SCELTA DELLA VARIETA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCELTA DELLA VARIETA"

Transcript

1 6. Scelte genetiche: le varietà e i portinnesti 6.1. Le varietà SCELTA DELLA VARIETA La scelta della varietà è in funzione di: tipo di terreno clima obiettivo produttivo o enologico sensibilità alle malattie varietà raccomandate e autorizzate della zona tendenze di mercato calendario di raccolta aziendale La varietà influenza i seguenti fattori: Forma di allevamento e densità d impianto Resistenza alle gelate Resistenza alle malattie Resistenza alla siccità Varietà Resistenza al calcare Epoca di maturazione Qualità dei vini 13

2 Linee guida per la scelta varietale Tabelle riassuntive delle caratteristiche di adattamento ambientale e tolleranza alle malattie di alcuni vitigni coltivati in Oltrepò Pavese Varietà Bianche Ambienti caldi Resistenza siccità Resistenza gelate primaverili Resistenza calcare Rapporto produzione/ qualità Resistenza peronospora Resistenza oidio Resistenza botrite Altre indicazioni PINOT GRIGIO Sensibile alla clorosi ferrica PINOT BIANCO Sensibile alla clorosi ferrica CHARDONNAY RIESLING ITALICO RIESLING RENANO MOSCATO BIANCO MALVASIA DI CANDIA AROMATICA CORTESE SAUVIGNON MÜLLER THURGAU Sensibile alla flavescenza dorata Potature medio-lunghe Necessita un buon palizzamento del vigneto Soffre la carenza di Magnesio Soggetto a colatura Predilige terreni sciolti Necessita un buon palizzamento del vigneto Sensibile agli acari Soggetto a colatura con vigori eccessivi Sensibile alle malattie del legno Necessita un buon palizzamento del vigneto Poco adatto alla meccanizzazione a causa della fragilità dei tralci Vigore da controllare Fragilità dei tralci Molto sensibile alla botrite Da evitare trattamenti a base di rame Scarso controllo dell acidità dei mosti Breve ciclo vegetativo Favorevoli le escursioni termiche Scarso controllo dell acidità dei mosti 14

3 Varietà Rosse Ambienti caldi Resistenza siccità Resistenza gelate primaverili Resistenza calcare Rapporto produzione/ qualità Resistenza peronospora Resistenza oidio Resistenza botrite Altre indicazioni PINOT NERO Sensibile alla clorosi ferrica e al mal dell esca BARBERA CROATINA UVA RARA VESPOLINA Sensibile a colature CABERNET SAUVIGNON DOLCETTO Sensibile alla carenza di B e K che causano colatura Sensibile a cicalina, tignola, acari Fertilità basale scarsa: necessita di potature lunghe Sensibilità a colatura, acinellatura, disseccamento del rachide (soprattutto su SO4) Sensibile alla tignola Soggetta a colature Sensibile alle malattie del legno Vigore da controllare Si adatta a suoli acidi Problemi di affinità con 140Ru Necessita un buon palizzamento del vigneto Problemi di affinità con 420A e Facilità di distacco degli acini dal grappolo BONARDA Soggetto a acinellatura FREISA Soggetto a acinellatura e colatura MERLOT SYRAH PETIT VERDOT Sensibile al marciume acido Necessita un buon palizzamento del vigneto Facile meccanizzazione Vigore da controllare, eccesso di N determina colatura Necessita un buon palizzamento del vigneto Necessaria una buona luminosità Ventosità eccessiva causa rotture dei tralci Necessita un buon palizzamento del vigneto Mantiene una buona acidità, elevati livelli di materia colorante, consigliato in uvaggio 15

4 La distribuzione delle varietà VALLE VERSA ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Ruino (547 m.s.l.m.) Canevino (410 m.s.l.m.) Volpara (357 m.s.l.m.) Golferenzo (464 m.s.l.m.) Montecalvo Versiggia (360 m.s.l.m.) Tendenzialmente vitigni precoci adatti alla produzione di basi spumanti o bianchi aromatici. In questa fascia è da tenere presente che esistono due sottozone di tradizionale vocazionalità rispettivamente per il Moscato (Volpara) e per il Pinot nero (Montecalvo Versiggia). VINI DI ECCELLENZA Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Chardonnay, Moscato bianco VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Riesling italico, Riesling renano Sauvignon, Malvasia bianca di Candia ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Santa Maria della Versa (217 m.s.l.m.) Rovescala (274 m.s.l.m.) San Damiano al Colle (236 m.s.l.m.) Castana (302 m.s.l.m.) Montù Beccaria (281 m.s.l.m.) Montescano (208 m.s.l.m.) Canneto Pavese (233 m.s.l.m.) E una zona più versatile in cui a seconda dell esposizione, dell altitudine e del tipo di terreno possono fornire buoni risultati sia vitigni a bacca bianca che rossa. Da tenere presente che in alcuni comuni vi sono tradizionali vocazionalità come la Croatina di Rovescala, o le uve Barbera e Croatina di Castana e Canneto. VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina, Uva rara Vespolina (Ughetta di Canneto) VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano Pinot nero da vinificazione in rosso Cabernet Sauvignon Da evitare varietà troppo precoci. ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Zenevredo (195 m.s.l.m.) Bosnasco (124 m.s.l.m.) Stradella (101 m.s.l.m.) VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Uva rara, Vespolina (Ughetta di Canneto), Cabernet Sauvignon 16

5 VALLE SCUROPASSO ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Ruino (547 m.s.l.m.) Canevino (410 m.s.l.m.) Rocca de Giorgi (391 m.s.l.m.) Montalto Pavese (386 m.s.l.m.) Tendenzialmente vitigni precoci adatti alla produzione di basi spumanti o bianchi aromatici. In questa zona è da tenere presente che esiste una zona di tradizionale vocazionalità per il Riesling (Montalto Pavese) VINI DI ECCELLENZA Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Moscato bianco Chardonnay ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Lirio (263 m.s.l.m.) Pietra de Giorgi (318 m.s.l.m.) Cicognola (309 m.s.l.m.) Castana (302 m.s.l.m.) Canneto Pavese (233 m.s.l.m.) E una zona più versatile in cui a seconda dell esposizione, dell altitudine e del tipo di terreno possono fornire buoni risultati sia vitigni a bacca bianca che rossa. Da tenere presente che in alcuni comuni vi sono tradizionali vocazionalità come la le uve Barbera e Croatina e Vespolina di Castana e Canneto. VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina Uva rara Vespolina (Ughetta di Canneto) VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano Cabernet Sauvignon ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Broni (88 m.s.l.m.) Solo nell area D.O.C collinare sono da prevedere vitigni tardivi a bacca rossa: VINI DI ECCELLENZA Croatina, Barbera VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Uva rara, Vespolina (Ughetta di Canneto) Cabernet Sauvignon 17

6 OLTREPO CENTRALE ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Fortunago (450 m.s.l.m.) Borgoratto mormorolo (326 m.s.l.m.) Montalto Pavese (386 m.s.l.m.) Tendenzialmente vitigni precoci adatti alla produzione di basi spumanti o bianchi aromatici. In questa fascia è da tenere presente che esiste una zona di tradizionale vocazionalità per il Riesling (Montalto Pavese) VINI DI ECCELLENZA Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Riesling Italico, Riesling renano VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da base spumante Pinot grigio, Pinot bianco Sauvignon Chardonnay ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Calvignano (275 m.s.l.m.) Oliva Gessi (277 m.s.l.m.) Mornico Losana (245 m.s.l.m.) E una zona più versatile in cui a seconda dell esposizione, dell altidudine e del tipo di terreno possono firnire buoni risultati sia vitigni a bacca bianca che rossa. Da tenere presente che in alcuni comuni (Oliva Gessi, Calvignano) esiste tradizionale vocazionalità per il Riesling a causa degli affioramenti gessosi. VINI DI ECCELLENZA Riesling Italico, Riesling renano Barbera VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Croatina Pinot nero da vinificazione in rosso Uva rara Cabernet Sauvignon ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Borgo priolo (143 m.s.l.m.) Redavalle (85 m.s.l.m.) Santa Giuletta (78 m.s.l.m.) Torricella Verzate (110 m.s.l.m.) Corvino San Quirico (180 m.s.l.m.) Casteggio (100 m.s.l.m.) Da evitare varietà troppo precoci. VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina Uva rara VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Pinot nero da vinificare in rosso Cabernet Sauvignon 18

7 OLTREPO OCCIDENTRALE ZONA ALTA (sopra i 350 m.s.l.m.) Zona considerata marginale per la viticoltura Rocca Susella (548 m.s.l.m.) Montesegale (426 m.s.l.m.) ZONA MEDIA (tra 200 e 350 m.s.l.m.) Ponte Nizza (265 m.s.l.m.) Cecima (231 m.s.l.m.) Godiasco (201 m.s.l.m.) Zona considerata marginale per la viticoltura con eccezione delle zone più basse. VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Cortese Barbera, Croatina, Uva rara, Dolcetto ZONA BASSA (sotto i 200 m.s.l.m.) Rivanazzano (157 m.s.l.m.) Retorbido (169 m.s.l.m.) Codevilla (146 m.s.l.m.) Torrazza Coste (158 m.s.l.m.) Montebello della Battaglia (126 m.s.l.m.) A seconda delle condizioni di coltivazione sia vitigni a bacca bianca che rossa: VINI DI ECCELLENZA Barbera, Croatina VINI DI BUON RAPPORTO QUALITA /PREZZO Cortese, Muller Thurgau, Uva rara, Cabernet Sauvignon, Dolcetto, Freisa 19

8 6.2. Portinnesti SCELTA DEL PORTINNESTO La scelta del portinnesto è in funzione di: tipo di terreno vitigno densità d impianto che si intende adottare obiettivo produttivo o enologico Il portinnesto influenza i seguenti fattori: Resistenza al Calcare attivo Durata del ciclo vegetativo del vitigno Resistenza allo stress idrico (da eccesso di acqua) Portinnesto Vigore indotto dall interazione con il vitigno Efficienza nell assorbimento dell acqua (resistenza alla siccità) Efficienza nell assorbimento degli elementi (potassio, magnesio, ferro) 20

9 COMBINAZIONE VITIGNO-PORTINNESTO Nei confronti della combinazione Vitigno-Portinnesto, in fase di scelta sono da tenere presenti le seguenti linee guida: Vitigni vigorosi (vd schede vitigni) con portinnesti deboli e viceversa; A seconda delle condizioni pedo-climatiche considerare l influenza del portinnesto sul ciclo vegetativo (vd tabella portinnesti): per esempio nel caso di rischi da gelate può essere conveniente adottare portinnesti che a parità di attitudini pedologiche ritardano il ciclo vegetativo o al contrario in terreni soggetti a prolungata siccità estiva è consigliabile un portinnesto che anticipi l epoca di maturazione; Di norma i portinnesti più deboli anticipano la maturazione rispetto a quelli vigorosi (41B, SO4 e 420A raccorciano il ciclo vegeto-produttivo); Per impianti fitti è consigliabile adottare portinnesti medi o deboli, viceversa per impianti a bassa densità sono da adottare portinnesti vigorosi; Nelle caso delle rimesse sono preferibili portinnesti vigorosi. ALCUNI ESEMPI Per tutte le varietà rosse, ma anche per le bianche vigorose (Chardonnay), per impianti fitti, di qualità, nei terreni collinari argilloso-calcarei: 420 A, , 41 B (elevata resistenza al calcare); Per vitigni rossi, impianti fitti, nei terreni di medio impasto e fertili, per produzioni di qualità, è molto indicato il Da evitarsi nei terreni calcarei e con ristagno idrico; col Barbera può presentare fenomeni di disaffinità d innesto; Per i vitigni rossi (ad esclusione del Barbera), in terreni magri, dove si attua l inerbimento, si può impiegare il 1103 P. Per le basi spumante e i bianchi in genere, in terreni argilloso-calcarei e siccitosi, anche se inerbiti, è consigliabile il 1103 P. In terreni molto compatti: 1103 P, o 779 P. In terreni poveri e argillosi, tendenzialmente umidi in primavera, dove non si attua inerbimento: SO4, da evitarsi su Croatina, e Riesling. Per terreni molto calcarei, molto magri, anche inerbiti: 140 Ru. 21

10 CARATTERISTICHE DI RESISTENZA, AGRONOMICHE E GENETICHE DEI PRINCIPALI PORTINNESTI UTILIZZATI IN OLTREPO Portinnesto Calcare (resistenza) Compattezza Siccità Apparato radicale Vigore Epoca Riparia scarsa discreta scarsa molto strisciante scarso precoce Rupestris discreta discreta buona molto profondo forte tardiva Berlandieri alta alta Riparia x Rupestris 3309 mediocre (11%) scarsa scarsa strisciante scarso precoce mediocre (9%) buona scarsa strisciante mediocre precoce Berlandieri x Rupestris 110 R discreta (20%) buona profondo forte tardiva 140 Ru ottima (30%) discreta ottima profondo forte tardiva 775 P discreta (18%) discreta discreta profondo buono media 779 P discreta (20%) buona buona profondo buono tardiva 1103 P discreta (20%) buona buona profondo forte tardiva Berlandieri x Riparia 420 A buona (20%) buona buona semiprofondo discreto precoce Kober 5BB buona (20%) discreta discreta semiprofondo forte tardiva SO4 discreta (18%) discreta scarsa semiprofondo forte tardiva buona (25%) discreta scarsa semiprofondo mediocre Vinifera x Berlandieri 41B ottima (40%) scarsa buona profondo discreto precoce Fercal ottima (50%) discreta semiprofondo mediocre media ATTITUDINE ALL ASSORBIMENTO K E Mg PORTINNESTO ASSORBIMENTO Riparia Alto per K Rupestris, 3309, , 41 B, 140 Ru Scarso per K 1103P Alto per Mg 110 R, SO4, K 5BB, Fercal Scarso per Mg 22

11 Tabella: Possibilità di adattamento di alcuni portinnesti ai suoli PORTINNESTO Acidi Neutri Suoli secchi SUOLI SUPERFICIALI SUOLI MEDIAMENTE PROFONDI SUOLI PROFONDI Suoli umidi in primavera Suoli secchi Suoli ben drenati Suoli umidi in primavera Suoli ben drenati Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) Calcare attivo (%) < >20 Acidi Neutri < >20 Acidi Neutri < >20 Acidi Neutri < >20 Acidi Neutri < > C _ R 140 Ru _ 775 P 779 P _ 1103 P 420 A Acidi Neutri < >20 K 5BB SO B _ Fercal 23

12 7. Scelte relative al terreno Per la caratterizzazione pedologica del sito ove realizzare il nuovo vigneto è richiesto l intervento dell agronomo e si consiglia di rivolgersi al Centro di Consulenza. L agronomo, eventualmente con la collaborazione di un pedologo, potrà in base ad osservazioni e alle necessarie analisi chimico-fisiche caratterizzare gli appezzamenti per poter decidere: la scelta del portinnesto o dei portinnesti più adatti all appezzamento (vedi capitolo 6.2); la scelta della più idonea tecnica per i lavori preparatori (vedi capitolo 7.1); la scelta dell eventuale concimazione di fondo (vedi capitolo 7.4) Scasso Gli obiettivi che si prefigge lo scasso sono: assicurare un adeguata macroporosità al profilo di terreno che sarà colonizzato dagli apparati radicali; rimuovere eventuali orizzonti limitanti la crescita radicale e/o la percolazione dell acqua; controllare nei primi anni dell impianto la crescita delle infestanti; rimuovere eventuali residui colturali.. In generale si dovrà adottare la tecnica della ripuntatura profonda ( cm) possibilmente incrociata, seguita da un aratura superficiale (30-40 cm). La profondità dello scasso si dovrà scegliere sulla base delle indicazione dell agronomo. Il lavoro dovrà essere eseguito nel periodo estivo. In caso di reimpianti si dovrà considerare la stanchezza del suolo e le possibili infestazione di nematodi (vedi capitolo 9.x). In questo caso si dovrà procedere ad una ripuntatura profonda ( cm) incrociata, seguita da aratura profonda (40-50 cm). È raccomandabile il riposo di un anno con coltura di cereali o erbaio da sovescio evitando il maggese nudo su terreni declivi. 24

13 7.2. La sistemazione del terreno La sistemazione della superficie, ovvero i livellamento, l eventuale modifica delle pendenze, la realizzazione di un affossatura superficiale dipende dalla giacitura dell appezzamento stesso. Giacitura Pendenza in piano < 5% leggermente declive 5-10% declive 10-30% in forte pendenza > 30% Se l appezzamento è in piano gli obiettivi sono: prevenire il ristagno idrico, consentire un adeguata meccanizzazione (N.B. tutte le macchine operatrici lavorano meglio su suoli livellati). In relazione alla permeabilità del suolo e all altezza della eventuale falda si dovrà. livellare la superficiale realizzazione di un adeguata affossatura e/o rete drenante (per il progetto rivolgersi all agronomo). Se l appezzamento è declive gli obiettivi sono: proteggere il suolo dall erosione delle piogge, contrastare le situazioni di dissesto idrogeologico, consentire un adeguata meccanizzazione. La scelta della tecnica di sistemazione sarà fatta in relazione alla permeabilità del suolo, alla pendenza del versante e al rischio di movimenti franosi. Nel caso di appezzamenti leggermente declivi (pendenza 5-10%) si dovrà adottare la sistemazione in traverso, orientando cioè i filari trasversalmete alle linee di massima pendenza. Nel caso di appezzamenti declivi (pendenza 10-30%) si dovrà adottare la sistemazione a rittochino con fosse livellari, ovvero orientando i filari lungo le linee di massima pendenza ma interrompendo il versante con fosse livellari. 25

14 Nel caso di appezzamenti in forte pendenza (pendenza > 30%) è da valutare attentamente l opportunità di impiantare il nuovo vigneto. In caso positivo la tecnica da adottare dovrebbe essere quella della sistemazione a ciglioni raccordati. Negli eventuali lavori di livellamento e di sterro e riporto è importante rispettare l orizzonte superficiale del suolo (primi 30 cm) che dovrà eventualmente essere accumulato a parte e successivamente riportato. 26

15 Potassio scambiabile - K2O ppm 7.3. Concimazione di fondo L obiettivo della concimazione di fondo è quello di ripristinare le soglie di sufficienza di potassio, magnesio e fosforo e, se possibile arricchire in sostanza organica i primi cm di suolo interessati dall aratura preparatoria. Al fine di quantificare le dosi da somministrare è necessario disporre dell analisi del terreno (vedi Appendice 11.3). Per i calcoli rivolgersi all agronomo. Segue un esempio 1 VERIFICA DEI LIVELLI Valore da raggiungere 220 ppm Deficit da integrare 130 ppm Valore iniziale 90 ppm Capacità di scambio cationico - CSC - (meq / 100 g) CALCOLO DELLE UNITA FERTILIZZANTI POTASSICHE (kg di K 2 O) DA SOMMINISTRARE

16 100 Stima della densità apparente in base alla tessitura: t/m ,20 A ,25 TESSITURA R GI LL A % A 1,30 AL LA 1,30 AS 1,40 1,40 SA 1,45 A = argilloso L = limoso S = sabbioso 10 0 L 1,35 LS 1,40 SL S 1,65 1, SABBIA % TRIANGOLO DELLA TESSITURA SECONDO IL METODO ISSS 28

17 2 CALCOLO DELLE DOSI deficit da ripristinare (g di unita fertilizzanti per t di suolo) moltiplicato per t di suolo da concimare 130 g/t di UF di potassio (in K 2 O) x t/ha 1 ppm = 1 g/t = 1 kg/1000 t = 845 kg/ha di UF di potassio (in K 2 O) Volume di suolo x densità apparente: (vedi pagina precedente) per un terreno argillolimoso: 1,3 t/m m 3 x 1,3 t/m 3 = t Volume di suolo x profondità: per un ettaro m 2 x 0,5 m = m 3 A questo volume va sottratto quello occupato dallo scheletro, se presente, valutato al momento del campionamento. Esempio: scheletro 15%: (5.000 x 0,15) = 4250 m 3 29

18 8. Scelte di impianto e allevamento 8.1. Densità d impianto SCELTA DELLA DENSITA DI IMPIANTO La scelta della densità d impianto è in funzione di: terreno (fertilità, pendenza) vitigno (vigore, fertilità basale) obiettivo produttivo o enologico forma di allevamento che si vuole adottare livello di meccanizzazione che si vuole raggiungere La densità influenza i seguenti fattori: Livello produttivo Forma di allevamento Vigore Tipo di portinnesto Densità di impianto Costi d impanto e gestione Qualità dei vini Livello di meccanizzazione 30

19 DISTANZA TRA LE PIANTE (M) DISTANZA TRA LE FILE (m) metri 0,80 0,90 1,00 1,10 1,20 1,30 1,40 1,50 1, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Tabella con l indicazione del numero di piante ad ettaro tenuto conto delle distanze di impianto. La parte evidenziata in giallo si riferisce alle densità di impianto indicate dal Progetto collettivo per l OCM (densità tra 4000 e 6000 piante ettaro). Le densità evidenziate in verde riguardano la deroga per il limite minimo posto a 3700 ceppi ettaro per vitigni a ridotta fertilità basale (es. Croatina). 31

20 8.2. Orientamento dei filari SCELTA DELL ORIENTAMENTO La scelta dell orientamento è in funzione di: giacitura latitudine pendenza L orientamento influenza i seguenti fattori: Quantità di energia intercettata Operazioni in verde Orientamento Accumulo di zuccheri % di intercettazione dela radiazione solare rispetto a quella massima del suolo Invaiatura Vendemmia Sintesi delle sostanze coloranti (antociani) % 80 E-O NO-SE N-S 60 Fioritura 40 Foglie distese 20 0 A M G L A S O N MESI L orientamento dei filari influenza direttamente la quantità di energia radiante intercettata dalla pianta e in modo particolare nel periodo che va dall invaiatura alla vendemmia Nell area del Centro-Nord Italia l orientamento Est-Ovest favorisce una maggiore intercettazione dell energia solare 32

21 8.3. Forme di allevamento SCELTA DELLA FORMA DI ALLEVAMENTO La scelta della forma di allevamento è in funzione di: terreno (fertilità) clima vitigno (vigore, fertilità basale) obiettivo produttivo o enologico densità che si vuole adottare livello di meccanizzazione che si vuole raggiungere La forma d allevamento influenza i seguenti fattori: Forma di allevamento e densità d impianto Resistenza alle gelate Resistenza alle malattie Resistenza alla siccità Varietà Resistenza al calcaree Epoca di maturazione Qualità dei vini Livello produttivo 33

22 Guyot E un sistema di allevamento a ridotta espansione (altezza del filo di banchina cm massimo) e a potatura mista, adatto ai terreni di scarsa fertilità e più siccitosi in collina, dove la vite presenta uno sviluppo contenuto. Adottato in terreni molto fertili necessita di interventi agronomici per contenere il vigore vegetativo (inerbimento) e mantenere l equilibrio vegeto-produttivo (interventi in verde), si presta ad una parziale meccanizzazione. Adattabile a tutte le varietà dell Oltrepò Pavese e in particolare risulta indispensabile per vitigni a ridotta fertilità basale come la Croatina. Cordone speronato E una forma di allevamento a cordone permanente su cui sono inseriti speroni di 2-3 gemme da cui si sviluppano, ogni anno, i germogli fruttiferi. E una forma di allevamento che si presta a produzioni di qualità a causa di un contenuto sviluppo vegetativo e di un buon equilibrio vegetoproduttivo si prestano a produzioni di qualità. Si presta alla meccanizzazione. Non è adatta alle varietà dell Oltrepò Pavese a scarsa fertilità basale come Moscato, Croatina, Chardonnay. Casarsa E una forma di allevamento a cordone permanente alto su cui sono inseriti capi a frutto di 5-6 gemme da cui si sviluppano, ogni anno, i germogli fruttiferi che vanno a ricadere verso il basso. E una forma di allevamento ad alta produttività e vigore. L affastellamento dei germogli richiede interventi in verde e una cura particolare in fase di potatura. Si presta alla meccanizzazione. Poco adatta alle varietà dell Oltrepò Pavese a bassa fertilità basale. Cordone speronato alto Come il cordone speronato basso con la differenza che, in questo caso, il cordone permanente è posizionato a cm dal suolo e i tralci fruttiferi vanno a ricadere liberamente verso il basso. Si presta alla meccanizzazione. 34

23 POTATURA DI ALLEVAMENTO Guyot e Cordone speronato 1 ANNO Preparazione delle barbatelle : prima dell impianto: taglio delle radici fino alla lunghezza di 1-2 cm. Quando la barbatella attecchisce emette un germoglio la primavera stessa. E buona norma cimare i germogli eccetto quello meglio ben posizionato. Prima potatura invernale dopo l impianto: si sceglie 1 germoglio di diametro sufficiente e nella posizione migliore (tendenzialmente quello centrale allineato con l asse principale della pianta) e a seconda del vigore si taglia a 2-3 gemme o, per le viti più vigorose a 4-5 gemme. 2 ANNO Intervento primaverile del 2 anno: quando i germogli hanno raggiunto la lunghezza di cm, si effettua un diradamento dei medesimi fino ad arrivare ad 1 germoglio solo nel caso di piante deboli o 2-3 nelle piante più vigorose. Stesura del filo di banchina: durante la seconda stagione primaverile è utile stendere il filo di banchina a cm dal terreno Seconda potatura invernale: si eliminano tutti i germogli tranne quello meglio sviluppato e di altezza sufficiente al raggiungimenti del filo di banchina che va tagliato appena sotto il filo di banchina 35

24 3 ANNO Intervento primaverile del 3 anno: eliminare tutti i germogli posti sul tronco e lasciare solo quelli situati nel tratto orizzontale Terza potatura invernale: scelta del germoglio, ben lignificato e più adatto ad essere steso sul filo di banchina per costituire il capo a frutto di lunghezza variabile da 0.8 a 1.5 m. a seconda della fittezza adottata. 4 ANNO Quarta potatura invernale: scelta di due tralci uno per costituire il capo a frutto e di un tralcio adatto a costituire uno sperone di 1-2 gemme (Guyot) Quarta potatura invernale: scelta di 5-7 germogli ben lignificati e posizionati per la costituzione di altrettanti speroni a 2-3 gemme (Cordone speronato) 36

25 POTATURA DI ALLEVAMENTO Casarsa e Cordone speronato alto 1 ANNO Preparazione delle barbatelle : prima dell impianto: taglio delle radici fino alla lunghezza di 1-2 cm. Quando la barbatella attecchisce emette un germoglio la primavera stessa. E buona norma cimare i germogli eccetto quello meglio posizionato. Prima potatura invernale dopo l impianto: si sceglie 1 germoglio di diametro sufficiente e nella posizione migliore (tendenzialmente quello centrale allineato con l asse principale della pianta) e a seconda del vigore si taglia a 2-3 gemme o, per le viti più vigorose a 4-5 gemme. 2 ANNO Intervento primaverile del 2 anno: quando i germogli hanno raggiunto la lunghezza di cm, si effettua un diradamento dei medesimi fino ad arrivare ad 1 germoglio solo nel caso di piante deboli o 2-3 nelle piante più vigorose. Stesura del filo di banchina: durante la seconda stagione primaverile è utile stendere il filo di banchina a cm dal terreno. Seconda potatura invernale: si eliminano tutti i germogli tranne quello meglio sviluppato e di altezza sufficiente al raggiungimenti del filo di banchina che va tagliato appena sotto il filo di banchina. 37

26 3 ANNO Intervento primaverile del 3 anno: eliminare tutti i germogli posti sul tronco e lasciare solo quelli situati nel tratto orizzontale. Terza potatura invernale: scelta del germoglio, ben lignificato e più adatto ad essere steso sul filo di banchina per costituire il capo a frutto di lunghezza variabile da 1,2 a 1,8 m a seconda della fittezza adottata. 4 ANNO Quarta potatura invernale: scelta di 4-5 germogli ben lignificati e posizionati per la costituzione di altrettanti capi a frutto a 5-6 gemme. (Casarsa). Quarta potatura invernale: scelta di 5-7 germogli ben lignificati e posizionati per la costituzione di altrettanti speroni a 2-3 gemme (Cordone speronato alto). 38

27 8.4. Sovrainnesto All interno del Progetto Collettivo è previsto un contributo anche per la sostituzione varietale mediante sovrainnesto. Questa pratica rappresenta un metodo piuttosto semplice e relativamente poco oneroso per sostituire la varietà evitando l estirpazione e il successivo riposo del terreno e per guadagnare tempo sull entrata in produzione. Ai fini della riscossione del contributo dovrà essere fatta domanda agli organi competenti, secondo le modalità richieste. Il contributo concesso è pari al 50% di quello previsto per il reimpianto, dunque prima di prendere in considerazione questa tecnica è consigliabile valutare i seguenti aspetti del vigneto che si vuole sovrainnestare: 1) Caratteristiche agronomiche: il sovrainnesto sarà conveniente solo nel caso di vigneti senza troppe fallanze, di medio-alta densità e gestiti in modo tale da garantire una buona durata negli anni avvenire 2) Stato fitosanitario del vigneto: dovrà essere accertata l assenza delle malattie del legno. In casi dubbi è consigliabile rimandare il sovrainnesto all anno successivo e osservare, mediante l aiuto di un tecnico la sintomatologia in campo 3) Età del vigneto: considerata la curva di produttività di un vigneto, il sovrainnesto è economicamente consigliabile solo in vigneti con un età massima di 10 anni. A seconda delle modalità di esecuzione e del materiale impiegato, i sovrainnesti possono essere distinti in due grandi categorie: a marza legnosa o a gemma (o a scudetto) Le varianti delle tecniche di esecuzione e dei materiali utilizzati sono numerose, qui di seguito si riportano brevemente i sistemi più diffusi in Oltrepò Pavese. A spacco: periodo: inizio di aprile metodo: capitozzamento della vite e innesto di 1 o 2 marze legnose con una o due gemme. Le marze vanno sistemate alle estremità della fenditura legando il punto di innesto. I tagli vanno protetti con vernice bituminosa. Una variante di questo tipo di innesto prevede la ricopertura del punto d innesto con muschio fresco per mantenere umida la superficie interessata al taglio. A doppio spacco inglese: periodo: da febbraio fino all inizio dell ingrossamento delle gemme metodo: in questo sistema con la potatura per la preparazione all innesto si conserva un solo tralcio di un anno, in buona posizione sul fusto; tale tralcio va innestato subito a doppio spacco inglese con una marza a due gemme. Il punto d innesto va protetto per evitare la disidratazione e per creare un ambiente caldo-umido, favorevole all attecchimento. Sottocorteccia a scudetto periodo: intorno al periodo della fioritura quando la corteccia si stacca facilmente metodo: questa tecnica prevede il prelevamento delle gemme (provviste di uno scudetto di legno di 2,5 cm al di sopra della gemma e 2 cm al di sotto), da marze conservate in frigorifero e l incisione a T della corteccia del tronco sollevando i lembi sotto i quali va introdotto lo scudetto. La gemma va legata affinchè rimanga aderente al tronco. In seguito si provvede al taglio del tronco qualche centimetro sopra il punto d innesto. Una variante prevede l incisione a T rovesciata Sottocorteccia con marze di una gemma periodo: tarda primavera metodo: questa tecnica prevede l utilizzo di gemme prelevate da marze conservate in frigorifero. In questo caso le marze con una gemma vanno tagliate a becco di clarino ed inserite in un apposita tasca ottenuta sollevando una lingua di corteccia lunga circa 3 cm (che rimarrà attaccata al tronco nella sua parte inferiore). La marza risulterà inserita obliquamente rispetto all asse del tronco e dovrà essere fissata a quest ultimo e protetta da cera o mastice. Successivamente si provvederà al capitozzamento della vite al di sopra del punto d innesto. Varianti di questo metodo prevedono marze a due gemme 39

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO Approvata come tipologia della DOC Oltrepò Pavese con DPR 06.08.70 G.U.27.10.70 Approvato DOC con

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Approvato con DPR 18.07.1984 G.U. 334-05.12.1984 Modificato con DM 13.11.2002 G.U.

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno

Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno PROVE DI NUTRIZIONE DELLA VITE NELLA ZONA DOC FRIULI ISONZO VITICOLTURA Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno Dal confronto tra concimazione tradizionale e fertirrigazione della

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Il Pinot grigio di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3 1 Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Cantine dei Colli Berici - Lonigo 3 Libero professionista

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli