Trattenute contributive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattenute contributive"

Transcript

1 14 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 2 Trattenute contributive a. Determinazione della retribuzione imponibile art c.c.; art. 47 RDL 1827/35; art. 12 L. 153/ L imponibile contributivo coincide normalmente con la retribuzione lorda, con l esclusione delle somme esenti da contribuzione (v. n. 696). Sulla retribuzione imponibile vengono calcolati i contributi previdenziali, con l applicazione di determinate aliquote stabilite dalla legge, in parte a carico del datore di lavoro e in parte a carico del lavoratore. Questa regola generale incontra tuttavia una serie di condizioni: il rispetto di un limite minimo di retribuzione giornaliera (minimale) per tutti i lavoratori; l osservanza di un limite massimo (massimale) in un caso specifico; il calcolo dei contributi su retribuzioni convenzionali stabilite dal ministero del Lavoro per i lavoratori italiani operanti all estero. Per alcune forme di contribuzione e per alcune categorie particolari viene operato un conguaglio contributivo a fine anno (v. n. 740). Il datore di lavoro è responsabile del versamento del contributo, anche per la parte a carico del dipendente, salvo il diritto di rivalsa. In sede di conteggio delle competenze, il datore di lavoro provvede a trattenere le quote di contributo a carico del dipendente. Successivamente il datore di lavoro effettua anche il computo dei contributi per la parte a suo carico, versando il totale con le modalità esaminate al n e s. La trattenuta al dipendente in via di principio non è ammessa per contributi arretrati dovuti ad errori o dimenticanze da parte dell azienda. È nullo qualsiasi patto diretto ad eludere gli obblighi contributivi. N.B. Il datore di lavoro ha l obbligo di calcolare e versare i contributi dal momento in cui sorge il diritto del lavoratore alla retribuzione in base al principio di competenza (v. n. 610): in altre parole i contributi vanno calcolati e versati sulle retribuzioni dovute ai lavoratori, anche se materialmente non pagate. 705 Minimali (art. 1, c. 1 e 2, L. 389/89; art. 2 L. 549/95; art. 9 D.Lgs. 61/2000) La retribuzione da assumere come base per il calcolo dei contributi non può essere inferiore all importo delle retribuzioni stabilito da leggi, regolamenti, contratti collettivi, stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative su base nazionale, ovvero da accordi collettivi o contratti individuali, qualora ne derivi una retribuzione di importo superiore a quello previsto dal contratto collettivo. Il minimale è il valore minimo giornaliero od orario sul quale calcolare i contributi qualora la retribuzione effettiva risulti inferiore. L INPS definisce annualmente la misura dei minimali per i vari settori sulla base dell aumento del costo della vita rilevato dall ISTAT, e il valore rimane in vigore per l intero anno (v. n. 9020). Il minimale è espresso in valori giornalieri e non può essere inferiore al 9,50% del trattamento minimo mensile di pensione INPS. Minimale giornaliero = pensione minima mensile 9,5% Determinazione del minimale (anno 2007) Pensione minima A Minimale giornaliero normale (9,50% di A) E 436,14 E 41,43 Per i lavoratori part-time il minimale è espresso in valori orari ed è ottenuto rapportando alle giornate di lavoro settimanale ad orario normale (normalmente 6) il minimale giornaliero e dividendo l importo così ottenuto per il numero delle ore di orario normale settimanale previsto dal contratto collettivo nazionale di categoria per i lavoratori a tempo pieno (normalmente 40).

2 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO 15 Minimale orario part-time = minimale giornaliero giornate lavorative settimanali orario lavorativo settimanale a tempo pieno La retribuzione degli apprendisti non è soggetta ad alcun minimale: i contributi devono pertanto essere calcolati sulla retribuzione effettivamente corrisposta. Nel procedimento di calcolo del minimale per i lavoratori part-time, non è previsto un numero minimo di ore di lavoro sul quale versare la contribuzione. Pertanto i contributi previdenziali ed assistenziali devono essere calcolati tenendo conto dell orario pattuito tra le parti nel contratto di lavoro, anche se inferiore a quello minimo definito dal CCNL di riferimento (Mess. INPS 14 febbraio 2005 n. 5143). Verifica della base imponibile Per determinare l imponibile su cui calcolare i contributi è necessario confrontare i valori dell imponibile contributivo derivante dalla retribuzione effettivamente corrisposta e il minimale calcolato sui giorni lavorati: se la retribuzione effettiva risulta inferiore al minimale, i contributi devono essere calcolati sul valore di quest ultimo. 710 Confronto tra retribuzione effettiva e minimale Retribuzione effettiva > minimale Retribuzione effettiva < minimale Base di calcolo dei contributi Retribuzione effettiva Minimale Per confrontare la retribuzione effettiva con il minimale giornaliero occorre considerare la retribuzione costituita dalla media di tutti gli emolumenti corrisposti nel periodo di paga. In particolare, qualora la retribuzione sia corrisposta: in misura fissa (a periodicità mensile, quindicinale, quattordicinale o settimanale), indipendentemente dal numero delle giornate o delle ore effettivamente lavorate, la media si ottiene dividendo la retribuzione, a seconda dei casi, per 26, 13, 12 o 6; in relazione alle giornate o alle ore di lavoro effettuate, la media si determina dividendo la retribuzione per le giornate (o frazioni di esse) o le ore effettivamente lavorate. Per i lavoratori part-time, la retribuzione oraria da confrontare con il minimale orario è data dal quoziente ottenuto dividendo la retribuzione del periodo di paga per il numero delle ore di lavoro retribuite nel periodo stesso. In pratica, è sufficiente confrontare la retribuzione effettiva con il valore complessivo del minimale, calcolato moltiplicando il valore giornaliero per tutte le giornate retribuite (anche parzialmente), tenendo presente che, qualora la prestazione lavorativa sia concentrata in 5 giorni settimanali, il minimale deve comunque essere moltiplicato per 6 giornate settimanali, 12 quattordicinali, 13 quindicinali e 26 mensili. In caso di assenze dal lavoro durante il mese occorre distinguere tra le seguenti ipotesi: assenze non retribuite (sciopero, permessi non retribuiti, ecc.): il minimale mensile si ottiene moltiplicando il minimale giornaliero per il numero di giorni retribuiti totalmente (o parzialmente); assenze retribuite, con indennità a carico degli istituti previdenziali e assistenziali e con integrazione del datore di lavoro: in questo caso, il minimale non viene applicato sulle retribuzioni corrisposte dal datore di lavoro a titolo di integrazione di indennità INPS (ad esempio per malattia, maternità o cassa integrazione) o INAIL (Mess. INPS 6 maggio 1978 n. 9674; Circ. INPS 3 gennaio 1980 n. 507).

3 16 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Esempi di determinazione dell imponibile contributivo 715 Operaio a tempo pieno Retribuzione oraria ordinaria E 5,16 Retribuzione oraria straordinaria E 6,97 Orario di lavoro 40 ore settimanali (8 ore al giorno da lunedì a venerdì) Minimale giornaliero E 41,43 Ore ordinarie lavorate 146 Ore straordinario 2 Malattia (proseguimento dal mese precedente): 1 giorno E 20,66 a carico INPS E 12,39 per integrazione a carico azienda Ore di permesso 8 Ore assenza ingiustificata 8 Ore prestazione ridotta (2 giorni) 10 Mese interessato D D D D M P ) Imponibile contributivo Retribuzione imponibile effettiva: a) ordinaria: 154 ore ( di permesso) 154 5,16 = 794,64 b) straordinaria 2 6,97 = 13,94 c) malattia a carico azienda (*) 12,39 Totale 820,97 (*) Non si considera l indennità a carico INPS in quanto non imponibile ai fini contributivi 2) Minimale Giorni da considerare (*): 26 - Giorni malattia 1 Giorni assenza ingiustificata 1 Totale 24 Importo del minimale 24 41,43 = 994,32 (*) I giorni 19 e 26 sono considerati dal momento che c è stata retribuzione parziale 3) Verifica della base imponibile Poiché la retribuzione imponibile effettiva (pari a E 820,97) è inferiore al minimale (pari a E 994,32) occorre calcolare i contributi sul valore di quest ultimo. Operaio part-time Retribuzione oraria ordinaria E 7,20 Orario di lavoro 20 ore settimanali (4 ore al giorno da lunedì a venerdì) Minimale giornaliero E 6,21 Ore ordinarie lavorate 52 Ore ferie 20 Giorni Cig 2 Giorni assenza ingiustificata 2 Mese interessato D D D D F F F F F CIG CIG 1) Imponibile contributivo Retribuzione imponibile effettiva: 72 ore ( di ferie) 72 7,20 = 518,40 2) Minimale Ore da considerare (*): Ore ordinarie 52 Ore ferie 20 Totale 72 Importo del minimale 72 6,21 = 447,12 (*) Non sono considerate le giornate di assenza e di cassa integrazione 3) Verifica della base imponibile Poiché la retribuzione imponibile effettiva (pari a E 518,40) è superiore al minimale (pari a E 447,12) occorre calcolare i contributi sulla retribuzione effettiva.

4 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO 17 Massimale (art. 31, c. 14, L. 41/86; art. 2, c. 18, L. 335/95) I contributi INPS non incontrano limiti di retribuzione massima imponibile, salvo nel caso di contributi obbligatori dovuti per i lavoratori privi di anzianità contributiva iscritti dal 1º gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per i lavoratori già iscritti che abbiano esercitato l opzione per il sistema contributivo di calcolo della pensione. In questi casi opera un massimale annuo di retribuzione assoggettabile a contributi IVS fissato, per il 2007, in E ,00. L importo è rivalutato annualmente sulla base dell indice dei prezzi al consumo calcolato dall ISTAT. La parte di retribuzione eccedente il massimale, qualora destinata al finanziamento di fondi pensione, gode di uno speciale regime contributivo e fiscale (v. n. 680 e s.). Per i lavoratori privi di anzianità contributiva iscritti dal 1º gennaio 1996, il datore di lavoro deve sottoporre al prelievo contributivo ai fini pensionistici (IVS ed aliquota aggiuntiva dell 1% a carico del dipendente) solamente la quota di retribuzione pari al massimale annuo. Il tetto non riguarda le altre contribuzioni. Il massimale non è frazionabile a mese e ad esso occorre fare riferimento anche se l anno solare risulti solo parzialmente retribuito. I datori di lavoro sottopongono mese per mese a contribuzione pensionistica (oltre che alle altre contribuzioni) l intera retribuzione fino al raggiungimento del massimale annuo; la parte eccedente è assoggettata alla restante contribuzione previdenziale. Nel caso di successione di differenti rapporti di lavoro nel corso dell anno, le retribuzioni percepite in costanza dei precedenti rapporti devono essere cumulate ai fini dell applicazione del massimale. Pertanto il dipendente è tenuto ad esibire ai datori di lavoro successivi al primo la certificazione delle retribuzioni corrisposte dai precedenti datori di lavoro. Anche nel caso di due rapporti di lavoro simultanei le relative retribuzioni si cumulano. I due datori di lavoro devono sottoporre a contribuzione la retribuzione corrisposta mensilmente fino al raggiungimento del massimale. Per il mese in cui si verifica il superamento del massimale, la quota di retribuzione imponibile viene determinata per i due rapporti di lavoro in misura proporzionalmente ridotta sino a concorrenza del massimale medesimo. Il lavoratore deve fornire ai datori di lavoro gli elementi necessari per effettuare le relative operazioni (Circ. INPS 7 settembre 1996 n. 177). Arrotondamento (art. 25 L. 160/75; Circ. INPS 27 novembre 2001 n. 208) Prima del calcolo dei contributi la retribuzione imponibile deve essere arrotondata all unità di euro per eccesso o per difetto, a seconda che si tratti di frazione rispettivamente pari o superiore ai 5 decimi, ovvero inferiore. Nei casi di cumulo tra retribuzione corrente e gratifiche periodiche oppure di conguagli, l arrotondamento va effettuato sull importo complessivo risultante dal cumulo. Quando trova applicazione il minimale di retribuzione ai fini contributivi, l arrotondamento si applica al prodotto complessivo dei minimali giornalieri presi in considerazione nel periodo di paga in relazione al quale si effettua il versamento contributivo. Retribuzioni convenzionali Per alcune categorie di lavoratori la base di calcolo dei contributi è costituita da retribuzioni fissate convenzionalmente con DM (art. 35 DPR 797/55) come avviene, per esempio, per i lavoratori retribuiti con salari medi convenzionali, i lavoratori soci di cooperative appartenenti ad alcuni settori e il personale italiano operante in Paesi extracomunitari non convenzionati con l Italia. A questi lavoratori, pertanto non si applicano i minimali contributivi. In concreto, una volta fissata la retribuzione convenzionale, è a quest ultima che vanno rapportati tutti gli adempimenti contributivi indipendentemente dall effettivo ammontare della retribuzione corrisposta al lavoratore. Società cooperative (art. 35 DPR 797/55; artt. 4 e 6 DPR 602/70; art. 4 L. 142/2001; artt. 2, 3 e 4 D.Lgs. 423/2001; art. 1, c. 787, L. 296/2006) Per i dipendenti delle società cooperative di lavoro, i contributi da versare all INPS sono dovuti con le aliquote e nei termini in vigore per la generalità dei dipendenti. I criteri generali per la determinazione della base imponibile (v. n. 610 e s.) valgono anche per il calcolo dei contributi relativi ai soci delle cooperative di lavoro, benché la loro remunerazione sia costituita da compensi periodici che rappresentano degli acconti rispetto al risultato della gestione annuale. La contribuzione va calcolata, quindi, in generale sui compensi effettivamente percepiti dal socio nel rispetto dei minimali di legge (v. n. 9020). Solo per alcune categorie di cooperative e in riferimento a specifiche aliquote contributive è prevista l adozione di basi imponibili convenzionali. Anche in questi casi, tuttavia, è fatta

5 18 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre salva la facoltà di versamento dei contributi dovuti sulle retribuzioni effettivamente corrisposte, purché non inferiori all imponibile convenzionale. 730 Lavoratori italiani all estero (L. 317/87; Circ. INPS 10 aprile 2001 n. 86) Il regime contributivo dei lavoratori italiani all estero è disciplinato dalla normativa comunitaria, dagli accordi internazionali e dalla legislazione italiana. Per l esame delle disposizioni di tutela applicabili occorre distinguere i Paesi di destinazione. Paesi comunitari e convenzionati. Gli accordi internazionali comunitari e le convenzioni bilaterali stabiliscono l obbligo di copertura assicurativa del lavoratore con l assolvimento dei relativi adempimenti contributivi nel Paese di lavoro, secondo il principio della territorialità. Gli stessi accordi stabiliscono peraltro che i lavoratori possano mantenere per un determinato periodo il regime previdenziale del Paese di provenienza quando il lavoro all estero abbia durata limitata (c.d. distacco). Ciò al fine di evitare tanto la duplicazione degli adempimenti contributivi, quanto la costituzione di posizioni assicurative temporanee nel Paese di lavoro, tali da non consentire il riconoscimento di prestazioni previdenziali. Paesi non convenzionati. Ai lavoratori italiani operanti stabilmente all estero in Paesi non convenzionati (o convenzionati parzialmente) con l Italia in materia di sicurezza sociale viene garantita dalla legge un copertura previdenziale in Italia, indipendentemente dal regime assicurativo in vigore nel paese straniero. A tal fine la contribuzione obbligatoria deve essere calcolata su retribuzioni convenzionali mensili, differenziate per settori di attività economiche e per qualifiche professionali dei lavoratori, stabilite annualmente con DM. b. Calcolo dei contributi 735 Il datore di lavoro determina la trattenuta contributiva da effettuare al lavoratore in busta paga applicando un aliquota sulla retribuzione imponibile. L aliquota di base è pari al 9,19% ed è destinata a finanziare il Fondo pensioni. Essa è elevata dello 0,30% nei confronti dei lavoratori cui è applicabile la CIGS (v. n e n. 9015). Sulla quota di retribuzione eccedente la prima fascia di retribuzione pensionabile che, per il 2007, è pari a E ,00 è dovuta un aliquota aggiuntiva dell 1% (L. 438/92), posta a carico del lavoratore. Per gli apprendisti la trattenuta è ridotta al 5,84%. Non è ammessa rivalsa per il recupero di arretrati contributivi a causa di errori del datore di lavoro. È invece ammessa la rivalsa su arretrati di retribuzione corrisposti per legge o contratto collettivo. Le variazioni contributive stabilite per legge con effetto retroattivo consentono la rivalsa per gli arretrati delle quote contributive a carico dei dipendenti e non comportano sanzioni per il datore di lavoro. Esempio 737 Operaio Data cessazione del rapporto Giorno 14 Retribuzione oraria ordinaria E 5,16 Retribuzione oraria straordinaria E 6,45 Trattamento di fine rapporto E 1.446,08 Minimale giornaliero E 41,43 Ore ordinarie lavorate 80 Ore straordinario 2 Ore ferie non godute 100 Ore permessi non goduti 12 Tredicesima (ore maturate) 115,36 Aliquota contributiva a carico dipendente (impresa industriale fino a 15 dipendenti) 9,19%

6 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO 19 Mese interessato D D D D D ) Imponibile contributivo Retribuzione imponibile (*): lavoro ordinario 80 5,16 = 412,80 lavoro straordinario 2 6,45 = 12,90 ferie non godute 100 5,16 = 516,00 permessi non goduti 12 5,16 = 61,92 tredicesima 115,36 5,16 = 595,26 Totale 1.598,88 (*) Il trattamento di fine rapporto non rientra nella base imponibile contributiva Il valore deve essere arrotondato all unità di euro superiore, pertanto l imponibile contributivo che dobbiamo considerare è pari a E ) Minimale Giorni da considerare: Giorni lavoro ordinario 10 Giorni lavoro straordinario 1 Totale 11 Importo del minimale 11 41,43 = 455,73 Il minimale è inferiore all imponibile contributivo derivante dal totale delle retribuzioni lorde, e conseguentemente non viene preso in considerazione. 3) Contributi Quota a carico lavoratore ,19% = 146,95 L importo ottenuto dovrà essere trattenuto dalla busta paga del lavoratore e denunciato dal datore di lavoro tramite il Mod. DM10 (v. n e s.). c. Conguaglio di fine anno Per alcune categorie di lavoratori e per particolari tipologie di contribuzione e di compensi il datore di lavoro deve procedere al conguaglio contributivo di fine anno, secondo le istruzioni impartite annualmente dall INPS. Massimale contributivo Nell ipotesi di contributi obbligatori dovuti per i lavoratori privi di anzianità contributiva iscritti dal 1º gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per i lavoratori già iscritti che abbiano esercitato l opzione per il sistema contributivo di calcolo della pensione, opera il massimale annuo di retribuzione imponibile (v. n. 718). Nel caso in cui il datore di lavoro, per effetto di inesatta determinazione dell imponibile nel corso dell anno, abbia versato il contributo IVS sulla parte eccedente il massimale, deve provvedere, in sede di conguaglio, alla restituzione del contributo stesso. Contributo aggiuntivo IVS Il contributo aggiuntivo deve essere trattenuto al lavoratore sulla quota di retribuzione eccedente la prima fascia di retribuzione pensionabile (v. n. 735). Qualora il datore di lavoro abbia già versato mensilmente il contributo aggiuntivo per i lavoratori interessati, può essere necessario effettuare il conguaglio a credito o a debito del lavoratore. Il conguaglio deve essere effettuato anche nelle ipotesi di rapporti di lavoro: che si susseguono nell anno. In tal caso le retribuzioni percepite in costanza di ciascun rapporto si cumulano ai fini del superamento della prima fascia di retribuzione pensionabile; simultanei. Il conguaglio deve essere effettuato dal datore di lavoro che ha corrisposto la retribuzione più elevata, oppure, nel caso in cui nel mese di dicembre il rapporto di lavoro sussista con un solo datore di lavoro, da quest ultimo

7 20 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre 743 Competenze di dicembre erogate successivamente Qualora nel corso del mese di dicembre intervengano elementi o eventi che comportano variazioni nella retribuzione imponibile, i datori di lavoro possono tenerne conto in occasione del versamento e della denuncia dei contributi relativi al mese successivo a quello interessato dall intervento di tali fattori. Gli eventi o elementi considerati sono: compensi per lavoro straordinario; indennità di diaria o missione; anticipo da parte del datore di lavoro delle indennità di malattia o di maternità; indennità o riposi giornalieri (permessi per allattamento); giornate retribuite per i donatori di sangue; riduzioni delle retribuzioni per infortuni sul lavoro indennizzabili dall INAIL; permessi non retribuiti; astensioni dal lavoro; indennità per ferie non godute; congedi matrimoniali; integrazioni salariali (non a zero ore). Tali elementi variabili si considerano secondo il principio di competenza (retribuzione di dicembre) ai fini dell imputazione nella posizione assicurativa e contributiva del lavoratore e secondo il principio di cassa (retribuzione di gennaio) ai fini dell assoggettamento al regime contributivo (aliquote, massimali, agevolazioni, ecc.). Per la compilazione della denuncia DM10 si rinvia al n e s. 744 Decontribuzione I compensi legati alla produttività (v. n. 628) sono esclusi dalla base imponibile entro un tetto massimo pari al 3% della retribuzione dell anno solare di riferimento. Il datore di lavoro può operare la decontribuzione sia al momento dell erogazione dei singoli compensi, determinando in via presuntiva l importo del tetto, che alla fine dell anno; in ogni caso, in fase di chiusura d anno si rendono necessarie le operazioni di conguaglio, in quanto solo in tale momento è possibile determinare con esattezza l imponibile contributivo e, di conseguenza, il tetto. 745 Modalità operative Il conguaglio può essere effettuato osservando le modalità indicate di seguito: a) mancata decontribuzione in corso d anno o importo dell erogazione soggetta a decontribuzione superiore a quella già operata per effetto di aumento del tetto. Il datore di lavoro deve effettuare le seguenti operazioni: detrarre dall imponibile del mese l importo dell ulteriore somma soggetta a decontribuzione; assoggettare quest ultima al contributo di solidarietà del 10%; rimborsare al lavoratore la differenza dell importo della quota del contributo a suo carico, trattenuta in misura superiore nel corso dell anno; b) importo dell erogazione soggetta a decontribuzione inferiore a quella già operata per effetto di diminuzione del tetto. Il datore di lavoro deve: sommare all imponibile del mese l importo dell erogazione non soggetta a decontribuzione; recuperare il contributo di solidarietà del 10% già versato sulla quota stessa; trattenere al lavoratore la differenza dell importo della quota del contributo a suo carico, trattenuta in misura inferiore nel corso dell anno. Esempio A. Decontribuzione operata alla fine dell anno o alla cessazione del rapporto di lavoro Retribuzione annua: E ,28 Tetto di decontribuzione: 3% su ,28 = E 619,75 Importo dell erogazione = E 774,69 Poiché l importo dell erogazione è maggiore del tetto di decontribuzione, occorre determinare l ammontare della decontribuzione tenendo presente tale eccedenza e applicando la seguente formula matematica: X = (R + E) diviso 34,33 (tetto della decontribuzione pari al 3%)

8 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO 21 dove X = importo soggetto a decontribuzione; R = retribuzione imponibile; E = erogazione alla quale applicare il tetto. Pertanto: X = (20.658, ,69) diviso 34,33 = E 624,32 Decontribuzione = E 624,32 10% = E 62,43 E 624,32 da portare in diminuzione dall imponibile contributivo nel mese di conguaglio B. Decontribuzione operata in corso d anno Retribuzione annua presunta del lavoratore: E ,28 Tetto di decontribuzione: 3% su ,28 = E 619,75 Importo dell erogazione = E 774,69 Poiché l importo dell erogazione è maggiore del tetto di decontribuzione, occorre determinare l ammontare della decontribuzione tenendo presente tale eccedenza, applicando la seguente formula matematica: X = (R + E) diviso 34,33 (tetto della decontribuzione pari al 3%) dove X = importo soggetto a decontribuzione; R = retribuzione imponibile; E = erogazione alla quale applicare il tetto. Pertanto: X = (20.658, ,69) diviso 34,33 = E 624,32 Decontribuzione = E 624,32 10% = E 62,43 Importo da assoggettare a contribuzione ordinaria nel mese di erogazione del compenso = E 150,37 (774,69 624,32) Ipotesi 1): retribuzione annua presunta inferiore a quella effettiva Retribuzione annua presunta del lavoratore: E ,28 Retribuzione annua effettiva del lavoratore: E ,56 Tetto di decontribuzione: 3% su ,28 = E 619,75 Nuovo tetto di decontribuzione: 3% su ,56 = E 697,22 Importo dell erogazione = E 774,69 Decontribuzione operata = E 624,32 10% = E 62,43 E 150,37 assoggettati a contribuzione ordinaria nel mese di erogazione del compenso. Decontribuzione da operare: X = (23.240, ,69) diviso 34,33 = E 699,54 E 699,54 624,32 = E 75,22 E 75,22 10% = E 7,52 E 75,22 da portare in diminuzione dall imponibile contributivo del mese di conguaglio Ipotesi 2): retribuzione annua presunta superiore a quella effettiva Retribuzione annua presunta del lavoratore: E ,28 Retribuzione annua effettiva del lavoratore: E ,99 Tetto di decontribuzione: 3% su ,28 = 619,75 Nuovo tetto di decontribuzione: 3% su ,99 = E 542,28 Importo dell erogazione = E 774,69 Decontribuzione operata = E 624,32 10% = E 62,43 E 150,37 assoggettati a contribuzione ordinaria nel mese di erogazione del compenso. Decontribuzione da operare: X = (18.075, ,69) diviso 34,33 = E 549,10 E 624,32 549,10 = E 75,22 E 75,22 da sommare all imponibile contributivo del mese di conguaglio E 75,22 10% = E 7,52 da recuperare Erogazioni in anno successivo alla cessazione del rapporto Nel caso di erogazioni effettuate nell anno successivo a quello di cessazione del rapporto di lavoro, ai fini della determinazione del tetto la retribuzione di riferimento è quella contrattuale percepita nell anno precedente. La percentuale del tetto (aliquota di decontribuzione), invece, va sempre applicata con riferimento al momento in cui avviene l erogazione. Erogazioni liberali A fine anno occorre verificare per ciascun dipendente se le erogazioni liberali percepite in occasione di festività e ricorrenze (v. n. 630) abbiano superato complessivamente il tetto di esenzione annuo di E 258,

9 22 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre In sede di conguaglio il datore di lavoro che abbia erogato nel corso dell anno un importo superiore a E 258,23: non assoggettato a contribuzione deve: portare in aumento della retribuzione imponibile del mese la parte dell erogazione eccedente il tetto di E 258,23; trattenere al lavoratore la relativa contribuzione dovuta. totalmente assoggettato a contribuzione deve: portare in diminuzione della retribuzione imponibile del mese l importo dell erogazione non imponibile fino al tetto di E 258,23; rimborsare al lavoratore la contribuzione trattenuta durante l anno in misura superiore al dovuto. 748 Cessione di beni o servizi Il datore di lavoro che abbia ceduto beni o prestato servizi ai dipendenti (v. n. 662) in sede di conguaglio deve verificare l eventuale superamento del limite annuo di esenzione di E 258,23. Se tale limite è stato superato, l intero valore dei beni o dei servizi concorre a formare la retribuzione imponibile (e non solo per la quota eccedente E 258,23). Per la determinazione del tetto di E 258,23 si deve tener conto anche del valore dei beni o servizi ceduti da precedenti datori di lavoro, considerando che in caso di superamento l azienda che effettua il conguaglio deve trattenere i contributi esclusivamente sul valore dei beni e servizi da essa stessa erogati. Esempio Datore di lavoro A Importo benefit E 207 (rapporto di lavoro concluso al 30/6) Datore di lavoro B Importo benefit E 100 (rapporto di lavoro iniziato l 1/7) Imponibile previdenziale oggetto di conguaglio E 100 Il conguaglio deve essere effettuato con le seguenti modalità: portare in aumento della retribuzione imponibile del mese l importo dei benefits corrisposti qualora sia complessivamente superiore a E 258,23 e non sia stato assoggettato a contribuzione nel corso dell anno; trattenere al lavoratore la differenza dell importo della quota del contributo a suo carico non trattenuta nel corso dell anno. SEZIONE 3 Trattenute fiscali 750 La riscossione delle imposte sul reddito di lavoro dipendente avviene attraverso il meccanismo della ritenuta alla fonte. Tale sistema obbliga il datore di lavoro a trattenere le imposte sulle somme erogate al lavoratore e a versarle all Erario. Il datore di lavoro che effettua la ritenuta per conto dell Erario viene definito sostituto d imposta, mentre il lavoratore è chiamato sostituito (c.d. istituto della sostituzione d imposta: artt. 23 e 64 DPR 600/73). Il sostituto deve rivalersi dell imposta nei confronti dei soggetti sostituiti trattenendo loro l equivalente della somma che egli è tenuto a corrispondere all Erario. Solo eccezionalmente, in relazione a particolari tipi di redditi corrisposti (vincite di lotterie, concorsi a premio e simili), tale obbligo si riduce a una facoltà. Nell ipotesi di ritenuta effettuata a titolo d imposta il prelievo alla fonte operato dal sostituto d imposta corrisponde esattamente all imposta

10 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO 23 dovuta su quei redditi dal sostituito e, quindi, la ritenuta effettuata dal sostituto d imposta esaurisce il rapporto tra l Amministrazione finanziaria e il percettore. Al contrario, la ritenuta è a titolo di acconto quando il prelievo alla fonte, per il percettore, costituisce un acconto dell imposta che sarà determinata definitivamente solo a seguito della presentazione della dichiarazione dei redditi da parte dello stesso. N.B. Il 1º gennaio 2007 è entrata in vigore la riforma della tassazione dei redditi di lavoro dipendente, contenuta nella legge Finanziaria per il 2007 (art. 1, c. 6-8, L. 296/2006). La riforma prevede: la modifica delle aliquote IRPEF e degli scaglioni di reddito sui quali esse vengono applicate (art. 11 DPR 917/86), l abrogazione del «contributo di solidarietà» del 4% dovuto in precedenza sui redditi superiori a E (art. 1, c. 350, L. 311/2004); la soppressione delle deduzioni «per garantire la progressività dell imposizione» e «per carichi di famiglia»; il ripristino del sistema di abbattimento dell imposta attraverso le detrazioni per carichi di famiglia e le detrazioni legate alla natura dei redditi percepiti (artt. 12 e 13 DPR 917/86). I. Calcolo dell imposta a. Retribuzione imponibile artt e 51, DPR 917/86 La base imponibile del reddito di lavoro dipendente è costituita dal reddito complessivo in denaro e in natura erogato dal datore di lavoro, come determinato per legge (v. n. 696), al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza di disposizioni di legge e degli oneri deducibili. Oneri deducibili (artt. 10 e 51, c. 2 lett. h), DPR 917/86) Sono, in linea di principio, esclusi dalla base imponibile le somme direttamente trattenute dal datore di lavoro per gli oneri espressamente indicati dalla legge. Si tratta, a titolo esemplificativo: dei contributi versati alla previdenza complementare; dell assegno periodico corrisposto al coniuge separato o divorziato che il giudice abbia ordinato al datore di lavoro di corrispondere direttamente allo stesso coniuge separato o divorziato; delle somme corrisposte al lavoratore ed assoggettate ad imposizione in anni precedenti e successivamente restituite al soggetto erogatore; delle erogazioni effettuate dal datore di lavoro in conformità a contratti collettivi o accordi e regolamenti aziendali a fronte di spese sanitarie sostenute da soggetti portatori di handicap (art. 3 L. 104/92). In pratica, il datore di lavoro, in sede di effettuazione delle ritenute relative ai singoli periodi di paga, non deve far concorrere alla formazione del reddito del dipendente le somme che ha direttamente trattenuto a fronte di oneri deducibili. Non è deducibile ai fini IRPEF l assegno di divorzio corrisposto al coniuge in unica soluzione, a seguito dello scioglimento o della cessazione degli effetti civili del matrimonio (Cass. 22 novembre 2002 n ). Assegni al coniuge separato o divorziato (art. 10, c. 1 lett. c) e d), DPR 917/86; Circ. Agenzia Entrate 17 maggio 2000 n. 95) Sono oneri deducibili gli assegni corrisposti al coniuge separato o divorziato, anche se residente all estero, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento di matrimonio, e di divorzio, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli. Gli assegni periodici di mantenimento sono deducibili nella misura in cui risultano dal provvedimento dell autorità giudiziaria, mentre per il coniuge percipiente essi costituiscono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. Gli assegni periodici corrisposti al coniuge separato, per il solo mantenimento dei figli, sono indeducibili, mentre quelli corrisposti senza la specificazione della quota destinata al man

11 24 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre tenimento dei figli, sono deducibili al 50% (art. 3, c. 1, DPR 42/88). Infatti per il mantenimento dei figli è previsto il diverso beneficio delle detrazioni, con le particolari modalità indicate al n Le somme versate al coniuge separato, in via provvisoria, in base all ordinanza giudiziale (art. 708 c.p.c.), sono deducibili in virtù della loro equiparazione agli assegni periodici corrisposti al coniuge separato per provvedimento dell autorità giudiziaria. L assegno alimentare è invece deducibile per il suo intero importo. Gli assegni una tantum sono indeducibili, in quanto liberamente concordati dai coniugi per definire una volta per tutte i loro rapporti per mezzo di una attribuzione patrimoniale, rendendo così non più rivedibili le condizioni pattuite (Cass. 22 novembre 2002 n ; Circ. Agenzia Entrate 12 giugno 2002 n. 50). Precisazioni 1) I contributi e le altre utilità a favore del coniuge separato, diversi dall assegno periodico, sono indeducibili. 2) Gli arretrati degli assegni per alimenti sono soggetti a tassazione ordinaria e non a tassazione separata. 756 Lavoratori italiani all estero (art. 51, c. 8-bis, DPR 917/86; Circ. Min. Fin. 16 novembre 2000 n. 207/E) Il reddito di lavoro dipendente prodotto all estero da soggetti residenti in Italia che lavorano all estero (in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto) per un periodo superiore a 183 giorni nell arco di 12 mesi è tassato in Italia sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con decreto del ministero del Lavoro. Detta disciplina opera nel caso in cui venga stipulato uno specifico contratto che preveda l esecuzione della prestazione in via esclusiva all estero. È richiesto inoltre che il dipendente venga collocato in uno speciale ruolo estero. 757 Computo del periodo all estero Il periodo da considerare ai fini del computo dei 183 giorni non necessariamente deve risultare continuativo, essendo sufficiente che il lavoratore presti la propria opera all estero per un minimo di 183 giorni nell arco di dodici mesi. Non occorrerà, quindi, fare riferimento al periodo d imposta, ma unicamente alla permanenza, in un arco di 12 mesi, del lavoratore all estero stabilita dal contratto di lavoro considerando, ai fini del raggiungimento dei giorni previsti dalla norma, il periodo di ferie, le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi, indipendentemente dal luogo (Italia o Paese estero) in cui sono trascorsi. 758 Retribuzione convenzionale Le retribuzioni convenzionali sono stabilite sulla base e in misura non inferiore al trattamento economico minimo previsto dai CCNL e sono suddivise in 12 mensilità. Pertanto qualora il datore di lavoro riconosca al proprio dipendente alcuni benefits, questi emolumenti in natura non subiscono alcuna tassazione autonoma in quanto il loro ammontare è compreso forfettariamente nella retribuzione convenzionale. La fascia della retribuzione imponibile (Telex Min. Lav. 14 marzo 1990 n ; Circ. INPS 21 marzo 1990 n. 72) è determinata sulla base del raffronto con lo scaglione di retribuzione nazionale corrispondente, intendendosi per retribuzione nazionale il trattamento mensile determinato dividendo per 12 il trattamento del contratto collettivo previsto per il lavoratore, comprensivo degli emolumenti riconosciuti per accordo tra le parti, con esclusione «dell indennità estero». Ai fini della determinazione dell ammontare imponibile non rilevano pertanto le altre somme e i valori corrisposti in aggiunta alla retribuzione nazionale ed in considerazione dello svolgimento all estero dell attività lavorativa quali, ad esempio, la fornitura di un alloggio, le indennità monetarie, ecc. 759 Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni Le disposizioni sopra richiamate comportano, in linea di principio, una doppia tassazione in capo al dipendente, residente in Italia che è stato distaccato all estero. Infatti, il paese estero tasserà sulla base del principio della «fonte» il reddito di lavoro dipendente prodotto sul proprio territorio, mentre l Italia, in quanto Paese di residenza del contribuente tasserà, sulla base del principio di tassazione del «reddito mondiale», anche il reddito prodotto all estero sulla base del valore convenzionale prima indicato. La doppia tassazione viene evitata in quanto la

12 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO 25 legge (art. 165 DPR 917/86) prevede la possibilità di portare in detrazione dall imposta netta italiana l imposta definitivamente pagata all estero. Inoltre, è previsto che il sostituto d imposta, nell effettuare il conguaglio di fine anno, possa tenere conto di tale credito. La doppia imposizione non troverà applicazione, qualora il contribuente presti la propria attività lavorativa in uno Stato con il quale l Italia ha stipulato un accordo per evitare le doppie imposizioni che preveda, per il reddito di lavoro dipendente, la tassazione esclusivamente nel Paese estero. In questo caso la normativa della convenzione prevale sulle disposizioni fiscali interne. Lavoratori pensionati (art. 21 DPR 488/68; art. 22 L. 153/69; art. 10 D.Lgs. 503/92; art. 72 L. 388/2000) Nell ipotesi in cui la legge preveda il divieto di cumulo tra i trattamenti pensionistici ed i redditi di lavoro dipendente (v. Memento Lavoro 2007 al n. 6805), la base imponibile fiscale del pensionato che lavora subisce un ulteriore riduzione. Sul piano pratico, il pensionato-lavoratore percepisce per intero la pensione, ma subisce una trattenuta sulla retribuzione derivante dall attività lavorativa. Il datore di lavoro, all atto della corresponsione dello stipendio, trattiene al lavoratore titolare di pensione una somma corrispondente a quote giornaliere della pensione stessa e le versa all Istituto previdenziale erogatore della rendita. La trattenuta riduce solo l imponibile fiscale, poiché l Istituto previdenziale erogatore ha già operato la ritenuta alla fonte sulla pensione. L ammontare della trattenuta è riportato sul certificato di pensione che il lavoratore deve obbligatoriamente presentare al datore di lavoro. Precisazioni 1) La trattenuta della quota di tredicesima deve essere effettuata integralmente dal datore di lavoro che ha in forza il pensionato al momento del pagamento della tredicesima stessa. 2) Le trattenute giornaliere per i pensionati occupati a tempo parziale devono essere effettuate in proporzione alle ore effettivamente lavorate e non per intero (C. Cost. 8 giugno 1994 n. 221). Il datore di lavoro, per determinare l importo della trattenuta settimanale, deve (Circ. INPS 4 ottobre 1994 n. 264): moltiplicare l importo della trattenuta giornaliera per 6, dividere il prodotto per il numero delle ore settimanali previste come orario normale di lavoro, moltiplicare quest ultimo risultato per il numero delle ore effettivamente lavorate nella settimana. 762 Busta paga Le modalità operative per il calcolo della trattenuta al lavoratore pensionato sono le seguenti: Trattenuta giornaliera di pensione X (per) n. giorni retribuiti nel mese (fino ad un massimo di 26), compresi i giorni di ferie, festività, malattia, infortunio e CIG = trattenuta mensile di pensione; Retribuzione lorda (meno) contributi previdenziali (meno) trattenuta mensile di pensione = retribuzione imponibile ai fini fiscali. Esempio Retribuzione lorda: E 1.807,60 Trattenuta giornaliera di pensione: E 39,73 (pari a E 1.032,98 mensili) Contributi: E ,19% = E 166,16 Retribuzione imponibile ai fini fiscali (al lordo della trattenuta) 1.807,60 166,16 = 1.641,44 Trattenuta 1.032,98 = Retribuzione imponibile ai fini fiscali (al netto della trattenuta) E 608,46 b. Imposta lorda art. 13 DPR 917/86; artt. 46 e 50 D.Lgs. 446/97; D.Lgs. 360/98 L imposta lorda è determinata applicando alla base imponibile (v. n. 610 e s.) le aliquote corrispondenti ai vari scaglioni di reddito. Le aliquote sono progressive per scaglioni di reddito e, pertanto, si deve calcolare separatamente l imposta dovuta sulla parte di retribuzione ricadente in ciascuno scaglione. Nella seguente tabella sono riportate le aliquote IRPEF in vigore dal 1º gennaio 2007 e le modalità per effettuare il calcolo rapido dell imposta. Precisazioni 1) L imposta non è dovuta se alla formazione del reddito complessivo concorrono soltanto redditi di pensione non superiori a E 7.500, goduti per l intero anno, redditi di terreni per un importo non superiore a E 185,92 e il reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze. 765

13 26 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre 765 (segue) 2) Fanno eccezione alle modalità ordinarie di calcolo dell imposta i seguenti compensi soggetti a tassazione separata: gli arretrati retributivi (v. n e s. e n. 2601); l indennità sostitutiva del preavviso, gli incentivi all esodo, il TFR (v. n. 3745) e le altre indennità e somme corrisposte in occasione della cessazione del rapporto di lavoro. Scaglioni di reddito Aliquota (1) Imposta Costante a detrarre (2) Anno (*) oltre E fino a E , , , , ,00 (3.450, ,00) 600, , , ,00 (6.960, ,00) 3.680, , , ,00 (17.220, ,00) 5.330, , ,00 Mese (*) oltre E fino a E , , , , ,00 (287, ,50) 50, , , ,00 (580, ,00) 306, , , ,33 (1.435, ,33) 444, , ,17 Quindicina (*) oltre E fino a E 0 625, ,75 625, , ,00 (143, ,25) 25, , , ,50 (290, ,50) 153, , , ,17 (717, ,67) 222, , ,58 Settimana (*) oltre E fino a E 0 288, ,35 288,46 538, ,85 (66, ,50) 11,54 538, , ,16 (133, ,31) 70, , , ,85 (331, ,69) 102, , ,35 (*) Gli scaglioni mensili, quindicinali e settimanali sono pari, rispettivamente, ad 1/12, 1/24 e 1/52 dello scaglione annuale. (1) Alle aliquote sopra indicate è necessario aggiungere l addizionale regionale e comunale, con l aliquota fissata da ciascuna regione. (2) La costante a detrarre viene indicata per il calcolo rapido dell imposta. In tal caso si ricorre ad un unica operazione, applicando al reddito l aliquota dello scaglione superiore e detraendo dal risultato ottenuto il valore della «costante a detrarre» corrispondente all aliquota utilizzata. Esempio Reddito imponibile annuo = E a. Calcolo rapido: b. Calcolo ordinario: Aliquota: 27% Aliquota fino a E = 23% Costante a detrarre = E 600 E X 23% = E E % = Aliquota su E (differenza tra e ) = 27% E = E IRPEF lorda E X 27% = E E = E IRPEF lorda Esempio Mese di luglio Retribuzione ordinaria 2.065,83 Rimborso spese forfettario 846,99 Premio speciale per il 50º anniversario dell azienda 103,29 Totale 3.016,11 Imponibile previdenziale Importo contributi (aliquota: 9,19%) 267,70

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI MODALITA DI TASSAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE

ADEMPIMENTI FISCALI MODALITA DI TASSAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE ADEMPIMENTI FISCALI MODALITA DI TASSAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE Sono previste due forme di imposizione dei redditi conseguenti alla prestazione di lavoro subordinato: - la c.d. tassazione ordinaria,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE L AGENZIA INFORMA no tax area aliquote deduzioni riforma IRPEF clausola di salvaguardia calcolo deduzioni scaglioni detrazioni reddito imponibile tassazione no tax gui area deduzioni aliquote deduzioni

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Voci della busta paga Finanziaria 2007 Limite di reddito Parametrazione a mese Misura Con il pagamento

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE LA RETRIBUZIONE PREVIDENZIALE E FISCALE Esempi pratici a cura di Alessandra Gerbaldi xx 1 SCHEDA SINTETICA DEGLI IMPONIBILI PREVIDENZIALI E FISCALI Di seguito si riporta una scheda sintetica (Esempio A),

Dettagli

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR)

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) Indice 1. Introduzione 1 2. Datore di lavoro: calcolo dell imposta, dati del 770 ed esempi 2 3. Agenzia delle entrate: calcolo dell imposta, dati del

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti:

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti: LA GESTIONE E L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE di Giuliana Airaghi Masina Destinatari: alunni classi IV IGEA IV IPSC Obiettivi: conoscere il diverso significato di lavoro subordi nato e lavoro autonomo

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2012

LE TREDICESIME DEL 2012 LE TREDICESIME DEL 2012 * * * Le famiglie confidano ormai nella tredicesima mensilità per pagare il mutuo, saldare spese straordinarie, o anche semplicemente per pagare l assicurazione dell auto e le bollette.

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro. Capitolo 2 - I contratti di lavoro subordinato

SOMMARIO. Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro. Capitolo 2 - I contratti di lavoro subordinato Sommario SOMMARIO Premessa... V Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro 1.1. La specialità del diritto del lavoro... 1 1.2. Le origini del diritto del lavoro... 3 1.3. Il diritto internazionale...

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli

COSTO DEL LAVORO E RETRIBUZIONI STRUTTURE ED ANALISI

COSTO DEL LAVORO E RETRIBUZIONI STRUTTURE ED ANALISI COSTO DEL LAVORO E RETRIBUZIONI STRUTTURE ED ANALISI MASTER DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO DI DIRITTO DEL LAVORO UNIVERSITA LA SAPIENZA DI ROMA Dott. LUIGI DI VEZZA 6 Febbraio 2009

Dettagli

FORMAZIONE PER DIPENDENTI

FORMAZIONE PER DIPENDENTI APRILE - GIUGNO 2014 FORMAZIONE PER DIPENDENTI Soluzioni formative specifiche per collaboratori e dipendenti di studio finanziabili da FondoProfessioni 2 Formazione blended-learning 4 giornate intere +

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

.1.1.1 RITENUTE E CONTRIBUTI SULLE COMPETENZE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA

.1.1.1 RITENUTE E CONTRIBUTI SULLE COMPETENZE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA .1.1.1 RITENUTE E CONTRIBUTI SULLE COMPETENZE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA.1.1.2 Aspetti Previdenziali Sulle competenze lorde del personale dipendente gravano ritenute previdenziali di varia natura e misura,

Dettagli

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 25 marzo 2010

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 25 marzo 2010 Centro Studi Castelli VideoLavoro 25 marzo 2010 1 NOVITÀ DEL PERIODO 20.02.2010-19.03.2010 A cura di Laurenzia Binda NOVITÀ DEL PERIODO INTEGRAZIONE CONTRIBUTIVA AI LAVORATORI EMERSI D.M. Economia 12.11.2009

Dettagli

SLIDE DICEMBRE 2014 IL CEDOLINO PAGA. Luisella Fontanella Dottore Commercialista Esperta in Diritto del Lavoro

SLIDE DICEMBRE 2014 IL CEDOLINO PAGA. Luisella Fontanella Dottore Commercialista Esperta in Diritto del Lavoro 1 IL CEDOLINO PAGA Luisella Fontanella Dottore Commercialista Esperta in Diritto del Lavoro 2 IL CEDOLINO PAGA È un prospetto che indica tutti gli elementi che compongono la retribuzione e le singole trattenute

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI PREMESSA: SUCCESSIONE DEI REGIMI 1. DISCIPLINA VIGENTE PER I CONTRATTI STIPULATI ENTRO IL 31/12/20000

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2003

LEGGE FINANZIARIA 2003 LEGGE FINANZIARIA 2003 Sul Supplemento Ordinario. n. 240 alla Gazzetta.Ufficiale del 31/12/2002, n. 305 è stata pubblicata la legge n. 289 del 27 dicembre 2002 avente ad oggetto Disposizioni per la formazione

Dettagli

LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia

LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Gennaio 2013 1 Sommario

Dettagli

FISAC-CGIL in UniCredit Group. Leggere facilmente il Bollettino Stipendio

FISAC-CGIL in UniCredit Group. Leggere facilmente il Bollettino Stipendio FISAC-CGIL in UniCredit Group Leggere facilmente il Bollettino Stipendio Indice Premessa.... Il Bollettino Stipendio Le informazioni individuali Le voci a credito e a debito.. I dati contributivi e fiscali

Dettagli

APPRENDISTATO. Il collegamento tra l'apprendistato sul luogo di lavoro e la formazione esterna è reso possibile dalla presenza di un tutore.

APPRENDISTATO. Il collegamento tra l'apprendistato sul luogo di lavoro e la formazione esterna è reso possibile dalla presenza di un tutore. APPRENDISTATO Contratto di apprendistato L apprendistato è uno speciale rapporto di lavoro in base al quale l impresa si impegna a impartire o a far impartire all apprendista assunto alle sue dipendenze

Dettagli

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014 MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE Milano, 2 ottobre 2014 Fiscalità internazionale e doppia imposizione L invio di un dipendente all estero comporta, in molti casi, la soggezione alla potestà impositiva

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Prof. Luigi Trojano. Esci

Prof. Luigi Trojano. Esci 1 LE FORME DI RETRIBUZIONE GLI ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE IL SISTEMA DELLE ASSICURAZIONI SOCIALI GESTIONI INPS MOBILITA CONTRIBUTI INPS E RILEVAZIONE ASSEGNI FAMILIARI RAPPORTI CON L INAILL INAIL: CONGUAGLIO

Dettagli

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3 CASSA EDILE BRESCIA VIA DEI MILLE 18 25122 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 / 030 5030823 www.cassaedilebrescia.it ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Addetto alle Paghe e contributi

Addetto alle Paghe e contributi Addetto alle Paghe e contributi (livello base) Presentazione e obiettivi In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo le aziende hanno sempre più bisogno di flessibilità e di una gestione

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS

FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS L INPS ha diramato, con la circolare n. 70 del 3 aprile 2007, le istruzioni operative, ai datori di lavoro con almeno 50 addetti, per il versamento

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani 2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani L imposta sul reddito delle persone fisiche è disciplinata dal titolo I del D.P.R. n.917/1986

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014, la Legge di Stabilità 2015, L. n. 190 del 23 dicembre 2014. Di seguito si riepilogano le principali

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore Paghe Mancato pagamento della retribuzione per indisponibilità finanziaria Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Negli ultimi anni le imprese si sono trovate in alcuni casi nell impossibilità di procedere

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Il Corso Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Disciplina Duplice natura Beneficiari La legge n. 297/1982

Dettagli

Cessione e pignoramento degli stipendi

Cessione e pignoramento degli stipendi Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P.IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

Premessa. Direzione centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Premessa. Direzione centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale Entrate Roma, 19 Febbraio 2009 Circolare n. 21 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA SOMMARIO 1. Rapporto di lavoro subordinato pag. 1 Definizione» 1 Elementi del lavoro subordinato» 2 Periodo di prova» 2 Cessazione del rapporto di lavoro» 3 Dimissioni» 3 Licenziamento» 4 Risoluzione consensuale»

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane N E W S L E T T E R Area Risorse Umane SPECIALE BUSTA PAGA CHIARA Numero 10-29 ottobre 2002 Questo numero speciale della N E W S L E T T E R tratta un tema molto tecnico e da addetti ai lavori, ma che

Dettagli

La busta paga. R.S.U. Siae Microelettronica

La busta paga. R.S.U. Siae Microelettronica R.S.U. Siae Microelettronica La busta paga Le normative che regolano la materia in questione, e che spieghiamo all interno di questo capitolo, si applicano a tutti i lavoratori dipendenti, indipendentemente

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 30/12/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 30/12/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 30/12/2014 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 205 Anno 204 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 3 d.lgs. n. 9/2003) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli