agroalimentare I trimestre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "agroalimentare I trimestre 2014"

Transcript

1 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A

2 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013, nei primi tre mesi del 2014, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, le esportazioni agroalimentari italiane (+2,3%) crescono meno delle importazioni (+3,1%), sia in percentuale che in valore assoluto. Ne deriva un peggioramento di oltre 100 milioni di euro per la bilancia agroalimentare, che passa da milioni (I trimestre 2013) a nell ultimo trimestre analizzato. L incremento delle esportazioni interessa sia i paesi europei (+2,4% per l UE 28) sia i principali mercati di sbocco extra-europei, come quello nordamericano (+6,4%) e asiatico (+7,3%). Verso il Nord America crescono le esportazioni di vini bianchi IGP confezionati, olio di oliva extravergine e pasta mentre si riducono i flussi (in valore) di altri vini di qualità, tra cui i vini rossi e rosati DOP confezionati che si confermano comunque il principale prodotto di esportazione verso quest area. Verso l Asia si riscontra, invece, un incremento dei flussi per tutti i principali prodotti Tab. 8.1 Principali aree di scambio dei prodotti agroalimentari - I trim (var. % rispetto al I trim 2013) Valore (milioni di euro) Peso % Variazione % Import Export Sn Import Export Import Export Sn UE ,1 71,3 67,2 5 2,4-1,3 Altri Paesi Europei (no Medit.) ,4 3,8 7,4-14,7 3 9,1 Paesi Terzi Mediterranei Europei ,9 0,3 0,5-5,2-0,1 2,5 Paesi Terzi Mediterranei Asiatici ,4 1,2 1,6-3,4-1,1 1,2 Paesi Terzi Mediterranei Africani ,2 1,5 1,8-11,5-20,8-5,5 Nord America ,6 4,1 10,6 30,2 6,4-8,4 Centro America ,9 1,1 0,4 8,1-4 -4,4 Sud America ,7 4,8 0,9-16,6-3,3 3,4 Asia (no Mediterranei) ,7 8,4 6,9 5,9 7,3 0,7 Africa (no Mediterranei) ,3 2,5 1,1-12,9-16,5-1,7 Oceania ,8 1,1 1,4 37,4 9,4-11,3 Totali diversi ,2 0,0 0,1-5,5-30,4-0,5 Fonte: elaborazioni INEA su Istat INEA - AGRITREND I trimestre

3 di esportazione che, come per l area nordamericana, fanno parte del Made in Italy. Si riducono, di contro, rispetto al I trimestre 2013, le vendite agroalimentari verso il Centro-Sud America e i paesi dell Africa. Un andamento simile a quello dei flussi in uscita si riscontra anche dal lato delle importazioni: crescono sostanzialmente quelle provenienti dall UE 28 (+5%), dai paesi asiatici (non mediterranei) e dal Nord America. In quest ultimo caso l aumento dei flussi in entrata supera il 30% ed è in larga parte legato al netto incremento dell import in valore di frumento duro, proveniente principalmente dal Canada.Crescono inoltre più del 35% le importazioni agroalimentari dall Oceania, spinte dal netto incremento, in valore, dei flussi del comparto zootecnico, sia bovino che ovi-caprino. L analisi dei singoli paesi mostra un incremento generalizzato sia delle importazioni che delle esportazioni per tutti i principali fornitori e clienti dell Italia. L unica eccezione è Fig. 8.1 Il commercio agroalimentare: principali fornitori - IV trim rappresentata dall export destinato alla Spagna che, rispetto al primo trimestre 2013, Francia Germania Spagna Paesi Bassi Austria USA Belgio Indonesia Polonia Ungheria si riduce di oltre il 7%. Tale andamento è imputabile ai minori flussi sia dei prodotti della biscotteria e pasticceria sia di mele, secondo prodotto di esportazione verso la Spagna nel trimestre considerato; in entrambi i casi la riduzione in valore, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, supera il 20%. Di contro i maggiori incrementi riguardano le esportazioni destinate negli Stati Uniti e in Austria. Per gli Stati Uniti, come evidenziato per l intera area nordamericana, sono (%) soprattutto le maggiori vendite di alcuni peso % variaz. % prodotti del Made in Italy, come l olio di oliva Fonte: Banca dati INEA del Commercio con l estero dei prodotti agroalimentari. 2 INEA - AGRITREND I trimestre 2014

4 Fig. 8.2 Il commercio agroaimentare: principali clienti, I trim dell Italia si registra un incremento dei flussi superiore al 15%. In particolare l import dalla Spagna cresce del 25% ed è esclusivamente Germania imputabile ai prodotti dell Industria Francia alimentare, primo fra tutti l olio di oliva, dato USA il calo in valore dei flussi del settore primario Regno Unito e delle bevande. Per l Indonesia l aumento Austria Svizzera (+18,7%) è dovuto in larga parte agli acquisti Paesi Bassi Spagna Belgio Giappone di olio di palma per usi non alimentari che, con un aumento superiore al 79% registrato nel primo trimestre 2014, si conferma come principale prodotto di importazione dell Italia da questo paese. peso % (%) variazione % L analisi dei principali comparti mostra un andamento più diversificato rispetto a quanto rincontrato nell analisi dei maggiori Fonte: Banca dati INEA del Commercio con l estero dei prodotti agroalimentari. partner. Sia dal lato delle importazioni che extravergine, la pasta e gli altri spumanti (DOP), a spingere l export nonostante la riduzione, in valore, dell export di altri prodotti tipici. Per l Austria l aumento è più generalizzato interessando quasi tutti i principali prodotti di esportazione, con poche eccezioni; bisogna sottolineare anche in questo caso l ottima performance esportativa degli altri spumanti (DOP). Dal lato delle importazioni, per quattro dei principali fornitori delle esportazioni, per tre dei dieci principali comparti si registrano contrazioni. La riduzione di vendite di legumi e ortaggi freschi supera il 4% e riguarda tutti i principali paesi di esportazione; va però evidenziato che la contrazione dell export verso i primi due mercati di destinazione (Germania e Austria) è imputabile esclusivamente all andamento della componente prezzo che annulla il netto incremento di quantità esportate. Anche la riduzione dell export di INEA - AGRITREND I trimestre

5 Tab. 8.2 Principali comparti negli scambi agroalimentari dell Italia, I Trim oli e grassi è legata esclusivamente all andamento dei prezzi; nel caso dei flussi destinati agli USA, principale cliente per questo comparto, il netto aumento delle quantità esportate (+5%) più che compensa la riduzione della componente prezzo, producendo un miglioramento del 2,6% dei flussi in valore verso quest area. Dal lato dei flussi in entrata, va segnalata la leggera contrazione dell import in valore di carni fresche e congelate (-0,6%), principale comparto di importazione dell Italia. In questo caso va però sottolineato come la riduzione riscontrata sia attribuibile esclusivamente alla componente prezzo, che nasconde un incremento superiore al 2% delle quantità importate nel trimestre considerato. Altro valore da segnalare è la contrazione superiore al 10% degli acquisti in valore di cacao, caffè, te e spezie. Anche in questo caso, come per le carni fresche e congelate, è l andamento della componente prezzo a giustificare il calo in valore dell import del comparto; le quantità importate di cacao, caffè, te e spezie risultano infatti in crescita di oltre l 11% rispetto al primo trimestre * Il totale Agroalimentare esprime la somma tra settore primario e industria alimentare e bevande, nonché la componente altri prodotti agroalimentari sotto soglia di esclusione (ossia quei dati non rilevabili dai documenti di interscambio, si veda sito Istat) non riportata in tabella. Fonte: Banca dati INEA del Commercio con l estero dei prodotti agroalimentari. Primi 10 comparti di esportazione Mio di Peso Var. % I trim. Sn euro % 2014/13 Vino 1.168,20 14,1 91,1 2,5 Derivati dei cereali 954,90 11,5 54,3-0,6 Altri prod. dell'industria alimentare 687,4 8,3 22,1 6,6 Prodotti lattiero-caseari 638,4 7,7-22,6 9,4 Ortaggi trasformati 566,4 6,8 39,7 4,6 Altra frutta fresca 508,9 6,1 71,5 5,8 Olii e grassi 477,1 5,8-28,9-3,3 Legumi ed ortaggi freschi 403,1 4,9 31,1-4,1 Prodotti dolciari 334,7 4,0 22,5 2,2 Carni preparate 310,6 3,7 56,8 5,9 Totale settore primario ,3-31,5 1,7 Industria Alimentare e Bevande ,9-0,6 2,3 Totale AGROALIMENTARE* ,2 2,3 Primi 10 comparti di importazione Mio di Peso Var. % I trim. Sn euro % 2014/13 Carni fresche e congelate 1.117,4 11,2-64,2-0,6 Prodotti lattiero-caseari 1.011,4 10,1-22,6 14,7 Olii e grassi 865,5 8,7-28,9 9,6 Prodotti ittici 776,6 7,8-80,7 5,7 Cereali 677,6 6,8-87,6 29,8 Panelli e mangimi 489,0 4,9-42,6-4,0 Altri prod. dell'industria alimentare 438,9 4,4 22,1 3,7 Altri prodotti non alimentari 427,7 4,3-58,3 16,7 Animali vivi 341,3 3,4-90,9 0,1 Cacao, caffè, tè e spezie 329,9 3,3-91,4-10,4 Totale settore primario ,4-31,5 1,9 Industria Alimentare e Bevande ,4-0,6 3,9 Totale AGROALIMENTARE* ,2 3,1 4 INEA - AGRITREND I trimestre 2014

6 A livello territoriale, nel primo trimestre 2014 sono nove le regioni che mostrano una contrazione dell export agroalimentare rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Di queste, quattro sono localizzate al Sud (Abruzzo, Campania, Basilicata e Calabria), tre al Nord (Valle d Aosta, Liguria ed Emilia Romagna) mentre al Centro la riduzione dei flussi in uscita riguarda le Marche e l Umbria. Per tre di queste regioni (Valle d Aosta, Liguria e Basilicata), la contestuale maggiore riduzione delle importazioni produce un miglioramento del saldo normalizzato. Al Nord va segnalata la buona performance di tre delle quattro principali regioni esportatrici italiane (Piemonte, Lombardia e Veneto), con incrementi tra il 3,5% e il 5%, mentre l export si riduce di quasi il 2% per l Emilia Romagna rispetto al primo trimestre Al Centro, le esportazioni del Lazio crescono dell 8% producendo, grazie anche alla netta contrazione dell import, un miglioramento di sette punti percentuali del saldo normalizzato. Al Sud va segnalata la crescita superiore al 5% dell export della Puglia, per la quale peggiora però il saldo normalizzato a causa del netto aumento dell import (+26,2%), legato quasi esclusivamente ai maggiori acquisti dall estero di prodotti del settore primario. L unica regione a mostrare un incremento delle importazioni superiore a quello della Puglia, è l Abruzzo, con aumento di oltre il 50% imputabile sia al settore primario che ai prodotti dell industria alimentare. Al Nord, come per le esportazioni, delle quattro principali regioni importatrici è l Emilia Romagna l unica a mostrare un calo dell import (-1%); come per l export, anche la riduzione dell import per questa regione è sostanzialmente legata ai minori flussi di prodotti trasformati. INEA - AGRITREND I trimestre

7 Variazioni degli scambi Agroalimentari, I trimestre 2014 Importazioni Esportazioni I valori riportati all interno delle regioni rappresentano il peso delle importazioni/esportazioni agroalimentari delle singole regioni sulle importazioni/ esportazioni agroalimentari dell Italia, nel trimestre analizzato. Fonte: Banca dati INEA del Commercio con l Estero dei prodotti Agroalimentari. 6 INEA - AGRITREND I trimestre 2014

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno La pubblicità in cifre 2006 totale anno PARTE 1 I MACRO INDICATORI ECONOMICI La crescita del prodotto interno lordo Dati a prezzi costanti 1995; variazioni percentuali medie annue. paesi 1994 1995 1996

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio RAPPORTO 2007-2008 Competenze d impresa e sviluppo locale: un approccio sistemico per l analisi delle imprese multinazionali

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ 18 settembre 2014 Anno 2013 I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ L Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall Unione europea (Ue). I prodotti agroalimentari

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

N 309 del 18 gennaio 2014

N 309 del 18 gennaio 2014 N 309 del 18 gennaio 2014 Il mercato nazionale dei prodotti lattiero caseari Prezzi settimanali di alcuni prodotti lattiero-caseari in Italia ( / kg) 13 dic. sett. precedente 4 sett. prima 1 anno prima

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Tendenze del commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy. 3. Il Made in Italy

Tendenze del commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy. 3. Il Made in Italy Tendenze del commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy Rapporto presentato al Convegno Il commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy Expo 2015 - Milano, 26 giugno 2015

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Comunicato stampa. Per ulteriori informazioni:

Comunicato stampa. Per ulteriori informazioni: Comunicato stampa Presentato il secondo numero di AgrOsserva l Osservatorio Ismea- Unioncamere sulla congiuntura dell agroalimentare italiano Agricoltura sempre più sacrificata nella catena del valore

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 1 1 Euler Hermes: Overview del Gruppo 2 Lo scenario economico: le insolvenze aziendali 3 La Partnership Euler Hermes Crédit Agricole 4 Le nostre offerte di prodotti

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012)

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Milano, 15 ottobre 2013 I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Totale* 211,7 In casa 138,8 * escluse bevande alcoliche Fuori casa 72,9 Fonte: elaboraz. C.S. Fipe

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il quadro socio- economico del Veneto e lo sviluppo sostenibile

Il quadro socio- economico del Veneto e lo sviluppo sostenibile Il quadro socio- economico del Veneto e lo sviluppo sostenibile Serafino Pitingaro Centro Studi Unioncamere Veneto CSR in rete: un modello per lo sviluppo sostenibile delle PMI vicentine Vicenza, 22 gennaio

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

PIANIFICAZIONE ATTIVITA DI ESPORTAZIONE

PIANIFICAZIONE ATTIVITA DI ESPORTAZIONE Pianificazione attività di esportazione: ricerca e sviluppo programmi di marketing agroalimentare PIANIFICAZIONE ATTIVITA DI ESPORTAZIONE Ricerca e sviluppo programmi di marketing agroalimentare 1 A cura

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI

PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI (Analisi dei flussi complessivi di viaggiatori da e per la Provincia di Foggia con particolare riguardo alla domanda di trasporto aereo)

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Marzo 2011. Gli scambi agroalimentari del Piemonte con l estero Posizionamento competitivo e dinamiche temporali

Marzo 2011. Gli scambi agroalimentari del Piemonte con l estero Posizionamento competitivo e dinamiche temporali Marzo 2011 Gli scambi agroalimentari del Piemonte con l estero Posizionamento competitivo e dinamiche temporali Istituto Nazionale di Economia Agraria Sommario Premessa... 1 1. Le fonti informative e la

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Il mercato degli Stati Uniti

Il mercato degli Stati Uniti Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane,

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

RISTORAZIONE 2012. Rapporto Annuale. Ufficio Studi

RISTORAZIONE 2012. Rapporto Annuale. Ufficio Studi RISTORAZIONE 2012 Rapporto Annuale Ufficio Studi RISTORAZIONE 2012 Rapporto Annuale Ristorazione 2011 Rapporto Annuale Il presente Rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 30 settembre

Dettagli

L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA

L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA DANIELE ROSSI Direttore Generale 18 marzo 2013 L Industria Alimentare Italiana Stime 2012 FATTURATO 130 MILIARDI. E il 2 settore manufatturiero in Italia: insieme

Dettagli

FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA

FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA Il segnale di allarme arriva in occasione della presentazione di uno studio Federalimentare-Ismea

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 (fonte: Camera di Commercio di Torino) 1 ANDAMENTO PRODUZIONE INDUSTRIALE La produzione industriale torinese nel 2 trimestre del 2007 ha avuto un tasso di crescita del

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

FILIERA ALIMENTARE Aggiornamento dati a Dicembre 2010

FILIERA ALIMENTARE Aggiornamento dati a Dicembre 2010 FILIERA ALIMENTARE Aggiornamento dati a Dicembre 2010 DEFINIZIONE DELLA FILIERA ALIMENTARE I settori della filiera sono i seguenti: DA151-Carni e prodotti a base di carne DA152-Pesci conservati e trasformati

Dettagli

L interscambio commerciale del FVG nel 2013 e nel primo trimestre 2014

L interscambio commerciale del FVG nel 2013 e nel primo trimestre 2014 L interscambio commerciale del FVG nel 2013 e nel primo trimestre 2014 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione Generale Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste telefono: 040 3772228 e-mail: pianificazionestrategica@regione.fvg.it

Dettagli

IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI

IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: CRITICITÀ ED OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa I temi di approfondimento

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed LUSSEMBURGO Il contesto economico ed il mercato agroalimentare Dott.ssa Luisa Castelli Segretario Generale CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LUSSEMBURGHESE Roma, 3 marzo 2011 LUSSEMBURGO: posizione strategica

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Guida all export Novembre 2006 a cura di Angelo Negri Indice

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di SMI SISTEMA MODA ITALIA Il commercio con l estero nei primi dieci mesi del 2014 Secondo i dati ISTAT ad oggi disponibili, relativi al periodo gennaio-ottobre

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 (Elaborazione Si P-R, aggiornamento 17 ottobre 2012) I dati raccolti dai produttori e dalle aziende di confezionamento e commercializzazione inserite nell'elenco

Dettagli

Sul podio vini, dolci e pasta

Sul podio vini, dolci e pasta I DODICI «CAMPIONI» DEL MADE IN ITALY Sul podio vini, dolci e pasta Nelle schede accanto sono riportati i valori dell export di alcuni prodotti italiani, selezionati per valore delle esportazioni nel mondo.

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale

Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale MemoTurismo2003 1 MEMOTURISMO2003 Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale Via Toscana 1 00187 Roma Tel 06 42741151 Fax 06 42871197 info@federalberghi.it 2 MemoTurismo2003

Dettagli

I risultati in lettura prove in formato cartaceo e digitale

I risultati in lettura prove in formato cartaceo e digitale I risultati in lettura prove in formato cartaceo e digitale Presentazione Rapporto Nazionale PISA 2012 Margherita Emiletti - INVALSI PISA 2012 definisce la literacy in lettura come la capacità di comprendere

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 Dati 2013 estratti e elaborati a Marzo 2014 Fonte dei dati import export : ISTAT COEWEB REGIONE MARCHE Sistema Informativo Statistico e-mail: Funzione.SIStatistico@regione.marche.it

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente CARBONELLI PASQUALE Classi 4 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ce PROGRAMMA QUARTE /cucina Le figure professionali dell'enogastronomia: I principali personaggi della gastronomia: i grandi del passato, i

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli