZA ABITATIVA IN POSSESSO DEI SOTTOINDICATI REQUISITI CHE STIPULINO UN NUOVO CONTRATTO DI LOCAZIONE DIVISIONE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA SETTORE CONVENZIONI E CONTRATTI LO.C.A.RE. METROPOLITANO Agenzia per la Locazione (Locazioni Convenzionate - Assistite - Residenziali) RISERVATO ALLE FAMIGLIE SFRATTATE

Dettagli