Dopo aver assolto egregiamente, già

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dopo aver assolto egregiamente, già"

Transcript

1 Dopo aver assolto egregiamente, già dai primi anni di vita, gli scopi per cui era stata fondata e aver raggiunto una posizione di riferimento per tutta la zona, la Cantina continua ad arricchirsi di professionalità e di imprenditorialità che la collocano attualmente tra le prime cinque strutture produttrici del territorio. Sono stati raggiunti livelli di qualità che hanno permesso una capillare commercializzazione dei prodotti in Italia e all estero ed è con orgoglio che la Cantina Produttori di Valdobbiadene ha ricevuto recentemente il Premio dell Unioncamere per quelle aziende che hanno contribuito allo sviluppo economico del Veneto. 79 Ciò è stato possibile per una serie di cause interdipendenti tra loro: - un assiduo sforzo per migliorare la qualità dell uva, - una sempre attenta mentalità imprenditoriale che si è dotata di tecnologie all avanguardia nella lavorazione del vino, - una commercializzazione diversificata a seconda delle esigenze dei clienti e dei consumatori in genere, - la realizzazione di una rete commerciale di vendita con moderni criteri di marketing.

2 Le assemblee ordinarie dei Soci, come abbiamo visto, rappresentano un occasione unica per impartire consigli, informare su nuove tecniche, orientare le scelte degli agricoltori: Il dr. Annibale Cosmo, Capo dell Ispettorato provinciale dell Agricoltura, si compiace per l ottimo risultato ottenuto e suggerisce alcune modifiche sul criterio di valutazione delle uve, in modo da premiare maggiormente le uve più alte di grado e fare detrazioni maggiori sui prezzi delle uve di bassa gradazione in modo da spingere la produzione di qualità e scoraggiare quella di quantità (assemblea ordinaria dei Soci - 13 settembre 1970). Nel 1976 vengono organizzate una serie di conferenze presso il Centro sociale di Valdobbiadene allo scopo di sensibilizzare i Soci sul problema del miglioramento qualitativo dell uva. Parlano della lotta antiparassitaria e della razionale concimazione il dr. Pasqualetto Luciano dell Ispettorato agrario provinciale e il prof. Fregoni dell Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. D altra parte nulla deve essere tralasciato dal viticoltore per migliorare la qualità anche se ciò comporta il sacrificio nella quantità. Da parte nostra, in sede di liquidazione delle uve, perfezioneremo il criterio già seguito in questi due ultimi esercizi sociali in modo da valutare maggiormente le uve di gradazione più elevata, al fine di indirizzare i conferenti verso una produzione di qualità (relazione ai Soci - 2 agosto 1977). Un altro passo fondamentale verso l attuale sviluppo è stata l osservazione attenta delle esigenze dei consumatori e l aver avviato, quindi, accanto alla vendita di vino sfuso, una produzione sempre più importante di bottiglie. All inizio l imbottigliamento del vino, pur proposto da alcuni Soci, era stato poco praticato e anche sconsigliato da alcuni consulenti: [ ] In particolare un Consigliere chiede se non sia possibile organizzarsi per l imbottigliamento e la vendita al consumo e se non convenga aprire degli spacci alla stesso scopo. Risponde l interrogato (il Direttore della Cantina, Guido Sartorello) affermando che il Consiglio di Amministrazione ha fin dalle origini della Cantina esaminato i problemi che ora formano oggetto di esame dei Soci di Guia, ma respinge una soluzione nel senso prospettato in quanto darebbe dei risultati inferiori a quelli ottenuti. Abbiamo esempi di altre cantine che hanno tentato la via indicata dai Soci di Guia, ma hanno ottenuto degli insuccessi clamorosi, comunque la porta rimane aperta per attuare quelle soluzioni che ad un esame obbiettivo si dimostreranno economicamente soddisfacenti (assemblea ordinaria dei Soci - 15 settembre 1965). 80 L analisi del mercato, della situazione internazionale e di nuove abitudini alimentari offrono lo spunto per insegnare a produrre meglio: Tale fenomeno (diminuzione delle quotazioni e quantità di scambio sempre più ridotta) è il risultato di una costante diminuzione dei consumi, dovuta sia a fatti contingenti, come la guerra del Golfo, sia al cambiamento dei costumi alimentari; si beve infatti meno vino, ma di qualità migliore. Il Prosecco, fortunatamente, è un vino che conserva ancora buone posizioni di mercato, tuttavia la nostra produzione collinare deve ora confrontarsi con la meno accreditata, ma più conveniente, produzione di pianura che, vestendo anch essa i panni del Prosecco, riesce a ritagliarsi spazi sempre maggiori nel mercato dei vini frizzanti e degli spumanti, a scapito delle produzioni DOC di collina. Ribadiamo, quindi, che solo prodotti di ottima qualità potranno in futuro essere venduti a prezzi vantaggiosi, quelli più scadenti subiranno sempre più la concorrenza e i prezzi della pianura. L invito che, pertanto, Vi rivolgiamo anche quest anno è quello di produrre uva sana, in quantità adeguata, utilizzando tecniche colturali e trattamenti fitosanitari non pregiudizievoli della salubrità dei vini (relazioni ai Soci - settembre 1991). Ma il mercato delle bottiglie, sia di vino frizzante che di spumante, rappresenta il futuro e a poco a poco si incomincia a potenziare nei periodici ampliamenti delle strutture, gli impianti di imbottigliamento che rispondono a sempre più evidenti esigenze di mercato, tanto che si auspica uno sviluppo di questa attività e una rete di vendita: Il Presidente comunica che, dalla quantità di bottiglie finora vendute e da un calcolo su quello che verrà venduto fino alla fine d anno, si deduce che le vendite stesse hanno lo stesso volume di quello riscontrato lo scorso anno per lo stesso periodo. Necessita, però, per sviluppare questo settore, affidarsi ad un rappresentante bene introdotto, nonché svolgere un azione di propaganda. Il Consiglio, ravvisando nelle raccomandazioni del Presidente una giusta indicazione per sviluppare maggiormente il settore imbottigliamento, delibera di accogliere la proposta (Consiglio di Amministrazione - 18 dicembre 1967). 81 Gli inviti a produrre uva senza forzatura con trattamenti fitosanitari di buona qualità, evitando una produzione esagerata, è un monito costante, che è entrato ormai anche nella cultura di chi viticoltore non è. L aggiornamento è di fondamentale importanza e recentemente la Cantina ha ospitato corsi di formazione tecnico-agronomica organizzati dal CECAT di Castelfranco e giudicati di grande interesse e utilità. Ma non è facile fare scelte coraggiose, considerato anche la congiuntura economica del periodo, la diminuzione dei consumi di vino e l ormai consolidata vendita di vino all ingrosso, come si evince dalla assemblea ordinaria del 19 settembre 1972:

3 83

4 84 [ ] l enotecnico Brunoro desidera siano chiarite alcune proposte formulate da Soci in assemblee parziali o generali circa il cambiamento di indirizzo della Cantina, in quanto nella situazione attuale, più che di cambiamenti, è del parere di parlare di perfezionamento Per quanto riguarda l imbottigliamento, il cui incremento è stato fortemente caldeggiato da alcuni Soci di Guia, ha fatto eseguire un conto economico particolareggiato dal Direttore della Cantina, calcolando i tempi di lavoro con estremo scrupolo e dettagliatamente ogni opera pertinente. È risultato che dalla vendita delle bottiglie di spumante ricaviamo lo stesso prezzo realizzato con la vendita all ingrosso. Dalla vendita di bottiglie tappo corona, se dobbiamo competere con i prezzi di mercato, risultiamo in perdita. Quindi è una pura illusione l idea di ricavare un maggior profitto dalla produzione e vendita di vino in bottiglia Ora produciamo circa bottiglie all anno Per ricavare un utile dall imbottigliamento bisognerebbe fare degli acquisti di nuovi macchinari e fare nuove costruzioni per un valore di circa , senza però ricorrere al credito ordinario. Pochi anni dopo, nel 1976, venne deciso un investimento di 200 milioni per ampliare le strutture e poterle adeguare alle mutate esigenze della tecnica e del mercato incrementando la produzione di vino in bottiglia. Se da una parte, però, si auspica un incremento della quantità del vino imbottigliato, dall altra bisogna essere cauti nel potenziare l impianto di imbottigliamento e tener conto di un criterio di economicità per non fare la fine ingloriosa di molti organismi di primo e secondo grado. (assemblea dei Soci settembre 1979). alle campagne promozionali e alle esportazioni in Germania, Svizzera, Canada, Giappone e Belgio. Viene colmato lo svantaggio tecnologico nei confronti di altre aziende con l acquisto di macchinari nuovi, ma nel contempo vengono adottati criteri più severi nella valutazione della qualità e dello stato delle uve poiché il miglioramento che l azienda si è imposta è sulla qualità dei prodotti e da sempre l uva buona, in presenza di tecnologia, è genitrice di buoni vini, cosa che dobbiamo tutti attentamente valutare con molta attenzione se non vorremo competere solo sul prezzo (relazione ai Soci settembre 1999). L orientamento, quindi, è sì quello di aumentare la produzione, ma nello stretto rispetto dei requisiti di qualità che le regole del mercato pretendono. Nella consapevolezza che il vino di qualità passa attraverso una buona viticoltura, è necessario che tutti i produttori siano coinvolti nel processo di qualità, anche in vista della certificazione ISO 9001 Vision Non c è conclusione migliore che le considerazioni espresse nell ultima relazione ai Soci: 85 Ma ormai i tempi sono cambiati e un numero sempre maggiore di associati interviene perché la produzione di bottiglie venga aumentata, anche se ci può essere il rischio di urtare con gli interessi dei maggiori clienti che acquistano all ingrosso. Contestualmente si fa sempre più impellente la necessità di curare i rapporti con la grossa distribuzione, anche se la Cantina già si avvale di clienti grossisti e di un canale di vendita costituito dal Consorzio di secondo grado Tarvisium che rifornisce pizzerie, bar, fast food nel Veneto e in altre regioni italiane. Negli anni Novanta tutte le remore sono superate e si assiste ad un crescente sviluppo della Cantina specialmente nel settore dell imbottigliamento, con l acquisto di macchinari, con la partecipazione alle fiere di Genova, Verona, Vienna. Nel settembre 1991 si inaugura la Bottega del vino che presto otterrà risultati lusinghieri superando abbondantemente il miliardo di fatturato. Si incrementano le vendite in tutte le regioni italiane con una rete di agenti molto capillare e produttiva. Ormai il livello di qualità e di produzione permette di impegnarsi sul mercato internazionale e vengono presi interessanti contatti per inserirsi nel mercato della Germania e della Spagna. Si rafforza ulteriormente la rete commerciale per la commercializzazione del prodotto confezionato e ci si serve dei grandi canali di distribuzione. Si investe in campagne promozionali e pubblicitarie perché [ ] dobbiamo ribadire che, se maggiore sarà la frazione di vino venduto sfuso, minore sarà il ritorno economico sulle uve che, come si sa, beneficiano solo del valore aggiunto prodotto dalle bottiglie. [ ] È proseguito il consolidamento delle posizione nelle vendite di prodotto imbottigliato sia in Italia che all estero. [ ] Anche in Canada, Brasile, Svizzera, Giappone, Austria, Belgio e Stati Uniti le vendite sono proseguite con soddisfazione [ ] Confidiamo in futuro che la migliore qualità che sapremo esprimere con l apporto significativo dei produttori della tecnologia e dei venditori ci consenta di ottenere nuovi traguardi. Nel corso dell esercizio 2000/01, le vendite di prodotto imbottigliato sono aumentate di circa l 8% superando 6 milioni di bottiglie ed il fatturato totale aumenta ad oltre 27 miliardi (relazione ai Soci ottobre 2001). riteniamo che la strada dell imbottigliamento sia l unica che può consentire in qualche modo alla Cooperativa di rendersi sempre più indipendente dalle vicissitudini del mercato e dalle intemperanze dei clienti all ingrosso (relazione ai Soci - settembre 1993). Nel 97 le vendite di prodotto imbottigliato arrivano a 2 milioni di pezzi con un fatturato che supera i 9 miliardi, grazie anche

5 LA CANTINA SOCIALE OGGI

6 Uva conferita Impegno di conferimento Per descrivere l attuale realtà aziendale, si riportano dei dati che, tralasciando aride statistiche di bilancio e di fatturato, ne illustrano alcuni aspetti significativi. A fronte di un impegno di conferimento di uva pressoché costante nel tempo, negli ultimi anni è sensibilmente aumentata la quantità di uva effettivamente conferita. Nel seguente grafico gli istogrammi colorati indicano l andamento degli ultimi dieci anni della quantità di uva conferita e quelli grigi la quantità di uva impegnata: Come si può ben vedere, il trend positivo degli ultimi anni permette una produzione notevole di vino lavorato in grado di aumentare la presenza sul mercato e di progettare nuovi investimenti.

7 Un altro dato che sembra utile riportare riguarda la provenienza dei Soci e quindi l area di raccolta dell uva che, via via negli anni, si è sempre più allargata a dimostrazione della vitalità della Cantina e delle maggiori opportunità nel raggiungere gli scopi sociali COLLOQUIO CON ALDO FRANCHI Vidor 41 San Pietro 14 Guia 13 Santo Stefano 34 Bigolino 46 Funer 34 Ron 10 Saccol 34 San Vito (226 totale Valdobbiadene) 17 Segusino 42 Combai 100 Col San Martino 7 Montello 78 Destra Piave 10 Medio Piave La Cantina, che agli inizi dava lavoro a pochi operai che potevano aumentare al momento della vendemmia, offre ora impiego a un numero consistente di persone con diverse mansioni e ruoli Se il primo Direttore, Guido Sartorello, ha accompagnato il cammino della Cantina per trentasei anni, favorendone la crescita e lo sviluppo, il successore Aldo Franchi, con lungimirante imprenditorialità, oculata ristrutturazione tecnologica e ampliamento del mercato a livello mondiale, rende possibile il collocarsi della Società tra le più grandi e ben avviate aziende del settore. A lui si deve, all inizio degli anni 90, una progettualità moderna che, adeguatamente sostenuta dal Consiglio di Amministrazione, ha favorito e incrementato la produzione di spumante, privilegiando in modo particolare la qualità e creando un mercato internazionale. Aldo Franchi diventa Direttore della Cantina nel 1988 dopo che Guido Sartorello lascia l incarico per raggiunti limiti di età. In quel periodo la Società è una realtà consolidata ed è un punto di riferimento per i viticoltori della zona. Ha assolto egregiamente gli scopi per i quali si era costituita; i Soci sono oltre ottocento; sono stati costruiti nuovi fabbricati e la capacità ricettiva è notevolmente aumentata. La realtà economica, però, è profondamente cambiata e Valdobbiadene è diventato famoso per il suo vino. La produzione di spumanti risulta essere una delle maggiori fonti di reddito di tutta la zona. Per la Cantina è un momento delicato perché è necessario operare scelte imprenditoriali che, pur nel rispetto della tradizione, permettano lo sviluppo dell azienda in una situazione nuova. Ciò che dà valore aggiunto alla vendita del vino è la possibilità di essere presenti sul mercato nazionale ed internazionale con lo spumante. 91

8 92 93 Il nuovo Direttore coglie a pieno le nuove istanze del mercato del vino e si fa promotore di una ristrutturazione che privilegia la qualità e i nuovi orientamenti del mercato. A lui, presente in azienda da ormai tredici anni, abbiamo rivolto alcune domande sulla sua esperienza di lavoro e sui prossimi traguardi che la Cantina si prefigge: 1. Può in poche parole descrivere la realtà aziendale che ha trovato all inizio della sua attività? Quando arrivai alla Cantina Produttori di Valdobbiadene nel 1988, l azienda stava vivendo un momento piuttosto difficile dovuto alla notevole pressione della base sociale che, non soddisfatta dei risultati economici, premeva per effettuare cambia-

9 menti radicali. Innanzitutto vi era una notevole carenza di mezzi tecnici per la produzione di vino di qualità per effetto di modesti investimenti effettuati nel decennio precedente; inoltre la Cantina operava prettamente come trasformatrice di uve e non c era un progetto industriale per la commercializzazione del prodotto imbottigliato. Pertanto, i risultati economici erano il frutto di qualità non eccezionale dei prodotti per impossibilità tecnica di lavorarli al meglio e mancanza di valore aggiunto derivante da forme alternative di vendita rispetto al mercato all ingrosso. C è da dire, tuttavia, che i mezzi finanziari a disposizione erano limitati ed anche il capitale investito era davvero modesto Può riassumere e motivare brevemente le scelte imprenditoriali che lei ha ritenuto opportuno proporre al Consiglio di Amministrazione? Le scelte, così come i tempi di attuazione, sono stati dettati dalla crescente disponibilità dell Amministrazione della Cantina Produttori ad effettuare investimenti. Il progetto prevedeva sia un progressivo aggiornamento dell impiantistica che, seppur funzionale, era obsoleta sotto l aspetto della lavorazione di prodotto di qualità, sia contestualmente la ricerca di canali alternativi di vendita per il nostro vino, quali la promozione delle vendite nella Bottega del Vino e del prodotto imbottigliato. Inizialmente furono effettuati investimenti in tecnologia ed impiantistica di base nella vinificazione per mantenere nei vini quella qualità presente nelle uve conferi-

10 te e per garantire quindi al prodotto quel minimo standard qualitativo richiesto dal mercato. A partire dal 1990 iniziò il vero e proprio progetto dell organizzazione della rete commerciale per la vendita di prodotto imbottigliato. Tuttavia nei primi 3 anni i progressi furono modesti anche per l esiguità degli investimenti effettuati. Direi che il momento per me più importante fu quando la base sociale capì che, senza investimenti appropriati, non si sarebbe potuto andare avanti e quindi, dimostrando fiducia nel progetto, i Soci nel 1992 sottoscrissero il raddoppio del capitale sociale. Da quel momento, investimenti in tecnologia ed investimenti sull attività commerciale proseguirono parallelamente fino ai nostri giorni. 3. Come si colloca ora la Cantina nella zona e qual è la sua importanza? Oggi la Cantina Produttori di Valdobbiadene, con circa 6 milioni di bottiglie vendute e quasi 30 miliardi di fatturato, si colloca fra le prime 5 aziende nell area, ma direi che, per il rapporto con circa 600 famiglie di Produttori e la sua valenza socio-economica, è nel comparto agroalimentare sicuramente la prima. 4. Quali sono, a suo parere, i punti deboli e i punti di forza della Società? 96 Punti di forza sono la rilevante disponibilità di materia prima, uno staff giovane, competente e motivato da cui scaturiscono molte idee ed iniziative volte al miglioramento della competitività e dell immagine aziendale. Per quanto riguarda i punti deboli, nonostante i progressi, in questo momento di globalizzazione del mercato, ci accorgiamo che siamo un azienda piccola per competere internazionalmente Quali sono le prospettive di sviluppo e i traguardi più ambiziosi? Dallo scorso anno l Amministrazione della Cooperativa ha deciso di effettuare investimenti anche nella formazione dei nostri Soci, per dar loro modo di ottenere i migliori risultati qualitativi nella produzione dell uva. Inoltre, entro il 2005 vorremmo arrivare ad imbottigliare tutta la nostra produzione, esportandone circa il 50%.

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Company Profile Maggio 2011 (Riservato( Riservato)

Company Profile Maggio 2011 (Riservato( Riservato) Company Profile Maggio 2011 (Riservato( 1 Le origini e lo sviluppo La capogruppo Giordano Vini Spa ha la propria sede legale a Valle Talloria, frazione di Diano d Alba, dove la famiglia Giordano iniziò

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Il mercato del vino in Germania

Il mercato del vino in Germania Il mercato del vino in Germania Baccelle Enrico Aprile 212 milioni di euro milioni di litri Mercato del vino imbottigliato in Germania (GTI, Istituto Spagnolo Commercio Estero -ICEX-, Euromonitor, Aprile

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO Presentazione progetto VERIFICA SUL MERCATO DELLA TRACCIABILITA DI FILIERA Verona 27 marzo 2012 LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO IL PROGETTO TERRITORI DIVINI CASE HISTORY DI SUCCESSO

Dettagli

Azienda vinicola Perlage srl

Azienda vinicola Perlage srl Azienda vinicola Perlage srl PREMESSA Il modello di business L azienda Perlage srl. ha impostato la propria attività sulla produzione di vino biologico e la continua ricerca di prodotti innovativi per

Dettagli

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Programma Operativo Regione 2007-2013 Direttiva per la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo RILANCIARE L

Dettagli

Valore di mercato del prodotto trasformato e imbottigliato

Valore di mercato del prodotto trasformato e imbottigliato Anno 1999 II a PROVA SCRITTA Il candidato descriva i criteri per la valutazione di convenienza per la trasformazione del latte in formaggio e/o dell uva in vino. SVOLGIMENTO Per affrontare questo tipo

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ San Severo, 30 Settembre 2006 Convegno Vino & Marketing: proposte per un distretto spumantistico della Capitanata D Araprì case history 1

Dettagli

vini doc dei colli piacentini in val tidone esperienza e passione da più di 20 anni

vini doc dei colli piacentini in val tidone esperienza e passione da più di 20 anni vini doc dei colli piacentini in val tidone esperienza e passione da più di 20 anni controllo diretto di tutta la filiera di produzione profumi della nostra terra L AZIENDA 41 ettari di vigneti di proprietà

Dettagli

ITALIAN WINE BRANDS Q U OTA Z I O N E D E L P R I M O G R U P P O V I N I C O LO I TA L I A N O

ITALIAN WINE BRANDS Q U OTA Z I O N E D E L P R I M O G R U P P O V I N I C O LO I TA L I A N O ITALIAN WINE BRANDS Q U OTA Z I O N E D E L P R I M O G R U P P O V I N I C O LO I TA L I A N O COSTITUZIONE DEL PRIMO GRUPPO VINICOLO QUOTATO IN ITALIA Ottobre 2014 strettamente riservato e confidenziale

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita.

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Amministrazione e Contabilità. Una suite integrata per la gestione completa delle aziende vitivinicole. Nasce

Dettagli

L esportazione del vino dal Veneto dal 2004 al 2013

L esportazione del vino dal Veneto dal 2004 al 2013 L esportazione del vino dal Veneto dal 24 al 213 Questo report è stato realizzato da Antonio De Zanche del Settore Economia, Mercati e Competitività di Veneto Agricoltura e Nicola Contiero, tirocinante

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

DOC. Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai. wine. Professione. Tracciabilità totale

DOC. Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai. wine. Professione. Tracciabilità totale Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai Analisi costi di produzione Quaderno di campagna Registri di cantina Tracciabilità e rintracciabilità Controllo autenticità del prodotto

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

La Storia di una Famiglia

La Storia di una Famiglia La Storia di una Famiglia In quei tempi la zona era a vocazione viticola, e nella sede storica Quirico Decordi senior vinificava qualche botte di vino rosso tipico, tra cui Fortana, Ancellotta, Lambrusco,

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA

08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA 08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA LA CONGIUNTURA IN ALTO ADIGE Agosto 2014 Economia in generale 1 Settore manufatturiero 4 Edilizia 7 Commercio al dettaglio 10 Commercio all ingrosso 13 Trasporti 16 Turismo

Dettagli

Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1

Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1 Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1 2 Il posizionamento dell industria agroalimentare abruzzese Le produzioni agroalimentari abruzzesi 3 Il CRESA, Centro regionale di studi e ricerche economico-sociali

Dettagli

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi 44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi N.B. Da compilare su file e restituire al docente via e-mail entro venerdì 23

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

2008 - TrendWine. Appunti su vino e marketing

2008 - TrendWine. Appunti su vino e marketing 2008 - TrendWine. Appunti su vino e marketing L abito fa il vino? Colli del Limbara Igt Rosso Galana 2000 Non giudicare il libro dalla copertina, dice un aforisma celebre. La stessa cosa vale anche per

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

Rassegna Stampa. Martedì 24 luglio 2012 TREVISO

Rassegna Stampa. Martedì 24 luglio 2012 TREVISO Rassegna Stampa Martedì 24 luglio 2012 TREVISO Martedì 24 luglio 2012, pag. 16 OGGI A SOLIGHETTO Le colline patrimonio dell'unesco: si costituisce il comitato promotore VALDOBBIADENE - Le colline del paesaggio

Dettagli

UniCeSV. Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il

UniCeSV. Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il Centro Universitario di ricerca e formazione per lo sviluppo competitivo delle imprese del settore vitivinicolo italiano del dipartimento di Agraria

Dettagli

IL MARKETING FONTI DEI DATI

IL MARKETING FONTI DEI DATI IL MARKETING Il Marketing è l insieme delle attività e delle politiche poste in essere dall impresa per soddisfare le esigenze dei consumatori e per crearne la domanda. Il SOTTOSISTEMA di Marketing è costituito

Dettagli

CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2013 PROSECCO SUPERIORE. Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O13 DA PRODOTTO A SIMBOLO

CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2013 PROSECCO SUPERIORE. Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O13 DA PRODOTTO A SIMBOLO CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O13 DA PRODOTTO A SIMBOLO Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

BUSINESS 15GRADI. la gestione case vinicole. enter >

BUSINESS 15GRADI. la gestione case vinicole. enter > BUSINESS 15GRADI la gestione case vinicole enter Risolvete i problemi di gestione delle confezioni miste Controllate i piani di spedizione tramite corriere Gestite le scorte di magazzino, i registri obbligatori

Dettagli

Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici

Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici A cura di Pietro Zanatta L economia del comune di Giavera del Montello (sup. Kmq 19.91; ab. 4.339) ha subito una profonda trasformazione nell ultimo trentennio.

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

LE FIGURE PROFESSIONALI DEL SETTORE AGROALIMENTARE * SOMMARIO

LE FIGURE PROFESSIONALI DEL SETTORE AGROALIMENTARE * SOMMARIO LAURA ANTONUCCI # CORRADO CROCETTA # Dipartimento di Scienze mediche e del lavoro, Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Scienze economiche, matematiche e statistiche, Università degli Studi

Dettagli

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lo stato dell arte sull uso lieviti dei selezionati in enologia Giovedì 28 Marzo 2013 Sala biblioteca c/o sede ASTRA S.r.l. Via Tebano 45 Faenza (RA) Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lorena

Dettagli

FIGURE PROFESSIONALI NEL SETTORE OLIVICOLO

FIGURE PROFESSIONALI NEL SETTORE OLIVICOLO FIGURE PROFESSIONALI NEL SETTORE OLIVICOLO Nota per la consultazione La voce denominazione in alcuni casi riporta diversi modi di definire la figura per come è stata proposta dagli esperti e dagli intervistati.

Dettagli

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA SETTORE GOMMA E PLASTICA Documento redatto e concepito da: Michele Sabatino - 1 - ANALISI OPPORTUNITA PAESE ROMANIA - SETTORE GOMMA E PLASTICA Premessa Il presente elaborato

Dettagli

ASSEMBLEA DI CONFCOOPERATIVE TOSCANA Auditorium della BCC di Vignole Pistoia, 14 novembre 2005

ASSEMBLEA DI CONFCOOPERATIVE TOSCANA Auditorium della BCC di Vignole Pistoia, 14 novembre 2005 ASSEMBLEA DI CONFCOOPERATIVE TOSCANA Auditorium della BCC di Vignole Pistoia, 14 novembre 2005 Relazione del Presidente Gianfranco Tilli Cari amici, stiamo per concludere il primo biennio del nostro mandato;

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale Esami modulari SVF-ASFC Serie pilota 2013 Serie pilota (Descrizione del modulo 2013) Gestione del personale Domande d esame Durata dell esame: 90 Minuti Mezzi ausiliari ammessi: Testi di legge (CC e CO)

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

elò ITALIA Going to China

elò ITALIA Going to China elò ITALIA Going to China elò ITALIA: l unione di esperti per il massimo dei risultati Consulvendite Srl Italy Professional Srl SG Consulting Core Business aziendale Società specializzata nella consulenza

Dettagli

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino (Ordinanza sul vino) Modifica del 23 ottobre 2013 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 14 novembre 2007 1 sul vino è modificata

Dettagli

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh Partner Patrocinato dal INDICE 1) Premessa 2) Accademia delle Imprese Europea 3) Tipicità delle produzioni calabresi 4) Artigianato 5) Turismo 6) Sociale 7) Presentazione PROGETTO EnoAgriArt Calabria 8)

Dettagli

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Documenti dello Schema Rev. 02 Committente: FIPE CONFCOMMERCIO Piazza G. C. Belli, 2 00153 ROMA Tel. 06/588.10.12 Fax 06/581.86.82

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDIO Obiettivi formativi generali e specifici Il corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia impartisce una formazione interdisciplinare sui principi biologici e tecnologici

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management SETTORE AGROALIMENTARE: ANALISI SWOT PER I PRODOTTI DI QUALITA di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management Nei Paesi sviluppati l alimentazione ha perso, in parte, il suo significato

Dettagli

L OLIVICOLTURA BIOLOGICA

L OLIVICOLTURA BIOLOGICA L OLIVICOLTURA BIOLOGICA Viterbo, sabato 20 marzo 2004 sala conferenze della Camera di Commercio di Viterbo organizzato dall APROV Dr. Marco Camilli Presidente ANAGRIBIOS Associazione Nazionale dell Agricoltura

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Due giovani imprenditori agricoli puntano sull innovazione per rendere la loro azienda più competitiva La Masseria è nata nel 1940 quando i

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Autorità pubblica di controllo designata per i vini a D.O e I.G.

Autorità pubblica di controllo designata per i vini a D.O e I.G. Allegato alla Determinazione del Segretario Generale n. 173 del 14/07/2015 Avviso di selezione per titoli e colloquio per la costituzione di un elenco di soggetti da cui attingere per il conferimento di

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

Cantina 24. Principali moduli disponibili nell offerta Cantina 24

Cantina 24. Principali moduli disponibili nell offerta Cantina 24 Principali moduli disponibili nell offerta Cantina 24 Quaderno di Campagna/centro di costo Vinificazione Attività in cantina Acquisti Magazzino Tracciabilità Distinte Base/confezioni Produzione /imbottigliamento

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta.

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta. Soggetto Proponente Ragione Sociale: Società Cooperativa Agricola Cantina Sociale di Calasetta Indirizzo: Via Roma, 134 09011 Calasetta Telefono 0781/88413 Fax 0781/88871 E-mail info@cantinacalasetta.com

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

BUSINESS 15GRADI. produzione distribuzione bevande

BUSINESS 15GRADI. produzione distribuzione bevande BUSINESS 15GRADI produzione distribuzione bevande enter Risolvere i problemi di gestione delle confezioni miste Controllare i piani di spedizione tramite corriere Gestire le scorte di magazzino, i registri

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel. 075.7971056, 075.5002953 Fax 075.5002956 e-mail:umbria@cia.it web:www.ciaumbria.it SPECIALE

Dettagli

FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA

FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA Il segnale di allarme arriva in occasione della presentazione di uno studio Federalimentare-Ismea

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli