Cooperative Learning

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cooperative Learning"

Transcript

1 Cooperative Learning Italy September 2011 Kathy Green with ß Isabella Ghilarducci Paola Debernardi Gianni di Pietro Gianni Di Pietro

2 Il mio lavoro con voi oggi è, come sempre, ispirato da e dedicato a mio marito. 2

3 Il vecchio paradigma 3

4 Il nuovo paradigma 4

5 Word Web (Rete di parole) Centro definito: Scrivi il tuo nome al centro della pagina (scegli un colore). Disegna un cerchio intorno al tuo nome. Traccia delle linee a partire dal cerchio in tutte le direzioni. Argomento: I tuoi obiettivi personali/accademici per l'anno appena iniziato. Per esempio, nuovi apprendimenti, corsi, attività musicali, amicizie, attività fisiche,viaggi. Alla fine di ogni linea scrivi un obiettivo. Puoi aggiungere dei dettagli che si diramano da ciascun obiettivo. 5

6 Class Builder: Mix/Mingle/Freeze (Attività di costruzione del gruppo-classe: Mischiarsi/Mescolarsi/Fermarsi) 1 Lascia il tuo tavolo, portando con te il tuo organizzatore grafico e una penna. 2 Rimani di umore amichevole e rilassato. 3 Cammina finché senti la campanella. Fermati e rivolgiti alla persona a te più vicina. 4 L'abilità sociale/collaborativa è l'ascolto attivo. 5 Stringetevi le mani presentatevi con nome, scuola/ufficio di appartenenza, posizione. (io stabilirei delle regole di base per gli studenti le prime volte che chiedo loro di stringersi le mani) 6 Condividete le vostre reti di parole (word web): a) condividete soltanto ciò che non vi crea disagio. b) se c'è tempo, fate domande per ampliare o chiarire le idee. 7 Inizia a parlare il compagno con i capelli più chiari (3 minuti ciascuno). Controllate il vostro tempo. 8 Ringraziatevi quando avete finito. 9 Camminate nuovamente fino al suono della campanella. 6

7 Il segnale Tenere breve il tempo Prima il lavoro individuale La dimensione dei gruppi Assegnare ruoli agli studenti Stabilire semplici regole di gruppo Dare agli studenti 'feedback' specifici sul loro comportamento Gestire una c Sorprenderli ad essere bravi Dare agli studenti molte opportunità di lavorare in gruppo che siano semplici, divertenti, interessanti o sfidanti Gestire una classe cooperativa 7

8 Libricino delle riflessioni 8

9 9

10 Riflessioni Scrivi nel tuo libricino delle riflessioni che cosa speri di sperimentare o imparare oggi 10

11 Obiettivi Ripasso dei fondamenti dell apprendimento cooperativo (5 elementi base e 9 tipi di interdipendenza positiva) Condivisione di esperienze di apprendimento cooperativo Nuove strutture e idee (imparare facendo) Obiettivi per gli insegnanti nel XXI secolo (8 competenze chiave europee) (PISA) (Canada) Come l apprendimento cooperativo e altre strategie di insegnamento possono aiutarci a realizzare questi obiettivi Divertirci insieme lavorando e imparando 11

12 Braccialetti Formare gruppi di quattro; ciascun componente del gruppo deve avere un braccialetto di colore diverso. * Teste numerate * Contact Activity (Attività di contatto) Think/Write/Pair/Share (Pensa / Scrivi / A coppie / Condividi) Vi chiederò di condividere 3 cose con i vostri compagni di tavolo: Nome Scuola/Classe/Posizione Perché la qualità indicata sul tuo braccialetto è importante per insegnanti e studenti? Inizia il n 1. Controllore del tempo il n 4 perchè? 12

13 Contact Activity for Language Class (Attività di contatto per lezioni di lingue) What is your favorite colour? (Qual è il tuo colore preferito?) Imagine you can touch, smell, taste, and hear it. (Immagina di poterlo toccare, annusare, gustare e sentire.) Write down what it is like. (Scrivi com'è.) Does it feel soft like a cotton ball or spiky like a cactus? (E' morbido come un batuffolo di cotone o spinoso come un cactus?) Does it smell cozy like baking bread or sour like a lemon? (Profuma di buono come il pane infornato o di aspro come un limone?) Does it taste smooth like ice cream or crunchy like toast? (Ha un sapore dolce e bene amalgamato come gelato o croccante come pane tostato?) Is it a big loud sound or a quiet whispering one? (È un suono forte o bisbigliato?) 13

14 Riflessioni sull'articolo di David Brooks, "Non è questione di te (It's Not About You) New York Times - giugno 2011 Il giornalista del New York Times David Brooks ha recentemente scritto un messaggio che sperava fosse comunicato ai giovani di tutto il mondo. Il suo articolo descrive lo spirito di libertà che contraddistingue la vita dei giovani che sono diventati maggiorenni in un mondo di comunicazioni istantanee, connessioni globali e compagnie internet miliardarie. Ma ha avuto parole di invito alla cautela riguardo al culto dell'auto-realizzazione. Più conosco persone dotate di talento dice Brooks più mi convinco che la vera felicità, un senso genuino di soddisfazione, derivino non dal 'trovare' se stessi, ma dal 'perdere' se stessi in un'impresa in cui si crede, una causa per cui si è pronti a combattere, un talento che si è coltivato o un impegno a risolvere un problema che non ha ancora trovato una soluzione. In altre parole, il 'noi' è più grande dell' 'io' - la vera misura del successo non è il valore che crei per te stesso, ma i valori che definiscono il tuo operare e come guidi gli altri e vivi. Le storie di realizzazione personale spesso trascurano il fatto che le persone di maggiore successo, le più felici ed efficaci, trascorrono la maggior parte del loro tempo concentrate su cose più grandi di loro - il senso del loro operare, la loro volontà di combattere, l'eredità che sperano di lasciare. Non puoi guidare se non sai seguire! Non è sempre il 'te' che conta, ma piuttosto la missione, qualcosa con un obiettivo che sia un po' oltre la portata di tutti noi. Come scrive Brooks, "ai laureati di oggi viene detto di trovare la loro passione e poi cercare di realizzare i loro sogni. L'implicazione è che dovrebbero prima trovare se stessi e poi partire e vivere il proprio viaggio, la propria ricerca." In realtà, il vero successo e la felicità nella vita richiedono più di questo. Essere interessanti non è un problema per le persone di talento", a Brooks piace dire, ma è un dono l'essere interessati - interessati a risolvere problemi, interessati alle doti e alle difficoltà dei propri colleghi, interessati ad essere parte di un gruppo che lavora finché un compito è portato a termine. In altre parole, meno interessati a se stessi e più interessati al mondo intorno a sé. Come Brooks conclude nel suo imperdibile articolo, "lo scopo nella vita non é trovare se stessi ma perdersi." Ecco quindi la speranza che tutti i vostri studenti, mentre diventano adulti del XXI secolo, possano perdersi, nel senso migliore del termine. Il mio desiderio oggi, in questa giornata di formazione, è di raggiungere una più ampia comprensione delle competenze di cui i vostri studenti hanno bisogno per perdere se stessi, e del ruolo che l'apprendimento cooperativo può avere nell'insegnamento di quelle competenze. 14

15 15

16 Class Builder (Attività per la costruzione del gruppo classe) Organizzatore grafico Ranking Ladder (Scala d'importanza) Individua cinque idee chiave in questo brano. Sottolineale o evidenziale sulla tua pagina. Mettile in ordine cominciando dall'idea più importante, che sarà il n 1. Sistemale sull'organizzatore grafico a scala, con l'idea più importante sul gradino più alto. Aggiungi a lato i motivi della tua scelta. Scrivi il tuo nome in cima al foglio dell'organizzatore grafico. 16

17 Esaminare le idee dal brano e dagli elenchi. Esaminare la Ranking Ladder (scala d'importanza) Come la si potrebbe utilizzare? Variazioni? Che tipo di pensiero viene esercitato? 17

18 Realizzare il successo degli studenti Trovare percorsi migliori, che interessino gli studenti, per farli pensare. Esaminare come ciò si colleghi al fatto che gli studenti lavorano efficacemente insieme. Concentrarsi sul pensiero di tipo induttivo e deduttivo. Perché abbiamo bisogno di riflettere? Perché abbiamo bisogno di parlare? 18

19 Deduzione e induzione Il pensiero deduttivo e induttivo Nella logica, spesso si fa riferimento ai due ampi metodi di ragionamento come approcci deduttivo e induttivo. Il ragionamento deduttivo opera dal più generale al più specifico. Talvolta questo viene informalmente chiamato un approccio top down (dall'alto verso il basso). Si può iniziare a pensare a una teoria circa un argomento d'interesse. Poi la si delimita a più specifiche ipotesi che si possono vagliare. Ci si delimita ulteriormente accumulando osservazioni per sottoporre a verifica le ipotesi. Ciò in definitiva rende possibile verificare le ipotesi con dati specifici si perviene così ad una conferma (o meno) delle teorie originali. TEORIA IPOTESI OSSERVAZIONE CONFERMA Il ragionamento induttivo opera in modo diverso, muovendo da osservazioni specifiche verso più ampie generalizzazioni e teorie. In modo informale, talvolta lo si definisce approccio bottom up * (dal basso verso l'alto). Nel ragionamento induttivo, si procede da specifiche osservazioni e misurazioni, iniziando a riscontrare modelli e regolarità, formulando delle ipotesi che si possono esplorare, concludendo infine con lo sviluppo di alcune conclusioni generali o teorie. OSSERVAZIONE MODELLO IPOTESI SPERIMENTALE TEORIA Questi due metodi di ragionamento risultano molto diversi quando si conduce un esperimento. Il ragionamento induttivo, in virtù della sua stessa natura, è più aperto ed esplorativo, soprattutto all'inizio. Il ragionamento deduttivo è invece di natura più circoscritta e si occupa di verificare o confermare delle ipotesi. Tuttavia, anche se uno studio particolare può apparire puramente deduttivo (es.: un esperimento condotto per verificare gli effetti ipotizzati di un certo trattamento su qualche risultato), la maggior parte della ricerca sociale implica processi di ragionamento sia induttivo che deduttivo in qualche fase del progetto. In realtà, non ci vuole un genio di scienziato per vedere che potremmo mettere insieme gli elementi uniti sopra con le frecce per formare un unico cerchio che visualizzi un ciclo continuo che muove dalle teorie alle osservazioni per poi tornare alle teorie e via di seguito. Anche nel più lvincolato degli esperimenti, i ricercatori possono osservare dei modelli nei dati che li portano a sviluppare nuove teorie. * please note that it's bottom up and not bottoms up, which is the kind of thing the bartender says to customers when he's trying to close for the night. 19

20 Contact Activity (Attività di contatto) Think /Write /Pair /Share (Pensa / Scrivi / A coppie / Condividi) Scrivi ciò che hai imparato o che ti è piaciuto questa mattina. Abilità sociale Ascolto attivo Condividi col tuo vicino Condivisione intorno al tavolo; ciascun componente del gruppo condivide ciò che ha sentito dal compagno Inizia il n 3 un minuto ciascuno. 20

21 Apprendimento cooperativo Cinque elementi di base 1) Mini lezione 2) Conversazione intorno al tavolo per chiarimenti 3) Interdipendenza positiva 4) Insegnata e ripassata al tavolo 5) Domande TGT per verificare la comprensione 21

22 I I cinque elementi di base dell'apprendimento cooperativo nterdipendenza positiva: gli studenti lavorano insieme per completare un compito. Tutti devono lavorare per raggiungere l'obiettivo. R esponsabilità individuale: gli studenti si assumono la responsabilità del proprio apprendimento e di quello del gruppo. V alutazione del gruppo e definizione di obiettivi: gli studenti auto-valutano, individualmente e come gruppo, la propria prestazione, chiedendosi: cosa ho/abbiamo fatto bene? Cosa potrei/potremmo fare meglio la prossima volta? C I ompetenze sociali: abilità di interazione umana che permettono agli studenti di lavorare insieme (per esempio, criticare le idee non le persone). nterazione faccia-a-faccia: gli studenti sono in stretta prossimità fra di loro. 22

23 23

24 La valutazione di gruppo per rinforzare la responsabilità individuale 1. Tre cose che il gruppo ha fatto bene lavorando insieme Il nostro gruppo è molto bravo a Parole che descrivono il nostro gruppo sono Le azioni che hanno aiutato il gruppo sono state La prossima volta saremo più bravi a/nel Una cosa che il gruppo può migliorare è... 24

25 PWIM Picture Word Inductive Model - Emily Calhoun Modello induttivo di correlazione immagine-parole Obiettivo: come gruppo, analizzare una figura e collegarne il contenuto a un'affermazione riguardante l'educazione. Abilità sociali: 1. Uguale partecipazione 2. Costruire sulle idee degli altri 3. Raggiungere il consenso Responsabilità: Ciascun componente del gruppo participerà all'analisi dell'immagine e alla costruzione dell'affermazione. Inoltre, ciascun componente sarà in grado di spiegare l'analisi ad altri. Gettoni (Talking chips) verranno utilizzati per favorire l'uguale partecipazione. Ruoli: n 1 scriverà la frase del gruppo riguardante la figura. Controllore del tempo. n 2 traccerà le linee e scriverà in verde le parole sopra l'immagine. n 3 traccerà le linee e scriverà in blu le parole a fianco dell'immagine. n 4 traccerà le linee e scriverà in rosso le parole sotto l'immagine. Tempo: 30 minuti Procedura: 1. Il n 4 ritira il materiale dalla cattedra: l'immagine e il foglio su cui scrivere la affermazione. 2. L'immagine, posta nel centro del tavolo, viene osservata, in silenzio, dai componenti del gruppo, per un minuto. 3. Si individuano le cose concrete, ovvie da vedere, quali per esempio una barca o un cane. 25

26 4. Il n 2 scrive, usando il pennarello verde. I componenti del gruppo usano un gettone alla volta per fornire una parola. Colui che scrive traccia una riga dalla parte alta della figura e scrive la parola. Tempo 5 minuti. 5. La figura viene osservata in silenzio ancora per un minuto; questa volta i componenti del gruppo riflettono cercando parole che non siano del tutto ovvie, quali per esempio felice poiché qualcuno sta sorridendo. 6. Il n 3 scrive, usando il pennarello blu. I componenti del gruppo, utilizzando i gettoni, suggeriscono delle parole, e il n 3 ogni volta traccia una linea a destra e sinistra dell'immagine e scrive la parola. Tempo 5 minuti. 7. I gruppi nuovamente osservano ciascuno la propria figura in silenzio, questa volta riflettendo alla ricerca di parole e frasi che siano il risultato di inferenze (qualcosa viene suggerito dalla figura e su questo ci si basa per fare un' inferenza). Per esempio, è autunno perché cadono le foglie, o la ragazza sarà nei guai quando arriverà a casa perché si è strappata la giacca. Il n 4 traccia le linee e scrive, sotto la figura, con il pennarello rosso. Tempo 5 minuti. 8. Inizia quindi una discussione complessiva su quanto l'immagine comunica a proposito dell'educazione. Si prendono in considerazione tutti gli elementi di analisi forniti. Il gruppo concorda su da una a tre frasi e il n 1 la/le scriverà sull'apposito foglio. Tutti i componenti del gruppo apporranno la loro firma al fondo se ritengono di aver contribuito allo svolgimento del compito. Esamina l'attività prendendo in considerazione le due seguenti domande: Cosa abbiamo fatto bene come gruppo? Cosa potremmo migliorare la prossima volta? 26

27 Interdipendenza positiva Quando tutti i componenti del gruppo si sentono collegati l'uno all'altro nella realizzazione di un comune obiettivo. I. Obiettivo II. Risorse III. Ruolo IV. Sequenza Premio V. Pressione esterna VI. Ambiente VII. (incentivo) intrinseco VIII. Simulazione IX. Identità Responsabilità individuale Ogni componente del gruppo si sente responsabile del successo della squadra ed è in grado di dimostrare di avere appreso. Valutazione di gruppo I componenti del gruppo valutano ciò che hanno fatto bene e definiscono ciò che dovranno fare per migliorare la prossima volta. Abilità sociali Abilità di interazione umana, vengono insegnate e praticate all'interno dell'attività. Si tratta di abilità che permettono al gruppo di funzionare in modo efficace e di portare a termine il compito; favoriscono la comunicazione, la fiducia, la presa di decisioni e la risoluzione di conflitti. Interazione faccia a faccia Si verifica quando i componenti del gruppo si trovano in un ambiente che crea stretto contatto fra loro, in modo che comunichino facilmente e in modo rispettoso. 27

28 Quali conoscenze, competenze, comportamenti e valori sono utili per gli studenti secondo l indagine PISA (Programme for International Student Assessment)? I vecchi principi fondamentali con una aggiunta: capacità di leggere, scrivere e comprendere applicare i principi matematici alle situazioni reali utilizzare concetti scientifici e comprendere la loro importanza nella società 28

29 29

30 Come i migliori sistemi scolastici al mondo si classificano primi McKinsey & Company Settembre 2007 Per scoprire la ragione per cui alcuni sistemi scolastici funzionano meglio di altri, abbiamo studiato venticinque fra i sistemi scolastici del mondo, compresi dieci fra i primi classificati. Abbiamo esaminato cosa questi sistemi hanno in comune e quali strumenti utilizzano per migliorare i risultati degli studenti. Abbiamo riscontrato che i sistemi scolastici che ottengono risultati eccellenti (high-performing), benché notevolmente diversi fra loro per composizione e contesto, hanno mantenuto una forte attenzione al miglioramento della capacità di istruire, per via dell'impatto diretto che questa ha sui risultati degli studenti. Per migliorare la qualità dell'istruzione, questi sistemi scolastici fanno bene e in modo coerente tre cose: 1. Fanno diventare insegnanti le persone giuste (la qualità di un sistema educativo non può superare la qualità dei suoi insegnanti). 2. Formano queste persone per farle diventare docenti efficaci (il solo modo per migliorare i risultati è migliorare la capacità di istruire). 3. Mettono a punto sistemi e organizzano supporto mirato in modo tale da assicurare che ogni alunno possa beneficiare di istruzione eccellente (il solo modo per far sì che il sistema raggiunga le migliori prestazioni è quello di elevare il livello di qualità di ciascuno studente). 30

31 DIAGRAMMA DI VENN

32 Le competenze chiave & il triplo diagramma di Venn Uno strumento per confrontare e trovare analogie e differenze Obiettivo: Completare un triplo diagramma di Venn che metta a confronto e in contrasto le migliori idee di tre istituzioni riguardanti le competenze chiave per gli studenti del XXI secolo. Abilità sociali (collaborative) : Uguale partecipazione Ascolto attivo Raggiungere il consenso Risorse: Pennarelli (ogni cerchio e il suo contenuto sarà di un colore diverso); grandi fogli di carta; 3 materiali di lettura PISA, Unione Europea e le abilità per essere idonei al lavoro del Canada. Responsabilità: Tutti i componenti del gruppo contribuiranno in misura uguale all'assunzione di decisioni, con l'aiuto di gettoni per la presa di parola. Tutti saranno pronti a riferire il lavoro del gruppo. Ciascuno firmerà il diagramma se ritiene di aver fatto la propria parte. Ruoli : n 1 scrive le idee al centro n 2 scrive le idee nei cerchi esterni n. 3 valuta le abilità sociali (su foglio apposito) + spia n 4 disegna il diagramma di Venn con un largo cerchio al centro. 32

33 Procedura: A. Si distribuiscono i gettoni (talking chips) (4 ciascuno) e il materiale da leggere. N 1, Canada; n 2, UE 1-4; n 3, UE 5-8; n 4, PISA. B. Il n 2 disegna il triplo diagramma di Venn su un grande foglio di carta. Viene scritto il titolo sopra i cerchi (Canada, UE, PISA). C. Ogni componente del gruppo legge, sottolinea o evidenzia il proprio materiale di lettura. D. Iniziando dal n 1, ciascuno nomina una competenza citata nel proprio materiale e quindi si procede intorno al tavolo per vedere se è presente anche negli altri elenchi di competenze. Bisogna essere consapevoli che la competenza potrebbe essere espressa con parole diverse. E. Decidere in gruppo dove scrivere ciascuna competenza: - al centro se comune ai tre testi - in un cerchio esterno se la si trova solo in un testo - in due cerchi esterni se è presente in due materiali di lettura. F. Procedere in modo efficace: il n 1 scrive ciò che il gruppo ha deciso nel cerchio centrale e il n 2 nei cerchi esterni. 33

34 Confronta l'elenco al centro del vostro diagramma di Venn con le indicazioni dei programmi italiani per il XXI secolo. Nota analogie e differenze 34

35 Gallery Tour (Giro in galleria) Il più giovane componente del gruppo affigge (o colloca su un banco) il vostro foglio col diagramma. In gruppo, spostandovi in senso orario nell'aula, esaminate il lavoro degli altri gruppi, osservando in particolare le differenze rispetto alle vostre decisioni. 35

36 Competenze chiave per l'apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo (da Summaries of EU legislation ) Le competenze per l'apprendimento permanente sono una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto. Sono particolarmente necessarie per la realizzazione e lo sviluppo personali, l'inclusione sociale, la cittadinanza attiva e l occupazione. Il quadro di riferimento europeo delinea otto competenze chiave: - comunicazione nella madrelingua, che è la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in una vasta gamma di contesti culturali e sociali; - comunicazione nelle lingue straniere, che comporta, oltre alle principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua, abilità di mediazione e comprensione interculturale. Il livello di padronanza dipende da diversi fattori e varia tra le quattro dimensioni (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta); - competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia. La competenza matematica è l'abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. L'accento è posto sugli aspetti del processo e dell'attività oltre che su quelli della conoscenza. Le competenze di base in campo scientifico e tecnologico si riferiscono alle abilità, all'uso e all'applicazione di conoscenze e metodologie che riguardano il mondo che ci circonda. Comportano la comprensione dei cambiamenti determinati dall'attività umana e la consapevolezza della responsabilità di ciascun cittadino; - competenza digitale, che consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell'informazione (TSI) e quindi le abilità di base nelle TIC (tecnologie dell'informazione e della comunicazione); 36

37 - imparare a imparare, che è l'abilità di perseverare nell'apprendi-mento, di organizzare il proprio apprendimento, sia a livello individuale che in gruppo, secondo i propri bisogni, e comprende la consapevolezza dei metodi e delle opportunità disponibili; - competenze sociali e civiche. La competenza sociale riguarda le capacità personali, interpersonali e interculturali e tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa. E' collegata al benessere personale e sociale. E' essenziale la comprensione dei codici di comportamento e delle maniere generalmente accettati in diversi ambienti e società. La competenza civica, e in particolare la conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitici (democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili), dota le persone degli strumenti per impegnarsi in una partecipazione attiva e democratica; - spirito di iniziativa e imprenditorialità, che è la capacità di tradurre le idee in azioni. In ciò rientrano la creatività, l'innovazione e l'assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. La persona è consapevole del contesto in cui opera e sa cogliere le opportunità che si offrono. E' il punto di partenza per acquisire le abilità e le conoscenze più specifiche di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad una attività sociale o commerciale. Dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon governo; - consapevolezza ed espressione culturale, che comporta la consapevolezza dell'importanza dell'espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un'ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive. Queste competenze chiave sono correlate tra loro e l'accento in ogni caso è su pensiero critico, creatività, iniziativa, capacità di risolvere i problemi, valutazione del rischio, assunzione di decisioni e capacità di gestione costruttiva dei sentimenti. 37

38 COMPETENZE DI OCCUPABILITÀ (EMPLOYABILITY SKILLS) DEL CONFERENCE BOARD DEL CANADA 1. Competenze accademiche: Quelle abilità che costituiscono le fondamenta per acquisire un lavoro, mantenerlo, progredire in esso, e per conseguire i migliori risultati. I datori di lavoro hanno bisogno di persone che siano in grado di Comunicare Capire e parlare le lingue con cui si conducono le attività lavorative Ascoltare per capire e imparare Leggere, comprendere e utilizzare materiali scritti, inclusi grafici, tabelle e presentazioni Scrivere in modo efficace nelle lingue in cui si conducono le attività lavorative Pensare Pensare in modo critico e agire in modo logico per valutare situazioni, risolvere problemi e prendere decisioni Capire e risolvere problemi che implicano la competenza matematica e usarne i risultati Utilizzare in modo efficace le tecnologie, gli strumenti e i sistemi di informazione e comunicazione Saper accedere a conoscenze specializzate da ambiti diversi (per esempio, occupazioni qualificate, tecnologie, scienze fisiche, arti e scienze sociali) e saperle applicare. Imparare: Continuare ad apprendere su tutto l'arco della vita 2. Competenze di gestione personale: La combinazione di abilità, attitudini e comportamenti richiesti per ottenere un lavoro, mantenerlo, progredire in esso, e per conseguire i migliori risultati. I datori di lavoro canadesi hanno bisogno di persone che sappiano dimostrare: Attitudini e comportamenti positivi: Auto-stima e fiducia Onestà, integrità ed etica personale Un atteggiamento positivo nei confronti dell'apprendimento, della crescita e della salute personale Iniziativa, energia e persistenza nel portare a termine un lavoro 38

39 Responsabilità: L'abilità di definire obiettivi e priorità nel lavoro e nella vita personale La capacità di programmare e gestire il tempo, il denaro e altre risorse per raggiungere degli obiettivi Responsabilità per le azioni intraprese Adattabilità Un atteggiamento positivo verso il cambiamento La capacità di individuare e suggerire nuove idee per svolgere un lavoro - creatività 3. Capacità di lavorare in gruppo: Quelle abilità necessarie per lavorare con gli altri e per conseguire i migliori risultati. I datori di lavoro canadesi hanno bisogno di persone che sappiano: Lavorare con gli altri Capire gli obiettivi dell'organizzazione e contribuire al loro raggiungimento Capire la cultura del gruppo e lavorare al suo interno Programmare e prendere decisioni con gli altri e saper lavorare per mantenerle e ottenere buoni risultati Rispettare i pensieri e le opinioni degli altri nel gruppo Esercitare il "dare e avere" per il conseguimento dei risultati del gruppo Cercare un adeguato approccio di squadra Guidare gli altri quando opportuno, mobilitando il gruppo nella realizzazione di alte prestazioni. 39

40 Riflessione 1 Guarda l'elenco delle competenze al centro del vostro diagramma di Venn. 2 Esamina l'elenco delle attività che abbiamo fatto oggi. 3 Quale competenze abbiamo messo in gioco e come? 4 Prima il lavoro individuale, poi la condivisione di gruppo. 40

41 Riflettere sul lavoro svolto: Quale parte del lavoro abbiamo svolto bene? Quale parte abbiamo trovato difficile? Sull interazione di gruppo: Come abbiamo fatto a lavorare bene in gruppo? Cosa si potrebbe fare per migliorare il lavoro di gruppo? 41

42 1. Tre cose che il gruppo ha fatto bene lavorando insieme 2. Il gruppo è molto bravo a 3. Parole che descrivono il nostro gruppo sono 4. Le azioni che hanno aiutato il gruppo sono state. 5. La prossima volta saremo più bravi a/nel 6. Una cosa che il gruppo può migliorare è 42

43 L'essere umano educato in modo liberale L'istruzione scolastica fornirà un' educazione generale sfaccettata e completa, con conoscenze concrete riguardo all'essere umano, alla società e alla natura che possano fornire ampie visioni e prospettive: con il know-how la maturità per affrontare le sfide pratiche, sociali e personali della vita; e con qualità e valori che facilitino la cooperazione fra i popoli e rendano la convivenza fra loro arricchente ed emozionante. 43

44 L' essere umano funzionante Il più importante fra i compiti pedagogici è quello di comunicare ai bambini e ai giovani che essi stanno continuamente facendo progressi, affinché acquisiscano fiducia nelle proprie capacità. 44

45 Success To laugh often and love much; to win the respect of intelligent persons and the affection of children; to earn the approbation of honest critics and to endure the betrayal of false friends; to appreciate beauty; to find the best in others; to give of oneself; to leave the world a bit better, whether by a healthy child, a garden patch or redeemed social condition; to have played and laughed with enthusiasm and sung with exultation; to know that even one life has breathed easier because you have livedthis is to have succeeded. Ridere spesso e amare molto; ottenere il rispetto di persone intelligenti e l affetto dei bambini; guadagnarsi l'approvazione di critici onesti e sopportare il tradimento di falsi amici; apprezzare la bellezza; trovare il meglio negli altri; dare se stessi; lasciare il mondo un po' migliore, attraverso un bambino sano, un pezzo di giardino o una condizione sociale riscattata; avere giocato e riso con entusiasmo e cantato con esultanza; sapere che anche una sola esistenza è stata più lieta perché tu hai vissuto - questo è avere avuto successo. 45

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) Competenze europee: 1. LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: che

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No Gli obiettivi

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 5 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE Il ruolo della musica nella costruzione di competenze Franca Da Re La definizione di COMPETENZA nel quadro europeo «combinazione di conoscenze, abilità e atteggiamenti

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Alessia Rossi Università di Genova. Genova, 3-5 novembre 2015

Alessia Rossi Università di Genova. Genova, 3-5 novembre 2015 Alessia Rossi Università di Genova Genova, 3-5 novembre 2015 ALLE VOLTE UNO SI CREDE INCOMPLETO ED È SOLTANTO GIOVANE Italo Calvino, Il visconte dimezzato ESSERE GIOVANI VUOL DIRE TENERE APERTO L OBLÒ

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione La presenza e il ruolo di ciascun utente nella sperimentazione è rilevato mediante il questionario di ingresso e il questionario di uscita (form):

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza ALL. A Competenze chiave di cittadinanza Cosa sono Dove se ne parla Riferimenti europei L intreccio Nel dettaglio A cosa servono Cosa contrastare Come si acquisiscono Le competenze chiave di cittadinanza

Dettagli

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro 1 di 5 Progetto in attesa di conferma dall'ust Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Denominazione Istituto Codice Meccanografico Indirizzo Scolastico LICEO LINGUISTICO PARITARIO "PIAMARTA" BSPL095008

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO

LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO COMPETENZE ATTESE A. DIDATTICA LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO A. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA - SCUOLA DELL INFANZIA come da Documento del 4 Settembre 2012: Indicazioni

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

HAPPY CHILDREN Crescere Felici

HAPPY CHILDREN Crescere Felici HAPPY CHILDREN Crescere Felici La formazione efficace deve tradurre il contenuto dell'educazione e dell istruzione in forme di pensiero congrue all età, stimolanti e tali da invogliare il fanciullo ad

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza 1 Componenti dell Asse dei linguaggi Padronanza della lingua italiana come ricezione e produzione, orale e scritta Conoscenza di almeno una lingua straniera

Dettagli

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo 1. Analizzare l evento: con la vittima da sola con altri che sono coinvolti con tutto il gruppo con gli educatori LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTO SPORT Classi prima seconda terza quinta Il progetto di avvale della consulenza e collaborazione di esperti di Educazione motoria della Polisportiva

Dettagli

Le Life skills. corso per operatori Asl 8 2 giornata. Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo

Le Life skills. corso per operatori Asl 8 2 giornata. Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Le Life skills Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 corso per operatori Asl 8 2 giornata Richiami 1 giornata formazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO

POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO POSitivitiES Positive Psychology in European Schools PositiviES è un progetto europeo Comenius multilaterale che si prefigge

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla

Progetto. a cura di. Massimo Merulla Progetto Poesia Educativa per Figli e Genitori Ri Conoscersi attraverso l espressione poetica Corso Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo corso è il risultato

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 SIAMO TUTTI POETI Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 Docente Anna Maria Pirisi Premessa La poesia è un tipo di testo a misura dei

Dettagli

GOLDEN GROUP. The Life Living Company

GOLDEN GROUP. The Life Living Company GOLDEN GROUP The Life Living Company Le 5 domande per chiudere una vendita Ti interessano? Allora seguimi con molta attenzione Domanda N.1 In base a quali criteri scegliete un fornitore o un Partner? Domanda

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Un esperienza di successo. Guida per l insegnante

Un esperienza di successo. Guida per l insegnante Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Diventare consapevole delle proprie capacità e dei propri limiti. Compito di cristallizzazione - Nell analisi delle situazioni

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SAPERI METODOLOGIE

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole Istituto Comprensivo Statale C. Carminati di Lonate Pozzolo Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Classi: 2 C- Scuola Primaria Volta 1 A- Scuola Secondaria Carminati a.s. 2009-2010 Unità di Apprendimento

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli