SCELTA DELLA VARIETA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCELTA DELLA VARIETA"

Transcript

1 6. Scelte genetiche: le varietà e i portinnesti 6.1. Le varietà SCELTA DELLA VARIETA La scelta della varietà è in funzione di: tipo di terreno clima obiettivo produttivo o enologico sensibilità alle malattie varietà raccomandate e autorizzate della zona tendenze di mercato calendario di raccolta aziendale La varietà influenza i seguenti fattori: Forma di allevamento e densità d impianto Resistenza alle gelate Resistenza alle malattie Resistenza alla siccità Varietà Resistenza al calcare Epoca di maturazione Qualità dei vini 13

2 Linee guida per la scelta varietale Tabelle riassuntive delle caratteristiche di adattamento ambientale e tolleranza alle malattie di alcuni vitigni coltivati in Oltrepò Pavese Varietà Bianche Ambienti caldi Resistenza siccità Resistenza gelate primaverili Resistenza calcare Rapporto produzione/ qualità Resistenza peronospora Resistenza oidio Resistenza botrite Altre indicazioni PINOT GRIGIO Sensibile alla clorosi ferrica PINOT BIANCO Sensibile alla clorosi ferrica CHARDONNAY RIESLING ITALICO RIESLING RENANO MOSCATO BIANCO MALVASIA DI CANDIA AROMATICA CORTESE SAUVIGNON MÜLLER THURGAU Sensibile alla flavescenza dorata Potature medio-lunghe Necessita un buon palizzamento del vigneto Soffre la carenza di Magnesio Soggetto a colatura Predilige terreni sciolti Necessita un buon palizzamento del vigneto Sensibile agli acari Soggetto a colatura con vigori eccessivi Sensibile alle malattie del legno Necessita un buon palizzamento del vigneto Poco adatto alla meccanizzazione a causa della fragilità dei tralci Vigore da controllare Fragilità dei tralci Molto sensibile alla botrite Da evitare trattamenti a base di rame Scarso controllo dell acidità dei mosti Breve ciclo vegetativo Favorevoli le escursioni termiche Scarso controllo dell acidità dei mosti 14

3 Varietà Rosse Ambienti caldi Resistenza siccità Resistenza gelate primaverili Resistenza calcare Rapporto produzione/ qualità Resistenza peronospora Resistenza oidio Resistenza botrite Altre indicazioni PINOT NERO Sensibile alla clorosi ferrica e al mal dell esca BARBERA CROATINA UVA RARA VESPOLINA Sensibile a colature CABERNET SAUVIGNON DOLCETTO Sensibile alla carenza di B e K che causano colatura Sensibile a cicalina, tignola, acari Fertilità basale scarsa: necessita di potature lunghe Sensibilità a colatura, acinellatura, disseccamento del rachide (soprattutto su SO4) Sensibile alla tignola Soggetta a colature Sensibile alle malattie del legno Vigore da controllare Si adatta a suoli acidi Problemi di affinità con 140Ru Necessita un buon palizzamento del vigneto Problemi di affinità con 420A e Facilità di distacco degli acini dal grappolo BONARDA Soggetto a acinellatura FREISA Soggetto a acinellatura e colatura MERLOT SYRAH PETIT VERDOT Sensibile al marciume acido Necessita un buon palizzamento del vigneto Facile meccanizzazione Vigore da controllare, eccesso di N determina colatura Necessita un buon palizzamento del vigneto Necessaria una buona luminosità Ventosità eccessiva causa rotture dei tralci Necessita un buon palizzamento del vigneto Mantiene una buona acidità, elevati livelli di materia colorante, consigliato in uvaggio 15

4 La distribuzione delle varietà VALLE VERSA ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Ruino (547 m.s.l.m.) Canevino (410 m.s.l.m.) Volpara (357 m.s.l.m.) Golferenzo (464 m.s.l.m.) Montecalvo Versiggia (360 m.s.l.m.) Tendenzialmente vitigni precoci adatti alla produzione di basi spumanti o bianchi aromatici. In questa fascia è da tenere presente che esistono due sottozone di tradizionale vocazionalità rispettivamente per il Moscato (Volpara) e per il Pinot nero (Montecalvo Versiggia). VINI DI ECCELLENZA Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Chardonnay, Moscato bianco VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Riesling italico, Riesling renano Sauvignon, Malvasia bianca di Candia ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Santa Maria della Versa (217 m.s.l.m.) Rovescala (274 m.s.l.m.) San Damiano al Colle (236 m.s.l.m.) Castana (302 m.s.l.m.) Montù Beccaria (281 m.s.l.m.) Montescano (208 m.s.l.m.) Canneto Pavese (233 m.s.l.m.) E una zona più versatile in cui a seconda dell esposizione, dell altitudine e del tipo di terreno possono fornire buoni risultati sia vitigni a bacca bianca che rossa. Da tenere presente che in alcuni comuni vi sono tradizionali vocazionalità come la Croatina di Rovescala, o le uve Barbera e Croatina di Castana e Canneto. VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina, Uva rara Vespolina (Ughetta di Canneto) VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano Pinot nero da vinificazione in rosso Cabernet Sauvignon Da evitare varietà troppo precoci. ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Zenevredo (195 m.s.l.m.) Bosnasco (124 m.s.l.m.) Stradella (101 m.s.l.m.) VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Uva rara, Vespolina (Ughetta di Canneto), Cabernet Sauvignon 16

5 VALLE SCUROPASSO ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Ruino (547 m.s.l.m.) Canevino (410 m.s.l.m.) Rocca de Giorgi (391 m.s.l.m.) Montalto Pavese (386 m.s.l.m.) Tendenzialmente vitigni precoci adatti alla produzione di basi spumanti o bianchi aromatici. In questa zona è da tenere presente che esiste una zona di tradizionale vocazionalità per il Riesling (Montalto Pavese) VINI DI ECCELLENZA Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Moscato bianco Chardonnay ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Lirio (263 m.s.l.m.) Pietra de Giorgi (318 m.s.l.m.) Cicognola (309 m.s.l.m.) Castana (302 m.s.l.m.) Canneto Pavese (233 m.s.l.m.) E una zona più versatile in cui a seconda dell esposizione, dell altitudine e del tipo di terreno possono fornire buoni risultati sia vitigni a bacca bianca che rossa. Da tenere presente che in alcuni comuni vi sono tradizionali vocazionalità come la le uve Barbera e Croatina e Vespolina di Castana e Canneto. VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina Uva rara Vespolina (Ughetta di Canneto) VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano Cabernet Sauvignon ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Broni (88 m.s.l.m.) Solo nell area D.O.C collinare sono da prevedere vitigni tardivi a bacca rossa: VINI DI ECCELLENZA Croatina, Barbera VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Uva rara, Vespolina (Ughetta di Canneto) Cabernet Sauvignon 17

6 OLTREPO CENTRALE ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Fortunago (450 m.s.l.m.) Borgoratto mormorolo (326 m.s.l.m.) Montalto Pavese (386 m.s.l.m.) Tendenzialmente vitigni precoci adatti alla produzione di basi spumanti o bianchi aromatici. In questa fascia è da tenere presente che esiste una zona di tradizionale vocazionalità per il Riesling (Montalto Pavese) VINI DI ECCELLENZA Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Sauvignon Chardonnay ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Calvignano (275 m.s.l.m.) Oliva Gessi (277 m.s.l.m.) Mornico Losana (245 m.s.l.m.) E una zona più versatile in cui a seconda dell esposizione, dell altidudine e del tipo di terreno possono firnire buoni risultati sia vitigni a bacca bianca che rossa. Da tenere presente che in alcuni comuni (Oliva Gessi, Calvignano) esiste tradizionale vocazionalità per il Riesling a causa degli affioramenti gessosi. VINI DI ECCELLENZA Riesling Italico, Riesling renano Barbera VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Croatina Pinot nero da vinificazione in rosso Uva rara Cabernet Sauvignon ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Borgo priolo (143 m.s.l.m.) Redavalle (85 m.s.l.m.) Santa Giuletta (78 m.s.l.m.) Torricella Verzate (110 m.s.l.m.) Corvino San Quirico (180 m.s.l.m.) Casteggio (100 m.s.l.m.) Da evitare varietà troppo precoci. VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina Uva rara VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da vinificare in rosso Cabernet Sauvignon 18

7 OLTREPO OCCIDENTRALE ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Zona considerata marginale per la viticoltura Rocca Susella (548 m.s.l.m.) Montesegale (426 m.s.l.m.) ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Ponte Nizza (265 m.s.l.m.) Cecima (231 m.s.l.m.) Godiasco (201 m.s.l.m.) Zona considerata marginale per la viticoltura con eccezione delle zone più basse. VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Cortese Barbera, Croatina, Uva rara, Dolcetto ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Rivanazzano (157 m.s.l.m.) Retorbido (169 m.s.l.m.) Codevilla (146 m.s.l.m.) Torrazza Coste (158 m.s.l.m.) Montebello della Battaglia (126 m.s.l.m.) A seconda delle condizioni di coltivazione sia vitigni a bacca bianca che rossa: VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Cortese, Muller Thurgau, Uva rara, Cabernet Sauvignon, Dolcetto, Freisa 19

8 6.2. Portinnesti SCELTA DEL PORTINNESTO La scelta del portinnesto è in funzione di: tipo di terreno vitigno densità d impianto che si intende adottare obiettivo produttivo o enologico Il portinnesto influenza i seguenti fattori: Resistenza al Calcare attivo Durata del ciclo vegetativo del vitigno Resistenza allo stress idrico (da eccesso di acqua) Portinnesto Vigore indotto dall interazione con il vitigno Efficienza nell assorbimento dell acqua (resistenza alla siccità) Efficienza nell assorbimento degli elementi (potassio, magnesio, ferro) 20

9 COMBINAZIONE VITIGNO-PORTINNESTO Nei confronti della combinazione Vitigno-Portinnesto, in fase di scelta sono da tenere presenti le seguenti linee guida: Vitigni vigorosi (vd schede vitigni) con portinnesti deboli e viceversa; A seconda delle condizioni pedo-climatiche considerare l influenza del portinnesto sul ciclo vegetativo (vd tabella portinnesti): per esempio nel caso di rischi da gelate può essere conveniente adottare portinnesti che a parità di attitudini pedologiche ritardano il ciclo vegetativo o al contrario in terreni soggetti a prolungata siccità estiva è consigliabile un portinnesto che anticipi l epoca di maturazione; Di norma i portinnesti più deboli anticipano la maturazione rispetto a quelli vigorosi (41B, SO4 e 420A raccorciano il ciclo vegeto-produttivo); Per impianti fitti è consigliabile adottare portinnesti medi o deboli, viceversa per impianti a bassa densità sono da adottare portinnesti vigorosi; Nelle caso delle rimesse sono preferibili portinnesti vigorosi. ALCUNI ESEMPI Per tutte le varietà rosse, ma anche per le bianche vigorose (Chardonnay), per impianti fitti, di qualità, nei terreni collinari argilloso-calcarei: 420 A, , 41 B (elevata resistenza al calcare); Per vitigni rossi, impianti fitti, nei terreni di medio impasto e fertili, per produzioni di qualità, è molto indicato il Da evitarsi nei terreni calcarei e con ristagno idrico; col Barbera può presentare fenomeni di disaffinità d innesto; Per i vitigni rossi (ad esclusione del Barbera), in terreni magri, dove si attua l inerbimento, si può impiegare il 1103 P. Per le basi spumante e i bianchi in genere, in terreni argilloso-calcarei e siccitosi, anche se inerbiti, è consigliabile il 1103 P. In terreni molto compatti: 1103 P, o 779 P. In terreni poveri e argillosi, tendenzialmente umidi in primavera, dove non si attua inerbimento: SO4, da evitarsi su Croatina, e Riesling. Per terreni molto calcarei, molto magri, anche inerbiti: 140 Ru. 21

10 CARATTERISTICHE DI RESISTENZA, AGRONOMICHE E GENETICHE DEI PRINCIPALI PORTINNESTI UTILIZZATI IN OLTREPO Portinnesto Calcare (resistenza) Compattezza Siccità Apparato radicale Vigore Epoca Riparia scarsa discreta scarsa molto strisciante scarso precoce Rupestris discreta discreta buona molto profondo forte tardiva Berlandieri alta alta Riparia x Rupestris 3309 mediocre (11%) scarsa scarsa strisciante scarso precoce mediocre (9%) buona scarsa strisciante mediocre precoce Berlandieri x Rupestris 110 R discreta (20%) buona profondo forte tardiva 140 Ru ottima (30%) discreta ottima profondo forte tardiva 775 P discreta (18%) discreta discreta profondo buono media 779 P discreta (20%) buona buona profondo buono tardiva 1103 P discreta (20%) buona buona profondo forte tardiva Berlandieri x Riparia 420 A buona (20%) buona buona semiprofondo discreto precoce Kober 5BB buona (20%) discreta discreta semiprofondo forte tardiva SO4 discreta (18%) discreta scarsa semiprofondo forte tardiva buona (25%) discreta scarsa semiprofondo mediocre Vinifera x Berlandieri 41B ottima (40%) scarsa buona profondo discreto precoce Fercal ottima (50%) discreta semiprofondo mediocre media ATTITUDINE ALL ASSORBIMENTO K E Mg PORTINNESTO ASSORBIMENTO Riparia Alto per K Rupestris, 3309, , 41 B, 140 Ru Scarso per K 1103P Alto per Mg 110 R, SO4, K 5BB, Fercal Scarso per Mg 22

11 Tabella: Possibilità di adattamento di alcuni portinnesti ai suoli PORTINNESTO Acidi Neutri Suoli secchi SUOLI SUPERFICIALI SUOLI MEDIAMENTE PROFONDI SUOLI PROFONDI Suoli umidi in primavera Suoli secchi Suoli ben drenati Suoli umidi in primavera Suoli ben drenati Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) < >20 Acidi Neutri < >20 Acidi Neutri < >20 Acidi Neutri < >20 Acidi Neutri < > C _ R 140 Ru _ 775 P 779 P _ 1103 P 420 A Acidi Neutri < >20 K 5BB SO B _ Fercal 23

12 7. Scelte relative al terreno Per la caratterizzazione pedologica del sito ove realizzare il nuovo vigneto è richiesto l intervento dell agronomo e si consiglia di rivolgersi al Centro di Consulenza. L agronomo, eventualmente con la collaborazione di un pedologo, potrà in base ad osservazioni e alle necessarie analisi chimico-fisiche caratterizzare gli appezzamenti per poter decidere: la scelta del portinnesto o dei portinnesti più adatti all appezzamento (vedi capitolo 6.2); la scelta della più idonea tecnica per i lavori preparatori (vedi capitolo 7.1); la scelta dell eventuale concimazione di fondo (vedi capitolo 7.4) Scasso Gli obiettivi che si prefigge lo scasso sono: assicurare un adeguata macroporosità al profilo di terreno che sarà colonizzato dagli apparati radicali; rimuovere eventuali orizzonti limitanti la crescita radicale e/o la percolazione dell acqua; controllare nei primi anni dell impianto la crescita delle infestanti; rimuovere eventuali residui colturali.. In generale si dovrà adottare la tecnica della ripuntatura profonda ( cm) possibilmente incrociata, seguita da un aratura superficiale (30-40 cm). La profondità dello scasso si dovrà scegliere sulla base delle indicazione dell agronomo. Il lavoro dovrà essere eseguito nel periodo estivo. In caso di reimpianti si dovrà considerare la stanchezza del suolo e le possibili infestazione di nematodi (vedi capitolo 9.x). In questo caso si dovrà procedere ad una ripuntatura profonda ( cm) incrociata, seguita da aratura profonda (40-50 cm). È raccomandabile il riposo di un anno con coltura di cereali o erbaio da sovescio evitando il maggese nudo su terreni declivi. 24

13 7.2. La sistemazione del terreno La sistemazione della superficie, ovvero i livellamento, l eventuale modifica delle pendenze, la realizzazione di un affossatura superficiale dipende dalla giacitura dell appezzamento stesso. Giacitura Pendenza in piano < 5% leggermente declive 5-10% declive 10-30% in forte pendenza > 30% Se l appezzamento è in piano gli obiettivi sono: prevenire il ristagno idrico, consentire un adeguata meccanizzazione (N.B. tutte le macchine operatrici lavorano meglio su suoli livellati). In relazione alla permeabilità del suolo e all altezza della eventuale falda si dovrà. livellare la superficiale realizzazione di un adeguata affossatura e/o rete drenante (per il progetto rivolgersi all agronomo). Se l appezzamento è declive gli obiettivi sono: proteggere il suolo dall erosione delle piogge, contrastare le situazioni di dissesto idrogeologico, consentire un adeguata meccanizzazione. La scelta della tecnica di sistemazione sarà fatta in relazione alla permeabilità del suolo, alla pendenza del versante e al rischio di movimenti franosi. Nel caso di appezzamenti leggermente declivi (pendenza 5-10%) si dovrà adottare la sistemazione in traverso, orientando cioè i filari trasversalmete alle linee di massima pendenza. Nel caso di appezzamenti declivi (pendenza 10-30%) si dovrà adottare la sistemazione a rittochino con fosse livellari, ovvero orientando i filari lungo le linee di massima pendenza ma interrompendo il versante con fosse livellari. 25

14 Nel caso di appezzamenti in forte pendenza (pendenza > 30%) è da valutare attentamente l opportunità di impiantare il nuovo vigneto. In caso positivo la tecnica da adottare dovrebbe essere quella della sistemazione a ciglioni raccordati. Negli eventuali lavori di livellamento e di sterro e riporto è importante rispettare l orizzonte superficiale del suolo (primi 30 cm) che dovrà eventualmente essere accumulato a parte e successivamente riportato. 26

15 Potassio scambiabile - K2O ppm 7.3. Concimazione di fondo L obiettivo della concimazione di fondo è quello di ripristinare le soglie di sufficienza di potassio, magnesio e fosforo e, se possibile arricchire in sostanza organica i primi cm di suolo interessati dall aratura preparatoria. Al fine di quantificare le dosi da somministrare è necessario disporre dell analisi del terreno (vedi Appendice 11.3). Per i calcoli rivolgersi all agronomo. Segue un esempio 1 VERIFICA DEI LIVELLI Valore da raggiungere 220 ppm Deficit da integrare 130 ppm Valore iniziale 90 ppm Capacità di scambio cationico - CSC - (meq / 100 g) CALCOLO DELLE UNITA FERTILIZZANTI POTASSICHE (kg di K 2 O) DA SOMMINISTRARE

16 100 Stima della densità apparente in base alla tessitura: t/m ,20 A ,25 TESSITURA R GI LL A % A 1,30 AL LA 1,30 AS 1,40 1,40 SA 1,45 A = argilloso L = limoso S = sabbioso 10 0 L 1,35 LS 1,40 SL S 1,65 1, SABBIA % TRIANGOLO DELLA TESSITURA SECONDO IL METODO ISSS 28

17 2 CALCOLO DELLE DOSI deficit da ripristinare (g di unita fertilizzanti per t di suolo) moltiplicato per t di suolo da concimare 130 g/t di UF di potassio (in K 2 O) x t/ha 1 ppm = 1 g/t = 1 kg/1000 t = 845 kg/ha di UF di potassio (in K 2 O) Volume di suolo x densità apparente: (vedi pagina precedente) per un terreno argillolimoso: 1,3 t/m m 3 x 1,3 t/m 3 = t Volume di suolo x profondità: per un ettaro m 2 x 0,5 m = m 3 A questo volume va sottratto quello occupato dallo scheletro, se presente, valutato al momento del campionamento. Esempio: scheletro 15%: (5.000 x 0,15) = 4250 m 3 29

18 8. Scelte di impianto e allevamento 8.1. Densità d impianto SCELTA DELLA DENSITA DI IMPIANTO La scelta della densità d impianto è in funzione di: terreno (fertilità, pendenza) vitigno (vigore, fertilità basale) obiettivo produttivo o enologico forma di allevamento che si vuole adottare livello di meccanizzazione che si vuole raggiungere La densità influenza i seguenti fattori: Livello produttivo Forma di allevamento Vigore Tipo di portinnesto Densità di impianto Costi d impanto e gestione Qualità dei vini Livello di meccanizzazione 30

19 DISTANZA TRA LE PIANTE (M) DISTANZA TRA LE FILE (m) metri 0,80 0,90 1,00 1,10 1,20 1,30 1,40 1,50 1, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Tabella con l indicazione del numero di piante ad ettaro tenuto conto delle distanze di impianto. La parte evidenziata in giallo si riferisce alle densità di impianto indicate dal Progetto collettivo per l OCM (densità tra 4000 e 6000 piante ettaro). Le densità evidenziate in verde riguardano la deroga per il limite minimo posto a 3700 ceppi ettaro per vitigni a ridotta fertilità basale (es. Croatina). 31

20 8.2. Orientamento dei filari SCELTA DELL ORIENTAMENTO La scelta dell orientamento è in funzione di: giacitura latitudine pendenza L orientamento influenza i seguenti fattori: Quantità di energia intercettata Operazioni in verde Orientamento Accumulo di zuccheri % di intercettazione dela radiazione solare rispetto a quella massima del suolo Invaiatura Vendemmia Sintesi delle sostanze coloranti (antociani) % 80 E-O NO-SE N-S 60 Fioritura 40 Foglie distese 20 0 A M G L A S O N MESI L orientamento dei filari influenza direttamente la quantità di energia radiante intercettata dalla pianta e in modo particolare nel periodo che va dall invaiatura alla vendemmia Nell area del Centro-Nord Italia l orientamento Est-Ovest favorisce una maggiore intercettazione dell energia solare 32

21 8.3. Forme di allevamento SCELTA DELLA FORMA DI ALLEVAMENTO La scelta della forma di allevamento è in funzione di: terreno (fertilità) clima vitigno (vigore, fertilità basale) obiettivo produttivo o enologico densità che si vuole adottare livello di meccanizzazione che si vuole raggiungere La forma d allevamento influenza i seguenti fattori: Forma di allevamento e densità d impianto Resistenza alle gelate Resistenza alle malattie Resistenza alla siccità Varietà Resistenza al calcaree Epoca di maturazione Qualità dei vini Livello produttivo 33

22 Guyot E un sistema di allevamento a ridotta espansione (altezza del filo di banchina cm massimo) e a potatura mista, adatto ai terreni di scarsa fertilità e più siccitosi in collina, dove la vite presenta uno sviluppo contenuto. Adottato in terreni molto fertili necessita di interventi agronomici per contenere il vigore vegetativo (inerbimento) e mantenere l equilibrio vegeto-produttivo (interventi in verde), si presta ad una parziale meccanizzazione. Adattabile a tutte le varietà dell Oltrepò Pavese e in particolare risulta indispensabile per vitigni a ridotta fertilità basale come la Croatina. Cordone speronato E una forma di allevamento a cordone permanente su cui sono inseriti speroni di 2-3 gemme da cui si sviluppano, ogni anno, i germogli fruttiferi. E una forma di allevamento che si presta a produzioni di qualità a causa di un contenuto sviluppo vegetativo e di un buon equilibrio vegetoproduttivo si prestano a produzioni di qualità. Si presta alla meccanizzazione. Non è adatta alle varietà dell Oltrepò Pavese a scarsa fertilità basale come Moscato, Croatina, Chardonnay. Casarsa E una forma di allevamento a cordone permanente alto su cui sono inseriti capi a frutto di 5-6 gemme da cui si sviluppano, ogni anno, i germogli fruttiferi che vanno a ricadere verso il basso. E una forma di allevamento ad alta produttività e vigore. L affastellamento dei germogli richiede interventi in verde e una cura particolare in fase di potatura. Si presta alla meccanizzazione. Poco adatta alle varietà dell Oltrepò Pavese a bassa fertilità basale. Cordone speronato alto Come il cordone speronato basso con la differenza che, in questo caso, il cordone permanente è posizionato a cm dal suolo e i tralci fruttiferi vanno a ricadere liberamente verso il basso. Si presta alla meccanizzazione. 34

23 POTATURA DI ALLEVAMENTO Guyot e Cordone speronato 1 ANNO Preparazione delle barbatelle : prima dell impianto: taglio delle radici fino alla lunghezza di 1-2 cm. Quando la barbatella attecchisce emette un germoglio la primavera stessa. E buona norma cimare i germogli eccetto quello meglio ben posizionato. Prima potatura invernale dopo l impianto: si sceglie 1 germoglio di diametro sufficiente e nella posizione migliore (tendenzialmente quello centrale allineato con l asse principale della pianta) e a seconda del vigore si taglia a 2-3 gemme o, per le viti più vigorose a 4-5 gemme. 2 ANNO Intervento primaverile del 2 anno: quando i germogli hanno raggiunto la lunghezza di cm, si effettua un diradamento dei medesimi fino ad arrivare ad 1 germoglio solo nel caso di piante deboli o 2-3 nelle piante più vigorose. Stesura del filo di banchina: durante la seconda stagione primaverile è utile stendere il filo di banchina a cm dal terreno Seconda potatura invernale: si eliminano tutti i germogli tranne quello meglio sviluppato e di altezza sufficiente al raggiungimenti del filo di banchina che va tagliato appena sotto il filo di banchina 35

24 3 ANNO Intervento primaverile del 3 anno: eliminare tutti i germogli posti sul tronco e lasciare solo quelli situati nel tratto orizzontale Terza potatura invernale: scelta del germoglio, ben lignificato e più adatto ad essere steso sul filo di banchina per costituire il capo a frutto di lunghezza variabile da 0.8 a 1.5 m. a seconda della fittezza adottata. 4 ANNO Quarta potatura invernale: scelta di due tralci uno per costituire il capo a frutto e di un tralcio adatto a costituire uno sperone di 1-2 gemme (Guyot) Quarta potatura invernale: scelta di 5-7 germogli ben lignificati e posizionati per la costituzione di altrettanti speroni a 2-3 gemme (Cordone speronato) 36

25 POTATURA DI ALLEVAMENTO Casarsa e Cordone speronato alto 1 ANNO Preparazione delle barbatelle : prima dell impianto: taglio delle radici fino alla lunghezza di 1-2 cm. Quando la barbatella attecchisce emette un germoglio la primavera stessa. E buona norma cimare i germogli eccetto quello meglio posizionato. Prima potatura invernale dopo l impianto: si sceglie 1 germoglio di diametro sufficiente e nella posizione migliore (tendenzialmente quello centrale allineato con l asse principale della pianta) e a seconda del vigore si taglia a 2-3 gemme o, per le viti più vigorose a 4-5 gemme. 2 ANNO Intervento primaverile del 2 anno: quando i germogli hanno raggiunto la lunghezza di cm, si effettua un diradamento dei medesimi fino ad arrivare ad 1 germoglio solo nel caso di piante deboli o 2-3 nelle piante più vigorose. Stesura del filo di banchina: durante la seconda stagione primaverile è utile stendere il filo di banchina a cm dal terreno. Seconda potatura invernale: si eliminano tutti i germogli tranne quello meglio sviluppato e di altezza sufficiente al raggiungimenti del filo di banchina che va tagliato appena sotto il filo di banchina. 37

26 3 ANNO Intervento primaverile del 3 anno: eliminare tutti i germogli posti sul tronco e lasciare solo quelli situati nel tratto orizzontale. Terza potatura invernale: scelta del germoglio, ben lignificato e più adatto ad essere steso sul filo di banchina per costituire il capo a frutto di lunghezza variabile da 1,2 a 1,8 m a seconda della fittezza adottata. 4 ANNO Quarta potatura invernale: scelta di 4-5 germogli ben lignificati e posizionati per la costituzione di altrettanti capi a frutto a 5-6 gemme. (Casarsa). Quarta potatura invernale: scelta di 5-7 germogli ben lignificati e posizionati per la costituzione di altrettanti speroni a 2-3 gemme (Cordone speronato alto). 38

27 8.4. Sovrainnesto All interno del Progetto Collettivo è previsto un contributo anche per la sostituzione varietale mediante sovrainnesto. Questa pratica rappresenta un metodo piuttosto semplice e relativamente poco oneroso per sostituire la varietà evitando l estirpazione e il successivo riposo del terreno e per guadagnare tempo sull entrata in produzione. Ai fini della riscossione del contributo dovrà essere fatta domanda agli organi competenti, secondo le modalità richieste. Il contributo concesso è pari al 50% di quello previsto per il reimpianto, dunque prima di prendere in considerazione questa tecnica è consigliabile valutare i seguenti aspetti del vigneto che si vuole sovrainnestare: 1) Caratteristiche agronomiche: il sovrainnesto sarà conveniente solo nel caso di vigneti senza troppe fallanze, di medio-alta densità e gestiti in modo tale da garantire una buona durata negli anni avvenire 2) Stato fitosanitario del vigneto: dovrà essere accertata l assenza delle malattie del legno. In casi dubbi è consigliabile rimandare il sovrainnesto all anno successivo e osservare, mediante l aiuto di un tecnico la sintomatologia in campo 3) Età del vigneto: considerata la curva di produttività di un vigneto, il sovrainnesto è economicamente consigliabile solo in vigneti con un età massima di 10 anni. A seconda delle modalità di esecuzione e del materiale impiegato, i sovrainnesti possono essere distinti in due grandi categorie: a marza legnosa o a gemma (o a scudetto) Le varianti delle tecniche di esecuzione e dei materiali utilizzati sono numerose, qui di seguito si riportano brevemente i sistemi più diffusi in Oltrepò Pavese. A spacco: periodo: inizio di aprile metodo: capitozzamento della vite e innesto di 1 o 2 marze legnose con una o due gemme. Le marze vanno sistemate alle estremità della fenditura legando il punto di innesto. I tagli vanno protetti con vernice bituminosa. Una variante di questo tipo di innesto prevede la ricopertura del punto d innesto con muschio fresco per mantenere umida la superficie interessata al taglio. A doppio spacco inglese: periodo: da febbraio fino all inizio dell ingrossamento delle gemme metodo: in questo sistema con la potatura per la preparazione all innesto si conserva un solo tralcio di un anno, in buona posizione sul fusto; tale tralcio va innestato subito a doppio spacco inglese con una marza a due gemme. Il punto d innesto va protetto per evitare la disidratazione e per creare un ambiente caldo-umido, favorevole all attecchimento. Sottocorteccia a scudetto periodo: intorno al periodo della fioritura quando la corteccia si stacca facilmente metodo: questa tecnica prevede il prelevamento delle gemme (provviste di uno scudetto di legno di 2,5 cm al di sopra della gemma e 2 cm al di sotto), da marze conservate in frigorifero e l incisione a T della corteccia del tronco sollevando i lembi sotto i quali va introdotto lo scudetto. La gemma va legata affinchè rimanga aderente al tronco. In seguito si provvede al taglio del tronco qualche centimetro sopra il punto d innesto. Una variante prevede l incisione a T rovesciata Sottocorteccia con marze di una gemma periodo: tarda primavera metodo: questa tecnica prevede l utilizzo di gemme prelevate da marze conservate in frigorifero. In questo caso le marze con una gemma vanno tagliate a becco di clarino ed inserite in un apposita tasca ottenuta sollevando una lingua di corteccia lunga circa 3 cm (che rimarrà attaccata al tronco nella sua parte inferiore). La marza risulterà inserita obliquamente rispetto all asse del tronco e dovrà essere fissata a quest ultimo e protetta da cera o mastice. Successivamente si provvederà al capitozzamento della vite al di sopra del punto d innesto. Varianti di questo metodo prevedono marze a due gemme 39

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 Agroflor di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto Agroflor dal 1951 al servizio dell agricoltura. La nostra azienda è stata fondata

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto LA CONCIMAZIONE DI PRODUZIONE Per quanto riguarda i vigneti che sono già impiantati, è importante che il viticoltore proceda ad una razionalizzazione degli interventi fertilizzanti. Di norma, infatti,

Dettagli

Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle

Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle AGRONOMIA INDICAZIONI PRATICHE E GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI REFERTI Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle Il suolo agrario è il primo fattore di produzione e conoscerne il livello di fertilità

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Emanuela Tarabbia Le analisi agrochimiche del suolo hanno acquisito, in particolare negli ultimi anni, un valore

Dettagli

Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005

Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005 Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005 I portainnesti della vite e utilizzazione negli areali della Sardegna Dott. Agr. Enol. Onofrio Graviano Consorzio Interprovinciale per la Frutticoltura di

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Cod. VM5U6 Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Fasi di intervento Preliminari Picchettamento Interramento dei pali Messa a dimora delle barbatelle Completamento della struttura Preliminari Operazioni

Dettagli

5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO

5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO 5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO Bardolino.indb 81 6-05-2008 14:28:11 Bardolino.indb 82 6-05-2008 14:28:16 83 5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO 5.1 SCELTE ALL IMPIANTO Scelta dell appezzamento Per la scelta

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL IMPIANTO DEL VIGNETO

GUIDA PRATICA ALL IMPIANTO DEL VIGNETO libro definitivo 19.05.04 19-05-2004 18:07 Pagina 55 GUIDA PRATICA ALL IMPIANTO DEL VIGNETO Stanchezza del terreno Nel caso vi sia la necessità di reimpiantare rapidamente il vigneto espiantato, senza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Mescalchin Enzo Unità Agricoltura Biologica Fondazione Edmund Mach S. Michele all Adige Parcelle

Dettagli

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti.

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. I portainnesti hanno una importanza fondamentale sullo sviluppo e la produttività delle piante. Devono essere scelti con criteri di adattamento all ambiente,

Dettagli

Vino di qualità. La concimazione radicale e fogliare della vite da vino. La competenza in Potassio e Magnesio

Vino di qualità. La concimazione radicale e fogliare della vite da vino. La competenza in Potassio e Magnesio Vino di qualità Vino di qualità La concimazione radicale e fogliare della vite da vino La competenza in Potassio e Magnesio 2 La concimazione della vite 3 Gira un detto nell ambiente vitivinicolo che recita:

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

IASMA ECO 4. Origine: Incrocio Moscato Ottonel x Malvasia di Candia

IASMA ECO 4. Origine: Incrocio Moscato Ottonel x Malvasia di Candia IASMA ECO 4 Origine: Incrocio Moscato Ottonel x Malvasia di Candia CARATTERISTICHE ED ATTITUDINI COLTURALI IASMA ECO 4 Vitigno di buona vigoria con epoca di germogliamento media, acino medio ellittico

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 GUIDA OIV PER L APPLICAZIONE DEL STEMA HACCP (HAZARD ANALYS AND CRITICAL CONTROL POINTS - Analisi del rischio e dei punti critici di controllo) IN VITICOLTURA L ASSEMBLEA

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Modulo n. 1 Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Durata in ore 20 - fasi fenologiche della vite, dalla gemma al grappolo maturo

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

BAROLO Denominazione di Origine Controllata e Garantita

BAROLO Denominazione di Origine Controllata e Garantita BAROLO Denominazione di Origine Controllata e Garantita VITIGNO: RESA ETTARO: Nebbiolo, suddiviso fra le tre diverse tipologie: Michet, Lampia e Rosè. Ubicati nel comune di Barolo, più precisamente nella

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

A cura di: Prof. Felice Pipitone

A cura di: Prof. Felice Pipitone Meccanizzazione per le colture specializzate del Mediterraneo. Metodologie ed orientamenti della ricerca e sperimentazione finalizzata all innovazione tecnologica e tipologica A cura di: Prof. Felice Pipitone

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE IN..PRIMAVERA. LA PRIMAVERA CORRISPONDE AL RISVEGLIO VEGETATIVO DELLA PIANTA DOPO LA PAUSA DEI MESI

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO a. Generalità: La seguente parte della misura definisce il concetto

Dettagli

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione TERRICCI FRUX Prodotti con garanzia di successo per la buona qualità dell argilla. I terricci Frux sono prodotti di qualità, per la presenza di pregiate materi prime quali argilla montmorillonitica dei

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Azienda Agricola Alziati Annibale Indirizzo: Fraz. Scazzolino 55, 27040, Rovescala (PV) Telefono: 0385

Dettagli

PREPARAZIONE DEL SITO

PREPARAZIONE DEL SITO Pur essendo un lavoro che richiede molta cura, la realizzazione di un buon prato è alla portata anche di chi, per hobby, si dedica con passione al giardinaggio. Al giardiniere fai da te sono necessarie

Dettagli

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA:

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA: Verdè TIPO DI VINO: Bianco frizzante NOME / ETICHETTA: Verdè CLASSIFICAZIONE: IGT Collina del Milanese COMUNE DI PROVENIENZA: San Colombano, Miradolo Terme, Graffignana Valbissera, Marzano, Trianon, Livelloni

Dettagli

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA.

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA. UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA. Un azienda giovane con radici antiche. L Azienda Agricola CAVEN CAMUNA è stata fondata nel 1982 dai fratelli

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Una delle domande più

Una delle domande più 58 Terra e Vita [ TECNICA E TECNOLOGIA ] n. 19/2014 [ AGRONOMIA ] Lo studio delle esigenze nutrizionali è strategico per agire correttamente in campo Fertilizzazione della vite Una pratica in evoluzione

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO

ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO ALLEGATO B ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO Codice Operazione Unità di misura Prezzo unitario A A.1 LAVORI ESTIRPAZIONE

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

ph (ph = - log a H+ )

ph (ph = - log a H+ ) ph (ph = - log a H+ ) ph in acqua (ph attuale) stima concentrazione ioni H+ nella soluzione circolante del suolo ph in KCl (ph potenziale) stima ioni H+ nella soluzione circolante e adsorbiti sul complesso

Dettagli

Vino (categoria di prodotto)

Vino (categoria di prodotto) DESIGNAZIONE VINI (ex tavola) NON A DOP/IGT SCHEMI DI ETICHETTE Vino (categoria di prodotto) imbottigliato da Bianchi Mario, Casteggio, stabilimento di Voghera Italia o Prodotto d Italia o Vino d Italia

Dettagli

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista INFORMAZIONI CLIENTE Azienda ZUCCARO GIORGIO AZ. AG Indirizzo C.da Laccata, snc C.A.P 87010 Località Lauropoli Provincia COSENZA ACQUA IRRIGAZIONE Campione Campione 2 Coltura Non specificato Substrato

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA PIANTA

CARATTERISTICHE DELLA PIANTA Protagonisti oggi dell Agricoltura di domani LA STORIA La Vite La vite (vitis vinifera) è una pianta coltivata fin dall antichità in Europa, in Medio Oriente e nella regione caucasica. Oggi in tutto il

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

58 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 1/2004 IL VIGNETO PER LA PRODUZIONE DI UVA DA VINO

58 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 1/2004 IL VIGNETO PER LA PRODUZIONE DI UVA DA VINO IL VIGNETO PER LA PRODUZIONE DI UVA DA VINO Lavori Nei mesi di gennaio e febbraio le potature e le manutenzioni delle strutture assorbono completamente il viticoltore. Le operazioni di potatura, siano

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari REGIONE CAMPANIA AGC Sviluppo Attività Settore Primario Settore SIRCA AGC Ecologia, Tutela dell Ambiente, Ciclo Integrato delle Acque, Protezione Civile Settore Tutela dell Ambiente Guida alla Disciplina

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Posizione di impianto Queste consociazioni sono da posizionare in ombra luminosa. Per ombra luminosa intendiamo un luogo dove il sole

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

Disciplinare di produzione del pioppo a ciclo breve a turno biennale. Anno 2009

Disciplinare di produzione del pioppo a ciclo breve a turno biennale. Anno 2009 Disciplinare di produzione del pioppo a ciclo breve a turno biennale Anno 2009 1. Localizzazione dell impianto 2. Tipologia del terreno 3. Concimazioni all impianto 4. Concimazioni di copertura 5. Materiale

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Tecnologie Top Level Advanced Technologies for Protection and Insulation- 1 INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Il ruolo degli agenti

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Az. Agr. Vitivinicola Antico Convento di Ferretti Enio Indirizzo: Str. Del Convento 1, 15051 Carezzano

Dettagli

Caratteristiche fisiche

Caratteristiche fisiche La fertilità di un terreno, è l'insieme di una serie di fattori che lo rendono adatto alla coltivazione, fornendo alle piante ancoraggio e nutrizione. Il candidato descriva nel dettaglio le principali

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO I principali vantaggi tecnici: Resistenza all usura e all abrasione Eccellente resistenza alla lacerazione Elevata elasticità, elevato allungamento a rottura

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo

Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo Dr. Giuseppe Stoppelli, Dr. Stefano Pini Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni Vegetali di Sarzana

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede di attività biologiche e di processi fisici e chimici

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO IL QUADRO ELETTRICO INOX in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO Direttive e norme La direttiva sull igiene dei prodotti alimentari e la HACCP (Hazard-Analysis-Critical-Control-Points) Tra le norme che regolano

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Concime per piante pluripremiato!

Concime per piante pluripremiato! Concime per piante pluripremiato! Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare piante e produrre incroci. I risultati ottenuti con i prodotti

Dettagli