Guida agli studi d italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida agli studi d italiano"

Transcript

1 D é p a r t e m e n t d e s l a n g u e s e t d e s l i t t é r a t u r e s r o m a n e s U n i t é d i t a l i e n Guida agli studi d italiano Unité d italien

2 Sommario Insegnamenti Baccalauréat universitaire en langue et littérature italiennes (180 crédits) Maîtrise universitaire en langue et littérature italiennes (90 crédits) Informazioni pratiche Segreteria dell Unità di italiano Docenti dell Unità di italiano. Indirizzi elettronici e ore di ricevimento Auxiliaire de Recherche et d Enseignement Commission mixte Borse di studio Biblioteca di italiano Librerie italiane a Ginevra e in Ticino Struttura Bachelor e Master

3 Baccalauréat universitaire en langue et littérature italiennes Insegnamenti (180 crediti) PREMESSA Competenze linguistiche iniziali. Gli insegnamenti (corsi, seminari, esercitazioni) previsti dai programmi si tengono in italiano e presuppongono una conoscenza della lingua a livello C1 il che significa che tutti gli studenti dovranno essere in grado di seguire una lezione, di prendere appunti, di scrivere e di parlare con relativa facilità. Due moduli BA1 e BA2 propongono tuttavia percorsi differenziati ( italofoni e non italofoni ) a seconda del livello delle competenze linguistiche. Migliorare la propria competenza della lingua. L Unità di italiano offre agli studenti non italofoni, e in generale alle persone interessate, dei corsi di lingua di diverso livello nei moduli «Langue» del programma di Formation Continue Universitaire «L Italie: Langue, Culture et Société» (consultabile online: Questi corsi preparano nel quadro del Portfolio europeo delle lingue agli esami CILS («Certificazione di Italiano come Lingua Straniera»), che certificano il grado di conoscenza della lingua italiana; informazioni dettagliate ed esempi di prove d esame sono disponibili online: MODULE BA 1 (12 crédits) : «Histoire de la littérature italienne I : Textes classiques» Attestation dans le cadre du séminaire SE1 (italophones) ou SE2 (non italophones). Examen oral portant sur le programme du CR, ainsi que sur une série d ouvrages (choix de textes classiques de la littérature italienne) Condition : l attestation doit être obtenue avant de se présenter à l examen Remarques : ce module est à suivre en première année ; la réussite de ce module (note minimale : 4) est un prérequis pour l accès aux modules BA5 et BA7 2h de cours annuel (Histoire de la littérature italienne I) : CR Storia della letteratura italiana. Dalle Origini al Cinquecento An R. Leporatti, po Lu B 002 2h de séminaire annuel pour italophones (Sujet de littérature) : SE 1 Poeti del Novecento. Saggi di lettura An G. Bardazzi, po Lu 8-10 B 214 2h de séminaire annuel pour non-italophones (Méthodes et outils pour l analyse du texte littéraire) : SE 2 Letture e analisi di testo. Dalle Origini al Cinquecento An F. Jermini, as Me PHIL 103

4 PRESENTAZIONE DEGLI INSEGNAMENTI Roberto LEPORATTI, Storia della letteratura italiana. Dalle Origini al Cinquecento 32F2217 Corso annuale Lunedì 16-18, B 002 Il corso introduttivo è dedicato quest anno ai testi fondamentali della letteratura italiana scritti nel periodo compreso tra il Duecento e la fine del Cinquecento. Nel primo semestre seguiremo l evoluzione della letteratura volgare dalla sua prima affermazione alla corte di Federico II di Svevia fino alla sua piena maturità con l opera di Dante e, sulle sue orme, di Petrarca, modello quasi incontrastato del genere lirico nei secoli seguenti, e di Boccaccio, fondatore della moderna tradizione narrativa europea. Sul suo Decameron, in particolare, ci soffermeremo analizzando alcune delle novelle più importanti. L opera di Petrarca e Boccaccio, equamente divisa tra latino e volgare, invita anche a una riscoperta dei classici, inaugurando così la stagione dell Umanesimo e del Rinascimento, a cui sarà dedicato il secondo semestre. È l età in cui trionfa la civiltà delle corti, che ha i suoi apici in letteratura nel Cortegiano del Castiglione e nell Orlando Furioso dell Ariosto su cui ci soffermeremo leggendo le ottave dei canti più famosi, ma è anche il momento in cui nasce drammaticamente la modernità: l invenzione della stampa cambia il rapporto fra autore e pubblico, sempre più largo ed eterogeneo, come dimostra per esempio l affermazione di una letteratura femminile; matura la presa di coscienza di una questione della lingua come elemento cardine dell identità nazionale con le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo, nel momento in cui la Penisola italiana, indebolita dalla sua divisione in tanti piccoli stati litigiosi, è dominata dall emergere delle grandi monarchie nazionali europee; si afferma una visione più laica dell uomo, come dimostrano le riflessioni di Machiavelli su politica e morale, e l esigenza di un sentimento religioso più intimo, che porterà ai conflitti di Riforma e Controriforma e troverà la sua espressione più alta e tormentata nella Gerusalemme liberata del Tasso. In ogni lezione sarà affrontato un aspetto particolare o a un autore della storia letteraria del periodo in oggetto. A febbraio gli studenti dovranno sostenere un pre-esame orale sul programma svolto durante il primo semestre (Duecento-Trecento). L esame finale verte sul programma del secondo semestre (Quattrocento-Cinquecento). Bibliografia Per il primo semestre è richiesto l acquisto del manuale La letteratura italiana del Medioevo, a cura di Stefano Carrai e Giorgio Inglese, Roma, Carocci editore, 2011 e del volume Giovanni Boccaccio, Decameron, a cura di Vittore Branca, Torino Einaudi 2005, oppure Milano, Mondadori, Altra bibliografia sarà indicata durante il corso. Giovanni BARDAZZI, Poeti del Novecento. Saggi di lettura 32F2288 Seminario annuale (per studenti italofoni) Lunedì 8-10, B 214 È possibile trovare un giusto equilibrio, leggendo i poeti del XX secolo, tra un accostamento puramente impressionistico e un altro invece sapientemente erudito, che fa ricorso a tutte le finezze dell intertestualità, della filologia e dell analisi testuale la più minuziosa? È indispensabile cogliere il significato letterale di un testo poetico che, spesso, non è di facile comprensione? Ed è importante far riferimento all «occasione» esterna che ha generato la poesia, ai fatti e agli avvenimenti ai quali essa allude, al contesto culturale nel quale il testo si colloca? Al di là dei cambiamenti e delle innovazioni, la poesia italiana del XX secolo continua a riconoscersi in una tradizione alta che risale a Leopardi e a Petrarca. È possibile verificare l intensità di questo legame e di queste persistenze? Cercheremo di porci queste (e altre) domande in rapporto a un corpus comprendente poeti d inizio secolo ma anche più recenti, come Palazzeschi e Rebora, Saba e Montale, Cardarelli e Sereni, Bertolucci e Pasolini.

5 Bibliografia Testi: Poeti italiani del Novecento, a cura di Pier Vincenzo Mengaldo, Milano, Mondadori, 1981; Antologia della poesia italiana diretta da Cesare Segre e Carlo Ossola, Novecento, Torino, Einaudi, Bibliografia critica: Pier Vincenzo Mengaldo, Il Novecento, Bologna, Il Mulino, 1994 (i capitoli sulla lingua poetica). Altre indicazioni saranno fornite direttamente nel seminario. Fabio JERMINI, Letture e analisi di testo. Dalle Origini al Cinquecento 32F2204 Seminario annuale (per studenti non italofoni) Mercoledì 14-16, PHIL 103 Concepito appositamente per gli studenti non italofoni del primo anno, il seminario è complementare al corso introduttivo Dalle Origini al Cinquecento. Saranno presentati e rigorosamente analizzati i testi più rappresentativi degli autori dei secoli XIII-XVI, contestualizzando le opere e mettendole in rapporto alla scuola o al movimento letterario a cui appartengono. Lo studente, a cui saranno fornite le fondamentali nozioni di metrica e retorica, imparerà a descrivere la struttura e gli elementi formali di un testo letterario. Il seminario introdurrà altresì al corretto utilizzo dei repertori informatici (l'opera del Vocabolario Italiano [OVI], il Tesoro della Lingua Italiana delle Origini [TLIO], nonché degli strumenti di ricerca bibliografica (jstor.org, cairn.info, persee.fr, italinemo.it, ecc.), esercitando la ricerca testuale, il riconoscimento e la valutazione della pertinenza e l'utilizzazione dei risultati in sede di commento. L attestato di seminario, obbligatorio per accedere all esame orale del Modulo, sarà rilasciato alle seguenti condizioni: 1) partecipazione attiva e costante al seminario; 2) preparazione di un analisi testuale da presentare oralmente (20 minuti circa) e in forma scritta (5-10 pagine). Indicazioni bibliografiche: Stefano Carrai, Giorgio Inglese, La letteratura italiana del Medioevo, Roma, Carocci (Manuali universitari), Gian Luigi Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica e di filologia, metrica e retorica, Torino, Einaudi, Pietro G. Beltrami, La metrica italiana, Bologna, Il Mulino, Bice Mortara Garavelli, Manuale di retorica, Milano, Bompiani, 2010 (12 a edizione). (ulteriori indicazioni bibliografiche sui singoli autori saranno fornite nel corso del seminario)

6 MODULE BA 2 (12 crédits) : «L analyse des textes littéraires : Rédaction I» Attestation à obtenir dans le cadre des TP 1 (italophones) ou des TP 2 (non italophones) selon des modalités définies en début d enseignement. Examen écrit (6 heures) Condition : l attestation doit être obtenue avant de se présenter à l examen Remarques : ce module est à suivre en première année ; la réussite de ce module (note minimale : 4) est un prérequis pour l accès aux modules BA5 et BA7 1h de cours annuel (Sujet de littérature) : Étudiants italophones : CR 1 Metastasio e il melodramma An G. Fioroni, mas Je 8-9 SO 013 Étudiants non italophones : CR 2 Pirandello fra spiritismo e teosofia An M. Sabbatini, ce Je 9-10 SO 013 2h de travaux pratiques annuels (Rédaction sur le sujet traité dans le CR) : Étudiants italophones : TP 1 Esercizi di redazione sull argomento del corso An G. Fioroni, mas Me A 214 Étudiants non italophones : TP 2 Esercizi di redazione sull argomento del corso An M. Sabbatini, ce Ma 8-10 A 206 PRESENTAZIONE DEGLI INSEGNAMENTI Georgia FIORONI, Metastasio e il melodramma 32F2228 Corso annuale (per studenti italofoni) Giovedì 8-9, SO 013 Definito da Stendhal, nella seconda delle Lettres sur Métastase, colui che «par ses opéras [ ] a charmé, non pas l Italie seulement, mais tout ce qu il y a de spirituel dans toutes les cours d Europe», Pietro Metastasio nacque a Roma il 3 gennaio 1698 ed ebbe come precettore Gian Vincenzo Gravina. Da lì si trasferì poi, nel 1712, a Napoli, ove gradualmente definì la sua poetica; nel 1729 ricevette l invito, dalla corte di Vienna, a succedere ad Apostolo Zeno nella carica di poeta cesareo: qui restò fino alla morte, avvenuta il 12 aprile In sintonia con il clima dell Arcadia (cui fu ammesso, con il nome di Artino Corasio, il 15 aprile 1718), Metastasio condannò il gusto del secolo precedente: «Ed è poi palpabile che da un mezzo secolo in qua non v è [ ] uomo [ ] che non condanni, che non derida questa peste che si chiama fra noi secentismo» (lettera di Metastasio a Francesco Algarotti, 1 agosto 1751). E, tuttavia, è proprio al melodramma, al genere concepito dai maggiori teorici dell Arcadia quale sintesi del «malgusto» barocco, che il poeta si dedicò. Si ricordi, a titolo di esempio, il giudizio assolutamente negativo espresso da Ludovico Antonio Muratori nella sua Della perfetta poesia italiana (1706): ai suoi occhi non solo il dramma per musica costituiva la più grave forma di degradazione della poesia asservita alla musica («[la poesia è] vilmente posta in catene; e laddove la Musica una volta era serva, e ministra di lei, ora la Poesia è serva della Musica»), ma correva anche il rischio di immoralità («Certo è, che la moderna musica de Teatri, è sommamente dannosa a i costumi del popolo, divenendo questo sempre più vile, e volto alla lascivia, in ascoltarla») e di innaturalezza («Ma che più ridicola cosa ci è di quel mirar due persone che fanno un duello cantando? Che si preparano alla morte o piangono qualche fiera disgrazia con una soave e tranquillissima arietta? Che si fermano tanto tempo a replicare la musica e le parole di queste canzonette allorché il suggetto porta necessità di partirsi in fretta e di non perder tempo in ciarle?»). Il grande merito di Metastasio fu quello di riformare tale gene-

7 re, conciliandolo armonicamente con il gusto arcadico. Il corso sarà dedicato alla presentazione di tre opere: anzitutto Didone abbandonata, suo primo vero melodramma (composto per il carnevale 1724 e rappresentato al teatro San Bartolomeo con musica di Domenico Sarro), «da considerare come impianto e scoperta della dimensione melodrammatica» (W. Binni, «Il Settecento letterario. Pietro Metastasio», in Storia della letteratura italiana, diretta da E. Cecchi e N. Sapegno, Milano, Garzanti, 1968, p. 431); quindi L Olimpiade (composto per il compleanno dell imperatrice Elisabetta, moglie di Carlo VI, e rappresentato per la prima volta nel palazzo imperiale della Favorita, vicino a Vienna, il 28 agosto 1733 con musica di Antonio Caldara), «il frutto più maturo [ ] del suo progresso tecnico, del suo lavoro sul linguaggio, sullo sviluppo degli affetti e delle situazioni patetiche» (ivi, p. 437); e infine per cogliere nella sua integrità la parabola metastasiana La clemenza di Tito, composto in onore di Carlo VI (e rappresentato per la prima volta a Vienna, con musica di Antonio Caldara, il 4 novembre 1734). Una parabola in grado di colpire anche Leopardi che nello Zibaldone affermò che l italiano «è la lingua del Metastasio» e dopo il Tasso, l Italia non poté vantare nessun poeta, «se non forse il Metastasio». La ricerca condotta durante il corso, integrata da costanti incursioni nelle altre opere di Metastasio e dal ricorso al corposissimo epistolario (l edizione mondadoriana curata da Brunelli ne conserva 2654!), sarà completata da letture di saggi critici, ascolti musicali e analisi che si svolgeranno nelle due ore settimanali di «Travaux pratiques». Indicazioni bibliografiche Indispensabile l acquisto di Pietro Metastasio, «Melodrammi e canzonette», a cura di Gianfranca Lavezzi con uno scritto di Stendhal, Milano, Rizzoli, BUR, 2005; ed eventualmente: Pietro Metastasio, «Drammi per musica», a cura di Anna Laura Bellina, Venezia, Marsilio, 2002, 3 voll. (I. Il periodo italiano ; II. Il regno di Carlo VI ; III. L età teresiana ). La bibliografia critica sarà fornita a inizio corso. Marco SABBATINI, Pirandello fra spiritismo e teosofia 32F2208 Corso annuale (per studenti non italofoni) Giovedì 9-10, SO 013 Per poco meno di un secolo, a partire dagli anni 1840, gli europei e gli americani si appassionano al cosiddetto spiritismo, dottrina che sulla base dell immortalità dell anima afferma la possibilità di contatti fra i defunti e i vivi grazie ad un individuo capace di comunicare con gli spiriti dell aldilà: il medium. Durante quello stesso periodo, sul versante filosofico, si sviluppa una corrente esoterica influenzata da elementi di derivazione indiana, chiamata teosofia dalla sua fondatrice, la russa Helena Blavatsky. Questa nuova disciplina ambisce a rivelare l origine unica di tutte le religioni, portando il soggetto alla conoscenza della verità per mezzo di esperienze mistiche. In Italia, molti artisti e intellettuali manifestano grande interesse per queste nuove dottrine, fra i quali due scrittori siciliani: Luigi Capuana (Spiritismo?, 1884) e Luigi Pirandello, l autore studiato nell ambito di questo corso, che pubblica nel 1904 Il fu Mattia Pascal, un romanzo nella cui trama lo spiritismo e la teosofia hanno una funzione centrale (l autore vi descrive tra l altro sedute spiritiche). L interesse di Pirandello per il soprannaturale e, più in generale, per il fantastico, è anche illustrato da alcune novelle per un anno La casa del Granella (la storia di una casa stregata), Dal naso al cielo, La veste lunga e Di sera, un geranio, così come dai suoi testi teatrali più famosi Così è (se vi pare) e I sei personaggi in cerca d autore, che esplorano tematiche molto vicine, seppure in un ottica più personale. Il corso prenderà l avvio dall analisi approfondita del Fu Mattia Pascal, per seguire poi il filo delle tematiche esoteriche negli altri scritti pirandelliani. Libro da acquistare Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal, a cura di Giancarlo Mazzacurati, Torino, Einaudi («Tascabili»), 2014.

8 Bibliografia AA. VV., Lo strappo nel cielo di carta. Introduzione alla lettura del Fu Mattia Pascal, Roma, La Nuova Italia Scientifica, Roberto Alonge, Pirandello. Tra realismo e mistificazione, Roma, Bonanno Editore, Vincenzo Crupi, L altra faccia della luna. Assoluto e mistero nell opera di Luigi Pirandello, Soveria Mannelli, Rubbettino («Iride»), Marziano Guglielminetti, Pirandello, Roma, Salerno, Antonio Illiano, Metapsichica e letteratura in Pirandello, Firenze, Vallecchi, Romano Luperini, Luigi Pirandello e Il fu Mattia Pascal, Torino, Loescher, («Il passo del cavallo»), Romano Luperini, Pirandello, Roma-Bari, Laterza («Biblioteca Universale»), Giovanni Macchia, Pirandello o la stanza della tortura, Milano, Mondadori («Oscar»), Angelo M. Mangini, Letteratura come anamorfosi. Teoria e prassi del fantastico nell Italia del primo Novecento, Bologna, Bononia University Press, Giancarlo Mazzacurati, Pirandello nel romanzo europeo, Bologna, Il Mulino («Saggi»), Il racconto e il romanzo filosofico nella modernità, a cura di Anna Dolfi, Firenze, Firenze University Press, Massimo Scotti, Storia degli spettri. Fantasmi, medium e case infestate fra scienza e letteratura, Milano, Feltrinelli («Universale economica / Saggi»), Gino Tellini, Il romanzo italiano dell Ottocento e Novecento, Milano, Bruno Mondadori, Franco Zangrilli, Un mondo fuori chiave. Il fantastico in Pirandello, Firenze, Franco Cesati Editore, Georgia FIORONI, Esercizi di redazione sull argomento del corso 32F2207 Seminario annuale (per studenti italofoni) Mercoledì 10-12, A 214 Gli esercizi proposti nel quadro dei «Travaux pratiques», strettamente correlati al corso (CR1: Metastasio e il melodramma, giovedì 8-9, SO 013), sono volti a preparare gli studenti all esame scritto di analisi letteraria. In questa sede verranno proposti due diversi, ma complementari, momenti di riflessione: a. da una parte si procederà all ascolto musicale, alla lettura e all analisi puntuale delle opere presentate al corso (vale a dire, Didone abbandonata, L Olimpiade e La clemenza di Tito), mettendo in luce le peculiarità del melodramma (il rapporto recitativo-aria, ad esempio) e avvicinando gli studenti al linguaggio della critica (retorica, stilistica e metrica); b. dall altra parte, grazie alla lettura e allo studio di alcuni dei contributi più rappresentativi fra la bibliografia metastasiana, si procederà alla redazione di analisi testuali in forma di commento o saggio critico. Per ottenere l attestato occorre frequentare attivamente il corso e le due ore di TP, fare tutti gli esercizi consigliati dal docente e sostenere almeno due prove scritte pienamente sufficienti durante l anno. Indicazioni bibliografiche a. Giovanni Bardazzi, Angela Ferrari, Emilio Manzotti, Insegnare italiano. Principi, metodi, esempi, Brescia, La Scuola, Francesco Bausi, Mario Martelli, La metrica italiana. Teoria e storia, Firenze, Le Lettere, Gian Luigi Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Torino, Einaudi, Pietro Beltrami, La metrica italiana, Bologna, Il Mulino, Paola Italia, Scrivere all Università. Manuale pratico con esercizi e antologia di testi, Firenze, Le Monnier, Heinrich Lausberg, Elementi di retorica, Bologna, Il Mulino, Roberto Lesina, Il nuovo manuale di stile. Guida alla redazione di documenti, relazioni, articoli, manuali, tesi di laurea, Bologna, Zanichelli, Bice Mortara Garavelli, Manuale di retorica, Milano, Bompiani, b. Le indicazioni relative alle letture critiche saranno fornite a inizio semestre.

9 Marco SABBATINI, Esercizi di redazione sull argomento del corso 32F2209 Seminario annuale (per studenti non italofoni) Martedì 8-10, A 206 Queste due ore settimanali di esercitazioni, in stretto legame con il corso del giovedì su Luigi Pirandello, vogliono offrire un quadro teorico e pratico relativo alla scrittura accademica in generale e all analisi delle opere letterarie in particolare. Il testo, i suoi elementi costitutivi e la sua organizzazione tematica e logico-argomentativa verranno studiati sulla base di numerosi esempi. Particolare attenzione verrà dedicata al processo compositivo (dall ideazione alla revisione finale), ma anche all acquisizione e all approfondimento del linguaggio critico, grazie alla lettura e all esame minuzioso di alcuni significativi campioni tratti dalla bibliografia pirandelliana. Gli studenti saranno progressivamente avviati alla pratica di un commento critico, applicato a brani delle opere studiate. La lettura della bibliografia critica offrirà anche lo spunto per riassunti orali e scritti, cui potranno aggiungersi diversi tipi di esercizi di redazione finalizzati all arricchimento lessicale e sintattico dello scrivente. Per ottenere l attestato occorre frequentare attivamente il corso e le due ore di TP, fare tutti gli esercizi consigliati dal docente e sostenere almeno due prove scritte pienamente sufficienti durante l anno. Bibliografia Maurizio Della Casa, Scrivere testi. Il processo, i problemi educativi, le tecniche, Firenze, La Nuova Italia, Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, a cura di G. L. Beccaria, Torino, Einaudi, Domenico Fiormonte - Ferdinanda Cremascoli, Manuale di scrittura, Torino, Bollati Boringhieri, Roberto Lesina, Il nuovo manuale di stile. Guida alla redazione di documenti, relazioni, articoli, manuali, tesi di laurea, Bologna, Zanichelli, Manuale di scrittura e comunicazione, a cura di F. Bruni, G. Alfieri, S. Fornasiero, S. Tamiozzo Goldmann, Bologna, Zanichelli, Angelo Marchese, Il testo letterario. Avviamento allo studio critico della letteratura, Torino, SEI, Claudia Sebastiana Nobili, Il lavoro della scrittura. Analisi e retorica del testo, Milano, Sansoni, Cesare Segre, Avviamento all analisi del testo letterario, Torino, Einaudi, Maria Teresa Serafini, Come si scrive, Milano, Bompiani, Il testo letterario. Istruzioni per l uso, a cura di M. Lavagetto, Roma-Bari, Laterza, 1996.

10 MODULE BA 3 (2x6 crédits) : «Linguistique italienne» BA 3a : à suivre en première année Attestation à obtenir dans le cadre du CS selon des modalités définies en début d enseignement BA 3b : à suivre en deuxième année Condition d accès : avoir suivi le demi-module BA 3a au préalable Attestation à obtenir dans le cadre du SE2 selon des modalités définies en début d enseignement Examen oral portant sur SE1 Demi-module BA 3a : «Introduction à la linguistique italienne» (6 crédits) 2h de cours-séminaire annuel (Introduction à la linguistique italienne) : CS 1 Elementi di linguistica italiana An L. Zampese, cc Je SO 013 Ve SO 013 (tous les 15 jrs) Demi-module BA 3b : «Sémantique Architectures textuelles» (6 crédits) 2h de séminaire annuel (Sémantique de l énoncé et du texte) : SE 1 Semantica dell enunciato e del testo An L. Zampese, cc Je SO 013 Ve A 109 (tous les 15 jrs) 2h de séminaire semestriel (Précis d histoire de la langue italienne) : SE 2 Profilo di storia della lingua italiana: per una storia dell italiano nascosto A E. Roggia, cs II Me B 015 Je B 015 (tous les 15 jrs) PRESENTAZIONE DEGLI INSEGNAMENTI Luciano ZAMPESE, Elementi di linguistica italiana 32F2210 Corso-seminario annuale di 1 anno (4 ore ogni due settimane: le date quindicinali delle lezioni sono esposte nella bacheca dell Unità di italiano) Giovedì 14-16, SO 013; Venerdì 10-12, SO 013 L obiettivo generale del corso-seminario è quello di offrire: i) i contenuti fondamentali della struttura dell italiano, articolati nei vari livelli d analisi (dalla fonetica alla pragmatica): ii) gli strumenti e i metodi dell analisi linguistica, con particolare attenzione all individuazione e alla valutazione dei dati, alla generalizzazione a partire da essi, ecc. Ad una riflessione teorica esercitata su frasi o brevi sequenze di enunciati costruiti ad hoc, in cui sarà più facile isolare e descrivere il fenomeno in esame, si affiancherà un esemplificazione basata sulla lettura e sull analisi di testi reali, anche letterari.

11 Programma: 1. Introduzione storico-tipologica L evoluzione dal latino: mutamenti fonetici, morfologici, sintattici. Le varietà dell italiano contemporaneo. La variazione diatopica. Altre dimensioni di variabilità. 2. Le strutture dell italiano 2.1. Fonetica e fonologia Elementi di fonetica articolatoria (classificazione dei suoni, alfabeto fonetico, trascrizioni fonetiche, ecc.). La nozione di fonema. La sillaba; la parola fonologica e l accento. Cenni di fonologia dell enunciato Morfologia Nozioni di base, analisi in morfemi, formazione delle parole, regole morfologiche (derivazione, composizione, flessione) e loro restrizioni Sintassi Richiamo di nozioni elementari di sintassi: le categorie lessicali dell italiano e alcune nozioni relative al verbo e alla frase (valenza, selezione, argomenti), ai vari tipi di frase (frasi subordinate / coordinate, argomentali / circostanziali) e alla loro classificazione. La struttura sintattica della frase: introduzione all analisi in sintagmi, criteri per l individuazione dei costituenti e rappresentazione della struttura in costituenti della frase. Cenni sulle frasi marcate dell italiano contemporaneo (dislocazione a sinistra e a destra, frasi a tema sospeso, frasi scisse) Semantica e Pragmatica Che cosa studia la semantica. Il significato delle parole. Relazioni semantiche tra parole (iponimia, iperonimia, complementarietà, antonimia, conversità, ecc.). Campi semantici. Le principali strutture sintattico-semantiche della frase: frasi predicative e presentative; frasi copulative, specificative e identificative. L enunciato: significato linguistico e comunicativo; sua articolazione informativa (contributo della punteggiatura). Gli atti linguistici, con un cenno alle massime conversazionali di Grice. Materiali di studio per l esame Gli appunti personali delle lezioni, rivisti e rielaborati. La sintesi, fornita dal docente, degli argomenti trattati nel corso-seminario. Le letture integrative indicate a lezione dal docente. Testi da acquistare Una grammatica italiana sincronica, a scelta tra: (1) Giampaolo Salvi e Laura Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, il Mulino, 2004; (2) Anna Laura e Giulio Lepschy, La lingua italiana. Storia, varietà dell uso, grammatica, Milano, Bompiani, 1981; (3) Luca Serianni, Italiano, Milano, Garzanti, Un dizionario di termini e concetti linguistici, a scelta tra: (1) Dizionario di linguistica, diretto da Gian Luigi Beccaria, Torino, Einaudi, ; e (2) Lessico di linguistica, fondato da Hadumod Bußmann, trad. italiana, adattamento e revisione sulla base della 3 a ed. originale, rivista e ampliata a cura di Paola Cotticelli Kurras, Alessandria, Edizioni dell Orso, Bibliografia di riferimento Cecilia Andorno, La grammatica italiana, Milano, Paravia Bruno Mondadori, Gaetano Berruto, Sociolinguistica dell italiano contemporaneo, Roma, La Nuova Italia Scientifica, Giorgio Graffi e Sergio Scalise, Le lingue e il linguaggio, Bologna, il Mulino, John Lyons, Manuale di semantica, Roma-Bari, Laterza, Bice Mortara Garavelli, Prontuario di punteggiatura, Roma-Bari, Laterza, Giuseppe Patota, Nuovi lineamenti di grammatica storica dell italiano, Bologna, il Mulino, Lorenzo Renzi, Giampaolo Salvi e Anna Cardinaletti (a cura di), Grande grammatica italiana di consultazione, Bologna, il Mulino, Giampaolo Salvi e Laura Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, il Mulino, Sergio Scalise e Antonietta Bisetto, La struttura delle parole, Bologna, il Mulino, 2008.

12 Luciano ZAMPESE, Semantica dell enunciato e del testo 32F2211 Seminario annuale di 2 anno (4 ore ogni due settimane: le date quindicinali delle lezioni sono esposte nella bacheca dell Unità di italiano) Giovedì 16-18, SO 013; Venerdì 14-16, A 109 Il seminario prende avvio da una ricognizione generale dell articolazione semantica e comunicativa dell enunciato, unità minima e fondamentale dell oggetto testo, di cui verranno messe in evidenza, tramite descrizioni di esempi testuali variamente differenziati (testi funzionali, letterari; in prosa, in poesia), le proprietà formali della coesione e quelle concettuali della coerenza. A questa visione d assieme segue un percorso analitico dedicato alle proprietà semantiche di alcune categorie morfosintattiche (articolo, verbo), selezionate in ragione della natura testuale del loro impiego: in particolare, ci si soffermerà sui fenomeni della deissi e dell anafora, e sui rapporti tra tempi verbali e strategie narrative. Si riprende quindi il concetto di coerenza testuale declinandolo nei suoi livelli costitutivi: dall articolazione gerarchica e informativa dell enunciato, alle architetture tematiche e logiche che definiscono i legami del singolo enunciato con le sequenze più o meno ampie del testo in cui è inserito. Questo il programma dettagliato, con tra parentesi le letture richieste per ciascun argomento le sigle utilizzate sono le seguenti: FT = Angela Ferrari, Luciano Zampese, Dalla frase al testo, Bologna, Zanichelli, 2000 (M = Modulo; U = Unità). GG = Grande grammatica italiana di consultazione, a c. di Lorenzo Renzi, Gianpaolo Salvi e Anna Cardinaletti, Bologna, il Mulino, voll. I-III, LT = Cecilia Andorno, Linguistica testuale. Un introduzione, Roma, Carocci, NG = Gianpaolo Salvi e Laura Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, il Mulino, Una prima nozione di testo (LT, cap. 1, 1.2, pp ; cap. 4, 4.1, pp ) 1.1. Dalla frase al testo: significato linguistico e comunicativo; articolazione semantica della frase: contenuto proposizionale, atteggiamento proposizionale, indicatore illocutivo; i livelli di azione: locutivo, illocutivo, perlocutivo 1.2. Oltre la frase: le proprietà della coesione e della coerenza 2.0. Il testo nella frase: semantica di alcune categorie morfosintattiche e fenomeni testuali 2.1. Semantica dell articolo (GG, I, cap. VII, , pp ; LT, cap. 2, 2.1, pp ; NG, II, , pp ) Una prima distinzione tra articolo determinativo e indeterminativo: l opposizione classe vs membro La distinzione tra indeterminato specifico e non specifico Il concetto di referente e di referente testuale. L alternanza tra articolo determinativo e indeterminativo nel testo; i criteri di selezione: dalle proprietà informative di dato e nuovo alla definitezza (identificabilità, attivazione e quantificazione) 2.2. Deissi e anafora: funzioni deittiche e anaforiche di pronomi, avverbi e sintagmi nominali (NG, IV, 4, pp ; LT, cap. 2, , pp ) Una definizione di deissi. Il campo indicale. L atto di riferimento Una definizione di anafora. L atto di rinvio La distinzione tra deissi (e anafora) lessicale vs contestuale Criteri di selezione delle forme anaforiche (accessibilità, continuità dei ruoli sintattici) Catene anaforiche tra povertà e arricchimento semantico. Alcuni esempi testuali 2.3. Semantica del verbo (GG, II, cap. I, , pp ) Il sistema temporale: tempi deittici e tempi anaforici; definizione e utilizzo di alcuni strumenti concettuali: momento dell enunciazione, momento dell accadimento, ecc Il sistema aspettuale: una definizione generale; aspetto morfologico e aspetto lessicale. Principali classi aspettuali. Interferenze tra aspetto morfologico e aspetto lessicale Sequenze verbali e testualità: tempi dello sfondo e tempi del primo piano; tempi narrativi e tempi commentativi. Alcuni esempi testuali 3.0. La frase nel testo: architetture tematiche, gerarchiche e logiche

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : SCIENTIFICO SCIENTIFICO Scienze applicate TECNICO TECNICO Amministrazione finanza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA CORSO Ragionieri PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE 3^ SEZIONE T Professore: Curletto Valeria Ore settimanali: 4 Finalità: Lo studio

Dettagli

Guida agli studi d italiano

Guida agli studi d italiano D é p a r t e m e n t d e s l a n g u e s e t d e s l i t t é r a t u r e s r o m a n e s U n i t é d i t a l i e n Guida agli studi d italiano 2 0 1 5-201 6 Sommario Insegnamenti 2015 2016 Baccalauréat

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Guida agli studi d italiano

Guida agli studi d italiano D é p a r t e m e n t d e s l a n g u e s e t d e s l i t t é r a t u r e s r o m a n e s U n i t é d i t a l i e n Guida agli studi d italiano 2 0 1 1-2 0 1 2 Unité d italien Guida agli studi d italiano

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Università degli Studi di Bari

Università degli Studi di Bari Università degli Studi di Bari Corso di Laurea magistrale in Filologia moderna / Filologia, Letterature e Storia dell'antichità / Scienze dello Spettacolo e Produzione multimediale / Scienze Filosofiche

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane)

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane) 1/6 ITALIANO PRIMO ANNO Testi: qualsiasi testo di Italiano (biennio) in adozione presso i Licei Classici o Scientifici. Per i testi di epica: consultare i siti Internet con il testo integrale in traduzione

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO X ISTITUTO TECNICO

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO V. MUZIO - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1 Anno Scolastico 2013/2014 Classe: 2^B Disciplina: Italiano Docente: Prof.ssa Pasqua Barbone PIANO DI LAVORO ANNUALE Criterio

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO FINALITÀ FORMATIVE GENERALI PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO EDUCAZIONE LINGUISTICA - padronanza della lingua italiana per un uso appropriato della stessa in tutti i suoi aspetti - possesso sicuro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

ISTITUTO SALESIANO VILLA SORA di FRASCATI Programma scuola media ITALIANO

ISTITUTO SALESIANO VILLA SORA di FRASCATI Programma scuola media ITALIANO Pag. 1/6 Classe II media - sez. B Anno scolastico 2011/2012 Docente Prof. Laura Ceccarelli PROGRAMMA DI ANTOLOGIA / LETTERATURA Testi di riferimento: 1. Anzi M., Fossati P., Il paese dei lettori 2. Edizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Bachelor of Arts Italiano ambito principale (120 crediti ECTS) Piano di studi I. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione.

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione. Piano di lavoro annuale Secondo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: ITALIANO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-2014 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola Classe 4^ Scuola Primaria Don Bosco Classe 5^ Scuola Primaria Madonna di Campagna Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica Leggere

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Bachelor of Arts Italiano ambito principale (0 crediti ECTS) Piano di studi I. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

Insegnamenti. Corso di laurea magistrale in Filologia moderna

Insegnamenti. Corso di laurea magistrale in Filologia moderna Insegnamento: Bibliologia Codifica: 27001263 SSD :(settore scientifico-disciplinare): M-STO/08 Docente Responsabile (link al CV): Carmela Reale http://polaris.unical.it/user/report/visualizzacurriculum.php3?idutente=140417271

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

A.A. 2014/2015. Didattica della linguistica italiana

A.A. 2014/2015. Didattica della linguistica italiana CFU 2 Giuliana Fiorentino Didattica della linguistica italiana Il corso mira a discutere e presentare in maniera critica gli aspetti essenziali della linguistica moderna ai fini del loro utilizzo didattico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

Liceo scientifico Giordano Bruno. Programma

Liceo scientifico Giordano Bruno. Programma Anno scolastico: 2010-2011 Classe: 4ª Sezione: H Materia: Italiano Docente: prof. Lanza Programma L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e diffusione della cultura

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA (comune a tutti gli indirizzi dell Istituto) Anno scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA (comune a tutti gli indirizzi dell Istituto) Anno scolastico 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: ITALIANO BIENNIO OBIETTIVI DIDATTICI (conoscenze, abilità e competenze) : Sviluppo della competenza comunicativa e consapevolezza delle sue modalità. Lettura e comprensione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

Insegnamenti del corso di laurea magistrale in Filologia moderna A.A. 2008/2009. Critica letteraria

Insegnamenti del corso di laurea magistrale in Filologia moderna A.A. 2008/2009. Critica letteraria Insegnamento: Critica letteraria Codifica: 27001267 SSD :(settore scientifico-disciplinare): L-FIL-LET/11 Classe LM-14 Docente Responsabile (link al CV): Margherita Ganeri http://polaris.unical.it/user/report/visualizzacurriculum.php3?idutente=1182235166

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura.it, ed. Bruno Mondadori, voll. 1 e 2; Dante,Divina Commedia, ed varie

Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura.it, ed. Bruno Mondadori, voll. 1 e 2; Dante,Divina Commedia, ed varie ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 4 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura.it, ed. Bruno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

CORSO DI LINGUE - LETTERATURA SPAGNOLA I. Programma:

CORSO DI LINGUE - LETTERATURA SPAGNOLA I. Programma: CORSO DI LINGUE - LETTERATURA SPAGNOLA I Programma: 1) Garcia Lorca e l'andalusia Dispensa con brani del teatro lorchiano da tradurre e commentare, disponibile su (nella sezione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli