MQA - Manuale del SGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MQA - Manuale del SGI"

Transcript

1 Pagina 1 di 72 Manuale del SISTEMA di GESTIONE INTEGRATO QUALITÀ, AMBIENTE, SICUREZZA E RESPONSABILITÀ SOCIALE

2 Pagina 2 di 72 Ed 2 Rev 2 Ed 2 Rev 1 Ed. 2 Rev 0 Integrazione con modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/ /05/2012 Eliminazione processo LV in biotunnel (P14) precisazioni su alta direzione e rappresentante nuova sottoscrizione Politica precisazione su ruoli e responsabilità in assenza del DG 14/10/2009 Adeguamento a norma Uni En Iso 9001:2008 Revisione generale e linguistica RSGI RSGI Presidente RSGI RSGI Presidente RSGI RSGI Direttore Generale 07 Ottobre Agosto Giugno Maggio Dicembre Novembre Settembre Dicembre 2004 Estensione al sistema di gestione sicurezza e integrazione con SA8000 Implementazione ed estensione territoriale del SGQA Recepimento indicazioni audit di sorveglianza 12 e 13 giugno Eliminazione par Modifica paragrafo Esclusioni Inserimento impegno a comunicazione aspetti ambientali Rinumerazione capitoli Revisione generale Recepimento indicazioni stage II certificazione e 9001 Recepimento indicazioni stage I certificazione ISO 14001:2004 Revisione per aggiornamento ISO 14001:2004 Emissione RSGI RSGI Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore RSGQA RSGQA Direttore REV. DATA DESCRIZIONE MODIFICA REDATTO CONTROLLATO APPROVATO

3 Pagina 3 di 72 SOMMARIO PREMESSA SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE GENERALITÀ DELL AZIENDA APPLICAZIONE Outsourcing Esclusioni RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI ABBREVIAZIONI E NOTE ALLA CONSULTAZIONE CORRISPONDENZE DEL PRESENTE MANUALE CON LE NORME UNI-EN-ISO 9001:2008, UNI-EN- ISO 14001:2004, OHSAS 18001:2007, SA 8000: SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ, E L AMBIENTE, LA SICUREZZA E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REQUISITI GENERALI Struttura del SGI Approccio per processi Descrizione dei processi DOCUMENTAZIONE DEL SGI Generalità Gestione della Documentazione Gestione delle Registrazioni RESPONSABILITA DELLA DIREZIONE GENERALE IMPEGNO DELLA DIREZIONE ATTENZIONE ALLE TERZE PARTI INTERESSATE Accesso e gestione delle prescrizioni tecnico normative Identificazione e valutazione degli aspetti ambientali Identificazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SICUREZZA E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE PIANIFICAZIONE Obiettivi, traguardi e Programmi di miglioramento RESPONSABILITÀ, AUTORITÀ E COMUNICAZIONE Definizione e comunicazione di ruoli e responsabilità Responsabilità per la qualità, l ambiente, la sicurezza e la responsabilità sociale Comunicazione interna RIESAME DELLA DIREZIONE... 32

4 Pagina 4 di 72 6 GESTIONE DELLE RISORSE MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE RISORSE UMANE Formazione e sviluppo delle competenze INFRASTRUTTURE Edifici Infrastrutture informatiche Automezzi e attrezzature AMBIENTE DI LAVORO Pulizia degli ambienti di lavoro Misure di prevenzione e protezione Sorveglianza sanitaria AMBIENTE NATURALE Gestione aspetti ambientali RISORSE ECONOMICHE GESTIONE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE PIANIFICAZIONE PROCESSI RELATIVI ALLE PARTI INTERESSATE Requisiti delle parti interessate Comunicazione con le parti interessate PROGETTAZIONE E SVILUPPO APPROVVIGIONAMENTO Processo di approvvigionamento Informazioni sull approvvigionamento Verifica dei prodotti approvvigionati e gestione scorte e magazzino VALORIZZAZIONE E PRETRATTAMENTO DEI RIFIUTI Programmazione produzione Accettazione rifiuti in ingresso Controllo dei processi produttivi Stoccaggio, identificazione e rintracciabilità e dei rifiuti Vendita prodotto finito GESTIONE DEI DISPOSITIVI DI MISURA DI CERMEC MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO GENERALITÀ MONITORAGGIO E MISURAZIONI Misurazione del grado di soddisfazione del cliente o delle parti interessate Audit del Sistema di Gestione Misurazione dei processi Misurazione dei prodotti Valutazione del rispetto delle prescrizioni GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E AZIONI CORRETTIVE E/O PREVENTIVE. PROBLEMATICHE Preparazione e risposta alle emergenze ANALISI DEI DATI MIGLIORAMENTO ULTERIORI ASPETTI DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE LAVORO INFANTILE Scopo Premessa... Errore. Il segnalibro non è definito Opposizione all utilizzo... 63

5 Pagina 5 di Impieghi del bambino o del giovane lavoratore... Errore. Il segnalibro non è definito. 9.2 LAVORO OBBLIGATO Scopo Premessa Straordinari Ferie e permessi Penali Prestiti SALUTE E SICUREZZA Scopo Analisi dei rischi Formazione continua del personale Disattenzione alle prescrizioni stabilite Manutenzione infrastrutture Servizi igienici e locali comuni LIBERTÀ DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Premessa Contrattazione collettiva Libertà di associazione DISCRIMINAZIONE Scopo Definizione delle competenze Ricerca e selezione del personale Definizione della retribuzione iniziale Definizione del periodo di prova Formazione Organizzazione del lavoro straordinario Organizzazione delle ferie Licenziamento Pensionamento Libertà di esercizio dei diritti della persona Tutela del personale Registrazione sul personale Lavoro interinale Categorie protette PROCEDURE DISCIPLINARI Scopo Generalità Tipologia delle sanzioni applicabili Comportamenti sanzionabili Controdeduzioni Responsabilità e registrazioni ORARIO DI LAVORO Scopo Rapporto tra CCNL e SA Analisi del CCNL Legislazione sul lavoro part-time Orario di lavoro Organizzazione del lavoro straordinario... 71

6 Pagina 6 di RETRIBUZIONE Scopo Salario Trattenute e leggibilità della busta paga Modalità di erogazione ELENCO ALLEGATI... 72

7 Pagina 7 di 72 PREMESSA Cermec ho da tempo deciso di adottare un Sistema di Gestione aziendale per migliorare le proprie attività in settori importanti: la qualità del servizio offerto ai propri clienti; la gestione dei propri impatti ambientali per ridurre il più possibile gli effetti e le conseguenze delle proprie attività sull ambiente circostante e i cittadini che vi abitano o lavorano; la tutela della salute e sicurezza dei propri dipendenti e la responsabilità sociale ed etica del proprio fare impresa. Per raggiungere questi risultati Cermec ha scelto di adottare un sistema di gestione integrato, sulla base delle norme volontarie internazionali applicabili a questi aspetti: per la Qualità la UNI EN ISO 9001:2008, per la gestione ambientale la UNI EN ISO 14001:2004, per la Sicurezza e la salute dei lavoratori la OHSAS 18001:2007 e per la Responsabilità Sociale la SA8000:2008. Queste norme offrono infatti alle aziende che decidono di seguirle, la possibilità di analizzare le proprie attività, controllare con efficacia e perseguire gli obiettivi di miglioramento continuo che rappresenta il minimo comun denominatore di tutti gli standard volontari. Questo Manuale è stato dunque realizzato per fornire a tutte le parti interessate, interne ed esterne, una descrizione chiara e sintetica di come Cermec attua e rende operative le proprie attività e di come vengono soddisfatti i requisiti delle norme di riferimento. Il documento, assieme alla Politica per la Qualità, l Ambiente, la Sicurezza e la Responsabilità Sociale, pubblicata nelle pagine seguenti, è quindi anche espressione dell impegno dell azienda verso i clienti, la comunità, i soci e le autorità amministrative e di controllo. Il manuale è strutturato seguendo le norme volontarie applicate, secondo la tabella di corrispondenza riportata al paragrafo 3.2. Le parti relative all etica (norma SA8000), per gli aspetti non corrispondenti ad altri punti delle norme UNI-EN-ISO 9001 e e BS-OHSAS 18001, sono riportate nel capitolo 9. Il Presidente Ugo Bosetti

8 Pagina 8 di 72 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Generalità dell Azienda CERMEC, Consorzio Ecologia e Risorse di Massa e Carrara S.p.a., è una società pubblica, partecipata dai Comuni di Carrara (48%) e di Massa (47%) e dalla Provincia di Massa-Carrara (5%). Costituita negli anni '60 come azienda consortile, solo dal 1992 assume direttamente la gestione dell impianto di selezione e compostaggio dei rifiuti di via Dorsale (zona industriale) a Massa, diventando nel 2001 società per azioni, nel rispetto della più recente normativa in tema di servizi pubblici locali. Cermec gestisce il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti urbani e la valorizzazione delle raccolte differenziate. Il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani interessa gli enti soci e i maggiori comuni della Provincia di Massa-Carrara ( abitanti). Per determinate merceologie, Cermec offre i propri servizi anche ad altri anche enti locali della stessa provincia e di altre limitrofe (Pisa, Lucca, Livorno, La Spezia). Le attività industriali si svolgono nello stabilimento di via Dorsale e in quello contiguo di via Longobarda, nella Zona Industriale Apuana. Con oltre 50 dipendenti e un fatturato annuo di circa 15,4 milioni di euro nel 2012, Cermec è una presenza fondamentale nel panorama dei servizi pubblici locali, ma anche una delle maggiori realtà industriali del territorio. L'azienda è associata a Federambiente e all Associazione Industriale di Massa-Carrara. L azienda è molto attenta ai temi della qualità ambientale e dell'educazione: svolge numerose iniziative di sensibilizzazione e di informazione, pubblica materiali didattici (cartacei e su supporto digitale) rivolti principalmente alle scuole. Le attività industriali si svolgono su distinte linee produttive, in grado di trattare diversi tipi di rifiuti: rifiuti indifferenziati con la produzione di FOS (frazione organica stabilizzata o compost grigio ) dalla parte organica e l avviamento della parte secca a impianti esterni per la sua valorizzazione come combustibile derivato da rifiuti (CDR); rifiuti organici domestici (FORSU) e mercatali per la produzione di compost misto di qualità (ammendante compostato misto); frazione verde (sfalci, potature, ramaglie) e materiali compostabili misti (lignocellulosici) per la produzione di compost verde di qualità (ammendante compostato verde, iscritto nell elenco dei fertilizzanti per agricoltura biologica e riconosciuto col marchio di qualità CIC), compost misto di qualità (ammendante compostato misto) e ammendante semplice non compostato; fanghi da depurazione di reflui civili per la produzione di ammendante compostato misto o per il loro condizionamento e il successivo invio per lo spandimento controllato in agricoltura; rifiuti plastici da raccolta differenziata che dopo una ulteriore selezione manuale e la pressatura vengono inviati alle aziende che li utilizzeranno per il riciclo (accordi con Corepla e privati); rifiuti cellulosici da raccolta differenziata (carta e cartone) da inviare alle aziende che li utilizzeranno per il riciclo (accordi con Comieco e privati);

9 Pagina 9 di 72 legno e imballaggi in legno che dopo la triturazione vengono inviati alle aziende che li utilizzeranno a recupero o come materia prima seconda, per la produzione di pannelli truciolati, o come fonte energetica quali biomasse. Applicazione Il manuale descrive i principali elementi del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità, l Ambiente, la Sicurezza e la Responsabilità Sociale (SGI) che Cermec ha deciso di adottare e applicare per consolidare il proprio impegno per il miglioramento continuo delle proprie attività. Attraverso l efficace applicazione del Sistema e del processo di miglioramento continuo, Cermec intende: soddisfare, pienamente e costantemente, le esigenze del cliente e delle parti interessate; garantire alle generazioni future un patrimonio ambientale integro, attraverso il risparmio e il rinnovo delle risorse, e la prevenzione dell inquinamento; raggiungere e a dimostrare un buon livello di prestazione ambientale, tenendo sotto controllo gli impatti sull ambiente delle proprie attività, prodotti e servizi, coerentemente con la propria politica ambientale e con i propri obiettivi ambientali; garantire a quanti lavorano per l azienda o per conto di Cermec livelli sempre maggiori di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, impegnandosi nella prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali; assicurare l eticità della propria filiera produttiva per garantire il rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori, la tutela contro lo sfruttamento dei minori e le garanzie di sicurezza e salubrità sul posto di lavoro. Il SGI di CERMEC si applica a tutti i processi connessi alle seguenti attività dell impianto di trattamento rifiuti : trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati mediante separazione meccanica e successiva conversione in frazione organica stabilizzata della frazione umida; produzione di ammendanti compostati di qualità, verde e misto, mediante triturazione e compostaggio di rifiuti di origine vegetale e di rifiuti organici domestici da raccolta differenziata; valorizzazione delle frazioni secche recuperabili da raccolta differenziata e da selezione meccanica mediante ulteriore selezione, lavorazione e invio per il riutilizzo ad aziende esterne, nel quadro degli accordi con i consorzi di filiera e con privati. Il manuale è rivolto alle parti interessate esterne all azienda per fornire una sintesi chiara dell approccio di Cermec alla gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza; è inoltre destinato al proprio personale per la corretta applicazione del SGI, conformemente ai requisiti delle norme ISO 9001:2008, ISO 14001:2004, OHSAS 18001:2007, SA 8000: Outsourcing Attualmente Cermec non affida all esterno, in outsourcing, alcun processo che sia direttamente

10 Pagina 10 di 72 legato alla realizzazione dei propri prodotti. Cermec può tuttavia ritenere opportuno ricorrere all esternalizzazione di alcuni servizi, come le attività di supporto alla progettazione e sviluppo, alcune specifiche attività di manutenzione su macchinari, impianti e attrezzature, le attività di house-keeping e di pulizia, sia industriale sia degli uffici o la disinfestazione di spazi aperti o dei locali. In tutti questi casi, Cermec assicura la gestione di queste attività sulla base del proprio SGI (per le parti applicabili), sia nella fase di pianificazione e attuazione sia in quelle dei controlli e monitoraggi, conformemente oltre che alla norma Uni-En-Iso 9001:2008, alle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro, a quelle fissate dallo standard BS-OHSAS 18001:2007 e a quelle in materia ambientale contenute nella Uni-En-Iso 14001:2004. In ogni caso, i processi affidati in outsourcing si svolgono pressoché esclusivamente all interno degli stabilimenti aziendali Esclusioni Dal campo di applicazione del Sistema di Gestione Integrato di Cermec sono esclusi i seguenti requisiti della norma ISO 9001:2008: validazione dei processi di produzione ed erogazione di servizi (7.5.2) tutti i processi di produzione ed erogazione del servizio sono controllati con prove, misure e monitoraggi; pertanto è da escludere che eventuali carenze possano manifestarsi solo ad avvenuta utilizzazione del prodotto o erogazione del servizio proprietà del cliente (7.5.4) i processi di produzione ed erogazione del servizio non prevedono la gestione, il trattamento o l utilizzo di beni di proprietà di terzi (esempio documenti di progetto, procedure, specifiche o altra documentazione fornita dal cliente). 2 Riferimenti normativi Le norme scelte come riferimento per il Sistema di Gestione Integrato sono: UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 14001:2004, Sistemi di gestione ambientale BS-OHSAS 18001:2007, Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro - Requisiti SA 8000:2008, Responsabilità sociale Nello sviluppo del SGI sono state considerate, quando ritenuto necessario, anche le indicazioni contenute nelle seguenti norme: UNI EN ISO 9000:2000 Sistemi di Gestione per la Qualità Fondamenti e terminologia UNI EN ISO 9004:2000 Sistemi di Gestione per la Qualità Linee guida per il miglioramento delle prestazioni UNI EN ISO 14004:2005 Sistemi di Gestione Ambientale

11 Pagina 11 di 72 Linee guida su principi, sistemi e tecniche di supporto UNI EN ISO 19011:2012 Linee guida per gli audit di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale BS-OHSAS 18002:2008 Linee guida per l attuazione della norma 18001:2007 Inoltre il SGI di Cermec fa riferimento a tutte le norme comunitarie, nazionali e regionali applicabili alle proprie attività e agli altri requisiti cogenti, come le autorizzazioni amministrative all esercizio dell attività. Le modalità di accesso e di aggiornamento delle norme applicabili sono descritte nella procedura P03 Prescrizioni legali. A seguito della definitiva implementazione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/2001 (con l'avvenuta nomina dell'organismo di vigilanza), il Sistema di Gestione Integrato QASSa di Cermec viene ulteriormente integrato con tale modello, in particolare per quanto concerne le procedure operative relative alla prevenzione dei reati in materia di SSL e quelli in materia Ambientale. 3 Termini e definizioni Per integrare la terminologia presente nelle norme UNI EN ISO 9000:2000, Uni EN ISO 14001:2004, OHSAS 18001:2007 e SA 8000:2008 è di seguito indicato il significato di alcuni termini e definizioni. Aspetto ambientale: Elemento di un'attività, prodotto o servizio di un'organizzazione che può interagire con l'ambiente. Azione correttiva: Azione da intraprendere per eliminare la causa di un problema (nonconformità) i cui effetti negativi siano già evidenti. Azione preventiva: Azione da intraprendere per eliminare la causa di un problema (nonconformità) potenziale. Azione di rimedio per i bambini: Forme di sostegno e azioni necessarie per la sicurezza, la salute, l educazione e lo sviluppo dei bambini che sono stati sottoposti a lavoro infantile. Bambino: Persona con meno di 15 anni di età; se le leggi locali sull età minima prevedono un età più alta per il lavoro o per la scuola dell obbligo si applica l età più alta. Fornitore: Organizzazione o persona che fornisce un prodotto (es. produttore, distributore, dettagliante, venditore di un prodotto, erogatore di un servizio o di informazioni). Giovane lavoratore: Lavoratore che supera l età di bambino e che ha un età inferiore ai 18 anni. Lavoro infantile: Lavoro obbligato: Lavoro effettuato da un bambino (che ha un età inferiore all età specificata nella definizione di bambino sopra riportata), a eccezione di quanto è previsto dalla Raccomandazione ILO 146. Lavoro o servizio ottenuto da una persona minacciata di una qualsiasi penale e per il quale la persona non si è offerta volontariamente.

12 Pagina 12 di 72 Non conformità: Mancato raggiungimento di uno standard o mancato soddisfacimento di un requisito. La nozione di non conformità comprende anche quella di problematica ai sensi della norma SA Obiettivo di miglioramento: Livello di qualità superiore allo standard minimo imposto dalla Pubblica Amministrazione, previsto da un contratto o definito volontariamente da Cermec all interno di una procedura. Organizzazione: Processo: Insieme di persone e di mezzi, con definite responsabilità, autorità e interrelazioni (es. società, raggruppamento di società, azienda, impresa, istituzione, organismo umanitario, concessionario, associazione o loro parti o combinazioni). Insieme di attività tra loro correlate o interagenti e rivolte alla produzione di uno specifico output. Standard: Livello di qualità minimo garantito dall azienda, imposto dalla Pubblica Amministrazione, previsto da un contratto o definito volontariamente da Cermec all interno di una procedura. Trattamento di una non-conformità: Azione da intraprendere per eliminare l effetto negativo, già verificato, di un problema (non-conformità). Abbreviazioni e note alla consultazione Nel manuale, nelle procedure a esso collegate e negli altri documenti del Sistema di Gestione Integrato vengono spesso utilizzate abbreviazioni per rendere più scorrevole la descrizione degli elementi e dei processi.

13 Pagina 13 di 72 ABBREVIAZIONE DEFINIZIONE ISO UNI EN SGI RSGI SPP RSPP ASPP RP RI CdA DG MC RLS / RLSA ILO RL* RMan RLab RAcq RComm SAI BSI OHSAS MQA International Standard Organization Ente Nazionale Italiano di Unificazione European Norm Sistema di Gestione integrato per la Qualità, l Ambiente, la Sicurezza e la Responsabilità Sociale Responsabile Sistema di gestione integrato Qualità Ambiente Sicurezza e Responsabilità Sociale Servizio di Prevenzione e Protezione Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione Responsabile Produzione Responsabile Dipartimento - Impianti Consiglio di Amministrazione Direttore Generale Medico Competente Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l ambiente e l etica International Labour Organization Responsabile Linea (seguito da acronimo della linea produttiva) Responsabile Manutenzione Responsabile Laboratorio Responsabile Acquisti e magazzino Responsabile Commerciale Social Accountability International British Standards Institute Occupational Health & Safety Manuale del Sistema di Gestione integrato Qualità Ambiente Salute e sicurezza Responsabilità Sociale Nota: qualora nel testo del presente manuale e nelle procedure si faccia riferimento alla figura del direttore generale (DG) tale riferimento va inteso alla figura del presidente del CdA. A seguito delle dimissioni del precedente DG e della deliberazione 1 del Cda del 14/02/2012, allo stesso presidente sono stati affidati i compiti e le prerogative statutariamente assegnate al DG. Pertanto è da intendersi che lo stesso Presidente assume il ruolo di rappresentante dell Alta Direzione.

14 Pagina 14 di 72 Corrispondenze del Manuale con le norme volontarie Il manuale segue la struttura utilizzata dalla norma ISO 9001:2008. Si riporta di seguito una tabella di corrispondenze, in cui ogni punto della norma ISO 9001:2008 è in correlazione con il corrispondente paragrafo del manuale e coi relativi capitoli delle norme ISO 14001:2004, OHSAS 18001:2007 e SA 8000:2008. ISO 9001:2008 Manuale SGI ISO 14001:2004 OHSAS 18001:2007 SA 8000: Scopo e campo di applicazione 1 Scopo e campo di applicazione 1.1 Generalità 1.1 Generalità dell Azienda 1.2 Applicazione 1.2 Applicazione 2 Riferimenti 2 Riferimenti normativi 3 Termini e definizioni 4 Sistema di gestione per la qualità 4.1 Requisiti generali 4.2 Requisiti relativi alla documentazione Normativi 3 Termini e definizioni 4 Sistema di gestione per la qualità e l ambiente 4.1 Requisiti generali 4.2 Documentazione SGQA 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 Termini e definizioni 4 Requisiti del Sistema di gestione ambientale 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 Termini e definizioni 4 Requisiti del Sistema di gestione ambientale I Scopo e campo di applicazione II Riferimenti normativi III Termini e definizioni (IV) 9. Sistemi di Gestione 4.1 Requisiti generali 4.1 Requisiti generali 9.14 Registrazioni Documentazione Documentazione Manuale della qualità Documentazione Documentazione 9.14 Registrazioni Tenuta sotto controllo dei documenti Tenuta sotto controllo delle registrazioni 5 Responsabilità della Direzione 5.1 Impegno della Direzione 5.2 Attenzione focalizzata al cliente 5.3 Politica per la qualità Gestione della documentazione Gestione delle registrazioni 5 Responsabilità della Direzione Generale Impegno della Direzione 5.2 Attenzione alle terze parti interessate Accesso e gestione delle prescrizioni tecnico/normative 5.3 Politica per la qualità, l ambiente, la salute e sicurezza e la responsabilità sociale Controllo dei documenti Controllo delle registrazioni Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Aspetti ambientali Accesso alle prescrizioni legali ed altre 4.2 Politica ambientale Controllo dei documenti Controllo delle registrazioni Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Identificazione dei pericoli, valutazione del rischio e determinazione dei controlli Accesso alle prescrizioni legali ed altre 4.2 Politica della Salute e della Sicurezza 9.14 Registrazioni 9.1 Politica

15 Pagina 15 di 72 ISO 9001:2008 Manuale SGI ISO 14001:2004 OHSAS 18001:2007 SA 8000: Pianificazione 5.4 Pianificazione 4.3 Pianificazione 4.3 Pianificazione Obiettivi per la qualità Pianificazione del sistema di gestione per la qualità 5.5 Responsabilità autorità e comunicazione Comunicazione interna 5.6 Riesame da parte della Direzione Obiettivi traguardi e programmi di miglioramento Obiettivi traguardi e programmi di miglioramento 5 Responsabilità della Direzione Generale Comunicazione interna 5.6 Riesame della Direzione Obiettivi e traguardi e programma/i Obiettivi e traguardi e programma/i Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Comunicazione 4.6 Riesame della Direzione Obiettivi e traguardi e programma/i Obiettivi e traguardi e programma/i Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Comunicazione, Partecipazione e Consultazione 4.6 Riesame della Direzione 9.5 Pianificazione e implementazione 9.3 Rappresentanti dell azienda 9.5 Pianificazione e implementazione 9.2 Riesame della Direzione 6 Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse 6 Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse 6.2 Risorse umane 6.2 Risorse umane Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Competenza, formazione e consapevolezza Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Competenza, formazione e consapevolezza 9.5 Pianificazione e implementazione 9.2 Riesame della Direzione 6.3 Infrastrutture 6.3 Infrastrutture 6.4 Ambiente di lavoro 6.4 Ambiente di lavoro Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Risorse, ruoli, responsabilità e autorità 9.5 Pianificazione e implementazione 7 Realizzazione del prodotto 7.1 Pianificazione e realizzazione del prodotto 7.2 Processi relativi al cliente Determinazione dei requisiti relativi al prodotto Riesame dei requisiti relativi al prodotto Comunicazione con il cliente 7 gestione dei processi di produzione 7.1 Pianificazione 7.2 Processi relativi alle parti interessate Requisiti delle parti interessate Comunicazione con le parti interessate 4.4 Attuazione e funzionamento Controllo operativo Comunicazione 4.4 Attuazione e funzionamento Controllo operativo Comunicazione, Partecipazione e Consultazione 9.12 Comunicazione esterna 7.3 Progettazione e sviluppo 7.3 Progettazione e sviluppo Controllo operativo Controllo operativo Processo di approvvigionamento Informazioni per l approvvigionamento Processo di approvvigionamento Informazioni per l approvvigionamento Controllo operativo Controllo operativo 9.6 / 9.9 Controllo dei Fornitori

16 Pagina 16 di 72 ISO 9001:2008 Manuale SGI ISO 14001:2004 OHSAS 18001:2007 SA 8000: Verifica dei prodotti approvvigionati Tenuta sotto controllo delle attività di produzione e di erogazione di servizi Validazione dei processi di produzione e di erogazione dei servizi Identificazione e rintracciabilità Conservazione dei prodotti 7.6 Tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio e di misurazione Verifica dei prodotti approvvigionati e gestione magazzino 7.5 Valorizzazione pretrattamento dei rifiuti Stoccaggio, identificazione e Rintracciabilità dei rifiuti 7.6 Gestione dei dispositivi di misura di CERMEC. S.p.A Controllo operativo Sorveglianza e misurazioni Controllo operativo Sorveglianza e misurazioni 9.5 Pianificazione e implementazione 8 misurazioni, analisi e miglioramento 8 misurazioni, analisi e miglioramento 4.5 Verifica 4.5 Verifica 8.1 Generalità (misurazione, analisi e miglioramento) 8.2 Monitoraggi e misurazioni 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e misurazioni Sorveglianza e misurazioni Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni Sorveglianza e misurazioni Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni 9.5 Pianificazione e implementazione Soddisfazione del cliente Audit interno Monitoraggio e misurazione dei processi Monitoraggio e misurazione dei prodotti Soddisfazione del cliente Audit del sistema di Gestione Monitoraggio e misurazione dei processi Monitoraggio e misurazione dei prodotti Valutazione del rispetto delle prescrizioni Audit interno Audit interno Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni Investigazione degli incidenti, non conformità, azioni correttive e preventive (solo titolo) Investigazione degli incidenti

17 Pagina 17 di 72 ISO 9001:2008 Manuale SGI ISO 14001:2004 OHSAS 18001:2007 SA 8000: Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi Azioni Correttive Azioni Preventive 8.3 Gestione delle non conformità e azioni correttive /preventive Preparazione e risposta alle emergenze 8.4 Analisi dei dati 8.4 Analisi dei dati Miglioramento continuo 8.5 Miglioramento 9 Aspetti della responsabilità sociale Non conformità, azioni correttive e azioni preventive Preparazione e risposta alle emergenze sorveglianza e misurazioni Non conformità, azioni correttive e azioni preventive 4.6 Riesame della Direzione Non conformità, azioni correttive e azioni preventive Preparazione e risposta alle emergenze sorveglianza e misurazioni Non conformità, azioni correttive e azioni preventive 4.6 Riesame della Direzione 9.10 / 9.11 Problematiche e azioni correttive 9.5 Pianificazione e implementazione 9.1 Lavoro infantile 1 Lavoro infantile 9.2 Lavoro obbligato 2 Lavoro obbligato 9.3 Salute e sicurezza 9.4 Libertà di associazione / Diritto contrattazione 3 Salute e sicurezza 4 Libertà di associazione / Diritto contrattazione 9.5 Discriminazione 5 Discriminazione 9.6 Procedure disciplinari 6 Procedure disciplinari 9.7 Orario di lavoro 7 Orario di lavoro 9.8 Retribuzione 8 Retribuzione

18 Pagina 18 di 72 4 Sistema di Gestione Integrato per la Qualità, l ambiente, la Sicurezza e la Responsabilità Sociale (SGI) Requisiti generali Struttura del SGI Il Sistema di Gestione Integrato è l insieme di risorse, responsabilità e modalità di lavoro necessarie per l attuazione della politica aziendale. Gli elementi fondamentali del SGI, che la Direzione riesamina almeno una volta all anno e aggiorna in funzione degli obiettivi aziendali, sono: la Politica per la Qualità, l Ambiente e la Sicurezza contenente gli impegni del Direttore nei confronti di clienti e portatori di interesse; la Matrice dei processi del SGI contenente l elenco dei processi e sottoprocessi aziendali e, per ognuno di essi, le funzioni responsabili, gli indicatori necessari per il monitoraggio e i documenti dell SGI che definiscono modalità e responsabilità di gestione; il Pannello di Controllo della Qualità, Ambiente e Sicurezza contenente gli indicatori necessari per monitorare i processi aziendali, gli standard minimi di qualità, di prestazione ambientale e di salute e sicurezza associati ai servizi erogati, gli eventuali obiettivi di miglioramento e i risultati del monitoraggio periodico dei processi; il Piano di Miglioramento contenente per ogni obiettivo di miglioramento i relativi responsabili, le scadenze e i programmi attuativi; il Piano di Comunicazione Esterna contenente gli interventi da svolgere per informare e coinvolgere i vari portatori di interesse nel raggiungimento degli obiettivi aziendali; il Piano di Formazione contenente gli interventi da svolgere per mantenere e migliorare le competenze del personale aziendale; il Piano di Emergenza il Programma degli Audit Interni contenente gli interventi di verifica della corretta ed efficace applicazione SGI da parte del personale e della struttura organizzativa in genere; il Registro degli aspetti Ambientali contenente attività, prodotti o servizi dell azienda in grado di incidere sull ambiente e il loro grado di significatività in relazione all entità degli impatti prodotti; il Documento di Valutazione dei Rischi contenente l identificazione e la valutazione dei rischi cui sono soggetti i lavoratori e le misure necessarie al miglioramento continuo delle condizioni di lavoro all interno dell azienda; il Registro/Scadenzario degli adempimenti legali contenete responsabilità e scadenze circa l adempimento alle norme applicabili all azienda; A questi si aggiungono i documenti che definiscono responsabilità e modalità di attuazione dei processi aziendali: il Manuale del Sistema di Gestione Integrato (documentazione di livello A); le Procedure (documentazione di livello B) che definiscono compiti e responsabilità, nonché le modalità esecutive delle fasi dei processi aziendali;

19 Pagina 19 di 72 le Istruzioni Operative (documentazione di livello C) che contengono le istruzioni di lavoro dettagliate; la Modulistica del Sistema Qualità Ambiente Sicurezza (documentazione di livello D) moduli o matrici, liste di controllo, eccetera che il personale utilizza per pianificare le attività e registrarne i risultati Approccio per processi Cermec promuove l approccio per processi, cioè l analisi sistematica delle attività che contribuiscono a trasformare i requisiti del cliente e quelli delle parti interessate in servizi forniti. L approccio per processi permette di mantenere un controllo sui legami, le interazioni e le combinazioni fra i singoli processi. L azienda ha individuato quattro tipi di processo: processi direzionali che definiscono e trasmettono a tutta la struttura organizzativa la politica e gli obiettivi aziendali; processi di supporto che comprendono tutte le attività necessarie alla gestione della struttura, intesa come insieme di uomini, mezzi, macchine, impianti e strumenti; processi primari che trasformano le risorse in ingresso in servizi e prodotti per il cliente; processi di miglioramento che comprendono tutte le attività in grado di controllare e migliorare nel tempo i processi di produzione e l intero sistema. Ogni processo è pianificato, attuato, controllato e periodicamente riesaminato secondo il modello Plan, Do, Check, Act, conosciuto come ciclo di Deming. In particolare, per ogni processo sono definite: le procedure e/o le istruzioni con le responsabilità e le modalità di esecuzione delle attività necessarie all efficace funzionamento e controllo di processi; gli indicatori necessari per la misurazione, il monitoraggio e l analisi delle prestazioni e sottoposti ai riesami del Comitato di Direzione; gli standard prestazionali o gli obiettivi di miglioramento del processo Descrizione dei processi I processi aziendali ai quali si applica il SGI e le loro caratteristiche e interrelazioni sono descritti nel documento Matrice dei processi. Questo documento descrive, per ogni processo, i sottoprocessi, le funzioni responsabili, gli indicatori di prestazione e i metodi di gestione (procedure e/o istruzioni). Di seguito si riporta lo schema su cui è realizzata la suddivisione dei processi all interno del ciclo di Deming.

20 Pagina 20 di 72 MIGLIORAMENTO CONTINUO Input Pianificazione Requisiti del Cliente Aspetti ambientali Aspetti relativi alla SSL ed etici Attuazione Controllo Processi di Miglioramento Input Output Soddisfazione del Cliente

21 Pagina 21 di 72 Documentazione del SGI Generalità La documentazione del SGI è la fonte di tutte le informazioni del sistema: lo descrive, definisce le azioni da intraprendere, le modalità di attuazione, il chi fa che cosa, quali registrazioni devono essere mantenute e per quanto tempo. Tutta questa documentazione, che comprende documenti e registrazioni, è gestita in modo controllato per garantirne la legittimità, l identificabilità e la diffusione corretta all interno dell azienda. La documentazione del SGI comprende: documenti di processo manuale, procedure, operative, matrici e diagrammi di flusso, descrivono chi fa che cosa e le modalità di conduzione delle diverse attività registrazioni riportano i risultati o evidenziano le attività svolte documenti di origine esterna o leggi, norme e autorizzazioni relative all impianto, ai servizi e alle attività aziendali o manuali operativi a supporto di uso/manutenzione apparecchi e impianti o certificati analitici relativi alle misurazioni svolte sull impianto da laboratori esterni o convenzioni di affidamento e contratti di servizio con aziende private e con i Comuni del territorio provinciale e limitrofi o comunicazioni da parte di enti di controllo o da altre parti interessate Gestione della Documentazione La documentazione del SGI è elencata nel documento P01M01 Elenco procedure SGI,, che ne indica il titolo, la data di rilascio e lo stato di ultima revisione. Il documento si trova sulla rete aziendale che viene aggiornata dal RSGI. La documentazione di origine esterna è riportata in appositi paragrafi delle procedure, insieme alle modalità di gestione. La procedura P01 Gestione della documentazione è stata elaborata per tenere sotto controllo l emissione delle regole aziendali (contenute nei documenti) e la loro diffusione. La documentazione viene redatta dai Responsabili di Processo e, prima di essere trasmessa al personale interessato, viene verificata dal RSGI e approvata dal Direttore. Gli stessi Responsabili di Processo sono responsabili della formazione dei propri collaboratori: devono diffondere e spiegare le procedure e le istruzioni operative e devono verificare la loro corretta applicazione.

22 Pagina 22 di Gestione delle Registrazioni Le registrazioni sono documenti di grande importanza per il SGI, perché consentono di determinarne l effettiva attuazione e la conformità ai requisiti applicabili derivanti dalle norme volontarie, da leggi o da accordi contrattuali di vario genere. Procedure e istruzioni operative indicano le registrazioni necessarie a monitorare i processi aziendali, gli aspetti ambientali significativi individuati sulla base dell Analisi Ambientale Iniziale e i rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro individuati nell ambito della valutazione dei rischi. Per garantire l attendibilità e l utilità di queste registrazioni, Cermec ne ha definito i criteri di identificazione, conservazione/eliminazione e rintracciabilità/protezione nella procedura P02 Gestione delle Registrazioni. In particolare, valgono i seguenti principi: 1. il trattamento dei dati sensibili e personali secondo quanto previsto dal D.Lgs. 196/03 e smi, è dettagliatamente descritto nel Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS). Esso specifica chi gestisce le registrazioni contenenti dati personali e le relative modalità di gestione. Per quanto riguarda i dati trattati con mezzi informatici specifica la gestione delle password, dei back-up, dei gruppi di continuità e la protezione dai virus informatici. 2. le registrazioni obbligatorie sono individuate dai Responsabili di Processo sulla base delle prescrizioni legali applicabili, elencate nel Registro degli Adempimenti secondo quanto specificato dalla Procedura P03 Accesso e aggiornamento delle prescrizioni applicabili. 3. i Responsabili di Processo identificano le registrazioni necessarie a controllare i processi affidati alla loro responsabilità. Queste registrazioni servono a monitore i risultati delle attività e a soddisfare i requisiti delle norme volontarie: impatto sull ambiente, servizio offerto al cliente, standard di sicurezza e salute sul lavoro. Gli stessi Responsabili, inoltre, comunicano a tutto il personale interessato le modalità di gestione di tali registrazioni. Possono, a questo scopo, predisporre delle apposite procedure e/o istruzioni, secondo le modalità previste dalla procedura P01 Gestione della Documentazione. 5 Responsabilità della Direzione Impegno della Direzione L impegno primario della Direzione di Cermec è quello di migliorare nel tempo le prestazioni riguardo gli aspetti della qualità, dell ambiente, della sicurezza e salute sul lavoro e della responsabilità sociale. Per questo motivo la Direzione svolge, attraverso il suo rappresentante, una funzione di indirizzo e controllo del SGI, assicurandone l efficacia (il raggiungimento degli obiettivi) e l efficienza (l ottimale impiego delle risorse). Svolgere la funzione di indirizzo del SGI vuol dire definire la strategia operativa che è in grado di soddisfare le aspettative dei portatori di interesse. La funzione di controllo periodico del SGI è svolta attraverso il riesame del Sistema (si veda il paragrafo 5.6) da parte del Comitato di Direzione coordinato dal Rappresentante della Direzione; il

23 Pagina 23 di 72 controllo continuo, invece, è affidato al RSGI (par ). Per rendere evidente e concreto l impegno della Direzione all interno e all esterno dell azienda, il Direttore comunica in modo trasparente gli impegni presi, motivando il personale a partecipare all obiettivo del miglioramento continuo. Attenzione alle terze parti interessate Il SGI è, per Cermec, lo strumento per identificare e soddisfare gli interessi della parti terze. Queste esigenze vengono convertite nei requisiti del Sistema per mezzo di procedure operative e/o interventi tecnologici. Questo risultato viene raggiunto attraverso: la valutazione diretta, attraverso indagini, delle aspettative delle parti interessate e del loro grado di soddisfazione (par ); l identificazione e la verifica del rispetto di tutte le prescrizioni tecnico-normative (par ) in materia di qualità dei prodotti/servizi forniti, compatibilità ambientale dei consumi di risorse e delle emissioni, sicurezza sui luoghi di lavoro; la valutazione indiretta del livello di qualità delle prestazioni erogate, degli impatti ambientali generati e dei rischi per la salute ai quali vengono esposti i lavoratori (par ). Il Comitato di Direzione riesamina l esito di queste valutazioni e lo adopera come punto di partenza per la pianificazione degli obiettivi di miglioramento Accesso e gestione delle prescrizioni tecnico-normative L impegno alla conformità legislativa è uno dei capisaldi della Politica di Cermec, ma è anche espressione dell attenzione che l azienda ha verso i requisiti espressi dallo Stato e dalle Istituzioni a tutela della società. Infatti, le procedure e le istruzioni del SGI definiscono, innanzitutto, le responsabilità e le modalità di soddisfacimento delle prescrizioni tecnico-normative in materia di qualità dei prodotti/servizi e di tutela dell ambiente. L aggiornamento normativo è svolto, attraverso fonti tradizionali e prodotti informatizzati, dal Responsabile di Produzione. Egli identifica le nuove prescrizioni e aggiorna il Registro delle prescrizioni legali e tecniche (P03M03) e lo Scadenziario degli adempimenti (P03M04), rendendoli disponibili sulla rete aziendale. Il Responsabile dell Impianto definisce tempi e responsabilità per i diversi adempimenti, con le modalità riportate nella procedura P03 Accesso e aggiornamento delle prescrizioni applicabili Identificazione e valutazione degli aspetti ambientali Cermec riconosce il diritto della società (comunità locali, associazioni, autorità, eccetera) e delle generazioni future alla fruibilità di un patrimonio ambientale integro. Pertanto, l azienda si impegna all osservanza delle leggi ambientali applicabili, alla prevenzione dell inquinamento e alla tutela delle risorse naturali; provvede all identificazione e alla gestione dei propri aspetti ambientali significativi, cioè servizi o parte di essi, attività o fattori che possono essere causa di un impatto

24 Pagina 24 di 72 negativo sull ambiente. Il Responsabile Impianto si avvale di specifiche procedure per identificare gli aspetti ambientali significativi. Questi aspetti possono essere distinti in: aspetti ambientali diretti (attività, prodotti e servizi sui quali Cermec esercita un controllo diretto); aspetti ambientali indiretti (attività, prodotti e servizi sui quali Cermec non ha un controllo gestionale totale perché essi dipendono anche dal comportamento di terzi, cioè da fornitori di beni e servizi, clienti, comunità locali e altri soggetti interessati dalle attività dei siti dove si applica il Sistema di Gestione Ambientale). Le procedure di identificazione degli aspetti ambientali significativi permettono una analisi dettagliata dei: flussi di massa ed energia in ingresso e in uscita da impianti e servizi aziendali rischi ambientali connessi a dispositivi, impianti e manufatti di Cermec, anche nel caso di eventuali modifiche di impianti o cicli produttivi. L analisi mira a identificare gli aspetti significativi secondo una valutazione oggettiva e sistematica basata su: capacità di soddisfare le prescrizioni legali e i limiti di emissione applicabili (misurati in funzione del margine residuo rispetto ai limiti e alle prescrizioni stesse); impatto sulla collettività in termini di disturbo arrecato ai cittadini (reclami connessi agli impatti ambientali); impatto sull ambiente in termini di quantità e pericolosità delle emissioni per la salute dell uomo, della flora e la fauna (misurati in riferimento a quanto previsto dalla normativa applicabile); frequenza con la quale gli impatti sono effettivamente prodotti; incidenza del particolare aspetto nella determinata linea produttiva rispetto al totale dell impianto. In particolare, per gli aspetti ambientali indiretti, le procedure prevedono: 1. l identificazione di tutte le interrelazioni tra il sito e i diversi portatori di interesse, soprattutto fornitori di beni e servizi che svolgono parte o tutta l attività in luoghi diversi da quelli in esame (i fornitori di servizi e lavori che svolgono l attività presso i siti di Cermec concorrono alla gestione degli aspetti ambientali diretti) clienti del sito comunità residenti nel territorio 2. l identificazione di tutti gli aspetti ambientali indiretti, connessi, cioè, alle interrelazioni tra il sito e i diversi portatori di interesse, quali fornitura del servizio ai clienti finali fornitura dei materiali e additivi di processo presso gli impianti

25 Pagina 25 di 72 comportamenti ambientali degli appaltatori, dei subappaltatori e dei fornitori che possono avere un influenza sull ambiente gestione degli imballaggi acquistati da terzi influenza sull ambiente antropico (effetti socio-economici sulla popolazione locale) effetto sull ambiente dovuto alla tipologia di smaltimento dei rifiuti. I risultati di tale valutazione costituiscono la base per: l identificazione e la predisposizione delle procedure e delle istruzioni di controllo operativo la definizione degli obiettivi e dei programmi di miglioramento l identificazione degli indicatori per il monitoraggio degli aspetti ambientali L identificazione e la valutazione degli impatti ambientali connessi alle attività, ai prodotti e ai servizi è svolta secondo quanto previsto dalla procedura P32 Metodologia di identificazione e valutazione degli aspetti ambientali. I risultati sono formalizzati all interno del Rapporto di Analisi Ambientale. Questa procedura viene applicata prima di attivare una nuova linea produttiva e/o prendere in carico un nuovo impianto di trattamento rifiuti. In particolare, il Responsabile Impianto verifica se sono già presenti documenti di Analisi Ambientale Iniziale relativi ai servizio e/o all impianto in esame. In caso positivo, egli valuta tali documenti e produce le eventuali integrazioni. In caso negativo, il Responsabile impianto effettua l Analisi Ambientale Iniziale relativa al servizio e/o all impianto in esame secondo le metodologie definite nella procedura. In ogni caso l analisi è aggiornata ogni tre anni e in occasione della presa in carico di un nuovo impianto o della modifica sostanziale di quello esistente. L'aggiornamento dell'analisi Ambientale, in ogni caso, sarà comunicata anche all'organo di Vigilanza istituito nell'ambito del MOGC adottato dall'azienda ai sensi del D.Lgs. 231/01 e s.m.i. al fine di verificarne la rilevanza rispetto alla Matrice di rischio relativa ai reati "preussposto" in materia ambientale Identificazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori Per creare un efficace Sistema di Prevenzione e Protezione interno è necessario innanzitutto identificare i rischi delle attività svolte. Per questo l azienda analizza i rischi inerenti: le materie prime o i semilavorati immessi nel processo produttivo i macchinari e le attrezzature acquistate e/o costruite in ambito interno le attività svolte nelle varie mansioni aziendali le attività svolte da terzi in ambito aziendale i luoghi di lavoro i dispositivi di protezione individuale L identificazione dei pericoli e la valutazione dei rischi viene svolta dal Datore di Lavoro con la collaborazione del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione. Segue l elaborazione del Documento di valutazione dei rischi e di programmazione delle misure di prevenzione e

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale Sorveglianza e misurazioni del SG S&SL Indice: 1.0 Scopo e Generalità 2.0 Identificazione delle aree/attività soggette al monitoraggio 3.0 Pianificazione ed esecuzione dei monitoraggi e delle misurazioni

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

e la norma cogente. L'implementazione in azienda

e la norma cogente. L'implementazione in azienda Il sistema di gestione BS OHSAS 18001 e la norma cogente. L'implementazione in azienda Via dei Mille, 8 - Falconara M.(AN) - Tel. 071.910701 Fax: 071.9169688 pbelardinelli@isaq.it - www.isaq.it 547 + 391

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA CAP 1. SISTEMA QUALITA 1. SCOPO Lo scopo del presente manuale è definire e documentare, a livello generale, le politiche, l'organizzazione, i processi e le risorse relative al Sistema del Rotary Club...

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro

OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro Pagina 1 di 6 INTRODUZIONE L attenzione alla sicurezza e alla salute sui luoghi di lavoro (SSL)

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Liceo Scientifico Galileo Galilei -Trento - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO BS OHSAS 18001:2007 Maggio 2012 Maurizio Adami 1 Popolazione scolastica anno scolastico 2011/12 Docenti

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Governare il processo della sicurezza

Governare il processo della sicurezza Governare il processo della sicurezza Michele Marchini PIACENZA 20 febbraio 2014 SOMMARIO Argomenti trattati Governo del processo gestione della sicurezza I processi aziendali Il processo della sicurezza

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014 D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni M. Mengoli 5 giugno 2014 Il D. Lgs. 231/01 introduce una nuova fattispecie di responsabilità da reato Reato nell organizzazione è imputabile

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 CHIARA LECIS Co.Meta 25 Giugno 2008 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza 1 SGSL: tra adempimenti normativi e miglioramento della gestione

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

Miglioramento continuo

Miglioramento continuo 7 Il sistema di gestione ambientale Il Sistema di Gestione ambientale della Provincia di Bergamo è stato progettato e implementato per rispondere a tutti i requisiti previsti dal Reg. CE n. 761/2001 e

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015 Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro 26 Marzo 2015 Introduzione Cos é la specifica BS OHSAS 18001:2007 Definisce in maniera dettagliata (specification) le linee guida per l implementazione

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da 22 marzo 2012 OHSAS 18001 BS OHSAS 18001:2007 Revisione 00 Preparato da Sara Zullo (Firma) Altea S.p.A. Strada Cavalli 42, 28831 Feriolo di Baveno (VB) T +39 0323 280811 F +39 0323 2808110 www.alteanet.it

Dettagli

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI Pag.1 di 5 SOMMARIO 4.2 Politica Aziendale 2 Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI. Pag.2 di 5 4.2 Politica Aziendale La Direzione della FOMET SpA adotta e diffonde ad ogni livello della

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Le regole e i modelli organizzativi

Le regole e i modelli organizzativi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Le regole e i modelli organizzativi Luigi Monica 29 Marzo 2011 Modelli di organizzazione e di gestione Riferimenti tecnici sui modelli di organizzazione e

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Perché le regole e come

Perché le regole e come Perché le regole e come Conseguenze sullo sviluppo umano > http://www.sistemaambiente.net/form/it/iso/2_conseguenze_sullo_sviluppo_umano.pdf Le norme ISO Il sistema di gestione aiuta > http://www.sistemaambiente.net/form/it/iso/4_sistema_di_gestione.pdf

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione Questo documento guida vuol aiutare gli utilizzatori delle norme serie ISO 9000:2000 a comprendere i concetti e

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli