Indice PREMESSA. PERCHÉ COSTRUIRE UN METODO? L input L intelligenza si può educare? I laboratori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice PREMESSA. PERCHÉ COSTRUIRE UN METODO? L input L intelligenza si può educare? I laboratori"

Transcript

1 Indice PREMESSA PERCHÉ COSTRUIRE UN METODO? L input L intelligenza si può educare? I laboratori GLI INGREDIENTI PER UN BUON APPRENDIMENTO C'è un prima C'è un durante C'è un dopo È CAMBIATO QUALCOSA? Cosa cambia nei bambini Cosa cambia nelle insegnanti Cosa cambia nella didattica Esempi di attività Esecuzione di una scheda Attività di vita pratica Comporre un puzzle Situazione conflittuale Attività extrascolastica IL LABORATORIO: un analisi ravvicinata Cosa fa l adulto Cosa fa il bambino Cosa si ottiene I contenuti del programma del laboratorio Presentazione di un incontro I GENITORI I primi mediatori Le domande dei genitori

2 PREMESSA Maria spalancò la porta e disse: - Allora ho sbagliato tutto in questi anni! C è stato per tutte noi un momento di crisi, dopo esserci messe in gioco come insegnanti, con il bisogno di riflettere su come si stava lavorando, di confrontarci sulla didattica e sulla nostra professionalità, con la voglia di cambiare, di trovare strade nuove per rispondere meglio a bisogni educativi sempre diversi e, ci pareva, sempre più complicati. Scontente e scontate, come spesso si sentono le insegnanti in un mestiere che non permette tregua. Sentivamo anche un gran bisogno di un rapporto diverso con i bambini, di avere un posto dove si dicono cose buone, dove non si alza la voce, dove lo sguardo ha la stessa importanza delle parole, dove il silenzio può essere più produttivo del linguaggio e la parola è piena di significato; dove l azione passa attraverso la mente e non c è l ansia del produrre ma la serenità dell osservare e dove ciò che conta non è il sapere, ma l essere con-sapevoli. Il laboratorio è diventato per noi un officina didattica in cui esercitare il nostro mestiere in modo diverso, più critico rispetto al modo di agire passato, senza per questo abbandonarlo o rinnegarlo. E stato qualcosa di importante e di entusiasmante, di diverso, che ci ha obbligate a pensare, a cambiare, a costruire e ci siamo sentite maestre nuove e più capaci. Per questo ci è venuta la voglia di raccontarci.

3 PERCHE COSTRUIRE UN METODO? L input L input a iniziare una sperimentazione è stato dato da corsi di aggiornamento e autoaggiornamento. Gli argomenti via via affrontati sono stati elaborati e raccolti in una dispensa, insieme alle riflessioni delle insegnanti partecipanti. In particolare, il corso di formazione triennale (1994, 1995 e 1997) sulla Pedagogia della Mediazione, organizzato dal Comune di Torino, è stato l occasione per alcune di noi di conoscere nuove tematiche e nuove metodologie. Il corso ha avuto come modello teorico di riferimento il programma di Reuven Feuerstein, i cui strumenti sono stati presentati da docenti dell Associazione Mediation. Le conoscenze relative al potenziamento cognitivo e alle tecniche di valutazione dinamica sono state presentate da docenti dello Studio D Amato-Florian. Le insegnanti che hanno approfondito questa conoscenza hanno avviato nelle loro scuole dei laboratori con metodologia metacognitiva e hanno progettato materiali didattici adatti ai bambini dai tre ai sei anni. Questa scelta educativa e metodologica è stata condivisa e sostenuta anche dalle responsabili del Nucleo pedagogico, che hanno garantito la continuità della formazione promuovendo l approfondimento metodologico all interno dei circoli didattici. Ciò ha consentito che la sperimentazione si allargasse a tutte le sezioni. La continuità e la supervisione è stata garantita da corsi e seminari guidati da docenti della Cooperativa Multiproposta presso le scuole e presso il Centro Interdipartimentale per la Didattica (CIRDA) dell Università di Torino. Il percorso è culminato, per alcune insegnanti, nell acquisizione di un Master nella formazione al metodo metacognitivo per la prima infanzia di Carl Haywood. La sfida che ci proponiamo sta nel trasformare il metodo esercitato in laboratorio in stile educativo applicabile in tutti i contesti.

4 L intelligenza si può educare? Il sistema sociale in cui viviamo implica, ad ogni livello, una rapida capacità di adattamento a esigenze sempre nuove. La scuola ha una grande responsabilità nel formare queste capacità di fronte a richieste e competenze sempre più specifiche e flessibili, ma deve anzitutto porre riparo all aumento dell abbandono scolastico e delle maggiori difficoltà e problematiche degli utenti relative ai processi di apprendimento. Il meccanismo dell'apprendimento e lo sviluppo dell'intelligenza sono stati importanti argomenti di studio. I principi teorici che ci hanno orientato,sono: - le osservazioni di Piaget sulla prevedibilità degli stadi dello sviluppo cognitivo e l'importanza del pensiero operatorio; - l'apprendimento concettuale come impresa collaborativa e sociale e la zona di sviluppo prossimale proposti da Vygotsky ; - la teoria della modificabilità cognitiva strutturale di Feuerstein; - la concezione transazionale dell'intelligenza di Haywood; - le intelligenze multiple di Gardner; - il modello di Ridescrizione Rappresentazionale di Karmiloff -Smith; Recenti studi superano la concezione stadiale e maturazionista di Piaget dell'intelligenza, ma sono a favore di una visione sistemica, caratterizzata da un'interazione fra elementi innati e appresi, diversificati al loro stesso interno che interagiscono continuamente fra loro. L'interazione continua di questi elementi è influenzata da stimoli ambientali, socioculturali e dalla presenza di stili cognitivi, strategie e modalità di funzionamento molteplici e diversi. In questa prospettiva si parla oggi di educabilità cognitiva, ovvero della possibilità di insegnare l uso di un sistema operativo di base trasferibile e generalizzabile ad ogni contesto e campo possibile e non più un idea di insegnamento inteso come trasmissione di conoscenze relative a compiti definiti e stabili. Più che riempire le teste, oggi più che mai, la scuola deve (come auspicava Morin) contribuire a formare teste ben fatte. L intervento educativo mediato riconosce la modificabilità dell intelligenza e rende consapevoli, espliciti e sistematici quei meccanismi cognitivi e metacognitivi che solitamente si adottano inconsciamente.

5 I bambini in età prescolare hanno una tendenza spontanea ad interrogarsi su come si fa, a dire e a capire. Una buona mediazione aiuta quindi ad acquisire e consolidare buone abitudini di apprendimento, che il bambino potrà produrre autonomamente e trasferire ad ogni contesto, scolastico ed extra-scolastico. Il bambino diventa così artefice del proprio sapere e matura quel senso di competenza e di fiducia nelle proprie capacità che gli permettono di aumentare la propria flessibilità mentale e di scegliere la migliore fra più soluzioni possibili. Noi non pensiamo che la scuola dell infanzia debba assumere una funzione preparatoria alla scolarità successiva, essa deve salvaguardare il suo caratteristico percorso, calibrato sulle potenzialità e sulle caratteristiche evolutive dell'età tre-sei anni. La scuola dell infanzia, ha secondo noi il compito di potenziare, oltre alle capacità più strettamente logiche (la concettualizzazione dello spazio e del tempo, della quantità e del numero, di somiglianze e differenze nei confronti, il ragionamento per ipotesi, la capacità di classificare e di ordinare, ), il conseguimento di quelle abilità che i bambini maturano in questi anni decisivi: il buon rapporto con se stessi e con gli altri, le autonomie di base, l autoregolazione comportamentale e cognitiva, la capacità di rappresentarsi mentalmente il proprio agire e di poterlo descrivere e comunicare in modo sempre più efficace e pertinente. Riteniamo di dover puntare con la maggiore determinazione possibile al conseguimento di questi obiettivi educativi e realizzare i necessari collegamenti con il circolo primario, in modo da diventare interlocutori attivi del livello di scolarità successivo. Perché i laboratori I laboratori attualmente funzionano presso le scuole dell infanzia di corso Cincinnato, 200 e di Via delle Primule, 36. Sono gestiti da due insegnanti per garantire anche l osservazione dell intervento mediato dell adulto e sono fruiti da tutti i bambini dell ultimo anno, suddivisi in gruppi da otto a dieci bambini. Poiché questa metodologia favorisce la diversità dei percorsi di apprendimento, sono inseriti nei gruppi bambini con difficoltà o ritardi evolutivi, in modo da poterli aiutare a potenziare le abilità

6 che già posseggono, recuperare quelle carenti e far ricercare strategie efficienti. Si attua, così un lavoro di prevenzione e consolidamento. Rispetto alla scelta del metodo abbiamo preferito un approccio sperimentale, che ha evitato di applicare un programma già confezionato e a senso unico, con il rischio di fare senza capire. La decisione di costruire strada facendo materiale e metodo, fidandoci della nostra esperienza e lasciando sempre aperto il confronto, ci ha permesso di avere un programma nato dalla operatività e che ha trovato poi nella teoria la sua giustificazione. Siamo riuscite a chiarirci il significato degli elementi che giocano un ruolo all interno del processo di apprendimento: funzioni cognitive, strategie, individualità, relazioni, obiettivi, capacità, materiali, motivazione e a comprenderne il valore e l interrelazione. In questa fase di sperimentazione si è scelto di attuare un intervento preciso e ordinato, che tenga presente gli obiettivi generali, rispettando il livello di sviluppo individuale e del gruppo. L obiettivo primario del nostro progetto è mettere il bambino in un contesto favorevole all apprendimento, con condizioni di lavoro ottimali (gruppo ristretto, spazio privilegiato e attrezzato, tempo) e con una mediazione efficace che potenzi quei comportamenti attivi di ricerca, di scelta di strategie, funzioni cognitive e abilità trasversali necessari per svolgere il compito. La riuscita del compito migliorerà nei bambini anche l autostima, l autovalutazione, la flessibilità mentale, l autonomia che li aiuteranno a crescere socialmente. Sono state definite delle unità di proposte e preparati degli strumenti di lavoro (giochi, azioni, schede, verbalizzazioni, ecc.) che si svolgono con modalità diverse (manuali, linguistiche, simboliche, iconiche e grafiche). Per ogni unità didattica, e complessivamente per tutto il programma, si è preceduto a una stesura organica delle proposte di lavoro, valutandone l impegno mentale a livello di operazioni, il livello di complessità e la gerarchia degli apprendimenti richiesti. Il materiale, nella nostra sperimentazione, ha un importanza secondaria rispetto al metodo e non ha valore intrinseco, è rilevante in quanto stimolo dei processi mentali e per questo aspetto dinamico è soggetto a frequenti modifiche. Non esistono strumenti validi di per sé, ma per l uso che se ne fa. Per i genitori vengono organizzati degli incontri in cui possono esprimere le loro aspettative e sperimentare direttamente le modalità di

7 mediazione. Scoprono così come i materiali semplici e le interazioni quotidiane siano strumenti per imparare, soprattutto se intrise di significati e di emozioni come accade spontaneamente in una relazione affettiva. Il valore educativo della quotidianità e la naturalezza della mediazione li rassicurano circa le proprie capacità educative.

8 GLI INGREDIENTI PER UN BUON APPRENDIMENTO Vi sono degli ingredienti educativi che riconosciamo come importanti e che, secondo la nostra esperienza, determinano la differenza di metodo e la qualità della didattica. La maggior parte di questi interventi sono condivisi e utilizzati frequentemente dalle insegnanti, ma con poca consapevolezza e sistematicità. Nel momento in cui li abbiamo ri-visti e ri-scoperti è cambiato il nostro rapporto con il bambino e con l apprendimento nel suo complesso. C è un prima La progettazione richiede attenzione e organizzazione e rappresenta buona parte del lavoro. Formazione del gruppo È un mezzo di intervento educativo. Il numero dei bambini per ogni gruppo è ridotto: da 8 a 10, con un minimo di 6. Per quanto possibile, scegliamo i bambini in base alle conoscenze che abbiamo riguardo ai comportamenti e alle relazioni che si sono osservati in sezione. Di solito si inseriscono nei gruppi bambini anche molto diversi tra loro, e di diverse sezioni. Se nel corso dell attività, che dura circa un ora, si notano disagi o necessità particolari, cambiamo la composizione del gruppo. Spazio Occuparsi dello spazio significa inviare messaggi non verbali che incidono sulla qualità dell esperienza. Lo spazio del laboratorio, la sua connotazione visiva, la disposizione e il tipo degli strumenti devono essere conosciuti in precedenza dai bambini e a loro

9 familiari. A seconda dell attività da svolgere, stabiliamo come disporre il gruppo (seduti al tavolino, in semicerchio, di fronte alla lavagna...), in modo tale che gli sguardi siano direzionati e la postura sia corretta e adatta al compito. Anche lo spazio corporeo, cioè la vicinanza tra bambini o tra l insegnante e i bambini, non è casuale, ma scelta e, a volte, viene motivata ed espressa: - Stare qui ti può aiutare a prestare più attenzione. L'insegnante deve essere consapevole che il corpo veicola dei messaggi, comunque e sempre, più delle parole, per questo poniamo attenzione ai nostri comportamenti, controllandoli: stare seduti fra i bimbi, piuttosto che in piedi scegliere vicino a chi stare seduti stabilire anche dei veri contatti corporei (tenere la mano, accarezzare la schiena) sapere di agire anche con la sguardo, la mimica del volto e del corpo e il tono della voce (messaggi a cui i bambini sono molto attenti: sguardo di incoraggiamento, di conferma, l essere protesi verso il bambino sono dei messaggi: - Ti sto ascoltando, mi interessa, sono contento, sto aspettando, ho fiducia). Materiale Il materiale, da noi elaborato, ha una grafica semplice e delle immagini vicine al reale per diminuire il numero delle variabili e rendere più semplice la valutazione. L attività e il materiale sono preparati in precedenza (per materiale si intende sia quello cartaceo che strutturato, le consegne verbali o le richieste di azione), i bambini trovano tutto predisposto per poter iniziare, ciò permette di entrare subito in tema senza disperdere l attenzione. Ciascun bambino ha un suo quaderno, in cui raccoglie i propri lavori. C è un durante Punti di forza dell approccio educativo

10 Osservazione individuale e permanente Il tipo di conduzione del laboratorio ci permette di osservare il comportamento di ciascun bambino, per tutta la durata di un attività, sino alla conclusione. Del bambino osserviamo sia il comportamento mentale (dove guarda, cosa dice, il procedere delle azioni, l uso dell attenzione, della memoria ), sia il comportamento sociale (come sta seduto, come si rapporta, come interviene ). Qui e ora L essere presenti, non solo fisicamente, ma con l attenzione, la partecipazione, l essere tutto intero, è una prerogativa del laboratorio; si è centrati sul tema del momento, si raccoglie in modo pertinente in questo momento. Si è visto, si è pensato, si è detto, e lo si porta dentro perché si è capito. Comportamenti per imparare Noi insegnanti non solo sollecitiamo, ma assumiamo noi stessi quei comportamenti che sono necessari per imparare. L adulto è per il bambino un modello che deve guardare, ascoltare, prestare attenzione quando un bambino agisce. Cosi può stimolare il modo di agire del bambino: - Guarda bene; - Puoi dire ancora qualcosa; - Chi si sente pronto può iniziare; - Tienilo nella mente. La coerenza crea un clima di fiducia Esplicitare gli obiettivi Facciamo ai bambini delle richieste senza che sappiano il perché devono produrre quel comportamento. I bambini sanno cosa si fa nel laboratorio e lo esplicitano (si sta attenti, si pensa, si fa fatica); noi apprezziamo e condividiamo questi comportamenti e, se il bambino non ne è consapevole, li fa emergere con opportune domande: - Cosa avresti potuto fare per fare meglio? Gli obiettivi di ciascun

11 comportamento vengono detti: - State attenti a cosa dicono i vostri compagni perché poi dovrete dire cose diverse - se chiediamo una dichiarazione, oppure: - Tieni a mente cosa ti dice perché poi lo devi fare - rispetto a una richiesta. Poniamo domande Non diciamo direttamente di procedere all esecuzione di un compito, ma cerchiamo di indurre i bambini ad osservare, a farsi domande, a pensare da soli a cosa si deve fare, a come fare per risolverlo, a trovare più soluzioni: Cosa secondo voi ci chiede questo compito?; - Come possiamo fare? Cerchiamo di far nascere il problema, la necessità di doverlo risolvere e concludere; stimoliamo in ciascun bambino una sfida con se stesso ed il piacere della riuscita personale. Solo dopo la discussione e la condivisione del problema, esplicitiamo con chiarezza la richiesta del compito. Usiamo quindi prima l approccio induttivo, poi quello deduttivo. Non passiamo ai bambini soltanto dei contenuti, ma li aiutiamo ad imparare a imparare. Silenzio Il silenzio è una componente dell apprendimento, sia per noi (impara ad osservare e dà tempo al bambino), sia per il bambino (pensa e ascolta). Tempo Dedicare tempo a fare riflettere, fa perdere tempo ed è quindi una precisa scelta. Il rispetto del tempo deve essere misurato sul bambino e sul compito, i bambini ne devono diventare consapevoli: tutto il tempo che serve per portare a termine il compito è necessario, ma oltre è inutile e dannoso.

12 Condividiamo le singole soluzioni Chiediamo ai bambini di dire a voce il procedimento dell esecuzione del compito, e tutti ascoltiamo: Tu come hai fatto?; - Si può fare diversamente?; - Cosa hai guardato. Sollecitiamo ad accogliere e ad essere predisposti a trovare delle soluzioni diverse. La condivisione oltre a portare a una flessibilità mentale, dà ai bambini anche sicurezza. Giustificare l operato Nel pensare e dire come si è fatto a fare, si stimola il dialogo interiore e nell'esplicitare le procedure mentali seguite i bambini diventano più consapevoli del proprio operato: - Come hai fatto?; - Come sai che è giusto?;- Come fai a capire che hai finito? Attraverso queste domande stimoliamo un atteggiamento metacognitivo. Errore Gli ostacoli e gli errori li valutiamo in modo differenziato. Se il bambino sta svolgendo male il compito dal punto di vista formale, non si interrompe il suo processo mentale; se invece c è un errore di sostanza, si fa in modo che si fermi, e ripensi al procedimento. In ogni caso induciamo il bambino a usare tutte le sue capacità e potenzialità e, se occorre il nostro intervento, si lascia sempre aperta la prospettiva della riuscita, si mostra fiducia: - Vediamo se puoi far meglio. E bene alzare la sfida, anche con il rischio dell errore, poiché il bambino ha l opportunità di andare oltre le sue prestazioni abituali e di applicarle in schemi diversi. Novità Giochiamo sulla sorpresa, sul fatto di presentare e dire cose non scontate, originali, questo per aumentare l attenzione dei bambini. Abbiamo capito che i bambini conoscono e sanno fare più cose di quanto noi adulti pensiamo. Usiamo quindi anche materiale e temi non solo tipicamente scolastici, ma che il bambino conosce fuori dalla scuola o che, di solito,

13 trattano i grandi. Ciò aumenta l attenzione, il senso di competenza, la motivazione. Qualità della valutazione La valutazione è immediata e la si intende sia nei confronti del bambino che dell'adulto. Nel bambino non si riduce ad una sola prova di verifica finale, ma ha un carattere dinamico e permanente ed è specifica e mirata. Questo perché possiamo differenziare le abilità di esecuzione dalla procedura mentale (ha capito ma non eseguito; ha eseguito ma non capito) e possiamo vedere il cambiamento avvenuto con la mediazione (zona di sviluppo potenziale) e con il tempo. Nell'adulto si valuta l'efficacia dell'intervento educativo progettato sia come strumenti che come mediazione. Motivazione Vogliamo dire alcune parole riguardo la motivazione, l interesse, la relazione e l affettività, per non venire fraintese e lasciar pensare che abbiamo trascurato questi aspetti. Al contrario, li consideriamo fondamentali e condizioni sine qua non per qualsiasi tipo di apprendimento, ma riteniamo anche che il bambino possieda un innato bisogno di apprendere, di crescere in autonomia, di misurarsi, di dimostrare a sé e agli altri di essere capace. Nel momento in cui la situazione educativa soddisfa queste sue necessità, nel bambino aumenta la motivazione all impegno, cresce l interesse per ciò che gli viene proposto. Anche la relazione tra il bambino e i compagni e con gli adulti diventa necessaria e più importante e le emozioni si possono meglio gestire nella reciprocità e nella collaborazione. C è un dopo L'obiettivo è che il cambiamento nel bambino perduri e sia significativo per gli apprendimenti futuri.

14 Strategie Vengono messe in atto delle strategie per aiutare i bambini a controllare il comportamento, per risolvere il compito, per imparare a pianificare. All inizio vengono indotte e poi i bambini le fanno proprie. Ad esempio: spingere alla ricerca dell'uguaglianza; contare sulle dita il numero delle azioni da svolgere o dei parametri da cercare; ripetere a voce la consegna; seguire con il dito; tenere la matita sul tavolo se non la si usa; pensare ai colori che servono prima di usarli; organizzarsi per es: dare i fogli ai compagni; Linguaggio Lavoriamo molto sulla qualità del nostro linguaggio, sia come significato (cosa vogliamo dire), sia come struttura (frasi semplici sintatticamente), sia come lessico; ci assicuriamo che il bambino ci comprenda con un linguaggio non povero ma non equivoco (termini corretti). Il linguaggio diventa anche uno strumento per portare in superficie il ragionamento e per comunicarlo agli altri. Al bambino si richiede chiarezza espositiva; a volte lo si invita a riformulare l esposizione: - Usa solo la bocca e non le mani; - Prova a dirlo meglio. Il bambino si trova a usare il linguaggio in un modo inconsueto, in un contesto di ascolto e così lo riscopre ed impara a chiedere il significato delle parole che non capisce. Positività Vi sono alcune emozioni che devono passare: la fiducia: i bambini devono percepirla la riuscita: è la ricompensa che il bambino trova dentro di sé la gioia dello stare insieme: - Aspettavamo te per cominciare.

15 Futuro Avere come obiettivo non l apprendimento temporaneo o scolastico, ma un apprendimento efficace, che diventi parte della persona, che possa essere riportato e conservato nel futuro. Si impara per la vita. Ecco perché il laboratorio è stato chiamato Pronti...via! E CAMBIATO QUALCOSA? Cosa cambia nei bambini Abbiamo capito che la metodologia funzionava osservando il cambiamento nei bambini con il passare del tempo con il loro comportamento positivo, attivo e autonomo nei confronti dell apprendimento. I bambino l hanno fatto proprio, con naturalezza questo tipo di approccio, da noi indotto, dimostrando di essere pronti in attesa di trovare l opportunità, gli strumenti, la mediazione di un adulto. Rafforzano la propria persona, si strutturano come identità, come individui, perché riconoscono il proprio agire e il proprio pensare come diversi da quelli dei compagni La scoperta della propria individualità avviene gradatamente ed è sostenuta dal metodo che adoperiamo. Si chiede infatti ad ogni bambino che affronta il compito che cosa ha fatto e come lo ha fatto. Inizialmente, nel momento in cui un compagno descrive cosa e come ha fatto, i bambini guardano e controllano ciascuno il proprio lavoro, pensano, notano le differenze, a volte si alzano per controllare. Alcuni rimangono pensierosi, altri esplicitano il loro dubbio: - Io l ho fatto diverso. Da qui, con il tempo, si rafforza la sicurezza nel proprio agire e la consapevolezza che ciascuno può lavorare in modo diverso. I bambini riconoscono l importanza di ascoltarsi l un l altro: -

16 Lascialo parlare! - e nello stesso tempo sono desiderosi di esporre anche la loro procedura. E man mano che tutti eseguono o espongono il compito, si comprende, sia dall attenzione che prestano, sia dallo sguardo, che ciascuno confronta ogni volta il proprio operato con quello degli altri. Quando infatti giunge il proprio turno, ogni bambino è pronto, sa cosa dire, e si esprime: - Il mio non è uguale al tuo - oppure: - Io l ho fatto come..., perché ha seguito con la mente i confronti precedenti, si è esercitato. Riconoscono il punto di vista degli altri e ciò permette loro di scoprire le diversità le differenze, di condividere esperienze, conoscenze, stati d'animo, codici, regole, pensieri, ragionamenti, collaborare e di cooperare. L esecuzione di alcuni compiti richiede ai bambini di lavorare in coppia. Soprattutto in questi momenti i bambini mostrano atteggiamenti collaborativi: stare vicini, tenere il braccio sulla spalla del compagno, guardarsi in viso, parlarsi sottovoce, concordare chi dei due esporrà a voce, decidere quando si è pronti, dialogare, anche se a volte c è chi si prende più responsabilità, o potere: - Parlo io - ma sempre, comunque, comunicandolo al compagno. Sperimentano insieme agli altri la difficoltà e l errore come parte di un percorso di apprendimento, come due momenti che hanno la loro dignità e utilità. Sicuramente nelle attività di laboratorio, che prevedono un piccolo gruppo di bambini, l errore è più visibile che nel grande gruppo, ma non ha una valenza negativa. I bambini imparano a non usare i termini giusto e sbagliato, ma posso fare meglio, a differenziare nel loro compito la parte corretta da quella errata avendo la possibilità, attraverso la correzione dell errore di dimostrare che sono capaci di fare meglio, di migliorare la propria prestazione. I bambini sanno valutare da soli il loro operato e giudicare la maggiore o minore correttezza del compito e lo esplicitano, senza che questo diventi né una sconfitta né un vanto, ma una semplice constatazione, oltre la quale deve esserci la riuscita.

17 Nel clima di attenzione e concentrazione, dell'attività di laboratorio, i bambini cercano di dare il meglio, di esprimere le proprie potenzialità, e imparano a diventare consapevoli di ciò che possono fare. Le attività sono calibrate in modo da non essere troppo semplici e conosciute, tali da creare una situazione di sfida, con la quale i bambini possano misurarsi. La consapevolezza dell apprendimento dà soddisfazione, dà gioia. I bambini dimostrano di essere consapevoli del loro apprendimento anche dal viso, passando da un espressione seria e preoccupata al sorriso. Quando non sono soddisfatti del loro operato, spesso ricercano lo sguardo dell adulto, sono tristi, e a volte richiedono in modo esplicito: - Posso rifarlo? Se viene soddisfatto il loro desiderio di far meglio e viene data loro la possibilità di dimostrare che sono capaci, possono vivere la difficoltà e l errore in modo positivo; anche il prodotto non riuscito viene accettato, dopo il confronto, come dimostrazione del miglioramento. A volte, dopo un lungo sospiro dicono: - Ho capito! - Ce l ho fatta! Quando finiscono l attività, i bambini giudicano non se è stata più o meno bella, ma se è stata più o meno difficile. Rafforzano l autostima, che non proviene da sterili lodi, ma è frutto di capacità sperimentate e di processi di autovalutazione. I bambini che sono considerati poco capaci trovano, a volte nel laboratorio lo spazio, il tempo, le modalità a loro congeniali. Lo si rileva dal fatto che all inizio sono addirittura stupiti nell udire la loro voce nel silenzio che si crea quando li si ascolta, nel vedere l interesse degli altri per le cose che stanno dicendo; poi cambiano atteggiamento, la loro postura si modifica: stanno più dritti sulla sedia, cercano lo sguardo dei compagni, controllano quando è il loro turno, dicono esplicitamente di voler parlare: - Adesso tocca a me - desiderano dimostrare la loro competenza. I bambini considerati molto pronti e veloci nel rispondere trovano invece l opportunità di andare oltre la risposta intuitiva. Mentre all inizio, quando sono in difficoltà, tendono a spostare l attenzione su altri argomenti: Io sono comodo così - L'importante è essere tutti amici, con il tempo allungano i tempi di ascolto nei confronti degli altri e quelli della riflessione personale. Sperimentano la fatica perché il compito richiede attenzione concentrazione e va portato a termine, non per regola sterile, come di solito avviene, ma perché lo richiedono la situazione e il contesto in cui si

18 lavora. Si aspetta che tutti abbiano finito, conoscendo e riconoscendo l impegno proprio e degli altri. Le attività vanno portate a termine non per regola sterile, come di solito avviene, ma perché lo richiedono la situazione e il contesto in cui si lavora. A volte i bambini riconoscono di essere stanchi: - Sono un po sudato; Abbiamo lavorato molto - e questo è detto non come lamentela, ma quasi come vanto, come prova del proprio impegno. I bambini abbandonano l abitudine di gridare: - Io ho già finito! - perché sperimentano che la buona riuscita di un compito è inversamente proporzionale al tempo che si impiega per svolgerlo. La valutazione che se ne fa è mirata alla qualità, alla correttezza, alla precisione del compito, e non alla velocità di esecuzione. Chi non comprende ancora che cos è un lavoro ben fatto non riconosce subito la correttezza, ma la impara passo passo, nell interazione con il gruppo dei compagni. Cambiano le modalità di interazione con i compagni e migliorano le competenze sociali Mentre nei primi tempi i bambini tendono a voler parlare tutti per primi, con il tempo, si accorgono che le cose da dire non sono scontate, che è utile ascoltare gli altri per capire, e che è indispensabile pensare prima di agire. Stanno a lungo in silenzio e intervengono da soli quando si sentono pronti: - Sono pronto; - Ho capito - oppure seguono un turno. Nel laboratorio cambiano le aggregazioni presenti nel gruppo classe, perché cambiano le competenze che vengono richieste; ne è prova il fatto che non emergano dei leader. A volte i soliti ruoli si capovolgono: bambini non valorizzati nei contesti consueti fanno progressi e acquistano valore agli occhi degli altri. Imparano a comportarsi in modo tale da facilitare l apprendimento, e col tempo questo buone abitudini diventano spontanee I bambini imparano ad usare il loro corpo, i sensi e gli strumenti di lavoro in modo funzionale all attività che si sta facendo, ad assumere una postura corretta, a muoversi in base alle necessità, ad esplorare con gli occhi e non con le mani, a parlare quando serve, avendo consapevolezza che da ciò deriva una migliore prestazione. Imparano a cogliere l utilità degli strumenti

19 es. è importante che la matita abbia la punta, piuttosto che sia lunga o corta. Anche le abilità mentali vengono meglio utilizzate: imparano a scegliere ciò che in quel momento serve, le loro percezioni si raffinano, la memoria e l attenzione vengono usate con più efficacia, pensano prima di agire, diventano più consapevoli dei loro strumenti mentali: - Sto pensando; - Non mi ricordavo, adesso lo so -, ed esplicitano la procedura da seguire. L insegnante non addestra, guida nel tempo, che vi sono comportamenti migliori di altri, a seconda delle necessità che il lavoro comporta. Ad esempio, i bambini col tempo imparano a esplorare tutto lo spazio dell ambiente, o del foglio, senza perdersi e senza omettere delle parti, imparano delle strategie per ricordare, a indirizzare l attenzione sull obiettivo. Mentre all inizio tendono a parlare tra loro o a fare cose non inerenti al contesto, in seguito sono loro stessi a controllarsi a vicenda: - Non stiamo facendo questo, adesso. Imparano il rispetto delle regole di gruppo e sono loro stessi ad individuarle. I bambini diventano sempre più consapevoli di ciò che è necessario fare per lavorare meglio in gruppo: es: usare la voce per chiedere un oggetto, invece di prenderlo, passarsi gli strumenti aspettando il turno, usare un tono di voce adatto per poter essere sentiti e allo stesso tempo non disturbare, riordinare gli strumenti,... Mentre di solito le regole sono un territorio di scontro con gli adulti, nel laboratorio sono i bambini stessi che richiamano i compagni al rispetto delle regole. La cosa positiva è che con il tempo la gestione delle cose e i buoni comportamenti diventano automatici, generalizzati e funzionali ai compiti da svolgere. Imparano ad utilizzare meglio il linguaggio che diventa strumento di cooperazione, regolazione dell azione, espressione del pensiero e delle emozioni. I bambini sanno dire la loro procedura mentale: - Io ho fatto così e anche ridescrivere un azione, mentre prima ne erano perlopiù inconsapevoli. Imparano a dire agli altri come si sentono: - Non lo so fare; - Mi sembra difficile, usano il linguaggio per prevedere le loro azioni: - Io farei così.

20 Cosa cambia nelle insegnanti Ci sentiamo più soddisfatte e contente e queste emozioni rimangono dentro di noi, anche come componenti della nostra persona. Siamo consapevoli che i tempi dei bambini sono diversi dai nostri e diamo loro il tempo di pensare e di fare. Stiamo attente a non anticipare le risposte dei bambini pensando di aiutarli, poiché ora vediamo la loro soddisfazione nel trovare la soluzione da soli, indipendentemente dal tempo che impiegano. Ci rendiamo conto, più che in passato, che diamo per scontate delle conoscenze che il bambino non possiede; spesso il bambino non agisce autonomamente, perché non possiede le informazioni necessarie per comprendere le nostre richieste o addirittura le nostre parole. Siamo attente tuttavia a non appiattire troppo il nostro linguaggio con l idea di semplificare al bambino la comprensione delle nostre richieste; i bambini sono in grado di leggere più informazioni, purché non siano equivoche o confuse. Sappiamo che la semplicità è una complessità risolta. Diamo delle valutazioni sui bambini diverse rispetto al contesto classe, perché li conosciamo in modo diverso e scopriamo lo stile cognitivo di ognuno. Solitamente davamo una valutazione in base a un risultato, a un prodotto, ora invece valutiamo (o meglio, osserviamo) i ragionamenti, le strategie, i percorsi mentali che il bambino segue per raggiungere un risultato. Ciò permette anche di differenziare, quando c è una difficoltà, quale aspetto è più carente e quindi dove si deve rimediare. Prendiamo i sul serio i bambini, perché se sentono il tipo e il livello, di aspettativa che abbiamo nei loro confronti, si comportano di conseguenza. I bambini da cui l adulto si aspetta delle cose importanti, aumentano il loro l impegno. Cerchiamo di creare un clima di fiducia: - So che sei capace; - La mia attenzione è tutta per te; - Mi interessa cosa stai facendo; - Se hai bisogno io sono qui per te

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli