STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA"

Transcript

1 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria conserviera

2 338; f (( s r a)((,"?) ~ ~(.V({:) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3,---- STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA ::::: - Industria aimentare in compesso - Industria conserviera ~ v 400/74-1 O.~-

3 SORIS s.p.a. Studi e ricerche [J~ di Economia e Marketing Indagine svota per incarico dea Commissione dee Comunità Europee Direzione Generae IV Concorrenza Gruppo d i avoro SORIS: Piera Baiano Giovanni Bertene Franco Guaschino Renato Lanzetti 72.66

4 Evouzione dea concentrazione da1962 a1971 ne'industria aimentare itaiana vo. Industria aimentare in compesso

5 I n d i c e pag. 1. L'industria aimentare itaiana 1.1. Definizione de settore 1.2. L'importanza reativa de settore aimentare ne'industria itaiana 1.3. Addetti, imprese 1.4. Locaizzazione 1.5. Produzione, investimenti, vaore aggiunto 1.6. Massa saariae r c 1.7. Rapporti de'industria aimentare a monte e a va e 1.8. Commercio estero 1.9. Investimenti esteri, partecipazioni statai e gruppi finanziari e tipoogia de mercato Pubbicità "Mercati" e quote di mercato Evouzione dei processi di concentrazione ne'industria aimentare ne periodo Premessa 2.2. Anaisi degi indici di concentrazione di Linda 2.3. Anaisi dei coefficienti di concentrazione 2.4. Considerazioni concusive 3. Procedimenti di stima di acune variabii di settore ALLEGATO 1 - Schede reative ad acune imprese mutinazionai operanti in Itaia ne settore ~imentare 83 ALLEGATO 2- Tavoe e grafici 131

6 L'industri~ aimentare itaiana 1.1. Definizione de settore I settore oggetto di anaisi è 'industria aimentare ne suo compesso, ad escusione dea produzione di bevande acoiche, anacoiche e de tabacco. Secondo a cassificazione ISTAT dee attività economiche, viene quindi a comprendere i seguenti sottosettori: industria moitoria e dea pastificazione industria dociaria industria conserviera industria attiero-casearia industria oearia industrie aimentari varie (compresa saccarifera). Pur raggruppate nea stessa categoria e produzioni dei sottosettori presentano caratteristiche tecniche, produttive e di mercato sovente differenti tra oro che ne consigierebbero a trattazione in modo separato. Quindi a seguente anaisi, pur considerando 'industria aimentare ne suo compesso, si articoerà, ai vari ivei di indagine, in un esame dee caratteristiche specifiche dei singoi sottosettori L'importanza reativa de settore aimentare ne'industria itaiana Ne'ambito de'economia nazionae 'industria aimentare riveste un significativo ruoo per quanto concerne a struttura de consumo. Ne nostro paese difatti a quota spettante ai generi aimentari su totae dei consumi privati è anormamente ata rispetto a quea di atri paesi a simie Ìveo di sviuppo. In tae quota a parte spettante ai prodotti de'industria aimentare manifesta un trend crescente, anche se inferiore ae ''aspettativc'' (tavoa seguente):

7 -2- CCJ-.JSU: 11 ALI~~ENTARI -Vaore in miiardi di ire correnti C:.71 TOTALE a DI UJI: - Prodotti aim. nd. (In percentuai) 51,15 5\,43 55,33 FONTE: ISTAT Eaborazione SORIS Va considerato a questo punto che i contrapporsi,ad una domanda aimentare in netta espansione,di una rigidità nea offerta e da parte agricoa e per certi versi da parte industriae è da annoverarsi tra e cause principai dei feno meni infattivi, con e ripercussioni de caso su costo di riproduzione dea forza-avoro, e SU'ampiamento de deficit commerciae che hanno caratterizzato gi utimi anni dea vita economica itaiana. A questa posizione "chiave" de'industria aimentare ne compesso dea economia itaiana per i dupice e congiunto ordine di motivi, fa riscontro un peso rievante de set tore ne'insieme de'industria manifatturiera. Risuta infatti che ne periodo 'industria aimentare passa da 7,4% a 6,08% degi occupati su totae dee manifatturiere. Per quanto riguarda i vaore aggiunto i settore aimentare ha eggermente aumentato a sua incidenza su totae manifat turiero, passando da1'8,0% de 1962 a'8,25% de L'evouzione degi investimenti annui de settore porta a oro incidenza da 3,1% a 4,9% sempre su totae de'industria manifatturiera.

8 -3- A'interno de settore e diverse sottocassi rivestivano e rivestono i seguente peso (vedi tav.seg.),da cui sirieva a maggior dinamica e 'irrobustimentom termini occupazionai dea sottocasse dociaria e conserviera con una diminuzione rievante dea oearia e soprattutto dea moi tori a. PES(J "DELLE SOTIOCLASSI SUL TOTALE DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE OCCUPATI VALORE AGGIUNTO FATIURATO INVEST IMENT MOLITORIA , ,33 20,3 21,35 5,3 19,1 DOLCIARIA 14, fjj 18,55 25,6 23,20 15,4 13,61 12,7 14,7 CONSERV ERA 26,08 27,51 27,1 29,64 22, W 21,6 9,6 CASEARIA 9,11 9,60 12,3 9,68 13,8 12,30 6, fi 3,3 OLEARIA 10,98 8,26 4,1 6,12 8,8 10,23 12,7 10,2 VARIE 8,17 9,12 18,4 16,03 19,4 15,54 40,6 42,7 TOTALE 100,00 100,00 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 NOTA: FONTE: vaori reativi a vaore aggiunto e fatturato non sono direttamente confrontabii in quanto cacoati reatjvamente ae Imprese con più di 50 addetti per I 1962 e con più dj 20 addett t per i 1971 ISTAT, Annuario Statistiche Industriai

9 Addetti, imprese Una vautazione precisd de numero degi occupati ne settore è resa difficie daa presenza di numerose avorazioni a carattere discontinuo: è quindi rievante i fenomeno de a stagionaità. Secondo informazioni sindacai, in mancanza di una stima più precisa resa impossibie per 'assenza di dati in proposito, a stagionaità riguarda i 20% dea manodo pera de settore aimentare. Confrontando i da ti censuari e 1 971, rieva ti in un periodo di bassa avorazione e che escudono,in inea di massima i avoratori stagionai,si manifesta un trend decrescente ALIMENTARI BEVANDE ALIMENTARI-BEVANDE F<J.JTE: ISTAT L'evouzione de numero di addetti a'industria nazionae pr2 duttrice di beni aimentari si è così manifestata negi anni da 1962 a 197i (vautando 'incidenza degi stagionai): OCCUPATI NELL'INDUSTRIA ALIMENT A.qf :) g70 1~ FONTE: ISTAT e Ministero de avoro - Dai dati riportati nea tav. precedente emerge che i settore nonostante 'evouzione de consumo aimentare verso prodotti di trasformazione industriae e gi interventi di riorganizz~ zione economico-finanziaria. di cui pareremo in seguito, dimo stra una scarsissima dinamicr occupazionae. Caratteristica de settore aimentare è 'estrema pover~zzazione dea produzione in numerose unità di piccoe dimensioni; vedis..mo difntti che ét 'interno dee sottocassi si è mn

10 ADDETTI (1) Ne censimento 1971 gi scagioni arrivano sino a 1 unt~ Inferiore aa decina es.:6-9j10-49 ecc. N (1) " 10,83 14,70 7,52 21,77 9,10 22,23 7,05 6,80-100,0 ~ TAV. 1 UNITA' LOCALI E ADDETTI NE SETTORE ALIMENTARE CENSIMENTO 1961 E 1971 UNITA' LOCALI CLASS ADDETT (1) 1961 N. " N. " N. " FINO A DA 3 A DA 6 A DA 11 A DA 51 A DA 101 A 500 3'Z3 DA 501 A OLTRE SENZA ADDETT 131 TOTALE , , , , , , , , , , , , , , , , , ,88-100, , , , , , , , , , ,

11 !, VARIE } Q\ TAV. 2 NUMERO UNITA' LOCALI PER CLASSI DI AMPIEZZA CENSIMENTO 1971 E 1961 MOLITORIA DOLCIARIA CONSERVIERA - CASEARIA OLEARIA FINO A 2 DA 3 A 5 DA 6 A 9 DA 10 A 19 DA 20 A 49 DA 50 A 99 DA 100 A 249 DA 250 A 499 DA 500 A 999 OLTRE I.QT!~ SENZA ADDffi TOTALE } } } } : ' } } } } } } FONTE: fstat

12 OLEARIA ,58 46,23 37,50 34,58 9,41 6,76 3,01 3, 54 0,30 0,28 o, 15 0,31 0, ,05 a, 16 48,58 45,23 86,08 80,81 95,49 87,67 98,50 91,21 98,80 91,49 98,95 91,80 98,95 91,84 98, ,00 100,00 VARIE ,04 32,14 27,39 25,80 14,33 13,11 18,51 19,71 4,67 3,77 4,87 3,64 1,07 o, 19-0,06 0,12 1,48 29,04 32,14 56,43 57,94 79,76 71,05 89,27 90,76 93,94 94,!_.;3 98,81 98,27 99,88 98,46 99,88 98,52 100,00 100, TAV. 3 DISTRIBUZIONE PERCENTUALE UNITA' LOCALI SECOODO CLASSI DI AMPIEZZA MOLITORIA DOLCIARIA C(}.ISERVIERA CASEARIA CLASSI ADDETTI FINO A 2 63,92 60,66 40,48 44,75 36,8 39,7 39,77 39,12 DA 3 A 5 25,97 29,45 31,44 29,28 22,8 21,0 36,60 29,71 DA 6 A 10 5,96 5,44 12,93 10,17 14,0 12,4 11,32 10,91 DA 11 A 3) 3,48 3,47 11,45 11,62 18,5 19,8 9,59 15,64. DA 51 A 100 0,38 0,37 1,60 1,16 3,8 2,7 1,45 1, 56 DA 101 A 500 0,19 0,14 1, 70 1, 59 3, 7 2,3 0,77 1,45 DA 501 A ,02 0,03 0,26 0,30 0,1 0,2 o,o8 0,11 OLTRE ,03 0,12 o, ,03 - SENZA ADDETTI o,o8 0,40-0,95 o, 3 1, 9 0,39 1,40 OJMULATIVA FINO A 2 63,92 50,56 40,48 44,75 36,8 39,7 39,77 39,12 DA 3 A 5 89,89 90,11 71,92 74,0~ 59,6 60,7 75, 'S1 58,83 DA 6 A 10 95,85 95,55 84,87 84,20 73,6 73,1 87,69 79,84 DA 11 A 50 99,33 99,02 96,32 95,82 92,1 92,9 97,28 95,48 DA 51 A ,71 99,39 97,92 96,98 95,9 95,6 98,73 97,04 DA 101 A ,90 99,~ 99,62 98,01 99,6 97,9 99,50 98,49 DA 501 A ,92 93,57 99,88 98,87 99,7 98,1 99,58 98,60 OLTRE ,60 100,0 99,05 99,7 98,1 99,61 98,60 SENZA TO.TALE 100,00 100,00 100,0 100,00 100,0 100,0 100,00 100,00 FONTE: 1ST AT

13 OLEARIA f3S } } VARIE = TAV. 4 NUMERO ADDETTI PER CLASSI DI AMPIEZZA DELLE UNITA' LOCALI CENS MENTO 1971 E 1961 MOLITORIA DOLCIARIA COf-JSERV ERA CASEARIA t FINO A 2 DA 3 A 5 DA 6 A 9 DA 10 A 19 DA 20 A 49 DA SOA 99 DA 100 A 249 DA 250 A 499 DA 500 A 999 OLTRE TOTALE } } } } ~ ; } ' } } } BiO , : } } V _ FONTE: tst AT

14 OLEARA ?1 17,7 16,2 37,3 31,0 17,6 11,3 14,7 15,8 5,5 4,6 7,2 16,4 4, ,7 16,2 55,0 47,2 72,6 58,5 87,3 74,3 92,8 78,9 100,0 95,3-100, ~. 7 4,0 4,0 14,8 12,7 36,4 26,4-1, 7 5,7 9,7 24,5 'S,2 73,6 100,0 - VARIE ,S 5,3 5,1 21,8 15,0 38,6 5,8 5,8 2,G 7,9 13,0 34,8 49,8 88,4 94,2 100,0. \C TAV. 5 OISTRIBUZI~E PERCENTUALE DEGLI ADDETTI SECOODO L'AMPIEZZA DELLE UNITA' LOCALI MOLITORIA DOLCIARIA CONSERV ERA CASEARIA CLASSI ADDETTI FINO A 2 26,0 24,9 DA 3 A 5 24,9 28,9 ; D J~ 10 11,5 10,3 :A : "' ~ 19,8 18,8 DA 51 A 100 6,9 7,0 DA 101 A 500 8,2 7,_8 DA 501 A ,7 0,9 OLTRE ,4 OJ'I'~LAT VA F~-!0 A 2 26,0 24,9 DA 3 A 5 50,9 53,8 DA 6 A 10 62,4 64,1 DA 11 A 50 82,2 82,9 DA 51 A ,1 89,9 DA.,01 A ,3 97a7 DA 501 A ,0 98,6 OLTRE ,0~ - 4,5 4,9 3,0 3,8 8,1 5,6 8,2 7,6 4,5 5,.4 16,2 9,9 6, 7 5,0 5,6 6,1 10,0 7,1 16,6 16,0 21,9 27,9 23,7 28,3 7,8 5,6 14,4 12,5 11,4 9,8 23,9 23,2 38,3 29,9 19, ,7 13,8 4,3 8,6 6, ,6 23,9 8,0 5, 5 4,0-4, 5 4,9 3,0 3,9 8,1 5,6 12,7 12,5 7,5 9,3 24,3 15,5 19,4 17,5 13,1 15,4 34,3 22,6 36,0 33,5 35,0 43,3 58,0 50,9 43,8 39,1 49,4 55,9 69,4 60,7 67,7 62,3 87,7 85,8 89,2 90,4 79,4 66,1 92,0 94,5 96,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 - FONTE : 1ST AT

15 - 10- Nonostante un certo processo di rafforzamento dee cassi di am piezza superiore (marcato soprattutto nei settori più dinamici). i settore resta composto da piccoe unità: ma nea maggior parte dei casi non si tratta di un fenomeno patoogico, in qua~ to e dimensioni di un'unità produttiva che produca a più basso costo unitario, ne settore aimentare sono in genere moto più ridotte che in atri settori. Questo è dovuto e aa sempicità dei processi produttivi che, in genere, non permettono grosse economie di scaa e aa necessità di ocaizzazione frammentata e dispersa per i processi di fornitura dee materie prime agricoe. La frammentazione diviene patoogica nei confronti de mercato di sbocco dei prodotti e de processo di commerciaizzazione. Purtroppo non sono ancora disponibii i dati di impresa che potrebbero indicare megio i mutamenti strutturai de setto re. In mancanza di atri dati che consentano di apprezzare 'eventuae mutamento strutturae verificatosi tra i 1961 ed i 1971 si è costretti a svogere una serie di considerazioni a iveo di imprese basandoci sui dati de Caratteristi ca de settore è a dispersione in un eevato numero di azien de (vedi tav. 6). Risuta evidente che: i 92/o dee imprese raccogie i 34,6% degi addetti ' 8% dee imprese concentra i 65,4% degi addetti. E' rievantissima a presenza di imprese artigiane e di impr~ se di modeste dimensioni. Nee sottocassi produttive si presentava a seguente situazione: n. imprese (di cui) arti gian~ * moitoria * dociaria * conserviera * casearia * oearia * atre

16 -I- TAV. 6 CENS!MENTO IMPRESE NEL SmORE ALIMENTARE PER CLASS D ADDETT IMPRESE ADDffi CLASS ADOETT N. % % CUMULATE N. % % CUMULATE ,30 5:5, ,95 10, ,06 83, ,91 25, ,95 92, ,80 34, ,97 98, ,89 51, ,86 99, a, 13 59, ,74 99, ,42 79, ,07 99, ,26 85,56 OLTRE o,os 100, ,44 100,00 TOTALE , ,00 DI CUI: - Artigiane , ,95 - Industri at , ,05 ADDETT PER IMPRESA - Totae Imprese artigiane 2,56 - Imprese Industriai 24,63 FONTE: ISTIT,Eaborazion SORIS

17 - 12- Le imprese artigiane occupavano nei dirjersi comparti: * moitoria , cioè i 51,3% dei addetti * dociaria " 14,4i~ " addetti * conserviera n 7,4% " addetti * casearia I 19,4% I addetti * oearia " 48,0% I addetti * atro " 4,4% I addetti Le imprese con più di dieci addetti erano distribuite nee varie sottocassi ne modo seguente: * moitoria con addetti * dociaria I * conserviera " * casearia " I * oearia * atro I L'estrema poverizzazione de settore rende pressochè impossibie a determinazione dea serie storica de numero di impr~ se operanti ne'industria aimentare. A 1971, comunque, da informazioni ottenute presso e associazioni di categoria,si ricava una vautazione approssimativa di circa tre-quattro mia imprese industriai. Una vautazione simie (3.881 imprese) si ricava da un procedimento di stima basato su'assunzione di stabiità ne ive o di concentrazione economica tra i 1961 ed i 1971, assunzi~ ne suffragata,de resto, daa constatazione che è moto imitato i numero di imprese, anche a iveo dee maggiori, che operano con un numero consistente di unità ocai.

18 - 13- Vediamo infatti che ne 1971, 43 maggiori imprese operano con 120 stabiimenti, di cui 62 sono concentrati da 11 imprese, A diminuire dee dimensioni di impresa, si deinea una sostanziae identità tra impresa ed unità ocae. Può quindi dare un certo affidamento 'ipotesi di una sostanziae stabiità de numero di imprese de settore aimentare ne periodo considerato. Da tai rievazioni parziai e dae indicazioni quaitative emerse ne corso dei cooqui con e associazioni di categoria emerge che 'attuae consistenza de settore non ha subito modifiche di riievo, pur scontando un eevato turn-over di imprese di piccoe dimensioni. Pertanto si può ragionevomente fissare in circa i numer~ di imprese con più di 10 addetti attuamente operanti ne s~ttore.

19 Locaizzazione La ocaizzazione dee unità ocai operanti ne'industria aimentare (escudendo e bevande) è cosi distribuita per re gione (vaori assouti): CENS t MENTO 1971 UNITA' ADDETTI REGIONI ADDETII LOCALI UNITA' LOCALI P EMOOTE ,9 VALLE D'AOSTA ,3 L< 1BARO A ,5 VENETO a, o TRENTINO ,9 FRIULI ,8 EMILIA a, 1 TOSCANA ,1 LIGURIA ,9 UtJSRIA ,8 MARCHE ,3 ABRUZZ ,2 MOLISE ,1 LAZIO ,1 CAMPANIA ,4 PUGLIA ,8 BASILICATA ,2 CALABRIA ,4 SICILIA ,2 SARDEGNA ,3 FONTE: ISTAT Eaborazione SORIS

20 - 15- Gi occupati ne'industria aimentare costituiscono nee varie regioni a seguente percentuae de totae degi occupati ne'industria manifatturiera: ~ ADDETTI ALL 1 INDUSTRIA ALIMENTARE SU TOTALE ADDETTI ALL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA PIEMONTE 3,67 VALLE D'AOSTA 4,46 LOMBARDIA 4,?>7 VENETO 5,09 TRENT!NO 6,29 FRIULI 5,17 EM (i A 9,61 TOSCANA 3,98 LIGURIA 6,07 UMBRIA 12,64 MARCHE 5,17 ABRUZZI 11,10 MOLISE 24,68 LAZIO 7,10 CAWANI A 10,33 PUGLIA 11,27 BASILICATA 13,94 CALABRIA 19,44 SICILIA 10,93 SARDEGNA 12,46 TOTALE ft ALI A 6,08 FONTE: ISTAT Eaborazione SORIS

21 - 16- La tavoa successiva ci indica a percentuae di addetti a'industria aimentare occupata in ciascuna regione e su totae de settore e per e singoe sottocassi produttive: OISTRIBUZ ene ~ DEGLI ADDETT ALL'INDUSTRIA ALIMENTARE PER REGICJ H - CENSIMENTO mlitoria DOLCIARIA CONSERVIERA CASEARIA OLEARIA VARIE TOTALE PIEMONTE VAL D'AOSTA LOMBARDIA VENETO TRENTINO FRUL EMILIA TOSCANA LIGURIA UMBRIA MARCHE ABRUZZI MOLISE LAZIO CAWANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ~ 6,95 20,06 7,30 7,43 2,03 5,39 0,14 0,22 0,05 0, ,22 33,78 23,43 34,53 7,12 21,92 7,05 6,74 9,20 6,53 3,70 13,64 1,96 0,62 1,16 2,35 0,17 0,87 2,36 1,97 2,74 2,72 0,36 1,50 13,54 4,35 21,08 11,54 3,07 22,67 8,11 4,39 4,21 2,55 7,21 3,29 2,57 5,54 1,65 1,17 5,05 2,21 2,39 7,34 0,74 0,331 0,98 3,_72 3,37 o,or 1,53 0,96 2,31 4,18 2,84 1,32 0,92 0,85 4,94 3,76 1,03 0,12 0,12 1,12 1,82 0,44 5,24 2,65 6,12 8,37 5,49 5,49 7,62 3,97 11,87 7,70 6,26 3,09 7,BO 1,66 2,87 4,48 21,95 2,Q 1,41 0,09 0,14 0,55 2,29 1,23 3,02 o,.u 1,16 1,69 11,57 0,77 7,99 3,10 2,8.6 1,50 11,42 2,15 3,28 0,81 0,76 3,37 2,14 1,08 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 8,98 0,15 21,64 7,86 1,28 2,18 13,68 ~,30 2,91 2,66 2,12 2,10 0,63 5,54 7,59 5,67 0,79 2,41 4,76 1,84 100,00 FONTE: ISTAT Eaborazione SORIS

22 Produzione, investimenti, vaore aggiunto In vaore a produzione come fatt,_rato ordo de'industria ai mentare nazionae negi anni de 1962 a 1971 ha manifestato a seguente evouzione: FATnJRATO COMPLESSIVO DELL'INDUSTRIA AUMENTARE ANNI Mi<I'JI DI LIRE ~ s. 91 o INDICE ,6 119,6 137,8 149,5 152,7 161,1 174,3 190,0 206,9 FONTE: ISTAT,Eaborazfone SORIS I vaori dea produzione su riportati vanno cons1derati a ordo degi scambi infrasettoria i: compre:1dono infatti i vaore di prodotti come a farina, o zucchero ecc. che dae imprese moitorie e saccarifere passano a quee dociarie. Abbiamo visto come a'interno de'industria aimentare possono essere individuati diversi tipi di produzione cassificabii in 6 grandi comparti. Anaizzando a diversa consistenza ed i dinamismo dei comparti, si rieva che 'evouzione dea produzione in vaore e in qua~ tità ha presentato andamenti difformi per e varie sottocassi (vedi tavoa 7 e 8).

23 - 18- Lo sviuppo dea produzione si è attuato ad un tasso infe:riore a queo dea domanda interna apparente (produzione - esportaziq ne + importazione) portando ad un aumento dea quota dea doman da interna soddisfatta con prodotti di importazione. DINA~., CA APPARENTE 11\'Tffi'~A DEL CONSU~~O (Vaore in III!IIon di ire correnti) CONSUMO APPARENTE S 3.900,08( ( 5.209,43" , 'INDICE ,3 123,1 140,2 152,1 155,3 163,9 179,7 195,7 212,6 %DI IMPORT AZ. SU 2,90 6,25 4,89 ~,77 3,62 4,06 3,97 5,26 5,67 6,47 DOMANDA INTERNA FONTE: ISTAT,Eaborazione SORIS Ao stesso tempo è rimasta costante a quota di produzione e sportata,pur in un periodo di espansione de mercato internaziq nae, come vedremo più dettaqiamente in seguito. QUOTA DI PRODUZIONE ESPORTATA (Percentuae) g;'1 3,70 3,41 3,09 3, 1~ 2,99 3,49 3,35 3,41 3,56 3,t;()!! ----~--.--

24 o \Q TAV'.. 7 PRODUZIONE DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE PER SOTTOCLASSI (Quantità in tonneate) MOUTORIA LATTIERO-CASEARIA SACCARIFERA DOLCIARIA CONSERVE VEGETALI CONSERVE AN MALI CONSERVE ITT CHE ESTRATTI E AFFINI OLEARIA r ~ ' " ~ o FONTE: Ministero de'industria N.B.:I dati si riferiscono aa produzfone compessiva dee varie sottocassf

25 N, , ,0 734,966 23, ,1 7B6.:ZC6 :ZC, ,0 SOQ,65B 9, ,3 S79,S76I 1oo,o 93,454 16, , , , s, 5 108,6&7 18,8 N, ,0 776,16& 22,.. 476,566 13, , ,o ,9 542,835 15,7 &A O, ,0 101,866 15,9 146,350 22, ze,& ' ,3.,. g:,s 6, ,5 N, 1971 T,t,A,t. 1902/ 1= ,!~ 7, ,5' ' ~ 1.Q5.C.B93 25,9i.. 10,9 48.C?S6 12,30 9, ~2 1':1,2!.. 7, ,54 5, ,00 6, ,3!1.10,2 1~...;:'.. ~. s.~ o10,'..., ,,4 10,<j!.,4.. ~..,t ~ '3,3 t,: &e.11,0. '' 5 69.to5 9,01: 7 '. ; o.~~ CJ,?. J.~ 1U.e78,15.,0! + 9,0.,~,.t ,0.,..2.&,:. ~ = T, FA!1\!!!TO E 'IAUIRE AG&IIffO Na.L 1 1N16111A A!,!!9f!o\R(!196!:19101 IYaor 111 on di ire) S ~ I. N, I, I, I. N, " N, ~... 1, J. A.!.eotaf"e 1u :t.~ae e :,)e"yat'de)....: ~orj e ::- tfc. - Go.:.aria i.. (to,h~v - tu~irfa - Oe.. -i - &! ~~Mtv vv'ie 1, ,0 :ZC7,975 20,9 180,,18 15,2 260, , ,,2 1oo.2eo a, 2: , 1,' , , , 3 297,676 19,0 207.'O 15,' 2S , ' 22, s ,8 18S.:ZC2 13, :50 13,4 118,91' 8, :50 10, , ~ 18, ,0 1, C...O 32C,663 20, :50 19,4 266,639 16,4 292,292 16,7 m.:zco 23, :!, 1 2',71S 14, ,. 1S.O:ZC 9, , ,5 S '1,1 1, , , , ,880,7,.t24 100, ,8,., 18, ,7 'B , s so , ,,.. 151,749 16,9 ' , , ,0 17,o 695,772 23,8 18,2 398,352 13,6 25,0 718,163 :ZC,5 13, ,9 7,9 2:50,158 8,5 18,2 519,198 17,7.t.!.,,'.;(dt,TQ... 1:~; ~~!! ~\==: nct J...,.o: 1 ~ora - t>o r.. c,.,:...,~._.,... C tra 1 - ).,~. ia....i ~\v..,arie ,4 50.~ 25, , ,4!'.127,,7 31,268 16, ,5 ' ,2 60,811 25,6 81, 56 28,5 6t,282 27,1 78,059 27, ,3 35,005 12, s ,1 12,205 ' ' 43."' 18, ,4,3, '1,BBO 1CX. 42.3U 13,5 42,921 12,5 89,172 28, ,1 77.S:ZC :zc,& eo.&' 23,6 sa , ,2 14,985 4, ,1 51,099 16,3 66,'2 19,5 563, :50 80, ,.,749 76,'8 100 sa&.$29 12,1 44,212 28,3 10S.:ZC7 22,0 90,673 12,5 46,686..,1 1.t,959 21,0 84, ,0 11,4 27,2 23,5 12,1 3,9 21, ,0 84,,09 16,3 119,794 23,1 1' ,0 51,242 9,9 28,493 :1,5 99,493 19,2 ()IE: ~dagin ISTAT au V.&, :,S. : dn sino e 1967 si rfors~ eo oopreae con j>ù di :50 a-\\1 de 1?~7 In poi ai rferaeono ae oopr con p di 20 adde\u

26 - 21- I fusso annuo a1 inve~t1menti tare ha avuto i seguente andamento: d1retti verso -'1nctustr1a a11me INVESTIMENTI FISSI -Miioni ire- ANNI ALIMENTARI FONTE: Confederazione Generae de'~ dustra Itaiana Contemporaneamente 'evouzione de vaore aggiunto è avvenuta ne modo indicato daa tavoa seguente, portando ad un aumento de.!_ a percentuae di V.A. su vaore de fa t turato, segno di una tende~ za, seppur enta, a tipi di produzione meno tradizionai e più compessi. VALORE AGGIUNTO NE 1 1NDUSTRIA ALIMENTARE (Vaore miioni di tre correnti) VALORE AGGIUNTO & ~ INDICE 1962 u ,7 131,2 152,4 104,2 174,3 VAL. AGG./F AT " 15,60 16,12 17,08 17,21 17,09 17,75 F'JTE: ISTAT Eaborazione SORIS t ? ~ ,1 205,1 224,8 2 17,2 17,88 18,31 18,46 18,65 -

27 f>. Nassa sa ar i a e La massa saariae orda de'industria aimentare ha avuto a seguente evouzione: MASSA SALARIALE LORDA MILIONI DI LIRE : _8' INDICE ,2 144,6 156,6 166,0 179,9 186,7 212,3 242,4 269, FONTE: 1STAT Eaborazione SORIS E' stato rievante 1 incremento percentuae de costo medio de avoro per dipendente,paraeo de resto a'incremento de va ore aggiunto medio per dipendente, per cui si può affermare che ne'industria aimentare 'incremento de costo àe avoro è stato di poco superiore a queo dea produttività (vedi tavo). Occorre però riconoscere come a voce unica "massa saariae" non consente di distinguere tra a parte che incide su costo de prodotto e q~ea che riguarda invece a vendita (e che incide quindi sui costi di marketing) particoarmente rievante a iveo dee aziende più importanti. VALORI PER ADDETTO (migiaia dj ire) V A..ORE AGG IIJIITO INDICE 19G2. 10a 100,0 113,2 12:),5 '150,3 159,5 165,7 176,5 198,5 2~7,9 240,3 sn~~e F'f""RSQ~UU OF1 1.~ '\ 1.tf..'J ~) 2. 22~) INDICE ,0 120, ') 1142,8 154,4 161,3 171,1 180,0 20'),6 235,0 252,0

28 Rapporti de'industria aimentare a m'jnte e a vae Una caratteristica strutturae de'industria aimentare è data daa bassa incidenza de vaore aggiunto su vaore dea produzione, anche se ne periodo considerato si è manifesta ta una tendenza a'aumento (da 15,6% de 1962 a 18,6% de 1971). Daa tav. seg. si possono seguire gi andùmenti de vaore aggiunto nee ripartizioni produttive disaggregate per i cacoo dee interdipendenze settoriai. PERCENTUALE DI VALORE AGGIUNTO SULLA PRODUZIONE LORDA VENDIBILE P LA TURA, MOLI TURA E S 1M LI a; 59 9,96 PANIFICAZ., BISCOTTI E PASTICC. 22,55 27,42 PAST IF ICAZ IONE 18,87 17,86 CIOCCOLATO, CARAMELLE E GELATI 24,59 33,72 C<JSERVE, CARN 12,94 18,04 ALTRE C<'JSERVE ALIMENTARI 28,21 30,24 PRODOTT VARI 16,13 20,09 LATTE E FORMAGGI 14,43 18,54 Oi E GRASS 11,26 14,92 ZUCCHERO 28,56 25,99 NOTA: d01i ad un simie iveo di disagaragazione sono dispont.jih svo per gi anni indicati, per i quai esistono e tavoe di interdipen denza a 77 settori - La bassa incidenza de vaore aggiunto su vaore dea produzio ne mette 'I.A. in fortissima interdipendenza con atri settori proùuttivi, fra i quai assume posizione predominante 'agrico-

29 - 24- In reazione ai.rapporti con 'agricotura possiamo ripartire 'I.A. in due parti: quea che a~..-ora i prodotto, così come giunge da'azienda agricoa e quea di seconda trasformazione, quea cioè a cui materia prima preva~ente è rappresentata da prodotto già trasformato. Aa prima categoria appartengono e industrie dee zucchero, dee farine, dea trasformazione de atte, dea preparazione dei grassi e oii,dea avorazione dee carni (insaccati) e tutte e industrie di inscatoamento dea carne, frutta e verdura. Aa seconda categoria appartengono e industrie dea pasta, dei prodotti d~ forno, dei doci, dei geati, dei prodotti eaborati. La distinzione è ovviamente di comodo da momento che 'in~egrazione di successivi procedimenti può essere ottenuta nea stessa azienda, ma ha un vaore orientativo: nea prima categoria troviamo e attività che hanno rapporti diretti con 'agricotura (originate storicamente dao scorporamento dee attività di trasformazione dae aziende agricoe e r1spondenti a tradizionai consumi popoari in condizioni di basso reddito), A contrario e industrie di seconda trasformazione hanno in genere egami più abi i con 'agricotura rifornendosi di prodotto indifferenziato e conservabie (processi industriai su scaa più vasta, tecniche di ricerca e nroduzione più compesse, nuovi standard di consumo o consumi sostenuti daa pubbicità). Viene generamente prospettata come souzione vantaggiosa dei

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 D ordine del Direttore generale dr. Mario Guarany, si comunica che ai sensi dell articolo 30 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese

La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese Rapporto di ricerca a cura dell'osservatorio ICT Calabria Luglio 2013 Il Rapporto è realizzato dall Osservatorio

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto PROGRAMMA EDUCATION FGA WORKING PAPER N. 21 (2/2010) Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto Susanna Granello Direttore della rivista «Esperienze amministrative» 1 Fondazione Giovanni Agnelli, 2010

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli