Cooperative Learning

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cooperative Learning"

Transcript

1 Cooperative Learning Italy September 2011 Kathy Green with ß Isabella Ghilarducci Paola Debernardi Gianni di Pietro Gianni Di Pietro

2 Il mio lavoro con voi oggi è, come sempre, ispirato da e dedicato a mio marito. 2

3 Il vecchio paradigma 3

4 Il nuovo paradigma 4

5 Word Web (Rete di parole) Centro definito: Scrivi il tuo nome al centro della pagina (scegli un colore). Disegna un cerchio intorno al tuo nome. Traccia delle linee a partire dal cerchio in tutte le direzioni. Argomento: I tuoi obiettivi personali/accademici per l'anno appena iniziato. Per esempio, nuovi apprendimenti, corsi, attività musicali, amicizie, attività fisiche,viaggi. Alla fine di ogni linea scrivi un obiettivo. Puoi aggiungere dei dettagli che si diramano da ciascun obiettivo. 5

6 Class Builder: Mix/Mingle/Freeze (Attività di costruzione del gruppo-classe: Mischiarsi/Mescolarsi/Fermarsi) 1 Lascia il tuo tavolo, portando con te il tuo organizzatore grafico e una penna. 2 Rimani di umore amichevole e rilassato. 3 Cammina finché senti la campanella. Fermati e rivolgiti alla persona a te più vicina. 4 L'abilità sociale/collaborativa è l'ascolto attivo. 5 Stringetevi le mani presentatevi con nome, scuola/ufficio di appartenenza, posizione. (io stabilirei delle regole di base per gli studenti le prime volte che chiedo loro di stringersi le mani) 6 Condividete le vostre reti di parole (word web): a) condividete soltanto ciò che non vi crea disagio. b) se c'è tempo, fate domande per ampliare o chiarire le idee. 7 Inizia a parlare il compagno con i capelli più chiari (3 minuti ciascuno). Controllate il vostro tempo. 8 Ringraziatevi quando avete finito. 9 Camminate nuovamente fino al suono della campanella. 6

7 Il segnale Tenere breve il tempo Prima il lavoro individuale La dimensione dei gruppi Assegnare ruoli agli studenti Stabilire semplici regole di gruppo Dare agli studenti 'feedback' specifici sul loro comportamento Gestire una c Sorprenderli ad essere bravi Dare agli studenti molte opportunità di lavorare in gruppo che siano semplici, divertenti, interessanti o sfidanti Gestire una classe cooperativa 7

8 Libricino delle riflessioni 8

9 9

10 Riflessioni Scrivi nel tuo libricino delle riflessioni che cosa speri di sperimentare o imparare oggi 10

11 Obiettivi Ripasso dei fondamenti dell apprendimento cooperativo (5 elementi base e 9 tipi di interdipendenza positiva) Condivisione di esperienze di apprendimento cooperativo Nuove strutture e idee (imparare facendo) Obiettivi per gli insegnanti nel XXI secolo (8 competenze chiave europee) (PISA) (Canada) Come l apprendimento cooperativo e altre strategie di insegnamento possono aiutarci a realizzare questi obiettivi Divertirci insieme lavorando e imparando 11

12 Braccialetti Formare gruppi di quattro; ciascun componente del gruppo deve avere un braccialetto di colore diverso. * Teste numerate * Contact Activity (Attività di contatto) Think/Write/Pair/Share (Pensa / Scrivi / A coppie / Condividi) Vi chiederò di condividere 3 cose con i vostri compagni di tavolo: Nome Scuola/Classe/Posizione Perché la qualità indicata sul tuo braccialetto è importante per insegnanti e studenti? Inizia il n 1. Controllore del tempo il n 4 perchè? 12

13 Contact Activity for Language Class (Attività di contatto per lezioni di lingue) What is your favorite colour? (Qual è il tuo colore preferito?) Imagine you can touch, smell, taste, and hear it. (Immagina di poterlo toccare, annusare, gustare e sentire.) Write down what it is like. (Scrivi com'è.) Does it feel soft like a cotton ball or spiky like a cactus? (E' morbido come un batuffolo di cotone o spinoso come un cactus?) Does it smell cozy like baking bread or sour like a lemon? (Profuma di buono come il pane infornato o di aspro come un limone?) Does it taste smooth like ice cream or crunchy like toast? (Ha un sapore dolce e bene amalgamato come gelato o croccante come pane tostato?) Is it a big loud sound or a quiet whispering one? (È un suono forte o bisbigliato?) 13

14 Riflessioni sull'articolo di David Brooks, "Non è questione di te (It's Not About You) New York Times - giugno 2011 Il giornalista del New York Times David Brooks ha recentemente scritto un messaggio che sperava fosse comunicato ai giovani di tutto il mondo. Il suo articolo descrive lo spirito di libertà che contraddistingue la vita dei giovani che sono diventati maggiorenni in un mondo di comunicazioni istantanee, connessioni globali e compagnie internet miliardarie. Ma ha avuto parole di invito alla cautela riguardo al culto dell'auto-realizzazione. Più conosco persone dotate di talento dice Brooks più mi convinco che la vera felicità, un senso genuino di soddisfazione, derivino non dal 'trovare' se stessi, ma dal 'perdere' se stessi in un'impresa in cui si crede, una causa per cui si è pronti a combattere, un talento che si è coltivato o un impegno a risolvere un problema che non ha ancora trovato una soluzione. In altre parole, il 'noi' è più grande dell' 'io' - la vera misura del successo non è il valore che crei per te stesso, ma i valori che definiscono il tuo operare e come guidi gli altri e vivi. Le storie di realizzazione personale spesso trascurano il fatto che le persone di maggiore successo, le più felici ed efficaci, trascorrono la maggior parte del loro tempo concentrate su cose più grandi di loro - il senso del loro operare, la loro volontà di combattere, l'eredità che sperano di lasciare. Non puoi guidare se non sai seguire! Non è sempre il 'te' che conta, ma piuttosto la missione, qualcosa con un obiettivo che sia un po' oltre la portata di tutti noi. Come scrive Brooks, "ai laureati di oggi viene detto di trovare la loro passione e poi cercare di realizzare i loro sogni. L'implicazione è che dovrebbero prima trovare se stessi e poi partire e vivere il proprio viaggio, la propria ricerca." In realtà, il vero successo e la felicità nella vita richiedono più di questo. Essere interessanti non è un problema per le persone di talento", a Brooks piace dire, ma è un dono l'essere interessati - interessati a risolvere problemi, interessati alle doti e alle difficoltà dei propri colleghi, interessati ad essere parte di un gruppo che lavora finché un compito è portato a termine. In altre parole, meno interessati a se stessi e più interessati al mondo intorno a sé. Come Brooks conclude nel suo imperdibile articolo, "lo scopo nella vita non é trovare se stessi ma perdersi." Ecco quindi la speranza che tutti i vostri studenti, mentre diventano adulti del XXI secolo, possano perdersi, nel senso migliore del termine. Il mio desiderio oggi, in questa giornata di formazione, è di raggiungere una più ampia comprensione delle competenze di cui i vostri studenti hanno bisogno per perdere se stessi, e del ruolo che l'apprendimento cooperativo può avere nell'insegnamento di quelle competenze. 14

15 15

16 Class Builder (Attività per la costruzione del gruppo classe) Organizzatore grafico Ranking Ladder (Scala d'importanza) Individua cinque idee chiave in questo brano. Sottolineale o evidenziale sulla tua pagina. Mettile in ordine cominciando dall'idea più importante, che sarà il n 1. Sistemale sull'organizzatore grafico a scala, con l'idea più importante sul gradino più alto. Aggiungi a lato i motivi della tua scelta. Scrivi il tuo nome in cima al foglio dell'organizzatore grafico. 16

17 Esaminare le idee dal brano e dagli elenchi. Esaminare la Ranking Ladder (scala d'importanza) Come la si potrebbe utilizzare? Variazioni? Che tipo di pensiero viene esercitato? 17

18 Realizzare il successo degli studenti Trovare percorsi migliori, che interessino gli studenti, per farli pensare. Esaminare come ciò si colleghi al fatto che gli studenti lavorano efficacemente insieme. Concentrarsi sul pensiero di tipo induttivo e deduttivo. Perché abbiamo bisogno di riflettere? Perché abbiamo bisogno di parlare? 18

19 Deduzione e induzione Il pensiero deduttivo e induttivo Nella logica, spesso si fa riferimento ai due ampi metodi di ragionamento come approcci deduttivo e induttivo. Il ragionamento deduttivo opera dal più generale al più specifico. Talvolta questo viene informalmente chiamato un approccio top down (dall'alto verso il basso). Si può iniziare a pensare a una teoria circa un argomento d'interesse. Poi la si delimita a più specifiche ipotesi che si possono vagliare. Ci si delimita ulteriormente accumulando osservazioni per sottoporre a verifica le ipotesi. Ciò in definitiva rende possibile verificare le ipotesi con dati specifici si perviene così ad una conferma (o meno) delle teorie originali. TEORIA IPOTESI OSSERVAZIONE CONFERMA Il ragionamento induttivo opera in modo diverso, muovendo da osservazioni specifiche verso più ampie generalizzazioni e teorie. In modo informale, talvolta lo si definisce approccio bottom up * (dal basso verso l'alto). Nel ragionamento induttivo, si procede da specifiche osservazioni e misurazioni, iniziando a riscontrare modelli e regolarità, formulando delle ipotesi che si possono esplorare, concludendo infine con lo sviluppo di alcune conclusioni generali o teorie. OSSERVAZIONE MODELLO IPOTESI SPERIMENTALE TEORIA Questi due metodi di ragionamento risultano molto diversi quando si conduce un esperimento. Il ragionamento induttivo, in virtù della sua stessa natura, è più aperto ed esplorativo, soprattutto all'inizio. Il ragionamento deduttivo è invece di natura più circoscritta e si occupa di verificare o confermare delle ipotesi. Tuttavia, anche se uno studio particolare può apparire puramente deduttivo (es.: un esperimento condotto per verificare gli effetti ipotizzati di un certo trattamento su qualche risultato), la maggior parte della ricerca sociale implica processi di ragionamento sia induttivo che deduttivo in qualche fase del progetto. In realtà, non ci vuole un genio di scienziato per vedere che potremmo mettere insieme gli elementi uniti sopra con le frecce per formare un unico cerchio che visualizzi un ciclo continuo che muove dalle teorie alle osservazioni per poi tornare alle teorie e via di seguito. Anche nel più lvincolato degli esperimenti, i ricercatori possono osservare dei modelli nei dati che li portano a sviluppare nuove teorie. * please note that it's bottom up and not bottoms up, which is the kind of thing the bartender says to customers when he's trying to close for the night. 19

20 Contact Activity (Attività di contatto) Think /Write /Pair /Share (Pensa / Scrivi / A coppie / Condividi) Scrivi ciò che hai imparato o che ti è piaciuto questa mattina. Abilità sociale Ascolto attivo Condividi col tuo vicino Condivisione intorno al tavolo; ciascun componente del gruppo condivide ciò che ha sentito dal compagno Inizia il n 3 un minuto ciascuno. 20

21 Apprendimento cooperativo Cinque elementi di base 1) Mini lezione 2) Conversazione intorno al tavolo per chiarimenti 3) Interdipendenza positiva 4) Insegnata e ripassata al tavolo 5) Domande TGT per verificare la comprensione 21

22 I I cinque elementi di base dell'apprendimento cooperativo nterdipendenza positiva: gli studenti lavorano insieme per completare un compito. Tutti devono lavorare per raggiungere l'obiettivo. R esponsabilità individuale: gli studenti si assumono la responsabilità del proprio apprendimento e di quello del gruppo. V alutazione del gruppo e definizione di obiettivi: gli studenti auto-valutano, individualmente e come gruppo, la propria prestazione, chiedendosi: cosa ho/abbiamo fatto bene? Cosa potrei/potremmo fare meglio la prossima volta? C I ompetenze sociali: abilità di interazione umana che permettono agli studenti di lavorare insieme (per esempio, criticare le idee non le persone). nterazione faccia-a-faccia: gli studenti sono in stretta prossimità fra di loro. 22

23 23

24 La valutazione di gruppo per rinforzare la responsabilità individuale 1. Tre cose che il gruppo ha fatto bene lavorando insieme Il nostro gruppo è molto bravo a Parole che descrivono il nostro gruppo sono Le azioni che hanno aiutato il gruppo sono state La prossima volta saremo più bravi a/nel Una cosa che il gruppo può migliorare è... 24

25 PWIM Picture Word Inductive Model - Emily Calhoun Modello induttivo di correlazione immagine-parole Obiettivo: come gruppo, analizzare una figura e collegarne il contenuto a un'affermazione riguardante l'educazione. Abilità sociali: 1. Uguale partecipazione 2. Costruire sulle idee degli altri 3. Raggiungere il consenso Responsabilità: Ciascun componente del gruppo participerà all'analisi dell'immagine e alla costruzione dell'affermazione. Inoltre, ciascun componente sarà in grado di spiegare l'analisi ad altri. Gettoni (Talking chips) verranno utilizzati per favorire l'uguale partecipazione. Ruoli: n 1 scriverà la frase del gruppo riguardante la figura. Controllore del tempo. n 2 traccerà le linee e scriverà in verde le parole sopra l'immagine. n 3 traccerà le linee e scriverà in blu le parole a fianco dell'immagine. n 4 traccerà le linee e scriverà in rosso le parole sotto l'immagine. Tempo: 30 minuti Procedura: 1. Il n 4 ritira il materiale dalla cattedra: l'immagine e il foglio su cui scrivere la affermazione. 2. L'immagine, posta nel centro del tavolo, viene osservata, in silenzio, dai componenti del gruppo, per un minuto. 3. Si individuano le cose concrete, ovvie da vedere, quali per esempio una barca o un cane. 25

26 4. Il n 2 scrive, usando il pennarello verde. I componenti del gruppo usano un gettone alla volta per fornire una parola. Colui che scrive traccia una riga dalla parte alta della figura e scrive la parola. Tempo 5 minuti. 5. La figura viene osservata in silenzio ancora per un minuto; questa volta i componenti del gruppo riflettono cercando parole che non siano del tutto ovvie, quali per esempio felice poiché qualcuno sta sorridendo. 6. Il n 3 scrive, usando il pennarello blu. I componenti del gruppo, utilizzando i gettoni, suggeriscono delle parole, e il n 3 ogni volta traccia una linea a destra e sinistra dell'immagine e scrive la parola. Tempo 5 minuti. 7. I gruppi nuovamente osservano ciascuno la propria figura in silenzio, questa volta riflettendo alla ricerca di parole e frasi che siano il risultato di inferenze (qualcosa viene suggerito dalla figura e su questo ci si basa per fare un' inferenza). Per esempio, è autunno perché cadono le foglie, o la ragazza sarà nei guai quando arriverà a casa perché si è strappata la giacca. Il n 4 traccia le linee e scrive, sotto la figura, con il pennarello rosso. Tempo 5 minuti. 8. Inizia quindi una discussione complessiva su quanto l'immagine comunica a proposito dell'educazione. Si prendono in considerazione tutti gli elementi di analisi forniti. Il gruppo concorda su da una a tre frasi e il n 1 la/le scriverà sull'apposito foglio. Tutti i componenti del gruppo apporranno la loro firma al fondo se ritengono di aver contribuito allo svolgimento del compito. Esamina l'attività prendendo in considerazione le due seguenti domande: Cosa abbiamo fatto bene come gruppo? Cosa potremmo migliorare la prossima volta? 26

27 Interdipendenza positiva Quando tutti i componenti del gruppo si sentono collegati l'uno all'altro nella realizzazione di un comune obiettivo. I. Obiettivo II. Risorse III. Ruolo IV. Sequenza Premio V. Pressione esterna VI. Ambiente VII. (incentivo) intrinseco VIII. Simulazione IX. Identità Responsabilità individuale Ogni componente del gruppo si sente responsabile del successo della squadra ed è in grado di dimostrare di avere appreso. Valutazione di gruppo I componenti del gruppo valutano ciò che hanno fatto bene e definiscono ciò che dovranno fare per migliorare la prossima volta. Abilità sociali Abilità di interazione umana, vengono insegnate e praticate all'interno dell'attività. Si tratta di abilità che permettono al gruppo di funzionare in modo efficace e di portare a termine il compito; favoriscono la comunicazione, la fiducia, la presa di decisioni e la risoluzione di conflitti. Interazione faccia a faccia Si verifica quando i componenti del gruppo si trovano in un ambiente che crea stretto contatto fra loro, in modo che comunichino facilmente e in modo rispettoso. 27

28 Quali conoscenze, competenze, comportamenti e valori sono utili per gli studenti secondo l indagine PISA (Programme for International Student Assessment)? I vecchi principi fondamentali con una aggiunta: capacità di leggere, scrivere e comprendere applicare i principi matematici alle situazioni reali utilizzare concetti scientifici e comprendere la loro importanza nella società 28

29 29

30 Come i migliori sistemi scolastici al mondo si classificano primi McKinsey & Company Settembre 2007 Per scoprire la ragione per cui alcuni sistemi scolastici funzionano meglio di altri, abbiamo studiato venticinque fra i sistemi scolastici del mondo, compresi dieci fra i primi classificati. Abbiamo esaminato cosa questi sistemi hanno in comune e quali strumenti utilizzano per migliorare i risultati degli studenti. Abbiamo riscontrato che i sistemi scolastici che ottengono risultati eccellenti (high-performing), benché notevolmente diversi fra loro per composizione e contesto, hanno mantenuto una forte attenzione al miglioramento della capacità di istruire, per via dell'impatto diretto che questa ha sui risultati degli studenti. Per migliorare la qualità dell'istruzione, questi sistemi scolastici fanno bene e in modo coerente tre cose: 1. Fanno diventare insegnanti le persone giuste (la qualità di un sistema educativo non può superare la qualità dei suoi insegnanti). 2. Formano queste persone per farle diventare docenti efficaci (il solo modo per migliorare i risultati è migliorare la capacità di istruire). 3. Mettono a punto sistemi e organizzano supporto mirato in modo tale da assicurare che ogni alunno possa beneficiare di istruzione eccellente (il solo modo per far sì che il sistema raggiunga le migliori prestazioni è quello di elevare il livello di qualità di ciascuno studente). 30

31 DIAGRAMMA DI VENN

32 Le competenze chiave & il triplo diagramma di Venn Uno strumento per confrontare e trovare analogie e differenze Obiettivo: Completare un triplo diagramma di Venn che metta a confronto e in contrasto le migliori idee di tre istituzioni riguardanti le competenze chiave per gli studenti del XXI secolo. Abilità sociali (collaborative) : Uguale partecipazione Ascolto attivo Raggiungere il consenso Risorse: Pennarelli (ogni cerchio e il suo contenuto sarà di un colore diverso); grandi fogli di carta; 3 materiali di lettura PISA, Unione Europea e le abilità per essere idonei al lavoro del Canada. Responsabilità: Tutti i componenti del gruppo contribuiranno in misura uguale all'assunzione di decisioni, con l'aiuto di gettoni per la presa di parola. Tutti saranno pronti a riferire il lavoro del gruppo. Ciascuno firmerà il diagramma se ritiene di aver fatto la propria parte. Ruoli : n 1 scrive le idee al centro n 2 scrive le idee nei cerchi esterni n. 3 valuta le abilità sociali (su foglio apposito) + spia n 4 disegna il diagramma di Venn con un largo cerchio al centro. 32

33 Procedura: A. Si distribuiscono i gettoni (talking chips) (4 ciascuno) e il materiale da leggere. N 1, Canada; n 2, UE 1-4; n 3, UE 5-8; n 4, PISA. B. Il n 2 disegna il triplo diagramma di Venn su un grande foglio di carta. Viene scritto il titolo sopra i cerchi (Canada, UE, PISA). C. Ogni componente del gruppo legge, sottolinea o evidenzia il proprio materiale di lettura. D. Iniziando dal n 1, ciascuno nomina una competenza citata nel proprio materiale e quindi si procede intorno al tavolo per vedere se è presente anche negli altri elenchi di competenze. Bisogna essere consapevoli che la competenza potrebbe essere espressa con parole diverse. E. Decidere in gruppo dove scrivere ciascuna competenza: - al centro se comune ai tre testi - in un cerchio esterno se la si trova solo in un testo - in due cerchi esterni se è presente in due materiali di lettura. F. Procedere in modo efficace: il n 1 scrive ciò che il gruppo ha deciso nel cerchio centrale e il n 2 nei cerchi esterni. 33

34 Confronta l'elenco al centro del vostro diagramma di Venn con le indicazioni dei programmi italiani per il XXI secolo. Nota analogie e differenze 34

35 Gallery Tour (Giro in galleria) Il più giovane componente del gruppo affigge (o colloca su un banco) il vostro foglio col diagramma. In gruppo, spostandovi in senso orario nell'aula, esaminate il lavoro degli altri gruppi, osservando in particolare le differenze rispetto alle vostre decisioni. 35

36 Competenze chiave per l'apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo (da Summaries of EU legislation ) Le competenze per l'apprendimento permanente sono una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto. Sono particolarmente necessarie per la realizzazione e lo sviluppo personali, l'inclusione sociale, la cittadinanza attiva e l occupazione. Il quadro di riferimento europeo delinea otto competenze chiave: - comunicazione nella madrelingua, che è la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in una vasta gamma di contesti culturali e sociali; - comunicazione nelle lingue straniere, che comporta, oltre alle principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua, abilità di mediazione e comprensione interculturale. Il livello di padronanza dipende da diversi fattori e varia tra le quattro dimensioni (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta); - competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia. La competenza matematica è l'abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. L'accento è posto sugli aspetti del processo e dell'attività oltre che su quelli della conoscenza. Le competenze di base in campo scientifico e tecnologico si riferiscono alle abilità, all'uso e all'applicazione di conoscenze e metodologie che riguardano il mondo che ci circonda. Comportano la comprensione dei cambiamenti determinati dall'attività umana e la consapevolezza della responsabilità di ciascun cittadino; - competenza digitale, che consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell'informazione (TSI) e quindi le abilità di base nelle TIC (tecnologie dell'informazione e della comunicazione); 36

37 - imparare a imparare, che è l'abilità di perseverare nell'apprendi-mento, di organizzare il proprio apprendimento, sia a livello individuale che in gruppo, secondo i propri bisogni, e comprende la consapevolezza dei metodi e delle opportunità disponibili; - competenze sociali e civiche. La competenza sociale riguarda le capacità personali, interpersonali e interculturali e tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa. E' collegata al benessere personale e sociale. E' essenziale la comprensione dei codici di comportamento e delle maniere generalmente accettati in diversi ambienti e società. La competenza civica, e in particolare la conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitici (democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili), dota le persone degli strumenti per impegnarsi in una partecipazione attiva e democratica; - spirito di iniziativa e imprenditorialità, che è la capacità di tradurre le idee in azioni. In ciò rientrano la creatività, l'innovazione e l'assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. La persona è consapevole del contesto in cui opera e sa cogliere le opportunità che si offrono. E' il punto di partenza per acquisire le abilità e le conoscenze più specifiche di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad una attività sociale o commerciale. Dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon governo; - consapevolezza ed espressione culturale, che comporta la consapevolezza dell'importanza dell'espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un'ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive. Queste competenze chiave sono correlate tra loro e l'accento in ogni caso è su pensiero critico, creatività, iniziativa, capacità di risolvere i problemi, valutazione del rischio, assunzione di decisioni e capacità di gestione costruttiva dei sentimenti. 37

38 COMPETENZE DI OCCUPABILITÀ (EMPLOYABILITY SKILLS) DEL CONFERENCE BOARD DEL CANADA 1. Competenze accademiche: Quelle abilità che costituiscono le fondamenta per acquisire un lavoro, mantenerlo, progredire in esso, e per conseguire i migliori risultati. I datori di lavoro hanno bisogno di persone che siano in grado di Comunicare Capire e parlare le lingue con cui si conducono le attività lavorative Ascoltare per capire e imparare Leggere, comprendere e utilizzare materiali scritti, inclusi grafici, tabelle e presentazioni Scrivere in modo efficace nelle lingue in cui si conducono le attività lavorative Pensare Pensare in modo critico e agire in modo logico per valutare situazioni, risolvere problemi e prendere decisioni Capire e risolvere problemi che implicano la competenza matematica e usarne i risultati Utilizzare in modo efficace le tecnologie, gli strumenti e i sistemi di informazione e comunicazione Saper accedere a conoscenze specializzate da ambiti diversi (per esempio, occupazioni qualificate, tecnologie, scienze fisiche, arti e scienze sociali) e saperle applicare. Imparare: Continuare ad apprendere su tutto l'arco della vita 2. Competenze di gestione personale: La combinazione di abilità, attitudini e comportamenti richiesti per ottenere un lavoro, mantenerlo, progredire in esso, e per conseguire i migliori risultati. I datori di lavoro canadesi hanno bisogno di persone che sappiano dimostrare: Attitudini e comportamenti positivi: Auto-stima e fiducia Onestà, integrità ed etica personale Un atteggiamento positivo nei confronti dell'apprendimento, della crescita e della salute personale Iniziativa, energia e persistenza nel portare a termine un lavoro 38

39 Responsabilità: L'abilità di definire obiettivi e priorità nel lavoro e nella vita personale La capacità di programmare e gestire il tempo, il denaro e altre risorse per raggiungere degli obiettivi Responsabilità per le azioni intraprese Adattabilità Un atteggiamento positivo verso il cambiamento La capacità di individuare e suggerire nuove idee per svolgere un lavoro - creatività 3. Capacità di lavorare in gruppo: Quelle abilità necessarie per lavorare con gli altri e per conseguire i migliori risultati. I datori di lavoro canadesi hanno bisogno di persone che sappiano: Lavorare con gli altri Capire gli obiettivi dell'organizzazione e contribuire al loro raggiungimento Capire la cultura del gruppo e lavorare al suo interno Programmare e prendere decisioni con gli altri e saper lavorare per mantenerle e ottenere buoni risultati Rispettare i pensieri e le opinioni degli altri nel gruppo Esercitare il "dare e avere" per il conseguimento dei risultati del gruppo Cercare un adeguato approccio di squadra Guidare gli altri quando opportuno, mobilitando il gruppo nella realizzazione di alte prestazioni. 39

40 Riflessione 1 Guarda l'elenco delle competenze al centro del vostro diagramma di Venn. 2 Esamina l'elenco delle attività che abbiamo fatto oggi. 3 Quale competenze abbiamo messo in gioco e come? 4 Prima il lavoro individuale, poi la condivisione di gruppo. 40

41 Riflettere sul lavoro svolto: Quale parte del lavoro abbiamo svolto bene? Quale parte abbiamo trovato difficile? Sull interazione di gruppo: Come abbiamo fatto a lavorare bene in gruppo? Cosa si potrebbe fare per migliorare il lavoro di gruppo? 41

42 1. Tre cose che il gruppo ha fatto bene lavorando insieme 2. Il gruppo è molto bravo a 3. Parole che descrivono il nostro gruppo sono 4. Le azioni che hanno aiutato il gruppo sono state. 5. La prossima volta saremo più bravi a/nel 6. Una cosa che il gruppo può migliorare è 42

43 L'essere umano educato in modo liberale L'istruzione scolastica fornirà un' educazione generale sfaccettata e completa, con conoscenze concrete riguardo all'essere umano, alla società e alla natura che possano fornire ampie visioni e prospettive: con il know-how la maturità per affrontare le sfide pratiche, sociali e personali della vita; e con qualità e valori che facilitino la cooperazione fra i popoli e rendano la convivenza fra loro arricchente ed emozionante. 43

44 L' essere umano funzionante Il più importante fra i compiti pedagogici è quello di comunicare ai bambini e ai giovani che essi stanno continuamente facendo progressi, affinché acquisiscano fiducia nelle proprie capacità. 44

45 Success To laugh often and love much; to win the respect of intelligent persons and the affection of children; to earn the approbation of honest critics and to endure the betrayal of false friends; to appreciate beauty; to find the best in others; to give of oneself; to leave the world a bit better, whether by a healthy child, a garden patch or redeemed social condition; to have played and laughed with enthusiasm and sung with exultation; to know that even one life has breathed easier because you have livedthis is to have succeeded. Ridere spesso e amare molto; ottenere il rispetto di persone intelligenti e l affetto dei bambini; guadagnarsi l'approvazione di critici onesti e sopportare il tradimento di falsi amici; apprezzare la bellezza; trovare il meglio negli altri; dare se stessi; lasciare il mondo un po' migliore, attraverso un bambino sano, un pezzo di giardino o una condizione sociale riscattata; avere giocato e riso con entusiasmo e cantato con esultanza; sapere che anche una sola esistenza è stata più lieta perché tu hai vissuto - questo è avere avuto successo. 45

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011 uadro normativo sistema IeFP Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011 Genova, 1 dicembre 2011 Contenuti Repertorio Nazionale dell offerta di IFP Figure di differente livello articolabili in specifici profili

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli