Guida agli studi d italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida agli studi d italiano"

Transcript

1 D é p a r t e m e n t d e s l a n g u e s e t d e s l i t t é r a t u r e s r o m a n e s U n i t é d i t a l i e n Guida agli studi d italiano Unité d italien

2 Sommario Insegnamenti Baccalauréat universitaire en langue et littérature italiennes (180 crédits) Maîtrise universitaire en langue et littérature italiennes (90 crédits) Informazioni pratiche Segreteria dell Unità di italiano Docenti dell Unità di italiano. Indirizzi elettronici e ore di ricevimento Auxiliaire de Recherche et d Enseignement Commission mixte Borse di studio Biblioteca di italiano Librerie italiane a Ginevra e in Ticino Struttura Bachelor e Master

3 Baccalauréat universitaire en langue et littérature italiennes Insegnamenti (180 crediti) PREMESSA Competenze linguistiche iniziali. Gli insegnamenti (corsi, seminari, esercitazioni) previsti dai programmi si tengono in italiano e presuppongono una conoscenza della lingua a livello C1 il che significa che tutti gli studenti dovranno essere in grado di seguire una lezione, di prendere appunti, di scrivere e di parlare con relativa facilità. Due moduli BA1 e BA2 propongono tuttavia percorsi differenziati ( italofoni e non italofoni ) a seconda del livello delle competenze linguistiche. Migliorare la propria competenza della lingua. L Unità di italiano offre agli studenti non italofoni, e in generale alle persone interessate, dei corsi di lingua di diverso livello nei moduli «Langue» del programma di Formation Continue Universitaire «L Italie: Langue, Culture et Société» (consultabile online: Questi corsi preparano nel quadro del Portfolio europeo delle lingue agli esami CILS («Certificazione di Italiano come Lingua Straniera»), che certificano il grado di conoscenza della lingua italiana; informazioni dettagliate ed esempi di prove d esame sono disponibili online: MODULE BA 1 (12 crédits) : «Histoire de la littérature italienne I : Textes classiques» Attestation dans le cadre du séminaire SE1 (italophones) ou SE2 (non italophones). Examen oral portant sur le programme du CR, ainsi que sur une série d ouvrages (choix de textes classiques de la littérature italienne) Condition : l attestation doit être obtenue avant de se présenter à l examen Remarques : ce module est à suivre en première année ; la réussite de ce module (note minimale : 4) est un prérequis pour l accès aux modules BA5 et BA7 2h de cours annuel (Histoire de la littérature italienne I) : CR Storia della letteratura italiana. Dalle Origini al Cinquecento An R. Leporatti, po Lu B 002 2h de séminaire annuel pour italophones (Sujet de littérature) : SE 1 Poeti del Novecento. Saggi di lettura An G. Bardazzi, po Lu 8-10 B 214 2h de séminaire annuel pour non-italophones (Méthodes et outils pour l analyse du texte littéraire) : SE 2 Letture e analisi di testo. Dalle Origini al Cinquecento An F. Jermini, as Me PHIL 103

4 PRESENTAZIONE DEGLI INSEGNAMENTI Roberto LEPORATTI, Storia della letteratura italiana. Dalle Origini al Cinquecento 32F2217 Corso annuale Lunedì 16-18, B 002 Il corso introduttivo è dedicato quest anno ai testi fondamentali della letteratura italiana scritti nel periodo compreso tra il Duecento e la fine del Cinquecento. Nel primo semestre seguiremo l evoluzione della letteratura volgare dalla sua prima affermazione alla corte di Federico II di Svevia fino alla sua piena maturità con l opera di Dante e, sulle sue orme, di Petrarca, modello quasi incontrastato del genere lirico nei secoli seguenti, e di Boccaccio, fondatore della moderna tradizione narrativa europea. Sul suo Decameron, in particolare, ci soffermeremo analizzando alcune delle novelle più importanti. L opera di Petrarca e Boccaccio, equamente divisa tra latino e volgare, invita anche a una riscoperta dei classici, inaugurando così la stagione dell Umanesimo e del Rinascimento, a cui sarà dedicato il secondo semestre. È l età in cui trionfa la civiltà delle corti, che ha i suoi apici in letteratura nel Cortegiano del Castiglione e nell Orlando Furioso dell Ariosto su cui ci soffermeremo leggendo le ottave dei canti più famosi, ma è anche il momento in cui nasce drammaticamente la modernità: l invenzione della stampa cambia il rapporto fra autore e pubblico, sempre più largo ed eterogeneo, come dimostra per esempio l affermazione di una letteratura femminile; matura la presa di coscienza di una questione della lingua come elemento cardine dell identità nazionale con le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo, nel momento in cui la Penisola italiana, indebolita dalla sua divisione in tanti piccoli stati litigiosi, è dominata dall emergere delle grandi monarchie nazionali europee; si afferma una visione più laica dell uomo, come dimostrano le riflessioni di Machiavelli su politica e morale, e l esigenza di un sentimento religioso più intimo, che porterà ai conflitti di Riforma e Controriforma e troverà la sua espressione più alta e tormentata nella Gerusalemme liberata del Tasso. In ogni lezione sarà affrontato un aspetto particolare o a un autore della storia letteraria del periodo in oggetto. A febbraio gli studenti dovranno sostenere un pre-esame orale sul programma svolto durante il primo semestre (Duecento-Trecento). L esame finale verte sul programma del secondo semestre (Quattrocento-Cinquecento). Bibliografia Per il primo semestre è richiesto l acquisto del manuale La letteratura italiana del Medioevo, a cura di Stefano Carrai e Giorgio Inglese, Roma, Carocci editore, 2011 e del volume Giovanni Boccaccio, Decameron, a cura di Vittore Branca, Torino Einaudi 2005, oppure Milano, Mondadori, Altra bibliografia sarà indicata durante il corso. Giovanni BARDAZZI, Poeti del Novecento. Saggi di lettura 32F2288 Seminario annuale (per studenti italofoni) Lunedì 8-10, B 214 È possibile trovare un giusto equilibrio, leggendo i poeti del XX secolo, tra un accostamento puramente impressionistico e un altro invece sapientemente erudito, che fa ricorso a tutte le finezze dell intertestualità, della filologia e dell analisi testuale la più minuziosa? È indispensabile cogliere il significato letterale di un testo poetico che, spesso, non è di facile comprensione? Ed è importante far riferimento all «occasione» esterna che ha generato la poesia, ai fatti e agli avvenimenti ai quali essa allude, al contesto culturale nel quale il testo si colloca? Al di là dei cambiamenti e delle innovazioni, la poesia italiana del XX secolo continua a riconoscersi in una tradizione alta che risale a Leopardi e a Petrarca. È possibile verificare l intensità di questo legame e di queste persistenze? Cercheremo di porci queste (e altre) domande in rapporto a un corpus comprendente poeti d inizio secolo ma anche più recenti, come Palazzeschi e Rebora, Saba e Montale, Cardarelli e Sereni, Bertolucci e Pasolini.

5 Bibliografia Testi: Poeti italiani del Novecento, a cura di Pier Vincenzo Mengaldo, Milano, Mondadori, 1981; Antologia della poesia italiana diretta da Cesare Segre e Carlo Ossola, Novecento, Torino, Einaudi, Bibliografia critica: Pier Vincenzo Mengaldo, Il Novecento, Bologna, Il Mulino, 1994 (i capitoli sulla lingua poetica). Altre indicazioni saranno fornite direttamente nel seminario. Fabio JERMINI, Letture e analisi di testo. Dalle Origini al Cinquecento 32F2204 Seminario annuale (per studenti non italofoni) Mercoledì 14-16, PHIL 103 Concepito appositamente per gli studenti non italofoni del primo anno, il seminario è complementare al corso introduttivo Dalle Origini al Cinquecento. Saranno presentati e rigorosamente analizzati i testi più rappresentativi degli autori dei secoli XIII-XVI, contestualizzando le opere e mettendole in rapporto alla scuola o al movimento letterario a cui appartengono. Lo studente, a cui saranno fornite le fondamentali nozioni di metrica e retorica, imparerà a descrivere la struttura e gli elementi formali di un testo letterario. Il seminario introdurrà altresì al corretto utilizzo dei repertori informatici (l'opera del Vocabolario Italiano [OVI], il Tesoro della Lingua Italiana delle Origini [TLIO], nonché degli strumenti di ricerca bibliografica (jstor.org, cairn.info, persee.fr, italinemo.it, ecc.), esercitando la ricerca testuale, il riconoscimento e la valutazione della pertinenza e l'utilizzazione dei risultati in sede di commento. L attestato di seminario, obbligatorio per accedere all esame orale del Modulo, sarà rilasciato alle seguenti condizioni: 1) partecipazione attiva e costante al seminario; 2) preparazione di un analisi testuale da presentare oralmente (20 minuti circa) e in forma scritta (5-10 pagine). Indicazioni bibliografiche: Stefano Carrai, Giorgio Inglese, La letteratura italiana del Medioevo, Roma, Carocci (Manuali universitari), Gian Luigi Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica e di filologia, metrica e retorica, Torino, Einaudi, Pietro G. Beltrami, La metrica italiana, Bologna, Il Mulino, Bice Mortara Garavelli, Manuale di retorica, Milano, Bompiani, 2010 (12 a edizione). (ulteriori indicazioni bibliografiche sui singoli autori saranno fornite nel corso del seminario)

6 MODULE BA 2 (12 crédits) : «L analyse des textes littéraires : Rédaction I» Attestation à obtenir dans le cadre des TP 1 (italophones) ou des TP 2 (non italophones) selon des modalités définies en début d enseignement. Examen écrit (6 heures) Condition : l attestation doit être obtenue avant de se présenter à l examen Remarques : ce module est à suivre en première année ; la réussite de ce module (note minimale : 4) est un prérequis pour l accès aux modules BA5 et BA7 1h de cours annuel (Sujet de littérature) : Étudiants italophones : CR 1 Metastasio e il melodramma An G. Fioroni, mas Je 8-9 SO 013 Étudiants non italophones : CR 2 Pirandello fra spiritismo e teosofia An M. Sabbatini, ce Je 9-10 SO 013 2h de travaux pratiques annuels (Rédaction sur le sujet traité dans le CR) : Étudiants italophones : TP 1 Esercizi di redazione sull argomento del corso An G. Fioroni, mas Me A 214 Étudiants non italophones : TP 2 Esercizi di redazione sull argomento del corso An M. Sabbatini, ce Ma 8-10 A 206 PRESENTAZIONE DEGLI INSEGNAMENTI Georgia FIORONI, Metastasio e il melodramma 32F2228 Corso annuale (per studenti italofoni) Giovedì 8-9, SO 013 Definito da Stendhal, nella seconda delle Lettres sur Métastase, colui che «par ses opéras [ ] a charmé, non pas l Italie seulement, mais tout ce qu il y a de spirituel dans toutes les cours d Europe», Pietro Metastasio nacque a Roma il 3 gennaio 1698 ed ebbe come precettore Gian Vincenzo Gravina. Da lì si trasferì poi, nel 1712, a Napoli, ove gradualmente definì la sua poetica; nel 1729 ricevette l invito, dalla corte di Vienna, a succedere ad Apostolo Zeno nella carica di poeta cesareo: qui restò fino alla morte, avvenuta il 12 aprile In sintonia con il clima dell Arcadia (cui fu ammesso, con il nome di Artino Corasio, il 15 aprile 1718), Metastasio condannò il gusto del secolo precedente: «Ed è poi palpabile che da un mezzo secolo in qua non v è [ ] uomo [ ] che non condanni, che non derida questa peste che si chiama fra noi secentismo» (lettera di Metastasio a Francesco Algarotti, 1 agosto 1751). E, tuttavia, è proprio al melodramma, al genere concepito dai maggiori teorici dell Arcadia quale sintesi del «malgusto» barocco, che il poeta si dedicò. Si ricordi, a titolo di esempio, il giudizio assolutamente negativo espresso da Ludovico Antonio Muratori nella sua Della perfetta poesia italiana (1706): ai suoi occhi non solo il dramma per musica costituiva la più grave forma di degradazione della poesia asservita alla musica («[la poesia è] vilmente posta in catene; e laddove la Musica una volta era serva, e ministra di lei, ora la Poesia è serva della Musica»), ma correva anche il rischio di immoralità («Certo è, che la moderna musica de Teatri, è sommamente dannosa a i costumi del popolo, divenendo questo sempre più vile, e volto alla lascivia, in ascoltarla») e di innaturalezza («Ma che più ridicola cosa ci è di quel mirar due persone che fanno un duello cantando? Che si preparano alla morte o piangono qualche fiera disgrazia con una soave e tranquillissima arietta? Che si fermano tanto tempo a replicare la musica e le parole di queste canzonette allorché il suggetto porta necessità di partirsi in fretta e di non perder tempo in ciarle?»). Il grande merito di Metastasio fu quello di riformare tale gene-

7 re, conciliandolo armonicamente con il gusto arcadico. Il corso sarà dedicato alla presentazione di tre opere: anzitutto Didone abbandonata, suo primo vero melodramma (composto per il carnevale 1724 e rappresentato al teatro San Bartolomeo con musica di Domenico Sarro), «da considerare come impianto e scoperta della dimensione melodrammatica» (W. Binni, «Il Settecento letterario. Pietro Metastasio», in Storia della letteratura italiana, diretta da E. Cecchi e N. Sapegno, Milano, Garzanti, 1968, p. 431); quindi L Olimpiade (composto per il compleanno dell imperatrice Elisabetta, moglie di Carlo VI, e rappresentato per la prima volta nel palazzo imperiale della Favorita, vicino a Vienna, il 28 agosto 1733 con musica di Antonio Caldara), «il frutto più maturo [ ] del suo progresso tecnico, del suo lavoro sul linguaggio, sullo sviluppo degli affetti e delle situazioni patetiche» (ivi, p. 437); e infine per cogliere nella sua integrità la parabola metastasiana La clemenza di Tito, composto in onore di Carlo VI (e rappresentato per la prima volta a Vienna, con musica di Antonio Caldara, il 4 novembre 1734). Una parabola in grado di colpire anche Leopardi che nello Zibaldone affermò che l italiano «è la lingua del Metastasio» e dopo il Tasso, l Italia non poté vantare nessun poeta, «se non forse il Metastasio». La ricerca condotta durante il corso, integrata da costanti incursioni nelle altre opere di Metastasio e dal ricorso al corposissimo epistolario (l edizione mondadoriana curata da Brunelli ne conserva 2654!), sarà completata da letture di saggi critici, ascolti musicali e analisi che si svolgeranno nelle due ore settimanali di «Travaux pratiques». Indicazioni bibliografiche Indispensabile l acquisto di Pietro Metastasio, «Melodrammi e canzonette», a cura di Gianfranca Lavezzi con uno scritto di Stendhal, Milano, Rizzoli, BUR, 2005; ed eventualmente: Pietro Metastasio, «Drammi per musica», a cura di Anna Laura Bellina, Venezia, Marsilio, 2002, 3 voll. (I. Il periodo italiano ; II. Il regno di Carlo VI ; III. L età teresiana ). La bibliografia critica sarà fornita a inizio corso. Marco SABBATINI, Pirandello fra spiritismo e teosofia 32F2208 Corso annuale (per studenti non italofoni) Giovedì 9-10, SO 013 Per poco meno di un secolo, a partire dagli anni 1840, gli europei e gli americani si appassionano al cosiddetto spiritismo, dottrina che sulla base dell immortalità dell anima afferma la possibilità di contatti fra i defunti e i vivi grazie ad un individuo capace di comunicare con gli spiriti dell aldilà: il medium. Durante quello stesso periodo, sul versante filosofico, si sviluppa una corrente esoterica influenzata da elementi di derivazione indiana, chiamata teosofia dalla sua fondatrice, la russa Helena Blavatsky. Questa nuova disciplina ambisce a rivelare l origine unica di tutte le religioni, portando il soggetto alla conoscenza della verità per mezzo di esperienze mistiche. In Italia, molti artisti e intellettuali manifestano grande interesse per queste nuove dottrine, fra i quali due scrittori siciliani: Luigi Capuana (Spiritismo?, 1884) e Luigi Pirandello, l autore studiato nell ambito di questo corso, che pubblica nel 1904 Il fu Mattia Pascal, un romanzo nella cui trama lo spiritismo e la teosofia hanno una funzione centrale (l autore vi descrive tra l altro sedute spiritiche). L interesse di Pirandello per il soprannaturale e, più in generale, per il fantastico, è anche illustrato da alcune novelle per un anno La casa del Granella (la storia di una casa stregata), Dal naso al cielo, La veste lunga e Di sera, un geranio, così come dai suoi testi teatrali più famosi Così è (se vi pare) e I sei personaggi in cerca d autore, che esplorano tematiche molto vicine, seppure in un ottica più personale. Il corso prenderà l avvio dall analisi approfondita del Fu Mattia Pascal, per seguire poi il filo delle tematiche esoteriche negli altri scritti pirandelliani. Libro da acquistare Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal, a cura di Giancarlo Mazzacurati, Torino, Einaudi («Tascabili»), 2014.

8 Bibliografia AA. VV., Lo strappo nel cielo di carta. Introduzione alla lettura del Fu Mattia Pascal, Roma, La Nuova Italia Scientifica, Roberto Alonge, Pirandello. Tra realismo e mistificazione, Roma, Bonanno Editore, Vincenzo Crupi, L altra faccia della luna. Assoluto e mistero nell opera di Luigi Pirandello, Soveria Mannelli, Rubbettino («Iride»), Marziano Guglielminetti, Pirandello, Roma, Salerno, Antonio Illiano, Metapsichica e letteratura in Pirandello, Firenze, Vallecchi, Romano Luperini, Luigi Pirandello e Il fu Mattia Pascal, Torino, Loescher, («Il passo del cavallo»), Romano Luperini, Pirandello, Roma-Bari, Laterza («Biblioteca Universale»), Giovanni Macchia, Pirandello o la stanza della tortura, Milano, Mondadori («Oscar»), Angelo M. Mangini, Letteratura come anamorfosi. Teoria e prassi del fantastico nell Italia del primo Novecento, Bologna, Bononia University Press, Giancarlo Mazzacurati, Pirandello nel romanzo europeo, Bologna, Il Mulino («Saggi»), Il racconto e il romanzo filosofico nella modernità, a cura di Anna Dolfi, Firenze, Firenze University Press, Massimo Scotti, Storia degli spettri. Fantasmi, medium e case infestate fra scienza e letteratura, Milano, Feltrinelli («Universale economica / Saggi»), Gino Tellini, Il romanzo italiano dell Ottocento e Novecento, Milano, Bruno Mondadori, Franco Zangrilli, Un mondo fuori chiave. Il fantastico in Pirandello, Firenze, Franco Cesati Editore, Georgia FIORONI, Esercizi di redazione sull argomento del corso 32F2207 Seminario annuale (per studenti italofoni) Mercoledì 10-12, A 214 Gli esercizi proposti nel quadro dei «Travaux pratiques», strettamente correlati al corso (CR1: Metastasio e il melodramma, giovedì 8-9, SO 013), sono volti a preparare gli studenti all esame scritto di analisi letteraria. In questa sede verranno proposti due diversi, ma complementari, momenti di riflessione: a. da una parte si procederà all ascolto musicale, alla lettura e all analisi puntuale delle opere presentate al corso (vale a dire, Didone abbandonata, L Olimpiade e La clemenza di Tito), mettendo in luce le peculiarità del melodramma (il rapporto recitativo-aria, ad esempio) e avvicinando gli studenti al linguaggio della critica (retorica, stilistica e metrica); b. dall altra parte, grazie alla lettura e allo studio di alcuni dei contributi più rappresentativi fra la bibliografia metastasiana, si procederà alla redazione di analisi testuali in forma di commento o saggio critico. Per ottenere l attestato occorre frequentare attivamente il corso e le due ore di TP, fare tutti gli esercizi consigliati dal docente e sostenere almeno due prove scritte pienamente sufficienti durante l anno. Indicazioni bibliografiche a. Giovanni Bardazzi, Angela Ferrari, Emilio Manzotti, Insegnare italiano. Principi, metodi, esempi, Brescia, La Scuola, Francesco Bausi, Mario Martelli, La metrica italiana. Teoria e storia, Firenze, Le Lettere, Gian Luigi Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Torino, Einaudi, Pietro Beltrami, La metrica italiana, Bologna, Il Mulino, Paola Italia, Scrivere all Università. Manuale pratico con esercizi e antologia di testi, Firenze, Le Monnier, Heinrich Lausberg, Elementi di retorica, Bologna, Il Mulino, Roberto Lesina, Il nuovo manuale di stile. Guida alla redazione di documenti, relazioni, articoli, manuali, tesi di laurea, Bologna, Zanichelli, Bice Mortara Garavelli, Manuale di retorica, Milano, Bompiani, b. Le indicazioni relative alle letture critiche saranno fornite a inizio semestre.

9 Marco SABBATINI, Esercizi di redazione sull argomento del corso 32F2209 Seminario annuale (per studenti non italofoni) Martedì 8-10, A 206 Queste due ore settimanali di esercitazioni, in stretto legame con il corso del giovedì su Luigi Pirandello, vogliono offrire un quadro teorico e pratico relativo alla scrittura accademica in generale e all analisi delle opere letterarie in particolare. Il testo, i suoi elementi costitutivi e la sua organizzazione tematica e logico-argomentativa verranno studiati sulla base di numerosi esempi. Particolare attenzione verrà dedicata al processo compositivo (dall ideazione alla revisione finale), ma anche all acquisizione e all approfondimento del linguaggio critico, grazie alla lettura e all esame minuzioso di alcuni significativi campioni tratti dalla bibliografia pirandelliana. Gli studenti saranno progressivamente avviati alla pratica di un commento critico, applicato a brani delle opere studiate. La lettura della bibliografia critica offrirà anche lo spunto per riassunti orali e scritti, cui potranno aggiungersi diversi tipi di esercizi di redazione finalizzati all arricchimento lessicale e sintattico dello scrivente. Per ottenere l attestato occorre frequentare attivamente il corso e le due ore di TP, fare tutti gli esercizi consigliati dal docente e sostenere almeno due prove scritte pienamente sufficienti durante l anno. Bibliografia Maurizio Della Casa, Scrivere testi. Il processo, i problemi educativi, le tecniche, Firenze, La Nuova Italia, Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, a cura di G. L. Beccaria, Torino, Einaudi, Domenico Fiormonte - Ferdinanda Cremascoli, Manuale di scrittura, Torino, Bollati Boringhieri, Roberto Lesina, Il nuovo manuale di stile. Guida alla redazione di documenti, relazioni, articoli, manuali, tesi di laurea, Bologna, Zanichelli, Manuale di scrittura e comunicazione, a cura di F. Bruni, G. Alfieri, S. Fornasiero, S. Tamiozzo Goldmann, Bologna, Zanichelli, Angelo Marchese, Il testo letterario. Avviamento allo studio critico della letteratura, Torino, SEI, Claudia Sebastiana Nobili, Il lavoro della scrittura. Analisi e retorica del testo, Milano, Sansoni, Cesare Segre, Avviamento all analisi del testo letterario, Torino, Einaudi, Maria Teresa Serafini, Come si scrive, Milano, Bompiani, Il testo letterario. Istruzioni per l uso, a cura di M. Lavagetto, Roma-Bari, Laterza, 1996.

10 MODULE BA 3 (2x6 crédits) : «Linguistique italienne» BA 3a : à suivre en première année Attestation à obtenir dans le cadre du CS selon des modalités définies en début d enseignement BA 3b : à suivre en deuxième année Condition d accès : avoir suivi le demi-module BA 3a au préalable Attestation à obtenir dans le cadre du SE2 selon des modalités définies en début d enseignement Examen oral portant sur SE1 Demi-module BA 3a : «Introduction à la linguistique italienne» (6 crédits) 2h de cours-séminaire annuel (Introduction à la linguistique italienne) : CS 1 Elementi di linguistica italiana An L. Zampese, cc Je SO 013 Ve SO 013 (tous les 15 jrs) Demi-module BA 3b : «Sémantique Architectures textuelles» (6 crédits) 2h de séminaire annuel (Sémantique de l énoncé et du texte) : SE 1 Semantica dell enunciato e del testo An L. Zampese, cc Je SO 013 Ve A 109 (tous les 15 jrs) 2h de séminaire semestriel (Précis d histoire de la langue italienne) : SE 2 Profilo di storia della lingua italiana: per una storia dell italiano nascosto A E. Roggia, cs II Me B 015 Je B 015 (tous les 15 jrs) PRESENTAZIONE DEGLI INSEGNAMENTI Luciano ZAMPESE, Elementi di linguistica italiana 32F2210 Corso-seminario annuale di 1 anno (4 ore ogni due settimane: le date quindicinali delle lezioni sono esposte nella bacheca dell Unità di italiano) Giovedì 14-16, SO 013; Venerdì 10-12, SO 013 L obiettivo generale del corso-seminario è quello di offrire: i) i contenuti fondamentali della struttura dell italiano, articolati nei vari livelli d analisi (dalla fonetica alla pragmatica): ii) gli strumenti e i metodi dell analisi linguistica, con particolare attenzione all individuazione e alla valutazione dei dati, alla generalizzazione a partire da essi, ecc. Ad una riflessione teorica esercitata su frasi o brevi sequenze di enunciati costruiti ad hoc, in cui sarà più facile isolare e descrivere il fenomeno in esame, si affiancherà un esemplificazione basata sulla lettura e sull analisi di testi reali, anche letterari.

11 Programma: 1. Introduzione storico-tipologica L evoluzione dal latino: mutamenti fonetici, morfologici, sintattici. Le varietà dell italiano contemporaneo. La variazione diatopica. Altre dimensioni di variabilità. 2. Le strutture dell italiano 2.1. Fonetica e fonologia Elementi di fonetica articolatoria (classificazione dei suoni, alfabeto fonetico, trascrizioni fonetiche, ecc.). La nozione di fonema. La sillaba; la parola fonologica e l accento. Cenni di fonologia dell enunciato Morfologia Nozioni di base, analisi in morfemi, formazione delle parole, regole morfologiche (derivazione, composizione, flessione) e loro restrizioni Sintassi Richiamo di nozioni elementari di sintassi: le categorie lessicali dell italiano e alcune nozioni relative al verbo e alla frase (valenza, selezione, argomenti), ai vari tipi di frase (frasi subordinate / coordinate, argomentali / circostanziali) e alla loro classificazione. La struttura sintattica della frase: introduzione all analisi in sintagmi, criteri per l individuazione dei costituenti e rappresentazione della struttura in costituenti della frase. Cenni sulle frasi marcate dell italiano contemporaneo (dislocazione a sinistra e a destra, frasi a tema sospeso, frasi scisse) Semantica e Pragmatica Che cosa studia la semantica. Il significato delle parole. Relazioni semantiche tra parole (iponimia, iperonimia, complementarietà, antonimia, conversità, ecc.). Campi semantici. Le principali strutture sintattico-semantiche della frase: frasi predicative e presentative; frasi copulative, specificative e identificative. L enunciato: significato linguistico e comunicativo; sua articolazione informativa (contributo della punteggiatura). Gli atti linguistici, con un cenno alle massime conversazionali di Grice. Materiali di studio per l esame Gli appunti personali delle lezioni, rivisti e rielaborati. La sintesi, fornita dal docente, degli argomenti trattati nel corso-seminario. Le letture integrative indicate a lezione dal docente. Testi da acquistare Una grammatica italiana sincronica, a scelta tra: (1) Giampaolo Salvi e Laura Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, il Mulino, 2004; (2) Anna Laura e Giulio Lepschy, La lingua italiana. Storia, varietà dell uso, grammatica, Milano, Bompiani, 1981; (3) Luca Serianni, Italiano, Milano, Garzanti, Un dizionario di termini e concetti linguistici, a scelta tra: (1) Dizionario di linguistica, diretto da Gian Luigi Beccaria, Torino, Einaudi, ; e (2) Lessico di linguistica, fondato da Hadumod Bußmann, trad. italiana, adattamento e revisione sulla base della 3 a ed. originale, rivista e ampliata a cura di Paola Cotticelli Kurras, Alessandria, Edizioni dell Orso, Bibliografia di riferimento Cecilia Andorno, La grammatica italiana, Milano, Paravia Bruno Mondadori, Gaetano Berruto, Sociolinguistica dell italiano contemporaneo, Roma, La Nuova Italia Scientifica, Giorgio Graffi e Sergio Scalise, Le lingue e il linguaggio, Bologna, il Mulino, John Lyons, Manuale di semantica, Roma-Bari, Laterza, Bice Mortara Garavelli, Prontuario di punteggiatura, Roma-Bari, Laterza, Giuseppe Patota, Nuovi lineamenti di grammatica storica dell italiano, Bologna, il Mulino, Lorenzo Renzi, Giampaolo Salvi e Anna Cardinaletti (a cura di), Grande grammatica italiana di consultazione, Bologna, il Mulino, Giampaolo Salvi e Laura Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, il Mulino, Sergio Scalise e Antonietta Bisetto, La struttura delle parole, Bologna, il Mulino, 2008.

12 Luciano ZAMPESE, Semantica dell enunciato e del testo 32F2211 Seminario annuale di 2 anno (4 ore ogni due settimane: le date quindicinali delle lezioni sono esposte nella bacheca dell Unità di italiano) Giovedì 16-18, SO 013; Venerdì 14-16, A 109 Il seminario prende avvio da una ricognizione generale dell articolazione semantica e comunicativa dell enunciato, unità minima e fondamentale dell oggetto testo, di cui verranno messe in evidenza, tramite descrizioni di esempi testuali variamente differenziati (testi funzionali, letterari; in prosa, in poesia), le proprietà formali della coesione e quelle concettuali della coerenza. A questa visione d assieme segue un percorso analitico dedicato alle proprietà semantiche di alcune categorie morfosintattiche (articolo, verbo), selezionate in ragione della natura testuale del loro impiego: in particolare, ci si soffermerà sui fenomeni della deissi e dell anafora, e sui rapporti tra tempi verbali e strategie narrative. Si riprende quindi il concetto di coerenza testuale declinandolo nei suoi livelli costitutivi: dall articolazione gerarchica e informativa dell enunciato, alle architetture tematiche e logiche che definiscono i legami del singolo enunciato con le sequenze più o meno ampie del testo in cui è inserito. Questo il programma dettagliato, con tra parentesi le letture richieste per ciascun argomento le sigle utilizzate sono le seguenti: FT = Angela Ferrari, Luciano Zampese, Dalla frase al testo, Bologna, Zanichelli, 2000 (M = Modulo; U = Unità). GG = Grande grammatica italiana di consultazione, a c. di Lorenzo Renzi, Gianpaolo Salvi e Anna Cardinaletti, Bologna, il Mulino, voll. I-III, LT = Cecilia Andorno, Linguistica testuale. Un introduzione, Roma, Carocci, NG = Gianpaolo Salvi e Laura Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, il Mulino, Una prima nozione di testo (LT, cap. 1, 1.2, pp ; cap. 4, 4.1, pp ) 1.1. Dalla frase al testo: significato linguistico e comunicativo; articolazione semantica della frase: contenuto proposizionale, atteggiamento proposizionale, indicatore illocutivo; i livelli di azione: locutivo, illocutivo, perlocutivo 1.2. Oltre la frase: le proprietà della coesione e della coerenza 2.0. Il testo nella frase: semantica di alcune categorie morfosintattiche e fenomeni testuali 2.1. Semantica dell articolo (GG, I, cap. VII, , pp ; LT, cap. 2, 2.1, pp ; NG, II, , pp ) Una prima distinzione tra articolo determinativo e indeterminativo: l opposizione classe vs membro La distinzione tra indeterminato specifico e non specifico Il concetto di referente e di referente testuale. L alternanza tra articolo determinativo e indeterminativo nel testo; i criteri di selezione: dalle proprietà informative di dato e nuovo alla definitezza (identificabilità, attivazione e quantificazione) 2.2. Deissi e anafora: funzioni deittiche e anaforiche di pronomi, avverbi e sintagmi nominali (NG, IV, 4, pp ; LT, cap. 2, , pp ) Una definizione di deissi. Il campo indicale. L atto di riferimento Una definizione di anafora. L atto di rinvio La distinzione tra deissi (e anafora) lessicale vs contestuale Criteri di selezione delle forme anaforiche (accessibilità, continuità dei ruoli sintattici) Catene anaforiche tra povertà e arricchimento semantico. Alcuni esempi testuali 2.3. Semantica del verbo (GG, II, cap. I, , pp ) Il sistema temporale: tempi deittici e tempi anaforici; definizione e utilizzo di alcuni strumenti concettuali: momento dell enunciazione, momento dell accadimento, ecc Il sistema aspettuale: una definizione generale; aspetto morfologico e aspetto lessicale. Principali classi aspettuali. Interferenze tra aspetto morfologico e aspetto lessicale Sequenze verbali e testualità: tempi dello sfondo e tempi del primo piano; tempi narrativi e tempi commentativi. Alcuni esempi testuali 3.0. La frase nel testo: architetture tematiche, gerarchiche e logiche

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro Tra scienza e letteratura Un possibile incontro La Terra vista dalla Luna: un tema squisitamente scientifico? Tematica specifica presente in molti autori Aristofane, Luciano di Samosata, Cicerone, Dante,

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca [contributo già pubblicato in La crusca per voi, n. 33, Ottobre 2006, pp. 4-8] Si è tenuto nei mesi di marzo/aprile del 2006 un corso di aggiornamento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Analisi del testo letterario 1

Analisi del testo letterario 1 Analisi del testo letterario 1 discipline Analisi del testo letterario 1 - Isabella Chiari 2 esempio 1 Promessi sposi (A. Manzoni) Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIII - Cremona Prot. MIUR AOO USPCR RU/5402 Cremona, 30 Agosto 2012 IL DIRIGENTE VISTO il

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli