Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop"

Transcript

1 i Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

2 ii Copyright Link.it s.r.l.

3 iii COLLABORATORI TITOLO : Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop AZIONE NOME DATA FIRMA A CURA DI 8 settembre 2009 CRONOLOGIA DELLE REVISIONI POSIZIONE DATA DESCRIZIONE NOME

4 iv Indice 1 Introduzione 1 2 Ambiente di sviluppo 1 3 Presentazione degli scenari di riferimento 2 4 Comunicazione Variazione (oneway) Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Configurazioni comuni a tutti gli esempi del tutorial Configurazione del registro dei servizi di OpenSPCoop Programmazione Fruitore: Servizio Applicativo del Comune Modalità trasparente Modalità via Integration Manager Erogatore: Servizio Applicativo del CentroAnagrafico Test e verifica Stato Famiglia (sincrono) Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Programmazione Test e verifica Stampa Documento (AsincronoAsimmetrico) Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Programmazione Test e verifica Identifica Soggetto (AsincronoSimmetrico) Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Programmazione Test e verifica

5 v Elenco delle tabelle 1 Dati autenticazione Registro Servizi Dati Soggetto SPCoop Fruitore Connettore del Soggetto SPCoop fruitore Dati Servizio Applicativo Fruitore Dati del Soggetto SPCoop erogatore Connettore del Soggetto SPCoop erogatore Dati Accordo di servizio Dati Servizio dell Accordo Dati delle azioni del servizio Dati Servizio SPCoop Dati Porta Applicativa Dati Servizio Applicativo Dati invocazione Servizio Applicativo Dati Accordo di servizio Dati Servizio dell Accordo Dati delle azioni del servizio Dati Servizio SPCoop Dati Porta Applicativa Dati Servizio Applicativo Dati invocazione Servizio Applicativo Dati Accordo di servizio Dati Servizio dell Accordo Dati delle azioni del servizio Dati Servizio SPCoop Dati Porta Applicativa Dati Servizio Applicativo Dati invocazione Servizio Applicativo Dati Accordo di servizio Dati Servizio Asincrono Simmetrico nell accordo di servizio Dati Servizio Asincrono Simmetrico Correlato nell accordo di servizio Dati Servizio SPCoop Dati Servizio SPCoop correlato Dati Porta Applicativa Dati Servizio Applicativo Erogatore Dati Servizio Applicativo Fruitore Dati invocazione Servizio Applicativo erogatore Dati risposta asincrona Servizio Applicativo fruitore

6 1 / 33 1 Introduzione Questa guida documenta le procedure necessarie per la realizzazione di alcuni scenari tipici di Cooperazione Applicativa. Queste procedure riguardano sia l aspetto di cooperazione, con i passi necessari alla configurazione della Porta di Dominio OpenSPCoop, sia quello di integrazione, con lo sviluppo dei servizi applicativi. Nella figura che segue le entità che collaborano nella realizzazione di uno d interazione tra due servizi applicativi in accordo allo standard SPCoop. Nello figura proposta sono identificabili i due domini che intendono scambiare messaggi tra i rispettivi Servizi Applicativi. Le Porte di Dominio fanno da interfaccia pubblica a tali servizi, comunicando tra loro tramite messaggi secondo le specifiche e-gov. Gli aspetti di cooperazione delle Porte di Dominio coinvolte sono specificati in un Accordo di Servizio, contenuto nel Registro dei Servizi. Questo Registro contiene infatti l elenco dei Soggetti abilitati alle comunicazioni SPCoop, l elenco dei servizi erogati da ogni Soggetto e i relativi accordi di servizio. Per dare maggiore efficacia all esposizione dei contenuti si farà riferimento a quattro scenari di esempio che rappresentano casi abbastanza verosimili nell ambito della cooperazione applicativa. 2 Ambiente di sviluppo L ambiente scelto per provare gli scenari di esempio è quello risultante da un installazione Standard di OpenSPCoop. Avremo quindi a disposizione l interfaccia di gestione web Control Station per la configurazione della Porta di Dominio e del Registro dei Servizi. Nota Per semplificare la realizzazione dello scenario ed evitare il proliferare delle installazioni, erogatore e fruitore del servizio appartengono a domini gestiti della solita installazione della Porta di Dominio SPCoop (modalità loopback) Avendo una sola porta di dominio, questa sarà fruitore degli stessi servizi che eroga, ai fini del funzionamento delle sample application a corredo con il tutorial, anche se gli scenari saranno presentati mostrando fruitore ed erogatore come se fossero appartenenti a domini distinti con Porte di Dominio distinte. Per quanto riguarda i soggetti cooperanti si utilizzeranno come esempio: CentroAnagrafico, che rappresenta una generica amministrazione centrale orientata ai servizi anagrafici (soggetto erogatore)

7 2 / 33 Comune, che rappresenta una generica amministrazione locale che richiede dei servizi anagrafici (soggetto fruitore) Il presente tutorial assume che si siano adottate le impostazioni di default per l installazione di JBoss e che quindi i connettori per entrambi i soggetti coincidano e siano uguali a: Suggerimento Per maggiori informazioni sulle modalità di installazione della Porta di Dominio OpenSPCoop, rimandiamo alla lettura della Guida d Installazione La figura seguente schematizza il comportamento di una Porta di Dominio con soggetti multipli 3 Presentazione degli scenari di riferimento Immaginiamo di dover sviluppare una serie di servizi di carattere anagrafico che utilizzino l infrastruttura fornira da OpenSP- Coop per le proprie comunicazioni. Immaginiamo poi che altri servizi, ad esempio quelli di un generico comune, abbiano bisogno di servirsi dei servizi erogati dall Anagrafe. Tra le varie operazioni da implementare supponiamo che ce ne sia una, che chiameremo Comunicazione Variazione, che prevede l invio di un messaggio contenente le informazioni riguardo una modifica nei dati anagrafici di un soggetto, senza aspettarsi messaggi di risposta. Analizziamo quindi le operazioni che fruitore, che chiameremo Comune, ed erogatore dovranno eseguire per realizzare questo scenario. ComunicazioneVariazione: con questa operazione si inviano i dati anagrafici di un soggetto da sostituire a quelli preesistenti. Non richiede nessuna risposta. (Oneway) RichiestaStatoFamiglia: questa operazione permette di recuperare i dati anagrafici di un soggetto. Nella richiesta viene inserito il codice fiscale di un soggetto e nella risposta saranno inclusi di dati di quel soggetto. (Sincrono) StampaDocumento: viene usato per richiedere la stampa di un documento. Poiché è un operazione che può richiedere giorni per essere portata a termine, la richiesta di stampa e il messaggio che conferma il completamento sono consegnati su connessioni distinte. Immaginiamo inoltre che per questa particolare operazione l infrastruttura del centro Anagrafe non consenta connessioni in uscita, quindi entrambe le connessioni saranno aperte dal Comune. (AsincronoAsimmetrico) IdentificaSoggetto: quest operazione permette di risalire ad un soggetto con i dati di un documento qualora non si disponesse di un codice fiscale. Anche in questo caso l operazione può essere lunga da portare a termine, quindi richiesta e risposta vengono comunicate su differenti connessioni. A differenza dell operazione StampaDocumento, immaginiamo che l infrastruttura del centro Anagrafe consenta connessioni in ingresso e in uscita. (AsincronoSimmetrico) Nei prossimi capitoli vedremo in dettaglio come realizzare gli scenari appena descritti analizzando come creare i descrittori dell Accordo di Servizio, come configurare Porta di Dominio e Registro dei Servizi, come programmare il fruitore e l erogatore dei servizi in questione ed infine come effettuare un test di verifica.

8 3 / 33 4 Comunicazione Variazione (oneway) 4.1 Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Il primo passo sarà, per l erogatore del servizio, quello di fornire il WSDL che descrive il servizio che si intende erogare. Il WSDL poi dovrà essere partizionato secondo le specifiche del CNIPA. WSDL Definitorio (definitorio.xsd) <xs:schema xmlns:so=" xmlns:xs=" xmlns:xsd=" targetnamespace=" <xs:element name="comunicazionevariazione"> <xs:complextype> <xs:complexcontent> <xs:extension base="so:personatype"> <xs:attribute name="cf" type="so:codicefiscaletype" use="required"/> </xs:extension> </xs:complexcontent> </xs:complextype> </xs:element> <xs:simpletype name="codicefiscaletype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[a-za-z]{6}\d\d[a-za-z]\d\d[a-za-z]\d\d\d[a-za-z]"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> <xs:complextype name="personatype"> <xs:sequence> <xs:element name="nome" type="xs:string"/> <xs:element name="cognome" type="xs:string"/> <xs:element name="codicefiscale" type="so:codicefiscaletype"/> <xs:element name="nascita" type="xs:date"/> <xs:element name="statocivile" type="xs:string"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="notifica"> <xsd:complextype> <xsd:sequence> <xsd:element name="comunicazionevariazione" type="so:comunicazionevariazionetype"/> </xsd:sequence> </xsd:complextype> </xs:element> </xs:schema> WSDL Concettuale (concettuale.wsdl). <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl="

9 4 / 33 <wsdl:import namespace=" location="definitorio.xsd" /> <wsdl:message name="comunicazionevariazionerequest"> <wsdl:part element="spc:notifica" name="comunicazionevariazionepart" /> <wsdl:porttype name="comunicazionevariazione"> <wsdl:operation name="notifica"> <wsdl:input message="spc:comunicazionevariazionerequest" /> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> </wsdl:definitions> WSDL Logico Erogatore (logicoerogatore.wsdl). <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="definitorio.xsd" /> <wsdl:message name="comunicazionevariazionerequest"> <wsdl:part element="spc:notifica" name="comunicazionevariazionepart" /> <wsdl:porttype name="comunicazionevariazione"> <wsdl:operation name="notifica"> <wsdl:input message="spc:comunicazionevariazionerequest" /> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> </wsdl:definitions> WSDL Logico Fruitore Il fruitore, per realizzare questo scenario, non ha bisogno di esporre nessun servizio, quindi non ha un WSDL che lo descrive. WSDL Implementativo Erogatore (implementativoerogatore.wsdl). <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="logicoerogatore.wsdl "/> <wsdl:binding name="comunicazionevariazionebinding" type="spc:comunicazionevariazione"> <soap:binding style="document" transport=" <wsdl:operation name="notifica"> <wsdl:input> <soap:body use="literal"/> </wsdl:input> </wsdl:operation> </wsdl:binding> <wsdl:service name="comunicazionevariazioneservice"> <wsdl:port name="comunicazionevariazioneinterfaceendpoint" binding="spc: ComunicazioneVariazioneBinding">

10 5 / 33 <soap:address location=" </wsdl:port> </wsdl:service> </wsdl:definitions> WSDL Implementativo Fruitore Come per il WSDL Logico Fruitore, non ci sono servizi da implementare per il fruitore del servizio in questo scenario. WSBL Dal momento che lo scenario prevede solo un operazione di tipo Oneway, non c è bisogno di definire alcun WSBL. 4.2 Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Configurazioni comuni a tutti gli esempi del tutorial Le operazioni descritte in questo paragrafo forniscono entità (soggetti, servizi...) utili per tutti i profili di collaborazione che verranno configurati successivamente. 1. Configuriamo il registro dei servizi attraverso l apposita interfaccia web reperibile all indirizzo Identifichiamoci con diritti di amministratore: Login Password amministratore secret Tabella 1: Dati autenticazione Registro Servizi Una volta effettuato il login, nel menù a sinistra sono elencate le operazioni di modifica e visualizzazione della configurazione. 2. Creazione del Soggetto SPCoop Comune avente il ruolo di fruitore negli esempi del tutorial: Aggiungiamo il soggetto che fruirà del servizio ComunicazioneVariazione. Comune Tabella 2: Dati Soggetto SPCoop Fruitore (a) Selezionare aggiungi nel menù Soggetti SPCoop (b) Utilizzare la form per inserire i parametri del soggetto fruitore del servizio

11 6 / 33 Nota Se non viene indicato il nome della Porta di dominio che ospita il soggetto, viene usato il valore di default: [_Soggetto]SPCoopIT. (c) Premere il pulsante Invia 3. Impostazione del connettore relativo al Soggetto SPCoop Comune. URL Tabella 3: Connettore del Soggetto SPCoop fruitore (a) Dalla lista dei soggetti selezionare visualizza relativamente alla riga del soggetto Comune in corrispondenza della colonna Connettore (b) Utilizzare la form per inserire il valore del connettore (c) Premere il pulsante Invia 4. Creazione del Servizio Applicativo Comune_SA utilizzato per l integrazione del client fruitore nei primi tre scenari: Comune_SA Soggetto SPCoop SPC/Comune Invocazione porta / tipo basic Utente Comune_SA Password Modalità di fault soap Tabella 4: Dati Servizio Applicativo Fruitore (a) Selezionare aggiungi nel menù Servizi Applicativi (b) Utilizzare la form per inserire i parametri del servizio applicativo fruitore (c) Premere il pulsante Invia 5. Creazione del Soggetto SPCoop CentroAnagrafico avente il ruolo di erogatare dei servizi di esempio del tutorial. CentroAnagrafico Tabella 5: Dati del Soggetto SPCoop erogatore

12 7 / 33 (a) Dalla lista dei soggetti selezionare visualizza relativamente alla riga del soggetto Comune in corrispondenza della colonna Connettore (b) Utilizzare la form per inserire il valore del connettore (c) Premere il pulsante Invia 6. Impostazione del connettore relativo al Soggetto SPCoop CentroAnagrafico. URL Tabella 6: Connettore del Soggetto SPCoop erogatore (a) Dalla lista dei soggetti selezionare visualizza relativamente alla riga del soggetto CentroAnagrafico in corrispondenza della colonna Connettore (b) Utilizzare la form per inserire il valore del connettore (c) Premere il pulsante Invia Configurazione del registro dei servizi di OpenSPCoop Una volta creati i descrittori (WSDL) del servizio, possiamo procedere con la creazione dell accordo di servizio nella Control Station. 1. Creazione dell Accordo di Servizio Referente WSDL Definitorio WSDL Concettuale WSDL Logico Erogatore AS_ComunicazioneVariazione SPC/CentroAnagrafico definitorio.xsd concettuale.wsdl logicoerogatore.wsdl Tabella 7: Dati Accordo di servizio (a) Selezionare aggiungi nel menù Accordi servizio (b) Utilizzare la form per inserire i vari parametri dell Accordo

13 8 / Aggiungiamo il Servizio all Accordo: il nome del servizio dovrà avere lo stesso nome del PortType indicato nel WSDL Concettuale. Profilo ComunicazioneVariazione oneway Tabella 8: Dati Servizio dell Accordo (a) Dalla lista degli Accordi di Servizio, selezionare visualizza nella colonna servizi in corrispondenza dell Accordo creato al punto precedente. (b) Selezionare aggiungi e completare la form per l aggiunta di un nuovo servizio. 3. Specifichiamo le azioni del Servizio: le azioni del Servizio corrispondono alle Operation specificate nel WSDL Notifica Tabella 9: Dati delle azioni del servizio (a) Dalla lista degli Accordi di Servizio, selezionare visualizza nella colonna servizi in corrispondenza dell Accordo creato al punto precedente. (b) Selezionare visualizza nella colonna azioni in corrispondenza del servizio ComunicazioneVariazione

14 9 / 33 (c) Selezionare aggiungi e completare la form per l aggiunta di una nuova azione. 4. Aggiungere il servizio SPCoop: Soggetto SPCoop Accordo Servizio Servizio WSDL Implementativo Erogatore SPC/CentroAnagrafico AS_ComunicazioneVariazione ComunicazioneVariazione implementazioneerogatore.wsdl Tabella 10: Dati Servizio SPCoop (a) Nella sezione Servizi SPCoop selezionare Aggiungi. (b) Utilizzare la form per inserire i parametri del Servizio SPCoop (c) Premere il pulsante Invia 5. Aggiungere il soggetto fruitore alla lista dei soggetti che possono fruire del servizio: l installazione standard di OpenSP- Coop attiva di default l autenticazione SPCoop che controlla se il fruitore di un servizio compare nella lista dei fruitori. Per superare questo controllo dobbiamo quindi aggiungere il soggetto Comune ai fruitori del servizio ComunicazioneVariazione (a) Nell elenco dei Servizi SPCoop individuare il servizio ComunicazioneVariazione e selezionare visualizza nella colonna Fruitori: (b) Selezionare Add ed utilizzare la form per inserire i parametri del soggetto fruitore del servizio

15 10 / 33 (c) Premere il pulsante Invia Nota Si tenga presente che l operazione descritta in questo passaggio comporta la creazione automatica di una porta delegata associata al soggetto fruitore appena aggiunto. La porta delegata viene inizializzata con dei valori di default che vanno bene in molti casi. Se si vogliono modificare tali impostazioni si deve procedere con la modifica della porta delegata individuabile nella lista per ciascun soggetto SPCoop. 6. Aggiungere nelle politiche sicurezza il servizio applicativo autorizzato ad invocare il servizio. Quersto passaggio è essenziale ai fini dell autenticazione da parte del servizio applicativo in fase di invocazione della porta delegata. (a) Dall elenco dei fruitori del servizio, in corrispondenza del soggetto Comune, nella colonna politiche sicurezza selezionare visualizza, quindi il pulsante Aggiungi (b) Compilare il form selezionando il servizio applicativo Comune_SA dalla lista a discesa e confermando con il pulsante Invia (c) Premere il pulsante Invia Nota L operazione descritta in questo passaggio, creerà automaticamente un associazione tra il servizio applicativo e la porta delegata creata automaticamente al passo precedente. 7. Aggiungere la Porta Applicativa: aggiungiamo al soggetto SPC/CentroAnagrafico la porta applicativa che si occuperà dello sbustamento delle richieste e-gov dei fruitori e di consegnarle al servizio applicativo erogato. Validazione Contenuti Stateless Gestione Body Gestione Manifest Servizio SPCoop Azione ComunicazioneVariazione_PA disabilitato default none abilitato ComunicazioneVariazione Notifica Tabella 11: Dati Porta Applicativa (a) Selezionare aggiungi nel menù Porte Applicative (b) Utilizzare la form per inserire i parametri della Porta Applicativa per il soggetto CentroAnagrafico.

16 11 / 33 (c) Premere il pulsante Invia 8. Aggiungere il Servizio Applicativo Erogatore: Soggetto SPCoop Tipo invocazione Modalità fault ComunicazioneVariazione_SA CentroAnagrafico nessuna soap Tabella 12: Dati Servizio Applicativo (a) Selezionare aggiungi nel menù Servizi Applicativi (b) Utilizzare la form per inserire i parametri del Servizio Applicativo. (c) Premere il pulsante Invia 9. Impostare i parametri di invocazione del Servizio Applicativo: Sbustamento Get message Connettore abilitato Url connettore Tipo credenziali d accesso ComunicazioneVariazione_SA no disabilitato si none Tabella 13: Dati invocazione Servizio Applicativo (a) Abilitare l invocazione del servizio ComunicazioneServizio_SA dall elenco dei Servizi Applicativi (b) Utilizzare la form per inserire i parametri del Servizio Applicativo. (c) Premere il pulsante Invia 10. Associare alla Porta Applicativa il Servizio Applicativo Erogatore:

17 12 / 33 (a) Dall elenco dei Soggetti SPCoop visualizzare le Porta Applicative associati al soggetto SPC/CentroAnagrafico. Selezionare ComunicazioneVariazione_PA e quindi visualizzare l elenco dei Servizi Applicativi (b) Selezionare add. (c) Selezionare il servizio applicativo creato in precedenza. (d) Premere il pulsante Invia 4.3 Programmazione Fruitore: Servizio Applicativo del Comune Modalità trasparente Cominciamo con la programmazione del fruitore. wsdl2java fornito da CXF. Per completare gli esempi sono stati utilizzati gli stub generati dal tool 1 2 ComunicazioneVariazioneService ss = new ComunicazioneVariazioneService(wsdlURL, SERVICE_NAME); 3 ComunicazioneVariazione port = ss.getcomunicazionevariazioneinterfaceendpoint(); 4 5 /* 6 * Imposto la url della porta di dominio come destinazione 7 * Imposto username e password per l autenticazione 8 */ 9 10 ((BindingProvider)port).getRequestContext().put(BindingProvider.ENDPOINT_ADDRESS_PROPERTY, SOAPUrl); 11 ((BindingProvider)port).getRequestContext().put(BindingProvider.USERNAME_PROPERTY, username); 12 ((BindingProvider)port).getRequestContext().put(BindingProvider.PASSWORD_PROPERTY, password); org.openspcoop.example.comunicazionevariazione_type _notifica_comunicazionevariazionepart = new ComunicazioneVariazione_Type(); 15 _notifica_comunicazionevariazionepart.setcf("bbbccc11f11f111f"); port.notifica(_notifica_comunicazionevariazionepart); Modalità via Integration Manager Un altro modo per inviare i messaggi alla Porta di Dominio è quello di utilizzare il servizio di Integration Manager. Generiamo gli stub partendo dal wsdl del servizio: wsdl2java -all ottenuti gli stub possiamo inviare il messaggio di richiesta: QName SERVICE_NAME = new QName(" " IntegrationManagerService"); try{ URL wsdlurl = new URL(...); } catch (MalformedURLException e) {

18 13 / 33 } e.printstacktrace(); try{ String file = "request.xml"; String PD = "ComunicazioneVariazione_PD"; /* * Creo il port per l IntegrationManager */ IntegrationManagerService ss = new IntegrationManagerService(wsdlURL, SERVICE_NAME); IntegrationManager port = ss.getintegrationmanager(); /* * Invoco il servizio invocaportadelegata */ java.lang.string _invocaportadelegata_portadelegata = PD; SPCoopMessage _invocaportadelegata_msg = new SPCoopMessage(); File xmlmessage = new File(file); byte[] msg = new byte[(int)xmlmessage.length()]; FileInputStream strm = new FileInputStream(xmlMessage); strm.read(msg); _invocaportadelegata_msg.setmessage(msg); System.out.println("Invocazione Comunicazione Variazione via Integration Manager..."); System.out.println("Request Message:"); System.out.println(new String(_invocaPortaDelegata_msg.getMessage())); try { SPCoopMessage _invocaportadelegata return = port.invocaportadelegata( _invocaportadelegata_portadelegata, _invocaportadelegata_msg); System.out.println("\n Response Message:"); System.out.println(new String(_invocaPortaDelegata return.getmessage())) ; } catch (SPCoopException_Exception e) { System.out.println("Expected exception: SPCoopException has occurred."); System.out.println(e.toString()); return; } } catch(exception e){ System.out.println("Errore::::" + e); return; } Erogatore: Servizio Applicativo del CentroAnagrafico Il Servizio Applicativo del Centro Anagrafico deve ricevere il messaggio SOAP senza mandare una risposta. un implementazione con gli skeleton generati dal tool wsdl2java di CXF package org.openspcoop.example;

19 14 / 33 servicename = "ComunicazioneVariazioneService", portname = "ComunicazioneVariazioneInterfaceEndpoint", targetnamespace = " wsdllocation = "file:comunicazionevariazione.wsdl", endpointinterface = "org.openspcoop.example.comunicazionevariazione") public class ComunicazioneVariazioneImpl implements ComunicazioneVariazione { public void notifica(comunicazionevariazione_type comunicazionevariazionepart) { try { System.out.println("========== Ricevuta Comunicazione Variazione ==============") ; System.out.println("== Codice fiscale da modificare: " + comunicazionevariazionepart. getcf()); System.out.println(); System.out.println("== Nuovo nome: " + comunicazionevariazionepart.get()); System.out.println("== Nuovo cognome: " + comunicazionevariazionepart.getcognome()); System.out.println("== Nuovo codice fiscale: " + comunicazionevariazionepart. getcodicefiscale()); System.out.println("== Nuova data di nascita: " + comunicazionevariazionepart. getnascita()); System.out.println("== Nuovo stato civile: " + comunicazionevariazionepart. getstatocivile()); } catch (Exception ex) { ex.printstacktrace(); throw new RuntimeException(ex); } } } 4.4 Test e verifica Seguendo le istruzioni fornite con i sorgenti per la configurazione, compilazione ed esecuzione degli esempi, avviamo il test per il servizio ComunicazioneVariazione Il Client invierà il messaggio di richiesta alla Porta Delegata: (Messaggio 1 e 4 in figura) POST /tutorial/ HTTP/1.1 Content-Type: text/xml; charset=utf-8 SOAPAction: tutorial Content-Length: 504 Cache-Control: no-cache Pragma: no-cache User-Agent: Java/1.5.0_11 Host: :8888 Accept: text/html, image/gif, image/jpeg, *; q=.2, */*; q=.2 Connection: keep-alive <soapenv:envelope xmlns:soapenv=" xmlns:xsd=" xmlns:xsi=" <soapenv:body> <Notifica xmlns="

20 15 / 33 <comunicazionevariazione CF="BBBCCC11F11F111F"> <nome>mario</nome> <cognome>rossi</cognome> <codicefiscale>dddfff22g22g222g</codicefiscale> <nascita> t12:00:00.000z</nascita> <statocivile>celibe</statocivile> </comunicazionevariazione> </Notifica> </soapenv:body> </soapenv:envelope> La Porta di Dominio recupera le informazioni necessarie alla gestione della richiesta, riconosce che il tipo di comunicazione è Oneway e si occupa quindi di generare sia la risposta di OK da inviare al client di Comune, sia di imbustare la richiesta da inviare alla Porta di Dominio di destinazione. La risposta inviata al client è questa (Messaggio 2 in figura): HTTP/ OK Server: Apache-Coyote/1.1 X-Powered-By: Servlet 2.4; JBoss GA_CP04 (build: CVSTag= jbossas/tags/jboss_4_0_5_ga_cp04 date= )/tomcat-5.5 SPCoopTipoMittente: SPC SPCoopID: Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _10:56 SPCoopServizio: ComunicazioneVariazione SPCoopDestinatario: CentroAnagrafico SPCoopTipoDestinatario: SPC SPCoopAzione: Notifica SPCoopTipoServizio: SPC SPCoopMittente: Comune Content-Length: 0 Date: Thu, 31 Jul :56:56 GMT La Porta di Dominio invia quindi la richiesta alla Porta di Dominio destinataria, nel nostro caso a se stessa, arricchita dell header e-gov (Messaggio 3 in figura): <soapenv:envelope xmlns:soapenv=" xmlns:xsd=" xmlns:xsi=" <soapenv:header> <egov_it:intestazione SOAP_ENV:actor=" SOAP_ENV:mustUnderstand="1" xmlns:soap_env=" xmlns:egov_it=" /"> <egov_it:intestazionemessaggio> <egov_it:mittente> <egov_it:identificativoparte tipo="spc">comune</egov_it:identificativoparte> </egov_it:mittente> <egov_it:destinatario> <egov_it:identificativoparte tipo="spc">centroanagrafico</egov_it: IdentificativoParte> </egov_it:destinatario> <egov_it:profilocollaborazione>egov_it_messaggiosingolooneway</egov_it: ProfiloCollaborazione> <egov_it:servizio tipo="spc">comunicazionevariazione</egov_it:servizio> <egov_it:azione>notifica</egov_it:azione> <egov_it:messaggio> <egov_it:identificatore>comune_comunespcoopit_ _ _12:07</egov_it: Identificatore> <egov_it:oraregistrazione tempo="egov_it_spc"> t12:07:05.897</egov_it: OraRegistrazione> </egov_it:messaggio> <egov_it:profilotrasmissione confermaricezione="false" inoltro=" EGOV_IT_ALPIUUNAVOLTA"/>

21 16 / 33 </egov_it:intestazionemessaggio> <egov_it:listatrasmissioni> <egov_it:trasmissione> <egov_it:origine> <egov_it:identificativoparte tipo="spc">comune</egov_it:identificativoparte> </egov_it:origine> <egov_it:destinazione> <egov_it:identificativoparte tipo="spc">centroanagrafico</egov_it: IdentificativoParte> </egov_it:destinazione> <egov_it:oraregistrazione tempo="egov_it_spc"> t12:07:05.897</egov_it: OraRegistrazione> </egov_it:trasmissione> </egov_it:listatrasmissioni> </egov_it:intestazione> </soapenv:header> <soapenv:body> <comunicazionevariazione CF="BBBCCC11F11F111F" xmlns=" "> <nome>mario</nome> <cognome>rossi</cognome> <codicefiscale>dddfff22g22g222g</codicefiscale> <nascita> t12:00:00.000z</nascita> <statocivile>celibe</statocivile> </comunicazionevariazione> </soapenv:body> </soapenv:envelope> Controllando il file openspcoop.log possiamo verificare il corretto funzionamento della porta: ComuneSPCoopIT.RicezioneContenutiApplicativiWS < T11:18:49.369> (infoopenspcoop) ID:Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 PD:ComunicazioneVariazione_PD SA: Anonimo FR:SPC/Comune -> S:SPC/CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica Ricevuta richiesta di servizio dal Servizio Applicativo Anonimo verso la porta delegata ComunicazioneVariazione_PD ComuneSPCoopIT.InoltroBusteEGov < T11:18:49.476> (infospcoop) ID: Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 PD:ComunicazioneVariazione_PD SA:Anonimo FR:SPC/Comune -> S:SPC/CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica Invio Messaggio SPCoop con identificativo [Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18] in corso (location: CentroAnagraficoSPCoopIT.RicezioneBusteEGovWS < T11:18:49.559> (infospcoop) ID: Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 FR:SPC/Comune -> S:SPC/ CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica Ricevuto messaggio SPCoop con identificativo [Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11 :18] inviata dalla parte mittente [SPC/Comune]. CentroAnagraficoSPCoopIT.Sbustamento < T11:18:49.605> (infoopenspcoop) ID: Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 FR:SPC/Comune -> S:SPC/ CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica Ricevuta Busta EGov [Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18], con l attributo ALPIUUNAVOLTA nel profilo di trasmissione: Busta salvata nell History delle buste ricevute. CentroAnagraficoSPCoopIT.ConsegnaContenutiApplicativi < T11:18:49.624> (infospcoop ) ID:Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 SA:ComunicazioneVariazione_SA FR:SPC /Comune -> S:SPC/CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica

22 17 / 33 Invio Messaggio SPCoop con identificativo [Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18] in corso (location: CentroAnagraficoSPCoopIT.ConsegnaContenutiApplicativi < T11:18:49.635> (infospcoop ) ID:Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 SA:ComunicazioneVariazione_SA FR:SPC /Comune -> S:SPC/CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica Messaggio applicativo con ID [Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18], generato dal mittente [SPC/Comune], consegnato al servizio applicativo [ComunicazioneVariazione_SA] mediante connettore [http] (location: con codiceconsegna: 200 ComuneSPCoopIT.InoltroBusteEGov < T11:18:49.703> (infospcoop) ID: Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18 PD:ComunicazioneVariazione_PD SA:Anonimo FR:SPC/Comune -> S:SPC/CentroAnagrafico_SPC/ComunicazioneVariazione_Notifica Messaggio SPCoop con identificativo [Comune_ComuneSPCoopIT_ _ _11:18] inviato alla parte destinataria [SPC/CentroAnagrafico] mediante connettore [http] ( location: con codiceconsegna: Stato Famiglia (sincrono) 5.1 Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Come per il servizio ComunicazioneVariazione, creiamo un accordo di servizio fornendo i wsdl e wsbl che descrivono il servizio applicativo in questione. I wsdl in questione sono forniti insieme ai sorgenti degli esempi: WSDL Definitorio (definitorio.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:so=" xmlns:xs=" XMLSchema" xmlns:xsd=" targetnamespace=" openspcoop.org/example"> <xs:simpletype name="codicefiscaletype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[a-za-z]{6}\d\d[a-za-z]\d\d[a-za-z]\d\d\d[a-za-z]"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> <xs:complextype name="personatype"> <xs:sequence> <xs:element name="nome" type="xs:string"/> <xs:element name="cognome" type="xs:string"/> <xs:element name="codicefiscale" type="so:codicefiscaletype"/> <xs:element name="nascita" type="xs:date"/> <xs:element name="statocivile" type="xs:string"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="richiestastatofamiglia" type="so:codicefiscaletype"/> <xs:element name="statofamiglia" type="so:personatype"/> </xs:schema> WSDL Concettuale (concettuale.wsdl). <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl="

23 18 / 33 <wsdl:import namespace=" location="definitorio.xsd"> </wsdl:import> <wsdl:message name="statofamigliaresponse"> <wsdl:part name="statofamigliaresponsepart" element="spc:statofamiglia"> <wsdl:message name="statofamigliarequest"> <wsdl:part name="statofamigliarequestpart" element="spc:richiestastatofamiglia"> <wsdl:porttype name="richiestastatofamiglia"> <wsdl:operation name="acquisisci"> <wsdl:input message="spc:statofamigliarequest"> </wsdl:input> <wsdl:output message="spc:statofamigliaresponse"> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> </wsdl:definitions> WSDL Logico Erogatore (logicoerogatore.wsdl). <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="definitorio.xsd"> </wsdl:import> <wsdl:message name="statofamigliaresponse"> <wsdl:part name="statofamigliaresponsepart" element="spc:statofamiglia"> <wsdl:message name="statofamigliarequest"> <wsdl:part name="statofamigliarequestpart" element="spc:richiestastatofamiglia"> <wsdl:porttype name="richiestastatofamiglia"> <wsdl:operation name="acquisisci"> <wsdl:input message="spc:statofamigliarequest"> </wsdl:input> <wsdl:output message="spc:statofamigliaresponse"> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> </wsdl:definitions> WSDL Logico Fruitore Il fruitore, per realizzare questo scenario, non ha bisogno di esporre nessun servizio, quindi non ha un WSDL che lo descrive. WSDL Implementativo Erogatore (implementativoerogatore.wsdl). <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="logicoerogatore.wsdl "> </wsdl:import> <wsdl:binding name="richiestastatofamigliabinding" type="spc:richiestastatofamiglia"> <soap:binding style="document" transport=" <wsdl:operation name="acquisisci"> <wsdl:input>

24 19 / 33 <soap:body use="literal"/> </wsdl:input> <wsdl:output> <soap:body use="literal"/> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:binding> <wsdl:service name="richiestastatofamigliaservice"> <wsdl:port name="richiestastatofamigliainterfaceendpoint" binding="spc: RichiestaStatoFamigliaBinding"> <soap:address location=" </wsdl:port> </wsdl:service> </wsdl:definitions> WSDL Implementativo Fruitore Come per il WSDL Logico Fruitore, non ci sono servizi da implementare per il fruitore del servizio in questo scenario. 5.2 Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Eseguiamo la configurazione sulla Control Station sulla falsariga di quanto fatto per lo scenario oneway visto in precedenza. Una volta creati i descrittori WSDL del servizio, possiamo procedere con la creazione dell accordo di servizio. 1. Creazione dell Accordo di Servizio con i dati riportati in Tabella 14. Referente WSDL Definitorio WSDL Concettuale WSDL Logico Erogatore AS_RichiestaStatoFamiglia SPC/CentroAnagrafico definitorio.xsd concettuale.wsdl logicoerogatore.wsdl Tabella 14: Dati Accordo di servizio 2. Aggiungiamo il Servizio all Accordo: il nome del servizio dovrà avere lo stesso nome del PortType indicato nel WSDL Concettuale. Profilo RichiestaStatoFamiglia sincrono Tabella 15: Dati Servizio dell Accordo 3. Specifichiamo le azioni del Servizio: le azioni del Servizio corrispondono alle Operation specificate nel WSDL Acquisisci Tabella 16: Dati delle azioni del servizio 4. Aggiungere il servizio SPCoop con i dati riportati in Tabella Aggiungere il soggetto fruitore alla lista dei soggetti che possono fruire del servizio: avendo attiva di default l autenticazione SPCoop dobbiamo aggiungere il soggetto Comune ai fruitori del servizio RichiestaStatoFamiglia

25 20 / 33 Soggetto SPCoop Accordo Servizio Servizio WSDL Implementativo Erogatore SPC/CentroAnagrafico AS_RichiestaStatoFamiglia RichiestaStatoFamiglia implementazioneerogatore.wsdl Tabella 17: Dati Servizio SPCoop 6. Aggiungere nelle politiche sicurezza il servizio applicativo autorizzato ad invocare il servizio. Questo passaggio è essenziale ai fini dell autenticazione da parte del servizio applicativo in fase di invocazione della porta delegata. (a) Dall elenco dei fruitori del servizio, in corrispondenza del soggetto Comune, nella colonna politiche sicurezza selezionare visualizza, quindi il pulsante Aggiungi (b) Compilare il form selezionando il servizio applicativo Comune_SA dalla lista a discesa e confermando con il pulsante Invia (c) Premere il pulsante Invia Nota L operazione descritta in questo passaggio, creerà automaticamente un associazione tra il servizio applicativo e la porta delegata creata automaticamente al passo precedente. 7. Aggiungere la Porta Applicativa: aggiungiamo al soggetto SPC/CentroAnagrafico la porta applicativa che si occuperà dello sbustamento delle richieste e-gov dei fruitori e di consegnarle al servizio applicativo erogato. Validazione Contenuti Stateless Gestione Body Gestione Manifest Servizio SPCoop Azione RichiestaStatoFamiglia_PA disabilitato default none abilitato RichiestaStatoFamiglia Acquisisci Tabella 18: Dati Porta Applicativa 8. Aggiungere il Servizio Applicativo Erogatore: Soggetto SPCoop Tipo invocazione Modalità fault RichiestaStatoFamiglia_SA CentroAnagrafico nessuna soap Tabella 19: Dati Servizio Applicativo 9. Impostare i parametri di invocazione del Servizio Applicativo con i valori riportati in Tabella 20: 10. Associare alla Porta Applicativa il Servizio Applicativo

26 21 / 33 Sbustamento Get message Connettore abilitato Url connettore Tipo credenziali d accesso RichiestaStatoFamiglia_SA no disabilitato si none Tabella 20: Dati invocazione Servizio Applicativo 5.3 Programmazione La programmazione di un servizio ed un client sincrono è molto simile a quella di un Oneway, tranne per il fatto che il servizio in questo caso restituisce un messaggio SOAP in risposta ad una richiesta. Nella programmazione dei servizi a livello di operazioni, questo si traduce in un operazione con un oggetto di ritorno invece di void. public interface RichiestaStatoFamiglia { = "statofamiglia", targetnamespace = " ", partname = = "Acquisisci") public PersonaType = "statofamigliarequestpart", name = "richiestastatofamiglia", targetnamespace = " java.lang.string statofamigliarequestpart ); 5.4 Test e verifica Seguendo le istruzioni fornite con i sorgenti per la configurazione, compilazione ed esecuzione degli esempi, avviamo il test per il servizio RichiestaStatoFamiglia. 6 Stampa Documento (AsincronoAsimmetrico) 6.1 Descrizione formale dell Accordo di Servizio: WSDL e WSBL Creiamo un accordo di servizio fornendo i wsdl che descrivono il servizio applicativo in questione. I wsdl in questione sono forniti insieme ai sorgenti degli esempi: WSDL Definitorio (definitorio.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:so=" xmlns:xs=" XMLSchema" xmlns:xsd=" targetnamespace=" openspcoop.org/example"> <xs:simpletype name="codicefiscaletype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[a-za-z]{6}\d\d[a-za-z]\d\d[a-za-z]\d\d\d[a-za-z]"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> <xs:complextype name="richiestadocumento"> <xs:sequence> <xs:element name="codicedocumento" type="xs:string"/> </xs:sequence>

27 22 / 33 </xs:complextype> <xs:element name="stampadocumento"> <xs:complextype> <xs:complexcontent> <xs:extension base="so:richiestadocumento"> <xs:attribute name="cf" type="so:codicefiscaletype" use="required"/> </xs:extension> </xs:complexcontent> </xs:complextype> </xs:element> <xs:element name="presaconsegnastampa"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element name="idstampa" type="xs:long"/> <xs:element name="stimacompletamento" type="xs:date"/> </xs:sequence> </xs:complextype> </xs:element> <xs:element name="statodocumento" type="xs:long"/> <xs:element name="esito" type="xs:string"/> </xs:schema> WSDL Concettuale (concettuale.wsdl). <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="definitorio.xsd"> </wsdl:import> <wsdl:message name="stampadocumentoresponse"> <wsdl:part name="stampadocumentoresponsepart" element="spc:presaconsegnastampa"> <wsdl:message name="statodocumentorequest"> <wsdl:part name="statodocumentorequestpart" element="spc:statodocumento"> <wsdl:message name="stampadocumentorequest"> <wsdl:part name="stampadocumentorequestpart" element="spc:stampadocumento"> <wsdl:message name="statodocumentoresponse"> <wsdl:part name="statodocumentoresponsepart" element="spc:esito"> <wsdl:porttype name="stampadocumento"> <wsdl:operation name="stampa"> <wsdl:input message="spc:stampadocumentorequest"> </wsdl:input> <wsdl:output message="spc:stampadocumentoresponse"> </wsdl:output> </wsdl:operation> <wsdl:operation name="stato"> <wsdl:input message="spc:statodocumentorequest"> </wsdl:input> <wsdl:output message="spc:statodocumentoresponse"> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:porttype>

28 23 / 33 </wsdl:definitions> WSDL Logico Erogatore (logicoerogatore.wsdl). <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="definitorio.xsd"> </wsdl:import> <wsdl:message name="stampadocumentoresponse"> <wsdl:part name="stampadocumentoresponsepart" element="spc:presaconsegnastampa"> <wsdl:message name="statodocumentorequest"> <wsdl:part name="statodocumentorequestpart" element="spc:statodocumento"> <wsdl:message name="stampadocumentorequest"> <wsdl:part name="stampadocumentorequestpart" element="spc:stampadocumento"> <wsdl:message name="statodocumentoresponse"> <wsdl:part name="statodocumentoresponsepart" element="spc:esito"> <wsdl:porttype name="stampadocumento"> <wsdl:operation name="stampa"> <wsdl:input message="spc:stampadocumentorequest"> </wsdl:input> <wsdl:output message="spc:stampadocumentoresponse"> </wsdl:output> </wsdl:operation> <wsdl:operation name="stato"> <wsdl:input message="spc:statodocumentorequest"> </wsdl:input> <wsdl:output message="spc:statodocumentoresponse"> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> </wsdl:definitions> WSDL Logico Fruitore Il fruitore, per realizzare questo scenario, non ha bisogno di esporre nessun servizio, quindi non ha un WSDL che lo descrive. WSDL Implementativo Erogatore (implementativoerogatore.wsdl). <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace=" xmlns:xsd=" xmlns:soap=" xmlns:spc=" xmlns:wsdl=" <wsdl:import namespace=" location="logicoerogatore.wsdl "> </wsdl:import> <wsdl:binding name="stampadocumentobinding" type="spc:stampadocumento"> <soap:binding style="document" transport=" <wsdl:operation name="stampa"> <wsdl:input> <soap:body use="literal"/> </wsdl:input> <wsdl:output> <soap:body use="literal"/>

29 24 / 33 </wsdl:output> </wsdl:operation> <wsdl:operation name="stato"> <wsdl:input> <soap:body use="literal"/> </wsdl:input> <wsdl:output> <soap:body use="literal"/> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:binding> <wsdl:service name="stampadocumentoservice"> <wsdl:port name="stampadocumentointerfaceendpoint" binding="spc:stampadocumentobinding "> <soap:address location=" </wsdl:port> </wsdl:service> </wsdl:definitions> WSDL Implementativo Fruitore Come per il WSDL Logico Fruitore, non ci sono servizi da implementare per il fruitore del servizio in questo scenario. 6.2 Configurazione Porta di Dominio e Registro Servizi Una volta creati i descrittori del servizio, possiamo procedere con la creazione dell accordo di servizio. 1. Creazione dell Accordo di Servizio Referente WSDL Definitorio WSDL Concettuale WSDL Logico Erogatore AS_StampaDocumento SPC/CentroAnagrafico definitorio.xsd concettuale.wsdl logicoerogatore.wsdl Tabella 21: Dati Accordo di servizio 2. Aggiungiamo il Servizio all Accordo: il nome del servizio dovrà avere lo stesso nome del PortType indicato nel WSDL Concettuale. Profilo StampaDocumento asincronoasimmetrico Tabella 22: Dati Servizio dell Accordo 3. Specifichiamo le azioni del Servizio: le azioni del Servizio corrispondono alle Operation specificate nel WSDL Stampa Stato Tabella 23: Dati delle azioni del servizio

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop i Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Ambiente di sviluppo 1 3 Presentazione degli scenari di esempio 2 4 Comunicazione

Dettagli

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO 1)d ALLEGATO 14 RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO TRA IL SISTEMA INFORMATICO DEL COMUNE ED IL SISTEMA INFORMATICO DELLA SOCIETA PREPOSTA AL SERVIZIO DI REFEZIONE vers. 2.2 Indice 1. SCOPO

Dettagli

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia Versione 1.1 Nome doc.: INF-1 Specifiche Interfaccia v1.0.doc Edizione: 1.0 Data emissione: 12/1/2007 INDICE Modifiche

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA VISUALIZZAZIONE E LO SCARICO DELLE RICEVUTE DI ATTESTAZIONE DELLE OPERAZIONI E DELLE TRANSAZIONI EFFETTUATE SULLE RICETTE DEMATERIALIZZATE (DECRETO 2 NOVEMBRE

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Modalità d integrazione trasparente 1 3 Modalità d integrazione tramite

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA COMUNICAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE CHE UN MEDICO TITOLARE DEVE FORNIRE AL SISTEMA TS AFFINCHE UN MEDICO SUO SOSTITUTO POSSA PRESCRIVERE RICETTE DEMATERIALIZZATE

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop

Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop i Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop Tutorial di configurazione e programmazione OpenSPCoop ii Copyright 2005-2014 Link.it s.r.l.

Dettagli

ZTL Firenze Inserimento Automatico

ZTL Firenze Inserimento Automatico ZTL Firenze Inserimento Automatico Introduzione In seguito alla variazione dell ordinanza del giugno 2011 che regola la modalità di rilascio dei permessi portale per le categorie abilitate, non è più possibile

Dettagli

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino] Allegato Tecnico 1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

SDK-CART. Versione 1.1

SDK-CART. Versione 1.1 SDK-CART Versione 1.1 20/04/2008 Indice dei Contenuti 1 INTRODUZIONE...2 2 L USO DEL COMPONENTE DI INTEGRAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO... 2 2.1 Modalità d'uso trasparente dei Servizi...3 2.2 Uso del Servizio

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

A2A Specifiche Web Services

A2A Specifiche Web Services A2A Specifiche Web Services Contenuti 1 CONTENUTI...1 1 INTRODUZIONE...3 2 UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1 RICHIESTA UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1.1 Input del WS...5 2.1.2 Output del WS...6 2.2 UPLOAD SEGMENTATO...7

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica 1/20 1.1 Modifiche Documento Descrizione Modifica Edizione Data Prima emissione 1 28/07/2008 1.2

Dettagli

Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi

Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi Pagina 1 di 18 Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 CLIENT SOAP... 2 2.1 INSTALLAZIONE DEL CLIENT SOAP... 2 2.1.1 PREREQUISITI...

Dettagli

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Versione: 3 Data: 16/10/2014 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Modifiche al documento...

Dettagli

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov build.xml

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP.

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP. In questo tutorial implementeremo un semplice SOAP web service in PHP che un client Java richiamerà. In questo modo mostreremo l'interoperabilità fra linguaggi diversi che SOAP permette di avere. La struttura

Dettagli

Creare client statici

Creare client statici Client statico Creare client statici Un client statico crea, a partire dal WSDL di un servizio, un insieme di classi di supporto client-side (stub) Sono necessari solo 2 passi: 1. parsing del WSDL pubblicato

Dettagli

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da:

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: WebCare Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione Progetto: WEBCARE 2 Versione 1.3 Data 05 AGOSTO 2011 Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: CRONOLOGIA DELLE VERSIONI

Dettagli

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1. PAG. 1 DI 39 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.5 DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS PAG. 2 DI 39 INDICE 1. REVISIONI DEL DOCUMENTO

Dettagli

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Visualizzazione del registro dei servizi HTTP 1 3 Visualizzazione del registro dei servizi UDDI

Dettagli

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i Il Gestore Eventi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Configurazione di un Servizio SPCoop come Evento gestito dal GE 2 3 Configurazione di un Pubblicatore

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 13 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS 5 3. SERVIZIO DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE/REVOCA CNS 6 3.1 DESCRIZIONE

Dettagli

Guida alla configurazione freesbee-sla e freesbweb-sla

Guida alla configurazione freesbee-sla e freesbweb-sla Guida alla configurazione freesbee-sla e freesbweb-sla freesbee SLA freesbweb SLA Pagina 1 di 23 Sommario Guida alla configurazione freesbee-sla e freesbweb-sla... 1 Introduzione... 4 Installazione...

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop i Release Notes di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Versione 1.4 1 1.1 Adeguamento al nuovo sistema di qualificazione di DigitPA............................. 1 1.2 Nuova modalità

Dettagli

Il Web-Service SDMX dell ISTAT

Il Web-Service SDMX dell ISTAT Il Web-Service SDMX dell ISTAT Versione: 1.0.0 Data: 26/06/2014 Autore: Approvato da: Modifiche Versione Modifiche Autore Data Indice dei contenuti 1 Introduzione... 4 2 Esempio d uso... 5 2.1 Riferimento

Dettagli

Interfaccia SOAP del FUSC. Versione 3.10

Interfaccia SOAP del FUSC. Versione 3.10 Interfaccia SOAP del FUSC Versione 3.10 Indice 1 Introduzione... 4 2 Descrizione... 5 2.1 Condizioni per l utilizzo del web service... 5 2.2 Il server SOAP... 5 2.3 Attivazione del web service... 5 2.3.1

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 Pag. 2 di 16 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2014 Link.it srl iii Indice 1 Novità di OpenSPCoop-v2 rispetto ad OpenSPCoop 1 1.1 Protocollo di Cooperazione personalizzabile tramite plugin.............................

Dettagli

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Il presente documento intende fornire la descrizione e le specifiche tecniche necessarie al colloquio fra i sistemi software produttori di prescrizioni

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

EDIZIONE FEBBRAIO 2012

EDIZIONE FEBBRAIO 2012 MISADWEB SERVICE EDIZIONE FEBBRAIO 2012 Operazioni supportate GetAllVehicle Permette di ricevere la lista integrale delle vetture dell impianto. Accetta come parametro un xml contenente le informazioni

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 Pag. 2 di 11 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Versione 3.0 Giugno 2015 Sommario 1 I profili di utenza del sistema... 3 2 Accesso al sistema... 3 3 Utente Amministrazione...

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia

L Iniziativa egovernment.net per l Italia L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Web Service per importare una pratica SUAP in. attraverso

Web Service per importare una pratica SUAP in. attraverso Web Service per importare una pratica SUAP in attraverso Versione: 1.0 Data: 31/03/2016 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento... 3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente

Dettagli

Gestione Richieste Patenti Web

Gestione Richieste Patenti Web >> Specifiche Integrazione Web Services RTI Gestione Richieste Patenti Web Servizio di Sviluppo SVI Versione 1.0-07 Dicembre 2009 Indice dei contenuti 1 GENERALITA... 6 1.1 Lista di distribuzione...6 1.2

Dettagli

Installazione e configurazione

Installazione e configurazione Globo srl Soluzioni avanzate per il territorio Viale Europa, 17/B 24048 Treviolo (BG) +39 035 596911 +39 035 596999 globo@pec.it info@globogis.it Reg.Impr. di BG - Cod.Fisc. - P.IVA 02598580161 Capitale

Dettagli

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket.

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Portale regionale della Salute Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Specifiche di integrazione dei servizi di cooperazione applicativa e dei web services. Versione 1.10 16 Ottobre 2013

Dettagli

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2 i Manuale SDK di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2013 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 La Personalizzazione del Protocollo di Cooperazione 1 3 Il Software Development Kit 2 3.1 Gestione dei payload.................................................

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica per utente

Dettagli

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE 1 JAX-WS 2.0 Java API for XML Web Services Specifica basata su annotazioni Applicata su classi ed interfacce in modo da definire e gestire automaticamente il protocollo

Dettagli

Web Services Servizio Telematico Dogane

Web Services Servizio Telematico Dogane Web Services Servizio Telematico Dogane MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 21 Indice 1 Introduzione... 3 2 Test funzionale dei web services... 6 3 Creazione del client... 10 3.1 Soluzioni Open Source...

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- SERVICE

PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- SERVICE 09/03/2011 Pag. 1 di 10 PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- Pag. 2 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. LISTAESENTIREDDITO.WSDL 5 3. INTERROGAASSESERED.WSDL 7 Pag.

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

COMUNAS Estensione del portale

COMUNAS Estensione del portale COMUNAS Estensione del portale Documento: Data: Maggio 2008 File: Allegato_tecnico.doc Versione: def_2008-05-29 Redazione: Sardegna IT Approvazione: REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Presidenza Direzione

Dettagli

Spring WS Sviluppare WebService in Java

Spring WS Sviluppare WebService in Java Spring WS Sviluppare WebService in Java 1.1 Introduzione Nell ambito della programmazione Java è particolarmente utile avere una certa familiarità con i WebService e la tecnologia che li supporta. In particolare

Dettagli

Programmazione di Web Services

Programmazione di Web Services Luca Cabibbo Architetture Software Programmazione di Web Services Dispensa ASW 860 ottobre 2014 La scelta tra architetture può ben dipendere da quali sono gli svantaggi che il cliente può gestire meglio.

Dettagli

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un esempio particolarmente

Dettagli

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE...

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... Sommario SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... 4 INTRODUZIONE ALLE FUNZIONALITÀ DEL PROGRAMMA INTRAWEB... 4 STRUTTURA DEL MANUALE... 4 INSTALLAZIONE INRAWEB VER. 11.0.0.0... 5 1 GESTIONE INTRAWEB VER 11.0.0.0...

Dettagli

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni Pag. 1 di 15 Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni versione data Modifiche principali Autore/i 0.1 Redazione specifiche tecniche Dario Piermarini 1/15 Pag. 2 di 15 1 INTRODUZIONE Un Comune che

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3>

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

DOCFINDERWEB SERVICE E CLIENT

DOCFINDERWEB SERVICE E CLIENT DOCFINDERWEB SERVICE E CLIENT Specifiche tecniche di interfacciamento al Web Service esposto da DocPortal Versione : 1 Data : 10/03/2014 Redatto da: Approvato da: RICCARDO ROMAGNOLI CLAUDIO CAPRARA Categoria:

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Contenuti CONTENUTI...2 1 INTRODUZIONE...3 2 MODELLO INFORMATIVO...4 3 APPENDICE...7 3.1 APPENDICE A XSD...7 3.1.1 Remark.xsd...7 2 1

Dettagli

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti 1/27 PROGETTO AIRUMBRIA la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti MODULI SW REALIZZATI E FUNZIONANTI DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE - (documento 6.6.1) 2/27 Data: 1/6/2011 Compilato:

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Dettagli

Slide Title Web Services su Protocollo SOAP

Slide Title Web Services su Protocollo SOAP Slide Title Web Services su Protocollo SOAP Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com La programmazione su Internet Slide Title http://en.wikipedia.org/wiki/web_service The W3C defines

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015

Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015 Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015 Aprile 2015 versione 1.0 Pagina 1 Indice Indice... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 FATTURAZIONE ATTIVA... 7 2.1

Dettagli

Allegato tecnico Servizi di Accoglienza Regionale del Friuli Venezia Giulia Prescrizione Ricetta dematerializzata (D.M. 2/11/2011) - BOZZA

Allegato tecnico Servizi di Accoglienza Regionale del Friuli Venezia Giulia Prescrizione Ricetta dematerializzata (D.M. 2/11/2011) - BOZZA 2013_ PRESC_DEM_01 IDAS-SAN-00001-AT-13-001 25 10 2013 Allegato tecnico Servizi di Accoglienza Regionale del Friuli Venezia Giulia Prescrizione Ricetta dematerializzata (D.M. 2/11/2011) - BOZZA Il presente

Dettagli

GateManager. 1 Indice. tecnico@gate-manager.it

GateManager. 1 Indice. tecnico@gate-manager.it 1 Indice 1 Indice... 1 2 Introduzione... 2 3 Cosa vi serve per cominciare... 2 4 La Console di amministrazione... 2 5 Avviare la Console di amministrazione... 3 6 Come connettersi alla Console... 3 7 Creare

Dettagli

PROXY INFORTUNI INAIL MANUALE D'INSTALLAZIONE

PROXY INFORTUNI INAIL MANUALE D'INSTALLAZIONE 1 Page 1 of 14 PROXY INFORTUNI INAIL MANUALE D'INSTALLAZIONE Codice: ProxyInfortuniInail-ManualeInstallazione Versione: 1.0 File: ProxyInfortuniInail-ManualeInstallazione-v1.0.pdf Nome e Cognome Data Autore:

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014 PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 23 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. GENERALITA... 5 3. STANDARD TECNICI... 6 4. INVIO DEI DATI DI SPESA... 7 4.1. CARATTERISTICHE... 7 4.2. ACCESSO

Dettagli

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE Indice 1. DESCRIZIONE... 3 2. METODI... 4 3. IL FILE XML... 6 3.1 Descrizione contenuti del file... 7 4. COME IMMETTERE I DATI SE NON CI SONO STATE VALUTAZIONI... 12 5.

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 DOCUMENTO:. 1.0 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Alessio Sardaro firma Verificato da: Approvato da: LISTA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTI

Dettagli

REOL-Services Quick Reference Ver. 1.1 Tecno Press Srl. 1

REOL-Services Quick Reference Ver. 1.1 Tecno Press Srl. 1 In questa semplice guida sono riportate tutte le informazioni relative alla prima registrazione e quelle relative alla configurazione dell ambiente di lavoro per poter utilizzare al meglio la nostra suite

Dettagli

PC/CSA. Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada

PC/CSA. Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada PC/CSA Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada PC/CSA-SPF-1.0 Versione del 18.04.2001 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa Web Service Introduzione Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione

Dettagli

MANUALE UTENTE SRTY SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO SRTY MANUALE UTENTE. Contratto:

MANUALE UTENTE SRTY SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO SRTY MANUALE UTENTE. Contratto: Contratto: Contratto del 23/04/2002 (Rep. 6253/Raccolta 1966), per l affidamento dell espletamento dei Servizi Informatici per la progettazione, realizzazione e manutenzione di prodotti software per il

Dettagli

Web Service medra per la gestione DOI

Web Service medra per la gestione DOI Web Service medra per la gestione DOI Versione documento: 1.0 Data creazione: 23 dicembre 2010 Data ultima modifica: 14 maggio 2012 1. Introduzione...2 2. medra WS...2 2.1. Operation UPLOAD...2 2.2. Operation

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Data Creazione 04/12/2012 Versione 1.0 Autore Alberto Bruno Stato documento Revisioni 1 Sommario 1 - Introduzione... 3 2 - Attivazione

Dettagli

Il Web-Service SDMX dell ISTAT

Il Web-Service SDMX dell ISTAT Il Web-Service SDMX dell ISTAT Versione: 1.0.0 Data: 05/06/2014 Autore: Approvato da: Modifiche Versione Modifiche Autore Data Indice dei contenuti 1 Introduzione... 4 2 Creazione dell esempio d uso...

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Versione 1.3 Sommario 1- Introduzione... 3 2 - Modalità di interazione con il servizio... 3 3 - Formato dell output... 3 4 - Modello dei

Dettagli

Servizi medra Report e HTTPCallback

Servizi medra Report e HTTPCallback Servizi medra Report e HTTPCallback Versione documento: 1.0 Data creazione: 01 dicembre 2011 Data ultima modifica: 01 dicembre 2011 1. Introduzione...2 2. Report...2 3. Modalità di Notifica...3 A. Elenco

Dettagli

Istruzioni per il cambio della password della casella di posta

Istruzioni per il cambio della password della casella di posta Istruzioni per il cambio della password della casella di posta La password generata e fornita al cliente in fase di creazione della casella di posta è una password temporanea, il cliente è tenuto a modificarla.

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli