LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013"

Transcript

1 INFORMATIVA N NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate , n. 52/E e , n. 11/E Entro il prossimo (il cade di domenica) è possibile regolarizzare la mancata presentazione del mod. UNICO 2013 ovvero procedere all integrazione di una dichiarazione regolarmente presentata. Decorso tale termine la dichiarazione non presentata è considerata omessa e, se presentata, costituisce titolo per la riscossione delle imposte in essa liquidate. Entro il termine di presentazione del mod. UNICO 2014 è possibile regolarizzare una dichiarazione validamente presentata contenente errori formali o sostanziali con l invio di una dichiarazione integrativa.

2 IF n pagina 2 di 13 Le violazioni inerenti il mod. UNICO 2013, il cui termine di presentazione è scaduto lo scorso , possono essere oggetto di regolarizzazione spontanea mediante il ravvedimento operoso ex art. 13, D.Lgs. n. 472/97, qualora non siano constatate e non sono iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento formalmente portate a conoscenza del contribuente. Ai fini del ravvedimento è necessario che: la violazione commessa sia rimossa, ossia venga presentata la dichiarazione omessa ovvero integrata / corretta la dichiarazione originariamente presentata; sia contestualmente effettuato il versamento della sanzione ridotta, commisurata al minimo previsto per la violazione oggetto di regolarizzazione, nonché delle eventuali imposte risultanti dalla dichiarazione presentata / corretta, maggiorate degli interessi (2,5% annuo) calcolati a partire dal relativo termine ordinario di versamento. Si rammenta che, come precisato nella CM , n. 180/E, la richiesta di contestuale effettuazione degli adempimenti sopra evidenziati al fine della corretta esecuzione del ravvedimento (rimozione della violazione, versamento della sanzione ridotta e degli interessi) va intesa nel senso che gli stessi devono essere conclusi entro il termine previsto per il ravvedimento e non che devono essere effettuati necessariamente lo stesso giorno. Così, ad esempio, per la regolarizzazione dell omessa presentazione del mod. UNICO 2013 entro il termine previsto (90 giorni) il contribuente deve presentare la dichiarazione, nonché versare la sanzione ridotta. Tali adempimenti possono essere effettuati in momenti differenti, sempreché entro il termine ultimo stabilito per il ravvedimento. Ai fini del calcolo della sanzione ridotta, secondo quanto chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 106/E va tenuto conto che: se è dovuta in misura fissa, alla sanzione minima espressa in lire va applicata la riduzione in base alle disposizioni sul ravvedimento (1/10, 1/8) e successivamente il risultato convertito in euro va considerato troncando le cifre decimali; se è applicata in misura proporzionale non va effettuato alcun troncamento ma si applicano le consuete regole di arrotondamento. A seconda della tipologia di violazione i predetti adempimenti vanno effettuati entro i seguenti termini: VIOLAZIONE Dichiarazione tardiva (art.13, comma 1, lett. c, D.Lgs. n. 472/97) Dichiarazione infedele o irregolare (art.13, comma 1, lett. b, D.Lgs. n. 472/97) TERMINE RAVVEDIMENTO 90 giorni Termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno nel quale la violazione è commessa (dichiarazione successiva) DICHIARAZIONE TARDIVA / OMESSA DICHIARAZIONE TARDIVA È definita tardiva la dichiarazione presentata entro 90 giorni dal termine previsto, ossia, con riguardo al mod. UNICO 2013 di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES con esercizio coincidente con l anno solare, entro il (il cade di domenica). La dichiarazione tardiva è considerata valida, ferma restando la sanzione ex art. 1, comma 1, D.Lgs. n. 471/97 da 258 a 1.032, applicabile a prescindere dal versamento o meno delle imposte risultanti dalla dichiarazione. Infatti, in caso di omesso versamento delle imposte non opera la sanzione in misura proporzionale di cui al citato art. 1, comma 1 (dal 120% al 240% dell imposta dovuta) in quanto, come precisato nella CM , n. 23/E, la dichiarazione tardiva

3 IF n pagina 3 di 13 dà luogo a imposte non versate e non invece alla diversa fattispecie, da cui discende l applicazione della sanzione proporzionale, delle imposte dovute. Ai fini della regolarizzazione del mod. UNICO 2013, il contribuente, entro 90 giorni, deve: presentare la dichiarazione; versare la sanzione ridotta pari a 25 (1/10 di 258), ex art. 13, comma 1, lett. c), D.Lgs. n. 472/97, utilizzando il codice tributo La sanzione ridotta, come specificato dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 54/E, è dovuta per ciascuna dichiarazione ricompresa nel mod. UNICO. Di conseguenza, nel caso in cui la dichiarazione IVA sia inviata con la dichiarazione dei redditi in forma unificata (mod. UNICO), è necessario versare 50 (25 x 2). Il modello studi di settore non costituisce una dichiarazione autonoma, essendo parte integrante della dichiarazione dei redditi e, pertanto, in relazione allo stesso non va applicata una specifica sanzione. Sempre in tema di studi di settore si evidenzia che la sanzione pari a 2.065, ex art. 8, comma 1, ultimo periodo, D.Lgs. n. 471/97, è applicabile secondo quanto precisato dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 41/E soltanto nel caso in cui il contribuente non provveda alla presentazione [del modello studi di settore] con una dichiarazione integrativa, anche a seguito di specifico invito dell Agenzia. VIOLAZIONE TERMINE PER IL RAVVEDIMENTO MINIMA RIDUZIONE RIDOTTA Dichiarazione tardiva 90 giorni 258 1/10 25 Esempio 1 Il signor Pietro Ticino (privato) non ha presentato il mod. UNICO 2013 PF entro il Lo stesso ha comunque provveduto al versamento delle relative imposte entro i termini previsti. Entro il può regolarizzare la violazione: presentando la dichiarazione; versando, con il mod. F24, 25 a titolo di sanzione ridotta, utilizzando il codice tributo Omesso versamento delle imposte Qualora le imposte risultanti dalla dichiarazione tardiva non siano state versate, al fine di evitare l applicazione della sanzione del 30% connessa con l omesso versamento, va regolarizzata anche tale violazione con il versamento: delle imposte non versate e degli interessi calcolati a giorni nella misura del 2,5%; della sanzione ridotta in misura pari al 3,75% (il termine per il ravvedimento breve entro 15 giorni e per il ravvedimento entro 30 giorni sono, ad oggi, già scaduti). DICHIARAZIONE OMESSA La dichiarazione presentata con ritardo superiore a 90 giorni (ossia dopo il per il mod. UNICO 2013) ovvero non presentata, è considerata omessa. In tal caso al contribuente non è concesso regolarizzare la violazione con il ravvedimento operoso, e quindi l Ufficio applicherà le seguenti sanzioni ex art. 1, D.Lgs. n. 471/97, ossia: da 258 a nel caso in cui le imposte siano state versate, raddoppiate in caso di soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili; dal 120% al 240% delle imposte non versate, con un minimo di 258. Se, decorso il termine di 90 giorni, la dichiarazione è comunque presentata, la stessa costituisce titolo per la riscossione delle imposte in essa liquidate, come previsto all art. 2, comma 7, DPR n. 322/98.

4 IF n pagina 4 di 13 OMESSA / TARDIVA TRASMISSIONE TELEMATICA DA PARTE DELL INTERMEDIARIO Oltre alla sanzione comminata al contribuente per le violazioni di omessa / tardiva presentazione della dichiarazione, è altresì prevista una specifica sanzione in capo all intermediario che non trasmette ovvero trasmette in ritardo le dichiarazioni. In particolare, come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 11/E, la trasmissione telematica si considera: omessa, se la stessa non è stata effettuata ovvero non è andata a buon fine; tardiva, se la stessa è stata effettuata: oltre il termine di presentazione della dichiarazione, qualora l impegno alla trasmissione sia stato assunto entro tale termine (ciò si verifica, con riguardo al mod. UNICO 2013, se l impegno è stato assunto entro il e la dichiarazione è stata trasmessa successivamente a tale data); oltre un mese dall assunzione dell impegno alla trasmissione qualora lo stesso sia stato assunto dopo la scadenza del termine di presentazione della dichiarazione (ciò si verifica, con riguardo al mod. UNICO 2013, se l impegno è stato assunto, ad esempio, il e la dichiarazione non viene trasmessa entro il ). Alle predette fattispecie è applicabile la sanzione ex art. 7-bis, D.Lgs. n. 241/97, nella misura da 516 a Le violazioni inerenti la trasmissione telematica che interessano l intermediario, nonché le sanzioni conseguenti sono distinte rispetto alla violazione commessa dal contribuente, che viene pertanto sanzionato autonomamente. Cumulo giuridico Secondo quanto precisato dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 52/E: all omessa trasmissione di un file telematico contenente più dichiarazioni è applicabile soltanto il cumulo giuridico ex art. 8, Legge n. 689/81 che prevede l irrogazione della sanzione per la violazione più grave aumentata sino al triplo; in presenza di ripetute violazioni, ossia della tardiva trasmissione di più file (contenenti più dichiarazioni) si applicano tante sanzioni quante sono le violazioni commesse (numero di file inviati) ciascuna delle quali calcolata tenendo conto del cumulo giuridico di cui al citato art. 8. Relativamente all applicazione del cumulo giuridico alle violazioni commesse dall intermediario, recentemente la Corte di Cassazione con la sentenza , n , ha affermato che (Informativa SEAC , n. 263): il cumulo giuridico, disciplinato dall art. 12, D.Lgs. n. 472/97, va applicato soltanto con riferimento alle dichiarazioni contenute nel medesimo file; in caso di invio di diversi files, va applicato il cumulo materiale. Di conseguenza: Diverse dichiarazioni (contenute in un singolo file) 1 azione / omissione diverse violazioni della medesima disposizione Concorso formale omogeneo (cumulo giuridico) 645 ( /4) per le diverse dichiarazioni contenute nel file non inviato / inviato tardivamente Presenza di diversi files diverse azioni / omissioni diverse violazioni formali della medesima disposizione Concorso materiale (cumulo materiale) 516 per ogni file contenente una sola dichiarazione (*) 645 per ogni file contenente più dichiarazioni (*) Il mod. UNICO contenente la dichiarazione redditi e IVA è considerato una sola dichiarazione.

5 IF n pagina 5 di 13 Per l intermediario risulta vantaggioso ricomprendere in un unico file il maggior numero possibile di dichiarazioni, in quanto, in presenza di un invio tardivo, potrà usufruire della sanzione più mite connessa all applicazione del cumulo giuridico. Regolarizzazione Al fine di evitare di incorrere nell applicazione delle sanzioni, l intermediario, qualora non siano iniziate attività di controllo da parte dell Ufficio, può regolarizzare la violazione tramite il ravvedimento operoso. In particolare, per regolarizzare l omessa trasmissione del mod. UNICO l intermediario deve: presentare la dichiarazione entro 90 giorni dal termine di scadenza, ossia, per il mod. UNICO 2013, entro il ; versare la sanzione ridotta pari a 51 (1/10 di 516), utilizzando il codice tributo 8924 ed indicando quale Anno di riferimento l anno in cui è stata commessa la violazione. Se il mod. UNICO contiene sia la dichiarazione dei redditi che la dichiarazione IVA, come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella citata Circolare n. 11/E, l intermediario deve versare un unica volta la sanzione ridotta e non, come il contribuente, tante sanzioni ridotte quante sono le dichiarazioni che confluiscono in UNICO presentate tardivamente. Esempio 2 Considerato che la data di assunzione dell impegno è quella riportata nel frontespizio della dichiarazione, risultante anche nella ricevuta di presentazione della dichiarazione rilasciata da Entratel, in caso di dichiarazioni trasmesse oltre il termine per cause non imputabili all intermediario è particolarmente importante verificare che la data di assunzione dell impegno non sia anteriore di più di un mese rispetto alla data di effettivo invio. Il il dott. commercialista Mario Como ha assunto l impegno alla trasmissione telematica del mod. UNICO 2013 SP (redditi e IVA) della Tevere & Arno snc ma non ha provveduto alla trasmissione telematica dello stesso entro il Le relative imposte sono state regolarmente versate entro i termini previsti. Ai fini del ravvedimento è necessario: inviare la dichiarazione entro il , indicando quale data di impegno alla trasmissione; versare la sanzione ridotta pari a 50 (25 x 2), con il codice tributo 8911, per la regolarizzazione in capo al contribuente; versare la sanzione ridotta pari a 51, con il codice tributo 8924, per la regolarizzazione in capo all intermediario. Esempio 3 Il il sig. Gianni Adige (privato) si rivolge al dott. commercialista Luca Garda per la trasmissione del mod. UNICO 2013 PF. L intermediario rilascia al contribuente l impegno alla trasmissione telematica della dichiarazione indicando quale data di assunzione Se l intermediario trasmette la dichiarazione entro il , indicando nel frontespizio del mod. UNICO quale data di impegno, lo stesso non commette alcuna violazione e pertanto non è sanzionabile. Per il contribuente la dichiarazione è considerata valida ma tardiva, in quanto trasmessa entro 90 giorni dalla scadenza. Entro il è possibile regolarizzare tale violazione in capo al contribuente con il ravvedimento operoso, versando la sanzione ridotta di 25 (1/10 di 258). DICHIARAZIONE INESATTA O IRREGOLARE La dichiarazione validamente presentata (entro il termine previsto ovvero nei 90 giorni successivi), è inesatta o irregolare in presenza di violazioni formali, ossia che non incidono sulla determinazione del tributo. Relativamente alla sanzione applicabile è necessario distinguere tra violazioni:

6 IF n pagina 6 di 13 meramente formali, che non arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Ufficio; formali, che arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Ufficio. VIOLAZIONI MERAMENTE FORMALI Come disposto dall art. 6, comma 5-bis, D.Lgs. n. 472/97: non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio all esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell imposta e sul versamento del tributo. Di conseguenza, le violazioni in esame non comportano l applicazione di alcuna sanzione e per le stesse non si rende necessario utilizzare il ravvedimento operoso. Qualora si intenda comunque regolarizzare la violazione prima dell inizio delle attività di verifica, è sufficiente presentare una dichiarazione integrativa. VIOLAZIONI FORMALI Come accennato, costituiscono violazioni formali, gli errori che non incidono sulla determinazione della base imponibile e dell imposta nonché sul versamento del tributo ma arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Ufficio. In particolare, tale fattispecie si riscontra nei seguenti casi: dichiarazione non redatta in conformità del modello di dichiarazione approvato (ossia redatta sul modello ministeriale previsto ma non in conformità alle relative istruzioni); omessa o errata e incompleta indicazione di: dati rilevanti per l individuazione del contribuente o del suo rappresentante; elementi necessari per la determinazione del tributo; ogni altro elemento prescritto per l effettuazione dei controlli, quale la mancata allegazione del modello degli studi di settore o la mancata compilazione di un quadro o prospetto che non incide sulla determinazione del tributo. A tali violazioni è applicabile la sanzione da 258 a ex art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 471/97. La regolarizzazione mediante il ravvedimento operoso richiede: la presentazione di una dichiarazione integrativa entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva e pertanto, con riguardo al mod. UNICO 2013, entro il ; il versamento della sanzione ridotta nella misura di 32 (1/8 di 258). VIOLAZIONE Dichiarazione inesatta o irregolare TERMINE PER IL RAVVEDIMENTO Presentazione dichiarazione successiva MINIMA RIDUZIONE RIDOTTA 258 1/8 32 Esempio 4 Il sig. Giacomo Piave, imprenditore individuale, ha presentato il mod. UNICO 2013 PF entro il senza allegare il modello degli studi di settore. Poiché tale modello è parte integrante della dichiarazione dei redditi, la violazione rientra nella fattispecie della dichiarazione irregolare, ravvedibile entro il : presentando la dichiarazione integrativa comprensiva del modello studi di settore; versando 32 a titolo di sanzione ridotta, con il codice tributo OMESSA SEPARATA INDICAZIONE NEL MOD. UNICO DEI COSTI C.D. BLACK LIST I soggetti che intrattengono rapporti con operatori (imprese / professionisti) domiciliati nei c.d. Paesi black list devono indicare separatamente nel mod. UNICO i costi relativi a tali operazioni.

7 IF n pagina 7 di 13 Qualora il contribuente possa provare la presenza delle circostanze esimenti, l omessa indicazione di tali costi: non determina l indeducibilità degli stessi; è sanzionata in misura pari al 10% dei costi non indicati, con un minimo di 500 e un massimo di Al fine di evitare l applicazione della predetta sanzione è possibile presentare una dichiarazione integrativa prima degli accessi, ispezioni e verifiche da parte dell Ufficio. In tal caso è applicabile la sanzione in misura fissa ex art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 471/97, da 258 a L impresa può comunque avvalersi del ravvedimento operoso provvedendo: a presentare il mod. UNICO integrativo entro il termine della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione; al pagamento della sanzione ridotta pari a 32 (1/8 di 258). Così, ad esempio, l impresa che nel mod. UNICO 2013 ha omesso l indicazione dei costi relativi ad operazioni con Paesi black list può regolarizzare la propria situazione entro il con il versamento della sanzione ridotta e la presentazione della dichiarazione integrativa. Se la dichiarazione integrativa è presentata oltre il citato termine ma entro la scadenza dell attività di accertamento ex art. 43, DPR n. 600/73 (in generale, quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione), la citata sanzione è applicabile in misura piena (da 258 a 2.065). L impresa che, pur dimostrando la sussistenza delle circostanze esimenti: non presenta la dichiarazione integrativa; presenta la dichiarazione integrativa dopo aver avuto formale conoscenza dell avvio di accessi, ispezioni e verifiche da parte dell Ufficio; è soggetta alla sanzione pari al 10% dei costi non indicati, con un minimo di 500 ed un massimo di DEDUCIBILITÀ COSTI/SPESE SI SI SANZIONI IN PRESENZA DI PROVA DELLE CIRCOSTANZE ESIMENTI AVVIO CONTROLLI NO NO DICHIARAZIONE INTEGRATIVA Entro il termine di presentazione della dichiarazione dell anno nel corso del quale la violazione è commessa Entro il termine di decadenza accertamento SI SI Non rileva SI RAVVEDIMENTO OPEROSO 32 (1/8 di 258) NO RAVVEDIMENTO OPEROSO da 258 a % dei costi (minimo 500 massimo ) Esempio 5 Nel 2012 la Alfa srl ha acquistato merci per da una società domiciliata in Svizzera. Considerato che la società svizzera non è soggetta alle imposte cantonali, il costo d'acquisto di beni è interessato dal monitoraggio previsto per le operazioni con i Paesi black list. Poiché la società italiana è in grado di dimostrare che l'operazione è stata effettivamente eseguita e che la stessa risponde ad un interesse economico effettivo, il costo sostenuto, pari a , è deducibile. Nel mod. UNICO 2013 SC non sono stati separatamente indicati i costi black list. Entro il è possibile regolarizzare tale situazione: presentando il mod. UNICO 2013 SC integrativo; versando la sanzione ridotta pari a 32. A tal fine nel mod. F24 va utilizzato il codice tributo Se l impresa non fornisce la prova della sussistenza delle circostanze esimenti è previsto:

8 IF n pagina 8 di 13 il disconoscimento della deducibilità dei costi / spese; il recupero della maggiore imposta dovuta e dei relativi interessi, nonché l applicazione: della sanzione per dichiarazione infedele ex art. 1, comma 2, D.Lgs. n. 471/97 (dal 100% al 200% della maggiore imposta); della sanzione per dichiarazione irregolare di cui all art. 8, comma 3-bis, D.Lgs. n. 471/97 (10% dei costi non indicati, da un minimo di 500 ad un massimo di ). In mancanza della prova della sussistenza delle esimenti, le sanzioni applicabili sono quindi le seguenti: SANZIONI IN ASSENZA DI PROVA DELLE CIRCOSTANZE ESIMENTI DEDUCIBILITÀ COSTI/SPESE AVVIO CONTROLLI DICHIARAZIONE INTEGRATIVA NO SI Non rileva 10% dei costi (minimo 500 massimo ) + dal 100% al 200% della maggiore imposta OMESSA O INCOMPLETA COMPILAZIONE QUADRO RW In caso di mancata o incompleta compilazione del quadro RW è prevista l applicazione della sanzione ex art. 5, DL n. 167/90. A tale proposito si evidenzia che la Legge n. 97/2013 (c.d. Legge Europea 2013 ) ha riformulato il citato art. 5, prevedendo, in luogo della sanzione dal 10% al 50% degli importi non indicati e la confisca dei beni per un valore pari a quello non dichiarato, sanzioni differenziate a seconda che il Paese nel quale sono detenute le attività / investimenti sia o meno black list, come di seguito evidenziato (Informativa SEAC , n. 226). VIOLAZIONE Omessa / incompleta compilazione quadro RW dal 3% al 15% di quanto non dichiarato, detenuto in Stati non black list dal 6% al 30% di quanto non dichiarato, detenuto in Stati black list 258 dichiarazione tardiva (presentata entro 90 giorni dal termine ordinario) La violazione in esame è regolarizzabile tramite il ravvedimento operoso. VIOLAZIONI SOSTANZIALI Sono sostanziali le violazioni che incidono sulla determinazione e sul pagamento del tributo. La sanzione applicabile è differenziata a seconda che l errore sia o meno rilevabile in sede di liquidazione o di controllo formale della dichiarazione. Come evidenziato nell appendice alle istruzioni del mod. UNICO, in presenza di entrambe le tipologie di errore, ai fini del ravvedimento va presentata un unica dichiarazione integrativa ed effettuato il pagamento delle somme complessivamente dovute. VIOLAZIONI RILEVABILI IN SEDE DI LIQUIDAZIONE O CONTROLLO Costituiscono errori rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale delle dichiarazioni ex artt. 36-bis e 36-ter, DPR n. 600/73: gli errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili e/o delle imposte; l indicazione in misura superiore a quella spettante di oneri deducibili o detraibili (ad esempio, spese mediche o contributi previdenziali), ritenute d acconto e/o crediti d imposta. Per tali violazioni è applicabile la sanzione pari al 30% della maggiore imposta dovuta o del minor credito utilizzato; la regolarizzazione delle stesse tramite il ravvedimento operoso richiede:

9 IF n pagina 9 di 13 la presentazione della dichiarazione integrativa; il versamento della maggiore imposta dovuta o il minor credito utilizzato, nonché dei relativi interessi nella misura del 2,5%, calcolati a giorni; il versamento della sanzione ridotta ad 1/8, quindi pari al 3,75%. VIOLAZIONI NON RILEVABILI CON LIQUIDAZIONE / CONTROLLO: DICHIARAZIONE INFEDELE Costituiscono errori non rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale delle dichiarazioni ex artt. 36-bis e 36-ter, DPR n. 600/73: l omessa o errata indicazione di redditi; l errata determinazione dei redditi; l indicazione di indebite detrazioni d imposta o di deduzioni dall imponibile. In tal caso la dichiarazione è infedele e comporta l applicazione della sanzione in misura compresa tra il 100% e il 200% della maggiore imposta dovuta o del minor credito spettante. Ai fini della regolarizzazione di tali violazioni tramite il ravvedimento operoso è necessario: presentare la dichiarazione integrativa; versare la maggiore imposta dovuta o il minor credito spettante nonché i relativi interessi nella misura del 2,5%, calcolati a giorni; versare la sanzione ridotta nella misura del 12,5% (1/8 del 100%). In caso di presentazione di una dichiarazione integrativa è necessario integrare anche il/i versamento/i a titolo di acconto, come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 47/E. Pertanto, se dal mod. UNICO 2013 integrativo emerge una maggiore imposta dovuta (saldo 2012), dallo stesso consegue un maggior acconto per il 2013 e quindi viene ad integrarsi anche la fattispecie dell insufficiente versamento dell acconto per il VIOLAZIONE Dichiarazione infedele TERMINE PER IL RAVVEDIMENTO Presentazione dichiarazione successiva MINIMA RIDUZIONE RIDOTTA 100% 1/8 12,5% Esempio 6 Il sig. Sandro Adda ha presentato il mod. UNICO 2013 PF entro il , omettendo di indicare un compenso per una prestazione occasionale. Ipotizzando che per effetto della rettifica della dichiarazione risulti una maggiore IRPEF a saldo pari a 280, ai fini della regolarizzazione della violazione commessa, entro il , è necessario: presentare la dichiarazione integrativa; versare: - la maggiore IRPEF a saldo per il 2012, pari a 280, con il codice tributo 4001 ; - il maggior acconto dovuto per il 2013, con il codice tributo 4033 (primo acconto) e / o 4034 (secondo acconto); - gli interessi nella misura del 2,5%, calcolati a giorni, con il codice tributo 1989 ; - la sanzione ridotta pari a 35 (280 x 12,5%), con il codice tributo Dichiarazione integrativa presentata oltre il termine della dichiarazione successiva La dichiarazione integrativa a sfavore del contribuente, dalla quale risulta un maggior debito o un minor credito, può essere presentata: oltre il predetto termine previsto per la dichiarazione successiva (ossia, per il mod. UNICO 2013 anche dopo il );

10 IF n pagina 10 di 13 al più tardi entro il del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione (per il mod. UNICO 2013, entro il ). In tal caso non è tuttavia possibile usufruire del ravvedimento operoso con conseguente applicazione, da parte dell Ufficio, delle sanzioni nella misura piena. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA A FAVORE DEL CONTRIBUENTE La dichiarazione integrativa può essere presentata anche per correggere errori che comportano l esposizione di un minor debito o di un maggior credito, come previsto dall art. 2, comma 8-bis, DPR n. 322/98. Detta dichiarazione a favore va presentata, come confermato dall Agenzia delle Entrate nella Risoluzione , n. 24/E non oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo e pertanto, con riferimento al mod. UNICO 2013, entro il In tal caso: non sono applicabili sanzioni; il credito risultante dalla dichiarazione integrativa può essere utilizzato in compensazione ovvero chiesto a rimborso. DICHIARAZIONI INTEGRATIVE PRESENTATE ENTRO 90 GIORNI Come sopra evidenziato, la sanzione prevista per la presentazione di una dichiarazione integrativa è superiore a quella applicabile in caso di dichiarazione tardiva. Da ciò discende che, in caso di presentazione della dichiarazione integrativa entro 90 giorni, la sanzione ridotta dovuta per il ravvedimento risulterebbe più elevata rispetto a quella applicabile per la dichiarazione tardiva. Di fatto, dunque, risulterebbe maggiormente penalizzato, in sede di ravvedimento, il contribuente che ha presentato la dichiarazione entro il termine previsto (per il mod. UNICO 2013 entro il ), ancorché contenente errori formali o sostanziali, rispetto al contribuente che, entro il medesimo termine, ha omesso di presentare la dichiarazione. Per evitare tale incongruenza, nell appendice al mod. UNICO 2013 è specificato che, in presenza di una dichiarazione infedele, se il ravvedimento avviene entro novanta giorni dal termine per la presentazione della dichiarazione, è dovuta la sanzione ridotta pari a 25 nonché la sanzione del 3,75% della maggiore imposta dovuta / minor credito spettante, anziché la sanzione del 12,5%. Anche in caso di violazione formale, qualora la dichiarazione integrativa venga presentata entro 90 giorni è applicabile la sanzione di 25 (anziché 32). MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DEL RAVVEDIMENTO Relativamente alle modalità operative per l effettuazione del ravvedimento operoso, si precisa che nel frontespizio del mod. UNICO in caso di: presentazione tardiva (ossia entro il ) non va barrata la casella Correttiva nei termini, Dichiarativa integrativa a favore o Dichiarazione integrativa ; integrazione o rettifica di una dichiarazione già presentata, va barrata la casella: Dichiarazione integrativa a favore, se dalla dichiarazione integrativa emerge un maggior credito / minor debito o se la stessa è presentata per correggere errori meramente formali; Dichiarazione integrativa, se dalla dichiarazione integrativa emerge un minor credito / maggior debito o se la stessa è presentata per correggere errori formali. Soltanto in tal caso è necessario specificare quali quadri / allegati sono stati modificati e quali non hanno subìto variazioni, riportando nel riquadro Tipo di dichiarazione e nel riquadro Firma della dichiarazione uno dei seguenti codici:

11 IF n pagina 11 di 13 CODICE SITUAZIONE Quadro o allegato compilato sia nella dichiarazione integrativa che nella dichiarazione originaria, senza modifiche Quadro o allegato compilato nella dichiarazione integrativa ma assente o compilato diversamente nella dichiarazione originaria Quadro o allegato compilato nella dichiarazione originaria ma assente nella dichiarazione integrativa La dichiarazione correttiva / integrativa deve essere completa di tutte le sue parti, comprensiva quindi anche dei dati che non hanno subìto modifiche rispetto al modello originario. Esempio 7 La Beta & Gamma snc ha presentato, entro il , il mod. UNICO 2013 SP comprensivo della dichiarazione IVA. Constatando un errore nella dichiarazione dei redditi, la società presenta una dichiarazione integrativa nella quale deve essere incluso anche il mod. IVA, ancorché lo stesso non sia oggetto di modifiche. COMPILAZIONE MOD. F24 CONTRIBUENTE Come sopra accennato, in caso di regolarizzazione di una dichiarazione tardiva, ai fini del versamento della sanzione ridotta nel mod. F24 va indicato: il codice tributo 8911 ; quale periodo di riferimento, l anno cui si riferisce la violazione, ossia 2012 per il mod. UNICO Relativamente alle altre violazioni, i codici utilizzabili sono i seguenti: CODICE TRIBUTO 8901 Sanzione pecuniaria IRPEF 8902 Sanzione pecuniaria addizionale regionale IRPEF 8903 Sanzione pecuniaria addizionale comunale IRPEF 8904 Sanzione pecuniaria IVA 8906 Sanzione pecuniaria sostituti d imposta 8907 Sanzione pecuniaria IRAP 8908 Sanzione pecuniaria altre imposte dirette 8910 Sanzione pecuniaria IVA forfait connessa ad imposta intrattenimenti Sanzioni pecuniarie altre violazioni tributarie relative ad imposte sui redditi, imposte sostitutive, IRAP, IVA Sanzioni pecuniarie imposte sostitutive delle imposte sui redditi (cedolare secca, contribuenti minimi, nuove iniziative) 8918 IRES sanzione pecuniaria Relativamente alla sanzione per l omesso versamento dell IVIE / IVAFE, in mancanza di un codice specifico, si ritiene utilizzabile l 8901 ovvero l Si rammenta infine che, nell ipotesi di regolarizzazione dell omesso versamento, gli interessi da ravvedimento calcolati a giorni, pari al 2,5% devono essere versati utilizzando lo specifico codice tributo distinto per tipologia di imposta.

12 IF n pagina 12 di 13 CODICE TRIBUTO INTERESSI 1989 IRPEF 1990 IRES 1991 IVA 1992 Imposte sostitutive 1993 IRAP 1994 Addizionale Regionale 1998 Addizionale Comunale Relativamente agli interessi dovuti per l omesso versamento dell IVIE / IVAFE, in mancanza di un codice specifico, si ritiene utilizzabile il Esempio 8 Con riferimento all esempio 1, ai fini della regolarizzazione dell omessa presentazione del mod. UNICO 2013, il mod. F24 intestato al contribuente (privato) va compilato come segue: COMPILAZIONE MOD. F24 INTERMEDIARIO La sanzione ridotta in capo all intermediario va versata con il mod. F24 indicando: il codice tributo 8924 ; quale periodo di riferimento, l anno in cui è stata realizzata la violazione o il ritardo, ossia 2013 per il mod. UNICO Esempio 9 Con riferimento all esempio 1, il mod. F24 intestato all intermediario va compilato come segue: RETTIFICA RICHIESTA DI RIMBORSO IN RICHIESTA DI UTILIZZO IN COMPENSAZIONE Il contribuente che ha espresso nel mod. UNICO / IRAP 2013 la richiesta di rimborso dei crediti IRPEF / IRES / IRAP, può trasformare la stessa in richiesta di utilizzo in compensazione a condizione che: il rimborso non sia stato già erogato, anche in parte; sia presentata una nuova dichiarazione, entro 120 giorni dalla scadenza del termine ordinario di presentazione, utilizzando i modelli previsti per il periodo d imposta cui la stessa si riferisce. Pertanto, qualora nel mod. UNICO 2013 il contribuente abbia richiesto il rimborso di un credito ed ora intenda rettificare tale scelta indicando lo stesso in compensazione può presentare una dichiarazione integrativa entro il

13 IF n pagina 13 di 13 TABELLA RIEPILOGATIVA VIOLAZIONE RAVVEDIMENTO Dichiarazione TARDIVA (presentata entro 90 giorni dalla scadenza) da 258 a (1/10 di 258) per ciascuna dichiarazione compresa nel mod. UNICO Dichiarazione OMESSA (presentata oltre 90 giorni dalla scadenza) Dichiarazione INESATTA o IRREGOLARE violazioni MERAMENTE FORMALI violazioni FORMALI da 258 a in presenza di imposte versate dal 120% al 240%, con un minimo di 258, in presenza di imposte non versate Non ammesso nessuna sanzione --- (*) da 258 a (1/8 di 258) (**) Dichiarazione con errori rilevabili ex artt. 36-bis e 36-ter, DPR n. 600/73 Dichiarazione INFEDELE (con errori non rilevabili ex artt. 36- bis e 36-ter, DPR n. 600/73) 30% della maggiore imposta dovuta o del minor credito utilizzato dal 100% al 200% della maggiore imposta dovuta o del minor credito spettante 3,75% della maggiore imposta / differenza di credito (1/8 del 30%) 12,5% della maggiore imposta / differenza di credito (1/8 del 100%) (***) (*) la regolarizzazione è possibile (facoltà), senza sanzioni, prima dell inizio dell attività di verifica (**) se il ravvedimento è effettuato entro 90 giorni la sanzione è pari a 25 (***) se il ravvedimento è effettuato entro 90 giorni la sanzione è pari a ,75% della maggiore imposta / minor credito spettante

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014.

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 13 15.01.2014 Conversione del credito in Unico entro il 28.01 Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione I contribuenti che hanno presentato

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione;

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 21 febbraio 2014 Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Contrasto indebiti rimborsi modello 730 Deducibilità

Dettagli

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE A cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30

Dettagli

Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE TARDIVA Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela Circolare n. 19 del 31 luglio 2014 Modelli 770/2014 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Pag. 1 di 5 INDICE 1 Premessa... 3 2 Obbligo

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO INDICE 1. PREMESSA 2. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE IN VIA TELEMATICA Trasmissione

Dettagli

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 D. Liburdi, F. Colombo Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 Edizione 2009 INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

DOPO LA DICHIARAZIONE

DOPO LA DICHIARAZIONE DOPO LA DICHIARAZIONE Come rimediare in caso di errori od omissioni Capitolo 14 14.1 COME RIMEDIARE IN CASO DI ERRORI OD OMISSIONI 14.1.1 I termini dei versamenti 14.1.2 Sanzioni e ravvedimento per tardivi

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO " FISCO La presentazione della dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA rappresenta l adempimento

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Gentile Cliente, Il contribuente che avrà commesso errori riguardanti l invio delle dichiarazioni fiscali, dovrà

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014

SCADENZIARIO DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 SCADENZIARIO DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 Modena, 08 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 ottobre 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala

Dettagli

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Principali scadenze 1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 ottobre 2013, con il commento dei termini di prossima

Dettagli

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE Circolare 21 del 29 luglio 2015 Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI In applicazione del Decreto 1/2014 della Repubblica Veneta sull Esenzione Fiscale Totale, Plebiscito.eu ha avviato una campagna di obiezione fiscale

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO

IL NUOVO RAVVEDIMENTO COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE A cura di Roberto Ferrara IL NUOVO RAVVEDIMENTO L istituto del ravvedimento cd. operoso, Disciplinato dall art. 13, D.lgs. 18 dicembre 1977, n. 472, consente all autore

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 69 Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 Sommario: 1. Premessa. Il ravvedimento operoso ex D.Lgs. 472/1997-1.1. L omesso versamento della

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO Premessa generale L Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2013 ha approvato il modello 770/2013 semplificato

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006).

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006). PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 agosto 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala che

Dettagli

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 Principali scadenze 1. PRINCIPALI SCADENZE DAL SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal al 15 ottobre 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne 6 l agenzia in f orma 2005 ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne INDICE 1. LE SANZIONI TRIBUTARIE NON PENALI 2 Come viene irrogata la sanzione 3 Le sanzioni e il contribuente truffato

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE 2014 AL 15 DICEMBRE

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE 2014 AL 15 DICEMBRE Principali scadenze PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE 2014 AL 15 DICEMBRE 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Circolare n. 15/2014: Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso

Circolare n. 15/2014: Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso PERNI & DORENTI PARTNERS AVV. OLIVIERO PERNI DOTT. LUCA DORENTI OF COUNSEL AVV. ROBERTO GRUTTADAURIA DOTT. MARCO GASPARI DOTT.SSA BARBARA BONSIGNORI AVV. VALERIA PAGANI DOTT. PIETRO COLUZZI DOTT. LUCA

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 330. Soggetti esonerati dal versamento

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 330. Soggetti esonerati dal versamento SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 329 26 novembre 2014 121 /GD/FS/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2014 Sintesi Si illustrano le modalità di determinazione e versamento

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 28 Agosto 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 19/2015: Modelli

Dettagli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli Gli adempimenti fiscali delle Camere di Commercio Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli D.p.r. 322/1998 Sono obbligati alla presentazione per via telematica delle previste dal decreto

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

STUDIO SALVETTA DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Agosto 2011

STUDIO SALVETTA DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Agosto 2011 DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI DOTT. COMM. FRANCESCO SALVETTA DOTT. COMM. MARA DAVI COLLABORATORI DOTT. COMM. EMANUELE FRANZOIA DOTT. LUCA VALLE RAG. ERICA CALIARI OP. GEST. BARBARA RAFFONE

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE PROVINCIALE I DI MILANO UFFICIO CONTROLLI. Numero dell atto: T9T000000001

AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE PROVINCIALE I DI MILANO UFFICIO CONTROLLI. Numero dell atto: T9T000000001 VIA... 20121 MILANO (codice dell ufficio: T9T) Numero dell atto: T9T000000001 prot. n. Alla società ALFA S.p.a. Con sede in Casalpusterlengo, Via Lombardia n. 1 rappresentata dal Signor Mario Rossi Nato

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Il Modello 730 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Programma Il modello 730 precompilato: aspetti normativi e operativi Novità in tema di versamenti con Modello

Dettagli

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1 CONTROLLO FORMALE 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi. Eseguita su tutte le dichiarazioni presentate.

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

Dottori Commercialisti Associati. dottore commercialista revisore contabile. RITA MAGGI dottore in economia. ELISA FERRARI Dottore in economia

Dottori Commercialisti Associati. dottore commercialista revisore contabile. RITA MAGGI dottore in economia. ELISA FERRARI Dottore in economia Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dottore commercialista revisore contabile CLAUDIO UBINI dottore commercialista

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista L Agenzia delle Entrate ha emanato in data 7 luglio 2015 la circolare n. 26/E

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

- l art. 4 fissa la decorrenza dell efficacia delle disposizioni correttive e integrative.

- l art. 4 fissa la decorrenza dell efficacia delle disposizioni correttive e integrative. - l art. 1 contiene le modifiche al D.Lgs. n. 471/1997, relativo alle sanzioni amministrative in materia di imposte dirette e sul valore aggiunto, nonché alla riscossione dei tributi, come integrato dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli