LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2014"

Transcript

1

2 CATANIA, 6 MAGGIO 2014 LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2014 Dott. Ernesto GATTO

3 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1) PERSONE FISICHE COMPENSAZIONE CREDITI IMPOSTE DIRETTE E VISTO DI CONFORMITA MODIFICHE TASSAZIONE REDDITI FONDIARI PERSONE FISICHE CEDOLARE SECCA SU LOCAZIONI A CANONE CONCORDATO BONUS RISTRUTTURAZIONI, RISPARMIO ENERGETICO E MOBILI DETRAZIONE IRPEF POLIZZE VITA ED INFORTUNI RIVALUTAZIONE TERRENI E QUOTE PER LE PERSONE FISICHE INCREMENTO DETRAZIONI IRPEF PER I FIGLI A CARICO REDDITI DI FONTE ESTERA E NUOVO QUADRO RW

4 INDICE DEGLI ARGOMENTI 2) IMPRESE E PROFESSIONISTI DEDUCIBILITA PARZIALE IMU PER LE IMPRESE ED I PROFESSIONISTI INDENNITA SUPPLETIVA DI CLIENTELA A.C.E. AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA DELLE IMPRESE RIVALUTAZIONE DEI BENI AZIENDALI NUOVA FISCALITA DIRETTA DELLE AUTO AZIENDALI BENEFICI PER I SOGGETTI CONGRUI E COERENTI AI FINI DEGLI STUDI RECUPERO RITENUTE PER I CONTRIBUENTI MINIMI DEDUZIONE IRAP DAL REDDITO D IMPRESA O PROFESSIONE

5 COMPENSAZIONE CREDITI IMPOSTE DIRETTE E VISTO DI CONFORMITA Per i crediti relativi ad ires, irpef, irap, addizionali, ritenute ed imposte sostitutive Risultanti da dichiarazioni presentate o trasmesse a decorrere dal 2014 (relative al 2013) e di importo superiore a Viene introdotto l obbligo di apposizione del visto di conformità Quale condizione per l utilizzo in compensazione a mezzo modello F24

6 COMPENSAZIONE CREDITI IMPOSTE DIRETTE E VISTO DI CONFORMITA l Agenzia delle entrate ha chiarito Che la soglia di va verificata in relazione ad ogni singola imposta Che le compensazioni oltre la soglia di dovranno essere effettuate con i sistemi Entratel o Fisconline (no home banking) Che tali sistemi consentiranno il superamento della soglia nelle more che venga successivamente apposto il visto di conformità

7 COMPENSAZIONE CREDITI IMPOSTE DIRETTE E VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità potrà essere apposto da Dottori e Ragionieri commercialisti, Consulenti del lavoro ed Esperti tributari iscritti alla CCIAA al 30/09/1993 Che abbiano richiesto all Agenzia delle entrate l iscrizione all Elenco centralizzato dei soggetti legittimati al rilascio del visto Che abbiano stipulato apposita polizza assicurativa di r.c. professionale con massimale di almeno ,80

8 NOVITA SUI VERSAMENTI MEDIANTE MODELLO F24 Dal 1^ ottobre 2014 il Mod. F24 cartaceo sarà consentito solo per versamenti senza compensazioni di importo sino a I versamenti con compensazioni e saldo positivo sino a dovranno essere effettuati a mezzo Entratel, Fisconline o servizi di home banking I versamenti senza compensazioni di importo superiore a dovranno essere effettuate a mezzo Entratel, Fisconline o servizi di home banking Le presentazioni di Modelli F24 a saldo zero dovranno essere effettuate esclusivamente a mezzo Entratel o Fisconline

9 MODIFICHE ALLA TASSAZIONE DEI REDDITI FONDIARI PER LE PERSONE FISICHE La tassazione si applica al 95% del canone annuo di locazione (sino al 2012 era 85%) Per i fabbricati di interesse storico artistico la tassazione si applica al 65% del canone Il 50% della rendita catastale rivalutata di 1/3 dei fabbricati abitativi sfitti siti nel Comune di residenza è soggetto a irpef I fabbricati abitativi concessi in locazione a canone concordato sono soggetti a irpef per il 66,50% del canone

10 BONUS RISTRUTTURAZIONI, RISPARMIO ENERGETICO, MOBILI ARREDI ED ELETTRODOMESTICI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DETRAZIONE DAL 55% AL 65% PER LE SPESE SOSTENUTE DAL 6 GIUGNO 2013 INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE DAL 36% AL 50% PER LE SPESE SOSTENUTE DAL 26 GIUGNO 2012 BONUS MOBILI, ARREDI E GRANDI ELETTRODOMESTICI DETRAZIONE DEL 50% PER LE SPESE SOSTENUTE DAL 6 GIUGNO 2013 NEL LIMITE MAX DI

11 BONUS MOBILI ARREDI ED ELETTRODOMESTICI La detrazione spetta a condizione che il fabbricato che accoglie i beni sia stato già oggetto di opere di ristrutturazione effettuate a partire dal 26 giugno 2012 Il pagamento per il solo acquisto dei beni (non delle opere) può anche essere stato perfezionato con carta di credito o di debito L agevolazione deve essere spalmata in 10 anni e le eventuali quote residue non vengono trasferite al cessionario, erede o donatario

12 BONUS MOBILI ARREDI ED ELETTRODOMESTICI Appare discutibile il chiarimento fornito dall Agenzia delle entrate al Telefisco 2014 Ove viene disconosciuta la spettanza del bonus mobili e arredi a seguito dell installazione di un impianto di allarme Secondo la risposta dell Agenzia l agevolazione resta legata esclusivamente alla previa effettuazione di lavori straordinari

13 ALIQUOTA CEDOLARE SECCA SU LOCAZIONI A CANONE CONCORDATO Per i contratti di locazione a canone concordato l aliquota della cedolare secca per il 2013 scende dal 19% al 15% Per gli stessi contratti di cui sopra l aliquota per il triennio Scende dal 15% al 10% Per i contratti di locazione a canone libero l aliquota Resta ferma al 21% L opzione o la revoca per il regime di tassazione in cedolare secca Da aprile 2014 si effettua con il nuovo Modello RLI (telematico o cartaceo) Oltre all aliquota agevolata il regime della cedolare secca prevede L esonero dalle addizionali irpef, dall imposta di bollo e di registro Una ulteriore differenza tra il regime ordinario e la cedolare secca E costituita dalla tassazione dell intero canone annuale e non del 95%

14 APPLICAZIONE DELLA CEDOLARE SECCA E STIPULA DI CONTRATTI A CANONE CONCORDATO REGIME CEDOLARE SECCA REGIME CANONE CONCORDATO Unità immobiliare abitativa Il solo conduttore deve essere persona fisica ed eleggervi la residenza Entrambe le parti interessate devono essere persone fisiche Il contratto deve avere una durata di 3 anni più eventuali 2 Utilizzo effettivo abitativo Il canone deve essere inferiore alle soglie fissate dal Comune interessato Il locatore rinuncia agli adeguamenti ISTAT Il Comune sede dell immobile deve essere ad alta tensione abitativa

15 DETRAZIONE IRPEF SU POLIZZE VITA ED INFORTUNI! PER IL 2013! PER IL 2014 Il tetto massimo di detrazione dei premi pagati per polizze vita o infortuni scende da a 630 Il tetto massimo di detrazione dei premi pagati per polizze vita o infortuni scende dal 630 a 530 Dal 2014 la spesa massima detraibile risale a per i premi versati con riferimento ad assicurazioni sul rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana I nuovi limiti valgono anche per i premi relativi a contratti di assicurazione vita ed infortuni stipulati o rinnovati entro il 2000

16 RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI QUADRI RM E RT DEL MODELLO UNICO 2014 I dati relativi alla rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni operata nel 2013 devono essere indicati nei suddetti quadri La eventuale omessa indicazione non pregiudica gli effetti della rivalutazione (Circolare n. 1/2013) Terreni: Quadro RM - Sez. X righi da RM20 a RM22 Partecipazioni: Quadro RT righi RT 105 e 106

17 INCREMENTO DETRAZIONI PER I FIGLI A CARICO Dal 2013 le detrazioni per i figli a carico sono le seguenti FIGLIO A CARICO DA 800 A 950 FIGLIO DI ETA INFERIORE A TRE ANNI DA 900 A FIGLIO A CARICO DISABILE DA 950 A FIGLIO DISABILE DI ETA INF. A TRE ANNI DA A 1.620

18 REDDITI DI FONTE ESTERA E NUOVO QUADRO RW L art.9 della legge n. 97/2013 ha inciso fortemente nella costruzione del nuovo Quadro RW Eliminazione della soglia di per l obbligo di segnalazione Eliminazione delle vecchie sezioni I e III in cambio di una maggiore complessità Riduzione rilevante delle sanzioni in caso di irregolarità nella compilazione Ampliamento dei soggetti tnuti alla segnalazione (società e trust) Netta differenziazione tra irregolarità commesse in relazione a Paesi a fiscalità ordinaria (adempimenti e sanzioni ridotte) rispetto a quelle commesse in relazione a Paesi a fiscalità privilegiata (adempimenti più complessi e sanzioni più pesanti)

19 REDDITI DI FONTE ESTERA E NUOVO QUADRO RW NUOVO!! Non esiste più invece il codice 99 altre operazioni

20 IL QUADRO DELLE SANZIONI Sanzioni del Quadro RW Investimenti in Paesi a fiscalità ordinaria Investimenti in Paesi a fiscalità privilegiata Ante L. 97/2013 Post L. 97/2013 Ante L. 97/2013 Post L. 97/2013 Dal 10 al 50% degli Dal 3 al 15% Dal 10 al 50% degli Dal 6 al 30% degli importi importi non dichiarati degli importi non importi non dichiarati dichiarati non dichiarati Presunzione di costituzione di reddito delle somme non dichiarate e raddoppio periodi di accertamento Eliminata la devastante sanzione del sequestro per equivalente

21 IL CONTO CORRENTE 1 Giacomo è titolare di un conto corrente in comproprietà col coniuge Marta detenuto in Francia. Il conto corrente ha un saldo al 1 gennaio 2013 di euro mentre al il saldo è di euro. Gli interessi attivi corrisposti nel corso del 2013 ammontano a euro. Non vi sono soggetti delegati al prelievo.

22 IL CONTO CORRENTE 2 Sergio ha un potere di prelievo sul conto corrente dei genitori Giacomo e Marta dell'esempio precedente. Alla luce dei chiarimenti della C.M. 38/E/2013 egli deve comunque procedere alla segnalazione nel modulo RW del conto corrente estero.

23 L IMMOBILE 3 Marco ha un immobile in Francia sfitto. Il costo di acquisto è di euro. In Francia ha pagato le seguenti imposte patrimoniali: Tax foncière 600 euro Impôt de Solidarité sur la Fortune 800 euro Valore locatizio euro

24 L IMMOBILE 4 Costo storico

25 L IMMOBILE 5 Giuseppe detiene un immobile in Lussemburgo ma esclusivamente in nuda proprietà. La compilazione del modello avverrà con le seguenti modalità.

26 CENNI SUL NUOVO REDDITOMETRO Un solo splafonamento annuale può far scattare l accertamento (necessari due scostamenti sino al 2008) Lo scostamento tra reddito dichiarato e reddito accertato deve essere > 20% (sino al 2008 era il 25%) La spesa per incrementi patrimoniali si presume finanziata da redditi dello stesso anno (sino al 2008 in 5 anni) E necessario che l avviso di accertamento sia preceduto dal doppio contraddittorio (non obbligatorio sino al 2008)

27 MAGGIORE ACCURATEZZA NELLA RICOSTRUZIONE SINTETICA DEL REDDITO Processo logico nella nuova determinazione del reddito I contribuenti sono stati differenziati in funzione del nucleo familiare e dell area territoriale di appartenenza 11 nuclei familiari tipo 5 aree territoriali

28 DAL REDDITO ACCERTABILE AL NUCLEO FAMILIARE A QUELLO RIGUARDANTE LA SINGOLA PERSONA FISICA Si valuta l incidenza di ciascun singolo reddito dichiarato in relazione alla somma di tutti i redditi dichiarati dai componenti il nucleo familiare e le spese sostenute dai familiari a carico vengono attribuite pro-quota ai soggetti che li hanno posti a proprio carico

29 MODALITA DA SEGUIRE PER CALCOLARE LO SCOSTAMENTO MAX DEL 20% Il contribuente può essere accertato se il reddito determinato sinteticamente supera quello dichiarato maggiorato del 20% (modalità più penalizzante per il contribuente) REDDITO DICHIARATO REDDITO ACCERTATO IL CONTRIBUENTE PUO ESSERE ACCERTATO ( % = )

30 PROCESSO LOGICO NELLA «NUOVA» DETERMINAZIONE SINTETICA DEL REDDITO L Agenzia delle entrate in sede di indagine dovrà prendere in considerazione L entità più elevata tra la spesa effettivamente riscontrata o risultante dalle informazioni presenti in anagrafe tributaria e quella derivante dai dati di spesa per elementi certi certificati dall Istat Non si considerano le spese effettivamente relative all attività d impresa, arte o professione sulla base di idonea documentazione

31 DETERMINAZIONE SINTETICA DEL REDDITO Spese che dalle informazioni presenti nell anagrafe tributaria risultano sostenute dal contribuente Spese per elementi certi (auto, affitto, etc ) sulla base del maggior valore tra quello sostenuto effettivamente e quello certificato dall Istat Spesa per incrementi patrimoniali del contribuente imputabile al periodo d imposta (immobili, auto, imbarcazioni, etc..) Quota di risparmio riscontrata formatasi nell anno I beni e servizi ad uso promiscuo concorrono per la parte non deducibile (auto 80%, telefonia 20%, ristoranti ed alberghi 25%, etc..)

32 RICADUTE DELL EVENTUALE ACCERTAMENTO SINTETICO DA REDDITOMETRO Considerato che l accertamento interviene sul reddito complessivo e non sulla singola categoria di reddito Non vi sono conseguenze diverse da quelle che riguardano l irpef e le sue addizionali NO IVA NO IRAP NO INPS

33

34 GIUSTIFICAZIONI OPPONIBILI DAL CONTRIBUENTE Esistenza di redditi esenti o soggetti a ritenuta d imposta (dividendi, T.F.R.) Somme derivanti da disinvestimenti patrimoniali (immobili, titoli, riscatto polizze vita) Utilizzo di finanziamenti, donazioni, eredità, vincite

35 GIUSTIFICAZIONI OPPONIBILI DAL CONTRIBUENTE Presenza di redditi effettivi a fronte di redditi convenzionali (agrari, forfettari, etc ) Reddito spendibile maggiore del reddito dichiarato (t.f.r., ammortamenti, accantonamenti, importi a forfait, etc.) Utilizzo di risparmi di periodi d imposta precedenti

36 RIVALUTAZIONE BENI AZIENDALI SOCIETA DI CAPITALE QUADRO RQ DEL MODELLO UNICO 2014 SC Vanno indicati i dati relativi alla rivalutazione dei beni ammortizzabili, non ammortizzabili e delle partecipazioni operate sul bilancio 2013 I righi 71,72 e 73 - colonne 1 e 2 richiedono semplicemente l indicazione dei maggiori valori attribuiti e della relativa imposta sostitutiva BENI AMMORTIZZABILI = 16% BENI NON AMMORTIZZABILI = 12% PARTECIPAZIONI = 12% I righi 78 a 79 sono invece riservati ai soggetti che intendono affrancare, in tutto o in parte, il saldo di rivalutazione risultante (aliq. 10%) Analoga impostazione è riscontrabile nei modelli Unico 2014 SP e PF

37 IL PROSPETTO DEL QUADRO RQ: sezione A È sufficiente la compilazione del prospetto Se non pago la sostitutiva mi verrà iscritta a ruolo negozio abitazione

38 I TOTALI DA VERSARE: sezione B Questa parte normalmente non interessa XXXXX Qui si indicano gli importi della sostitutiva anche della sezione A, ma l imposta sostitutiva dovrà essere versata in unica soluzione (Dl 66/2014)

39 AFFRANCAMENTO DEL SALDO ATTIVO DELLA RIVALUTAZIONE sezione C Per Agenzia Riserva al lordo sostitutiva Per giurisprudenza Riserva al netto sostitutiva l imposta sostitutiva dovrà essere versata in unica soluzione (Dl 66/2014)

40 RIVALUTAZIONE 2008 E 2013 E QUADRO RV! Esempio : Bene costo storico ammortizzato al per , residuo quindi Valore di mercato al 2008 = Valore di sostituzione Si determina un saldo attivo di su cui è stata versata l imposta sostitutiva pari al 3% di , cioè Coefficiente d ammortamento pari al 3%.! Quote di ammortamento : 2008 = 3000, 2009/2013 = (indeducibile = )! Residuo 2013 = meno fondo = ( valore fiscale )

41 RIVALUTAZIONE 2008 E 2013 E QUADRO RV Esempio : Bene costo storico ammortizzato al per , residuo quindi Valore di mercato al 2013 = Valore di sostituzione Si determina un saldo attivo di su cui è stata versata l imposta sostitutiva pari al 16%. Il coefficiente d ammortamento è pari al 3%. Quote di ammortamento: 2013 =

42 A.C.E. AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA DELLE IMPRESE Nel Modello Unico 2014 l agevolazione si applica agli incrementi del patrimonio netto al 31/12/2013 (al netto dell utile 2012) e rispetto a quello al 31/12/2010 (al netto dell utile 2010) La determinazione degli incrementi e del relativo rendimento nozionale si effettua nel quadro RS righi Il risultato di tale processo viene trasferito al quadro RN rigo 6 colonna 4 per l abbattimento del reddito imponibile Nelle società di persone e nelle ditte individuali in contabilità ordinaria (anche per opzione) Il rendimento nozionale del 3% si applica all intero patrimonio netto al 31/12/2013

43 ACE NEL QUADRO RS: INCREMENTI E DECREMENTI Cumulo degli incrementi eseguiti nel 2011/12/13 Riduzioni effettive in denaro e in natura per attribuzione ai soci Possibili incrementi 2013! Utile 2012 a riserva 2013 Conferimenti in denaro 2013 (ragguaglio) Conferimenti in denaro e utili destinati a riserva nel 2011 e 2012 (computo al 100%) Riserve indisponibili che sono diventate disponibili (es. utili su cambi realizzati nel 2013)! Possibili decrementi 2013 Distribuzioni utili 2013 e attribuzioni in natura 2013, rilevanza dall oltre ai decrementi verificatisi nel 2011 e 2012

44 LA FISCALITA DIRETTA DELLE AUTO AZIENDALI Dal 2013 la fiscalità diretta delle auto aziendali è la seguente LA DEDUCIBILITA DEI COSTI PER LE AUTO DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SCENDE DAL 40% AL 20% LA DEDUCIBILITA DEI COSTI PER LE AUTO IN USO PROMISCUO AI DIPENDENTI SCENDE DAL 90% AL 70% RESTANO IMMUTATE LE REGOLE PER GLI AGENTI DI COMMERCIO CHE DEDUCONO L 80% DEI COSTI RESTANO IMMUTATE LE REGOLE PER I CONTRIBUENTI MINIMI CHE DEDUCONO IL 50% DEI COSTI

45 ATTENZIONE ALLE CONSEGUENZE DA REDDITOMETRO Al Telefisco 2014 l Agenzia delle entrate ha chiarito che per le sole imprese individuali ed i professionisti La parte dei costi di acquisto e di impiego dei beni ad uso promiscuo non deducibili Concorre a formare il reddito sinteticamente accertabile dello stesso contribuente Ciò evidentemente investirebbe l 80% dei costi auto, il 20% delle spese telefoniche, il 25% di ristoranti e alberghi, etc..

46 DEDUCIBILITÀ IRAP E IMU Indicare le imposte imputate indeducibili nel Conto economico Deduzione Irap forfettaria Per interessi passivi Deduzione Irap analitica Costo del lavoro Deduzione Imu per immobili strumentali

47 DEDUCIBILITA PARZIALE DELL IMU PER LE IMPRESE ED I PROFESSIONISTI Per l anno 2013 e deducibile dal reddito dìimpresa, arte o professione Dal 2014 la percentuale di deducibilita scende al 20% Il 30% dell IMU pagata sugli immobili strumentali La deduzione si applica con il criterio di cassa ma e inibita la deduzione dell IMU 2012 ancorché pagata nel 2013 Si indica tra le variazioni in diminuzione dal reddito (quadro RF codice 38) Si ritiene che non sia deducibile l IMU pagata su immobili ad uso promiscuo ne le sanzioni e gli interessi in caso di pagamento ritardato

48 DEDUZIONE IRAP DAL REDDITO D IMPRESA RIGO RF 55 DEL MODELLO UNICO 2014 SOCIETA DI CAPITALE Nel modello Unico 2014 tra le variazioni in diminuzione dal reddito è indicata l irap sul costo del lavoro e quella a forfait sugli oneri finanziari Con il codice 12 si indica la deduzione forfettaria pari al 10% degli importi pagati nel 2013 a condizione che vi siano oneri finanziari che eccedano i proventi Con il codice 33 si indica la deduzione analitica integrale degli importi pagati nel 2013 (compreso il saldo 2012) in relazione al costo del personale dipendente

49 RECUPERO RITENUTE CONTRIBUENTI MINIMI RIGO RS 40 DEL MODELLO UNICO 2014 PERSONE FISICHE Nel modello Unico 2014 è stato istituito il rigo RS 40 che accoglie le ritenute subite (ancorché per errore) dai contribuenti minimi Il Rigo può accogliere qualunque tipologia di ritenuta subita da un contribuente minimo e gli consente di distribuirla a suo piacimento all interno dei righi: - RN 32: per la parte da utilizzare a deconto dell irpef dovuta - LM 13: per la parte da utilizzare a deconto dell imposta sost. dovuta

50 INDENNITA SUPPLETIVA DI CLIENTELA L Agenzia delle entrate con la circolare n. 33/2013 ha definitivamente sciolto i nodi relativi al criterio di deducibilità Accantonamenti effettuati sino al 1992 Deducibili per cassa Accantonamenti effettuati dal 1993 Deducibili per competenza

51 SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI DI MODESTO IMPORTO Nonostante la circolare 26/E/2013 parifichi le svalutazioni alle perdite, la compilazione del prospetto blocca la deducibilità dei crediti di modesto importo se non inseriti nel rigo delle perdite. Ad esempio, crediti , con svalutazione di 2 crediti di modesto importo da ciascuno. IL PROBLEMA NON SI PONE SE INDICO NEL RIGO DELLE PERDITE. SENZA BLOCCO CON BLOCCO

52 SOCIETA DI COMODO: LA STRUTTURA DEL PROSPETTO PRIMA ANALISI SECONDA ANALISI

53 SOCIETA DI COMODO: LE ESCLUSIONI PIÙ COMUNI 2 per i soggetti che si trovano nel primo periodo d imposta NON OPERATIVE 7 per le società che nei due esercizi precedenti hanno avuto un numero di dipendenti mai inferiore alle dieci unità PERDITA SISTEMICA 9 per le società che presentano un ammontare complessivo del valore della produzione (raggruppamento A del conto economico) superiore al totale attivo dello stato patrimoniale 11 per le società che risultano congrue e coerenti ai fini degli studi di settore

54 SOCIETA DI COMODO: LE DISAPPLICAZIONI PIÙ COMUNI TRIENNIO DI RIFERIMENTO:! Società che detengono partecipazioni, iscritte esclusivamente tra le immobilizzazioni finanziarie, il cui valore economico è prevalentemente riconducibile a: - società considerate non in perdita sistematica ; - società escluse dall'applicazione per interpello; - società collegate residenti all'estero cui si applica il regime dell'articolo 168 del TUIR. Società che hanno ottenuto l'accoglimento dell'istanza di disapplicazione della disciplina sulle società in perdita sistematica in relazione ad un precedente periodo di imposta senza variazioni Società che conseguono un margine operativo lordo positivo. Società per le quali risulta positiva la somma algebrica della perdita fiscale di periodo e degli importi che non concorrono a formare il reddito imponibile per effetto di proventi esenti, esclusi o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o ad imposta sostitutiva, ovvero di disposizioni agevolative. 11 Società che risultano congrue e coerenti ai fini degli studi di settore 99 Società già impegnatesi allo scioglimento

55 SOCIETA DI COMODO: LA GESTIONE DEGLI INTERPELLI TERMINE ENTRO 90 GIORNI DAL TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI (se si vuole dal termine dei versamenti) STRUTTURA GLI INTERPELLI SONO AUTONOMI PER REGIME DELLE NON OPERATIVE E DELLE PERDITE SISTEMICHE (vanno a due uffici diversi e richiedono due intestazioni diverse) IMPUGNARE IL DINIEGO? LA IMPUGNABILITA DELL EVENTUALE DINIEGO E UNA FACOLTA DEL CONTRIBUENTE. NON E MAI PRECLUSA LA POSSIBILITA DI IMPUGNARE L AVVISO DI ACCERTAMENTO

56 BENEFICI PER I SOGGETTI CONGRUI E COERENTI Esistono una serie di benefici di cui possono usufruire i soggetti congrui e e coerenti ai fini degli studi di settore E causa di esclusione dalla disciplina sulle società non operative E causa di disapplicazione dalla disciplina sulle società in perdita sistemica Si sottolinea che l incoerenza non è mai sanabile mentre la congruità è raggiungibile anche mediante spontaneo adeguamento in dichiarazione

57 BENEFICI PER I SOGGETTI CONGRUI E COERENTI Ulteriori benefici di cui possono usufruire i soggetti congrui e e coerenti ai fini degli studi di settore Preclusione degli accertamenti basati sulle presunzioni semplici (presuntivi e/o analiticopresuntivi) Riduzione di un anno degli ordinari termini di decadenza per gli accertamenti La determinazione sintetica del reddito complessivo (Redditometro) è ammessa a condizione che il reddito accertabile ecceda di oltre 1/3 quello dichiarato

58 RISPOSTE AI QUESITI

59 Le slide relative al corso saranno scaricabili dal nostro sito all indirizzo: GRAZIE E ARRIVEDERCI

LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2013

LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2013 CATANIA, 8 MAGGIO 2013 LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2013 Dott. Ernesto GATTO INDICE DEGLI ARGOMENTI PERDITE SU CREDITI DI MODESTO IMPORTO ESONERO DA IRPEF PER GLI IMMOBILI NON LOCATI AUMENTO DELLE DEDUZIONI

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Con il provvedimento 31.1.2014 pubblicato sul sito internet dell Agenzia

Dettagli

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE FRANCESCA GEROSA

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 92 15.05.2014 I chiarimenti del Fisco Circolare 10/E del 14/05/2014 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2014 Come di consueto l Agenzia delle Entrate, dopo aver fornito

Dettagli

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 SEGRETERIA PROVINCIALE - TORINO La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 A cura di Riccardo Perinetto DAL 2012 ESISTONO DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA DI COMODO SOCIETA NON OPERATIVE (problemi ricavi)

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione Il punto di pratica professionale Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione a cura di Carlo Cavalleri e Sergio Deangelis Consulenti del Lavoro in Genova Da

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA 1.1 Principali novità fiscali della Legge di Stabilità 2014 CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA 2.1 Novità in materia di deduzioni 2.2.1 Presupposto soggettivo 2.2.2 Misura dell agevolazione

Dettagli

UNICO 2014 ODCEC CREMA 27 giugno 2014. A cura di Giovanni Valcarenghi

UNICO 2014 ODCEC CREMA 27 giugno 2014. A cura di Giovanni Valcarenghi UNICO 2014 ODCEC CREMA 27 giugno 2014 A cura di Giovanni Valcarenghi PROROGHE ALL ULTIMO MINUTO PROROGHE ALL ULTIMO MINUTO finalmente! 1. I contribuenti tenuti ai versamenti risultanti dalle dichiarazioni

Dettagli

Le novità della dichiarazione dei redditi 2014

Le novità della dichiarazione dei redditi 2014 Le novità della dichiarazione dei redditi 2014 4 di Efrem Carlo Longoni Anche quest anno saranno numerose le novità di cui tenere conto in sede di determinazione del carico fiscale e di compilazione dei

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Villadose, 19 aprile 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Da una prima valutazione generale, possiamo affermare che la dichiarazione dei redditi 2013, per quanto concerne

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

DAL 1 OTTOBRE SCATTA L F24 TELEMATICO PER I PAGAMENTI SUPERIORI AD EURO 1.000

DAL 1 OTTOBRE SCATTA L F24 TELEMATICO PER I PAGAMENTI SUPERIORI AD EURO 1.000 DAL 1 OTTOBRE SCATTA L F24 TELEMATICO PER I PAGAMENTI SUPERIORI AD EURO 1.000 Abstract - Così come stabilito dall art. 11, 2 comma del DL n. 66/2014, con decorrenza 1 ottobre 2014, i versamenti di cui

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

UNICO 2014. a cura di Francesco Barone. A cura di...

UNICO 2014. a cura di Francesco Barone. A cura di... UNICO 2014 a cura di Francesco Barone COMPENSAZIONE Crediti non superiori a 15.000 euro da compensare Crediti Ires e/o Irap superiori a 15.000 euro da compensare Non è necessaria la presentazione della

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI RAPPORTO IMU -IRPEF REDDITI FONDIARI

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI Milano 12 marzo 2013 Fedart Relatore: Dott. Ferruccio Dal Lin Determinazione Base Imponibile Trattamento delle ritenute sui frutti di capitale Ace Altre considerazioni

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Dettagli

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI a cura di Celeste Vivenzi Entro il prossimo 02/12/2013 (il 30/11 cade di sabato) va versata la 2 o unica rata degli acconti

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23)

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23) STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.6.2011 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2011 CEDOLARE

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Circolare n. 1/2015 Del 21.01.2015 LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Il Decreto Semplificazioni e la Legge di stabilità hanno introdotto alcune

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

IMU ed imposte sui redditi

IMU ed imposte sui redditi I Dossier Fiscali IMU ed imposte sui redditi I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate (C.M. 5/E/2013) SOMMARIO IMU ed imposte sui redditi... 3 IMU in sostituzione dell IRPEF Effetti sui singoli redditi...

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

LE SOCIETÀ DI COMODO NEL MODELLO UNICO 2015

LE SOCIETÀ DI COMODO NEL MODELLO UNICO 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE SOCIETÀ DI COMODO NEL MODELLO UNICO 2015 a cura di Gian Paolo Ranocchi 25 maggio 2015 - MILANO SOCIETÀ DI COMODO I PROBLEMI I problemi per le società non

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 90/2013 GIUGNO/14/2013 (*) 28 Giugno 2013 NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 STUDIO BURLONE - CRISA Dottori Commercialisti e Revisori contabili CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 LEGGE DI STABILITA La Legge di Stabilità (147/2013) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio Settembre 2014 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Modello F24: dal 1 ottobre in vigore nuove regole (DL n. 66 del 24.04.2014, convertito con legge n. 89 del 23.06.2014) Gentile

Dettagli

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO CATANIA 15 MARZO 2011 LA LEGGE DI STABILITA 2011 E LE ULTIME NOVITA PER PROFESSIONISTI E IMPRESE Dott. Ernesto GATTO BLOCCO COMPENSAZIONI DAL 2011 NON E PIU CONSENTITO UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE I CREDITI

Dettagli

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO UNICO 2014 Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale NOVITA " RIFERIMENTI "

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

Scelto Per Voi. Dall Ici all IMU La Base Imponibile dell IMU e calcolo dell imposta

Scelto Per Voi. Dall Ici all IMU La Base Imponibile dell IMU e calcolo dell imposta Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi VCO - finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici - un tema di approfondimento

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF (D.P.R. 22 DICEMBRE 1986 N. 917) DEFINIZIONE: IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE CARATTERISTICHE: IMPOSTA

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Alessandro Cotto UNICO 2011 - NOVITÀ Nuova sezione del Quadro RS per la Tremonti-quater (agevolazione tessile) Istruzioni Quadro RW completamente riviste Eliminato

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2014; provvedimento di modifica del 10 marzo 2014. Modello UNICO Persone

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 0 REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE Codice attività studi di settore: cause di esclusione

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA PROVINCIALE FLP SCUOLA DI FOGGIA 71121 Foggia Via Nicola Delli Carri, 15 sito internet: www.flpscuolafoggia.it Email: info@flpscuolafoggia.it

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 19 gennaio 2009 FONTI NORMATIVE ART. 15, COMMI DA 16 A 23, DL 29.11.2008, N. 185 SI APPLICANO, IN QUANTO COMPATIBILI, LE

Dettagli

La cedolare secca: aggiornamento e comportamento conseguente ai fini fiscali e contrattuali.

La cedolare secca: aggiornamento e comportamento conseguente ai fini fiscali e contrattuali. La cedolare secca: aggiornamento e comportamento conseguente ai fini fiscali e contrattuali. Gli Aspetti fiscali della cedolare secca Gli Aspetti fiscali della cedolare secca Gli Aspetti fiscali della

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 08 24.04.2014 Società di comodo: novità 2014 Rateizzazione delle plusvalenze, nuova collocazione in Unico SC, chiarimenti in tema di impianti

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 20 Gennaio 2014 OGGETTO : Legge 27.12.2013 nr. 147 Legge di stabilità 2014 pubblicata sulla G.U. nr. 302 del 27.12.2013 S.O. n.87. È stata approvata la

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Dott.ssa Elisa Salvadeo energetico e ristrutturazioni edilizie 1 La circolare ministeriale 13/E del 09.05.2013 ha fornito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è entrato

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF ASPETTI GENERALI La struttura del Quadro discende dallo schema normativo di determinazione dell imposta a debito o a credito, così determinato: Reddito complessivo (meno) Deduzione

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell NOVITA LEGISLATIVE CEDOLARE SECCA AFFITTI Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011 è stata data attuazione, con effetto dal 2011 alla cedolare secca sugli affitti,

Dettagli

Associazione Commercialisti Salerno SALERNO 07/02/2014 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DISTABILITÀ. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO

Associazione Commercialisti Salerno SALERNO 07/02/2014 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DISTABILITÀ. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO Associazione Commercialisti Salerno SALERNO 07/02/2014 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DISTABILITÀ Relatore: Dott. Riccardo PATIMO IL POTENZIAMENTO DELL ACE 2 POTENZIAMENTO DELL ACE (ex art. 1, D.L. 201/2011) (L.

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014

LA LEGGE DI STABILITA 2014 Numero circolare 1 Data 20/01/2014 LA LEGGE DI STABILITA 2014 Abstract: Rif.to normativo: Recentemente è stata pubblicata sulla G.U. la Finanziaria 2014, c.d. Legge di stabilità 2014, che tra le principali

Dettagli

Le novità del modello 730/2014

Le novità del modello 730/2014 Le novità del modello 730/2014 Sono state pubblicate e disponibili per la consultazioni sul sito dell Agenzia delle entrate le bozze del modello 730/2014 e le relative istruzioni. Numerose sono le novità

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

Modello Unico 2013: cosa non dimenticare per le persone fisiche

Modello Unico 2013: cosa non dimenticare per le persone fisiche Modello Unico 2013: cosa non dimenticare per le persone fisiche La dichiarazione dei redditi della persona fisica, relativa al periodo d imposta 2012, è interessata da alcune significative differenze rispetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Finanziaria 2007 e Collegato fiscale:

Finanziaria 2007 e Collegato fiscale: Finanziaria 2007 e Collegato fiscale: quali novità per i professionisti? Barbara Rizzato dottore commercialista Le fonti normative La Finanziaria per il 2007: legge 296/2006 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011

LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011 Circolare informativa n. 15 del 13 Aprile 2011 LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011 Il decreto legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, recante disposizioni in materia

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI 29 Aprile 2013 DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI Dott. Giangiacomo Indri Raselli SCADENZE 730 => al CAF entro 31/5/2013 trasmesso entro il 17/06/2013 Unico PF/mini

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli