EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE ITALIANE: INQUADRAMENTO TEORICO ED EVIDENZE EMPIRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE ITALIANE: INQUADRAMENTO TEORICO ED EVIDENZE EMPIRICHE"

Transcript

1 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE ITALIANE: INQUADRAMENTO TEORICO ED EVIDENZE EMPIRICHE CLAUDIO GIANNOTTI * 1. Introduzione Il sistema finanziario italiano è notevolmente cambiato negli ultimi anni fino ad assumere una struttura di base simile a quella degli altri paesi industrializzati. Questa trasformazione appare di fatto realizzata in alcuni ambiti (ad esempio la proprietà privata degli intermediari creditizi), in fase di completamento in altri (ad esempio il nuovo sistema dei pagamenti) e da compiersi in altri ancora (ad esempio lo sviluppo di investitori istituzionali quali i fondi pensione). Diversi fattori hanno contribuito ad innalzare il livello competitivo del nostro sistema finanziario 1. Significativo il mutamento del quadro normativo, il quale ha abbattuto le barriere all ingresso nei vari mercati e le separazioni istituzionali tra i diversi settori dell attività finanziaria, contribuendo ad ampliare la varietà dei servizi e dei prodotti offerti. Grazie al progresso tecnologico i mercati finanziari si sono integrati, si sono ridotte le imperfezioni dei circuiti di scambio diretti e si sono ulteriormente specializzate alcune fasi del ciclo produttivo e distributivo delle attività finanziarie. L efficienza informativa del mercato azionario è notevolmente aumentata, conferendo maggiore significatività ai prezzi. Sono andate poi via via maturando alcune condizioni che hanno favorito comportamenti volti alla massimizzazione del valore dei titoli azionari, come la privatizzazione delle banche (dal 1993 a oggi la quota di fondi intermediata da enti pubblici è scesa dal 70 per cento al 12 per cento); le banche hanno dovuto prodigarsi per assicurare un attraente rendimento atteso delle proprie * Ricercatore di Economia degli Intermediari Finanziari nell Università di Roma «Tor Vergata». Desidero ringraziare Stefano Monferrà per gli utili consigli ed i professori Alessandro Carretta ed Antonio Pin per i preziosi e continui suggerimenti che hanno voluto fornire per la stesura di questo lavoro. ¹ Per le più recenti evoluzioni del sistema finanziario italiano, vedi Forestieri (2000); Ciocca (1999); Comana (1997) e Banca d Italia, Relazione Annuale per il

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 azioni. Il sistema dei pagamenti si è evoluto in tutte le sue componenti (norme, intermediari, strumenti e infrastrutture), rendendo più efficiente il trasferimento della moneta tra gli operatori del sistema economico. Inoltre, la realizzazione della moneta unica europea ha creato notevoli opportunità per le banche italiane soprattutto nel campo del corporate finance, particolarmente importante per i rapporti con gli intermediari esteri. In tale contesto, ci si chiede: come si è modificato il rapporto tra banche ed imprese? In particolare, sono migliorate le relazioni tra intermediari finanziari ed aziende di piccole e medie dimensioni? Oppure sono rimaste immutate? Di quest ultimo aspetto intende occuparsi il presente lavoro, proponendosi di accertare, con l ausilio di dati disponibili, se si siano avuti i progressi da molti auspicati. Gli interrogativi sono molteplici. Ad esempio: l indebitamento bancario è ancora prevalente nella struttura del passivo delle imprese oppure si nota un avvicinamento al mercato? Gli intermediari hanno sviluppato l offerta di servizi corporate finance? Si è avuto un miglioramento nel rapporto banca-impresa tale da lasciare intravedere per il futuro una relazione più solida e più profonda? Dopo aver assunto l ipotesi teorica che l accresciuta efficienza dei mercati richiede comunque un attività di intermediazione capace di produrre servizi finanziari di vario tipo e con differente valore aggiunto, l analisi dei dati disponibili si propone di confermare (o confutare) l avvenuto spostamento dell attività bancaria dal lending tradizionale all offerta di servizi corporate finance Il rapporto banca-impresa nei sistemi finanziari imperfetti: ricognizione storico-dottrinale 2.1. Il quadro di riferimento storico I rapporti tra l industria e la finanza possono essere analizzati in relazione al contributo dato alla mobilizzazione dei capitali verso l attività produttiva, alla partecipazione ai processi di governo delle imprese, al monitoraggio delle performance del sistema industriale e all offerta di servizi confacenti all ottimizzazione delle funzioni finanziarie aziendali (Cotta Ramusino, 1998). Nella fase introduttiva del ciclo di vita di un impresa, le banche non sono inclini a finanziare progetti imprenditoriali nuovi o innovativi, che ancora devono mostrare la loro validità economica; tale tipo di finanziamento compete al venture capital. Con l avvio del- ² Per un inquadramento generale dei servizi corporate finance, vedi tra gli altri Gatti (1998). Per delle considerazioni specifiche sui servizi di finanza mobiliare, vedi Basile e De Sury (1993) e Banfi (1995). 130

3 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... l attività e la progressiva crescita del fatturato, i finanziatori esterni, posto che appaiano positive le prospettive reddituali dell impresa, si mostrano propensi ad accordare finanziamenti a titolo di credito. Tale tipo di intervento (lending) può trovare il proprio limite massimo nella fase di maturità dell impresa, in corrispondenza sia di una possibile riduzione dei vantaggi competitivi dell impresa, che producono un innalzamento del grado di rischio, sia del raggiungimento di una sufficiente autonomia finanziaria da parte degli affidati (Mottura, 1987). In anni recenti, le grandi imprese italiane hanno rafforzato il proprio posizionamento competitivo e la propria forza contrattuale nei confronti degli intermediari finanziari grazie alle spinte innovative sorte dal lato della domanda, in linea con il punto di vista teorico secondo cui «i sistemi bancari non mutano se non cambiano le esigenze e le propensioni della clientela» (Bianchi, 1988). In altre parole, in presenza di date condizioni ambientali esterne (tecnologia, regolamentazione, congiuntura economica, ecc.), quando si verificano significative modificazioni nella domanda, gli intermediari sono costretti a ridefinire i servizi offerti; di riflesso, i sistemi finanziari modificano la distribuzione del carico di lavoro tra i circuiti autonomi e quelli intermediati (Basile, De Sury, 1993). Detto mutamento della domanda di servizi finanziari da parte delle imprese maggiori può essere collocato intorno agli anni Ottanta e va collegato, almeno in parte, con la crescita del mercato borsistico, stante il fatto che, in genere, lo sviluppo del mercato dei capitali tende a ridurre l indebitamento con gli intermediari delle aziende di maggiori dimensioni (Banca d Italia, Relazione Annuale per il 1999). Va inoltre rilevato che in quegli anni le imprese maggiori hanno intrapreso e ultimato un radicale processo di ristrutturazione economica e finanziaria, in risposta alle pressioni competitive esterne. Esse hanno deciso di concentrare la propria attività sul core business, per meglio rafforzare i propri punti di forza concorrenziali. La funzione «finanza» fu considerata rilevante ai fini dell efficienza complessiva e del successo dell impresa; non pochi furono i casi di imprese che ricorsero a specialisti esterni per appropriarsi di esperienze e di capacità tecniche non disponibili internamente (Forestieri, Onado, 1992; Cotta Ramusino, 1998). Da una ricerca condotta su un campione di imprese si ha la conferma che, al crescere delle dimensioni aziendali, le esigenze finanziarie divengono via via più complete e diversificate, con la conseguenza che le banche devono allargare e specializzare il ventaglio della loro offerta (Bisoni, Canovi, Fornaciari, Landi, 1994). Di fatto, gli amministratori degli intermediari, costretti dalle pressioni concorrenziali ed intenzionati a compensare quanto più possibile la disintermediazione in atto, hanno sviluppato nuove strategie e intensificato i contatti con i grandi clienti, per meglio soddisfare i loro 131

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 fabbisogni (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, 1997; Cotta Ramusino, 1998). Se, nel periodo storico di riferimento, si sposta l attenzione verso le imprese di dimensioni piccole e medie (PMI), si può constatare una realtà assai diversa in cui la finanza è stata, ed è tuttora, un ostacolo da superare piuttosto che un opportunità da cogliere. Gli imprenditori minori sono stati fortemente restii a raccogliere capitali sul mercato azionario. Numerose sono le ragioni di ciò, tra cui: la struttura familiare della proprietà; il desiderio di non condividere con altri soci il governo aziendale ed i frutti economici che ne conseguono; la cultura finanziaria tradizionale; gli oneri informativi e contabili richiesti; la complessità fiscale. D altra parte, anche le banche non hanno brillato per innovatività; la partecipazione in veste di merchant banker al capitale di rischio delle imprese è stata indubbiamente contenuta, persino nelle aree produttive più sviluppate (Bisoni, Landi, 1999). Tuttora, le operazioni di merchant banking con le PMI sono rare, essendo richieste solo in situazioni particolarmente delicate o di crisi (Lazzari, 1998). Altrettanto limitati sono i casi di ricorso ai mercati obbligazionari e monetari. Al presente, i rapporti tra PMI ed intermediari sono conflittuali piuttosto che collaborativi. Da un lato, gli imprenditori lamentano la bassa qualità dei servizi bancari e l elevato costo del credito. Dall altro, i responsabili delle banche evidenziano la difficoltà di ottenere informazioni attendibili e segnalano come l intento principale degli imprenditori sia quello di espandere il numero delle banche finanziatrici per poter stabilizzare la disponibilità complessiva di fondi e minimizzarne il costo (Bisoni, Landi, 1999; Szego, Tontoranelli, 1996). Inoltre, si accusano le banche di utilizzare prevalentemente criteri statici per la valutazione del merito di credito degli affidati, fondando il giudizio di fido principalmente sul patrimonio e sulle garanzie reali e personali (Bisoni, Canovi, Fornaciari, Landi, 1994; Luise, 1997). In letteratura è stato ampiamente evidenziato che la tendenza al pluriaffidamento aumenta al crescere della dimensione dell impresa (Cesarini, 1994; Padoa-Schioppa, 1994; Bisoni, Landi, 1999; Foglia, Laviola, Marullo Reedtz, 1998). Al decrescere della dimensione aziendale si riduce il numero di banche con cui gli imprenditori interagiscono e aumenta la possibilità che la banca di riferimento sia un intermediario locale; le piccole imprese hanno dunque maggiori possibilità di non disperdere i rapporti finanziari con il sistema bancario (Mediocredito Centrale, 1999). Tuttavia, la prassi dei fidi multipli è assai diffusa anche nelle PMI, con grave pregiudizio per la bontà del rapporto banca-impresa (Ruozi, 1996). Nel frammentare il proprio fabbisogno tra diverse banche l imprenditore parte dal presupposto che il credito, nelle varie forme tecniche, è un bene sostanzialmente indifferenziato e divisibile, che si può ottenere da una pluralità di fornitori tra loro altamente sostitui- 132

5 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... bili. Dal canto loro, i responsabili delle banche giudicano l impresa di piccole e medie dimensioni come un soggetto poco interessante per costruire stabili rapporti finanziari e non meritevole di un accurata e costosa analisi di fido. Il pluriaffidamento risulta poi coerente con un sistema creditizio caratterizzato da una bassa probabilità di crisi di liquidità e da costose procedure per il recupero crediti (Monferrà, 1999). Non trascurabili e numerose sono le conseguenze di questo atteggiamento di tipo assicurativo teso a stabilizzare il rischio sostenuto dalle banche frazionando la clientela affidata. Per prima cosa, esso non è compatibile con il criterio di valutazione dei fidi basato sul valore economico di impresa e cioè sui flussi di reddito prospettici (Pin, 1993; Forestieri, 1992; Tagliavini, 1999). Si indebolisce poi il controllo sul prenditore di fondi, insorgono elementi di fragilità nei bilanci degli affidati e in definitiva aumenta il rischio di insolvenza delle imprese (Foglia, Laviola, Marullo Reedtz, 1998). Inoltre, nella misura in cui la redditività ha scarsa rilevanza rispetto alle garanzie offerte e le banche non si assicurano un proficuo interscambio di informazioni con i clienti grazie a una relazione finanziaria duratura, anche le imprese con progetti economicamente poco validi possono accedere al credito bancario; ecco allora che in questo modo si favorisce l allocazione inefficiente del credito (Forestieri, Rossignoli, 1986; Luise, 1997). Infine, si facilita l espansione dell indebitamento di breve termine e si riduce la possibilità per le banche di essere un «interlocutore efficiente» per il conseguimento della struttura finanziaria equilibrata (Rossignoli, 1992). Non c è allora da meravigliarsi che la struttura finanziaria delle PMI sia prevalentemente esposta verso l indebitamento bancario e che questo rappresenti il 70 per cento circa dei debiti finanziari (Banca d Italia, Relazione Annuale per il 1999). Particolarmente significativa è l incidenza del debito bancario di breve termine, che si manifesta nell utilizzo prevalente di un solo strumento finanziario, e cioè lo scoperto di conto corrente (Furesi, Minoja, Zattoni, 1999). Oltre che dai prestiti bancari, le PMI dipendono in modo strutturale dall autofinanziamento (Landi, 2000). Appare dunque auspicabile un cambiamento di tipo relazionale (e non transazionale) nei rapporti tra banche e PMI. Una nuova collaborazione finanziaria e una strategia di cooperazione qualitativamente più efficace possono ragionevolmente nascere solo con un percorso graduale di avvicinamento tra coloro che gestiscono gli intermediari finanziari e coloro che promuovono le attività industriali (Ruozi, 1996). D altronde, le PMI sembrano richiedere con forza non tanto l annullamento delle garanzie necessarie per l ottenimento del fido, quanto piuttosto l aumento della trasparenza informativa e del livello qualitativo del rapporto con le banche (ABI e Confindustria, 2000). 133

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 Il suddetto cambiamento potrebbe avviarsi proprio con il potenziamento dell offerta di servizi finanziari che sconfinino dai business tradizionali (affidamenti e pagamenti) e che propongano le banche come soggetti attivi nella gestione finanziaria delle imprese (Ruozi, 1996). L ampliamento della gamma dell offerta potrebbe innescare processi migliorativi che allontanino le imprese dalla logica dei fidi multipli e che favoriscano il sostegno sia per il collocamento di nuovi titoli di credito che per l allungamento della scadenza media dell indebitamento finanziario (Padoa-Schioppa, 1995). Interventi sotto forma di venture capital, di finanziamenti per lo sviluppo e di ristrutturazione finanziaria possono rappresentare un opportunità per ridurre la distanza informativa con la clientela corporate e favorirne l attività soprattutto in quelle fasi del ciclo di vita in cui gli intermediari creditizi non sono propensi ad intervenire (Cesarini, 1994; Landi, Schwizer, 1998). Per non ampliare il rischio sopportato dalle banche potrebbe essere auspicabile l assistenza per la quotazione in Borsa delle imprese, in alternativa all assunzione diretta di partecipazioni. D altro canto tali servizi finanziari consentono alle banche di entrare in business con un livello competitivo più contenuto, di aumentare il grado di fidelizzazione della clientela, di riequilibrare i conti reddituali e di difendere il proprio mark up, e cioè il differenziale tra rendimento sui prestiti e rendimento di mercato (Comana, 1998; Landi, 2000). A ben vedere, non si tratta di affidare all esterno (solamente) i singoli processi che richiedono servizi finanziari ad alto valore aggiunto, ma di trovare un valido ausilio nello svolgimento di alcuni compiti di «finanza ordinaria» che necessitano comunque di competenze specialistiche. La strategia che può portare ad essere una «banca di riferimento» nel lungo periodo sembra essere quella di soddisfare l intera gamma di esigenze finanziarie che le imprese esprimono durante il ciclo di vita. Ma essa richiede innanzitutto un cambiamento di cultura e una predisposizione alla collaborazione reciproca. L imprenditore deve convincersi che la finanza è una funzione fondamentale per l efficienza complessiva ed è basata su competenze specifiche raramente presenti all interno della sua struttura organizzativa; è necessario perciò che questi richieda nuovi e diversificati servizi finanziari e colga il valore aggiunto di uno stretto rapporto con le banche. Queste ultime devono intuire la convenienza ad effettuare investimenti in nuovi segmenti operativi ed essere disposte ad impegnare risorse per acquisire una profonda conoscenza delle problematiche delle imprese di piccole e medie dimensioni. In definitiva, la nascita di relazioni forti e stabili, il trasferimento di conoscenze, la condivisione dei rischi, le intersezioni delle catene del valore tra le imprese impegnate nella cooperazione sono stati esempi di successo industriale, che possono essere replicati anche nel rapporto tra finanza e industria. 134

7 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE Il quadro di riferimento teorico L esistenza di asimmetrie informative, costi di transazione e incertezza ostacola il pieno sviluppo di rapporti di scambio diretti tra datori e prenditori di fondi. Attorno a questi elementi è stata elaborata la teoria dell intermediazione finanziaria, cioè un insieme eclettico di motivazioni a supporto degli intermediari e della loro attività 3. Le pressioni competitive, l apertura dei mercati, la deregolamentazione, l innovazione finanziaria e tecnologica rendono più completi i mercati dei capitali; ciò ha ridotto i tradizionali vantaggi competitivi degli intermediari creditizi, incentivando un effetto sostituzione nell attività di lending a favore dei mercati finanziari (Llewellyn, 1999). Tuttavia, in presenza di evidenti segnali di progressivo miglioramento dei meccanismi di funzionamento dei mercati finanziari e di un graduale orientamento dei sistemi verso i circuiti diretti, vi è ancora spazio per una domanda di intermediazione? L esperienza recente sembra registrare contemporaneamente sia una diminuzione delle imperfezioni dei mercati sia una crescita dell attività di intermediazione. Ravvisando tale apparente contraddizione alcuni autori (Allen, Santomero, 1997) hanno ipotizzato che i filoni teorici tradizionali basati sui costi di transazione e sulle asimmetrie informative possano essere insufficienti. L elaborazione di una risposta adeguata ha portato a sottolineare la capacità degli intermediari da un lato di accollarsi e gestire il rischio che altri operatori non desiderano sopportare (a testimonianza di ciò si rileva la crescente innovazione finanziaria e lo sviluppo delle attività di gestione del rischio dei differenti intermediari), e dall altro di ridurre i participation costs e cioè i tempi e gli sforzi necessari a comprendere il funzionamento del mercato e a monitorarne giornalmente i cambiamenti. Aumentano le competenze e le professionalità necessarie per cogliere le opportunità offerte dai mercati, che diventano sempre più istituzioni per gli intermediari e non per singoli investitori o imprese (Allen, Gale, 1998). La soluzione offerta tuttavia non è definitiva, ma porta a sottolineare che le funzioni di intermediazione subiscono continue trasformazioni nel tempo (Mottura, 1991; Ciocca, 1999). Le differenti modalità organizzative di uno scambio e l attività svolta dai diversi tipi di intermediari possono dunque essere interpretate come un processo in evoluzione, nel quale il ruolo degli intermediari evolve adattandosi alle nuove esigenze. Secondo questa chiave di lettura è allora possibile inquadrare concettualmente il riposizionamento delle istituzioni creditizie attraverso un processo che le indirizzi da un attività ancora fortemente concentrata su un meccanismo di trasformazione ³ Per una sintesi delle teorie dell intermediazione si rimanda tra gli altri a Forestieri (1993); Onado (1992) e Hellwig (1993). 135

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 della qualità dei fondi intermediati verso un crescente impegno in attività più «leggere», come ad esempio la consulenza e l assistenza finanziaria alla clientela corporate. In sistemi sempre meno imperfetti, le banche continuano a mantenere alcuni elementi di specificità, riconducibili soprattutto ai vantaggi informativi legati allo stretto rapporto con la clientela, che rende l intermediazione compatibile con lo sviluppo dei mercati finanziari (Llewellyn, 1999; Bisoni, Canovi, Fornaciari, Landi, 1994). Anche in presenza di un mercato dei capitali sufficientemente sviluppato ed efficacemente regolamentato è auspicabile un attività di rating (spesso svolta proprio dalle banche) e rimangono comunque problemi di azzardo morale e di insider trading (Corigliano, 1991). Il mantenimento di una posizione privilegiata della banca rispetto ai circuiti mobiliari appare fondamentale sia per la sua sopravvivenza sia per il sistema finanziario nel suo complesso, che rimane «fisiologicamente imperfetto» a causa delle asimmetrie informative presenti negli scambi finanziari; da questo punto di vista le banche assicurano una informazione di tipo confidenziale, accrescono lo spessore dei rapporti finanziari e per tale via migliorano l efficienza dei processi allocativi del credito (Forestieri, Onado, 1992; Corigliano, 1991 e 1994). La banca, potenzialmente, dispone di informazioni riservate fondamentali per lo screening e il monitoring, sulle quali appoggiarsi per conseguire economie di diversificazione nella gamma dei servizi offerti alla clientela. Tali vantaggi informativi sono utili alle banche per accompagnare in modo efficace gli imprenditori sui mercati finanziari offrendo le necessarie garanzie fidejussorie e l opportuna consulenza organizzativa (Padoa-Schioppa, 1995). Anche l attività di lending ne può trarre giovamento in termini di costo del prestito e di garanzie collaterali (Berger, Udell, 1995) oppure di aumento del valore delle azioni in caso di annuncio di rinnovo della linea di credito precedentemente accordata (Lummer, McConnel, 1989). Peraltro, al crescere del grado di efficienza di un mercato, le imprese sono sempre più disposte a divulgare informazioni per assicurarsi l accesso diretto al capitale di rischio, favorendo l efficienza del mercato stesso, che diventa un alternativa credibile al prestito bancario (Llewellyn, 1999). In questo senso si mette in discussione la presunta superiorità del credito bancario, studiata tra gli altri da Fama (1985); ci si può infatti chiedere: le imprese saranno ancora disposte ad accettare un tasso passivo bancario superiore al costo del debito cartolare di pari rischio ottenibile sul mercato? Oppure esse preferiranno soddisfare i propri fabbisogni finanziari facendo sempre più spesso appello direttamente al mercato, nel rispetto dei requisiti informativi da questo imposti? La risposta può essere trovata in una sorta di complementarità positiva tra finanza intermediata e finanza diretta dal momento che 136

9 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... non esiste una presunta superiorità del modello di finanziamento riconducibile al mercato rispetto a quello che fa capo alle banche (Forestieri, Onado, 1992). I circuiti indiretti tendono a integrare quelli autonomi al fine di massimizzare il volume di risorse scambiate (Mottura, 1991; Seward, 1990). Viene superata la netta ripartizione tra sistemi orientati agli intermediari e sistemi orientati al mercato poiché tanto i primi quanto i secondi non offrono singolarmente considerati una soluzione ottimale e contengono al proprio interno delle inefficienze da correggere (Ciocca, Marullo Reedtz, 1991; Marullo Reedtz, 1996). Tradizionalmente (Mayer, 1994) le banking economies sono caratterizzate da una bassa presenza di imprese quotate, da un elevata concentrazione della proprietà, da relazioni articolate e di lungo termine tra le banche e le aziende industriali e da intermediari orientati al possesso delle partecipazioni di imprese industriali. Le market economies presentano un elevato numero di imprese quotate sul mercato ufficiale, una forte incidenza della dimensione del mercato borsistico in relazione al PIL, una forte dispersione della proprietà azionaria e un orizzonte di breve periodo nelle relazioni tra le banche e le industrie. Allo stato attuale è piuttosto difficile collocare il sistema finanziario italiano in uno dei due modelli teorici individuati. Alcuni elementi sembrerebbero spingere verso una categoria, altri per quella alternativa (Banca d Italia, Relazione Annuale per il 1999; Padoa-Schioppa, 1995). Il numero delle imprese italiane quotate in Borsa appare piuttosto contenuto (264), se confrontato con quello di altri paesi europei come la Germania (1.043), la Francia (968) e la Spagna (718). Lo scarso sviluppo del mercato azionario ed obbligazionario privato ha facilitato lo spostamento della struttura finanziaria delle imprese industriali italiane verso l indebitamento: il grado di leverage di queste ultime si attesta intorno al 53 per cento, contro il 46 per cento di quelle tedesche e il 47 per cento di quelle francesi. Tuttavia, accanto ad una decisa dipendenza delle imprese dal credito bancario, si registra una paradossale debolezza delle banche nei confronti degli affidati; la scarsa qualità delle relazioni tra i responsabili degli intermediari e gli imprenditori è tanto più evidente quanto più si scende nella classe dimensionale delle imprese. In definitiva, sia la banca che la Borsa concorrono alla valutazione dei progetti imprenditoriali delle imprese, la prima con un orizzonte temporale di lungo periodo e con informazioni non sempre pubbliche, la seconda con un orizzonte temporale di minore ampiezza e con informazioni accessibili a tutti (Marullo Reedtz, 1996). Il problema quindi si sposta dalla identificazione dei percorsi che portano i mercati a sostituire gli intermediari, ed in parte a sovrapporsi ad essi, alla individuazione delle architetture istituzionali degli intermediari più 137

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 idonee a finanziare in modo efficace le imprese in un dato contesto ambientale (Esposito, 1994). E in questo senso un offerta competitiva e una domanda articolata di servizi finanziari possono essere considerati elementi di garanzia per l efficienza dei mercati soprattutto nel medio lungo periodo. 3. Le evidenze empiriche A causa delle crescenti pressioni competitive e dei mutamenti del quadro normativo, nel corso degli anni Ottanta, e più ancora degli anni Novanta, l evoluzione del sistema finanziario italiano ha registrato una forte accelerazione, in concomitanza con la progressiva riduzione dei tassi di interesse, sia di breve che di medio lungo termine. Come evidenziano la Tabella 1 e la Figura 1, tra il 1992 e il 1999, vi è stato un calo di ben 10 punti circa nei tassi di rendimento dei BOT e dei BTP; e di altrettanto si è abbassato il tasso mediamente applicato dalle banche sui prestiti. Tabella 1 Andamento dei tassi di interesse nel sistema finanziario italiano ( ) Tasso medio BOT 14,32% 10,58% 9,17% 10,85% 8,46% 6,33% 4,59% 3,01% Tasso medio BTP 13,27% 11,19% 10,52% 12,21% 9,40% 6,86% 4,88% 4,73% Tasso medio prestiti 15,76% 13,87% 11,22% 12,47% 12,06% 9,75% 7,88% 5,58% Fonte: Banca d Italia, Relazione Annuale (nostra elaborazione). Fonte: Banca d Italia, Relazione Annuale (nostra elaborazione). Fig. 1 Tassi di interesse 138

11 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... Conseguentemente a detti andamenti, e alla notevole riduzione dello spread tra depositi e prestiti, le banche hanno registrato una forte contrazione dei profitti legati alla gestione denaro. Il margine di interesse sul totale delle attività, tra l inizio e la fine del periodo considerato, si è assottigliato di circa un terzo (Tabella 2 e Figura 2). Tabella 2 Redditività della gestione denaro delle banche: spread tra i tassi Spread tra i tassi 7,21% 6,08% 5,02% 6,02% 5,57% 4,92% 4,72% 3,97% Margine di interesse: in miliardi di lire in % del totale attivo 3,46% 3,21% 2,94% 3,14% 2,84% 2,62% 2,52% 2,22% Fonte: Banca d Italia, Relazione Annuale (nostra elaborazione). Fonte: Banca d Italia, Relazione Annuale (nostra elaborazione). Fig. 2 Margine di interesse sul totale attivo Per cercare di porre rimedio alla deteriorata performance aziendale, alle banche sono rimasti ben modesti margini di manovra; in sostanza: a) la leva dei volumi, per tentare di recuperare con l ampliamento dei fondi intermediati quanto perso in termine di margine unitario; b) la leva dei costi, per aumentare l efficienza operativa; c) la leva della diversificazione produttiva, per accrescere il contributo reddituale di altri segmenti operativi. Nel presente lavoro, l attenzione è rivolta al terzo tipo di intervento, con riguardo soprattutto all offerta di servizi corporate finance alle imprese piccole e medie 4. La metodologia utilizzata prevede l a- ⁴ Vengono quì considerate come piccole e medie le imprese con meno di 250 addetti e/o con un limite di fatturato di 40 milioni di euro, ovvero di circa 77,5 miliardi di lire (Mediocredito Centrale, 1999, pagg ). 139

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 nalisi dei dati relativi ad alcuni campioni estratti dalle principali base-dati disponibili per il sistema bancario e per il sistema industriale italiano I dati impiegati Per verificare in quale misura sia aumentata la negoziazione di servizi finanziari tra banche e imprese minori, si fa ricorso, nell ordine, ai dati rilevati dalla Centrale dei Bilanci, dal Mediocredito Centrale, da Mediobanca, dalla Banca d Italia e dall Associazione Bancaria Italiana. a) I dati della Centrale dei Bilanci Dalla pubblicazione della Centrale dei Bilanci recante il titolo di Economia e finanza delle imprese italiane, tredicesimo Rapporto, Roma, 2000, sono stati estratti i dati relativi alle imprese private di piccole e medie dimensioni, che svolgono attività di trasformazione industriale. La rilevazione va dal 1992 al 1998; i valori di bilancio sono espressi in valore costante (potere d acquisto al dicembre 1998), in modo da escludere l effetto inflazione. Dall intera base-dati sono stati formati due campioni: il primo relativo alle imprese con fatturato da 1 a 100 miliardi di lire; il secondo relativo alle imprese con numero di dipendenti non superiore a 200. Primo campione di imprese, in rapporto al fatturato Fatturato (in mld di lire) Numero imprese da 1 a da 25 a da 50 a Totale Secondo campione di imprese, in rapporto al n. dei dipendenti 5 Numero dipendenti Numero imprese fino a da 50 a da 100 a Totale ⁵ Non si è reputato opportuno aggiungere la successiva classe dimensionale dal momento che questa presentava un limite superiore (500 addetti) che oltrepassava nettamente quello considerato di confine in questa ricerca (250). I dati sono stati ponderati in relazione alla numerosità delle imprese di ogni classe dimensionale. 140

13 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... Dal primo campione, poi, sono tratti due sottocampioni. Il primo limitato alle imprese con fatturato compreso tra 1 e 50 miliardi (in tutto, unità aziendali); il secondo esteso anche alle 579 imprese con fatturato compreso tra 50 e 100 miliardi (in tutto, unità) 6. b) I dati del Mediocredito Centrale La fonte dei dati rilevati dal Mediocredito Centrale è la pubblicazione intitolata Indagine sulle imprese manifatturiere, settimo Rapporto sull industria italiana e sulla politica industriale, Roma, 1999, avente per oggetto le imprese manifatturiere prevalentemente di piccole e medie dimensioni. Da tale base-dati è stato estratto un campione formato dalle imprese con numero di addetti compreso tra 21 e 250 unità, riferito al periodo c) I dati di Mediobanca La fonte dei dati rilevati da Mediobanca è Dati cumulativi di società italiane, 1999, che si riferisce a società italiane dei settori industriale e terziario. All interno di questa base-dati, è stato estratto un campione di 422 società con fatturato non superiore a 12,5 milioni di euro. Gli anni di riferimento vanno dal 1992 al d) I dati della Banca d Italia La fonte dei dati rilevati dalla Banca d Italia è la Relazione Annuale (vari anni), da cui sono stati ricavati i dati relativi all attività delle banche per il periodo e) I dati dell Associazione Bancaria Italiana La fonte dei dati dell Associazione Bancaria Italiana è contenuta nelle Semestrali da cui sono stati estratti dati relativi all attività delle banche per gli anni La struttura e le ipotesi dell analisi Impiegando le cinque fonti sopra specificate, si è cercato di trovare un qualche riscontro, sia dal lato delle imprese (prime tre base-dati) sia dal lato delle banche (ultime due base-dati), all ipotesi iniziale: la crescente presenza di servizi alla clientela corporate nell attività di intermediazione finanziaria e la riduzione del finanziamento tradizionale. L idea è di poter rilevare, in presenza di sostanziali modifiche ⁶ Per dare il giusto peso alla distribuzione numerica delle imprese, che pende chiaramente per le dimensioni minori, le grandezze medie (di stock e di flusso) relative al secondo sottocampione sono state ponderate per il numero delle unità aziendali presenti in ogni aggregato; in questo modo è stato reso accettabile lo sconfinamento del limite superiore (100 miliardi) oltre la soglia rilevante (77,5 miliardi) a ragione della ridotta numerosità del terzo aggregato di imprese. 141

14 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 nella struttura del passivo delle imprese, il corrispondente fenomeno nell attivo degli intermediari, e viceversa, immaginando che il ricercato cambiamento debba trovare parallelo riscontro sia nei conti di bilancio delle PMI sia in quelli delle banche. Nella misura in cui venisse registrato questo collegamento sarebbe possibile confermare seppur indirettamente le ipotesi avanzate. I campioni relativi alle PMI sono studiati con l ausilio di un identico schema di analisi; ciò dovrebbe consentire di migliorare il riscontro della tesi sostenuta ed, eventualmente, di valutare quali campioni abbiano meglio evidenziato i fenomeni in esame. Lo schema analitico utilizzato segue i seguenti passaggi logici: 1) la suddivisione nel passivo delle imprese tra le fonti a titolo di capitale e le fonti a titolo di credito, con l intento di individuare il peso relativo del capitale proprio, dei debiti bancari e delle obbligazioni sul totale delle fonti di finanziamento; 2) la scomposizione dell indebitamento bancario tra le componenti di breve termine e quelle di medio lungo termine, con l obiettivo di studiare i cambiamenti qualitativi nel rapporto creditizio con gli intermediari finanziari. Posto che le ipotesi necessitano di adeguati riscontri empirici, si prova di seguito ad avanzarne alcune: lo spostamento nel passivo delle PMI dall indebitamento bancario al prestito obbligazionario o al capitale di rischio potrebbe far supporre, con le dovute cautele, che sia in corso una parziale sostituzione tra l attività di lending tradizionale e quella di servizi corporate finance, ancorché questi ultimi limitati all assistenza e consulenza (origination), alla sottoscrizione (underwriting) e al collocamento (placement) di valori mobiliari; infatti le piccole e medie imprese solitamente non hanno al proprio interno le competenze e le esperienze necessarie per organizzare e gestire un operazione di emissione di titoli obbligazionari ed azionari; la crescita del grado di patrimonializzazione delle imprese consentirebbe anche di ipotizzare un ruolo attivo delle banche nella partecipazione diretta al loro capitale; la ricomposizione delle scadenze dell indebitamento bancario potrebbe presagire un evoluzione qualitativa nel rapporto tra banche e imprese verso una maggiore stabilità e profondità di contenuti. In particolare, una riduzione del credito a breve termine potrebbe essere associata al tentativo di ridurre il pluriaffidamento; un aumento del credito a medio lungo termine potrebbe significare un maggior sostegno finanziario per i piani di sviluppo industriale e un crescente coinvolgimento delle banche nelle scelte strategiche delle imprese. I due campioni relativi alle banche sono analizzati in modo congiunto per poter integrare di volta in volta le informazioni che da ciascuno di essi è possibile ricavare. L analisi coinvolge lo stato patrimo- 142

15 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... niale ed il conto economico per ricercare un possibile riscontro alle tesi sostenute. Prima di iniziare l analisi dei dati, preme sottolineare le principali limitazioni di cui essa risente. Innanzitutto, le suddette base-dati, pur essendo tra le migliori attualmente disponibili, presentano uno scarso grado di disaggregazione e di dettaglio, sia per le imprese sia per le banche; per tale ragione, le elaborazioni effettuate sottintendono alcune ipotesi semplificatrici che di volta in volta sono evidenziate. Inoltre, le scelte strategiche che prevedono lo spostamento dal finanziamento tradizionale ai servizi corporate finance non si riflettono immediatamente sui dati di bilancio degli offerenti e dei richiedenti, ma necessitano tipicamente di un certo lasso temporale; laddove questo spostamento fosse attualmente in atto, è probabile che i bilanci degli ultimi anni non abbiano ancora colto tale fenomeno I dati della Centrale dei Bilanci Una prima indicazione sul ruolo del capitale proprio e sulla sua evoluzione emerge dall analisi dei flussi finanziari derivanti dagli aumenti di capitale azionario al netto delle distribuzioni di capitale sociale e di riserve (Tabella 3). Tabella 3 Gli aumenti netti di capitale azionario Aumenti netti capitale azionario in mld di lire in % del capitale netto 1,54% 1,41% 1,44% 0,92% 0,98% 0,84% 1,03% Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). Il segno positivo riscontrato durante tutto il periodo preso in considerazione sottolinea la presenza di un costante processo di accrescimento dei mezzi propri. Tuttavia, l importanza relativa di tale fenomeno appare contenuta osservando sia l incidenza degli aumenti di capitale sul valore dei mezzi propri, che non presenta una precisa tendenza al rialzo (Tabella 3), sia il grado di patrimonializzazione delle imprese che nel tempo si incrementa di pochi punti percentuali (Tabella A1 in Appendice e Figura 3). Per poter utilmente studiare la struttura del passivo delle PMI è opportuno analizzare l incidenza dei prestiti obbligazionari e dei debiti finanziari sul totale delle passività (Tabella A2 in Appendice) 7. ⁷ La Centrale dei Bilanci non considera i prestiti obbligazionari all interno dei debiti finanziari. 143

16 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). Fig. 3 Capitale netto sul totale passivo Il peso dei prestiti obbligazionari tende inizialmente a diminuire per poi risalire, con un grado di dispersione trascurabile attorno al valore medio e una banda di oscillazione contenuta in circa mezzo punto percentuale; tutto ciò rileva una sostanziale immobilità dell utilizzo di tale fonte di finanziamento per il soddisfacimento dei fabbisogni finanziari (Figura 4). Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). Fig. 4 Obbligazioni sul totale passivo I debiti finanziari, che in questo campione indicano con buona approssimazione il volume di intermediazione creditizia svolto dalle banche per i vari segmenti temporali, presentano una più marcata tendenza all aumento. Infatti, il peso dei debiti finanziari tra le varie fonti di finanziamento è aumentato nel periodo considerato di quasi cinque punti percentuali (Figura 5). 144

17 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). Fig. 5 Debiti finanziari sul totale passivo L evoluzione temporale del peso di obbligazioni e debiti finanziari sul totale passivo non presenta significative differenze di comportamento, se rilevata sulla base dell altro sotto campione di imprese (Tabella A1 in Appendice). La composizione per scadenza dei debiti finanziari, analizzata per entrambi i campioni (rispettivamente Tabella 4 e Tabella 5) registra un parziale, ma non trascurabile effetto sostituzione tra il credito bancario di breve periodo e quello a più lunga scadenza, nella misura di qualche punto percentuale. I dati presentati permettono di trarre qualche considerazione di sintesi. Tabella 4 La composizione per scadenza dei debiti finanziari (in % dei debiti finanziari totali) Incidenza deb. fin. a breve 69,52% 72,90% 72,51% 71,80% 68,20% 69,11% 68,83% Incidenza deb. fin. a m/l 30,48% 27,10% 27,49% 28,20% 31,80% 30,89% 31,17% Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). Tabella 5 I debiti finanziari di breve periodo (in % dei debiti finanziari totali) Incidenza deb. fin. a breve 65,84% 69,31% 69,64% 68,70% 64,47% 65,29% 64,34% Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). 145

18 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/2001 L evidenza empirica non consente di rispondere in modo esaustivo alle domande di ricerca di questo lavoro a ragione dello scarso grado di disaggregazione dei dati di bilancio; tuttavia, si rilevano alcune modificazioni nella struttura finanziaria delle imprese indagate. L attività di assistenza finanziaria da parte delle banche per le operazioni di emissione di titoli obbligazionari ed azionari sembra essere poco significativa. Infatti, i conferimenti a titolo di capitale da parte dei soci e la crescita del volume dei prestiti obbligazionari, registrati nel periodo di riferimento, non alterano in modo rilevante i pesi relativi delle varie fonti di finanziamento. Le imprese mostrano una leggera crescita dell indebitamento bancario e una parziale ricomposizione per scadenza dello stesso. Da ciò si potrebbe dedurre un minore utilizzo del credito di breve a favore di forme di finanziamento di più ampia durata. Se ne può ricavare la tendenza ad un evoluzione dei rapporti tra le banche e le imprese, in cui a fronte di una progressiva riduzione del pluriaffidamento si sostituiscono relazioni qualitativamente di maggiore spessore e durata in grado di stabilizzare e ottimizzare la copertura dei fabbisogni finanziari degli imprenditori I dati del Mediocredito Centrale La struttura del passivo di questo campione di PMI viene analizzata con il quoziente di indebitamento (mezzi di terzi onerosi su mezzi propri) e l incidenza dei debiti finanziari di breve periodo sulla totalità dei debiti finanziari (Tabella 6). Tabella 6 Alcuni indicatori della struttura finanziaria Quoziente di indebitamento 1,10 1,15 1,10 1,10 0,90 1,05 1,10 1,15 1,20 Incidenza debiti fin. a breve (in %) 61,70 64,00 64,70 69,00 78,50 75,00 73,50 67,00 62,50 Fonte: Mediocredito Centrale (nostra elaborazione). Nella seconda parte del periodo considerato, il rapporto tra indebitamento oneroso e capitale proprio si incrementa (Figura 6) e la componente di breve periodo dei debiti finanziari decresce in modo significativo (Figura 7). I dati raccolti dal Mediocredito Centrale mostrano tendenze sostanzialmente in linea con quanto rilevato nel caso dei campioni estratti dalla Centrale dei Bilanci. L aumento del quoziente di indebitamento e, al contempo, la riduzione del peso dei debiti finanziari di breve periodo confermano la crescita del capitale a titolo di credito e 146

19 C. GIANNOTTI, EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA BANCHE E PICCOLE-MEDIE IMPRESE... Fonte: Centrale dei Bilanci (nostra elaborazione). Fig. 6 Mezzi di terzi onerosi sui mezzi propri Fonte: Mediocredito Centrale (nostra elaborazione). Fig. 7 Debiti finanziari a breve sui debiti finanziari totali l effetto sostituzione tra le quote di breve termine e quelle di medio e lungo termine. Con i dati disponibili non è però possibile separare all interno delle fonti consolidate il credito bancario di medio lungo termine dai prestiti obbligazionari. Tuttavia, il rapporto con le banche sembra aver comunque registrato dei cambiamenti qualitativi positivi. Nella misura in cui le imprese hanno fatto maggiormente ricorso agli strumenti creditizi non di breve durata vi è stato un allungamento dell orizzonte temporale delle fonti di finanziamento e una probabile riduzione del pluriaffidamento. Nella misura in cui le imprese hanno organizzato e gestito significative emissioni di titoli obbligazionari è ragionevole ipotizzare una consulenza e un assistenza da parte degli intermediari. I riscontri empirici forniti da questo campione appaiono comunque deboli e non consentono ulteriori approfondimenti, lasciando sulle conclusioni raggiunte elevati margini di incertezza. 147

20 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/ I dati di Mediobanca Nella Tabella 7 sono evidenziati alcuni indicatori relativi alla struttura del passivo delle imprese del campione Mediobanca (che è riportata nelle Tabelle 3A e 4A in Appendice): i rapporti tra debiti finanziari e capitale netto, tra debiti bancari e passivo, tra prestiti obbligazionari e passivo, tra capitale netto e passivo. Tabella 7 Alcuni indicatori relativi alla struttura del passivo del campione Debiti finanziari / Capitale netto 89,10% 88,68% 86,14% 90,81% 87,43% 84,15% 87,20% Debiti bancari / passivo 23,37% 23,33% 22,58% 23,54% 23,55% 23,79% 24,19% Obbligazioni / passivo 1,86% 1,72% 1,52% 1,46% 1,71% 1,76% 1,63% Capitale netto / passivo 28,31% 28,25% 27,98% 27,53% 28,89% 30,35% 29,61% Fonte: Mediobanca (nostra elaborazione). Il peso del capitale proprio tra le fonti di finanziamento delle imprese è aumentato nel tempo anche se la variazione è contenuta in pochi punti percentuali (Figura 8). Fonte: Mediocredito Centrale (nostra elaborazione). Fig. 8 Capitale netto sul totale passivo Tale crescita può anche essere motivata da significative operazioni di aumento del capitale sociale. Rispetto ai campioni precedentemente utilizzati, nel caso di Mediobanca è fondamentale ricordare che la base-dati presenta essenzialmente imprese di dimensioni medie, che quindi risultano presumibilmente più interessate da un simile fenomeno. È ora opportuno approfondire tale profilo. Dal momento che le imprese di medie dimensioni di questo campione sono comunque controllate da gruppi familiari, è ragionevole pensare che esse assumano prevalentemente la forma giuridica di società azionarie. La Tabella 8 riporta il valore del capitale sociale nel 148

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Classificazione del mercato dei capitali

Classificazione del mercato dei capitali Classificazione del mercato dei capitali Mercato dei capitali: complesso delle negoziazioni che si svolgono nel sistema finanziario Mercati creditizi Mercati mobiliari (circuito indiretto) (circuito diretto)

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Gentili Signore, Egregi Signori, ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di esprimere, come imprenditore

Dettagli

CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014

CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014 IL RIPOSIZIONAMENTO DEL SISTEMA DEI CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il difficile accesso al credito per

Dettagli

HCINQUE. Descrizione sintetica

HCINQUE. Descrizione sintetica HCINQUE Descrizione sintetica La Consulenza Finanziaria Indipendente è stata finalmente accettata anche in Italia così come negli Stati Uniti, dove esiste da 30 anni, e come in molti altri Paesi dove la

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE *

4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE * 65 4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE * In un precedente numero di Osservatorio Monetario (n. 1-2000) ci eravamo proposti di verificare il grado di diversificazione produttiva, misurata in

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Elementi costitutivi del sistema finanziario

Elementi costitutivi del sistema finanziario Elementi costitutivi del sistema finanziario Ordinamento Strumenti Sistema Finanziario Mercati Monetario e dei cambi obbligazionario di partecipazione di indebitamento di assicurazione Intermediari mobiliari

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari 37 La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari The challenge of efficiency for Italian real estate fund management companies Claudio Giannotti, Università Lum Jean Monnet di Casamassima Gianluca

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

GRUPPO PER LA CRESCITA Spunti per l intervento del Presidente di Piccola Industria Lombardia, Ambra Redaelli

GRUPPO PER LA CRESCITA Spunti per l intervento del Presidente di Piccola Industria Lombardia, Ambra Redaelli GRUPPO PER LA CRESCITA Spunti per l intervento del Presidente di Piccola Industria Lombardia, Ambra Redaelli Negli ultimi sei anni l Italia ha perso l'8% del PIL e il manifatturiero il 25% del volume di

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Definizioni Nella prassi bancaria, il termine raccolta viene utilizzato per

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV)

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) INTRODUZIONE Gli effetti della crisi sulle imprese sono sintetizzabili in: minori ricavi, tempi

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma luglio 2013 2 0 1 3 22 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli