Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale"

Transcript

1 Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale Sede Legale: via Pramollo 16, Pontebba tel.0428/90351 Sede operativa: via C. Caneva 25, Gemona del Friuli tel. 0432/ Notiziario a cura degli sportelli linguistici per la minoranza friulana, slovena, tedesca della Comunità Montana realizzato grazie ai fondi della Legge 482/99. Numero 16, novembre Stampato in proprio. Carta europea delle lingue regionali o minoritarie La Carta costituisce il quadro giuridico europeo di riferimento per la tutela e la promozione delle lingue utilizzate dai membri delle minoranze. È entrata in vigore nel 1998 e, insieme alla Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali, conferma l'impegno del Consiglio d'europa a favore della tutela delle minoranze nazionali. Una lingua minoritaria può sopravvivere unicamente se è utilizzata in ogni occasione della vita quotidiana e non soltanto nella sfera privata. È per questa ragione che la Carta prevede l'obbligo per gli Stati Parti contraenti di promuovere attivamente l'uso di tali lingue in sostanza in tutti i settori della vita pubblica: a scuola, nei tribunali, nei rapporti con la pubblica amministrazione, nei media, nella vita culturale, sociale ed economica e nell'ambito della cooperazione transfrontaliera. Il Consiglio d'europa verifica l'effettiva applicazione della Carta. SOMMARIO La carta europea delle lingue regionali o minoritarie Giornata Europea delle lingue Lingue regionali a scuola ARLeF presentazion aghe sute aghe bagnade I dinosauri in un libro in friulano Filologica: festa per i 90 anni Scrivi sms par furlan 7 Bordan, congrès de SSeTF Tarvisiano- Valcanale 10 Agenge 2010 nuovi gadget dello sportello linguistico Casa per l Europa Gemona

2 Il merito di numerosi miglioramenti riscontrati nella situazione delle lingue minoritarie può essere ascritto all'influenza della Carta e alle raccomandazioni formulate nel corso della procedura di monitoraggio. Basti pensare al riconoscimento di certe lingue minoritarie che in precedenza non godevano di alcun tipo di status (quali il croato in Slovenia), o al diritto di utilizzare i patronimici frisoni nei Paesi Bassi. La Danimarca ha adottato numerose disposizioni a favore della sua minoranza di lingua tedesca, al momento della fusione dei comuni nello Schleswig settentrionale. Nell'Irlanda del Nord, è stata accordata a una emittente radio privata la licenza per la diffusione di trasmissioni in lingua irlandese. La Norvegia ha predisposto un piano d'azione per garantire l'uso della lingua sami, o lappone, negli ospedali e la Svezia ha sancito il diritto all'uso del finlandese nei rapporti con le autorità e i tribunali. Giornata Europea delle Lingue, 26 Settembre 2009 Parlando con altre persone nella loro lingua si abbattono le barriere linguistiche e culturali ha detto Gabriella Battaini Dragoni, del Consiglio d'europa, coordinatrice per il dialogo interculturale, in occasione della 9a edizione della Giornata europea delle lingue (EDL). 'L'apprendimento delle lingue stimola la nostra sensibilità alle diverse culture e davvero ci può aiutare a considerare la nostra cultura da un altro punto di vista.' Ms Battaini-Dragoni ricorda che l'importanza dell'apprendimento delle lingue è sottolineato in sede di Consiglio d'europa con il Libro bianco sul dialogo interculturale "vivere insieme con pari dignità che significa sviluppare la curiosità e l apertura verso gli altri, evitando stereotipi, e scoprire quanto il contatto con gli altri può arricchire. La comprensione interculturale è la base per un dialogo produttivo. La Giornata europea delle lingue è stata proclamata dal Consiglio d'europa nel 2001, Anno europeo delle lingue, per celebrare la diversità linguistica e culturale. Invitiamo tutti a partecipare alle manifestazioni di quest'anno, a mettere alla prova le proprie competenze linguistiche e ascoltare le lingue usate intorno a noi. E non c'è bisogno di recarsi all'estero: nella società globale di oggi, altre lingue e culture si trovano proprio dietro l'angolo. Fonte 2

3 LINGUE REGIONALI A SCUOLA "Restituiamo ai giovani la fiducia nella propria comunità" Con una doverosa introduzione nella scuola della cultura e della parlata regionale, si porrebbe termine ad un alienazione ingiusta e crudele. Si restituirebbero ai giovani la fiducia nella propria comunità e la fierezza delle proprie origini sociali. Attraverso la conoscenza della letteratura regionale (anche di quella di tradizione orale: canti, leggende, ecc.) gli allievi scoprirebbero le pagine e le espressioni più preziose di coloro che scrivono nel linguaggio familiare, quello di tutti i giorni: della casa, dall amicizia e del lavoro. Vedrebbero che l accademismo non è necessariamente il criterio di una cultura superiore. I figli degli immigrati, lungi dal sentirsi imbarazzati dall incontro scolastico con la cultura locale, avranno un valido strumento per meglio inserirsi nella comunità che li ospita. Insegnare la lingua locale a scuola, è come offrire, sulla mano aperta, la chiave di casa. È quindi un atto di apertura, e non di chiusura, come invece alcuni glottofagi vanno cianciando. Del resto è frequente il caso, specie in provincia, di ragazzi figli di immigrati i quali parlano la lingua locale con più slancio e sicurezza di quelli del posto (tipico è l esempio, dei patoisants calabresi in valle d Aosta!). Se la lingua locale entra nella scuola, si introduce la preparazione costante con l italiano, la ginnastica intellettuale del passaggio da un codice linguistico all altro. Si invoca l insegnamento del latino per dare all allievo l esperienza di una struttura grammaticale differente dalla nostra: la stessa funzione è esercitata, su una base molto più larga non (ancora!) a livello meramente archeologico, dal dialetto. Si farà nascere così nell allievo un vero fiuto linguistico, una più precisa percezione dei fatti grammaticali. Ammorbidiremo il suo spirito, strappandolo al monolitismo di una sola grammatica e di una norma dogmatica. Ne trarrà vantaggio l universalità della cultura, poiché questo allievo, a proprio agio nelle tradizioni locali, naturalmente rinnovate e modernizzate, affronterà senza squilibri psichici le grandi trasformazioni sociali del nostro tempo: buona parte dello smarrimento che minaccia la gioventù moderna troverebbe un valido rimedio in questo umanesimo nostrano, di cui auspichiamo l ingresso nella scuola. Tavo Burat. nato nel 1932 da famiglia biellese, esponente storico dei movimenti di difesa delle minoranze etno-linguistiche, scrittore, giornalista e poeta in lingua piemontese e studioso del movimento dolciniano, Tavo Burat è responsabile per l Italia dell Associazione Internazionale per la Difesa delle Lingue e delle Culture Minacciate. Ha collaborato con Pier Paolo Pasolini in materia di salvaguardia dell antico patrimonio linguistico delle minoranze. (fonte:linguedialetti.splinder.com) 3

4 Presentazion AGHE SUTE, AGHE BAGNADE Educazion plurilengâl: la ARLeF e à presentât i materiâi didatics AGHE SUTE, AGHE BAGNADE e GUIDE PAI INSEGNANTS di une scuele di Dublin, di une scuele de Isole di Lewis e di une scuele galese di Carmarthenshire. Martars ai 24 di Novembar si è davuelte aes li de Sale Pasolini (Palaç de Regjon - Vie Sabbadini, 31 - Udin), la presentazion di doi impuartants materiâi didatics finanziâts de ARLeF: Aghe sute, Aghe Bagnade e Guide pai insegnants. A jerin presints Lorenzo Zanon, President de ARLeF, Silvana Schiavi Fachin, componente dal grup european di ricercje, Laura Nicoloso e Stefania Garlatti Costa che, rispetivementri, e à metût in vore il progjet e e à seguît i aspiets linguistics, e Pierino Donada, component dal CTS de Agjenzie. Aghe sute, Aghe Bagnade al è un progjet european di ricercje pal sostignî e disvilupâ la scriture creative e di grup in lenghe minoritarie, che al à viodût cjapâts dentri i arlêfs de scuele elementâr di Bordan, i arlêfs I fruts des scuelis cjapadis dentri a àn colaborât fra di lôr, ancje par mieç dal ûs di imprescj modernis di comunicazion tant che Internet e pueste eletroniche, par creâ une storie,podint cussì disvilupâ lis abilitâts di leture e scriture sore che par furlan ancje par inglês, doprade tant che lenghe comun di comunicazion. Dongje de publicazion Aghe sute, Aghe bagnade, il fondamentâl contribût dât de Guide pai insegnants, un strument valit par sostignî l insegnament des abilitâts di scriture dai fruts bilengâi ancje tes lenghis minoritariis. La ARLeF al à dit il diretôr Massimo Duca e à ritegnût impuartant finanziâ progjets come chescj parcè che sore a furnî materiâl didatic util, riflessions pes scuelis, a àn dimostrât la validitât de educazion plurilengâl e a àn fat capî ai fruts il significât di jessi part di un grup sociâl, di une comunitât e tal stes timp dal mont globâl. 4

5 «I dinosaurs sono estints? No, a rivin in librerie»: è questo lo slogan che accompagna l uscita della prima raccolta dei fumetti de «I Gnognosaurs». Le strisce dei simpatici dinosauri che si esprimono in friulano vengono pubblicate regolarmente su Alc&Cè, rivista per ragazzi in allegato alla Vita Cattolica. Ora finalmente l autore, Andrea Dree Venierha deciso di raccogliere le migliori storie in un volume, in libreria per i primi di dicembre per i tipi della editrice L Omino Rosso di Pordenone. Ma prima di questa uscita si potranno gustare altre novità a proposito del fumetto su internet, la rete delle reti. Per promuovere il libro, infatti, da lunedì 16 novembre è stato aperto un blog che pubblica ogni giorno una striscia inedita, notizie, giochi, contenuti da scaricare. I lettori verranno anche avvisati di qualche gadget gratis a sorpresa, in numero limitato, da andare a ritirare in luoghi diversi del Friuli: una sorta di caccia al tesoro. L appuntamento on line è su 5

6 FILOLOGICA FRIULANA, FESTA PER I 90 ANNI Si è svolta nel segno della musica, della danza e dell'animazione teatrale la festa, dedicata ai bambini delle scuole primarie in occasione dei 90 anni della Società Filologica Friulana, che si è tenuta venerdì 6 novembre nell'auditorium della Regione a Udine. Il programma dell'iniziativa dal titolo "Augurons Siore Filologjiche", alla quale hanno partecipato numerosissimi ragazzi, ha offerto uno sguardo originale e vivace in lingua friulana sulla storia del Friuli e l'attività della Filologica. I "fruts" (bambini) hanno presentato attraverso il gioco le diversità linguistiche esistenti nelle varie realtà del territorio friulano ed hanno messo in evidenza come fino a poco tempo fa non era possibile apprendere a scuola la storia della propria terra e, quindi, prendere conoscenza della propria identità. Sull'importanza vitale dell'insegnamento del friulano nelle scuole si è soffermato l'assessore regionale all'istruzione e alla Cultura Roberto Molinaro, che si è anche complimentato con gli organizzatori per la riuscita dei festeggiamenti in occasione dell'importante anniversario. "Nell'anno scolastico 2009/ ha ricordato l'assessore Molinaro - su 64 mila alunni iscritti nelle scuole d'infanzia, primarie e medie delle province di Gorizia, Pordenone ed Udine, sono quasi 32 mila, quindi uno su due, quelli che hanno scelto di imparare le materie anche in friulano: è un gran successo, che è frutto del grande spirito di sacrificio dei maestri". 6

7 Nel corso della manifestazione i giovanissimi spettatori hanno avuto occasione di assaporare le melodie delle canzoni e le coreografie dei balli folcloristici friulani, così come anche di rivivere alcuni momenti significativi, che contrassegnavano la vita quotidiana e lavorativa dei loro avi. Alla realizzazione dello spettacolo (regia di Dino Persello) hanno collaborato, tra gli altri, gli allievi della 1A classe della Scuola media "Bernardino Partenio"di Spilimbergo, il coro "Le Semicrome" dell'istituto comprensivo di Tavagnacco ed i piccoli danzatori dell'associazione Folcloristica Giovanile Regionale. Alla festa, che si è conclusa con il taglio della torta, ha portato il proprio saluto il presidente della Società Filologica Friulana, Lorenzo Pelizzo. Sul sito dell Amministrazione Provinciale di Udine è disponibile il nuovo software che permette di scaricare sul telefono cellulare un sistema di predizione del testo in lingua friulana, offrendo la possibilità di utilizzare la marilenghe. Gli utenti interessati potranno scaricare l applicazione direttamente dal sito internet della Provincia di Udine (http://www.provincia.udine.it/italiano/territori o/lingua/sms-par-fu/index.aspx) sul proprio computer e successivamente installarla sul t telefonino o ricevendo il software attraverso la rete cellulare. Per poter utilizzare questa applicazione è necessario che il telefonino sia compatibile con Java. Par informazioni: Servizi Promozion des Identitâts 0432/

8 BORDAN: CONGRÈS DE SSeTF Sabide ai 24 di Otubar inte sale dal Municipi di Bordan si è davuelt l 8 f congrès Anuâl de Societât Sientifiche e Tecnologiche Furlane (SSeTF). Ca sot, in ristret, o publichin il contribût che un dai relatôrs il prof. Bruno Lucci di Mueç, Neurolic Primari Emerit di Pordenon, al à dât in ocasion di chest apontament. Bepi Calligaris ( ): un neurolic antesignan de metapsichiche. Bepi Calligaris al nas a Fors di Sot (Udin), il 29 di Otubar Tal 1901 si laureà in medisine cu la tesi "Il pensiero che guarisce", titul che za al anticipe i siei interès a vignî. Tal 1908 al presentà une comunicazion ae Academie mediche di Rome dal titul "La metamateria sensitiva spinale". Tal 1909 al otignì la libare docence in Neuropatologjie, e simpri in chel an al torne in Friûl e a Udin al vierzè adun al pari, une " Casa di cura per malattie nervose e del ricambio". Al partecipà ae prime Vuere mondiâl tant che uficiâl miedi: lis relativis esperiencis umanis i permetaran di publicâ "Un medico e la guerra" (1922). La fame lu puartà a jessi un dai perîts al procès da lo smemorato di Collegno, ogjet di une conte di Leonardo Sciascia in "Il teatro della memoria" e di un famôs film di Totò. Tal 1928 al de leture ae Academie di Udin de sô relazion "Le catene lineari del corpo e dello spirito". La sô instancabile produzion sientifiche e le indenant fin ae so muart avignude inte sô cjase di Magredis tal Lis cjadenis liniârs dal cuarp e dal spirt Za inte prime fase de sô ativitât, e in particolâr inte memorie "La metameria sensitiva spinale" dal 1908, Calligaris al rivave a une conclusion determinante pes seguitivis ricercjis: la piel dal om si presente dividude in liniis speciâi, che a cjalin in cuatri direzions: verticâl, trasversâl, oblicue drete e çampe. Ducj i disturps de sensibilitât a scuegnin jessi incuadrâts in cheste trame regolâr, che e invuluce la superficie dal cuarp. Intes dôs leturis ae Academie di Udin, Calligaris al aferme che, stimolant par mieç di corints di Faraday di debule intensitât o par sfreament, determinadis zonis dal cuarp che si ripetin su dute la superficie cutanie, a vegnin stimolâts no dome determinâts sistemis gnervôs primaris, ma ancje orghins internis, e a vegnin riclamâts ancje sintiments e sensazions ben precisis. La piel e presente liniis primariis orientadis che si corin daûr, retiliniis e paralelis, pardut 8

9 il cuarp, a distance di cirche 1 cm., e si ripetin in seriis regolârs di dîs cm. La crosere des liniis trasversâi cun chês verticâi e forme dai cuadrâts di cirche 1 cm. di lât. Su la linie assiâl dai cinc dêts a scorin cinc di chestis liniis, cussì come che a 'nt scorin cuatri jenfri i spaziis dai dêts; la prime linie invezit al è chê laterâl che e divît la part anteriôr di chê posteriôr de man e dopo lant indenant tal cuarp e ven clamade linie de dissociazion. Partint de prime linie verticâl, chê de dissociazion, o cjatìn intal ordin la linie dal amôr che e scor sul as di mieç dal poleâr, la linie numar doi clamade de dismenteance che si cjate tal spazi dai dêts che e ven dopo, la numar trê o de memorie su lât dal indiç, la cuatri dal odi, la cinc de associazion mentâl, la sîs dal dolôr, la siet dal plasê, la vot de calme e dal sium, la nûf de emozion e la dîs de dissociazion mentâl. Lis stessis liniis si corin daûr in sens orizontâl, a plomp rispiet a chês assiâi. Chestis dîs liniis a provochin a lôr volte riflès sui corispondents orghins internis: i riflès cutaniis visserâi". Calligaris al coleghe chestis liniis ancje a determinâts sintiments e contignûts psichics che a fasin nassi amôr, odi, paure, calme e v.i.: i riflès cutaniis psichics". A chestis liniis, ur darà il non di "cjadenis liniârs dal cuarp e dal spirt" e inta crosere di chestis cjadenis si cjatin lis "plachis". Par "cjariâ" liniis e plachis Calligaris al doprave une corint lizere, o pûr semplicementri un martielut dotât di cilindruts. Daûr il so parê lis cjadenis liniârs dal cuarp e dal spirt si rifletin "in mût predestinât, cun regulis fissis e precision infalibil intal mont de Psiche": cheste trasmission e salte fûr di une regule gjeometriche e e je comandade da leçs rigorosis. Ducj i sintiments dal spirt, a àn une lôr ordenade e precise rapresentazion, cussì su la superficie de piel dal om come intai siei orghins internis. Calligaris, al ve la intuizion, che daspò e deventarà par lui une ciertece, che lis cjadenis liniârs e lis plachis no son altri "che i lûcs di passaç des radiazions che a rivin di chei altris oms e di dut l'univiers e di jessude di chês che a corispuindin al pinsîr de persone." In merit a lis verifichis sui siei esperiments, Calligaris stes, descrivint lis modalitâts che a vignivin eseguidis lis sôs sperimentazions, al met in evidence che i sogjets a jerin in gjenar une vore sensibii e dacuardi, o sogjets cun dams neurologjics grâfs: cheste e je la rason principâl che e à causât la lôr dificultât di riproduzion e partant il lôr jessi convincents. O concludin disint che cualchi sô concezion e lasse di sigûr perplès e o ritignìn che il miedi, inta ultime fase de sô opare al samee che si anuli e al vadi oltri, no ta sfere de filosofie come che al disè il prof. Gherardini che i fo amì, ma intal imagjinari. 9

10 TARVISIANO - VALCANALE Segnaliamo volentieri la manifestazione Turmblasen organizzata dall Associazione Kanaltaler Kulturverein. Sabato 26 dicembre 2009, alle ore nella Chiesa Parrocchiale dei SS.Pietro e Paolo in Piazza Unità a Tarvisio, verrà celebrata la SS.Messa in lingua tedesca. Seguirà il tradizionale concerto di strumenti a fiato tenuto sul campanile della Parrocchiale, a cui deve il nome la manifestazione stessa. A fare da contorno, nella piazza si terrà il tipico Christkindlmarkt, mercatino di Natale. DALL ISTITUTO CIMBRO DI LUSERNA /KULTURINSTITUT LUSÈRN Sabato 28 novembre 2009 nella sala conferenze dell Istituto Cimbro di Luserna si è tenuto il congresso dal titolo 1939 un grande imbroglio: Le opzioni al di fuori degli accordi/1939 der grosse Betrug: Staatsbürgerschaftsoptionen ausserhalb des Vertragsgebietes. Tema di discussione, gli accordi del 23 giugno 1939 siglati a Berlino, che prevedevano i trasferimenti della popolazione tedesca dell attuale provincia di Bolzano, dei comuni ladini di Cortina d Ampezzo, Colle Santa Lucia e Livinallongo in provincia di Belluno e della comunità germanofona della Valcanale, ed infine, per via di un accordo postumo e verbale, anche della popolazione tedesca della valle dei Mòcheni, di Luserna e di una parte della Val di Fassa. Al convegno, grazie all attività di ricerca sul tema delle opzioni del 1939 che da ormai due anni sta svolgendo in collaborazione con lo sportello di lingua tedesca, è stata invitata anche Lara Magri, della Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Valcanale, in servizio presso il Museo di Palazzo Veneziano a Malborghetto. Oltre a presentare il filmato Le opzioni in Valcanale, costituito da un estratto delle interviste finora realizzate ed inerenti al tema, Lara Magri ha esposto il frutto del lavoro condotto tramite la raccolta di documenti e testimonianze di coloro che in prima persona hanno vissuto uno degli eventi più dolorosi che coinvolsero la popolazione civile nella prima parte del secolo scorso. 10

11 AGENDE 2010 NUOVI GADGET DELLO SPORTELLO LINGUISTICO DELLA COMUNITA MONTANA La Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale continua con l attività ed i progetti intrapresi nell ambito della Legge 482/99 Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche con il fine di dare visibilità all utilizzo delle lingue minoritarie anche nelle pubblica amministrazione. Nel 2006 ha attivato lo Sportello linguistico della Comunità Montana che promuove l uso dei tre idiomi presenti sul territorio dell ente: la lingua friulana, la lingua slovena e la lingua tedesca. Lo sportello ha proposto numerose ed interessanti iniziative volte a sensibilizzare i cittadini all uso delle proprie lingue d ambiente. Molte delle iniziative messe in atto dalle operatrici degli sportelli hanno voluto colpire un target d utenza molto importante, quello rappresentato dai bambini. E proprio con l intenzione di incuriosire i più piccoli che è nata l idea di questa Agenda Un centinaio di pagine colorate che scorrono settimana dopo settimana per 12 mesi di allegria e di apprendimento grazie alle 12 schede gioco ricche di personaggi, oggetti, parole. Questa agenda vuole essere quindi un simpatico strumento di gioco e di scoperta per i bambini di questo territorio, così ricco dal punto di vista linguistico. L idea di base del progetto è quella di accompagnare ogni bambino, nel corso di tutto il 2010, permettendogli di arricchire il proprio vocabolario con termini semplici, di uso quotidiano, nelle quattro lingue parlate nelle nostre terre. Ogni bambino potrà giocare, imparare e confrontarsi con gli amici oppure con mamma e papà. A tenergli compagnia in questo percorso troverà la famiglia degli scoiattoli I cugini Codafolta: Lino Scoliattolino, Mariute Sghirate, Anica Veverica e Toni Eichhörnchen che ha già avuto modo di conoscere grazie alle passate attività degli sportelli linguistici della Comunità Montana. Il progetto è finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia in base alla Legge 482/99 Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche. Le agende verranno distribuite gratuitamente a tutti i bambini che, anche nel corso degli ultimi anni, hanno partecipato alle numerose attività ludico / didattiche promosse dagli operatori dello sportello. 11

12 P.zza del Ferro, Gemona del Friuli (UD) Tel./Fax: Web: Orario di apertura al pubblico: martedì, giovedì e venerdì dalle 15:00 alle 19:00 ITALIA-AUSTRIA, CONCORSO DI IDEE: saranno selezionate le 6 migliori aziende! SCADENZA: 21 FEBBRAIO 2010 È aperto a idee progettuali in settori ad alto contenuto tecnologico che individuano nell impiego di tecnologie informatiche e nella cooperazione transfrontaliera unfattore competitivo strategico e nuove opportunità di rilancio economico per ilproprio settore. [...] Per visualizzare il resto della notizia vai al sito web della Casa per l'europa UE: BUONE NOTIZIE DAL SETTORE LINGUISTICO L industria del settore linguistico è stata colpita dalla crisi economica meno di altri settori, come risulta da uno studio condotto per conto della Commissione Europea. Lo studio, che rappresenta la prima analisi su scala europea dell industria linguistica,copre aspetti quali la traduzione, l interpretazione,la localizzazione e globalizzazione, la sottotitolazione e il doppiaggio, le tecnologie linguistiche, l organizzazione di conferenze multilingui e l insegnamento delle lingue. Il fatturato dell industria linguistica europea è stimato a 8,4 miliardi di euro (2008) e, secondo le previsioni, aumenterà annualmentealmeno del 10%, per arrivare entro il 2015 ad un importo compreso tra 16,5 e 20 miliardi di euro. Si tratta di uno dei maggiori tassi di crescita registrati nell economia dell UE. [...] Per visualizzare il resto della notizia vai al sito web della Casa per l'europa: :http://www.casaxeuropa.org/2009/12/03/italia- austria-concorso-di-idee-saranno-selezionate-le- 6-miglioriaziende/ LA CASA PER L EUROPA È SU FACEBOOK! Anche la Casa per l'europa è approdata su Facebook! Diventa anche tu fan nella pagina dedicata alla nostra associazione (cerca sufacebook Casa per l'europa ) e potrai essere aggiornato direttamente dal tuo profilo Facebook su tutte le notizie inserite giornalmente sul nostro sito Web DIVENTA SOCIO DELLA CASA PER L EUROPA SE HAI MENO DI 30 ANNI IL COSTO DEL TESSERAMENTO E DIMEZZATO! Hai meno di trent anni?vuoi essere sempre aggiornato sulle attività portate avanti dalla Casaper l Europa? DIVENTA NOSTRO SOCIO! Se sei un under 30il costo del tesseramento sarà di soli 5,00 (invece che 10,00 ) ma non è finita associandoti riceverai in regalo un sacco di materiale informativo(aggiornatissimo!) sull Europa e il DVD del progetto L arte di essere europei, realizzatodalla nostra associazione all I.T.I Solari di Tolmezzo (info al link: Che aspetti?!? Affrettati! Vieni alla nostra sede e chiedi di diventare socio oppure contattaci telefonicamente (al numero ) o via (all indirizzo e ti daremo tutte le informazioni necessarie al riguardo. Ma aspetta non è finita! Se diventi nostro socio, oltre a ricevere l invito e gli aggiornamenti su tutte le nostre attività, riceverai direttamente a casa, in formato cartaceo,anche il nostro bollettino informativo che esce tre volte all anno. 12

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere RASSEGNA WEB giornalettismo.com Data Pubblicazione: 07/06/2013 giornalettismo.com http://www.giornalettismo.com/archives/967721/vacanze-studio-tutto-quello-che-ce-da-sapere/comment-page1/#comment-972985

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 L'ORTO DELLE ARTI Via Paolo Rembrandt, 49 20147 Milano Tel. 02 4043450 Cell. 347 4817456 enzoguardala@tiscali.it A CACCIA DI STORIE Scuola dell infanzia - Sviluppare

Dettagli

Nasce www.oradireligione.it

Nasce www.oradireligione.it Nasce www.oradireligione.it la prima Community dedicata ai docenti di Religione Cattolica Prof. Luciano Pecorari II grado, ITI Grugliasco (TO) Piemonte Prof.ssa Alessandra Marchesi II grado, ITI Crema

Dettagli

Scuola dell infanzia Piazza Garibaldi A.S 2014/15

Scuola dell infanzia Piazza Garibaldi A.S 2014/15 Scuola dell infanzia Piazza Garibaldi A.S 2014/15 Anche quest anno nel nostro plesso si è attuato il progetto teatro che ha coinvolto i bambini in due momenti particolarmente significativi dell anno scolastico.:

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GONZAGA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GONZAGA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GONZAGA Via Caduti di Bruxelles 84025 - EBOLI (SA) tel. 0828 328154 fax 0828 333444 mail: ic8bg00b@istruzione.it sito: icgonzagaeboli.gov.it Crescere insieme progetto continuità

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Cinzia Petris 10/a, Fr. Pradumbli, I-33020 Prato Carnico Telefono(i) Cellulare: +39 329 4016493 Skype E-mail Cittadinanza

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA Jone Galli Lo scialle magico PAURA Esprimere, in forma ludica ed espressiva, le proprie emozioni riguardo il tema della paura. 20-30 minuti Lo scialle magico, I. Mylo e M.J. Sacré, Ed. Arka Uno scialle,

Dettagli

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ"

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE JULIE AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ" Cul prin di Zenâr dal 2015 e je stade dade dongje la AZIENDE PE ASSISTENCE

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

ONE TWO THREE A STORY FOR ME!

ONE TWO THREE A STORY FOR ME! Bolzano 22/05/08 RETE SCUOLE PARITARIE PROVINCIA DI UDINE ANNO SCOLASTICO 2008-2009 ONE TWO THREE A STORY FOR ME! PROGETTO DI POTENZIAMENTO DELLA LINGUA FRIULANA E INGLESE Basato sulla proposta didattica

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto.

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto. Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole partecipano al progetto Nati per Leggere Che cos è Nati per Leggere?...... è un progetto nazionale che

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA Bolzano 13/02/2013 COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PRONTI, ATTENTI C ERA UNA VOLTA! Percorso in italiano lingua veicolare o di introduzione alla lingua italiana Rivolto

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009 Comitato LibroParlato SanVito sezionestaccatadell Associazione CentroInternazionaledelLibroParlato A.Sernagiotto Relazionegiugno2009 Quest anno,oltreadivulgaregliargomentiprincipalilegatialladonazionedivoce,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097

Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 PROGETTAZIONE DIDATTICA II LINGUA STRANIERA

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI Dirigente Scolastico: Dott. Fulvia Cantone Scuola dell Infanzia MOTTA DE CONTI A.S. 2015-2016 2016 CRESCERE INSIEME. PER ESSERE CITTADINI DEL MONDO: promuovere

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2012-2013, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato giallo, blu e i tu!. Il progetto nasce dalla volontà

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti

Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti Fabiana Fusco Università di Udine Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti Carta tratta dall Enciclopedia dell Italiano Treccani L.R. n. 5 del 17 febbraio 2010 Valorizzazione

Dettagli

Il Chaplin palestraculturale

Il Chaplin palestraculturale Il Chaplin palestraculturale gennaio-luglio 2015 2 INDICE CORSI per BAMBINI INGLESE Livello 1 (4-6 anni) p. 4 Livello 2 (7-10 anni) p. 4 MUSICA Musicainfasce (0-36 Mesi) p. 5 Sviluppo della Musicalità

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE LIBRETTO DEL CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE dell alunno classe sez. ANNO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 3 Via Croce, 30 Petrignano 06081 Assisi (PG) Tel/Fax: 0758038063

Dettagli

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI Siamo il gruppo più numeroso della scuola e assieme alle maestre Meri e Silvia siamo diventati

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Prot. n. 4431/C35 Trieste, 15 aprile 2008 AI DIRIGENTI SCOLASTICI CONVITTO NAZ.LE P. Diacono CIVIDALE DEL FRIULI (UD) IPSIA D Aronco GEMONA DEL FRIULI (UD) LICEO Leopardi Majorana PORDENONE EDUCANDATO

Dettagli

PROGETTO ISTITUTO ANZIANO BAMBINO Anno scolastico 2013/2014 Istituto scolastico Monte Carasso

PROGETTO ISTITUTO ANZIANO BAMBINO Anno scolastico 2013/2014 Istituto scolastico Monte Carasso L'Istituto scolastico di Monte Carasso La Casa per anziani di Sementina PROGETTO ISTITUTO ANZIANO BAMBINO Anno scolastico 2013/2014 Istituto scolastico Monte Carasso Il progetto coinvolge gli allievi di

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o monologhi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA 1 Ampliamento dell offerta formativa... 1 SCUOLA PRIMARIA... 1 Attività e progetti... 3 1. Progetto Accoglienza... 3 2. Progetto Continuità... 3 3. Progetto

Dettagli

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof.

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof. Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO Macroarea: A Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO Docente Collaboratore Prof.ssa SERENA PANTI 2. Finalità: Contribuire alla formazione di cittadini

Dettagli

PROGETTI D ISTITUTO PROGETTI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTI D ISTITUTO PROGETTI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Nel passaggio da casa a scuola Ci sono braccia che lasciano andare, ma ci sono braccia che prendono, che accolgono, che sostengono il bambino in questo passaggio di mani e di menti. BUON VIAGGIO! LE NOSTRE

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI MARCHIONI FRANCESCA VIA EMIGRANTI 17 33070 CANEVA (PN) francescamarchioni@virgilio.it MRCFNC74C41H657L

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI MARCHIONI FRANCESCA VIA EMIGRANTI 17 33070 CANEVA (PN) francescamarchioni@virgilio.it MRCFNC74C41H657L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MARCHIONI FRANCESCA VIA EMIGRANTI 17 33070 CANEVA (PN) Telefono 3337725177 0434.77426 Fax / E-mail

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe - Zara

Istituto comprensivo Arbe - Zara Istituto comprensivo Arbe - Zara Viale Zara n. 96-20125 MILANO - C.F. 80124730153 - Cod. mecc. MIIC8DG00L Milano tel 6080097 - fax 02 60730936 sito scuola: www.icarbezara.gov.it e-mail : SEGRETERIA : segreteria.arbezara@tiscali.it

Dettagli

Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune

Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune di Attilio Camozzi Presidente Aci Brescia C i siamo lasciati alle spalle un anno complesso. Il 2014 va negli archivi della storia recente. Confido che

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

Piccole Sorprese. La scatola delle emozioni. Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni

Piccole Sorprese. La scatola delle emozioni. Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni Piccole Sorprese La scatola delle emozioni Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni L idea Quando si parla di bambini il più bel dono è ricevere un loro sorriso. E il regalo che

Dettagli

SINTESI DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO. di Giovedi 16 Ottobre 2014

SINTESI DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO. di Giovedi 16 Ottobre 2014 SINTESI DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO di Giovedi 16 Ottobre 2014 Il giorno 16 ottobre 2014 dalle ore 17:00 alle ore 19:30, presso la palestra della Scuola, si è riunito il Consiglio di Istituto.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 17 Il Centro Territoriale Permanente In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta parole

Dettagli

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani UDIA: QUANTI SIAMO? I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani 1 giornata: Oggi è un giorno speciale, c'è un compleanno da festeggiare,la festeggiata assumerà

Dettagli

Plurilinguismo: dal mondo a casa nostra Poster 6

Plurilinguismo: dal mondo a casa nostra Poster 6 1 Plurilingue?! Si, ma come? Spiegazioni Domande Risposte Corrette Note Non è assolutamente possibile dare una breve definizione scientifica che sia in grado di rendere la complessità del sistema di segni

Dettagli

Archivio dei corsi proposti per il periodo estivo 2014

Archivio dei corsi proposti per il periodo estivo 2014 CORSO BREVE ESTIVO: METODO DI STUDIO E ORGANIZZAZIONE COMPITI Casa Novarini organizza, per il periodo estivo, che va dal 23 Giugno al 7 Luglio, due corsi, gestiti dalla Dott.ssa Barbara Filippi, pedagogista

Dettagli

Le chiedo pertanto, di inoltrare il seguente questionario agli insegnanti di Francese della sua scuola.

Le chiedo pertanto, di inoltrare il seguente questionario agli insegnanti di Francese della sua scuola. Roma, li 29 aprile 2011 Alla c.a. del Dirigente Scolastico Gentile Dirigente Scolastico, France Théâtre: collabora dal 1998 con il Centro Culturale Saint-Louis de France dell Ambasciata di Francia presso

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana DIZLIS 2.0 CTS IPSSS E. De Amicis Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana Un dizionario è un'opera che raccoglie, in modo ordinato secondo criteri anche variabili da un'opera all'altra, le parole

Dettagli

b b T A n www.babytraining.it proposto da T.& C. Group S.r.l. Training & Consulting Allegato 1 Descrizione Progetto

b b T A n www.babytraining.it proposto da T.& C. Group S.r.l. Training & Consulting Allegato 1 Descrizione Progetto Allegato 1 Descrizione Progetto b b T A n www.babytraining.it proposto da T.& C. Group S.r.l. Training & Consulting T.& C. Group S.r.l. Tutti i diritti riservati. Cos è Baby Training. Baby Training è un

Dettagli

Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto

Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto educazione ambientale e sviluppo sostenibile Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto Riù, la ludoteca del riuso, propone alle scuole percorsi

Dettagli

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 L uso dei social network e della tecnologia propone nuove riflessioni e strategie educative. Dal cyberbullismo alle opportunità creative, il panorama dei

Dettagli

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Unità n 7 : OBIETTIVI GENERALI : UNITA' DI APPRENDIMENTO IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Scoprire e osservare le caratteristiche della stagione primaverile Apprezzare

Dettagli

PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011

PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011 Scuola dell Infanzia Paritaria Cuore Immacolato di Maria Via Martiri d Otranto, 27 Lecce SEZIONE PRIMAVERA PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011 1 La cura dell istruzione è AMORE (Sapienza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Se vieni alla scuola Martiri della Libertà puoi trovare. Una scuola accogliente e divertente!

Se vieni alla scuola Martiri della Libertà puoi trovare. Una scuola accogliente e divertente! Se vieni alla scuola Martiri della Libertà puoi trovare Una scuola accogliente e divertente! Un giardino da scoprire e da giocare! Un grande portico dove far festa e divertirsi sui tricicli quando piove

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'...

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MALFATTI CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... Premessa Il Natale, è una delle ricorrenze più ricche di significato

Dettagli

Silvia Gilioli, educatrice ed insegnante elementare, esperta dell organizzazione di attività di grande gruppo e animazione,

Silvia Gilioli, educatrice ed insegnante elementare, esperta dell organizzazione di attività di grande gruppo e animazione, L ASSOCIAZIONE. L Associazione culturale nasce nel 2005 per dare struttura istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi. Il Direttivo è oggi composto

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO Sezioni scuola dell'infanzia A,B,C. Insegnanti: Suor Cristina Milo M.Vittoria Mele Silvia A.S. 2013/2014

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

Formazione base sul network marketing rivolta ai distributori Fm group.

Formazione base sul network marketing rivolta ai distributori Fm group. Formazione base sul network marketing rivolta ai distributori Fm group. A cura di Massimo Luisetti Sito Internet: http://www.1freecom.com email: m.luisetti@tiscali.it Tel. 339 2597666 id Skype: giomax50

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015-16

ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGETTO CONTINUITA INSIEME A TE IMPARO, MANGIO BENE...VIVO MEGLIO!!!! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA ANNO SCOLASTICO 2015-16 GRUPPO CONTINUITA Docenti: Agnese Anna Avallone

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA, LA TERRA E UN ELEMENTO QUASI MAGICO, DA SCAVARE, TRAVASARE, TRASPORTARE, MISCELARE E RAPPRESENTA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI COMUNICATIVI

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI COMUNICATIVI Associazione IBVA Centro Italiano per Tutti 02/49.52.46.00 italianopertutti@ibva.it www.ibva.it QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI COMUNICATIVI 1. Dati generali Sesso: M F Età: meno di 20 a. 20-25

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO AUGUSTA BAGIENNORUM BENE VAGIENNA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO. PRESUPPOSTI PEDAGOGICI L Istituto Comprensivo di Bene Vagienna favorisce ormai da anni l

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli