AUTISMO: TEACCH, COMUNICAZIONE FACILITATA, ABA - VB

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTISMO: TEACCH, COMUNICAZIONE FACILITATA, ABA - VB"

Transcript

1 AUTISMO: TEACCH, COMUNICAZIONE FACILITATA, ABA - VB Dott.ssa Fabiani Micaela 15 Novembre 2014

2 AUTISMO DSM IV 1- DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Asperger Disturbo disintegrativo dell infanzia Disturbo autistico Disturbo pervasivo NAS 2- COMPROMISSIONE DI TRE DOMINI (comportamento, relazioni sociali, comunicazione) 3- RITARDO MENTALE DSM V 1 - DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO 3 livelli di severità: supporto lieve supporto moderato supporto rilevante 2- COMPROMISSIONE DI DUE DOMINI (unificate aree comunicazione ed interazione) 3 DISABILITA INTELLETTIVA

3 TEACCH

4 TEACCH o Programma Politico TEACCH: Treatment and Education of Autistic and Communication Handicaped Children, organizzazione dei servizi per persone autistiche della Carolina del Nord presa in carico globale in senso sia "orizzontale" che "verticale ; o ideato e progettato da Eric Schopler negli anni 60 viene sperimentato per 5 anni con l aiuto dell Ufficio all Educazione e dell Istituto Nazionale della Sanità; o 6 centri di diagnosi, 6 centri di aiuto a domicilio, numerose classi speciali e posti di lavoro per adulti; OBIETTIVO: SVILUPPO DEL MIGLIOR GRADO POSSIBILE DI AUTONOMIA

5 TEACCH AUTISMO: NO malattia mentale, ma deficit della comunicazione, della socializzazione e della immaginazione, DIFFICOLTA COMUNICATIVA FRUSTRAZIONE PER INSUCCESSI COMPORTAMENTO PROBLEMA SFRUTTARE PREDISPOSIZIONI E POTENZIALITA FREQUENTI SUCCESSI APPRENDIMENTO POSITIVO AMPIA VARIABILITA DELLA SINTOMATOLOGIA =ELABORAZIONE INDIVIDUALE DEL PROGRAMMA EDUCATIVO

6 TEACCH METODOLOGIA DI INTERVENTO BARHON COHEN CECITA SOCIALE Necessita di STRUTTURAZIONE DELL AMBIENTE per: Orientamento e rassicurazione Diminuzione livello di ansia Comprensibilità e prevedibilità

7 TEACCH STRUTTURAZIONE: DELLO SPAZIO ; spazi chiaramente e visibilmente delimitati e contrassegnati da opportuni simboli di identificazione, con funzioni specifiche, che favorisca in tempi brevi l orientamento autonomo DEL TEMPO ; organizzazione del tempo tramite un agenda giornaliera, costituita da una sequenza di oggetti, di immagini o di parole scritte a seconda delle sue abilità DEL MATERIALE DI LAVORO ; presenza di uno schema di lavoro, per cui ogni compito sarà contenuto in una scatola e posizionato in un determinato luogo

8 TEACCH IL RINFORZO FORNIRE DELLE MOTIVAZIONI CONCRETE PER ATTIVARE L IMPEGNO DEL BAMBINO NELL ESECUZIONE DEL COMPITO E importante individuare un rinforzo adatto alle preferenze del singolo bambino

9

10 Applied Behaviour Analisys Verbal Behaviour Approccio che ricorre a tecniche e metodi empirici con l obiettivo di insegnare comportamenti adattivi e ridurre quelli problematici. Applica procedure che hanno evidenza empirica e robustezza metodologica UNICO INTERVENTO EFFICACE PER I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO CARATTERISTICHE DELL INTERVENTO: Ambiente di apprendimento positivo Validazione empirica Coinvolgimento della famiglia Coinvolgimento della scuola Coerenza interna

11 Analisi del comportamento: una scienza naturale per capire il comportamento Originata da B.F. Skinner (1938) Con componenti concettuali/filosofici, sperimentali ed applicativi Analisi del comportamento applicata: L applicazione di principi scientifici o leggi del comportamento per migliorare comportamenti socialmente significativi. Tante applicazioni oltre all autismo Basata sul lavoro di tanti ricercatori ed analisti

12 Almeno 550 studi pubblicati tra il 1960 ed il 1995 (Matson et al., 1996) e diverse centinaia dal 1995 documentano l efficacia di specifici metodi ABA per l insegnamento di importanti abilitá: Imparare ad imparare: guardare, ascoltare, imitare, eseguire istruzioni, discriminare, ecc Comunicazione: produzione vocale, linguaggio per segni ed immagini, comprensione, da semplici vocalizzazioni a conversazioni complesse. Sociale: scambi reciproci, giocare con i coetanei, esprimere emozioni, empatia, gioco immaginario Ragionamento astratto: soluzione problemi, teoria della mente Autonomia personale: igiene personale, vivere nella comunitá, pericoli della strada Abilitá accademiche: lettura, scrittura, disegno, abilità di calcolo

13 ANALISI SPERIMENTALE DEL COMPORTAMENTO ORGANISMO: luogo in cui l interazione tra variabili indipendenti produce una variabile dipendente COMPORTAMENTI APPRESI TRAMITE CONDIZIONALMENTO DELLA RIPOSTA Scopo: modificare la frequenza di emissione di un dato comportamento S - B - Sr Stimolo comportamento Stimolo Discriminativo Rinforzativo

14 A B C ANTECEDENTE COMPORTAMENTO CONSEGUENZA La tecnica ABA lavora attraverso la modificazione degli ANTECEDENTI e della CONSEGUENZA, in modo da far aumentare la frequenza di emissione del comportamento corretto da adottare

15 IL RINFORZO: AUMENTA LA FREQUENZA DEL COMPORTAMENTO CHE LO PRECEDE Differenti tipologie di rinforzatori: Con FEEDBACK SENSORIALE, ovvero visivi, tattili (un libro degli animali con le figure in rilievo) ALIMENTARI, utilizzati solo per le richieste più complicate (ad esempio quelle verbali) e se il bambino ha una reale ristrettezza di interessi SOCIALI, feedback sociali da familiari o conoscenti (contatto fisico, riscontri verbali)

16 APPROCCIO AL BAMBINO CON SPETTRO AUTISTICO PREFERENCE ASSESSMENT: Indagine delle preferenze per i rinforzatori INTERESSI RISTRETTI PAIRING per i nuovi interessi Mangiare un alimento nuovo Ingresso in contesti sconosciuti

17 STRUTTURATO (DDT) Nell ambiente non sono presenti elementi in grado di attirare l attenzione del bambino, al di fuori di quelli utili al perseguimento dell obiettivo NET (Natural Environment Teaching) Si svolge in ambiente naturale ( contesto ecologico)

18 Il bambino vuole continuare a giocare con l oggetto che si è scelto autonomamente MOTIVAZIONE INTRINSECA RINFORZO INTRINSECO INTERESSE del bambino verso l oggetto NET A B C MOTIVAZIONE AZIONE APPRENDIMENTO

19 NET Più simile all apprendimento dello sviluppo tipico, poiché la motivazione è intrinseca Più complesso del DDT, ma si utilizza con bambini di età inferiore, poiché evita la manifestazione di comportamenti problema Facilita la socializzazione

20 Preference Assessment o Pairing MOTIVAZIONE ANCORA ASSENTE RINFORZO ESTRINSECO A B C RICHIESTA AZIONE APPRENDIMENTO DELL OPERATORE STRUTTURATO

21 STRUTTURATO Rende chiaro al bambino ciò che si sta insegnando e se il comportamento messo in atto è giusto o sbagliato; Aiuta l insegnante ad essere coerente; Facilita la verifica del processo di apprendimento; Maggiore attenzione alle conseguenze; Generalizzazione maggiore.

22 CRONOLOGICAMENTE. INCIDENTALE NET STRUTTURATO

23 MINIMIZZAZIONE DELL ERRORE: per la RIDUZIONE DELLA FRUSTRAZIONE e la maggiore probabilità di COMPARSA DEI COMPORTAMENTI POSITIVI Si agisce evitando il più possibile la replica dell errore PROMPT: facilita l emissione del comportamento corretto

24 PROMPT (AIUTO) Scopo: arrivare a far sviluppare al bambino un ragionamento logico. Man mano che il bambino apprende si utilizzeranno prompt sempre più evoluti. VERBALE DI IMITAZIONE FISICO (gestuale, di indicazione)

25 COMPORTAMENTI PROBLEMA Eccessi comportamentali e deficit: Difficoltà a mantenere una data posizione per un tempo prolungato; Eccessive reazioni di frustrazione (aggressività etero ed autoriferita, stereotipie) Autostimolazioni

26 PERCHE IL COMPORTAMENTO PROBLEMA? COMUNICA UN BISOGNO Ottenere attenzione Ottenere oggetti Evitare / ottenere stimolazioni interne Evitare attività Fuga

27 Esempio: Marco è al supermercato con la mamma. Vuole il gelato, ma la mamma non può comprarlo. A B C Volontà Comportamento Ottiene Oggetto Problema l oggetto (gelato) (urla, strilla, piange) (la mamma compra il gelato) APPRENDIMENTO: Marco apprende che per ottenere il gelato basta urlare. E lo generalizza.

28 COME ARGINIAMO IL COMPORTAMENTO PROBLEMA? - MODIFICARE GLI ANTECEDENTI Premetto che non comprerò il gelato Distraggo con altri oggetti Non porto Marco a fare la spesa - MODIFICARE LE CONSEGUENZE Coerenza Dico subito di sì

29 INTERVENTI POSITIVI SOSTITUTIVI 1) ESTINZIONE modalità di estinzione della risposta appresa (il bambino evita un compito per una richiesta di attenzione e viene così totalmente ignorato) 2) TECNICHE AVVERSATIVE Intervento punitivo che viene utilizzato solo se il comportamento problema diventa socialmente problematico o lesivo.

30 TECNICHE AVVERSATIVE TIME OUT Sospensione da qualsiasi agente rinforzante COSTO DELLA RISPOSTA Far sostenere un costo rispetto all emissione di un comportamento disadattivo. Può avvenire in termini di perdita di un rinforzatore o in termini di riparazione del danno. IPERCORREZIONE Si pone il soggetto in condizione di ipercorreggere gli effetti della situazione inappropriata sull ambiente, migliorandola rispetto alle condizioni precedenti. BLOCCO FISICO Inibizione motoria della persona onde impedirgli di emettere comportamenti gravemente lesivi. PRATICA NEGATIVA Consiste nel prescrivere al bambino di mettere ripetutamente in atto il suo comportamento inadeguato per un periodo di tempo ben preciso. E efficace perché agisce sull interesse e va sotto il controllo istruzionale. RIMPROVERO Comunicazione verbale di tipo avversativo

31 LA TECNICA AVVERSATIVA PIU UTILIZZATA.. PUNIZIONE Provoca effetti di evitamento, produce ansia, può generare altri comportamenti problema, può danneggiare la relazione con l adulto. E efficace se: - CONTINUA - IMMEDIATA (contingente) - FORTE (genera disagio)

32 SPAZIO SCUOLA NEL PROGETTO TERAPEUTICO La scuola rappresenta uno spazio privilegiato nel progetto terapeutico ed educativo, poiché può consentire la realizzazione del programma generale finalizzato almiglioramento dell interazione sociale, all arricchimento della comunicazione Funzionale ed alla diversificazione degli interessi e delle attività. La presenza dei coetanei rende l ambiente scolastico il palcoscenico naturale, in cui il soggetto può generalizzare acquisizioni e competenze favoriti precedentemente in setting strutturati (intervento strutturato in rapporto uno a uno, logopedia ecc.)

33 L INSEGNANTE DI SOSTEGNO E L ABA Stimola il bambino a prestare attenzione agli altri compagni Utilizza il modello dei pari per ottenere comportamenti adeguati Promuove l imitazione dei pari Lavora sull apprendimento del bambino e ne promuove costantemente l interazione Lo aiuta a chiedere ciò di cui ha bisogno Lucia D'Amato Lavora sullo stare seduti durante le lezioni della maestra Rinforza il bambino ed i suoi compagni quando mettono in atto comportamenti appropriati Cerca di eliminare la rigidità del bambino, non permettendogli di giocare con le cose ogni giorno sempre nello stesso ordine Non permette al bambino di utilizzare i comportamenti inappropriati per attirare la sua attenzione Non evita le situazioni difficili, ma lavora proprio sulle difficoltà

34 LA COMUNICAZIONE FACILITATA

35 COMUNICAZIONE FACILITATA 1977: Australia. Rosemary Crossley, insegnante in un centro per disabili, aiuta una donna colpita da Paralisi Celebrale a comunicare con una tastiera sostenendole il braccio. 1981: Arthur Schawlow (premio Nobel in fisica) riscontra dei successi con la CF utilizzata con figlio affetto da disturbo autistico, e la importa negli USA. 1986: nasce il DEAL Communication Centre che si propone di fornire un aiuto, tramite un facilitatore, a disabili motori, attraverso una scrittura su tastiera.

36 COMUNICAZIONE FACILITATA La CF si colloca all interno delle modalità di comunicazione aumentative e alternative e si basa sulla presenza di una macchina per scrivere adattata (o computer) e la figura di facilitatore. 1996: cominciano i primi dubbi sull efficacia della CF; Bebko J.M. et al. Conduce una sperimentazione controllata su venti allievi disabili. Presentando domande diverse al facilitato e al facilitatore (ascolto in cuffia) riscontrano che soltanto in nove allievi su venti la comunicazione è indipendente 2005: le linee guida sull autismo emesse dalla SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza) non menzionano la CF tra i trattamenti efficaci.

37 GRAZIE PER L ATTENZIONE

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS AUTISMO E ABA Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS L AUTISMO L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato, con esordio nei primi 3 anni di vita.

Dettagli

Con il termine programma Teacch si intende l organizzazione dei servizi per persone autistiche realizzato nella Carolina del Nord, che prevede una

Con il termine programma Teacch si intende l organizzazione dei servizi per persone autistiche realizzato nella Carolina del Nord, che prevede una IL PROGRAMMA TEACCH Con il termine programma Teacch si intende l organizzazione dei servizi per persone autistiche realizzato nella Carolina del Nord, che prevede una presa in carico globale in senso sia

Dettagli

Il programma TEACCH. programma TEACCH

Il programma TEACCH. programma TEACCH Il programma TEACCH programma TEACCH 1 Il programma TEACCH Strutturazione Rinforzo e aiuto Comportamento e interventi. programma TEACCH 2 Che cosa è il programma TEACCH? Il programma TEACCH deriva dall

Dettagli

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior EIP Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior 30 ottobre 2014 Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA Supervisor EIP Associazione Pianeta Autismo onlus Compromissione

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese

PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese 1 Indice Fare rete con e oltre la famiglia Qualità della vita Definizione di comportamento problema

Dettagli

LA GESTIONE DEL COMPORTAMENTO INADEGUATO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

LA GESTIONE DEL COMPORTAMENTO INADEGUATO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO LA GESTIONE DEL COMPORTAMENTO INADEGUATO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO 22 Aprile 2016 Dott.ssa Marta Bernardini L AUTISMO NEL DSM-5 unica categoria diagnostica: disturbi dello spettro autistico

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Progetto Regionale sperimentale di formazione sui disturbi dello spettro autistico (asd 0-6) Crespellano (BO)

Progetto Regionale sperimentale di formazione sui disturbi dello spettro autistico (asd 0-6) Crespellano (BO) Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Area Dipartimentale di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell adolescenza Programma Regionale Integrato per l assistenza alle persone con disturbo

Dettagli

11 Maggio 2015. Presso: V Circolo Didattico G. Modugno. Barletta. Ore 15.00 19.00

11 Maggio 2015. Presso: V Circolo Didattico G. Modugno. Barletta. Ore 15.00 19.00 Ente accreditato dal MIUR con D. M. n. 90 del 1/12/2003, nell'elenco dei Soggetti accreditati/qualificati per la Formazione del personale della Scuola. 11 Maggio 2015 Ore 15.00 19.00 Presso: V Circolo

Dettagli

Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base

Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base Percorso di Formazione "Dall' autismo all' inclusione sociolavorativa" organizzato da AGSAV ONLUS e ROLP 26 Marzo 2014 Marta Andreetta Contenuti

Dettagli

Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle?

Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle? Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle? Siamo ricercatori nell ambito dell analisi del comportamento applicata

Dettagli

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni.

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Dott.ssa Cristina Gazzi Dott.ssa Elena Angaran PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SPECIALE

Dettagli

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala BES Bisogni Educativi Speciali Autismo Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala DEFINIZIONE L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato,

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

09 Marzo 2015. Ore 15.00 19.00. Presso: ISTITUTO SUORE CLARISSE FRANCESCANE. Via AMENDOLA GIOVANNI, 154-70100 BARI

09 Marzo 2015. Ore 15.00 19.00. Presso: ISTITUTO SUORE CLARISSE FRANCESCANE. Via AMENDOLA GIOVANNI, 154-70100 BARI Ente accreditato dal MIUR con D. M. n. 90 del 1/12/2003, nell'elenco dei Soggetti accreditati/qualificati per la Formazione del personale della Scuola. 09 Marzo 2015 Ore 15.00 19.00 Presso: ISTITUTO SUORE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli

Inquadramento clinico dei disturbi dello spettro autistico

Inquadramento clinico dei disturbi dello spettro autistico Inquadramento clinico dei disturbi dello spettro autistico Prospettive per la didattica Dott. Maddalena Petrillo Referente aziendale ASL 8 per i disturbi dello spettro autistico in età evolutiva Arezzo

Dettagli

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE OBIETTIVI DELL INCONTRO AUTISMO A SCUOLA Strategie educative e didattiche per l inclusione in classe Conoscere cos è l autismo Conoscere quali sono le strategie educative più valide CTRH Monza Centro 13

Dettagli

1 e 2 Ottobre ed il 22 e 23 Ottobre 2012, dalle 9 alle 18.

1 e 2 Ottobre ed il 22 e 23 Ottobre 2012, dalle 9 alle 18. Analisi Comportamentale Applicata in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI Analisi Comportamentale Applicata in ambito scolastico Presso l Istituto l Tecnico Commerciale Aeronautico Fabio

Dettagli

Corso di Formazione. Sessioni d insegnamento. Come e cosa insegnare ai bambini autistici. 18 Gennaio 2016. Ore 9,00 18,00

Corso di Formazione. Sessioni d insegnamento. Come e cosa insegnare ai bambini autistici. 18 Gennaio 2016. Ore 9,00 18,00 Ente accreditato dal MIUR con D. M. n. 90 del 1/12/2003, nell'elenco dei Soggetti accreditati/qualificati per la Formazione del personale della Scuola. Corso di Formazione Sessioni d insegnamento Come

Dettagli

Le sfide della ricerca didattica sull autismo

Le sfide della ricerca didattica sull autismo Le sfide della ricerca didattica sull autismo Antonella Valenti Dipartimento di Studi Umanistici Università della Calabria (Cosenza) Da dove vengono le spiegazioni degli insegnanti? Come decidono cosa

Dettagli

La motivazione. Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa

La motivazione. Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa La motivazione Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa Educare nell autismo Il compito dell educazione è quello di sostenere ogni individuo nello sviluppo di nuove abilità per vivere meglio e conoscere il

Dettagli

12/05/2014. Dott.ssa Elena Gorini psicologa

12/05/2014. Dott.ssa Elena Gorini psicologa I DGS sono caratterizzati da : deficit nell interazione sociale difficoltà di comunicazione Un repertorio ristretto, rigido e ripetitivo di attività, interessi e comportamenti Dott.ssa Elena Gorini psicologa

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura»

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» «I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» Volkmar et al 1977 ABILITA SOCIALE È la capacità di relazionarsi

Dettagli

IL METODO ABA Applied Behavior Analysis

IL METODO ABA Applied Behavior Analysis IL METODO ABA Applied Behavior Analysis IL METODO ABA 20 REGOLE DI RIFERIMENTO 1. IL SETTING L ambiente di lavoro deve essere strutturato in modo funzionale all obiettivo dell insegnamento: 1 eliminazione

Dettagli

LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. Dr.ssa Claudia Boni

LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. Dr.ssa Claudia Boni LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Dr.ssa Claudia Boni Psicologa -Terapista neuropsicomotricità età evolutiva Spoke Autismo Casa del Giardiniere AUSL di BOLOGNA CONVEGNO AUTISMO:

Dettagli

IL TEACCH A SCUOLA. a cura di Marinella Zingale Simonetta Panerai

IL TEACCH A SCUOLA. a cura di Marinella Zingale Simonetta Panerai IL TEACCH A SCUOLA a cura di Marinella Zingale Simonetta Panerai CAMBIAMENTO DI PROSPETTIVA NELL INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO CAMBIAMENTO DI APPROCCIO RELATIVO ALLA CURA Ciò ha permesso di evidenziare: l

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

STRATEGIE DI MODIFICAZIONE ED INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO. Leone Elisa Educatrice professionale

STRATEGIE DI MODIFICAZIONE ED INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO. Leone Elisa Educatrice professionale STRATEGIE DI MODIFICAZIONE ED INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO Leone Elisa Educatrice professionale STRATEGIE DI MODIFICAZIONE DEL COMPORATMENTO Le strategie a cui si fa maggiormente riferimento per l acquisizione

Dettagli

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Dott.ssa Gazzi Mara Psicologa dell'età Evolutiva e della psicopatologia dell'apprendimento Esperta in Neuropsicologia Clinica ADHD

Dettagli

OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI

OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI V ia M ai o cch i 27 M ilan o V i a D ioniso tti 1 2 V ercelli R af f ael la F ag g i o l i Psico l o g a Psi co terap eu ta E d u catri ce Pro f.l e I scr. A lbo

Dettagli

Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria?

Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria? Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria? Francesca degli Espinosa Valentina Bandini Elena Clò L autismo Un bambino su 100 (Baird 2006) si presenta con una sintomatologia

Dettagli

Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE BAMBINI CON AUTISMO

Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE BAMBINI CON AUTISMO DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Centro Territoriale per l Integrazione Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Corso di formazione per insegnanti PREMESSA: Analisi comportamentale applicata (Applied

Dettagli

Le tecniche di educazione speciale

Le tecniche di educazione speciale Le tecniche di educazione speciale P.Venuti Laboratorio di Osservazione e Diagnostica FunzionaleDISCoF- Università di Trento www.odflab.unitn.it Progetto di formazione I disturbi dello spettro autistico

Dettagli

L intervento neuropsicomotorio nei bambini con autismo

L intervento neuropsicomotorio nei bambini con autismo Pinerolo, 20/11/2015 L intervento neuropsicomotorio nei bambini con autismo Donatella Elia, Marianna Cometto TNPEE, C.A.S.A. Centro Autismo e Sindrome di Asperger, Mondovì Parleremo di Cornici metodologiche

Dettagli

America (1900) Approccio comportamentale FATTI. Scienza/Filosofia

America (1900) Approccio comportamentale FATTI. Scienza/Filosofia Lucia D Amato America (1900) Approccio comportamentale FATTI Scienza/Filosofia John B. Watson (Stimulus-response) Thorndike (Riflessioni sulla Legge del Rinforzo) B. F. Skinner (1938) - Legge del Rinforzo

Dettagli

L AUTISMO VIAGGIA IN TANDEM. Dott.ssa Lorenza Fontana Coordinatore pedagogico del Centro per l autismo di Novara

L AUTISMO VIAGGIA IN TANDEM. Dott.ssa Lorenza Fontana Coordinatore pedagogico del Centro per l autismo di Novara L AUTISMO VIAGGIA IN TANDEM Dott.ssa Lorenza Fontana Coordinatore pedagogico del Centro per l autismo di Novara Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA 1 MATEMATICA in MUSICA PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA INTRODUZIONE PERCHÉ MATEMATICA E MUSICA? La maggior parte degli adulti ha rimosso da lungo tempo i ricordi relativi al

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Relatrice: Jessica Sala jessica.sala.lc@istruzione.it IL MENÙ DI OGGI 1.Visione corto-animato «Mon petit frére de la lune»

Dettagli

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Carta dei Servizi sede operativa via Roma, 36 SPINADESCO edizione luglio 2013 SOMMARIO CARTA DEI SERVIZI pag. 1 Dove siamo 06 2 Informazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO AUGUSTA BAGIENNORUM BENE VAGIENNA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO. PRESUPPOSTI PEDAGOGICI L Istituto Comprensivo di Bene Vagienna favorisce ormai da anni l

Dettagli

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Piazza della Libertà, 14 88056 TIRIOLO (Cz) Tel. 0961.991018 Fax 0961.024807 Cod. Mecc: CZIC86500R Cod. Fisc. 80004080794

Dettagli

La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico. A.

La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico. A. Individualizzare la formazione La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico I Protagonisti Formare in rete La famiglia

Dettagli

Dott.ssa Lorenza Fontana

Dott.ssa Lorenza Fontana Dott.ssa Lorenza Fontana Nonostante l aula fosse il posto più tranquillo della scuola, continuavo ad avere difficoltà ad ascoltare la maestra. Scivolavo in me stessa, mi dissolvevo e me ne andavo. Mi cambiarono

Dettagli

Modificare il comportamento nell ottica comportamentale: la GESTIONE delle CONSEGUENZE

Modificare il comportamento nell ottica comportamentale: la GESTIONE delle CONSEGUENZE Dipartimento di Psicologia, Facoltà di Psicologia Università di Parma Modificare il comportamento nell ottica comportamentale: la GESTIONE delle CONSEGUENZE Dott.ssa Margherita Bonfatti Sabbioni Le CONSEGUENZE

Dettagli

Disabilità e qualità dell integrazione

Disabilità e qualità dell integrazione CORSO PER DOCENTI IN SERVIZIO NELLA PROVINCIA DI VARESE Disabilità e qualità dell integrazione 3 modulo: Disturbi generalizzati dello sviluppo (sindromi autistiche) MATERIALE DIDATTICO Il lavoro abilitativo

Dettagli

L educazione strutturata

L educazione strutturata DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO SPOKE REGGIO EMILIA HUB AREA VASTA EMILIA NORD Responsabile: Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Segreteria: Tel. 0522/339038

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior. Corso Applicato

E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior. Corso Applicato E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior Corso Applicato Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA SUPERVISOR EIP Associazione Pianeta Autismo onlus L intervento

Dettagli

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 24 novembre 2015 orario 15.00-18.00

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 24 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 24 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Relatrice: Jessica Sala jessica.sala.lc@istruzione.it IL MENÙ DI OGGI 1. Breve ripresa dei concetti teorici 2. Introduzione

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

Laboratorio Psicoeducativo ABA-TEACCH Come e cosa insegnare ai bambini autistici. 06-07 Febbraio 2016

Laboratorio Psicoeducativo ABA-TEACCH Come e cosa insegnare ai bambini autistici. 06-07 Febbraio 2016 Ente accreditato dal MIUR con D. M. n. 90 del 1/12/2003, nell'elenco dei Soggetti accreditati/qualificati per la Formazione del personale della Scuola. Laboratorio Psicoeducativo ABA-TEACCH Come e cosa

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico (Terza Parte) Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico (Terza Parte) Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico (Terza Parte) Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Educazione e trattamento "Anzitutto un bambino autistico ha bisogno di amore,

Dettagli

Progetto ABA per l autismo

Progetto ABA per l autismo Progetto Paletta e secchiello... per costruire insieme una realtà diversa PREMESSA Nella zona del Vicentino, come in altri Comuni d Italia, si osserva una mancanza di risorse nella riabilitazione dei soggetti

Dettagli

L ANALISI DEL COMPORTAMENTO

L ANALISI DEL COMPORTAMENTO L ANALISI DEL COMPORTAMENTO E LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI DEI PROPRI ALUNNI Andrea Guido Psicologo, Amministratore Batti Cinque Cooperativa Sociale - ONLUS coopbatticinque@gmail.com andreaguido79@hotmail.com

Dettagli

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile Parlare della Diagnosi Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile Sarà Autismo? Il sospetto della diagnosi a volte nasce a scuola: Nelle situazioni a basso funzionamento o con gravi problemi di comportamento

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI IL CONTESTO DI RIFERIMENTO I disturbi evolutivi rappresentano patologie complesse la cui evoluzione dipende anche in maniera rilevante dal tipo di interventi abilitativi attivati nell infanzia e dalla

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Piano didattico personalizzato

Piano didattico personalizzato Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Falck n 110 20099 Sesto S. Giovanni (MI) Telefono: 02 36 57 471 Fax: 02 36 57 47 36 E-mail: segreteria@comprensivodante.it

Dettagli

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico.

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico. INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA Esperienza di didattica con un bambino autistico. PROGETTO DI VITA INCLUSIVO l offerta formativa realmente inclusiva è data dalla speciale normalità che si può definire

Dettagli

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO COGNITIVA GIOCO B) APPRENDIMENTO LAVORI A TAVOLINO. insegnamento di attività da eseguire successivamente in modo indipendente, che comprende attività come descritto prima. Si lavora anche su attività da

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO III ROSSANO Scuola Primaria PROGETTO DI LABORATORIO ESPRESSIVO ARTE E MANUALITA

ISTITUTO COMPRENSIVO III ROSSANO Scuola Primaria PROGETTO DI LABORATORIO ESPRESSIVO ARTE E MANUALITA ISTITUTO COMPRENSIVO III ROSSANO Scuola Primaria PROGETTO DI LABORATORIO ESPRESSIVO ARTE E MANUALITA allegato al Piano annuale di inclusività per alunni con Bisogni Educativi Speciali: IN QUESTA SCUOLA

Dettagli

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi Il servizio Home Autismo basa il suo intervento sui principi e approcci educativi del programma

Dettagli

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana Dr. Lucio MODERATO Psicologo - Psicoterapeuta Direttore Servizi Diurni

Dettagli

Aspetti organizzativi e scelte di indirizzo scientifico nell intervento psicoeducativo con i disturbi dello spettro autistico

Aspetti organizzativi e scelte di indirizzo scientifico nell intervento psicoeducativo con i disturbi dello spettro autistico Aspetti organizzativi e scelte di indirizzo scientifico nell intervento psicoeducativo con i disturbi dello spettro autistico Forlì 8/5/2008 Enrico Micheli Laboratorio psicoeducativo Con questa relazione

Dettagli

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 Definizione dell adhd (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) L ADHD è un disordine dello sviluppo neuropsichico dello studente caratterizzato da incapacità a mantenere

Dettagli

A.S.: 2011/2012: 1. attività individuali per l acquisizione delle strumentalità di base per il miglioramento delle abilità comunicative e di

A.S.: 2011/2012: 1. attività individuali per l acquisizione delle strumentalità di base per il miglioramento delle abilità comunicative e di Il percorso si propone di favorire lo sviluppo delle abilità comunicative, relazionali e sociali che permettano l integrazione nel territorio di un alunno, Mimmo, iscritto alla classe quinta presso la

Dettagli

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def. Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.pdf Istituto Superiore di Sanità Organo tecnico del Ministero

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico

Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico LE RAGIONI DELLA PROPOSTA L intento di promuovere un percorso di formazione è nato all interno dell esperienza

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

Simona Mencarini Psicologa

Simona Mencarini Psicologa Simona Mencarini Psicologa COMPORTAMENTI PROBLEMA Con il termine Comportamenti problema (Challenging behaviour CB) si riferisce a un comportamento di tale intensità, frequenza o durata che la sicurezza

Dettagli

La Promozione della Salute e lo sport

La Promozione della Salute e lo sport La Promozione della Salute e lo sport Dott.ssa Chiara Tunini, Referente Pedagogico, Ass 2 Isontina Gorizia Festa dello Sport Monfalcone, 30 maggio 2009 1 La SALUTE è un bene di tutti! SALUTE applicare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA B. AGAZZI PRONTI PER APPRENDERE PROTOCOLLO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DI DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

SCUOLA DELL INFANZIA B. AGAZZI PRONTI PER APPRENDERE PROTOCOLLO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DI DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/69 05 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it codice fiscale: 80012010346

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Scuola dell Infanzia San Francesco

Scuola dell Infanzia San Francesco Scuola dell Infanzia San Francesco 1 PROGETTO ACCOGLIENZA FINALITA L obiettivo del progetto è di rendere piacevole l ingresso o il ritorno a scuola dei bambini, superare quindi serenamente la paura della

Dettagli

Toccare per conoscere ed imparare

Toccare per conoscere ed imparare MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON ORIONE VIA FABRIANO 4 20161 MILANO Tel 02/6466827-45475308 Fax

Dettagli

Autismo Caratteristiche

Autismo Caratteristiche Autismo Caratteristiche Flavia Caretto Psicologa Psicoterapeuta Modena 6 ottobre 2012 una persona vera Il mio modo di essere era completamente incomprensibile agli occhi di chi mi circondava. Toccavo continuamente

Dettagli

Analisi del Comportamento Applicata ai disturbi dello Spettro Autistico

Analisi del Comportamento Applicata ai disturbi dello Spettro Autistico Analisi del Comportamento Applicata ai disturbi dello Spettro Autistico Elena Clò, BCBA Pane e Cioccolata Associazione Culturale per Comune di Bologna Ottobre-Novembre 2015 Programma degli incontri 29

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

ABA: STRATEGIE D INTERVENTO NELLA SCUOLA. Lucia D Amato, MA, BCBA

ABA: STRATEGIE D INTERVENTO NELLA SCUOLA. Lucia D Amato, MA, BCBA ABA: STRATEGIE D INTERVENTO NELLA SCUOLA Lucia D Amato, MA, BCBA Autismo: I Numeri Un bambino su 100 (Baird 2006) si presenta con una sintomatologia nello spettro autistico Sotto diagnosticato in Italia,

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO ENTE: CENTRO STUDI ERICKSON PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI (DM 177/00 - Direttiva 90/03) Periodo II Quadrimestre 2009/2010

Dettagli

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Dott.ssa Giada Barbi Perchè ci servono tecniche specifiche? Secondo la prospettiva comportamentale, l'autismo è una sindrome caratterizzata da carenze

Dettagli

Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach

Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach Elena Clò Analista del Comportamento, BCBA Team Teach intermediate tutor Bologna, 26 marzo 2015 Disturbi dello spettro

Dettagli