PEG esercizio 2011 UNI EN ISO 9001:2008 INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PEG esercizio 2011 UNI EN ISO 9001:2008 INDICE"

Transcript

1

2 PEG esercizio 2011 UNI EN ISO 9001:2008 INDICE PRESENTAZIONE: Relazione del Segretario Generale. pag. 3 I referenti politici.. pag. 7 L organigramma dell Ente pag. 8 Ente: le risorse e il loro impiego (tavola sinottica) pag. 9 IL PEG DEI SETTORI: - Affari Generali pag. 19 Obiettivi gestiti direttamente dal direttore pag. 31 Servizio Organizzazione e Risorse Umane pag. 41 Servizi per il cittadino e le attività economiche.. pag. 57 Servizi informativi e informatici pag Segreteria Generale pag. 80 Obiettivi gestiti direttamente dal Segretario pag. 88 Servizio Staff Segreteria Generale pag. 102 Unità Operativa Avvocatura Civica pag Pianificazione del territorio pag. 116 Obiettivi gestiti direttamente dal direttore pag. 124 Servizio Urbanistica ed Edilizia.. pag Polizia Locale pag. 149 Obiettivi gestiti direttamente dal comandante pag. 156 Servizi di Polizia Locale pag Opere per il territorio e l ambiente pag. 173 Obiettivi gestiti direttamente dal direttore pag. 184 Servizio Opere e Lavori pubblici. pag. 199 Servizi e Infrastrutture pubbliche.. pag. 215 Servizi per le imprese e l Ambiente.. pag Socioculturale pag. 239 Obiettivi gestiti direttamente dal direttore pag. 248 Servizi Socio-Educativi. pag. 257 Servizi Culturali, progetti e promozione pag Finanziario... pag. 309 Obiettivi gestiti direttamente dal direttore pag. 318 Servizio Bilancio, risorse finanziarie e patrimoniali pag. 328 Servizio Entrate tributarie e catasto pag

3 UNI EN ISO 9001:2008 RELAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE Il Piano Esecutivo di Gestione 2011 (PEG) viene adottato sulla base di quanto previsto dal Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" (di seguito T.U.E.L.) che all articolo 169 dispone: Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio, l organo esecutivo definisce, prima dell inizio dell esercizio, il piano esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi. Il Piano esecutivo di gestione contiene una ulteriore graduazione delle risorse dell entrata in capitoli, dei servizi in centri di costo e degli interventi in capitoli. Per il Comune di Paderno Dugnano, il PEG fa parte di un Sistema Integrato di Pianificazione e Controllo che partendo dal Piano Generale di Sviluppo (approvato con deliberazione consiliare n. 91 del e successivamente modificato con deliberazione di C.C. n. 30 del ) documento che costituisce lo sviluppo delle linee programmatiche di mandato approvate dal Consiglio Comunale nella seduta del con atto n traduce le linee di indirizzo politico in azioni concrete da svolgere per dare attuazione agli impegni elettorali. Come è noto, il Peg: - concorre, in misura determinante, a delimitare e raccordare gli ambiti decisionali tra gli organi politici e organi tecnici attraverso l'esplicitazione degli obiettivi, l'assegnazione delle dotazioni umane, finanziarie e strumentali, la definizione dei centri di responsabilità; - è uno strumento per guidare la gestione attraverso la definizione di una mappa per la gestione ed il coordinamento e l integrazione delle azioni a livello di ente. Sia nel corso della gestione e sia una volta terminata la fase gestionale annuale, il PEG costituisce altresì una guida per il controllo e per la verifica, in una logica pluriennale, dello stato di attuazione delle politiche e degli obiettivi strategici contenuti nel programma di mandato del Sindaco; - è il risultato di uno sforzo di selezione tra ciò che è più propriamente innovazione e sviluppo e ciò che, viceversa, ha i caratteri propri della attività consolidata: mentre, infatti, l'obiettivo è temporalmente definito e vincolato al raggiungimento del risultato definito, nell'attività ordinaria/consolidata, il processo è stabile, ciclico e legato ad un livello di performance. Anche nella fase di redazione del Peg 2011 si è tenuto conto dei principi contenuti nel Decreto Legislativo 27 ottobre 2009 n. 150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza. Nella definizione degli obiettivi si è tenuto presente, infatti, quanto ora dispone l art. 5, comma 2, del D. Lgs. 150/2009 che definisce i requisiti degli obiettivi. L obiettivo è rappresentato, in estrema sintesi, da un insieme di attività "innovative" che a partire da un input producono un output; nell'attività ordinaria/consolidata, il processo è rappresentato, invece, da un insieme di attività già sperimentate e quindi consolidate in funzione al raggiungimento dell'output atteso. L'obiettivo è, altresì, realizzato da un numero definito e limitato di persone, mentre nell'attività ordinaria/consolidata, il processo è realizzato da tutte le persone incardinate nell'unità organizzativa di riferimento che collaborano al raggiungimento dei risultato. Infine, l obiettivo è connotato da una "pianificazione" che tende a stabilire: cosa si deve fare; chi lo deve fare; con quali risorse; quando; a quali costi. Nell'attività ordinaria/consolidata, il processo è, viceversa, caratterizzato da una procedura in cui tali elementi sono noti. Gli obiettivi di processo trovano collocazione nelle macroattività istituzionali individuate nel collegato documento triennale Piano della Performance

4 UNI EN ISO 9001:2008 Nel corso del 2010 è stato utilizzato il software per l attività di programmazione e monitoraggio del PEG adottato a partire dalla seconda metà del Si tratta di uno strumento in evoluzione e modellato in base alle esigenze dell ente così da consentire al PEG di fungere, in un ente certificato come il Comune di Paderno Dugnano, da strumento di collegamento con il programma di mandato in una logica di integrazione tra sistema di programmazione e controllo e sistema di gestione per la qualità. Anche nel 2011 tale supporto potrà consentire ulteriori sviluppi per sostenere la fase di avvio della attuazione del ciclo della performance prevista dal già citato D. Lgs. 150/09. II Piano Esecutivo di Gestione del Comune di Paderno Dugnano è frutto di un processo di negoziazione che ha visto coinvolti Sindaco/Assessori/Segreteria Generale/Direttori di Settore ed è formato da due componenti: - la parte finanziaria-. Sotto tale profilo, come già detto, il PEG "contiene un'ulteriore graduazione delle risorse dell entrata in capitoli, dei servizi in centri di costo e degli interventi in capitoli"; - la parte relativa agli obiettivi - Sotto quest ultimo profilo, il PEG del 2011 prosegue nell attuazione del programma amministrativo in stretta correlazione con le indicazioni del Piano Generale di Sviluppo ed in aderenza al nuovo assetto organizzativo delineato dalla Giunta Comunale con la deliberazione n. 201 del 14/12/2010. Come di regola, anche il PEG 2011 verrà monitorato con cadenza quadrimestrale, come prevede il sistema di programmazione e controllo vigente. In definitiva, per quanto sopra precede, si propone alla Giunta Comunale l'approvazione del Piano Esecutivo di Gestione 2011 di cui, di seguito, si riporta l elencazione degli obiettivi di progetto e di processo assegnati ai settori. SETTORE AFFARI GENERALI COLLABORARE PER REALIZZARE AG01. pag CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI COLLABORARE PER REALIZZARE AG02 REALIZZAZIONE DELLO SPORTELLO POLIFUNZIONALE DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE DELL'ENTE FAMIGLIA-CASA-LAVORO COLLABORARE PER REALIZZARE AG03 INCENTIVAZIONE DEL COMMERCIO DI VICINATO - ANNULLATO INCENTIVARE IL COMMERCIO LOCALE INCENTIVAZIONE DEL COMMERCIO DI VICINATO COSTITUZIONE DI UN DISTRETTO DEL COMMERCIO - NUOVO COLLABORARE PER REALIZZARE AG04 COLONNINE INFORMATICHE 4

5 UNI EN ISO 9001:2008 SETTORE SEGRETERIA GENERALE COLLABORARE PER REALIZZARE DG01. pag. 93 NUOVA CARTA DEI SERVIZI COMUNICARE I RISULTATI: LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE COLLABORARE PER REALIZZARE DG02 MISURARE PER DECIDERE E VALUTARE: UN NUOVO REPORT DI MONITORAGGIO COLLABORARE PER REALIZZARE DG03 SETTORE PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO COLLABORARE PER REALIZZARE PG01. pag. 126 GESTIONE PROCEDURE DI REDAZIONE P.G.T. ED INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI COLLABORARE PER REALIZZARE PG02 ANALISI E VERIFICA DEGLI ATTI CONVENZIONALI ANNI , RELATIVI AI PIANI ATTUATIVI INDIVIDUAZIONE AMBITI DI VALORIZZAZIONE DEI TESSUTI URBANI RICOGNIZIONE DELLE AREE EX LEGE 167/62 ALLA DATA DEL : TRASFORMAZIONE IN DIRITTO DI PROPRIETA' NUOVA PROCEDURA PER IL RILASCIO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE E IL CONTROLLO DELLA PRATICHE EDILIZIE SETTORE POLIZIA LOCALE COLLABORARE PER REALIZZARE PL01. pag. 158 COLLABORARE PER REALIZZARE PL02 CONTROLLO CORRETTO SVOLGIMENTO COMMERCIO SU AREA PUBBLICA CONTROLLI PER LA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE PROSSIMI AL CITTADINO SETTORE OPERE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE COLLABORARE PER REALIZZARE PT01 pag. 187 OPERE DI VALORIZZAZIONE DEL DISTRETTO DEL COMMERCIO - NUOVO PROGRAMMARE L'AMMODERNAMENTO DELLA PISCINA COMUNALE SENZA IMPATTI DIRETTI SUL BILANCIO POLITICHE ENERGETICHE PER EDIFICI PUBBLICI COLLABORARE PER REALIZZARE PT03 ELABORAZIONE NUOVO PIANO URBANO DEL TRAFFICO RIQUALIFICAZIONE DEL SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO NUOVO APPALTO GESTIONE DEL VERDE PUBBLICO ATTIVITA' CORRELATE AL CONTRATTO CON IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP COLLABORARE PER REALIZZARE PT04 GESTIRE I PROCEDIMENTI PER ATTUARE LE OPERE DI URBANIZZAZIONE E LE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE DEI COMPARTI BTS2 E BT4 MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE COLLABORARE PER REALIZZARE PT05 5

6 UNI EN ISO 9001:2008 ANALISI DEI FLUSSI DEI RIFIUTI CONFERITI AL CENTRO DI RACCOLTA NUOVO APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANTENIMENTO CANI RANDAGI E REDAZIONE DEL REGOLAMENTO BENESSERE ANIMALI DA COMPAGNIA NUOVA CAMPAGNA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI SETTORE SOCIOCULTURALE COLLABORARE PER REALIZZARE SC01. pag. 251 "LO SPORT ON LINE". DALLA MAPPA AL WEB COLLABORARE PER REALIZZARE SC02 "PER LIBERA SCELTA": I VOUCHER SOCIALI PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE BUONI DI CURA "AGORA'": PROGETTI DI COESIONE SOCIALE LA DOMANDA SOCIALE E IL SUO ASCOLTO "UN POSTO AL NIDO": GESTIONE DEL PIANO ZONALE NIDI "MI ACCREDITO": COSTRUZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO SERVIZI PRIMA INFANZIA "DIALOGHI IN COMUNE": INSIEME CON LE ASSOCIAZIONI "CITTADINI ALLA PARI": I DIRITTI E I DOVERI DELLA CITTADINANZA "UNA CARTA D'ORO": CON LA CITTA' PER GLI ANZIANI "INFOGIO'": PIANO DI FATTIBILITA' INFORMAGIOVANI "CON PIU' GUSTO": PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE COLLABORARE PER REALIZZARE SC03 LA CITTA' DEI GIOVANI "TILANE DI TUTTI" "TILANE TRA LE GENERAZIONI" "TILANE IN CHIARO" SETTORE FINANZIARIO COLLABORARE PER REALIZZARE SF01 pag. 321 DISMISSIONE PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CONTRASTO ABUSO EDILIZIO SU AREE DI PROPRIETA' COMUNALE COLLABORARE PER REALIZZARE SF02 IMPLEMENTAZIONE DELL'ORDINATIVO INFORMATICO DI INCASSO E PAGAMENTO A FIRMA DIGITALE SELF INSURANCE RETENTION (S.I.R.): GESTIONE INTERNA DEI SINISTRI RCT/O IN FRANCHIGIA STUDIO E DEFINIZIONE DEL RUOLO DI A.GE.S S.p..A. RICOGNIZIONE STRAORDINARIA DELLE CODIFICHE DI BILANCIO COLLABORARE PER REALIZZARE SF03 GARA PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI APPROVAZIONE REGOLAMENTO CANONE OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE VERIFICA AREE FABBRICABILI PER GLI ANNI DAL 2006 AL 2010 ATTIVITA' DI VERIFICA TARSU CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AD ALCUNE TIPOLOGIE CATASTALI DI IMMOBILI PARTECIPAZIONE ALL'ACCERTAMENTO IRPEF CON L'AGENZIA DELLE ENTRATE VERIFICA P.E. IN SANATORIA RELATIVE AGLI ANNI 2010/09/08 6

7 7

8 8

9 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE AFFARI GENERALI Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. 9 Addetti Cat. B 30 Cat. C 17 Consulente 1 Cat. D 8 Dirigente 1 Totale Entrata Spesa ,88 Quantità Personal computer 47 Stampanti 15 Software gestionali 6 Scanner 4 Fotocopiatrici 2 Fax e telefax 2 Autovetture e scooter 5 Calcolatrici 8 Telefoni cellulari 1 Etichettatrici protocollo 4 Datario elettronico 1 Affrancatrice postale 1 Timbratrici elettriche a secco 3 Bilancia postale 2 Server di rete 7 Server People 3 Server Intranet 1 Server Internet 1 Vari Apparati di rete 1 file server 3 Totale Valorizzaz. ore lavoro ,95 spese (correnti e di investimento) ,88 num. obt. di progetto 12 num. obt. di processo 43

10 Ore lavoro Progetti Obiettivi Tipologia Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 5 % obt. di processo 95 Numero 2 Intersettoriale 4 Intersett. di Supporto 4 Settoriale 1 Settoriale / Intrasettoriale 1 10

11 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SEGRETERIA GENERALE Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Addetti Cat. B 2 Cat. C 4 Cat. D 3 Segretario Generale 1 Totale Entrata Spesa ,71 Quantità Personal computer 12 Stampanti 6 Software gestionali 2 Scanner 2 Fotocopiatrici 1 Fax e telefax 1 Totale num. obt. di progetto 6 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 11 % obt. di processo 89 Intersettoriale 1 Intersett. Capofila 2 Intersett. di Supporto 3 11

12 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Addetti Cat. B 2 Cat. C 7 Cat. D 5 Dirigente 1 Totale Entrata Spesa ,93 Quantità Personal computer 18 Stampanti 7 Fotocopiatrici 1 Autovetture e scooter 1 Macchina fotografica digitale 1 Totale num. obt. di progetto 7 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 14 % obt. di processo 86 Intersett. di Supporto 2 Settoriale 5 12

13 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE CORPO POLIZIA LOCALE Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Addetti Cat. B 4 Cat. C 37 Cat. D 5 Dirigente 1 Totale Entrata Spesa ,20 Quantità Personal computer 19 Software gestionali 2 Autovetture e scooter 16 Velocipedi 8 Telelaser 1 Etilomentro 1 Drug test 1 Totale num. obt. di progetto 5 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 24 % obt. di processo 76 Intersett. di Supporto 2 Settoriale 3 13

14 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE OPERE PER IL TERRITORIO E L'AMBIENTE Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Addetti Cat. A 3 Cat. B 19 Cat. C 14 Cat. D 11 Dirigente 1 Totale Entrata ,63 Spesa ,65 Quantità Personal computer 31 Stampanti 18 Plotter 1 Fax e telefax 1 Autovetture e scooter 16 Macchina fotografica digitale 1 Trattore 1 Totale num. obt. di progetto 16 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 13 % obt. di processo 87 Gestionale 3 Intersett. di Supporto 4 Settoriale 4 Settoriale / Intrasettoriale 3 Procedura di Gestione Aziendale 1 Procedura di Supporto 1 14

15 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE SOCIOCULTURALE Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Addetti Cat. A 9 Cat. B 12 Cat. C 41 Cat. D 15 Dirigente 1 Totale Entrata Spesa ,38 Quantità Personal computer 47 Stampanti 15 Software gestionali 1 Scanner 2 Fotocopiatrici 4 Fax e telefax 3 Autovetture e scooter 6 Macchina fotografica digitale 1 Impianto audio-video 1 Videoproiettore 1 Totale num. obt. di progetto 19 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 7 % obt. di processo 93 1 Gestionale 8 Intersett. di Supporto 3 Settoriale 6 Settoriale / Intrasettoriale 1 15

16 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE FINANZIARIO Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Progetti Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Tipologia Addetti Cat. B 5 Cat. C 15 Cat. D 10 Dirigente 1 Totale Entrata ,63 Spesa ,08 Quantità Personal computer 32 Stampanti 10 Software gestionali 6 Scanner 1 Fotocopiatrici 2 Fax e telefax 1 Autovetture e scooter 3 Macchina da scrivere 1 Piegatrice/imbustatrice 1 Totale num. obt. di progetto 15 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 19 % obt. di processo 81 Numero Gestionale 2 Intersettoriale 4 Intersett. Capofila 1 Intersett. di Supporto 3 Settoriale 5 16

17 Ente: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) ENTE Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Categoria Entrata / Spesa Descrizione 17 Addetti Cat. A 12 Cat. B 74 Cat. C 135 Consulente 1 Cat. D 57 Dirigente 6 Segretario Generale 1 Totale Entrata ,26 Spesa ,83 Quantità Personal computer 206 Stampanti 71 Plotter 1 Software gestionali 17 Scanner 9 Fotocopiatrici 10 Fax e telefax 8 Autovetture e scooter 47 Velocipedi 8 Calcolatrici 8 Telelaser 1 Etilomentro 1 Macchina fotografica digitale 4 Telefoni cellulari 1 Impianto audio-video 1 Etichettatrici protocollo 4 Macchina da scrivere 1 Datario elettronico 1 Piegatrice/imbustatrice 1 Affrancatrice postale 1 Timbratrici elettriche a secco 3 Bilancia postale 2 Server di rete 7 Server People 3 Server Intranet 1

18 Obiettivi assegnati Ore lavoro Progetti Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Tipologia Server Internet 1 Vari Apparati di rete 1 file server 4 Trattore 1 Totale Valorizzaz. ore lavoro ,82 spese (correnti e di investimento) ,88 num. obt. di progetto 80 num. obt. di processo 43 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 12 % obt. di processo 88 Numero 3 Gestionale 13 Intersettoriale 9 Intersett. Capofila 3 Intersett. di Supporto 21 Settoriale 24 Settoriale / Intrasettoriale 5 Procedura di Gestione Aziendale 1 Procedura di Supporto 1 18

19 19

20 20

21 Settore: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) DIRETTORE SETTORE AFFARI GENERALI Risorse Umane Risorse Finanziarie Obiettivi assegnati Ore lavoro Progetti Categoria Entrata / Spesa Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Tipologia Addetti Cat. B 9 Cat. C 5 Cat. D 1 Dirigente 1 Totale Entrata Spesa Totale Valorizzaz. ore lavoro ,94 spese (correnti e di investimento) num. obt. di progetto 2 num. obt. di processo 21 Totale obt. di progetto 917 obt. di processo % obt. di progetto 4 % obt. di processo 96 Numero Intersett. di Supporto 1 Settoriale / Intrasettoriale 1 21

22 Settore: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Progetti Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Tipologia Addetti Cat. B 5 Cat. C 7 Cat. D 3 Totale Entrata Spesa ,07 Quantità Personal computer 16 Stampanti 4 Software gestionali 5 Calcolatrici 8 Totale Valorizzaz. ore lavoro ,93 spese (correnti e di investimento) ,07 num. obt. di progetto 4 num. obt. di processo 14 Totale obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 6 % obt. di processo 94 Numero Intersettoriale 2 Intersett. di Supporto 1 Settoriale 1 22

23 SERVIZI PER IL CITTADINO E LE ATTIVITA' ECONOMICHE Settore: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Progetti Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Tipologia Addetti Cat. B 16 Cat. C 3 Cat. D 3 Totale Entrata Spesa ,12 Quantità Personal computer 20 Stampanti 9 Software gestionali 1 Scanner 4 Fotocopiatrici 2 Fax e telefax 2 Autovetture e scooter 5 Telefoni cellulari 1 Etichettatrici protocollo 4 Datario elettronico 1 Affrancatrice postale 1 Timbratrici elettriche a secco 3 Bilancia postale 2 Totale Valorizzaz. ore lavoro ,03 spese (correnti e di investimento) ,12 num. obt. di progetto 4 num. obt. di processo 6 Totale obt. di progetto 938 obt. di processo % obt. di progetto 3 % obt. di processo 97 Numero 2 Intersettoriale 1 Intersett. di Supporto 1 23

24 Settore: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SERVIZI INFORMATIVI E INFORMATICI Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Progetti Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi Tipologia Addetti Cat. C 2 Consulente 1 Cat. D 1 Totale Entrata Spesa ,69 Quantità Personal computer 11 Stampanti 2 Server di rete 7 Server People 3 Server Intranet 1 Server Internet 1 Vari Apparati di rete 1 file server 3 Totale Valorizzaz. ore lavoro ,05 spese (correnti e di investimento) ,69 num. obt. di progetto 2 num. obt. di processo 2 Totale obt. di progetto 730 obt. di processo % obt. di progetto 15 % obt. di processo 85 Numero Intersettoriale 1 Intersett. di Supporto 1 24

25 Settore: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) UFFICIO SERVIZI DEMOGRAFICI Risorse Finanziarie Obiettivi assegnati Entrata / Spesa Stime di spesa / numero obt. Totale Entrata Spesa Totale spese (correnti e di investimento) 25

26 Settore: le risorse ed il loro impiego ( tavola sinottica ) SETTORE AFFARI GENERALI Risorse Umane Risorse Finanziarie Risorse Strumentali Obiettivi assegnati Ore lavoro Categoria Entrata / Spesa Descrizione Stime di spesa / numero obt. Obiettivi 26 Addetti Cat. B 30 Cat. C 17 Consulente 1 Cat. D 8 Dirigente 1 Totale Entrata Spesa ,88 Quantità Personal computer 47 Stampanti 15 Software gestionali 6 Scanner 4 Fotocopiatrici 2 Fax e telefax 2 Autovetture e scooter 5 Calcolatrici 8 Telefoni cellulari 1 Etichettatrici protocollo 4 Datario elettronico 1 Affrancatrice postale 1 Timbratrici elettriche a secco 3 Bilancia postale 2 Server di rete 7 Server People 3 Server Intranet 1 Server Internet 1 Vari Apparati di rete 1 file server 3 Totale Valorizzaz. ore lavoro ,95 spese (correnti e di investimento) ,88 num. obt. di progetto 12 num. obt. di processo 43 Totale

27 Progetti Tipologia obt. di progetto obt. di processo % obt. di progetto 5 % obt. di processo 95 Numero 2 Intersettoriale 4 Intersett. di Supporto 4 Settoriale 1 Settoriale / Intrasettoriale 1 27

28 Processo Obiettivo da raggiungere Oner. Standard AG Gestire le concessioni Gestiamo una concessione nel più breve tempo possibile: richieste evase in ritardo <= % B AG Gestire l'affidamento di forniture e servizi Acquisire forniture nei tempi attesi: atti trasmessi all'ufficio contratti oltre i tempi attesi <= % B 15,00 AG Erogare servizi cimiteriali 1) una delle caratteristiche della qualità del servizio è l'accessibilità: n giorni annui di apertura dei cimiteri comunali / n giorni annui >=.%) B 97,00 2) una gestione sotto controllo: incidenza dei controlli realizzati >=.% B 97,00 AG Gestire la leva militare elenchi leva nei termini di legge: giorni di ritardo nella stesura degli elenchi <=.. gg. B 4,00 AG Gestire l'espletamento del diritto al voto 1) Rilascio duplicati in tempo reale: duplicati tessere elettorali rilasciati oltre i tempi attesi <=...% B 2,00 2) Garantire il diritto di voto a tutti i cittadini: revisioni inviate OLTRE i tempi attesi <=...% B AG Gestire i servizi demografici 1) Rilascio documenti in tempi brevi: pratiche evase oltre i termini attesi <= al..% B AG Gestire reclami, suggerimenti, apprezzamenti e richieste di indennizzo Gestire i reclami (n reclami gestiti dai settori oltre 25 giorni / n reclami gestiti <= %) B 1 Gestire i reclami (n reclami gestiti con risposta al cittadino oltre 30 giorni / n reclami chiusi <= %) B 1 Gestire i reclami (n reclami gestiti oltre 5 giorni dall'urp / n reclami gestiti dall'urp <= %) B 1 AG Gestire l'accesso agli atti Rilasciare copie di atti amministrativi entro i termini di legge: % copie rilasciate oltre i termini attesi <=.. % B 4,75 AG Formare e sviluppare le risorse umane 1) Soddisfiamo il fabbisogno formativo: realizzare il... % dei corsi programmati nel piano formativo B 8 2) Formazione - "scommettiamo su crescita e sviluppo della risorsa umana": una soddisfazione di almeno punti B 3,30 AG Gestire la partecipazione popolare 1) garanzia di forme di partecipazione popolare nel rispetto dei tempi: incidenza delle petizioni gestite oltre i tempi <=.% B 1 AG Instaurare e gestire rapporti di lavoro dipendenti e assimilati 2) Riduciamo i tempi per l' erogazione dei compensi del salario accessorio : incidenza dei mesi in cui il cartellino viene consegnato oltre i termini <=...% B 16,67 AG Gestire l'attività giudiziaria analisi dei ricorsi nei tempi attesi: incidenza delle comunicazioni dirigenziali pervenute in ritardo rispetto al numero dei ricorsi <= % B 4,75 28

29 AG Gestire un atto deliberativo Deposito proposte di delibere nei tempi attesi: incidenza degli atti depositati in ritardo <= % B 25,00 AG Rilasciare le autorizzazioni di SUAP - COMMERCIO Capacità di verifica (n DIA verificate nei tempi / n totale DIA verificate = %) B 10 Capacità di verifica (n DIAP-SCIA verificate nei tempi /n totale DIAP-SCIA verificate = %) B 10 Rilasciare le autorizzazioni nel rispetto dei tempi (Autorizzazioni rilasciate oltre i tempi / autorizzazioni rilasciate = %) B AG Gestire le utenze, la condivisione dei dati informatici e le autorizzazioni Utenze informatiche in breve tempo: un ritardo negli interventi <= al % B 8,00 AG Controllare la regolare esecuzione per forniture e servizi e valutare e liquidare i creditori Incidenza degli atti per liquidazione - in assenza di contestazione - consegnati alla Ragioneria oltre 20 giorni dalla data di protocollazione della fattura (se i termini di pagamento sono 30 gg.) o oltre 50 gg. (se i termini di pagamento sono 60 gg.), etc. <= % AG Monitorare la soddisfazione degli utenti monitoriamo la soddisfazione del cliente: incidenza delle indagini programmate e non realizzate <= % B 25,00 AG Fornire supporto informativo e informatico Risorse informatiche efficienti (assistenza amica): un ritardo negli interventi <= % B 8,00 AG Gestire la riscossione coattiva delle entrate Recupero dei crediti: incidenza delle procedure coattive attivate sul totale dei crediti in sofferenza >=...% B 9 AG Gestire i rimborsi Gestire i rimborsii: incidenza dei procedimenti di rimborso evasi sul totale delle richieste di rimborso >=...% B 75,00 AG Attuare la programmazione finanziaria e di gestione Scostamento dei tempi di redazione dei documenti della programmazione (Bilancio entro il 31/12): ritardo nella redazione dei documenti di programmazione < gg. B 13,00 Piano esecutivo di gestione ad inizio esercizio: obiettivi di progetto definiti nel rispetto dei tempi programmati <=...gg B 2,00 AG Gestire la cassa economale verifiche di cassa nei tempi: incidenza del n di verifiche di cassa trasmesse alla ragioneria oltre i tempi attesi <= % B 24,00 AG Erogare servizi di protocollo e arichivio 1) Consultazione atti e/o rlascio copie nel più breve tempo possibile: un ritardo negli "accessi" (nella consultazione e nel rilascio di copie non conformi) <= % B 8,00 2) Smistare la posta nel più breve tempo possibile: un ritardo nello smistamento <= % B 4,00 AG Gestire le notifiche e le pubblicazioni Notifiche nei tempi: atti notificati oltre i termini <= % B 1 AG Gestire la sicurezza sui luoghi di lavoro Luohi di lavoro più sicuri: N infortuni in mancanza di D.P.I. / n infortuni totali = % B AG Monitorare il Peg ed il programma B Un report nei tempi per un'analisi funzionale: ritardo nella compilazione dei dati < gg. 6,00 29 B

30 AG Riesame della direzione Progetti chiusi in tempi di qualità: incidenza dei progetti (fasi) realizzati nei tempi >= % B 77,00 AG Gestire le segnalazioni di anomalie Azioni chiuse in tempi di qualità: incidenza delle azioni realizzate entro i tempi >= % B 75,00 AG Gestire la comunicazione Gestire le informazioni al cittadino: fornire al cittadino informazioni adeguate e puntuali, erogando alcuni servizi (quali il rilascio tessere ). B AG Gestire la valutazione delle prestazioni del personale 1) monitoriamo le valutazioni: incidenza dei ricorsi accolti dal NdV <= % B 1 2) monitoriamo le valutazioni: incidenza delle schede validate oltre la scadenza <= % B 18,00 AG Gestire lo sportello Immigrazione Una risposta in tempi brevi: appuntamenti fissati entro 15 gg dalla richiesta >=..% B 85,00 AG Gestire gli affidamenti degli incarichi di lavoro autonomo Pubblicità degli atti di incarichi di lavoro autonomo sul sito istituzionale per rendere efficaci gli affidamenti: incidenza dell'affidamento pubblicato sul sito entro 5 gg dalla pubblicazione dell oggetto della determinazione >=...% B 10 30

31 31

32 UNI EN ISO 9001:2008 SETTORE AFFARI GENERALI Direttore: Francesco Longoni SERVIZI DEMOGRAFICI Responsabile: Fabiola Mosca ll servizio si occupa delle seguenti attività: Tenuta e aggiornamento dei registri della popolazione: pratiche di immigrazione ed emigrazione, cambio di indirizzo, sdoppiamenti, unificazione, nati, matrimoni, divorzi, morti, variazioni di prenomi, adozioni, ecc. Aggiornamento patente e libretto circolazione. Pratica completa passaporti. Rilascio tesserino espatrio minori. Rilascio carta identità immediata. Rilascio carta identità elettronica (C.I.E.): adesione al progetto di sperimentazione avviato dal Ministero. Autentica di firma su passaggi di proprietà di beni mobili. Dichiarazioni sostitutive varie. Copie conformi. Controllo scadenze permessi di soggiorno. Rilascio di attestato di soggiorno regolare o permanente per cittadini comunitari Allineamento della banca dati anagrafe con la banca dati dell'agenzia delle entrate. A.I.R.E.: tenuta e aggiornamento dello schedario degli italiani all'estero. Revisione periodica dei residenti provvisori e stranieri. Posta, controllo utenti per forze dell'ordine, esattoria,ecc.. Statistiche: mensili, annuali e a cicli periodici per conto dell ISTAT. Controllo autocertificazioni per Enti vari. Tenuta e aggiornamento delle liste di leva. Tenuta e aggiornamento delle liste elettorali e statistiche varie. Tenuta e aggiornamento Albo Scrutatori, Presidenti di Seggio e Giudici popolari. Procedure amministrative concernenti il regolamento dei cimiteri e i rapporti con la ditta incaricata della gestione degli stessi per la continua verifica del rispetto del capitolato d'appalto. Organizzazione e coordinamento delle procedure elettorali,soprattutto in occasione della prossima tornata di giugno 2009 in cui si svolgeranno anche elezioni amministrative e dei quartieri. Messa in atto di procedure riguardanti cittadini comunitari che costituiranno elettorato attivo e passivo. Supporto pre-elezioni alla segreteria generale per la ricezione di liste e candidature. Supporto alla C.E.C. nella sua attività di controllo di atti,verbali e procedure elettorali. Supporto post-elezioni all Ufficio Centrale Comunale per la verifica degli eletti al Consiglio Comunale ed ai Consigli di Quartiere. 32

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli