EIOPA12/237. Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EIOPA12/237. Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014"

Transcript

1 1 EIOPA12/237 Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa

2 2 Indice 1. Introduzione Funzioni di regolamentazione Compiti di vigilanza Protezione dei consumatori e innovazione finanziaria Cultura comune della vigilanza Stabilità finanziaria Prevenzione, gestione e risoluzione delle crisi Relazioni esterne Organizzazione interna dell'eiopa... 12

3 3 1. Introduzione L'EIOPA è un'autorità europea di vigilanza indipendente che agisce nell'ambito di applicazione di diverse direttive concernenti le imprese di assicurazione e riassicurazione, gli enti pensionistici aziendali e professionali e gli intermediari assicurativi, nonché nell'ambito di tematiche connesse non direttamente disciplinate da tali direttive. L'EIOPA è dotata di personalità giuridica, autonomia amministrativa e finanziaria e risponde al Parlamento europeo e al Consiglio dell'unione europea. Obiettivo dell'eiopa è proteggere gli interessi pubblici contribuendo alla stabilità e all efficacia a breve, medio e lungo termine del sistema finanziario, a beneficio dell economia dell Unione, dei suoi cittadini e delle sue imprese. Tale obiettivo viene perseguito attraverso la promozione di un solido quadro di regolamentazione e di prassi uniformi in materia di vigilanza, al fine di tutelare i diritti dei titolari di polizze assicurative e gli aderenti e i beneficiari di schemi pensionistici, nonché contribuire alla fiducia dell'opinione pubblica nei settori delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali dell'unione europea. L'EIOPA è parte del comitato congiunto che ha l'obiettivo di rafforzare la cooperazione tra le AEV. I compiti, le responsabilità e l'ambito d'intervento dell'eiopa sono ampi. È pertanto essenziale definire le scelte strategiche in ciascuno dei diversi settori di intervento. 2. Funzioni di regolamentazione Tra i poteri di regolamentazione nei settori delle assicurazioni, delle riassicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali figurano lo sviluppo di norme tecniche, l'elaborazione di orientamenti e raccomandazioni e la formulazione di pareri nel settore di competenza dell'eiopa. Il contesto politico sarà soggetto a notevoli cambiamenti tra il 2012 e il 2014 con la messa a punto, l'attuazione e il relativo monitoraggio del quadro Solvibilità II per l'assicurazione e la riassicurazione nonché l'elaborazione di modifiche legislative per le pensioni aziendali e professionali. L'EIOPA adotterà un

4 4 ambizioso approccio europeo relativamente alla politica in tali settori: vi saranno sostanziali benefici per una maggiore armonizzazione nella misurazione dei rischi sia per le imprese di assicurazione sia per gli EPAP, nella loro governance interna e nelle informazioni che forniscono agli aderenti, ai titolari di polizze assicurative e alle autorità di vigilanza. Opereremo con i consumatori e le imprese, con gli Stati membri dell'ue e con le organizzazioni europee e internazionali. Per attuare la nostra politica utilizzeremo l'intera gamma degli strumenti EIOPA: norme, orientamenti, pareri e consulenze. completamento delle norme e degli orientamenti richiesti per l'introduzione di Solvibilità II e monitoraggio della loro attuazione; predisposizione dei compiti operativi richiesti all'eiopa nel quadro di Solvibilità II; rafforzamento della convergenza nella vigilanza attraverso un maggiore uso di strumenti quali, per esempio, la procedura di valutazione della vigilanza e domande e risposte (Q&A); valutazione d'impatto sui consumatori del quadro di Solvibilità II; consulenza alla Commissione europea sulla modifica della legislazione UE in materia di pensioni aziendali e professionali; impatto quantitativo delle proposte dell'eiopa con una particolare attenzione per le pensioni a prestazione definita; migliori prassi e raccomandazioni per il trattamento delle pensioni a contribuzione definita, in particolare nei settori dei fondi di garanzia e delle informazioni agli aderenti; consulenza alla Commissione europea su un quadro per le attività e vigilanza dei regimi pensionistici privati; rafforzamento della voce dell'eiopa nei consessi internazionali in materia di pensioni; selezione e impiego degli strumenti dell'eiopa esistenti per valutare gli effetti delle modifiche della regolamentazione: valutazione d'impatto della regolamentazione, studi d'impatto quantitativo, prove di stress, consultazione pubblica;

