Dopo aver assolto egregiamente, già

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dopo aver assolto egregiamente, già"

Transcript

1 Dopo aver assolto egregiamente, già dai primi anni di vita, gli scopi per cui era stata fondata e aver raggiunto una posizione di riferimento per tutta la zona, la Cantina continua ad arricchirsi di professionalità e di imprenditorialità che la collocano attualmente tra le prime cinque strutture produttrici del territorio. Sono stati raggiunti livelli di qualità che hanno permesso una capillare commercializzazione dei prodotti in Italia e all estero ed è con orgoglio che la Cantina Produttori di Valdobbiadene ha ricevuto recentemente il Premio dell Unioncamere per quelle aziende che hanno contribuito allo sviluppo economico del Veneto. 79 Ciò è stato possibile per una serie di cause interdipendenti tra loro: - un assiduo sforzo per migliorare la qualità dell uva, - una sempre attenta mentalità imprenditoriale che si è dotata di tecnologie all avanguardia nella lavorazione del vino, - una commercializzazione diversificata a seconda delle esigenze dei clienti e dei consumatori in genere, - la realizzazione di una rete commerciale di vendita con moderni criteri di marketing.

2 Le assemblee ordinarie dei Soci, come abbiamo visto, rappresentano un occasione unica per impartire consigli, informare su nuove tecniche, orientare le scelte degli agricoltori: Il dr. Annibale Cosmo, Capo dell Ispettorato provinciale dell Agricoltura, si compiace per l ottimo risultato ottenuto e suggerisce alcune modifiche sul criterio di valutazione delle uve, in modo da premiare maggiormente le uve più alte di grado e fare detrazioni maggiori sui prezzi delle uve di bassa gradazione in modo da spingere la produzione di qualità e scoraggiare quella di quantità (assemblea ordinaria dei Soci - 13 settembre 1970). Nel 1976 vengono organizzate una serie di conferenze presso il Centro sociale di Valdobbiadene allo scopo di sensibilizzare i Soci sul problema del miglioramento qualitativo dell uva. Parlano della lotta antiparassitaria e della razionale concimazione il dr. Pasqualetto Luciano dell Ispettorato agrario provinciale e il prof. Fregoni dell Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. D altra parte nulla deve essere tralasciato dal viticoltore per migliorare la qualità anche se ciò comporta il sacrificio nella quantità. Da parte nostra, in sede di liquidazione delle uve, perfezioneremo il criterio già seguito in questi due ultimi esercizi sociali in modo da valutare maggiormente le uve di gradazione più elevata, al fine di indirizzare i conferenti verso una produzione di qualità (relazione ai Soci - 2 agosto 1977). Un altro passo fondamentale verso l attuale sviluppo è stata l osservazione attenta delle esigenze dei consumatori e l aver avviato, quindi, accanto alla vendita di vino sfuso, una produzione sempre più importante di bottiglie. All inizio l imbottigliamento del vino, pur proposto da alcuni Soci, era stato poco praticato e anche sconsigliato da alcuni consulenti: [ ] In particolare un Consigliere chiede se non sia possibile organizzarsi per l imbottigliamento e la vendita al consumo e se non convenga aprire degli spacci alla stesso scopo. Risponde l interrogato (il Direttore della Cantina, Guido Sartorello) affermando che il Consiglio di Amministrazione ha fin dalle origini della Cantina esaminato i problemi che ora formano oggetto di esame dei Soci di Guia, ma respinge una soluzione nel senso prospettato in quanto darebbe dei risultati inferiori a quelli ottenuti. Abbiamo esempi di altre cantine che hanno tentato la via indicata dai Soci di Guia, ma hanno ottenuto degli insuccessi clamorosi, comunque la porta rimane aperta per attuare quelle soluzioni che ad un esame obbiettivo si dimostreranno economicamente soddisfacenti (assemblea ordinaria dei Soci - 15 settembre 1965). 80 L analisi del mercato, della situazione internazionale e di nuove abitudini alimentari offrono lo spunto per insegnare a produrre meglio: Tale fenomeno (diminuzione delle quotazioni e quantità di scambio sempre più ridotta) è il risultato di una costante diminuzione dei consumi, dovuta sia a fatti contingenti, come la guerra del Golfo, sia al cambiamento dei costumi alimentari; si beve infatti meno vino, ma di qualità migliore. Il Prosecco, fortunatamente, è un vino che conserva ancora buone posizioni di mercato, tuttavia la nostra produzione collinare deve ora confrontarsi con la meno accreditata, ma più conveniente, produzione di pianura che, vestendo anch essa i panni del Prosecco, riesce a ritagliarsi spazi sempre maggiori nel mercato dei vini frizzanti e degli spumanti, a scapito delle produzioni DOC di collina. Ribadiamo, quindi, che solo prodotti di ottima qualità potranno in futuro essere venduti a prezzi vantaggiosi, quelli più scadenti subiranno sempre più la concorrenza e i prezzi della pianura. L invito che, pertanto, Vi rivolgiamo anche quest anno è quello di produrre uva sana, in quantità adeguata, utilizzando tecniche colturali e trattamenti fitosanitari non pregiudizievoli della salubrità dei vini (relazioni ai Soci - settembre 1991). Ma il mercato delle bottiglie, sia di vino frizzante che di spumante, rappresenta il futuro e a poco a poco si incomincia a potenziare nei periodici ampliamenti delle strutture, gli impianti di imbottigliamento che rispondono a sempre più evidenti esigenze di mercato, tanto che si auspica uno sviluppo di questa attività e una rete di vendita: Il Presidente comunica che, dalla quantità di bottiglie finora vendute e da un calcolo su quello che verrà venduto fino alla fine d anno, si deduce che le vendite stesse hanno lo stesso volume di quello riscontrato lo scorso anno per lo stesso periodo. Necessita, però, per sviluppare questo settore, affidarsi ad un rappresentante bene introdotto, nonché svolgere un azione di propaganda. Il Consiglio, ravvisando nelle raccomandazioni del Presidente una giusta indicazione per sviluppare maggiormente il settore imbottigliamento, delibera di accogliere la proposta (Consiglio di Amministrazione - 18 dicembre 1967). 81 Gli inviti a produrre uva senza forzatura con trattamenti fitosanitari di buona qualità, evitando una produzione esagerata, è un monito costante, che è entrato ormai anche nella cultura di chi viticoltore non è. L aggiornamento è di fondamentale importanza e recentemente la Cantina ha ospitato corsi di formazione tecnico-agronomica organizzati dal CECAT di Castelfranco e giudicati di grande interesse e utilità. Ma non è facile fare scelte coraggiose, considerato anche la congiuntura economica del periodo, la diminuzione dei consumi di vino e l ormai consolidata vendita di vino all ingrosso, come si evince dalla assemblea ordinaria del 19 settembre 1972:

3 83

4 84 [ ] l enotecnico Brunoro desidera siano chiarite alcune proposte formulate da Soci in assemblee parziali o generali circa il cambiamento di indirizzo della Cantina, in quanto nella situazione attuale, più che di cambiamenti, è del parere di parlare di perfezionamento Per quanto riguarda l imbottigliamento, il cui incremento è stato fortemente caldeggiato da alcuni Soci di Guia, ha fatto eseguire un conto economico particolareggiato dal Direttore della Cantina, calcolando i tempi di lavoro con estremo scrupolo e dettagliatamente ogni opera pertinente. È risultato che dalla vendita delle bottiglie di spumante ricaviamo lo stesso prezzo realizzato con la vendita all ingrosso. Dalla vendita di bottiglie tappo corona, se dobbiamo competere con i prezzi di mercato, risultiamo in perdita. Quindi è una pura illusione l idea di ricavare un maggior profitto dalla produzione e vendita di vino in bottiglia Ora produciamo circa bottiglie all anno Per ricavare un utile dall imbottigliamento bisognerebbe fare degli acquisti di nuovi macchinari e fare nuove costruzioni per un valore di circa , senza però ricorrere al credito ordinario. Pochi anni dopo, nel 1976, venne deciso un investimento di 200 milioni per ampliare le strutture e poterle adeguare alle mutate esigenze della tecnica e del mercato incrementando la produzione di vino in bottiglia. Se da una parte, però, si auspica un incremento della quantità del vino imbottigliato, dall altra bisogna essere cauti nel potenziare l impianto di imbottigliamento e tener conto di un criterio di economicità per non fare la fine ingloriosa di molti organismi di primo e secondo grado. (assemblea dei Soci settembre 1979). alle campagne promozionali e alle esportazioni in Germania, Svizzera, Canada, Giappone e Belgio. Viene colmato lo svantaggio tecnologico nei confronti di altre aziende con l acquisto di macchinari nuovi, ma nel contempo vengono adottati criteri più severi nella valutazione della qualità e dello stato delle uve poiché il miglioramento che l azienda si è imposta è sulla qualità dei prodotti e da sempre l uva buona, in presenza di tecnologia, è genitrice di buoni vini, cosa che dobbiamo tutti attentamente valutare con molta attenzione se non vorremo competere solo sul prezzo (relazione ai Soci settembre 1999). L orientamento, quindi, è sì quello di aumentare la produzione, ma nello stretto rispetto dei requisiti di qualità che le regole del mercato pretendono. Nella consapevolezza che il vino di qualità passa attraverso una buona viticoltura, è necessario che tutti i produttori siano coinvolti nel processo di qualità, anche in vista della certificazione ISO 9001 Vision Non c è conclusione migliore che le considerazioni espresse nell ultima relazione ai Soci: 85 Ma ormai i tempi sono cambiati e un numero sempre maggiore di associati interviene perché la produzione di bottiglie venga aumentata, anche se ci può essere il rischio di urtare con gli interessi dei maggiori clienti che acquistano all ingrosso. Contestualmente si fa sempre più impellente la necessità di curare i rapporti con la grossa distribuzione, anche se la Cantina già si avvale di clienti grossisti e di un canale di vendita costituito dal Consorzio di secondo grado Tarvisium che rifornisce pizzerie, bar, fast food nel Veneto e in altre regioni italiane. Negli anni Novanta tutte le remore sono superate e si assiste ad un crescente sviluppo della Cantina specialmente nel settore dell imbottigliamento, con l acquisto di macchinari, con la partecipazione alle fiere di Genova, Verona, Vienna. Nel settembre 1991 si inaugura la Bottega del vino che presto otterrà risultati lusinghieri superando abbondantemente il miliardo di fatturato. Si incrementano le vendite in tutte le regioni italiane con una rete di agenti molto capillare e produttiva. Ormai il livello di qualità e di produzione permette di impegnarsi sul mercato internazionale e vengono presi interessanti contatti per inserirsi nel mercato della Germania e della Spagna. Si rafforza ulteriormente la rete commerciale per la commercializzazione del prodotto confezionato e ci si serve dei grandi canali di distribuzione. Si investe in campagne promozionali e pubblicitarie perché [ ] dobbiamo ribadire che, se maggiore sarà la frazione di vino venduto sfuso, minore sarà il ritorno economico sulle uve che, come si sa, beneficiano solo del valore aggiunto prodotto dalle bottiglie. [ ] È proseguito il consolidamento delle posizione nelle vendite di prodotto imbottigliato sia in Italia che all estero. [ ] Anche in Canada, Brasile, Svizzera, Giappone, Austria, Belgio e Stati Uniti le vendite sono proseguite con soddisfazione [ ] Confidiamo in futuro che la migliore qualità che sapremo esprimere con l apporto significativo dei produttori della tecnologia e dei venditori ci consenta di ottenere nuovi traguardi. Nel corso dell esercizio 2000/01, le vendite di prodotto imbottigliato sono aumentate di circa l 8% superando 6 milioni di bottiglie ed il fatturato totale aumenta ad oltre 27 miliardi (relazione ai Soci ottobre 2001). riteniamo che la strada dell imbottigliamento sia l unica che può consentire in qualche modo alla Cooperativa di rendersi sempre più indipendente dalle vicissitudini del mercato e dalle intemperanze dei clienti all ingrosso (relazione ai Soci - settembre 1993). Nel 97 le vendite di prodotto imbottigliato arrivano a 2 milioni di pezzi con un fatturato che supera i 9 miliardi, grazie anche

5 LA CANTINA SOCIALE OGGI

6 Uva conferita Impegno di conferimento Per descrivere l attuale realtà aziendale, si riportano dei dati che, tralasciando aride statistiche di bilancio e di fatturato, ne illustrano alcuni aspetti significativi. A fronte di un impegno di conferimento di uva pressoché costante nel tempo, negli ultimi anni è sensibilmente aumentata la quantità di uva effettivamente conferita. Nel seguente grafico gli istogrammi colorati indicano l andamento degli ultimi dieci anni della quantità di uva conferita e quelli grigi la quantità di uva impegnata: Come si può ben vedere, il trend positivo degli ultimi anni permette una produzione notevole di vino lavorato in grado di aumentare la presenza sul mercato e di progettare nuovi investimenti.

7 Un altro dato che sembra utile riportare riguarda la provenienza dei Soci e quindi l area di raccolta dell uva che, via via negli anni, si è sempre più allargata a dimostrazione della vitalità della Cantina e delle maggiori opportunità nel raggiungere gli scopi sociali COLLOQUIO CON ALDO FRANCHI Vidor 41 San Pietro 14 Guia 13 Santo Stefano 34 Bigolino 46 Funer 34 Ron 10 Saccol 34 San Vito (226 totale Valdobbiadene) 17 Segusino 42 Combai 100 Col San Martino 7 Montello 78 Destra Piave 10 Medio Piave La Cantina, che agli inizi dava lavoro a pochi operai che potevano aumentare al momento della vendemmia, offre ora impiego a un numero consistente di persone con diverse mansioni e ruoli Se il primo Direttore, Guido Sartorello, ha accompagnato il cammino della Cantina per trentasei anni, favorendone la crescita e lo sviluppo, il successore Aldo Franchi, con lungimirante imprenditorialità, oculata ristrutturazione tecnologica e ampliamento del mercato a livello mondiale, rende possibile il collocarsi della Società tra le più grandi e ben avviate aziende del settore. A lui si deve, all inizio degli anni 90, una progettualità moderna che, adeguatamente sostenuta dal Consiglio di Amministrazione, ha favorito e incrementato la produzione di spumante, privilegiando in modo particolare la qualità e creando un mercato internazionale. Aldo Franchi diventa Direttore della Cantina nel 1988 dopo che Guido Sartorello lascia l incarico per raggiunti limiti di età. In quel periodo la Società è una realtà consolidata ed è un punto di riferimento per i viticoltori della zona. Ha assolto egregiamente gli scopi per i quali si era costituita; i Soci sono oltre ottocento; sono stati costruiti nuovi fabbricati e la capacità ricettiva è notevolmente aumentata. La realtà economica, però, è profondamente cambiata e Valdobbiadene è diventato famoso per il suo vino. La produzione di spumanti risulta essere una delle maggiori fonti di reddito di tutta la zona. Per la Cantina è un momento delicato perché è necessario operare scelte imprenditoriali che, pur nel rispetto della tradizione, permettano lo sviluppo dell azienda in una situazione nuova. Ciò che dà valore aggiunto alla vendita del vino è la possibilità di essere presenti sul mercato nazionale ed internazionale con lo spumante. 91

8 92 93 Il nuovo Direttore coglie a pieno le nuove istanze del mercato del vino e si fa promotore di una ristrutturazione che privilegia la qualità e i nuovi orientamenti del mercato. A lui, presente in azienda da ormai tredici anni, abbiamo rivolto alcune domande sulla sua esperienza di lavoro e sui prossimi traguardi che la Cantina si prefigge: 1. Può in poche parole descrivere la realtà aziendale che ha trovato all inizio della sua attività? Quando arrivai alla Cantina Produttori di Valdobbiadene nel 1988, l azienda stava vivendo un momento piuttosto difficile dovuto alla notevole pressione della base sociale che, non soddisfatta dei risultati economici, premeva per effettuare cambia-

9 menti radicali. Innanzitutto vi era una notevole carenza di mezzi tecnici per la produzione di vino di qualità per effetto di modesti investimenti effettuati nel decennio precedente; inoltre la Cantina operava prettamente come trasformatrice di uve e non c era un progetto industriale per la commercializzazione del prodotto imbottigliato. Pertanto, i risultati economici erano il frutto di qualità non eccezionale dei prodotti per impossibilità tecnica di lavorarli al meglio e mancanza di valore aggiunto derivante da forme alternative di vendita rispetto al mercato all ingrosso. C è da dire, tuttavia, che i mezzi finanziari a disposizione erano limitati ed anche il capitale investito era davvero modesto Può riassumere e motivare brevemente le scelte imprenditoriali che lei ha ritenuto opportuno proporre al Consiglio di Amministrazione? Le scelte, così come i tempi di attuazione, sono stati dettati dalla crescente disponibilità dell Amministrazione della Cantina Produttori ad effettuare investimenti. Il progetto prevedeva sia un progressivo aggiornamento dell impiantistica che, seppur funzionale, era obsoleta sotto l aspetto della lavorazione di prodotto di qualità, sia contestualmente la ricerca di canali alternativi di vendita per il nostro vino, quali la promozione delle vendite nella Bottega del Vino e del prodotto imbottigliato. Inizialmente furono effettuati investimenti in tecnologia ed impiantistica di base nella vinificazione per mantenere nei vini quella qualità presente nelle uve conferi-

10 te e per garantire quindi al prodotto quel minimo standard qualitativo richiesto dal mercato. A partire dal 1990 iniziò il vero e proprio progetto dell organizzazione della rete commerciale per la vendita di prodotto imbottigliato. Tuttavia nei primi 3 anni i progressi furono modesti anche per l esiguità degli investimenti effettuati. Direi che il momento per me più importante fu quando la base sociale capì che, senza investimenti appropriati, non si sarebbe potuto andare avanti e quindi, dimostrando fiducia nel progetto, i Soci nel 1992 sottoscrissero il raddoppio del capitale sociale. Da quel momento, investimenti in tecnologia ed investimenti sull attività commerciale proseguirono parallelamente fino ai nostri giorni. 3. Come si colloca ora la Cantina nella zona e qual è la sua importanza? Oggi la Cantina Produttori di Valdobbiadene, con circa 6 milioni di bottiglie vendute e quasi 30 miliardi di fatturato, si colloca fra le prime 5 aziende nell area, ma direi che, per il rapporto con circa 600 famiglie di Produttori e la sua valenza socio-economica, è nel comparto agroalimentare sicuramente la prima. 4. Quali sono, a suo parere, i punti deboli e i punti di forza della Società? 96 Punti di forza sono la rilevante disponibilità di materia prima, uno staff giovane, competente e motivato da cui scaturiscono molte idee ed iniziative volte al miglioramento della competitività e dell immagine aziendale. Per quanto riguarda i punti deboli, nonostante i progressi, in questo momento di globalizzazione del mercato, ci accorgiamo che siamo un azienda piccola per competere internazionalmente Quali sono le prospettive di sviluppo e i traguardi più ambiziosi? Dallo scorso anno l Amministrazione della Cooperativa ha deciso di effettuare investimenti anche nella formazione dei nostri Soci, per dar loro modo di ottenere i migliori risultati qualitativi nella produzione dell uva. Inoltre, entro il 2005 vorremmo arrivare ad imbottigliare tutta la nostra produzione, esportandone circa il 50%.

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 Art. 1. Denominazione e vini 1. La denominazione d'origine controllata e garantita «Conegliano Valdobbiadene - Prosecco», o «Conegliano - Prosecco»

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

WineCountry.IT - Italian Wine - Listino Prezzi Stampabile. Listino Prezzi

WineCountry.IT - Italian Wine - Listino Prezzi Stampabile. Listino Prezzi Listino Prezzi L.L.C. 20 Holstein Road, San Anselmo, CA 94960-1202, USA Tel.: 001 415 460 6455 E-mail: management@winecountry.it www.winecountry.it www.emporio-italkia.com www.italian-flavor.com www.italianwinehub.com

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Verbale 2/14 Altri Comuni

Verbale 2/14 Altri Comuni Tavolo Tecnico Zonale Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera Verbale 2/14 Altri Comuni L'anno duemilaquattordici, il giorno 3 del mese di dicembre, alle ore 11.30 presso la sede della Provincia

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali Regolamento di certificazione di prodotti Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 20 11 2009 Prima emissione 01 18 02 2010 Integrazione 6.5.2 per comunicazione resa uva/vino minore al massimo consentito

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli