PROGRAMMAZIONE MODULARE DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE MODULARE DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE a.s.2014-2015"

Transcript

1 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 1 di 61 La Programmazione del Dipartimento di ECONOMIA AZIENDALE si articola in MODULI, UNITA DI APPRENDIMENTO e COMPETENZE secondo il PECUP di indirizzo PROGRAMMAZIONE MODULARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO Nel primo biennio, il docente di Economia aziendale definisce - nell ambito della programmazione collegiale del Consiglio di classe - il percorso dello studente per il conseguimento dei risultati di apprendimento in termini di competenze, con riferimento alle conoscenze e alle abilità di seguito indicate: 1. Conoscenze Azienda come sistema Tipologie di aziende e caratteristiche della loro gestione Elementi del sistema azienda Combinazione dei fattori produttivi e loro remunerazione Quadro generale delle funzioni aziendali Quadro generale della gestione aziendale, delle rilevazioni e degli schemi di bilancio Settori in cui si articolano le attività economiche Processi di localizzazione delle aziende Tipologie di modelli organizzativi Strumenti di rappresentazione e descrizione dell organizzazione aziendale Documenti della compravendita e loro articolazione Tecniche di calcolo nei documenti della compravendita Documenti di regolamento degli scambi e loro tipologie Tecniche di calcolo nei documenti di regolamento degli scambi 2. Abilità Riconoscere le modalità con cui l intrapresa diventa impresa Riconoscere le tipologie di azienda e la struttura elementare che le connota Riconoscere la funzione economica delle diverse tipologie di aziende incluse le attività no profit Individuare i vari fattori produttivi differenziandoli per natura e tipo di remunerazione Riconoscere le varie funzioni aziendali e descriverne le caratteristiche e le correlazioni Distinguere le finalità delle rilevazioni aziendali e individuare, nelle linee generali, i risultati prodotti dalla gestione attraverso la lettura degli schemi contabili di bilancio Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio 1

2 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 2 di 61 Individuare le esigenze fondamentali che ispirano le scelte nella localizzazione delle aziende Rappresentare la struttura organizzativa aziendale esaminando casi relativi a semplici e diverse tipologie di imprese Riconoscere modelli organizzativi di un dato contesto aziendale Leggere, interpretare ed elaborare i dati dei principali documenti utilizzati negli scambi commerciali Leggere, interpretare ed elaborare i documenti utilizzati negli scambi commerciali e nel loro regolamento METODOLOGIE: Lezione frontale Approccio laboratoriale con lavoro singolo e di gruppo Problem solving Case-work STRUMENTI : Testo in adozione Schede di lavoro individuali o di gruppo VERIFICHE CURRICOLARI : Formative e/o Sommative Prove non strutturate, Prove strutturate, Ricostruzione di percorsi dal risultato finale Esercizi di applicazione VALUTAZIONE Si fa riferimento alle Griglie di Misurazione/Valutazione ELEMENTI DI CUI SI TERRÀ CONTO NELLA VALUTAZIONE: Della Progressione rispetto ai livelli di partenza in rapporto alle capacità del singolo Del percorso di apprendimento relativamente alle conoscenze acquisite,alle abilità raggiunte e alle competenze conseguite. Degli elementi non cognitivi,cioè partecipazione,impegno,metodo di studio,interesse,attenzione, assiduità nella frequenza,rispetto delle persone e delle cose della Scuola PROGRAMMAZIONE MODULARE PER COMPETENZE CLASSI PRIME MODULI TEMPI U.A. CONOSCENZE ABILITA AMBITO FORMATIVO COMPETENZE DI CITTADINANZA COMPETENZE DELL ASSE LOGICO MATEMATICO A. 2 ORE U.A. Comunicazione alla Costruzione Imparare ad 2

3 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 3 di 61 ACCOGLIENZA Classe degli Obiettivi propri della Disciplina Condivisione della Programmazione Condivisione delle modalità di lavoro, delle modalità di verifica e di valutazione. U.A. Presentazione alla Classe della Griglie di Misurazione/Valutazione (elaborati scritti ed orale- POF) di sé Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche in forma grafica. decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica B. STRUMENTI MATEMATICI PER L ECONOMIA AZIENDALE 10 ORE U.A. Frazioni Il SMD Proporzioni dirette ed inverse Calcolo Percentuale I fondamenti del calcolo proporzionale Il calcolo % Il concetto e la tecnica dei Riparti Le rappresentazioni grafiche in relazione alle Saper eseguire operazioni con sistemi di misure Saper risolvere problemi che implichino il calcolo proporzionale Saper applicare Costruzione di sé Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e Essere in grado diutilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed rappresentandole anche in forma grafica. 3

4 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 4 di 61 diretto ed inverso Sopracento inverso e sottocento inverso U.A.. I Riparti Proporzionali Diretti Semplici e Composti U.A. Rappresentazioni grafiche U.A. Relazioni tra grandezze ( PL/PN/T; C/R/U) UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED dinamiche aziendali e del mercato Peso lordo, peso netto e tara Costo, ricavo e utile correttamente la proporzionalità diretta ed inversa Saper applicare correttamente i calcoli % diretti ed inversi; Saper applicare in situazioni semplici e complesse il sopracento e sottocento Saper applicare in situazioni semplici la tecnica dei riparti Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica C. IL SISTEMA AZIENDA: ELEMENTI, SOGGETTI E TIPOLOGIE 20 ORE U.A. Le fasi dell attività economica U.A. Il Sistema azienda U.A. I fattori produttivi Il Sistema Economico ed i suoi Soggetti U.A. I Soggetti legati al sistema azienda : giuridico / economico ; Gli Stakeholders Elementi del sistema azienda Combinazione dei fattori produttivi e loro remunerazione Settori in cui si articolano le attività economiche Mercati e loro dinamiche Le varie tipologie di attività aziendale,i soggetti dell azienda. Riconoscere i settori a cui appartengono le attività produttive Riconoscere e descrivere i fattori produttivi Individuare le caratteristiche dei vari momenti dell attività economica Riconoscere le caratteristiche dei principali sistemi economici Costruzione di sé Relazione con gli altri Rapporto con Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed 4

5 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 5 di 61 U.A. Le Imprese : caratteristiche e categorie Calcoli Percentuali riferiti alle imprese U.A. Mercati e loro dinamiche UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED Riconoscere le tipologie di azienda e la struttura elementare che le connota Riconoscere la funzione economica delle diverse tipologie di aziende incluse le attività no profit Individuare i vari fattori produttivi differenziandoli per natura e tipo di remunerazione la naturale sociale realtà e Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni D. L AZIENDA: LOCALIZZAZION E GESTIONE 11 ORE U.A. L Azienda : elementi, organizzazione,fine e classificazioni. U.A. I problemi della localizzazione dell impresa U.A. I distretti industriali U.A. Le reti di impresa U.A. La gestione: generalità Le operazioni di gestione I finanziamenti aziendali UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED L azienda,i suoi elementi costitutivi,la sua strutturazione sistemica,le sue relazioni con l ambiente; Processi di localizzazione delle aziende Tipologie di modelli organizzativi Quadro generale della gestione aziendale l equilibrio finanziario ed economico L economicità della gestione e il suo significato Saper classificare le aziende in relazione ai vari criteri Riconoscere le fondamentali operazioni di gestione Riconoscere le tipologie societarie e stabilirne le peculiarità Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio Individuare le esigenze fondamentali che ispirano le scelte nella localizzazione delle aziende Costruzione di sé Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia 5

6 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 6 di 61 Acquisire ed interpretare l informazione mediante argomentazioni ACQUISIZIONE COMPETENZE 1 QUADRIMESTRE E. FUNZIONI AZIENDALI E LORO RAPPRESENTAZI ONI 10 ORE U.A Generalità sulle funzioni aziendali U.A I sottosistemi di organizzazione aziendale U.A La catena del valore U.A La struttura organizzativa dell impresa U.A Gli organi dell impresa U.A Gli organigrammi Le rappresentazioni delle funzioni : i funzionigrammi UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED La gestione e le operazioni che la caratterizzano, i cicli aziendali, Le funzioni,gli organi e le strutture organizzative:i principali modelli. Saper attribuire agli organi aziendali le funzioni di competenza Costruire semplici organigrammi Rappresentare la struttura organizzativa aziendale esaminando casi relativi a semplici e diverse tipologie di imprese Riconoscere modelli organizzativi di un dato contesto aziendale Costruzione di sé Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole 6

7 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 7 di 61 F. I CALCOLI FINANZIARI PER LA FUNZIONE FINANZA G. LE RISORSE UMANE E I 8 ORE U.A. I concetti di Interesse e di sconto U.A. U.A Le formule dirette ed inverse per calcolare l interesse Il Montante e le sue formule U.A Le formule dirette ed inverse per calcolare lo sconto commerciale U.A Il Valore Attuale Commerciale e le sue formule UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED 5 ORE U.A. Le risorse umane dell impresa ( human Le nozioni di Interesse e di sconto L anticipo e/o il posticipo dei capitali nel tempo Le formule dirette ed inverse Le applicazioni operative Il calcolo finanziario riferito ai mercati ed al sistema azienda Il costo dei finanziamenti; la redditività degli investimenti Le risorse umane I contratti di lavoro (cenni) Lavoratori dipendenti e Riconoscere le condizioni operative di applicazione dei calcoli finanziari Saper effettuare i corrispondenti conteggi temporali di anticipo e/o posticipo capitali nel tempo Saper individuare le caratteristiche del mercato del lavoro Saper riconoscere le Costruzione di sé Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Costruzione di sé Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione Imparare ad imparare Progettare anche in forma grafica. decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche in forma grafica. 7

8 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 8 di 61 RAPPORTI DI LAVORO ( cenni) U.A U.A resources) Le forme del rapporto impresa-lavoratori Gli stili di direzione dell impresa U.A Le caratteristiche dei rapporti di lavoro nelle imprese U.A U.A La tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Il lavoro in rete collaboratori autonomi Struttura gerarchica e funzionale dell impresa La sicurezza nei luoghi di lavoro Il TU in materia di sicurezza (cenni) problematiche relative all organizzazione del lavoro Saper riconoscere le problematiche inerenti la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione H. PRIMI RIFERIMENTI TEORICI ED OPERATIVI SULLE PROCEDURE DI FATTURAZIONE UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED 14 ORE U.A La fattura Le procedure di fatturazione L IVA in fattura La formazione dell imponibile La fattura ad una aliquota ACQUISIZIONE COMPETENZE 2 QUADRIMESTRE 8

9 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 9 di 61 MODULI TEMP I PROGRAMMAZIONE MODULARE PER COMPETENZE CLASSI SECONDE U.A. CONOSCENZE ABILITA AMBITO FORMATIVO COMPETENZE DI CITTADINANZA COMPETENZE DELL ASSE LOGICO MATEMATICO A. ACCOGLIENZA 6 ORE U.A. Comunicazione alla Classe degli Obiettivi propri della Disciplina Condivisione della Programmazione Condivisione delle modalità di lavoro, delle modalità di verifica e di valutazione. U.A. Presentazione alla Classe della Griglie di Misurazione/Valutazione (elaborati scritti ed orale- POF) Costruzione di sé Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Test d ingresso sulle competenze e le conoscenze propedeutiche,valutato in decimi Individuare collegamenti e relazioni B. STRUMENTI 10 ORE U.A. Frazioni Proporzioni dirette ed I fondamenti del calcolo proporzionale e % Il concetto e la tecnica dei Riparti Saper eseguire operazioni con sistemi di misure Saper risolvere Costruzione di sé Acquisire ed interpretare l informazione Imparare ad imparare utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed 9

10 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 10 di 61 MATEMATICI PER L ECONOMIA AZIENDALE PREREQUISITI PROPEDEUTICI C. IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA E RELATIVA 16 ORE inverse Calcolo Percentuale diretto ed inverso Sopracento inverso e sottocento inverso U.A.. I Riparti Proporzionali Diretti Semplici e Composti U.A. Rappresentazioni grafiche U.A. Relazioni tra grandezze ( PL/PN/T; C/R/U) Scambi e Contratto di compravendita U.A. UNITA DI RECUPERO E/O APPROFONDIMENT O U.A. 1 Il Contratto di Vendita e i documenti della Compravendita U.A. 2 Le clausole del I fondamentali calcoli finanziari la costruzione del costo calcolare interesse montante,sconto, valore attuale e formule inverse L Attività mercantile delle imprese I meccanismi IVA nelle operazioni di compravendita La fatturazione e l IVA Le cambiali,gli Assegni,le RI.BA, carte di debito,carte di credito. I documenti della compravendita; i caratteri,i presupposti dell IVA la fatturazione e tutte le sue implicazioni; problemi che implichino il calcolo proporzionale Saper applicare correttamente la proporzionalità diretta ed inversa Saper applicare correttamente i calcoli % diretti ed inversi; Saper applicare in situazioni semplici e complesse il sopracento e sottocento Saper applicare in situazioni complesse la tecnica dei riparti Saper riconoscere ed interpretare le varie clausole del contratto di Compravendita Saper conteggiare l IVA su un valore imponibile a più aliquote Saper Scorporare l IVA da un prezzo di Listino Saper riconoscere ed interpretare le varie clausole del contratto di Compravendita Individuare ciò che concorre o non concorre a formare la Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Costruzione di sé Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione Imparare ad imparare Progettare Agire in modo algebrico rappresentandole anche in forma grafica. decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logico- 10

11 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 11 di 61 DOCUMENTAZIONE contratto di compravendita U.A. 3 Il Ddt U.A. 4 U.A. 5 La fattura immediata e differita La Base Imponibile IVA Formazione della Base Imponibile U.A. 6 La fattura ad una aliquota IVA La fattura a più aliquote IVA U.A. 7 L IVA : approfondimenti Gli altri documenti fiscali della compravendita : scontrino fiscale; ricevuta fiscale Gli Adempimenti IVA (cenni) Base Imponibile IVA Saper conteggiare l IVA su un semplice valore imponibile Saper Scorporare l IVA da un prezzo di Listino Saper compilare in ogni sua parte una fattura Saper effettuare una ripartizione proporzionale in una fattura a più aliquote IVA Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione matematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. D. STRUMENTI DI REGOLAMENTO NEGLI SCAMBI COMMERCIALI 18 ORE UNITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO ED U.A. 1 I rapporti creditizi e il loro regolamento U.A. 2 I Titoli di credito : concetto e classificazioni Applicare i principi ed i processi matematici di base nel contesto quotidiano della sfera domestica e sul lavoro Saper riconoscere ed Costruzione di sé Imparare ad imparare Progettare Agire in modo decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici 11

12 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 12 di 61 U.A. 3 I Titoli di credito propriamente detti : Il Pagherò U.A. 4 La Cambiale tratta U.A. 5 Scadenza ed altri elementi della cambiale ( girata, avallo ) U.A. 6 Il Protesto e le azioni cambiarie U.A. 7 I mezzi di pagamento bancari : l A/B U.A. 8 I mezzi di pagamento bancari : l A/C U.A. 9 I mezzi di pagamento elettronici U.A. 10 Consolidamento U.A. UNITA DI RECUPERO E/O interpretare i contenuti di una cambiale Individuare i vari tipi di titoli di credito Saper compilare gli A/B e A/C Saper compilare i facsimili di cambiale in situazioni operative differenziate Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche in forma grafica. rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. ACQUISIZIONE COMPETENZE PRIMO QUADRIMESTRE 12

13 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 13 di 61 E. LE FUNZIONI AZIENDALI ED I RAPPORTI ORGANIZZATIVI ( elementi essenziali) 16 ore U A. 1 Fasi del processo decisionale; Il sistema informativo aziendale; I sottosistemi funzionali U A. 2 L organizzazione aziendale; Gli organi aziendali; Il fattore umano e l organizzazione del lavoro; Esame di semplici organigrammi aziendali - Fasi del processo decisionale; - Il sistema informativo aziendale; - I sottosistemi funzionali - L organizzazione aziendale; - Gli organi aziendali; - Il fattore umano e l organizzazione del lavoro; - Esame di semplici organigrammi aziendali riconoscere il ruolo del sistema informativo quale supporto del processo decisionale; classificare le funzioni aziendali; correlare le operazioni di gestione alle funzioni aziendali; distinguere gli organi aziendali; individuare le aree funzionali all interno dell azienda; correlare compiti e mansioni alle funzioni e agli organi aziendali; conoscere i più elementari modelli organizzativi; rappresentare in tabelle e grafici le informazioni; rappresentare in semplici organigrammi la struttura aziendale Costruzione di sé Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Imparare ad imparare Progettare Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. F: SCOPRIAMO U A. 1 Il patrimonio dell azienda: gli La gestione e le operazioni che la caratterizzano, l equilibrio finanziario ed economico, Acquisire il concetto di attività economica e distinguere le fasi attraverso cui si manifesta; Costruzione di sé Imparare ad imparare Progettare decodificare gli elementi di un problema con idoneo 13

14 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 14 di 61 L AZIENDA ATTRAVERSO IL BILANCIO ( elementi essenziali) 16 ore impieghi e i finanziamenti aziendali; Il prospetto della situazione patrimoniale. Il prospetto della situazione economica ( a Costi, Ricavi e Rimanenze) i cicli aziendali, Il patrimonio:i suoi elementi costitutivi,i suoi aspetti,la sua struttura, le correlazioni tra investimenti e finanziamenti L economicità della gestione e il suo significato riconoscere gli elementi caratterizzanti un azienda; classificare le aziende ed individuare le loro relazioni con l ambiente esterno; classificare semplici fatti di gestione e analizzarli nei loro diversi aspetti; classificare i finanziamenti e gli impieghi aziendali; determinare in modo semplice il risultato economico; redigere semplici stati patrimoniali e conti economici; individuare ed interpretare semplici variazioni intervenute in una situazione patrimoniale Relazione con gli altri Rapporto con la realtà naturale e sociale Agire in modo autonomo e responsabile Comunicare, Collaborare, Partecipare Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione utilizzo degli strumenti logicomatematici Individuare strategie appropriate per la risoluzione di problemi Raccogliere,organizz are, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. G : RILEVAZIONI AZIENDALI E RISULTATI PRODOTTI DALLA GESTIONE ( elementi essenziali) U.A. 1 Le comunicazioni, le rilevazione e il sistema informativo aziendale U.A. 2 La comunicazione aziendale, istituzionale, socioambientale e di 14

15 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 15 di 61 U.A. 3 marketing La raccolta e l elaborazione dei dati U.A. 4 I documenti e le rilevazioni aziendali U.A. 5 Il Sistema Informativo aziendale U.A. 6 I risultati prodotti dalla gestione e gli schemi contabili di bilancio Il Risultato Economico prodotto dalla gestione e il calcolo del reddito d esercizio U.A. 7 Il Bilancio d esercizio e la sua funzione comunicativa Gli schemi contabili del Bilancio d Esercizio Contenuto dello Stato Patrimoniale : struttura generale Contenuto del Conto Economico: struttura generale ACQUISIZIONE OBIETTIVI E COMPETENZE 2 QUADRIMESTRE 15

16 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 16 di 61 CLASSI TERZE ( PRIME CLASSI del SECONDO BIENNIO ECONOMICO) INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, con le sue due articolazioni, è l espressione primaria della Riforma degli Istituti Tecnici e del riordino degli stessi. Esso, in particolare, si riferisce ad ambiti e processi essenziali per la competitività del sistema economico e produttivo del Paese, come quelli amministrativi, finanziari e del marketing. L indirizzo persegue lo sviluppo di competenze relative alla gestione aziendale nel suo insieme e all interpretazione dei risultati economici, con specifico riferimento alle funzioni in cui si articola il sistema azienda (amministrazione,pianificazione, controllo, finanza, marketing, sistema informativo, gestioni speciali). Il docente di Economia aziendale concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale: analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino a spiegare i comportamenti individuali e collettivi in chiave economica; riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale; intervenire nei sistemi aziendali con riferimento a previsione, organizzazione, conduzione e controllo di gestione; utilizzare gli strumenti di marketing in differenti casi e contesti; distinguere e valutare i prodotti e i servizi aziendali, effettuando calcoli di convenienza per individuare soluzioni ottimali; intervenire nei sistemi aziendali con riferimento a previsione, organizzazione, conduzione e controllo di gestione; distinguere e valutare i prodotti e i servizi aziendali, effettuando calcoli di convenienza per individuare soluzioni ottimali; agire nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia alla sua innovazione sia al suo adeguamento organizzativo e tecnologico. Con riferimento alla Classe terza AFM lo studente deve pervenire alle seguenti competenze: Redigere e interpretare i documenti aziendali interagendo con il sistema di archiviazione; Utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili per la corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; Collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema economico - giuridico corrente Comunicare efficacemente con linguaggi tecnici; Documentare adeguatamente il proprio lavoro; Operare per competenze, per obiettivi e per progetti; Individuare strategie risolutive ricercando e assumendo le opportune informazioni e valutare l'efficacia delle soluzioni adottate Individuare gli interventi necessari alle eventuali azioni correttive; 16

17 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 17 di 61 METODOLOGIE di Lavoro : Lezione frontale Approccio laboratoriale con lavoro singolo e di gruppo Problem solving Case-work Focus-group STRUMENTI : Testo in adozione Testi diversi / Riviste / Quotidiani Codice Civile Piano dei Principi Contabili Nazionali ed Internazionali Internet VERIFICHE CURRICOLARI PER LE U.A. e/o per i Moduli ( in base alla complessità e all estensione del percorso) : Formative e/o Sommative Prove non strutturate, Prove strutturate, Ricostruzione di percorsi dal risultato finale Esercizi di applicazione ELEMENTI DI CUI SI TERRÀ CONTO NELLA VALUTAZIONE Della Progressione rispetto ai livelli di partenza in rapporto alle capacità del singolo Del percorso di apprendimento relativamente alle conoscenze acquisite,alle abilità raggiunte e alle competenze conseguite. Degli elementi non cognitivi,cioè partecipazione,impegno,metodo di stu.a.io,interesse,attenzione, assiduità nella frequenza,rispetto delle persone e delle cose della Scuola. INTEGRAZIONE OPERATIVA CON IL LABORATORIO: 1 ORA SETTIMANALE L attività di laboratorio costituisce un essenziale punto di collegamento con il sistema delle tecnologie più avanzate e con la realtà aziendale. Essa permette di far acquisire capacità procedurali con metodologie didattiche diversificate. Questo meccanismo mira a sviluppare nello studente la capacità di: Analizzare un problema mediante un modello astratto e tecnologicamente avanzato Verificare la funzionalità del modello,sia come impostazione teorica sia come soluzione pratica adottata,applicandolo a problemi simili. MODULI TEMPI U.A. CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE 17

18 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 18 di 61 A. ACCOGLIENZA 3 ORE U.A. Comunicazione alla Classe degli Obiettivi propri della Disciplina Condivisione della Programmazione Condivisione delle modalità di lavoro, delle modalità di verifica e di valutazione. U.A. Presentazione alla Classe della Griglie di Misurazione/Valutazione (elaborati scritti ed orale-pof) Test d ingresso sulle competenze e le conoscenze propedeutiche,valutato in decimi B. RICHIAMO ARGOMENTI PROPEDEUTICI 6 ORE U.A. Prerequisiti Funzionali del Biennio ( Strumenti matematici di base) U.A. Prerequisiti Funzionali del Biennio ( Formazione imponibile ed IVA U.A. Prerequisiti Funzionali del Biennio ( Cambiali, assegni,ri.ba,altri strumenti di pagamento) I fondamenti del calcolo proporzionale e % Il concetto e la tecnica dei Riparti I fondamentali calcoli finanziari la costruzione del costo calcolare interesse montante,sconto, valore attuale e formule inverse L Attività mercantile delle imprese I meccanismi IVA nelle operazioni di compravendita La fatturazione e l IVA Le cambiali,gli Assegni,le RI.BA, carte di debito,carte di credito. Saper applicare in situazioni complesse la tecnica dei riparti Saper riconoscere ed interpretare le varie clausole del contratto di Compravendita Saper determinare la Base imponibile IVA Saper Scorporare l IVA da un prezzo di Listino Saper compilare una fattura in ogni sua parte Saper riconoscere ed interpretare i contenuti di una cambiale Saper compilare i fac-simili di cambiale in situazioni operative differenziate Saper compilare gli A/B e A/C Raccogliere,organizzare, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logico- matematici. convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) C. GLI ADEMPIMENTI 12 ORE U.A.La Fatturazione U.A.Le Note di variazione I documenti della compravendita; Saper riconoscere ed interpretare le varie clausole redigere ed interpretare i documenti amministrativi aziendali 18

19 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 19 di 61 IVA U.A.Le Registrazioni; U.A.La liquidazione dell IVA e la Dichiarazione annuale i caratteri,i presupposti dell IVA la fatturazione e tutte le sue implicazioni; Gli Adempimenti IVA del contratto di Compravendita Saper Scorporare l IVA da un prezzo di Listino Saper compilare i documenti della compravendita Saper compilare fatture ad una o più aliquote. Saper eseguire le annotazioni sui registri Iva Saper effettuare le liquidazioni periodiche ed annuali Saper riconoscere le funzioni e le modalità di registrazione delle Note di variazione gestire semplici adempimenti di natura fiscale ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) D. L AZIENDA 6 ORE U.A.L azienda come sistema ed i suoi elementi costitutivi U.A.Le finalità dell azienda U.A.I soggetti aziendali U.A.Le diverse tipologie di aziende U.A.Il concetto di organizzazione aziendale U.A.Le funzioni e gli organi ad esse preposti E. LA GESTIONE ED IL PATRIMONIO 18 ORE U.A. Il fabbisogno finanziario delle imprese U.A. La gestione come sistema di operazioni Le aree della gestione U.A. L aspetto patrimoniale della L azienda,i suoi elementi costitutivi,la sua strutturazione sistemica,le sue relazioni con l ambiente; Le varie tipologie di attività aziendale,i soggetti dell azienda. Le funzioni,gli organi e le strutture organizzative:i principali modelli. La gestione e le operazioni che la caratterizzano, l equilibrio finanziario ed economico, Saper individuare gli elementi del sistema azienda; Saper riconoscere le varie tipologie di aziende; Saper costruire e modificare schemi organizzativi Saper collegare le principali operazioni aziendali alle varie aree gestionali Saper redigere il prospetto degli investimenti e dei riconoscere le tendenze dei mercati locali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto Interpretare i sistemi aziendali semplici nei loro modelli con riferimento alle diverse tipologie di imprese ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) Interpretare i sistemi aziendali semplici (aziende mercantili individuali) nei loro processi gestionali con particolare riferimento all aspetto Patrimoniale implementare il sistema delle 19

20 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 20 di 61 F. LA GESTIONE E I SUOI RISULTATI gestione U.A. L aspetto finanziario della gestione U.A. L aspetto economico della gestione U.A. L analisi delle operazioni di gestione U.A. I cicli dell attività aziendale U.A. Il Patrimonio aziendale : aspetto qualitativo e quantitativo U.A. Le equazioni patrimoniali U.A. Il patrimonio di costituzione e di funzionamento 53 ORE U.A. Il Reddito d esercizio e la sua determinazione U.A. La competenza economica dei costi e dei ricavi U.A. I costi e i ricavi sospesi : le rimanenze di magazzino U.A. I costi e i ricavi sospesi : i risconti attivi e passivi U.A. I valori finanziari presunti : ratei attivi U.A. I valori finanziari presunti : ratei passivi U.A. La competenza economica dei costi pluriennali : l ammortamento U.A. Il Conto Economico : una prima approssimazione U.A. Consolidamento i cicli aziendali, Il patrimonio:i suoi elementi costitutivi,i suoi aspetti,la sua struttura, le correlazioni tra investimenti e finanziamenti L economicità della gestione e il suo significato La gestione e le operazioni che la caratterizzano, Il Reddito La competenza economica dei costi e dei ricavi finanziamenti iniziali Saper individuare le manifestazioni finanziarie ed economiche delle più semplici operazioni di gestione Saper classificare e rappresentare gli elementi del patrimonio Saper leggere ed interpretare uno Stato Patrimoniale, Saper collegare le principali operazioni aziendali alle varie aree gestionali Saper individuare le manifestazioni finanziarie ed economiche delle più semplici operazioni di gestione Saper classificare e rappresentare gli elementi economici della gestione Saper collocare adeguatamente le rimanenze di magazzino nei prospetti di Bilancio Saper conteggiare ratei e risconti attivi e passivi Saper determinare le quote di ammortamento ed il valore contabile dei Costi Pluriennali Saper leggere ed interpretare un Conto Economico Saper determinare il reddito d esercizio, Saper valutare l economicità della gestione rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) Interpretare i sistemi aziendali semplici (aziende mercantili individuali) nei loro processi gestionali con particolare riferimento all aspetto Reddituale rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. implementare il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) 20

21 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 21 di 61 ACQUISIZIONE COMPETENZE PRIMO QUADRIMESTRE G. LA Il processo informativo COMUNICAZIONE Modalità di rappresentazione AZIENDALE delle informazioni H. IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE E LA CO.GE 24ORE I destinatari dell informazione: soggetti interni e soggetti esterni La comunicazione integrata La comunicazione economicofinanziaria e socio ambientale La comunicazione commercialepubblicitaria U.A Gli elementi del Sistema informativo aziendale ; il SIA Integrato U.A I documenti originari U.A Le scritture e loro classificazioni U.A Contenuto e forma del conto U.A Il Piano dei Conti U.A Gli obblighi contabili delle imprese U.A L analisi delle Variazioni U.A Le principali scritture Elementari : la Prima Nota U.A La CO.GE secondo il metodo della PD U.A il Metodo della partita doppia applicato al sistema del patrimonio e del risultato economico U.A Gli strumenti delle rilevazioni in P.D Strutturazione del sistema informativo aziendale La produzione delle informazioni La comunicazione aziendale Il concetto di attività amministrativa L importanza delle informazioni nei processi decisionali Il SIA : concetto, elementi costitutivi, funzioni, evoluzione. Le rilevazioni,la contabilità aziendale e i sottosistemi che la compongono; Le contabilità elementari, Gli obblighi contabili, La CO.GE secondo il metodo della PD il Metodo della partita doppia applicato al sistema del patrimonio e del risultato economico Le Variazioni Economiche e Finanziarie Saper ijndividuare le caratteristiche dell informazione aziendale Saper riconoscere ed analizzare le comunicazioni dell azienda Saper leggere ed interpretare documenti tipici delle contabilità elementari, Saper classificare i conti tipici di una az.mercantile individuale; Saper registrare i fatti di gestione sulla Prima nota Saper analizzare,ai fini della rilevazione in CO.GE,i fondamentali fatti di gestione Saper individuare e distinguere le variazioni finanziarie ed economiche utilizzare il sistema informativo aziendale e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi,strumenti e tecniche contabili in linea con i principi contabili nazionali interpretare i fatti di gestione secondo il metodo della PD implementare il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) I. LA CO.GE : DALLA COSTITUZIONE ALLA SITUAZIONE CONTABILE PRE- 76 ORE U.A La costituzione delle imprese mercantili individuali ; l acquisto di una azienda già funzionante. U.A Le procedure di acquisto e le modalità di regolamento I principali problemi giuridici ed amministrativi per la costituzione di una impresa individuale I fondamentali aspetti Saper classificare i conti tipici di una az.mercantile individuale; Saper analizzare,ai fini della rilevazione in CO.GE,i fondamentali fatti di gestione. rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi,strumenti e tecniche contabili in linea con i principi contabili nazionali interpretare i fatti di gestione secondo il metodo della PD 21

22 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 22 di 61 ASSESTAMENTO U.A Le procedure di vendita e le modalità di regolamento U.A L acquisizione e la cessione dei Beni Strumentali U.A Alcune operazioni con le Banche ( c/c, mutui passivi, smobilizzi) U.A Il godimento di beni di terzi U.A Le liquidazioni periodiche ed i versamenti IVA U.A I prelevamenti ed i versamenti del titolare U.A Le Situazione Contabile pre Assestamento giuridici,fiscali e contabili degli scambi e dei relativi documenti Le modalità di regolamento degli acquisti e delle vendite La gestione contabile dei beni strumentali Le principali operazioni di gestione ordinaria Il controllo formale delle rilevazioni in PD L inventario di funzionamento : scopo, contenuto e criteri di valutazione La procedura contabile con cui si determina il reddito d esercizio e si chiudono i conti Struttura e principi di redazione del Bilancio di esercizio Saper rilevare in PD le operazioni connesse alla costituzione di una impresa individuale Saper rilevare in PD le scritture relative agli acquisti,vendite e loro regolamenti Saper rilevare in PD le scritture relative alle principali operazioni di gestione ordinaria Saper redigere le Situazioni Contabili infrannuali secondo le varie forme espositive Saper redigere l Inventario di esercizio Saper rilevare in PD gli Assestamenti di fine esercizio Saper eseguire contabilmente la daterminazione del reddito e la chiusura generale dei conti gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) ACQUISIZIONE COMPETENZE SECONDO QUADRIMESTRE CLASSI TERZE INDIRIZZO SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI L articolazione Sistemi informativi aziendali,oltre a quanto già indicato nelle sue linee essenziali per l indirizzo AFM, approfondisce competenze relative alla gestione informatica delle informazioni, alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi, alla realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, della comunicazione in rete e della sicurezza informatica. INTEGRAZIONE OPERATIVA CON IL LABORATORIO: 1 ORA SETTIMANALE L attività di laboratorio costituisce un essenziale punto di collegamento con il sistema delle tecnologie più avanzate e con la realtà aziendale. Essa permette di far acquisire capacità procedurali con metodologie didattiche diversificate. Questo meccanismo mira a sviluppare nello studente la capacità di: Analizzare un problema mediante un modello astratto e tecnologicamente avanzato 22

23 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 23 di 61 Verificare la funzionalità del modello,sia come impostazione teorica sia come soluzione pratica adottata,applicandolo a problemi simili. MODULI TEMPI U.A. CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE A. ACCOGLIENZA 3 ORE U.A. Comunicazione alla Classe degli Obiettivi propri della Disciplina Condivisione della Programmazione Condivisione delle modalità di lavoro, delle modalità di verifica e di valutazione. U.A. Presentazione alla Classe della Griglie di Misurazione/Valutazione (elaborati scritti ed orale-pof) Test d ingresso sulle competenze e le conoscenze propedeutiche,valutato in decimi B. RICHIAMO ARGOMENTI PROPEDEUTICI 6 ORE U.A. Prerequisiti Funzionali del Biennio ( Strumenti matematici di base) U.A. Prerequisiti Funzionali del Biennio ( Formazione imponibile ed IVA) U.A. LaFatturazione e gli Adempimenti IVA U.A. Prerequisiti Funzionali del Biennio ( Cambiali, assegni,ri.ba,altri strumenti di pagamento elettronici) I fondamenti del calcolo proporzionale e % Il concetto e la tecnica dei Riparti I fondamentali calcoli finanziari la costruzione del costo calcolare interesse montante,sconto, valore attuale e formule inverse L Attività mercantile delle imprese I meccanismi IVA nelle operazioni di compravendita La fatturazione e l IVA Le cambiali,gli Assegni,le RI.BA, carte di Saper applicare in situazioni complesse la tecnica dei riparti Saper riconoscere ed interpretare le varie clausole del contratto di Compravendita Saper determinare la Base imponibile IVA Saper Scorporare l IVA da un prezzo di Listino Saper compilare una fattura in ogni sua parte Saper riconoscere ed interpretare i contenuti di una cambiale Saper compilare i fac-simili di cambiale in situazioni Raccogliere,organizzare, rappresentare ed utilizzare un insieme di dati. decodificare gli elementi di un problema con idoneo utilizzo degli strumenti logico- matematici. convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. rappresentare le rilevazioni effettuate mediante strumenti informatici. ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) 23

24 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 24 di 61 debito,carte di credito. operative differenziate Saper compilare gli A/B e A/C C. L AZIENDA 6 ORE U.A.L azienda come sistema ed i suoi elementi costitutivi U.A.Le finalità dell azienda U.A.I soggetti aziendali U.A.Le diverse tipologie di aziende U.A.Il concetto di organizzazione aziendale U.A.Le funzioni e gli organi ad esse preposti L azienda,i suoi elementi costitutivi,la sua strutturazione sistemica,le sue relazioni con l ambiente; Le varie tipologie di attività aziendale,i soggetti dell azienda. Le funzioni,gli organi e le strutture organizzative:i principali modelli. Saper individuare gli elementi del sistema azienda; Saper riconoscere le varie tipologie di aziende; Saper costruire e modificare schemi organizzativi riconoscere le tendenze dei mercati locali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto Interpretare i sistemi aziendali semplici nei loro modelli con riferimento alle diverse tipologie di imprese rappresentare le rilevazioni effettuate mediante strumenti informatici ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) D. LA GESTIONE ED IL PATRIMONIO 18 ORE U.A. Il fabbisogno finanziario delle imprese U.A. La gestione come sistema di operazioni Le aree della gestione U.A. L aspetto patrimoniale della gestione U.A. L aspetto finanziario della gestione U.A. L aspetto economico della gestione U.A. L analisi delle operazioni di gestione U.A. I cicli dell attività aziendale U.A. Il Patrimonio aziendale : aspetto qualitativo e quantitativo U.A. Le equazioni patrimoniali U.A. Il patrimonio di costituzione e di funzionamento La gestione e le operazioni che la caratterizzano, l equilibrio finanziario ed economico, i cicli aziendali, Il patrimonio:i suoi elementi costitutivi,i suoi aspetti,la sua struttura, le correlazioni tra investimenti e finanziamenti L economicità della gestione e il suo significato Saper collegare le principali operazioni aziendali alle varie aree gestionali Saper redigere il prospetto degli investimenti e dei finanziamenti iniziali Saper individuare le manifestazioni finanziarie ed economiche delle più semplici operazioni di gestione Saper classificare e rappresentare gli elementi del patrimonio Saper leggere ed interpretare uno Stato Patrimoniale, Interpretare i sistemi aziendali semplici (aziende mercantili individuali) nei loro processi gestionali con particolare riferimento all aspetto Patrimoniale implementare il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) 24

25 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 25 di 61 E. LA GESTIONE ED I SUOI RISULTATI 53 ORE U.A. Il Reddito d esercizio e la sua determinazione U.A. La competenza economica dei costi e dei ricavi U.A. I costi e i ricavi sospesi : le rimanenze di magazzino U.A. I costi e i ricavi sospesi : i risconti attivi e passivi U.A. I valori finanziari presunti : ratei attivi U.A. I valori finanziari presunti : ratei passivi U.A. La competenza economica dei costi pluriennali : l ammortamento U.A. Il Conto Economico : una prima approssimazione U.A. Consolidamento La gestione e le operazioni che la caratterizzano, Il Reddito La competenza economica dei costi e dei ricavi Saper collegare le principali operazioni aziendali alle varie aree gestionali Saper individuare le manifestazioni finanziarie ed economiche delle più semplici operazioni di gestione Saper classificare e rappresentare gli elementi economici della gestione Saper collocare adeguatamente le rimanenze di magazzino nei prospetti di Bilancio Saper conteggiare ratei e risconti attivi e passivi Saper determinare le quote di ammortamento ed il valore contabile dei Costi Pluriennali Saper leggere ed interpretare un Conto Economico Saper determinare il reddito d esercizio, Saper valutare l economicità della gestione Interpretare i sistemi aziendali semplici (aziende mercantili individuali) nei loro processi gestionali con particolare riferimento all aspetto Reddituale rappresentare sotto forma grafica le nozioni di calcolo aritmetico,algebrico e i dati derivanti da problemi di natura economica. implementare il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E LA FRASEOLOGIA DI SETTORE IN LINGUA INGLESE (preparazione obiettivi CLIL) ACQUISIZIONE COMPETENZE PRIMO QUADRIMESTRE F. LA U.A Il processo informativo COMUNICAZIONE Modalità di rappresentazione AZIENDALE delle informazioni U.A I destinatari Strutturazione del sistema informativo aziendale La produzione delle informazioni La comunicazione Saper ijndividuare le caratteristiche dell informazione aziendale Saper riconoscere ed analizzare le comunicazioni utilizzare il sistema informativo aziendale e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE IL LESSICO E 25

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a far conseguire allo studente, al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE:

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: a.s.2011/2012 Economia aziendale, Tecniche professionali dei servizi commerciali A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Lia Bonelli L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: 1. I docenti

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica.

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. L azienda e i suoi elementi costitutivi. Concetti di: patrimonio, investimento,

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: ASCHERI Maria Rosa CLASSE: I A c SETTORE: servizi INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA DELLA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ADRIANO TILGHER DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE. Anno scolastico 2011/2012

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ADRIANO TILGHER DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE. Anno scolastico 2011/2012 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ADRIANO TILGHER DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/2012 Il giorno 1 settembre 2011 alle ore 11, nel locale ID dell istituto Tilgher, si sono riuniti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE GAETANO SALVEMINI CASALECCHIO DI RENO (BO)

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE GAETANO SALVEMINI CASALECCHIO DI RENO (BO) ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE GAETANO SALVEMINI CASALECCHIO DI RENO (BO) PIANO DI LAVORO A.S. 2013-2014 PROF. BICE PIOVANI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1-2 AFM SERALE DATA DI PRESENTAZIONE:

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

Economia aziendale secondo biennio SIA

Economia aziendale secondo biennio SIA Economia aziendale secondo biennio SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA (^) classe terza SIA MODULO DISCPLINARE Modulo 1 IL SISTEMA AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE (**) CONOSCENZE

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti"

Istituto Tecnico Statale per il Turismo Francesco Algarotti Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti" Cannaregio, 351-30121 VENEZIA - Tel. 041.716266 - Fax 041.720054 - C.F.: 80012240273 Indirizzo Internet:http://www.istitutoalgarotti.ite-mail:algarotti@tin.itVETN0100N@istruzione.it

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM Obiettivi di apprendimento ( come da linee guida) Al termine del biennio lo studente deve possedere: 1. Conoscenze

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 LA GESTIONE 2 LA RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE 3 LA REMUNERAZIONE DEL CREDITO : L INTERESSE 4 IL PAGAMENTO ANTICIPATO DI UN DEBITO : LO SCONTO 5 L UNIFICAZIONE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M.

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» Sede legale: Via Italico Brass, 22 34170 GORIZIA tel. 0481/535190

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Corso AFM/IGEA. Classe prima. Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI ECONOMIA AZIENDALE

Corso AFM/IGEA. Classe prima. Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI ECONOMIA AZIENDALE Corso AFM/IGEA Classe prima MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI Eseguire equivalenze Impostare e risolvere proporzioni Eseguire calcoli percentuali Risolvere problemi di calcolo percentuale su base cento, sopra

Dettagli

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Aree gestionali e loro riflessi contabili e di bilancio [29 agosto 2013] Riclassificazione e analisi di bilancio di un impresa turistica [29

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PIANO di LAVORO (rev 1) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

PIANO di LAVORO (rev 1) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Istituto di Istruzione Superiore - Professionale e Tecnico Sebastiano Grandis Sezione Associata I.P.S.S.C.T.- I.T.T. CUNEO C.so IV Novembre, 16 - tel. 0171 692623 - fax 0171 66721 Sezione Associata I.P.S.I.A.

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE BIENNIO TECNICO TURISMO

IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE BIENNIO TECNICO TURISMO IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE BIENNIO TECNICO TURISMO CLASSE: 1C 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ( suddivisi in moduli e unità didattiche

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/66.16.28 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it Codice fiscale: 80032310486

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI AREA MATERIA ECONOMIA AZIENDALE (AFM) CLASSI 1A, 1B, 2A, 3A, 3B, 4A, 5A, 5B. A.S. 2014/15

PROGRAMMAZIONE DI AREA MATERIA ECONOMIA AZIENDALE (AFM) CLASSI 1A, 1B, 2A, 3A, 3B, 4A, 5A, 5B. A.S. 2014/15 1 Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.gov.it turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n. 11 24019 ZOGNO (BG) Tel.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO CONTENUTI

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO CONTENUTI Indirizzo Internet: www.provincia.venezia.it/alga e-mail: alga Classe 1 sez.h materia: ECONOMIA AZIENDALE anno scolastico 2014/2015 1) PROPORZIONI E CALCOLI PERCENTUALI a) rapporti e proporzioni; b) grandezze

Dettagli

Altre Discipline coinvolte (eventuali) Annotazioni

Altre Discipline coinvolte (eventuali) Annotazioni UDA DI ECONOMIA AZIENDALE PRIMO E SECONDO BIENNIO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM-TUR DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: L'attività economica ed il sistema azienda

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO Competenza 1 Competenza Conoscere i fondamenti dell'attività economica e l'azienda, individuando le diverse tipologie e comprendendo le relazioni con l'esterno. Componenti della competenza Conoscenza Bisogno,

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Anno Scolastico 2015/2016 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 9 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Discipline giuridiche ed economiche

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO A.S. 2012/2013 Pagina 1 di 6 Conoscenze Abilità Competenze professionali MODULO 1 L azienda e la sua organizzazione 1. 1. L azienda, il contesto in cui opera, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, con le sue due articolazioni, si riferisce ad ambiti e processi essenziali

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI DISCIPLINA AMMINISTRAZIONE ALBERGHIERA CLASSE TERZA IFP La costituzione dell impresa turistico-ristorativa (caratteristiche principali) Le tasse, le imposte e di documenti della vendita con particolare

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

Compilare e Utilizzare i documenti relativi alla compravendita e agli strumenti di pagamento.

Compilare e Utilizzare i documenti relativi alla compravendita e agli strumenti di pagamento. MODULO 0 RIPASSO PRE- Compilare e Utilizzare i documenti relativi alla compravendita e agli strumenti di pagamento. Documenti della compravendita e loro articolazione. Interpretare i documenti di vendita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2014-2015 CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI MODULO 1. L azienda e la sua organizzazione Unità 1 L azienda, il contesto

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. SIMONETTA

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING biennio comune Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Fatturazione

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale.

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. Falcone e Borsellino Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale. Anno scolastico 2015 2016 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe: IV I.T.E. Insegnante: CAVICCHIOLI MARZIA Materia: ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Marzia Cavicchioli

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Professionale Economia Aziendale Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/67.90.18 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE GIUSEPPE BARUFFI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DIDATTICO ANNUALE

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE GIUSEPPE BARUFFI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DIDATTICO ANNUALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE GIUSEPPE BARUFFI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DIDATTICO ANNUALE Materia ECONOMIA AZIENDALE Classe 1^ A AFM Insegnante: Prof.ssa Daniela De Marco Presentazione della classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo

Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo 1 DIURNO QUADRO ORARIO DEI DIVERSI CORSI 1^ BIENNIO Corso Indirizzo Ore Disciplina 1^ A, B, C, D, E AFM 2 1^ A, B Turismo

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. Dipartimento di INFORMATICA Classe 3 Disciplina INFORMATICA

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. Dipartimento di INFORMATICA Classe 3 Disciplina INFORMATICA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANTONELLA

Dettagli

Biennio: AFM, TURISTICO.

Biennio: AFM, TURISTICO. ANNO SCOLASTICO 0/06 Programmazione del dipartimento di ECONOMIA AZIENDALE Biennio: AFM, TURISTICO. FINALITÀ L'insegnamento dell'economia aziendale nella prima classe è teso a fornire una visione organica

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Futuro e impresa per il secondo biennio

Futuro e impresa per il secondo biennio Lucia Barale, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Futuro e impresa per il secondo biennio Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente del volume Futuro

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Modulo 3 :La gestione dell impresa :patrimonio e reddito

Modulo 3 :La gestione dell impresa :patrimonio e reddito Istituto Salesiano Sacro Cuore (Napoli Vomero) I.T. Amministrazione Finanza e Marketing Classe III Prof Enzo Sorvino PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE svolto nell anno scolastico 2013/2014 Testo adottato:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

ITC Vittorio Veneto-Salvemini

ITC Vittorio Veneto-Salvemini ITC Vittorio Veneto-Salvemini A.S. 2013/14 PROGRAMMAZIONE del DIPARTIMENTO di ECONOMIA AZIENDALE Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo Referente Prof.ssa Fatima

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA PRESIDENZA: BERNALDA (MT) Via Schwartz, s.n. 75012 - Tel./Fax: 0835-549136 FERRANDINA (MT) Via Lanzillotti s.n. - 75013 0835-556009 0835 554832 Programma

Dettagli