5 5 migliore utilizzo dei dati fattuali nello sviluppo delle politiche e nella selezione delle opzioni. 3. Compiti di vigilanza L'EIOPA è un'autorità di vigilanza che contribuisce a definire norme e prassi di vigilanza di alta qualità attraverso l'applicazione uniforme ed efficiente degli atti dell'unione. I collegi delle autorità di vigilanza (collegi) sono considerati strumenti efficaci per migliorare la comprensione reciproca tra tali autorità e la convergenza delle prassi di vigilanza, con benefici tangibili per le imprese, le autorità di vigilanza e i titolari di polizze assicurative. L'EIOPA riveste un ruolo guida nel definire la posizione della comunità dei supervisori del SEE nei confronti dei gruppi assicurativi attivi a livello transfrontaliero a beneficio della vigilanza di gruppo e individuale. Con l'entrata in vigore di Solvibilità II, la vigilanza di gruppo e la cooperazione tra autorità di vigilanza tramite i collegi sulle questioni relative al pilastro 1, 2 e 3 diventano un requisito giuridico. Al fine di definire le prassi generali di vigilanza, l'eiopa fornirà strumenti per sostenere l'attuazione convergente di Solvibilità II, come per esempio una guida per l'attività di vigilanza e un centro di esperienza nel campo dei modelli interni. partecipare alle riunioni dei collegi e alle ispezioni congiunte sul posto; sostenere la preparazione dei collegi per Solvibilità II affinché siano pronti a svolgere il loro compito entro l'entrata in vigore di Solvibilità II; facilitare lo scambio di informazioni e sostenere la discussione sui rischi nei collegi; migliorare il funzionamento dei collegi attraverso la raccolta, la definizione e la diffusione delle migliori prassi relative, per esempio, al processo di valutazione dell'applicazione preliminare dei modelli interni e alla delega dei compiti;

6 6 migliorare l'approccio pratico rispetto ai collegi mediante l'elaborazione di una procedura di Q&A per le questioni pratiche o di vigilanza nell'ambito di orientamenti, raccomandazioni e norme definite; sviluppare una guida per l'attività di vigilanza relativa alle migliori prassi di tale processo; promuovere la coerenza attraverso la condivisione delle migliori prassi e il sostegno alle autorità nazionali competenti; svolgere indagini sull asserita violazione o mancata applicazione del diritto dell Unione e indirizzare raccomandazioni alle autorità competenti, se necessario. 4. Protezione dei consumatori e innovazione finanziaria Ai sensi dell'articolo 9 del regolamento EIOPA, l Autorità assume già un ruolo guida nella promozione della trasparenza, della semplicità e dell equità nel mercato per i prodotti o servizi finanziari destinati ai consumatori in tutto il mercato interno. A tale proposito, la strategia dell'eiopa nel settore della protezione dei consumatori e dell'innovazione finanziaria consiste nel creare in maniera proattiva valore aggiunto per i consumatori e nel favorire la protezione di questi ultimi nel settore delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali. Inoltre l'eiopa assicura, come spiegato di seguito, la convergenza delle prassi di regolamentazione sulla base dei principi fondamentali dell'unione. sviluppare metodologie comuni per valutare l effetto delle caratteristiche del prodotto e dei relativi processi di distribuzione sulla protezione dei consumatori e sulla situazione finanziaria di un istituto; promuovere la trasparenza, la semplicità e l equità per i prodotti o servizi finanziari destinati ai consumatori in tutto il mercato interno; raccogliere, analizzare e riferire sulle tendenze dei consumatori nonché identificare settori in cui l'azione dell'eiopa può fare la differenza per i consumatori;

7 7 riesaminare e coordinare l alfabetizzazione finanziaria e le iniziative formative da parte delle autorità competenti; elaborare standard formativi per l industria; contribuire allo sviluppo di norme comuni in materia di divulgazione; promuovere un approccio coordinato nella regolamentazione e nella vigilanza delle attività finanziarie nuove o innovative; adottare orientamenti e raccomandazioni volti a promuovere la sicurezza e la solidità dei mercati finanziari e la convergenza delle prassi di regolamentazione; emettere segnalazioni e, nell'ambito dei casi specificati e delle condizioni stabilite dalla normativa settoriale, proibire o limitare temporaneamente talune attività finanziarie; contribuire a valutare l esigenza di una rete europea dei sistemi nazionali di garanzia assicurativa; condurre un lavoro preliminare sui compiti operativi richiesti all'eiopa ai sensi della proposta di revisione della direttiva sull'intermediazione assicurativa (IMD2) e sugli atti delegati richiesti ai sensi dell'imd2. 5. Cultura comune della vigilanza Il regolamento EIOPA sottolinea l'importanza di una cultura comune della vigilanza nell'unione europea. L EIOPA sostiene fortemente il passaggio dal regolamento alla cultura comune della vigilanza e contribuisce attivamente a creare prassi uniformi in materia di vigilanza, nonché ad assicurare l uniformità delle procedure e la coerenza degli approcci in tutta l Unione. creare e condurre programmi di formazione settoriale e intersettoriale per le autorità europee di vigilanza delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o professionali al fine di migliorare la convergenza nelle prassi di vigilanza;

8 8 preparare e formare autorità di vigilanza operative per l'attuazione di Solvibilità II allo scopo di ottenere un'attività di vigilanza efficiente e uniforme nel quadro di Solvibilità II; istituire e tenere conferenze dell'eiopa nonché eventi di formazione congiunta rivolti alle autorità di vigilanza e ai rappresentanti delle imprese con l'obiettivo di ottenere una migliore comprensione reciproca; agevolare gli scambi di personale e i distacchi tra le autorità nazionali competenti; effettuare verifiche inter pares periodiche tra tutte le autorità nazionali competenti al fine di rafforzare la coerenza e la qualità delle prassi di vigilanza; comporre le divergenze tra le autorità nazionali competenti in situazioni transfrontaliere attraverso una mediazione vincolante e non vincolante; istituire procedure di mediazione nonché un gruppo indipendente di esperti in mediazione all'interno dell'eiopa per facilitare tale attività. 6. Stabilità finanziaria All'EIOPA è concesso il compito di rafforzare la stabilità finanziaria europea nei settori delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali. L'EIOPA valuta le potenziali minacce per la stabilità del sistema finanziario e raccomanda interventi appropriati alle autorità competenti interessate. Assicura che venga tenuto conto del possibile rischio sistemico posto da alcuni istituti finanziari durante lo sviluppo di progetti di norme di regolamentazione e attuazione. Scopo generale dell'azione dell'eiopa per la stabilità finanziaria è di monitorare e valutare gli sviluppi del mercato e le loro implicazioni. Di concerto con il Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), sviluppa criteri per l'identificazione e la misurazione del rischio sistemico, concentrandosi in particolare sul settore delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali.

9 9 pubblicare relazioni sulla stabilità finanziaria e comunicare i risultati delle analisi sulla stabilità finanziaria e sulla vulnerabilità al CERS, alla Commissione europea, al Parlamento europeo e al Consiglio dell'unione europea; prove di stress sui settori delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali; manutenzione e ulteriore sviluppo di un quadro operativo dei rischi per la stabilità finanziaria; valutare l'impatto sul mercato delle potenziali modifiche della regolamentazione che influenzano i settori delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali e sviluppare opzioni politiche che migliorino la stabilità finanziaria e limitino il possibile rischio sistemico; sostenere le autorità nazionali competenti per le questioni di stabilità finanziaria, compresi i contatti bilaterali e le visite alle autorità nazionali per creare una migliore comprensione reciproca della valutazione del rischio e delle più specifiche questioni nazionali; monitorare e valutare i mercati finanziari e controllare i rischi individuati; fornire a terzi le relative analisi statistiche e sviluppare ulteriormente il quadro statistico. 7. Prevenzione, gestione e risoluzione delle crisi L'EIOPA è autorizzata ad adottare misure per identificare una "situazione di emergenza" e, una volta dichiarata tale dal Consiglio dell'unione europea, ad agire per affrontarla. L'EIOPA ha altresì la responsabilità di facilitare e, ove necessario, coordinare le misure adottate dalle autorità nazionali di vigilanza per affrontare i diversi sviluppi che minacciano la stabilità finanziaria dell'ue.

10 10 Promuovere la vigilanza da parte delle autorità preposte nel settore delle assicurazioni e delle pensioni negli Stati membri del SEE per anticipare e prevenire le crisi finanziarie: o identificare i "punti critici" di rischio e trasmettere le informazioni alle autorità di vigilanza del SEE; o valutare il rischio di una "situazione d'emergenza" e avanzare una proposta al Consiglio europeo se necessario. Accrescere la consapevolezza e migliorare la preparazione delle autorità nazionali competenti per gestire le crisi finanziarie: o promuovere lo scambio di informazioni e lo sviluppo di misure per gestire le situazioni di crisi; o fungere da piattaforma per le autorità di vigilanza al fine di collaborare per gestire le situazioni di crisi; o sviluppare la coerenza e le migliori prassi nel settore della gestione delle crisi. Facilitare e, se necessario, coordinare le misure di vigilanza per gestire una crisi: o affinare e sviluppare le capacità dell'eiopa di gestire la prevenzione della crisi e le questioni di gestione; o coordinare le autorità nazionali competenti nei loro interventi. Essere pronta ad adottare misure dirette nell'ambito dei poteri dell'eiopa: o essere pronta ad adottare decisioni rivolte alle autorità competenti o ai partecipanti del mercato finanziario ai sensi dell'articolo 18 del regolamento dell'eiopa. Rivestire un ruolo chiave nello sviluppo di una politica di risoluzione per le assicurazioni in Europa:

11 11 o lavorare con la Commissione europea tramite il suo processo di consultazione per assicurare che ogni nuova normativa sia adeguata al settore delle assicurazioni; o mettere in atto tutti i processi interni e le strutture richieste per attivare il nuovo regime di risoluzione. 8. Relazioni esterne Conformemente ai poteri conferiti dal regolamento, l'eiopa sta ricoprendo un ruolo attivo nel settore delle assicurazioni internazionali e delle pensioni aziendali e professionali. Un importante obiettivo dell'eiopa è garantire condizioni di parità per tutti i partecipanti al mercato. A tale scopo, l'equivalenza e la compatibilità dei diversi regimi di regolamentazione e vigilanza rivestono un ruolo fondamentale. L'EIOPA promuove e contribuisce allo sviluppo di una norma di regolamentazione globale. In tale contesto, promuove un approccio europeo congiunto per dare attivamente forma al dibattito globale nei consessi internazionali come lo IAIS e l'iops, per far meglio sentire la voce dell'europa facendo quindi veramente la differenza. Nell'arco dei prossimi anni l'eiopa produrrà quadri di regolamentazione solidi, prudenti e di qualità nel settore delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali. L'EIOPA è fortemente interessata a integrare le competenze professionali, le conoscenze e l'esperienza dei propri gruppi delle parti interessate grazie ai diversi e ben equilibrati contesti di provenienza dei loro membri. Crediamo fortemente che una fiduciosa e trasparente cooperazione porti benefici condivisi. Fornire una piattaforma per l'eiopa, i suoi membri, le istituzioni dell'ue e le autorità o le amministrazioni competenti dei paesi terzi nonché per altre parti internazionali interessate al fine di: o facilitare la comprensione reciproca, lo scambio di conoscenze e l'apprendimento reciproco dalle esperienze nelle diverse giurisdizioni su base continua; o trattare argomenti di grande rilevanza internazionale.

12 12 Sostenere, coordinare e facilitare il lavoro nel settore dell'equivalenza dei paesi terzi, con particolare riferimento alla Commissione per l'equivalenza, nonché altri progetti pertinenti in tale contesto. Coordinare, facilitare e sostenere il funzionamento e il lavoro dei due gruppi delle parti interessate dell'eiopa: o assicurare che i pareri espressi dai gruppi delle parti interessate sui documenti pubblicamente consultati vengano trasmessi correttamente all'eiopa. Stabilire un collegamento e cooperare con le atre AEV e con il Sistema europeo di vigilanza finanziaria (SEVIF): o sostenere le attività del comitato congiunto delle AEV per assicurare una generale coerenza intersettoriale e assumere la presidenza del comitato congiunto nel Stabilire un collegamento con le istituzioni dell'ue e con le altre parti interessate su argomenti pertinenti per l'eiopa e contribuire a tali discussioni. 9. Organizzazione interna dell'eiopa Dopo l'avvio nel 2011, l'eiopa verrà ulteriormente consolidata a pieno titolo come agenzia dell'ue nel L'Autorità diventerà un'organizzazione moderna, efficiente e capace di adattarsi, ben preparata a rispondere alle varie e complesse richieste. Tali richieste traggono origine dall'ambiente esterno all'eiopa in continua evoluzione, dalle modifiche dei prodotti e servizi dell'eiopa, dall'ulteriore attuazione del suo regolamento nonché dalle norme e dai regolamenti specifici su questioni relative al personale e di tipo finanziario. Sulla base della strategia informatica approvata e del piano di attuazione della strategia informatica, l'eiopa svilupperà un sistema centralizzato per il trasferimento sicuro e la gestione delle informazioni al suo interno e tra l'eiopa e i suoi membri. L'EIOPA attua altresì le raccomandazioni e beneficia dei contributi dei servizi di audit interno (SAI) della Commissione europea e della Corte dei conti europea.

13 13 Garantire che l'eiopa disponga del necessario personale competente e motivato dotare ulteriormente l'eiopa di un personale competente le cui abilità nel lavoro di squadra, la cui flessibilità e le cui abilità di apprendimento permanente permettano all'istituzione di essere agile e in grado di adattarsi; costruire ulteriormente l'identità e la cultura dell'eiopa, creando un ambiente di lavoro in cui il personale possa crescere; promuovere il distacco degli esperti nazionali presso l'eiopa. Migliorare i processi dell'eiopa e sostenere le soluzioni TIC ideare e diffondere ulteriormente i processi chiave dell'eiopa, mirando a un elevato livello di conformità, trasparenza, efficienza ed efficacia; creare soluzioni rapide e sicure per la conservazione e lo scambio di informazioni a sostegno del principale nucleo di attività dell'eiopa; estendere i sistemi di sostegno amministrativo. Assicurare efficaci sistemi di controllo del bilancio, finanziario e interno attuare le migliori prassi nel settore del bilancio, assicurando che quest'ultimo venga pianificato e giustificato exnovo ogni anno sulla base delle esigenze reali; sviluppare e migliorare il quadro della politica finanziaria rivolgendo un'attenzione particolare ai processi efficienti e conformi; migliorare continuamente la sua struttura interna, al fine di garantire lo svolgimento tempestivo, efficiente ed economico dei suoi compiti cercando allo stesso tempo di garantire la più elevata qualità dei prodotti e dei servizi dell'eiopa.

14 14 Programma per le emergenze affrontare le emergenze, qualora non fosse disponibile la sede centrale dell EIOPA, stabilendo in alternativa sedi e modalità per le riunioni fondamentali di alto livello; assicurare la disponibilità dei prodotti e dei servizi fondamentali nei tempi concordati e secondo i più elevati standard di sicurezza e riservatezza. Assunzione da parte dell'eiopa della piena responsabilità aziendale e sociale ridurre l'impronta di carbonio utilizzando soluzioni rispettose dell'ambiente; istituire dei solidi processi lavorativi per la comunicazione con i media e con il pubblico; istruire in maniera continua i giovani, offrendo opportunità per tirocinanti e studenti; costruire un'immagine positiva dell'eiopa nei social media e nei social network.

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

EIOPABoS14/108 29 settembre 2014. Programma di lavoro dell'eiopa per il 2015

EIOPABoS14/108 29 settembre 2014. Programma di lavoro dell'eiopa per il 2015 EIOPABoS14/108 29 settembre 2014 Programma di lavoro dell'eiopa per il 2015 1 Indice 1. Introduzione... 3 2. Obiettivi strategici... 4 3. Comitato congiunto... 10 2 1. Introduzione L'EIOPA è stata istituita

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Orientamenti. sulla. gestione dei reclami da parte delle. imprese di assicurazione

Orientamenti. sulla. gestione dei reclami da parte delle. imprese di assicurazione EIOPA-BoS-12/069 IT Orientamenti sulla gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione 1/8 1. Orientamenti Introduzione 1. Ai sensi dell'articolo 16 del regolamento EIOPA (Autorità europea

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Piano strategico quinquennale 2015-2019. Piano strategico dell OIV 2015-2019

Piano strategico quinquennale 2015-2019. Piano strategico dell OIV 2015-2019 Piano strategico dell OIV 2015-2019 1 Indice Introduzione... 3 Linee strategiche... 4 1. Promuovere una vitivinicoltura sostenibile... 4 a. Considerare e reagire alla sfida del cambiamento climatico...

Dettagli

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO 3.4.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 98/3 COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO DECISIONE DEL COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO del 27 gennaio 2014 su un quadro di coordinamento

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 16-11-2001 REGIONE PUGLIA "Riforma dell'ordinamento regionale in materia di programmazione, bilancio, contabilità regionale e controlli" (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale n.

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 30 luglio 2012 in merito alla riforma della vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale (CON/2012/61) Introduzione e base giuridica

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

EIOPA(BoS(13/164 IT. Orientamenti sulla gestione dei reclami da parte degli intermediari assicurativi

EIOPA(BoS(13/164 IT. Orientamenti sulla gestione dei reclami da parte degli intermediari assicurativi EIOPA(BoS(13/164 IT Orientamenti sulla gestione dei reclami da parte degli intermediari assicurativi EIOPA WesthafenTower Westhafenplatz 1 60327 Frankfurt Germany Phone: +49 69 951119(20 Fax: +49 69 951119(19

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1095/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE) N. 1095/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 331/84 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 15.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1095/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 24 novembre 2010 che istituisce l Autorità europea di vigilanza (Autorità

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 28/2/2014 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1331/2010, presentata da Fausto Benzone, cittadino italiano, sulla disparità nel pagamento

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO. In attuazione dell art.7 del D.P.R. 7 agosto 2012 n.137 Formazione Continua

REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO. In attuazione dell art.7 del D.P.R. 7 agosto 2012 n.137 Formazione Continua INTRODUZIONE 1 Il D,P.R. 7 agosto 2012, art.7, comma 1 riporta come: Al fine di garantire la qualita' ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell'utente e della collettivita',

Dettagli

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA-BoS-14/181 IT Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

Art. 9. Enti pubblici aventi compiti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Art. 9. Enti pubblici aventi compiti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Integrato con: D.Lgs. 3 agosto 2009,

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE 14.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 183/5 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 20 maggio 2014, su un piano

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 47/1 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 24 maggio 2012 in merito a una proposta di regolamento delegato

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.11.2015 COM(2015) 496 final 2015/0239 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.10.2015 COM(2015) 549 final 2015/0255 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione da adottare, a nome dell'unione europea, nel Comitato europeo per

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali Il presente documento rappresenta la traduzione in italiano di un documento prodotto dai partecipanti al National Audit System (NAS) Network, costituito da funzionari delle Autorità Competenti degli Stati

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento Erasmus + 2014-2020 Azioni: Prevede tre tipi di azioni fondamentali: La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento,

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD IB/1043/99IT (EN) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE I RELAZIONI ESTERNE: POLITICA COMMERCIALE, RELAZIONI CON L AMERICA SETTENTRIONALE, L ESTREMO ORIENTE, L AUSTRALIA E LA NUOVA ZELANDA Direzione F

Dettagli

29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5

29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5 29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1022/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 22 ottobre 2013 recante modifica del regolamento (UE) n. 1093/2010, che

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

8 GENNAIO 2015 Fondazione Collegio Carlo Alberto DI INFORMAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO PER LA RICERCA

8 GENNAIO 2015 Fondazione Collegio Carlo Alberto DI INFORMAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO PER LA RICERCA 8 GENNAIO 2015 Fondazione Collegio Carlo Alberto DI INFORMAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO PER LA RICERCA IN EVIDENZA: PUBBLICAZIONE NUOVI BANDI IN EVIDENZA: PUBBLICAZIONE NUOVI BANDI nità di

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI PARLAMENTO EUROPEO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI PARLAMENTO EUROPEO 3.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 94 E/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI PARLAMENTO EUROPEO Sistemi di garanzia assicurativa P7_TA(2011)0435 Risoluzione del Parlamento

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

4. La violenza da parte di terzi e le molestie possono manifestarsi in molte forme. Possono ad esempio:

4. La violenza da parte di terzi e le molestie possono manifestarsi in molte forme. Possono ad esempio: DIALOGO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PROVVISORIE PER AFFRONTARE LA VIOLENZA DA PARTE DI TERZI E LE MOLESTIE SUL LAVORO EPSU, UNI europa, ETUCE, HOSPEEM, CEMR, EFEE, EuroCommerce, CoESS Bozza

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DELLA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI TECNICA PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT

RELAZIONE SULLO STATO DELLA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI TECNICA PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT RELAZIONE SULLO STATO DELLA TECNICA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT LUGLIO 2004 Original document in English available at http://europa.eu.int/idabc/eprocurement

Dettagli

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 Project Number LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 WP3 Curriculum formatori Partner responsabile: Business and Development Center, ul. Wieniawskiego 56b/5 35-603 Rzeszow - PL Contatto: Magdalena Malinowska tel +48

Dettagli

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014.

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014. Consiglio europeo delle libere professioni Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea Versione rivista 2014 Preambolo Nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona ha adottato

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Carta delle attività della COVIP

Carta delle attività della COVIP Carta delle attività della COVIP www.covip.it Premessa La Commissione di vigilanza sui fondi pensione (COVIP), nel perseguire i propri obiettivi istituzionali, attribuisce grande rilievo alla realizzazione

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 30.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 30.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.7.2014 C(2014) 5308 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 30.7.2014 che definisce le misure di informazione e pubblicità indirizzate al pubblico

Dettagli

$UWLFROR$OWULSRVVLELOLGLULWWLD]LRQDELOL

$UWLFROR$OWULSRVVLELOLGLULWWLD]LRQDELOL &219(1=,21( (8523($ 68//(6(5&,=,2 '(, ',5,77, '(, 0,125, $GRWWDWD GDO &RQVLJOLRG(XURSDD6WUDVEXUJRLOJHQQDLRWUDGX]LRQHQRQXIILFLDOH 3UHDPEROR Gli Stati membri del Consiglio d Europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. Relazione annuale 2011

Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. Relazione annuale 2011 Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati Relazione annuale 2011 Indice Prefazione del presidente 3 Prefazione del direttore esecutivo 6 Ruolo e obiettivi dell AESFEM 8 La governance dell

Dettagli

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13)

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 marzo 2015 sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) Introduzione e base giuridica Il 20 febbraio 2015 la Banca centrale europea (BCE) ha

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati Maggio 2014 Prime riflessioni sul recepimento degli Orientamenti EIOPA, attuativi della direttiva Solvency II: l IVASS modifica il Regolamento n. 20/2008 Silvia Colombo, Jenny.Avvocati L iter delle modifiche

Dettagli

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Gabriele Gentilini - luglio 2007 a) Istituzione dell Agenzia nazionale per la valutazione dell universita e della

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli