IL TRUST NEL DIRITTO COMMERCIALE: NOVITA GIURISPRUDENZIALI E CASISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRUST NEL DIRITTO COMMERCIALE: NOVITA GIURISPRUDENZIALI E CASISTICA"

Transcript

1 IL TRUST NEL DIRITTO COMMERCIALE: NOVITA GIURISPRUDENZIALI E CASISTICA avv. Andrea Moja Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte Napoleone Milano tel fax

2 INDICE GENERALE La recente giurisprudenza italiana in materia di trusts interni; Ipotesi applicative del trust interno nel settore de: 1. il passaggio generazionale dell impresa; 2. le garanzie (atipiche) per prestiti obbligazionari; 3. la liquidazione di più soggetti creditori; 4. le compravendite immobiliari.

3 LA RECENTE GIURISPRUDENZA ITALIANA IN MATERIA DI TRUSTS INTERNI

4 Oggetto dell indagine INTRODUZIONE 1. Le trascrizioni dei trusts nelle Conservatorie dei Registri Immobiliari; 2. Le iscrizioni dei trusts nei Registri delle Imprese; 3. I provvedimenti giurisprudenziali più rilevanti (decreti, sentenze) nel settore dei trusts interni a finalità commerciale.

5 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -1 - A partire dal 1 ottobre 2003, ovverosia dall emanazione della prima sentenza giurisprudenziale con cui il Tribunale di Bologna ha affermato che il trust è pienamente compatibile con l'ordinamento giuridico italiano, e che a più di 10 anni dall entrata in vigore della Convenzione dell Aja del 1 luglio 1985, può ritenersi ampiamente superata la tesi che prospetta la contrarietà del trust all ordinamento italiano, e la sua conseguente irriconoscibilità, ben 18 ulteriori provvedimenti giudiziali sono stati emanati dai giudici italiani in materia di trust.

6 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -2 - Premesso ciò, prima di procedere all analisi dei singoli casi più rilevanti in tema di trust operativi nel settore commerciale, occorre comunque segnalare che, sempre a partire dal 1 ottobre 2003, sono state approvate trascrizioni ed iscrizioni di trusts, rispettivamente nei Registri Immobiliari di Arezzo, Firenze, Pavia, Torino e Milano, e nei Registri delle Imprese di Vicenza e Milano. Tali trascrizioni ed iscrizioni vanno ad aggiungersi a 23 trascrizioni già attuate anteriormente a tale data e 4 iscrizioni già eseguite a quel tempo.

7 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -3 - Ora, tra i 18 provvedimenti menzionati, ai fini di specie, vale la pena di segnalare i seguenti: 1. il 21 ottobre 2003, il Tribunale di Parma, accogliendo un reclamo proposto avverso riserva apposta dall'agenzia del Territorio di Parma, ha, con decreto, ordinato la trascrizione nei Registri Immobiliari locali dell'atto istitutivo di un trust auto-dichiarato ai sensi dell art. 12 della Convenzione dell'aja sui trusts, non rilevando in proposito alcun contrasto dell istituto con l'art c.c.

8 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI il 20 luglio 2004, il Giudice Tavolare del Tribunale di Trento, accogliendo ricorso per annotazione nel locale Registro Tavolare del trasferimento della nuda proprietà di beni immobili siti in loco, ha affermato che a seguito della ratifica della Convenzione dell Aja del 1 luglio 1985, il trust interno istituito in conseguenza della scelta del disponente, libera e legittima ex art. 6 della Convenzione, di una legge regolatrice idonea, deve essere riconosciuto, con la conseguenza che l effetto segregativo proprio del trust deve essere portato a conoscenza dei terzi per mezzo dell annotazione nei pubblici registri.

9 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -5 - Ed in ragione di ciò ha statuito ulteriormente che non sussistendo disposizioni espresse o principi generali che importino un divieto di trascrizione del trust, può essere ordinata l annotazione dell atto istitutivo nel registro tavolare. 3. Il 12 ottobre 2004, il Tribunale di Brescia, pronunciandosi con sentenza in merito ad una fattispecie in cui un creditore, intimando precetto su cambiali, aveva eseguito pignoramento presso un soggetto terzo che il creditore affermava detenere somme per conto della convenuta debitrice (terzo di fatto precedentemente designato quale trustee di un trust costituito dalla debitrice) ha affermato che

10 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -6 - ai fini dell art. 13 della Convenzione dell Aja sui trusts non è sufficiente rilevare la presenza di un trust i cui elementi significativi siano più intensamente collegati con lo Stato italiano per disapplicare la legge straniera scelta dal disponente, dovendosi invece desumere, per il mancato riconoscimento del trust, un intento in frode alla legge, volto cioè a creare situazioni in contrasto con l ordinamento in cui il negozio deve operare.

11 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -7 - Lo stesso Tribunale di Brescia ha poi aggiunto che l effetto segregativo del trust trova legittimazione in virtù di specifiche disposizioni previste nella Convenzione dell Aja ed introdotte nell ordinamento italiano con la legge di esecuzione ; e che pertanto, il creditore del disponente non può validamente esperire l azione di espropriazione mobiliare presso terzi sui beni che il disponente abbia trasferito, precedentemente all azione, al trustee di un trust da lui istituito a favore di una ONLUS.

12 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI Il 3 marzo 2005, il Tribunale di Parma, nel contesto di un procedimento di ammissione a procedura di concordato preventivo presentato dal liquidatore di una società in stato di insolvenza ai sensi dell art. 160 e ss. della Legge Fallimentare, ha omologato il concordato preventivo con cui la società ricorrente, provvedendo a migliorare la propria precedente proposta, aveva suggerito il trasferimento al Commissario Giudiziale, in qualità di trustee di un costituendo trust, della proprietà di alcuni immobili di titolarità dell amministratore della società e di suoi congiunti, da destinarsi a ripianare i debiti societari esistenti.

13 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI -9 - In merito, in tema di trust, il Tribunale, dopo aver qualificato la proposta di concordato, ed aver in proposito sottolineato la convenienza economica della stessa per i creditori ha osservato come dalla più attenta dottrina e giurisprudenza di merito sia stata largamente superata la tesi della contrarietà all ordinamento italiano del trust, in ragione di una corretta interpretazione non solo della Convenzione dell Aja del 1 luglio 1985, ma anche dei profili interpretativi innescati dalla sua piena operatività per l ordinamento italiano, sia avuto riguardo alla causalità del trasferimento, da rinvenirsi correttamente nel collegato negozio istitutivo del trust, sia in ragione della configurabilità di negozi traslativi atipici, purché sorretti da una causa lecita, in ragione di una lettura estesa dei principi di cui agli artt e 1324 C.C..

14 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI Infine, il 7 aprile 2005, il Giudice tavolare del Tribunale di Trento ha ulteriormente ordinato l'intavolazione del diritto di proprietà su immobili a favore del trustee di un trust, e l'annotazione della costituzione in trust. A conclusione dell analisi, vale la pena di segnalare che, in linea con le argomentazioni sostanziali emergenti dalle motivazioni della sentenza del Tribunale di Parma in tema di concordato preventivo, già il 4 aprile 2003 il Giudice Delegato della Sezione Fallimentare del Tribunale di Roma aveva autorizzato il trasferimento a favore di un trust dei crediti fiscali maturati nel corso di una procedura fallimentare.

15 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI Più specificamente, la fattispecie era la seguente: Il curatore fallimentare di una società italiana aveva presentato istanza chiedendo di essere autorizzato a compiere una serie di operazioni dirette a chiudere la procedura fallimentare in corso. Contestualmente, lo stesso curatore fallimentare aveva altresì osservato che, dato che la procedura non avrebbe potuto, in sede di riparto, distribuire i notevoli crediti d imposta maturati e maturandi durante la procedura, gli stessi avrebbero potuto essere ceduti al trustee di un trust da istituirsi attribuendo al trustee l incarico di incassarli, e,

16 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI quindi, dedotte le spese di esazione, distribuirne il ricavato tra i vari creditori concorsuali in base alla quote di relativa spettanza. In questo modo osservava sempre il curatore fallimentare oltre a trarre vantaggio dal beneficio tipico della segregazione proprio del trust, si sarebbe potuta anche evitare la classica falcidia dell 80% che subiscono normalmente i crediti d imposta allorché essi vengono ceduti agli ordinari intermediari finanziari autorizzati alla relativa riscossione.

17 LE NOVITA GIURISPRUDENZIALI SUI TRUSTS INTERNI Come anticipato, il Giudice Delegato, compresi i vantaggi della struttura, ha autorizzato con decreto l istituzione del trust e la cessione in suo favore di tutti i crediti tributari del fallimento, designando all uopo il curatore fallimentare quale protector dell istituendo trust. Quest ultima fattispecie, al pari di quella in tema di concordato preventivo, testimonia l indubbia utilità del trust per i casi in cui, nella fattispecie, si renda necessaria la tutela sostanziale dei soggetti deboli del caso attraverso una struttura semplice e flessibile quale quella del trust.

18 CONCLUSIONI SUI TRUSTS INTERNI A conclusione del discorso, è possibile affermare che: esiste un clima, sia giurisprudenziale che di prassi, favorevole al riconoscimento dei trusts interni, avvalorato da: A) Cassazione Penale, sez. VI, sentenza ; B) rapporti attualmente esistenti tra trust e società quotate (vedasi slide a seguire).

19

20 APPLICATIVA DI TRUSTS INTERNI: IL TRUST PER IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA

21 LA FATTISPECIE -1 - Il sig. Rossi è felicemente sposato, è padre di tre figli (Primo, Seconda e Terzo), ed inoltre: A. è titolare di un pacchetto azionario qualificato dell impresa di famiglia Alfa S.p.A., di cui è stato il fondatore ed è attualmente amministratore unico; B. è proprietario di vari immobili siti in Italia e all estero e di denaro investito in valori mobiliari worldwide.

22 LA FATTISPECIE -2 - Il sig. Rossi, che, come anticipato, è titolare di una partecipazione qualificata nell impresa familiare Alfa, i cui rimanenti soci sono i suoi due fratelli, attualmente non ha problematiche debitorio-creditorie di alcun tipo, non ha diatribe coniugali in corso, ed in pieno accordo con la propria moglie desidera: poter disporre, in vita, per la trasmissione del patrimonio familiare, nel pieno rispetto della disciplina della successione legittima prevista dal Codice Civile, a favore dei figli Primo, Seconda e Terzo, in conformità alle esigenze ed alle aspirazioni di ciascuno di essi.

23 Perciò il sig. Rossi desidera: LA FATTISPECIE assicurarsi che, per quanto concerne la futura gestione di ALFA S.p.A., il successivo amministratore unico della stessa sia il figlio Primo, ritenuto in merito qualificato anche dai fratelli del sig. Rossi, favorevoli a sostenerne la nomina per l incarico; 2. garantire ai rimanenti figli, Seconda e Terzo, maggiormente interessati all esercizio di attività esterne all ambito di operatività di Alfa S.p.A., tutte le agevolazioni necessarie a favorirne la carriera professionale prescelta.

24 LA FATTISPECIE -4 - Il sig. Rossi desidera altresì: poter disporre per la suddetta trasmissione patrimoniale conservando, fino al tempo della propria permanenza in vita (e della relativa capacità di intendere e di volere), la carica di amministratore unico di Alfa S.p.A., volendo ancora dirigere in prima persona l attività d impresa; avvalersi, nella piena liceità, della possibilità che il suo patrimonio, non sia più aggredibile, pro futuro, da alcun creditore personale; poter disporre per la suddetta trasmissione patrimoniale, subendo al riguardo la minima imposizione fiscale.

25 LA FATTISPECIE -5 - Le aspettative del sig. Rossi potrebbero essere tutte soddisfatte con l istituzione di un family trust interno per la gestione dell intero patrimonio del medesimo a fini di passaggio generazionale. Tale family trust, che, per espressa statuizione della Convenzione dell Aja del 1 luglio 1985, deve essere sottoposto a legge regolatrice straniera, potrebbe essere istituito secondo il diritto inglese (sistema giuridico onshore). Si potrebbe quindi optare per un UK family trust.

26 SCHEMA SIG ROSSI ALFA S.p.A. IMMOBILI DENARO UK FAMILY TRUST

27 LA SOLUZIONE TRUST 1 Così, con riguardo all amministrazione della società familiare ALFA S.p.A., con l istituzione del trust potrà essere possibile disporre perché: 1. con patto parasociale tra sig. Rossi e i rimanenti soci suoi fratelli sia possibile far conservare allo stesso sig. Rossi (attuale amministratore unico), tramite relativa nuova designazione da parte del trustee incaricato, la carica di cui è titolare, fino al momento (prestabilito o da valutare secondo determinati criteri prescelti) in cui questi sarà in grado di amministrare la società in oggetto;

28 LA SOLUZIONE TRUST 2 2. sempre tramite patto parasociale tra il sig. Rossi e i suoi fratelli, si provveda, al decesso, alle dimissioni o alla revoca del sig. Rossi, alla nomina di Primo quale amministratore unico di ALFA S.p.A. (che vedrà così contestualmente soddisfatte le proprie aspettative professionali). N.B. si eviterà così che in seno all organizzazione di ALFA S.p.A. possano insorgere contrasti tra gli eredi per il ruolo spettante a ciascuno di essi all interno dell impresa. Contrasti che potrebbero portare alla paralisi dell attività produttiva, e anche alla cessione di quote dell impresa a terzi, con connesso pericolo di trasferimenti a favore della concorrenza.

29 LA SOLUZIONE TRUST 3 Con riferimento poi ai figli Seconda e Terzo, sempre via trust, sarà possibile predisporre tutte le agevolazioni del caso dirette ad incoraggiarne e favorirne la carriera professionale da questi aspirata. Infine, in rapporto alle esigenze di limitazione, pro futuro, della responsabilità creditoria del sig. Rossi, e del carico fiscale dell operazione, va osservato che se opportunamente istituito, in assenza di alcuna pendenza creditoria, il patrimonio conferito in trust non sarà più aggredibile, nei limiti delle revocatorie ordinaria e fallimentare, dai creditori personali del settlor (né, fino al tempo delle distribuzioni in loro favore, dei beneficiari designati del trust).

30 Infatti, in merito: LA SOLUZIONE TRUST 4 in primis, la titolarità dei beni viene infatti trasferita in capo ad una nuova entità giuridica, autonoma e distinta, il trust. in secundis, il trasferimento della proprietà è soggetto ex lege a segregazione, con la conseguenza che i beni conferiti vengono ad essere separati dalla massa patrimoniale propria del trustee, e sono pertanto inaggredibili da parte degli eventuali futuri creditori del trustee stesso.

31 Ulteriori vantaggi Ulteriori vantaggi LA SOLUZIONE TRUST 5 Un ulteriore vantaggio della struttura è dato dal fatto che la politica gestionale del trust fund viene effettuata in modo unitario da un unico soggetto (il trustee), e non, come avviene di regola nei patrimoni più complessi, da diversi soggetti spesso in conflitto tra loro. Infine, tramite il ricorso ad opportune tecniche di pianificazione fiscale, il conferimento in trust del patrimonio di Tizio potrà essere assoggettato ad un imposizione tributaria assai limitata.

32 SCHEMA FINALE PROTECTOR UK TRUSTEE ALFA S.p.A. IMMOBILI DENARO TRUST PROPERTY PRIMO SECONDA TERZO

33 IL PROTECTOR Con l atto istitutivo di trust sarà possibile designare un protector del trust, e così, ad esempio, uno dei fratelli del sig. Rossi (o ambedue, da integrarsi eventualmente con un terzo per le ipotesi di stallo decisionale) che potrà/dovrà: 1. in rapporto alla tutela degli interessi del figlio disabile Terzo, sorvegliare l operato del trustee ed eventualmente sostituirlo qualora questi non si conformi alle clausole stabilite nel Deed of Trust; 2. con riferimento all amministrazione societaria riservarsi di esercitare, in via indiretta, determinati poteri di controllo sulle decisioni di Primo.

34 APPLICATIVA DI TRUSTS INTERNI: IL TRUST A GARANZIA DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

35 INTRODUZIONE -1 - Il 27 Dicembre 1996 il Tribunale di Milano ha, con decreto, omologato la deliberazione dell assemblea straordinaria di una Società per Azioni che aveva disposto per l emissione di un prestito obbligazionario garantito da un trust di scopo di Jersey (un Jersey non-charitable purpose trust). La fattispecie è degna di menzione perché:

36 INTRODUZIONE il trust interessato dall operazione di specie, sottoposto al vaglio giurisprudenziale, era un trust interno, ed il giudice competente, nel rilasciare l omologa, ne ha, di necessità, riconosciuto la legittimità; 2. essa è in grado di testimoniare come la flessibilità propria del trust consente l estrema semplificazione anche di realtà assai complesse e delicate; 3. quella di garanzia costituisce una delle applicazioni pratiche più diffuse ed efficienti del trust.

37 LA FATTISPECIE -1 - Il caso era il seguente: una Società per Azioni era titolare di un immobile costituito da più appartamenti in locazione e si era decisa a chiedere un finanziamento sotto forma di prestito obbligazionario, laddove a garanzia del finanziamento in questione intendeva porre l immobile di specie. La società in questione avrebbe potuto, a garanzia del prestito, costituire un ipoteca in conformità agli articoli 2410 (comma 1 n.1), 2414 e 2831 del Codice Civile, sull immobile di sua proprietà, ma ciò avrebbe peraltro comportato una serie di inconvenienti: ROMA continua

38 LA FATTISPECIE -2 - A) Le lungaggini delle procedure immobiliari italiane rendevano irrealizzabile la garanzia ipotecaria in tempi accettabili; B) in caso di mancato rimborso, sarebbe stato necessario ricorrere all esecuzione immobiliare, con connessi alti costi e tempi inevitabilmente lunghi; B) nel contesto della procedura immobiliare sarebbe stato difficile, nel conflitto tra la società emittente e gli obbligazionisti, limitare la vendita ai soli appartamenti necessari per ottenere le somme da rimborsare; C) la società non avrebbe potuto, priva dell ausilio di uno strumento segregativo come il trust, accumulare, come invece voluto, i canoni di locazione, così che essi costituissero una liquidità da mantenere accantonata ed intatta a garanzia fino alla scadenza del prestito (6 anni).

39 LA SOLUZIONE PRESCELTA La soluzione che si decise di adottare fu quindi la seguente: A) costituire una società immobiliare di diritto inglese cui conferire l immobile con tutti i suoi appartamenti locati; B) istituire un trust di scopo retto dal diritto di Jersey finalizzato alla gestione dell operazione di finanziamento; C) nominare una società fiduciaria italiana quale trustee del trust di specie; D) trasferire al trustee la titolarità del patrimonio azionario della società immobiliare inglese.

40 SCHEMA STEP 1 APPARTAMENTO 1 APPARTAMENTO 2 APPARTAMENTO 3 APPARTAMENTO 4 APPARTAMENTO 5 APPARTAMENTO 6 SPA IMMOBILE UK LIMITED

41 SCHEMA STEP 2 UK LIMITED CONFERIMENTO JERSEY PURPOSE TRUST TRUSTEE DECISIONI CONGIUNTE ENFORCER PROCEDURA DI NOMINA PROCEDURA DI NOMINA SPA OBBLIGAZIONISTI ROMA

42 CLAUSOLE DEED OF TRUST Nell atto istitutivo si dispone perché: 1) il trustee, che si ritrova ad essere l unico azionista della società immobiliare UK, debba provvedere a curare l operato dell organo amministrativo della medesima, affinché quest ultima mantenga gli appartamenti dell immobile locati, incassi i canoni di locazione e, al netto dei costi di gestione, li investa secondo policies di tipo prudenziale; 2) la società immobiliare non debba distribuire alcun dividendo fino al termine di durata della vita del trust; 3) sia designato un enforcer per il trust (figura necessaria per il purpose trust ed analoga al protector di un beneficiary trust).

43 SOLUZIONE FASE FINALE -1 - Sempre nell atto istitutivo di trust si dispone poi perché, una volta sopraggiunto il termine finale del trust, il trustee verifichi il rimborso del prestito obbligazionario, e, per l ipotesi in cui questo sia avvenuto, agisca per la restituzione al settlor/disponente del trust (la SpA emittente il prestito obbligazionario) dei beni in esso conferiti (la partecipazione azionaria nella società immobiliare inglese), e, di contro, per l ipotesi in cui lo stesso non si sia verificato, decida, d intesa con l enforcer del trust, le soluzioni più opportune per il pagamento degli obbligazionisti, tra le quali, ad esempio:

44 SOLUZIONE FASE FINALE l alienazione dell intero patrimonio del trust; 2. l alienazione di determinati beni del trust (nella sostanza i singoli appartamenti detenuti dalla società immobiliare); 3. l impiego, se sufficiente, dei soli redditi prodotti dagli appartamenti locati, investiti e/o accumulati durante la vita del trust.

45 CLAUSOLA DEED OF TRUST Nell atto istitutivo di trust viene quindi inserita una clausola del presente tenore: Sopraggiunto il termine finale del trust, il trustee si accerta che il rimborso del prestito obbligazionario abbia avuto luogo, e, in caso positivo, trasferisce i beni del trust (ndr, le azioni della UK Limited) al disponente. Qualora, invece tale rimborso non abbia avuto luogo: i. il trustee adotta, di intesa con il tutore, le misure più opportune per rimborsare gli obbligazionisti, come per esempio l alienazione dei beni del trust o del patrimonio della società controllata tramite di essi e comunque impiegando per questo fine ogni reddito e altro provento accumulato durante la vita del trust; ii. il trustee trasferisce al disponente quanto sia residuato dopo aver soddisfatto gli obbligazionisti.

46 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE -1 - In conclusione, i risultati operativi di una struttura del tipo descritto sono i seguenti: 1. nell ipotesi del mancato rimborso (o del rimborso parziale), del capitale prestato dagli obbligazionisti, il trustee può decidere, d intesa con il tutore/enforcer (e quindi con piena trasparenza nei riguardi degli obbligazionisti, che lo hanno precedentemente designato congiuntamente con gli organi responsabili dell emittente), il meglio da farsi, impiegando all uopo, solo le risorse necessarie e nel modo più conveniente per tutte le parti interessate (e così, si ribadisce, ad es. procedere per la vendita dell immobile, in tutto o in parte, per l alienazione delle azioni UK, per l impiego dei canoni di locazione, o ancora combinare una di queste ipotesi con un mutuo garantito dall immobile o dalle azioni). continua

47 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE i canoni di locazione vengono di fatto e di diritto segregati dalle pretese dei creditori della SpA italiana; 3. la società emittente la stessa perde contestualmente e a titolo temporaneo la titolarità dell immobile che viene per contro ad essere legittimamente sottratto, medio tempore, agli ordinari creditori della medesima. (dal punto di vista del bilancio della società emittente, essa sostituisce prima partecipazioni ad immobili - come in un qualunque conferimento - e poi, trasferite le azioni della società immobiliare al trustee, istituisce una posta di credito verso il trustee in luogo di partecipazioni. Ove il trustee debba provvedere al rimborso degli obbligazionisti, la posta di credito verso il trustee si riduce a causa delle alienazioni o delle altre operazioni del caso, ma al contempo si annulla la posta obbligazioni al passivo del bilancio).

48 APPLICATIVA DI TRUSTS INTERNI: IL TRUST PER LA LIQUIDAZIONE DI PIU CREDITORI

49 LA FATTISPECIE Tizio, imprenditore, dispone di un bene immobile idoneo a soddisfare tutta una serie di creditori della propria attività imprenditoriale. Tizio desidera procedere così da poterli liquidare nei giusti e dovuti termini. Tizio desidera peraltro scegliere, nel rispetto della ragionevolezza, la procedura più opportuna a soddisfare tutti i creditori con equità, nel rispetto di ciascuno di essi, ma senza proprio iniquo discapito. I creditori concordano con il piano di liquidazione proposto da Tizio, e chiedono di ricorrere ad un sistema operativo semplice, rapido, efficace ed economico.

50 LA SOLUZIONE TRUST La soluzione più opportuna nel caso di specie è quella rappresentata dalla costituzione di un trust per la liquidazione dei suddetti creditori. Tizio istituisce il trust conferendogli il bene immobile necessario per liquidare tutti i suoi creditori. Il trustee procede alla vendita, alle migliori condizioni possibili (fair market value), del bene immobile ricevuto. By-passando anche il problema relativo alla disciplina del divieto del patto commissorio (cfr. art C.C.), il trustee distribuisce il ricavato della vendita ai creditori (secondo quanto spettante a ciascuno di essi), restituendo l eventuale eccedenza di vendita a Tizio.

51 SCHEMA -1 - TIZIO IMMOBILE TRUST di LIQUIDAZIONE

52 SCHEMA -2 - TRUST di LIQUIDAZIONE IMMOBILE DENARO ACQUIRENTE Eccedenza di vendita 3 CREDITORE 2 CREDITORE TIZIO 1 CREDITORE TIZIO DI TIZIO TIZIO

53 APPLICATIVA DI TRUSTS INTERNI: IL TRUST DI GARANZIA NELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI

54 LA FATTISPECIE -1 - Tizio desidera acquistare un appartamento in un immobile edificando da parte di un impresa costruttrice/venditrice. L impresa costruttrice richiede a Tizio, all atto della stipula del contratto preliminare, oltre ad un quantum come corrispettivo del preliminare medesimo, anche, ex art C.C., una somma di denaro a titolo di caparra confirmatoria. La caparra confirmatoria è una misura rafforzativa dell adempimento e consiste in una somma di denaro (o una determinata quantità di cose fungibili) che una parte versa all altra all atto della conclusione di un contratto e che

55 LA FATTISPECIE -2 - in caso di adempimento da parte del tradens, deve essere restituita dall accipiens o altrimenti imputata alla prestazione dovuta. Per contro, ex lege, in caso di inadempimento da parte dell accipiens, il tradens, oltre ad avere il diritto di recedere dal contratto, ha altresì il diritto di ricevere dell accipiens medesimo il doppio di quanto da costui in precedenza ricevuto a titolo di caparra confirmatoria. Problemi: l avvenuto trasferimento diretto può porre il tradens in una situazione delicata, perché se l accipiens èin difficoltà e non gli restituisce quanto ricevuto in precedenza, allora, il tradens stesso può trovarsi a dover concorrere con tutti i creditori, privilegiati e chirografari dell accipiens.

56 Ma non solo. LA FATTISPECIE -3 - Anche nel caso in cui l accipiens non sia di per sé inadempiente, c è comunque il rischio che vi sia un concorso tra il tradens e gli altri creditori qualora non sia possibile l imputazione della caparra ad acconto (ad es. nel caso in cui essa non è omogenea all oggetto della prestazione dovuta).

57 LA SOLUZIONE TRUST -1 - La somma da consegnarsi a titolo di caparra confirmatoria potrebbe essere dall acquirente versata in un trust istituendo da parte dell ente costruttore, che potrebbe così offrire una garanzia diretta a stimolare tutti gli eventuali soggetti interessati all acquisto di immobili da lui stesso edificandi al momento sulla carta. La somma versata dall acquirente a titolo di caparra confirmatoria sarebbe segregata ex lege dal patrimonio del trustee designato e quindi non aggredibile dai suoi creditori personali.

58 LA SOLUZIONE TRUST -2 - In aggiunta a ciò, nei limiti della revocatoria ordinaria e fallimentare la somma non sarebbe altresì aggredibile dai creditori personali dell acquirente (colui che di fatto conferisce la somma di denaro in trust). Per quanto concerne infine il venditore/costruttore, costui sarebbe il costituente di un trust di fatto nell interesse di terzi (gli acquirenti), e non apportandovi denaro proprio, il trust fund non sarebbe aggredibile nemmeno dai suoi creditori d impresa. A questo punto, il trustee avrebbe il compito di verificare l andamento dei lavori e

59 LA SOLUZIONE TRUST -3 - procedere, quando opportuno, al trasferimento della caparra a favore del costruttore. Egli conserverebbe peraltro il diritto/dovere di restituire la stessa caparra confirmatoria all acquirente/tradens per il caso dell inadempimento del costruttore/accipiens (si noti che, ex lege, al tradens spetterà di fatto il doppio di quanto consegnato a titolo di caparra confirmatoria, ma l eccedenza resterà dovuta dal costruttore/accipiens personalmente). Si noti che, medio tempore, il trustee potrà gestire in modo fruttifero le somme ricevute.

60 RIFERIMENTI PERSONALI Avvocato Andrea MOJA Presidente di Assotrusts (www.assotrusts.it) Professore a Contratto di International Trade Law, Università LIUC di Castellanza Via Monte Napoleone Milano tel fax Indirizzo

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

In questa sezione sono riportate le sentenze civilistiche di maggior rilievo attinenti al Trust in Italia.

In questa sezione sono riportate le sentenze civilistiche di maggior rilievo attinenti al Trust in Italia. In questa sezione sono riportate le sentenze civilistiche di maggior rilievo attinenti al Trust in Italia. Giurisprudenza Trib. Torino 10.3.2014 In accoglimento del reclamo proposto ex art. 2647 bis c.c.,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario giugno 2003 I PATRIMONI ED I FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza

Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza Le Guide per il Cittadino Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza nelle vendite immobiliari Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto Le Guide per il Cittadino Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto di compravendita immobiliare Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

LEGGE DI JERSEY SUI TRUSTS

LEGGE DI JERSEY SUI TRUSTS LEGGE DI JERSEY SUI TRUSTS LEGGE DI JERSEY SUI TRUSTS DEL 1984 (Con gli emendamenti fino al 24 maggio 1996) Sistemazione degli articoli PARTE I 1.Interpretazione dei termini. 2.Esistenza del trust. 3.Riconoscimento

Dettagli