AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009"

Transcript

1 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

2 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE DEI PSR SULLA BASE DELL HEALTH CHECK LE MISURE DEI PSR POSSONO ESSERE AGGIORNATE ENTRO IL 15 LUGLIO TENENDO CONTO DELLE SEGUENTI SFIDE: BIODIVERSITÀ LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI GESTIONE ACQUE BIOENERGIE MIGLIORAMENTO SETTORE LATTIERO CASEARIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER CIASCUNA SFIDA IL REG. CE 74/2009 DECLINA LE AZIONI AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO TRAMITE LE MISURE DEI PSR

3 AGRICOLTURA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE: DOVE INVESTIRE AGRICOLTURA BIOLOGICA: RISPONDE ALLE SFIDE BIODIVERSITÀ, LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO, TUTELA ACQUE. UN HA DI TERRENO COLTIVATO COL METODO BIOLOGICO, GRAZIE ALLA MAGGIORE RITENZIONE DELLE SOSTANZE ORGANICHE, ASSORBE CIRCA 1,5 TONNELLATE DI CO2 L ANNO, PER UN CONTRIBUTO COMPLESSIVO DEL SETTORE CHE SI ATTESTA A CIRCA 1 MILIONE E 650MILA TONNELLATE DI CO2 L ANNO, PARI ALLO 0,3% DELLE EMISSIONI ANNUALI TOTALI ITALIANE LOTTA INTEGRATA: GESTIONE RISORSE IDRICHE; BIOENERGIE (LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO); GESTIONE RISORSE IDRICHE; RETE NATURA 2000

4 PERCHÉ CONCENTRARE LE RISORSE SUL BIO: LA DOMANDA DI MERCATO

5 IL BIOLOGICO ITALIANO INCIDENZA DELLA SAU A BIOLOGICO IN ITALIA E IN SARDEGNA DATO Italia: NAZIONALE 1 paese SAU europeo produttore bio SAU A ,2% di SAU BIOLOGICO (su rispetto al Sau Sardegna: agricola) al 9 posto in SAU A BIO SU Italia come 9% 7.2% SAU TOTALE superficie a bio IL CASO SARDEGNA Anno Operatori bio Calo di oltre 1/3 degli operatori

6 AGRICOLTURA BIO E PSR: RAPPORTO DELLA RETE RURALE NAZIONALE COSA È OPPORTUNO INCENTIVARE: CERTIFICAZIONE DARE PRIORITÀ DEGLI AIUTI A IMPRESE TOTALMENTE BIO SOSTENERE SOLO IMPRESE CHE COMMERCIALIZZANO FILIERA CORTA ZOOTECNIA BIOLOGICA

7 OBIETTIVO BIO: COLLEGARE LA PRODUZIONE AL MERCATO IL PSR DEVE GARANTIRE I CANALI DI COLLEGAMENTO TRA PRODUZIONE E SBOCCHI DI MERCATO IN UNA LOGICA DI FILIERA IL SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE SENZA INTERVENTI SUL SETTORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE (CREAZIONE DI SBOCCHI DI MERCATO CON LA FILIERA CORTA) E DELLA TRASFORMAZIONE (CREARE STRUTTURE DEDICATE ESCLUSIVAMENTE AL BIO) É UNA POLITICA FINE A SE STESSA LA RISTORAZIONE COLLETTIVA E MENSE SCOLASTICHE IN TUTTA LA SARDEGNA SOLO 7 MENSE SCOLASTICHE BIO (DATO BIOBANK, 2008) SU 791 A LIVELLO NAZIONALE GLI APPALTI DELLE MENSE DEVONO DARE PRIORITÀ AI PRODOTTI BIO REGIONALI

8 COLLOCARE IL BIO SUL MERCATO: MENSE SCOLASTICHE ESEMPIO: LA REGIONE LAZIO FINANZIA I PICCOLI COMUNI (CON COPERTURA DELL'80% DELLE SPESE SOSTENUTE PER I CENTRI CON MENO DI 10MILA ABITANTI), GARANTISCE NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PER MINORI UNA PERCENTUALE DI PRODOTTI TIPICI E TRADIZIONALI PROVENIENTI DA COLTIVAZIONI E ALLEVAMENTI BIOLOGICI REGIONALI PARI AD ALMENO IL 50% DEL TOTALE COMPLESSIVO DEGLI ALIMENTI IMPIEGATI IL PSR PUÒ FINANZIARE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DI PRODOTTI BIO A BENEFICIO DI ASSOCIAZIONI DI PRODUTTORI CHE ORGANIZZINO ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, INFORMAZIONE E PROMOZIONE C/O SCUOLE E ENTI PUBBLICI X RISTORAZIONE COLLETTIVA DESTINATI A OPERATORI DI MENSE E CAMPAGNE DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER INSEGNANTI E STUDENTI MISURA 133 SOSTEGNO ALLE ASSOCIAZIONI DI PRODUTTORI PER ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE RIGUARDO AI PRODOTTI CHE RIENTRANO NEI SISTEMI DI QUALITÀ

9 CERTIFICAZIONE ATTIVAZIONE DELLA MISURA 132 RELATIVA ALLA PROMOZIONE DEI SISTEMI DI QUALITÀ PER FINANZIARE I COSTI DI CERTIFICAZIONE VANTAGGIO: PUÒ GARANTIRE ALL AGRICOLTORE BIOLOGICO UN MAGGIOR LIVELLO DI SOSTEGNO, SOPRATTUTTO IN PRESENZA DI IMPORTI DI PAGAMENTO PER L AZIONE AGRICOLTURA BIOLOGICA PARI AI MASSIMALI FISSATI DALLA LEGISLAZIONE COMUNITARIA, E/O UN SOSTEGNO A UN PIÙ AMPIO NUMERO DI AGRICOLTORI RISPETTO A QUELLO DELLE AZIENDE CHE ACCEDONO ALLA MISURA 214 CONCERNENTE I PAGAMENTI AGROAMBIENTALI.

10 INCENTIVARE SOLO LE IMPRESE TOTALMENTE BIO AMMETTERE A FINANZIAMENTO SOLO LE IMPRESE AGRICOLE IN CUI TUTTA LA SAU AZIENDALE È INVESTITA A BIOLOGICO O L INTERO ALLEVAMENTO È BIOLOGICO É UNA SCELTA PIÙ RADICALE DA PARTE DELL AGRICOLTORE E RIDUCE IL RISCHIO DI ADESIONE ALLA MISURA RELATIVA AI PAGAMENTI AGROAMBIENTALI SOLO PER OTTENERE L AIUTO. IN AGGIUNTA, LA REGIONE POTREBBE FISSARE ANCHE A) UNA SUPERFICIE MINIMA E B) IL LIMITE DIMENSIONALE DELL ALLEVAMENTO BIOLOGICO PER GARANTIRE UN EFFETTIVO IMPATTO SULL AMBIENTE, SEBBENE ESISTA IL RISCHIO DI DISCRIMINARE AZIENDE DI PICCOLE DIMENSIONI, MA VITALI, CHE POTREBBERO CONTRIBUIRE EFFICACEMENTE ALLO SVILUPPO DEL BIOLOGICO.

11 IL SOSTEGNO? SOLO AGLI AGRICOLTORI BIO CHE COMMERCIALIZZANO OBIETTIVO: DISTOGLIERE L IMPRESA AGRICOLA DALL OBIETTIVO DI PRODURRE SOLO AL FINE DI OTTENERE CON LA SCELTA DEL BIOLOGICO UN FACILE SOSTEGNO MOTIVAZIONE: - ESAURITO IL SISTEMA DI AIUTI LE IMPRESE RINUNCIANO AL BIOLOGICO. E UN INVESTIMENTO A PERDERE VANTAGGI: SI PROMUOVE LA SFERA COMMERCIALE, RICHIEDENDO ALL AGRICOLTORE CHE IL PRODOTTO SIA COMMERCIALIZZATO TUTTO O IN PARTE COME CERTIFICATO BIOLOGICO; SI EMANCIPA IL SETTORE DALLA DIPENDENZA DAGLI AIUTI COMUNITARI QUESTO ORIENTAMENTO ADOTTATO DA DIVERSE REGIONI MERITA DI ESSERE VALORIZZATO AI FINI DELL IMPEGNO DI COLDIRETTI ALLA COSTRUZIONE DELLA FILIERA CORTA ED ALL INCONTRO CON I CITTADINI CONSUMATORI.

12 COLLOCARE IL BIO SUL MERCATO: FILIERA CORTA FARMERS MARKET GRUPPI DI ACQUISTO PUNTI VENDITA SPECIALIZZATI RAFFORZARE LA PRESENZA DEI PRODOTTI BIOLOGICI ATTRAVERSO UN SISTEMA DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI CHE FREQUENTANO CANALI DISTRIBUTIVI E DI CONSUMO ALTERNATIVI ALLA GDO.

13 ZOOTECNIA BIOLOGICA FISSARE UN PAGAMENTO PIÙ ELEVATO PER LE FORAGGERE NEL CASO DI AZIENDE ZOOTECNICHE BIOLOGICHE CONCEDERE UN SOSTEGNO SPECIFICO PER GLI ALLEVAMENTI (DI TIPO NON INDIRETTO) DIFFERENZIATO PER TIPOLOGIA DI ALLEVAMENTO INCLUDERE TRA LE FORAGGERE ANCHE I PRATI E I PRATI- PASCOLI, MA SOLO SE IN PRESENZA DI ALLEVAMENTI BIOLOGICI E PURCHÉ TALI SUPERFICI SIANO PASCOLATE CONSENTIRE LA CUMULABILITÀ CON LA MISURA 215 RELATIVA AL BENESSERE ANIMALE; CONCLUSIONI DEL PROGETTO DEL CRA-PCM DI ROMA ALIMENTAZIONE: DIFFICOLTA A REPERIRE MAIS E SOIA OGM- FREE. IMPLEMENTARE LA PRODUZIONE REGIONALE DI FONTI PROTEICHE SOSTITUTIVE (AD ES. LEGUMINOSE COME CECE E LUPINO) GENETICA: INCENTIVARE RAZZE RUSTICHE E LOCALI (TUTELA DELLA BIODIVERSITÀ) INDIVIDUARE UN ELENCO STRUTTURE: CREARE STRUTTURE DI MACELLAZIONE IN LOCO

14 AGRICOLTURA INTEGRATA: LE PROSPETTIVE RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE SUI FITOFARMACI DIRETTIVA USO SOSTENIBILE FITOFARMACI (REDAZIONE DEL PIANO NAZIONALE) REGOLAMENTO SU COMMERCIALIZZAZIONE FITOFARMACI (SOSTITUISCE LA DIR. 91/414/CEE) DA 1200 SOSTANZE ATTIVE PRESENTI NEGLI ANNI 80 CON LA REVISIONE IN CORSO SIAMO ARRIVATI A POCO PIÙ DI 300 S.A. CHE CON LA RIFORMA DIMINUIRANNO ULTERIORMENTE DAL 2014 LA LOTTA INTEGRATA DIVENTA OBBLIGATORIA PER TUTTE LE IMPRESE AGRICOLE CONVENZIONALI

15 AGRICOLTURA INTEGRATA=AGRICOLTURA CONVENZIONALE DEL FUTURO RISPONDE ALLA SFIDA GESTIONE RISORSE IDRICHE OCCORRE SOSTENERE LE IMPRESE AGRICOLE NEL PASSAGGIO DALLA LOTTA FITOPATOLOGICA TRADIZIONALE A QUELLA INTEGRATA OCCORRE FINANZIARE LA FORMAZIONE PER AGRICOLTORI E TECNICI PREPARANDO IL SETTORE AL CAMBIAMENTO

16 AGRICOLTURA INTEGRATA? SÌ GRAZIE OGGI L AGRICOLTURA INTEGRATA È SOSTENUTA DALLA MISURA 214 RELATIVA AI PAGAMENTI AGROAMBIENTALI L AGRICOLTURA INTEGRATA A DIFFERENZA DI QUELLA BIOLOGICA NON È DISCIPLINATA DA UN REGOLAMENTO COMUNITARIO ESISTONO ATTUALMENTE LE LINEE GUIDA NAZIONALI DI PRODUZIONE INTEGRATA 2008/2009 (DIFESA INTEGRATA E PRATICHE AGRONOMICHE) CHE SARANNO AGGIORNATE IN VISTA DEL 2010 NORMA UNI11233 DISCIPLINARI DI PRODUZIONE REGIONALE

17 L AGRICOLTURA INTEGRATA IN ITALIA HA COLTIVATI A LOTTA INTEGRATA 593 MILIONI DI EURO NEL PERIODO (1/3 DEI FINANZIAMENTI EROGATI PER LE MISURE AGROAMBIENTALI) SPESA PER LA LOTTA INTEGRATA E DI POCO INFERIORE AL BIOLOGICO CHE NELLO STESSO PERIODO ASSORBE IL 37% ATTENZIONE! A DIFFERENZA DI QUANTO AVVENUTO FINORA PER CUI ALCUNE REGIONI NON FINANZIAVANO L AGRICOLTURA INTEGRATA PRIVILEGIANDO IL BIOLOGICO, IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO COMUNITARIO INDUCE AD UN CAMBIO DI ROTTA LE REGIONI DOVREBBERO TENER PRESENTE TALE ASPETTO

18 GESTIONE RISORSE IDRICHE RISPARMIO IDRICO SISTEMI DI IRRIGAZIONE EFFICIENTI (ES. IRRIGAZIONE A GOCCIA) CREAZIONE DI RISERVE IDRICHE TECNICHE DI PRODUZIONE A BASSO CONSUMO DI ACQUA (ADEGUAMENTO DELLE PRATICHE COLTURALI) TRATTAMENTO ACQUE DI SCARICO GESTIONE DEI SISTEMI COLTURALI: CAMBIO DI VARIETÀ E DELLE PRATICHE AGRONOMICHE (COME LA DATA DI SEMINA); CONSERVAZIONE DELL UMIDITÀ DEL SUOLO: INTRODUZIONE DI TECNICHE DI CONSERVAZIONE DELL UMIDITÀ (NO TILLAGE, PACCIAMATURA, ECC..) E DI GESTIONE DEI SISTEMI DI IRRIGAZIONE (AMMONTARE ED EFFICIENZA); MODIFICHE DEL MICROCLIMA PER MIGLIORARE L EFFICIENZA DELL USO DELL ACQUA: AD ESEMPIO ATTRAVERSO LA REALIZZAZIONE DI FASCE FRANGIVENTO, COLTURE INTERCALARI, ECC.

19 BIOENERGIE: INTERVENTI POSSIBILI IMPIANTI DI BIOGAS DA RIFIUTI ORGANICI COLTURE ENERGETICHE PERENNI PRODUZIONE ENERGIE RINNOVABILI DA BIOMASSE ENERGIA SOLARE EOLICA GEOTERMICA OBIETTIVO. SOSTITUZIONE COMBUSTIBILI FOSSILI MISURA 114 SERVIZI DI CONSULENZA ALLE IMPRESE AGRICOLE PER INVESTIMENTI NEL CAMPO DELLE BIOENERGIE FORMAZIONE DI CONSULENTI PER LA DIFFUSIONE DELLE NUOVE TECNOLOGIE NEL CAMPO DELLE BIOENERGIE E PER LA RICONVERSIONE O PRODUTTIVA DEI TERRENI

20 LA FILIERA CORTA E I DISTRETTI AGROENERGETICI IL LIMITE DI ESTENSIONE SPAZIALE DELLA FILIERA,,OLTRE A GARANTIRE MIGLIORI BILANCI ENERGETICI E DEL CARBONIO, COSTITUISCE UN VINCOLO NECESSARIO PER: - RIDURRE I COSTI E GLI IMPATTI DOVUTI AL TRASPORTO DELLA BIOMASSA AGRICOLA ALL IMPIANTO DI TRASFORMAZIONE (INCIDENDO SUL VALORE AGGIUNTO DEL PRODOTTO ENERGETICO); - PROMUOVERE LA PRODUZIONE ED IL CONSUMO DELL ENERGIA NELL AMBITO TERRITORIALE; - ATTIVARE I DISTRETTI AGROENERGETICI

21 IL DISTRETTO AGROENERGETICO IL DISTRETTO AGROENERGETICO E UN SISTEMA LOCALE CARATTERIZZATO DA UNA RETE DI IMPRESE AGRICOLE CHE, APPLICANDO IL METODO DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA, SONO IN GRADO DI GARANTIRSI L AUTOSUFFICIENZA ENERGETICA OLTRE AD ASSICURARE CONTINGENTI ENERGETICI AL TERRITORIO CON RIDOTTI IMPATTI AMBIENTALI. LA MESSA A PUNTO DI UN DISTRETTO AGROENERGETICO DEVE PREVEDERE UNA ATTENTA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E NON PUO PRESCINDERE DA UNO SCENARIO POLITICO ED ECONOMICO STABILE

22 IL DISTRETTO AGROENERGETICO I PASSAGGI METODOLOGICI: - STUDIO DELLE VOCAZIONALITA E DELLE POTENZIALITA FISICHE DEL TERRITORIO; - INDIVIDUAZIONE DEL SISTEMA TECNOLOGICO, ECONOMICO E COMMERCIALE PIÙ ADATTO; - VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI AMBIENTALI, SOCIALI ED ECONOMICI (DEFINIZIONE DEGLI INDICI DI SOSTENIBILITA ); - AGGREGAZIONE DELLE DIVERSE COMPONENTI, AGRICOLE E INDUSTRIALI, IN UN UNICA ORGANIZZAZIONE IMPRENDITORIALE. IMPORTANTI SONO ANCHE IL LIVELLO DI INFRASTRUTTURAZIONE DEL TERRITORIO E LA CAPACITÀ DI INTERVENTO DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI

23 IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NELLA DIFFUSIONE DEL MODELLO ENERGETICO TERRITORIALE AVVIARE I PROGETTI DI RICERCA STIPULARE ACCORDI DI FILIERA INCENTIVARE L IMPIEGO DI BIOENERGIE SUL TERRITORIO LOCALE VALORIZZARE L IMPIEGO DI BIOCARBURANTI NELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICHE SEMPLIFICARE IL CARICO DI ADEMPIMENTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ASSICURARE UN ELEVATA PROTEZIONE DELL AMBIENTE E CONTROLLI EFFICACI INCENTIVARE LO SVILUPPO DI PICCOLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE CHE SODDISFINO IL FABBISOGNO ENERGETICO TERRITORIALE, PREDILIGENDO IL MODELLO DELLA GENERAZIONE DIFFUSA RISPETTO A QUELLO BASATO SUI GRANDI IMPIANTI

24 NATURA 2000 PIÙ DI 5 MILIONI E MEZZO DI ETTARI DEL TERRITORIO ITALIANO SONO AREE DELLA RETE NATURA 2000 QUESTE AREE NON DEVONO ESSERE GESTITE COME MUSEI MA COME SITI NEI QUALI SI PUÒ SPERIMENTARE UN MODELLO DI AGRICOLTURA SOSTENIBILE CHE OFFRE ALLA COLLETTIVITA - ALIMENTI DI QUALITÀ OTTENUTI CON TECNICHE DI PRODUZIONE RISPETTOSE DELL AMBIENTE SERVIZI AMBIENTALI ATTIVITÀ TURISTICHE, ARTIGIANALI, RICREATIVE ECC CREAZIONE DI RETI ECOLOGICHE APERTE AL PUBBLICO CON PERCORSI DIDATTICI A PIEDI O A CAVALLO VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRIFAUNISTICOVENATORIE VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI OTTENUTI IN QUESTE AREE ANCHE ATTRAVERSO SPECIFICI MARCHI ATTIVAZIONE DELLA MISURA 213 INDENNITÀ NATURA 2000 E INDENNITÀ CONNESSE ALLA DIRETTIVA 2000/60/CEE A COPERTURA DEL MANCATO REDDITO E DEI COSTI AGGIUNTIVI; ELABORAZIONE ED ATTUAZIONE DI PIANI DI GESTIONE CONDIVISI CON IL MONDO AGRICOLO E BASATI SULLA CONCERTAZIONE CON TUTTI GLI ATTORI ECONOMICI DEL TERRITORIO

25 COSA È VERO DI NATURA 2000 AGRICOLTURA, ALLEVAMENTO E GESTIONE FORESTALE SONO ATTIVITÀ COMPATIBILI E SPESSO REMUNERATIVE. LA CONSERVAZIONE DI AREE AD ALTO VALORE NATURALE E LO SVILUPPO RURALE SOSTENIBILE OFFRONO BUONE PROSPETTIVE DI CREAZIONE DI OPPORTUNITÀ OCCUPAZIONALI. LE ZPS, COME MODELLI DI AREE NATURALI BEN CONSERVATE, ATTRAGGONO TURISTI E TRAGGONO BENEFICI DALL INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER L OSSERVAZIONE DEGLI UCCELLI E LA FRUIZIONE NATURALISTICA. L ESISTENZA DI ZPS RAPPRESENTA UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO RURALE ATTRAVERSO L INTRODUZIONE DI MARCHI DI QUALITÀ AMBIENTALE PER PRODOTTI LOCALI (FORMAGGI, MIELE, VINO, ECC.)

26 COSA NON È VERO DI NATURA 2000 L INCLUSIONE DI TERRENI NELLA RETE NATURA 2000 COMPORTA LA PERDITA DELLA PROPRIETÀ. LE PROPRIETÀ PERDONO VALORE. LE ATTIVITÀ ECONOMICHE VERRANNO LIMITATE. CIÒ POTREBBE AVVENIRE OVE LO SFRUTTAMENTO DEI SITI PRODUCA SIGNIFICATIVI IMPATTI NEGATIVI. LA CACCIA È VIETATA. E IMPOSSIBILE SVILUPPARE NUOVE INFRASTRUTTURE IN SITI NATURA ATTIVITÀ QUOTIDIANE DOVRANNO ESSERE SOTTOPOSTE A VALUTAZIONE D INCIDENZA. CIÒ AVVERRÀ SOLO PER ATTIVITÀ CHE PRODUCONO DANNI SIGNIFICATIVI AL SITO.

27 MISURA 213 INDENNITÀ NATURA 2000 QUESTAMISURACOMPENSAGLI AGRICOLTORI PEREVENTUALI COSTI AGGIUNTIVI O MANCATI REDDITI DERIVANTI DALL APPLICAZIONE DI VINCOLI IMPOSTI IN BASE ALLE DIRETTIVE HABITAT E UCCELLI. AD ESEMPIO, IL PIANO DI GESTIONE DI UNA ZPS DESIGNATA PER LA PRESENZA DEL RE DI QUAGLIE O DELL ALBANELLA MINORE PREVEDE CHE TUTTI GLI AGRICOLTORI I CUI PRATI DA SFALCIO RICADONO NEL SITO RITARDINO GLI SFALCI FINO ALLA FINE GIUGNO PER EVITARE LA DISTRUZIONE DELLE COVATE. TRAMITE I PAGAMENTI NATURA 2000 È POSSIBILE COMPENSARE L AGRICOLTORE DEL MANCATO REDDITO OPPURE IL DIVIETO DI SUPERARE UNA CERTA DENSITÀ DI PASCOLO PER NON DISTURBARE LA RIPRODUZIONE A TERRA DI DETERMINATE SPECIE DI UCCELLI, L OBBLIGO DI LASCIARE FASCE TAMPONE INERBITE LUNGO LE ZONE UMIDE PER RIDURRE L EUTROFIZZAZIONE DELLE ACQUE, IL DIVIETO DI CONVERSIONE AD ALTRI USI COLTURALI NEL CASO IN CUI DETERMINATE SPECIE DI UCCELLI DIPENDANO SPECIFICAMENTE DA CERTI TIPI DI COLTURA (ES. ULIVETI, RISAIE, ECC.), ECC.

28 IN CONCLUSIONE ANDIAMO VERSO UN MODELLO DI AGRICOLTURA SEMPRE PIÙ ATTENTO ALL AMBIENTE MA CHE DEVE RISPONDERE AD UNA DOMANDA CRESCENTE DI ALIMENTI

29 IN CONCLUSIONE, SAREBBE OPPORTUNO: INVESTIRE NELL AGRICOLTURA BIOLOGICA, SÌ MA A CONDIZIONE CHE SIA LEGATA AL TERRITORIO ED ORIENTATA AL MERCATO INVESTIRE NELLA LOTTA INTEGRATA, SOSTENENDO LE IMPRESE AGRICOLE CONVENZIONALI NEL PASSAGGIO DALL USO DELLA CHIMICA TRADIZIONALE A QUELLO SOSTENIBILE GARANTIRE COLLEGAMENTO PRODUZIONE-MERCATO RICORRENDO PRIORITARIAMENTE ALLA FILIERA CORTA PROMUOVERE LE BIOENERGIE PERCHÉ A CREARE UN REDDITO INTEGRATIVO PER L IMPRESA AGRICOLA CONSENTONO IL RICICLO DEI SOTTOPRODOTTI AGRICOLI (EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO, BIOMASSE) E CONSENTE IN PARTE DI RISOLVERE I PROBLEMI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA NITRATI INVESTIRE NELLA GESTIONE DELLE ACQUE CHE COSTITUISCE IL PRINCIPALE FATTORE DI PRODUZIONE AGRICOLO GESTIRE L ESERCIZIO DELL AGRICOLTURA NELLE AREE DELLA RETE NATURA 2000 CONTEMPERANDO LA TUTELE AMBIENTALE CON L ESERCIZIO DI ATTIVITÀ ECONOMICHE E RICREATIVE INCLUSA LA CACCIA, RICORDANDO CHE TALI AREE NON SONO SOGGETTE AI MEDESIMI VINCOLI DEI PARCHI; INVESTIRE NELLA FORMAZIONE DELLE IMPRESE AGRICOLE PERCHE ACQUISISCANO LA PROFESSIONALITA NECESSARIA PER SVOLGERE ATTIVITA MULTIFUNZIONALI

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità I giovani imprenditori di Confagricoltura credono fermamente nello sviluppo delle energie rinnovabili ed in particolare delle

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

Le opportunità offerte dai nuovi PSR alla zootecnia biologica CREMONA 28 ottobre 2015 Flaminia Ventura Una misura dedicata la Misura 11 Agricoltura Biologica Aiuti a superficie per: Conversione alle pratiche

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole?

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? Convegno «Agricoltura conservativa dalla teoria alla pratica Cover crop e fertilità del suolo» Chiara Carasi Regione Lombardia

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB Lo stato dell arte della programmazione e dell attuazione delle misure rilevanti per l agricoltura biologica nei PSR regionali. Prime valutazioni e riflessioni. c) Le esperienze di alcune regioni italiane

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

PSR e Agricoltura Biologica Alessandro Triantafyllidis AIAB

PSR e Agricoltura Biologica Alessandro Triantafyllidis AIAB PSR e Agricoltura Biologica Alessandro Triantafyllidis AIAB MA SIAMO IN CRISI? i numeri Da 7 anni il settore biologico è in crescita ininterrotta sia su mercato interno che nell export, ovvero dal 2007

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Rovato, 13 novembre 2013 SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Michele Donati Dipartimento di Bioscienze Università degli Studi di Parma Il nuovo imprenditore agricolo L agricoltore

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008 Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 La PAC e le donne La PAC non è una politica rosa L agricoltura è ancora

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015 ORE 10:00 LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ www.algencal.it PROGETTO DI UN SISTEMA

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale. Dr. ssa Agr. Berna Enrica

Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale. Dr. ssa Agr. Berna Enrica Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale Dr. ssa Agr. Berna Enrica e-mail: enricaberna@libero.it Cosa è la Condizionalità Allegato III e IV del Reg. UE 1782/03 La Condizionalità è l insieme

Dettagli

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR ARDAF e Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Roma Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR «La riforma della PAC e l attuazione del nuovo regime dei pagamenti diretti in Italia:

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA PSR 2014-2020 Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende Responsabile regionale Dott. Andrea Scarponi Tel. 0733 2932288-071 8063649 mail: andrea.scarponi@regione.marche.it

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 CHIARIMENTI SULLE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Silvia Masi Dipartimento Pianificazione Territoriale, Agricoltura, Turismo e Promozione Servizio

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Alberto Lugoboni Regione Lombardia - DG Agricoltura Coordinatore LIFE 12/ENV//IT/578

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening

La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening Patrizia Borsotto Agripiemonteform, 28 ottobre 2014 Presentazione Percorso storico della PAC Le tappe della nuova PAC Obiettivi della nuova PAC Strumento

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA Domenico Coiante ISAT - Istituto per le scelte ambientali e tecnologiche Roma, 11 luglio 2008 1 1 - Bilancio energetico italiano 2005 Disponibilità

Dettagli

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli